Aspetti Fiscali, Amministrativi e di Accertamento nelle Associazioni Sportive Dilettantistiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aspetti Fiscali, Amministrativi e di Accertamento nelle Associazioni Sportive Dilettantistiche"

Transcript

1 Aspetti Fiscali, Amministrativi e di Accertamento nelle Associazioni Sportive Dilettantistiche Le operazioni con l estero Le prestazioni degli atleti stranieri Modello 770 Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. Luca NARDELLI

2 Scaletta Cenni alle novità 2010 sulla territorialità La territorialità e le implicazioni per gli enti sportivi Nuovi modelli Intrastat 12 e 13 Nuova denuncia operazioni Black List Il modello 770: esempio di compilazione del modello 770 La tassazione degli atleti stranieri

3 La Territorialità Riferimenti normativi Direttiva 12 febbraio 2008, n. 2008/8/CE DLGS D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, Agenzia delle Entrate circolare 31 dicembre 2009, n. 58/E, Agenzia delle Entrate circolare 18 marzo 2010, n. 14 Agenzia delle Entrate circolare 21 giugno 2010, n. 36

4 Introduzione La direttiva 2008/117/CE modifica, a partire dal 1 gennaio 2010, il concetto di territorialità delle operazioni relative alle prestazioni di servizi in generale (con i Paesi UE o extraue).

5 Soggettività passiva Il nuovo art. 7 ter, così come recepito dagli artt. 43 e 44 della Direttiva IVA, dispone un ampliamento del concetto di soggetto passivo Iva, valevole per tutti i soggetti, ovunque residenti (pertanto anche per soggetti extraue). Enti non commerciali (associazioni, organizzazioni di volontariato, fondazioni, comitati, ecc.) dal 2010 questi soggetti se possiedono a qualsiasi titolo una Partita Iva sono considerati soggetti passivi Iva anche per gli acquisti di servizi effettuati nell ambito dell attività istituzionale.

6 La stessa circolare ministeriale 58/2009 spiega: Il fatto stesso di possedere tale numero identificativo, anche se non attribuisce la qualifica di soggetto passivo in senso proprio, fa sì che non debba più distinguersi se il committente ha ricevuto una determinata prestazione nell ambito della propria attività istituzionale o economica in quanto la tassazione avviene comunque in Italia.

7 In sostanza: ENTI NON COMMERCIALI SOGGETTO PASSIVO enti non commerciali che esercitano attività commerciali, anche per gli acquisti non inerenti l'attività commerciale SI che non esercitano attività commerciali ma hanno un numero di partita IVA che non esercitano attività commerciali e non hanno un numero di partita IVA SI NO

8 Soggetto passivo Ai sensi dell art. 7, c. 1, lett. d), DPR 633/1972, per soggetto passivo stabilito nel territorio dello Stato si intende un soggetto passivo: domiciliato nel territorio dello Stato, o ivi residente che non abbia stabilito il domicilio all estero, ovvero una stabile organizzazione nel territorio dello Stato di soggetto domiciliato e residente all estero, limitatamente alle operazioni da essa rese o ricevute.

9 OBBLIGO DELLA PARTITA IVA L ente non commerciale deve svolgere prevalentemente una attività istituzionale (altrimenti deve essere riqualificato come ente commerciale - art. 6 Dlgs 460/97). L obbligo di aprire la Partita Iva si verifica quando l ente svolge: anche una attività commerciale solo l attività istituzionale quando, alternativamente: ha effettuato acquisti di beni intraue per > (art. 38 c. 5 lett. c) DL 331/93) ha esercitato l opzione per l applicazione dell IVA sugli acquisti in Italia (art. 38 c. 6 DL 331/93)

10 Inoltre bisogna porre attenzione quando... abbia svolto una attività commerciale nel passato (è il caso delle associazioni sportive per le prestazioni di pubblicità/sponsorizzazione o per i ticket di ingresso a pagamento) e non abbia proceduto alla cessazione del numero di partita Iva nei periodi di imposta successivi abbia aperto per errore una Partita Iva in luogo del Codice Fiscale (sempre necessario, al pari delle persone fisiche): entrambi di 11 caratteri ma il Codice Fiscale ha una numerazione di solito discendente (0943 )...perché si sarà comunque considerati soggetti passivi per i servizi ricevuti

11 Obbligo di Verifica titolarità partita iva Titolarità di P.Iva: per i soggetti UE il controllo deve avvenire attraverso la Banca dati disponibile anche tramite l Agenzia delle Entrate (http://www1.agenziaentrate.gov.it/servizi/vies/vies.htm) ; Per i soggetti extraue occorre acquisire apposita dichiarazione del committente.

12 Cosa è cambiato Il vecchio articolo 7 è stato «esploso» in 7 nuovi articoli. REGOLA GENERALE Viene modificato ai fini Iva per le prestazioni di servizi il concetto di territorialità(art. 7-ter): si passa dalla rilevanza della residenza del prestatore a quella del committente se soggetto passivo Iva (cd. Business to Business B2B) permane la rilevanza della residenza del prestatore se il committente non è soggetto passivo Iva (cd. Business to Consumers B2C)

13 La territorialità Dpr 633/72 Descrizione servizio Prestatore Committente CRITERIO IMPOSITIVO 2010 Non Res. sogg. IVA Residenza committente NO Residente Non Res. privato Residenza prestatore SI SERVIZI IN GENERE 7-ter Non residente Residente sogg. IVA Residenza committente SI 7-quater Servizi relativi a beni immobili, tra cui: perizie mediazioni di agenzia progettazione e direzione lavori, costruz., riparazione, manutenzione e simili Residente Non residente Territ orial. Residente privato Residenza prestatore NO Resid. o meno (sogg. Iva o meno) Residente sogg. IVA Residente privato Immobile in Italia Residente o meno Residente o meno Immobile in altro Paese UE/extraUE NO 7-ter Servizi relativi a beni mobili, tra cui: perizie Residente Non Resid. sogg. IVA Residenza committente NO 7-sexies manutenzione, lavorazione, costruzione e simili Non Res. privato Eseguii in Italia SI Eseguiti fuori Italia (UÈ o extraue) NO 7-ter (INCLUSE LE ed. "LAVORAZIONI INTRAUE ) Non residente Residente sogg. IVA Residenza committente SI 7-sexies operaz. di carico/scarico, manutenz., ecc., Residente privato Eseguiti in Italia SI accessorie ai trasporti di beni Eseguiti fuori Italia (UÈ o extraue) NO 7- quinquies 7-ter Servizi culturali, scientifici, artistici, didattici, sportivi, ricreativi e simili (incluse relative prestazioni accessorie) Residente Non Resid. sogg. IVA (*) SI Non Res. Privato Eseguiti in Italia Non residente Residente sogg. IVA (*) Residente privato Residente o meno Residente o meno Eseguiti fuori dall'italia (UÈ o extraue) NO Residente Non Resid. sogg. IVA Residenza committente NO 7-sexìes Non Res. privato Trasp. non intraue Tratta italiana SI Tratta non italiana Trasporto IntraUE Inizio in Italia SI Inizio non in Italia NO 7-ter Trasporto di beni Non residente Residente sogg. IVA Residenza committente SI 7-sexies Residente privato Trasp. non intraue Tratta italiana SI 7-quater Trasporto di persone (incluso noleggio con conducente) Residente Non residente Non Residente (sogg. Iva o meno) Non Residente (sogg. Iva o meno) Tratta non italiana Trasporto IntraUE Inizio in Italia SI Inizio non in Italia NO Tratta italiana Tratta non italiana Tratta italiana Tratta non italiana SI NO NO SI NO SI NO

14 La territorialità Dpr Territ Descrizione servizio Prestatore Committente CRITERIO IMPOSITIVO /72 orial. Locazione, leasing, noleggio di beni mobili Non Resid. sogg. IVA 7-ter Residenza committente NO diversi dai mezzi di trasporto Sogg. ExtraUE privato Residente Diritti su opere dell'ingegno e simili 7-septies Sogg. UE privato Residenza prestatore SI Prestazioni pubblicitarie 7-ter Consulenza tecnica/legale (incl. interpreti) Residente sogg. Iva Residenza committente SI Elaborazione o fornitura dati e simili Formazione e addestram. personale Sogg. UE o extraue 7-septies Operaz. bancarie, finanziarie e assicurative Servizi di telecomunicazione Residente privato Residenza prestatore NO Intermediaz. delle suddette operazioni 7-ter Non Resid. sogg. IVA Residenza committente NO Dir. Residente Sogg. UE privato SI 2008/38 7- septies Sogg. extraue privato NO 7-ter SERVIZI ONLINE (CD. E-COMMERCE) Residente sogg. IVA SI Dir. Sogg. UE Residente privato NO 2008/38 7-ter Residente sogg. IVA NO Sogg. Extra UE 7-sexies Residente privato SI 7-ter 7-sexies 7-ter 7-sexies 7-quater Intermediazioni su beni mobili Servizi di ristorazione e catering Residente Non residente Residente Non residente Non Resid. sogg. IVA Residenza committente NO Vend./acq. effettuata in Italia SI Vend./acq. non effet. in Italia NO Residente sogg. IVA Residenza committente SI Vend./acq. effettuata in Italia SI Vend./acq. non effet. in Italia NO Resid. o meno (sogg. Iva o meno) Residente sogg. IVA Residente privato Eseguiti in Italia (non su treni, navi o aerei) SI

15 La territorialità Dpr 633/72 Descrizione servizio Prestatore Committente CRITERIO IMPOSITIVO ter Non Res. sogg. IVA Residenza committente NO 7-sexies Residente Utilizzo nella UÈ SI Non Res. Privato Utilizzo extraue NO 7-ter Leasing e locazione/noleggio di MEZZI DI Non residente Residente sogg. IVA Residenza committente SI TRTRASPORTO a lungo termine (> Sogg. UE Utilizzo nella UE NO 30gg) 7-sexies Utilizzo extraue NO Residente privato Sogg. extraue Utilizz. in Italia SI 7-quater Locazione/noleggio di MEZZI DI TRASPORTO a breve termine (< 30es) Residente Non residente Soggetto IVA (residente o meno) Soggetto iva Privato (residente o meno) Residente sogg. IVA Residente privato Utilizz. fuori dall'italia Consegnati in Italia e utilizzati nella UÈ; Consegn. in Paesi ExtraUE e utilizz. In Italia Consegn. non in Italia o utilizz. extraue; Cons. in Paesi ExtraUE e non ut. in Italia Consegnati in Italia e utilizzati nella UÈ; Consegn. in Paesi ExtraUE e utilizz. In Italia Consegn. non in Italia o utilizz. extraue; Cons. in Paesi ExtraUE e non ut. in Italia Consegnati in Italia e utilizzati nella UÈ; Consegn. in Paesi ExtraUE e utilizz. in Italia Consegn. non in Italia o utilizz. extraue; Cons. in Paesi ExtraUE e non ut. in Italia Consegnati in Italia e utilizzati nella UÈ; Consegn. in Paesi ExtraUE e utilizz. in Italia Consegn. non in Italia o utilizz. extraue; Cons. in Paesi ExtraUE e non ut. in Italia Territ orial. NO SI NO SI NO SI NO SI NO

16 ATTIVITA' PART. IVA SOGGETTIVITA' IVA Servizi RICEVUTI Servizi RESI Istituzionale + commerciale SI Per qualsiasi operazione (attiva o passiva; cessioni di beni o prestazioni di servizi) sono soggetti passivi (anche con riferimento all'attività istituzionale). L'Iva va assolta per gli acquisti: a) nell'ambito dell'attività commerciale: con le modalità ordinarie b) nell'ambito dell'attività istituzionale: mensilmente ex art. 30 bis Non sono soggetti passivi IVA. Istituzionale + acquisti di beni UE >. 10,000 (o inferiori, ma con opzione per l'imponibilità Iva in Italia) SI Soggetti passivi L'Iva va assolta mensilmente ex art. 30 bis Istituzionale + acquisti di beni UE <. 10,000 NO - Non sono soggetti passivi IVA.

17 Detrazione Iva acquisti dell attività istituzionale Detrazione Iva acquisti dell attività istituzionale: l ente non commerciale ancorché in possesso della partita IVA (e pertanto soggetto passivo per i servizi ricevuti) non può detrarre l IVA per gli acquisti destinati alla attività istituzionale. CM 58/2009: E bene precisare che nei casi predetti tali soggetti, benché assimilati agli operatori economici ai fini della territorialità del tributo, non potranno esercitare il diritto a detrazione in quanto trattasi comunque di acquisti effettuati al di fuori dell esercizio di attività commerciale.

18 Detrazione Iva acquisti dell attività commerciale Detrazione Iva acquisti dell attività commerciale: l ente non commerciale Versa l iva da reverse charge derivante da acquisti nell attività commerciale in base alle normali regole; Attenzione ad eventuali pro rata o rettifiche dei beni immobili derivanti da pro rata. ATTENZIONE: i regimi forfetari (esempio legge n. 398/1991) comportano l'irrecuperabilità dell'iva in reverse charge nel riflesso che per effetto dell'opzione a suo tempo eseguita non è possibile ottenere alcun recupero del l'iva italiana.

19 Adempimenti ENTE NON COMMERCIALE SENZA PARTITA IVA Riceve una prestazione di servizi L ente non commerciale che non svolge alcuna attività commerciale che non ha esercitato l opzione per imponibilità iva in Italia che non è in possesso del numero Iva. PRESTAZIONI DI SERVIZI GENERICI RICEVUTE non assoggetta ad Iva i servizi ricevuti da non residenti (né è richiesta la presentazione del mod. Intra-13) è assimilato ad un soggetto privato e pertanto il prestatore applica la propria Iva (concetto B2C ) CM 12/2010: sarà soggetto ad IVA nel Paese del prestatore in quanto il committente non rientra nella definizione «allargata» di soggetto passivo di cui all articolo 43 della Direttiva 2006/112/CE. Ciò resta valido a prescindere dall ammontare dei servizi acquistati

20 Adempimenti ENTE NON COMMERCIALE SENZA PARTITA IVA Acquista beni L ente non commerciale che non svolge alcuna attività commerciale che non ha esercitato l opzione per imponibilità iva in Italia che non è in possesso del numero di Iva. Acquisto IntraUE di beni: dovrà assoggettarli ad Iva nel momento in cui, contestualmente nell anno, acquisti di beni IntraUE per un importo > a (caso raro); è tenuto a presentare previamente l Intra-13.

21 IPOTESI: Ente no profit senza partita iva Acquisto su internet un software dalla Francia per il pc dell associazione. Adempimenti: - Riceve la fattura con TVA - Registra l uscita di cassa per il pagamento Acquista un tappeto elastico da soggetto non residente. Adempimenti: - Prima di effettuare l acquisto invia modello Intra 13 - Riceve fattura e la registra Cede un servizio a soggetto non residente: - Opera sempre e comunque come un privato

22 Adempimenti ENTE NON COMMERCIALE CON PARTITA IVA L ente non commerciale che svolge anche un attività commerciale sono tenuti ad assolvere l Iva sui servizi ricevuti da non residenti anche se riferiti all attività istituzionale (art. 30-bis Dpr 633/72).

23 Adempimenti ENTE NON COMMERCIALE CON PARTITA IVA Vanno distinte le PRESTAZIONI DI SERVIZI RICEVUTE riferite all attività istituzionale riferite all attività commerciale

24 Adempimenti ENTE NON COMMERCIALE CON PARTITA IVA ATTIVITA ISTITUZIONALE ADEMPIMENTI: Reverse charge (con integrazione della fattura estera o emissione di autofattura) con annotazione del documento in apposito registro entro il mese successivo al ricevimento Versamento dell intera Iva così applicata entro il mese successivo (F24, con il codice Iva dei mensili) Intrastat: a) per i servizi ricevuti da soggetti passivi UE presentazione telematica dell Intra12 entro ciascun mese + Intra 2 quater b) per gli eventuali acquisti di beni da soggetti passivi UE: presentazione telematica dell Intra-12 entro ciascun mese+ Intra 2 bis (non presentano l Intra-13)

25 Adempimenti ENTE NON COMMERCIALE CON PARTITA IVA ATTIVITA COMMERCIALE L ente applica le stesse regole previste per le imprese (reverse charge, Intra2-quater, ecc.). REGIME L. 398/91: all Iva determinata a seguito di reverse charge sui servizi ricevuti dai non residenti non è ammesso detrarre l Iva forfetizzata (in generale il 50% dell Iva a debito sui proventi commerciali); pertanto l Iva integrata sulla fattura estera andrà integralmente versata entro il mese successivo (no trim.).

26 IPOTESI: Ente no profit con partita iva Acquisto servizi Acquisto su internet un software dalla Francia per il pc dell associazione con partita iva. Adempimenti: - Riceve la fattura senza TVA - Registra l uscita di cassa per il pagamento ISTITUZIONALE Integra la fattura e la registra in apposito registro Il 16 del mese successivo paga l iva Presenta l intra 2-quater Presenta l intra 12 COMMERCIALE Integra la fattura e la registra nel registro iva acquisto e vendite Effettua normale liquidazione iva Presenta l intra 2- quater 398/91 Versa entro il mese successivo l intera iva da reverse

27 Adempimenti ENTE NON COMMERCIALE CON PARTITA IVA ATTIVITA ISTITUZIONALE/COMMERCIALE PRESTAZIONI DI SERVIZI RESI: anche in questo caso nulla si è modificato rispetto al 2009: servizi nell attività istituzionale: nessun particolare adempimento è richiesto (non applicano l Iva per nessun volume delle prestazioni in quanto agiscono come privati) servizi nell attività commerciale: applicano le regole delle imprese (regole cd. B2B o B2C ) N.B.: Dubbi sulla presentazione Intra12 (le istruzioni al modello non sono del tutto chiare).

28 Operazione Prestazioni di servizi (regola generale) Consulenza tecnica o legale, nonché elabora zione dati Luogo di esecuzione Sia in Italia che al l'estero Sia in Italia che al l'estero Prestazioni di servizi culturali, artistici, sporti vi, scientifici, All'estero educativi, ricreativi e simili Prestazioni di servizi rese tramite mezzi elettronici (es Formazione a distanza) Prestazioni di servizi relativi a beni immobili, comprese le perizie, nonché l'esecuzione di avori immobiliari All estero All'estero Committente Ente non commerciale con par tita IVA (attività commerciale) Ente non commerciale con par tita IVA (attività istituzionale ac quisti UÈ sopra i ) Privato, ovvero Ente non com merciale senza partita IVA (ac quisti UÈ sotto i ) Ente non commerciale con par tita IVA (attività commerciale) Ente non commerciale con par tita IVA (attività istituzionale ac quisti UÈ sopra i ) Privato, ovvero Ente non com merciale senza partita IVA (ac quisti UÈ sotto i ) Ente non commerciale con par tita IVA (attività commerciale) Ente non commerciale con par tita IVA (attività istituzionale ac quisti UÈ sopra i ) Privato, ovvero Ente non com merciale senza partita IVA (ac quisti UÈ sotto i ) Ente non commerciale con par tita IVA (attività commerciale) Ente non commerciale con par tita IVA (attività istituzionale ac quisti UÈ sopra i ) Privato, ovvero Ente non commerciale senza partita Iva (attività istituzionale acquisti sotto i euro) IVA Italiana SI SI NO SI SI NO NO (SI dal 1/1/2011) NO (SI dal 1/1/2011) NO SI SI SI, se il prestatore è extra UE SI, se il prestatore Autofattura SI SI NO SI SI NO NO (SI dal 1/1/2011) NO (SI dal 1/1/2011) NO è UE Ente non commerciale con partita IVA (attività commerciale) SI SI Ente non commerciale con par-ita IVA (attività istituzionale ac quisti UÈ sopra i ) Privato, ovvero Ente non com merciale senza partita IVA acquisti UÈ sotto i ) SI NO SI SI SI SI SI NO

29 Attenzione: dal primo gennaio 2011 A decorrere dall , l art. 3 della Direttiva 2008/8/CE sostituisce gli artt. 53 e 54 della Direttiva 2006/112/CE. Di conseguenza, i servizi disciplinati da tali disposizioni: fino al , sono territorialmente rilevanti nel luogo di materiale svolgimento della manifestazione (art. 7-quinquies co. 1 del DPR 633/72); dall , occorre distinguere tra: - prestazioni di servizi per l accesso a manifestazioni culturali, artistiche, sportive, scientifiche, educative, ricreative, a fiere ed esposizioni e relativi servizi accessori prestati a un soggetto passivo: imposizione nel luogo del committente (regola generale); - prestazioni di servizi relativi ad attività culturali, artistiche, sportive, scientifiche, educative, ricreative, a fiere ed esposizioni, ivi compresi i servizi prestati dall organizzatore di tali attività, nonché servizi accessori prestati a un privato : imposizione nel luogo in cui tali attività si svolgono effettivamente.

30 Esempio Un committente italiano, ente non commerciale con partita iva, richiede a un francese l organizzazione di una manifestazione che si svolge in Francia. Le prestazioni saranno soggette a iva nel paese del committente. Pertanto, bisognerà autofatturare la prestazione e provvedere ai relativi obblighi intra.

31 Modelli Intra Dott. Luca NARDELLI

32 Modelli Intra 12-13: riferimenti normativi Provv. Agenzia delle Entrate DM DLgs n. 18 L n. 88 (legge Comunitaria 2008) Direttiva n. 2006/112/CE DL n. 331 DM DPR n. 633 Chiarimenti ministeriali Circ. Agenzia delle Entrate n. 12 Circ. Agenzia delle Entrate n. 58 Circ. Agenzia delle Entrate n. 40

33 MODELLI INTRA 12 e INTRA 13 Enti non commerciali obbligati Decorrenz a Modello Intra 13 Modello Intra 12 Enti non commerciali non soggetti passivi per gli acquisti di beni intracomunitari a euro qualora non sia stata esercitata l opzione per l applicazione ordinaria dell imposta Enti non commerciali non soggetti passivi per gli acquisti di beni e servizi intracomunitari > e ; enti non commerciali non soggetti passivi per gli acquisti intracomunitari di beni e servizi e che hanno esercitato l opzione; enti non commerciali soggetti passivi per gli acquisti intracomunitari relativi all attività istituzionale; enti non commerciali soggetti passivi o identificati ai fini Iva che ai sensi dell art. 7-ter, D.P.R. 633/1972 devono assolvere l Iva in Italia con il meccanismo del reverse charge Nuovi modelli utilizzabili dall e da inviare solo in via telematica

34 Modello 13 I contribuenti non soggetti Iva, che intendono effettuare acquisti intracomunitari di beni soggetti ad imposta fino al raggiungimento del limite di euro e che non hanno optato per l applicazione dell imposta in Italia su questi acquisti, devono dichiarare, all ufficio competente in relazione al domicilio fiscale: l ammontare dell acquisto in corso; l ammontare complessivo degli acquisti effettuati nell anno. Per la comunicazione deve essere utilizzato il modello Intra 13 che va presentato in via telematica, direttamente dal contribuente o tramite intermediari abilitati ad Entratel, prima dell acquisto intracomunitario.

35 MODELLO 13 A fini della verifica del mancato superamento della soglia dei , preventivamente all effettuazione dell operazione di acquisto di beni, bisogna indicare l importo dell acquisto e il progressivo dell anno.

36 Modello 12 Gli enti non commerciali e agricoltori esonerati che sono tenuti ad assumere il ruolo di debitori dell imposta mediante applicazione del meccanismo del reverse charge per gli acquisti di beni e servizi da soggetti non residenti (articolo 17, secondo comma, del Dpr 633/1972) oltre il limite di euro oppure che hanno optato per l applicazione dell imposta in Italia su questi acquisti devono dichiarare all ufficio dell Agenzia delle Entrate, competente in relazione al domicilio fiscale, l ammontare degli acquisti intracomunitari di beni registrati nel mese precedente, l ammontare dell imposta dovuta e gli estremi del relativo versamento. Gli adempimenti devono essere osservati dagli enti non commerciali soggetti Iva soltanto per le operazioni di acquisto realizzate nell esercizio di attività non commerciali.

37 MODELLO 12 I dati da inserire: periodo di riferimento(precedente l operazione) ammontare degli acquisti intracomunitari di beni registrati nel mese precedente ammontare dell imposta dovuta estremi del relativo versamento

38 Intra servizi Ai sensi dell art. 50, comma 6, del D.L. n. 331/1993, gli enti pubblici e gli enti non commerciali sono tenuti alla presentazione dei Modelli Intrastat (ovvero Intra-1 per le vendite e Intra- 2 per gli acquisti) sia per gli scambi intracomunitari di beni e di servizi effettuati nell ambito dell attività commerciale e sia per quelli effettuati in ambito istituzionale.

39 Comunicazione Rapporti con Soggetti Black List Dott. Luca NARDELLI

40 Comunicazione Rapporti con Soggetti Black List L art. 1, co. 1, D.L , n. 40, conv. con modif. dalla L , n. 73 (cd. decreto «incentivi») D.M D.M D.M Provvedimento 28 maggio 2010 approvazione modelli CM del 21 ottobre 2010 RM /11/2010

41 Comunicazione Rapporti con Soggetti Black List Nell ambito della lotta all evasione e della tracciabilità dei movimenti verso e da alcuni paesi inseriti nelle Black list si è adottato il sistema di monitoraggio tramite invio della comunicazione in oggetto. La circolare 53, ribadisce che i soggetti tenuti all adempimento sono i soggetti Iva: che svolgono una attività di impresa (art.4 del DPR n.633/72); che svolgono arti o professioni (art.5 del DPR n.633/72); gli enti non commerciali relativamente alle attività commerciali e non anche a quelle istituzionali. Risultano, quindi, esonerati dall obbligo lo Stato, le Regioni, le Province, i Comuni e gli altri organismi di diritto pubblico, in relazione alle operazioni effettuate e ricevute nell ambito di attività istituzionali.

42 Operazioni interessate Sono oggetto di obbligo di comunicazione tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate e ricevute, registrate o soggette a registrazione ai sensi della disciplina iva. Con DM 5 agosto si è poi disposto di includere anche i servizi esclusi per mancanza di territorialità.

43 Operatori interessati Le operazioni interessate sono quelle che trovano come controparte un operatore in uno stato presente in una delle liste DM 4 maggio 1999 o DM 21 novembre 2001 non considerando le limitazioni contenute nelle liste stesse. Per effetto del DM 27 luglio 2010 Cipro, Malta e Corea del Sud non vanno incluse.

44 Operatori Black List Black list valevole ai fini della comunicazione ex art. 1 del D.L. n. 40/2010 Alderney (Isole del Canale) Guernsey (Isole del Canale) Niue Andorra Herm (Isole del Canale) Nuova Caledonia Angola Hong Kong Oman Anguilla Isola di Man Panama Antigua Isole Cayman Polinesia francese Antille Olandesi Isole Cook Portorico Aruba Isole Marshall Saint Kitts e Nevis Bahamas Isole Turks e Caicos Saint Lucia Bahrein Isole Vergini britanniche Saint Vincent e Grenadine Barbados Isole Vergini statunitensi Salomone Barbuda Jersey (Isole del Canale) Samoa Belize Kenia San Marino Bermuda Kiribati Sant Elena Brunei Libano Sark (Isole del Canale) Costarica Liberia Seychelles Dominica Liechtenstein Singapore Emirati Arabi Uniti Lussemburgo Svizzera Ecuador Macao Taiwan Filippine Malaysia Tonga Gibilterra Maldive Tuvalu Giamaica Mauritius Uruguay Gibuti Monaco Vanuatu Grenada Montserrat Guatemala Nauru

45 Rappresentanti fiscali/stabili organizzazioni La Circ. n. 53/E del 21 ottobre 2010 (punto 2.1): Sono da ricomprendere le operazioni effettuate da un soggetto Iva italiano nei confronti di un rappresentante fiscale/stabile organizzazione di un operatore economico avente sede, residenza o domicilio in un paradiso fiscale, anche se il rappresentante è nominato in uno Stato non paradiso fiscale

46 MODELLO di COMUNICAZIONE TERMINI di PRESENTAZIONE Data di effettuazione delle operazioni Termine di presentazione per i mensili Termine di presentazione per i trimestrali luglio 2010 agosto 2010 settembre 2010 ottobre novembre dicembre Le soglie per essere mensili o trimestrali sono le medesime degli intrastat: euro.

47 MODELLO: IL FRONTESPIZIO Possibilità di invio della dichiarazion e correttiva integrativa Il frontespizio contiene i dati anagrafici del dichiarante

48 MODELLO: IL QUADRO A Righi di compilazione usati di frequente: importazioni e servizi in reverse charge Dati del soggetto estero: attenzione al codice fiscale (vedi Svizzera)

49 Il mod.770/2010 negli ENTI SPORTIVI Dott. Luca NARDELLI

50 Riferimenti normativi Provvedimento 15/01/2010; decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600; Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602 Decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917 Decreto del Presidente della Repubblica 22 luglio 1998, n. 322 Legge n. 133/1999 Legge 342/2000

51 Con riferimento alle società e associazioni sportive dilettantistiche la presentazione del modello 770 Ordinario si ha in casi rari, considerando anche il divieto per le società sportive dilettantistiche di distribuire dividendi, in quanto non devono avere fine di lucro. Le società e associazioni sportive dilettantistiche devono compilare il modello 770 Semplificato se hanno corrisposto compensi ed altri emolumenti, ad esempio, a lavoratori dipendenti, collaboratori coordinati e continuativi, lavoratori a progetto, professionisti, lavoratori autonomi occasionali, e soprattutto agli sportivi dilettanti.

52 Ci sono tre situazioni che sono abbastanza normali nella vita di un ente sportivo e che devono essere considerate ai fini dichiarativi del modello 770 Compensi a sportivi dilettanti entro i euro Compensi a professionisti (Commercialisti, Avvocati, ecc..) Compensi a sportivi dilettanti oltre i euro

53 QUINDI.. QUADRI COMUNEMENTE DA COMPILARE In ognuno di questi casi va compilato il modello 770 Semplificato nei quadri che comunemente sono: - Frontespizio - Quadro lavoro autonomo - Quadro riepilogativo SS - Quadro ST - Quadro SX

54 Dopo la compilazione del frontespizio comune a tutti i contribuenti obbligati il QUADRO DI COMUNICAZIONE DELLE CERTIFICAZIONI DI LAVORO AUTONOMO

55 DATI COMUNI A TUTTI I QUADRI DI LAVORO AUTONOMO Il Sig. Rossi Antonio nato a TORINO il 07/12/2003 e residente a TORINO (TO) CAP in Via ROMA n 1 codice fiscale RSSNTN03T07L219X ha svolto attività sportiva presso l ente: RSSNTN03T07L219X ROSSI Antonio M TORINO TORINO TO 13 TO Via ROMA 1 il campo 10 codice regione andrà compilato solo se il percipiente ha percepito compensi per prestazioni sportive dilettantistiche.

56 SEZIONE 2: PERCIPIENTI ESTERI Questo quadro va compilato nel caso in cui si abbia a che fare con un atleta straniero Codice di identificazione fiscale rilasciato dal paese di residenza Indicare i dati di residenza estera Codice dello Stato estero di residenza

57 Compensi lett. m) del comma 1 dell'art. 67 entro i euro N indennità di trasferta, rimborso forfetario di spese, premi e compensi erogati: nell esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche; in relazione a rapporti di collaborazione coordinata e continuativa di carattere amministrativo-gestionale di natura non professionale resi a favore di società e associazioni sportive dilettantistiche e di cori, bande e filodrammatiche da parte del direttore e dei collaboratori tecnici; Il nostro atleta nel 2009 ha percepito un compenso di.4.500,00 che si deve indicare al campo 21 e poi anche nel successivo campo 23 per indicare che non ha subito ritenute N

58 fino a Importo di , = Eccedenza di ,38 Compensi corrisposti a sportivi dilettanti oltre i euro N TOTALE Compenso erogato 7.500, , , ,00 Irpef 23% ,40 423, ,00 Add.reg. 0,90% - 185,92 16,58 202,50

59 Compensi corrisposti a professionisti Indicare l importo delle ritenute d acconto operate nell anno. Nel nostro caso non avevamo ritenuta per il regime speciale delle nuove iniziative. A Nel punto 21 va indicato l ammontare lordo del compenso corrisposto al netto dell IVA eventualmente Indicare dovuta. l imponibile su cui Si precisa che il contributo integrativo destinato applicare le ritenute alle d acconto Casseche professionali non fa parte del compenso normalmente e, quindi, è non deve essere indicato punto 21- punto 23.

60 PROSPETTO SS - DATI RIASSUNTIVI

61 PROSPETTO SS - DATI RIASSUNTIVI Il quadro SS è un quadro che riepiloga i dati dei precedenti quadri. Nel nostro caso la sezione da compilare sarà la SS3, che riporta i dati del quadro COMUNICAZIONI DATI CERTIFICAZIONI LAVORO AUTONOMO, PROVVIGIONI E REDDITI DIVERSI : 1.nel punto 1 il totale delle ritenute d acconto operate nell anno indicato alpunto 25; 2.nel punto 2 il totale delle ritenute a titolo d imposta operate nell anno indicato alpunto 26; 4.nel punto 4 il totale dell addizionale regionale all IRPEF trattenuto a titolo d acconto, indicato al punto 28; 5.nel punto 5 il totale dell addizionale regionale all IRPEF trattenuto a titolo d imposta, indicato al punto 29;

62 PROSPETTO SS - DATI RIASSUNTIVI NO compensi atleti dilettanti inferiori ai euro Il prospetto deve essere compilato per riepilogare i dati delle ritenute d acconto effettuate. Se non sono state effettuate ritenute questo quadro non presenterà valori: - Caso dei compensi inferiori ai euro; - Caso dei lavoratori autonomi che aderiscono alle nuove iniziative produttive.

63 PROSPETTO ST Sez 1 Ritenute operate, trattenute per assistenza fiscale e imposte sostitutive Il prospetto ST sezione I fa una quadratura tra i dati relativi alle ritenute alla fonte operate e le ritenute d acconto o di imposta versate. Va inserito il periodo di riferimento: cioè il mese a anno di decorrenza della ritenuta Vanno inserite le ritenute operate Vanno ricopiati i dati degli f24 senza tenere conto dei valori da compensazione e indicando eventuali ravvedimenti - Versato - Data versamento - Codice tributo Dati ravvedimento

64 PROSPETTO ST Sez 2 Addizionale Regionale Nella sezione II si devono indicare i dati relativi alle trattenute di addizionali REGIONALI all IRPEF e i dati dell F24 versato. Vanno inseriti i dati del periodo di riferimento, le trattenute effettuate - Versato - Data versamento - Codice tributo Dati ravvedimento

65 Spedizione del modello 770 La spedizione va effettuata da intermediario o tramite il servizio telematico fisconline se non si devono spedire dichiarazioni per più di 20 soggetti.

66 TASSAZIONE DEGLI ATLETI STRANIERI Dott. Luca NARDELLI

67 Riferimenti normativi - DPR n Risoluzione Agenzia Entrate n Risoluzione Agenzia Entrate n Circolare Agenzia Entrate n Risoluzione Agenzia delle Entrate 1 ottobre 2001, n Sentenza n. 234 Corte Giustizia Comunità Europea

68 SISTEMA IMPOSITIVO FISCALE ITALIANO L Italia, ai sensi dell art. 3 del D.P.R. n. 917/1986, adotta il principio della worldwide taxation per quanto attiene ai soggetti residenti e quello della limited taxation per i soggetti non residenti. In sostanza i soggetti residenti in Italia - cittadini o stranieri - sono tassati sul reddito complessivo ovunque prodotto, mentre i non residenti sono assoggettati ad imposizione in Italia limitatamente al reddito quivi prodotto.

STUDIO PACCIANI - CANEPA Via Brigata Liguria 1/18 16121 Genova Tel. (010) 542631 - Fax (010) 542666 E-mail address: studiopc@studiopacciani.

STUDIO PACCIANI - CANEPA Via Brigata Liguria 1/18 16121 Genova Tel. (010) 542631 - Fax (010) 542666 E-mail address: studiopc@studiopacciani. STUDIO PACCIANI - CANEPA Via Brigata Liguria 1/18 16121 Genova Tel. (010) 542631 - Fax (010) 542666 E-mail address: studiopc@studiopacciani.com Circolare del 15 Gennaio 2015 NOVITA SULLE COMUNICAZIONI

Dettagli

Comunicazione delle operazioni con i paradisi fiscali Nuovi termini e periodicità di presentazione.

Comunicazione delle operazioni con i paradisi fiscali Nuovi termini e periodicità di presentazione. Circolare 24 del 3 dicembre 2014 Comunicazione delle operazioni con i paradisi fiscali Nuovi termini e periodicità di presentazione. INDICE 1 Premessa...2 2 Soggetti obbligati alla comunicazione...2 3

Dettagli

Circolare n. 32. DLgs. 21.11.2014 n. 175 di semplificazioni fiscali - Novità in materia di comunicazione delle operazioni con i paradisi fiscali

Circolare n. 32. DLgs. 21.11.2014 n. 175 di semplificazioni fiscali - Novità in materia di comunicazione delle operazioni con i paradisi fiscali Circolare n. 32 del 1 dicembre 2014 DLgs. 21.11.2014 n. 175 di semplificazioni fiscali - Novità in materia di comunicazione delle operazioni con i paradisi fiscali INDICE 1 Premessa 2 2 Soggetti obbligati

Dettagli

Oggetto: COMUNICAZIONE OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST - CHIARI- MENTI

Oggetto: COMUNICAZIONE OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST - CHIARI- MENTI A tutti i Clienti Loro sedi Ravenna, 26/10/2010 Circolare Informativa n. 21/2010 Oggetto: COMUNICAZIONE OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST - CHIARI- MENTI Con la circolare n. 53/E/10 l Agenzia delle Entrate

Dettagli

fiavet CHIARIMENTI SU OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST

fiavet CHIARIMENTI SU OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST CHIARIMENTI SU OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST Con la circolare n. 53/E/10 l Agenzia delle Entrate ha fornito i propri chiarimenti in merito al nuovo obbligo di comunicazione delle operazioni effettuate

Dettagli

Informative e news per la clientela di studio Castaldo

Informative e news per la clientela di studio Castaldo Informative e news per la clientela di studio Castaldo Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: COMUNICAZIONE OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST - CHIARIMENTI Con la circolare n. 53/E/10 l Agenzia delle Entrate

Dettagli

NOVELLATE NORME IN MATERIA DI MONITORAGGIO OPERAZIONI CON CONTROPARTI ESTERE E ADEMPIMENTI AI FINI IVA ANCHE PER LE PRESTAZIONI DI SERVIZI

NOVELLATE NORME IN MATERIA DI MONITORAGGIO OPERAZIONI CON CONTROPARTI ESTERE E ADEMPIMENTI AI FINI IVA ANCHE PER LE PRESTAZIONI DI SERVIZI NOVELLATE NORME IN MATERIA DI MONITORAGGIO OPERAZIONI CON CONTROPARTI ESTERE E ADEMPIMENTI AI FINI IVA ANCHE PER LE PRESTAZIONI DI SERVIZI Il coacervo di norme introdotte per l anno 2010 e più recentemente

Dettagli

Menga Consulenza. Aziendale. dott. Antonio Menga dott. Michele Vigilante dott. Gianvito Pace

Menga Consulenza. Aziendale. dott. Antonio Menga dott. Michele Vigilante dott. Gianvito Pace Studio Menga Consulenza Aziendale dott. Antonio Menga dott. Michele Vigilante dott. Gianvito Pace Obbligo di comunicazione delle operazioni effettuate con soggetti stabiliti in Paesi a fiscalità privilegiata

Dettagli

La territorialità IVA delle prestazioni di servizi. www.studiotomalucio.com - Lucio Toma - Dottore Commercialista e Revisore Legale dei Conti

La territorialità IVA delle prestazioni di servizi. www.studiotomalucio.com - Lucio Toma - Dottore Commercialista e Revisore Legale dei Conti La territorialità IVA delle prestazioni di servizi 1 DIRETTIVE E REGOLAMENTI EUROPEI DI MODIFICA DELL IVA Direttiva 2008/8/CE: nuovi criteri della TERRITORIALITA NEI SERVIZI Direttiva 2008/9/CE: nuove

Dettagli

Operazioni con controparti localizzate in paradisi fiscali - Obbligo di comunicazione all Agenzia delle Entrate dall 1.7.2010

Operazioni con controparti localizzate in paradisi fiscali - Obbligo di comunicazione all Agenzia delle Entrate dall 1.7.2010 Operazioni con controparti localizzate in paradisi fiscali - Obbligo di comunicazione all Agenzia delle Entrate dall 1.7.2010 1 PREMESSA L art. 1 co. 1-3 del DL 25.3.2010 n. 40 (c.d. DL incentivi ), convertito

Dettagli

COMUNICAZIONE BLACK LIST : I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMUNICAZIONE BLACK LIST : I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Circolare N. 75 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 26 ottobre 2010 COMUNICAZIONE BLACK LIST : I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Sul filo di lana della prima scadenza per la presentazione

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 17 del 23 ottobre 2010 Comunicazione telematica delle operazioni con controparti localizzate in paradisi fiscali - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE

Dettagli

Studio professionale ragionieri associati Migli Fedi Cinini

Studio professionale ragionieri associati Migli Fedi Cinini Studio professionale ragionieri associati Migli Fedi Cinini Scali Olandesi n. 18 57125 LIVORNO Rag. Marco Migli Commercialista Tel. 0586891762 Rag. Michele Cinini Commercialista Fax 0586882512 Rag. Luciano

Dettagli

STUDIO VIANO DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO VIANO DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO VIANO DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI QUALITÀ E SOLUZIONI Dott. PAOLO VIANO Dott. ROMINA BELLELLI Dott. ALESSANDRO BELTRAMI Dott. UMBERTO BARBOLINI Rag. DANIELA CAVALCA Dott. DANIELA GUALTIERI

Dettagli

Comunicazione Black-list Criticità e soluzioni operative

Comunicazione Black-list Criticità e soluzioni operative Slides Videocircolare Comunicazione Black-list Dott. Stefano Setti Riferimenti Comunicazione operazioni con soggetti stabiliti in Paesi Black list Art. 1, DL n. 40/2010 Paesi Black list - DM 4 maggio 1999

Dettagli

C:\Users\Administrator\Desk...

C:\Users\Administrator\Desk... CIRCOLARE n. 13/2010 Spett.li Clienti Loro SEDI Pesaro, 15 ottobre 2010 1. Elenchi Clienti-Fornitori Black List Nonostante l obbligo di monitoraggio delle operazioni sia ufficialmente scattato il 1 luglio

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N. protocollo: 23/2010 10 agosto 2010 Oggetto: COMUNICAZIONE PER LE OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST Con il Decreto del 30 marzo 2010, il Ministro dell Economia e delle Finanze ha previsto l obbligo, per

Dettagli

Paesi Black list ordine alfabetico. LISTA DI APPARTENENZA D.M. 21.11.2001 (art.1) D.M. 4.5.1999 D.M. 21.11.2001 (art.1) D.M. 4.5.

Paesi Black list ordine alfabetico. LISTA DI APPARTENENZA D.M. 21.11.2001 (art.1) D.M. 4.5.1999 D.M. 21.11.2001 (art.1) D.M. 4.5. Paesi Black list ordine alfabetico PAESE Alderney (Isole del Canale) Andorra Angola, con riferimento alle società petrolifere che hanno ottenuto l'esenzione dall'oil Income Tax, alle società che godono

Dettagli

Torino, lì 28 giugno 2010. Circolare n. 11/2010

Torino, lì 28 giugno 2010. Circolare n. 11/2010 Dott. Carlo Agosta Dott. Enrico Pogolotti Dott. Davide Mancardo Dott.ssa Chiara Valente Dott.ssa Stefania Neirotti Torino, lì 28 giugno 2010 Circolare n. 11/2010 OGGETTO: Operazioni con controparti localizzate

Dettagli

1 STUDIO TRIBUTARIO E COMMERCIALE DOTT. DOMENICO PASCUZZI Dottore Commercialista e Revisore Ufficiale dei Conti

1 STUDIO TRIBUTARIO E COMMERCIALE DOTT. DOMENICO PASCUZZI Dottore Commercialista e Revisore Ufficiale dei Conti 1 STUDIO TRIBUTARIO E COMMERCIALE DOTT. DOMENICO PASCUZZI Dottore Commercialista e Revisore Ufficiale dei Conti Sedi: Recapito: Via Felice Casati, 32 Via L. Da Vinci, 9 Via S. Francesco 52 20124 Milano

Dettagli

DIVULGAZIONE MODIFICA SW0003007

DIVULGAZIONE MODIFICA SW0003007 Divulgazione Implementazione/Modifica Software DIVULGAZIONE MODIFICA SW0003007 *** Comunicazione dati Black List *** 1. Gestione Tabelle (EX 0C) Implementare Tabella PAE per identificare i paesi di appartenenza

Dettagli

I n f o r m a t i v a d e l 25 m a g g i o 2 0 1 5 P a g. 1 di 5

I n f o r m a t i v a d e l 25 m a g g i o 2 0 1 5 P a g. 1 di 5 I n f o r m a t i v a d e l 25 m a g g i o 2 0 1 5 P a g. 1 di 5 Informativa 19/2015 Oggetto NUOVE LISTE PER LA DISCIPLINA DELLE IMPRESE CONTROLLATE ESTERE CFC E PER LA DEDUCIBILITÀ DEI COSTI Sommario

Dettagli

Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 07/2012 COMUNICAZIONE TELEMATICA DELLE LETTERE DI INTENTO

Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 07/2012 COMUNICAZIONE TELEMATICA DELLE LETTERE DI INTENTO Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 07/2012 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

SCA STUDIO COMMERCIALISTI ASSOCIATI CONSULENZA ECONOMICO-GIURIDICA, FISCALE E SOCIETARIA

SCA STUDIO COMMERCIALISTI ASSOCIATI CONSULENZA ECONOMICO-GIURIDICA, FISCALE E SOCIETARIA DOTT. FRANCESCO FERRI DE LAZARA DOTT. ENRICO GRIGOLIN In collaborazione con STUDIO LEGALE LO PRESTI DOTT. LUISA STRITONI CIRCOLARE INFORMATIVA N. 12/2010 Padova, 07 Ottobre 2010 AI SIGNORI CLIENTI GLI

Dettagli

DARIO DELLACROCE & ASSOCIATI

DARIO DELLACROCE & ASSOCIATI Dario Dellacroce via Orazio Antinori n. 6 dottore commercialista 10128 TORINO revisore contabile consulente del giudice Telefono 011-50.91.524 Telefax 011-50.91.535 Alberto Miglia E-mail: info@areapro.it

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 27 MARZO 2008 Informativa n. 29 UTILI E MODELLO 730/2008

Dettagli

www.eassociati.com posta@eassociati.com Oggetto: OBBLIGO DI COMUNICAZIONE PER LE OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST

www.eassociati.com posta@eassociati.com Oggetto: OBBLIGO DI COMUNICAZIONE PER LE OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST www..com posta@.com Altavilla Vicentina, 6 settembre 2010 associati dottori commercialisti pierpaolo baldinato gabriele pantaleoni collaboratori dottori commercialisti sabrina gasparotto viviana gentile

Dettagli

Oggetto: OPERATIVI I NUOVI DECRETI SUI PAESI BLACK LIST

Oggetto: OPERATIVI I NUOVI DECRETI SUI PAESI BLACK LIST Oggetto: OPERATIVI I NUOVI DECRETI SUI PAESI BLACK LIST Il sistema tributario italiano fa spesso riferimento a liste di Paesi che, sotto vari aspetti, determinano l insorgere di conseguenze negative di

Dettagli

L EFFICACIA DAL 2015 DEI NUOVI ELENCHI CFC E BLACK LIST

L EFFICACIA DAL 2015 DEI NUOVI ELENCHI CFC E BLACK LIST Ambrosia Corporate Solutions Newsletter L EFFICACIA DAL 2015 DEI NUOVI ELENCHI CFC E BLACK LIST FISCO E TRIBUTI Aprile 2015 La Legge 23 dicembre 2014, n. 190 pubblicata sulla G.U. n. 300 del 29 dicembre

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI PRESUPPOSTI PER LA SUSSISTENZA DELL OBBLIGO CASO PRATICO: IMPORTAZIONI video FISCO del 24.11.2010 n. 0376-775130 www.ratiofad.it

Dettagli

Operazioni con soggetti black list

Operazioni con soggetti black list Ufficio Studi Operazioni con soggetti black list L ordinamento italiano, ai commi 10, 11, 12 e 12-bis dell art. 110 del T.u.i.r., disciplina la disposizione in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

IVA INTRACOMUNITARIA

IVA INTRACOMUNITARIA IVA INTRACOMUNITARIA D.L. 30 Agosto 1993, n. 331 Convertito dalla Legge 29 Ottobre 1993, n. 427 Dlgs. 11 Febbraio 2010, n. 18 G.U. 19 Febbraio 2010, n. 41 25 ottobre 2010 L ACQUISTO INTRACOMUNITARIO Gli

Dettagli

Cognome Nome Data di nascita 1 2 3 giorno mese anno. Codice Stato estero Indirizzo estero della sede legale 9 10

Cognome Nome Data di nascita 1 2 3 giorno mese anno. Codice Stato estero Indirizzo estero della sede legale 9 10 Oggetto: DAL 2014 COMUNICAZIONI BLACK LIST SU NUOVO MODELLO A decorrere dalle operazioni registrate dal 1 gennaio 2014, la comunicazione delle operazioni intrattenute con controparti localizzate in paesi

Dettagli

Studio Amministrativo e Tributario

Studio Amministrativo e Tributario Studio Amministrativo e Tributario CARLA BETTEGA MARCO MAGNAGHI GIANLUCA GUERCILENA BARBARA MANTOVANI Milano, il 9 giugno 2015 Contenuto della Circolare 1. Reverse charge e split payment: chiarimenti 2.

Dettagli

COMUNICAZIONE PER LE OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST

COMUNICAZIONE PER LE OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST agosto 2010 ASSOCIAZIONE COMMERCIALISTI COMUNICAZIONE PER LE OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST Con il Decreto del 30 marzo 2010, il Ministro dell Economia e delle Finanze ha previsto l obbligo, per tutti

Dettagli

STUDIO ANTONELLI. Forlì, 13 settembre 2004

STUDIO ANTONELLI. Forlì, 13 settembre 2004 Dott. Alessandro Antonelli TRIBUTARISTA - PUBBLICISTA Dott.ssa Giancarla Berti COMMERCIALISTA Dott. Federico Mambelli ASSISTENTE Dott. Alessandro Mengozzi COMMERCIALISTA Dott. Stefano Sgarzani COMMERCIALISTA

Dettagli

Informativa per il professionista

Informativa per il professionista Informativa per il professionista Informativa n. 13 del 27 ottobre 2010 Comunicazione all Agenzia delle Entrate delle operazioni effettuate con operatori economici localizzati in paradisi fiscali - Riepilogo

Dettagli

Elenco clienti e fornitori black list: proroga al 2 novembre e altre novità

Elenco clienti e fornitori black list: proroga al 2 novembre e altre novità Il Punto sull Iva Comunicazione Operazione Paesi Black List Elenco clienti e fornitori black list: proroga al 2 novembre e altre novità Premessa In un precedente intervento (circolare mensile di Agosto

Dettagli

ELENCHI CLIENTI e FORNITORI BLACK LIST 2010

ELENCHI CLIENTI e FORNITORI BLACK LIST 2010 Circolare informativa per la clientela n. 25/2010 del 16 settembre 2010 ELENCHI CLIENTI e FORNITORI BLACK LIST 2010 In questa Circolare 1. Decreto «incentivi» Comunicazione delle operazioni con Paesi black

Dettagli

Appalti in Italia con il nulla osta (Il Sole 24 Ore di giovedì 17 febbraio 2011)

Appalti in Italia con il nulla osta (Il Sole 24 Ore di giovedì 17 febbraio 2011) Antiriciclaggio. Pronto il decreto che disciplina la partecipazione alle gare delle società con sedi in Paesi black list Appalti in Italia con il nulla osta (Il Sole 24 Ore di giovedì 17 febbraio 2011)

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI RIEPILOGO ADEMPIMENTO OPERAZION I BLACK LIST Come p noto il DL 40/2010 ha introdotto un nuovo adempimento informativo nei confronti dell'agenzia delle Entrate, relativo alle operazioni effettuate da soggetti

Dettagli

COSTI SOSTENUTI CON SOCIETÀ RESIDENTI NEI

COSTI SOSTENUTI CON SOCIETÀ RESIDENTI NEI ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE Studio monografico n. 2/2003 COSTI SOSTENUTI CON SOCIETÀ RESIDENTI NEI CD. PARADISI FISCALI a cura: Acerbi

Dettagli

COMUNICAZIONE PARADISI FISCALI

COMUNICAZIONE PARADISI FISCALI COMUNICAZIONE PARADISI FISCALI RADIX ERP by ACS Data Systems Comunicazione delle operazioni con soggetti aventi sede in paesi a fiscalità privilegiata Release: 19.10.2010 ACS Data Systems AG/spa 1 / 14

Dettagli

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010 NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Forlì, 26 febbraio 2010 La situazione normativa ad oggi Forlì 26 febbraio 2010 3 STATO DELLA NORMATIVA - Direttiva 2008/8CE del 12 febbraio 2008 (territorialità) - Direttiva

Dettagli

(1) La disciplina CFC.

(1) La disciplina CFC. LE SOCIETÀ CONTROLLATE ESTERE. CENNI GENERALI. LA LEGGE DI STABILITÀ 2015. LE FUTURE MODIFICHE A SEGUITO DELLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO SULL'INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE. (Dott. Ernesto Cherici

Dettagli

i residenti da tutti i redditi posseduti. Il secondo comma introduce una presunzione ai

i residenti da tutti i redditi posseduti. Il secondo comma introduce una presunzione ai L art. 2 del TUIR individua come soggetti passivi di imposta le persone fisiche residenti e non residenti nel territorio dello stato, stabilendo al successivo art. 3 che l imposta viene applicata sul reddito

Dettagli

Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214.

Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214. Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214.61 Dott. Massimo Rho Dott. Federico Baccani Dott. Stefano Ramponi

Dettagli

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010.

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010. CIRCOLARE n. 12/2010 Oggetto: Territorialità IVA - Recepimento della normativa comunitaria - Nuova disciplina 1 PREMESSA Con il DLgs. 11.2.2010 n. 18, pubblicato sulla G.U. 19.2.2010 n. 41 ed entrato in

Dettagli

Newsletter n. 5/2016. STUDIO ARCA S.R.L. 41053 Maranello (Mo) - Via Verga 12 Tel. 0536.940.905 Fax 0536.943.012 E-mail: studio@studioarca.

Newsletter n. 5/2016. STUDIO ARCA S.R.L. 41053 Maranello (Mo) - Via Verga 12 Tel. 0536.940.905 Fax 0536.943.012 E-mail: studio@studioarca. STUDIO BERTOLI GIOVANARDI GRIMALDI & PARTNERS 41124 Modena - Viale Vittorio Veneto 2 Tel. 059.220.201-059.245.500 Fax 059.220.613 E-mail: studio@bggpartners.it Web: www.bggpartners.it STUDIO ARCA S.R.L.

Dettagli

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it Nuove regole per la territorialità dei servizi Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it NORMATIVA COMUNITARIA direttiva 2008/8/CE: territorialitàdei servizi; intrastat

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti

Studio Dottori Commercialisti Dott. Sergio Massa Bologna, 24 giugno 2010 Dott. Elena Melandri Dott. Paola Belelli Dott. Pierpaolo Arzarello A TUTTI I CLIENTI LORO INDIRIZZI Con la presente Circolare Vi aggiorniamo sulle ultime disposizioni

Dettagli

Circolare n. 4. del 26 gennaio 2010. IVA nei rapporti con l estero Novità 2010 INDICE

Circolare n. 4. del 26 gennaio 2010. IVA nei rapporti con l estero Novità 2010 INDICE Via Principe Amedeo 11 10123 Torino c.f. e p.iva 06944680013 Tel. 011 8126939 Fax. 011 8122079 Email: info@studiobgr.it www.studiobgr.it Circolare n. 4 del 26 gennaio 2010 IVA nei rapporti con l estero

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Circolare N. 72 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 ottobre 2010 LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Le nuove regole concernenti la territorialità IVA delle prestazioni di servizi,

Dettagli

Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat

Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat Relatore: dott. Fabio Corti Hotel Casa tra noi Roma 6 dicembre 2011 Disciplina fiscale Il D.Lgs 460/97 e la Legge 289/2002 hanno di fatto identificato

Dettagli

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI COMMERCIALISTI Genova, 26 ottobre 2010 Circolare Informativa Comunicazione telematica delle oerazioni con controarti localizzate in aradisi fiscali - 1 PREMESSA Ai sensi dell art. 1 co. 1-3 del DL 25.3.2010

Dettagli

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO Circolare N. 05 Area: PROFESSIONAL Periodico quindicinale 4 marzo 2010 RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO La Direttiva comunitaria n. 2008/8/CE (c.d. Direttiva Servizi ) ha profondamente modificato

Dettagli

OGGETTO: Manutenzione impianti con Reverse charge

OGGETTO: Manutenzione impianti con Reverse charge CIRCOLARE N. 3/2015 UMBERTIDE, 22 Maggio 2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Manutenzione impianti con Reverse charge Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo

Dettagli

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010 CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat Confcommercio, 14 aprile 2010 L art. 7 del DPR n. 633 del 1972 è stato sostituito dal 1 gennaio 2010 dal D.Lgs. n.18

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 Maggio 2010 E-MAIL: segreteria2@studiocastelli.com COMUNICAZIONI DELLE OPERAZIONI CON PARADISI FISCALI Il D.M. 30.03.2010 ha dato attuazione alle disposizioni

Dettagli

Tale principio generale è derogato da una serie di fattispecie particolari, disciplinate dagli artt. da 7-quater a 7-septies del D.P.R. n. 633/72.

Tale principio generale è derogato da una serie di fattispecie particolari, disciplinate dagli artt. da 7-quater a 7-septies del D.P.R. n. 633/72. TERRITORIALITA IVA NELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI Il principio generale e speciale Con il recepimento della Direttiva n. 2008/8/CE, c.d. "Direttiva Servizi", grazie al D.Lgs. n. 18/2010, è stata modificata

Dettagli

Territorialità servizi IVA 2010

Territorialità servizi IVA 2010 Territorialità servizi IVA 2010 Ordine dottori commercialisti, Milano 6 Ottobre 2010 Le direttive europee di modifica dell IVA: dal 1/1/2010 1. Direttiva 2008/8/CE: nuovi criteri della territorialità nei

Dettagli

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010 Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010 Accenni Teorici Casi Pratici 20 settembre 2010 AGENDA 1. Elenchi Intrastat 2. Elenchi Intrastat: casi pratici 3. Comunicazioni

Dettagli

LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE

LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE IL CONCETTO DI TERRITORIALITÀ NEGLI SCAMBI TRA SOGGETTI RESIDENTI NELL'UNIONE EUROPEA

Dettagli

I NUOVI ELENCHI DEI CLIENTI / FORNITORI BLACK LIST

I NUOVI ELENCHI DEI CLIENTI / FORNITORI BLACK LIST BALIN & ASSOCIATI Umberto Balin Margherita Cabianca Enrico Cecchinato Consulente del Lavoro Francesca Gardellin Viviana Pigal Raffaella Martellani Circolare n. 7/2010 Padova, 3 maggio 2010 A tutti i Clienti

Dettagli

Ai gentili Clienti Loro sedi INDICE

Ai gentili Clienti Loro sedi INDICE Ai gentili Clienti Loro sedi Circolare n 17 del 08.10.2010. Novità in materia di comunicazione all Agenzia delle Entrate delle operazioni con controparti localizzate in paradisi fiscali INDICE 1 Premessa...

Dettagli

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 Con la presente, si intende dare un informativa di massima sulla nuova normativa che dal

Dettagli

Comunicazione delle operazioni con Paesi black list.

Comunicazione delle operazioni con Paesi black list. Ai Sigg. CLIENTI Loro Sedi Circolare n. 5.2010 Comunicazione delle operazioni con Paesi black list. A partire dal 01 luglio 2010, è stato introdotto l obbligo di comunicare le operazioni effettuate nei

Dettagli

ACQUISTI DA PAESI BLACK LIST DEDUCIBILITA DEI COSTI

ACQUISTI DA PAESI BLACK LIST DEDUCIBILITA DEI COSTI Risposte a quesiti ACQUISTI DA PAESI BLACK LIST DEDUCIBILITA DEI COSTI Le spese e i componenti negativi sostenuti da un'impresa italiana con un partner commerciale residente in Paesi a fiscalità privilegiata

Dettagli

Milano, 30 Marzo 2010

Milano, 30 Marzo 2010 Milano, 30 Marzo 2010 Circolare 2/2010 Gentile cliente, trasmettiamo la seguente circolare riguardo alle nuove regole dei modelli intracee da presentare a partire dal 01 Gennaio 2010. A) NOVITÀ NELL INVIO

Dettagli

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 News di approfondimento N. 25 16 Ottobre 13 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Novità fiscali 2014. 17 marzo 2014. Dott. Stefano Cesati

Novità fiscali 2014. 17 marzo 2014. Dott. Stefano Cesati Novità fiscali 2014 17 marzo 2014 AGENDA Compensazione dei crediti d imposta; Visto di conformità per le imposte dirette; Compensazione dei crediti verso la Pubblica Amministrazione; Riflessi fiscali della

Dettagli

NUOVI OBBLIGHI PER LE OPERAZIONI CON SOGGETTI IVA DEI PAESI BLACK LIST

NUOVI OBBLIGHI PER LE OPERAZIONI CON SOGGETTI IVA DEI PAESI BLACK LIST Studio Contrino Rag. Gaspare - Seregno via Santuario n. 70 - Tel. (0362) 220979 Fax 328187 OGGETTO: Circolare n. 12 2010 Seregno, li 22 giugno 2010 NUOVI OBBLIGHI PER LE OPERAZIONI CON SOGGETTI IVA DEI

Dettagli

Pagina 1: Circolare Pagina 2-3: Decreto ministeriale 04/05/1999 Pagina 4-5: Decreto ministeriale 21/11/2001. Circolare n. 4-2010

Pagina 1: Circolare Pagina 2-3: Decreto ministeriale 04/05/1999 Pagina 4-5: Decreto ministeriale 21/11/2001. Circolare n. 4-2010 Pagina 1: Circolare Pagina 2-3: Decreto ministeriale 04/05/1999 Pagina 4-5: Decreto ministeriale 21/11/2001 Circolare n. 4-2010 Oggetto: Rapporti con operatori economici black list. A decorrere dal 1 luglio

Dettagli

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 33 del 10 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA L art. 21 del DL 31.5.2010 n. 78 (conv. L. 30.7.2010 n. 122) ha introdotto l obbligo, per i soggetti passivi IVA, di comunicare in via telematica all Agenzia delle Entrate le

Dettagli

ITALIA 2015: VOLUNTARY DISCLOSURE

ITALIA 2015: VOLUNTARY DISCLOSURE ITALIA 2015: VOLUNTARY DISCLOSURE Dott. Leo De Rosa Dottore commercialista Pubblicista leo.derosa@rdra.it Avv. Fabrizio Cavallaro Avvocato fabrizio.cavallaro@rdra.it Partner di: Associato a: Rimini, 21

Dettagli

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI

PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI PAOLO RIPAMONTI ELENA INVERNIZZI Commercialisti Associati Revisori Legali Largo Caleotto, 1-23900 LECCO (LC) Tel. 0 3 4 1 / 3 6 4 0 2 2 - Fax 0 3 4 1 / 2 8 7 0 4 2 Gent. Sig.ra / Egr. Sig. Spett. le Ditta

Dettagli

Paesi Black List Elenco Aggiornato 2015: Svizzera istruzioni modello

Paesi Black List Elenco Aggiornato 2015: Svizzera istruzioni modello Paesi Black List Elenco Aggiornato 2015: Svizzera istruzioni modello Paesi Black List 2015 elenco aggiornato lista paesi a fiscalità privilegiata per i quali in Italia vige l obbligo di comunicazione di

Dettagli

STUDIO BOIDI & PARTNERS

STUDIO BOIDI & PARTNERS & PARTNERS commercialisti revisori contabili Dott. ALDO BOIDI DOTT. PROF. MARIO BOIDI DOTT. PROF. MASSIMO BOIDI DOTT. FABIO PASQUINI Dott. VALTER RUFFA Dott. ALESSANDRO MARTINI Dott. CAROLA ALBERTI Dott.

Dettagli

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA CONFETRA Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA 1 Roma, 15 marzo 2010 1 Norme e prassi: evoluzione Direttiva

Dettagli

Modifiche alla disciplina Cfc e presunzione di utilizzo di fondi non tassati per investimenti e attività in paradisi fiscali

Modifiche alla disciplina Cfc e presunzione di utilizzo di fondi non tassati per investimenti e attività in paradisi fiscali 4681 ATTUALITÀ Manovra anti-crisi (D.L. 1 luglio 2009, n. 78) Modifiche alla disciplina Cfc e presunzione di utilizzo di fondi non tassati per investimenti e attività in paradisi fiscali di Salvatore Mattia

Dettagli

A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 21/2009. Treviso, 02 Dicembre 2009 OGGETTO: RIFORMA DELL IVA

A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 21/2009. Treviso, 02 Dicembre 2009 OGGETTO: RIFORMA DELL IVA A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 21/2009 Treviso, 02 Dicembre 2009 OGGETTO: RIFORMA DELL IVA A partire dall 1.1.2010, per effetto di 2 Direttive comunitarie l adempimento della presentazione degli

Dettagli

Circolare 14. del 18 maggio 2015. Revisione delle black list - Costi derivanti da operazioni con i Paradisi fiscali e controlled foreign companies

Circolare 14. del 18 maggio 2015. Revisione delle black list - Costi derivanti da operazioni con i Paradisi fiscali e controlled foreign companies Circolare 14 del 18 maggio 2015 Revisione delle black list - Costi derivanti da operazioni con i Paradisi fiscali e controlled foreign companies INDICE 1 Premessa... 2 2 Black list per la deducibilità

Dettagli

LA RESIDENZA FISCALE DELLE PERSONE FISICHE. (Dott. Ernesto Cherici Giugno 2015)

LA RESIDENZA FISCALE DELLE PERSONE FISICHE. (Dott. Ernesto Cherici Giugno 2015) LA RESIDENZA FISCALE DELLE PERSONE FISICHE. (Dott. Ernesto Cherici Giugno 2015) 1. PREMESSA. La regola generale prevede che sono considerati residenti (fiscali) in Italia le persone fisiche che per la

Dettagli

Presentazione a cura di Mario Spera

Presentazione a cura di Mario Spera Presentazione a cura di Mario Spera Disposizioni comunitarie Pacchetto IVA Direttiva 2008/8/CE del 12 febbraio 2008 (modifica del luogo di tassazione dei servizi) Direttiva 2008/9/CE del 12 febbraio 2008

Dettagli

Circolare n. 6. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Territorialità delle prestazioni di servizi... 2. 3 I "nuovi" modelli Intrastat... 5

Circolare n. 6. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Territorialità delle prestazioni di servizi... 2. 3 I nuovi modelli Intrastat... 5 Circolare n. 6 Novità modelli Intrastat (D.Lgs. 18.2.2010, n. 11) Indice 1 Premessa... 2 2 Territorialità delle prestazioni di servizi... 2 3 I "nuovi" modelli Intrastat... 5 3.1 Obbligo di inclusione

Dettagli

Circolare n. 34. del 21 ottobre 2013

Circolare n. 34. del 21 ottobre 2013 Circolare n. 34 del 21 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI COMMERCIALISTI

BONELLI BERNARDI AGOSTINO E ASSOCIATI COMMERCIALISTI FULVIO BONELLI LUCIA BERNARDI ROSETTA AGOSTINO ROSSANA CIRIGLIANO ANNA QUAI Torino, lì 24 ottobre 2013 Ai signori Clienti Loro indirizzi email Questa circolare ha la finalità di informare i clienti che

Dettagli

Fiscal News N. 122. Nuove black lists. La circolare di aggiornamento professionale 13.04.2015. Comunicato Stampa del MEF n 77 del 01/04/2015

Fiscal News N. 122. Nuove black lists. La circolare di aggiornamento professionale 13.04.2015. Comunicato Stampa del MEF n 77 del 01/04/2015 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 122 13.04.2015 Nuove black lists Comunicato Stampa del MEF n 77 del 01/04/2015 Categoria: Irpef Sottocategoria: Varie La Legge di Stabilità 2015

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 29/2013

NOTA INFORMATIVA N. 29/2013 Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI RITA MAGGI PIAZZA CITTADELLA 6 37122

Dettagli

CIRCOLARE N. 58/E. Roma, 31 dicembre 2009

CIRCOLARE N. 58/E. Roma, 31 dicembre 2009 CIRCOLARE N. 58/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 dicembre 2009 OGGETTO: Disciplina IVA del luogo di prestazione dei servizi Direttiva n. 2008/8/CE del Consiglio del 12 febbraio 2008 2 INDICE Premessa...3

Dettagli

LA NUOVA TERRITORIALITA' IVA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI

LA NUOVA TERRITORIALITA' IVA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI LA NUOVA TERRITORIALITA' IVA DELLE PRESTAZIONI DI SERVIZI Territorialità Iva Le operazioni rientranti nel campo di applicazione dell'iva sono quelle per le quali sussistono i seguenti tre requisiti: oggettivo:

Dettagli