La circolare per i clienti 06 agosto 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La circolare per i clienti 06 agosto 2012"

Transcript

1 La circolare per i clienti 06 agosto 2012 Anteprima I dati delle dichiarazioni dei redditi vanno on-line pag. 2 Annotazione cumulativa anche per registrare incassi e pagamenti pag. 2 Società in perdita: validi gli interpelli presentati il 03 luglio pag. 2 La mancata notifica dell avviso bonario rende illegittima la cartella di pagamento pag. 3 Crediti di imposta in anni con dichiarazioni omesse pag. 3 Adempimenti PRESENTAZIONE MODELLI INTRASTAT pag. 4 Guide operative Guida all invio dei modelli INTRASTAT pag. 5 1

2 FISCO FISCO I dati delle dichiarazioni dei redditi vanno on line Stabiliti, con apposito D.P.C.M., i criteri e le modalità per la pubblicazione, sul sito del comune, dei dati aggregati relativi alle dichiarazioni dei redditi e per la messa a disposizione di ulteriori dati al fine di favorire la partecipazione dei Comuni all'attività di accertamento. D.P.C.M. 10/7/2012 (G.U. 28/7/2012, n. 175) IMPOSTE DIRETTE Annotazione cumulativa anche per registrare incassi e pagamenti La risoluzione n. 80/E del 24 luglio 2012 dell'agenzia delle Entrate estende la semplificazione prevista in materia di IVA anche ai fini della registrazione degli incassi e dei pagamenti per la determinazione del reddito professionale. L'Agenzia delle Entrate segnala peraltro che il documento cumulativo potrà essere annotato anche ai fini delle imposte sui redditi solo nell'ipotesi in cui le fatture emesse e/o ricevute, riepilogate nell'apposito documento, siano state tutte saldate. Ciò comporterà, evidentemente, che eventuali fatture emesse e/o ricevute nel periodo di riferimento, anche se di importo inferiore a Euro 300,00, andranno annotate separatamente se non ancora saldate al momento della formazione e registrazione del documento riepilogativo. IMPOSTE DIRETTE Società in perdita: validi gli interpelli presentati il 03 luglio La Risoluzione 81/E del 27 luglio 2012 ritiene che possano essere considerati valide le istanze per la disapplicazione della disciplina delle società di comodo presentate entro il 3 luglio Le istanze di disapplicazione della disciplina antielusiva (ivi compresa la peculiare disciplina delle società non operative), affinché sia soddisfatto il requisito della preventività, ovvero affinché il comportamento rilevante oggetto dell istanza stessa trovi attuazione nella dichiarazione dei redditi, devono essere presentate in tempo utile, ovvero rispettivamente novanta e centoventi giorni prima della scadenza del termine ordinario di presentazione della dichiarazione dei redditi. Il caso sul quale la Risoluzione si è soffermata riguarda proprio il corretto computo dei giorni per la validità ed efficacia delle assunzioni contenute nell interpello in caso di sua applicazione. In sostanza per le società con periodo d imposta coincidente con l esercizio solare, il termine per la presentazione della dichiarazione modello Unico SC 2012 periodo 2011 è il 1 ottobre prossimo venturo, in quanto il termine ordinario del 30 settembre 2012 corrisponde ad un giorno festivo (domenica). Sorgeva infatti il dubbio se il termine di novanta o centoventi giorni dovesse essere calcolato facendo riferimento alla data del 30 settembre 2012 ovvero a quella del 1 ottobre In merito l Agenzia ritiene che lo slittamento del termine di presentazione della dichiarazione dei redditi a partire dal quale calcolare il termine di presentazione dell istanza di interpello non può che riflettere i suoi effetti anche su quest ultimo. Pertanto le istanze presentate in data 3 luglio 2012 dalle società in perdita sistematica soggette alla nuova disciplina di cui al D.L. n. 138 del 2011 devono considerarsi validamente presentate. ACCERTAMENTO E RISCOSSIONE La mancata notifica dell avviso bonario rende illegittima la cartella di pagamento In caso di dichiarazione priva di errori, non è necessario che la cartella di pagamento emessa in seguito al controllo automatizzato sia preceduta dall invio al contribuente dell avviso bonario. La sentenza n del 26 luglio 2012 della Corte di Cassazione ha accolto il ricorso dell Agenzia delle Entrate contro la decisione della CTR che aveva annullato una cartella di pagamento non 2

3 notificata al contribuente con la comunicazione prevista dal comma 5 dell art.6 della Legge n. 212/2000. La decisione è stata motivata prendendo spunto da una precedente sentenza (n del 23/07/2010, Corte di Cassazione) secondo la quale: L emissione della cartella di pagamento con le modalità previste dagli artt.36 bis, comma 3, del D.P.R. 600 del 1973 (in materia di tributi diretti) e 54-bis, comma 3, del D.P.R. n.633 del 1972 (in materia di IVA) non è condizionata dalla preventiva comunicazione dell esito del controllo al contribuente, salvo che il controllo medesimo non riveli l esistenza di errori essendovi, solo in tale ipotesi di irregolarità riscontrata nella dichiarazione, l obbligo di comunicazione per la liquidazione d imposta, contributi, premi e rimborsi. DICHIARAZIONI Crediti di imposta in anni con dichiarazioni omesse La circolare n. 34/E diffusa oggi, 6 agosto 2012, dall'agenzia delle Entrate stabilisce come il riconoscimento dei crediti, maturati in un annualità nella quale non sono state presentate le dichiarazioni IVA, delle imposte dirette o IRAP, possa avvenire: attraverso un istanza di rimborso (art. 21 del Dlgs n.546/1992) in sede di mediazione e conciliazione. In tutti i casi il contribuente deve provvedere in prima battuta al pagamento delle somme richieste rispettivamente con avviso di irregolarità, cartella di pagamento, sentenza definitiva o accordo di mediazione. In quest ultima ipotesi al contribuente compete la riduzione delle sanzioni al 40%. Per le omesse dichiarazioni IVA, il credito non dichiarato nel modello relativo all anno in cui è maturato non è utilizzabile in detrazione nella dichiarazione successiva. Per cui, se il contribuente riporta in dichiarazione tale eccedenza, l Agenzia può produrre una comunicazione di irregolarità e, in assenza del versamento delle somme richieste, iscrivere a ruolo l imposta, i relativi interessi e le sanzioni. Tuttavia, il contribuente può presentare istanza di rimborso entro due anni dal pagamento delle somme richieste dall ufficio. Il rimborso sarà erogato solo dopo aver riscontrato l effettiva spettanza del credito. Anche per le imposte dirette il contribuente non può riportare in dichiarazione un eccedenza a credito generata nel precedente periodo di imposta per il quale risulta omessa la dichiarazione. Si considera omessa anche la dichiarazione presentata con un ritardo di oltre 90 giorni. Pure in questi casi il contribuente, solo dopo aver versato le somme richieste dall Ufficio, potrà richiedere il riconoscimento del crediti ai sensi dell art. 21 del Dlgs n.546/1992. Mediazione e conciliazione Se il contribuente impugna il ruolo che recupera il credito indebitamente riportato in dichiarazione con sanzioni e interessi, la controversia può essere definita mediante un accordo di mediazione o conciliazione che prevede il riconoscimento del credito effettivamente spettante e il pagamento della sanzione ridotta al 40% oltre che degli interessi. Ricorso in giudizio Il contribuente che ricorre in giudizio, solo dopo aver pagato le somme iscritte a ruolo, a seguito di sentenza passata in giudicato, può presentare istanza di rimborso del credito maturato nell annualità per la quale la dichiarazione risulta omessa. 3

4 ADEMPIMENTI PRESENTAZIONE MODELLI INTRASTAT Scade lunedì 27 agosto (in quanto il 25 agosto cade di sabato), per gli imprenditori e professionisti che hanno posto in essere operazioni attive o passive con i Paesi dell'unione Europea, l'obbligo di presentare agli uffici dell'agenzia delle Dogane gli elenchi riepilogativi (modelli INTRASTAT) con riferimento sia alle cessioni e agli acquisti intracomunitari, che alle prestazioni di servizi rese o ricevute in ambito comunitario effettuati nel mese di luglio I modelli INTRASTAT devono essere presentati, esclusivamente per via telematica. Il periodo di riferimento per la presentazione dei modelli varia a seconda dell'ammontare delle cessioni e degli acquisti posti in essere, nonché dei servizi resi e ricevuti. 4

5 GUIDA Lunedì 27 agosto 2012 INVIO MODELLI INTRASTAT di Alberto Marengo La guida analizza i vari aspetti relativi all invio dei Modelli Intrastat, adempimento divenuto sempre più frequente, e allo stesso tempo più complesso, in seguito alle novità introdotte dal D.Lgs. 18/2010; le più importanti tra queste riguardano l obbligo di inserimento negli elenchi delle prestazioni di servizio nonché la modifica della periodicità di presentazione. Premessa I soggetti Iva che effettuano operazioni intracomunitarie sono tenuti, in base al disposto del D.L. 331/93, art. 50, a presentare il modello Intrastat. Tale modello ha lo scopo di soddisfare esigenze statistiche e fiscali legate all'effettuazione degli scambi intracomunitari. La disciplina relativa alla presentazione di tali modelli è stata modificata in maniera rilevante dal D.Lgs. 18/2010 che, tra le altre novità introdotte, ha previsto anche l'obbligo di rilevazione dei servizi generici prestati e ricevuti (precedentemente le operazioni da comunicare riguardavano solo le cessioni di beni). Nel prosieguo verranno analizzati i vari aspetti da esaminare per poter correttamente assolvere tale adempimento. Ambito soggettivo Sono obbligati alla presentazione del modello: - i soggetti passivi Iva residenti in Italia che effettuano operazioni intracomunitarie con altri soggetti passivi Iva residenti in uno Stato membro dell'unione Europea (sono escluse pertanto le operazioni effettuate con soggetti extra-comunitari); - gli enti, le associazioni e altre organizzazioni non aventi come oggetto principale l'esercizio di attività commerciali, limitatamente agli acquisti di beni e alle prestazioni di servizio ricevute da soggetti stabiliti in altri Stati membri. Con riferimento a tali ultimi soggetti, la C.M. n. 36/E del ha chiarito che l obbligo grava anche sugli enti che non svolgono alcuna attività rilevante agli effetti dell'iva, se identificati ai fini dell'imposta"; si tratta in particolare di quegli enti obbligati a richiedere la partita Iva in quanto hanno effettuato acquisti intracomunitari di beni per un valore superiore ai euro. Ambito oggettivo In seguito alle modifiche introdotte dal D.Lgs. 18/2010, sono oggetto di rilevazione nei modelli Intrastat: - le cessioni e gli acquisti intracomunitari effettuati, - le prestazioni di servizi generici, previste all'art. 7-ter del D.P.R. 633/72. Sono escluse dall'obbligo di rilevazione le operazioni per le quali non è dovuta l'imposta nello Stato membro in cui è stabilito il committente in quanto non imponibili o esenti. Con riferimento alle prestazioni di servizi, nei modelli Intrastat dovranno essere comunicate le prestazioni di servizi generici di cui all'art. 7-ter del DPR 633/72; sono escluse pertanto tutte le prestazioni di servizi non soggette ad Iva ai sensi dell'art. 7-quater (servizi relativi agli immobili), 7- quinquies (servizi culturali, artistici, sportivi, ecc.), 7-sexies e 7-septies (servizi effettuati nei confronti di privati). Termini e modalità di presentazione Un'altra importante novità, introdotta dal dalla Direttiva Comunitaria 2008/117/CE che è stata recepita nel nostro ordinamento dal D.M , riguarda la periodicità di presentazione dei modelli; dal 2010, infatti, la presentazione degli elenchi riepilogativi può avvenire (C.M. n. 14/E del ): 5

6 - con cadenza trimestrale, per quei soggetti che nei quattro trimestri precedenti, e per ciascuna categoria di operazioni, hanno effettuato operazioni intracomunitarie per un ammontare non superiore a euro; - con cadenza mensile, in tutti gli altri casi. La C.M. sopra citata ha inoltre chiarito che: a) il superamento o meno della soglia di euro deve essere verificato separatamente a seconda che si tratti di cessioni di beni/prestazioni di servizi effettuate o che si tratti di acquisti di beni/prestazioni di servizi ricevute; tale limite dovrà pertanto essere verificato distintamente per entrambe le categorie. Potrà quindi accadere che la periodicità di presentazione degli elenchi riepilogativi relativa alle operazioni attive e passive sia differente; b) le categorie sopra descritte (operazioni attive/operazioni passive) sono, a loro volta, distinte nelle seguenti sottocategorie: 1. per le operazioni attive, si distingue tra cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate; 2. per le operazioni passive, di distingue invece tra acquisti di beni e prestazioni di servizi ricevuti; c) la soglia di euro, determinante per stabilire la periodicità di presentazione, dovrà essere verificata singolarmente per ogni singola sottocategoria. L ammontare di operazioni consuntivato al termine del trimestre per ogni singola sottocategoria non dovrà pertanto essere sommato ma considerato singolarmente; il superamento del limite per una singola sottocategoria comporterà l applicazione della periodicità mensile anche per l altra. Esempio n. 1: Periodo Operazioni attive Operazioni passive Cessione di beni Servizi prestati Acquisto di beni Servizi ricevuti 1 trimestre precedente , , , ,00 2 trimestre precedente , , , ,00 3 trimestre precedente , , , ,00 4 trimestre precedente , , , ,00 Nell esempio sopra riportato, la periodicità di presentazione sarà trimestrale in quanto, per nessuna categoria di operazioni ed in nessuno dei quattro trimestri precedenti, è stata superata la soglia di euro Periodo Operazioni attive Operazioni passive Cessione di beni Servizi prestati Acquisto di beni Servizi ricevuti 1 trimestre precedente , , , ,00 2 trimestre precedente , , , ,00 3 trimestre precedente , , , ,00 4 trimestre precedente , , , ,00 In tal caso la periodicità di presentazione delle operazioni attive sarà mensile, in quanto, anche se con riferimento ad una sola sottocategoria di operazioni (cessioni di beni), è stata superata la soglia di riferimento; la periodicità di presentazione relativa alle operazioni passive resterà invece trimestrale. 6

7 Nel caso d superamento della soglia di euro, il soggetto passivo sarà tenuto, a partire dal mese successivo a quello in cui si verifica tale superamento, a presentare il modello con cadenza mensile; a tal riguardo, si potranno verificare le seguenti situazioni: 1) superamento del limite nel 1 mese del trimestre: il soggetto presenterà tre distinti modelli Intrastat mensili; Esempio n. 2:. Periodo di riferimento: 2 trimestre Mese in cui si è verificato il superamento della soglia: Aprile 2012 Modelli Intrastat da presentare Periodo Scadenza Aprile 2012 entro il Maggio 2012 entro il Giugno 2012 entro il ) superamento del limite nel 2 mese del trimestre: il soggetto presenterà un primo modello contenente i dati relativi ai primi due mesi del trimestre ed un secondo modello mensile contenente i dati relativi al terzo mese del trimestre; Esempio n. 3:. Periodo di riferimento: 2 trimestre Mese in cui si è verificato il superamento della soglia: Maggio 2012 Modelli Intrastat da presentare Periodo Scadenza Aprile/Maggio 2012 entro il Giugno 2012 entro il ) superamento del limite nel 3 mese del trimestre: il soggetto presenterà un unico modello comprensivo dei dati relativi all intero trimestre. Dal mese successivo sarà obbligato a presentare gli elenchi mensilmente. Esempio n. 4:. Periodo di riferimento: 2 trimestre Mese in cui si è verificato il superamento della soglia: Giugno 2012 Modelli Intrastat da presentare Periodo Scadenza 2 trimestre 2012 entro il A tal fine è necessario sottolineare come i dati da riportare negli elenchi Intrastat attengano alle operazioni registrate, o soggette a registrazione, con riferimento al mese di ricevimento delle fatture di acquisto o alla data di emissione delle fatture di vendita. Nel caso di operazioni intracomunitarie per le quali si è provveduto all emissione di fatture ovvero al pagamento di corrispettivi prima della consegna o spedizione delle merci (come nel caso degli anticipi), tali operazioni dovranno essere rilevate negli elenchi Intrastat relativi al periodo di riferimento in cui è stata eseguita la consegna o la spedizione. Per segnalare la variazione di periodicità, sarà necessario compilare un apposito campo presente nel frontespizio del modello. 7

8 E in ogni caso ammessa l opzione per la presentazione del modello con cadenza mensile anziché trimestrale, con il vincolo però di mantenere tale periodicità per tutto l anno solare. Gli elenchi riepilogativi delle operazioni intracomunitarie devono essere presentati all Agenzia delle Dogane, esclusivamente per via telematica tramite l apposito software Intraweb, entro il giorno 25 del mese successivo al periodo (mese o trimestre) di riferimento. Struttura e contenuto dei modelli Gli elenchi riepilogativi Intrastat si compongono dei seguenti modelli: Operazioni attive MODELLO INTRA 1 INTRA 1-bis INTRA 1-ter INTRA 1-quater INTRA 1-quinquies Operazioni passive MODELLO INTRA 2 INTRA 2-bis INTRA 2-ter INTRA 2-quater INTRA 2-quinquies DESCRIZIONE Frontespizio relativo agli elenchi riepilogativi riferiti alle operazioni attive Elenco delle cessioni intracomunitarie di beni effettuate Rettifiche alle cessioni intracomunitarie di beni precedentemente comunicate Elenco delle prestazioni di servizi effettuate nei confronti di soggetti intracomunitari Rettifiche alle prestazioni di servizi effettuate precedentemente comunicate DESCRIZIONE Frontespizio relativo agli elenchi riepilogativi riferiti alle operazioni passive Elenco degli acquisti intracomunitari di beni effettuati Rettifiche agli acquisti intracomunitari di beni precedentemente comunicati Elenco delle prestazioni di servizi ricevute da soggetti intracomunitari Rettifiche alle prestazioni di servizi ricevute precedentemente comunicate Modello INTRA 1-bis Si compone delle seguenti 13 colonne: In particolare si segnala che: - in colonna 6 (Nomenclatura combinata) deve essere indicato il codice delle merci (8 cifre) secondo la nomenclatura combinata della tariffa doganale in vigore nel periodo a cui si riferisce l elenco (tale codice è reperibile dalla Tabella TARIC presente sul sito dell Agenzia delle Dogane); - in colonna 7 (Massa netta) deve essere inserito il peso in chilogrammi della merce; - in colonna 12 (Paese destinazione) sarà indicato il codice del Paese comunitario di destinazione delle merci (codice ISO); - in colonna 13 (Provincia origine) verrà indicata la sigla della provincia italiana di origine delle merci. Modello INTRA 1-quater Si compone delle seguenti 10 colonne: 8

9 In particolare si evidenzia che: - nelle colonne 5 e 6 (riferimento fattura) devono essere indicati gli estremi della fattura emessa (il numero e la data); - nella colonna 7 (codice servizio) andrà inserito il codice del servizio reso, reperibile dall apposita tabella presente sul sito dell Agenzia delle Dogane; - in colonna 8 (modalità di erogazione) potrà essere indicato: * il codice I (istantanea), nel caso in cui il servizio reso venga erogato in un unica soluzione; * il codice R (a più riprese), nel caso in cui il servizio reso venga erogato a più riprese; - in colonna 9 (modalità di incasso) andrà indicato: * il codice B (bonifico), nel caso in cui il servizio reso venga saldato mediante bonifico bancario; * il codice A (accredito), nel caso in cui il servizio reso venga pagato mediante accredito in conto corrente bancario o mediante carta di credito; * il codice X (altro), nel caso in cui il servizio reso venga saldato mediante modalità diverse dalle precedenti; - in colonna 10 (paese di pagamento) andrà indicato il codice ISO del Paese in cui viene effettuato il pagamento del servizio reso. Modello INTRA 2-bis Con riferimento alla compilazione di tale modello, valgono sostanzialmente le stesse considerazioni effettuate con riferimento al modello INTRA 1-bis, ad eccezione: - della colonna 5 (ammontare delle operazioni in valuta), in cui bisognerà indicare il valore della transazione nella valuta originaria (tale codice è richiesto qualora la transazione venga eseguita con un soggetto residente in un Paese che non utilizza l euro); - della colonna 15 (provincia destinazione), in cui verrà inserita la sigla della provincia italiana di destinazione delle merci. Modello INTRA 2-quater Si compone delle seguenti 11 colonne: Anche in questo caso valgono le considerazioni sviluppate in riferimento al Modello INTRA 1- quater, ad eccezione della colonna 5 (ammontare delle operazioni in valuta), in cui dovrà essere indicato l importo in valuta delle prestazioni ricevute. E inoltre necessario evidenziare come, con riferimento alle colonne 6 e 7 (data e numero fattura), la C.M. n. 14/E del ha chiarito che i dati da indicare siano quelli attribuiti dal committente italiano secondo la progressione dallo stesso seguita nella propria contabilità; ciò vale sia nel caso in cui il soggetto passivo abbia provveduto all autofatturazione che nel caso in cui abbia invece optato per l integrazione della fattura ricevuta. Modelli INTRA Rettificativi Nei modelli Intrastat rettificativi (Intra 1-ter/Intra 1-quinquies per le operazioni attive e Intra 2- ter/intra 2-quinquies per le operazioni passive) è possibile correggere dati precedentemente comunicati o, eventualmente, inserire nuovi documenti erroneamente non inseriti nel periodo di competenza. 9

10 In particolare: - i nuovi documenti (fatture) potranno essere inseriti nel modello rettificativo solo se l'elenco riepilogativo riferito al periodo di competenza del documento sia stato effettivamente presentato; - le note di variazione potranno essere indicate solo se rettificano operazioni già comunicate in precedenza. Regime sanzionatorio In base all'art.11 comma 4, del D.Lgs. 471/97 l'omessa presentazione degli elenchi riepilogativi, ovvero la loro incompleta, inesatta o irregolare compilazione, è punita con la sanzione amministrativa da 516 a euro, ridotta alla metà in caso di presentazione nel termine di 30 giorni dalla richiesta inviata dagli uffici abilitati a riceverla. La violazione può inoltre essere regolarizzata ai sensi dell'art.13, c.1, lett. b, del D.Lgs. 472/97, ricorrendo all'istituto del ravvedimento operoso, ossia: - presentando gli elenchi entro il termine di presentazione della dichiarazione Iva relativa all'anno nel corso del quale è stata commessa la violazione; 10

SERGIO VACCA & ASSOCIATI

SERGIO VACCA & ASSOCIATI SERGIO VACCA & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI STUDIO DI CONSULENZA SOCIETARIA, TRIBUTARIA E DI ECONOMIA AZIENDALE 1 ASSOCIATI DOTT. SERGIO VACCA DOTT. ALBERTO VACCA RAG. MAGDA VACCA

Dettagli

Ricordiamo tuttavia che le prestazioni accessorie vengono attratte dall operazione principale (es. addebito spese di trasporto su cessione di beni).

Ricordiamo tuttavia che le prestazioni accessorie vengono attratte dall operazione principale (es. addebito spese di trasporto su cessione di beni). 09 febbraio 2012 INTRASTAT: Periodicità degli elenchi e termini di presentazione Con la presente comunicazione si intende fornire un quadro completo dei principali adempimenti in materia di compilazione

Dettagli

Circolare n. 8. del 15 marzo 2010

Circolare n. 8. del 15 marzo 2010 Via Principe Amedeo 11 10123 Torino c.f. e p.iva 06944680013 Tel. 011 8126939 Fax. 011 8122079 Email: info@studiobgr.it www.studiobgr.it Circolare n. 8 del 15 marzo 2010 Modelli INTRASTAT - Recepimento

Dettagli

A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it. Sommario

A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it. Sommario A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it Sommario 1 - Dietro-Front della Cassazione sulla doppia contribuzione per i soci amministratori di srl "commerciali" 2

Dettagli

SERVICEPACK 16.0.0C MARZO 2010

SERVICEPACK 16.0.0C MARZO 2010 Apogeo gruppo Zucchetti SERVICEPACK 16.0.0C MARZO 2010 SOMMARIO DEGLI ARGOMENTI TRATTATI RICTEL - GESTIONE RICEVUTE TELEMATICHE INTERMEDIARI...1 ACQUISIZIONE FILE ENTRATEL...1 INTRASTAT...1 ASPETTI NORMATIVI...1

Dettagli

Informativa Clienti. del 1 marzo 2010

Informativa Clienti. del 1 marzo 2010 S T U D I O C O M M E R C I A L I S T A dott. sa Ausilia RUBIANO Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Giudice Informativa Clienti. del 1 marzo 2010 MODELLI INTRASTAT: NOVITA. Con il

Dettagli

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT EMISSIONE DELLA FATTURA PER I SERVIZI EXTRATERRITORIALI - MODALITA D INTEGRAZIONE DELLE FATTURE ESTERE PER I SERVIZI GENERICI RESI AD OPERATORI

Dettagli

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità I MODELLI INTRA Bologna, 2 Ottobre 2014 D.ssa Nadia Gentina Modelli INTRA 2010: novità La disciplina comunitaria relativa alle dichiarazioni Intrastat è stata recentemente aggiornata dalle direttive: 2008/8/CE

Dettagli

CIRCOLARE 36/E 21.06.2010

CIRCOLARE 36/E 21.06.2010 CIRCOLARE 36/E 21.06.2010 SIMONE DEL NEVO 24.06.2010 Studio Del Nevo I CHIARIMENTI Assumono rilevanza intrastat solo le prestazioni di servizio generiche disciplinate dall articolo 7 ter DPR 633/72: CICLO

Dettagli

Anno 2010 N. RF 121. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2010 N. RF 121. La Nuova Redazione Fiscale ODCEC VASTO Anno 2010 N. RF 121 La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 5 OGGETTO SANATORIA - INTRASTAT CORRETTIVO E INTEGRATIVO RIFERIMENTI D.LGS 18/2010 CM 5/2010 E 14/2010 INFO FISCO

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 13 26.03.2012 Presentazione istanza rimborso o compensazione infrannuale Entro fine aprile 2012 si dovrà presentare

Dettagli

Bolzano, lì 22/03/2010. OGGETTO: Nuovo regime dei modelli INTRASTAT

Bolzano, lì 22/03/2010. OGGETTO: Nuovo regime dei modelli INTRASTAT Wirtschaftsprüfer Dottori Commercialisti Dr. Hugo Endrizzi Dr. Elmar Weis Dr. Friedrich Alber Dr. Bernd Wiedenhofer Arbeitsrechtsberater Consulente del Lavoro Dr. Georg Innerhofer Rechtskanzlei Studio

Dettagli

Modelli INTRASTAT - Nuove modalità e termini di presentazione - Chiarimenti dell'agenzia delle Entrate.

Modelli INTRASTAT - Nuove modalità e termini di presentazione - Chiarimenti dell'agenzia delle Entrate. Page 1 of 7 ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOLARE PER LA CLIENTELA - 22/03/2010 N. 14 Modelli INTRASTAT - Nuove modalità e termini di presentazione - Chiarimenti

Dettagli

Circolare n. 3 2010. Oggetto: Modelli Intrastat.

Circolare n. 3 2010. Oggetto: Modelli Intrastat. Circolare n. 3 2010 Oggetto: Modelli Intrastat. Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 19 febbraio 2010 del decreto di recepimento delle direttive comunitarie sulla nuova disciplina Iva delle

Dettagli

IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013

IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013 Ai Gentili Clienti IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013 Di seguito si illustrano per sommi capi gli aspetti principali dei suddetti adempimenti. Scadenze Comunicazione Iva Presentazione 28/02/2013 Dichiarazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/2011 del 10 gennaio 2011

CIRCOLARE N. 1/2011 del 10 gennaio 2011 CIRCOLARE N. 1/2011 del 10 gennaio 2011 OGGETTO: NOVITᾺ FISCALI APPLICABILI DAL PERIODO D IMPOSTA 2011 Di seguito Vi segnaliamo in sintesi le principali novità introdotte per il periodo d imposta 2011,

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2012

CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2012 CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2012 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Di seguito evidenziamo i principali adempimenti del mese di aprile. Versamenti Iva mensili Scade Il 16 aprile il termine di versamento

Dettagli

Novità più rilevanti (1) parità di trattamento tra fattura cartacea e fattura elettronica libera scelta sull autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità della fatture (facilita

Dettagli

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015

Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Circolare n. 5 del 27 marzo 2015 Spesometro 2015 (operaziionii 2014), da trasmettere entro iill 10/20 dii apriille 2015 L art. 21 del D.L. n. 78 del 31 maggio 2010 ha introdotto l obbligo, per i soggetti

Dettagli

Circolare n. 13-2010. Milano, 30 Giugno 2010. Egregi Signori Clienti ELENCHI INTRASTAT

Circolare n. 13-2010. Milano, 30 Giugno 2010. Egregi Signori Clienti ELENCHI INTRASTAT Milano, 30 Giugno 2010 Egregi Signori Clienti Circolare n. 13-2010 ELENCHI INTRASTAT L'Agenzia delle Entrate con la Circolare n. 36/E del 21 giugno 2010 ha fornito importanti chiarimenti sulla disciplina

Dettagli

Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI

Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI Oggetto: ELENCHI RIEPILOGATIVI INTRASTAT - DAL 2010 OBBLIGO ESTESO ALLE PRESTAZIONI INTRACOMUNITARIE DI SERVIZI L applicazione - a partire dal 1 gennaio 2010 - de lle nuove regole riguardanti la territorialità

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER GLI ACQUISTI/CESSIONI UE E LA PRESENTAZIONE DEI MODD. INTRA

LE NUOVE REGOLE PER GLI ACQUISTI/CESSIONI UE E LA PRESENTAZIONE DEI MODD. INTRA INFORMATIVA N. 075 19 MARZO 2013 IVA LE NUOVE REGOLE PER GLI ACQUISTI/CESSIONI UE E LA PRESENTAZIONE DEI MODD. INTRA Art. 1, commi da 324 a 330, Legge n. 228/2012 DM 22.2.2010 Artt. 39, 46, 47 e 50, DL

Dettagli

Scadenzario fiscale. Luglio 2015. In evidenza questo mese. Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni

Scadenzario fiscale. Luglio 2015. In evidenza questo mese. Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Scadenzario fiscale Luglio 20 Indicazioni generali sui termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni Tutti i termini di versamento e di presentazione delle dichiarazioni, compresi gli elenchi

Dettagli

Circolare n. 6. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Territorialità delle prestazioni di servizi... 2. 3 I "nuovi" modelli Intrastat... 5

Circolare n. 6. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Territorialità delle prestazioni di servizi... 2. 3 I nuovi modelli Intrastat... 5 Circolare n. 6 Novità modelli Intrastat (D.Lgs. 18.2.2010, n. 11) Indice 1 Premessa... 2 2 Territorialità delle prestazioni di servizi... 2 3 I "nuovi" modelli Intrastat... 5 3.1 Obbligo di inclusione

Dettagli

CIRCOLARE DELLO STUDIO

CIRCOLARE DELLO STUDIO Avv. GIORGIO ASCHIERI* Rag. Comm. SIMONETTA BISSOLI* Dott. Comm. MARCO GHELLI* Dott. Comm. ALBERTO MION* Dott. Comm. ALBERTO RIGHINI* Avv. ANTONIO RIGHINI* Dott. MONICA SECCO* Avv. ORNELLA BERTOLAZZI Avv.

Dettagli

IVA - Elenchi riepilogativi delle operazioni intra-comunitarie - circolare dall'agenzia delle Entrate n. 36/E del 21 giungo 2010 - Nota

IVA - Elenchi riepilogativi delle operazioni intra-comunitarie - circolare dall'agenzia delle Entrate n. 36/E del 21 giungo 2010 - Nota IVA - Elenchi riepilogativi delle operazioni intra-comunitarie - circolare dall'agenzia delle Entrate n. 36/E del 21 giungo 2010 - Nota Come noto, la direttiva 2006/112/CE (il testo di rifusione della

Dettagli

Modello INTRASTAT: modalità di compilazione e casistiche operative

Modello INTRASTAT: modalità di compilazione e casistiche operative Modello INTRASTAT: modalità di compilazione e casistiche operative a cura di Marco Politano Torino Martedì, 08 novembre 2011 Modelli Intrastat Elenco riepilogativo delle cessioni intracomunitarie di beni

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 49 16.12.2013 Unico: ravvedimento entro il 30.12 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti A cura di Devis

Dettagli

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Novità 2013 nei rapporti internazionali Gentile cliente, Il decreto salva-infrazioni che ha recepito la Direttiva 2010/45/

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il 28 febbraio 2014 i titolari di partita Iva sono tenuti a presentare

Dettagli

IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI

IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI Chiarimenti della Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 31/E del 30 dicembre 2014 L art.

Dettagli

Milano, 30 Marzo 2010

Milano, 30 Marzo 2010 Milano, 30 Marzo 2010 Circolare 2/2010 Gentile cliente, trasmettiamo la seguente circolare riguardo alle nuove regole dei modelli intracee da presentare a partire dal 01 Gennaio 2010. A) NOVITÀ NELL INVIO

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: NUOVI CHIARIMENTI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE PARTE SECONDA

ELENCHI INTRASTAT 2010: NUOVI CHIARIMENTI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE PARTE SECONDA Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 2 luglio 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: NUOVI CHIARIMENTI DALL AGENZIA DELLE ENTRATE PARTE SECONDA Con Circolare n. 36/E/2010, l Agenzia delle Entrate

Dettagli

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 33 del 10 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

SANZIONI (tabelle di sintesi)

SANZIONI (tabelle di sintesi) (tabelle di sintesi) DELL OBBLIGO DI DICHIARAZIONE ANNUALE IVA ART. 5 - DLGS 471/1997 Dichiarazione omessa: con IVA dovuta senza IVA dovuta (IVA a credito o saldo a zero) Dichiarazione infedele con incidenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 2 2014 dell Ufficio

Dettagli

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E IL MODELLO 770 IL MODELLO F24 E CODICI TRIBUTO MAGGIORMENTE

Dettagli

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni CIRCOLARE N.18/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Roma, 10 maggio 2011 aprile 2011 OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate

Dettagli

Le operazioni Intracomunitarie

Le operazioni Intracomunitarie UR1001101000 Le operazioni Intracomunitarie Manuale Operativo Wolters Kluwer Italia s.r.l. - Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questi documenti può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 200/E

RISOLUZIONE N. 200/E RISOLUZIONE N. 200/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 02 agosto 2007 Oggetto: Istanza d interpello Art. 11, legge 27.07.2000, n. 212. Con l interpello specificato in oggetto, concernente

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 10/2010

NOTA INFORMATIVA N. 10/2010 Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA Le risposte pubblicate dalla stampa specializzata Confindustria Genova - Martedì 4 maggio 2010 D Come deve comportarsi una società italiana che abbia

Dettagli

OPERAZIONI CON L ESTERO: TEMPI E MODALITA EMISSIONE E REGISTRAZIONE FATTURE

OPERAZIONI CON L ESTERO: TEMPI E MODALITA EMISSIONE E REGISTRAZIONE FATTURE OPERAZIONI CON L ESTERO: TEMPI E MODALITA EMISONE E REGISTRAZIONE FATTURE Bologna, 2 Ottobre 2014 D.ssa Nadia Gentina SERVIZI ESTERO: MOMENTO DI EFFETTUAZIONE (ART. 6 DPR 633/72 LEGGE 217/2011) SERVIZI

Dettagli

CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013

CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013 CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2013 dell Ufficio

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 04 del 3 febbraio del 2012 Oggetto: Comunicazione annuale dati Iva anno d imposta 2011 I soggetti IVA tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale sono obbligati a trasmettere

Dettagli

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 News di approfondimento N. 25 16 Ottobre 13 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Struttura degli elenchi riepilogativi

Struttura degli elenchi riepilogativi Allegato XII SPECIFICHE TECNICHE E TRACCIATI RECORD DEGLI ELENCHI RIEPILOGATIVI DELLE CESSIONI E DEGLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI E DEI SERVIZI RESI E RICEVUTI (PRESENTAZIONE TELEMATICA ATTRAVERSO

Dettagli

Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio.

Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio. Studio Associato Cerato & Popolizio Dottori commercialisti Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio.it Dott. Sandro

Dettagli

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA

SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA SPESOMETRO 2013: 1 PREMESSA L art. 21 del DL 31.5.2010 n. 78 (conv. L. 30.7.2010 n. 122) ha introdotto l obbligo, per i soggetti passivi IVA, di comunicare in via telematica all Agenzia delle Entrate le

Dettagli

CONTROLLO FORMALE Gruppo di Lavoro Contenzioso Tributario - 29/01/2014 1

CONTROLLO FORMALE Gruppo di Lavoro Contenzioso Tributario - 29/01/2014 1 CONTROLLO FORMALE 1 Il controllo formale delle dichiarazioni Art. 36 bis Liquidazione delle imposte sulla base dei dati emergenti dalla dichiarazione dei redditi. Eseguita su tutte le dichiarazioni presentate.

Dettagli

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Gentile cliente, La informo che entro il 17 marzo prossimo scade il versamento del saldo iva per il 2013 calcolato sulla

Dettagli

I dichiarazione Intrastat Frontespizio elenco 1. I riga sezione 1. II riga sezione 1. N riga sezione 1. I riga sezione 1.

I dichiarazione Intrastat Frontespizio elenco 1. I riga sezione 1. II riga sezione 1. N riga sezione 1. I riga sezione 1. Allegato XII CARATTERISTICHE TECNICHE E CONTENUTO DEGLI ELENCHI RIEPILOGATIVI DELLE CESSIONI E DEGLI ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI E DEI SERVIZI RESI E RICEVUTI. Il flusso contenente i dati degli elenchi

Dettagli

Studio Corbella dottori commercialisti associati

Studio Corbella dottori commercialisti associati dottori commercialisti - revisori dei conti: Piero Luigi Corbella Luigi Corbella Laura Corbella Torella Giacomo Corbella Benedetta Sirtori Daniela Bruniera esperto contabile - revisore dei conti: Franco

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

SPESOMETRO 2014. Nella tabella seguente riportiamo i dati utili per la predisposizione della Comunicazione: Dati utili all adempimento

SPESOMETRO 2014. Nella tabella seguente riportiamo i dati utili per la predisposizione della Comunicazione: Dati utili all adempimento Comunicazione del 27/03/2014 SPESOMETRO 2014 Gentili Clienti, il 10 aprile 2014, per i soggetti che effettuano la liquidazione IVA mensile e il 22 aprile 2014, per gli altri soggetti, scade il termine

Dettagli

SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2014 DATORI DI LAVORO/COMMITTENTI. Entro martedì 3 giugno (il 31 maggio cade di sabato ed il 2 giugno è festivo)

SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2014 DATORI DI LAVORO/COMMITTENTI. Entro martedì 3 giugno (il 31 maggio cade di sabato ed il 2 giugno è festivo) SCADENZE DEL MESE DI GIUGNO 2014 Entro martedì 3 (il 31 maggio cade di sabato ed il 2 è festivo) DATORI DI LAVORO/COMMITTENTI. 1. Invio Modello EMens all INPS. Entro oggi gli enti associativi che abbiano

Dettagli

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2012 dell Ufficio

Dettagli

Sanzioni per indebite compensazioni

Sanzioni per indebite compensazioni Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 68 05.03.2014 Sanzioni per indebite compensazioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Come noto, in caso di effettuazione di

Dettagli

ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E.

ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E. ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E A c u r a d i : Giovanni Scagnelli Dottore Commercialista Associazione IC T Dott.C

Dettagli

Ai gentili Clienti Loro sedi INDICE

Ai gentili Clienti Loro sedi INDICE Ai gentili Clienti Loro sedi Circolare n 17 del 08.10.2010. Novità in materia di comunicazione all Agenzia delle Entrate delle operazioni con controparti localizzate in paradisi fiscali INDICE 1 Premessa...

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (SPESOMETRO) APPROFONDIMENTO E RINVIO DELLE COMUNICAZIONI

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (SPESOMETRO) APPROFONDIMENTO E RINVIO DELLE COMUNICAZIONI Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau. COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (SPESOMETRO)

Dettagli

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE 1 Entro 30 gg. dalla Comunicare all Agenzia delle Entrate la dichiarazione di fallimento sentenza di con modello di variazione dati (art. 35 Dpr 633/72). fallimento

Dettagli

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22%

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Numero circolare 2/2013 Data 8/10/2013 Redattore Davide David AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Abstract: Rif.to normativi: Dal 1.10.2013 l aliquota IVA ordinaria è aumentata dal 21% al 22%. La nuova

Dettagli

FAQ n.ro MAN-82GBT727949 Data ultima modifica 05/02/2013. Prodotto Contabilità. Modulo Contabilità - Intrastat. Oggetto Modulo Intrastat

FAQ n.ro MAN-82GBT727949 Data ultima modifica 05/02/2013. Prodotto Contabilità. Modulo Contabilità - Intrastat. Oggetto Modulo Intrastat Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-82GBT727949 Data ultima modifica 05/02/2013 Prodotto Contabilità Modulo Contabilità - Intrastat Oggetto Modulo Intrastat * in giallo le modifiche apportate rispetto

Dettagli

Documento. n. 10. Gli elenchi riepilogativi delle operazioni intracomunitarie (Modelli Intrastat)

Documento. n. 10. Gli elenchi riepilogativi delle operazioni intracomunitarie (Modelli Intrastat) Documento n. 10 Gli elenchi riepilogativi delle operazioni intracomunitarie (Modelli Intrastat) Febbraio 2011 GLI ELENCHI RIEPILOGATIVI DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (MODELLI INTRASTAT) GLI ELENCHI

Dettagli

Nella Circolare n. 36/2010 sono forniti dei chiarimenti in relazione alle riparazioni di beni.

Nella Circolare n. 36/2010 sono forniti dei chiarimenti in relazione alle riparazioni di beni. Sezione prima - Aspetti generali Operazioni soggette a rilevazione ed esclusioni Operazioni soggette a rilevazione ed esclusioni Dal 1 gennaio 2010, oggetto di riepilogo negli appositi Modelli, non sono

Dettagli

Giuseppe Alpestri La comunicazione ai fini IVA delle operazioni intercorse con soggetti stabiliti in Paesi black list.

Giuseppe Alpestri La comunicazione ai fini IVA delle operazioni intercorse con soggetti stabiliti in Paesi black list. Giuseppe Alpestri La comunicazione ai fini IVA delle operazioni intercorse con soggetti stabiliti in Paesi black list. Com è noto, l art. 1 del D.L. n. 25 marzo 2010, n. 40 (c.d. decreto incentivi ), convertito

Dettagli

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE INFORMATIVA N. 088 02 APRILE 2013 IVA IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Artt. 30 e 38-bis, DPR n. 633/72 Provvedimento Agenzia Entrate 20.3.2012 I soggetti in possesso di specifici requisiti possono

Dettagli

NOTE OPERATIVE Elaborazione Dati Fiscali (EDF) - 02/2010

NOTE OPERATIVE Elaborazione Dati Fiscali (EDF) - 02/2010 Elaborazione Dati Fiscali (EDF) - 02/2010 Sommario 1. Modello Intrastat: novità 2010... 2 Integrazione dati Intrastat... 2 Supporto magnetico... 2 Stampa Modello... 2 Consegna dichiarazioni Intrastat all'agenzia

Dettagli

REVERSE CHARGE NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO: ASPETTI SANZIONATORI

REVERSE CHARGE NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO: ASPETTI SANZIONATORI Circolare N. 22 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 22 marzo 2011 REVERSE CHARGE NELLE OPERAZIONI CON L ESTERO: ASPETTI SANZIONATORI Per le operazioni territorialmente rilevanti in Italia poste

Dettagli

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA CIRCOLARE n. 03/2010 Pesaro, 25 gennaio 2010 Spett.li Clienti Loro SEDI COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA 1 Chiarimenti compensazioni iva: 1.1 Compensazione verticale

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Prot.: 2011/16916 Alle Direzioni regionali e provinciali

CIRCOLARE N. 2/E. Prot.: 2011/16916 Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Adempimenti e Sanzioni Ufficio IVA Roma, 28 gennaio 2011 Prot.: 2011/16916 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici

Dettagli

STUDIO CIGANOTTO CINELLI MANGIONE DOTTORI COMMERCIALISTI. Spesometro per l anno 2014

STUDIO CIGANOTTO CINELLI MANGIONE DOTTORI COMMERCIALISTI. Spesometro per l anno 2014 A tutti i clienti, loro indirizzi mail Circolare n. 3/2015 del 24 marzo 2015. Spesometro per l anno 2014 Sono obbligati alla comunicazione di cui all'art. 21 del DL 78/2010 (c.d. "spesometro") tutti i

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO

LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO Periodico quindicinale FE n. 10 14 agosto 2012 LA COMUNICAZIONE DELLE DICHIARAZIONI D INTENTO ABSTRACT Il cosiddetto Decreto Semplificazioni Fiscali è intervenuto sull obbligo di comunicazione delle dichiarazioni

Dettagli

STATO CODICE ISO N.RO CARATTERE DEL CODICE IVA. Bulgaria BG 9 ovvero 10

STATO CODICE ISO N.RO CARATTERE DEL CODICE IVA. Bulgaria BG 9 ovvero 10 N. 2 del 2007 NOVITA IN MATERIA DI ELENCHI INTRASTAT ADESIONE ALL UNIONE EUROPEA DI DUE NUOVI STATI A decorrere dal 1 gennaio 2007, sono entrati a far parte dell Unione Europea due nuovi Stati: la Bulgaria

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Circolare N. 63 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Con Circolare n. 43/E/2010, l Agenzia delle Entrate risponde ad alcuni

Dettagli

STUDIO CATELLANI COMMERCIALISTI -REVISORI CONTABILI

STUDIO CATELLANI COMMERCIALISTI -REVISORI CONTABILI Circolare 13/2013 Spett.li clienti in indirizzo Reggio Emilia, li 08/010/2013 Oggetto: Elenchi clienti e fornitori riferiti al 2012 - Spesometro L. 30.7.2010, n. 122, ha, come noto, introdotto l'obbligo

Dettagli

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero 24/2014 Pagina 1 di 10 La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero : 24/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IVA COMUNICAZIONE DATI IVA PROVVEDIMENTO DIRETTORE AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

Paesi black-list: la comunicazione periodica

Paesi black-list: la comunicazione periodica Paesi black-list: la comunicazione periodica Oltre ad indicare nel Modello UNICO i costi relativi ad operazioni intraprese con paesi Black list l art. 1 D. MEF 30 marzo 2010 ha previsto un nuovo obbligo

Dettagli

Scadenziario Febbraio 2015

Scadenziario Febbraio 2015 Studio Creanza & Partners Creanza rag. Flavio D Onofrio rag. Loredana Stramazzo dott.ssa Caterina Scadenziario Febbraio 2015 1 Domenica Soggetti con partita Termine iniziale per la presentazione telematica

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista 1/6 OGGETTO COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA RELATIVA ALL ANNO 2013 RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 9 D.P.R. 7 DICEMBRE 2001 N. 435; ART. 8BIS D.P.R. 22 LUGLIO 1998 N. 322; PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA In presenza di un credito IVA risultante dalla dichiarazione annuale al contribuente è concesso di scegliere tra: il riporto all anno successivo con utilizzo

Dettagli

Informativa n. 22 INDICE. del 16 giugno 2011

Informativa n. 22 INDICE. del 16 giugno 2011 Informativa n. 22 del 16 giugno 2011 Comunicazione telematica all Agenzia delle Entrate delle operazioni rilevanti ai fini IVA di importo pari o superiore a 3.000,00 euro - Riepilogo della disciplina e

Dettagli

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA-

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Fiscalità Edilizia SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Febbraio 2015 INDICE Premessa... 3 Compensazione credito IVA... 3 Rimborsi IVA Le nuove regole dal 2015...

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2010.0.2 Applicativo: GECOM

Dettagli

NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI

NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI NUOVI ELENCHI CLIENTI-FORNITORI L art. 21, DL n. 78/2010, al fine di contrastare l evasione fiscale e le frodi in materia di IVA, ha introdotto un nuovo adempimento, quello di comunicare telematicamente

Dettagli

Quale documentazione attesta la vendita on line

Quale documentazione attesta la vendita on line Conferenza organizzata dall Associazione ICT Dott.Com Quale documentazione attesta la vendita on line Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 22 novembre

Dettagli

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 17 gennaio 2013 Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio

Dettagli

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 Sandra Migliaccio (Agenzia delle Entrate - DR Piemonte Ufficio Fiscalità Generale) Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 1 L utilizzo del credito IVA Compensazione verticale Rimborso del

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO ASPETTI GENERALI

INDICE CAPITOLO PRIMO ASPETTI GENERALI INDICE CAPITOLO PRIMO ASPETTI GENERALI 1. Quadro generale e riferimenti normativi...9 2. I soggetti obbligati alla presentazione degli elenchi Intrastat... 12 3. La struttura degli elenchi... 13 3.1 Frontespizio

Dettagli

ESEMPI DI COMPILAZIONE SUL SOFTWARE ISOIVA FATTURE DI BENI E SERVIZI IN AMBITO ISTITUZIONALE

ESEMPI DI COMPILAZIONE SUL SOFTWARE ISOIVA FATTURE DI BENI E SERVIZI IN AMBITO ISTITUZIONALE ESEMPI DI COMPILAZIONE SUL SOFTWARE ISOIVA FATTURE DI BENI E SERVIZI IN AMBITO ISTITUZIONALE Il programma è stato realizzato per gestire sia l attività istituzionale che quella commerciale. Durante l inserimento

Dettagli

ACCONTO IVA SCHEMA DI SINTESI. Versamento IVA per il mese di dicembre dell'anno precedente. x 88% = Al lordo dell'acconto IVA versato lo scorso anno.

ACCONTO IVA SCHEMA DI SINTESI. Versamento IVA per il mese di dicembre dell'anno precedente. x 88% = Al lordo dell'acconto IVA versato lo scorso anno. SOMMARIO TO SCHEMA DI SINTESI GENERALITÀ SCRITTURE CONTABILI METODI POSSIBILI PRINCIPALI ESCLUSIONI ESEMPI DI SCOMPUTO DELL ACCON APPENDICE SUL METODO ALTERNA TIVO ESEMPI DI COMPILAZIONE MOD. F2 RAVVEDIMENTO

Dettagli

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente OGGETTO: Circolare 11.2015 Seregno, 23 marzo 2015 LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente L art. 21 D.L. 78/2010 ha previsto l obbligo di comunicazione delle operazioni rilevanti

Dettagli

OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013. Principali scadenze mese di novembre 2013

OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013. Principali scadenze mese di novembre 2013 > Circ. n. 9-M/2013 PC/pf Del 04 2013 OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013 Spett.le Ditta/Società In evidenza SOMMARIO Principali scadenze mese di 2013 Modello di comunicazione polivalente delle operazioni

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: L FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT Dott. Salvatore GIORDANO Diretta 1 febbraio 2010 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLA PRESTAZIONE 1) La direttiva

Dettagli

Versamenti Iva mensili Scade oggi il termine di versamento dell'iva a debito eventualmente dovuta per il mese di giugno (codice tributo 6006).

Versamenti Iva mensili Scade oggi il termine di versamento dell'iva a debito eventualmente dovuta per il mese di giugno (codice tributo 6006). PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 LUGLIO 2013 AL 15 AGOSTO 2013 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2013 al 15 agosto 2013, con il commento dei termini di prossima scadenza. Si segnala che

Dettagli