3ULQFLSDOL QRYLWj LQ PDWHULD GL,PSRVWD VXO 9DORUH $JJLXQWR LQWURGRWWH QHO FRUVR GHO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3ULQFLSDOL QRYLWj LQ PDWHULD GL,PSRVWD VXO 9DORUH $JJLXQWR LQWURGRWWH QHO FRUVR GHO"

Transcript

1 3ULQFLSDOL QRYLWj LQ PDWHULD GL,PSRVWD VXO 9DORUH $JJLXQWR LQWURGRWWH QHO FRUVR GHO 81,1'8675,$± 5RDGVKRZ³1RYLWjILVFDOL 5RPDJHQQDLR 'RWWVVD0RQLFD9DOHQWLQR ZZZSLURODSHQQXWR]HLLW ZZZSLURODSHQQXWR]HLLW

2 3ULQFLSDOL QRYLWj LQ PDWHULD GL,PSRVWD VXO 9DORUH $JJLXQWR LQWURGRWWH QHO FRUVR GHO 1. Responsabilità IVA nei contratti di appalto/subappalto 2. Nuove regole IVA in materia di fatturazione e registrazione in vigore dal 1ƒ gennaio 2013 (/HJJH GL 6WDELOLWj ) 3. Altre novità in materia IVA (es. regime IVA per cassa, fattura semplificata, etc.)

3 $33$/7,', 23(5((6(59,=, Responsabilità solidale per il versamento all Erario dell IVA e delle ritenute sui redditi di lavoro dipendente 5LIHULPHQWLQRUPDWLYL D.L. 4 luglio 2006, n. 223, art. 35, commi 28, 28-ELV, 28- WHU Modificato dal D.L. 22 giugno 2012 n. 83, art. 13-WHU convertito dalla Legge n. 134 del 7 agosto LIHULPHQWLGLSUDVVL Circolare Agenzia delle Entrate 8 ottobre 2012, n. 40/E

4 (QWUDWDLQYLJRUHGHOOHQXRYHGLVSRVL]LRQL Ai sensi della Circolare n. 40/E dell 8 ottobre 2012 emanata dall Agenzia delle Entrate, le disposizioni di cui all art. 13-WHU del D.L. 22 giugno 2012 n. 83, si applicano ai pagamenti eseguiti GDOO RWWREUH a fronte di contratti di appalto/subappalto stipulati a partire GDODJRVWR VWLSXODWR ILQR DOO DJRVWR La norma non si applica &2175$772 VWLSXODWR DSDUWLUHGDODJRVWR 3DJDPHQWLDQWH RWWREUH La norma non si applica 3DJDPHQWLSRVW RWWREUH La norma si applica

5 '/QDUWFRPPD ³,Q FDVR GL DSSDOWR GL RSHUH R GL VHUYL]L O DSSDOWDWRUH ULVSRQGH LQ VROLGR FRQ LO VXEDSSDOWDWRUH QHL OLPLWL GHOO DPPRQWDUH GHO FRUULVSHWWLYR GRYXWR GHO YHUVDPHQWR DOO HUDULR GHOOH ULWHQXWH ILVFDOL VXL UHGGLWL GL ODYRUR GLSHQGHQWH H GHO YHUVDPHQWR GHOO,9$ GRYXWD GDO VXEDSSDOWDWRUH DOO HUDULR LQ UHOD]LRQH DOOH SUHVWD]LRQL HIIHWWXDWH QHOO DPELWR GHO UDSSRUWR GL VXEDSSDOWR /D UHVSRQVDELOLWj VROLGDOH YLHQH PHQR VH O DSSDOWDWRUH YHULILFD DFTXLVHQGR OD GRFXPHQWD]LRQH SULPD GHO YHUVDPHQWR GHO FRUULVSHWWLYR FKH JOL DGHPSLPHQWL GL FXL DO SHULRGR SUHFHGHQWH VFDGXWL DOOD GDWD GHO YHUVDPHQWR VRQR VWDWL FRUUHWWDPHQWH HVHJXLWL GDO VXEDSSDOWDWRUH «

6 '/QDUWFRPPDVHJXH «/ DWWHVWD]LRQH GHOO DYYHQXWR DGHPSLPHQWR GHJOL REEOLJKL GL FXL DO SULPR SHULRGR SXz HVVHUH ULODVFLDWD DQFKH DWWUDYHUVR XQ DVVHYHUD]LRQH GHL VRJJHWWL GL FXL DOO DUW GHO '/JV Q H DOO DUWLFROR FRPPD OHWWHUD D GHO UHJRODPHQWR GL FXL DO '35 Q / DSSDOWDWRUH SXz VRVSHQGHUH LO SDJDPHQWR GHO FRUULVSHWWLYR ILQR DOO HVLEL]LRQH GHOOD SUHGHWWD GRFXPHQWD]LRQH GD SDUWH GHO VXEDSSDOWDWRUH *OL DWWL FKH GHYRQR HVVHUH QRWLILFDWL HQWUR XQ WHUPLQH GL GHFDGHQ]D DO VXEDSSDOWDWRUH VRQR QRWLILFDWL HQWUR OR VWHVVR WHUPLQH DQFKH DO UHVSRQVDELOH LQ VROLGR

7 '/QDUWFRPPDVHJXH 5HVSRQVDELOLWjVROLGDOH Soggetto responsabile in solido Ambito della responsabilità Esclusione Appaltatore Versamenti dovuti dal subappaltatore per: - Ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente; -Imposta sul valore aggiunto UHODWLYLDOUDSSRUWRGL DSSDOWRVXEDSSDOWR Verifica dell assolvimento da parte del subappaltatore degli adempimenti erariali oggetto di responsabilità solidale, SULPDGHO SDJDPHQWRGHO FRUULVSHWWLYR

8 '/QDUWFRPPDVHJXH /LPLWLDOODUHVSRQVDELOLWjVROLGDOH Limite quantitativo Limite temporale Tutela Corrispettivo dovuto dall appaltatore Termine di prescrizione delle irregolarità commesse Nel caso in cui non venga fornita adeguata documentazione comprovante l esecuzione degli adempimenti erariali l appaltatore può VRVSHQGHUH LSDJDPHQWL nei confronti dei subappaltatori

9 '/QDUWFRPPDVHJXH 3URYDGHOO DYYHQXWRDGHPSLPHQWR SURYHDOWHUQDWLYH 1) Acquisizione diretta della documentazione comprovante la regolarità dei versamenti (Modd. F24, prospetti paga etc.) 2) Asseverazione da parte di un CAF, commercialista, ragioniere e consulente del lavoro 3) Dichiarazione sostitutiva rilasciata dal subappaltatore ai sensi del D.P.R. n. 445/2000 7DOHSRVVLELOLWjqVWDWDSUHYLVWDGDOOD&LUFRODUH Q(DOORVFRSRGLVHPSOLILFDUH O DSSOLFD]LRQHGHOODQRUPDWLYD

10 '/QDUWFRPPDVHJXH,QGLFD]LRQLGDIRUQLUHQHOODGLFKLDUD]LRQHVRVWLWXWLYD &LUFRODUHQ(GHO Periodo nel quale l IVA relativa alle fatture concernenti i lavori eseguiti è stata liquidata, specificando se dalla suddetta liquidazione è scaturito un versamento di imposta, ovvero se in relazione alle fatture oggetto del contratto è stato applicato il regime dell IVA per cassa oppure la disciplina del UHYHUVHFKDUJH Periodo nel quale le ritenute sono state versate Estremi dei Modd. F24 con i quali i versamenti dell IVA e delle ritenute sono stati effettuati Affermazione che l IVA e le ritenute versate includono quelle riferibili al contratto di appalto/subappalto per il quale la dichiarazione viene resa,qgdwdrwwreuho $1&(KDUHGDWWRXQD ER]]DGL³GLFKLDUD]LRQHVRVWLWXWLYDGLFHUWLILFD]LRQH DLVHQVLGHOO DUWGHO'35Q

11

12 '/QDUWFRPPDELV ³,O FRPPLWWHQWH SURYYHGH DO SDJDPHQWR GHO FRUULVSHWWLYR GRYXWR GDOO DSSDOWDWRUH SUHYLD HVLEL]LRQH GD SDUWH GL TXHVW XOWLPR GHOOD GRFXPHQWD]LRQH DWWHVWDQWH FKH JOL DGHPSLPHQWL GL FXL DO FRPPD VFDGXWL DOOD GDWD GHO SDJDPHQWR GHO FRUULVSHWWLYR VRQR VWDWL FRUUHWWDPHQWH HVHJXLWL GDOO DSSDOWDWRUH H GDJOL HYHQWXDOL VXEDSSDOWDWRUL,O FRPPLWWHQWH SXz VRVSHQGHUH LO SDJDPHQWR GHO FRUULVSHWWLYR ILQR DOO HVLEL]LRQH GHOOD SUHGHWWD GRFXPHQWD]LRQH GD SDUWH GHOO DSSDOWDWRUH / LQRVVHUYDQ]D GHOOH PRGDOLWj GL SDJDPHQWR SUHYLVWH D FDULFR GHO FRPPLWWHQWH q SXQLWD FRQ OD VDQ]LRQH DPPLQLVWUDWLYD SHFXQLDULD GD (XUR D (XUR VH JOL DGHPSLPHQWL GL FXL DO FRPPD QRQ VRQR VWDWL FRUUHWWDPHQWH HVHJXLWL GDOO DSSDOWDWRUH H GDO VXEDSSDOWDWRUH $L ILQL GHOOD SUHGHWWD VDQ]LRQH VL DSSOLFDQR OH GLVSRVL]LRQL SUHYLVWH SHU OD YLROD]LRQH FRPPHVVD GDOO DSSDOWDWRUH

13 '/QDUWFRPPDVHJXH 0RGLILFKHDSSRUWDWHGDOO DUWWHU WHU'/Q Ha eliminato la responsabilità solidale del committente Ha eliminato il limite temporale dei due anni dalla cessazione dell appalto entro i quali l appaltatore è responsabile Ha modificato la precedente formulazione nella parte in cui prevedeva che l appaltatore era dispensato da responsabilità dimostrando GLDYHUPHVVRLQDWWRWXWWHOHFDXWHOHSRVVLELOLSHU HYLWDUHO LQDGHPSLPHQWR. Tuttavia, tali cautele non erano individuate dal legislatore, prestando il fianco a diverse possibili interpretazioni suscettibili di contestazioni.

14 '/QDUWFRPPDELV VHJXH 5HVSRQVDELOLWjVDQ]LRQDWRULD Soggetto responsabile Ambito della responsabilità Esclusione Tutela Committente Obbligo di controllo della regolarità dei versamenti dell appaltatore e degli eventuali subappaltatori. In caso contrario sarà applicata una sanzione compresa tra ¼ ed ¼ Richiesta all appaltatore della documentazione comprovante la corretta esecuzione degli adempimenti erariali sia propri che di eventuali subappaltatori Possibilità di VRVSHQGHUH LSDJDPHQWL

15 '/QDUWFRPPDWHUWHU ³/H GLVSRVL]LRQL GL FXL DL FRPPL H ELV VL DSSOLFDQR LQ UHOD]LRQH DL FRQWUDWWL GL DSSDOWR H VXEDSSDOWR GL RSHUH IRUQLWXUH H VHUYL]L FRQFOXVL GD VRJJHWWL FKH VWLSXODQR L SUHGHWWL FRQWUDWWL QHOO DPELWR GL DWWLYLWj ULOHYDQWL DL ILQL GHOO LPSRVWD VXO YDORUH DJJLXQWR H LQ RJQL FDVR GDL VRJJHWWL GL FXL DJOL DUWLFROL H GHO WHVWR XQLFR GHOOH LPSRVWH VXL UHGGLWL GL FXL DO GHFUHWR GHO 3UHVLGHQWH GHOOD 5HSXEEOLFD GLFHPEUH Q H VXFFHVVLYH PRGLILFD]LRQL 6RQR HVFOXVH GDOO DSSOLFD]LRQH GHOOH SUHGHWWH GLVSRVL]LRQL OH VWD]LRQL DSSDOWDQWL GL FXL DOO DUWLFROR FRPPD GHO FRGLFH GHL FRQWUDWWL SXEEOLFL UHODWLYL D ODYRUL VHUYL]L H IRUQLWXUH GL FXL DO GHFUHWR OHJLVODWLYR DSULOH Q

16 '/QDUWFRPPDWHUWHU VHJXH $PELWRGLDSSOLFD]LRQHGHLFRPPLHELV ELV Ambito oggettivo Contratti di DSSDOWR e VXEDSSDOWR di opere, forniture e servizi 'RYUHEEHUR essere esclusi, dunque, i contratti d opera ed i contratti di cessione con posa in opera Ambito soggettivo Contratti stipulati tra : - Soggetti che operano nell ambito di attività rilevanti ai fini IVA - Soggetti passivi ai fini IRES - Stato ed Enti pubblici Sono espressamente escluse le VWD]LRQLDSSDOWDQWL di cui all art. 3, comma 33, D.Lgs. n. 163 del 12 aprile 2006

17 '/QDUWFRPPDWHUWHU VHJXH 3HUVWD]LRQLDSSDOWDQWLVLIDULIHULPHQWRD ƒ Amministrazioni dello Stato; ƒ Enti pubblici territoriali; ƒ Altri enti pubblici non economici; ƒ Organismi di diritto pubblico; ƒ Associazioni, unioni, consorzi, comunque denominati, costituiti da detti soggetti; ƒ Concessionari di lavori pubblici che non sono amministrazioni aggiudicatrici; ƒ Società con capitale pubblico che non sono organismi di diritto pubblico Non paiono, invece, sottrarsi dalla disciplina in commento anche i rispettivi aventi causa (appaltatori/subappaltatori).

18 'XEELLQHUHQWLO DSSOLFD]LRQHGHOODYLJHQWHGLVFLSOLQD $ 6L DSSOLFD DL VROR FRQWUDWWL FDUDWWHUL]]DWD GDOOD SUHVHQ]D GL VXEDSSDOWL" 6HPEUHUHEEHGL12 anche sulla base del tenore letterale del comma 28-bis che riferisce di HYHQWXDOL subappaltatori % 9DOH SHU WXWWL L FRQWUDWWL GL DSSDOWR LQGLSHQGHQWHPHQWH GDO VHWWRUH" 9LVRQRSDUHULGLVFRUGDQWLLQPHULWR, considerato che l art. 13-WHU in commento è contenuto nel Titolo I del Capo III intitolato 0LVXUH SHUO HGLOL]LD, alcuni propendono per l applicazione al solo settore dell edilizia; altri (si veda 9LGHRIRUXP di ItaliaOggi), invece, ritengono che la disciplina sia applicabile a tutti i settori, essendo la norma in questione sostitutiva del comma 28, dell art.35 del D.L. n. 223/2006, il cui campo di applicazione non era circoscritto al settore dell edilizia.

19 'XEELLQHUHQWLO DSSOLFD]LRQHGHOODYLJHQWHGLVFLSOLQD & &RVD VXFFHGH LQ FDVR GL YHUVDPHQWL SDU]LDOL GHOO,9$" 4XDOH q LO FULWHULR FRQ LO TXDOH q SRVVLELOH LPSXWDUH O,9$ YHUVDWD D FLDVFXQ FRQWUDWWR GL DSSDOWRVXEDSSDOWR" 1RQGRYUHEEHHVVHUHYDOLGRXQSDJDPHQWRSDU]LDOH GHOO,9$GRYXWDQHOODOLTXLGD]LRQHSHULRGLFDLQFXLVRQR UHJLVWUDWHOHIDWWXUHHPHVVHDIURQWH GHOO DSSDOWRVXEDSSDOWRJOLDGHPSLPHQWL,9$VRQRLQIDWWL ³DGHPSLPHQWLSHUPDVVD ' 1HOOD YLJHQWH GLVFLSOLQD VRQR FRPSUHVL DQFKH L UDSSRUWL GL ODYRUR SDUDVXERUGLQDWR" 6LSRWUHEEHDIIHUPDUHGLVL, applicando in via analogica l interpretazione fornita nella Circolare INAIL n. 54 dell 11 ottobre 2012 a proposito della disciplina della responsabilità solidale in tema di contributi (di cui al D.Lgs. 10 settembre 2003 n. 276, art. 29, comma 2)

20 'XEELLQHUHQWLO DSSOLFD]LRQHGHOODYLJHQWHGLVFLSOLQD ( 4XDOH q OD VRUWH GHL FRQWUDWWL VWLSXODWL ILQR DOO DJRVWR RJJHWWR GL ULQQRYR" 6LLSRWL]]D che (si veda 9LGHRIRUXP ItaliaOggi) la norma non trovi applicazione in caso di rinnovo tacito, mentre GRYUHEEH WURYDUHDSSOLFD]LRQH in caso di rinnovo modificativo di una o più clausole (non meramente marginali) ) /D QRUPDWLYD VL DSSOLFD TXDQGR XQD GHOOH SDUWL q XQ VRJJHWWR QRQ UHVLGHQWH" La responsabilità solidale/sanzionatoria è collegata necessariamente a quella principale dell appaltatore o subappaltatore, e se quest ultimo fosse un soggetto non residente, la sua responsabilità HVXOHUHEEHGDOODFRPSHWHQ]DGHOQRVWUR OHJLVODWRUH

21 'XEELLQHUHQWLO DSSOLFD]LRQHGHOODYLJHQWHGLVFLSOLQD * /D UHVSRQVDELOLWj GHOO DSSDOWDWRUH q HVWHVD DOO LQWHUR FRUULVSHWWLYR FRQWUDWWXDOPHQWH SUHYLVWR D IDYRUH GHO VXEDSSDOWDWRUH RYYHUR DO VROR FRUULVSHWWLYR DQFRUD GRYXWR DO PRPHQWR GHOO LQDGHPSLPHQWR GHO VXEDSSDOWDWRUH" Valutando con ragionevolezza la normativa dovrebbe propendersi per la seconda interpretazione (sulla scorta anche del dato letterale della norma che parla di corrispettivo dovuto e non di corrispettivo pattuito ). (PHQGDPHQWLSURSRVWLHQRQDSSURYDWL HPHQGDPHQWLSUHVHQWDWLDO'/FUHVFLWDQ Possibilità di asseverazione da parte della società di revisione; Previsione per l appaltatore del beneficio di previa escussione del patrimonio del responsabile dell inadempimento; Esclusione della responsabilità solidale per le sanzioni civili.

22 5HJROHLQWHPDGLIDWWXUD]LRQHHUHJLVWUD]LRQHDLILQL,9$OH QXRYHUHJROHLQWURGRWWHGDOOD/HJJHGL6WDELOLWj Momento di effettuazione delle operazioni intracomunitarie B-to-B Tempistica della fatturazione per operazioni %WR %con soggetti UE ed Extra-UE Integrazione delle fatture intracomunitarie Nuovi obblighi di fatturazione Modifiche ai dati minimi da indicare in fattura Fattura semplificata Fattura elettronica

23 0RPHQWRGLHIIHWWXD]LRQHGHJOLDFTXLVWLHGHOOHFHVVLRQL LQWUDFRPXQLWDULHGLEHQL $FTXLVWLLQWUDFRPXQLWDULPRPHQWRGL HIIHWWXD]LRQHILQRDOGLFHPEUH Trasporto a cura del cedente o di terzi Trasporto a cura del cessionario con suoi mezzi 0RPHQWRGLHIIHWWXD]LRQH: consegna al cessionario nel territorio dello Stato 0RPHQWRGLHIIHWWXD]LRQH: arrivo nel luogo di destinazione

24 0RPHQWRGLHIIHWWXD]LRQHGHJOLDFTXLVWLHGHOOHFHVVLRQL LQWUDFRPXQLWDULHGLEHQL $FTXLVWL&HVVLRQLLQWUDFRPXQLWDULHGLEHQL PRPHQWRGLHIIHWWXD]LRQHGDOƒ JHQQDLR Trasporto a cura del cedente o di terzi Trasporto a cura del cessionario con suoi mezzi 0RPHQWRGLHIIHWWXD]LRQH: $UWFRPPDGHO'/Q 0RPHQWRGHOOD3DUWHQ]D Inizio del trasporto o della spedizione all acquirente o a terzi per suo conto dal Territorio dello Stato (cessioni) ovvero da quello dello Stato membro di provenienza dei beni (acquisti)

25 0RPHQWRGLHIIHWWXD]LRQHGHJOLDFTXLVWLHGHOOHFHVVLRQL LQWUDFRPXQLWDULHGLEHQL $FTXLVWL&HVVLRQLLQWUDFRPXQLWDULHGLEHQL PRPHQWRGLHIIHWWXD]LRQHGDOƒ JHQQDLR 0RPHQWRGLHIIHWWXD]LRQH: $UWFRPPDGHO'/Q 0RPHQWRGHOOD3DUWHQ]D Esempio: nel caso di un camion che parte dalla Spagna e che prevede consegna in tutta Europa (l ultima delle quali in Italia), potrebbe trascorrere un notevole lasso temporale tra la partenza e l arrivo in Italia al cessionario ivi stabilito. Problemi nella tempestività della documentazione relativa all acquisto.

26 0RPHQWRGLHIIHWWXD]LRQHGHJOLDFTXLVWLHGHOOHFHVVLRQL LQWUDFRPXQLWDULHGLEHQL $FTXLVWL&HVVLRQLLQWUDFRPXQLWDULHGLEHQL PRPHQWRGLHIIHWWXD]LRQHGDOƒ JHQQDLR 0RPHQWRGLHIIHWWXD]LRQH: $UWFRPPDGHO'/Q 6HDQWHULRUPHQWHDOYHULILFDUVLGHOOHYHQWRLQGLFDWRQHOFRPPDq VWDWDHPHVVDODIDWWXUDUHODWLYDDGXQRSHUD]LRQHLQWUDFRPXQLWDULD ODPHGHVLPDVLFRQVLGHUDHIIHWWXDWDOLPLWDWDPHQWHDOOLPSRUWR IDWWXUDWRDOODGDWDGHOODIDWWXUD $QWHPRGLILFKH nella versione previgente anche il pagamento anticipava il momento di effettuazione dell operazione degli acquisti/cessioni intracomunitari di beni.

27 0RPHQWRGLHIIHWWXD]LRQHGHOOHSUHVWD]LRQLWUDXQVRJJHWWRSDVVLYR VWDELOLWRLQ,WDOLDHGXQVRJJHWWRFKHQRQqLYLVWDELOLWR 7LSRORJLD GLRSHUD]LRQH 0RPHQWRGLHIIHWWXD]LRQH GHOO RSHUD]LRQH 5LIHULPHQWR QRUPDWLYR Servizi generici Servizi generici di carattere periodico / continuativo Servizi specifici Momento di ultimazione della prestazione o, se antecedente, momento del pagamento Momento di maturazione del corrispettivo o, se antecedente, momento del pagamento Momento del pagamento o, se antecedente, di emissione della fattura (UHJRODJHQHUDOH) Art. 6, comma 6, D.P.R. 633/1972 Art. 6, comma 6, D.P.R. 633/1972 Art. 7-TXDWHUe 7- TXLQTXHVD.P.R. 633/1972 La Legge di Stabilità per il 2013 QRQKDPRGLILFDWR le regole relative al momento di effettuazione delle operazioni: 1%/ HPLVVLRQHDQWLFLSDWDGHOODIDWWXUDQRQGHWHUPLQDO DQWLFLSD]LRQHGHO PRPHQWRGLHIIHWWXD]LRQHGHLVHUYL]LJHQHULFL 7XWWDYLDSHULVHUYL]LJHQHULFLUHVLGDSUHVWDWRULFRPXQLWDULVLSRVVRQR FRQVLGHUDUHDQFRUDYDOLGHOHLQGLFD]LRQLFRQWHQXWHQHOOD&LUFRODUHQ( GHOVHFRQGRFXLODULFH]LRQHGHOODIDWWXUDSXzHVVHUHULWHQXWDXQ LQGLFHGHOIDWWRFKHODSUHVWD]LRQHqVWDWDHVHJXLWDHXOWLPDWD

28 /HSULQFLSDOLPRGLILFKHLQWURGRWWHGDOOD/HJJHGL6WDELOLWj 5HJRODJHQHUDOH La fattura è emessa al momento di effettuazione dell operazione, determinato a norma dell art. 6 del D.P.R. n. 633/1972 Servizi specifici UHVLD soggetti passivi UE e Extra-UE Servizi specifici ULFHYXWL GD soggetti Extra-UE Emissione della IDWWXUD al momento di effettuazione dell operazione (regola generale di cui all art. 6) Emissione GHOO DXWRIDWWXUD al momento di effettuazione dell operazione (regola generale di cui all art. 6) D.P.R. 633/1972 art. 21, co. 4, lett. c) e d) D.P.R. 633/1972 art. 21, co. 4, lett. c) e d) Servizi specifici ULFHYXWL GD soggetti UE $SSOLFD]LRQHGHLWHUPLQLGLFXLDJOL DUWWHGHO'/Q D.P.R. 633/1972 art. 17, co. 2, e D.L. 331/1993 artt. 46 e 47 0RGLIGDOOD /HJJHGLVWDELOLWj

29 /HSULQFLSDOLPRGLILFKHLQWURGRWWHGDOOD/HJJHGL6WDELOLWj 5HJRODJHQHUDOH La fattura è emessa al momento di effettuazione dell operazione, determinato a norma dell art. 6 del D.P.R. n. 633/1972 'HURJKHLQWURGRWWHGDOOD/HJJHGL6WDELOLWj Servizi generici UHVL D soggetti passivi UE ed Extra-UE Servizi generici ULFHYXWL GD soggetti Extra-UE Servizi generici ULFHYXWL GD soggetti UE Emissione della IDWWXUD entro il JLRUQR del mese successivo a quello di effettuazione dell operazione (ultimazione o pagamento) Emissione dell autofattura entro il giorno 15 del mese successivo a quello di ricezione $SSOLFD]LRQHGHLWHUPLQLGLFXLDJOL DUWWHGHO'/Q D.P.R. 633/1972 art. 21, co. 4, lett. d) 0RGLIGDOOD/HJJHGL VWDELOLWj D.P.R. 633/1972 art. 21, co. 4, lett. d) 0RGLIGDOOD/HJJHGL VWDELOLWj D.P.R. 633/1972 art. 17, co. 2, e D.L. 331/1993 artt. 46 e 47 0RGLIGDOOD /HJJHGLVWDELOLWj,QWDOLIDWWLVSHFLHQRQYLqSLO REEOLJRGLIDWWXUD]LRQHLPPHGLDWD

30 /HSULQFLSDOLPRGLILFKHLQWURGRWWHGDOOD/HJJHGL6WDELOLWj Acquisti di beni da soggetti passivi UE $SSOLFD]LRQHGHLWHUPLQLGLFXLDJOL DUWWHGHO'/Q D.P.R. 633/1972 art. 17, co. 2, e D.L. 331/1993 artt. 46 e 47 0RGLIGDOOD /HJJHGLVWDELOLWj

31 2EEOLJRJHQHUDOL]]DWRGLLQWHJUD]LRQHGHOOHIDWWXUHULFHYXWHGDVRJJHWWL8( Per le FHVVLRQLGLEHQLROHSUHVWD]LRQLGLVHUYL]L rese da un soggetto passivo stabilito in un altro Stato membro UE e territorialmente rilevanti in Italia, il cessionario o committente stabilito in Italia adempie gli obblighi di fatturazione e di registrazione secondo le disposizioni degli art. 46 e 47 del D.L. n. 331/1993 Estensione della procedura di integrazione agli DFTXLVWLGL EHQL ed alle prestazioni di servizi anche QRQJHQHULFL Non è più prevista l emissione di autofattura per le operazioni intracomunitarie, salvo nel caso di regolarizzazione Integrazione della fattura entro il giorno 15 del mese successivo a quello di ricezione Art. 17, co. 2, D.P.R. 633/1972 0RGLIGDOOD /HJJHGLVWDELOLWj Art. 46, co. 5, D.L. 331/1993 0RGLIGDOOD /HJJHGLVWDELOLWj Art. 47, co. 1 D.L. 331/1993 0RGLIGDOOD /HJJHGLVWDELOLWj La fattura deve essere registrata nel registro delle fatture emesse entro il termine di integrazione: entro il JLRUQR del mese successivo a quello di ricezione con riferimento a quello precedente La fattura deve essere registrata nel registro degli acquisti, nei termini previsti per l esercizio del diritto alla detrazione Art. 47, co. 1, D.L. 331/1993 0RGLIGDOOD /HJJHGLVWDELOLWj Art. 47, co. 1, D.L. 331/1993 e artt. 19 e 25, D.P.R. 633/1972 $QWHPRGLILFKH l integrazione doveva essere effettuata entro il mese di ricevimento ovvero anche successivamente, ma comunque HQWURJLRUQLdal ricev. della fattura

32 2EEOLJRJHQHUDOL]]DWRGLLQWHJUD]LRQHGHOOHIDWWXUHULFHYXWHGDVRJJHWWL8( Per le FHVVLRQLGLEHQLROHSUHVWD]LRQLGLVHUYL]L rese da un soggetto passivo stabilito in un altro Stato membro UE e territorialmente rilevanti in Italia, il cessionario o committente stabilito in Italia adempie gli obblighi di fatturazione e di registrazione secondo le disposizioni degli art. 46 e 47 del D.L. n. 331/1993 disposizioni degli art. 46 e 47 del D.L. n. 331/1993 Mancata ricezione della fattura intracomunitaria Se non è ricevuta entro il VHFRQGRPHVH successivo a quello di effettuazione dell operazione deve essere emessa DXWRIDWWXUD entro il JLRUQRGHOWHU]RPHVH VXFFHVVLYR D.L. 331/1993 art. 46, co. 5 0RGLI GDOOD/HJJHGL VWDELOLWj La fattura deve essere registrata nel registro delle fatture emesse entro il termine di emissione La fattura deve essere registrata nel registro degli acquisti, nei termini previsti per l esercizio del diritto alla detrazione Art. 47, co. 1, D.L. 331/1993 0RGLIGDOOD /HJJHGLVWDELOLWj Art. 47, co. 1, D.L. 331/1993 e artt. 19 e 25, D.P.R. 633/1972

33 1XRYLREEOLJKLGLIDWWXUD]LRQH Dal 2013 sarà obbligatoria l emissione della fattura per le operazioni (cessioni di beni / prestazioni di servizi) fuori campo IVA per carenza del presupposto della territorialità ai sensi degli artt. da 7 a 7-VHSWLHVdel D.P.R. n. 633/1972 $UWFRELV '35 LQWURGRWWRGDOO DUWFRPPD OHWWGQGHOO XOWLPD³/HJJHGL 6WDELOLWj

34 1XRYLREEOLJKLGLIDWWXUD]LRQH 2SHUD]LRQLULHQWUDQWLQHOQXRYRREEOLJR Cessioni di beni e prestazioni di servizi (diverse da quelle esenti di cui all art. 10, nn. dal n. 1) al n. 4), e 9) = operazioni finanziarie), effettuate nei confronti di un soggetto passivo che è debitore d imposta in altro Stato UE Cessioni di beni e prestazioni di servizi che si considerano effettuate al di fuori dell Unione Europea $QQRWD]LRQHGDLQGLFDUHLQIDWWXUD LQOXRJRGHOO DPPRQWDUHGHOO LPSRVWD ³,QYHUVLRQHFRQWDELOH ³2SHUD]LRQHQRQVRJJHWWD

35 1XRYLREEOLJKLGLIDWWXUD]LRQHHIIHWWL Dal 1ƒ gennaio 2013 le operazioni non rilevanti territorialmente concorrono alla formazione del 9ROXPHG $IIDUL ai fini IVA del cedente/prestatore di servizi,qioxhq]dshuwxwwljollvwlwxwlhgdghpslphqwlfkh IDQQRULIHULPHQWRDOYROXPHG DIIDUL (es. regime dell IVA per cassa, regime dei minimi, periodicità liquidazione IVA, rimborsi IVA ai sensi dell art. 30, co. 3, let. b) del D.P.R. 633/1972 per operazioni non imponibile > 25% del volume d affari)

36 1XRYLREEOLJKLGLIDWWXUD]LRQHHIIHWWL Le operazioni non rilevanti territorialmente NON generano SODIRQG e NON rilevano ai fini dell acquisizione dello 6WDWXVGLHVSRUWDWRUH DELWXDOHPRGLILFDGHOO DUWGHO'/ Le cessioni di beni non rilevanti territorialmente dovranno essere incluse nelle &RPXQLFD]LRQL%ODFN /LVW se il cessionario è residente in un Paese EODFN OLVW qjljsuhylvwro REEOLJRGLLQFOXVLRQHGHOOHSUHVWD]LRQLGL VHUYL]LSULYHGHOUHTXLVLWRGHOODWHUULWRULDOLWjDUWGHO'0 DJRVWR D.L. n. 746/1983, art. 1, co. 1let. a), PRGLILFDWRGDOFRPPD GHOOD/HJJHGL6WDELOLWj

37 1XRYLREEOLJKLGLIDWWXUD]LRQH 1XRYDIDWWLVSHFLHVDQ]LRQDELOH Violazione Sanzione Riferimento normativo Mancata emissione della fattura e/o mancata registrazione entro i termini previsti dalla legge, di operazioni non imponibili, esenti o QRQVRJJHWWHDG,9$ Se rilevante ai fini del reddito Se non rilevante ai fini del reddito Dal 5 al 10% del corrispettivo non documentato o non registrato (minimo ¼ 516) Da ¼ 258,23 a ¼ 2.065,83 Art. 6, comma 2, D.Lgs. n. 471/1997 $QWHPRGLILFKH in precedenza erano sanzionate esclusivamente le violazioni (omessa documentazione e/o registrazione) relative alle operazioni non imponibili o esenti

38 'DWL³PLQLPL REEOLJDWRULGHOODIDWWXUD DUWFRPPDGHO'35Q Data di emissione 'DOƒ JHQQDLR Numero progressivo che la identifichi in modo univoco Ditta, denominazione o ragione sociale, nome cognome, residenza o domicilio del soggetto cedente o prestatore, del rapp. fiscale, nonché ubicazione stabile organizzazione per i soggetti non residenti Numero di Partita IVA del soggetto cedente o prestatore Ditta, denominazione o ragione sociale, nome cognome, residenza o domicilio del soggetto cessionario o committente, del rapp. fiscale, nonché ubicazione stabile organizzazione per i soggetti non residenti Numero di Partita IVA del soggetto cessionario o committente che agisce nell esercizio di impresa, arte o professione, ovvero, in caso di soggetto passivo stabilito in altro Stato UE, numero di identificazione IVA attribuito dallo Stato membro di stabilimento )LQRDOGLFHPEUH La fattura è datata La fattura è numerata in ordine progressivo per anno solare Stessi dati Stessi dati Stessi dati Stessi dati

39 'DWL³PLQLPL REEOLJDWRULGHOODIDWWXUD DUWFRPPDGHO'35Q 'DOƒ JHQQDLR Codice fiscale del soggetto cessionario o committente residente o domiciliato nel territorio dello Stato che NON agisce nell esercizio di impresa, arte o professione Natura, quantità e qualità dei beni e dei servizi formanti oggetto dell operazione Corrispettivi relativi agli altri beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono Aliquota, ammontare dell imposta e dell imponibile con arrotondamento al centesimo di euro. Data della prima immatricolazione o iscrizione in pubblici registri e numero dei chilometri percorsi, delle ore navigate o delle ore volate, se trattasi di cessione intracomunitaria di mezzi di trasporto nuovo (art. 38, c. 4, D.L. n. 331/1993) )LQRDOGLFHPEUH Dati non previsti Stessi dati Valore normale degli altri beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono Stessi dati Stessi dati

40 'DWL³PLQLPL REEOLJDWRULGHOODIDWWXUD DUWFRPPDGHO'35Q 'DOƒ JHQQDLR Annotazione che la fattura è stata emessa per conto del cedente o prestatore, dal cessionario o committente ovvero da un terzo )LQRDOGLFHPEUH Annotazione che la stessa è compilata dal cliente ovvero, per conto del cedente o prestatore, da un terzo

41 'DWL³PLQLPL REEOLJDWRULGHOODIDWWXUD DUWFRPPDGHO'35Q La Legge di Stabilità ha introdotto il concetto di LGHQWLILFD]LRQH XQLYRFDin attuazione della Direttiva 2006/112/CE in materia di fatturazione 5LVROX]LRQH$JHQ]LD(QWUDWHJHQQDLRQ( ( ULWHQXWRDPPLVVLELOHDGRWWDUHDQFKHXQD QXPHUD]LRQHGLYHUVDGDOVHPSOLFHQXPHURFKH SUHYHGDLOQXPHURHO DQQRGLULIHULPHQWR HWFIHUPRUHVWDQGRO REEOLJRGL LQGLFDUHLQRJQLFDVRDQFKHODGDWDLQIDWWXUD

42 'DWL³PLQLPL REEOLJDWRULGHOODIDWWXUD DUWFRPPDGHO'35Q 5LVROX]LRQH$JHQ]LD(QWUDWHJHQQDLRQ( +DFKLDULWRFKHO LGHQWLILFD]LRQHLQPRGRXQLYRFRGHOODIDWWXUD VLRWWLHQHPHGLDQWHLOULIHULPHQWRDOODGDWDGHOODIDWWXUD 3HUWDQWRLOVRJJHWWRSDVVLYRSXzXWLOL]]DUHLOVLVWHPDGL QXPHUD]LRQHGHOOHIDWWXUHULWHQXWRSLRSSRUWXQR ƒ ƒ ULFRPLQFLDUHODQXPHUD]LRQHGDSHUFLDVFXQDQQRVRODUH FRVuFRPHDYYHQLYDILQRDOGLFHPEUH FRQWLQXDUHODQXPHUD]LRQHGHOO DQQRSUHFHGHQWHIDFHQGR DWWHQ]LRQHFKHWDOHQXPHUD]LRQHGRYUjFRQWLQXDUHSHU WXWWDODGXUDWDGLDWWLYLWjGHOFRQWULEXHQWH

43 &RQWHQXWRGHOODIDWWXUDVHJXH $QQRWD]LRQL Nelle fatture in cui l IVA non risulta dovuta è necessario indicare, in luogo dell ammontare dell imposta, le seguenti annotazioni, con l HYHQWXDOH indicazione della relativa norma comunitaria o nazionale: 7LSRGLRSHUD]LRQH Cessioni relative a beni in transito o depositati in luoghi soggetti a vigilanza doganale (art. 7-ELV); Cessioni di beni e prestazioni di servizi che si considerano effettuate Extra-UE Operazioni non imponibili (artt. 8, 8-ELV, 9 e 38-TXDWHU Operazioni esenti (art. 10, eccetto n. 6)) Operazioni soggette al regime del margine (D.L. n. 41/1995) Operazioni effettuate da agenzie di viaggio e turismo (art. 74-WHU) Cessioni di beni/prestazioni di servizi effettuate nei confronti di soggetti passivi debitori d imposta in altro Stato UE; Operazioni in regime di UHYHUVHFKDUJH interno Cessioni di beni/prestazioni di servizi effettuate al di fuori della UE Autofatture emesse dal cessionario o committente in virtù di un obbligo proprio $QQRWD]LRQH 2SHUD]LRQHQRQVRJJHWWD 2SHUD]LRQHQRQLPSRQLELOH 2SHUD]LRQHHVHQWH 5HJLPHGHOPDUJLQH± %HQLXVDWL 5HJLPHGHOPDUJLQH± 2JJHWWLG DUWH 5HJLPHGHOPDUJLQH± 2JJHWWLGL DQWLTXDULDWRRGDFROOH]LRQH 5HJLPHGHOPDUJLQH± $JHQ]LHGL YLDJJLR,QYHUVLRQHFRQWDELOH 2SHUD]LRQHQRQVRJJHWWD $XWRIDWWXUD]LRQH

44 $OWUHQRYLWjSHULO)DWWXUDVHPSOLILFDWD Dal 2013 sarà possibile l emissione della fattura in modalità semplificata '35DUWELV LQWURGRWWR GDOO DUWFRPPDOHWHGHOOD/HJJHGL 6WDELOLWj Oggetto Esclusioni Semplificazioni Fatture di ammontare complessivo non superiore ad ¼ 100 (imponibile + imposta), con possibilità di innalzare il limite fino ad ¼ 400 con Decreto Ministeriale anche solo per particolari settori, nonché fatture rettificative H[ art. 26, D.P.R. 633/1972 Cessioni intracomunitarie H[ art. 41 D.L. 331/1993 Cessioni di beni/prestazioni di servizi, diverse da quelle di cui all articolo 10, nn. da 1) a 4) e 9), effettuate nei confronti di un soggetto passivo di altro Stato membro UE,GHQWLILFD]LRQHGHOFHVVLRQDULRFRPPLWWHQWH a) indicazione della sola P. IVA o C.F. (privati) se si tratta di un soggetto residente; b) numero identificativo IVA del Paese di stabilimento se si tratta di un soggetto passivo di altro Stato UE Possibilità di indicare in maniera più sintetica l'oggetto dell'operazione Possibilità di indicare il corrispettivo complessivo e l'importo dell'imposta incorporata, od anche soltanto i dati che permettono di calcolarla (Es.: importo totale 50 euro, inclusa IVA 21%)

45 $OWUHQRYLWjSHULO)DWWXUDHOHWWURQLFD Dal 2013 sarà possibile l emissione della fattura in modalità elettronica '35DUWWH PRGLILFDWLGDL FRPPLGDD Definizione Condizione Per fattura elettronica si intende la fattura che è stata emessa o ricevuta in un qualunque formato elettronico (ILOHV con estensione.pdf,.xls,.doc, etc) Il ricorso alla fattura elettronica è subordinato all accettazione da parte del destinatario Conservazione in modalità elettronica in conformità D.M. 24 gennaio 2004 Caratteristiche Non più necessaria la stampa cartacea Il soggetto passivo assicura l autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità della fattura dal momento di emissione fino alla scadenza del termine di conservazione Tali requisiti possono essere garantiti PHGLDQWHVLVWHPLGLFRQWUROORGLJHVWLRQHche assicurino un collegamento affidabile tra la fattura e la cessione di beni o la prestazione di servizi ad essa riferibile Non più solamente con l'apposizione della firma elettronica dell'emittente o mediante sistemi EDI di trasmissione elettronica dei dati

46 $OWUHQRYLWj,9$5HJLPH³,9$SHUFDVVD Art. 7, D.L. 185/2008, PRGLILFDWRGDOO DUWELVGHO'/Q 3HULVRJJHWWLFKHDGRWWDQRFKHLOUHJLPHGHOO,9$SHUFDVVD FRPSRUWD 1. L HVLJLELOLWj dell IVA dovuta sulle operazioni attive al PRPHQWR GHOO LQFDVVR del corrispettivo; 2. La GHWUDLELOLWj dell IVA assolta sugli acquisti DO PRPHQWR GHO SDJDPHQWR dei relativi corrispettivi; 3. L imposta diviene comunque esigibile/detraibile decorso un anno dal momento di effettuazione dell operazione, salvo nel caso in cui il cessionario/committente sia stato assoggettato a procedure concorsuali. Il regime dell IVA di cassa può essere adottato da soggetti passivi con Volume d Affari non superiore a PLOLRQLGL (XUR.

47 $OWUHQRYLWj,9$5HJLPH³,9$SHUFDVVD Art. 7, D.L. 185/2008, PRGLILFDWRGDOO DUWELVGHO'/Q Sulle fatture andrà indicata la dicitura,9$shufdvvd e il riferimento della relativa norma istitutiva (articolo 32-ELV, del D.L. n. 83/2012) (l omessa indicazione non comporta però la decadenza del regime). 3HULOFHVVLRQDULRFRPPLWWHQWHFKHULFHYHOHIDWWXUHHPHVVHLQWDOH UHJLPHO,9$qLPPHGLDWDPHQWHGHWUDLELOHVHQ]DGRYHU DWWHQGHUHO LQFDVVR Il regime dell IVA di cassa è applicabile alle cessioni di beni/prestazioni di servizi effettuate nei confronti di cessionari/committenti che agiscono nell esercizio di impresa, arte o professione.

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING

SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING Versione 1.0 del 23 giugno 2014 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Contenuto della Fattura PA... 2 3. Dati obbligatori

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA a) operazioni nel campo IVA Si tratta delle operazioni nelle quali sono presenti tutti i presupposti di applicazione dell imposta, e cioè: presupposto soggettivo = esercizio di impresa, arte o professione;

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 marzo 2015 OGGETTO: Reverse charge Estensione a nuove fattispecie nel settore edile, energetico, nonché alle cessioni di pallets recuperati ai cicli

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

Il punto di pratica professionale

Il punto di pratica professionale Il punto di pratica professionale Le semplificazioni alla disciplina del Durc parte I a cura di Vitantonio Lippolis Responsabile U.O. Vigilanza 2 presso la DPL di Modena * Le novità che disciplinano l

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Abstract Le fatture emesse mediante

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 MOD. 2 - Busta A AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato ORRICK, HERRINGTON & SUTCLIFFE CORSO MATTEOTTI, 10 20121 MILANO, ITALIA TEL +39 02 45 41 3800 FAX +39 02 45 41 3801 PIAZZA DELLA CROCE ROSSA, 2 00161 ROMA, ITALIA TEL +39 06 45 21 3900 FAX +39 06 68 19

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA

DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA La riscossione coattiva DOSSIER TEMATICO A cura di Sandra Amovilli - Responsabile Relazioni esterne Alessandro Zambonelli Responsabile Ufficio Audit Esterno Aggiornamento

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli