(Prof. ssa A. Cipolla) Filologia germanica SSD L-Fil-Let/15 36h LM 37 (6 CFU) I semestre. Interpretazione metafisica/pragmatica del mito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(Prof. ssa A. Cipolla) Filologia germanica SSD L-Fil-Let/15 36h LM 37 (6 CFU) I semestre. Interpretazione metafisica/pragmatica del mito"

Transcript

1 (Prof. ssa A. Cipolla) Filologia germanica SSD L-Fil-Let/15 36h LM 37 (6 CFU) I semestre La ricezione dei materiali nordici nelle letterature e nelle accademie europee dei secc. XVIII-XIX (dal Barocco al Modernismo) Influenze sui metodi, l ideologia, i contenuti e lo stile Interpretazione metafisica/pragmatica del mito I mitografi del XIII sec. Letture dall Edda di Snorri Skáldskaparmál Dialogo sull arte poetica (Snorri Sturluson, Edda, Skáldskaparmál, ed. A. Faulkes, London, Viking Society, 1998, pp. 1-5) 1

2 Hann hóf þar frásögn, at þrír Æsir fóru heiman, Óðinn ok Loki ok Hœnir, ok fóru um fjöll ok eyðimerkr, ok var illt til matar. En er þeir koma ofan í dal nakkvarn, sjá þeir øxna flokk, ok taka einn uxann ok snúa til seyðis. En er þeir hyggja, at soðit mun vera, röfa þeir seyðin, ok var ekki soðit. Ok í annat sinn, er þeir röfa soðinn, þá er stund var liðinn, ok var ekki soðit; mæla þeir þá sín ámilli, hverir þetta mun gegna. Þá heyra þeir mál í eikina upp yfir sik, at sá, er þar sat, kvazk ráða því, er eigi soðnaði á seyðinum. Þeir litu til ok sat þar örn ok eigi lítill. Þá mælti örninn: «Vilit þér gefa mér fylli mina af øxanum, þá mun soðna á seyðinum». Þeir játa því. Þá lætr hann sígask ór trénu ok sezk á seyðinn ok leggr upp þegar it fyrsta lær øxans tveir, ok báða boguna. Þá varð Loki reiðr ok greip upp mikla stöng ok reiðir af öllu afli ok rekr á kroppinn erninum. Örninn bregzk við höggit ok flýgr upp; þá var föst stöngin við kropp arnarins, en hendr Loka við annan enda. Örninn flýgr hátt svá, at fœtr Loka taka niðr grjót ok urðir ok viðu; en hendr hans hyggr hann at slitna munu ór öxlum. Hann kallar ok biðr allðarfliga örninn friðar, en hann segir, at Loki skal aldri lauss verða, nema hann veitti honum svardaga at koma Iðunni út of Ásgarð með epli sín. En Loki vill þat. Verðr hann þá lauss ok ferr til lags manna sína. Ok er eigi at sinni sögð fleiri tíðindi um þeira ferð, áðr þeir koma heim. [Bragi] Iniziò a raccontare come tre Æsir, Óðinn, Loki e Hœnir, partirono da casa e viaggiarono per montagne e lande desolate, e col cibo andava male. A un certo punto, scendendo in una valle, videro dall alto una mandria di buoi, ne presero uno e lo misero a cuocere nel seyðir. Ma quando credettero che dovesse essere pronto e aprirono la fornace, non era cotto; e poi riaprirono il forno una seconda volta, dopo che era passato un po di tempo, ma non era cotto: si consultarono chiedendosi da che cosa potesse dipendere. Allora sentirono parlare, dall alto di una quercia sulle loro teste, e l essere appollaiato lì sopra diceva di essere lui a decidere che l interno della fornace non cuocesse. Alzarono lo sguardo: c era appollaiata un aquila, e non piccola. L aquila disse: «Se mi darete la mia parte del bue, il forno cuocerà!». Accettarono. Allora l aquila si lasciò cadere dall albero e si posò sul seyðir e prese prima le due cosce del bue, e poi entrambe le spalle. Loki si arrabbiò: afferrò un grosso bastone e colpì con tutta la forza il dorso dell aquila. Al colpo l uccello sobbalzò e si levò in volo. Ma il bastone era incastrato nella schiena dell aquila, e dall altra parte nelle mani di Loki. L aquila volava a un altezza tale che i piedi di Loki sbattevano in basso sulle pietre, sui massi e sugli alberi, e gli sembrava che le braccia stessero per staccarglisi dalle spalle. Loki si mise a implorare ardentemente che l aquila gli desse tregua, ma quella rispose che non sarebbe stato liberato a meno che non gli avesse giurato di portare Iðunn fuori di Ásgarðr con le sue mele. Loki acconsentì: allora venne liberato e fece ritorno dai suoi compagni. E non si raccontano altri fatti del loro viaggio, prima che tornassero a casa. 2

3 En at á kveðinni stundu teygir Loki Iðunni út um Ásgarð í skóg nokkvorn ok segir, at hann hefir fundit epli þau, er henni munu gripir í þykkja, ok bað, at hón skal hafa með sér sín epli ok bera saman ok hin. Þá kemr þar Þjazi jötunn í arnarham ok tekr Iðunni ok flýgr braut með ok í Þrymheim til bús síns. En Æsir urðu illa við hvarf Iðunnar ok gerðusk þeir brátt hárir ok gamlir. Þá áttu þeir Æsir þing ok spyrr hverr annan hvat síðarst visi til Iðunnar, en þat var set síðarst, at hón gekk út ór Ásgarði með Loka. Þá var Loki tekinn ok fœrr á þingit, ok var honum heitit bana eða pislum. En er hann varð hræddr, þá kvazk hann mundu sœkja eptir Iðunni í Jötunheima, ef Freyja vill ljá honum valshams, er hón á. Ok er hann fær valshaminn, flýgr hann norðr í Jötunheima ok kemr einn dag til Þjaza jötuns. Var hann róinn á sæ, enn Iðunn var ein heima. Brá Loki henni í hnotar líki ok hafði í klom sér ok flýgr sem mest. Enn er Þjazi kom heim ok saknar Iðunnar, tekr hann arnarhaminn ok flýgr eptir Loka, ok dró arnsug í flugnum. En er Æsirnir sá er valrinn flaug með hnotina ok hvar örninn flaug, þá gengu þeir út undir Ásgarð ok báru þannig byrðar af lokarspanum, ok þá er valrin flaug inn of borgina, lét hann fallask niðr við borgar vegginn; þá slógu Æsirnir eldi í lokarspanuna, en örninn matti eigi stöðva sik, er hann misti valsins; löst þá eldinum í fiðri arnarins, ok tók þá af fluginn. Þá váru Æsirnir nær ok drápu Þjaza jötun fyrir innan Ásgrindr, ok er þat víg allfrægt. E il giorno pattuito Loki accompagnò Iðunn fuori di Ásgarðr, in un bosco, dicendole che aveva scoperto delle mele che le sarebbero sembrate pregiate, la pregò di portare con sé le proprie, per metterle a confronto: sopraggiunse il gigante Þjazi, in veste d aquila, ghermì Iðunn e volò via con lei in Þrymheimr, verso la propria dimora. Ma per gli Æsir la scomparsa di Iðunn fu un male, e incominciarono a incanutire e invecchiare. Allora si riunirono in assemblea, e si chiedevano l uno con l altro quale fosse l ultima notizia su Iðunn, e si scoprì che l ultima volta la si era vista uscire da Ásgarðr con Loki. Allora lo catturarono, lo giudicarono nell assemblea e lo condannarono a essere giustiziato e torturato. Atterrito, Loki giurò che sarebbe andato a cercare Iðunn in Jötunheimir, se Freyja gli avesse prestato la veste di falco di cui era in possesso. Indossata la veste di falco, Loki volò a nord, in Jötunheimir, e un bel giorno arrivò dal gigante Þjazi. Quello era uscito in mare, e Iðunn era sola in casa. Loki le diede la forma di una noce, la strinse tra gli artigli e volò via più svelto che poteva. Quando Þjazi tornò a casa e si accorse di Iðunn, indossò la veste d aquila e si alzò dietro a Loki, e batteva le ali col tonfo di un aquila. Gli Æsir, quando videro il falco con la noce e dove puntava il volo dell aquila, uscirono sotto Ásgarðr, portando un cumulo di trucioli da ardere: il falco sorvolando la rocca si lasciò cadere lungo le mura. Gli Æsir diedero fuoco ai trucioli, ma l aquila non riuscì a frenare davanti allo scarto del falco: le penne presero fuoco e il suo volo finì. Gli Æsir erano vicini: ammazzarono il gigante Þjazi fuori il recinto di Ásgrindr, e quest impresa è molto rinomata. 3

4 En Skaði, dóttir Þjaza jötuns, tók hjálm ok brynju ok öll hervápn ok ferr til Ásgarðs, at hefna föður síns. En Æsir buðu henni sætt ok yfirbœtr, ok hit fyrsta, at hón skal kjósa sér mann af Ásum, ok kjósa at fótum ok sjá ekki fleira af. Þá sá hón eins manns fœtr forkunnar fagra ok mælti: «Þessa kýs ek, fátt mun ljótt á Baldri». En þat var Njörðr ór Nóatún. Þat hafði hón ok í sættargjörð sinni, at Æsir skyldu þat gera, er hón hugði, at þeir skyldu eigi mega, at hlæja hana. Þá gerði Loki þat, at hann batt um skegg geitar nokkvorrar ok öðrum enda um hreðjar sér, ok létu þau ymsi eptir ok skrækti hvartveggja hátt. Þá lét Loki fallask í kné Skaða, ok þá hló hón. Var þá gjörr sætt af Ásanna hendi við hana. Svá er sagt, at Óðinn gerði þat til yfirbóta við Skaða, at hann tók augu Þjaza ok kastaði upp á himin ok gerði af stjörnur tvær. Þá mælti Ægir: «Mikill þykki mér Þjazi fyrir sér hafa verit, eða hvers kyns var hann?». Bragi svarar: «Ölvaldi hét faðir hans, ok merki munu þér at þykkja, ef ek segi þér frá honum. Hann var mjök gullauðigr, en er hann dó ok synir hans skyldu skipta arfi, þá höfðu þeir mæling at gullinu, er þeir skiptu, at hverr skyldi taka munnfylli sína ok allir jafnmargar. Einn þeira var Þjazi, annarr Iði, þriði Gangr. En þat hófum vér orðtak nú með oss, at kalla gullit munntal þessa jötna, en vér félum í rúnum eða í skáldskap svá at vér köllum þat mál eða orð eða tal þessa jötna». Þá mælti Ægir: «Þat þykki mér vera vel fólgit í rúnum». Ma Skaði, figlia del gigante Þjazi, prese elmo, corazza e armi al completo e partì per Ásgarðr, per vendicare suo padre. Gli Æsir le proposero un patto di riconciliazione: per prima cosa aveva diritto a scegliersi un marito fra loro, ma scegliendo dai piedi, senza vedere altro. Lei scorse un uomo dai piedi straordinariamente belli e disse: «Scelgo lui: Baldr non ha niente di brutto!». Invece era Njörðr di Nóatún. Secondo il patto stipulato, Skaði aveva diritto a un altra cosa, che gli Æsir facessero quanto lei non li riteneva capaci di fare, farla ridere. Loki fece così: legò la barba di una capra, e all altro capo il proprio scroto, e tirarono entrambi e gridavano forte. A quel punto Loki si gettò in grembo a Skaði e lei scoppiò a ridere. Così si concluse la sua riconciliazione con gli Æsir. Si dice che Óðinn, per risarcirla, prendesse gli occhi di Þjazi e lanciandoli alti in cielo ne facesse due stelle. Ægir disse: «Mi pare che Þjazi fosse molto potente: ma qual era la sua stirpe?». Bragi rispose: «Suo padre si chiamava Ölvaldi, e ti stupirai se te ne dirò qualcosa. Era molto ricco d oro, e quando morì e i suoi figli dovevano spartirne l eredità, per dividersi l oro usarono questa misura: che ciascuno se ne riempisse la bocca, e gli altri ne avessero altrettante boccate. Erano uno Þjazi, un altro Iði, il terzo Gangr. Perciò noi adesso abbiamo un modo di dire, e chiamiamo l oro boccata di questi giganti, e lo celiamo nelle rune e nella poesia, e lo chiamiamo linguaggio, parola o calcolo dei giganti». Ægir rispose: «Mi pare molto ben celato nelle rune!». 4

5 Ok enn mælti Ægir: «Hvaðan af hefir hafizk sú íþrótt, er þér kallið skáldskap?». Bragi svarar: «Þat váru upphöf til þess, at goðin höfðu ósætt við þat fólk, er Vanir heita, en þeir lögðu með sér friðstefnu ok setu grið á þá lund, at þeir gengu hvarirtveggju til eins kers ok spýttu í hraka sínum. En at skilnaði þá tóku goðin ok vildu eigi lata týnask þat griðamark ok sköpuðu þar ór mann. Sá heitir Kvasir. Hann er svá vítr at engi spyrr hann þeira hluta, er eigi kann órlausn. Hann fór víða um heim at kenna mönnum frœði, ok þá er hann kom at heimboði til dverga nokkvora, Fjalars ok Galars, þá kölluðu þeir hann með sér á einmæli ok drápu hann, létu renna blóð hans í tvau ker ok ein ketil, ok heitir sá Óðreyrir, en kerin heita Són ok Boðn; þeir blendu hunangi við blóðit, ok varð þar af mjöðr sá, er hverr, er af drekkr, verðr skáld eða frœða maðr. Dvergarnir sögðu Ásum, at Kvasir hefði kafnat í mannviti, fyrir því at engi var þar svá fróðr, at spyrja kynni hann fróðleiks. Ægir aggiunse: «Da dove ha avuto inizio quell arte che chiamate poesia?». Bragi rispose: «L origine di tutto fu che gli dèi erano in conflitto con il popolo che ha il nome di Vanir, e durante un incontro per stabilire la pace, fissarono la tregua a condizione che entrambe le parti andassero a un bacile e ci sputassero dentro la saliva». Al momento di separarsi, gli dèi lo presero e non vollero lasciar perire quel segno dell accordo, e ne fecero un uomo. Si chiamava Kvasir. Era tanto sapiente che non c era cosa che gli si potesse domandare di cui non conoscesse la risposta. Viaggiò in lungo e in largo per il mondo, per insegnare agli uomini la sapienza. Ma quando giunse alla dimora di certi nani, Fjalarr e Galarr, questi gli diedero appuntamento per parlargli in privato e lo uccisero: ne fecero scorrere il sangue dentro due recipienti e un calderone, quest ultimo era chiamato Óðreyrir, e i recipienti Són e Boðn; mescolarono miele al sangue, e ne fermentò quell idromele che chiunque ne beva diviene uno scaldo o un sapiente. I nani riferirono agli Æsir che Kvasir era affogato nell umana intelligenza, visto che non c era nessuno così sapiente da poter sondare la sua sapienza. 5

6 Þá buðu þessir dvergar til sín jötni þeim, er Gillingr heitir, ok kona hans. Þá buðu dvergarnir Gillingi at róa á sæ með sér. En er þeir fóru yfir land fram, røru dvergarnir á boða ok hvelfðu skipinu. Gillingr var ósyndr ok týndisk hann, en dvergarnir réttu skip sitt ok reru til lands. Þeir sögðu konu hans þenna atburð, en hón kunni illa ok grét hátt. Þá spyrði Fjalarr hana, ef henni mundi hugléttara, ef hón sæi út á sæinn, þar er hann hafði týnzk; en hón vildi þat; þá mælti hann við Galar bróður sinn, at hann skal fara upp yfir dyrnar, er hón gengi út, ok láta kvernstein falla í höfuð henni, ok talði sér leiðask óp hennar, ok svá gerði hann. Þá er þetta spyrði Suttungr jötunn, bróðurson Gillings, ferr hann til ok tók dverganna ok flytr á sæ út ok settr þá í flœðar sker. Þeir biðja Suttung sér lífsgriða ok bjóða honum til sættar í föður gjöld mjöðinn dýra, ok þat verðr at sætt með þeim. Flytr Suttungr mjöðin heim ok hirðir, þar sem heita Hnitbjörg, settr þar til gæzlu dóttur sína Gunnlöðu. Af þessum köllum vér skáldskap Kvasir blóð eða dverga drekku eða fylli eða nakkvars konar lög Óðreris eða Boðnar eða Sónar eða farskost dverga, fyrir því at sá mjöðr flutti þeim fjórlausn ór skerinu, eða Suttunga mjöð eða Hnitbjarga lögr». Þá mælti Ægir: «Myrkt þykki mér þat mælt, at kalla skáldskap með þessum heitum, en hvernig kómu þeir Æsir at Suttunga miði?» Bragi svarar: Una volta i nani invitarono da loro un gigante, si chiamava Gillingr, e sua moglie. Quindi indussero il gigante a uscire in mare con loro. E mentre prendevano il largo, a colpi di remi sospinsero l imbarcazione verso un gorgo, rovesciandola. Gillingr non sapeva nuotare e perì; i nani, invece, raddrizzarono la barca e remarono a riva. Riferirono alla moglie di Gillingr l accaduto: lei soffrì e pianse forte. Fjalarr le chiese se potesse essere di conforto vedere, al largo, il posto dove lui era scomparso: lei accettò. Fjalarr disse al fratello Galarr che doveva stare in agguato sulla porta e, come fosse passata per uscire, doveva farle cadere sulla testa una macina da mulino, perché era stufo dei suoi piagnistei: l altro ubbidì. Quando il gigante Suttungr, figlio del fratello di Gillingr, lo venne a sapere, andò dai nani e li catturò, li portò in mare aperto, su uno scoglio che sarebbe stato sommerso dalla marea. I nani lo implorarono di accettare un accordo e di risparmiare loro la vita, e gli offrirono come guidrigildo per il consanguineo ucciso il prezioso idromele, e così si misero d accordo. Suttungr portò a casa l idromele, conservandolo nel posto che si chiama Hnitbjörg, affidato alla custodia di sua figlia Gunnlöð. Perciò chiamiamo la poesia sangue di Kvasir o bevanda dei nani, o loro sazietà o qualsivasi liquore di Óðreyrir, di Boðn o di Són, o vascello dei nani, dato che l idromele li portò in salvo dallo scoglio, o idromele di Suttungr, o liquore di Hnitbjörg». Ægir disse: «Sembra un modo oscuro di parlare chiamare la poesia con questi appellativi. Ma gli Æsir come vennero in possesso dell idromele di Suttungr?» Bragi rispose: 6

7 «Sjá saga er til þess, at Óðinn fór heiman ok kom þar, er þrælar níu slógu hey; hann spyrr, ef þeir vili, at hann brýni ljá þeira. Þeir játa því. Þá tekr hann hein af belti sér ok brýndi ljána, en þeim þótti bíta ljárnir myklu betr ok föluðu heynina; en hann mat svá, at sá, er kaupa vildi, skyldi gefa við hóf, en allir kváðusk vilja ok báðu hann sér selja, en hann kastaði heynin í lopt upp; en er allir vildu henda, þá skiptusk þeir svá við, at hverr brá ljánum á hals öðrum. Óðinn sótti til náttstaðar til jötuns þess, er Baugi hét, bróðir Suttungs. Baugi kallaði illt fjárhald sitt ok sagði, at þrælar hans níu höfðu drepiz, en talðiz eigi vita sér vön verkmanna. En Óðinn nefndisk fyrir honum Bölverkr; hann bauð at taka upp níu manna verk fyrir Bauga, en mælti sér til kaups einn drykk af Suttunga miði. Baugi kvazk enskis ráð eiga af miðinum, sagði, at Suttungr vildi einn hafa, en fara kvezk hann mundu með Bölverki ok freista, ef þeir fengi mjöðinn. Bölverkr vann um sumarit níu manna verk fyrir Bauga, en at vetri beiddi hann Bauga leigu sinnar. Þá fara þeir báðir til Suttungs. Baugi segir Suttungi, bróður sínum, kaup þeira Bölverks, en Suttungr synjar þverliga hvers dropa af miðinum. Þá mælti Bölverkr til Bauga, at þeir skyldu freista væla nokkvora, ef þeir megi ná miðinum, en Baugi lætr þat vel vera. Þá dregr Bölverkr fram nafar þann, er Rati heitir, ok mælti, at Baugi skal bora bjargit, ef nafarin bítr. Hann gerir svá. Þá segir Baugi, at gögnum er borat bjargit, en Bölverkr blæs í nafars raufina, ok hrjóta spærnirnir upp í móti honum. Þá fann hann, at Baugi vildi svíkja hann, ok bað bora gögnum bjargit. Baugi boraði enn. En er Bölverkr blés annat sinn, þá fuku inn spærnirnir. «Si racconta che Óðinn, partito da casa, giungendo nel luogo dove nove servi falciavano il fieno, domandò se volevano che affilasse le falci. Dissero di sì: Óðinn tirò fuori la cote dalla cintura e le affilò, e gli altri videro che erano molto più taglienti e insistettero per comprare la cote; lui stabilì che se uno la voleva doveva dare in proporzione: gli altri accettarono e l implorarono di venderla. Ma Óðinn la lanciò in alto nell aria e, nel tentativo di agguantarla, presero a urtarsi, fino a che ciascuno brandì la falce contro la gola dell altro. Óðinn cercò rifugio per la notte dal gigante che si chiama Baugi, il fratello di Suttungr. Baugi gli confessò che gli affari andavano male: i sui nove servi si erano ammazzati e non c era speranza di trovare lavoranti. Óðinn, pretendendo di chiamarsi Bölverkr, gli offrì di accollarsi il lavoro di nove uomini, ma voleva in cambio un sorso dell idromele. Baugi disse che su quello non aveva potere e che Suttungr lo teneva tutto per sé, ma promise che l avrebbe accompagnato a cercare di prenderlo. Bölverkr d estate fece il lavoro di nove uomini e d inverno reclamò la ricompensa: perciò andarono insieme da Suttungr. Baugi disse al fratello dell accordo con Bölverkr, ma Suttungr negò anche una sola goccia del liquore. Bölverkr propose di trovare un trucco per arrivare all idromele e Baugi accettò. Bölverkr, preso il trapano che si chiama Rati, disse a Baugi di forare la roccia col morso del trapano. L altro lo fece e disse che era forata da parte a parte: Bölverkr soffiò nel foro ma le schegge gli volarono in faccia e capì che Baugi lo voleva ingannare. Gli ordinò di forare la roccia da parte a parte, e Baugi trapanò ancora: Bölverkr soffiò una seconda volta e le schegge volarono verso l interno. 7

8 Þá brásk Bölverkr í orms líki ok skreið í nafars raufina, en Baugi stak eptir honum nafrinum ok misti hans. Fór Bölverkr þar til, sem Gunnlöð var, ok lá hjá henni þrjár nætr, ok þá lofaði hón honum at drekka af miðinum þrjú drykki. Í inum fyrsta drykk drakk hann allt ór Óðreri, en í öðrum ór Boðn, í inum þriðja ór Són, ok hafði hann þá allan mjöðinn. Þá brásk hann í arnarham ok flaug sem ákafast; en er Suttungr sá flug arnarins, tók hann sér arnarham ok flaug eptir honum. En er Æsir sá hvar Óðinn flaug, þá settu þeir út í garðinn ker sín, en er Óðinn kom inn of Ásgarð, þá spýtti hann upp miðinum í kerin, en honum var þá svá nær komit, at Suttungr mundi ná honum, at hann sendi aptr sumam mjöðinn, ok var þess ekki gætt. Hafði þat hverr, er vildi, ok köllum vér þat skáldfífla hlut. En Suttunga mjöð gaf Óðinn Ásunum ok þeim mönnum, er yrkja kunnu. Því köllum vér skáldskapinn feng Óðins ok fund ok drykk hans ok gjöf hans ok drykk Ásanna». Allora Bölverkr prese l aspetto di una serpe e strisciò dentro il buco: Baugi cercò di trafiggerlo col trapano, ma lo mancò. Bölverkr andò dove stava Gunnlöð, giacque con lei per tre notti e lei gli promise tre sorsi dell idromele: col primo sorso bevve tutto quello che si trvava dentro Óðreyrir, col secondo il contenuto di Boðn, col terzo quello di Són, e s impadronì di tutto l idromele. Quindi assunse aspetto d aquila e volò via più svelto che poteva. Suttungr, come scorse l uccello in volo, indossò la propria veste d aquila e gli corse dietro. Gli Æsir quando videro dove si dirigeva il volo di Óðinn, portarono fuori i loro recipienti nella corte, e Óðinn, come arrivò sopra Ásgarðr, ci sputò dentro il liquore, ma, quando ormai Suttungr era vicino a prenderlo, ne gettò un po all indietro e nessuno se ne curò: lo può avere chiunque voglia, e noi lo chiamiamo la parte dei cattivi poeti. Óðinn diede il liquore di Suttungr agli Æsir e a quegli uomini che sanno come si crea la poesia. Perciò chiamiamo l arte poetica bottino di Óðinn, o sua scoperta, o sua bevanda, o dono o liquore degli Æsir». 8

9 Þá mælti Ægir: «Hversu marga lund breytit þér orðtökum skáldskapar, eða hversu mörg eru kyn skáldskaparins?» Þá mælti Bragi: «Tvenn eru kyn þau, er greina skáldskap allan». Ægir spyrr: «Hvern tvenn?». Bragi segir: «Mál ok hættir» - «Hvert máltak er haft til skáldskapar?» - «Þrenn er grein skáldskaparmáls» - «Hver?» - «Svá at nefna hvern lut, sem heitir, önnur grein er sú, er heitir fornöfn; en þriði málsgrein er sú, er kölluð er kenning, ok er sú grein svá sett, at vér köllum Óðin eða Þór eða Tý eða einhvern af Ásum eða álfum, ok hvern þeira, er ek nefni til, þá tek ek með heiti af eigna annars Ássins eða get ek hans verka nokkvora; þá eignask hann nafnit, en eigi hinn, er nefndr var, svá sem vér köllum Sigtý eða Hangatý eða Farmatý, þat er þá Óðins heiti, ok köllum vér þat kennt heiti; svá ok at kalla Reiðartý». Ægir chiese: «In quanti modi variate la scelta delle parole nella poesia, e quante sono le sue caratteristiche?». Bragi disse: «Due caratteristiche racchiudono tutta l arte poetica». Ægir chiese: «Quali due?». Bragi disse: «Il linguaggio e il metro». Bragi disse: «Che tipo di linguaggio appartiene all arte poetica?» - «Nel linguaggio poetico si distinguono tre categorie» - «Quali?» - «Chiamare ogni cosa col suo nome corrente, la seconda categoria del linguaggio poetico è usare un sostituto del nome; la terza è quella che noi definiamo kenning, e funziona così: noi diamo a Óðinn, a Þórr, o a Týr, o a qualsiasi altro degli Æsir o degli álfar, una denominazione in cui si impiega una qualità, o una qualche impresa, di un altro Áss; così riceve un nome che non è quello con cui viene usualmente chiamato, come quando usiamo i nomi di Sigtýr, Hangatýr o Farmatýr, e sono soprannomi di Óðinn (noi li chiamiamo kennt heiti), e anche quando usiamo Reiðartýr» 9

10 En þetta er nú at segja ungum skáldum, þeim er girnask at nema mál skáldskapar ok heyja sér orðfjölða með fornum heitum eða girnaz þeir at kunna skilja þat, er húlit er kveðit, þá skili hann þessa bók til fróðleiks ok skemtunar, en ekki er at gleyma eða ósanna svá þessar frásagnir, at taka ór skáldskapinum fornar kenningar, þær er höfuðskáld hafa sér líka látit, en eigi skulu kristnir menn trúa á heiðin goð ok eigin á sannyndi þessa sagna annan veg en svá sem hér finnsk í upphafi bókar. Er sagt er frá atburðum þeim er mannfólkit viltisk frá réttri trú. Ok þá næst frá Tyrkjum, hvernig Asia menn þeir er Æsir eru kallaðir fölsuðu frásagnir þær frá þeim tíðindum, er gerðusk í Troju til þess at landfólkit skyldi trúa þá guð vera. Questo si deve dire ora ai giovani poeti, che aspirano ad apprendere il linguaggo della poesia utilizzando il tesoro di parole delle antiche denominazioni e a comprendere ciò che è stato composto in modo oscuro: prendano questo libro per imparare e divertirsi. Non bisogna dimenticare e sbugiardare questi racconti, per eliminare dalla poesia le antiche denominazioni che ai maestri. poeti è piaciuto usare. Ma i cristiani non possono credere negli dèi pagani né nella veridicità di queste storie se non nel modo illustrato al principio di questo libro, dove si dice degli avvenimenti che deviarono gli esseri umani dalla retta fede, e poi dei Tyrkir e di come quegli Asiani che venivano chiamati Æsir falsificassero i racconti dei fatti accaduti a Troia, affinché gli indigeni potessero credere che essi fossero dèi 10

Bjǫrn Heinríkr Vargsson Mediolanum, XVI gennaio MMXIII

Bjǫrn Heinríkr Vargsson Mediolanum, XVI gennaio MMXIII HYMISKVIÐA IL CANTO DI HYMIR OPPURE IL POEMA DI HYMIR TRADUZIONE A CURA DI BJǪRN HEINRÍKR VARGSSON ÆTT MÆNDVM SANGVINEM GAVDIVM VITÆ EST PREFAZIONE Questa traduzione dello Hymiskviða, settimo libro del

Dettagli

Cutigliano - Pistoia Il tesoro del Fattucchio La Torre del Fattucchio è una formazione di pietra arenaria che si affaccia sulla valle del Sestaione,

Cutigliano - Pistoia Il tesoro del Fattucchio La Torre del Fattucchio è una formazione di pietra arenaria che si affaccia sulla valle del Sestaione, Cutigliano - Pistoia Il tesoro del Fattucchio La Torre del Fattucchio è una formazione di pietra arenaria che si affaccia sulla valle del Sestaione, vicino a Pian di Novello e Pian degli Ontani. Quando

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

INDICE. Prefazione del traduttore... pag. 3 Breve guida alla pronuncia del norreno... pag. 4 MITOLOGICA GOÐMÁLUGR ITOLOGICA G

INDICE. Prefazione del traduttore... pag. 3 Breve guida alla pronuncia del norreno... pag. 4 MITOLOGICA GOÐMÁLUGR ITOLOGICA G INDICE Prefazione del traduttore...... pag. 3 Breve guida alla pronuncia del norreno... pag. 4 EDDA MITOLOGICA GOÐMÁLUGR EDDA ITOLOGICA G 1 Vǫluspá La Profezia della Volva.... pag. 5 2 Hávamál Il Discorso

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

I tre pesci. (Favola araba)

I tre pesci. (Favola araba) Favolaboratorio I tre pesci I tre pesci. (Favola araba) C'erano una volta tre pesci che vivevano in uno stagno: uno era intelligente, un altro lo era a metà e il terzo era stupido. La loro vita era quella

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte

Il Gatto con gli stivali. Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Il Gatto con gli stivali Un mugnaio venuto a morte Lasciò ai figliuoli una triste sorte Ogni suo bene aveva disfatto Tranne un mulino, un asino e un gatto Le divisioni furon presto fatte Senza bisticci

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord

Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord Babbo Natale, i suoi elfi e le renne al polo nord Un giorno Babbo Natale e i suoi elfi aspettavano un pacco importante per la note di Natale. Dentro a quel pacco c era una polverina magica che faceva diventare

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola Favola africana Raccontata da hristopher Gregorowski 15 Un giorno un contadino andò alla ricerca di un vitello che si era perso. La sera prima i pastori erano ritornati senza di esso. E durante la notte

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Lettere in classe. Percorsi didattici del TFA di area letteraria della Sapienza, a cura di Paola

Dettagli

FIABE CINESI E TIBETANE

FIABE CINESI E TIBETANE http://web.tiscali.it FIABE CINESI E L'uccello a nove teste La pantera I geni dei fiori TIBETANE Le montagne innevate e l'uccello della felicità. L'UCCELLO A NOVE TESTE C'erano una volta un re e una regina

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

Betty Mindlin. e i narratori indigeni MARITI ALLA BRACE. Miti erotici dell Amazzonia. Traduzione di Angela Masotti. La Linea

Betty Mindlin. e i narratori indigeni MARITI ALLA BRACE. Miti erotici dell Amazzonia. Traduzione di Angela Masotti. La Linea Betty Mindlin e i narratori indigeni MARITI ALLA BRACE Miti erotici dell Amazzonia Traduzione di Angela Masotti La Linea Macurap Le donne dell Arcobaleno, Botxatoniã Narratore: Iaxuí Miton Pedro Mutum

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Maria Annita Baffa. La sposa della neve

Maria Annita Baffa. La sposa della neve Maria Annita Baffa La sposa della neve Vemi, atje ku zoqtë e ngrënjen folen e dashurisë atje shtëpinë do të ngrëjim edhe ne Andiamo, là dove gli uccelli costruiscono il nido d amore là costruiremo la nostra

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

Bjǫrnn Heinríkr Vargsson Mediolanum, XXXI agosto MMXII

Bjǫrnn Heinríkr Vargsson Mediolanum, XXXI agosto MMXII VǪLUSPÁ LA PROFEZIA DELLA VOLVA OPPURE LA PROFEZIA DELLA VEGGENTE TRADUZIONE A CURA DI BJǪRN HEINRÍKR VARGSSON ÆTT MÆNDVM SANGVINEM GAVDIVM VITÆ EST PREFAZIONE Questa traduzione della Vǫluspá, primo libro

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA CASA DEL BAMBINO ABBADIA LARIANA PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 IL PICCOLO PRINCIPE Non si vede bene che col cuore. L essenziale è invisibile agli occhi Antoine de Saint-

Dettagli

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente Notte di Capodanno Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente casuali Nicola Gargano NOTTE DI CAPODANNO racconto A mia moglie Amore, una piccola parola che racchiude un universo

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Impiccata per il collo l han trovata, solo sedici anni aveva. Tutti accorsero a vegliar la bambina, tutti pronti a donar cordoglio, tutti indossavan

Impiccata per il collo l han trovata, solo sedici anni aveva. Tutti accorsero a vegliar la bambina, tutti pronti a donar cordoglio, tutti indossavan Le FIABE di LYN Le FIABE di LYN C era una volta una scrofa, molto allegra, intelligente, le avevano dato anche un nome: Rosa. Tutte le volte che la chiamavano lei accorreva, trotterellando, con la sua

Dettagli

Gianni e il lupo. Rossana Guarnieri, La bella novellaia, Istituto Edizioni Artistiche

Gianni e il lupo. Rossana Guarnieri, La bella novellaia, Istituto Edizioni Artistiche Gianni e il lupo Rossana Guarnieri, La bella novellaia, Istituto Edizioni Artistiche Viveva un tempo sulla montagna un pastorello che si chiamava Gianni. Portava le sue pecore a pascolare per i prati,

Dettagli

EV A SION E NOISAVE. Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta.

EV A SION E NOISAVE. Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta. EV A SION E NOISAVE Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta. Viveva in un bosco pieno d alberi maestosi e funghi dai colori più strani. Non era proprio cattiva ma, a volte,

Dettagli

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Teatro D'Oltre Confine P.zza Giovanni XXIII, 1 20090 Corsico tel e fax 024400454 dolreconfine@libero.it www.teatrodoltreconfine.it "CUORE D'ALBERO" 3-10 anni ESIGENZE

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

Favole. Di Lev Tolstoj

Favole. Di Lev Tolstoj Favole Di Lev Tolstoj Gli sciacalli e l'elefante Il corvo e i suoi piccoli La testa e la coda del serpente Il corvo e il piccione Il falco e il gallo I due cavalli Il re e gli elefanti La formica e la

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

Storie di NONSODOVE (6)

Storie di NONSODOVE (6) Storie di NONSODOVE (6) di Giovannella Massari Quando raccontò ai figli la sua avventura nel bosco, tutti i ragazzi, Pollicino compreso rimasero affascinati e quasi increduli. - Allora esistono davvero!

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

In quel momento i raggi del sole tornarono a risplendere nel villaggio e anche sui volti di tutti gli abitanti che da quel giorno capirono di

In quel momento i raggi del sole tornarono a risplendere nel villaggio e anche sui volti di tutti gli abitanti che da quel giorno capirono di C era una volta, al di là del grande faggio, un piccolo villaggio, qui gli abitanti vivevano felici; amavano coltivare ed avevano rispetto per il Sole che donava ogni giorno calore e luce ed anche per

Dettagli

LA CASA DEL FANTASMA (ANDREA MADOLINI LORENZO FIORENTINO-RICCARDO VOLTATTORNI)

LA CASA DEL FANTASMA (ANDREA MADOLINI LORENZO FIORENTINO-RICCARDO VOLTATTORNI) LA CASA DEL FANTASMA C era una volta una casa di un fantasma, i migliori amici del fantasma erano due pesci e una talpa. I pesci stavano nel mare, perché la loro casa era nell acqua,invece la talpa se

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere.

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. 3 scienze L ACQUA Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. L acqua si trova nel mare, nel lago, nel fiume. mare lago fiume Gli uomini bevono l acqua potabile. acqua potabile

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

PECORE, CANI E BALENE IL LESSICO DELLA NATURA NEI TESTI GIURIDICI FAROESI MEDIEVALI

PECORE, CANI E BALENE IL LESSICO DELLA NATURA NEI TESTI GIURIDICI FAROESI MEDIEVALI PECORE, CANI E BALENE IL LESSICO DELLA NATURA NEI TESTI GIURIDICI FAROESI MEDIEVALI Chiara Benati The legal text containing the special enactment (réttabót) for the Faroes issued in 1298 by the Norwegian

Dettagli

4A - LM_09reksio. SCUOLA primaria E. MORANTE INS. LM CLASSE IV IN DATA AUTUNNO 2009

4A - LM_09reksio. SCUOLA primaria E. MORANTE INS. LM CLASSE IV IN DATA AUTUNNO 2009 SCUOLA primaria E. MORANTE INS. LM CLASSE IV IN DATA AUTUNNO 2009 LM01_09reksio RIC: adesso ti puoi sedere lì e mi racconti quello che hai visto. LM01: c è: un un cagnolino che sbuca fuori da una: # da

Dettagli

I BAMBINI AUTORI DI STORIE

I BAMBINI AUTORI DI STORIE I BAMBINI AUTORI DI STORIE "LO SCOIATTOLO INCONTRA UN LUPO" TANTO TEMPO FA UNO SCOIATTOLO VIVEVA DENTRO UN ALBERO NEL BOSCO. VEDE UN LUPO CATTIVISSIMO CHE LO VUOLE MANGIARE ALLORA SCAPPA VELOCE IN UN ALTRO

Dettagli

Parrocchia S. Maria Madre della Misericordia 1 GIORNATA DI RITIRO. PRIME COMUNIONI Venerdì 9 maggio 2003

Parrocchia S. Maria Madre della Misericordia 1 GIORNATA DI RITIRO. PRIME COMUNIONI Venerdì 9 maggio 2003 Parrocchia S. Maria Madre della Misericordia 1 GIORNATA DI RITIRO PRIME COMUNIONI Venerdì 9 maggio 2003 16 1 Cosa facciamo? Ore 8,30 accoglienza in Chiesa Ore 9,00 libretto da fare per gruppi Ore 10,00

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Indice. Presentazione 7 Introduzione 9 Il metodo 11. FAVOLA 1 Il bruco Matteo 17 (L autostima)

Indice. Presentazione 7 Introduzione 9 Il metodo 11. FAVOLA 1 Il bruco Matteo 17 (L autostima) Indice Presentazione 7 Introduzione 9 Il metodo 11 FAVOLA 1 Il bruco Matteo 17 (L autostima) FAVOLA 2 La rana Susanna 29 (La paura del giudizio degli altri) FAVOLA 3 Il cavallo Riccardo 41 (Il dover essere

Dettagli

II Circolo didattico Castelvetrano

II Circolo didattico Castelvetrano Progetto continuità Scuola dell infanzia Scuola primaria Anno Scolastico 2011/2012 Passo dopo passo II Circolo didattico Castelvetrano È molto importante curare nella scuola il passaggio tra ordini diversi,

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

ALUNNI DI CLASSE TERZA CASPOGGIO

ALUNNI DI CLASSE TERZA CASPOGGIO ALUNNI DI CLASSE TERZA CASPOGGIO I CAVALLUCCI MARINI Un giorno, ad una gara di corsa, un cavalluccio marino sfidò un altro cavalluccio marino. Si chiamavano Pippo e Lucio. Pippo era coraggioso, umile e

Dettagli

Audio CD con storie. Grandi avventure BIBBIA. e canzoni. della. La mia prima Bibbia

Audio CD con storie. Grandi avventure BIBBIA. e canzoni. della. La mia prima Bibbia della Grandi avventure BIBBIA Audio CD con storie e canzoni La mia prima Bibbia Titolo originale: Great Adventures of the Bible My First Bible Creato da www.goldquill.co.uk Disegni di Mike Krome Colore

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può L INCENDIO Che cos è un incendio? In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può essere dannoso per le piante e per gli animali e pericoloso per tutti gli esseri viventi

Dettagli

I bambini e le bambine di classe 1^ B

I bambini e le bambine di classe 1^ B I bambini e le bambine di classe 1^ B Editrice Scuola Primaria Anna Frank Garlate a.s. 2013-2014 1 I bambini e le bambine di classe 1^ B IL FILO DELLE STORIE Editrice Scuola Primaria Anna Frank Garlate

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie...

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie... I miti e le leggende inventati dai bambini A tutti i bambini piace inventare storie... Con i miei bambini della classe terza ho voluto stimolare il lavoro di gruppo facendo loro scrivere un mito o una

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

(La Parata - parte II) -vai alla parte I. Il set cinematografico

(La Parata - parte II) -vai alla parte I. Il set cinematografico (La Parata - parte II) -vai alla parte I Il set cinematografico Mezzoretta più tardi i due cuccioli e nonno scarabocchio erano sul set del film. - Il posto in cui si gira un film, cuccioli miei, si chiama

Dettagli

UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO

UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO CAPITOLO XXXVIII UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LUCIA CON LA VEDOVA. LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO SALUTÒ SENZA SCOMPORSI, MA IL

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Codici. Scuola:... Classe:..

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Codici. Scuola:... Classe:.. Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:. Spazio per l etichetta

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Il piccolo pezzo di argilla

Il piccolo pezzo di argilla di iana Engel Su in alto, nella vecchia torre, c era un laboratorio. Era un laboratorio di ceramica, pieno di barili di smalti colorati, col tornio del ceramista, i forni e, naturalmente, l argilla. ccanto

Dettagli

RACCOLTA POESIE ERRI DE LUCA. Indice. Valore...2 Elogio dei Piedi...3 Due...4 L Intruso...5 Tavole...6

RACCOLTA POESIE ERRI DE LUCA. Indice. Valore...2 Elogio dei Piedi...3 Due...4 L Intruso...5 Tavole...6 RACCOLTA POESIE ERRI DE LUCA Indice Valore...2 Elogio dei Piedi...3 Due...4 L Intruso...5 Tavole...6 1 Valore CONSIDERO valore ogni forma di vita, la neve, la fragola, la mosca. CONSIDERO valore il regno

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

IL PIRATA BUCAGNACCIO

IL PIRATA BUCAGNACCIO SCUOLA DELL INFANZIA DI MELEDO ANIMAZIONE MUSICA-LETTURA BAMBINI-GENITORI IL PIRATA BUCAGNACCIO da Storie in un fiato di R.Piumini ENTRARE NEL CLIMA L insegnante consegna delle bacchettine con frange azzurre

Dettagli

3B RR_11uomo_primitivo

3B RR_11uomo_primitivo SCUOLA primaria E. MORANTE INSEGNANTE RR CLASSE III B DATA MAGGIO 2012 RR24_11uomo_primitivo - I capo non puo mangiare la carne cruda - fare le pietre scheggiate - pulire la pelle e farci un vestito -

Dettagli

A SCUOLA IN BICICLETTA

A SCUOLA IN BICICLETTA A SCUOLA IN BICICLETTA Come si fa? di Michele Mutterle Tuttinbici FIAB Vicenza Michele Mutterle A scuola in Prima di tutto: procurati una bici! Che deve essere Comoda Giusta per la tua età perfettamente

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Ripresa 2: Medio di A. che apre gli occhi mentre la luce le illumina il volto Nota: Voice Over: Quella mattina la piccola Alice era a casa DOP: 50mm

Ripresa 2: Medio di A. che apre gli occhi mentre la luce le illumina il volto Nota: Voice Over: Quella mattina la piccola Alice era a casa DOP: 50mm Ripresa 1: Esterno - alba (si scorge una casa) il sole fa capolino Musica: parte l accompagnamento DOP: 14mm con polarizzatore Ripresa 2: Medio di A. che apre gli occhi mentre la luce le illumina il volto

Dettagli

CARMEN TOTARO Le piene di grazia

CARMEN TOTARO Le piene di grazia CARMEN TOTARO Le piene di grazia Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07491-9 Prima edizione: marzo 2015 Impaginazione: studio pym / Milano Le piene di grazia

Dettagli

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO

L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO L ACQUA NEL NOSTRO TERRITORIO STORIE VISSUTE DAI NOSTRI NONNI QUANDO LA VITA ERA MOLTO DIVERSA Un tempo il Tevere era un fiume molto importante in questa zona: infatti lungo la pianura che lo costeggiava

Dettagli

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI TITOLO UN FIORE + UNA FARFALLA = PACE Argomento Fiaba sulla pace Il testo è adatto alle seguenti classi: Scuola Adatto Classi di riferimento Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare

Dettagli