Rassegna giurisprudenziale. sulle procedure ad evidenza pubblica. (aprile maggio 2014)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna giurisprudenziale. sulle procedure ad evidenza pubblica. (aprile maggio 2014)"

Transcript

1 Rassegna giurisprudenziale sulle procedure ad evidenza pubblica (aprile maggio 2014) a cura di Francesco Armenante 1

2 CONSIGLIO DI STATO, SEZ. VI - sentenza 1 aprile 2014 n Dichiarazione sostitutiva anche per conto terzi e per i cessati in caso di fusione di aziende 1. La previsione secondo cui è consentito al legale rappresentante di rendere una dichiarazione sostitutiva relativa a fatti e circostanze riconducibili ad altri soggetti rinviene un puntuale conforto normativo nell ambito della previsione di cui al comma 2 dell art. 47 del d.p.r. 28 dicembre 2000, n. 445, secondo cui la dichiarazione, resa nell interesse proprio del dichiarante può riguardare anche stati, qualità personali e fatti relativi ad altri soggetti di cui egli abbia diretta conoscenza. Il legale rappresentante di una società ad una gara di appalto, pertanto, può rendere, alla stregua della norma richiamata, la dichiarazione relativa agli altri soggetti muniti di rappresentanza. 2. I concorrenti che omettano la dichiarazione di cui all art. 38, comma 1, lett. c), d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163, relativamente agli amministratori delle società partecipanti al procedimento di fusione o incorporazione, possono essere esclusi dalla gare - in relazione alle dichiarazioni rese ai sensi dell art. 38, comma 1, lett. c) dello stesso d.lgs. - solo se il bando espliciti tale onere di dichiarazione e la conseguente causa di esclusione; in caso contrario, l esclusione può essere disposta solo ove vi sia la prova che gli amministratori per i quali è stata omessa la dichiarazione hanno pregiudizi penali TAR CAMPANIA - NAPOLI, SEZ. I - sentenza 8 aprile 2014 n Sulla necessaria indicazione degli oneri di sicurezza aziendali E legittima l esclusione da una gara di appalto (nella specie si trattava di un appalto di lavori pubblici) di una ditta che non ha indicato nell offerta, il costo relativo agli oneri per la sicurezza. Infatti, nelle gare pubbliche, considerata la differenza che intercorre fra tra gli oneri di sicurezza per le cc.dd. interferenze (che sono predeterminati dalla stazione appaltante e riguardano rischi relativi alla presenza nell'ambiente della stessa di soggetti estranei chiamati ad eseguire il contratto) e gli oneri di sicurezza da rischio specifico o aziendale (la cui quantificazione spetta a ciascuno dei concorrenti e varia in rapporto alla qualità ed entità della sua offerta), l omessa indicazione specifica nell'offerta sia dell'una che dell'altra categoria di costi giustifica la sanzione espulsiva, ingenerando incertezza ed indeterminatezza dell'offerta e venendo, quindi, a mancare un elemento essenziale, ex art. 46, comma 1-bis, del codice dei contratti pubblici CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V - sentenza 8 aprile 2014 n Sulla regolarità contributiva anche per l impresa ausiliaria 1. Nelle gare di appalto, la regolarità contributiva e fiscale, richiesta dall art. 38 del D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, deve essere mantenuta per tutto l arco di svolgimento della gara, fino al momento dell aggiudicazione, sussistendo l esigenza della stazione appaltante di verificare l affidabilità del soggetto partecipante alla gara fino alla conclusione della stessa, restando irrilevante un eventuale adempimento tardivo degli obblighi contributivi e fiscali, ancorché con effetti retroattivi, giacché la (ammissibilità della) regolarizzazione postuma si tradurrebbe in una integrazione dell offerta, configurandosi come violazione della par condicio. 2. Tutti i soggetti che a qualunque titolo concorrano a pubblici appalti (in veste di affidatari, subaffidatari, consorziati, componenti di a.t.i., ausiliari in sede di avvalimento) devono essere in possesso dei requisiti richiesti dall art. 38 del D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, e dichiararli, assumendosi le relative responsabilità; in particolare, per ciò che concerne l avvilimento, l art. 49, comma 2, lett. c), 2

3 del codice dei contratti pubblici, prevede, per l accertamento dei requisiti di ordine generale, una totale equiparazione tra gli operatori economici offerenti e gli operatori economici in rapporto di avvalimento, ciò in omaggio ad elementari ragioni di trasparenza e di tutela effettiva degli interessi sottesi alle cause di esclusione delineati dall art. 38 ed in relazione all ineludibile esigenza che tutti gli operatori chiamati, a qualunque titolo, all esecuzione di prestazioni di lavori, servizi e forniture siano dotati dei necessari requisiti di ordine generale. 3. Nel caso in cui risulti che l impresa ausiliaria non possegga il requisito della regolarità contributiva, deve disporsi l esclusione dell intero raggruppamento che ha partecipato alla gara utilizzando l istituto dell avvalimento, per la carenza dei requisiti di ordine generale, ciò non costituendo un inammissibile ipotesi di responsabilità per fatto del terzo, quanto piuttosto la ineludibile conseguenza della mancanza in capo all impresa ausiliata degli stessi requisiti di partecipazione (posseduti proprio e soltanto tramite l impresa ausiliaria). Sui limiti della modificazione soggettiva di un ATI 4. La modificazione della composizione di un a.t.i., non aggiuntiva o sostituiva, ma riduttiva per il recesso di talune delle componenti mediante utilizzo dei requisiti dei soggetti residui se posseduti, è possibile solo se è dettata dalle esigenze organizzative della compagine concorrente e non anche quando ciò serve per evitare una sanzione di esclusione dalla gara per difetto dei requisiti in capo ai componenti. CONSIGLIO DI STATO, SEZ. III - sentenza 10 aprile 2014 n Sulla distinzione tra responsabile tecnico e direttore tecnico Legittimamente viene ammessa ad una gara di appalto una ditta che ha reso la dichiarazione ex art. 38 del codice dei contratti pubblici solo con riferimento alla figura del direttore tecnico, non occorrendo detta dichiarazione - in assenza di espressa previsione della lex specialis - anche per il responsabile tecnico, il quale è figura da ritenersi di certo non assimilabile a quella del direttore tecnico. CONSIGLIO DI STATO, SEZ. VI - sentenza 14 aprile 2014 n Sulla doverosità dell esclusione per omessa dichiarazione di una condanna Ove il bando di gara non si limiti a richiedere una generica dichiarazione di insussistenza delle cause di esclusione ex art. 38 del d.lgs. n. 163 del 2006, ma prescriva la dichiarazione di tutte le condanne penali, è legittimo l annullamento in autotutela dell aggiudicazione motivato con riferimento al fatto che l'aggiudicataria ha omesso di dichiarare una sentenza penale di condanna per omicidio colposo risultata a carico di un amministratore di una delle società facenti parte della r.t.i. aggiudicataria, senza effettuare alcuna valutazione della eventuale gravità della condanna stessa e della sua effettiva incidenza sulla moralità professionale. Infatti, in tal caso, l omessa dichiarazione di qualsivoglia condanna penale è causa di esclusione dalla gara Nelle gare pubbliche, la completezza delle dichiarazioni rese dai concorrenti rappresenta di per sé un valore da perseguire, dato che consente la celere decisione, da parte della stazione appaltante dei compiti di valutazione delle offerte, in ordine all'ammissione alla gara dei candidati. Con la conseguenza che, una dichiarazione inaffidabile (perché falsa o incompleta) è già di per se stessa lesiva degli interessi considerati dalla norma, a prescindere dal fatto che l'impresa meriti sostanzialmente di partecipare alla gara. 3

4 TAR MARCHE, SEZ. I - sentenza 16 aprile 2014 n. 549 Sull illegittimità di requisiti specifici e puntuali E illegittimo, per violazione dei principi di proporzionalità, libertà di concorrenza e favor partecipationis, e, quindi, per ingiustificata restrizione del numero dei partecipanti, il bando di una gara per l affidamento in concessione del servizio ispettivo sugli impianti termici di competenza della Provincia, nella parte in cui prevede, quale requisito necessario per la partecipazione alla procedura di evidenza pubblica, riguardante la formazione professionale specifica dei dipendenti delle ditte concorrenti, il necessario possesso da parte degli ispettori da impiegare nel servizio, dell attestazione di frequenza del corso espressamente indetto da ENEA per installatori di impianti termici: a) in primo luogo, l attività dell ENEA è solo eventuale, non prevedendo la norma un obbligo per gli enti interessati di avvalersi del contributo tecnico del citato Ente; b) in secondo luogo, ai fini della partecipazione alle gare debbono valere anche corsi organizzati senza il supporto tecnico dell ENEA, purché finalizzati ad impartire ai frequentanti le nozioni indispensabili per poter svolgere il delicato incarico di ispettore di impianti termici. TAR PIEMONTE, SEZ. I - sentenza 17 aprile 2014 n. 674 Sulla distinzione tra rinnovo e proroga del contratto L elemento che differenzia il rinnovo del contratto dalla proroga va identificato nella circostanza che mentre il rinnovo presuppone una rinegoziazione delle condizioni, la proroga si riduce soltanto ad un mero differimento temporale. TAR LOMBARDIA - MILANO, SEZ. I - sentenza 18 aprile 2014 n Sugli oneri di sicurezza aziendali E legittima l aggiudicazione di una gara di appalto in favore di una ditta che non ha indicato nella propria offerta gli oneri di sicurezza da rischio specifico od aziendale, nel caso in cui la lex specialis di gara non abbia prescritto questa indicazione, non essendo applicabile, rispetto a tale tipo di oneri, l art. 87, comma 4, del codice dei contratti pubblici CONSIGLIO DI STATO, SEZ. IV - sentenza 18 aprile 2014 n Sulla necessaria permanenza dei requisiti di partecipazione sino all aggiudicazione Nelle gare di appalto, i requisiti generali e speciali di partecipazione (nella specie attestati dalla certificazione SOA) devono essere posseduti dal concorrente non solo al momento della presentazione della domanda di partecipazione alla gara, ma anche a quello dell aggiudicazione provvisoria, e comunque per tutta la durata della procedura di evidenza pubblica (3). Va pertanto esclusa da una gara di appalto una ditta che, nel corso della gara stessa, abbia perso la richiesta attestazione SOA, a nulla rilevando che abbia riacquistato la detta attestazione successivamente, a gara già conclusa. 4

5 CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V - sentenza 23 aprile 2014 n Sulla portata delle revisione prezzi e sull indice da applicare 1. Nei contratti pubblici ad esecuzione periodica o continuativa, l istituto della revisione dei prezzi è preordinato, secondo l'attuale disciplina, alla tutela dell esigenza dell Amministrazione di evitare che il corrispettivo del contratto di durata subisca aumenti incontrollati nel corso del tempo tali da sconvolgere il quadro finanziario sulla cui base è avvenuta la stipulazione del contratto; solo in via mediata l istituto tutela l interesse dell impresa a non subire l alterazione dell equilibrio contrattuale conseguente alle modifiche dei costi che si verifichino durante l arco del rapporto e che potrebbero indurla ad una surrettizia riduzione degli standard qualitativi delle prestazioni. 2. Nel caso di contratti pubblici ad esecuzione periodica o continuativa, le imprese interessate, dinanzi alla mancata attuazione in sede amministrativa delle previsioni dell art. 7, comma 4, lett. c), e comma 5, del codice dei contratti e stante la necessità della determinazione dei costi standardizzati posti dall art. 115 dello stesso codice a base dell istruttoria per la revisione periodica del prezzo del singolo appalto, possono attivare il rimedio previsto dall art. 31 c.p.a. (azione avverso il silenzio della P.A.). 3. E possibile riconoscere la revisione prezzi nonostante l indisponibilità dei costi standardizzati determinati dall Osservatorio dei contratti pubblici ai sensi degli artt. 115, nonché 7 (comma 4, lett. c), e comma 5) del codice dei contratti pubblici. In tal caso, conformemente alla consolidata giurisprudenza formatasi sotto l impero del precedente art. 6 della legge 24 dicembre 1993, n. 537, che aveva delineato un similare meccanismo operativo rimasto parimenti inattuato (2), l istituto della revisione prezzi deve comunque trovare per quanto possibile riconoscimento, attesa la logica imperativa e cogente che lo connota, mediante il ricorso al cosiddetto indice F.O.I. ; l utilizzo di quest ultimo parametro, tuttavia, non esonera la stazione appaltante dal dovere di istruire il procedimento, tenendo conto di tutte le circostanze del caso concreto, al fine di esprimere la propria determinazione discrezionale, ma segna il limite massimo oltre il quale, salvo circostanze eccezionali che devono essere provate dall impresa, non può spingersi nella determinazione del compenso revisionale. Inoltre, laddove l impresa dimostri, durante l istruttoria, l esistenza di circostanze eccezionali che giustifichino la deroga all indice F.O.I., la quantificazione del compenso revisionale potrà effettuarsi con il ricorso a differenti parametri statistici. CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V - sentenza 23 aprile 2014 n Sull impugnazione necessaria dell aggiudica definitiva. 1. Il ricorso avverso l'esclusione da una gara di appalto diventa improcedibile tutte le volte in cui l'aggiudicazione finale intervenga, e sia conosciuta, prima della pronunzia sul relativo gravame, senza che l'impugnazione sia stata estesa anche al nuovo atto; tale principio si applica anche alla luce dell art. 79, comma 5, lett. a), d.lgs. n. 163 del 2006, che impone all Amministrazione appaltante di comunicare il provvedimento di aggiudicazione anche ai concorrenti esclusi che abbiano proposto - o siano in termini per proporre - ricorso avverso l'esclusione. 2. L impresa esclusa da una gara di appalto non può ritenersi esonerata dall onere di impugnazione dell aggiudicazione definitiva, per il fatto che ha già impugnato gravato la precedente aggiudicazione provvisoria. Quest ultima, infatti, ha natura di atto endoprocedimentale (la cui autonoma impugnabilità si riconnette ad una mera facoltà, e giammai ad un onere, del concorrente non aggiudicatario), ad effetti ancora instabili e del tutto interinali, sicché è inidonea a produrre la definitiva lesione del soggetto non risultato aggiudicatario, che si verifica solo con l aggiudicazione definitiva. 5

6 3. L onere di agire in giudizio contro l aggiudicazione definitiva di cui si sia venuti a conoscenza è immediato, e la sua insorgenza non può essere differita all esito del successivo controllo sul possesso dei requisiti di gara in capo all aggiudicataria ai sensi dell art. 11, comma 8, del d.lgs. n. 163 del In particolare, detto onere non può essere ritenuto venuto meno nel caso in cui la determina di aggiudicazione definitiva sia risultata, almeno nell immediato, carente di attestazione di copertura finanziaria, e versi quindi in una condizione di non esecutività discendente dall art. 151, comma 4, d.lgs. n. 267/2000 (a norma del quale i provvedimenti dei responsabili dei servizi che comportano impegni di spesa sono esecutivi con l apposizione del visto di regolarità contabile attestante la copertura finanziaria ). Sui presupposti per il risarcimento dei danni 4. L annullamento dell esclusione dalla gara, di per sé solo, non dà luogo al risarcimento del danno, ma solo nel caso di fattispecie concreta nella quale l'interessato dimostri la concreta possibilità, attraverso il rinnovo delle operazioni di gara, di poter quantomeno avere in astratto titolo all'aggiudicazione. Infatti, la domanda di risarcimento del danno non può essere valutata in presenza della sola illegittimità dell'esclusione, non rilevando un "danno risarcibile" connesso direttamente a tale illegittimità. TAR SICILIA - PALERMO, SEZ. II - sentenza 24 aprile 2014 n Sul collegamento sostanziale tra le imprese E legittimo il provvedimento con il quale la stazione appaltante ha escluso due ditte da una gara di appalto, motivato con riferimento al collegamento sostanziale delle stesse, nel caso in cui sussistano plurimi profili e/o indici idonei a comprovare l esistenza di un unico centro decisionale, e, in particolare, sussistano i relativi indici sintomatici, correttamente individuati dall Amministrazione, rinvenibili non solo in relazione al dato, incontestabile, delle modalità di presentazione delle offerte (contestualmente pervenute ed assunte con protocollo progressivo), ma soprattutto dalla comunanza delle sedi amministrativa e legale, dalla progressività delle rispettive polizze fideiussorie sottoscritte con la stessa Compagnia di assicurazioni e presso la medesima agenzia nello stesso giorno, e, da ultimo, sul piano soggettivo, dalla partecipazione alle quote sociali TAR CAMPANIA - NAPOLI, SEZ. VIII - sentenza 24 aprile 2014 n Sulla revisione prezzi e sull applicabilità del cd indice FOI 1. In tema di revisione dei prezzi relativa ai contratti di appalto di durata, aventi ad oggetto servizi e forniture, il subprocedimento di accertamento della sussistenza dei presupposti per il riconoscimento del compenso revisionale di cui all art. 115 del d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163, si risolve in una funzione di accertamento, in cui la P.A. svolge compiti di natura tecnico-discrezionale. 2. In tema di revisione dei prezzi relativa ai contratti di appalto di durata, aventi ad oggetto servizi e forniture, poiché, da un lato, i parametri di riferimento richiamati dall art. 115 e dall art. 7 del d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163 non risultano tuttora applicabili, dal momento che l ISTAT non ha proceduto al compimento delle necessarie rilevazioni al riguardo, e, dall altro, l istituto ha natura indefettibile quale meccanismo perequativo di salvaguardia del sinallagma funzionale contenuto già nell idea primigenia espressa nell art. 6 della legge n. 537 del 1993, deve ritenersi legittimo l utilizzo, in sostituzione, degli indici FOI, notoriamente costituiti da valori dell inflazione ritraibili dal costo medio, nell unità di tempo considerata, di beni contenuti in un paniere che si relaziona con il consumo di essi da parte di famiglie di operai ed impiegati. 6

7 TAR SICILIA - CATANIA, SEZ. IV - sentenza 24 aprile 2014 n Sui presupposti per la dichiarazione ex art. 38 in caso di fitto di ramo d azienda Legittimamente la Stazione appaltante, in mancanza di espressa previsione del bando, non ha escluso da una gara di appalto una ditta, ma ha fatto ricorso al c.d. soccorso istruttorio, nel caso in cui la ditta stessa non abbia anche dichiarato il possesso dei requisiti morali di cui all art. 38, comma 1, lett. c) codice dei contratti pubblici anche con riferimento all amministratore ed al direttore tecnico di una ditta di cui era stato affittato un ramo di azienda. In tal caso, infatti, da un lato, in difetto di espressa comminatoria nel bando, la mancanza delle dichiarazioni di assenza di tali cause di esclusione in relazione al legale rappresentante dell impresa affittata non può comportare alcuna sanzione di esclusione diretta dalla gara e, dall altro, non essendo l affitto di azienda contemplato tra le ipotesi per le quali gli atti di autoregolamentazione e la normativa del codice dei contratti pubblici stabiliscono un espresso onere dichiarativo, in mancanza di una indicazione chiara della lex specialis, è del tutto legittimo il ricorso al cd. soccorso istruttorio. CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V - sentenza 28 aprile 2014 n Sull inapplicabilità del diritto sopravvenuto 1. In sede di gara indetta per l'aggiudicazione di un contratto, la P.A. è tenuta ad applicare rigidamente le regole fissate nel bando, atteso che questo, unitamente alla lettera d'invito, costituisce la lex specialis della procedura ad evidenza pubblica, che non può essere disapplicata nel corso del procedimento, neppure nel caso in cui talune delle regole in essa contenute risultino non più conformi allo jus superveniens, salvo naturalmente l esercizio del potere di autotutela; il bando di una gara di appalto è infatti atto a carattere normativo, lex specialis della procedura, rispetto alla quale l'eventuale jus superveniens di abrogazione o di modifica di clausole non ha effetti innovatori, ciò anche in ragione del principio di tutela dell'affidamento dei concorrenti, così che le gare devono essere svolte in base alla normativa vigente alla data di emanazione del bando, ossia al momento di indizione della relativa procedura. Sul limiti al soccorso istruttorio 2. La facoltà, espressamente prevista dall'art. 46 del d.lgs. n. 163 del 2006, per la Stazione appaltante di invitare le imprese a chiarire certificati, documenti e dichiarazioni presentati (c.d. dovere di soccorso ) deve essere esercitata secondo i principi generali della buona fede e della ragionevolezza e deve essere altresì raccordata all'esigenza di carattere generale delle pubbliche gare di consentire la massima partecipazione, che potrebbe essere compromessa da carenze di ordine meramente formale nel rispetto tuttavia dell altrettanto fondamentale principio della par condicio; pertanto, l omessa allegazione di un documento o di una dichiarazione previsti a pena di esclusione non può essere considerata alla stregua di un'irregolarità sanabile e non ne consente l integrazione o la regolarizzazione postuma, non trattandosi di rimediare a vizi puramente formali, e ciò tanto più quando non sussistano equivoci o incertezze generati dall'ambiguità di clausole della legge di gara. Sulle sanzioni di cui all art. 48 del codice dei contratti 3. L articolo 48 del d.lgs. n. 163 del 2006 (sui controlli sul possesso dei requisiti, il quale prevede che, nel caso di mancata dimostrazione del possesso dei requisiti o di loro mancata conferma, le stazioni appaltanti procedono all'esclusione del concorrente dalla gara, all'escussione della relativa cauzione provvisoria e alla segnalazione del fatto all'autorità ) è preordinato ad assicurare il regolare e rapido espletamento della procedura di gara e la tempestiva liquidazione dei danni prodotti dall alterazione 7

8 della stessa a causa della mancanza dei requisiti da parte dell offerente, così che esso è strumentale all esigenza di garantire l imparzialità e il buon andamento dell Amministrazione, esigenza rispetto alla quale la sanzione dell esclusione dalla gara, con l escussione della cauzione e la segnalazione del fatto all Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici risulta essere del tutto coerente, adeguata e si ricollega correttamente alla sola mancata prova del possesso dei requisiti di partecipazione dichiarati con la presentazione dell offerta. CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V - sentenza 28 aprile 2014 n Sull incompatibilità dei commissari di gara 1. L art. 84, comma 4, del codice dei contratti pubblici (secondo cui, nella gare da aggiudicare con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, i commissari diversi dal Presidente non devono aver svolto né possono svolgere alcun'altra funzione o incarico tecnico o amministrativo relativamente al contratto del cui affidamento si tratta ), è destinato a prevenire il pericolo concreto di possibili effetti distorsivi prodotti dalla partecipazione alle commissioni giudicatrici di soggetti (progettisti, dirigenti che abbiano emanato atti del procedimento di gara e così via) che siano intervenuti a diverso titolo nella procedura concorsuale, definendo i contenuti e le regole della procedura. 2. Devono ritenersi integralmente illegittimi gli atti di una gara - ivi compresa l aggiudicazione - indetta da un Comune per la concessione di suolo pubblico nonché la progettazione, realizzazione e gestione degli interventi di un Piano particolareggiato, nel caso in cui un componente della commissione giudicatrice abbia partecipato e/o abbia avuto un ruolo di collaborazione alla redazione di tale Piano; in tal caso, infatti, gli atti della procedura di evidenza pubblica sono stati adottati in violazione dell art. 84, 4 comma, del codice dei contratti pubblici, secondo cui, per evidenti ragioni di incompatibilità, non possono far parte della commissione soggetti che possono svolgere un qualsiasi ruolo relativamente al contratto del cui affidamento si tratta. CONSIGLIO DI STATO, SEZ. III - sentenza 30 aprile 2014 n Sul termine di esibizione della documentazione da parte dell aggiudicataria e sulle relative sanzioni 1. E legittimo il provvedimento che dispone l annullamento dell aggiudicazione di una gara (nella specie per la fornitura di medicinali), l escussione della cauzione provvisoria, nonché la segnalazione dell annullamento - dovuto all'esclusione dalla gara stessa - all Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici, adottato perché la ditta aggiudicataria non aveva provveduto ad ottemperare nei termini alla richiesta di documentazione comprovante il possesso dei requisiti relativi alla capacità economicofinanziaria dalla stessa dichiarati, ai sensi dell art. 48, comma 2, del d.lgs. n. 163 del L art. 48, 2 comma, del d.lgs. n. 163 del nello stabilire che «La richiesta di cui al comma 1 è, altresì, inoltrata, entro dieci giorni dalla conclusione delle operazioni di gara, anche all aggiudicatario e al concorrente che segue in graduatoria, qualora gli stessi non siano compresi fra i concorrenti sorteggiati, e nel caso in cui essi non forniscano la prova o non confermino le loro dichiarazioni si applicano le suddette sanzioni e si procede alla determinazione della nuova soglia di anomalia dell'offerta e alla conseguente eventuale nuova aggiudicazione» - prevede un termine che, al pari di quello previsto per la verifica a campione contemplata dal 1 comma della stessa norma, ha natura perentoria, tranne il caso di un oggettivo impedimento nella produzione della documentazione non in disponibilità. Infatti, anche al disposto in questione è sottesa l eadem ratio di garantire la celere definizione della fase del procedimento in cui si inserisce l adempimento, che è quella conclusiva della procedura di selezione del contraente. 8

9 3. L incameramento della cauzione provvisoria ai sensi dell art. 48 del d.lgs. n. 163 del 2006, anche nel caso di mancata produzione della documentazione da parte dell aggiudicataria entro il termine di 10 giorni dalla richiesta, è una conseguenza sanzionatoria del tutto automatica del provvedimento di esclusione, come tale non suscettibile di alcuna valutazione discrezionale con riguardo ai singoli casi concreti ed in particolare alle ragioni meramente formali ovvero sostanziali che l'amministrazione abbia ritenuto di porre a giustificazione dell'esclusione medesima. CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V - sentenza 30 aprile 2014 n Sull obbligo di astensione di un commissario di gara È illegittima una procedura selettiva indetta ed esperita da un Comune per l affidamento di un incarico esterno (nella specie l incarico aveva ad oggetto la gestione dei servizi museali), nel caso in cui sia risultata la sussistenza di una situazione di conflitto di interessi in cui si è trovato un membro della commissione di concorso, in ragione di una causa pendente con un concorrente. In tal caso, infatti, sussistendo in capo a tale componente della commissione di concorso una causa di astensione obbligatoria ex art. 51 c.p.c., la procedura selettiva esperita deve ritenersi viziata per la violazione dei principi di imparzialità e buon andamento che devono informare l azione amministrativa CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V - sentenza 30 aprile 2014 n Sulla natura eccezionale della procedura negoziata e sull avvalimento 1. Il ricorso al sistema di scelta della procedura negoziata senza pubblicazione del bando per la stipula di un contratto relativo a lavori, forniture e servizi pubblici, prevista dall'art. 57 comma 2 D.L.vo 12 aprile 2006 n. 163, rappresenta un'eccezione al principio generale della pubblicità e della massima concorsualità tipica della procedura aperta, con la conseguenza che i presupposti fissati dalla legge per la sua ammissibilità devono essere accertati con il massimo rigore e non sono suscettibili di interpretazione estensiva. Tra i presupposti richiesti dal citato art. 57, non può annoverarsi l ipotesi in cui venga individuata quale affidataria l impresa in quanto affittuaria dei terreni sui quali i lavori stessi devono essere realizzati; eventualità quest ultima in nessun modo assimilabile a quelle ragioni di natura tecnica o artistica ovvero attinenti alla tutela di diritti esclusivi, contemplate dal citato art. 57, comma 2, lett. b). 2. E illegittimo il ricorso all avvalimento nel caso in cui manchi la dichiarazione dell impresa ausiliata. Infatti, ai sensi dell art. 49 del d.lgs. n. 163/2006, è necessario che l impresa ausiliata produca una dichiarazione attestante l intenzione di utilizzare l avvalimento con espressa indicazione: a) dei requisiti per i quali intende utilizzare l istituto de quo; b) dell impresa ausiliaria. TAR SICILIA - CATANIA, SEZ. III - sentenza 29 aprile 2014 n Sulla non vincolatività del sistema di verifica dell offerta anomala per gli appalti esclusi Non possono ritenersi illegittimi gli atti di una gara di appalto per l affidamento di un servizio sanitario e sociale di cui all allegato II B del codice dei contratti pubblici (nella specie si trattava del servizio di gestione di un centro diurno Alzheimer), nel caso in cui la stazione appaltante, nel corso della procedura ad evidenza pubblica, non abbia attivato il sub-procedimento di verifica di anomalia delle offerte. Infatti, il suddetto servizio è escluso, ai sensi dell art. 20 del D.lgs. 163 del 2006, 9

10 dall integrale applicazione delle norme del codice dei contratti e disciplinato esclusivamente dagli artt. 65, 68 e 225 del D.lgs. 163 del 2006; con la conseguenza che, in tal caso, la stazione appaltante non è tenuta a procedere ad alcuna attività di verifica della pretesa anomalia. CONSIGLIO DI STATO, SEZ. III - sentenza 5 maggio 2014 n Sull esclusione della ditta per omessa dichiarazione di una precedente risoluzione contrattuale E legittimo il provvedimento con il quale la stazione appaltante ha revocato in autotutela l aggiudicazione di una gara di appalto ed ha escluso la ditta aggiudicataria dalla medesima gara, motivato con riferimento al fatto che tale ditta ha omesso di dichiarare, ex art. 38, c. 1, lett. f) del D.Lgs. n. 163 del 2006, una precedente risoluzione contrattuale disposta dalla P.A. per gravi inadempimenti contrattuali, a nulla rilevando che detta risoluzione contrattuale sia stata disposta da parte da una stazione appaltante diversa da quella che ha bandito l appalto. Infatti la dichiarazione di cui all art. 38, c. 1, lett. f) del D.Lgs. n. 163 del 2006 è essenziale e prescinde dal fatto che la stazione appaltante sia la stessa od altra, perché attiene ai principi di lealtà e affidabilità contrattuale e professionale che presiedono agli appalti e ai rapporti con la stazione stessa, né si rilevano validi motivi per non effettuare tale dichiarazione, posto che spetta comunque alla P.A. la valutazione dell errore grave, che può essere accertato con qualsiasi mezzo di prova TAR TOSCANA, SEZ. I - sentenza 5 maggio 2014 n. 703 Sull immodificabilità dell offerta E illegittima l aggiudicazione di una gara per un appalto di servizi (nella specie si trattava dei servizi ausiliari presso le scuole dell'infanzia comunali, asili nido e centri gioco) in favore di una ditta che, da un lato - in contrasto con la clausola del bando che individua il numero minimo di ore lavorative giornaliere complessive, che l'operatore avrebbe dovuto svolgere in ogni sede scolastica, in relazione al numero di utenti serviti - articolando al ribasso i limiti fissati dalla lex specialis, ha determinato, nel complesso, la sua offerta in un monte ore giornaliero inferiore a quello minimo e, dall altro - a seguito dell esperimento del procedimento di verifica dell'anomalia dell offerta - con il consenso della stazione appaltante, ha modificato alcuni aspetti essenziali dell offerta, integrando i turni di lavoro in precedenza indicati, così da coprire anche i periodi del servizio per i quali non era originariamente indicato il personale occorrente, e modificando il costo del lavoro, in tal modo mutando, per un aspetto sostanziale, i contenuti economici dell offerta;. In tal caso, infatti, l aggiudicazione deve ritenersi illegittima, sia per violazione della lex specialis, che del principio di immutabilità dell offerta. CONSIGLIO DI STATO, SEZ. VI - sentenza 8 maggio 2014 n Sull inammissibilità di un avvalimento generico 1. Ai fini della validità di un avvalimento in una gara di appalto, ai sensi dell art. 49 del decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 163 (codice dei contratti pubblici), le parti principale e ausiliaria devono impegnarsi a mettere a disposizione non il solo requisito soggettivo «quale mero valore astratto», ma è necessario che risulti con chiarezza che l ausiliaria presti le proprie risorse e il proprio apparato organizzativo, in tutte le parti che giustificano l attribuzione del requisito (a seconda dei casi: mezzi, personale, prassi e tutti gli altri elementi aziendali qualificanti). L art. 88, comma 1, lett. a), del d.p.r. 5 ottobre 2010, n. 207 (Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 10

11 2006, n. 163, recante «Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE») ha recepito, a livello normativo, questo principio, stabilendo che il contratto di avvalimento deve riportare «in modo compiuto, esplicito ed esauriente ( ) le risorse e i mezzi prestati in modo determinato e specifico». 2. L esigenza di determinazione dell oggetto del contratto di avvalimento esiste anche con riferimento alla dichiarazione unilaterale dell'impresa ausiliaria, in quanto nell istituto dell avvalimento l impresa ausiliaria stessa non è semplicemente un soggetto terzo rispetto alla gara, dovendosi essa impegnare non soltanto verso l'impresa concorrente ausiliata ma anche verso la Stazione appaltante a mettere a disposizione del concorrente le risorse di cui questi sia carente, sicché l ausiliario è tenuto a riprodurre il contenuto del contratto di avvalimento in una dichiarazione resa nei confronti della stazione appaltante. Invero, occorre soddisfare esigenze di certezza dell Amministrazione, essendo la dichiarazione dell impresa ausiliaria volta a soddisfare l interesse della Stazione appaltante ad evitare, dopo l aggiudicazione, l insorgere di contestazioni sugli obblighi dell ausiliaria. TAR LAZIO - ROMA, SEZ. I - sentenza 8 maggio 2014 n Sull esclusione in caso di domanda di partecipazione firmata da un soggetto privo di poteri Deve ritenersi nulla - con conseguente legittimità della esclusione della società interessata dalla gara di appalto - la domanda di partecipazione alla gara stessa che sia stata sottoscritta non già dall'amministratore unico indicato nell'atto costitutivo e nello statuto della società, bensì da un soggetto di cui nessun atto attesta il subentro nelle predette funzioni CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V - sentenza 7 maggio 2014 n Sugli oneri di sicurezza aziendali 1. Nelle gare di appalto, l obbligo di indicazione, in sede di offerta, del costo relativo alla sicurezza è imposto dal legislatore, ex art. 87, comma 4, del codice dei contratti pubblici, esclusivamente per le procedure relative agli appalti di servizi e forniture, mentre in materia di lavori pubblici la quantificazione è rimessa al piano di sicurezza e coordinamento ex art. 100, d.lgs. n. 81/2008, predisposto dalla stazione appaltante ai sensi dell art. 131 del codice dei contratti pubblici, fermo restando l obbligo di verifica dell adeguatezza degli oneri per tutti i contratti pubblici in forza dell art. 86, comma 3 bis, dello stesso codice. Sulla tassatività delle ipotesi di esclusione 2. Alla luce di un interpretazione coerente con i canoni di tassatività delle cause di esclusione (art. 46, comma 1 bis, del codice dei contratti pubblici), di ragionevolezza e del favor partecipationis, deve ritenersi che non possa essere esclusa da una gara di appalto una riunione temporanea d imprese i cui legali rappresentanti abbiano omesso di apporre, così come previsto dal bando, una firma per esteso e leggibile, almeno nella prima e nell ultima pagina dell offerta tecnica, nel caso in cui la volontà di appropriarsi della paternità dell offerta sia comunque evincibile in termini certi dall apposizione su tutte le pagine dell offerta tecnica delle sigle dei rappresentanti legali delle imprese raggruppate, identificati con i timbri e con i documenti di identità allegati e dall inserimento dell offerta in plichi sigillati e controfirmati inclusi in contenitori parimenti sigillati e controfirmati; d altra parte, un interpretazione formalistica della normativa di gara, che imponesse l esclusione nonostante la pacifica riconducibilità dell offerta alla sfera volitiva del concorrente, esporrebbe la lex specialis a censure per vizi di eccesso di potere e di contrasto con l art. 46, comma 1 bis, del codice dei contratti pubblici. 11

12 CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V - sentenza 13 maggio 2014 n Sulla sufficienza del punteggio numerico 1. Nelle gare di appalto, in sede di valutazione delle offerte, il punteggio numerico ben può essere ritenuto sufficiente ex se ad esternare e sostenere il giudizio della commissione sui singoli elementi tecnici, allorquando la lex specialis della gara abbia predeterminato in modo adeguato i parametri di misurazione degli stessi consentendo la ricostruzione dell iter logico seguito dall organo tecnico. Sul giudizio di anomalia dell offerta 2. In materia di gare di appalto, la valutazione di anomalia (e a fortiori quella di non anomalia) attiene a scelte rimesse alla Stazione appaltante quale espressione di autonomia negoziale in ordine alla convenienza dell offerta ed alla serietà e affidabilità del concorrente, ed è pertanto sindacabile in s.g. solo ab externo, nei limiti della abnormità, manifesta irragionevolezza e travisamento dei fatti TAR LAZIO - ROMA, SEZ. III - sentenza 14 maggio 2014 n Sul diritto di accesso al contratto del subappaltatore Sussiste il diritto del subappaltore di accedere al contratto di appalto stipulato tra la P.A. e l'appaltatore, nel caso di istanza ostensiva motivata con riferimento alla sussistenza di un credito vantato dall accedente nei confronti dell appaltatore e avanzata al fine di attivare, anche in sede giurisdizionale, i rimedi previsti dall art. 118, comma 3, del D.lgs n. 163 del 2006 (secondo cui la stazione appaltante può corrispondere direttamente al subappaltatore o al cottimista l'importo dovuto per le prestazioni dagli stessi eseguite). In tal caso, infatti, sussiste un interesse concreto ed attuale all accesso, poiché la conoscenza della documentazione richiesta con l istanza ostensiva, consente al subappaltatore-accedente di decidere, con cognizione di causa, quali iniziative intraprendere a tutela del proprio credito, sia dal punto di vista amministrativo, sia da quello giurisdizionale. CONSIGLIO DI STATO, SEZ. IV - sentenza 14 maggio 2014 n Sul cottimo fiduciario e sull invito all affidatario uscente 1. Ai contratti della P.A. devono sempre applicarsi le regole comunitarie sulla concorrenza, inclusi gli obblighi di parità di trattamento e di trasparenza. E bene precisare che i principi generali del Trattato valgono anche per i contratti e le fattispecie diverse da quelle concretamente contemplate; quali - oltre alla concessione di servizi e beni pubblici - gli appalti sottosoglia e i contratti diversi dagli appalti tali da suscitare l'interesse concorrenziale delle imprese e dei professionisti. 2. Il cottimo fiduciario costituisce procedura annoverabile tra gli appalti e, specificatamente, riconducibile - giusta disposizione contenuta nell art. 3, comma 4 del D.L.vo n. 163/2006 -, nell'ambito delle procedure negoziate. In quanto tale, ad esso si devono applicare norme e principi classici della gara, non potendosi escludere affatto l'applicazione dei principi generali contrattuali - legalità, trasparenza e parità di trattamento. 3. La disposizione di cui all art. 125, comma 11, del D.L.vo n. 163/2006 (secondo cui, per servizi o forniture di importo pari o superiore a quarantamila euro e fino alle soglie di cui al comma 9, 12

13 l affidamento mediante cottimo fiduciario avviene nel rispetto dei principi di trasparenza, rotazione, parità di trattamento, previa consultazione di almeno cinque operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei, individuati sulla base di indagini di mercato ovvero tramite elenchi di operatori economici predisposti dalla stazione appaltante. Per servizi o forniture inferiori a ,00 euro, è consentito l affidamento diretto da parte del responsabile del procedimento ) prevede il tendenziale criterio della rotazione. Tale norma, non impone, è vero, di invitare il precedente affidatario del servizio; è tuttavia incontestabile però che costituisce regola di buona amministrazione quella di prendere atto della circostanza che, laddove questi richieda di partecipare, non v è ragione alcuna che legittimi l Amministrazione a non rispondere chiarendo le ragioni del mancato invito (foss anche richiamando la norma di legge, in teoria). E inoltre incontestabile che, con riferimento al cottimo fiduciario di importo inferiore a ,00 euro si potrebbe optare per l affidamento diretto; ma ove ciò l Amministrazione non faccia, esperita la procedura negoziata, essa si deve conformare ai canoni di trasparenza e pubblicità TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II BIS - sentenza 19 maggio 2014 n Sull irrilevanza dell omessa presentazione della domanda di partecipazione alla gara E illegittimo il provvedimento con il quale la stazione appaltante ha escluso una ditta da una gara, motivato con riferimento alla mancanza della domanda di partecipazione, nel caso in cui, da un lato, la domanda di partecipazione prevista dal bando non contempli alcuna dichiarazione e, dall altro, la volontà della ditta stessa di voler partecipare alla gara e la riferibilità all impresa partecipante di quanto effettivamente presentato, possano essere chiaramente desunte dal complesso della documentazione allegata all'offerta. TAR EMILIA ROMAGNA - BOLOGNA, SEZ. II - sentenza 21 maggio 2014 n. 517 Sulla rilevanza della dichiarazione mendace E legittimo il provvedimento con il quale la stazione appaltante ha revocato in autotutela l aggiudicazione provvisoria che sia motivato con riferimento al fatto che, a seguito di verifica dei requisiti di partecipazione alla gara, è emersa, a carico della ditta interessata, una pregressa risoluzione contrattuale per prestazioni analoghe comminata da altra P.A. non dichiarata in sede di domanda di partecipazione, a nulla rilevando che la risoluzione contrattuale sia ancora sottoposta ad accertamento giudiziale; tale ultima circostanza, infatti, non sposta i termini della questione in quanto assumono rilevanza, ai fini del diniego di aggiudicazione, le false dichiarazioni rese in ordine alle condizioni generali di partecipazione alla gara, considerate nella loro oggettività e quindi indipendentemente da qualsiasi indagine sull elemento soggettivo riguardante l autore della condotta. Connessa alle predette false dichiarazioni è la sanzione della decadenza dell aggiudicazione provvisoria prevista dall art. 75 del D.P.R. n. 445/2000, il quale dispone che dalla non veridicità del contenuto della dichiarazione deriva la decadenza del dichiarante dai benefici conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera. 13

14 TAR CAMPANIA - NAPOLI, SEZ. I - sentenza 21 maggio 2014 n Sulla rilevanza della mancata indicazione degli oneri di sicurezza aziendali E illegittima l ammissione in gara (nella specie, si trattava di un appalto di progettazione esecutiva e di lavori), di una ditta che non ha indicato nell offerta gli oneri da rischio specifico, detti anche aziendali, né in sede di presentazione dell offerta né in occasione delle giustificazioni prodotte nel corso della verifica di anomalia dell offerta; infatti, l indicazione degli oneri per la sicurezza costituisce un requisito ineliminabile dell offerta e, in caso di omissione, comporta l esclusione dalla gara anche ove non espressamente richiesto dal bando. TAR EMILIA ROMAGNA - BOLOGNA, SEZ. II - sentenza 21 maggio 2014 n. 517 Sulla revoca dell aggiudica per falsa dichiarazione E legittimo il provvedimento con il quale la stazione appaltante ha revocato in autotutela l aggiudicazione provvisoria che sia motivato con riferimento al fatto che, a seguito di verifica dei requisiti di partecipazione alla gara, è emersa, a carico della ditta interessata, una pregressa risoluzione contrattuale per prestazioni analoghe comminata da altra P.A. non dichiarata in sede di domanda di partecipazione, a nulla rilevando che la risoluzione contrattuale sia ancora sottoposta ad accertamento giudiziale; tale ultima circostanza, infatti, non sposta i termini della questione in quanto assumono rilevanza, ai fini del diniego di aggiudicazione, le false dichiarazioni rese in ordine alle condizioni generali di partecipazione alla gara, considerate nella loro oggettività e quindi indipendentemente da qualsiasi indagine sull elemento soggettivo riguardante l autore della condotta. Connessa alle predette false dichiarazioni è la sanzione della decadenza dell aggiudicazione provvisoria prevista dall art. 75 del D.P.R. n. 445/2000, il quale dispone che dalla non veridicità del contenuto della dichiarazione deriva la decadenza del dichiarante dai benefici conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera. CONSIGLIO DI STATO, SEZ. VI - sentenza 21 maggio 2014 n Sul ruolo del progettista nell appalto integrato 1. Alla stregua dell articolo 53, comma 3, del d.lgs. n. 163 del 2006 (secondo cui, in caso di appalti integrati di progettazione ed esecuzione di lavori, il concorrente può limitarsi ad indicare in sede di offerta il soggetto qualificato per la progettazione), deve ritenersi che il professionista non assuma la veste formale di concorrente nell ambito della gara di appalto, con la conseguenza che nei suoi confronti non risultano direttamente applicabili le previsioni in tema di requisiti di ordine soggettivo di cui all articolo 38 del codice dei contratti pubblici. Sulla necessità di una congrua motivazione nel solo caso di rilevanza della condanna 2. La Stazione appaltante, ove non ritenga che il precedente penale dichiarato dal concorrente sia incisivo sulla sua moralità professionale, non è tenuta ed esplicitare in maniera analitica le ragioni di siffatto convincimento, potendo la motivazione di non gravità del reato essere anche implicita o per facta concludentia, ossia con l'ammissione alla gara dell'impresa; viceversa, è la valutazione di gravità che richiede l'assolvimento di un particolare onere motivazionale. La stazione appaltante deve infatti motivare puntualmente le esclusioni, e non anche le ammissioni. 14

15 TAR ABRUZZO - L AQUILA, SEZ. I - sentenza 22 maggio 2014 n. 484 Sull ammissibilità dell avvalimento anche per la certificazione della qualità E legittima l ammissione in gara di una ditta che, al fine di dimostrare il possesso della certificazione di qualità, ha fatto ricorso all istituto dell avvalimento; infatti, la formulazione dell art. 49 del d.lgs. n. 163 del 2006, che il concorrente può soddisfare la richiesta relativa al possesso dei requisiti di carattere economico - finanziario, tecnico - organizzativo, ovvero di attestazione della certificazione SOA, avvalendosi dei requisiti di un altro soggetto o dell attestazione SOA di altro soggetto, è molto ampia e non prevede alcun divieto; sicché ben può l avvalimento riferirsi anche alla certificazione di qualità di altro operatore economico, attenendo essa ai requisiti di capacità tecnica. TAR EMILIA ROMAGNA - BOLOGNA, SEZ. II - sentenza 22 maggio 2014 n. 527 Sulla revoca dell aggiudica per mancata sottoscrizione del contratto. E legittimo il provvedimento con il quale la stazione appaltante ha revocato in autotutela l aggiudicazione di una gara di appalto, che sia motivato con riferimento al fatto che l impresa aggiudicataria ha formalmente rinunciato all aggiudicazione e, contestualmente, si è rifiutata di stipulare il contratto nel termine di legge, a nulla rilevando che, a fondamento di tale rinuncia, il concorrente interessato abbia posto ragioni inerenti la non convenienza del contratto stesso. TAR SICILIA - PALERMO, SEZ. II - sentenza 23 maggio 2014 n Sulla natura del rapporto tra direttore dei lavori e stazione appaltante Il conferimento da parte di un ente pubblico di incarico a un professionista non inserito nella struttura organica dell ente medesimo (e che mantenga, pertanto, la propria autonomia e l iscrizione al relativo albo) costituisce espressione non di una potestà amministrativa, bensì di semplice autonomia privata, ed è funzionale all instaurazione di un rapporto di cosiddetta parasubordinazione - da ricondurre pur sempre al lavoro autonomo - pur nell ipotesi in cui la collaborazione assuma carattere continuativo, e il professionista riceva direttive e istruzioni dall ente, onde anche la successiva delibera di revoca dell incarico riveste natura non autoritativa ma di recesso contrattuale, con conseguente attribuzione della controversia al giudice ordinario. TAR PUGLIA - LECCE, SEZ. III - sentenza 26 maggio 2014 n Sulla revoca dell aggiudica per fallimento dell impresa ausiliaria E legittimo il provvedimento con il quale la stazione appaltante ha revocato in autotutela l aggiudicazione provvisoria di una gara di appalto disposta in favore di una ditta che ha fatto ricorso all istituto dell avvalimento, che sia motivato con riferimento al fatto che è risultato che l ausiliaria, al momento della partecipazione alla gara, era assoggettata a fallimento; infatti, l art. 49, comma 2, lett. c), del d.lgs. n. 163 del 2006 impone che la società ausiliaria possegga tutti i requisiti richiesti dall art. 38 del medesimo d.lgs. per la partecipazione alla gara, tra cui è ricompreso anche il fatto di non essere assoggettati a procedure concorsuali. 15

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

I.1. Sia la direttiva 2004/18 che il testo del Codice non apportano profonde innovazioni rispetto al regime previgente.

I.1. Sia la direttiva 2004/18 che il testo del Codice non apportano profonde innovazioni rispetto al regime previgente. Codice dei contratti pubblici: la trattativa privata negli appalti di servizi e forniture, il rinnovo e gli acquisti in economia nei settori ordinari. Prime notazioni. di Alessandro Massari I. La trattativa

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Consiglio di Stato n. 4778 del 10.09.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

Consiglio di Stato n. 4778 del 10.09.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato La giurisprudenza prevalente è difatti attestata che l incameramento della cauzione provvisoria ai sensi dell art. 48 cit. è una conseguenza sanzionatoria del tutto automatica del provvedimento di esclusione,

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione VIGILANZA CONTRATTI PUBBLICI Revisione ed aggiornamento della determinazione del 7 luglio 2010, n. 5 Linee guida per l affidamento dei servizi attinenti all architettura

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

CAPITOLO II LE PROCEDURE DI SCELTA DEL CONTRAENTE

CAPITOLO II LE PROCEDURE DI SCELTA DEL CONTRAENTE CAPITOLO II LE PROCEDURE DI SCELTA DEL CONTRAENTE SOMMARIO: 1. Il sistema dell evidenza pubblica e i principi cardine. - 2. I sistemi di individuazione del contraente. - 2.1 Le procedure aperte. - 2.2

Dettagli

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, FORNITURE E SERVIZI D. Lgs. 163/06 e s.m.i. SINTESI. (Aggiornato al 1 gennaio 2008)

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, FORNITURE E SERVIZI D. Lgs. 163/06 e s.m.i. SINTESI. (Aggiornato al 1 gennaio 2008) Amministrazione Centrale Direzione Affari Contrattuali e Patrimoniali CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, FORNITURE E SERVIZI D. Lgs. 163/06 e s.m.i. SINTESI (Aggiornato al 1 gennaio 2008)

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo:

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo: Avviso pubblico per l istituzione di un Albo di esperti da impegnare nelle attività di realizzazione di programmi e progetti di studio, ricerca e consulenza. Art. 1 Premessa E indetto Avviso Pubblico per

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

CAPITOLO XII LA FASE CONTRATTUALE

CAPITOLO XII LA FASE CONTRATTUALE CAPITOLO XII LA FASE CONTRATTUALE SOMMARIO: 1. Le attività prodromiche alla stipula del contratto. - 2. La consegna dei lavori, servizi e forniture. - 3. Il corrispettivo del contratto d appalto. L invariabilità

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture BANDI-TIPO per l affidamento di lavori pubblici di importo superiore a 150.000 euro nei settori ordinari Documento di Consultazione

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione. Bozza di Determinazione

Autorità Nazionale Anticorruzione. Bozza di Determinazione Autorità Nazionale Anticorruzione VIGILANZA CONTRATTI PUBBLICI Bozza di Determinazione Criteri interpretativi in ordine alle disposizioni dell art. 38, comma 2-bis e dell art. 46, comma 1-ter del D.Lgs.

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

dal comportamento, da un lato, dell amministrazione, dall altro dei concorrenti (Cons. reg. sic., 9 giugno 1998, n. 335). Parimenti viene esclusa

dal comportamento, da un lato, dell amministrazione, dall altro dei concorrenti (Cons. reg. sic., 9 giugno 1998, n. 335). Parimenti viene esclusa In vista del favore della partecipazione del maggior numero possibile di concorrenti alle pubbliche gare, in presenza di una formulazione poco chiara, va preferita l ammissione rispetto all esclusione

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento per le Politiche di Gestione e di Sviluppo delle Risorse Umane DIPRU 3 Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture Vol. 3 - Il contratto

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

C O M U N E D I M O D I C A

C O M U N E D I M O D I C A C O M U N E D I M O D I C A XI SETTORE Sezione 1 a - Manutenzione Strade e Illuminazione BANDO DI GARA Ai fini del presente bando-disciplinare si intende per: - CODICE : il D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

CRITERI PER LA SCELTA DELLE DITTE DA INVITARE

CRITERI PER LA SCELTA DELLE DITTE DA INVITARE CRITERI PER LA SCELTA DELLE DITTE DA INVITARE PROCEDURA NEGOZIATA ART. 33 L.P. 26/1993 PROCEDURE IN ECONOMIA ART. 52 L.P. 26/1993 COMUNE DI CLES PROVINCIA DI TRENTO PROCEDURE NEGOZIATE: CRITERI PER LA

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di sospensione automatica della stipulazione del contratto; riforma introdotta dal Decreto Legislativo n. 53/2010 di attuazione

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito

chiede l ammissione dell impresa medesima alla gara indetta per l affidamento del servizio in oggetto. Al proposito ALLEGATO 1 Via A. Picco Oggetto: istanza di ammissione alla gara relativa servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria delle macchine operatrici di ACAM Ambiente s.p.a.. Il sottoscritto...., nato

Dettagli

DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale).

DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale). Allegato al MOD. PRES. Mod. DICH/14. DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale). DELLA IMPRESA (denominazione e ragione sociale). SEDE LEGALE

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI BANDO PER LA VENDITA DI TERRENI CON PATTO DI RISERVATO DOMINIO A FAVORE DI GIOVANI LAUREATI (Determinazione del Direttore Generale n. 642 del 06/12/2012) Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI 1. L Istituto

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Prot. 26329/2015 Selezione pubblica per l assunzione a tempo indeterminato di 892 unità per la terza area funzionale, fascia retributiva

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture DOCUMENTO BASE Problematiche applicative delle disposizioni in materia di opere a scomputo degli oneri di urbanizzazione

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli