Gare OO.PP OPERE PUBBLICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gare OO.PP OPERE PUBBLICHE"

Transcript

1 OPERE PUBBLICHE D.lgs 163/2006 Codice dei Contratti pubblici Gare OO.PP Riflessioni ed opinioni sulla nuova disciplina in seguito all entrata in vigore del comma 3-bis dell art.81 del D.Lgs163/2006 introdotto dalla legge 12 luglio 2011, n.106 di conversione del DL70/2011 (G.U. n 160 del 12/07/2011) Tratte anche da pubblicazioni ITACA - UNITEL - DigitPA Determinazione migliore offerta : al netto delle spese del personale e adempimenti per la sicurezza 1

2 La nuova disciplina In seguito all innesto del comma 3-bis, l art. 81 del Codice risulta cosi riformulato: 1. Nei contratti pubblici, fatte salve le disposizioni legislative, regolamentari o amministrative relative alla remunerazione di servizi specifici, la migliore offerta è selezionata con il criterio del prezzo più basso o con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa. 2. Le stazioni appaltanti scelgono, tra i criteri di cui al comma 1, quello più adeguato in relazione alle caratteristiche dell oggetto del contratto, e indicano nel bando di gara quale dei due criteri di cui al comma 1 sarà applicato per selezionare la migliore offerta. 3. Le stazioni appaltanti possono decidere di non procedere all aggiudicazione se nessuna offerta risulti conveniente o idonea in relazione all oggetto del contratto. Segue 2

3 3-bis. L offerta migliore è altresì determinata al netto delle spese relative al costo del personale, valutato sulla base dei minimi salariali definiti dalla contrattazione collettiva nazionale di settore tra le organizzazioni sindacali dei lavoratori e le organizzazioni dei datori di lavoro comparativamente più significative sul piano nazionale, e delle misure di adempimento delle disposizioni in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro». La nuova disposizione normativa non prevede un periodo transitorio, pertanto è entrata immediatamente in vigore 3

4 Art_87_Criteri di verifica delle offerte anormalmente basse 2. Le giustificazioni possono riguardare, a titolo esemplificativo: a) l'economia del procedimento di costruzione, del processo di fabbricazione, del metodo di prestazione del servizio; b) le soluzioni tecniche adottate; c) le condizioni eccezionalmente favorevoli di cui dispone l'offerente per eseguire i lavori, per fornire i prodotti, o per prestare i servizi; d) l'originalità del progetto, dei lavori, delle forniture, dei servizi offerti; e) (lettera abrogata dall'articolo 1, comma 909, lettera b), legge n. 296 del 2006) f) l'eventualità che l'offerente ottenga un aiuto di Stato; g) (lettera abrogata dall'art. 4, comma 2, lettera i-ter), legge n. 106 del 2011) comporta la non ammissibilità delle giustificazioni in materia di costo del lavoro ex comma g) il costo del lavoro come determinato periodicamente in apposite tabelle dal Ministro del lavoro e delle politiche sociali, sulla base dei valori economici previsti dalla contrattazione collettiva stipulata dai sindacati comparativamente più rappresentativi, delle norme in materia previdenziale e assistenziale, dei diversi settori merceologici e delle differenti aree territoriali; in mancanza di contratto collettivo applicabile, il costo del lavoro è determinato in relazione al contratto collettivo del settore merceologico più vicino a quello preso in considerazione. 4

5 INNOVAZIONE del nuovo comma 3-bis: INTRODUCE UN NUOVO PARAMETRO CHE INFLUISCE SULLA DETERMINAZIONE DELL OFFERTA MIGLIORE E DELLA SUA FORMULAZIONE: IL COSTO DELLA MANODOPERA (personale) Salvaguardia del valore della manodopera quale costo non negoziabile, in quanto costo puro ed incomprimibile e pertanto da sottrarre al mercato e alla concorrenza, in analogia con quanto previsto già per gli oneri di sicurezza desunti in fase progettuale. Superato il disposto normativo per la verifica di congruità delle offerte, nella parte relativa alla verifica del costo del lavoro (art.96 c.3 bis del Codice): il costo del personale non è più elemento di offerta 5

6 Con la conseguenza che: la nuova disciplina sembrerebbe non limitare più l azione ad un mero controllo di congruità formulato sulla base di valutazioni parametriche e decontestualizzate (quali la stima di incidenza della manodopera in sede di redazione del progetto esecutivo), ma richiederebbe che il costo del lavoro sia valutato puntualmente I N C H E M O D O Qual è il soggetto deputato a stimare le spese del personale? Esse vanno indicate direttamente dalla stazione appaltante in analogia a quanto accade per gli oneri della sicurezza o determinate in sede di gara dall operatore economico? Così che esse figurino tra le somme a base di gara non soggette a ribasso d asta in sintonia all art.86, comma 3-bis, del D.Lgs. n.163/2006. Inoltre, da non trascurare: nella parte finale del nuovo comma 3-bis si richiamano le misure di adempimento alle disposizioni in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro 6

7 CRITICITA INTERPRETATIVE a quali costi i legislatore si riferisce? ipotesi: il richiamo pare ragionevolmente intendersi come rinvio a quanto già revistodal tessuto normativo di settore (in particolare dal D.Lgs. 81/08, D.Lgs. 163/06 e D.P.R. 207/10), ossia, per la componente da sottrarre dal ribasso, ai soli costi per la sicurezza derivanti dagli elaborati specifici. non è chiaramente esplicato se il riferimento è ai costi generali o quelli del piano di sicurezza o del DUVRI, infatti si ricorda che alla luce della normativa vigente, i costi relativi alla sicurezza, nell ambito di un contratto pubblico, si distinguono in: 1 - costi della sicurezza SPECIFICA 2 -costi della sicurezza GENERICA 7

8 - costi della sicurezza specifica (costi diretti), necessari per l eliminazione dei rischi da interferenze, che derivano dalla stima effettuata nel Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC), ai sensi dell art. 100 del d.lgs. n. 81/2008 e s.m.i., secondo le indicazioni dell allegato XV ed in particolare del punto 4; - costi della sicurezza generica (costi indiretti), afferenti l esercizio dell attività svolta da ciascuna impresa (rischi propri dell appaltatore), strumentali all esecuzione in sicurezza delle singole lavorazioni ma non riconducibili agli oneri stimati previsti al punto 4 dell allegato XV del d.lgs. n. 81/2008, quali i dispositivi di protezione individuali (D.P.I.), la sorveglianza sanitaria, la formazione dei lavoratori, ecc., contenuti nella quota percentuale prevista nel regolamento attuativo dei contratti pubblici, ossia quali quota-parte delle spese generali (art. 32 del D.P.R. n. 207/2010, come indicato nel richiamo ai contenuti delle spese generali afferenti l impresa) comma 4. Per spese generali comprese nel prezzo dei lavori e perciò a carico dell'esecutore, si intendono: o) le spese di adeguamento del cantiere in osservanza del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, di cui è indicata la quota di incidenza sul totale delle spese generali, ai fini degli adempimenti previsti dall articolo 86, comma 3-bis, del codice; 8

9 costi della sicurezza specifica la stazione appaltante è tenuta ad effettuare una stima e ad indicarli nei bandi di gara, procedendo ad una loro quantificazione sulla base delle misure individuate nei documenti di progetto (PSC o analisi della stazione appaltante quando il PSC non sia previsto). tali costi non sono soggetti ad alcuna verifica di congruità essendo stati quantificati e valutati a monte dalla stazione appaltante e, pertanto, congrui per definizione. costi della sicurezza generica afferenti all esercizio dell attività svolta da ciascuna impresa, invece, dovranno (?): essere indicati dal singolo operatore economico nella propria offerta e saranno sottoposti alla verifica di congruità, rispetto all entità e alle caratteristiche del lavoro, ai sensi dell art. 86, comma 3 bis, del d.lgs. 163/2006. tale quota di costo, rappresentata dalla percentuale di cui all art. 32 del D.P.R. n. 207/2010 (Nuovo regolamento d attuazione del Codice dei contratti pubblici), quale componente del costo sicurezza proprio dell appaltatore, potrebbe essere utile: sia all offerente nel momento in cui deve formulare la sua offerta e quindi proporre un ribasso congruo (ma con aggravio di adempimenti pre-gara) sia alla stazione appaltante la quale, nel dover adempiere alla verifica della congruità dell offerta, è tenuta a valutare la congruità anche della quota di costo destinato alla sicurezza da parte dell appaltatore (ma di difficile valutazione) 9

10 IPOTESI OPERATIVE Relative alla determinazione del soggetto deputato alla individuazione dei costi di cui al comma 3 bis d.lgs. 163/2006 1_ L operatore economico: dovrebbe calibrare, per quanto possibile, le dotazioni di attrezzature e mezzi d opera in ragione della prefissata dotazione di personale per adempiere all obbligazione di eseguire il contratto nel tempo e nelle quantità fissate? Conseguenze: danno per l autonomia dei concorrenti, fino a intaccare i principi della libera concorrenza di cui al comma 2 del DLgs. n.163/2006: l appaltatore non sarebbe in grado di curare la propria organizzazione per competere sul mercato; violato il principio della effettiva concorrenza. E da non trascurare, vi sarebbe certamente la tendenza, da parte degli appaltatori, di sovrastimare l importo della manodopera al fine di ottenere una quota minore di opere sulla quale applicare il ribasso. 10

11 2_ la stazione appaltante: 1 dovrebbe elaborare negli atti del progetto a base di gara uno specifico elaborato nel quale siano indicate le maestranze e le risorse tecniche di vario livello, sostituendosi così alle prerogative di autonomia dell operatore di predeterminare l organizzazione delle lavorazioni e, in definitiva, quali e quante maestranze in ragione dei tempi contrattuali ecc. 2 si dovrebbero inoltre predeterminare anche quali mezzi d opera si dovranno e potranno impiegare, avendo stabilito le qualifiche e il numero delle maestranze o degli apparati tecnici e amministrativi. Quesiti: dovrebbe effettuare un calcolo o artifizio contabile per determinare a priori un costo del personale o della sicurezza generica, non avendo la legge in alcuna parte stabilito tale incombenza o non avendo elementi inconfutabili dei quali disporre? potrà conoscere tale importo se non in termini del tutto ipotetici o di semplice stima, e come tali pur sempre contestabili? 11

12 Criticità in merito all autonomia negli appalti caratterizzati da una forte incidenza della manodopera risulterebbe alterata o ridotta la capacità imprenditoriale dell appaltatore; riduzione possibile nei riguardi della sicurezza, sia perché essa non è un elemento costitutivo dell offerta, sia per la frequente marginalità degli oneri imposti in tale comparto; qualora la stazione appaltante fosse pervenuta a valutare con riferimento ad un operatore medio convenzionale, l entità del costo del personale riguardo al contratto da eseguire, difficilmente potrebbe evitare di accertare in modo capillare la corresponsione di quanto dovuto al personale, dovendo esigere le comprove degli avvenuti pagamenti; 12

13 Criticità in merito all autonomia ed in merito all accertamento della corresponsione: per il subappaltatore è richiesta la fatturazione quietanzata e, segnatamente, l art.5, del DPR n.207/2010, indica al responsabile del procedimento la procedura da seguire per liquidare, quietanzare, notificare, ecc. nel caso debba esercitarsi il potere sostituivo a fronte del ritardato o omesso pagamento delle retribuzioni dei dipendenti da parte dell appaltatore; si rileva una attività amministrativa certamente gravosaper il numero, di solito, molto elevato di appaltatori riuniti o consorziati, subappaltatori e subcontraenti coinvolti nei singoli contratti; Durc: le valutazioni dell incidenza del personale necessario a eseguire un contratto e le somme corrisposte a titolo previdenziale e assicurativo, dovrebbero essere rese note dalla stazione appaltante all ente prepostoal rilascio della certificazione previdenziale, al fine di assicurare a monte gli adempimenti contributivi in capo all operatore. Una tale misura, potrebbe evitare l onere di riscontrare l avvenuta spesa: se infatti l operatore sarà fedele con le contribuzioni, sarà confermato l utilizzo del personale cui si riferisce il costo comunicato, salvo gli aggiornamenti in corso di esecuzione del contratto (anche se in effetti non si ha effettivo riscontro se il medesimo personale è utilizzato nel lavoro di riferimento o altri lavori) 13

14 ATTENZIONE ALLA FASE ESECUTIVA nel ipotesi di eventuali verifiche all operatore economico da parte dei soggetti deputati alla vigilanza o del fisco, in merito alla quantità del personale adottato per un appalto, infatti nel caso di controllo sull offerta e sulla quota di costo del personale adottato per il medesimo appalto, se a consuntivo si verifica che il costo del personale: è inferiore a quanto pre-dichiarato (perché l operatore ha legittimamente risparmiato grazie alla propria buona organizzazione imprenditoriale) i suddetti enti potrebbero ipotizzare l uso di una quota di manodopera irregolare e non denunciata; è superiore a quanto pre-dichiarato: risulterebbe superiore la quota di offerta che non sarebbe dovuta essere soggetta a ribasso? Equivarrebbe alla considerazione che una quota di manodopera l operatore la inserisce di fatto nel mercato del ribasso? Con quali conseguenze? La stazione appaltante ne dovrà tenere conto? 14

15 Scenario possibile: il comma 3-bis dell art. 81 è norma destinata ad aggravare il lavoro degli operatori economici? il comma 3-bis dell art. 81 è norma destinata destinata ad aggravare il lavoro delle stazioni appaltanti? 15

16 1_Aggravio lavoro per gli operatori economici nel formulare la loro offerta economica dovrebbero: evidenziare dettagliatamente i costi del loro personale e della sicurezza generica, sulla base della contrattazione collettiva di riferimento e di tutte le restanti componenti che rappresentano delle variabili assolutamente soggettivee non certo generalizzabili per tutti gli operatori economici interessati alla procedura di gara: tipologia di lavoratori coinvolti nell appalto, contrattazione collettiva o aziendale di riferimento, inquadramento professionale, percentuali INPS, INAIL, Cassa edile applicabili, sgravi contributivi o fiscali particolari (ad es. per alcune cooperative), tipologie contrattuali che godono di riduzioni contributive e fiscali (ad es. per i lavoratori disabili o in mobilità), misure di sicurezza aziendali, etc. 16

17 1_Aggravio lavoro per gli operatori economici Ipotesi operativa 1 1) la stazione appaltante fissa l importo a base di gara evidenziando solo gli oneri della sicurezza specifica (piano di sicurezza e DUVRI) non soggetti a ribasso, senza individuare le componenti costo del personale ed altri oneri di sicurezza generica ; 2) gli operatori economici presentano l offerta al netto del costo del personalee degli altri oneri di sicurezza generica, ai sensi dell art. 81, comma 3-bis, evidenziandoli comunque nella stessa offerta; 3) la stazione appaltante tiene conto dell intera offertacosì prodotta ai fini dell aggiudicazione e della determinazione della soglia di anomalia, sulla base del fatto che la parola altresì non ha introdotto un terzo criterio di aggiudicazione ma vuole molto più semplicemente costringere gli operatori economici ad evidenziare fin da subito la componente costo del personale ed oneri della sicurezza generica; 4) se necessario, la stazione appaltante procederà alla verifica della congruità delle offerte sospette di essere anormalmente basse, ivi compresa la verifica relativa al costo del personale e degli altri oneri di sicurezza generica evidenziati dagli operatori economici. 17

18 2_Aggravio lavoro delle stazioni appaltanti Nella fase progettuale in analogia con quanto già detto in ordine ai costi per la sicurezza da sottrarre dal mercato, il valore del costo del personale, al netto di spese generali e di utile d impresa, deve essere definito prima di porre in gara l opera da eseguire. Ipotesi operativa 2 sarebbe indispensabile individuare la modalità di definizione delle spese per il personale da non sottoporre al gioco concorrenziale, la quale potrà avvenire in modo: analitico o parametrico 18

19 2_Aggravio lavoro delle stazioni appaltanti modo analitico come è noto tra gli elaborati di ogni progetto di opere pubbliche vi sono il computo metrico estimativo, l elenco prezzi e l analisi prezzi: l elenco prezzi può essere desunto in tutto o in parte dagli elenchi prezzi ufficiali di cui all art. 133 del Codice; qualora gli elenchi prezzi ufficiali siano supportati da analisi, dalle stesse può essere ricavata l incidenza del costo della manodopera per quantità unitaria e in analogia, qualora il prezzo sia analizzato direttamente dal progettista, dalla stessa analisi si può ricavare l incidenza di interesse. Appare scontato che le analisi dei prezzi debbano essere coerentemente redatte. 19

20 2_Aggravio lavoro delle stazioni appaltanti modo parametrico più immediata, richiede a monte la definizione di costi standard per tipologie di opere: in mancanza degli accordi di cui all art. 118, comma 6-bis, del Codice, sembra potersi fare riferimento alle tabelle di cui al DM Ministero LLPP 11 dicembre 1978 (eventualmente da aggiornare) che suddivide in alcune categorie i lavori pubblici e per ogni categoria definisce le incidenze della manodopera, dei materiali e dei noli. (a titolo semplificativo, dette tabelle prevedono un incidenza della manodopera del 18% per le opere stradali e del 40% per le opere edili); dal costo della manodopera da sottrarre dal ribasso, occorre scorporare le spese generali e l utile di impresa; occorrerebbe tenerne adeguata considerazione ai fini della redazione degli elaborati progettuali e delle modalità applicative in fase esecutiva delle opere; è evidente che gli strumenti impiegati eventualmente a supporto (vedasi i prezzari regionali) dovranno a loro volta essere in grado di recepire e fornire i dati richiesti dal progetto, soprattutto aggiornando e rendendo maggiormente realistici i prezzi e le analisi in essi contenuti. 20

21 Considerazione: Parrebbe inteso che l individuazione della soglia di anomalia sarà comunque fatta considerando l offerta economica nel suo complesso, ovvero comprensiva anche delle spese di personale e degli oneri della sicurezza generica Se così non fosse, ci troveremo di fronte ad offerte non confrontabili (costo del personale e sicurezza generici sono elementi dell offerta economica assolutamente soggettivi) e salterebbe di conseguenza lo spirito della stessa gara d appalto. 21

22 In definitiva, la confusione è assai ampia ed a tratti drammatica ancora una volta si assiste ad un intervento del legislatore fatto nella più assoluta ignoranza della contrattualistica pubblica e senza la minima cognizione ed il rispetto della difficile vita lavorativa delle stazioni appaltanti e degli operatori economici, i quali si ritrovano innanzi ad un ulteriore aggravio delle già numerose incombenze cui debbono far fronte per la predisposizione delle offerte di partecipazione ed alla gestione delle commissioni di gara. 22

23 GRAZIE PER L ATTENZIONE e.. agli imprenditori ed alle stazioni appaltanti.. cerchiamo di rimanere ottimisti. 23

PRIME INDICAZIONI PER L APPLICAZIONE DELLE MODIFICAZIONI INTRODOTTE ALL ART. 82 DEL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DALLA LEGGE 9 AGOSTO 2013, N

PRIME INDICAZIONI PER L APPLICAZIONE DELLE MODIFICAZIONI INTRODOTTE ALL ART. 82 DEL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DALLA LEGGE 9 AGOSTO 2013, N GdL interregionale Contratti Pubblici Roma, 19/09/2013 PRIME INDICAZIONI PER L APPLICAZIONE DELLE MODIFICAZIONI INTRODOTTE ALL ART. 82 DEL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DALLA LEGGE 9 AGOSTO 2013, N. 98,

Dettagli

PRIME INDICAZIONI PER L APPLICAZIONE DELLE MODIFICAZIONI INTRODOTTE ALL ART. 82 DEL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DALLA LEGGE 9 AGOSTO 2013, N

PRIME INDICAZIONI PER L APPLICAZIONE DELLE MODIFICAZIONI INTRODOTTE ALL ART. 82 DEL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DALLA LEGGE 9 AGOSTO 2013, N GdL interregionale Contratti Pubblici Roma, 19/09/2013 PRIME INDICAZIONI PER L APPLICAZIONE DELLE MODIFICAZIONI INTRODOTTE ALL ART. 82 DEL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DALLA LEGGE 9 AGOSTO 2013, N. 98,

Dettagli

SICUREZZA NEI CONTRATTI PUBBLICI Problematiche e prospettive applicative

SICUREZZA NEI CONTRATTI PUBBLICI Problematiche e prospettive applicative REGIONE SICILIANA REGIONE LAZIO REGIONE PIEMONTE Convegno Nazionale SICUREZZA NEI CONTRATTI PUBBLICI Problematiche e prospettive applicative GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI PUBBLICI Congruità costo

Dettagli

2. Le stazioni appaltanti scelgono, tra i criteri di cui al comma 1, quello più adeguato in

2. Le stazioni appaltanti scelgono, tra i criteri di cui al comma 1, quello più adeguato in APPALTI AGGIUDICATI AL PREZZO PIU BASSO DOPO L EMANAZIONE DELLA L. 106/11: PRIMI TENTATIVI PER ARGINARE IL FENOMENO DEI RIBASSI ECCESSIVI NELLE GARE D APPALTO (II^ PARTE) dell Avv. Gianluca Piccinni 1.

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA NEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE O SERVIZI Prime indicazioni operative

LINEE GUIDA PER LA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA NEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE O SERVIZI Prime indicazioni operative CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME ISTITUTO PER L'INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE LINEE GUIDA PER LA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA NEI CONTRATTI

Dettagli

Lavori privati soggetti al rilascio di titolo abilitativo / denuncia inizio attività (DIA)

Lavori privati soggetti al rilascio di titolo abilitativo / denuncia inizio attività (DIA) DURC SINTESI DELLE LEGGI E NORMATIVE AGGIORNATO A OTTOBRE 2013 Entrato in vigore il 2 gennaio 2006, il DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva) è un certificato che, sulla base di un'unica richiesta,

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA 1. STAZIONE APPALTANTE Comune di Chiusa Sclafani, Piazza Castello - Tel 091/8353538 Fax 091/8353494 Sito Internet: www.comune.chiusasclafani.pa.it

Dettagli

INPS DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA

INPS DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA INPS DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA 1. stazione appaltante: Istituto Nazionale della Previdenza Sociale - Direzione regionale Lombardia - via M. Gonzaga 6, 20123 Milano; tel. 0288931, fax 028893200. 2.

Dettagli

L anomalia dell offerta

L anomalia dell offerta L anomalia dell offerta Avv. Daniela Anselmi 8 maggio 2007 La verifica in contraddittorio dell offerta: procedimento e voci oggetto di verifica. Esclusione automatica delle offerte anormalmente basse:

Dettagli

QUESITO n. 1 Quesito n. 1 Risposta Dichiarazione esclusione automatica QUESITO n. 2 Quesito n. 2 Risposta

QUESITO n. 1 Quesito n. 1 Risposta Dichiarazione esclusione automatica QUESITO n. 2 Quesito n. 2 Risposta ai quesiti pervenuti, in merito alla richiesta di chiarimento di carattere amministrativo, alla Stazione Appaltante in ordine alla Gara n. 02/2014 Lavori di realizzazione di nuove piazzole di emergenza

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA Settore Progettazione della Viabilità e delle Infrastrutture ALLEGATO 5) AL DISCIPLINARE DI GARA

PROVINCIA DI MANTOVA Settore Progettazione della Viabilità e delle Infrastrutture ALLEGATO 5) AL DISCIPLINARE DI GARA PROVINCIA DI MANTOVA Settore Progettazione della Viabilità e delle Infrastrutture OGGETTO: RIQUALIFICAZIONE DELLA EX S.S. 236 GOITESE TANGENZIALE NORD AL CENTRO ABITATO DI GUIDIZZOLO ALLEGATO 5) AL DISCIPLINARE

Dettagli

Dipartimento Amministrativo per la Sanità Area Servizio di Prevenzione e Protezione

Dipartimento Amministrativo per la Sanità Area Servizio di Prevenzione e Protezione GUIDA PRATICA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEL DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (D.U.V.R.I.) Realizzato da: Arch. Valentina MEGNA Lucia Maria Stella VURRO Indice CHE COSA È IL D.U.V.R.I.?... 3 INDICAZIONI

Dettagli

Dal LIBRO e dall E-BOOK edito dalla DEI Tipografia del Genio Civile. I COSTI DELLA SICUREZZA NEGLI APPALTI: APPENDICE CON GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI

Dal LIBRO e dall E-BOOK edito dalla DEI Tipografia del Genio Civile. I COSTI DELLA SICUREZZA NEGLI APPALTI: APPENDICE CON GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI Pagina 1 di 21 Dal LIBRO e dall E-BOOK edito dalla DEI Tipografia del Genio Civile. I COSTI DELLA SICUREZZA NEGLI APPALTI: APPENDICE CON GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI A cura di Massimo CAROLI massimocaroli16@yahoo.it

Dettagli

EPAP ENTE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PLURICATEGORIALE. COD. FISC. 97149120582 VIA DEL TRITONE 169 00187 ROMA - Tel. 06/6964530 - fax 06/6964555

EPAP ENTE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PLURICATEGORIALE. COD. FISC. 97149120582 VIA DEL TRITONE 169 00187 ROMA - Tel. 06/6964530 - fax 06/6964555 EPAP ENTE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PLURICATEGORIALE COD. FISC. 97149120582 VIA DEL TRITONE 169 00187 ROMA - Tel. 06/6964530 - fax 06/6964555 Ufficio Economato e Logistica BANDO DI GARA mediante procedura

Dettagli

quesito n. 01 : quesito n. 02 :

quesito n. 01 : quesito n. 02 : quesito n. 01 : - Si è chiesto alla Stazione Appaltante se sono previsti interessi di mora in caso di ritardato pagamento. Nell'eventuale ipotesi di ritardo colpevole nel pagamento del corrispettivo dovuto

Dettagli

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Come previsto dalle vigenti normative in materia di contratti pubblici: D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. e D.P.R. 207/2010 e s.m.i., il Responsabile Unico del Procedimento è il soggetto responsabile incaricato

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO DOCUMENTRO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (ART. 26, COMMA 3, D.LGS. N. 81/2008) STAZIONE APPALTANTE: Comune di

Dettagli

PROVINCIA DI COMO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

PROVINCIA DI COMO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROVINCIA DI COMO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 1379 DEL 12/12/2014 SETTORE Edilizia Scolastica e fabbricati OGGETTO: INTERVENTI DI MANUTENZIONE E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI PROVINCIALI. ANNO 2014 - GRUPPO

Dettagli

LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Servizio Prevenzione e Protezione V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

BANDO DI GARA. 4. Criterio di aggiudicazione: Criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa (art. 83 D.Lgs. 163/2006)

BANDO DI GARA. 4. Criterio di aggiudicazione: Criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa (art. 83 D.Lgs. 163/2006) BANDO DI GARA 1. Amministrazione appaltante: Comune di Lanciano Avvocatura Comunale Servizio Appalti Forniture e Servizi P.zza Plebiscito, 1 66034 Lanciano telefono 0872/707602-707227 Fax 0872/717573 sito

Dettagli

ALLEGATO A AL DISCIPLINARE DI GARA

ALLEGATO A AL DISCIPLINARE DI GARA ALLEGATO A AL DISCIPLINARE DI GARA OGGETTO: PON FESR AMBIENTI PER L'APPRENDIMENTO FESR ASSE II OBIETTIVO C - LAVORI AFFERENTI LE AZIONI C1-C2-C4 PRESSO LA SCUOLA MEDIA VIRGILIO VIA BENEDETTO MARZOLLA Codice

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 4/2007 del 29 marzo 2007 Indicazioni sull affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura a seguito

Dettagli

In relazione alle richieste di chiarimenti pervenute, si forniscono le relative risposte che si rendono disponibili per ogni Operatore Economico.

In relazione alle richieste di chiarimenti pervenute, si forniscono le relative risposte che si rendono disponibili per ogni Operatore Economico. RISPOSTE A QUESITI Direzione Legale S.O. Legale Bologna Sede di Bologna OGGETTO: CIG 2922060032 Procedura Aperta n. DLE.BO.2011.023 - Lavori di completamento delle opere, degli impianti e dei presidi di

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA (OT) BANDO DI GARA PER PUBBLICO INCANTO

AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA (OT) BANDO DI GARA PER PUBBLICO INCANTO AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA (OT) BANDO DI GARA PER PUBBLICO INCANTO 1. STAZIONE APPALTANTE: Azienda Sanitaria Locale n. 2 con sede in Olbia v.le Aldo Moro - tel.0789/552326, telefax 0789/50396

Dettagli

UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L.

UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L. UNIONE NAZIONALE ITALIANA TECNICI ENTI LOCALI U.N.I.T.E.L. Convegno APPALTO INTEGRATO, PROJECT FINANCING, DIALOGO COMPETITIVO, RUOLO DEL RUP: L evoluzione della normativa sugli appalti pubblici e il punto

Dettagli

Alto Calore Servizi S.p.A.

Alto Calore Servizi S.p.A. Alto Calore Servizi S.p.A. Sede in Avellino: Corso Europa, 41 Capitale Sociale. 27.278.037 Partita IVA Codice Fiscale: n 00080810641 Tel. 0825-7941 fax 0825-31105 - http://www.altocalore.eu N IT249609

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

RISPOSTE ALLE RICHIESTE DI CHIARIMENTO

RISPOSTE ALLE RICHIESTE DI CHIARIMENTO Oggetto: procedura aperta per l affidamento delle opere di ristrutturazione dell Edificio U18 e lavori di adeguamento locali al fine della realizzazione di nuova mensa. CUP H97E13000240005 RISPOSTE ALLE

Dettagli

ALLEGATO A NOTA METODOLOGICA

ALLEGATO A NOTA METODOLOGICA ALLEGATO A NOTA METODOLOGICA 2. IL DETTAGLIO DEL PREZZARIO REGIONALE EDIZIONE 2014 2.1. Principi generali Il prezzario regionale costituisce guida e riferimento all'attività progettuale, fornendo un valido

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche. dell Emilia Romagna Marche

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche. dell Emilia Romagna Marche MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche dell Emilia Romagna Marche SEDE DI ANCONA ( Codice fiscale 80006190427 ) BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE

Dettagli

LE ASSICURAZIONI DI ROMA MUTUA ASSICURATRICE ROMANA

LE ASSICURAZIONI DI ROMA MUTUA ASSICURATRICE ROMANA LE ASSICURAZIONI DI ROMA MUTUA ASSICURATRICE ROMANA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELL APPALTO INTEGRATO PER LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA ED ESECUZIONE DEI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA DI PALAZZO

Dettagli

Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari)

Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari) ISTITUTO COMPRENSIVO D AOSTA Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari) Prot. 5023/C14 Ottaviano, 27/12/2013 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L

Dettagli

Incidenza della classificazione della galleria sui costi di realizzazione

Incidenza della classificazione della galleria sui costi di realizzazione Incidenza della classificazione della galleria sui costi di realizzazione Spea Ingegneria Europea S.p.A. 4 Luglio 2013 Scuola di Ingegneria e Architettura Università di Bologna Come variano i costi della

Dettagli

Circolare sulle modalità di rilascio del Documento unico di regolarità contributiva (durc)

Circolare sulle modalità di rilascio del Documento unico di regolarità contributiva (durc) Circolare sulle modalità di rilascio del Documento unico di regolarità contributiva (durc) Sommario: 1. Premessa; 2. Soggetti tenuti a richiedere il DURC; 3. Soggetti abilitati al rilascio del DURC; 4.

Dettagli

Determinazione Dirigenziale n. 1843 del 30/09/2015. Centro di responsabilità 32 Centro di costo 108 Pratica n. 3623741

Determinazione Dirigenziale n. 1843 del 30/09/2015. Centro di responsabilità 32 Centro di costo 108 Pratica n. 3623741 Determinazione Dirigenziale n. 1843 del 30/09/2015 Centro di responsabilità 32 Centro di costo 108 Pratica n. 3623741 Oggetto: APPALTO, AL CONSORZIO CONCESSIONI RETI GAS S.R.L. CONSORTILE, DEI SERVIZI

Dettagli

ENTE AUTONOMO REGIONALE TEATRO MASSIMO V. BELLINI. 1) Ente appaltante: E.A.R. Teatro Massimo V. bellini, Via Perrotta n. 12-

ENTE AUTONOMO REGIONALE TEATRO MASSIMO V. BELLINI. 1) Ente appaltante: E.A.R. Teatro Massimo V. bellini, Via Perrotta n. 12- ENTE AUTONOMO REGIONALE TEATRO MASSIMO V. BELLINI CATANIA 1) Ente appaltante: E.A.R. Teatro Massimo V. bellini, Via Perrotta n. 12-95131 Catania, tel. 095/316860-730611, fax 095/314497 2) Procedura di

Dettagli

BANDO DI GARA. Sede: via Battistero n 4, 13900 Biella (BI)

BANDO DI GARA. Sede: via Battistero n 4, 13900 Biella (BI) BANDO DI GARA Appalto mediante procedura aperta per l affidamento quinquennale del servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo. Codice CIG: 62817919EA 1) ENTE APPALTANTE Comune di Biella Sede: via

Dettagli

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta A cura dello Studio Commercialista Di Michele di Roma e Milano Quale documentazione occorre per essere in regola con il D.lgs. 81/08? Occorre l organigramma della

Dettagli

AVVISO A PRESENTARE OFFERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DI UFFICI E IMPIANTI CON UTILIZZO DI PRODOTTI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE

AVVISO A PRESENTARE OFFERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DI UFFICI E IMPIANTI CON UTILIZZO DI PRODOTTI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE AVVISO A PRESENTARE OFFERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DI UFFICI E IMPIANTI CON UTILIZZO DI PRODOTTI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE CIG 63723158AF L Azienda Servizi Integrati S.p.A., con sede

Dettagli

CHIEDE. di partecipare alla gara informale per l affidamento dei servizi di cui all oggetto e a tal fine DICHIARA

CHIEDE. di partecipare alla gara informale per l affidamento dei servizi di cui all oggetto e a tal fine DICHIARA Modello A DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONE Il/La sottoscritto/a (cognome)... (nome)... nato/a il... a... in qualità di...... della Ditta... con sede legale in... prov... CAP... Via... n.... P.

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Provincia di Padova VIABILITA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Proposta n. 2144/2014 Determina n. 1927 del 27/06/2014 Oggetto: DETERMINAZIONE A CONTRARRE LAVORI E FORNITURE DESTINATE AL MANTENIMENTO IN EFFICIENZA

Dettagli

ALLEGATO 3. Bando. Servizio Formazione Professionale. Offerta Economica. Allegato 3: Offerta economica Pag. 1

ALLEGATO 3. Bando. Servizio Formazione Professionale. Offerta Economica. Allegato 3: Offerta economica Pag. 1 Bando Servizio Formazione Professionale ALLEGATO 3 Offerta Economica Allegato 3: Offerta economica Pag. 1 ALLEGATO 3 OFFERTA ECONOMICA PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D. LGS. n. 163/06, PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

si trova in stato di concordato preventivo con continuità aziendale, di cui all articolo 186 bis del Letto e confermato FIRMA**

si trova in stato di concordato preventivo con continuità aziendale, di cui all articolo 186 bis del Letto e confermato FIRMA** ALLEGATO C DICHIARAZIONE (nel caso di imprese riunite la dichiarazione dovrà essere resa da tutti coloro che detengono la rappresentanza di ciascuna delle imprese riunite e nel caso di consorzi anche dal

Dettagli

COMUNE DI ACCADIA. (Provincia di Foggia)

COMUNE DI ACCADIA. (Provincia di Foggia) COMUNE DI ACCADIA (Provincia di Foggia) PROGETTO PER LA DOTAZIONE DI IMPIANTO DI VODEOSORVEGLIANZA E FORNITURE ARREDI PER GLI IMMOBILI DI PROPRIETA' COMUNALE DENOMINATI "CASONE PADULI" E "CASONE DIFESA".

Dettagli

All A.M.A. S.p.A. Via Emanuele Bellia n.214 95047 Paternò (CT)

All A.M.A. S.p.A. Via Emanuele Bellia n.214 95047 Paternò (CT) All A.M.A. S.p.A. Via Emanuele Bellia n.214 95047 Paternò (CT) Oggetto: Richiesta di iscrizione nell albo delle imprese di fiducia per l affidamento di lavori pubblici mediante cottimo-appalto ai sensi

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Ai sensi del D.P.R. 28/12/2000 N. 445

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Ai sensi del D.P.R. 28/12/2000 N. 445 Bollo NUMERO PROT: APPALTO 13720 IMPORTO IN. 356.156,47 incluso oneri DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Ai sensi del D.P.R. 28/12/2000 N. 445 Il sottoscritto Nato a Prov.. il In qualità di (carica sociale ) dell

Dettagli

Protocollo di Legalità tra la. PREFETTURA U.T.G. di T R I E S T E. EZIT Ente Zona Industriale di T R I E S T E

Protocollo di Legalità tra la. PREFETTURA U.T.G. di T R I E S T E. EZIT Ente Zona Industriale di T R I E S T E Protocollo di Legalità tra la PREFETTURA U.T.G. di T R I E S T E ed EZIT Ente Zona Industriale di T R I E S T E ai fini della prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nel

Dettagli

MODULISTICA PER APPALTI PUBBLICI. Da utilizzare da parte dell impresa subappaltatrice.

MODULISTICA PER APPALTI PUBBLICI. Da utilizzare da parte dell impresa subappaltatrice. Per quanto riguarda gli adempimenti relativi alla normativa vigente in materia di sicurezza nei cantieri, si ricorda di consultare il link Sicurezza e Prevenzione nell Area Aziende. MODULISTICA PER APPALTI

Dettagli

Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO

Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL'APPALTO L appalto ha per oggetto l esecuzione di opere e provviste occorrenti per la realizzazione di N 1 Impianto Fotovoltaico Collegato Alla

Dettagli

Repubblica Italiana COMUNE DI ANDORA

Repubblica Italiana COMUNE DI ANDORA BOZZA DI CONTRATTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA LARGO MILANO - II STRALCIO - III LOTTO ----------------------------------------------------------------------------------- REP.N.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 1 DEL 7 GENNAIO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 1 DEL 7 GENNAIO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 14 settembre 2007 - Deliberazione N. 1615 - Area Generale di Coordinamento N. 15 - Lavori Pubblici, Opere Pubbliche, Attuazione, Espropriazione - Disegno

Dettagli

COMUNE DI SAN MARCELLO PISTOIESE (PROVINCIA DI PISTOIA)

COMUNE DI SAN MARCELLO PISTOIESE (PROVINCIA DI PISTOIA) COMUNE DI SAN MARCELLO PISTOIESE (PROVINCIA DI PISTOIA) AREA n 4 - Ufficio Tecnico - Determinazione n 112 del 29 Luglio 2013 Oggetto: Interventi di adeguamento e trasformazione a metano dell impianto termico

Dettagli

- b) sotto la colonna Corrispettivo (Euro) risulta una riga vuota si chiede se è da compilare e nel caso a quale corrispettivo si riferisce;

- b) sotto la colonna Corrispettivo (Euro) risulta una riga vuota si chiede se è da compilare e nel caso a quale corrispettivo si riferisce; Direzione generale Servizio Antincendio, Protezione civile e Autoparco PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO, MEDIANTE L ISTITUTO DELL ACCORDO QUADRO AI SENSI DELL ART. 59 COMMA 4 DEL D. LGS. 163/06, PER

Dettagli

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009 Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro Modena, 30 ottobre 2009 Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. n. 106 "Disposizioni integrative e correttive

Dettagli

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari Prot. Del Spett.le Ditta OGGETTO: Invito a procedura negoziata per l affidamento in appalto del servizio di copertura assicurativa del rischio di responsabilità civile verso terzi (R.C.T.) e prestatori

Dettagli

Sviluppo Genova S.p.A. SpA Pubblico incanto per lavori

Sviluppo Genova S.p.A. SpA Pubblico incanto per lavori Sviluppo Genova S.p.A. SpA Pubblico incanto per lavori 1. Ente Appaltante Sviluppo Genova S.p.A. SpA via L. A. Muratori, 3 16152 Genova tel. 010/648511 fax 010/64851333 2. Procedura di aggiudicazione a)

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Ministero dell Istruzione Università e Ricerca Istituto di Istruzione Superiore "Primo Levi" GEIS017007 LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE SETTORE TECNOLOGICO SETTORE ECONOMICO

Dettagli

Sintesi delle novità in materia di salute e sicurezza nel lavoro disposte dal DL 69/2013 (decreto del fare) come convertito dalla legge 98/2013

Sintesi delle novità in materia di salute e sicurezza nel lavoro disposte dal DL 69/2013 (decreto del fare) come convertito dalla legge 98/2013 Sintesi delle novità in materia di salute e sicurezza nel lavoro disposte dal DL 69/2013 (decreto del fare) come convertito dalla legge 98/2013 Si riportano nella tabella seguente le novità introdotte

Dettagli

ONERI DELLA SICUREZZA

ONERI DELLA SICUREZZA COMUNITÀ MONTANA ALTA UMBRIA ONERI DELLA SICUREZZA P.S.R 2007/2013 Misura 1.2.5 Azione c) Intervento di collegamento del comparto irriguo Tevere II al sistema Montedoglio e adeguamento reti irrigue in

Dettagli

CONSIDERATO, ALTRESÌ, CHE:

CONSIDERATO, ALTRESÌ, CHE: DELIBERAZIONE 15 NOVEMBRE 2012 473/2012/A AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA ED EFFICACE DELLA PROCEDURA DI GARA APERTA IN AMBITO NAZIONALE - RIF. GOP 26/11, CIG 225763100A - FINALIZZATA ALLA SELEZIONE DI UNA APPOSITA

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE - DICHIARAZIONE 1

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE - DICHIARAZIONE 1 ALLEGATO A NORME DI PARTECIPAZIONE PROCEDURA APERTA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE - DICHIARAZIONE 1 Spett.le Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Corso Nizza n. 9 12100 CUNEO OGGETTO: DOMANDA di partecipazione

Dettagli

PROVINCIA DI COMO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

PROVINCIA DI COMO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROVINCIA DI COMO C O P I A DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 1372 DEL 12/12/2014 SETTORE Edilizia Scolastica e fabbricati OGGETTO: ISTITUTO G. PESSINA - VIA MILANO - COMO. RIFACIMENTO COPERTURA CON SMALTIMENTO

Dettagli

BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Direzione Regionale Toscana Coordinamento Attività tecnico edilizia 50122 Firenze - via del Proconsolo, 10 - telefono 055/23781 fax 055/2378761 Lavori di ripristino

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Ai sensi del D.P.R. 28/12/2000 N. 445

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Ai sensi del D.P.R. 28/12/2000 N. 445 Bollo infrastrutture centro storico P.I.R.P. DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Ai sensi del D.P.R. 28/12/2000 N. 445 Il sottoscritto Nato a Prov.. il In qualità di (carica sociale ) dell Impresa (nome Società)

Dettagli

COMUNE DI PORTO CESAREO

COMUNE DI PORTO CESAREO COMUNE DI PORTO CESAREO PROVINCIA DI LECCE VIA PETRAROLI, 9-73010 porto cesareo (LE) Tel.: 0833,858309 / Fax: 0833,858350 BANDO DI GARA OGGETTO: PROGRAMMA OPERATIVO FESR 2007-2013 - ASSE II LINEA D INTERVENTO

Dettagli

VDG Ingegneria 2012 03844/111 Servizio Sistema Sicurezza e Pronto Intervento CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

VDG Ingegneria 2012 03844/111 Servizio Sistema Sicurezza e Pronto Intervento CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE VDG Ingegneria 2012 03844/111 Servizio Sistema Sicurezza e Pronto Intervento CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 6 approvata il 16 luglio 2012 DETERMINAZIONE: LAVORI URGENTI DI RIPRISTINO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLE PROCEDURE DI GARA SUL SISTEMA TELEMATICO DI ACQUISTO DELL ACQUEDOTTO PUGLIESE S.P.A.

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLE PROCEDURE DI GARA SUL SISTEMA TELEMATICO DI ACQUISTO DELL ACQUEDOTTO PUGLIESE S.P.A. REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLE PROCEDURE DI GARA SUL SISTEMA TELEMATICO DI ACQUISTO DELL ACQUEDOTTO PUGLIESE S.P.A. INDICE Premessa...3 Sezione I -Norme disciplinanti le procedure di scelta del contraente

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PERVENUTI

RISPOSTE AI QUESITI PERVENUTI RISPOSTE AI QUESITI PERVENUTI relativi al pubblico incanto per il rifacimento della stazione autostradale e del Centro di Servizio per la Sicurezza Autostradale di San Michele all Adige (TN) (ultimo aggiornamento

Dettagli

di essere ammesso alla gara di cui in oggetto come impresa singola mandatario mandante in raggruppamento temporaneo o in consorzio di e a tal fine

di essere ammesso alla gara di cui in oggetto come impresa singola mandatario mandante in raggruppamento temporaneo o in consorzio di e a tal fine marca da bollo 14,62 Al Sindaco Comune di San Raffaele Cimena Via Ferrarese 16 10090 SAN RAFFAELE CIMENA Oggetto LAVORI DI BANDO DI GARA LAVORI DI REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID CONNECTED INSTALLATO

Dettagli

25 febbraio 2011 Sicurezza:Circolare del Ministero del Lavoro sulla sicurezza negli appalti. Sicurezza: il quadro giuridico degli Appalti nel D.Lgs.

25 febbraio 2011 Sicurezza:Circolare del Ministero del Lavoro sulla sicurezza negli appalti. Sicurezza: il quadro giuridico degli Appalti nel D.Lgs. Novità Normativa 25 febbraio 2011 Sicurezza:Circolare del Ministero del Lavoro sulla sicurezza negli appalti Sicurezza: il quadro giuridico degli Appalti nel D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Il Ministero del Lavoro

Dettagli

COMUNE DI CORATO (Prov. di Bari)

COMUNE DI CORATO (Prov. di Bari) COMUNE DI CORATO (Prov. di Bari) BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura: art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, decreto legislativo n. 163 del 2006 criterio: offerta del prezzo più basso mediante

Dettagli

Regione siciliana PRESIDENZA Dipartimento Regionale della Protezione Civile Servizio Regionale di Protezione Civile per la provincia di Catania

Regione siciliana PRESIDENZA Dipartimento Regionale della Protezione Civile Servizio Regionale di Protezione Civile per la provincia di Catania UFFICIO REGIONALE PER L ESPLETAMENTO DI GARE PER L APPALTO DEI LAVORI PUBBLICI SEZIONE DI CATANIA Piazza San Francesco di Paola, 9 95131 Catania REPUBBLICA ITALIANA Numero codice fiscale 80012000826 Partita

Dettagli

DOCUMENTO STANDARD DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA M.I.U.R. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

DOCUMENTO STANDARD DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA M.I.U.R. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA APPALTO PER LO SVILUPPO E GESTIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO DEL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DOCUMENTO STANDARD DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (DVRI STANDARD) (AI

Dettagli

ART. 82 CODICE DEI CONTRATTI: COSTO DEL PERSONALE DA NON ASSOGGETTARE AL RIBASSO D'ASTA

ART. 82 CODICE DEI CONTRATTI: COSTO DEL PERSONALE DA NON ASSOGGETTARE AL RIBASSO D'ASTA ART. 82 CODICE DEI CONTRATTI: COSTO DEL PERSONALE DA NON ASSOGGETTARE AL RIBASSO D'ASTA 1) A VOLTE RITORNANO 2) PRIME DINDICAZIONI OPERATIVE OFFERTE DA ITACA 3) APPUNTO SU DOCUMENTO ITACA 4) DOCUMENTO

Dettagli

INAF OSSERVATORIO ASTROFISICO DI CATANIA Via Santa Sofia, 78 95123 Catania

INAF OSSERVATORIO ASTROFISICO DI CATANIA Via Santa Sofia, 78 95123 Catania INAF OSSERVATORIO ASTROFISICO DI CATANIA Via Santa Sofia, 78 95123 Catania Affidamento del servizio di pulizia ordinaria e straordinaria sedi di Catania e di Serra La Nave della durata di due anni rinnovabile

Dettagli

DETERMINAZIONE. Settore Progettazione Direzione Lavori e Manutenzione 630 23/04/2013

DETERMINAZIONE. Settore Progettazione Direzione Lavori e Manutenzione 630 23/04/2013 DETERMINAZIONE Settore Progettazione Direzione Lavori e Manutenzione DIRETTORE NUMERO CARLETTI arch. RUGGERO 38 NUMERO DI Prot. preced. Registro Protocollo Data dell'atto 630 23/04/2013 Oggetto : Aggiudicazione

Dettagli

COMUNE DI VOGHIERA Provincia di Ferrara

COMUNE DI VOGHIERA Provincia di Ferrara COMUNE DI VOGHIERA Provincia di Ferrara PROCEDURA APERTA I STRALCIO FUNZIONALE DEI LAVORI DI REALIZZAZIONE DI PISTA CICLABILE LUNGO VIA PROVINCIALE A VOGHIERA (LOTTI 1 E 2) - CUP J41B13000250006 Voghiera

Dettagli

con espresso riferimento al soggetto partecipante alla gara che il medesimo rappresenta CHIEDE

con espresso riferimento al soggetto partecipante alla gara che il medesimo rappresenta CHIEDE DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL COMUNE DI VIBO VALENTIA PIAZZA MARTIRI D'UNGHERIA 89900 VIBO VALENTIA (VV) OGGETTO: Indizione procedura aperta per l'appalto del servizio di trasporto scolastico, mediante

Dettagli

C OMUNE D I R OCCA P RIORA P ROVINCIA D I R OMA Ufficio LL.PP. Piazza Umberto 1 - cap 00040 (tel. 06/94.28.41 fax 06/94.28.42.36)

C OMUNE D I R OCCA P RIORA P ROVINCIA D I R OMA Ufficio LL.PP. Piazza Umberto 1 - cap 00040 (tel. 06/94.28.41 fax 06/94.28.42.36) BANDO DI GARA PUBBLICO INCANTO LAVORI DI REALIZZAZIONE PARCHEGGIO MULTIPIANO INTERRATO E CENTRO SERVIZI TURISTICI SISTEMAZIONE PIAZZALE ZANARDELLI SPOSTAMENTO DEL SERBATOIO A SERVIZIO DEL CENTRO STORICO

Dettagli

LO SCHEMA DI REGOLAMENTO: NUOVE MODALITA DI ACQUISIZIONE. Marco Boni. Reggio Emilia 12 dicembre 2007

LO SCHEMA DI REGOLAMENTO: NUOVE MODALITA DI ACQUISIZIONE. Marco Boni. Reggio Emilia 12 dicembre 2007 LO SCHEMA DI REGOLAMENTO: NUOVE MODALITA DI ACQUISIZIONE Marco Boni Reggio Emilia 12 dicembre 2007 riassunto delle puntate precedenti.. (salvo errori & omissioni) PRINCIPI: Efficacia D.LGS. 12.4.2006 N.

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI

GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI 1) STAZIONE APPALTANTE: AMMINISTRAZIONE COMUNALE-PIAZZA

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

Il Durc on line Note esplicative Dal 1 luglio 2015, chiunque vi abbia interesse, compresa la medesima Impresa, verifica con modalità esclusivamente telematiche ed in tempo reale la regolarità contributiva

Dettagli

Amministrazione Provinciale dell Aquila Settore LL.PP. Ufficio Viabilità

Amministrazione Provinciale dell Aquila Settore LL.PP. Ufficio Viabilità S.P. n. 55 DI PESCOCOSTANZO tratto corrente dal Km. 4+800 al Km. 16+500 (tratti alterni) per Km. 2+000, S.P. n. 84 NUOVA SANGRINA tratto corrente dal Km. 0+000 al Km. 7+000 (tratti alterni) per Km. 1+500

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Quesito 1) non siamo in possesso dell attestazione SOA per la categoria OS6; possiamo dimostrare in altro modo il requisito?

Quesito 1) non siamo in possesso dell attestazione SOA per la categoria OS6; possiamo dimostrare in altro modo il requisito? Risposte ai quesiti per la procedura negoziata sotto soglia comunitaria con il sistema di gara ufficiosa e con aggiudicazione all offerta al massimo ribasso avente ad oggetto: AFFIDAMENTO DEI LAVORI DI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA:

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA: Allegato F, schema di DUVRI DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA:. OGGETTO APPALTO: FORNITURA E INSTALLAZIONE DI OPERE D ARTE PER IL PALAZZO RICERCA E CONOSCENZA DELLA FONDAZIONE

Dettagli

Art. 26. Obblighi connessi ai contratti d'appalto o d'opera o di somministrazione

Art. 26. Obblighi connessi ai contratti d'appalto o d'opera o di somministrazione Sicurezza: semplificazioni del Decreto Del Fare Art. 26 Dlgs. 81/2008 - Schema a cura di Studio Legale Ambiente Cinzia Silvestri Si propone schema dell art. 26 come modificato dal DL 69/2013 art. 32. Art.

Dettagli

DURC E REGOLARITA CONTRIBUTIVA ALL INTERNO DELLA NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE

DURC E REGOLARITA CONTRIBUTIVA ALL INTERNO DELLA NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE DURC E REGOLARITA CONTRIBUTIVA ALL INTERNO DELLA NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE AVV. STEFANIA ROSI BONCI PERUGIA 17 MAGGIO 2013 definizione di DURC: 2 Il documento unico di regolarità contributiva è il

Dettagli

COMUNE DI TODI PROVINCIA DI PERUGIA SERVIZIO 8 OPERE PUBBLICHE E PROGETTAZIONE BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA

COMUNE DI TODI PROVINCIA DI PERUGIA SERVIZIO 8 OPERE PUBBLICHE E PROGETTAZIONE BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA COMUNE DI TODI PROVINCIA DI PERUGIA SERVIZIO 8 OPERE PUBBLICHE E PROGETTAZIONE BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA per l'affidamento dell'appalto dei lavori relativi a INTERVENTI DI PREVENZIONE DEL RISCHIO

Dettagli

Ente appaltante Procedura aperta Oggetto dell appalto Codice Identificativo Gara 4582110CC7 Valore stimato dell appalto:

Ente appaltante Procedura aperta Oggetto dell appalto Codice Identificativo Gara 4582110CC7 Valore stimato dell appalto: COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE SERVIZI SOCIALI P.O. SERVIZI CIMITERIALI PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO FUNERALI A CARICO DEL COMUNE DI FIRENZE * * * BANDO DI GARA Ente appaltante: Comune

Dettagli

QUADRO ECONOMICO RIEPILOGATIVO

QUADRO ECONOMICO RIEPILOGATIVO COMUNE DI BISACQUINO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO N 273 del 05.12.2013 DETERMINA DIRIGENZIALE UFFICIO TECNICO N 814 Del 15.12.2013 Registro Generale OGGETTO: Approvazione variante al quadro economico

Dettagli

TEMATICA: Salute e sicurezza in modalità FAD - Formazione a Distanza

TEMATICA: Salute e sicurezza in modalità FAD - Formazione a Distanza Corso di aggiornamento destinato al Coordinatore per la progettazione ed al Coordinatore per l esecuzione dei lavori Titolo I e Titolo IV del D.Lgs 81/2008 - A001 TEMATICA: Salute e sicurezza in modalità

Dettagli

La normativa sui Lavori Pubblici. Relatore: Ing. Stefano Boninsegna

La normativa sui Lavori Pubblici. Relatore: Ing. Stefano Boninsegna La normativa sui Lavori Pubblici Settembre 2014 Relatore: Ing. Stefano Boninsegna Il Codice degli appalti (ex Legge Merloni) Scopo: disciplina il processo attuativo che porta alla realizzazione di un opera

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE AL SUBAPPALTO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE AL SUBAPPALTO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE AL SUBAPPALTO La sottoscritta... con sede in... via... n.... Tel.... Fax... appaltatrice del lavoro denominato: C.I.G. n.... come da contratto Rep. n.... del... C H I E D E 1)

Dettagli