Bjǫrn Heinríkr Vargsson Mediolanum, XVI gennaio MMXIII

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bjǫrn Heinríkr Vargsson Mediolanum, XVI gennaio MMXIII"

Transcript

1 HYMISKVIÐA IL CANTO DI HYMIR OPPURE IL POEMA DI HYMIR TRADUZIONE A CURA DI BJǪRN HEINRÍKR VARGSSON ÆTT MÆNDVM SANGVINEM GAVDIVM VITÆ EST

2 PREFAZIONE Questa traduzione dello Hymiskviða, settimo libro del Codex Regius 2365, oppure Edda poetica, in formato digitale è di libera circolazione; poiché l autore l ha eseguita con l unico scopo di promulgare la stessa. Tuttavia, dato che è costata mesi di lavoro, l autore prega chiunque volesse condividerla, promulgarla, o in qualsiasi modo pubblicarla, di citarne il traduttore. Le kenningar, la sostituzione di un nome o luogo con una frase che lo descrive; sono in questo poema molto più presenti che negli altri poemi eddici; pertanto ho dovuto adattarle all italiano, per una più facile compresione del testo. Raramente ho tradotto letteralmente delle kenningar, per esempio con montanaro/i per i giganti; cavallo dei fiumi per la barca di Hymir (per non incorrere in ripetizioni), marito di Sif / uomo di Sif per Þórr, e così via. Altra questione riguarda invece gli epiteti, che anche qui sono molto diffusi, soprattutto per Þórr: in rari casi nella traduzione ho lasciato l epiteto originale, soprattutto quando è misto ad una kenning ( sterminatore di giganti eccetera); per una più facile comprensione del testo da parte di chi non conosce a memoria gli epiteti di Þórr, Týr, Hymir, Ægir ed Egill, nella parte italiana ho messo il nome più diffuso. Il metro dello Hymiskviða è il fornyrðislag, il metro epico, il più comune della poesia nordica. Ogni strofa è composta da quattro versi pieni, ciascuno costituito a sua volta di due semiversi. Leggendo il poema in lingua originale si nota come suoni avvincente, seppur rimanendo poetico: il metro epico infatti usa ripetizioni costanti di iniziali o intere sillabe, parole forti, non concede pausa di lettura e soprattutto è semplice, diretto. Il poema narra di come Þórr, Týr e Loki (anche se in questa versione Loki viene nominato solo alla fine e come personaggio marginale, nell Edda in prosa viene specificata la sua presenza) si recano presso Ægir per avere della birra, ma questi pretende un calderone così grande da poter produrre birra per dissetare tutti gli dèi; perciò Týr suggerisce di andare da suo padre Hymir, il quale possiede un enorme calderone, per giunta resistente e di ottima qualità. Dopo svariate prove, Þórr riesce a prendere il calderone e tornano da Ægir. Questa è la versione censurata e poetica dello Hymiskviða. La versione integrale, che è di circa 50 stanze (questa ne ha 39) è molto più cruenta, piena di vioenza gratuita: per esempio, descrive come Þórr si prese i figli di Egill, mentre qua ce n'è solo un accenno; inoltre, Þórr parla molto con Hymir, narrandoli di come ha sterminato molti giganti, mentre pescano; e anche lo stesso Hymir narra al figlio Týr del suo personale modo di mangiare le prede mentre mangiano le balene, e si può notare questo pesante taglio tra la stanza 29 e 30, dove si passa al portare il pescato a casa a Hymir sazio. Ho cercato molto la versione integrale on-line (poiché anche io ho la versione breve), ma a quanto pare si trova solo nello Árbók Háskóla Íslands, conservato in numero limitato in Islanda. Detto ciò, vi auguro una buona lettura, e ricordo che ogni copia inautorizzata, a diverso nome, specie se a fin di lucro, sarà perseguita penalmente per i diritti d autore. Vale, naturalmente, solo per la traduzione. Bjǫrn Heinríkr Vargsson Mediolanum, XVI gennaio MMXIII

3 Ár valtívar veiðar námu, ok sumblsamir, áðr saðir yrði. Hristu teina ok á hlaut sá: fundu þeir at Ægis ørkost hvera. Sat bergbúi barnteitr fyrir, mjǫk glíkr megi Miskorblinda. Leit í augu Yggs barn í þrá: «Þú skalt ásum opt sumbl gøra!» Ǫnn fekk jǫtni orðbæginn halr, hugði at hefndum hann næst við goð. Bað hann Sifjar ver sér fœra hver: «Þanns ek ǫllum ǫl yðr of heita!» Né þat máttu mærir tívar ok ginnregin of geta hvergi, unz af tryggðum Týr Hlórriða ástráð mikit einum sagði: «Býr fyr austan Élivága hundvíss Hymir at himins enda. Á minn faðir móðugr ketil, rúmbrugðinn hver, rastar djúpan.» «Veiztu, ef þiggjum þann lǫgvelli?» «Ef, vinr, vélar vit gørvum til!» Fóru drjúgum dag þann fram Ásgarði frá, unz til Egils kvómu. Hirði hann hafra horngǫfgasta; hurfu at hǫllu er Hymir átti. Mǫgr fann ǫmmu mjǫk leiða sér, hafði hǫfða hundruð níu. En ǫnnur gekk algullin fram, brúnhvít, bera bjórveig syni. «Áttniðr jǫtna, ek viljak ykkr, hugfulla tvá, und hvera setja. Er minn fríi mǫrgu sinni gløggr við gesti, gǫrr illz hugar.» En váskapaðr varð síðbúinn, harðráðr Hymir, heim af veiðum. Gekk inn í sal, glumðu jǫklar, var karls, er kom, kinnskógr frørinn. Móðir Týrs kvað: «Ver þú heill, Hymir, í hugum góðum! Nú er sonr kominn til sala þinna, sá er vit vættum af vegi lǫngum. Fylgir hánum Hróðrs andskoti, vinr verliða: Véurr heitir sá. Molto tempo fa gli dèi guerrieri cacciarono, e volevano bere, prima di mangiare. Scossero le foglie ed esaminarono il sangue: e videro che Ægir era pieno di roba da bere. Il montanaro sedeva sull uscio felice come un bimbo, somigliava molto al figlio di Miskorblindi. Þórr lo fissò duro negli occhi: «Devi preparare altra birra per gli Asi!» Il dio importunatore portò rogne al gigante, che pensò subito a come vendicarsi degli dèi. Chiese al marito di Sif di portargli un calderone: «Uno abbastanza grande per far birra per tutti voi!» Ma i gloriosi dèi e le varie divinità non furono in grado di trovarlo da nessuna parte, fin quando Týr diede a Þórr questo consiglio in privato: «Ad Ovest degli Élivágar vive Hymir il saggio, al limite del cielo. Mio padre possiede un bollitore, un grosso calderone, in dura lega.» «Che dici, l otterremo quel bollitore di liquidi?» «Sì, amici, se useremo l astuzia!» Viaggiarono per un lungo giorno da Ágarðr, finché giunsero da Egill. Lasciate le capre divine al riparo; si diressero verso le sale di Hymir. Il giovane Týr fu accolto dalla sua odiata nonna, che aveva novecento teste. Ma un altra dame si fece avanti, bionda come l oro, porgendo della birra al figlio. «Figlio di gigante, penso che farei meglio, a nascondervi entrambi, sotto il calderone. Il mio caro marito è spesso scortese con gli ospiti, e ha un pessimo carattere.» Il cattivo per natura e feroce, cuoredipietra Hymir, tornò a casa dalla caccia. Tintinnò del ghiaccio, quando entrò nella sala, la sua barbuta guancia era ghiacciata. Disse la madre di Týr: «Salute a te, Hymir, spero tu sia di buonumore! Nostro figlio è giunto alle tue sale, lo aspettavamo da molto dal suo viaggio. È accompagnato dal nemico di Hróðr, l amico degli uomini: si chiama Þórr.

4 Séðu, hvar sitja und salar gafli, svá forða sér, stendr súl fyrir!» Sundr stǫkk súla fyr sjón jǫtuns, en áðr í tvau áss brotnaði. Stukku átta, en einn af þeim, hverr harðsleginn, heill af þolli. Fram gengu þeir, en forn jǫtunn sjónum leiddi sinn andskota. Sagðit hánum hugr vel þá er hann sá gýgjar grœti á gólf kominn. Þar vóru þjórar þrír of teknir, bað senn jǫtunn sjóða ganga. Hvern létu þeir hǫfði skemra ok á seyði síðan báru. Át Sifjar verr, áðr sofa gengi, einn með ǫllu øxn tvá Hymis. Þótti hárum Hrungnis spjalla verðr Hlórriða vel fullmikill: «Munum at apni ǫðrum verða við veiðimat vér þrír lifa!» Véurr kvaz vilja á vág róa, ef ballr jǫtunn beitur gæfi. «Hverfðu til hjarðar, ef þú hug trúir, brjótr berg-dana, beitur sækja! Þess vænti ek, at þér munit ǫgn af oxa auðfeng vera.» Sveinn sýsliga sveif til skógar, þar er uxi stóð allsvartr fyrir. Braut af þjóri þurs ráðbani hátún ofan horna tveggja. «Verk þykkja þín verri miklu, kjóla valdi, en þú kyrr sitir.» Bað hlunngota hafra dróttinn áttrunn apa útarr fœra, en sá jǫtunn sína talði litla fýsi at róa lengra. Dró mærr Hymir móðugr hvali einn á ǫngli upp senn tvá, en aptr í skut Óðni sifjaðr Véurr við vélar vað gørði sér. Egndi á ǫngul sá er ǫldum bergr, orms einbani, uxa hǫfði. Gein við agni sú er goð fjá umgjǫrð neðan allra landa. Guarda, sono seduti qui al limite della capanna, al riparo, dietro una colonna!» Allo sguardo del gigante la colonna crollò, e la trave maestra si spezzò in due. Caddero otto bollitori, e si ruppero tutti, tranne uno rinforzato, che rimase integro. Gli ospiti si fecero avanti, e l antico gigante gettò un occhiata ai suoi nemici. Ebbe serie preoccupazioni quando vide sull uscio colui che provoca dolore alle gigantesse. Che fossero uccisi tre tori, e cucinati senza indugiare, ordinò il gigante. I tori furono dunque decapitati e portati a cucinare. Prima di andare a dormire, il marito di Sif, divorò da solo due dei tori di Hymir. Al grigio amico di Hrugnir (Hymir) parve abbondante il pasto di Þórr: «Se vogliamo mangiare anche la prossima volta dobbiamo procurarci il cibo con la caccia!» Þórr disse che sarebbe andato in alto mare, se il gigante gli avesse dato delle esche. «Vai tu nella mandria, se hai coraggio, uccisore di montanari, a cercare esche! Suppongo, che per te sarà facile trarre un esca da un toro.» Il giovane si recò subito nella boscaglia, dove un toro nero gli puntò contro. Lo sterminatore di giganti strappò al toro entrambe le grandi corna. «Le tue azioni sembrano peggiori, signore delle navi, del tuo poltrire.» Il signore dei caproni chiese al parente della scimmia di potar a largo la nave, ma il gigante mostrò poco desiderio nel remare ancora. Il feroce e forte Hymir prese delle balene, con un solo amo, due insieme, mentre a poppa il parente di Óðinn, Þórr, si creava da solo una lenza. Colui che protegge l umanità, l uccisore del serpe, buttò l amo con la testa di toro. Colui che è odiato da tutti gli dèi spalancò le fauci, lui che da solo avvolge tutta la terra.

5 Dró djarfliga dáðrakkr Þórr orm eitrfán upp at borði. Hamri kníði háfjall skarar ofljótt ofan úlfs hnitbróður. Hreingálkn hrutu, en hǫlkn þutu, fór in forna fold ǫll saman. Søkðiz síðan sá fiskr í mar. Óteitr jǫtunn, er þeir aptr reru, svá at ár Hymir ekki mælti, veifði hann ræði veðrs annars til. «Mundu um vinna verk hálft við mik, at þú heim hvali haf til bœjar, eða flotbrúsa festir okkarn?» Gekk Hlórriði, greip á stafni, vatt með austri upp lǫgfáki einn með árum ok austskotu, bar hann til bœjar brimsvín jǫtuns, ok holtriða hver í gegnum. Ok enn jǫtunn um afrendi, þrágirni vanr, við Þór senti; kvaðat mann ramman þótt róa kynni krǫpturligan, nema kálk bryti. En Hlórriði, er at hǫndum kom, brátt lét bresta brattstein gleri. Sló hann sitjandi súlur í gǫgnum, báru þó heilan fyr Hymi síðan. Unz þat in fríða frilla kenndi ástráð mikit, eitt er vissi: «Drep við haus Hymis, hann er harðari, kostmóðs jǫtuns, kálki hverjum!» Harðr reis á kné hafra dróttinn, færðiz allra í ásmegin. Heill var karli hjálmstofn ofan, en vínferill valr rifnaði. «Mǫrg veit ek mæti mér gengin frá, er ek kálki sé úr knjám hrundit,» - karl orð um kvað - «knákat ek segja aptr ævagi: þú ert, ǫlðr, of heitt. Þat er til kostar ef koma mættið út úr óru ǫlkjól hofi.» Týr leitaði tysvar hrœra: stóð at hváru hverr kyrr fyrir. Il coraggioso Þórr tirò su con ferocia il serpe velenoso alla fiancata della barca. Colpì con forza col martello la testa del fratello di sangue del lupo. I lupi ulularono, le rocce si scossero, tutta l antica terra tremò. Poi il pesce sprofondò nel mare. Il gigante era arrabbiato, mentre remavano indietro, infatti Hymir non parlò per niente, pensò a manovrare il timone. «Dividerai i lavori con me, vuoi portare le balene con me alla fattoria, oppure fissare la nostra barca?» Þórr andò, afferrò la prua, sollevò il cavallo dei fiumi con tutto il suo contenuto, portò poi le balene alla casa del gigante, attraverso il sentiero boscoso. Ma il gigante era ostinato, e continuò a discutere della forza di Þórr, disse che il canottaggio non era una prova di forza di un uomo, a meno che non rompesse il calice di cristallo. E Þórr, quando lo ebbe in mano, frantumò una colonna con il calice. Da seduto lo lanciò sulle colonne, ma Hymir glielo riportò tutto intero. Fin quando la dama del gigante gli disse un valido segreto, che ella conosceva: «Lancialo contro la testa di Hymir, è più dura la testa di un gigante sazio di qualsiasi bicchiere!» S alzò con forza sulle ginocchia il signore dei capri, usò in pieno la sua potenza divina. La testa del gigante rimase integra, ma il calice da vino andò in pezzi. «Ho perduto un grande pezzo di valore, ora che vedo il miglior calice in pezzi,» - disse così l anziano - «non potrò mai più dire: birra, sei servita. Resta ancora da vedere se riuscirete ad uscire dalla nostra corte col calderone.» Týr provò due volte a muoverlo: e due volte fallì nel muoverlo anche solo di un po.

6 Faðir Móða fekk á þremi ok í gegnum steig gólf niðr í sal. Hóf sér á hǫfuð upp hver Sifjar verr, en á hælum hringar skullu. Fóru lengi, áðr líta nam aptr Óðins sonr einu sinni. Sá hann úr hreysum með Hymi austan fólkdrótt fara fjǫlhǫfðaða. Hóf hann sér af herðum hver standanda, veifði hann Mjǫllni morðgjǫrnum fram, ok hraunhvala hann alla drap. Fórut lengi, áðr liggja nam hafr Hlórriða hálfdauðr fyrir. Var skær skǫkuls skakkr á beini, en því inn lævísi Loki um olli. En ér heyrt hafið - hverr kann um þat goðmálugra gørr at skilja - hver af hraunbúa hann laun um fekk, er hann bæði galt bǫrn sín fyrir. Þróttǫflugr kom á þing goða ok hafði hver þannz Hymir átti, en véar hverjan vel skulu drekka ǫlðr at Ægis eitrhǫrmeitið. Þórr lo prese per i bordi e si avviò giù per le scale verso l atrio. L uomo di Sif aveva la testa coperta dal calderone, alle sue caviglie tintinnavano i manici. Camminarono per un po, quando il figlio di Óðinn guardò dietro di sé. Vide giungere da oriente con Hymir una schiera di guerrieri con molte teste dalle tane rocciose. Poso giù il calderone dalle sue spalle, cinse l assassino Mjǫllnir uscendone, e uccise ogni singolo gigante. Guidarono per un po, quando un capro di Þórr cadde mezzo morto. La gamba della bestia era rotta, e questa fu colpa di Loki. Ma tutti voi avete udito - e qualsiasi mitologo può confermarlo - la ricompensa che egli ebbe per ciò da Egill, il quale dovette donargli entrambi i suoi figli. Giunse pieno di energie il dio all assemblea e aveva il calderone che fu di Hymir, nel quale ogni essere divinò berrà e si sazierà con la birra di Ægir.

(Prof. ssa A. Cipolla) Filologia germanica SSD L-Fil-Let/15 36h LM 37 (6 CFU) I semestre. Interpretazione metafisica/pragmatica del mito

(Prof. ssa A. Cipolla) Filologia germanica SSD L-Fil-Let/15 36h LM 37 (6 CFU) I semestre. Interpretazione metafisica/pragmatica del mito (Prof. ssa A. Cipolla) Filologia germanica SSD L-Fil-Let/15 36h LM 37 (6 CFU) I semestre La ricezione dei materiali nordici nelle letterature e nelle accademie europee dei secc. XVIII-XIX (dal Barocco

Dettagli

INDICE. Prefazione del traduttore... pag. 3 Breve guida alla pronuncia del norreno... pag. 4 MITOLOGICA GOÐMÁLUGR ITOLOGICA G

INDICE. Prefazione del traduttore... pag. 3 Breve guida alla pronuncia del norreno... pag. 4 MITOLOGICA GOÐMÁLUGR ITOLOGICA G INDICE Prefazione del traduttore...... pag. 3 Breve guida alla pronuncia del norreno... pag. 4 EDDA MITOLOGICA GOÐMÁLUGR EDDA ITOLOGICA G 1 Vǫluspá La Profezia della Volva.... pag. 5 2 Hávamál Il Discorso

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca)

Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) Nascita di Gesù (Dal Vangelo di Luca) [1]In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando era governatore della

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO Veglia di Preghiera Guida: Il sangue dei Martiri è sangue di speranza che, caduto in terra porta frutti di vita nuova. Non c è amore più grande di questo: dare la vita

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio 4 Minuti Cosa Uno studio biblico di sei settimane ci riserva il Futuro Precept Ministry International Kay Arthur George Huber Distribuito da : Precept Minstry Italia Traduzione a cura di Luigi Incarnato

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW La filosofia del viaggio nel tempo di ROBERTA SPARROW Traduzione a cura di Paolo Xabaras Montalto In lingua originale lo trovate sul sito ufficiale del film: http://www.donniedarko.com o presso il sito:

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

MA FU PROPRIO UNA MELA?

MA FU PROPRIO UNA MELA? MA FU PROPRIO UNA MELA? Per molti anni ci è stato insegnato che nel Giardino dell Eden c era un albero di mele. Al primo uomo, Adamo, e a sua moglie Eva, Dio comandò di non mangiare il frutto di questo

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

CANTI DI INGRESSO. Tu ci hai chiamato qui nella tua casa Signore, per lodare il tuo nome. RIT. 347. LA FESTA PIU BELLA da La messa dei Bambini

CANTI DI INGRESSO. Tu ci hai chiamato qui nella tua casa Signore, per lodare il tuo nome. RIT. 347. LA FESTA PIU BELLA da La messa dei Bambini CANTI DI INGRESSO 347. LA FESTA PIU BELLA da La messa dei Bambini Arriviamo da ogni parte, da ogni angolo della terra, invitati per la festa più bella. Arriviamo da ogni dove, con la gioia dentro al cuore

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

C era una volta. Fiabe in rima

C era una volta. Fiabe in rima C era una volta Fiabe in rima Ed ora le fiabe. Perché non trasferire in rima le fiabe conosciute? Non tutte naturalmente, quelle che i bambini conoscevano, quelle che amavano di più, quelle che più sollecitavano

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

UD 1.1 - LE NORME SOCIALI

UD 1.1 - LE NORME SOCIALI UD 1.1 - LE NORME SOCIALI Vivere in un mare di norme La nostra vita si svolge in un mondo di norme affermava in un suo famoso libro il grande filosofo protagonista del ventesimo secolo Norberto Bobbio.

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli