Andamento infortunistico nelle Aziende che hanno adottato un SGSL, relativi vantaggi e benefici economici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Andamento infortunistico nelle Aziende che hanno adottato un SGSL, relativi vantaggi e benefici economici"

Transcript

1 1 Andamento infortunistico nelle Aziende che hanno adottato un SGSL, relativi vantaggi e benefici economici

2 2

3 Andamento infortunistico nelle Aziende che hanno adottato un SGSL, relativi vantaggi e benefici economici INAIL Sede Provinciale di Venezia Terraferma Processo Prevenzione e Sicurezza a cura di Patrizia Lastrucci Fonte dati statistici BDS INAIL Flussi Informativi Immagine frontespizio Realizzata dall artista Maria Lucia De Colle per la sua partecipazione alla terza edizione del concorso arti visive Il Tuo Colore per la Sicurezza Titolo: L uomo e il lavoro nei cantieri Tecnica: Olio e carboncino su tela Dimensioni : 90 x 90 cm. Settembre

4 Sommario Andamento infortunistico pag. 3 Focus statistico provincia di Venezia pag. 7 Dati statistici Venezia di Aziende che hanno adottato SGSL nel 2007 con effetti sull andamento infortunistico anno 2011 pag. 7 Esempio di realtà aziendale con riduzione del premio pag. 8 La sicurezza dei lavoratori è competitività per le imprese pag. 9 I costi della non sicurezza pag. 10 Finanziamenti sconto sul premio assicurativo Il sistema di oscillazione dei tassi pag. 11 Statistica riduzione percentuale indici di frequenza e gravità pag. 13 4

5 Dall analisi dell andamento infortunistico 2011 emerge, anche quest anno, un trend in riduzione che vede una flessione dell 6,6% sul complesso degli infortuni sul lavoro. Nel corso del 2011 sono stati denunciati 51mila infortuni mentre nel 2010 i lavoratori che hanno subito un evento lesivo sono stati 776mila. Gli infortuni mortali sono scesi per il secondo anno - sotto la soglia dei 1000 (920 rispetto ai 973 del 2010) raggiungendo una flessione del 5,4%. Dall esame dei dati infortunistici e dai dati ISTAT si riscontra una riduzione generale degli infortuni sul lavoro che supera la percentuale del calo occupazionale stimato dal predetto istituto. Gli stessi mostrano una situazione economica meno sfavorevole e un calo di frequenza che rappresenta il risultato dell impegno dell INAIL, ma anche gli sforzi compiuti dal sistema lavoro. L Istituto, da diversi anni, è attivo nel proporre e sostenere molte iniziative quali l adozione di sistemi di gestione della salute e sicurezza sul lavoro, sia sul piano normativo che culturale, attraverso: corsi di formazione pubblicazioni campagne informative sconti sui premi assicurativi incentivi economici in grado di sostenere la riduzione di livelli di rischio con azioni prevenzionali diversificate secondo la realtà produttiva dell impresa (settore di appartenenza, dimensione, posizione geografica, dimensione,ecc). Incoraggiante è la riduzione elevata di eventi sia di infortuni sul lavoro totali che di infortuni mortali accaduti a lavoratori occupati nel settore delle costruzioni (infortuni -14,7%, a fronte di calo occupazionale del 5,3%, infortuni mortali nelle Costruzioni -10,6%). Settore scelto, non a caso, dalla Direzione Regionale per il Veneto nel Bando ISI 2010 e finanziamenti alle imprese - come settore destinatario di un punteggio aggiuntivo utile per il riconoscimento del contributo INAIL. La diminuzione degli infortuni è dovuta anche all adozione delle imprese di un sistema di gestione della sicurezza che, attraverso una rete relazionale di informazione, comunicazione, formazione, consultazione consente di verificare costantemente il grado di efficienza. Tuttavia, l adozione di questi sistemi di gestione non si è ancora diffusa a sufficienza nel tessuto produttivo italiano. La diffusione dei SGSL deve essere una meta, un traguardo, un obiettivo da perseguire nel prossimo futuro, anche con progetti e interventi mirati. Va sottolineato il fondamentale ruolo delle grandi imprese nell adozione dei modelli di gestione come strumenti di prevenzione che non deve comunque distogliere l attenzione dalle piccole e micro-imprese, che sono molto presenti nelle realtà produttive italiane. La Sede Provinciale di Venezia Terraferma, analizzata la tipologia delle attività economiche presenti sul territorio, si rivolte principalmente alle medie-piccole imprese e microimprese. 5

6 INFOGRAFICHE Fonte statistica BDS INAIL Fonte statistica BDS INAIL 6

7 Fonte statistica BDS INAIL Fonte statistica BDS INAIL 7

8 FOCUS STATISTICO PROVINCIA DI VENEZIA INFORTUNI AVVENUTI E DENUNCIATI NEL PERIODO (BDS INAIL) DI CUI MORTALI DATI STATISTICI VENEZIA DI AZIENDE CHE HANNO ADOTTATO SGSL NEL 2007 CON EFFETTI SULL ANDAMENTO INFORTUNISTICO ANNO 2011 Le istanze prodotte dalle aziende, per beneficiare della riduzione del premio ex art. 24 M.A.T., in continuo aumento, dal 2008 hanno avuto un incremento del 45%. Si può stimare che le domande relative ad interventi di adozione di SGSL, su un campione di 300 domande, vengono rappresentate con una percentuale del 20% (domande presentate a gennaio 2008). La scelta dell anno 2008 è determinata dal fatto che l adozione di SGSL anno 2007, consente di 8

9 esaminare gli effetti sull andamento infortunistico, infatti il tasso applicato 2011 è il risultato del trend infortunistico ISTANZE EX ART M.A.T. INDUSTRIA TERZIARIO ARTIGIANATO 28% 12% 60% La totalità delle Aziende che hanno adottato un SGSL hanno beneficiato di una riduzione del premio assicurativo da un minimo del 15% ad un massimo del 35% (oscillazioni per andamento infortunistico ex art. 22 delle M.A.T.), oltre all oscillazione per prevenzione ex art. 24 M.A.T. del 10%, secondo la normativa vigente nell anno ESEMPIO DI REALTA AZIENDALE CON RIDUZIONE DEL PREMIO AZIENDA CON SEDE NELLA PROVINCIA DI VENEZIA (società per azioni attività grande gruppo 6 metallurgia, lavori in metallo, macchine, mezzi di trasporto, strumenti e apparecchi). TOTALE GIORNI DI ASSENZA DAL LAVORO PER INFORTUNIO E evidente la riduzione di assenze dal lavoro per infortunio dall anno 2007 all anno 2009 dei dipendenti dell azienda.

10 CALCOLO DEL PREMIO DI ASSICURAZIONE TASSO MEDIO NAZIONALE OSCILLAZIONE OSCILLAZIONE PER ANDAMENTO PREVENZIONE INFORTUNISTICO TASSO APPLICATO IMPONIBILE RETRIBUTIVO PREMIO DOVUTO PREMIO CHE AVREBBE VERSATO RISPARMIO ECONOMICO 30 / -35% -10% 17 / Con l oscillazione in vigore il premio subisce un ulteriore riduzione corrispondente a due punti percentuale sul Tasso Medio. LA SICUREZZA DEI LAVORATORI E COMPETITIVITA PER LE IMPRESE La riduzione dei costi e la creazione di valore per il cliente sono i due obiettivi maggiormente perseguiti dalle organizzazioni aziendali, indipendentemente dalle loro dimensioni. L analisi dei costi e la ricerca della più idonea ripartizione degli stessi assume importanza strategica per il raggiungimento di una performance aziendale di qualità che consenta di immettere sul mercato, o di erogare servizi, a prezzi concorrenziali. E innegabile, di conseguenza, il vantaggio derivato dalla riduzione dei costi fissi quali ad esempio i premi assicurativi, costi diretti e indiretti della non sicurezza. Il raggiungimento del punto di equilibrio costi e ricavi della BEA (break even analysis) è facilitato con conseguente apertura della forbice degli utili. Questi ultimi: sono necessari alla sopravvivenza dell impresa, determinano la possibilità di nuovi investimenti e una possibile crescita aziendale, favoriscono il mantenimento del marketplace e soprattutto possono creare maggior offerta occupazionale. L Istituto riporta, non a caso, sulla copertina della pubblicazione Monografia Aziendale il seguente slogan: La sicurezza dei lavoratori è competitività delle imprese. L attività dell azienda, è noto, viene costantemente verificata mediante l attività di analisi di bilancio attraverso degli indici (ROI-ROE, ecc.) dai quali si può rilevare la redditività dell impresa. Da oggi possiamo aggiungere il ROP (return on prevention) che ci consente di rilevare il ritorno economico degli euro investiti in sicurezza. Una recente ricerca dell ISSA (International Social Security Association), i cui risultati sono stati resi noti nel corso del XIX Congresso internazionale per la salute e la sicurezza sul lavoro svoltosi a Istanbul, ha confermato un ritorno economico vantaggioso (chi spende un euro ne guadagna più di due) su tutti i fronti: da quello produttivo, a quello d immagine, dalla soddisfazione del personale, alla sua efficienza sul lavoro. 10

11 I COSTI DELLA NON SICUREZZA L INAIL a seguito dell evoluzione legislativa della specifica materia della sicurezza, è divenuto più presente ed attivo, acquisendo un ruolo di primo piano, nello svolgimento dei propri compiti affidatigli dal legislatore, al fine di promuovere e sostenere in maniera incisiva la cultura della prevenzione. La Consulenza tecnica accertamento rischi e prevenzione - Consulenza Statistico Attuariale dell INAIL ha reso noti i risultati di uno studio relativo al costo sociale dell insicurezza. In Italia il costo complessivo dei danni da lavoro (elaborazione 2009) supera i 47 mld di euro; di questi, quasi 39 spesi dalla collettività, aziende e lavoratori, per far fronte agli infortuni. Il costo per singolo infortunio va ben oltre i 50mila euro (stima approssimativa che non tiene conto della gravità dell infortunio, della dimensione aziendale, della diversificazione per territorio e settore economico), mentre è di quasi 52 mld di euro la quota dei costi complessivi stimata per il Un infortunio, oltre alle sofferenze dell infortunato e dei familiari, significa anche tanti costi, in primo luogo i soccorsi, le cure mediche, la degenza ospedaliera, le visite successive, l iter burocratico, l indennizzo a carico dell Inail per l infortunio e per l eventuale invalidità e relativo sussidio. E nel malaugurato caso degli infortuni mortali, del sussidio per i superstiti. Poi ci sono le assenze dal lavoro successive all infortunio, a carico dell Inail e dell azienda (che deve anche affrontare la relativa perdita di produttività). Di conseguenza l INAIL ha destinato maggiori somme alla prevenzione per contrastare le altre voci del costo sociale ed economico legato ai danni da lavoro, favorendo comunque il raggiungimento dell obiettivo della strategia comunitaria che prevede una contrazione del 25% dei tassi standardizzati di incidenza infortunistica nel periodo (osservatorio statistico aprile 2010). I vantaggi economici degli investimenti in sicurezza sono: Finanziamenti Sconto sul premio assicurativo Risparmi dovuti alla maggior sicurezza (riduzione del fenomeno infortunistico /tecnopatico) Finanziamenti 11 L adozione di un sistema di gestione della sicurezza è conveniente anche dal punto di vista economico, anche per le piccole imprese. Vi è la possibilità, infatti, di ottenere dei finanziamenti. L adozione del modello di organizzazione e di gestione nelle imprese rientra tra le attività finanziabili ai sensi dell art. 11 D.Lgs 81/2008. Inoltre, costituisce un esimente per i fini della responsabilità amministrativa di cui al D.Lgs. 231/2001. Con il Bando ISI 2010 è stata avviata la fase a regime dei sostegni alle aziende per progetti sia di investimento che formativi in materia di salute e sicurezza sul lavoro da parte delle piccole, medie e micro imprese (procedura telematica molto semplice per inoltro domanda). Inoltre, i suddetti finanziamenti vengono riconosciuti anche per progetti volti a sperimentare soluzioni innovative e strumenti organizzativi e gestionali ispirati alla Responsabilità Sociale delle imprese. Giova ricordare che con il bando ISI 2011 l Istituto erogherà ben di euro in favore delle imprese che investono in sicurezza. Per favorire tangibilmente l impegno delle aziende nella riduzione dei rischi, l INAIL era intervenuto, in precedenza, in via sperimentale ad erogare dei sostegni finanziari alle imprese

12 ex art. 23 del D.Lgs 38/2000. Mentre nella fase sperimentale sono stati riconosciuti dei finanziamenti in conto interessi e in minima parte in conto capitale, nel Bando ISI 2011 l Istituto, ad esempio nella Regione del Veneto, è intervenuto a sostegno delle imprese che realizzano progetti per la prevenzione e sicurezza, abbattendo i costi del 50% (maggiori dettagli reperibili sul sito istituzionale), La somma stanziata dall INAIL per il 2010 è stata di ,00 di cui destinati al Veneto, mentre nel 2011, come detto la somma stanziata è di , al veneto destinati Abbiamo assistito, nel corso del 2011 e del 2012, allo sviluppo delle politiche di incentivazione a favore delle imprese che investono nella salute e nella sicurezza dei propri lavoratori. Sconto sul premio assicurativo L attuazione di un sistema di gestione della sicurezza, in base al decreto ministeriale del , consente di beneficiare della riduzione del premio assicurativo di una percentuale variabile dal 7% al 30% a seconda del numero dei dipendenti perché rientra tra le attività che con questo tipo di richiesta possono comportare un risparmio immediato a livello tariffario. Dal 2000 l INAIL premia con il citato sconto denominato oscillazione per prevenzione, le aziende, operative da almeno un biennio, che eseguono interventi per il miglioramento delle condizioni di sicurezza e di igiene nei luoghi di lavoro, in aggiunta a quelli minimi previsti dalla normativa in materia (D.Lgs. 81/2008 e successive modifiche e integrazioni). L oscillazione per prevenzione riduce il tasso di premio applicabile all azienda, determinando un risparmio sul premio dovuto all INAIL. In base al predetto decreto ministeriale 3 dicembre 2010, la riduzione di tasso è riconosciuta in misura fissa, in relazione al numero dei lavoratori-anno del periodo, come segue: lavoratori-anno riduzione fino a 10 30% da 11 a 50 23% da 51 a % da 101 a % da 201 a % oltre 500 7% Il risparmio delle aziende a rischio di una certa dimensione (edilizia, trasporti, ecc.) può facilmente raggiungere l ordine delle decine di migliaia di euro all anno. 12 Le aziende che hanno intenzione di beneficiare di tale riduzione devono presentare o spedire all INAIL la domanda su apposito modulo, predisposto dall Istituto, entro il 28 febbraio (29 febbraio se anno bisestile) dell anno per il quale la riduzione è richiesta. Nell istanza l impresa dichiara l adozione di una serie di misure di prevenzione e protezione specifiche e aggiuntive rispetto al quadro degli adempimenti cogenti. Il modulo e le relative istruzioni sono scaricabili dal sito è disponibile inoltre il servizio online di compilazione e trasmissione sulla sezione Punto Cliente sempre del sito istituzionale.

13 Sistema di oscillazione tassi E noto che per ogni lavorazione viene applicato il tasso di premio previsto per la corrispondente voce della Tariffa della gestione in cui è inquadrato il Datore di Lavoro. Il tasso di premio nazionale corrispondente a ciascuna lavorazione e quindi a ciascuna voce di Tariffa è quello medio nazionale individuato in base al rapporto oneri nazionali della voce e le retribuzioni nazionali per il triennio 1995/1997. Rapporto considerato singolarmente per ogni singola voce di ciascun settore nella formazione delle Tariffe. Nel primo biennio di attività il tasso medio nazionale può essere ridotto in misura fissa del 15% in relazione alla situazione del azienda per quanto riguarda il rispetto delle norme di prevenzione e di igiene del lavoro. Le domande devono essere prodotte all INAIL utilizzando il modulo c.d. OT/20. Sul sito istituzionale sono disponibili il modulo e le informazioni utili. Dopo il primo biennio di attività l oscillazione del tasso è legata all andamento infortunistico aziendale, cioè allo scarto assoluto e percentuale tra i valori aziendali e quelli a livello nazionale. Si ha una riduzione del tasso medio se l andamento infortunistico dell azienda, rapporto oneri-retribuzioni, risulta meno oneroso alla media nazionale. Questo sistema di Bonus/Malus prevede un oscillazione massima del 35%, così rappresentata: - 1 oscillazione (min. 7% - max 20%): è legata all andamento infortunistico aziendale e viene applicata d ufficio in base allo scarto assoluto tra Tasso medio e Tasso specifico aziendale (TS-TM) ed in base alla dimensione aziendale (n lavoratori/anno) - 2 oscillazione (min.5%-max 15%): è legata anch essa all andamento infortunistico aziendale e viene applicata d ufficio in base allo scarto percentuale tra Tasso specifico e Tasso medio (TS TM X 100) ed in base alla dimensione aziendale (n lavoratori/anno). TM Si riassumono le oscillazioni del tasso assicurativo INAIL per le varie tipologie di aziende. Dimensione aziendale (operai/anno) Oscillazione per andamento infortunistico vigente Oscillazione per prevenzione vigente fino al 2009 Oscillazione per prevenzione approvato con D.M fino a 10 ± 22 % -10% -30% da 10 a 50 ± 22 % -10% -23% da 51 a 100 ± 22 % -10% -18% da 101 a 200 ± 25 % -10% -15% da 201 a 500 ± 28 % -10% -12% oltre 500 ± 35% -5% -7% L analisi delle cause degli infortuni evidenzia che molti eventi lesivi potevano essere evitati se venivano adottati comportamenti corretti, assume importanza rilevante l investimento delle aziende e delle istituzioni pubbliche nella formazione, informazione. Dall adozione di un SGSL si è riscontrato che gli indici di gravità e di frequenza si sono contratti significativamente, raggiungendo, ad esempio nel settore delle costruzioni un -33% di frequenza e un -42% di gravità (campione di aziende con sgsl). 13

14 Si riportano di seguito alcuni dati statistici L adozione di un SGSL, per certo, favorisce l eliminazione delle condizioni di rischio presenti in un unità produttiva con relativi vantaggi e benefici economici. 14

INAIL : Meccanismi incentivanti disponibili per le imprese virtuose rispetto alla sicurezza e prevenzione nel luogo di lavoro

INAIL : Meccanismi incentivanti disponibili per le imprese virtuose rispetto alla sicurezza e prevenzione nel luogo di lavoro INAIL : Meccanismi incentivanti disponibili per le imprese virtuose rispetto alla sicurezza e prevenzione nel luogo di lavoro Reggio Emilia, 15 gennaio 2015 Dott.ssa Sandra Berselli Responsabile Processo

Dettagli

I benefici di una corretta gestione dei rischi: i dati

I benefici di una corretta gestione dei rischi: i dati I benefici di una corretta gestione dei rischi: i dati dell INAIL Dott Antonio Terracina INAIL CONTARP Direzione Generale - Roma Il fenomeno infortunistico a livello mondiale 2.300.000 decessi a causa

Dettagli

SGSL quali vantaggi? Linee guida e casi pratici

SGSL quali vantaggi? Linee guida e casi pratici 13a GIORNATA della SICUREZZA sul LAVORO SGSL quali vantaggi? Linee guida e casi pratici Andamento infortunistico del 2011 Comunicato stampa del 27 aprile 2012 Le stime INAIL sull andamento infortunistico

Dettagli

01-02 - 03-04 - VANTAGGI E BENEFICI

01-02 - 03-04 - VANTAGGI E BENEFICI Indice: 01 - Cosa è un SGSL 02 - Cosa è un MOG 03 - Differenze tra SGSL e MOG 04 - VANTAGGI E BENEFICI del SGSL e del MOG 05 - Lo SGRAVIO del Premio Assicurativo INAIL 06 - L opportunità del FINANZIAMENTO

Dettagli

L INAIL persegue una pluralità di obiettivi:

L INAIL persegue una pluralità di obiettivi: L INAIL persegue una pluralità di obiettivi: Ridurre il fenomeno infortunistico; Assicurare i lavoratori che svolgono attività a rischio; Garantire il reinserimento nella vita lavorativa degli infortunati

Dettagli

CONVEGNO INAIL 2015 SCONTI E RIDUZIONI PREMIALI BANDI DI FINANZIAMENTO ENNIO BOZZANO INAIL SEDE DI BRESCIA

CONVEGNO INAIL 2015 SCONTI E RIDUZIONI PREMIALI BANDI DI FINANZIAMENTO ENNIO BOZZANO INAIL SEDE DI BRESCIA CONVEGNO INAIL 2015 SCONTI E RIDUZIONI PREMIALI BANDI DI FINANZIAMENTO ENNIO BOZZANO INAIL SEDE DI BRESCIA Brescia, 29 gennaio 2015 INAIL EVOLUZIONE STORICA L. 22/06/1933 n. 860 RD 17/08/1935 n. 1765 DPR

Dettagli

SEMINARIO IMPRESA INFORMATA IMPRESA SCONTATA

SEMINARIO IMPRESA INFORMATA IMPRESA SCONTATA SEMINARIO IMPRESA INFORMATA IMPRESA SCONTATA COME RIDURRE I COSTI DELLA SICUREZZA Novara 23/09/2013 LE AZIONI DELL INAIL A SOSTEGNO DELLA SICUREZZA Roberto Luzzi INAIL DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE Riduzione

Dettagli

Maurizio Muratore INAIL D.R. Friuli Venezia Giulia - Con.T.A.R.P. Trieste, 21 gennaio 2010

Maurizio Muratore INAIL D.R. Friuli Venezia Giulia - Con.T.A.R.P. Trieste, 21 gennaio 2010 Sistemi di Gestione della Sicurezza sul Lavoro: la verifica di efficacia dei modelli gestionali nella prevenzione degli infortuni e malattie professionali. Maurizio Muratore INAIL D.R. Friuli Venezia Giulia

Dettagli

INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen

INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen Sistemi di gestione della salute e sicurezza del lavoro e l Assicurazione INAIL Trento, 8 Novembre 2011 Con il di D.Lgs 231/2001REATI SICUREZZA

Dettagli

I DATI INAIL SULL EFFICACIA DEI SGSL PER RIDURRE GLI INFORTUNI

I DATI INAIL SULL EFFICACIA DEI SGSL PER RIDURRE GLI INFORTUNI I DATI INAIL SULL EFFICACIA DEI SGSL PER RIDURRE GLI INFORTUNI l di Maria Ilaria Barra Consulenza tecnica accertamento rischi e prevenzione Direzione Generale INAIL Giuseppe Morinelli Consulenza Statistico

Dettagli

INAIL E GLI INCENTIVI ALLA PREVENZIONE

INAIL E GLI INCENTIVI ALLA PREVENZIONE Milano, 25 febbraio 2010 INAIL E GLI INCENTIVI ALLA PREVENZIONE Dr. Claudio Mercuri Agevolazioni tariffarie per le imprese Finanziamento programmi di adeguamento delle imprese alle norme di sicurezza Finanziamento

Dettagli

Il sistema di bonus/malus nella tariffa dei premi Inail ed i suoi riflessi sulle politiche in tema di prevenzione

Il sistema di bonus/malus nella tariffa dei premi Inail ed i suoi riflessi sulle politiche in tema di prevenzione Associazione per gli Studi internazionali e comparati sul Diritto del lavoro e sulle Relazioni industriali Il sistema di bonus/malus nella tariffa dei premi Inail ed i suoi riflessi sulle politiche in

Dettagli

FINANZIAMENTI INAIL PER LA SICUREZZA E LA RIDUZIONE DEL TASSO DI PREMIO: OPPORTUNITA PER LE IMPRESE. Armando Romaniello

FINANZIAMENTI INAIL PER LA SICUREZZA E LA RIDUZIONE DEL TASSO DI PREMIO: OPPORTUNITA PER LE IMPRESE. Armando Romaniello FINANZIAMENTI INAIL PER LA SICUREZZA E LA RIDUZIONE DEL TASSO DI PREMIO: OPPORTUNITA PER LE IMPRESE Armando Romaniello PREMESSA EFFICACIA DEI SGSL Gruppi di tariffa Settori Az. certificate Italia % % If*

Dettagli

Circolare N.168 del 15 dicembre 2011. Premi assicurativi 2011-2012. E in corso l invio delle comunicazioni sulla classificazione ai fini tariffari

Circolare N.168 del 15 dicembre 2011. Premi assicurativi 2011-2012. E in corso l invio delle comunicazioni sulla classificazione ai fini tariffari Circolare N.168 del 15 dicembre 2011 Premi assicurativi 2011-2012. E in corso l invio delle comunicazioni sulla classificazione ai fini tariffari Premi assicurativi 2011/2012: è in corso l invio delle

Dettagli

Quadro Normativo. Inps Direzione generale Direzione centrale entrate. Inail Direzione generale Direzione centrale rischi

Quadro Normativo. Inps Direzione generale Direzione centrale entrate. Inail Direzione generale Direzione centrale rischi Inps Direzione generale Direzione centrale entrate Inail Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare Inps n. 83 Circolare Inail n. 32 Roma, 1 luglio 2014 Al Ai Direttore generale vicario (Inps

Dettagli

DATI INAIL Analisi degli infortuni sul lavoro: casi mortali al minimo storico

DATI INAIL Analisi degli infortuni sul lavoro: casi mortali al minimo storico PREVENZIONE E PROTEZIONE ARTICOLO Pubblicato il Rapporto 2013 con i dati valutati dall Istituto DATI INAIL Analisi degli infortuni sul lavoro: casi mortali al minimo storico di Valeria Rey, Ricercatore

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 01/07/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 01/07/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 01/07/2014 Circolare n. 83 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

I risultati di una indagine di Certiquality su un campione di aziende certificate

I risultati di una indagine di Certiquality su un campione di aziende certificate I risultati di una indagine di Certiquality su un campione di aziende certificate Certiquality ha condotto uno studio presso le aziende certificate secondo la norma BS OHSAS 18001 per verificare l ammontare

Dettagli

La salute nelle organizzazioni di lavoro oggi, tendenza o necessità?

La salute nelle organizzazioni di lavoro oggi, tendenza o necessità? La salute nelle organizzazioni di lavoro oggi, tendenza o necessità? Ing. Principe Biagio CONsulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione INAIL Direzione Regionale Lombardia Indice degli argomenti

Dettagli

SEMINARIO SALUTE SICUREZZA AMBIENTE, TUTELA DEI CONSUMATORI DEL SETTORE AGRICOLO ED AGROALIMENTARE

SEMINARIO SALUTE SICUREZZA AMBIENTE, TUTELA DEI CONSUMATORI DEL SETTORE AGRICOLO ED AGROALIMENTARE SEMINARIO SALUTE SICUREZZA AMBIENTE, TUTELA DEI CONSUMATORI DEL SETTORE AGRICOLO ED AGROALIMENTARE Milano 26 Gennaio 2015 Intervento Dr. Tommaso De Nicola L attuale scenario legislativo in materia di salute

Dettagli

CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI.

CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI. CIRCOLARE N. 68S: CERTIFICAZIONE OHSAS 18001, BENEFICI IN TERMINI DI SICUREZZA, ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E DETRAZIONI FISCALI. Gentile Cliente, il sistema certificativo aziendale si è notevolmente sviluppato

Dettagli

SICUREZZA E PREVENZIONE

SICUREZZA E PREVENZIONE SICUREZZA E PREVENZIONE La promozione della salute sul lavoro Norme, finanziamenti e campagne al servizio della sicurezza La prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali va perseguita attraverso

Dettagli

CIRCOLARE STRAORDINARIA RIDUZIONE PREMIO E FINANZIAMENTO INAIL

CIRCOLARE STRAORDINARIA RIDUZIONE PREMIO E FINANZIAMENTO INAIL via Zeviani 8 37131 Verona tel. 045 8400925 - fax 045 8489830 www.cptverona.it - info@cptverona.it Cod. fiscale 93035570238 P. Iva 03984060230 Verona, 21 febbraio 2013 A tutte le imprese iscritte alla

Dettagli

Studio Associato Consiglieri Indipendenti

Studio Associato Consiglieri Indipendenti INAIL ED ENTI LOCALI: IL SISTEMA PREMIANTE INAIL LE OPPORTUNITA DI RISPARMIO INAIL: COSA E CAMBIATO Il D.L. 23/02/00 n.38 ha apportato significative e repentine variazioni a far data dal 01/01/2000 mediante

Dettagli

Convegno Asseverazione dei modelli di organizzazione di gestione della sicurezza nelle imprese edili

Convegno Asseverazione dei modelli di organizzazione di gestione della sicurezza nelle imprese edili Convegno Asseverazione dei modelli di organizzazione di gestione della sicurezza nelle imprese edili RISVOLTI PREMIALI: AGEVOLAZIONE SUL PREMIO ASSICURATIVO E POSSIBILE FINANZIAMENTO INAIL Ing. Biagio

Dettagli

Quadro Normativo. Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale servizi istituzionali settore navigazione. Circolare n.

Quadro Normativo. Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale servizi istituzionali settore navigazione. Circolare n. Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale servizi istituzionali settore navigazione Circolare n. 25 Roma, 7 maggio 2014 Al Ai Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi INAIL: sconto sui premi 2013/2014 al 14,17% Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l INAIL, con la determina del 11.03.2014

Dettagli

AL.P.I. on line. Manuale Aziende

AL.P.I. on line. Manuale Aziende AL.P.I. on line Manuale Aziende Edizione 13.1.2015 Sommario INTRODUZIONE... 1 1 ACCESSO AL SERVIZIO... 3 2 DATORI DI LAVORO, IMPRESE E ALTRI SOGGETTI NON ARTIGIANI... 5 2.1 RETRIBUZIONI REGOLAZIONE...

Dettagli

Quadro Normativo. Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale servizi istituzionali settore navigazione. Circolare n.

Quadro Normativo. Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale servizi istituzionali settore navigazione. Circolare n. Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale servizi istituzionali settore navigazione Circolare n. 25 Roma, 7 maggio 2014 Al Ai Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

La formazione in materia di salute e sicurezza del lavoro. Il ruolo dell INAIL. Maria Rosaria Sardella INAIL direzione Regionale Piemonte

La formazione in materia di salute e sicurezza del lavoro. Il ruolo dell INAIL. Maria Rosaria Sardella INAIL direzione Regionale Piemonte La formazione in materia di salute e sicurezza del lavoro. Il ruolo dell INAIL Maria Rosaria Sardella INAIL direzione Regionale Piemonte Seminario Sto bene a scuola 2 - Beinasco, 11 dicembre 2013 Se manca

Dettagli

Allegato I al modello OT24

Allegato I al modello OT24 Allegato I al modello OT24 Questionario per la valutazione della Responsabilità Sociale delle Imprese ai fini della riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione

Dettagli

Il ruolo dell INAIL nella prevenzione. Parma Camera del Lavoro 4 Luglio 2014

Il ruolo dell INAIL nella prevenzione. Parma Camera del Lavoro 4 Luglio 2014 Il ruolo dell INAIL nella prevenzione Parma Camera del Lavoro 4 Luglio 2014 Le competenze INAIL: una sintesi ragionata dei 10 articoli del T.U. 81 che lo riguardano 1. Gestione dell assicurazione obbligatoria

Dettagli

Domanda di riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 20 MAT e domanda di riduzione del premio ai sensi della Legge 147/2013.

Domanda di riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 20 MAT e domanda di riduzione del premio ai sensi della Legge 147/2013. Nota 9 maggio 2014, n. 3266 Domanda di riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 20 MAT e domanda di riduzione del premio ai sensi della Legge 147/2013. Modulo di domanda Come noto (NOTA

Dettagli

ARGOMENTO: SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO. Bando INAIL 2013: Contributi per interventi in materia di sicurezza e salute sul lavoro

ARGOMENTO: SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO. Bando INAIL 2013: Contributi per interventi in materia di sicurezza e salute sul lavoro ARGOMENTO: SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Bando INAIL 2013: Contributi per interventi in materia di sicurezza e salute sul lavoro Bando BANDO ISI 2013 L'Inail finanzia in conto capitale le spese

Dettagli

SEMINARIO Risparmiare sul Premio Inail -il nuovo modello INAIL OT 24

SEMINARIO Risparmiare sul Premio Inail -il nuovo modello INAIL OT 24 SEMINARIO Risparmiare sul Premio Inail -il nuovo modello INAIL OT 24 Novara 28/5/2015 Il nuovo modello OT 24 Gli interventi di prevenzione ammissibili Roberto Luzzi INAIL DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE Riduzione

Dettagli

Report incentivi ISI 2011

Report incentivi ISI 2011 Report incentivi ISI 2011 Il 28 giugno 2012 si è conclusa regolarmente la procedura telematica che nell'arco di tre giorni ha coinvolto circa 20.600 imprese per l'assegnazione dei 205 milioni di euro stanziati

Dettagli

Salute e sicurezza del lavoro non costi, ma benefici

Salute e sicurezza del lavoro non costi, ma benefici Azienda certificata ISO 9001:2008 Settore Formazione E A 37 certificato BSI n FS 544260 Salute e sicurezza del lavoro non costi, ma benefici dott. Enrico Nocchi Presidente EPA S.r.l. 1 Premessa «La promozione

Dettagli

Roma, 27 marzo 2015. Legge 266 dell 11 agosto 1991 Legge-quadro sul volontariato (GU. 196 del 22 agosto 1991);

Roma, 27 marzo 2015. Legge 266 dell 11 agosto 1991 Legge-quadro sul volontariato (GU. 196 del 22 agosto 1991); Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche Circolare n. 45 Roma, 27 marzo 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e

Dettagli

AGENS Agenzia confederale dei Trasporti e Servizi

AGENS Agenzia confederale dei Trasporti e Servizi Roma, 11 aprile 2014 Prot. n. 025/14/D.11. Alle Aziende associate L o r o S e d i OGGETTO: Autoliquidazione del Premio Assicurativo INAIL 2013/2014. Riduzioni ex L. n. 147/2013 e differimento al 16.05.2014

Dettagli

i costi della mancata prevenzione

i costi della mancata prevenzione i costi della mancata prevenzione stefania marconi dirigente inail mantova Infortuni sul lavoro 2010 denunciati all Inail 2009 italia 2010 lombardia 2009 2010 mantova 2009 2010 in occasione di lavoro 697.075

Dettagli

Oggetto Riduzione dei premi e contributi per l'assicurazione contro gli infortuni sul

Oggetto Riduzione dei premi e contributi per l'assicurazione contro gli infortuni sul Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale servizi istituzionali settore navigazione Circolare n. 25 Roma, 7 maggio 2014 Al Ai Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture

Dettagli

Comparti produttivi e presenza di agenti chimici: la valutazione del rischio ai sensi del D. lgs. 81/08

Comparti produttivi e presenza di agenti chimici: la valutazione del rischio ai sensi del D. lgs. 81/08 Supporto alle PMI nell adeguamento alle nuove regole per i comparti artigiani che utilizzano sostanze e miscele Comparti produttivi e presenza di agenti chimici: la valutazione del rischio ai sensi del

Dettagli

Nuovi incentivi ISI INAIL

Nuovi incentivi ISI INAIL Per una migliore qualità della vita Nuovi incentivi ISI INAIL IL BANDO ISI INAIL 2014 PER INTERVENTI DA AVVIARE NELL ANNO 2015 FINANZIATA ANCHE LA CERTIFICAZIONE BS OHSAS 18001 Il bando ISI INAIL 2014

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 41 del 18 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Bando ISI: fino al 7 maggio 2015 inserimento del progetto per ottenere gli incentivi Gentile cliente, con la presente

Dettagli

I sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro nelle strutture sanitarie Carmine Esposito INAIL D. R. Lombardia CONTARP

I sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro nelle strutture sanitarie Carmine Esposito INAIL D. R. Lombardia CONTARP AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA Sicurezza sul lavoro Il D. Lgs. 81/08 nelle strutture sanitarie alla luce delle nuove modifiche I sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro nelle strutture

Dettagli

L IMPATTO TECNICO-ECONOMICO DELLA SICUREZZA DEL LAVORO NEI SISTEMI PRODUTTIVI

L IMPATTO TECNICO-ECONOMICO DELLA SICUREZZA DEL LAVORO NEI SISTEMI PRODUTTIVI UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS L IMPATTO TECNICO-ECONOMICO DELLA SICUREZZA DEL LAVORO NEI SISTEMI PRODUTTIVI Prof. Ing. Cesare Saccani

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MOD. OT/20

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MOD. OT/20 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MOD. OT/20 Domanda di riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 20 delle Modalità di Applicazione delle Tariffe dei Premi (D.M. 12.12.2000) nei primi due anni

Dettagli

GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO LEGGE DI STABILITÀ 2015 E AUTOLIQUIDAZIONE INAIL 21/01/2015. Relatore:

GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO LEGGE DI STABILITÀ 2015 E AUTOLIQUIDAZIONE INAIL 21/01/2015. Relatore: GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO LEGGE DI STABILITÀ 2015 E AUTOLIQUIDAZIONE INAIL 21/01/2015 Relatore: Alessandro Dott. TODESCHELLI Dott. Comm.sta materia «Lavoro» Servizio: Nome servizio Pag.

Dettagli

AUTOLIQUIDAZIONE 2013/2014 PREMI E CONTRIBUTI ASSOCIATIVI

AUTOLIQUIDAZIONE 2013/2014 PREMI E CONTRIBUTI ASSOCIATIVI AUTOLIQUIDAZIONE 2013/2014 PREMI E CONTRIBUTI ASSOCIATIVI Versione del 4.4.2014 1 AUTOLIQUIDAZIONE 2013/2014 PREMI E CONTRIBUTI ASSOCIATIVI NOVITA Riduzione legge 147/2013 e differimento al 16 maggio 2014

Dettagli

GIORNATA DI STUDIO NUOVI ORIZZONTI NELLA PREVENZIONE IN AGRICOLTURA. Viterbo, 25 ottobre 2012. Il ribaltamento del trattore: dati statistici

GIORNATA DI STUDIO NUOVI ORIZZONTI NELLA PREVENZIONE IN AGRICOLTURA. Viterbo, 25 ottobre 2012. Il ribaltamento del trattore: dati statistici GIORNATA DI STUDIO NUOVI ORIZZONTI NELLA PREVENZIONE IN AGRICOLTURA Viterbo, 25 ottobre 2012 Il ribaltamento del trattore: dati statistici Ing. Giancarlo Napoli Dott. Giancarlo Borzacchi U.O.C. PISLL (Direttore

Dettagli

AL.P.I. on line. Manuale Aziende

AL.P.I. on line. Manuale Aziende AL.P.I. on line Manuale Aziende Edizione 9.4.2014 Sommario INTRODUZIONE... 1 1 ACCESSO AL SERVIZIO... 3 2 DATORI DI LAVORO, IMPRESE E ALTRI SOGGETTI NON ARTIGIANI... 5 2.1 RETRIBUZIONI REGOLAZIONE... 6

Dettagli

Il miglioramento dei livelli di sicurezza del lavoro e performance aziendale derivanti dall applicazione di SGSL

Il miglioramento dei livelli di sicurezza del lavoro e performance aziendale derivanti dall applicazione di SGSL LA SCIENZA E LA TECNICA RENDONO SICURO IL LAVORO Il miglioramento dei livelli di sicurezza del lavoro e performance aziendale derivanti dall applicazione di SGSL (Sistemi di gestione della Sicurezza sul

Dettagli

Report sugli infortuni professionali in provincia di Ravenna

Report sugli infortuni professionali in provincia di Ravenna Report sugli infortuni professionali in provincia di Ravenna a cura del Dipartimento di Sanità Pubblica: Staff di Epidemiologia e Comunicazione Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro.

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART.M. 12.12

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART.M. 12.12 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART. 24 DELLE MODALITÀ DI APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI PREMI (D.M. 12.12.2000) DOPO IL PRIMO

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART.M. 12.12

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART.M. 12.12 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART. 24 DELLE MODALITÀ DI APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI PREMI (D.M. 12.12.2000) DOPO IL PRIMO

Dettagli

Oggetto Documento Unico di Regolarità Contributiva. Decreto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale del 24 ottobre 2007.

Oggetto Documento Unico di Regolarità Contributiva. Decreto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale del 24 ottobre 2007. DIREZIONE GENERALE DIREZIONE CENTRALE RISCHI Circolare n. 7 Roma, 5 febbraio 2008 Al Ai Dirigente Generale Vicario Responsabili di tutte le Strutture Centrali e Territoriali e p.c. a: Organi Istituzionali

Dettagli

PREMIALITA PER CHI INVESTE IN SICUREZZA Aude Cucurachi

PREMIALITA PER CHI INVESTE IN SICUREZZA Aude Cucurachi PREMIALITA PER CHI INVESTE IN SICUREZZA Aude Cucurachi Convegno Controllo Accessi nei Cantieri: investire in sicurezza conviene Misure premiali per chi adotta il REPAC (Registratore delle Presenze Autorizzate

Dettagli

Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili

Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili Supplemento 1.2009 7 Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili Gian Carlo Muzzarelli* Sommario 1. Tutela e sicurezza del lavoro nei cantieri edili. 2. I cardini della

Dettagli

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro Ingegneria ed Architettura, ha sviluppato un modulo didattico innovativo che ha previsto non solo lezioni frontali, ma un cospicuo numero di ore dedicato all attività di laboratorio ed all analisi di un

Dettagli

INAIL L autoliquidazione 2014 e Lo sconto per prevenzione

INAIL L autoliquidazione 2014 e Lo sconto per prevenzione INAIL L autoliquidazione 2014 e Lo sconto per prevenzione Milano, gennaio/febbraio 2014 1 P R E M E S S A L art. 1, c. 128, della legge n. 147/2013 Legge di stabilità 2014 ha previsto una riduzione del

Dettagli

LA LEVA FINANZIARIA INAIL PER LA PREVENZIONE: LE RIDUZIONI DEI PREMI ASSICURATIVI E I FINANZIAMENTI FINALIZZATI

LA LEVA FINANZIARIA INAIL PER LA PREVENZIONE: LE RIDUZIONI DEI PREMI ASSICURATIVI E I FINANZIAMENTI FINALIZZATI Sede di Lucca LA LEVA FINANZIARIA INAIL PER LA PREVENZIONE: LE RIDUZIONI DEI PREMI ASSICURATIVI E I FINANZIAMENTI FINALIZZATI Seminario dell Organismo Provinciale di Lucca Palazzo Ducale Sala Maria Luisa

Dettagli

Incentivi INAIL Bando dicembre 2011

Incentivi INAIL Bando dicembre 2011 Incentivi INAIL Bando dicembre 2011 Ruolo dell INAIL ASSICURAZIONE RIABILITAZIONE PREVENZIONE DAL RUOLO ASSICURATIVO STORICO VERSO UN SISTEMA INTEGRATO DI TUTELA Sulla base dell evoluzione normativa l

Dettagli

FONDAZIONE RUBES TRIVA SICUREZZA, LAVORO, AMBIENTE

FONDAZIONE RUBES TRIVA SICUREZZA, LAVORO, AMBIENTE Newsletter numero 2-2015 In Primo Piano NOVITA Governo: misure per tutelare la maternità e favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Dottrina Per il Lavoro: comunicazioni per Lavori usuranti

Dettagli

Circolare 14 settembre 2012, n. 43

Circolare 14 settembre 2012, n. 43 Circolare 14 settembre, n. 43 Utilizzo esclusivo dei servizi telematici dell Inail per le comunicazioni con le imprese - Programma di informatizzazione delle comunicazioni con le imprese ai sensi dell

Dettagli

Capitolo 4. Il premio di assicurazione. 4.1 Il premio ordinario. Le tariffe dei premi. La classificazione delle lavorazioni. Il tasso medio nazionale

Capitolo 4. Il premio di assicurazione. 4.1 Il premio ordinario. Le tariffe dei premi. La classificazione delle lavorazioni. Il tasso medio nazionale Capitolo 4 Sommario Il premio di assicurazione 4.1 Il premio ordinario. Le tariffe dei premi. La classificazione delle lavorazioni. Il tasso medio nazionale. - 4.2 L oscillazione del tasso. - 4.3 La denuncia

Dettagli

Circolare N.13 del 27 Gennaio 2014

Circolare N.13 del 27 Gennaio 2014 Circolare N.13 del 27 Gennaio 2014 Autoliquidazione INAIL. Arriva la proroga dei termini di pagamento al 16.05.2014 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dell Economia

Dettagli

I.T.I. L. da Vinci BORGOMANERO

I.T.I. L. da Vinci BORGOMANERO Logo I.T.I. L. da Vinci BORGOMANERO Tipo di scuola: Istituto Tecnico Tecnologico ed Economico Sede: BORGOMANERO Tel: 0322.840811 fax 0322.840849 e.mail: itisleon@tin.it prevenzione e sicurezza sul lavoro

Dettagli

Nuovi incentivi ISI INAIL

Nuovi incentivi ISI INAIL Per una migliore qualità della vita Nuovi incentivi ISI INAIL IL BANDO ISI INAIL 2013 PER INTERVENTI DA AVVIARE NELL ANNO 2014 FINANZIATA ANCHE LA CERTIFICAZIONE BS OHSAS 18001 Il bando ISI INAIL 2013

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO RIPARTIAMO DA QUI. Roma, 14 gennaio 2013 Sala A. Pininfarina, Palazzo Confindustria Viale dell Astronomia, 30 IL TREND

SICUREZZA SUL LAVORO RIPARTIAMO DA QUI. Roma, 14 gennaio 2013 Sala A. Pininfarina, Palazzo Confindustria Viale dell Astronomia, 30 IL TREND SICUREZZA SUL LAVORO RIPARTIAMO DA QUI Roma, 14 gennaio 2013 Sala A. Pininfarina, Palazzo Confindustria Viale dell Astronomia, 30 IL TREND 2007 Torino 7 lavoratori 2008 Porto Marghera 2 lavoratori Molfetta

Dettagli

Sezione 1. Infortuni: analisi e statistiche

Sezione 1. Infortuni: analisi e statistiche Sezione 1 Infortuni: analisi e statistiche 1.1 Analisi del fenomeno infortunistico in Regione Nel 2012 l andamento infortunistico in Molise evidenzia una significativa flessione del -6,2% rispetto all

Dettagli

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 872.367 2.247.78 Superficie (km 2 ) 13,2 6.83,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.71,8 329,1 a cura del Servizio Statistica e Toponomastica Città

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

Report incentivi ISI 2012

Report incentivi ISI 2012 Report incentivi ISI 2012 Il 18 aprile 2013 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 155 milioni di euro stanziati a fondo perduto dall INAIL nell ambito del bando degli

Dettagli

Scopo di questo opuscolo è quello di fornire informazioni di carattere generale sull assicurazione relativamente a:

Scopo di questo opuscolo è quello di fornire informazioni di carattere generale sull assicurazione relativamente a: Ai Lettori La Legge 3 dicembre 1999, n. 493 (*) ha istituito una polizza contro gli infortuni domestici che riconosce e valorizza chiunque, donna o uomo, impieghi le proprie energie in maniera abituale,

Dettagli

BS OHSAS 18001 IL BANDO ISI INAIL 2012

BS OHSAS 18001 IL BANDO ISI INAIL 2012 NUOVI INCENTIVI INAIL FINANZIATA ANCHE LA CERTIFICAZIONE BS OHSAS 18001 IL BANDO ISI INAIL 2012 PER INTERVENTI DA AVVIARE NELL ANNO 2013 Pescantina : 28/01/2013 Sede legale ed amministrativa: via Vivaldi,

Dettagli

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione XV Rapporto sull apprendistato in Italia 2015 1 Il XV Rapporto di monitoraggio sull apprendistato è stato realizzato attraverso una

Dettagli

Casellario Centrale Infortuni Rapporto Statistico 2013

Casellario Centrale Infortuni Rapporto Statistico 2013 Rapporto Statistico 2013 Casellario Centrale Infortuni Rapporto Statistico 2013 Casellario Centrale Infortuni 00143 Roma - Via Roberto Ferruzzi, 38 casellario@inail.it http://casellario.inail.it INAIL

Dettagli

L evoluzione operativa dei progetti del Piano, determinata dai cambiamenti produttivi, sociali, epidemiologici ed istituzionali ha comportato:

L evoluzione operativa dei progetti del Piano, determinata dai cambiamenti produttivi, sociali, epidemiologici ed istituzionali ha comportato: La pianificazione regionale 2005-2009 1) Obiettivi iniziali del progetto In Veneto le attività di prevenzione negli ambienti di lavoro sono state pianificate tenendo conto dello scenario nazionale e regionale

Dettagli

Comunicazione unica al via: istruzioni per adempimenti Inail e Inps Francesco Ernandes Consulente del lavoro in Roma

Comunicazione unica al via: istruzioni per adempimenti Inail e Inps Francesco Ernandes Consulente del lavoro in Roma Comunicazione unica al via: istruzioni per adempimenti Inail e Inps Francesco Ernandes Consulente del lavoro in Roma L Inail e l Inps forniscono chiarimenti relativi alla piena operatività, dal 1 ottobre

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART.M. 12.12

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART.M. 12.12 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO DI DOMANDA PER LA RIDUZIONE DEL TASSO MEDIO DI TARIFFA AI SENSI DELL ART. 24 DELLE MODALITÀ DI APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI PREMI (D.M. 12.12.2000) DOPO IL PRIMO

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive Decreto ministeriale 2 luglio 2003 n.183 : Regolamento concernente modifiche al decreto Ministeriale 17 luglio 1998, N 256, recante l attuazione dell articolo 1, comma

Dettagli

Sezione 2. Le attività istituzionali e la prevenzione in Molise

Sezione 2. Le attività istituzionali e la prevenzione in Molise Sezione 2 Le attività istituzionali e la prevenzione in Molise 2.1 L impegno per la sicurezza e la prevenzione sul lavoro Le iniziative territoriali in materia di prevenzione degli infortuni e delle malattie

Dettagli

Contenuto dei 4 o 5 settori prevalenti

Contenuto dei 4 o 5 settori prevalenti 1 di 5 GLOSSARIO Accentramenti contributivi Addetti (INAIL) Agente materiale Codice di tariffa Inail Comparti Contenuto dei 4 o 5 settori prevalenti ESAW/3 Un'azienda, con più Unità produttive dislocate

Dettagli

La struttura dei SGSL

La struttura dei SGSL La struttura dei SGSL Le implementazioni finalizzate alla efficacia esimente dalla responsabilità amministrativa Art. 30 d.lgs. n. 81/2008 Roberto Gallanelli Genova, 16 settembre 2015 Il fenomeno infortunistico

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

WORKSHOP Io lavoro e guido sicuro. Sandro Vedovi Esperto sicurezza stradale e risk management Fondazione ANIA

WORKSHOP Io lavoro e guido sicuro. Sandro Vedovi Esperto sicurezza stradale e risk management Fondazione ANIA WORKSHOP Io lavoro e guido sicuro Sandro Vedovi Esperto sicurezza stradale e risk management Fondazione ANIA LA FONDAZIONE ANIA PER LA SICUREZZA STRADALE La Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale è

Dettagli

La diffusione dei sistemi di gestione aziendale e dei modelli organizzativi in edilizia e i fondi del nuovo Bando ISI INAIL per il 2014

La diffusione dei sistemi di gestione aziendale e dei modelli organizzativi in edilizia e i fondi del nuovo Bando ISI INAIL per il 2014 La diffusione dei sistemi di gestione aziendale e dei modelli organizzativi in edilizia e i fondi del nuovo Bando ISI INAIL per il 2014 Ing. Carmine Esposito CON.T.A.R.P. - INAIL D.R. LOMBARDIA 1 Dinamiche

Dettagli

Oggetto: Autoliquidazione del premio 2014/2015 del settore Navigazione. Istruzioni.

Oggetto: Autoliquidazione del premio 2014/2015 del settore Navigazione. Istruzioni. DIREZIONE CENTRALE RISCHI Ufficio Entrate Contributive Processo: Aziende Macroattività: Indirizzi normativi/operativi entrate Attività: Indirizzi normativi/operativi entrate Tipologia: Note di istruzioni

Dettagli

Opportunità di finanziamento per l adozione del «modello 231»

Opportunità di finanziamento per l adozione del «modello 231» Opportunità di finanziamento per l adozione del «modello 231» di Dario Soria (*) e Marcello Ciocia (**) Nonostante il mercato non offra incentivi ed agevolazioni direttamente mirate all adozione dei modelli

Dettagli

NUOVA CERTIFICAZIONE MEDICA DI MALATTIA PROFESSIONALE TRASMISSIONE ON-LINE. Dott.ssa Pierina Sgammotta Responsabile processo lavoratori INAIL

NUOVA CERTIFICAZIONE MEDICA DI MALATTIA PROFESSIONALE TRASMISSIONE ON-LINE. Dott.ssa Pierina Sgammotta Responsabile processo lavoratori INAIL NUOVA CERTIFICAZIONE MEDICA DI MALATTIA PROFESSIONALE TRASMISSIONE ON-LINE Dott.ssa Pierina Sgammotta Responsabile processo lavoratori INAIL 1 MALATTIE PROFESSIONALI L incontro odierno costituisce un importante

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Finanziamenti alle imprese ISI INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell'art. 11, comma 5, D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

» La fideiussione va presentata alla sede INAIL competente, entro 60 giorni successivi al ricevimento della comunicazione di ammissione.

» La fideiussione va presentata alla sede INAIL competente, entro 60 giorni successivi al ricevimento della comunicazione di ammissione. Bando Inail 3 MARZO 7 MAGGIO 2015 Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza (D.Lgs. 81/2008, Art. 11 comma 1 e 5) Incentivare le imprese, affinché possano realizzare interventi finalizzati

Dettagli

Dalla OHSAS 18001 alla ISO 45001: prospettive e stato dell arte. Antonio Terracina Direzione Generale INAIL Contarp

Dalla OHSAS 18001 alla ISO 45001: prospettive e stato dell arte. Antonio Terracina Direzione Generale INAIL Contarp Dalla OHSAS 18001 alla ISO 45001: prospettive e stato dell arte Antonio Terracina Direzione Generale INAIL Contarp Il ruolo dell INAIL SINP Prevenzione Ruolo Assicurativo Riabilitazione e reinserimento

Dettagli

Ad esempio è possibile ricavare il range dei costi assicurativi per alcune tipologie di lavoratori, riportati nella tabella seguente:

Ad esempio è possibile ricavare il range dei costi assicurativi per alcune tipologie di lavoratori, riportati nella tabella seguente: OT 24 Risparmiare sul premio INAIL da versare nel 2016 Ogni anno entro il 16 febbraio, il datore di lavoro è tenuto a comunicare all INAIL (mod. 1031) l ammontare totale delle retribuzioni corrisposte

Dettagli

Iniziativa di Informazione Nazionale sull'asseverazione Volontaria in Edilizia. L asseverazione in edilizia: uno strumento per la sicurezza!

Iniziativa di Informazione Nazionale sull'asseverazione Volontaria in Edilizia. L asseverazione in edilizia: uno strumento per la sicurezza! Iniziativa di Informazione Nazionale sull'asseverazione Volontaria in Edilizia L asseverazione in edilizia: uno strumento per la sicurezza! UNA INIZIATIVA DI SOSTENUTA DA: in edilizia: uno strumento per

Dettagli

ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE DEGLI ASSOCIATI

ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE DEGLI ASSOCIATI ASSEMBLEA GENERALE ANNUALE DEGLI ASSOCIATI 23 LUGLIO 2015 RELAZIONE C.P.T. Egregi Associati e Colleghi, buonasera a tutti. In apertura fornisco i dati generali riguardanti le visite di consulenza e verifiche

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DELL OFFERTA SICURWEB

CARATTERISTICHE GENERALI DELL OFFERTA SICURWEB CHI SIAMO CONSORZIO INFOTEL è un azienda da oltre 20 anni consolidata e specializzata nella progettazione, produzione e commercializzazione di soluzioni software per il settore della sicurezza sul lavoro,

Dettagli