L analisi dei costi per le decisioni di impresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L analisi dei costi per le decisioni di impresa"

Transcript

1 Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia Giorgio Fuà Dipartimento di Management e Organizzazione Industriale Prof. Attilio Mucelli - L analisi dei costi per le decisioni di impresa Prof. Attilio Mucelli 1

2 Il comportamento dell impresa può essere spiegato da variabili umane, sociali, tecnologiche, organizzative. In relazione all aspetto organizzativo, l attività aziendale è il risultato dell interazione tra due elementi essenziali: struttura organizzativa (criteri di divisione di compiti e responsabilità a livello formale) meccanismi operativi meccanismi operativi (procedure che rendono dinamica e pongono in funzione la struttura organizzativa aziendale) Prof. Attilio Mucelli 2

3 Meccanismi operativi il sistema di pianificazione; il sistema informativo; i sistemi di valutazione delle performance individuali; i sistemi incentivanti; i sistemi di programmazione e di controllo di gestione Prof. Attilio Mucelli 3

4 Il sistema di controllo di gestione INSIEME delle e delle ADOTTATE dalle AZIENDE per FAVORIRE L ATTIVITA DIREZIONALE Prof. Attilio Mucelli 4

5 SOLUZIONI ORGANIZZATIVE IL SISTEMA DI CONTROLLO HA LO SCOPO DI INFLUENZARE IL COMPORTAMENTO UMANO IN AZIENDA Prof. Attilio Mucelli 5

6 Le soluzioni informative L insieme degli strumenti di misurazione economica degli obiettivi e delle prestazioni Strumenti che raccolgono, elaborano e presentano dati quantitativo-monetari: Contabilità Generale Contabilità Analitica Sistemadi di Budget e degli Standard Sistema delle Variazioni Prof. Attilio Mucelli 6

7 IL PROCESSO DI CONTROLLO Il controllo di gestione si traduce concretamente nel processo che, coinvolgendo i manager, tende ad assicurare che le azioni svolte siano in linea con i risultati voluti, tenendo conto dei vincoli ambientali e d impresa Prof. Attilio Mucelli 7

8 Contabilità analitica TECNICA AMMINISTRATIVA RIGUARDANTE LA PREDETERMINAZIONE, LA RILEVAZIONE, L IMPUTAZIONE, IL RAGGRUPPAMENTO, IL CONTROLLO, L ANALISI E LA DIMOSTRAZIONE DEI COSTI E DEI RICAVI DI GESTIONE. Prof. Attilio Mucelli 8

9 Scopi della contabilità analitica determinazioni per valutazioni di diconvenienza economica comparata giudizi di efficienza interna e di redditività giudizi di efficienza interna e di redditività congetture sui prezzi remuneratori di vendita congetture sui prezzi remuneratori di vendita valutazioni di dialcune poste di dibilancio (rimanenze, lavorazioni in incorso, ) Prof. Attilio Mucelli 9

10 SOMMA DEI VALORI ATTRIBUITI AI FATTORI UTILIZZATI IN UNA DETERMINATA ATTIVITA PRODUTTIVA Prof. Attilio Mucelli 10

11 A SECONDA DELL OGGETTO E DELLO SCOPO DELLE DETERMINAZIONI DI COSTO VARIANO LE MODALITA E IL NUMERO DEGLI ELEMENTI DI COSTO DA CONSIDERARE I costi sono grandezze relative che vanno configurate con criteri e procedimenti logicamente diversi secondo gli scopi conoscitivi. Prof. Attilio Mucelli 11

12 Modalità di classificazione dei costi per NATURA per DESTINAZIONE ALTRI PROFILI Variabilità rispetto ad un fattore determinante; Modalità di imputazione agli oggetti di calcolo; Modalità di programmazione; Controllabilità; Effettività della manifestazione ( tempo della rilevazione) Prof. Attilio Mucelli 12

13 La variabilità dei costi Rispetto ad un driver e nell ambito di una definita area di rilevanza, si distinguono tendenzialmente : costi costanti o fissi costi variabili costi misti proporzionali progressivi degressivi Prof. Attilio Mucelli 13

14 Costo variabile proporzionale e costo fisso C O S T I C(Q) = v x Q C(Q) = K AREA DI RILEVANZA VOLUME DEL DRIVER Prof. Attilio Mucelli 14

15 Prof. Attilio Mucelli 15

16 ANALISI COSTI-VOLUMI VOLUMI-RISULTATI (BREAK-EVEN EVEN ANALYSIS) E UN MODELLO DI PREVISIONE DEGLI ANDAMENTI ECONOMICI D IMPRESA CHE PERMETTE DI CONOSCERE COME DEBBONO MODIFICARSI I LIVELLI DI OUTPUT PER Prof. Attilio Mucelli 16

17 ANALISI COSTI-VOLUMI VOLUMI-RISULTATI (BREAK-EVEN EVEN ANALYSIS) LIMITI DEL MODELLO IPOTESI RIGIDE SUL COMPORTAMENTO DEI COSTI RILEVANZA DI UN SOLO DRIVER DEI COSTI Prof. Attilio Mucelli 17

18 ANALISI COSTI-VOLUMI VOLUMI-RISULTATI (BREAK-EVEN EVEN ANALYSIS) VANTAGGI DEL MODELLO SEMPLICITA e FACILITA di UTILIZZO Prof. Attilio Mucelli 18

19 IPOTESI SULL ANDAMENTO DEI COSTI POSSIBILITA DI SEPARAZIONE NETTA TRA COSTI FISSI E VARIABILI; COSTI FISSI CON ANDAMENTO COSTANTE; COSTI VARIABILI DIRETTAMENTE PROPORZIONALI RISPETTO ALLA PRODUZIONE. Prof. Attilio Mucelli 19

20 IMPIEGHI DELL ANALISI COSTI-VOLUMI VOLUMI-RISULTATI DETERMINAZIONE DELLA QUANTITA DI PRODUZIONE O DEL FATTURATO NECESSARI PER RAGGIUNGERE UN DATO RISULTATO ECONOMICO ANALISI DI SENSIBILITA DEL PROFITTO RISPETTO A DIVERSE CONDIZIONI DI OPERATIVITA. Prof. Attilio Mucelli 20

21 IL PUNTO DI PAREGGIO QUANTIFICARE IL VOLUME DI PRODUZIONE E VENDITA PER CONSEGURE: CT=RT CVT + CFT=RT v x Q + CFT = p x Q Q* = CFT (p-cvu) Dove: Mdc = (p-cvu) Prof. Attilio Mucelli 21

22 IL PUNTO DI PAREGGIO QUANTIFICARE IL FATTURATO DI EQUILIBRIO RT = CFT MdC % Prof. Attilio Mucelli 22

23 MARGINE DI CONTRIBUZIONE ESPRIME QUANTO RESIDUA DAI RICAVI DI VENDITA PER LA COPERTURA DEI COSTI FISSI E LA PRODUZIONE DI UN MARGINE DI UTILE DOPO AVER RECUPERATO I COSTI VARIABILI MGdiC = Ricavi - Costi Variabili Prof. Attilio Mucelli 23

24 IL PUNTO DI PAREGGIO RT CT CT=RT CVT CF 0 Q* Quantità prodotta e venduta Prof. Attilio Mucelli 24

25 L UTILE OBIETTIVO IL MODELLO DI ANALISI C-V-R PERMETTE DI DETERMINARE IL LIVELLO DELLE VENDITE NECESSARIO PER RAGGIUNGERE UN CERTO UTILE OBIETTIVO PER AVERE UN UTILE OCCORRE CHE IL MdC SUPERI I COSTI FISSI DI UN VALORE PARI ALL UTILE OBIETTIVO Prof. Attilio Mucelli 25

26 L UTILE OBIETTIVO RT (Uo) = Uo + CF MdC% Prof. Attilio Mucelli 26

27 ANALISI C-V-RC NELLE AZIENDE MULTIPRODOTTO Prof. Attilio Mucelli 27

28 ANALISI C-V-RC NELLE AZIENDE MULTIPRODOTTO IN IPOTESI DI COSTANZA DEL MIX DEI PRODOTTI E DEI MARGINI DI CONTRIBUZIONE UNITARI SI CONSIDERA LA MEDIA PONDERATA DEI MARGINI DI CONTRIBUZIONE RAPPORTATI AL FATTURATO DEI DIVERSI PRODOTTI. MGdiC 1 x F 1 F TOT MGdiC n x F n F TOT Prof. Attilio Mucelli 28

29 ANALISI DI SENSIBILITA DEL RISULTATO ECONOMICO IL MODELLO COSTI-VOLUMI-RISULTATI PUO ESSERE USATO PER ANALISI DI TIPO SI POSSONO EVIDENZIARE GLI EFFETTI CHE SI PRODUCONO SUL RISULTATO ECONOMICO MANOVRANDO LE SEGUENTI LEVE: PREZZO COSTO VARIABILE UNITARIO COSTI FISSI VOLUMI PRODUTTIVI Prof. Attilio Mucelli 29

30 FORMULE INVERSE DEL BEP CONOSCENDO IL LIVELLO DI FATTURATO RAGGIUNGIBILE SUL MERCATO QUAL E IL MdC % DA OTTENERE PER COPRIRE I COSTI FISSI O PER GARANTIRE UN UTILE OBIETTIVO? MdiC% = CF FATTURATO X 100 MdiC% = CF + U FATTURATO X 100 Prof. Attilio Mucelli 30

31 FORMULE INVERSE DEL BEP CONOSCENDO IL FATTURATO E IL MARGINE DI CONTRIBUZIONE QUAL E IL LIVELLO MASSIMO DI COSTI FISSI COMPATIBILE CON IL PAREGGIO ECONOMICO O CON UN UTILE OBIETTIVO? CF = MdC x FATTURATO 100 CF + U = MdC x FATTURATO 100 Prof. Attilio Mucelli 31

32 IL MARGINE DI SICUREZZA INDICATORE PARZIALE DEL POTENZIALE RISCHIO DI IMPRESA ESPRIME LA POSSIBILITA DI RIDUZIONE DEL VOLUME DI VENDITE (OUTPUT O FATTURATO) PRIMA CHE L IMPRESA SUBISCA PERDITE SI CALCOLA COME DIFFERENZA TRA IL FATTURATO PROGRAMMATO E IL FATTURATO DI EQUILIBRIO. Prof. Attilio Mucelli 32

33 IL MARGINE DI SICUREZZA FATTURATO FATTURATO PROGRAMMATO DI PAREGGIO FATTURATO PROGRAMMATO X 100 Prof. Attilio Mucelli 33

34 IL PUNTO DI INDIFFERNZA Livello produttivo in corrispondenza del quale, a parità di fatturato, risulta indifferente produrre il bene A o il bene B Rta = CTa Rtb = CTb Cta = CTb Cf a + cv a *q = Cf b + cv b *q (cv a cv b ) *q = Cf b - Cf a q = (Cf b - Cf a )/(cv a cv b ) Prof. Attilio Mucelli 34

35 Prof. Attilio Mucelli 35

36 Modalità di imputazione agli oggetti di costo COSTI DIRETTI COSTI DIRETTI costi sostenuti esclusivamente per un oggetto di costo (speciali) costi per i quali esiste la possibilità di misurare oggettivamente il consumo di fattore produttivo e la convenienza ad effettuare tale misurazione Prof. Attilio Mucelli 36

37 Modalità di imputazione agli oggetti di costo COSTI INDIRETTI COSTI INDIRETTI costi comuni a più oggetti di calcolo per i quali: non è possibile la misurazione oggettiva della quantità di fattore impiegata da ciascun oggetto e possibile ma non è conveniente tale misurazione Prof. Attilio Mucelli 37

38 Modalità di imputazione agli oggetti di costo DIRETTI COSTI AZIENDALI INDIRETTI DIRETTI INDIRETTI DIRETTI DIRETTI INDIRETTI PRODOTTO REPARTO DIVISIONE AZIENDA Prof. Attilio Mucelli 38

39 Modalità di imputazione agli oggetti di costo COSTI DIRETTI CRITERIO DI SPECIALITA COSTI INDIRETTI CRITERIO DI COMUNANZA Q FATTORE X Prezzo Unitario IN MODO ESCLUSIVO PROCEDIMENTO DI RIPARTIZIONE (O ALLOCAZIONE) O G G E T T O di C O S T O Prof. Attilio Mucelli 39

40 La quota di costi indiretti da attribuire ad un certo oggetto di costo è pari a: Costo totale da ripartire Le basi di ripartizione xx Coefficiente di di ripartizione Due prodotti: A e B COSTI INDIRETTI = BASE DI ALLOCAZIONE: ORE MACCHINA A: 100 h macchina B: 400 h macchina COEFFICIENTE DI RIPARTIZIONE: / 500h = 20 /h QUOTA DI COSTI ATTRIBUITI ad A : 20 X 100 = 2000 QUOTA DI COSTI ATTRIBUITI a B : 20 X 400 = 8000 Prof. Attilio Mucelli 40

41 Le basi di ripartizione BASI di RIPARTO A VALORE costo manodopera costo materia prima QUANTITIVE Ore manodopera Ore macchina Volume produzione COSTO TOTALE da RIPARTIRE BASE di RIPARTO Prof. Attilio Mucelli 41

42 Criterio per la scelta delle basi di ripartizione Il valore assegnato a ciascun oggetto deve essere espressione quanto più significativa del «concorso» offerto da ciascun fattore produttivo all oggetto medesimo (V. Coda) La base dovrebbe esprimere un legame di causa-effetto rispetto al sostenimento del costo. Prof. Attilio Mucelli 42

43 Le configurazioni di costo E un raggruppamento di costi somma progressiva di valori di elementi di costo e/o di valori relativi ad altri raggruppamenti al fine di evidenziare informazioni di costo che possano essere utili per le decisioni sulla gestione Prof. Attilio Mucelli 43

44 Le configurazioni di costo Possibili configurazioni di dicosto COSTI COMPLESSIVI COSTI PARZIALI COSTO VARIABILE COSTO PRIMO O DIRETTO COSTO PIENO INDUSTRIALE Prof. Attilio Mucelli 44

45 Le configurazioni di costo di prodotto Costo di fabbricazione Costo di fabbricazione e commer.ne Costo pieno aziendale o complessivo Costo primo Altri costi diretti (non industriali) Materie prime Manodopera diretta Altri costi diretti (da fabbricazione o da lavorazioni esterne) Quota costi indiretti di fabbricazione Costi generali commerciali Costi generali, amministrativi e di politica Oneri finanziari Costo di trasformazione (conversion cost) Prof. Attilio Mucelli 45

46 Il costo economico-tecnico COSTO PIENO AZIENDALE (O COMPLESSIVO) + ONERI FIGURATIVI fitti figurativi interessi di computo stipendio direzionale = COSTO ECONOMICO TECNICO Ricavo > Costo economico tecnico Profitto Remunerazione per il rischio imprenditoriale Prof. Attilio Mucelli 46

47 Il calcolo del costo di prodotto LE DUE FONDAMENTALI IMPOSTAZIONI TEORICHE Prof. Attilio Mucelli 47

48 Il full costing Si fonda sul principio dell ASSORBIMENTO INTEGRALE DEI COSTI Il COSTO di TUTTI i FATTORI IMPIEGATI deve concorrere alla determinazione del costo totale dell oggetto di calcolo Prof. Attilio Mucelli 48

49 La metodologia di calcolo del full costing Ai Aicosti attribuiti direttamente ai aisingoli oggetti di diriferimento viene aggiunta una quota parte di dicosti indiretti Quota di di costo da da attribuire = Costo totale x da daripartire Coefficiente di di ripartizione Prof. Attilio Mucelli 49

50 Il full costing Modalità applicative della metodologia full costing full costing a base unica full costing a base multipla Prof. Attilio Mucelli 50

51 Il full costing a base unica: un esempio L AZIENDA REALIZZA DUE PRODOTTI: SOLE e LUNA Si sostengono i seguenti costi indiretti: Costi commerciali: Ammortamenti impianti comuni: TOTALE COSTI DA RIPARTIRE: TOTALE COSTI DA RIPARTIRE: BASE DI RIPARTIZIONE: ORE MOD SOLE LUNA 150 h 50 h Prof. Attilio Mucelli 51

52 Il full costing a base unica: un esempio COEFFICIENTE DI RIPARTIZIONE /200= 200 QUOTE DI COSTI INDIRETTI ATTRIBUITE: SOLE: 200X 150h = LUNA: 200 X 50 h = Prof. Attilio Mucelli 52

53 Il full costing a base multipla I costi indiretti vengono raggruppati in classi omogenee a ciascuna delle quali si applica un criterio di ripartizione appropriato MIGLIORA L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO FUNZIONALE Prof. Attilio Mucelli 53

54 Il full costing a base multipla: un esempio TOTALE COSTI DA RIPARTIRE : TOTALE COSTI DA RIPARTIRE : POOL: Ammortamenti = BASE : ORE MOD SOLE 150 h LUNA 50 h Coefficiente di diripartizione / 200= POOL: Costi Commerciali = BASE : FATTURATO SOLE LUNA Coefficiente di diripartizione /10.000= 3 Prof. Attilio Mucelli 54

55 Il full costing a base multipla: un esempio 1 1 POOL QUOTE DI DICOSTI INDIRETTI ATTRIBUITE: SOLE: 50X 150h = LUNA: 50 50X 50 50h = POOL QUOTE DI DICOSTI INDIRETTI ATTRIBUITE: SOLE: 3 x = LUNA: 3 X = TOTALE DEI COSTI INDIRETTI ATTRIBUITI A SOLE = TOTALE DEI COSTI INDIRETTI ATTRIBUITI A LUNA = Prof. Attilio Mucelli 55

56 Il direct costing Si basa sull assunto che la sola informazione di costo rilevante ai fini decisionali è quella relativa agli ELEMENTI di COSTO VARIABILI DUE MODALITA DI CALCOLO direct costing semplice direct costing evoluto Prof. Attilio Mucelli 56

57 Il direct costing semplice RICAVI COSTI VARIABILI = Prof. Attilio Mucelli 57

58 Il direct costing evoluto RICAVI COSTI VARIABILI = = COSTI FISSI SPECIFICI Prof. Attilio Mucelli 58

59 L impiego del margine di contribuzione nelle decisioni aziendali Nell ambito delle decisioni di breve periodo, il direct costing viene utilizzato prevalentemente a supporto di: valutazioni della redditività dei prodotti decisioni in merito al mix produttivo valutazioni di convenienza economica comparata (make or buy, accettazione di ordini speciali, eliminazione di linee produttive) orientamenti per la fissazione del prezzo di vendita Prof. Attilio Mucelli 59

60 Valutazioni di redditività dei prodotti CONFRONTO RELATIVO ALLA CONVENIENZA ECONOMICA DELLE PRODUZIONI PER SCELTE FOCALIZZATE SUL PRODOTTO (ad es. quale prodotto spingere, ) Bisogna considerare anche: ruolo svolto dai prodotti per l immagine aziendale; capacità di attrarre la clientela anche a beneficio di altre linee Prof. Attilio Mucelli 60

61 Valutazioni di redditività dei prodotti PRODOTTI A B Prezzo di vendita ( ) CV unitario ( ) Q vendute CF comuni ( ) Prof. Attilio Mucelli 61

62 Valutazioni di redditività dei prodotti DI QUALE PRODOTTO CONVIENE SPINGERE LE VENDITE? Si sceglie il prodotto con il MARGINE DI CONTRIBUZIONE IN VALORE ASSOLUTO PIÙ ELEVATO Prof. Attilio Mucelli 62

63 Valutazioni di redditività dei prodotti A PARITA DI FATTURATO COMPLESSIVO, QUAL E IL MIX DI VENDITE PIU CONVENIENTE? Si sceglie il prodotto con il MARGINE DI CONTRIBUZIONE RELATIVO PIÙ ELEVATO Prof. Attilio Mucelli 63

64 Decisioni di product mix SCELTE RELATIVE AL MIX DI PRODOTTI MAGGIORMENTE CONVENIENTE in relazione alla composizione dei margini di ciascun prodotto in portafoglio Se i prodotti si contendono un fattore disponibile in quantità limitata DECISIONI DI PRODUCT MIX IN PRESENZA DI UNA RISORSA SCARSA Prof. Attilio Mucelli 64

65 Decisioni di product mix PRODOTTI A B Prezzo di vendita ( ) 6 8 CV unitario ( ) 4 5 MgdiC unitario 2 3 MgdiC % 33% 37.5% Quantità richieste Tempo di produzione unitario 1 ora 2.5 ore Capacità produttiva massima: 600 ore Prof. Attilio Mucelli 65

66 Le scelte di mix produttivo in presenza di una risorsa scarsa Massimizzazione della redditività ottenibile dai prodotti privilegiando quelli che presentano un MARGINE DI CONTRIBUZIONE PER UNITA DI FATTORE SCARSO PIU ELEVATO Mg di C unitario prodotto X Unità di fattore scarso per ogni prodotto X Prof. Attilio Mucelli 66

67 L analisi differenziale CONFRONTO TRA COSTI E RICAVI RELATIVI A CORSI ALTERNATIVI D AZIONE, AL FINE DI DEFINIRE IL RISULTATO DIFFERENZIALE SCATURENTE DA UNA DECISIONE Prof. Attilio Mucelli 67

68 I costi nelle decisioni COSTI RILEVANTI o ELIMINABILI COSTI CHE DIFFERISCONO TRA DIVERSE ALTERNATIVE DI SCELTA COSTI IRRILEVANTI o INELIMINABILI COSTI UGUALMENTE PRESENTI NELLE ALTERNATIVE D AZIONE Prof. Attilio Mucelli 68

69 I costi nelle decisioni I COSTI RILEVANTI NELL AMBITO DELL ANALISI DIFFERENZIALE POSSONO ESSERE: COSTI VARIABILI COSTI FISSI SPECIALI COSTI FISSI COMUNI Prof. Attilio Mucelli 69

70 Decisioni di make or buy SONO RELATIVE ALLA SCELTA SE ACQUISTARE ALL ESTERNO CERTE PARTI DI UN PRODOTTO O FAR FARE ALL ESTERNO UNA CERTA FASE DEL PROCESSO PRODUTTIVO RISPETTO ALL IPOTESI DI PRODURRE INTERNAMENTE ANCHE IN QUESTO CASO ASSUME IMPORTANZA LA DISTINZIONE TRA Prof. Attilio Mucelli 70

71 La fissazione del prezzo di vendita DECISIONI RIGUARDANTI L OPPORTUNITA DI MODIFICARE O MENO IL PREZZO DI VENDITA APPLICANDO LA METODOLOGIA DEL COSTO VARIABILE CONTRAPPOSTA A QUELLA DEL COSTO PIENO Prof. Attilio Mucelli 71

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

Economia Aziendale. L analisi dei costi

Economia Aziendale. L analisi dei costi Economia Aziendale L analisi dei costi Roma, 03 novembre 2014 Dott.ssa Sabrina Ricco 1 Tematiche La contabilità generale e la contabilità analitica I costi aziendali: i costi fissi e i costi variabili

Dettagli

Corso di Programmazione aziendale Prof. Attilio Mucelli

Corso di Programmazione aziendale Prof. Attilio Mucelli Facoltà di Economia Giorgio Fuà Corso di Programmazione aziendale Prof. Attilio Mucelli Prova di esame del 08.07.2004 La società Sicura Spa è un azienda che si articola in due divisioni ognuna delle quali

Dettagli

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna LA CONTABILITA INTERNA 1 LA CONTABILITA ANALITICA La gestione dei costi aziendali richiede informazioni più dettagliate rispetto a quelle offerte dalla contabilità esterna: è, infatti, necessario individuare

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Prima Puntata www.studiobarale.it Parte 1 di 6 Obiettivi spiegare le diverse metodologie di calcolo dei costi di prodotto, mostrandone logiche

Dettagli

Fondamenti di contabilità analitica

Fondamenti di contabilità analitica Incontri di formazione per la contabilità economico-patrimoniale Prima fase Principi base della contabilità economico-patrimoniale ed analitica Fondamenti di contabilità analitica Riccardo Giannetti (rgiannet@ec.unipi.it)

Dettagli

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi 6_L utilizzo dei costi nelle decisioni di breve periodo. Il Margine di Contribuzione e l Analisi Differenziale I costi come strumento di ausilio nelle decisioni

Dettagli

La contabilità gestionale: full costing e direct costing

La contabilità gestionale: full costing e direct costing La contabilità gestionale: full costing e direct costing Impostazione tradizionale: la contabilità gestionale a costi diretti A seconda del metodo con cui si calcola il costo di un oggetto, ossia del tipo

Dettagli

Budget e marchi di impresa

Budget e marchi di impresa Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 11 dicembre 2009 Budget e marchi di impresa Costi e ricavi per la pianificazione dell attività Budget e marchi di impresa

Dettagli

Il caso CodeInt s.r.l.

Il caso CodeInt s.r.l. L ANALISI DEI COSTI DI DISTRIBUZIONE PER LA VALUTAZIONE DELL EFFICIENZA COMMERCIALE Il caso CodeInt s.r.l. Che cos è la contabilità analitica? insieme di determinazioni economicoquantitative mediante cui

Dettagli

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi 4_Il calcolo del costo di prodotto e la contabilità per centri di costo Il costo unitario di prodotto Conoscere il COSTO UNITARIO DI PRODOTTO è importante per:

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE E ANALISI DEI COSTI PER STUDI DI INGEGNERIA

CONTROLLO DI GESTIONE E ANALISI DEI COSTI PER STUDI DI INGEGNERIA CONTROLLO DI GESTIONE E ANALISI DEI COSTI PER STUDI DI INGEGNERIA Studio Candussi & Partners ottobre novembre 2007 ovvero METODI PER LA DETERMINAZIONE DELLE PARCELLE DOPO LA LIBERALIZZAZIONE BERSANI Studio

Dettagli

Classificazione dei costi e break even analisys

Classificazione dei costi e break even analisys Classificazione dei costi e break even analisys Il sistema informativo direzionale complessità globalizzazione competitività Informazioni sempre più ampie e razionali IMPRESA Il sistema informativo direzionale

Dettagli

Introduzione... 2 Differenze fondamentali tra Contabilità Generale ed Analitica... 3 Classificazioni dei costi impiegate in Contabilità

Introduzione... 2 Differenze fondamentali tra Contabilità Generale ed Analitica... 3 Classificazioni dei costi impiegate in Contabilità Appunti di Economia Capitolo 10 Contabilità industriale Introduzione... 2 Differenze fondamentali tra Contabilità Generale ed Analitica... 3 Classificazioni dei costi impiegate in Contabilità Industriale...

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca

Università degli Studi di Milano-Bicocca Università degli Studi di Milano-Bicocca Global corporate finance Un modello di analisi finanziaria A cura di: Prof. Luca Bisio 1 CONDIZIONI PRELIMINARI E STRUTTURA DEL MODELLO A cura di: Prof. Luca Bisio

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

ANALISI DEI COSTI PER LE DECISIONI AZIENDALI I COSTI AZIENDALI E L ANALISI COSTI-VOLUMI-PROFITTI. Prof. Lino Cinquini. Dott.

ANALISI DEI COSTI PER LE DECISIONI AZIENDALI I COSTI AZIENDALI E L ANALISI COSTI-VOLUMI-PROFITTI. Prof. Lino Cinquini. Dott. ANALISI DEI COSTI PER LE DECISIONI AZIENDALI I COSTI AZIENDALI E L ANALISI COSTI-VOLUMI-PROFITTI Prof. Lino Cinquini l.cinquini@sssup.it Dott. Andrea Tenucci a.tenucci@sssup.it 13 marzo 2014 Palazzo dei

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE E ANALISI DEI COSTI PER STUDI LEGALI

CONTROLLO DI GESTIONE E ANALISI DEI COSTI PER STUDI LEGALI CONTROLLO DI GESTIONE E ANALISI DEI COSTI PER STUDI LEGALI Studio Candussi & Partners gennaio febbraio 2008 ovvero NUOVI METODI PER LA DETERMINAZIONE DELLE PARCELLE ing. Elio Candussi Studio Candussi &

Dettagli

ESERCIZIO CDC (fonte: Pitzalis, Tenucci,Strumenti per l analisi dei costi. Esercizi e casi di Cost Accounting, Giappichelli, 2005)

ESERCIZIO CDC (fonte: Pitzalis, Tenucci,Strumenti per l analisi dei costi. Esercizi e casi di Cost Accounting, Giappichelli, 2005) ESERCIZIO CDC (fonte: Pitzalis, Tenucci,Strumenti per l analisi dei costi. Esercizi e casi di Cost Accounting, Giappichelli, 2005) L azienda CARP srl produce tre tipi di canne da pesca per tre differenti

Dettagli

Il Break Even Point. Soluzione: BEP = CF/(p-cv) CF=522.800 cv =.6 p =.70 BEP = 522.800/(70-6) = 8.168,75 BEP giornaliero = 8.

Il Break Even Point. Soluzione: BEP = CF/(p-cv) CF=522.800 cv =.6 p =.70 BEP = 522.800/(70-6) = 8.168,75 BEP giornaliero = 8. Il Break Even Point Esercizio 1 Un albergo con 40 camere doppie, aperto tutto l anno, vende i pernottamenti a un prezzo medio di.70 per camera con trattamento B&B. Presenta i seguenti costi fissi relativi

Dettagli

!!!" # "$% &' # "-!.! /"$ &01 & # ' ''

!!! # $% &' # -!.! /$ &01 & # ' '' !!!" # "$% &' ())*+()), # "-!.! /"$ &01 & # ' '' MAKE or BUY? BENETTON decisione di esternalizzazione concentrazione su attività core (design, tintura, ecc.) affidamento a façonisti delle attività non

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata 1

Ragioneria Generale e Applicata 1 9 L ECONOMICITA Ragioneria Generale e Applicata 1 L ECONOMICITA è un concetto generale che riguarda tutte le aziende (sia aziende di produzione che aziende di erogazione) e che definisce il criterio (regola

Dettagli

Sistemi di Controllo di

Sistemi di Controllo di Corso di Ingegneria Sistemi di Controllo di Gestione Esercitazioni Indice degli argomenti Distinzione tra costi fissi e variabili Il margine di contribuzione unitario Il break-even point Distinzione tra

Dettagli

Analisi delle configurazioni dei costi

Analisi delle configurazioni dei costi Analisi delle configurazioni dei costi i costi riferiti ad un medesimo oggetto possono assumere varie configurazioni a seconda del tipo di attività e dei fattori produttivi che s intende analizzare in

Dettagli

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali Programmazione e controllo Capitolo 12 Il reporting per la misurazione delle performance aziendali a cura di A. Pistoni e L. Songini 1. Obiettivi di apprendimento 1. Apprendere i criteri di progettazione

Dettagli

MATERIALE DIDATTICO DOCENTE. Christian Corsi ARGOMENTO BREAK EVEN ANALYSIS

MATERIALE DIDATTICO DOCENTE. Christian Corsi ARGOMENTO BREAK EVEN ANALYSIS Facoltà di Scienze della Comunicazione Insegnamento di: PUBBLICITÀ E MARKETING a.a. 2010/2011 MATERIALE DIDATTICO DOCENTE Christian Corsi ARGOMENTO BREAK EVEN ANALYSIS info: ccorsi@unite.it Definizione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 08-04-10 DOMANDA 1 Definire e illustrare graficamente il concetto di break even point. ESERCIZIO 1 La società Dolly Creation S.p.A. produce bambole da collezione e giochi per la prima infanzia.

Dettagli

sviluppare la capacità di comprensione della composizione del capitale delle mprese.

sviluppare la capacità di comprensione della composizione del capitale delle mprese. Modulo N: 01 TECNICA TURISTICA classe V L serale Prof. Franco Denominazione: Il Capitale Argomento: Teoria e pratica inerenti al capitale di un impresa in generale. sviluppare la capacità di comprensione

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing Allocazione dei costi industriali

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LE CARATTERISTICHE DELLA CONTABILITÀ ANALITICA...

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

Le classificazioni dei costi

Le classificazioni dei costi L analisi dei costi. Le classificazioni dei costi rilevanti per il controllo di gestione 1 Le classificazioni dei costi In base alle caratteristiche fisiche ed economiche dei fattori (natura) In base all

Dettagli

La contabilità gestionale. Prof. Sartirana

La contabilità gestionale. Prof. Sartirana La contabilità gestionale Prof. Sartirana La contabilità gestionale E chiamata anche contabilità industriale Contrariamente alla contabilità generale ha per oggetto i FATTI INTERNI di gestione e non i

Dettagli

Ristrutturazione dello dello Studio professionale:

Ristrutturazione dello dello Studio professionale: Aggiornamento Fiscale, per la consulenza d impresa e del lavoro Dispensa Seminario operativo Ristrutturazione dello dello Studio professionale: riorganizzazione e controllo di gestione A cura di Matteo

Dettagli

l acquisizione e l utilizzo di risorse scarse contabilità dei costi contabilità industriale contabilità analitica economico-quantitative

l acquisizione e l utilizzo di risorse scarse contabilità dei costi contabilità industriale contabilità analitica economico-quantitative Analisi dei Costi La gestione implica l acquisizione e l utilizzo di risorse scarse, e dunque, costose. L analisi dei costi, è un momento fondamentale del sistema del controllo di gestione con l'espressione

Dettagli

La contabilità dei costi dell area assistenza e post-vendita nel settore dei ponti sollevatori e sistemi di parcheggio: il caso O.ME.R. S.p.a.

La contabilità dei costi dell area assistenza e post-vendita nel settore dei ponti sollevatori e sistemi di parcheggio: il caso O.ME.R. S.p.a. Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Statistiche Corso di Laurea Triennale in Statistica e Gestione delle Impresa La contabilità dei costi dell area assistenza e post-vendita nel settore

Dettagli

Indice. 1 Introduzione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Introduzione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 LEZIONE BREAK EVEN ANALYSIS DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Introduzione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 2 La break even analysis ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (M PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Esercizi Capitolo 8. Convenienza economica ad eliminare o aggiungere un segmento

Esercizi Capitolo 8. Convenienza economica ad eliminare o aggiungere un segmento Decisioni in condizioni di certezza Esercizi Capitolo 8 Convenienza economica ad eliminare o aggiungere un segmento 8.1 Esercizio Beauty Dati Volumi Prezzi Provvigioni Mascara 1.250.000,00 4,50 5,0% Rossetti

Dettagli

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò.

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò. Istituto tecnico economico statale Roberto Valturio A.s. 2014/15 Programma consuntivo di Economia aziendale Classe 2^ E Prof. Paolo Fabrizio Correggioli ARGOMENTI I CALCOLI FINANZIARI I rapporti di credito.

Dettagli

Facoltà di Economia - Parma 1

Facoltà di Economia - Parma 1 La contabilità per centri di costo 7 LA CONTABILITA PER CENTRI DI COSTO Ai fini di un corretto calcolo del costo di prodotto occorre definire all interno della combinazione produttiva unità operative dette

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA Economia Aziendale DOCENTE Rezzonico Isabella MODULO E/O UNITA DIDATTICA CONTABILITÀ GENERALE BILANCI AZIENDALI E REVISIONE LEGALE DEI CONTI CONTENUTI

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI

COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI ******* Formazione Unindustria Treviso 29 Novembre 2004 Indice Brevi richiami all attività direzionale e al budget...2 L Attività Direzionale... 2 Il Budget...

Dettagli

Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale

Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale n La Pianificazione n L Organizzazione n Il Coinvolgimento del Personale n Il Controllo Componenti del Sistema di Pianificazione n Valutazioni interne

Dettagli

MY WORK MY TIME TOTALE Unità vendute 5.600 4.200 9.800 Prezzo di vendita unitario 50,00 40,00 45,71 FATTURATO 280.000,00 168.000,00 448.

MY WORK MY TIME TOTALE Unità vendute 5.600 4.200 9.800 Prezzo di vendita unitario 50,00 40,00 45,71 FATTURATO 280.000,00 168.000,00 448. MY WORK MY TIME TOTALE Unità vendute 5.600 4.200 9.800 Prezzo di vendita unitario 50,00 40,00 45,71 FATTURATO 280.000,00 168.000,00 448.000,00 Materie prime per unità 12,00 7,50 Manodopera per unità 15,00

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

STRUTTURE ORGANIZZATIVE

STRUTTURE ORGANIZZATIVE ORGANIZZARE SIGNIFICA:.RIPARTIRE IL POTERE.RIPARTIRE LE RESPONSABILITÀ.RIPARTIRE LE ATTIVITÀ.CANALIZZARE LE INFORMAZIONI STRUTTURE ORGANIZZATIVE STRUTTURA GERARCHICA Coordinamento lineare dove vi è corrispondenza

Dettagli

Tecniche di costing. Politiche di pricing

Tecniche di costing. Politiche di pricing Tecniche di costing e Politiche di pricing IL piano del corso Tecniche di costing Politiche di pricing Il controllo di gestione Il budget Contabilità analitica e Contabilità industriale Il prezzo minimo

Dettagli

GOVERNO E GESTIONE DELL IMPRESA. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners Relatore Mirco Galeri

GOVERNO E GESTIONE DELL IMPRESA. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners Relatore Mirco Galeri GOVERNO E GESTIONE DELL IMPRESA L adozione di metodi, sistemi e tecniche di pianificazione e controllo è uno degli elementi che marca la differenza tra una gestione PROATTIVA ed una REATTIVA dell azienda.

Dettagli

Ristrutturazione dello dello Studio professionale:

Ristrutturazione dello dello Studio professionale: Aggiornamento Fiscale, per la consulenza d impresa e del lavoro Dispensa Seminario operativo gratuito Ristrutturazione dello dello Studio professionale: riorganizzazione e controllo di gestione A cura

Dettagli

Lean Accounting. Il Value Stream Costing >> 12. Nicola Gianesin

Lean Accounting. Il Value Stream Costing >> 12. Nicola Gianesin VSM 18-11-2009 10:40 Pagina 1 Sintesi Scopo di questo articolo è quello di approfondire il tema del Value Stream Costing, ossia di esporre come possano evolvere i sistemi di determinazione e controllo

Dettagli

Corso teorico pratico Il controllo di gestione nelle imprese

Corso teorico pratico Il controllo di gestione nelle imprese Corso teorico pratico Il controllo di gestione nelle imprese Il corso sarà erogato in modalità online e al momento dell acquisto gli allievi potranno scaricare il percorso didattico e iniziare immediatamente

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

MASTER IN GESTIONE AZIENDALE E FINANZIARIA UDINE, 25 NOVEMBRE 2014-2-9 DICEMBRE 2014 c/o Hotel Allegria Via Grazzano, 18

MASTER IN GESTIONE AZIENDALE E FINANZIARIA UDINE, 25 NOVEMBRE 2014-2-9 DICEMBRE 2014 c/o Hotel Allegria Via Grazzano, 18 MASTER IN GESTIONE AZIENDALE E FINANZIARIA UDINE, 25 NOVEMBRE 2014-2-9 DICEMBRE 2014 c/o Hotel Allegria Via Grazzano, 18 CALENDARIO GIORNATE FORMATIVE 25 novembre 2014 2 dicembre 2014 9 dicembre 2014 BUSINESS

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE OBIETTIVI DELLA PIANIFICAZIONE E CONTROLLO: q PROGRAMMARE LA PRODUZIONE OTTIMIZZARE L UTILIZZO DELLA CAPACITA PRODUTTIVA

Dettagli

Capitolo 10 Le decisioni relative al prezzo (pricing)

Capitolo 10 Le decisioni relative al prezzo (pricing) Capitolo 10 Le decisioni relative al prezzo (pricing) Prezzi e pricing Schema di sintesi 1. Prezzo e pricing: definizioni 2. Come stabilire il prezzo di un prodotto o servizio 3. Le manovre di prezzo (aumento

Dettagli

TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE. Percorso formativo

TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE. Percorso formativo Corso di specializzazione TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE Percorso formativo Moduli propedeutici ELEMENTI DI OFFICE AUTOMATION Foglio elettronico Presentazione multimediale Servizi

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

Il Reporting Direzionale

Il Reporting Direzionale L offerta di consulenza di Professionisti per l Impresa www.piconsulenza.it A cosa serve il controllo individuare i fattori che determinano le performance misurare le performance informare i responsabili

Dettagli

Infine, sviluppi a scelta due dei seguenti punti:

Infine, sviluppi a scelta due dei seguenti punti: ISTITUTO TECNICO SETTORE ECONOMICO INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE: RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING (RIM) SECONDA PROVA SCRITTA ESAME DI STATO La Contabilità gestionale

Dettagli

Determinazione costo. Artigiano impiantista

Determinazione costo. Artigiano impiantista Determinazione costo Di un artigiano Di una azienda metalmeccanica con tre centri di costo produttivi e due indiretti Break Even Point: punto di pareggio Artigiano impiantista + N giorni all anno - N giorni

Dettagli

13.9.2. Metodologia di controllo dei costi per centro di costo. 13.9.3. Un esempio di budget in un azienda di servizi alberghieri

13.9.2. Metodologia di controllo dei costi per centro di costo. 13.9.3. Un esempio di budget in un azienda di servizi alberghieri 1. L IMPRENDITORE E IL GOVERNO DELLA GESTIONE 1.1. L impresa e l ambiente in cui opera pag. 3 1.2. L impatto dei fattori esterni pag. 5 1.3. Il controllo dei fattori aziendali pag. 8 2. IL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE

Dettagli

Break even analysis: un esempio di intervento didattico in una classe V di un I. T.C.

Break even analysis: un esempio di intervento didattico in una classe V di un I. T.C. SIS PIEMONTE Break even analysis: un esempio di intervento didattico in una classe V di un I. T.C. Specializzata: Licia VICO Supervisore di tirocinio: Prof.ssa Maria Teresa INGICCO - Anno accademico 2008-2009

Dettagli

IL BUDGET IL CONTROLLO DI GESTIONE. Alcuni cenni

IL BUDGET IL CONTROLLO DI GESTIONE. Alcuni cenni IL BUDGET E IL CONTROLLO DI GESTIONE Alcuni cenni Dedicato a tutti i giovani Commercialisti della Provincia di Latina, in particolare a Silvia Russo studentessa di Economia, con l auspicio che possa diventare

Dettagli

Analisi dei costi degli Impianti Industriali e Criteri di Investimento

Analisi dei costi degli Impianti Industriali e Criteri di Investimento Analisi dei costi degli Impianti Industriali e Criteri di Investimento Questa dispensa vale sia per M2 che per M3 1) Obiettivi economici di un azienda industriale L impianto industriale, può essere definito

Dettagli

Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono

Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono REPORTING INTERNO: PREMESSE Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono REPORT ISTITUZIONALI REPORT OPERATIVI REPORT

Dettagli

Il margine di contribuzione come strumento di decisione aziendale

Il margine di contribuzione come strumento di decisione aziendale Corso di laurea specialistica in Economia degli scambi internazionali Il margine di contribuzione come strumento di decisione aziendale Relatore Prof.ssa Maria Silvia Avi Laureando Alessandra Fiorindo

Dettagli

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÁ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA VALUTAZIONE DI UN PROGETTO DI INVESTIMENTO MEDIANTE L ANALISI DI

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Anno scolastico 2013/2014 Programma di Economia Aziendale Classe: 5^ F Mercurio Insegnante: Lino Bartolini Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Le caratteristiche

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-MAIL: MAIL@ITCGFERMI.IT PIANO DI LAVORO ECONOMIA

Dettagli

La gestione economica I: analisi dei costi e dei ricavi. L analisi dei costi e dei ricavi. La ripartizione dei costi comuni

La gestione economica I: analisi dei costi e dei ricavi. L analisi dei costi e dei ricavi. La ripartizione dei costi comuni MODULO 5 La gestione economica I: analisi dei costi e dei ricavi UD13 UD14 UD15 L analisi dei costi e dei ricavi La ripartizione dei costi comuni Il punto di equilibrio e la redditività aziendale 193 _

Dettagli

Budgeting degli eventi

Budgeting degli eventi 1 Budgeting degli eventi 2 3 4 5 Il processo di programmazione La programmazione è quell attività con cui le aziende riprendono e attuano, nel breve periodo, le indicazioni proprie della pianificazione.

Dettagli

Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse

Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse Controllo di Gestione e Gestione Commesse TARGET DEL MODULO Il modulo Controllo di Gestione e Gestione Commesse di Passepartout Mexal è stato progettato

Dettagli

LA GIUSTA DIREZIONE PER IL TUO BUSINESS

LA GIUSTA DIREZIONE PER IL TUO BUSINESS LA GIUSTA DIREZIONE PER IL TUO BUSINESS DIREZIONALE MANAGEMENT SOLUTIONS È LA SOLUZIONE SOFTWARE PER LA CHE ABBINA AGLI STRUMENTI TIPICI DEL UN MODELLO BASATO SULLE LINEE GUIDA CHE TIPICAMENTE CARATTERIZZANO

Dettagli

I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS. α Quantità prodotte. CUS = cus * q

I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS. α Quantità prodotte. CUS = cus * q I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS 0 α Quantità prodotte CUS = cus * q Esempi di COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA costo dei prodotti:materie prime, semi-lavorati; costo delle lavorazioni esterne; costo

Dettagli

LA GESTIONE AMMINISTRATIVA ED ECONOMICA DELLO STUDIO PROFESSIONALE

LA GESTIONE AMMINISTRATIVA ED ECONOMICA DELLO STUDIO PROFESSIONALE LA GESTIONE AMMINISTRATIVA ED ECONOMICA DELLO STUDIO PROFESSIONALE Studio Candussi & Partners Università di Udine marzo 2013 1 ovvero LE ATTIVITA ACCESSORIE DELL INGEGNERE LIBERO PROFESSIONISTA ing. Elio

Dettagli

Contabilità generale e contabilità direzionale. Definizioni e distinzioni

Contabilità generale e contabilità direzionale. Definizioni e distinzioni Contabilità generale e contabilità direzionale Definizioni e distinzioni L attività di direzione aziendale Obiettivi strategici Organizzazione aziendale ATTIVITA DI DI DIREZIONE AMBIENTE STRATEGIA SCELTE

Dettagli

BERRETTA. Fare clic per modificare lo stile del titolo 07/04/2010. Approcci orientati alle attività. sottotitolo dello schema

BERRETTA. Fare clic per modificare lo stile del titolo 07/04/2010. Approcci orientati alle attività. sottotitolo dello schema Fare clic per modificare lo stile del titolo CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEL TURISMO Anno Accademico 2009-2010 DELLE Fare IMPRESE clic per TURISTICHE modificare lo stile del sottotitolo dello

Dettagli

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Dott. Ing. Matteo Moi Dott. Ing. Matteo Moi 1 ARGOMENTI CONTENUTI Introduzione ai sistemi di controllo di gestione La Pianificazione strategica Il Bilancio

Dettagli

ESERCIZIO 1. La Zelig S.p.A. viene costituita il 1 gennaio 2004 con 1) il versamento da parte degli azionisti di capitale per 1.000.

ESERCIZIO 1. La Zelig S.p.A. viene costituita il 1 gennaio 2004 con 1) il versamento da parte degli azionisti di capitale per 1.000. ESERCIZIO 1 La Zelig S.p.A. viene costituita il 1 gennaio 2004 con 1) il versamento da parte degli azionisti di capitale per 1.000. Nel corso del periodo 1 gennaio 2004 31 dicembre 2004 si svolgono le

Dettagli

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra)

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) La GESTIONE (operazioni che l azienda compie per raggiungere i suoi fini) può essere: ORDINARIA

Dettagli

Conto Economico % Si riportano i dati per la localizzazione dei costi e le informazioni necessarie per procedere al calcolo dei costi.

Conto Economico % Si riportano i dati per la localizzazione dei costi e le informazioni necessarie per procedere al calcolo dei costi. ESERCIZIO 20 - CASO TEX - (full costing per centri di costo) La società Tex SpA produce tessuti per arredamento ed è specializzata nella produzione di tovaglie (tovaglie antimacchia e tovaglie damascate),

Dettagli

Il controllo di gestione per le aziende vitivinicole SECONDA GIORNATA

Il controllo di gestione per le aziende vitivinicole SECONDA GIORNATA Il controllo di gestione per le aziende vitivinicole SECONDA GIORNATA CONTATTI Se desideri richiedere la ripetizione di questo corso, oppure vuoi avere informazioni sulla nostra attività di consulenza

Dettagli

POLITICA DI PREZZO. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

POLITICA DI PREZZO. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino POLITICA DI PREZZO 1 Definizione: il prezzo è la somma di denaro pagata dal compratore al venditore in cambio di ciò che riceve come prestazione (corrispettivo del valore ricevuto). Le politiche di prezzo:

Dettagli

MASTER IN GESTIONE AZIENDALE E FINANZIARIA TRENTO, 20-27 NOVEMBRE 4-11-18 DICEMBRE 2015 c/o CENTRO FORMAZIONE SEAC CEFOR SRL Via Solteri, 56

MASTER IN GESTIONE AZIENDALE E FINANZIARIA TRENTO, 20-27 NOVEMBRE 4-11-18 DICEMBRE 2015 c/o CENTRO FORMAZIONE SEAC CEFOR SRL Via Solteri, 56 PRIMA GIORNATA 20 NOVEMBRE 2015 SECONDA GIORNATA 27 NOVEMBRE 2015 TERZA GIORNATA 4 DICEMBRE 2015 QUARTA GIORNATA 11 DICEMBRE 2015 QUINTA GIORNATA 18 DICEMBRE 2015 MASTER IN GESTIONE AZIENDALE E FINANZIARIA

Dettagli

Il calcolo della tariffa della manodopera. di Angelo Saitta Fiscalista e Consulente del lavoro

Il calcolo della tariffa della manodopera. di Angelo Saitta Fiscalista e Consulente del lavoro Il calcolo della tariffa della manodopera di Angelo Saitta Fiscalista e Consulente del lavoro Introduzione In ogni organizzazione aziendale vi è la necessità di verificare i risultati aziendali e di risalire

Dettagli

Università degli Studi di Bologna

Università degli Studi di Bologna Università degli Studi di Bologna Facoltà di Agraria Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie Dottorato di Ricerca in Economia e Politica Agraria ed Alimentare Ciclo XVIII Settore Scientifico Disciplinare

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi 6_L Activity Based Costing Il calcolo del costo di prodotto sulla base delle attività Le tradizionali metodologie per il calcolo del costo di prodotto sono state

Dettagli

Analisi e Gestione dei Costi Alberghieri

Analisi e Gestione dei Costi Alberghieri Analisi e Gestione dei Costi Alberghieri Partire dall analisi dei costi alberghieri per riuscire a migliorare il vostro revenue Aziendale. My-Costpar è un servizio di consulenza specifica per l analisi

Dettagli

CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015

CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015 CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015 CLASSI PRIME AFM/SIA(tranne sportivo)/ri Calcoli percentuali, riparti semplici e composti diretti Concetto di azienda, soggetto economico e giuridico Caratteri

Dettagli

14.6 Effettuare scelte in presenza di vincoli 15

14.6 Effettuare scelte in presenza di vincoli 15 14 18-12-2007 19:04 Pagina 403 Le decisioni di breve termine fra alternative diverse 403 Fig. 14.5 Il trattamento analitico dei costi a gradino Costo Comportamento reale del costo Trattamento analitico

Dettagli

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it

www.pitagora.it www.pitagora.it La terza dimensione del controllo di gestione www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it www.pitagora.it Via Fiume Giallo, 3-00144 Roma tel 06.52244040 - fax 06.52244427 - info@alfagroup.it La filosofia di Pitagora Fornire gli strumenti che permettono di misurare

Dettagli

Facoltà di Scienze Statistiche

Facoltà di Scienze Statistiche Università degli Studi di Padova Facoltà di Scienze Statistiche Corso di Laurea in Statistica e Gestione delle Imprese Tesi di Laurea Dal risultato complessivo alle aree di risultato: le strutture di riclassificazione

Dettagli

Pricing: il prezzo di successo! Alessandro SILVA

Pricing: il prezzo di successo! Alessandro SILVA Pricing: il prezzo di successo! Alessandro SILVA Le visioni di parte Dobbiamo tagliare i costi! Dobbiamo aumentare le vendite! Per vendere di più devo avere dei prezzi migliori! 1) Gli interventi virtuosi

Dettagli

Definizione dei Costi degli Impianti Industriali

Definizione dei Costi degli Impianti Industriali Definizione dei Costi degli Impianti Industriali 1 Obiettivi economici di un azienda industriale Energia Lavoro Materie prime Macchine Attrezzature Processo produttivo Prodotto Impianto Mercato Fatturato

Dettagli