ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI FERRARA COSTI DELLA SICUREZZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI FERRARA COSTI DELLA SICUREZZA"

Transcript

1 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI FERRARA COSTI DELLA SICUREZZA Dott. Ing. Antonio Leonardi Componente Coordinamento delle Regioni per la Prevenzione e Sicurezza nei luoghi di lavoro Componente Commissione Consultiva Permanente Nazionale salute e sicurezza sul lavoro Docente Organizzazione della Sicurezza e Analisi dei Rischi Università KORE ENNA Presidente Associazione Nazionale Ingegneria della Sicurezza

2 COSTI DELLA SICUREZZA Cenni storici la valutazione a percentuale L esigenza di individuare i costi della sicurezza nei cantieri temporanei e mobili comincio ad aversi a seguito dell entrata in vigore del D.lgs. 494/94. Infatti tra i contenuti del piano di sicurezza e coordinamento (PSC) si indica la stima dei costi. Nel D.lgs. 528/99, nei contenuti dei PSC, a proposito dei costi della sicurezza, si specifica che tali costi sono non soggetti a ribasso. Pertanto i costi per la sicurezza venivano stimanti facendo riferimento a delle tabelle attività / range % (es. Linee guida in materia di sicurezza nei cantieri temporanei e mobili Regione Lombardia) Demolizione completa di fabbricati Demolizione parziale di fabbricati Demolizione in breccia a sezione obbligata Scavi generale di sbancamento Scavo parziale di fondazione Scavo a sezione obbligata Armatura pareti dello scavo

3 COSTI DELLA SICUREZZA Cenni storici - analitica 3 La norma UNI / 2001 Piani di Sicurezza guida alla compilazione dei piani di sicurezza e di coordinamento, al paragrafo 9.1, introduce il concetto che <la stima deve essere parte integrante del piano si sicurezza e deve essere esposta con criteri analitici che riportino in dettaglio la composizione del prezzo, la modalità di misurazione, la quantità ed il prezzo unitario da applicare alle variazioni quantitative determinate dalle diverse revisioni del piano di sicurezza>.

4 COSTI DELLA SICUREZZA Cenni storici la valutazione congrua e analitica La necessità di stimare i costi della sicurezza in maniera analitica diventa cogente con l entrata in vigore del D.P.R. 222 del 3 luglio Tale decreto al Capo IV - STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA introduce: La stima dovrà essere congrua, analitica per voci singole, a corpo o a misura, riferita ad elenchi prezzi standard o specializzati, oppure basata su prezziari o listini ufficiali vigenti nell'area interessata, o sull'elenco prezzi delle misure di sicurezza del committente; nel caso in cui un elenco prezzi non sia applicabile o non disponibile, si farà riferimento ad analisi costi complete e desunte da indagini di mercato. Le singole voci dei costi della sicurezza vanno calcolate considerando il loro costo di utilizzo per il cantiere interessato che comprende, quando applicabile, la posa in opera ed il successivo smontaggio, l'eventuale manutenzione e l'ammortamento. 4

5 COSTI DELLA SICUREZZA definizione Per l individuazione dei costi della sicurezza occorre tenere conto delle indicazioni fornite: -Dal l articolo 5, comma 1, lett. i), del D.M. n. 145/2000, del nuovo capitolato generale d'appalto dei lavori pubblici, -dal punto 4 dell allegato XV del D.Lgs. 81/2008 ( Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili ); -delle Linee Guida per l applicazione del D.P.R. 222/2003, redatte di concerto dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome della prevenzione dei luoghi di lavoro, della Commissione Salute e del gruppo di lavoro Sicurezza negli Appalti Pubblici di I.T.A.C.A. (Istituto per l innovazione e la trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale), per brevità denominato nel seguito Linee guida ITACA ; - della Determina dell Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture n 4 del Sicurezza nei cantieri temporanei e mobili relativamente agli appalti pubblici. 5

6 COSTI DELLA SICUREZZA CGA D.M. 145/2000 Art. 5. Cantieri, attrezzi, spese ed obblighi generali a carico dell'appaltatore <Fatte salve le eventuali ulteriori prescrizioni del capitolato speciale d'appalto, si intendono comprese nel prezzo dei lavori e perciò a carico dell'appaltatore: a) le spese per l'impianto, la manutenzione e l'illuminazione dei cantieri, con esclusione di quelle relative alla sicurezza nei cantieri stessi; b) le spese per trasporto di qualsiasi materiale o mezzo d'opera; c) le spese per attrezzi e opere provvisionali e per quanto altro occorre alla esecuzione piena e perfetta dei lavori; d) le spese per rilievi, tracciati,..; e) le spese per le vie di accesso al cantiere; f) le spese per idonei locali e per la necessaria attrezzatura da mettere a disposizione per l'ufficio di direzione lavori; g) le spese per passaggio, per occupazioni temporanee e per risarcimento di danni per abbattimento di piante, per depositi od estrazioni di materiali; h) le spese per la custodia e la buona conservazione delle opere fino al collaudo provvisorio o all'emissione del certificato di regolare esecuzione; i) le spese di adeguamento del cantiere in osservanza del decreto legislativo n. 626/1994, e successive modificazioni. 6

7 COSTI DELLA SICUREZZA Linee Guida ITACA Il concetto è stato chiarito dalle Linee Guida ITACA, laddove si sottolinea che non rientrano nei costi della sicurezza, e quindi non vanno riconosciuti all impresa, i cosiddetti costi generali della salute e sicurezza, derivanti dall applicazione del D.lgs.626/94, quindi obbligatori per legge per i datori di lavoro e, pertanto indipendenti dal PSC, cioè dal contratto ai fini della sicurezza tra committente e imprese. 7

8 COSTI DELLA SICUREZZA Linee Guida ITACA Ad esempio, non puo rientrare nei costi della sicurezza il costo dei Dispositivi di Protezione Individuale in quanto il suddetto documento stabilisce che sono costi della sicurezza i costi dei Dispositivi di Protezione Individuale eventualmente previsti nel PSC per particolari lavorazioni interferenti. Il Documento ITACA ribadisce che i DPI vanno computati come costo della sicurezza se e solo se il Coordinatore in fase di progettazione li prevede per poter operare in sicurezza in caso di lavorazioni tra loro interferenti. 8

9 COSTI DELLA SICUREZZA Det.. Aut. Vig. Contratti PP. N 4/2006 La Determina dell Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici riprende e rafforza il concetto precisando esistono due tipologie di costi della sicurezza: Costi di sicurezza ex lege : Costi della sicurezza che il datore di lavoro deve comunque sostenere a norma della legge 626/94 ( oggi Titolo I del D.lgs n. 81/2008) per l esecuzione in sicurezza di ogni singola lavorazione es. costi per la fornitura dei DPI, costi per la formazione ed informazione dei lavoratori, i costi per la sorveglianza sanitaria Costi di sicurezza contrattuali : Costi della sicurezza previsti nel PSC per lo specifico cantiere indicati dal D.P.R. 222/2003 (oggi punto 4 - ALLEGATO XV del D.lgs n. 81/2008) Es. recinzioni di aree di lavoro a rischio o interferenti con altre lavorazioni, ponteggi, fornitura di DPI per le sole lavorazioni interferenti 9

10 Stima dei costi della sicurezza Nei costi della sicurezza vanno stimati, per tutta la durata delle lavorazioni previste nel cantiere, i costi: a) degli apprestamenti previsti nel PSC; b) delle misure preventive e protettive e dei dispositivi di protezione individuale eventualmente previsti nel PSC per lavorazioni interferenti; c) degli impianti di terra e di protezione contro le scariche atmosferiche, degli impianti antincendio, degli impianti di evacuazione fumi; d) dei mezzi e servizi di protezione collettiva; e) delle procedure contenute nel PSC e previste per specifici motivi di sicurezza; f) degli eventuali interventi finalizzati alla sicurezza e richiesti per lo sfasamento spaziale o temporale delle lavorazioni interferenti; g) delle misure di coordinamento relative all uso comune di apprestamenti, attrezzature, infrastrutture, mezzi e servizi di protezione collettiva. 10

11 Stima dei costi della sicurezza a)degli apprestamenti previsti nel PSC Nel punto 1.1.1, lettera c) dell Allegato XV del D.lgs. 81/2008 vengono definiti come apprestamenti tutte quelle opere necessarie ai fini della tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori in cantiere; nello specifico, poi, nell Allegato XV.1, sono descritti i principali apprestamenti, di seguito elencati per chiarezza espositiva: o Ponteggi; o Trabattelli; o Ponti su cavalletti; o Impalcati; o Parapetti; o Andatoie; o Passerelle; o Armature delle pareti degli scavi; o Gabinetti; o Locali per lavarsi; o Spogliatoi; o Refettori; o Locali di ricovero e riposo; o Dormitori; o Camere di medicazione; o Infermerie; o Recinzioni di cantiere. 11

12 Stima dei costi della sicurezza a)degli apprestamenti previsti nel PSC Gli elementi di cantiere come, ad esempio, refettori, locali di ricovero e dormitori, devono essere previsti in relazione alle caratteristiche del cantiere, e non in forma automatica. In un cantiere urbano, tendenzialmente, non vi è bisogno di refettori o di dormitori; al contrario, in un cantiere per infrastrutture, posizionato lontano dai centri urbani, e con cicli di lavorazione di 24 ore, necessità di questi apprestamenti. Oltre a quanto riportato nell Allegato XV, in quanto elenco non esaustivo, si segnala di valutare quali possibili ulteriori voci: -Ponte a sbalzo, Puntellamenti, -Delimitazione aree, -Lavabi specifici in presenza di rischi particolari, -Tettoie di protezione, - Linee vita, reti anticaduta. 12

13 Stima dei costi della sicurezza b) Le misure preventive e protettive ed i dispositivi di protezione individuale eventualmente previsti nel P.S.C. per lavorazioni interferenti Nel punto 1.1.1, lettera e) dell Allegato XV del D.lgs. 81/2008 sono definite le misure preventive e protettive come gli apprestamenti, le attrezzature, le infrastrutture, i mezzi e servizi di protezione collettiva atti a prevenire il manifestarsi di situazioni di pericolo, a proteggere i lavoratori da rischio di infortunio ed a tutelare la loro salute. Nell articolo 74, del D.Lgs. 81/2008, si intende per dispositivo di protezione individuale, di seguito denominato DPI, qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo. 13

14 Stima dei costi della sicurezza b) Le misure preventive e protettive ed i dispositivi di protezione individuale eventualmente previsti nel P.S.C. per lavorazioni interferenti I DPI vanno computati come costi della sicurezza se e solo se il Coordinatore in fase di progettazione li prevede per poter operare in sicurezza in caso di lavorazioni tra di loro interferenti. Se non vi è l interferenza tra le lavorazioni, i dispositivi di protezione individuale non rientrano nei costi della sicurezza della Committenza, come disposto dal CGA. Al pari dei dispositivi di protezione individuale, le attrezzature di cantiere espressamente dedicate alla produzione (centrali ed impianti di betonaggio, betoniere, macchine movimento terra, macchine movimento terra speciali e derivate, seghe circolari, piegaferri, impianti elettrici di cantiere, impianti di adduzione di acqua, gas ed energia di qualsiasi tipo, impianti fognari), non rientrano tra i costi della sicurezza da addebitare alla Committenza. 14

15 Stima dei costi della sicurezza b) Le misure preventive e protettive ed i dispositivi di protezione individuale eventualmente previsti nel P.S.C. per lavorazioni interferenti L uso dei DPI per ridurre i rischi d interferenza deriva da una precisa richiesta della committenza che, per garantire tempi rapidi di conclusione del cantiere, ha chiesto al coordinatore di progettare adeguate soluzioni di sicurezza al fine di permettere l esecuzione in contemporanea delle due fasi esecutive, tendenzialmente tra di loro non compatibili. A questo scopo il Coordinatore definisce all interno del P.S.C. una specifica prescrizione operativa in cui obbliga le imprese che dovranno eseguire le tracce degli impianti a dotare i rispettivi lavoratori di adeguati DPI (maschere con filtro), idonei a permettere l esecuzione di suddette lavorazioni anche in presenza della polvere derivante dalla sverniciatura.

16 Stima dei costi della sicurezza c) Gli impianti di terra e di protezione contro le scariche atmosferiche, gli impianti antincendio, gli impianti di evacuazione fumi Gli impianti suddetti devono intendersi come quelli temporanei necessari alla protezione del cantiere, e non quelli facenti parte stabilmente dell edificio o della struttura oggetto dei lavori. Esempio - Il cantiere prevede la costruzione di un area sotterranea dedicata al parcheggio delle automobili. La lavorazione della coibentazione termica all ultimo dei piani inferiori, assieme all uso smerigliatrice per tracce degli impianti e la presenza di vernici e colle, comporta un aria tossico-nociva, non adatta alle lavorazioni, soprattutto perché a quel livello non vi è sufficiente ricambio di aria. Per permettere l esecuzione dei lavori in contemporanea, e garantire un idonea qualità dell aria, il coordinatore prevede nel P.S.C. l installazione di un impianto temporaneo per l evacuazione dei fumi e delle polveri. Questo impianto temporaneo è un costo per la sicurezza del cantiere.

17 Stima dei costi della sicurezza d) I mezzi e servizi di protezione collettiva I mezzi ed i servizi sono quelli previsti nell Allegato XV: o Segnaletica di sicurezza o Avvisatori acustici o Attrezzature per il primo soccorso o Illuminazione di emergenza o Mezzi estinguenti o Servizi di gestione delle emergenze E opportuno specificare come le attrezzature per il primo soccorso non comprendono la cassetta del pronto soccorso, che è di stretta competenza delle singole imprese. Oltre a quanto riportato nell Allegato XV, in quanto elenco non esaustivo, si segnala di valutare quale possibile ulteriore voce i sistemi di monitoraggio e controllo gas nocivi ed infiammabili e delle polveri 17

18 Stima dei costi della sicurezza e) Le procedure contenute nel P.S.C. e previste per specifici motivi di sicurezza - esempio Nel punto 1.1.1, lettera b) dell Allegato XV del D.lgs. 81/2008 sono definite come procedure le modalità e le sequenze stabilite per eseguire un determinato lavoro od operazione; le procedure standard, cioè generali, per l esecuzione in sicurezza di una fase lavorativa, non sono da considerarsi come costo della sicurezza. Le procedure, per essere considerate costo della sicurezza, debbono essere contestuali al cantiere, non riconducibili a modalità standard di esecuzione, ed essere previste dal P.S.C. per specifici motivi di sicurezza derivanti dal contesto o dalle interferenze, e non dal rischio intrinseco della lavorazione stessa. Se la procedura comporta la costruzione di elementi come, ad esempio, passerelle, andatoie, coperture, parapetti, impalcati, ecc., questi ultimi devono essere inseriti nel capitolo specifico degli apprestamenti. 18

19 Stima dei costi della sicurezza f) Gli eventuali interventi finalizzati alla sicurezza e richiesti per lo sfasamento spaziale o temporale delle lavorazioni interferenti Sfasamento spaziale finalizzato alla sicurezza di lavorazioni interferenti. Il costo comprende quanto sostenuto dall impresa per lo spostamento di macchine ed attrezzature in quanto interferente con altre lavorazioni che si stanno attuando in cantiere. Sfasamento temporale finalizzato alla sicurezza di lavorazioni interferenti. Il costo comprende quanto sostenuto dall impresa per il fermo di macchine, attrezzature o personale in quanto interferente con altre lavorazioni che si stanno attuando in cantiere. 19

20 Stima dei costi della sicurezza g) Le misure di coordinamento relative all uso comune di apprestamenti, attrezzature, infrastrutture, mezzi e servizi di protezione collettiva Per misure di coordinamento devono intendersi tutte le procedure necessarie a poter utilizzare in sicurezza gli apprestamenti, le attrezzature e le infrastrutture che il P.S.C. prevede d uso comune, o che comunque richiedano mezzi e servizi di protezione collettiva. In questa voce non vanno computati i costi degli apprestamenti, delle attrezzature, delle infrastrutture, dei mezzi e servizi di protezione collettiva, ma solo i costi necessari ad attuare specifiche procedure di coordinamento, come riunioni di cantiere, o presenza di personale a sovrintendere l uso comune. 20

21 METODO DI STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA Riprendendo la prima parte del punto dell Allegato VX del D.lgs. 81/2008, la stima dovrà essere congrua, analitica per voci singole, a corpo o a misura, riferita ad elenchi prezzi standard o specializzati, oppure basata su prezziari o listini ufficiali vigenti nell'area interessata, o sull'elenco prezzi delle misure di sicurezza del committente; Ad. esempio è possibile utilizzare il Prezzario per la Stima dei Costi delle Sicurezza applicabile ai cantieri della Regione Sicilia elaborato dall ANCE- ANIS 21

22 METODO DI STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA Il metodo richiesto, riprende esattamente quello del computo metrico estimativo, derivante cioè dalle analisi dei rischi del P.S.C. e relativo ad ogni singola voce prevista dal Coordinatore in fase di progettazione per quel che riguarda le prescrizioni operative. E però importante sottolineare la necessità di tener conto comunque della specificità del cantiere; ovverosia come la stima dei costi debba corrispondere alle opere da realizzarsi descritte nel P.S.C. e non ad una semplice computazione economica di tipo generica. Il costo di un ponteggio, ad esempio, può variare molto se montato in piano o su dislivelli, se la facciata è liscia o sono presenti terrazze, sporgenze, ecc. Viene così ad essere confermato il principio per cui una progettazione di qualità del P.S.C. (contestualità e dettaglio), renderà sicuramente più agevole l individuazione delle voci da inserire nella stima dei costi. 22

23 N d Ordine 1.2 ARMATURA DI PARETI DI SCAVI Descrizione dell articolo Unità di Misura Costo Unitario ) Sbatacchiatura degli scavi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, mediante formazione di armatura verticale e/o sub verticale di sostegno delle pareti di larghezza e profondità massima fino a 3 metri idonea ad impedire il franamento delle pareti dello stesso, costituita da montanti laterali in legno di abete di sezione minima 12x12 cm ad interasse non superiore a 60 cm tavole e pannelli di abete, multistrato e/o metallici, opportunamente contrastati con puntelli o vitoni, dimensionati in relazione alla natura del terreno, alla consistenza ed alla spinta delle terre. L armatura di protezione deve emergere dal bordo dello scavo almeno cm 30. Sono compresi: l uso per la durata delle fasi di lavoro che lo richiedono al fine di garantire la sicurezza dei lavoratori; il montaggio e lo smontaggio; gli oneri per la graduale progressione dell'armatura di pari passo con l'avanzamento dello scavo; i controlli periodici; l accatastamento e lo smaltimento a fine opera del materiale. La misurazione verrà effettuata a metro quadrato in proiezione verticale di una sola parete dello scavo, intendendo cosi comprese tutte le altre pareti per l'intero sviluppo dello scavo. mq 20,40

24 METODO DI STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA Riprendendo la seconda parte del punto dell Allegato VX del D.lgs. 81/2008, nel caso in cui un elenco prezzi non sia applicabile o non disponibile, si farà riferimento ad analisi costi complete e desunte da indagini di mercato. Le singole voci dei costi della sicurezza vanno calcolate considerando il loro costo di utilizzo per il cantiere interessato che comprende, quando applicabile, la posa in opera ed il successivo smontaggio, l'eventuale manutenzione e l'ammortamento. La tecnica dell analisi dei costi è quella tipica delle analisi prezzi. Esse devono essere comprensive dei costi di materiali di consumo a perdere, trasporto, nolo, montaggio, smontaggio, manutenzione, spese generali. Sono comprese anche tutte le verifiche periodiche, collaudi, ecc, previsti dalla normativa vigente, le assicurazioni, i costi di deposito e di passaggio. Non sono compresi gli utili d impresa in quanto i costi della sicurezza non sono soggetti a ribasso e sono necessari a garantire la sicurezza dei lavoratori nei cantieri. Per i materiali di consumo a perdere deve essere indicato il solo costo di acquisto valutato per intero sulla base dei valori medi di mercato effettivamente praticati. Se il materiale non è a perdere, nel costo di nolo è anche inglobato il costo derivante dall ammortamento.

25 METODO DI STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA ANALISI PREZZI articolo unità di misura A.P mq. Descrizione Approntamento di ponteggio in elementi portanti metallici (sistema a telaio), compreso il nolo per i primi 30 giorni, costituito in opera compreso il carico al deposito, il trasporto sul posto, lo scarico in cantiere, il montaggio, i pianali in legno o metallo, le tavole fermapiede, i parapetti, le scale interne di collegamento tra pianale e pianale, i teli di protezione, gli ancoraggi affinché il ponteggio sia efficacemente assicurato al manufatto almeno in corrispondenza ad ogni due piani dello stesso e ad ogni due montanti, con disposizione di ancoraggio a rombo, compreso la segnaletica ed ogni altro onere e magistero per dare la struttura installata nel rispetto della normativa di sicurezza vigente, escluso l'eventuale progettazione, l'illuminazione e le mantovane: - per ogni m² di ponteggio in opera misurato dalla base e per i primi 30 giorni a decorrere dall'ultimazione del montaggio Composizione dell' articolo Unità di M. Quantità Prezzo unitario Importo Euro a.- materiali 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 totale 0,00

26 METODO DI STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA b.- noli Ponteggio metallico a telai prefabbricati mq. 1,00 2,40 2,40 Telo di protezione mq. 1,00 0,40 0,40 0,00 totale 2,80 c.- trasporti, mezzi d'opera ed attrezzature Autocarro da 30 q.li ora 0,01 46,30 0,46 0,00 0,00 totale 0,46 d.- mano d'opera op. specializzato op. qualificato op. comune totale a+b+c+d ore 0,00 23,61 0,00 ore 0,06 22,00 1,32 ore 0,16 19,93 3,19 totale 4,51 7,77 spese gener. 13,64% 1,06 TOTALE 8,83

27 METODO DI STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA Computo Metrico Estimativo N N.E.P. D E S C R I Z I O N E Quantita' Prezzo Unit. Importo RIPORTO 30, ,51 SOMMANO cad/me = 30,000 1,15 34,50 20 A.P.S Lampeggiante da cantiere a led di colore giallo o rosso con alimentazione a batterie ricaricabili, emissione luminosa a 360, fornito e posto in opera. Sono compresi: l'uso per la durata della fase ch 3x ,000 SOMMANO cad/me = 21,000 2,94 61,74 21 A.P.S Estintore portatile in polvere, tipo omologato, fornito e mantenuto nel luogo indicato dal Piano di Sicurezza e Coordinamento. Sono compresi: l'uso per la durata della fase di lavoro che lo richiede a 2 2,000 SOMMANO mese = 2,000 4,68 9,36 22 A.P.S Presenza di personale qualificato, chiamato dall'impresa presso il cantiere (ad esempio: ingegnere calcolista, geologo, medico del lavoro, ecc) in circostanze tutte esclusivamente segnalate nel Piano 1 1,000 SOMMANO h = 1,000 74,79 74,79

28 COSTI DELLA SICUREZZA prezzari di riferimento Il modo di determinare l importo totale dei lavori dipende dal prezzario di riferimento. Per determinare tale costo complessivo bisogna distinguere tre casi: 1.costi della sicurezza già INCLUSI nelle singole voci di elenco prezzi. In questo caso l importo dei lavori determinato con l applicazione di queste voci costituisce l importo totale dei lavori ed i costi della sicurezza vanno estrapolati dai precedenti 2.costi della sicurezza non INCLUSI nelle singole voci di elenco prezzi. In questo all importo dei lavori determinato con queste voci occorre aggiungere i costi della sicurezza individuati nel PSC. 3.costi della sicurezza parzialmente INCLUSI nelle singole voci di elenco prezzi. In questo caso occorre estrapolare la parte già contenuta ed aggiungere, tra quelle previste nel PSC, le voci non contenute. 28

29 COSTI DELLA SICUREZZA Premesse ed avvertenze del Prezzario OO.PP. Reg. Sic. Nelle premesse ed avvertenze del prezzario unico regionale per i lavori pubblici della Regione Siciliana anno 2007 si dichiara che: <i prezzi pubblicati comprendono tutti gli oneri indicati nelle voci per dare il lavoro compiuto.. In essi sono comprese le quote di incidenza degli oneri medi per la sicurezza, nonché le spese generali e l utile d impresa. Nel presente prezzario è inserito il capitolo 23 sulla Sicurezza dei cantieri temporanei o mobili ai fini della stima degli oneri della sicurezza che, ai sensi. dovranno essere estrapolati dall importo complessivo dell appalto in quanto non assoggettabili al ribasso d asta.> 29

30 COSTI DELLA SICUREZZA Premesse ed avvertenze del Prezzario OO.PP. Reg. Sic. Nelle premesse ed avvertenze del prezzario unico regionale per i lavori pubblici della Regione Siciliana anno 2009 si dichiara che: <i prezzi pubblicati comprendono tutti gli oneri indicati nelle voci per dare il lavoro compiuto.. In essi sono comprese le spese generali e l utile d impresa., nonché gli oneri medi per la sicurezza. Nel presente prezzario è inserito il capitolo 23 sulla Sicurezza dei cantieri temporanei o mobili ai fini della stima analitica degli oneri della sicurezza specifici ai sensi dell Allegato XV, punto 4, del D.lgs. 81/2008. > Nota: è scomparsa la parola estrapolati e sono comparse le parole analitica e specifici. 30

31 COSTI DELLA SICUREZZA Premesse ed avvertenze del Prezzario OO.PP. Reg. Sic. Riassumendo, i prezzi comprendono tutti gli oneri indicati nelle voci, le spese generali e l utile d impresa, nonché gli oneri medi per la sicurezza. Avendo elencato distintamente gli oneri medi per la sicurezza e le spese generali si può affermare che tali oneri sono quelli che abbiamo definito ex legge. La logica che sta alla base del prezzario 2007 è molto diversa da quella del prezzario Pertanto gli oneri della sicurezza stimanti con il capitolo 23 del prezzario 2009 non devono, essere estrapolati dall importo complessivo dell appalto in modo da non essere assoggettati a ribasso d asta ma devono essere complementari. 31

32 COSTI DELLA SICUREZZA Premesse ed avvertenze del Prezzario OO.PP. Reg. Sic. Una importante differenza è il richiamo all Allegato XV del D.lgs. 81/2008. Infatti cosi facendo non vi possono più essere dubbi su cosa va considerato costo della sicurezza. Pertanto, nella stima analitica dei costi della sicurezza, bisogna distinguere: - i costi derivanti dalle indicazioni CONTENUTE nelle singole voci del prezzario quindi valutati come oneri da estrapolare (INCLUSI) Gli oneri che non rientrano nei casi precedenti devono comunque essere stimati ed andranno a costituire oneri complementari o aggiuntivi (NON INCLUSI). 32

33 Quadro economico con costi della sicurezza Es. Q.E. con di costi della sicurezza esclusivamente contrattuali (Es. Umbria): Importo dei lavori stimati dal computo metrico di progetto ,00 Importo dei costi previsti dal punto 4 dell Allegato XV ,00 Importo complessivo dell appalto ,00 Importo a base d asta a cui applicare il ribasso ,00 Es. Q.E. con di costi della sicurezza con prezzari non adeguati (Es. Sicilia): Importo dei lavori stimati dal computo metrico di progetto ,00 Importo dei costi di sicurezza contenuti nelle voci di prezzario ,00 Importo dei costi di sicurezza non cont. nelle voci di prezzario ,00 Importo complessivo dell appalto ,00 Importo a base d asta a cui applicare il ribasso ,00 33

34 Quadro economico con costi della sicurezza

35 Varianti e costi della sicurezza Per la stima dei costi della sicurezza dei lavori che si rendono necessari a causa di varianti in corso d opera, previste dall art. 132 del D. lgs. 163/2006, si applicano le suddette indicazioni. I costi della sicurezza cosi individuati sono compresi nell importo della variante ed individuano la parte del costo dell opera da non assoggettare a ribasso (punto dell Allegato XV del D. Lgs. 81/2008). L impresa che si aggiudica i lavori ha facoltà di presentare al coordinatore in fase di esecuzione proposte di integrazione al PSC, ove ritenga di poter meglio garantire la sicurezza nel cantiere sulla base della propria esperienza. In nessun caso le eventuali integrazioni possono giustificare modifiche o adeguamento dei prezzi pattuiti (ex comma 5 art. 100 del D. Lgs. 81/2008). 35

36 Contabilità e costi della sicurezza La contabilità dei costi della sicurezza, dovrà essere effettuata attraverso la compilazione di regolari atti contabili, comprendenti libretti delle misure, registro di contabilità, sommario del registro di contabilità, ecc.. In occasione dell emissione di ogni stato d avanzamento lavori si provvederà ad aggiungere all importo di SAL i costi della sicurezza, determinati come indicato in precedenza, senza assoggettarli a ribasso di gara. In questa fase, il Direttore dei lavori, nei casi in cui è prevista la designazione del Coordinatore per la sicurezza durante l esecuzione dell opera, chiede l approvazione della contabilità dei costi della sicurezza al coordinatore che verifica preventivamente la regolare attuazione delle misure afferenti alla sicurezza e la loro ammissibilità al pagamento. 36

I COSTI DELLA SICUREZZA

I COSTI DELLA SICUREZZA Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere prof. Renato Laganà I COSTI

Dettagli

COSTI PER LA SICUREZZA

COSTI PER LA SICUREZZA COSTI PER LA SICUREZZA All. XV 4.1-D.Lgs 81/2008 DALL USCITA DELLA 494/96 ESISTE L OBBLIGO DI REDIGERE UN COMPUTO PER LA SICUREZZA CIOE EFFETTUARE UNA VALUTAZIONE DEGLI ONERI PER LA SICUREZZA TALE VALUTAZIONE

Dettagli

LA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

LA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA LA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA Ordine degli Architetti di Savona 13 maggio 2013 RIFERIMENTI NORMATIVI D.Lgs 81/2008 e s.m.i. Art. 100. (Piano di sicurezza e di coordinamento) Comma 1. Il piano è costituito

Dettagli

I piani di sicurezza e la stima dei costi

I piani di sicurezza e la stima dei costi I piani di sicurezza e la stima dei costi Corso sulla sicurezza nei cantieri temporanei o mobili di cui al D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PIANI Di SICUREZZA/1 Riferimenti normativi Art. 131 del D.Lgs. n. 163/2006

Dettagli

LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI LAVORI PUBBLICI

LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI LAVORI PUBBLICI LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI LAVORI PUBBLICI Seminario di approfondimento per Responsabili di procedimento (R.U.P.) e Tecnici degli Enti Pubblici 12 19 26 Maggio 2004 LA STIMA DEI COSTI PER LA SICUREZZA

Dettagli

I CONTENUTI DEL PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ED I COSTI DELLA SICUREZZA PER I CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI BERGAMO 31.01.

I CONTENUTI DEL PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ED I COSTI DELLA SICUREZZA PER I CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI BERGAMO 31.01. I CONTENUTI DEL PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ED I COSTI DELLA SICUREZZA PER I CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI BERGAMO 31.01.2007 www.gruppomercurio gruppomercurio.orgorg NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs

Dettagli

Il Direttore dei Lavori quale Coordinatore per la Sicurezza in fase esecutiva

Il Direttore dei Lavori quale Coordinatore per la Sicurezza in fase esecutiva Il Direttore dei Lavori quale Coordinatore per la Sicurezza in fase esecutiva In base al vecchio regolamento, competevano al direttore dei lavori le funzioni attribuite al coordinatore per l esecuzione

Dettagli

I costi della sicurezza

I costi della sicurezza Associazione dei Geometri della Provincia di Reggio Emilia I costi della sicurezza La stima dei costi della sicurezza nelle attività di cantiere: appalti pubblici e privati. 1. L evoluzione normativa dei

Dettagli

TITOLO IV D.LGS. 81/08 I CONTENUTI DEL PSC

TITOLO IV D.LGS. 81/08 I CONTENUTI DEL PSC TITOLO IV D.LGS. 81/08 I CONTENUTI DEL PSC L allegato XV al D. Lgs. n 81/2008 CONTENUTI DEL PSC (già DPR n 222/2003 - Regolamento sui contenuti minimi dei piani di sicurezza) Il PSC è specifico per ogni

Dettagli

PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO

PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO conforme ai contenuti minimi previsti dall allegato XV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. COORDINATORE in fase di: O PROGETTAZIONE O ESECUZIONE INDIRIZZO CANTIERE NATURA DELL

Dettagli

Il calcolo degli oneri della sicurezza

Il calcolo degli oneri della sicurezza Il calcolo degli oneri della sicurezza Pier Luigi GHISI 1/7 Le metodologie di calcolo errate Oggi resta ancora diffusa l abitudine dei progettisti e/o dei coordinatori, di stimare gli oneri della sicurezza

Dettagli

LA STIMA DEI COSTI PER LA SICUREZZA

LA STIMA DEI COSTI PER LA SICUREZZA LA STIMA DEI COSTI PER LA SICUREZZA COME STIMARE I COSTI DELLA SICUREZZA ex D.P.R. 222/03 oggi allegato XV del D.Lgs. 81/08 Il D.P.R. 222/03, regolamento sui contenuti minimi dei piani di sicurezza nei

Dettagli

Costi della sicurezza. Esempi pratici di PSC con i costi della sicurezza

Costi della sicurezza. Esempi pratici di PSC con i costi della sicurezza Costi della sicurezza Esempi pratici di PSC con i costi della sicurezza AI SENSI DEL D.LGS 81/08 TITOLO IV 12 Aprile 2014 Dott. Ing. Silvio Spadi D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163 CODICE DEGLI APPALTI Art.

Dettagli

Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03

Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Ing. Marco Masi Regione Toscana Settore Prevenzione e Sicurezza PREVENZIONE E SICUREZZA

Dettagli

D. LGS. 81/08 ALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

D. LGS. 81/08 ALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI 1.1. Definizioni e termini di efficacia 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono per: a) scelte progettuali ed organizzative:

Dettagli

Confronto tra il DPR 222/2003 e l All. 15 del DLgs n. 81/2008

Confronto tra il DPR 222/2003 e l All. 15 del DLgs n. 81/2008 Confronto 6/08 17-06-2008 17:21 Pagina 28 Il nuovo PSC articolo per articolo, fase per fase Massimo Caroli* Confronto tra il DPR 222/2003 e l All. 15 del DLgs n. 81/2008 Prosegue la disamina delle principali

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (ART. 100 e Allegato XV D.Lgs 81/2008)

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (ART. 100 e Allegato XV D.Lgs 81/2008) PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (ART. 100 e Allegato XV D.Lgs 81/2008) Molteplici innovazioni sui Piani di sicurezza e coordinamento apportati dal D. Lgs. 81/2008, nella versione originaria, rispetto

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

ALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

ALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI ALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

D. Leg. 81/2008 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili Stima dei costi della sicurezza allegato XV comma 4.1.1.

D. Leg. 81/2008 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili Stima dei costi della sicurezza allegato XV comma 4.1.1. D. Leg. 81/2008 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili Stima dei costi della sicurezza allegato XV comma 4.1.1. Nei costi della sicurezza vanno stimati i costi: a) degli

Dettagli

Costi od Oneri della Sicurezza?

Costi od Oneri della Sicurezza? Costi od Oneri della Sicurezza? La distinzione tra Costi della sicurezza e Oneri della sicurezza nasce dalle diverse dizioni letterali che si rinvengono nella normativa italiana, in particolare al punto

Dettagli

Visto il decreto legislativo 14 agosto 1996, n. 494, e successive modificazioni;

Visto il decreto legislativo 14 agosto 1996, n. 494, e successive modificazioni; Regolamento sui contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili, in attuazione dell'articolo 31, comma 1, della legge 11 febbraio 1994, n. 109. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto

Dettagli

FASCICOLO 04: costi per la sicurezza del cantiere

FASCICOLO 04: costi per la sicurezza del cantiere PROGETTO DI VALORIZZAZIONE E RECUPERO DELLA REGGIA DI VENARIA REALE E DEL BORGO CASTELLO DELLA MANDRIA PROGETTO DI COMPLETAMENTO DELL'EDIFICIO DENOMINATO "CITRONIERA E GRANDE SCUDERIA". FASCICOLO 04: costi

Dettagli

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - -

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - - Collegio Geometri della Provincia di Brescia Commissione 494 Sicurezza dei Cantieri P.S.C. P.S.C. (o Piano di Sicurezza e di Coordinamento): specificato per ogni singolo cantiere temporaneo o mobile e

Dettagli

I contenuti minimi del PSC e del POS

I contenuti minimi del PSC e del POS D.Lgs.81/08 e succ.m. e i. I contenuti minimi del PSC e del POS Agg: Gennaio 2013 arch.stefano Galati Allegato XV Definizioni a) scelte progettuali ed organizzative: insieme di scelte effettuate in fase

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA ALLEGATO "B" Comune di Marzeno di Brisighella Provincia di RA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA (Art. 24, comma 2, lettera n) del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 e s.m.i.) (Allegato XV del D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

D.P.R. 222/03 del 03/07/03 Gazzetta Ufficiale N. 193 del 21 Agosto 2003. Capo I - DISPOSIZIONI GENERALI

D.P.R. 222/03 del 03/07/03 Gazzetta Ufficiale N. 193 del 21 Agosto 2003. Capo I - DISPOSIZIONI GENERALI Regolamento sui contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili, in attuazione dell'articolo 31, comma 1, della legge 11 febbraio 1994, n. 109. D.P.R. 222/03 del 03/07/03 Gazzetta

Dettagli

CONVEGNI DI FORMAZIONE PERMANENTE Anno 2011

CONVEGNI DI FORMAZIONE PERMANENTE Anno 2011 COLLEGIO DEGLI INGEGNERI E ARCHITETTI DI MILANO CONVEGNI DI FORMAZIONE PERMANENTE Anno 2011 Titolo dell intervento: Relatore: Ing. Daniele Marino Moderatore: Ing. Giancarlo Bobbo Benvenuti ai partecipanti:

Dettagli

Linee guida per il calcolo dei costi della sicurezza necessari per la eliminazione delle interferenze

Linee guida per il calcolo dei costi della sicurezza necessari per la eliminazione delle interferenze ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE Linee guida per il calcolo dei costi della sicurezza necessari per la eliminazione delle interferenze documento ad uso interno all istituto a cura di Marta Dalla Vecchia

Dettagli

Allegato 15 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili

Allegato 15 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili Allegato 15 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Area Provveditorato e Patrimonio

Università degli Studi della Basilicata Area Provveditorato e Patrimonio Università degli Studi della Basilicata Area Provveditorato e Patrimonio PROCEDURA RISTRETTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI SPAZI UNIVERSITARI All. 6 STIMA DEI COSTI RELATIVI ALLA SICUREZZA

Dettagli

Piano di sicurezza e coordinamento

Piano di sicurezza e coordinamento Piano di sicurezza e coordinamento 1 PSC (contenuti minimi Allegato XIV) Il PSC è specifico per ogni singolo cantiere temporaneo o mobile e di concreta fattibilità; i suoi contenuti sono il risultato di

Dettagli

I COSTI DELLA SICUREZZA

I COSTI DELLA SICUREZZA EDIZIONE SPECIALE I QUADERNI DELLA SICUREZZA N.12 CTP DI ROMA IL PRIMO ENTE A PUBBLICARE IL PREZZARIO DEI COSTI DELLA SICUREZZA NEL 1998, AGGIORNATO NEL 2004, COMPLETAMENTE RINNOVATO NEL 2012 I COSTI DELLA

Dettagli

1. S T I M A D E I C O S T I D E L L A S I C U R E Z Z A

1. S T I M A D E I C O S T I D E L L A S I C U R E Z Z A 1. S T I M A D E I C O S T I D E L L A S I C U R E Z Z A Il presente piano di sicurezza e coordinamento è relativo l esecuzione dei lavori e le forniture per le opere edili ed impiantistiche attinenti

Dettagli

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I 1. A N A G R A F I C A D E L L O P E R A S O G G E T T I C O I N V O L T I G E S T I O N E D E L P S C 1.1 CARATTERISTICHE DELL OPERA 1. Le caratteristiche dell opera da eseguire sono state trattate nel

Dettagli

Costi della sicurezza

Costi della sicurezza COMITATO INTERPROFESSIONALE DELLE PROFESSIONI TECNICHE DEL TRENTINO Commissione per la "Sicurezza nei cantieri temporanei e mobili" Costi della sicurezza ai sensi del D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e del

Dettagli

U T C D i r e z i o n e l a v o r i p u b b l i c i S O S T I T U Z I O N E I N F I S S I SCUOLA ELEMENTARE "PAPA GIOVANNI XXIII" e Comune di Vittoria

U T C D i r e z i o n e l a v o r i p u b b l i c i S O S T I T U Z I O N E I N F I S S I SCUOLA ELEMENTARE PAPA GIOVANNI XXIII e Comune di Vittoria Asse II "Qualità degli ambienti scolastici" Obiettivo C Accordo tra: Istituzione scolastica "Scuola elementare Papa G. GiovanniXXIII" e Comune di Vittoria per la realizzazione del progetto di : S O S T

Dettagli

Il Piano di Sicurezza e Coordinamento PSC. Il Piano Operativo di Sicurezza POS. Il Piano Sostitutivo di Sicurezza PSS

Il Piano di Sicurezza e Coordinamento PSC. Il Piano Operativo di Sicurezza POS. Il Piano Sostitutivo di Sicurezza PSS CONTENUTI DEI PIANI DI SICUREZZA Prof. arch. Renato Laganà Piani di Sicurezza Il Piano Operativo di Sicurezza POS Il Piano Sostitutivo di Sicurezza PSS 1 COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE (SOGGETTO INCARICATO

Dettagli

Elenco delle misure di sicurezza e linea guida di applicazione. Sede Pagina 1. Data emissione / ultima modifica: 01/01/2007 Revisione numero n.

Elenco delle misure di sicurezza e linea guida di applicazione. Sede Pagina 1. Data emissione / ultima modifica: 01/01/2007 Revisione numero n. Pagina 1!!""" " Pagina 2 Il gruppo di lavoro per realizzazione dell elenco prezzi delle misure di sicurezza: Arch. Stefano Stefani (NuovaQuasco Direttore Quasic) Arch. Barbara Rontini (NuovaQuasco Responsabile

Dettagli

Il Piano di Sicurezza e Coordinamento PSC. Il Piano Operativo di Sicurezza POS. Il Piano Sostitutivo di Sicurezza PSS

Il Piano di Sicurezza e Coordinamento PSC. Il Piano Operativo di Sicurezza POS. Il Piano Sostitutivo di Sicurezza PSS CONTENUTI DEI PIANI DI SICUREZZA Prof. arch. Renato Laganà Piani di Sicurezza Il Piano Operativo di Sicurezza POS Il Piano Sostitutivo di Sicurezza PSS COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE (SOGGETTO INCARICATO

Dettagli

MANUALE PER LA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

MANUALE PER LA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA Antonio Leonardi, Filippo Di Mauro, Giuseppe Distefano, Salvatore Pulvirenti, Giuseppe Francesco Di Pisa, Silvio Torre MANUALE PER LA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TESTO

Dettagli

Titolo: Verbale di sopralluogo preliminare congiunto sul luogo delle lavorazioni/servizi appaltati. Committente...

Titolo: Verbale di sopralluogo preliminare congiunto sul luogo delle lavorazioni/servizi appaltati. Committente... Pagina: 1 Verbale di sopralluogo preliminare congiunto sul luogo delle lavorazioni/servizi appaltati Committente... Area interessata dai lavori/servizi:... Oggetto del /servizio:... Il giorno..., sul luogo

Dettagli

LA STIMA DEI COSTI PER LA SICUREZZA Allegato XV, punto 4

LA STIMA DEI COSTI PER LA SICUREZZA Allegato XV, punto 4 Introduzione alla lezione ARGOMENTI TRATTATI 1. LA STIMA DEI COSTI PER LA SICUREZZA: congruenza della stima, stima analitica per voci singole, stima a corpo e a misura, riferimento ad elenco prezzi della

Dettagli

Incidenza della classificazione della galleria sui costi di realizzazione

Incidenza della classificazione della galleria sui costi di realizzazione Incidenza della classificazione della galleria sui costi di realizzazione Spea Ingegneria Europea S.p.A. 4 Luglio 2013 Scuola di Ingegneria e Architettura Università di Bologna Come variano i costi della

Dettagli

OPERE INFRASTRUTTURALI PER L AREA SPETTACOLI SITA NEI GIARDINI DELLA REGGIA INDICE

OPERE INFRASTRUTTURALI PER L AREA SPETTACOLI SITA NEI GIARDINI DELLA REGGIA INDICE INDICE 1 RIFERIMENTI NORMATIVI....3 2 METODOLOGIA DI CALCOLO DEI COSTI...3 2.1 COSTI DELLA SICUREZZA CONTRATTUALI 3 3 STIMA DEGLI ONERI DELLA SICUREZZA...5 3.1 IMPORTO LAVORI 5 3.2 STIMA DEI COSTI DELLA

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO DOCUMENTRO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (ART. 26, COMMA 3, D.LGS. N. 81/2008) STAZIONE APPALTANTE: Comune di

Dettagli

R.9 Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza

R.9 Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza Via XXV Aprile, 18 - Rovato COMUNE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA UPGRADING DEL DEPURATORE COMUNALE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROGETTO DEFINITIVO R.9 Prime indicazioni e disposizioni per la

Dettagli

DOCUMENTI PER LA SICUREZZA CANTIERI: PSC POS PSS NOTIFICA PRELIMINARE FASCICOLO DELL OPERA TITOLO IV D.LGS. 81/08

DOCUMENTI PER LA SICUREZZA CANTIERI: PSC POS PSS NOTIFICA PRELIMINARE FASCICOLO DELL OPERA TITOLO IV D.LGS. 81/08 DOCUMENTI PER LA SICUREZZA CANTIERI: PSC POS PSS NOTIFICA PRELIMINARE FASCICOLO DELL OPERA TITOLO IV D.LGS. 81/08 CONTENUTI DELLA NOTIFICA PRELIMINARE ALLEGATO XII: CONTENUTO DELLA NOTIFICA PRELIMINARE

Dettagli

INTERVENTO DI NUOVA COSTRUZIONE VIA DEL SEMINARIO LOTTO 1334/I Note compilazione computo

INTERVENTO DI NUOVA COSTRUZIONE VIA DEL SEMINARIO LOTTO 1334/I Note compilazione computo STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA INTERVENTO DI NUOVA COSTRUZIONE VIA DEL SEMINARIO LOTTO 1334/I Note compilazione computo CODICE DERCRIZIONE UNITA' DI MISURA PREZZO UNITARIO QUANTITA' Identificazione in

Dettagli

DOCUMENTI DI CANTIERE

DOCUMENTI DI CANTIERE DOCUMENTI DI CANTIERE DOCUMENTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI - GIORNALE DEI LAVORI - LIBRETTI DELLE MISURE DEI LAVORI E DELLE PROVVISTE - LISTE SETTIMANALI - REGISTRO DI CONTABILITA - SOMMARIO DEL

Dettagli

1 OGGETTO E SCOPO... 2 1.1 Considerazioni generali 2 1.2 Tabella Coeff. K (%) per l individuazione degli oneri diretti (OD) della sicurezza 6

1 OGGETTO E SCOPO... 2 1.1 Considerazioni generali 2 1.2 Tabella Coeff. K (%) per l individuazione degli oneri diretti (OD) della sicurezza 6 INDICE 1 OGGETTO E SCOPO... 2 1.1 Considerazioni generali 2 1.2 Tabella Coeff. K (%) per l individuazione degli oneri diretti (OD) della sicurezza 6 2 VALUTAZIONE DEGLI APPRESTAMENTI ORDINARI (O.D.)...

Dettagli

Sicurezza nei Cantieri temporanei o mobili

Sicurezza nei Cantieri temporanei o mobili Sicurezza nei Cantieri temporanei o mobili Titolo IV D. lgs 81-2008 Novelio Furin Marco Zanchin 11 e 18 giugno 2009 Titolo IV del D. lgs 81-2008 Documentazione distribuita 1. Copia della presentazione

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA. Area del Patrimonio e dei Servizi Economali

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA. Area del Patrimonio e dei Servizi Economali ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA Area del Patrimonio e dei Servizi Economali Appalto per il servizio di pulizia presso gli spazi dell Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Documento unico

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEI CANTIERI ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme di prevenzione degli infortuni

Dettagli

L organizzazione del cantiere e la gestione della sicurezza

L organizzazione del cantiere e la gestione della sicurezza L organizzazione del cantiere e la gestione della sicurezza Dott. Paolo PICCO T.d.P. SPreSAL ASL TO 3 II cantiere, pur essendo destinato ad avere un limite di durata nel tempo relativamente breve, comportando

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA STIMA DEI COSTI E DEGLI ONERI DELLA SICUREZZA

LINEE GUIDA PER LA STIMA DEI COSTI E DEGLI ONERI DELLA SICUREZZA LINEE GUIDA PER LA STIMA DEI COSTI E DEGLI ONERI DELLA SICUREZZA 0. Premessa Uno degli obblighi del coordinatore per la progettazione in fase di redazione del Piano di sicurezza e di coordinamento è la

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA L identificazione e la descrizione dell opera è esplicitata con: a) l indirizzo del cantiere; b) la descrizione del contesto in cui

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE IMPIANTO IDROELETTRICO SALBERTRAND - CHIOMONTE

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE IMPIANTO IDROELETTRICO SALBERTRAND - CHIOMONTE PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE IMPIANTO IDROELETTRICO SALBERTRAND - CHIOMONTE a cura di: Titolo: LINEE GUIDA PER LA STIMA DEGLI ONERI PER LA SICUREZZA DEI CANTIERI Revisioni: N Descrizione Data 0 EMISSIONE

Dettagli

D.Lgs 81/2008 e smi Testo unico sicurezza art. 100 allegato XV i lavori pubblici DPR 207/2010 Regolamento LLPP art. 39 art. 53

D.Lgs 81/2008 e smi Testo unico sicurezza art. 100 allegato XV i lavori pubblici DPR 207/2010 Regolamento LLPP art. 39 art. 53 D.Lgs 81/2008 e smi Testo unico sicurezza art. 100 Piano di sicurezza e coordinamento allegato XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili e in aggiunta per i lavori pubblici

Dettagli

AREA EDILIZIA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA 1. PALESTRE I.T.A. DALMASSO Via Claviere n. 10 - Pianezza

AREA EDILIZIA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA 1. PALESTRE I.T.A. DALMASSO Via Claviere n. 10 - Pianezza HCA_Testalin_DOC.rev00.doc AREA EDILIZIA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA 1 PALESTRE I.T.A. DALMASSO Via Claviere n. 10 - Pianezza Interventi di adeguamento funzionale e messa a norma finalizzati allo sviluppo

Dettagli

N.R. ART. DESCRIZIONE E COMPUTO U.M. QUAN.TA' PREZZO IMPORTO

N.R. ART. DESCRIZIONE E COMPUTO U.M. QUAN.TA' PREZZO IMPORTO Tutti gli apprestamenti previsti nel P.S.C.: Ponteggi; Trabattelli; Ponti su cavalletti; Impalcati; Parapetti; Andatoie; Passerelle; Armature delle pareti degli scavi; Gabinetti; Locali per lavarsi; Spogliatoi;

Dettagli

Il Piano di Sicurezza e Coordinamento PSC. Il Piano Operativo di Sicurezza POS. Il Piano Sostitutivo di Sicurezza PSS

Il Piano di Sicurezza e Coordinamento PSC. Il Piano Operativo di Sicurezza POS. Il Piano Sostitutivo di Sicurezza PSS 5/05/0 Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà CONTENUTI DEI PIANI DI SICUREZZA Prof. arch. Renato Laganà Piani di Sicurezza Il Piano Operativo

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

DESIGNAZIONE DEI LAVORI par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE R I P O R T O

DESIGNAZIONE DEI LAVORI par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE R I P O R T O Num.Ord. DESIGNAZIONE DEI LAVORI D I M E N S I O N I I M P O R T I Quantità par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 2 R I P O R T O LAVORI A MISURA 1 Recinzione perimetrale di protezione in rete

Dettagli

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs.

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. 235/2003 A) PARTE GENERALE (Anagrafica) Premesso che il PIMUS deve essere specifico

Dettagli

Capitolo Secondo. Compiti e responsabilità dei protagonisti della sicurezza

Capitolo Secondo. Compiti e responsabilità dei protagonisti della sicurezza Capitolo Secondo Compiti e responsabilità dei protagonisti della sicurezza I responsabili della sicurezza nei cantieri temporanei o mobili sono: Committente e Responsabile dei lavori (Scheda 2.1) Datore

Dettagli

1. Premessa 3. 2. Riferimenti normativi 3. 3. Contenuti del Piano di Sicurezza e Coordinamento 4. 4. Allegati del PSC 7

1. Premessa 3. 2. Riferimenti normativi 3. 3. Contenuti del Piano di Sicurezza e Coordinamento 4. 4. Allegati del PSC 7 INDICE 1. Premessa 3 2. Riferimenti normativi 3 3. Contenuti del Piano di Sicurezza e Coordinamento 4 4. Allegati del PSC 7 pagina 2 di 7 1. Premessa Il Piano di Sicurezza e Coordinamento è redatto per

Dettagli

... 1 PUNTATA parte prima La storia dei costi della sicurezza

... 1 PUNTATA parte prima La storia dei costi della sicurezza Cari colleghi da alcuni di Voi mi giunge, sempre più spesso, la richiesta di aiuto relativamente alla STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA che, indubbiamente, rappresenta uno degli aspetti più controversi e

Dettagli

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso ASSOCIAZIONE TAVOLO 494 IMOLA www.tavolo494imola.org info@ tavolo494imola.org Atti del convegno DAL D.LGS. 494/96 AL TESTO UNICO DI SICUREZZA: novità e criticità 19 novembre 2008 FASCICOLO DELL OPERA e

Dettagli

COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI Divisione Formazione Corso di formazione per COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI (120 ore) ai sensi del D.Lgs 81/08, art.98 Gennaio febbraio 2011 1 giornata 9.00 12.30 La legislazione

Dettagli

Provincia di Roma PROGETTO PER IL COLLEGAMENTO VIARIO ADIACENTE PALAZZO DORIA PAMPHILI LAVORI DI SISTEMAZIONE DELLA VIABILITA' DI ACCESSO OGGETTO:

Provincia di Roma PROGETTO PER IL COLLEGAMENTO VIARIO ADIACENTE PALAZZO DORIA PAMPHILI LAVORI DI SISTEMAZIONE DELLA VIABILITA' DI ACCESSO OGGETTO: Provincia di Roma OGGETTO: PROGETTO PER IL COLLEGAMENTO VIARIO ADIACENTE PALAZZO DORIA PAMPHILI LAVORI DI SISTEMAZIONE DELLA VIABILITA DI ACCESSO COMMITTENTE: Comune di Valmontone Dott Arch Roberto Pinci

Dettagli

- ii Capo Il contiene le disposizioni in merito al piano di sicurezza e di coordinamento.

- ii Capo Il contiene le disposizioni in merito al piano di sicurezza e di coordinamento. RELAZIONE AL REGOLAMENTO Il provvedimento in oggetto è adottato ai sensi dell'art. 22 del decreto legislativo n. 528/99 di modifica del decreto legislativo n. 494/96 che, a sua volta, rinvia al regolamento

Dettagli

7.1 Introduzione. 7.2 Coordinamento tra PSC e POS

7.1 Introduzione. 7.2 Coordinamento tra PSC e POS 7 7.1 Introduzione Il Piano Operativo di Sicurezza è stato l ultimo piano introdotto dalla normativa sulla salute e sicurezza nei cantieri e sugli appalti di lavori pubblici, con lo scopo di separare le

Dettagli

Dal LIBRO e dall E-BOOK edito dalla DEI Tipografia del Genio Civile. I COSTI DELLA SICUREZZA NEGLI APPALTI: APPENDICE CON GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI

Dal LIBRO e dall E-BOOK edito dalla DEI Tipografia del Genio Civile. I COSTI DELLA SICUREZZA NEGLI APPALTI: APPENDICE CON GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI Pagina 1 di 21 Dal LIBRO e dall E-BOOK edito dalla DEI Tipografia del Genio Civile. I COSTI DELLA SICUREZZA NEGLI APPALTI: APPENDICE CON GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI A cura di Massimo CAROLI massimocaroli16@yahoo.it

Dettagli

La legislazione specifica in materia di salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili e nei lavori in quota

La legislazione specifica in materia di salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili e nei lavori in quota Quadro normativo di riferimento sulla legislazione specifica sui cantieri: DPR 547-55 55 DPR 164-56 D.Lgs. 494-96 96 D.Lgs. 528-99 D.Lgs. 81-08 Il DPR 547-55 55 È il primo provvedimento legislativo in

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DELLA SICUREZZA...

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DELLA SICUREZZA... INDICE 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DELLA SICUREZZA... 2 1.1 PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONE PER LA STESURA DEL PSC... 2 1.2 I CONTENUTI MINIMI DEL PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO... 2 1.3 IL

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO MODELLO SEMPLIFICATO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO MODELLO SEMPLIFICATO Allegato II Modello semplificato per la redazione del PSC (Le dimensioni dei campi indicati nelle tabelle a seguire sono meramente indicative in quanto dipendenti dal contenuto) PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

Dettagli

E1.00 ONERI DELLA SICUREZZA - OPERE EDILI

E1.00 ONERI DELLA SICUREZZA - OPERE EDILI E1.00 ONERI DELLA SICUREZZA - OPERE EDILI E1.01 Accesso al cantiere S1.4.40 Accesso al cantiere realizzato con telaio in elementi tubolari controventati chiuso con lamiera metallica, ondulata o grecata,

Dettagli

13 Sezione 13 - Stima dei costi per la sicurezza (Elementi di cui al D.Lgs. 81/2008 s.m., Allegato XV, punto 2.1.2 lett. l)

13 Sezione 13 - Stima dei costi per la sicurezza (Elementi di cui al D.Lgs. 81/2008 s.m., Allegato XV, punto 2.1.2 lett. l) 13 Sezione 13 - Stima dei costi per la sicurezza (Elementi di cui al D.Lgs. 81/2008 s.m., Allegato XV, punto 2.1.2 lett. l) La valutazione delle spese di seguito esposta è finalizzata esclusivamente alla

Dettagli

ABBATTIMENTO DELLE EMISSIONI ODORIGENE DELLE VASCHE DI OMOGENEIZZAZIONE DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI ARZIGNANO (VI)

ABBATTIMENTO DELLE EMISSIONI ODORIGENE DELLE VASCHE DI OMOGENEIZZAZIONE DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI ARZIGNANO (VI) ABBATTIMETO DELLE EMISSIOI ODORIGEE DELLE VASCHE DI OMOGEEIZZAZIOE DELL'IMPIATO DI DEPURAZIOE DI ARZIGAO (VI) APPALTO A - 2 STRALCIO FORITURA COPERTURE E RETE DI CAPTAZIOE COORDIAMETO DELLA SICUREZZA I

Dettagli

ISTRUZIONI MODELLO POS

ISTRUZIONI MODELLO POS ISTRUZIONI MODELLO POS ISTRUZIONI - COPERTINA DOCUMENTO È necessario revisionare il POS ogni qual volta siano apportate modifiche significative alla situazione lavorativa ipotizzata, soprattutto se connessa

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO integrato dei contenuti del POS MODELLO SEMPLIFICATO

PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO integrato dei contenuti del POS MODELLO SEMPLIFICATO Allegato III MODELLO SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL PSS (Le dimensioni dei campi indicati nelle tabelle a seguire sono meramente indicative in quanto dipendenti dal contenuto) PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA NEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE O SERVIZI Prime indicazioni operative

LINEE GUIDA PER LA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA NEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE O SERVIZI Prime indicazioni operative CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME ISTITUTO PER L'INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE LINEE GUIDA PER LA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA NEI CONTRATTI

Dettagli

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

Prime indicazioni e misure finalizzate alla tutela della salute e sicurezza dei luoghi di lavoro per la stesura dei piani di sicurezza

Prime indicazioni e misure finalizzate alla tutela della salute e sicurezza dei luoghi di lavoro per la stesura dei piani di sicurezza Azienda certificata in conformità alla norma UNI EN ISO 9001:2000 Sede Legale : 15100 Alessandria - Via Venezia, n. 16 - C. F. - Partita I.V.A.: 01640560064 OPERE DI COMPARTIMENTAZIONE DI N. 3 VANI SCALA

Dettagli

Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza

Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza Sommario 1. PREMESSA 3 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEI LAVORI 5 3. INDICAZIONI E PRESCRIZIONI DI SICUREZZA PRELIMINARI 6 4. VALUTAZIONE

Dettagli

PIANO OPERATIVO. di SICUREZZA

PIANO OPERATIVO. di SICUREZZA / PIAN PERATrV di SICUREZZA CANTIERI EILI ASSCIAZINE NAZINALE ALPINI ---------------------- PIAN PERATIV di SICUREZZA.Lgs.n.B1/200B - Allegato XV punto 3.2 {integrato e corretto del.lgs.n. 106/2009J ì"ìl

Dettagli

VASCHE DI LAMINAZIONE

VASCHE DI LAMINAZIONE COMUNE DI OLBIA PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO (PAI) OPERE DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO NEL TERRITORIO COMUNALE DI OLBIA Progetto Definitivo Elaborato A-02-04 aggiornamenti VASCHE DI

Dettagli

REGIONE CAMPANIA. Opere Provvisionali - Ponteggi - Centine

REGIONE CAMPANIA. Opere Provvisionali - Ponteggi - Centine REGIONE CAMPANIA Opere Provvisionali - Ponteggi - Centine CAPITOLO N 1 OPERE PROVVISIONALI PONTEGGI - CENTINE AVVERTENZE Tutti gli articoli del presente prezzario comprendono nei prezzi l uso di ponteggi

Dettagli

PREMESSA PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA

PREMESSA PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA PREMESSA La presente Relazione riguarda il Progetto Preliminare per la DEMOLIZIONE PARZIALE A SEGUITO DEL SISMA DEL 6 APRILE 2009 DEGLI IMMOBILI SEDE DEL PALAZZO DI GIUSTIZIA DI L AQUILA PRIME INDICAZIONI

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili L'ing. M. Grandi - funzionario della Direzione provinciale del Lavoro di Verbania ha curato la realizzazione una check list dedicata

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione Regionale del Lavoro di

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione Regionale del Lavoro di Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione Regionale del Lavoro di Vigilanza "10.000 Cantieri" PERIODO DAL AL RIEPILOGO VIOLAZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA D.P.R..04.55, n. 54 4 8 10 18 1

Dettagli

Corso di formazione per coordinatori della sicurezza ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per coordinatori della sicurezza ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Corso di formazione per coordinatori della sicurezza ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Gli obblighi documentali da parte di committenti, imprese, coordinatori

Dettagli

COMPUTO METRICO della SICUREZZA

COMPUTO METRICO della SICUREZZA COMUNE DI CASTELNUOVO MAGRA Provincia della Spezia pag. 1 COMPUTO METRICO della SICUREZZA OGGETTO: POR FESR 2007-2013: Asse 4 PROGETTO TEMATICO: "Passaggio nella terra della luna: castelli e fortificazioni"

Dettagli

1 - COORDINAMENTO ATTIVITA' DATORI LAVORO 2 - BARACCHE DI CANTIERE

1 - COORDINAMENTO ATTIVITA' DATORI LAVORO 2 - BARACCHE DI CANTIERE A MISURA 1 - COORDINAMENTO ATTIVITA' DATORI LAVORO 1 N.P.SC1 RIUNIONI COORDINAMENTO RIUNIONE PERIODICA DI COORDINAMENTO TRA I RESPONSABILI DELLE IMPRESE OPERANTI IN CANTIERE ED IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

COMPUTO METRICO. Cerveteri RM

COMPUTO METRICO. Cerveteri RM Cerveteri RM pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: Riqualificazione delle aree a verde - giardini di Via dei Tirreni - Via Oriolo - Via Campo di Mare. Costi della sicurezza COMMITTENTE: Amministrazione Comunale

Dettagli