6) I LUOGHI DEL SACRO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "6) I LUOGHI DEL SACRO"

Transcript

1 6) I LUOGHI DEL SACRO Gli edifici di culto spesso hanno orientato l organizzazione territoriale in maniera incisiva e hanno avuto ruolo distintivo nell identità locale: nelle varie epoche hanno creato gravitazioni e gerarchie, hanno garantito convergenze, hanno attribuito significato e riconoscibilità ai luoghi; spesso hanno catalizzato a sé le vie di percorrenza per garantire accessibilità per le funzioni liturgiche ma anche per le manifestazioni che richiamavano fedeli da altri luoghi, oltre che per i commerci che si affermavano nei pressi di santuari, eremi, monasteri. La loro presenza spesso ha costituito un impronta durevole, ereditata e custodita dalle comunità, luogo del sacro talvolta identificato con il sacro stesso. L evoluzione di alcuni ambiti territoriali ha risentito in maniera particolarmente intensa della presenza dei siti edificati per la preghiera e della loro forza organizzatrice e accentratrice, che ha creato complesse relazioni orizzontali e verticali; l inclusione di tali edifici nel progetto delle Reti può agevolare la volontà di una tutela più ampia, capace di ricucire gli edifici e la loro storia alla realtà del territorio 11 del quale spesso hanno determinato forme e modalità di sviluppo per lunghi secoli. Nei Repertori del Piano territoriale di coordinamento provinciale ( Beni Immobili di Interesse Artistico e Storico 12 e Presenze Archeologiche 13 ) viene proposto un inventario degli edifici storici religiosi, che sono cartografati nelle Carte Tematiche 14 e accompagnati da brevi schede. In questo ambito non è parso utile procedere a un nuovo censimento di tutti i luoghi di culto, delle aree sacre e degli edifici di preghiera di interesse storico presenti sull intero territorio provinciale: si è scelto di proporre alcuni siti di esempio e di valorizzare gli edifici di una particolare epoca, offrendo un lavoro che può costituire un modello operativo valido per altre località e per strutture di epoche differenti, ugualmente eloquenti e significative per il loro ruolo di perno territoriale e di nodo locale. In età altomedievale le pievi si affermarono ereditando spesso la funzione di luogo sacro di riferimento per la popolazione residente su un ampio territorio: al controllo della pieve sottostavano gli edifici minori, disposti nell area di pertinenza presso le comunità dei fedeli. Le pievi testimoniate prima dell anno mille sul territorio bergamasco sono sette, cui va aggiunta quella del capoluogo; un elenco del XIII secolo segnala la presenza di 12 pievi (plebanie) nella diocesi bergamasca, oltre a quella urbana. In carta si segnalano gli edifici plebani di Almenno (testimoniato già prima dell anno Mille) e di Dossena (compare fra le sedi testimoniate nel XIII secolo): perni di un ampia porzione del territorio per lunghi secoli, attualmente questi edifici conservano parti significative dell originaria struttura e risultano ubicati in prossimità 11 P. M. DE MARCHI 2005, Prosprettive per una più ampia tutela dei siti del Romanico, in G. M. Labaa 2005 p Beni Immobili di interesse artistico e storico in Piano territoriale di coordinamento provinciale approvato dal Consiglio Provinciale con delibera n. 40 del 22/04/2004, pp Presenze archeolgiche in Piano territoriale di coordinamento provinciale approvato dal Consiglio Provinciale con delibera n. 40 del 22/04/2004, pp Si fa riferimento alle tavole 5.3 e 5.6 allegate al progetto del P.T.C.P. della Provincia di Bergamo. 315

2 di aree non edificate (che possono configurarsi, quindi, come nodi per la Rete Ecologica). Il territorio bergamasco si è da tempo segnalato per la rilevante presenza di edifici religiosi romanici; recentemente è stata avanzata la proposta di realizzare un Parco del Romanico Lombardo per la valorizzazione delle testimonianze presenti in Lombardia 15. Nella scheda confluiscono dati da studi a carattere provinciale, accompagnati dalla carta che individua la presenza di queste strutture (allegato tratto da M. LORENZI, A. PELLEGRINI, p. 113 figura n. 43- e dalla carta repertorio del Romanico che individua i luoghi in cui sono edificate le strutture romaniche in tutta la provincia di Bergamo (non solo gli edifici di culto ma anche torri, ponti ec.), tratta da G. M. Labaa 2005 figura n figura n. 44, Il repertorio del Romanico in Provincia di Bergamo da Labaa 2005, p A. GARLANDINI, Riconoscimento del patrimonio e prospettiva di valorizzazione, in G. M. Labaa 2005, pp

3 Figura n.43 Il Romanico a Bergamo, da Lorenzi, Pellegrini 2003, p

4 Numerosi sul territorio risultano anche i complessi monastici, centri organizzatori di ampie porzioni di territorio. A partire dall anno Mille nella Provincia bergamasca si segnala la presenza di numerosi monasteri, organizzati secondo differenti regole: Benedettini, Cluniacensi, Vallombrosani, Umiliati, Celestini, Cistercensi fondarono edifici che erano luogo di preghiera, ma anche centri di vigile attività, che coinvolgeva ampie percentuali della forza lavoro locale. Spesso le fondazioni di questi edifici risultò legata a lasciti da parte delle più potenti famiglie. A titolo di esempio della tipologia organizzativa del territorio circostante e dell impiego della forza lavoro locale si considera l esempio del monastero benedettino ad Abbazia (Albino) Pievi di età medievale Fra gli edifici religiosi a partire dal V secolo si distinsero le pievi, unici luoghi nei quali poteva essere celebrato il battesimo. A questi edifici faceva riferimento una ampia porzione del territorio: le comunità officiavano le liturgie sacre nelle chiese locali ma riconoscevano nella pieve di pertinenza un elemento di governo e un riferimento sovralocale. Fra epoca tardo antica ed età carolingia le pievi ereditarono il ruolo di gestione e amministrazione di ampie porzioni di territorio, ruolo che fu dei centri che amministravano i pagi in età romana; dall età carolingia divennero, inoltre, luogo di riscossione delle decime e, per alcuni secoli, si distinsero anche per la presenza stabile del clero, che abitava nella Canonica. Prima dell anno mille furono sedi plebane Almenno, Calepio, Clusone, Ghisalba, Mologno, Nembro, Terno, oltre al capoluogo; un documento del 1260 registra la presenza di 12 pievi che amministrano il territorio della diocesi di Bergamo (oltre alla pieve urbana): Santa Maria e San Salvatore di Almenno, San Giovanni Battista di Dossena, San Martino di Nembro, San Pietro di Scalve, Santa Maria di Clusone, Santa Maria di Solto, San Lorenzo di Mologno (Casazza), San Lorenzo di Calepio, San Lorenzo di Ghisalba, San Giovanni Battista di Telgate, Santo Stefano di Fara Olivana, San Vittore di Terno. Tutti questi siti ebbero in età antica un indiscusso valore di centro gravitazionale per la vita religiosa delle comunità di ampie porzioni territorio; alcuni di questi edifici sono stati sostituiti da strutture successive, ma conservano talvolta resti delle chiese più antiche. In questa sede si privilegiano gli edifici plebani di Almenno e di Dossena: accanto alle strutture sacre, che mantengono parte degli antichi edifici, rimangono spazi non edificati che possono permettere la realizzazione di nodi locali della Rete Ecologica. Pieve di Dossena La chiesa di S.Giovanni Battista di Dossena conserva elementi dell antico edificio plebano: in occasione degli ultimi restauri è stato messo in evidenza il paramento della facciata medievale Comunicazione orale dell architetto P. Mazzariol 318

5 Pieve di Almenno S. Salvatore Le origini più antiche dell edificio della Madonna del Castello risalgono all epoca longobarda, quando Almenno ospitò la corte regia, dotata di cappella. La cripta è datata al IX secolo mentre l edificio soprastante è successivo e conserva affreschi di età romanica. Nel XVI secolo, nell area immediatamente antistante e addossata alla facciata della struttura già esistente, venne realizzata un altra chiesa. Riferimenti bibliografici: L. CHIODI, Chiese di Bergamo sottoposte a censo circa il 1260, in Archivio Storico Lombardo, serie VII, 10, 87, 1960, pp E. CASTAGNA, Origine e diffusione del cristianesimo in I. TIRLONI, a cura di, Calcinate romana M.LORENZI, A. PELLEGRINI, Sulle tracce del Romanico in Provincia di Bergamo tra storia, architettura e paesaggio, Provincia di Bergamo, 2003, pp (le pievi), pp (edificio ad Almenno S. Salvatore) 319

6 Edifici di culto di età romanica A partire dall anno Mille in Europa si attestò una diffusa rinascita economica e sociale che trova testimonianza anche nella realizzazione di nuovi edifici religiosi, nei quali si affermarono le modalità tipiche dell arte romanica: in questa si fusero modalità espressive barbariche, soprattutto longobarde, nella scultura e nella decorazione delle superfici, con modelli differenti, anche ispirati al mondo romano. Negli edifici lombardi, in particolare, si sono voluti riconoscere aspetti tipici di un gusto caratteristico che è stato definito Romanico Lombardo. Nei secoli XI-XIII nella bergamasca vennero costruiti numerosi edificici per la preghiera: la loro realizzazione comportò la partecipazione attiva dell intera comunità (Pesenti 2000?, p.18). Le dimensioni spesso piuttosto ridotte di queste strutture sono diretto riflesso dei dati demografici oltre che dell uso tradizionale, per il quale gli edifici per la preghiera dovevano garantire accoglienza a un rappresentante per ogni famiglia della comunità. In epoca successiva, in seguito a mutamenti demografici e contestualmente all acquisizione di un nuovo ruolo centrale delle parrocchie entro le comunità dei fedeli, alcune chiese romaniche vennero sostituite da edifici più ampi, talvolta realizzati proprio sul luogo della precedente struttura cultuale, riutilizzando le pietre e causando la scomparsa delle precedenti strutture. Ciò malgrado sopravvivono numerosi edifici e resti di quest epoca, diffusi ampiamente sul territorio. Entro le realizzazioni architettoniche romaniche può essere segnata una distinzione fra le strutture di potente committenza vescovile o monastica, che si rivolsero ad architetti (e talvolta anche a maestranze) di chiara fama sovralocale o vollero riproposti modelli e motivi già famosi (esempio: S.Giorgio ad Almenno S. Salvatore figura n. 45- influenzato dal cantiere di S.;Maria Maggiore-, S. Tomé ad Almenno S. Bartolomeo cfr.influenze da area Comasca, S. Egidio a Fontanella al Monte), e le realizzazioni più legate al gusto, alle abilità e alla creatività locali. Si trattò in ogni caso di edifici funzionali che, con esclusione delle strutture monastiche, erano realizzate in siti di particolare importanza per la comunità: la situazione di isolamento che oggi caratterizza alcune chiese romaniche è, spesso, risultato di dinamiche successive, caratterizzate da abbandono o da forte riduzione della popolazione di pertinenza (per esempio S. Giulia di Lesina); costituiscono eccezione le strutture realizzate volutamente in un area ai margini degli abitati, ma centrale alle esigenze di alcune comunità disposte all intorno, che unirono forze e disponibilità per dotarsi di un luogo di preghiera comune, equidistante e facilmente raggiungibile (es.: S. Alessandro in Canzanica). In numerosi casi le strutture romaniche sorsero ad ampliare o a obliterare precedenti edifici di culto (cfr. per esempio S. Salvatore e S. Giorgio ad Almenno). 320

7 Figura n.45 Almenno S,Salvatore: la chiesa di S.Giorgio di Lemine, da Lorenzi, Pellegrini 2003, p.129 Riferimenti bibliografici: P. CAPELLINI, G. M. LABAA (a cura di), Itinerari dell anno mille Chiese romaniche nel Bergamasco, s.d. (2000?), Sesaab editrice, s.l.; nella seconda parte del testo vengono presentati studi monografici su alcuni edifici particolarmente significativi, che vengono evidenziati nella carta proposta in allegato (p. 52). F. ADOBATI, M.LORENZI (a cura di), Arte romanica tra Italia, Francia e Spagna Catalogo didattico, 2001 M.LORENZI, A. PELLEGRINI, Sulle tracce del Romanico in Provincia di Bergamo tra storia, architettura e paesaggio, Provincia di Bergamo 2003 G. M. LABAA (a cura di), Romanico in Lombardia: dalla conoscenza al piano-progetto, Atti dei Convegni Regionali di Studio, , Almenno S. Bartolomeo (Bg) 2005, ediz. Antenna Europea del Romanico 321

8 Monastero di S.Benedetto ad Abbazia Il monastero di S. Benedetto di Vall Alta sorse nel XII secolo, in una posizione rilevata rispetto alla Valle Seriana, nella frazione di Abbazia (comune di Albino); le proprietà del monastero comprendevano le frazioni Abbazia, Vall Alta, Fiobbio, Dossello e Casale, garantendo pertanto ai monaci la gestione di una discreta porzione di territorio. Malgrado le piccole dimensioni dell edificio, questo monastero ebbe grande notorietà e un ruolo molto importante, in quanto da esso dipendevano altre strutture e possedimenti anche esterni alla bergamasca (per esempio la cappella di S. Salvatore a Bergamo, la chiesa di S. Maria in campania probabilmente nei pressi dell attuale comune di Torre Pallavicina-, beni a Telgate, vendite e forse anche donazioni di privati, proprietà in territorio di Martinengo, ma anche il monastero di S. Lorenzo a Trento). Nel secolo XIV iniziò la decadenza del monastero, causata da una amministrazione poco oculata dei beni, che si concluderà due secolo dopo con la chiusura del cenobio e la distruzione di parte del monastero stesso. Attualmente della struttura originaria sopravvivono solo le absidi centrale e sudorientale e parte (lato orientale e meridionale) di uno dei due chiostri: la rapidità e l economia con cui venne realizzato l edificio sono testimoniate dalla mancanza di ornamenti tipici del romanico lombardo (per esempio le arcatelle). Il monastero era cinto da mura, con torrette di controllo, che giungevano fino alla Ca di Fra e poi fino alla chiesa, comprendendo un area nella quale doveva trovarsi una costruzione rustica (per ricoverare gli animali e depositare gli attrezzi); all intorno una porzione di territorio doveva essere destinata alla coltivazione e in parte all allevamento (pecore, capre, bovini, suini). In località Stalù esisteva un laghetto artificiale, che fungeva da serbatoio per l acqua, mentre un mulino era ubicato nel pressi della struttura del moderno rifacimento in località Mulino. La Ca di Fra, posizionata più a monte, e un altro edificio più a valle, esterno alle mura, erano in costante contatto visivo (di notte si servivano di fuochi) e risultavano funzionali al controllo dei possedimenti del monastero; la Ca di Fra, in particolare, fungeva anche da centro di coordinamento per altre attività (per esempio controllava il passaggio obbligato lungo il percorso che portava al Colle Gallo e a Gaverina. Sulla collina rimangono i toponimi Caprile e Colombera a testimoniare altre strutture rurali ormai cancellate dai rifacimenti. Sulle terre dell abbazia lavoravano contadini che erano legati a diverso titolo da contratti: in alcuni documenti del XIII secolo figura la grangia, voce con la quale tradizionalmente si indicavano aziende agrarie di grandi dimensioni, nelle quali lavoravano i monaci stessi, destinate a colture diversificate. In questo caso si tratta di contratti di locazione e il termine può essere stato utilizzato per individuare, in un solo ambito, un ampia area che altrimenti avrebbe dovuto essere scomposta e descritta nei singoli appezzamenti (comprende seminativi, alberi da frutto e castagni, boschi e prati) che facevano riferimento ad alcuni edifici, nucleo centrale di questa porzione di territorio figura n In altri documenti vengono citate, invece, realtà differenti, con aziende minori, che spesso risultano costituite da un lotto di prato con una casa, cui si può aggiungere un edificio per il ricovero degli animali, e poderi (che comprendono alcuni appezzamenti e ricoveri per gli animali), ma vengono segnalati anche contratti di affitto (concessioni) per aree a bosco e a pascolo. 322

9 figura n. 46 La grangia di Casale con le sue pertinenze nel XIII secolo, da Zonca 1988 Documenti testimoniano che nel XIV secolo sul territorio gestito dal monastero risultano presenti fienili ed edifici in muratura nei quali si ricovera il bestiame; il mulino è testimoniato, invece, a partire dal XIII secolo figura n

10 figura n. 47 l area di proprietà dell abbazia nel XIV secolo, con le radure e le strutture di pertinenza, da Zonca 1996, p.65 Alcune di queste strutture sopravvivono tuttora, anche se talvolta piuttosto pesantemente rimaneggiate. Fra le altre citiamo la Cascina Plazza (realizzata all inizio del XIV secolo figura n. 48-) realizzata in un area a prato definita Placea Absconsa (radura nascosta), la località Plazareto con le strutture sui luoghi degli antichi fienili in muratura (inizi XIV secolo), l ampia struttura denominata Stalù di Frà in località Gatti di Abbazia (inizi XIV secolo), che comprendeva un ampia stalla corredata da fienile e, probabilmente, strutture per l abitazione. 324

11 figura n. 48 Cascina Plazza nella valle del Luio, realizzata all inizio del XIV secolo, da Zonca 1996, p. 64 Riferimenti bibliografici: M. LOCATELLI, P. DA RE, Bergamo nei suoi monasteri storia e arte nei cenobi benedettini della Diocesi di Bergamo, ediz. Il Conventino, Bergamo 1986, pp A, MARTINELLI, La via dei monasteri, in A. RAGIONIERI, A. MARTINELLI, a cura di, L Isola fra Adda e Brembo indagine conoscitiva suio beni culturali e ambientali del territorio dell Isola, Gorle (Bergamo) 1988, pp A. ZONCA, Gli uomini e le terre dell Abbazia San Benedetto di Vallalta (secoli XII XIV), Comune di Bergamo (Civica Biblioteca A. Mai) Comune di Albino (Raccolte Civiche di Storia e Arte), 1998 A. ZONCA, L alto Medioevo, l età delle signorie locali, l età comunale, l età viscontea, in A. BELOTTI, G. O. BRAVI, P.M. SOGLIAN, Storia delle terre di Albino volume I, Le età, 1996 Brescia, pp

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM 28-11-2011 0:18 Pagina 125 Parte seconda Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

DOTT. ARCHITETTO CESARE ROTA NODARI. COMUNE DI CORNA IMAGNA Via Finilgarello, 9 24030 Corna Imagna (Bergamo)

DOTT. ARCHITETTO CESARE ROTA NODARI. COMUNE DI CORNA IMAGNA Via Finilgarello, 9 24030 Corna Imagna (Bergamo) DOTT. ARCHITETTO CESARE ROTA NODARI 24030 ALMENNO SAN BARTOLOMEO (BG) / VIA G. FALCONE, 1 / TEL./ FAX 035/540020 E-MAIL: crnarch@tiscalinet.it / COD. FISC. : RTN CSR 35D11 A216P / PARTITA IVA 00041690165

Dettagli

UN ESEMPIO DI TURISMO RELIGIOSO: LA VIA FRANCIGENA

UN ESEMPIO DI TURISMO RELIGIOSO: LA VIA FRANCIGENA UN ESEMPIO DI TURISMO RELIGIOSO: LA VIA FRANCIGENA Nei tempi antichi i pellegrini partivano per i pellegrinaggi con una lettera del parroco o del vescovo che attestava la loro intenzione di compiere un

Dettagli

TOcCARE SUMMER SCHOOL 2015 CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA CORSI SETTIMANALI

TOcCARE SUMMER SCHOOL 2015 CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA CORSI SETTIMANALI Protocollo d intesa con il Comune di Milano SUMMER SCHOOL 2015 CORSI SETTIMANALI 1-27 giugno 6-18 luglio 24 agosto-5 settembre 9.00-12.00 / 13.00-17.00 TOcCARE CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA

Dettagli

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Fig. 1 Foto aerea del 1924 Il deposito ha avuto un ruolo importante nelle

Dettagli

Montemagno: cenni storici

Montemagno: cenni storici Montemagno: cenni storici Il paese di Montemagno ha molto probabilmente origini romane piuché si conoscce l esistenza di un villaggio, Manius, presente su questo territorio. Le prime testimonianze scritte

Dettagli

Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale

Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale Scheda N : 140 Oggetto: SIPE NOBEL modificata in seguito alle osservazioni Vincoli

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

CHIGIANO IL BORGO ROSA

CHIGIANO IL BORGO ROSA CHIGIANO IL BORGO ROSA Un angolo di serenità tra le colline marchigiane Vista del borgo dalla strada provinciale Siamo nelle Marche, tra le colline dell Appennino, a 40 minuti dal mare Adriatico e altrettanti

Dettagli

INDICE. San Maurizio... p. 2. Costi attività didattiche...p. 5. Dove sono i musei e i siti p. 5. Il Museo per gli Insegnanti...p.

INDICE. San Maurizio... p. 2. Costi attività didattiche...p. 5. Dove sono i musei e i siti p. 5. Il Museo per gli Insegnanti...p. INDICE San Maurizio....... p. 2 Costi attività didattiche........p. 5 Dove sono i musei e i siti p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni e Prenotazioni..... p. 7 Pubblicazioni...... p. 8

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo la Famiglia ATO Puglia approda a Cercemaggiore (CB) alla ricerca di spiritualità e felicità interiore ma sopratutto a scoperto una bellissima storia che ha confortati i cuori dei partecipanti. Si ringrazia

Dettagli

18 Motoincontro Internazionale. 6 7-8 giugno 2014 Isola Polvese Lago Trasimeno (PG) Italia

18 Motoincontro Internazionale. 6 7-8 giugno 2014 Isola Polvese Lago Trasimeno (PG) Italia 6 7-8 giugno 2014 Isola Polvese Lago Trasimeno (PG) Italia Organizzato dal Moto Club Jarno Saarinen di Petrignano d Assisi Perugia (Italia) In occasione di questo grande appuntamento di Amicizia Internazionale,

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA

L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA Beni culturali SCHEDA DI DOCUMENTAZIONE N 13 L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA Posizione Si trova in contrada Omerelli, all estremità nord del centro storico di San Marino. Epoca Risale ai secoli XVI e XVII.

Dettagli

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE Con il Patrocinio di:» Le Delegazioni FAI della Regione Molise ringraziano Controllare

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE PER LA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE PER LA PROGETTAZIONE DOCUMENTO PRELIMINARE PER LA PROGETTAZIONE PREMESSA - NECESSITÀ E OPPORTUNITÀ DELLA REALIZZAZIONE DEL COMPLESSO RELIGIOSO Oggetto del bando di concorso è la progettazione finalizzata alla realizzazione

Dettagli

Cercando i riusi 01. www.archeologiametodologie.com. Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010:

Cercando i riusi 01. www.archeologiametodologie.com. Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010: Cercando i riusi 01 Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010: 2010: Nicoletta Balistreri SAN SALVATORE A SIRMIONE (BS) UN CIPPO REIMPIEGATO COME BLOCCO NELLA FONDAZIONE

Dettagli

San Pietro di Feletto e i suoi dintorni. Arte e Cultura

San Pietro di Feletto e i suoi dintorni. Arte e Cultura San Pietro di Feletto e i suoi dintorni Arte e Cultura Millenaria Pieve di San Pietro La Pieve di San Pietro, eretta intorno all anno Mille, è uno scrigno d arte e di storia. L ampio porticato ed il campanile

Dettagli

Le aree europee orientali nel Tre-Quattrocento1

Le aree europee orientali nel Tre-Quattrocento1 Vittorio Franchetti Pardo Le aree europee orientali nel Tre-Quattrocento Illustrazioni Uno dei castelli che marca la presenza dell Ordine Teutonico nei territori russi (da V. Kostosin, Architettura russa

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore VACCARI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 12 MARZO 2009 Disposizioni per la valorizzazione del Santuario dei SS. Vittore

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato

Le organizzazioni di volontariato ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Le organizzazioni di volontariato Requisiti per diventare organizzazione di volontariato...17 Il registro regionale delle organizzazioni di volontariato:...18 Procedura per

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

Sommario. Introduzione... 2. Capitolo III... Errore. Il segnalibro non è definito.

Sommario. Introduzione... 2. Capitolo III... Errore. Il segnalibro non è definito. Sommario Introduzione... 2 Capitolo I... Errore. Il segnalibro non è La storia del monastero... Errore. Il segnalibro non è 1.1 Le origini... Errore. Il segnalibro non è 1.2 I primi documenti in cui è

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO del PRESIDENTE della REPUBBLICA 4 febbraio 2005, n. 78 - Esecuzione dell'intesa tra il Ministro per i beni e le attività culturali ed il Presidente della Conferenza episcopale italiana, firmata

Dettagli

CURA E CULTURA. Il patrimonio storico artistico dell ASL VC. CONFERENZA 28 novembre 2014 CUNEO. Federico Gallo Direttore Generale

CURA E CULTURA. Il patrimonio storico artistico dell ASL VC. CONFERENZA 28 novembre 2014 CUNEO. Federico Gallo Direttore Generale CURA E CULTURA Il patrimonio storico artistico dell ASL VC Federico Gallo Direttore Generale CONFERENZA 28 novembre 2014 CUNEO Patrimonio Storico ASL Vercelli PATRIMONIO IMMOBILIARE CASCINE FABBRICATI

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

Castelmagno Santuario di San Magno Apertura: Note: Breve descrizione: Museo etnografico Muzeou dal travai d isi Apertura: Note: Breve descrizione:

Castelmagno Santuario di San Magno Apertura: Note: Breve descrizione: Museo etnografico Muzeou dal travai d isi Apertura: Note: Breve descrizione: Castelmagno Santuario di San Magno Via Don Mascarello 1 0171-986178 www.sanmagno.net Apertura: area sempre visitabile; edificio: giugno/settembre (solo domenica) e luglio/agosto (tutti i giorni) Note:

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico SEZIONE 1 - LOCALIZZAZIONE SCHEDA DI INDAGINE N. 3 Frazione

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

COPIA Delibera di Consiglio Comunale

COPIA Delibera di Consiglio Comunale COPIA Delibera di Consiglio Comunale N. 69 DEL 27/12/2013 OGGETTO: LEGGE REGIONALE 30 LUGLIO 2013, N 15 "SEMPLIFICAZIONE DELLA DISCIPLINA EDILIZIA". INDIVIDUAZIONE DELLE AREE, AI SENSI DELL'ART. 13.4,

Dettagli

PGT. 16 PdS. Piano dei Servizi. Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA

PGT. 16 PdS. Piano dei Servizi. Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI GERENZAGO PROVINCIA DI PAVIA PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 16 PdS Piano dei Servizi Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI

Dettagli

Lingua e Storia dell'arte

Lingua e Storia dell'arte Lingua e Storia dell'arte Una completa immersione nella lingua italiana, nell'arte, nella storia e nella cultura italiana Il corso completo si articola in due settimane: la prima sarà dedicata al Medioevo,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 26/E. Roma, 6 marzo 2015

RISOLUZIONE N. 26/E. Roma, 6 marzo 2015 RISOLUZIONE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica applicabilità delle agevolazioni in materia di piccola proprietà contadina alle pertinenze dei terreni

Dettagli

Speciale Gruppi 2 0 1 5

Speciale Gruppi 2 0 1 5 La Nostra Toscana Chianti Valdarno Casentino Firenze Speciale Gruppi 2 0 1 5 In collaborazione con Informazioni e prenotazioni Mazzanti Viaggi - La Montagna Fiorentina Srl Via Kennedy, 5 50066 Reggello

Dettagli

Fattoria Didattica Progetto Scuola 2008

Fattoria Didattica Progetto Scuola 2008 Fattoria Didattica Progetto Scuola 2008 via Brescia, 91 Rodengo Saiano (BS) telefono 030610241 CASCINA LA BENEDETTA Ai piedi delle verdi colline della Franciacorta, nei terreni che circondano e che da

Dettagli

di Carlo Torretta - Componente il Gruppo di Lavoro Operativo Permanente del sito UNESCO Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia.

di Carlo Torretta - Componente il Gruppo di Lavoro Operativo Permanente del sito UNESCO Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia. di Carlo Torretta - Componente il Gruppo di Lavoro Operativo Permanente del sito UNESCO Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia. 1. Introduzione La conservazione e valorizzazione dei sette Sacri Monti

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Storia della Catalogazione in Italia. Prof. Francesco Morante

Storia della Catalogazione in Italia. Prof. Francesco Morante Storia della Catalogazione in Italia Prof. Francesco Morante Origini della catalogazione Le prime disposizioni legislative legate alla catalogazione dei beni culturali sorgono per la necessità di limitare

Dettagli

VERSO IL RESTAURO DELLA CHIESA DI S. MARIA DEL QUARTIERE

VERSO IL RESTAURO DELLA CHIESA DI S. MARIA DEL QUARTIERE VERSO IL RESTAURO DELLA CHIESA DI S. MARIA DEL QUARTIERE LA FONDAZIONE CARIPARMA PER IL PATRIMONIO ARTISTICO E MONUMENTALE DELIBERATI SINO AD OGGI 59 MILIONI DI EURO Credo sia ormai un concetto condiviso,

Dettagli

ARCHITETTO VERONICA ROSSI

ARCHITETTO VERONICA ROSSI ARCHITETTO VERONICA ROSSI GENERALITA Nata a Bergamo il 9 Maggio 1976 Residente a Valbrembo in Via Elia Moroni 8/C e.mail:info@veronicarossi.it codice fiscale RSS VNC 76E49A794R P.IVA: 03373530165 Iscritta

Dettagli

Intesa relativa alla tutela dei beni culturali di interesse religioso appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche

Intesa relativa alla tutela dei beni culturali di interesse religioso appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche Intesa relativa alla tutela dei beni culturali di interesse religioso appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche Il Card. Camillo Ruini, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, e l On. Giuliano

Dettagli

CITTA DI GIAVENO Provincia di Torino

CITTA DI GIAVENO Provincia di Torino CITTA DI GIAVE Provincia di Torino CRITERI APPLICATIVI DELLE DISPOZIONI LEGISLATIVE VIGENTI PER L ASSEGNAZIONE FONDI PER RISTRUTTURAZIONI E MANUTENZIONI AD EDIFICI DI CULTO (L. 07.03.1989 n 15 e s.m.i.)

Dettagli

BENI CULTURALI E RELATIVI PROVVEDIMENTI DI TUTELA AI SENSI DEL DLGS N. 42/2004 E DELLA PRECEDENTE NORMATIVA (1)

BENI CULTURALI E RELATIVI PROVVEDIMENTI DI TUTELA AI SENSI DEL DLGS N. 42/2004 E DELLA PRECEDENTE NORMATIVA (1) COMUNE DI GUBBIO (PG) 1 2 3 LOCALITA'- INDIRIZZO PIAZZA VITTORIO EMANUELE 3 DENOMINAZIONE DEL BENE ANTICA ABBAZIA DI ALFIOLO POI ANTICA ABBAZIA DI ALFIOLO POI PROVVEDIMENTO DI TUTELA DIRETTA DEL 08/06/1911

Dettagli

Cascina Peltraio Cremella Lecco - Italia Trattative riservate

Cascina Peltraio Cremella Lecco - Italia Trattative riservate Cascina Peltraio nel cuore della Brianza! Cremella Lecco - Italia Trattative riservate Il complesso è costituito da Terreni e fabbricati attualmente di proprietà di un privato utilizzato come residenza.

Dettagli

Bergamo e la Val Seriana

Bergamo e la Val Seriana Bergamo e la Val Seriana 15 17 luglio 2016 La ciclovia della Val Seriana Si sviluppa sul fondovalle lungo il corso del fiume Serio. Si tratta di una vera e propria strada bianca (tranne alcuni brevi tratti

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA 34 REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 15/I93197/2003 P.G. NELLA SEDUTA DEL 02/02/2004 Art. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Lo scrivente Ufficio Lavori Pubblici è stato incaricato dall Amministrazione Comunale della progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva dei lavori di ristrutturazione

Dettagli

TORRE CELERI TORRE MAGNONI TORRE FEDERICI

TORRE CELERI TORRE MAGNONI TORRE FEDERICI Il paese di Malonno si trova a cavallo della media e alta Valle Camonica, dista 92 Km da Brescia e sorge a596 m. s.l.m. Le popolazione, che consiste in 3350 abitanti è dislocata, oltre che nel capoluogo,

Dettagli

COMUNE DI BORGHI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000

COMUNE DI BORGHI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 PROVINCIA DI FORLI'-CESENA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE COMUNE DI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 DISCIPLINA PARTICOLAREGGIATA DEGLI INSEDIAMENTI E INFRASTRUTTURE STORICI

Dettagli

SANTO STEFANO DI CAMASTRA

SANTO STEFANO DI CAMASTRA COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA Provincia di Messina PROGETTO ESECUTIVO PER I LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DEGLI SPAZI DEL SENSO CIVICO PON FESR SICUREZZA E SVILUPPO - OBIETTIVO CONVERGENZA 2007/2013

Dettagli

22 agosto 2009. Mirabella Eclano. Archeotour. La vita quotidiana. Un giorno ad Aeclanum.

22 agosto 2009. Mirabella Eclano. Archeotour. La vita quotidiana. Un giorno ad Aeclanum. 22 agosto 2009 Mirabella Eclano La vita quotidiana. Un giorno ad Aeclanum. La visita propone l incontro con la storia avvicinandosi al quotidiano, scoprendo come si viveva. Il percorso muove dalla visita

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

ALTO MOLISE. Viaggio tra Cultura, Arte, Storia, Tradizioni e Natura

ALTO MOLISE. Viaggio tra Cultura, Arte, Storia, Tradizioni e Natura ALTO MOLISE Viaggio tra Cultura, Arte, Storia, Tradizioni e Natura Il Molise, piccola e suggestiva regione dell'italia meridionale, è costituito in prevalenza da rilievi montagnosi e collinari e da 35

Dettagli

progetto realizzato da Associazione Progetti e Regie con il contributo professionale di Associazione Muse Infoarte

progetto realizzato da Associazione Progetti e Regie con il contributo professionale di Associazione Muse Infoarte Romanico Brescia percorsi ed itinerari del Romanico bresciano portale web con il sostegno della Provincia di Brescia attraverso la legge 9/93 della Regione Lombardia progetto realizzato da Associazione

Dettagli

Abitare e lavorare in centro a Salsomaggiore. residenziale e commerciale

Abitare e lavorare in centro a Salsomaggiore. residenziale e commerciale Abitare e lavorare in centro a Salsomaggiore residenziale e commerciale Nel pieno centro di Salsomaggiore, di fianco alle Terme Berzieri, fu prima convento dei Frati Serviti e poi Grande Albergo residenziale

Dettagli

Arch. Carlo Adolfo Giani via Rimembranze, 6 Mapello tel. 035.909010 CURRICULUM PROFESSIONALE. fax. 1786047462

Arch. Carlo Adolfo Giani via Rimembranze, 6 Mapello tel. 035.909010 CURRICULUM PROFESSIONALE. fax. 1786047462 Arch. Carlo Adolfo Giani via Rimembranze, 6 Mapello tel. 035.909010 CURRICULUM PROFESSIONALE fax. 1786047462 Nato a Bergamo il 26.08.1957, con studio a Mapello via Rimembranze n. 6 residente a Mapello

Dettagli

Covelli Silvia FORMAZIONE. 2001 Qualifica: Collaboratore Dei Beni Culturali come da D.L. n 420 del 24 Ottobre 2001 e successive modifiche

Covelli Silvia FORMAZIONE. 2001 Qualifica: Collaboratore Dei Beni Culturali come da D.L. n 420 del 24 Ottobre 2001 e successive modifiche 2002 Inizio dell attività come Ditta Individuale Covelli Silvia FORMAZIONE 2001 Qualifica: Collaboratore Dei Beni Culturali come da D.L. n 420 del 24 Ottobre 2001 e successive modifiche 1993 2002 Assunta

Dettagli

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale Forum Bologna. Città che cambia. I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale 6. L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Bologna aprile 2005 Indice 1. LE ABITAZIONI IN COMPLESSO...1 2. LE

Dettagli

Borgo di Santa Lucia a Monte. Localizzazione e Toponomastica

Borgo di Santa Lucia a Monte. Localizzazione e Toponomastica Borgo di Santa Lucia a Monte Numero Scheda: E027 Autore: Arch. Cinzia Bartolozzi Data: 30/01/2006 Localizzazione e Toponomastica Comune: Prato Denominazione: Santa Lucia in Monte Area Protetta: Anpil Monteferrato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI Il Museo civico è, lo specchio della storia sociale, economica, culturale, religiosa ed artistica del territorio cuneese. Il suo patrimonio

Dettagli

Gaetano Arricobene Architetto

Gaetano Arricobene Architetto INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIAPERTURA DELLA CRIPTA SACRO MONTE DI VARESE Varese, 29 settembre 2014 Committente: Parrocchia di Santa Maria del Monte via Assunzione, 21-21100 Varese Finanziatori: IL PROGETTO

Dettagli

Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA

Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile

Dettagli

Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario

Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario Itinerario Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario e salvatico ed è troppo bene atto a chi

Dettagli

GUIDE TURISTICHE G.I.A. ASCOM

GUIDE TURISTICHE G.I.A. ASCOM Con il sostegno di ==============================comunicato stampa Torino, 14 febbraio 2013 GUIDE TURISTICHE G.I.A. ASCOM DOMENICA 17 FEBBRAIO TOUR GUIDATI E GRATUITI CON LE GUIDE TURISTICHE DELL ASCOM

Dettagli

COMUNE DI CIVITELLA DI ROMAGNA

COMUNE DI CIVITELLA DI ROMAGNA COMUNE DI PIANO STRUTTURALE COMUNALE Censim ento degli edifici storici Legge regionale 24 marzo 2000, n. 20 Disciplina generale sulla tutela e l'uso del territorio Provincia di Forlì-Cesena SCHEDE DI ANALISI

Dettagli

EDILIZIA PER RISTRUTTURAZIONI E RESTAURI

EDILIZIA PER RISTRUTTURAZIONI E RESTAURI EDILIZIA PER RISTRUTTURAZIONI E RESTAURI Chiesa del Suffragio - Forlì Manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo della Chiesa del Suffragio Costruita a partire dal 1723 su progetto

Dettagli

USO ATTUALE. Museo, ingresso al parco delle Grotte, punto di ristoro con servizio di bar, sala per conferenze o esposizioni.

USO ATTUALE. Museo, ingresso al parco delle Grotte, punto di ristoro con servizio di bar, sala per conferenze o esposizioni. 2.3 Comune di Valstagna, Oliero, Grotte di Oliero. Cartiera Parolini e area degli antichi opifici. LUOGO. Comune di Valstagna, Grotte di Oliero. OGGETTO. Cartiera Parolini. CATASTO. CRONOLOGIA. Fine XVII

Dettagli

di Amalia Belfiore Torre campanaria sulla parte orientale della navatella destra del Duomo

di Amalia Belfiore Torre campanaria sulla parte orientale della navatella destra del Duomo Sebbene piccola nella sua dimensione, la città di Crema offre grande ricchezza storica, culturale ed artistica, oltre alla tranquillità di un luogo che conserva una dimensione umana. Crema di Amalia Belfiore

Dettagli

La 'Cappella Sistina' di Milano

La 'Cappella Sistina' di Milano IL GALILEO - Anno 5, Numero 8, dicembre 2015 Mensile telematico. www.il-galileo.eu -Direttore responsabile Giuseppe Prunai La 'Cappella Sistina' di Milano San Maurizio, gioiello del Rinascimento lombardo,

Dettagli

LA PRIMA TESTIMONIANZA

LA PRIMA TESTIMONIANZA LA PRIMA TESTIMONIANZA Nonostante che le frequenti emigrazioni ci abbiano impedito di collegare e unire in maniera omogenea i vari nuclei familiari, si può affermare che i Papei vissuti fra la fine del

Dettagli

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13 Scheda N. 347 Deposito Museale archeologico Destinazione Attuale : Deposito Museale di Oppeano Comune Oppeano Localita Via Roma 13 Datazione Unico ambiente ubicato all'interno della Biblioteca comunale

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

Viterbo. www.trekkingurbano.info. www.trekkingurbano.info. A Viterbo un viaggio nell 800 a 150 anni dall unità d Italia

Viterbo. www.trekkingurbano.info. www.trekkingurbano.info. A Viterbo un viaggio nell 800 a 150 anni dall unità d Italia A Viterbo un viaggio nell 800 a 150 anni dall unità d Italia Partendo dalla Chiesa di S. Maria delle Fortezze scendiamo verso Via Garibaldi e Via dei Mille, per proseguire per via della Verità, alla scoperta

Dettagli

Centro Culturale Vita e Pace. Quaderno del volontariato culturale

Centro Culturale Vita e Pace. Quaderno del volontariato culturale Centro Culturale Vita e Pace 97 98 Quindicesimo anniversario della fondazione (1999-2014) Domenica 19 ottobre 2014 nella Chiesa di Santa Maria Maggiore in Borgo Vecchio di Avigliana è stato celebrato il

Dettagli

CITTÀ DI ALZANO LOMBARDO ASSESSORATO PUBBLICA ISTRUZIONE E CULTURA PROPOSTE DI INTERVENTO NELLE SCUOLE DEGLI OPERATORI CULTURALI DI ALZANO LOMBARDO

CITTÀ DI ALZANO LOMBARDO ASSESSORATO PUBBLICA ISTRUZIONE E CULTURA PROPOSTE DI INTERVENTO NELLE SCUOLE DEGLI OPERATORI CULTURALI DI ALZANO LOMBARDO Oggetto: CITTÀ DI ALZANO LOMBARDO ASSESSORATO PUBBLICA ISTRUZIONE E CULTURA PROPOSTE DI INTERVENTO NELLE SCUOLE DEGLI OPERATORI CULTURALI DI ALZANO LOMBARDO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 SCHEDE DI INTERVENTO:

Dettagli

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche 17 SCHEDA DI RILEVAZIONE - COMPLESSO ARCHIVISTICO 2 Codice Ente Codice complesso Qualifica del complesso archivistico uniformata locale

Dettagli

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche.

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo rurale 1.1 Territorio rurale: analisi degli insediamenti e degli edifici isolati di interesse storico Frazione : CAPOLUOGO Toponimo: CHIESA S. BARTOLOMEO

Dettagli

la chiesa come edificio: ieri e oggi

la chiesa come edificio: ieri e oggi m o d u lo 3 la chiesa come edificio: ieri e oggi twitter È necessario costruire nuove chiese quando c'è chi muore di fame? I preti dovrebbero mettersi per strada invece che stare tra quattro mura. Non

Dettagli

La cappella di Santa Teresa di Le Case

La cappella di Santa Teresa di Le Case Elisa Maccioni La cappella di Santa Teresa di Le Case una collettività socio-religiosa in terra toscana (1871-2010) con prefazione di Amleto Spicciani Edizioni ETS www.edizioniets.com Copyright 2013 EDIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO MUSEO LABORATORIO DELLA MENTE ASL ROMA E REGIONE LAZIO. Maggio 2012

REGOLAMENTO MUSEO LABORATORIO DELLA MENTE ASL ROMA E REGIONE LAZIO. Maggio 2012 REGOLAMENTO MUSEO LABORATORIO DELLA MENTE ASL ROMA E REGIONE LAZIO Maggio 2012 Il museo denominato Museo Laboratorio della Mente (d ora in avanti MLM) con sede a Roma Piazza S. Maria della Pietà n.5, Padiglione

Dettagli

COMUNE DI TORRI CONSISTENZA PATRIMONIO IMMOBILIARE ATTIVITA' TURISTICHE RIFERIMENTO SCHEDA EDIFICIO N

COMUNE DI TORRI CONSISTENZA PATRIMONIO IMMOBILIARE ATTIVITA' TURISTICHE RIFERIMENTO SCHEDA EDIFICIO N COMUNE DI TORRI CONSISTENZA PATRIMONIO IMMOBILIARE ATTIVITA' TURISTICHE RIFERIMENTO SCHEDA EDIFICIO N 32 INDIVIDUAZIONE EDIFICIO SU STRALCIO P.R.G. scala 1:2000 1 DENOMINAZIONE: Hotel Al Caminetto UBICAZIONE:

Dettagli

COMUNE DI FORESTO SPARSO

COMUNE DI FORESTO SPARSO 1 CHIESA PARROCCHIALE S. MARCO EVANGELISTA Via Roma Ente pubblico Privato X X Adeguata X Libera X Edificata su un precedente edificio religioso (risalente circa al 1337). La nuova chiesa, consacrata nel

Dettagli

Ampliamento del cimitero di Ponte Sesto a Rozzano

Ampliamento del cimitero di Ponte Sesto a Rozzano 04_09_CIL79_Aldo Rossi 26-01-2001 15:21 Pagina 4 Progetti Cecilia Bolognesi Le prime volte saremo destinati a cercarlo a lungo, sfrecciando sulla tangenziale che lo lambisce a sud di Milano, con lo sguardo

Dettagli

PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE

PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE Rif 698 - CASTELLO PIACENTINO Trattativa Riservata PIACENZA: CASTELLO IN VENDITA DA RESTAURARE Piacenza - Piacenza - Emilia-Romagna www.romolini.com/it/698 Superficie: 3150 mq Terreno: 5 ettari Camere:

Dettagli

Introduzione Divisione della curtis: -Pars dominica -Pars massaricia. Obbligo dei contadini. La signoria fondiaria. Un economia aperta

Introduzione Divisione della curtis: -Pars dominica -Pars massaricia. Obbligo dei contadini. La signoria fondiaria. Un economia aperta Introduzione Divisione della curtis: -Pars dominica -Pars massaricia Obbligo dei contadini Residenza del signore: il castello Giornata tipo del contadino La signoria fondiaria Un economia aperta Il mondo

Dettagli

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1 UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1 E BOX AUTO SITO IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, n.2 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELLE UNITÀ

Dettagli

PGT. 16 PdS CORANA SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI. Fascicolo. Piano dei Servizi

PGT. 16 PdS CORANA SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI. Fascicolo. Piano dei Servizi COMUNE DI CORANA PROVINCIA DI PAVIA PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 005, n 1 16 PdS Piano dei Servizi Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI SINDACO

Dettagli

NON SOLO BRERA ITINERARI CITTADINI PER CONOSCERE LA NOSTRA CITTÀ

NON SOLO BRERA ITINERARI CITTADINI PER CONOSCERE LA NOSTRA CITTÀ I percorsi in città proposti dalla Sezione Didattica dell Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi possono essere modulati secondo le esigenze del docente. È possibile organizzare visite guidate

Dettagli

PIERO DELLA FRANCESCA: NEL CUORE DELL ITALIA RINASCIMENTALE

PIERO DELLA FRANCESCA: NEL CUORE DELL ITALIA RINASCIMENTALE PIERO DELLA FRANCESCA: NEL CUORE DELL ITALIA RINASCIMENTALE TOUR 3 GIORNI 2 NOTTI: Primo giorno: Rimini / Urbino Arrivo a Rimini con mezzi propri. Nel primo pomeriggio, incontro con guida locale parlante

Dettagli

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala A, piano terra, int. 2

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala A, piano terra, int. 2 UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala A, piano terra, int. 2 E POSTO AUTO SCOPERTO SITO IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala A, piano terra, int.1 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE

Dettagli

PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12

PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 COMUNE DI BASTIDA PANCARANA PROVINCIA DI PAVIA PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 16 PdS Piano dei Servizi Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI

Dettagli

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA C a l e n da r i o 2 0 1 2 Nel 1481 il neoeletto vescovo di Pavia, Ascanio Sforza, presentò un progetto di ampliamento e rinnovo delle due cattedrali gemelle di Santo Stefano

Dettagli

Centro Storico di Caltanissetta

Centro Storico di Caltanissetta Centro Storico di Caltanissetta L antica città sicana, Caltanissetta, ha il suo centro in Piazza Garibaldi, prima dell Unità d Italia Piazza Ferdinandea in onore al Re Ferdinando II di Borbone È qui che

Dettagli

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014 LA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA ORVIETO Un po di storia La collezione Faina si formò nel 1864, ad opera di due esponenti importanti della famiglia: i conti Mauro ed Eugenio. Secondo una tradizione

Dettagli