REGIME TRIBUTARIO DEI DIVIDENDI DI FONTE ESTERA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIME TRIBUTARIO DEI DIVIDENDI DI FONTE ESTERA"

Transcript

1 Appunti sul trattamento fiscale dei dividendi distribuiti da societa estera (non residente in paesi a fiscalità privilegiata) REGIME TRIBUTARIO DEI DIVIDENDI DI FONTE ESTERA Giandomenico Andreetta San Fior settembre Rev. 10 Agosto 2014

2 SOMMARIO SOMMARIO...1 DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETA ESTERA (non residente in paesi a fiscalità privilegiata)...2 Generalità...2 Imposta sostitutiva sui redditi di capitale di fonte estera...3 Assimilazione dei titoli partecipativi esteri alle azioni...3 Determinazione dell imponibile degli utili di partecipazione (compresi i dividendi)...3 Partecipazioni qualificate e non qualificate...4 La remunerazione dei titoli partecipativi/quote deve essere indeducibile dal reddito del soggetto erogante...4 Regime dei dividendi percepiti da persone fisiche non imprenditori...4 La ritenuta del 26%...4 Partecipazioni qualificate...5 Partecipazione non qualificate...6 Confronto tra le imposte sugli utili esteri derivanti dal possesso di partecipazioni qualificate e non qualificate (esempio)...6 Regime dei dividendi percepiti da soggetti Ires...7 ALTRE IMPOSTE SULLE PARTECIPAZIONI ESTERE...8 Ivafe (cenni)...8 APPENDICE...9 Fisconline risponde: I DIVIDENDI DALL'AUSTRIA...9 L esperto risponde: IL RESIDENTE ITALIANO SOCIO DI UNA SOCIETA TEDESCA

3 DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETA ESTERA (non residente in paesi a fiscalità privilegiata) Generalità In linea generale, i dividendi provenienti da società estere sono tassati similmente ai dividendi distribuiti da società residenti 1. Come si vedrà nel prosieguo, la disciplina degli utili da partecipazione estere in entrata qui commentata trova applicazione a condizione che l utile derivante dalla partecipazione al capitale o al patrimonio della società non residente sia totalmente indeducibile 2 nella determinazione del reddito nello Stato estero di residenza del soggetto emittente. 3 A questo proposito, l Agenzia delle entrate, nella circolare n. 4/E del 18 gennaio 2006, ha ritenuto che possa valere una semplice attestazione della società emittente. L Agenzia ha, inoltre, precisato che il soggetto sul quale grava l obbligo di acquisire la predetta documentazione ai fini della qualificazione del reddito è il sostituto d imposta che interviene nella riscossione del provento dall estero; sempre secondo l Agenzia, nel caso in cui l intermediario manchi ovvero le remunerazioni siano percepite direttamente all estero, il contribuente è tenuto a richiedere e conservare la documentazione ai fini della corretta tassazione in sede di presentazione della dichiarazione dei redditi. Nonostante, in un successivo paragrafo, venga riepilogato anche il regime tributario dei dividendi percepiti da soggetti passivi dell Ires, in questa dispensa viene dato maggior spazio al trattamento tributario dei dividendi di fonte estera percepiti da persone fisiche non imprenditori; detti dividendi scontano la famosa ritenuta d ingresso di cui al quarto comma dell art del Dpr 600/ I dividendi delle partecipazioni qualificate distribuiti da soggetto residente non sono, tuttavia, soggetti alla ritenuta d acconto. 2 In buona sostanza, gli importi distribuiti non devono avere natura di interesse. 3 (Sic) Art. 44, secondo comma, lettera a), ultimo periodo, del Dpr 22/12/1986, n. 917 (Tuir), richiamato, ai fini della ritenuta d imposta sui dividendi non qualificati, dal co. 4 dell art. 27 del DPR 600/1973 e dall art. 89 terzo comma Tuir per i dividenti in regime di reddito d impresa Sulle remunerazioni corrisposte a persone fisiche residenti relative a partecipazioni al capitale o al patrimonio, titoli e strumenti finanziari di cui all'articolo 44, comma 2, lettera a), ultimo periodo, del testo unico delle imposte sui redditi e a contratti di cui all'articolo 109, comma 9, lettera b), del medesimo testo unico, in cui l'associante è soggetto non residente, non qualificati ai sensi della lettera c-bis) del comma 1, dell'articolo 67 del testo unico e non relativi all'impresa ai sensi dell'articolo 65 dello stesso testo unico, è operata una ritenuta del 12,50 per cento (tale ritenuta è stata aumentata dapprima al 20% e, dal 1 luglio 2014, al 26%) a titolo d'imposta dai soggetti di cui al primo comma dell'articolo 23 che intervengono nella loro riscossione. La ritenuta è operata a titolo d'acconto: a) sulla quota imponibile delle remunerazioni corrisposte da soggetti non residenti in relazione a partecipazioni al capitale o al patrimonio, titoli e strumenti finanziari e a contratti di cui alla lettera c) del comma 1 dell'articolo 67 del citato testo unico (ndr: partecipazioni qualificate ), non relativi all'impresa ai sensi dell'articolo 65; 2

4 Per comprendere correttamente il trattamento tributario dei dividendi di fonte estera è necessario, preliminarmente, considerare alcune fondamentali disposizioni contenute nel Tuir 5 : nell ordine, le disposizioni degli articoli 18, primo comma, 44, 1 e 2 comma, 47, 67 e 109, comma 9. Imposta sostitutiva sui redditi di capitale di fonte estera L art. 18 del Tuir prevede l applicazione di una imposta sostitutiva con la stessa aliquota della ritenuta a titolo d'imposta, per i redditi di capitale (di fonte estera) corrisposti da soggetti non residenti a soggetti residenti nei cui confronti si applicherebbe la ritenuta a titolo di imposta qualora il soggetto erogatore fosse residente in Italia, Di norma, il contribuente ha la facoltà di non avvalersi del regime di imposizione sostitutiva ed in tal caso gli compete il credito d'imposta per i redditi prodotti all'estero; tuttavia, tale facoltà non si applica alle distribuzioni di utili di cui all'articolo 27, quarto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600 (dividendi esteri su partecipazioni non qualificate). Assimilazione dei titoli partecipativi esteri alle azioni L art. 44, comma 1, del Tuir, lett. e), definisce come redditi di capitale gli utili derivanti dalla partecipazione al capitale o al patrimonio di società ed enti soggetti all'imposta sul reddito delle società. Il successivo secondo comma 2, lett. a), ai fini delle imposte sui redditi, considera similari alle azioni, i titoli e gli strumenti finanziari emessi dalle società ed enti di cui all'articolo 73, comma 1, lettera d) (le società e gli enti di ogni tipo non residenti nel territorio dello Stato), la cui remunerazione è costituita totalmente dalla partecipazione ai risultati economici della società emittente a condizione che la relativa remunerazione sia totalmente indeducibile nella determinazione del reddito nello Stato estero di residenza del soggetto emittente; esso prevede anche che, a tale fine, l'indeducibilità deve risultare da una dichiarazione dell'emittente stesso o da altri elementi certi e precisi. Determinazione dell imponibile degli utili di partecipazione (compresi i dividendi) L art. 47 (Utili da partecipazione), primo comma, del Tuir stabilisce che gli utili distribuiti in qualsiasi forma e sotto qualsiasi denominazione dalle società e dagli enti indicati nell art. 73 b) sull'intero importo delle remunerazioni corrisposte, in relazione a partecipazioni, titoli, strumenti finanziari e contratti non relativi all'impresa ai sensi dell'articolo 65, da società ed enti residenti in Paesi o territori a regime fiscale privilegiato di cui al decreto ministeriale emanato ai sensi dell'articolo 167, comma 4, del citato testo unico salvo che la persona fisica dimostri al soggetto che interviene nella riscossione che, a seguito dell'esercizio di interpello secondo le modalità del comma 5, lettera b), dello stesso articolo 167, sono rispettate le condizioni di cui alla lettera c) del comma 1, dell'articolo 87 del citato testo unico. La disposizione del periodo precedente non si applica alle partecipazioni, ai titoli e agli strumenti finanziari di cui all'articolo 44, comma 2, lettera a), ultimo periodo, emessi da società i cui titoli sono negoziati nei mercati regolamentati. La ritenuta è, altresì, operata sull'intero importo delle remunerazioni relative a contratti stipulati con associanti non residenti che non soddisfano le condizioni di cui all'articolo 44, comma 2, lettera a), ultimo periodo. c) 5 Dpr 22/12/1986, n

5 concorrono alla formazione del reddito imponibile complessivo limitatamente al 40 per cento del loro ammontare; per i dividendi tratti dagli utili prodotti a partire dal 2008, quando l aliquota dell Ires è stata ridotta al 27,5%, la percentuale imponibile è stata aumentata al 49,72. Partecipazioni qualificate e non qualificate L art. art. 67 del Tuir considera quali redditi diversi, se non costituiscono redditi di capitale ovvero se non sono conseguiti nell'esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, tra le altre, le plusvalenze realizzate mediante cessione a titolo oneroso: alla lettera c): di partecipazioni qualificate (azioni e partecipazioni al capitale od al patrimonio che rappresentino, complessivamente, una percentuale di diritti di voto esercitabili nell'assemblea ordinaria superiore al 2 o al 20 per cento ovvero una partecipazione al capitale od al patrimonio superiore al 5 o al 25 per cento, secondo che si tratti di titoli negoziati in mercati regolamentati o di altre partecipazioni); alla lettera c-bis): di partecipazioni non qualificate (azioni e partecipazioni al capitale od al patrimonio che non rappresentino le percentuali indicate i sensi della lettera c). La remunerazione dei titoli partecipativi/quote deve essere indeducibile dal reddito del soggetto erogante L art. 109, comma 9, del Tuir, precisa, con riguardo al reddito d impresa dei soggetti Ires residenti in Italia, che non è deducibile ogni tipo di remunerazione dovuta: a) su titoli, strumenti finanziari comunque denominati, di cui all'articolo 44, per la quota di essa che direttamente o indirettamente comporti la partecipazione ai risultati economici della società emittente ; b) relativamente ai contratti di associazione in partecipazione ed a quelli di cui all'articolo 2554 (contratti di cointeressenza) del codice civile allorché sia previsto un apporto diverso da quello di opere e servizi. Regime dei dividendi percepiti da persone fisiche non imprenditori La ritenuta del 26% Il quarto comma dell articolo 27 del Dpr 600/1973, stabilisce che sulle remunerazioni (dividendi) 6 erogate da società <di ogni tipo> non residenti (indeducibili nella determinazione del reddito nello Stato estero di residenza del soggetto emittente, in quanto aventi il carattere di partecipazioni agli utili e non di interessi ), corrisposte a persone fisiche residenti non imprenditori, è operata una ritenuta del 26% 7 (precedentemente all 1/01/2012 la ritenuta era del 12,5%; dall 1/01/2012 al 30/06/2014 la ritenuta era del 20%) dai soggetti che intervengono nella loro riscossione. 6 Alla medesima ritenuta sono assoggettate anche le remunerazioni derivanti dai contratti non qualificati di cui all'articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir (contratti di associazione in partecipazione ed a quelli di cui all'articolo 2554 del codice civile allorché sia previsto un apporto diverso da quello di opere e servizi), in cui l'associante è soggetto non residente. 7 D.L n Art. 3 (Disposizioni in materia di redditi di natura finanziaria) 1. Le ritenute e le imposte sostitutive sugli interessi, premi e ogni altro provento di cui all'articolo 44 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e sui redditi diversi 4

6 Come si vedrà nel prosieguo, detta ritenuta opera diversamente a seconda che le partecipazioni siano qualificate (ritenuta d acconto) o non qualificate (ritenuta d imposta). Partecipazioni qualificate Per effetto delle disposizioni del comma 4, lett. a), dell art. 27 del Dpr 600/1973, la suddetta ritenuta è operata a titolo d acconto, in relazioni a partecipazioni qualificate. Va da sé che il dividendo percepito dovrà essere successivamente dichiarato nel modello UNICO. Detta ritenuta non è applicata sull intero dividendo, ma solo sulla quota imponibile (40% o 49,72%) del c.d. netto frontiera. Per netto frontiera, ai sensi del successivo comma 4-bis, art. cit., si intende il dividendo al netto delle ritenute eventualmente applicate dallo Stato estero. Gli stessi dividendi potrebbero, infatti, essere stati assoggettati a ritenuta nel Paese estero; in tal caso al percipiente compete anche un credito d imposta pari all imposta pagata all estero con le regole di cui all art. 165, comma 10, del TUIR, secondo il quale se il reddito prodotto all estero concorre parzialmente alla formazione del reddito complessivo (40 o 49,72%), anche l imposta estera va ridotta in misura corrispondente. La ritenuta d acconto viene applicata dall intermediario (banca) sull importo dell utile al netto delle imposte pagate all estero. A chiarimento, si riporta l esempio contenuto nella circolare n. 26/E del 16 giugno 2004, opportunamente adattato: utile deliberato dalla società emittente pari a 100, con 20 di ritenute estere; la ritenuta (italiana) del 26% deve applicarsi sul 49,72% di 80 (netto frontiera), cioè su 39,78; la ritenuta ammonta, pertanto, a 10,34 (ammontava, invece, a 7,96 nel periodo dall 1/1/2012 al 30/06/2014); il credito d imposta spettante ai sensi dell art. 110 Tuir ammonta al 49,72% della ritenuta estera subita, cioè a 9,94 (ritenuta estera 20 x 49,72% = 9,94). di cui all'articolo 67, comma 1, lettere da c-bis) a c-quinquies), del medesimo testo unico, ovunque ricorrano, sono stabilite nella misura del 26 per cento. 6. La misura dell'aliquota di cui al comma 1 si applica agli interessi, ai premi e ad ogni altro provento di cui all'articolo 44 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, divenuti esigibili e ai redditi diversi, di cui all'articolo 67, comma 1, lettere da c-bis) a c-quinquies), del predetto testo unico realizzati a decorrere dal 1 luglio

7 Partecipazione non qualificate Per effetto del combinato disposto delle disposizioni degli articoli 18 del Tuir e del comma 4, dell art. 27, del Dpr 600/1973, la suddetta ritenuta (ritenuta d ingresso) è operata a titolo d imposta (definitiva), in relazioni a partecipazioni non qualificate, sull intero importo del netto frontiera ; In questo caso, al percipiente non compete il credito d imposta per il recupero (parziale) dell imposta pagata all estero e, pertanto, egli resta inciso dalla doppia tassazione. Riprendendo l esempio del paragrafo precedente, in caso di partecipazione non qualificata, si avrebbe: utile deliberato dalla società emittente pari a 100, con 20 di ritenute estere; la ritenuta del 26% deve applicarsi su 80 (netto frontiera); la ritenuta ammonta, pertanto, a 20,8 (essa ammontava, invece, a 16 nel periodo dall 1/1/2012 al 30/06/2014); non spetta il credito d imposta di cui all art. 110 Tuir. Se i dividendi sono percepiti senza l intervento di un intermediario o quest ultimo non opera la ritenuta, ai sensi del primo comma, primo periodo, dell articolo art. 18 del Tuir, gli stessi dovranno essere assoggettati ad imposta sostitutiva nella misura del 26% mediante compilazione del Quadro RM del Modello UNICO relativo alle Persone fisiche. In pratica, mancando il sostituto d imposta, la tassazione avviene nel modello Unico, attraverso l imposta sostitutiva, in misura perfettamente uguale a quella che il percipiente avrebbe subito con la ritenuta definitiva. Confronto tra le imposte sugli utili esteri derivanti dal possesso di partecipazioni qualificate e non qualificate (esempio) Confrontando tra di loro gli esempi riportati nei due paragrafi che precedono, con importi moltiplicati per 100 (dividendo lordo = ) ed ipotizzata la soggezione all aliquota Irpef marginale del 43%, si evince quanto segue: P. Qualificate P. Non Qualific. Dividendo lordo estero Ritenuta praticata dal Paese estero 20% Netto frontiera Imponibile della ritenuta d ingresso (italiana) Ritenuta d ingresso Credito d imposta Irpef marginale lorda sul divid. estero/imposta sost Totale crediti e ritenute Irpef netta a debito (+) o a credito (-)

8 Dal prospetto che precede risulta evidente quanto la tassazione con imposta sostitutiva (biunivocamente collegata con il possesso di partecipazioni, di piccola taglia, che non superano la soglia della qualificazione) risulti penalizzante per il contribuente; si ricorda, in proposito, che l applicazione dell imposta sostitutiva è obbligatoria, non avendo il contribuente facoltà di rinunciarvi a favore del regime dichiarativo, molto più favorevole anche in presenza di altri redditi di importo elevato Regime dei dividendi percepiti da soggetti Ires In base al terzo comma dell art. 89 del Tuir, se il soggetto percettore è un soggetto IRES il dividendo distribuito dal soggetto non residente di cui all art. 73, comma 1, lett. d), del TUIR, non concorre alla formazione del reddito, in quanto escluso, per il 95% del suo ammontare. Il terzo comma dell art. 89 Tuir precisa che l esclusione del 95% si applica solo se risulta avverata la condizione di cui all art. 44, secondo comma, lettera a) del Tuir, secondo la quale l utile derivante dalla partecipazione al capitale o al patrimonio della società non residente deve essere totalmente indeducibile nella determinazione del reddito nello Stato estero di residenza del soggetto emittente. 7

9 ALTRE IMPOSTE SULLE PARTECIPAZIONI ESTERE Ivafe (cenni) L imposta patrimoniale sul valore delle attività finanziarie detenute all estero (art. 19 L. 214/2011) dovuta dalle persone fisiche residenti in Italia è pari allo 0,2% (l aumento dallo 0,15% allo 0,2% è stato previsto dall art. 1 co. 582 della L. 147/2013, con effetto dal 1 gennaio 2014). Relativamente alle attività finanziarie oggetto di un contratto di amministrazione con una società fiduciaria residente o di custodia, amministrazione o gestione con soggetti intermediari residenti, l'ivafe non è dovuta, in quanto su tali attività viene applicata l'imposta di bollo ordinaria. Tali attività, infatti, non sono considerate come detenute all'estero. 8

10 APPENDICE Fisconline risponde: I DIVIDENDI DALL'AUSTRIA Irpef-Ires (da BD Il Fisco Gruppo Wolters Kluver) Qual è il trattamento fiscale dei dividendi erogati da una società di capitale svolgente attività commerciale con sede in Austria ai seguenti soggetti residenti in Italia: 1. persona fisica non imprenditore che detiene partecipazione qualificata 2. persona fisica non imprenditore che detiene partecipazione non qualificata 3. Srl che detiene partecipazione non qualificata 4. Srl che detiene partecipazione qualificata In considerazione del trattato Italia - Austria Il legislatore fiscale equipara il trattamento dei dividendi di fonte estera e di quelli di fonte italiana. Se percepiti al di fuori del regime d'impresa, entrambi sono sottoposti a una ritenuta del 20%, la quale è a titolo d'acconto se i dividendi sono relativi a partecipazioni qualificate, così come definite dalla lettera c) del comma 1 dell'articolo 67 del TUIR- mentre è a titolo d'imposta in relazione a partecipazioni non qualificate. Come è noto, in Italia, per la persona fisica non imprenditore la tassazione dei dividendi in entrata dipende dalla natura della partecipazione: 1) DIVIDENDI SU PARTECIPAZIONE QUALIFICATA IN SOCIETÀ ESTERE. I dividendi incassati concorrono alla formazione del reddito complessivo per il 49,72% del loro ammontare lordo da imposte estere. Sulla parte imponibile del dividendo, al netto delle ritenute effettivamente applicate all'estero (c.d. "netto frontiera"), i sostituti che intervengono nella loro riscossione in Italia operano una ritenuta d'acconto del 20%. In tal caso si deve precedere all'inserimento del reddito di capitale in dichiarazione (quadro RI). Ai fini dell'applicazione della ritenuta d'acconto, il percettore deve comunicare che si tratta di una partecipazione qualificata, come previsto dal comma 5 dell'articolo 27 del DPR 600/1973. La tassazione, se non effettuata dalla banca italiana al momento dell'incasso, avviene indicando i redditi nella sezione V del quadro RM del modello Unico PF. Come si vedrà in seguito, per le imposte assolte all'estero è previsto, a determinate condizioni, un credito di imposta. 2) DIVIDENDI SU PARTECIPAZIONE NON QUALIFICATA IN SOCIETÀ ESTERE. I dividendi incassati sono soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta del 20% applicata, all'ingresso, sul loro intero importo al netto delle imposte effettivamente pagate all'estero. In tal caso non è previsto l'inserimento in dichiarazione. Qualora i dividendi esteri non qualificati siano incassati senza l'intervento di un intermediario italiano, la tassazione sostitutiva avviene nella dichiarazione (quadro RM del modello Unico PF) applicando la medesima imposta sostitutiva che avrebbe trattenuto la banca all'ingresso (20%). 9

11 3) DIVIDENDI PERCEPITI DA SRL. I dividendi corrisposti a società di capitale ed enti commerciali e quelli corrisposti a enti non commerciali (a cui sono assimilati i trust) non sono soggetti a ritenuta, ma concorrono a formare il reddito complessivo soggetto a IRES nella misura del 5% (esenzione 95%). Dal 6 aprile 1985 fra l'austria e l'italia vige una Convenzione che evita la doppia imposizione. La Convenzione segue il modello OCSE e prevede la deducibilità della tassa pagata nell'altro Stato onde evitare la doppia imposizione e consentire la ripartizione del diritto di tassazione fra i due Stati. I dividendi sono imponibili nello Stato in cui la persona che li percepisce ha la propria residenza. Allo Stato in cui il reddito è prodotto (nel caso di specie l'austria) spetta però il diritto di tassazione limitata che non può superare, nel caso di dividendi, il 15%. In buona sostanza, la convenzione limita la potestà impositiva dello Stato al 15% dei dividendi: la ritenuta eventualmente applicata in uscita dall'austria non può eccedere questa soglia e, se la eccedesse (applicando ad esempio, la ritenuta prevista dalla normativa interna che è pari al 25%), le autorità fiscali austriache sarebbero tenute al rimborso dell'eccedenza. A tal fine il contribuente residente in Italia potrebbe fare richiesta di rimborso della differenza tra l'aliquota convenzionale (15%) e quella applicata (25%), utilizzando il Modello ZS - RE1. La parte di imposta rimborsata sarebbe poi dichiarata come dividendo. Le imposte pagate a titolo definitivo, sino a concorrenza del 15%, possono essere recuperate nello Stato di residenza del beneficiario, quale credito per imposte pagate all'estero, entro i limiti previsti dall'articolo 165 del TUIR. Dato che condizione necessaria per beneficiare del credito di imposta secondo quanto previsto dall'articolo 165 TUIR risulta essere, oltre la verifica del rapporto tra redditi prodotti all'estero e reddito complessivo, la circostanza che le imposte siano state pagate all'estero a titolo definitivo, tale possibilità vale: 1) solo in caso di dividendi provenienti da partecipazioni qualificate, 2) solo qualora il contribuente decida di non avvalersi del regime sostitutivo. Questa opzione non è consentita, come in Italia, per i dividendi su partecipazioni non qualificate che devono obbligatoriamente scontare l'imposta del 20%. --- Il Modello ZS - RE1 è disponibile sul sito internet del Ministero delle Finanze austriaco: 10

12 L esperto risponde: IL RESIDENTE ITALIANO SOCIO DI UNA SOCIETA TEDESCA il L'Esperto risponde (Il Sole 24 Ore) Sono residente in Italia e socio di una Societa` a responsabilita` limitata tedesca. Nel 2004 la societa` produrra` utili che verranno distribuiti. Il commercialista tedesco mi ha avvertito che dovro` presentare la dichiarazione dei redditi in Germania; il commercialista italiano mi ha detto altrettanto per l'italia. Si profila una doppia tassazione degli utili. Quali sono le regole e la prassi da seguire per la dichiarazione dei redditi da attivita` d'impresa prodotti in un Paese Ue (Germania) da un cittadino residente in Italia? [188530] Lettera Firmata - RUESSELSHEIM Come gia` anticipato dal lettore nella formulazione del quesito, in base alla convenzione attualmente in vigore fra Italia e Germania (stipulata a Bonn il 18 ottobre 1989 e ratificata in Italia con legge 24 novembre 1992, n. 459), i dividendi percepiti da un soggetto residente in uno dei due Stati relativamente a una partecipazione in una societa` residente nell'altro Stato sono di fatto tassati in entrambi gli ordinamenti: mediante un prelievo non superiore al 15% nello Stato erogante (in questo caso la Germania), mediante tassazione ordinaria nello Stato di residenza del percettore (Italia). A questo proposito, occorre dire che la riforma fiscale entrata in vigore dal 2004 ha di fatto creato una perfetta equiparazione tra dividendi di fonte estera e dividendi di fonte italiana. Se percepiti al di fuori del regime d'impresa, entrambi sono sottoposti a una ritenuta del 12,5%, la quale e` a titolo d'acconto sul 40% dell'importo ricevuto, se relativi a partecipazioni qualificate - cosi` come definite dalla lettera c) del comma 1 dell'articolo 67 del nuovo Tuir (gia` articolo 81) - mentre e` a titolo d'imposta in relazione a partecipazioni non qualificate. Come specificato dal nuovo comma 4 dell'articolo 27 del Dpr 600/73 - cosi` come modificato dall'articolo 2 del Dlgs 344/2003 (norma di coordinamento del decreto d'attuazione della riforma fiscale) - per i dividendi di fonte estera la ritenuta e` da applicare sul valore cosiddetto "netto frontiera", ossia al netto della eventuale ritenuta applicata nello Stato della fonte (come detto, nel caso della Germania, fissata convenzionalmente al 15%). Nel caso di ritenuta a titolo d'imposta, il prelievo e` effettuato dall'intermediario che interviene nella riscossione o, in sua assenza, mediante imposta sostitutiva di pari importo, da autoliquidare tramite compilazione del quadro RM del modello Unico. Nel caso di ritenuta a titolo d'acconto, invece, si dovra` precedere all'inserimento del reddito di capitale in dichiarazione (quadro RI), nella qual sede esso concorrera` alla formazione del reddito complessivo del contribuente nel limite del 40% dell'importo. Solo in questo caso, a differenza che per i dividendi da partecipazioni non qualificate - per i quali non e` infatti piu` ammessa la possibilita` di scelta per il regime ordinario - sara` dunque possibile fruire del credito per le imposte pagate all'estero (in pratica la ritenuta subita oltre frontiera), da calcolare secondo le regole dell'articolo 165 del nuovo Tuir (gia` articolo 15), che di fatto resta l'unico strumento a disposizione per annullare - o perlomeno mitigare - la doppia imposizione. 11

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 Redditi di capitale: certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti

Dettagli

La Tassazione dei Dividendi percepiti nel 2014

La Tassazione dei Dividendi percepiti nel 2014 La Tassazione dei Dividendi percepiti nel 2014 Come noto gli artt. 3 e 4 del D.L. n. 66/2014 hanno modificato la tassazione dei redditi di natura finanziaria innalzandone l aliquota dal 20% al 26%, fatta

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano

LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano 1. Premessa La legge delega 7 aprile 2003, n. 80, ha modificato radicalmente l ordinamento

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DEFINIZIONE DI UTILI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE TRATTAMENTO CONTABILE TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 Art. 40 D.L. 30.09.2003, n. 269 conv. con L. 24.11.2003, n.

Dettagli

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 18 gennaio 2006

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 18 gennaio 2006 CIRCOLARE N. 4/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 18 gennaio 2006 Oggetto: Disposizioni correttive ed integrative al Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344 in materia di tassazione

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 14/2015 del 7 maggio 2015 TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 I REDDITI DI CAPITALE Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 REDDITI DI CAPITALE Fondamento normativo - artt. 44-48 TUIR - artt. 26-27-ter D.P.R. n. 600/73 Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario

Dettagli

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati 1 PREMESSA Una delle principali direttrici di cambiamento che caratterizzano la riforma del sistema fiscale, attuata

Dettagli

N. 21 2007 NUOVO SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DEGLI UTILI CORRISPOSTI

N. 21 2007 NUOVO SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DEGLI UTILI CORRISPOSTI N. 21 2007 NUOVO SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DEGLI UTILI CORRISPOSTI Riportiamo qui di seguito il nuovo schema di certificazione di cui all articolo 4, commi 6-ter e 6-quater, del Decreto del Presidente della

Dettagli

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie

Periodico informativo n. 105/2014. Aumento tassazione rendite finanziarie Periodico informativo n. 105/2014 Aumento tassazione rendite finanziarie Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che dal 1 luglio è stata modificata l aliquota

Dettagli

La tassazione delle rendite finanziarie

La tassazione delle rendite finanziarie La tassazione delle rendite finanziarie Commissione Tutela del Risparmio Gestito Di Emmanuela Saggese Quali sono i redditi di natura finanziaria? Riferimenti legislativi Il decreto legislativo l 461/97,

Dettagli

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 6 14 GENNAIO 2014 La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 Copyright 2014 Acerbi

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Aumento tassazione rendite finanziarie Premessa Gli articoli 3 e 4 del Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66 convertito, con modificazioni, dalla Legge 23 giugno 2014, n. 89 intervengono sul livello

Dettagli

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Aspetti generali QUADRO RL. Inquadramento normativo. Redditi di capitale Tratto da: Collana Dichiarazioni Fiscali 2009, Unico Persone Fisiche, a cura di: R. Artina V. Artina P. Monarca G. Cremona N. Tarantino Aspetti generali Inquadramento normativo Il quadro RL del modello

Dettagli

Decreto Sviluppo (DL 83/2012)

Decreto Sviluppo (DL 83/2012) Decreto Sviluppo (DL 83/2012) I nuovi strumenti finanziari per le imprese Profili fiscali della riforma Massimo Caldara Convegno ANDAF Milano, 10 settembre 2012 Dottori Commercialisti - Revisori Contabili

Dettagli

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni

RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011. A cura di Fabio Giommoni RENDITE FINANZIARIE NOVITA DELLA MANOVRA 2011 A cura di Fabio Giommoni PROVVEDIMENTI COMMENTATI D.L. n. 138/2011 (c.d. manovra di Ferragosto ) Nuova aliquota del 20% per la tassazione delle rendite finanziarie

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 11 24.03.2015 Dividendi intersocietari Normativa interna, normativa comunitaria e Convenzioni contro le doppie imposizioni Categoria: Ires Sottocategoria:

Dettagli

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 Professional Investment Fund: regime fiscale Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 1 I proventi derivanti dalla partecipazione in PIF 2 I proventi derivanti dalla partecipazioni in PIF Qualora

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI e PARTICIPATION EXEMPTION

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI e PARTICIPATION EXEMPTION TASSAZIONE DEI DIVIDENDI e PARTICIPATION EXEMPTION Del Dott. Stefano Setti Considerazioni Iniziali La riforma sull imposizione societaria segna un deciso cambiamento di rotta per quanto riguarda il regime

Dettagli

GLI ASPETTI TRIBUTARI DELL IMPRESA EDILE: L IMPOSIZIONE DIRETTA

GLI ASPETTI TRIBUTARI DELL IMPRESA EDILE: L IMPOSIZIONE DIRETTA GLI ASPETTI TRIBUTARI DELL IMPRESA EDILE: L IMPOSIZIONE DIRETTA 1. Differente tassazione tra aziende individuali e aziende familiari Rispetto alla tassazione delle imprese individuali, le imprese familiari

Dettagli

Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi

Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi REGIME DELLA DICHIRAZIONE Dal punto di vista soggettivo il regime della dichiarazione, disciplinato

Dettagli

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote;

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote; Tassazione dei dividendi La riforma del diritto societario ha introdotto importanti modifiche al regime di tassazione dei dividendi distribuiti a partire dal 1º gennaio 2004. Con la riforma viene modificato

Dettagli

Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri

Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri Focus di pratica professionale di Fabio Giommoni Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri La recente sentenza della CTR dell'aquila n.390/12, in materia di rimborso delle ritenute sui dividendi

Dettagli

Nuova disciplina della tassazione dei dividendi

Nuova disciplina della tassazione dei dividendi L Imposta sul Reddito delle Società (IRES) Rimini, 7 febbraio 2004 Nuova disciplina della tassazione dei dividendi Dott. Giorgio Nerpiti Studio Combattelli e Nerpiti - Dottori Commercialisti Associati

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

Regimi di tassazione Prof. Maurizio Sebastiano Messina

Regimi di tassazione Prof. Maurizio Sebastiano Messina Premessa Soggetti lordisti Soggetti nei cui confronti non si applica l imposta sostitutiva e quindi percepiscono i redditi dei titoli senza applicazione di alcuna ritenuta (al lordo). Soggetti nettisti

Dettagli

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti di Mario Tommaso Buzzelli (*) Il regime di tassazione dei proventi erogati da fondi

Dettagli

TITOLI e PARTECIPAZIONI

TITOLI e PARTECIPAZIONI TITOLI e PARTECIPAZIONI Regole civilistiche VALUTAZIONE TITOLI DELL ATTIVO CIRCOLANTE Costo < valore di mercato Costo > valore di mercato Mantenimento del costo Valore: quotazione al 31/12 media di dicembre

Dettagli

La certificazione degli utili corrisposti nel 2013 entro il 28 febbraio

La certificazione degli utili corrisposti nel 2013 entro il 28 febbraio Numero 38/2014 Pagina 1 di 12 La certificazione degli utili corrisposti nel 2013 entro il 28 febbraio Numero : 38/2014 Gruppo : ADEMPIMENTI Oggetto : MODELLO CUPE 2014 Norme e prassi : ART. 4 DEL D.P.R.

Dettagli

LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CAPITALI

LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CAPITALI LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CAPITALI E TASSAZIONE DEI DIVIDENDI ESTERI Sommario: 1. Premessa - 2. Il regime di tassazione dei dividendi nell ordinamento belga e la Convenzione contro le doppie imposizioni

Dettagli

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni Tratto da: Collana Dichiarazioni fiscali 2009 - Unico Società di persone, a cura di G. Cremona, P. Monarca, N. Tarantino Aspetti generali NOVITÀ Sezione I Imposta sostitutiva 20% Da quest anno, in seguito

Dettagli

Fisco e Tributi. Newsletter luglio 2014. Aumento della tassazione delle rendite finanziarie

Fisco e Tributi. Newsletter luglio 2014. Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Fisco e Tributi Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Aumento della tassazione delle rendite finanziarie Dal 1 luglio è stata modificata l aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria.

Dettagli

Allegato 1.2: Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Quattrotretre S.p.A. 2012-2017.

Allegato 1.2: Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Quattrotretre S.p.A. 2012-2017. Allegato 1.2: Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Quattrotretre S.p.A. 2012-2017. *** *** *** REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO

Dettagli

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 DETERMINAZIONE DELLE PLUSVALENZE SOGGETTI INTERESSATI SCADENZA COME SI COMPILA Nel Quadro RT devono essere indicati i redditi derivanti

Dettagli

Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento

Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento Allegato Tabella 1 Soggetto percettore Aliquota Tipo aliquota Commento Persone fisiche Società esenti da Ires (1) (2) (3) Soggetti esclusi da Ires (art. 74 del Tuir - Stato ed enti pubblici) Società semplici,

Dettagli

REDDITI DI CAPITALE LE RITENUTE SALGONO AL 20%

REDDITI DI CAPITALE LE RITENUTE SALGONO AL 20% REDDITI DI CAPITALE LE RITENUTE SALGONO AL 20% La tassazione degli altri (interessi) AUSTRIA 25,00% BELGIO 15,00% DANIMARCA 39,00% FINLANDIA 29,00% FRANCIA 25,00% GERMANIA (*) 0,00% GRECIA 10,00% IRLANDA

Dettagli

Certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti

Certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti Focus di pratica professionale di Francesco Facchini Certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti Premessa La certificazione degli utili e proventi equiparati corrisposti

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Allegato 9.2: bozza del Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Intek Group S.p.A. 2012-2017.

Allegato 9.2: bozza del Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Intek Group S.p.A. 2012-2017. Allegato 9.2: bozza del Regolamento del prestito obbligazionario a conversione obbligatoria denominato Convertendo Intek Group S.p.A. 2012-2017. *** *** *** REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DENOMINATO

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE di Pasquale Saggese 1. Le novità introdotte con la legge di stabilità 2015 Nell ambito delle

Dettagli

Profili fiscali dei rapporti di lavoro all estero

Profili fiscali dei rapporti di lavoro all estero Profili fiscali dei rapporti di lavoro all estero Sonia Tripaldi Bologna, 15 maggio 2014 Indice degli argomenti La residenza fiscale dei lavoratori la disciplina prevista dal TUIR Analisi di alcuni documenti

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta Dott. Pasquale SAGGESE LA CESSIONE DI NON DETENUTE NELL ESERCIZIO DI IMPRESA QUALIFICATE E FATTISPECIE ASSIMILATE Partecipazioni che rappresentano

Dettagli

Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone)

Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone) Tassazione delle plusvalenze finanziarie e valutarie (a cura del Dott. Alessio Pistone) Nel Quadro RT del modello Unico PF 2015 devono essere dichiarate le plusvalenze e le minusvalenze di natura finanziaria,

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Testo Unico del 22/12/1986 n. 917 - art. 2 Testo unico delle imposte sui redditi. Soggetti passivi. Testo: in vigore dal 01/01/1999 modificato da: L del 23/12/1998 n. 448 art. 10 1. Soggetti passivi dell'imposta

Dettagli

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO RISOLUZIONE N. 61/E Roma, 31 maggio 2011 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Applicazione dell imposta sostitutiva ai sensi dell articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Oggetto: Circolari IRES/2. Il nuovo regime di tassazione dei dividendi. Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344.

CIRCOLARE N. 26/E. Oggetto: Circolari IRES/2. Il nuovo regime di tassazione dei dividendi. Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344. CIRCOLARE N. 26/E Roma, 16 giugno 2004 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Circolari IRES/2. Il nuovo regime di tassazione dei dividendi. Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344. INDICE

Dettagli

DIVIDENDI: LINEAMENTI GENERALI RELATIVI AL REGIME DI TASSAZIONE NAZIONALE, CONVENZIONALE E COMUNITARIO

DIVIDENDI: LINEAMENTI GENERALI RELATIVI AL REGIME DI TASSAZIONE NAZIONALE, CONVENZIONALE E COMUNITARIO MAP DIVIDENDI: LINEAMENTI GENERALI RELATIVI AL REGIME DI TASSAZIONE NAZIONALE, CONVENZIONALE E COMUNITARIO Con la riforma del sistema fi scale del 2004, è stato abolito il credito d imposta sui dividendi

Dettagli

Approvazione del testo unico delle imposte sui redditi [Testo post (2) (3)

Approvazione del testo unico delle imposte sui redditi [Testo post (2) (3) D.P.R. 22-12-1986 n. 917 Approvazione del testo unico delle imposte sui redditi [Testo post riforma 2004] Pubblicato nella Gazz. Uff. 31 dicembre 1986, n. 302, S.O. D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 (1).

Dettagli

Anno 2010 N. RF115 770 ORDINARIO DISTRIBUZIONE DIVIDENDI

Anno 2010 N. RF115 770 ORDINARIO DISTRIBUZIONE DIVIDENDI Anno 2010 N. RF115 Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 9 OGGETTO RIFERIMENTI 770 ORDINARIO DISTRIBUZIONE DIVIDENDI ISTRUZIONI MINISTERIALI CIRCOLARE DEL 06/07/2010 Sintesi: si riepilogano

Dettagli

Chiarimenti Agenzia delle Entrate

Chiarimenti Agenzia delle Entrate Chiarimenti Agenzia delle Entrate 1. Nuova misura dell'imposta sostitutiva sui risultati di gestione. La legge di stabilità del 2015 ha aumentando l'aliquota dell'imposta sostitutiva delle imposte sui

Dettagli

Regime del risparmio gestito

Regime del risparmio gestito Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 323 25.11.2013 Regime del risparmio gestito Determinazione del risultato netto di gestione - R.M. 76/E/2013 - Categoria: Imposte dirette Sottocategoria:

Dettagli

Nel rimanere a Vostra disposizione per eventuali chiarimenti, porgiamo i più distinti saluti.

Nel rimanere a Vostra disposizione per eventuali chiarimenti, porgiamo i più distinti saluti. DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 01 marzo 2013 Oggetto: Circolare n. 6/2013 del 01 marzo 2013

Dettagli

Centro di Servizio per il Volontariato della Provincia di Belluno www.csvbelluno.it 1

Centro di Servizio per il Volontariato della Provincia di Belluno www.csvbelluno.it 1 CIRC.MIN. 213/E/2000 Modifiche alla disciplina tributaria dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria. D.lgs. 505/1999 e d.lgs. 221/2000 INDICE 1 La nuova disciplina degli interessi

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

ABC News del 09.02.2011

ABC News del 09.02.2011 ABC News del 09.02.2011 A cura della Redazione Entro il 28.02.2011 vanno rilasciate le certificazioni degli utili Entro il prossimo 28 febbraio 2011 scade il termine per il rilascio ai percettori della

Dettagli

Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate

Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Le novità del Decreto Sviluppo in tema di obbligazioni e cambiali finanziarie L apertura del mercato del capitale di debito per gli emittenti

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

(D.L. 13.08.2011 n. 138) Nuova tassazione delle rendite finanziarie - Imprese di assicurazione. D.L. 13.08.2011 n. 138

(D.L. 13.08.2011 n. 138) Nuova tassazione delle rendite finanziarie - Imprese di assicurazione. D.L. 13.08.2011 n. 138 (D.L. 13.08.2011 n. 138) Nuova tassazione delle rendite finanziarie - di assicurazione D.L. 13.08.2011 n. 138 Nuova aliquota di tassazione Ambito oggettivo e soggettivo Decorrenza e Proventi dei Titoli

Dettagli

Gli interessi su prestiti obbligazionari emessi

Gli interessi su prestiti obbligazionari emessi Obbligazioni Il regime fiscale delle obbligazioni di Gianluca Odetto (*) 1 Gli interessi su prestiti obbligazionari emessi in Italia sono assoggettati a un regime fiscale articolato essenzialmente in base

Dettagli

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 CATEGORIE DI REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI Il Quadro RN è utilizzato ai fini del calcolo

Dettagli

ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22

ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22 TITOLO III - RITENUTE ALLA FONTE ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22 2. REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE PRESTATO

Dettagli

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7.1 Descrizione delle Azioni I titoli oggetto dell Offerta Globale sono n. 1.750.000 azioni ordinarie ASM, da nominali Euro

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 28 aprile 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro - Studio Legale e Tributario Morri Cornelli e Associati

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro - Studio Legale e Tributario Morri Cornelli e Associati 6 Aprile 2012, ore 15:42 In tema di rendite finanziarie Tassazione unificata ma con discrimine nella deducibilità degli interessi passivi Nell uniformare la misura dell aliquota da applicare alla tassazione

Dettagli

Diritto Tributario. Redditi di capitale Redditi diversi. Bergamo, 27/11/15. Andrea Brignoli, LL.M. Andrea Brignoli

Diritto Tributario. Redditi di capitale Redditi diversi. Bergamo, 27/11/15. Andrea Brignoli, LL.M. Andrea Brignoli Diritto Tributario Redditi di capitale Redditi diversi Bergamo, 27/11/15, LL.M. 2015 T.U.I.R. D.P.R. 917/86 TITOLO I IRPEF 1. Disposizioni generali 2. Redditi fondiari 3. Redditi di capitale 4. Redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 9/E. OGGETTO: Disciplina del credito d imposta per i redditi prodotti all estero - Articolo 165 del TUIR - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 9/E. OGGETTO: Disciplina del credito d imposta per i redditi prodotti all estero - Articolo 165 del TUIR - Chiarimenti CIRCOLARE N. 9/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 marzo 2015 OGGETTO: Disciplina del credito d imposta per i redditi prodotti all estero - Articolo 165 del TUIR - Chiarimenti Agenzia delle Entrate

Dettagli

Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali

Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Gli aspetti fiscali del recesso nelle societàdi capitali Massimiliano Sironi 23 Settembre 2015 Milano Premessa L inquadramento fiscale del recesso del socio

Dettagli

Le nuove forme di finanziamento alle imprese

Le nuove forme di finanziamento alle imprese Le nuove forme di finanziamento alle imprese Profili fiscali Ordine Dottori Commercialisti di Padova 4 giugno 2014 Principali riferimento normativi e di prassi Art. 32 del Decreto legge 22 giugno2012,n.

Dettagli

Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale

Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 319 22.11.2013 Ritenute su royalties corrisposte a non residenti Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale Categoria: Imposte dirette

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

L eliminazione della doppia imposizione

L eliminazione della doppia imposizione L eliminazione della doppia imposizione by Paolo Battaglia - Wednesday, September 23, 2015 http://www.ascheri.net/2015/09/23/leliminazione-della-doppia-imposizione/ L applicazione del World Wide Taxation

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

La Voluntary Disclosure Internazionale

La Voluntary Disclosure Internazionale La Voluntary Disclosure Internazionale Analisi di convenienza tra calcolo analitico e calcolo forfettario Massimo Caldara Ordine dei Dottori Commercialisti Bergamo 28 maggio 2015 Dottori Commercialisti

Dettagli

Novembre 2013. Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

Novembre 2013. Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Novembre 2013 Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Avv. Vincenzo Bancone e Dott. Manfredi La Barbera, CBA Studio Legale e Tributario

Dettagli

LA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE I REDDITI DI NATURA FINANZIARIA. Art. 67 Tuir (ex art. 81)

LA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE I REDDITI DI NATURA FINANZIARIA. Art. 67 Tuir (ex art. 81) LA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE I REDDITI DI NATURA FINANZIARIA Art. 67 Tuir (ex art. 81) Sono qualificabili come redditi diversi di natura finanziaria, le plusvalenze e i redditi derivanti dalle

Dettagli

Redditi di capitale Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi di capitale

Redditi di capitale Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi di capitale Redditi di capitale Redditi di capitale - art. 44, co. 1 L art. 44 individua i redditi di capitale con una elencazione esaustiva, ma al tempo stesso si chiude (alla lett. h) del comma 1) con una fattispecie

Dettagli

Dal 1 luglio 2014 nuova tassazione per le rendite finanziarie

Dal 1 luglio 2014 nuova tassazione per le rendite finanziarie Circolare Monografica 16 giugno 2014 n. 1992 TASSE E IMPOSTE Dal 1 luglio 2014 nuova tassazione per le rendite finanziarie La guida alla nuova disciplina di Angelo Luca Ottaviano Il D.L. n. 66/2014 (Decreto

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Approvato dal Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione LABORFONDS nella seduta del 26/03/2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Approvato dal Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione LABORFONDS nella seduta del 26/03/2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione LABORFONDS nella seduta del 26/03/2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento espone il regime fiscale

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese IMPOSTE SUI REDDITI Art. 182 TUIR In caso di liquidazione dell impresa o della società il reddito di impresa

Dettagli

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario

Redditi di capitale e redditi diversi. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario Redditi di capitale e redditi diversi Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario 1 oggetto della lezione redditi di capitali: fonte e determinazione principali

Dettagli

Redditi di capitale. Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE

Redditi di capitale. Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE Redditi di capitale Capitolo 7 7.1 NOZIONE DI SOCIETÀ 7.2 LA TASSAZIONE DEI RISPARMI DELLE FAMIGLIE 7.3 ALTRI REDDITI DI CAPITALE 7.4 IL POSSESSO DI PARTECIPAZIONI DI SOCIETÀ 7.5 LA TASSAZIONE DEI DIVIDENDI

Dettagli

La riforma della tassazione delle rendite finanziarie: il nuovo regime dei Capital gain non qualificati

La riforma della tassazione delle rendite finanziarie: il nuovo regime dei Capital gain non qualificati Focus di pratica professionale di Alessandro Corsini La riforma della tassazione delle rendite finanziarie: il nuovo regime dei Capital gain non qualificati L eccezionale negatività dei conti dello stato

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 16/2003

NOTA INFORMATIVA N. 16/2003 ASSOCIATI: prof. dott. GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona commercialista revisore contabile dott. MINO CASTELLANI commercialista revisore contabile dott.

Dettagli

Circolare n. 2/E. Roma, 15 gennaio 2003

Circolare n. 2/E. Roma, 15 gennaio 2003 Circolare n. 2/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Settore Fiscalità Generale e Contenzioso Ufficio Persone Fisiche Roma, 15 gennaio 2003 OGGETTO: Legge 27 dicembre 2002. n. 289 (legge finanziaria

Dettagli

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino

Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino Corso di Economia Pubblica Anno Accademico 2009/2010 II semestre Luca Savino Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche Università degli Studi di Trieste La tassazione

Dettagli

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 19, commi da 13 a 23, DL n. 201/2011 Art. 1, commi 518 e 519, Legge n. 228/2012 Circolari Agenzia Entrate 3.5.2013 n. 12/E e 9.5.2013,

Dettagli

Circolare informativa n.1/2015

Circolare informativa n.1/2015 Dott. Giuseppina Sica D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a A l b o u n i c o A V n. 6 2 7 R e v i s o r e d e i C o n t i n. 1 3 6. 6 9 2 C o n s u l e n t e T e c n i c o t r i b u n a l e A V n.

Dettagli

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI 21.1 Generalità Il quadro RZ deve essere compilato dai soggetti che hanno corrisposto

Dettagli

D.L. 13 agosto 2011, n. 138 conv. in L. 14 settembre 2011, n. 148 modificato dal D.L. 2 marzo 2012, n. 16 conv. in L. 26 aprile 2012, n.

D.L. 13 agosto 2011, n. 138 conv. in L. 14 settembre 2011, n. 148 modificato dal D.L. 2 marzo 2012, n. 16 conv. in L. 26 aprile 2012, n. D.L. 13 agosto 2011, n. 138 (G.U. 13-8-2011, n. 188), conv. in L. 14 settembre 2011, n. 148 (G.U. 16-9- 2011, n. 216). Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo; modificato

Dettagli

Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II

Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II I termini in maiuscolo non definiti nel presente Regolamento hanno il significato agli stessi

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO Anno 2013 N. RF148 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO RIFERIMENTI D.LGS. 47/2000; D.LGS.

Dettagli

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi.

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi. FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA D.M. LAVORO 5.6.2001 - ISCRIZIONE ALBO FONDI PENSIONE N 116 DOCUMENTO FISCALE

Dettagli

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 Il Modello UNICO Persone Fisiche 2016 comprende la dichiarazione dei redditi e la dichiarazione annuale IVA. Il Modello Unico per

Dettagli