DIVIDENDI: LINEAMENTI GENERALI RELATIVI AL REGIME DI TASSAZIONE NAZIONALE, CONVENZIONALE E COMUNITARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIVIDENDI: LINEAMENTI GENERALI RELATIVI AL REGIME DI TASSAZIONE NAZIONALE, CONVENZIONALE E COMUNITARIO"

Transcript

1 MAP DIVIDENDI: LINEAMENTI GENERALI RELATIVI AL REGIME DI TASSAZIONE NAZIONALE, CONVENZIONALE E COMUNITARIO Con la riforma del sistema fi scale del 2004, è stato abolito il credito d imposta sui dividendi e la doppia imposizione economica sugli utili è evitata mediante la parziale esclusione dell imponibile degli utili stessi. Di seguito si evidenzia il trattamento fi scale riservato agli utili da partecipazione, analizzando dapprima la normativa prevista in ambito domestico e, successivamente, la disciplina transnazionale. La fattispecie degli utili da partecipazione è interessata da fenomeni di doppia imposizione in quanto i dividendi sono dapprima degli utili tassati in capo alla società produttrice e, una volta distribuiti, possono subire una ulteriore tassazione in capo ai soggetti percettori. Al fi ne di limitare il conseguente effetto di doppia imposizione sugli utili societari, il testo unico sulle imposte sui redditi prevede una parziale detassazione dei dividendi, stabilendo soglie e modalità differenti in relazione allo status del percipiente, nonché alla provenienza (di fonte italiana o estera). Tale tematica è stata oggetto anche dell attenzione comunitaria e convenzionale, orientata ad eliminare fenomeni di doppia imposizione tra soggetti residenti in Paesi diversi. Nei paragrafi successivi si effettuerà una panoramica di quanto indicato dalle norme nazionali, con riferimento sia ai rapporti intercorrenti tra soggetti residenti nel territorio italiano che rapporti con società estere. 3

2 4 Gli utili da partecipazione in società sono annoverati tra i redditi di capitale ai sensi dell art. 44, co. 1, lett. e) del TUIR che fornisce una puntuale defi nizione, specifi cando che si tratta di utili derivanti dalla partecipazione al capitale o al patrimonio di società ed enti soggetti all imposta sul reddito delle società, di cui all art. 73, co. 1, del TUIR. Sono esclusi dai redditi da capitale gli utili spettanti ai promotori e ai soci fondatori di società per azioni, in accomandita per azioni e a responsabilità limitata. Infatti, a norma dell art. 53, co. 2, lett. d) del TUIR, tali utili costituiscono redditi di lavoro autonomo, che concorrono alla formazione del reddito dei promotori e dei soci fondatori per l intero ammontare percepito nel periodo di imposta. Gli altri utili, quelli cioè derivanti dalla partecipazione in società ed enti soggetti ad IRES non conseguiti dai soci fondatori e dai promotori, costituiscono invece redditi di capitale. Non sono riconducibili nella categoria degli utili da partecipazione in senso proprio i proventi che non trovano contropartita in una partecipazione al capitale o al patrimonio di società ed enti soggetti ad IRES (cfr. Circolare 26/E/2004). Tra questi vi rientrano gli strumenti fi nanziari introdotti dalla riforma del diritto societario, i quali attribuiscono al sottoscrittore esclusivamente diritti di tipo patrimoniale o diritti amministrativi, ma non conferiscono la qualità di socio, pur potendo essere dotati del diritto di voto su argomenti specifi camente indicati, quali la nomina del consiglio di amministrazione o di un sindaco. L art. 44, co. 2, lett. a) del TUIR, stabilisce che si considerano similari alle azioni, i titoli e gli strumenti fi nanziari emessi da società ed enti di cui all art. 73, co. 1, lett. a), b) e d), la cui remunerazione è costituita totalmente dalla partecipazione ai risultati economici della società emittente o di altre società appartenenti allo stesso gruppo o dell affare in relazione al quale i titoli e gli strumenti fi nanziari sono stati emessi. Il secondo periodo dell art. 44, co. 2, lett. a) del TUIR, chiarisce che le partecipazioni al capitale o al patrimonio, nonché i predetti titoli e strumenti fi nanziari emessi dalle società e dagli enti non residenti, di cui all art. 73, co. 1, lett. d) del TUIR, si considerano similari alle azioni a condizione che la relativa remunerazione sia totalmente indeducibile nella determinazione del reddito nello Stato estero di residenza del soggetto emittente; tale indeducibilità deve risultare da una dichiarazione dell emittente stesso, ovvero da altri elementi certi e precisi (rif. Circolare 4/E/2006). Si tratta ad evidenza, di una norma ispirata ad intenti antielusivi, volta ad evitare che possano godere della parziale esenzione strumenti ibridi le cui remunerazioni in capo all emittente sono assimilate ad interessi o costi deducibili.

3 Pertanto, con riferimento alle partecipazioni e agli strumenti finanziari emessi da soggetti non residenti, l assimilazione opera a condizione che: i. la remunerazione sia costituita esclusivamente da utili, ovvero sia rappresentativa di una partecipazione effettiva ai risultati economici della società emittente (e non solo parametrata agli utili); ii. tale remunerazione sia totalmente indeducibile dal reddito della società emittente secondo le regole proprie vigenti nel Paese estero di residenza; tale indeducibilità deve risultare da una dichiarazione dell emittente ovvero da elementi certi e precisi. Per i titoli e gli strumenti fi nanziari che non presentano queste caratteristiche occorrerà di volta in volta verifi care, a seconda del rapporto che ha dato origine al titolo o allo strumento, se essi possano rientrare tra le obbligazioni e i titoli similari, in caso contrario rientrano nella disciplina dei titoli atipici. I dividendi concorrono a formare il reddito del soggetto percipiente (imprenditore o non imprenditore) nell esercizio in cui sono percepiti. Pertanto, ai fini impositivi, si applica il principio di cassa per individuare in quale periodo di imposta essi risultano imponibili, non assumendo rilevanza la data nella quale è stata assunta la delibera di distribuzione degli utili. Rientrano nella categoria degli utili da partecipazione anche gli utili in natura, per la cui determinazione si deve fare riferimento al valore normale dei beni alla data individuata dalla lett. a) del comma 2 dell art. 109 del TUIR, ovvero alla data di consegna o spedizione dei beni mobili o di stipula dell atto per i beni immobili o per le aziende, ovvero, se diversa e successiva, alla data in cui si verifi ca l effetto traslativo o costitutivo della proprietà o di altro diritto reale. Qualora tali dividendi siano soggetti a ritenuta, il socio o il partecipante per conseguire il pagamento è tenuto a versare alla società l importo corrispondente all ammontare della ritenuta applicabile, determinato in relazione al predetto valore normale dei beni ad essi attribuiti. L art. 47, co. 5 del TUIR stabilisce il principio secondo cui non costituiscono utili le somme ed il valore dei beni ricevuti dai soci a titolo di ripartizione di riserve di capitale o altri fondi costituiti con sovrapprezzi di emissione delle azioni o quote, con versamenti fatti dai soci a fondo perduto o in conto capitale e con saldi di rivalutazione monetaria esenti da imposte, in quanto da un lato tali somme ed il valore dei beni ricevuti, trattandosi di restituzione di apporti, non confi gurano un elemento reddituale e dall altro riducono il costo fi scalmente 5

4 riconosciuto delle azioni o quote possedute, garantendo in tal modo l esigenza di simmetria dell imposizione. All atto della distribuzione occorre però tenere a mente la presunzione contenuta nel paragrafo 2, del comma 1, dell art. 47 del TUIR, che prevede che, indipendentemente dalla statuizione della delibera assembleare, si presumono ai fi ni fi scali prioritariamente distribuiti l utile dell esercizio e le riserve diverse da quelle di capitale, indicate nel comma 5, per la quota di esse non accantonata in sospensione d imposta, a condizione che siano liberamente disponibili. È appena il caso di ricordare che gli utili delle società di persone commerciali residenti in Italia non si qualificano come redditi di capitale, ma come redditi di partecipazione ai sensi dell art. 6 del TUIR, e sono imputati a ciascun socio, indipendentemente dalla percezione, proporzionalmente alla sua quota di partecipazione agli utili (art. 5, co. 1 del TUIR). Altra deroga al regime di tassazione dei dividendi, è rinvenibile nel caso di società che hanno optato per il regime della cd. trasparenza fi scale di cui agli artt. 115 e 116 del TUIR. Come noto, il reddito imponibile realizzato dalle società che hanno optato per la trasparenza fi scale è imputato a ciascun socio, indipendentemente dalla percezione e proporzionalmente alla quota di partecipazione. In entrambi i casi, valgono le seguenti regole per il socio di società trasparenti, anche per opzione: - il costo della partecipazione è aumentato o diminuito dei redditi e delle perdite imputate al socio (art. 68, co. 6 del TUIR); - dal costo si scomputano, fi no a concorrenza dei redditi già imputati, gli utili distribuiti al socio (art. 68, co. 6 del TUIR); - gli utili distribuiti (formatisi in periodi d imposta in cui opera la trasparenza) non concorrono a formare il reddito dei soci, anche laddove eccedenti il reddito imputato per trasparenza (si veda Circolare 16/07/2004 n. 26). A seguito della abolizione del credito di imposta sui dividendi, la doppia imposizione economica sugli utili è evitata mediante la parziale esclusione dall imponibile degli stessi, sempreché per essi non sia previsto un regime fi scale sostitutivo con applicazione di una ritenuta alla fonte a titolo di imposta o di una imposta sostitutiva. Il trattamento fi scale riservato agli utili da partecipazione è differenziato a seconda della natura del soggetto percipiente ed è stabilito nei seguenti articoli: 6

5 - art. 47 del TUIR, relativamente alle persone fi siche non imprenditori; - art. 59 del TUIR, relativamente alle persone fi siche imprenditori e società di persone commerciali; - art. 89 del TUIR, relativamente alle società ed enti commerciali assoggettati ad IRES. Per stabilire le modalità di tassazione degli utili percepiti da una persona fi sica che non esercita attività di impresa è necessario far riferimento alle caratteristiche della partecipazione posseduta dal socio al momento della riscossione degli utili, distinguendo tra partecipazione qualifi cata e partecipazione non qualifi cata 1 : i. Partecipazioni qualifi cate. L art. 47, co. 1 del TUIR, dispone che, salvo alcuni casi espressamente indicati all art. 3, co. 3, lett. a) del TUIR, gli utili derivanti da partecipazioni qualifi cate detenute in società ed enti soggetti ad IRES, concorrono alla formazione del reddito complessivo del socio, da assoggettare a tassazione nel Modello UNICO, nella misura del 49,72% del loro ammontare se prodotti successivamente all esercizio in corso al 31/12/2007, ovvero del 40% se prodotti fi no all esercizio in corso al 31/12/ Gli utili in esame sono esclusi dall applicazione di una ritenuta di imposta, come stabilito dall art. 27, co. 5 del D.P.R. 600/1973. Il citato articolo infatti stabilisce che le ritenute non sono operate qualora le persone fi siche residenti e gli associati in partecipazione dichiarino all atto della percezione che gli utili riscossi sono relativi all attività di impresa o ad una partecipazione qualifi cata ai sensi della lettera c) del comma 1 dell art. 67 del TUIR; in assenza di tale dichiarazione, la società erogante deve applicare la ritenuta prevista per le partecipazioni non qualifi cate. ii. Partecipazioni non qualifi cate. Gli utili derivanti da partecipazioni non qualifi cate, percepiti da soggetti persone fi siche al di fuori dell attività di impresa, sono soggetti alla ritenuta alla fonte a titolo di imposta prevista nella misura del 26% sull intero ammontare distribuito (art. 27, co. 1, D.P.R. 600/1973). 1 Sono partecipazioni qualifi cate, ai sensi dell art. 67, co. 1, lett. c) del TUIR le partecipazioni, i titoli e diritti che rappresentano una percentuale superiore al 2 o al 20% dei diritti voto esercitabili in assemblea ordinaria, ovvero al 5 o al 25% del capitale o del patrimonio a seconda che si tratti, rispettivamente di titoli negoziati in mercati regolamentati italiani o estero o di altre partecipazioni. Sono, invece, partecipazioni non qualifi cate quelle diverse da quelle di cui alla lettera c), del comma 1 dell art. 67 del TUIR nonché le azioni di risparmio. 2 Va peraltro rilevato che è possibile che entro la fi ne del 2014 con decreto ministeriale venga innalzata la percentuale dei dividendi che concorre a formare il reddito imponibile al 60,46%, per riequilibrare la tassazione delle partecipazioni qualifi cate e non qualifi cate. 7

6 L aliquota di tassazione prevista per tali redditi di natura fi nanziaria ha subito un incremento per mezzo dell art. 3, co. 1 del D.L. 66/2014, che ha previsto l applicazione di una maggiorazione dal 20 al 26% dell imposta sostitutiva su dividendi relativi a partecipazioni non qualifi cate. La nuova aliquota maggiorata della ritenuta sui dividendi si applica con riferimento ai dividendi percepiti a partire dal 1 luglio 2014, a nulla rilevando la data della delibera di distribuzione. I citati utili, quindi, sono esclusi dal reddito complessivo da dichiarare nel Modello UNICO ai sensi dell art. 3, co. 3, lett. a) del TUIR. Qualora le partecipazioni siano immesse in un patrimonio per il quale è stata esercitata l opzione per il regime del risparmio gestito di cui all art. 7 del D.Lgs. 461/1997, i dividendi percepiti in relazione a tali partecipazioni non sono assoggettati alla ritenuta alla fonte a titolo di imposta, in quanto concorrono a formare il risultato maturato del patrimonio gestito assoggettato ad imposta sostitutiva del 26%. I regimi di tassazione sopra delineati trovano applicazione anche con riferimento alle somme ricevute dal socio a titolo di ripartizione di riserve di capitale o di altri fondi costituiti da sovrapprezzi di emissioni delle azioni o quote, con versamenti fatti dai soci a fondo perduto o in conto capitale, eccedenti il costo fiscale della partecipazione, qualifi - candosi tale eccedenza come utile (si veda Circolare 16/07/2004, n. 26). Va preliminarmente osservato che i dividendi percepiti da un socio soggetto passivo IRPEF nell esercizio di imprese commerciali, nonché da una società di persone commerciale, secondo quanto stabilito dall art. 48 del TUIR, non costituiscono redditi di capitale, bensì componenti del reddito di impresa. L art. 59 del TUIR, effettuando un richiamo all art. 47, statuisce che questi concorrono alla formazione del reddito complessivo nella misura del 49,72% del loro ammontare (40% se prodotti fi no all esercizio in corso al 31/12/2007), nell esercizio in cui sono percepiti, ossia seguendo il criterio di cassa, indipendentemente dalla circostanza che si riferiscano a partecipazioni qualificate o non qualifi cate. Inoltre, è esclusa l applicazione di una ritenuta a titolo di imposta prevista dall art. 27, co. 5, D.P.R. 600/1973, in quanto opera solo con riguardo a partecipazioni non qualifi cate detenute da persone fi siche al di fuori dell esercizio di attività d impresa. 8

7 Con riguardo alle somme ricevute dal socio persona fi sica imprenditore o società di persone commerciale, a titolo di ripartizione di riserve di capitale o di altri fondi costituiti da sovrapprezzi di emissioni delle azioni o quote, con versamenti fatti dai soci a fondo perduto o in conto capitale, qualora queste siano inferiori al costo fi scale della partecipazione, ne riducono il valore, al contrario se sono eccedenti il costo fi scale della partecipazione, a tale eccedenza si rendono applicabili le modalità di tassazione previste per le plusvalenze. Qualora ricorrano i presupposti previsti dall art. 87 del TUIR, per effetto del rinvio operato dall art. 58, le plusvalenze non concorrono a formare il reddito imponibile nei limiti del 50,28% dell importo (si veda Circolare 16/07/2004, n. 26). È appena il caso di precisare che nel caso in cui il percettore del dividendo sia una società semplice, stante il rinvio dell art 59 all art. 47 del TUIR, i dividendi, pur costituendo redditi di capitale e non d impresa, concorrono a formare il reddito imponibile della società nella misura del 49,72%, a prescindere dal possesso di una partecipazione qualifi - cata o meno. Pertanto, non è possibile applicare la ritenuta del 26% a titolo d imposta, in quanto l art. 27 fa esclusivamente riferimento alle persone fisiche non imprenditori. Gli utili da partecipazione conseguiti da società ed enti commerciali soggetti ad IRES residenti nel territorio dello Stato concorrono alla formazione del relativo imponibile, unitariamente considerato come reddito di impresa, nell esercizio in cui sono incassati. Il comma 2 dell art. 89 del TUIR prevede l esclusione dalla formazione del reddito della società o dell ente percipiente degli utili distribuiti da società ed enti commerciali residenti nel limite del 95% del loro ammontare; quindi i dividendi percepiti dalle società di capitali subiscono una tassazione del 27,50% sul 5% del loro ammontare, in pratica complessivamente dell 1,375%. Nel rispetto del principio di cassa, se il dividendo è incassato in un periodo di imposta successivo rispetto a quello in cui è imputato per competenza, deve essere operata una variazione in diminuzione per l intero importo, per poi operare una variazione in aumento pari al 5% del dividendo incassato, da indicare nel quadro RF del Modello UNI- CO, nel periodo di imposta in cui è stato percepito. È appena il caso di osservare che, se il soggetto percettore dei dividendi è un ente non commerciale di cui all art. 73, co. 1, lett. c) del TUIR, i dividendi seguono lo stesso criterio previsto per l imposizione 9

8 delle società e degli enti commerciali residenti, ossia sono esclusi dalla formazione del reddito imponibile per il 95% del loro ammontare, ai sensi dell art. 4, co. 1, lett. q) del D.Lgs. 344/2003. Nel caso di dividendi corrisposti a soggetti esenti dall imposta sul reddito delle società trova applicazione la ritenuta di cui all art. 27 del D.P.R. 600/1973, mentre non è applicabile nei confronti dei soggetti esclusi dall imposta sui redditi ai sensi dell art. 73, co. 1 del TUIR (si veda Risoluzione 06/07/2001, n. 113 e Risoluzione 12/07/2011, n. 117). Con riferimento alle somme conseguite da società ed enti commerciali a titolo di ripartizione di riserve di capitale o di altri fondi costituiti da sovrapprezzi di emissioni delle azioni o quote, con versamenti fatti dai soci a fondo perduto o in conto capitale, qualora queste siano inferiori al costo fi scale della partecipazione, ne riducono il valore, al contrario se sono eccedenti il valore fi scalmente riconosciuto della partecipazione, a tale eccedenza si rendono applicabili le modalità di tassazione previste per le plusvalenze (si veda Circolare 16/07/2004, n. 26). In questo caso può trovare applicazione l art. 87 del TUIR, relativo alla participation exemption, qualora ne sussistano i requisiti. La normativa per la tassazione dei dividendi derivanti da partecipazioni in società ed enti non residenti ricalca in buona parte quanto previsto per i dividendi di fonte domestica, pur presentando delle differenze derivanti dalla natura transnazionale di tale fattispecie. Come i dividendi di fonte interna, infatti, anche i dividendi esteri sono esclusi parzialmente dal reddito del socio in relazione al suo status. Le regole di tassazione dei dividendi di fonte estera prevedono un diverso regime di tassazione a seconda che la partecipazione estera sia qualifi cata o non qualifi cata o relativa ad una società residente in un paese black list : i. Partecipazioni qualifi cate. Nel caso di partecipazioni estere qualifi cate, l art. 27, co. 4, lett. a) del D.P.R. 600/1973, stabilisce che si applica la ritenuta del 26% a cura dell intermediario che interviene nella riscossione, ma in tal caso la stessa è a titolo di acconto ed è operata solo sulla quota imponibile dei dividendi (ossia sul 40% o sul 49,72% del loro ammontare), al netto delle eventuali ritenute applicate nello Stato estero (cd. netto frontiera art. 27, co. 4-bis del D.P.R. 600/1973). 10

9 Il percipiente è poi tenuto ad indicare i dividendi percepiti nella dichiarazione dei redditi e a far concorrere il 40% o il 49,72% degli stessi (al lordo di tutte le imposte eventualmente applicate all estero) alla formazione della base imponibile Irpef, scomputando la ritenuta a titolo di acconto del 26% dall imposta dovuta. Le imposte pagate a titolo definitivo all estero sui dividendi incassati potranno essere portate in detrazione dell imposta netta dovuta con il credito d imposta per i redditi prodotti all estero ex art. 165 del TUIR, fino a concorrenza della quota d imposta corrispondente al rapporto tra i redditi prodotti all estero ed il reddito complessivo. Poiché il dividendo estero concorre parzialmente alla formazione del reddito complessivo, anche l imposta estera va ridotta in misura corrispondente (art. 165, co. 10 del TUIR). Si riporta di seguito un esempio volto a chiarire il sistema di tassazione sopra delineato. Si ipotizzi che una persona fi sica residente percepisca un dividendo di euro in relazione ad una partecipazione qualifi cata detenuta in una società residente in uno Stato con il quale l Italia ha stipulato una Convenzione contro le doppie imposizioni (white list). Paese Estero Dividendo distribuito Ritenuta convenzionale del 15% in uscita (15.000) Netto frontiera In Italia Ritenuta d acconto del 26% in entrata sulla quota imponibile del (10.988) dividendo (pari al 49,72%) Dividendo che concorre a formare il reddito imponibile (49,72% sull importo lordo) IRPEF lorda (43%) (21.379) Credito d imposta per le imposte pagate all estero riconosciuto (49,72% di ) IRPEF netta (13.921) Ritenuta d acconto in entrata da scomputare Differenza (2.933) Tassazione complessiva sul dividendo (pari all IRPEF netta più la ritenuta convenzionale) Dividendo netto incassato ii. Partecipazioni non qualifi cate. Per quanto riguarda i dividendi derivanti da partecipazioni estere non qualifi cate percepiti da persone fi siche, il comma 4 dell art. 27 del D.P.R. 600/1973 stabilisce che i sostituti di imposta che intervengano nella riscossione del dividendo estero (nel caso specifi co si tratta essen- 11

10 zialmente di banche e di altri intermediari fi nanziari), devono applicare una ritenuta a titolo di imposta nella misura del 26%, con obbligo di rivalsa sui percettori residenti. A norma del successivo comma 4-bis la ritenuta è operata sul dividendo al netto delle eventuali imposte e ritenute applicate nello Stato estero (cd. netto frontiera ). Si ricorda che, poiché la ritenuta applicata è a titolo di imposta, il percettore residente non dovrà indicare i dividendi di fonte estera nella propria dichiarazione dei redditi, ai sensi dell art. 3, co. 3, lett. a) del TUIR. Conseguentemente, le eventuali ritenute applicate dallo Stato estero su tali dividendi non potranno essere recuperate con il credito d imposta per i redditi prodotti all estero disciplinato dall art. 165 del TUIR. Se, invece, i dividendi sono percepiti senza l intervento di un intermediario residente, gli stessi, non potendo essere assoggettati alla predetta ritenuta, devono essere dichiarati nel modello Unico nel loro ammontare lordo e assoggettati ad imposta sostitutiva a cura del contribuente stesso (art. 18 del TUIR). La ritenuta alla fonte a titolo d imposta di cui al comma 4 dell art. 27 del D.P.R. 600/1973, non deve essere applicata sugli utili di fonte estera provenienti da partecipazioni detenute nell ambito delle gestioni individuali di masse patrimoniali di cui all art. 7 del D.Lgs. 461/1997. In tal caso, infatti, i dividendi concorrono a formare il risultato maturato di gestione soggetto ad imposta sostitutiva del 26%. iii. Partecipazioni in cfc. I dividendi provenienti da soggetti residenti in Paesi a fi scalità privilegiata concorrono a formare il reddito nella misura del 100%, indipendentemente dal fatto che la partecipazione sia qualifi cata o meno. Infatti, in base all art. 47, co. 4 del TUIR, sono tassabili integralmente gli utili provenienti da società residenti in Stati o territori diversi da quelli indicati nella white list di cui al decreto del Ministero dell economia e delle fi nanze emanato ai sensi dell art. 168-bis 3. L intermediario che interviene nella riscossione applicherà una ritenuta a titolo d acconto del 26% sul netto frontiera. Nel caso, invece, le partecipazioni siano non qualifi cate e i dividendi siano erogati da società i cui titoli sono negoziati in mercati regolamentati è prevista l applicazione della ritenuta del 26% a titolo defi nitivo sull intero ammontare corrisposto (al netto delle ritenute applicate dallo Stato estero). 3 Nelle more dell emanazione del decreto che deve individuare i cd. Stati o territori virtuosi, continua ad applicarsi l elenco di cui al D.M. 21/11/2001 che individua i Paesi o territori a regime fi scale privilegiato. 12

11 Tale disciplina non trova applicazione: - nel caso in cui il contribuente abbia presentato positivamente istanza d interpello secondo le modalità previste dall art. 167, co. 5, lett. b) del TUIR, dimostrando che dalle partecipazioni non sia stato conseguito, sin dall inizio del periodo di possesso, l effetto di localizzare i redditi nel paradiso fi scale, nel qual caso tornano applicabili le regole di cui ai punti i) e ii), oppure - fi no a concorrenza degli utili che sono stati già imputati per trasparenza al socio in applicazione delle disposizioni di cui agli artt. 167 e 168 del TUIR 4. I regimi di tassazione sopra delineati trovano applicazione anche con riferimento alle somme ricevute dal socio a titolo di ripartizione di riserve di capitale o di altri fondi costituiti da sovrapprezzi di emissioni delle azioni o quote, con versamenti fatti dai soci a fondo perduto o in conto capitale, eccedenti il costo fiscale della partecipazione, qualifi - candosi tale eccedenza come utile (si veda Circolare 16/07/2004, n. 26). I dividendi di fonte estera percepiti da soggetti esercenti attività di impresa (imprenditori individuali, società di persone e società di capitali) non scontano alcuna ritenuta alla fonte in entrata. Per essi è previsto il medesimo regime fiscale applicabile ai dividendi di fonte interna percepiti da persone fisiche imprenditori e società di persone commerciali. I dividendi concorrono, quindi, alla formazione del reddito di impresa nella misura del 49,72% (o del 40% se prodotti fi no all esercizio in corso al 31/12/2007) ai sensi dell art. 59 del TUIR, eccezione viene fatta per gli utili provenienti da Paesi a fi scalità privilegiata. In questo caso i dividendi erogati da tali soggetti residenti in Stati o territori diversi da quelli indicati nella white list di cui al decreto del Ministero dell economia e delle fi nanze emanato ai sensi dell art. 168-bis 5, concorrono a formare il reddito nella misura del 100%. Tale disciplina non trova applicazione: - nel caso in cui il contribuente abbia presentato positivamente istanza d interpello secondo le modalità previste dall art. 167, 4 Ai sensi degli artt. 167 e 168 del TUIR, se un soggetto residente in Italia detiene, direttamente o indirettamente, anche tramite società fi duciarie o interposta persona, rispettivamente il controllo o il collegamento di una società o di altro ente residente o localizzato in un paradiso fi scale, i redditi conseguiti dal soggetto estero partecipato sono imputati ai soggetti residenti in proporzione alle partecipazioni da essi detenuti e assoggettati a tassazione separata con aliquota media di tassazione del reddito complessivo netto e comunque non inferiore al 27%. L art. 167 trova applicazione anche nel caso di società controllate localizzate in territori non black list, qualora ricorrano congiuntamente le seguenti condizioni: i) la partecipata estera paga imposte nello Stato o territorio di insediamento per un importo pari almeno della metà del carico impositivo cui sarebbe stata sottoposta qualora fi scalmente residente in Italia e ii) i proventi della partecipata derivano per più della metà da passive income, ivi incluse prestazioni di servizi nei confronti di soggetti appartenenti al medesimo gruppo. 5 Nelle more dell emanazione del decreto che deve individuare i cd. Stati o territori virtuosi, continua ad applicarsi l elenco di cui al D.M. 21/11/2001 che individua i Paesi o territori a regime fi scale privilegiato. 13

12 co. 5, lett. b) del TUIR, dimostrando che dalle partecipazioni non sia stato conseguito, sin dall inizio del periodo di possesso, l effetto di localizzare i redditi nel paradiso fi scale, nel qual caso tornano applicabili le regole di cui ai punti i) e ii), oppure - fi no a concorrenza degli utili che sono stati già imputati per trasparenza al socio in applicazione delle disposizioni di cui agli artt. 167 e 168 del TUIR 6. Con riguardo alle somme ricevute dal socio persona fi sica imprenditore o società di persone commerciale, a titolo di ripartizione di riserve di capitale o di altri fondi costituiti da sovrapprezzi di emissioni delle azioni o quote, con versamenti fatti dai soci a fondo perduto o in conto capitale, eccedenti il costo fi scale della partecipazione, a tale eccedenza si rendono applicabili le modalità di tassazione previste per le plusvalenze. Qualora ricorrano i presupposti previsti dall art. 87 del TUIR, per effetto del rinvio operato dall art. 58 le plusvalenze non concorrono a formare il reddito imponibile nei limiti del 50,28% dell importo (si veda Circolare 16/07/2004, n. 26). Le imposte pagate a titolo defi nitivo all estero sui dividendi incassati potranno essere portate in detrazione dell imposta netta dovuta con il credito d imposta per i redditi prodotti all estero ex art. 165 del TUIR, fi no a concorrenza della quota d imposta corrispondente al rapporto tra i redditi prodotti all estero ed il reddito complessivo. Poiché il dividendo estero concorre parzialmente alla formazione del reddito complessivo, anche l imposta estera va ridotta in misura corrispondente (art. 165, co 10 del TUIR). Gli utili di fonte estera distribuiti in qualsiasi forma e sotto qualsiasi denominazione a società ed enti residenti soggetti ad IRES concorrono alla formazione del reddito limitatamente al 5% del loro ammontare e sono imputati nell esercizio in cui sono percepiti secondo il principio di cassa, ai sensi dell art. 89, co. 2 del TUIR. Al contrario, i dividendi provenienti da soggetti residenti in Stati o territori diversi da quelli indicati nella white list di cui al decreto del Ministero dell economia e delle fi nanze emanato ai sensi dell art. 168-bis 7, concorrono a formare il reddito nella misura del 100%. Tale disciplina non trova applicazione: 6 Si rinvia a quanto precisato nella nota 4. 7 Nelle more dell emanazione del decreto che deve individuare i cd. Stati o territori virtuosi, continua ad applicarsi l elenco di cui al D.M. 21/11/2001 che individua i Paesi o territori a regime fi scale privilegiato. 14

13 - nel caso in cui il contribuente abbia presentato positivamente istanza d interpello secondo le modalità previste dall art. 167, co. 5, lett. b) del TUIR, dimostrando che dalle partecipazioni non sia stato conseguito, sin dall inizio del periodo di possesso, l effetto di localizzare i redditi nel paradiso fi scale, nel qual caso tornano applicabili le regole di cui ai punti i) e ii), oppure - fi no a concorrenza degli utili che sono stati già imputati per trasparenza al socio in applicazione delle disposizioni di cui agli artt. 167 e 168 del TUIR 8. Le imposte pagate a titolo definitivo all estero sui dividendi incassati potranno essere portate in detrazione dell imposta netta dovuta con il credito d imposta per i redditi prodotti all estero ex art. 165 del TUIR, fino a concorrenza della quota d imposta corrispondente al rapporto tra i redditi prodotti all estero ed il reddito complessivo. Poiché il dividendo estero concorre parzialmente alla formazione del reddito complessivo, anche l imposta estera va ridotta in misura corrispondente. I dividendi corrisposti a soggetti non residenti si considerano, a norma dell art. 23 co. 1, lett. b) del TUIR, prodotti nel territorio dello Stato e, come tali, sono ivi soggetti a tassazione se sono corrisposti dallo Stato, da soggetti residenti nel territorio dello Stato o da stabili organizzazioni nel territorio dello stesso di soggetti non residenti. Il sistema di imposizione dei dividendi percepiti da soggetti non residenti prevede un regime di tassazione generale, commentato nel presente paragrafo, e due ulteriori regimi che sono commentati nei paragrafi successivi e che regolano tipicamente l imposizione dei dividendi nei gruppi internazionali. In base al regime di tassazione generale, l imposizione viene attuata al momento della distribuzione con l applicazione, ai sensi dell art. 27, co. 3 del D.P.R. 600/1973, di una ritenuta alla fonte a titolo di imposta pari al 26% sull intero ammontare dei dividendi, e ciò indipendentemente dal fatto essi siano relativi a partecipazioni qualifi cate o non qualifi cate e indipendentemente dal fatto che il soggetto percettore operi o meno in regime di attività di impresa. I soggetti esteri che subiscono la ritenuta a titolo di imposta hanno diritto di richiedere il rimborso fi no a concorrenza dell importo di 11/26 della ritenuta subita 9 ; l ottenimento del rimborso è però condi- 8 Si rinvia a quanto precisato nella nota 4. 9 La proporzione è stata aggiornata per effetto dell aumento al 26% della ritenuta sui dividendi. Pertanto per i dividendi corrisposti fi no al 30 giugno 2014 trova applicazione la ritenuta del 20% a cui corrisponde una proporzione di ¼ dell imposta che si può chiedere a rimborso. Per i dividendi pagati dal 1 luglio 2014 trova applicazione la nuova ritenuta e la proporzione aggiornata. 15

14 zionato dall onere di dimostrare di aver pagato sui medesimi dividendi le imposte nel Paese di residenza, attraverso il rilascio di un apposita certifi cazione da parte dell Amministrazione Fiscale estera (rif. Circolare 21/05/2009, n. 26/E). Soltanto se il soggetto residente ha una stabile organizzazione in Italia e la partecipazione per la quale è percepito il dividendo è effettivamente connessa a detta stabile organizzazione, i dividendi percepiti non sono soggetti a ritenuta e concorrono alla determinazione del reddito di impresa della stabile organizzazione, soggetto a tassazione in Italia, nella misura del 5% del loro ammontare ai sensi dell art. 89 del TUIR (analogamente ai soggetti IRES). La misura della ritenuta applicata sui dividendi corrisposti a soggetti non residenti può essere ridotta nel caso in cui sia stata conclusa una Convenzione contro le doppie imposizioni tra l Italia ed il Paese di residenza del percettore riducendo parzialmente la doppia imposizione giuridica in capo al socio 10. Se il percettore del dividendo è residente in uno Stato con il quale è stata conclusa una Convenzione contro le doppie imposizioni, la ritenuta in uscita si applica, di regola, nella misura prevista dalla Convenzione che è normalmente più favorevole di quella prevista dall art. 27 del D.P.R. 600/1973. La maggior parte delle Convenzioni stipulate dall Italia ricalca il Modello OCSE e la disciplina dei dividendi è rinvenibile nell art. 10 del Modello OCSE, il quale: - al paragrafo 1 attribuisce la potestà impositiva sui dividendi allo Stato di residenza del benefi ciario, ma non si tratta di una potestà esclusiva, poiché - il paragrafo 2 consente allo Stato della fonte, cioè allo Stato in cui risiede la società che distribuisce il dividendo, di tassare tali dividendi ma, se il benefi ciario effettivo di tali dividendi è residente nell altro Stato, la ritenuta non può eccedere: - il 5% dell ammontare lordo dei dividendi se il benefi ciario economico è una società (diversa da una società di persone) che detiene almeno il 25% del capitale della società che paga i dividendi; - il 15% dell ammontare lordo dei dividendi in tutti gli altri casi. 10 Le Convenzioni per evitare la doppia imposizione sono trattati internazionali con i quali i Paesi contraenti regolano l esercizio della propria potestà impositiva al fi ne di eliminare le doppie imposizioni sui redditi e/o sul patrimonio dei rispettivi residenti. Oltre ad evitare le doppie imposizioni, le Convenzioni hanno anche lo scopo di prevenire l evasione e l elusione fi scale. 16

15 L applicazione delle ritenute convenzionali sui dividendi è sottoposta però ad una condizione che dev essere soddisfatta dal destinatario dei dividendi residente nell altro Stato contraente: questo, infatti, dev essere l effettivo benefi ciario di tali utili. Il concetto di benefi ciario effettivo è stato elaborato a livello internazionale con lo scopo di arginare il fenomeno dell abuso del diritto, infatti l obiettivo è quello di impedire che i soggetti destinatari di una determinata componente reddituale interpongano, tra sé ed il soggetto erogante il reddito in questione, soggetti terzi al solo fi ne di godere di un trattamento favorevole concesso da una convenzione contro le doppie imposizioni. Se quindi la condizione del benefi ciario effettivo non è soddisfatta, non può trovare applicare l aliquota convenzionale ridotta. Ai fi ni della richiesta dell applicazione delle ritenute convenzionali, i soggetti residenti e non residenti devono fare riferimento alla modulistica un uso e concordata tra gli Stati o, in mancanza, ai modelli approvati con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 10 luglio Con riferimento ai dividendi in uscita deve essere menzionato il cd. regime madre - fi glia, previsto dall art. 27-bis del D.P.R. 600/1973. La Direttiva 90/435/CEE del 23/07/1990, meglio conosciuta come direttiva madre - fi glia e rifusa nella Direttiva 2011/96/EU, è stata recepita nell ordinamento italiano con la L. 142/1992 e mira ad eliminare la doppia imposizione giuridica sui dividendi che rendono le relazioni fra società madri e fi glie di stati membri diversi meno favorevoli rispetto a quelle fra società madri e fi glie dello stesso stato membro. In particolare l art. 27-bis del D.P.R. 600/1973 consente alla casa madre di chiedere a rimborso la ritenuta applicata ai sensi dell art. 27, commi 3, 3-bis e 3-ter, del D.P.R. 600/1973, ovvero l esenzione dall applicazione della ritenuta alla fonte da parte della società emittente. L art. 27-bis, co. 3, dispone che la richiesta di rimborso o di esenzione dall applicazione della ritenuta sui dividendi in uscita, qualora la società percipiente rispetti i seguenti requisiti: i. rivesta una delle forme previste nell allegato alla direttiva CEE madre - figlia ; ii. risieda ai fi ni fi scali in uno Stato membro dell Unione Europea, senza essere considerate, ai sensi di una Convenzione in materia di doppia imposizione sui redditi con uno Stato terzo, residenti a di fuori dell UE; iii. sia soggetta nello Stato di residenza ad una delle imposte indicate nell allegato alla predetta direttiva, senza fruire di regimi di opzio- 17

16 ne o di esonero che non siano territorialmente o temporalmente limitati ad una delle imposte indicate nella predetta direttiva; iv. possieda una partecipazione diretta nella società erogante gli utili non inferiore al 10% del capitale per un periodo ininterrotto di almeno un anno 11. Per il rimborso della ritenuta ovvero per la non applicazione delle ritenute occorre presentare la seguente documentazione: - una certifi cazione rilasciata dalle autorità fi scali dello Stato di residenza che attesti la sussistenza dei requisiti soggettivi in capo alla società percipiente; - la dichiarazione di esistenza o meno di una stabile organizzazione (se si tratta di impresa) o di base fi ssa (se si tratta di un professionista) in Italia, cui siano riconducibili i redditi in relazione ai quali si chiede il rimborso dell imposta; - dichiarazione di esistenza di eventuali altre specifi che condizioni previste dalla Convenzione; - documentazione atta a comprovare il prelievo effettivo dell imposta. Ai fi ni della richiesta dell applicazione dell esenzione dalla ritenuta o di rimborso della stessa, i soggetti residenti e non residenti devono fare riferimento ai modelli approvati con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 10 luglio Gli intermediari devono acquisire tale documentazione entro la data del pagamento degli utili e devono conservarla, unitamente alla richiesta di non applicazione della ritenuta, fi no a quando non siano decorsi i termini per gli accertamenti relativi al periodo di imposta in corso alla data del pagamento dei dividendi e, comunque, fi no quando non siano stati defi niti gli accertamenti stessi. Il comma 5 dell articolo in esame introduce una clausola antielusiva, ossia prevede che il regime esimente di cui sopra possa essere applicato a condizione che le società madri, che risultano controllate direttamente o indirettamente da uno o più soggetti non residenti in Stati della Comunità Europea, dimostrino che lo scopo di detenzione della partecipazione nella società fi glia non è l ottenimento del benefi cio dell esenzione. A tal fi ne per l assunzione delle prove si applicano le procedure di cui ai commi 12 e 13 dell art. 11 della L. 30/12/1991, n Percentuale così ridotta dal 1 gennaio

17 È appena il caso di ricordare che, per arginare fenomeni di tipo elusivo, la Commissione Europea ha presentato, il 25 novembre 2013, una proposta di modifi ca della citata direttiva madre - fi glia, articolata su due direttrici, da un lato l introduzione di una clausola generale antielusiva e dall altro il contrasto all utilizzo di strumenti fi nanziari ibridi. Con riferimento al primo punto, va osservato che fi nora gli Stati membri hanno adottato norme anti-abuso dettate dalle esigenze dei singoli sistemi fi scali nazionali, mancando disposizioni comuni uniformemente applicabili. L obiettivo che la modifi ca si propone è l esplicita previsione della obbligatorietà per gli Stati membri di adottare una clausola generale antiabuso fi nalizzata all ottenimento di maggiore chiarezza verso l applicazione uniforme della direttiva. Per quanto attiene, invece, il secondo punto, la proposta in commento si preoccupa di evitare la doppia non tassazione con riferimento alle ipotesi nelle quali le somme distribuite dalla società fi glia costituiscono per essa costi deducibili in base all ordinamento tributario domestico. La proposta di modifi ca prevede infatti la possibilità di negare alla società madre l esenzione da tassazione dei dividendi percepiti, nella misura in cui tali somme vengono ammesse in deduzione nello Stato di residenza della società fi glia; è d obbligo dunque per le imprese transfrontaliere assoggettare a tassazione i fl ussi di utili in entrata se portati in deduzione in altro Stato della Comunità. Su questo punto, il Consiglio ha deciso di non attendere il termine del 31/12/2014 entro il quale i Paesi membri della Comunità Europea sarebbero stati chiamati ad esprimersi sulla proposta di revisione e ha approvato l 8 luglio 2014 la Direttiva 2014/86/UE che ha riformulato la lett. a) dell art. 4, paragrafo 1 della Direttiva madre - fi glia, prevedendo che gli Stati membri della società madre dovranno astenersi dal sottoporre ad imposizione gli utili percepiti solo nella misura in cui essi non sono deducibili per la società fi glia, assicurando così che gli utili distribuiti dalle società fi glie alle società madri siano sottoposti ad imposizione almeno una volta. Gli Stati membri dovranno adeguare le proprie legislazioni interne entro il 31 dicembre A seguito dell avvio nel 2006 da parte della Commissione Europea di un procedura d infrazione contro l Italia in relazione al regime di imposizione sui dividendi in uscita pagati da enti e società, è stato introdotto dall art. 1, co. 67, lett. a) n. 4 della Finanziaria 2008 il nuovo comma 3-ter all art. 27 del D.P.R. 600/1973, che prevede una ritenuta a titolo di imposta nella misura dell 1,375% sugli utili corrisposti alle società e agli enti residenti negli Stati membri dell Unione Europea e 19

18 negli Stati aderenti all accordo sullo Spazio Economico Europeo (SEE) che sono inclusi nella lista di cui al decreto del Ministero dell economia e delle Finanze emanato ai sensi dell art. 168-bis del TUIR (cd. white list) 12. La ritenuta in esame è stata introdotta per rendere compatibile il regime italiano delle ritenute sui dividendi in uscita con i principi relativi alla libertà di stabilimento e alla libera circolazione dei capitali garantite tanto dal Trattato CEE, quanto dal Trattato sullo Spazio Economico Europeo (SEE). Per benefi ciare della ritenuta ridotta, gli enti e società esteri devono soddisfare congiuntamente due condizioni: - essere residenti in uno Stato membro della UE o in uno Stato aderente allo Spazio Economico Europeo che sono inclusi nella lista dei Paesi che consentono un adeguato scambio di informazioni di cui al decreto ministeriale emanato ai sensi dell art bis, co. 1 del TUIR; - essere soggetti passivi ai fi ni della locale imposta sul reddito delle società. La richiesta deve essere corredata da idonea certifi cazione di residenza e di status fi scale rilasciata dalle autorità fi scali del paese estero. Con la Circolare n. 32/E/2011, l Amministrazione fi nanziaria ha chiarito l applicazione retroattiva della normativa, con la possibilità di applicare la ritenuta nella misura ridotta anche per i dividendi formatisi prima del 1 gennaio È appena il caso di precisare che, qualora i soggetti UE benefi ciari dei dividendi posseggano i requisiti previsti per l applicazione della direttiva madre - fi glia la disciplina di cui all art. 27-bis prevale rispetto a quella prevista dal nuovo comma 3-ter: ai dividendi corrisposti da società fi glie residenti a società madri non residenti, pertanto, non si applica la ritenuta dell 1,375%, ma continua ad applicarsi il regime comunitario più favorevole. 12 Nelle more dell emanazione del decreto che deve individuare i cd. Stati o territori virtuosi, troverà applicazione l elenco di cui al D.M. 04/09/1996, l unico paese extra UE cui può essere applicata la ritenuta ridotta è la Norvegia. Si ricorda che la white list del 1996 è stata, peraltro, recentemente integrata ad opera del D.M. 27/07/2010 che ha inserito Cipro e la Lettonia. 20

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti (FAQ)

Risposte alle domande più frequenti (FAQ) COMUNICAZIONE DEI DATI DEI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE E DEI FINANZIAMENTI E CAPITALIZZAZIONI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL IMPRESA

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015 CIRCOLARE N. 30/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 agosto 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. N. 2013/84404 Approvazione dei modelli di domanda per il rimborso, l esonero dall imposta italiana o l applicazione dell aliquota ridotta sui redditi corrisposti a soggetti non residenti in forza

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La società tra professionisti

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La società tra professionisti Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri La società tra professionisti (c.r.385) Roma, maggio 2013 Ing. Armando Zambrano Ing. Fabio Bonfà Ing. Gianni Massa Ing. Riccardo Pellegatta Ing. Michele Lapenna

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli