1. Proposta di distribuzione in natura di riserve disponibili mediante assegnazione della partecipazione posseduta dalla Società in Green Energy.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Proposta di distribuzione in natura di riserve disponibili mediante assegnazione della partecipazione posseduta dalla Società in Green Energy."

Transcript

1 Proposta di distribuzione di riserve disponibili mediante assegnazione di partecipazioni possedute dalla Società in KME Green Energy S.r.L. previa trasformazione della stessa in società per azioni; deliberazioni inerenti e conseguenti. Signori Azionisti, la presente relazione (la Relazione ), redatta dal Consiglio di Amministrazione di KME Group S.p.A. ( KME Group o la Società ) ai sensi dell art. 3 D.M. 5 novembre 1998, n. 437, che sottoponiamo alla Vostra attenzione, è volta ad illustrare la proposta concernente la distribuzione in natura agli Azionisti della Società di parte delle riserve disponibili, quali risultanti dal bilancio di esercizio di KME Group al 31 dicembre 2006, da attuarsi attraverso l assegnazione agli Azionisti stessi della partecipazione posseduta dalla Società nella società controllata KME Green Energy S.r.L., previa sua trasformazione in società per azioni ( Green Energy ) e, quindi, di n azioni ordinarie prive di indicazione del valore nominale (le Azioni Green Energy ). 1. Proposta di distribuzione in natura di riserve disponibili mediante assegnazione della partecipazione posseduta dalla Società in Green Energy. La proposta di delibera oggetto della presente Relazione concerne la distribuzione gratuita agli Azionisti di KME Group di Euro ,10 prelevati dalle riserve disponibili come segue: quanto a massimi Euro ,00 dalla Riserva prima adozione IAS-IFRS ; quanto a massimi Euro ,10 dai Risultati di esercizi precedenti utili a nuovo ; risultanti dal bilancio di esercizio al 31 dicembre 2006 (le Riserve Distribuibili ) dopo gli utilizzi deliberati dalla Assemblea degli Azionisti del 23 maggio 2007 in sede di approvazione del bilancio chiuso alla predetta data; distribuzione da attuarsi attraverso l assegnazione delle Azioni Green Energy (la Distribuzione ). Come meglio descritto nel successivo Paragrafo 2, la Distribuzione è strumentale all ammissione alla negoziazione delle azioni ordinarie Green Energy su un mercato regolamentato italiano od europeo. In particolare, nel presupposto della trasformazione di Green Energy da società a responsabilità limitata in società per azioni (la Trasformazione ), si propone di realizzare tale distribuzione secondo i criteri di seguito riportati: rapporto di assegnazione delle Azioni Green Energy: n. 1 Azione Green Energy ogni n. 1 azione ordinaria o n. 1 azione di risparmio KME Group posseduta; numero massimo di Azioni Green Energy oggetto di assegnazione: n ; porzione di Riserve Distribuibili oggetto della presente proposta di distribuzione in natura: massimi Euro ,10; ai sensi dell art 47 comma 3, del D.P.R. 917/86, l assegnazione di azioni rappresenta distribuzione di utile in natura, il cui valore imponibile è determinato in relazione al

2 valore normale degli stessi alla data di assegnazione (ex art. 109, comma 2, lettera a) T.U.I.R.); valore normale di ciascuna Azione Green Energy oggetto di distribuzione, ai sensi degli artt. 27, comma 2, del D.P.R. 600/1973, 9, comma 4, e 47, comma 1, del D.P.R. 917/1986: Euro 0,007; il dividendo in natura come sopra indicato sarà assoggettato a tassazione secondo le regole ordinarie che saranno vigenti al momento dell assegnazione e che dipenderanno dalla qualifica soggettiva dell Azionista; ai sensi dell art. 27, comma 2, del D.P.R. 600/73, in caso di distribuzione di utili in natura, i singoli Azionisti per conseguirne il pagamento sono tenuti a versare l importo corrispondente all ammontare della ritenuta/imposta sostitutiva, qualora i dividendi siano soggetti a imposta sostitutiva (ex art. 27 ter D.P.R 600/73); data di assegnazione delle Azioni Green Energy: le Azioni Green Energy saranno assegnate agli aventi diritto il primo giorno utile di Borsa aperta successivo alla data di rilascio del provvedimento di ammissione a quotazione delle azioni Green Energy da parte della società di gestione del mercato regolamentato presso la quale verrà deposita istanza di ammissione a quotazione delle azioni Green Energy e dei Warrant Green Energy (come infra definiti) (il Mercato Regolamentato ), o il diverso giorno concordato con le competenti Autorità (la Data di Assegnazione ); la Data di Assegnazione verrà in ogni caso comunicata agli Azionisti di KME Group mediante apposito avviso pubblicato sul quotidiano MF/Milano Finanza; caratteristiche e modalità di assegnazione delle Azioni Green Energy: le Azioni Green Energy saranno prive di indicazione di valore nominale, nominative e saranno soggette al regime di circolazione previsto dal D. Lgs. n. 213/98 e relative disposizioni attuative. Le Azioni Green Energy saranno azioni dematerializzate e assegnate agli aventi diritto mediante il sistema di gestione accentrata di Monte Titoli S.p.A., secondo le modalità e le istruzioni che verranno comunicate agli Azionisti di KME Group mediante apposito avviso pubblicato sul quotidiano MF/Milano Finanza. 2. Motivazione della proposta di distribuzione in natura delle riserve disponibili KME Green Energy S.r.L. è una società costituita da KME Group in data 3 luglio 2007, in forma di società a responsabilità limitata (con sede in Milano, Foro Buonaparte n. 44, iscritta in data 11 luglio 2007 al Registro delle Imprese di Milano al n , corrispondente al codice fiscale), con oggetto sociale esclusivo l esercizio non nei confronti del pubblico di attività di assunzione di partecipazioni quale consentita ai soggetti iscritti nell apposita sezione di cui all art. 113 del D. Lgs. 385/93 (il TUB ) dell elenco generale di cui all art. 106 del medesimo TUB, con esclusione espressa dell attività di concessione di finanziamenti nei confronti del pubblico nella forma del rilascio delle garanzie. In particolare, Green Energy, nell ambito della predetta attività, potrà assumere, negoziare e gestire partecipazioni, interessenze e diritti, rappresentati o meno da titoli, sul capitale in 2

3 altre società, imprese o altre entità, quotate o non quotate, di maggioranza o di minoranza, nonché sottoscrivere altri strumenti finanziari in genere (quali definiti all art. 1, comma 2 del D. Lgs. n. 58 del 24 febbraio 1998; di seguito il TUF ) emessi da tali società, imprese o altre entità. Ai fini dell esercizio dell attività sopra descritta Green Energy, in data 13 luglio 2007, ha inoltrato all Ufficio Italiano Cambi la domanda di iscrizione nell apposita sezione di cui all art. 113 del TUB, dell elenco generale di cui all art. 106 del medesimo TUB. Green Energy è nata dall iniziativa assunta dal Consiglio di Amministrazione di KME Group che, al fine di cogliere le opportunità offerte dal forte sviluppo del settore atteso nei prossimi anni, ha definito le linee di un progetto rivolto ad attività di investimento in società operanti nel campo dell energia e delle fonti rinnovabili (il Progetto ). Nell ambito del Progetto, è prevista la quotazione delle azioni ordinarie Green Energy e dei Warrant Green Energy (come infra definiti) sul Mercato Regolamentato. Green Energy ha l obiettivo di assumere dimensioni tali che le consentano di affrontare uno sviluppo europeo nel settore delle energie rinnovabili, attraverso investimenti finanziari in tre aree di attività: 1. impianti di generazione di energia da fonti rinnovabili; 2. prodotti, servizi e tecnologie collegate al settore delle energie rinnovabili e del risparmio energetico; 3. investimenti finanziari, cioè venture capital, minoranze e quote di fondi del settore delle energie rinnovabili. Green Energy si doterà delle risorse tecniche e progettuali necessarie alla sua operatività e ha già individuato un partner industriale in Aledia S.p.A ( Aledia ), titolare della partecipazione rappresentante circa il 19,998% del capitale sociale di Green Energy. Aledia è attiva nell area della progettazione, installazione e manutenzione di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nonché delle soluzioni per il risparmio energetico. Aledia è stata fondata all inizio del 2006 da Vincenzo Cannatelli, che Vi ricordiamo è stato Amministratore Delegato della Società. Il Progetto prevede, inoltre, che KME Group e le sue controllate concedano la disponibilità di aree nelle quali realizzare gli impianti per la generazione di energia da parte delle società che saranno acquisite da Green Energy. Ciò potrebbe consentire alle società del Gruppo di utilizzare l energia prodotta anche a copertura dei consumi delle proprie unità produttive. KME Green Energy sarà guidata da Luca D Agnese (ex partner McKinsey e Direttore Operativo uscente di Terna S.p.A.) che sarà nominato Amministratore Delegato della Società. D Agnese ha acquisito una larga esperienza nel settore dell energia sia per la 3

4 posizione ricoperta in Terna sia per aver avuto la responsabilità della guida (come CEO) di GRTN Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale. Nell ambito di detto Progetto è previsto: la delibera di Trasformazione di Green Energy, da società a responsabilità limitata in società per azioni, da assumersi precedentemente al deposito presso CONSOB della comunicazione avente ad oggetto la richiesta di autorizzazione, ai sensi degli articoli 94 e 113 TUF, alla pubblicazione del Prospetto Informativo (come di seguito definito); la delibera di Distribuzione delle Azioni Green Energy agli Azionisti di KME Group. L efficacia della delibera di Distribuzione sarà subordinata all ottenimento del provvedimento di ammissione a quotazione delle azioni Green Energy e dei Warrant Green Energy (come infra definiti) da parte della competente società di gestione del Mercato Regolamentato. Le Azioni Green Energy verranno assegnate alla Data di Assegnazione come sopra specificato; una delibera di aumento di capitale sociale a pagamento di Green Energy fino a massimi Euro ,00, mediante emissione di azioni ordinarie, prive di indicazione del valore nominale, da offrirsi in opzione, ai sensi dell articolo 2441 del Codice Civile, ai titolari di Azioni Green Energy a seguito della Distribuzione (l Aumento di Capitale ). Il prezzo di sottoscrizione di ciascuna azione di nuova emissione sarà pari al suo valore nominale implicito. Ai sensi dell articolo 2441, comma III del Codice Civile, coloro che eserciteranno il diritto di opzione, purché ne facciano contestuale richiesta, avranno diritto di prelazione sulle azioni Green Energy di nuova emissione eventualmente rimaste inoptate. Alle nuove azioni ordinarie emesse saranno abbinati gratuitamente warrant KME Green Energy S.p.A. (i Warrant Green Energy ) nel rapporto di n. 3 Warrant Green Energy ogni n. 1 azione ordinaria di nuova emissione, circolabili autonomamente; i Warrant Green Energy saranno esercitabili nel rapporto di n. 1 azione ordinaria di Green Energy ogni n. 1 Warrant Green Energy, ad un prezzo pari a quello di sottoscrizione delle azioni ordinarie di cui sopra. L efficacia della delibera di Aumento di Capitale sarà subordinata al rilascio da parte di CONSOB dell autorizzazione alla pubblicazione del prospetto informativo di sollecitazione e di quotazione relativo (i) all offerta in opzione delle nuove azioni Green Energy derivanti dall Aumento di Capitale e (ii) alla quotazione delle azioni Green Energy e dei Warrant Green Energy sul Mercato Regolamentato (il Prospetto Informativo ); in una seconda fase, il Progetto prevede la possibilità, compatibilmente con l andamento dei mercati finanziari e l evoluzione dell attività di Green Energy, di consentire la partecipazione di investitori istituzionali ad una più ampia operazione di capitalizzazione fino a 200 milioni di Euro. Resta inoltre inteso che, qualora alla data del 30 giugno 2008 non sia stato rilasciato il provvedimento di ammissione a quotazione delle azioni Green Energy e dei Warrant Green Energy da parte della competente società di gestione del Mercato Regolamentato, la delibera non potrà più avere esecuzione. 4

5 3. Capitale sociale di Green Energy Alla data della presente Relazione, il capitale sociale di Green Energy S.r.L. è pari ad Euro ,00 interamente sottoscritto e versato, al quale partecipano: KME Group quanto ad Euro ,10, pari a circa l,80,002% del capitale; Aledia S.p.A. quanto ad Euro ,90, pari a circa il 19,998% del capitale. A seguito della Trasformazione, il capitale sociale di Euro ,00 sarà suddiviso in n azioni ordinarie prive di indicazione del valore nominale. 4. Capitale sociale di KME Group Alla data della presente Relazione, il capitale sociale di KME Group è pari ad Euro ,60, interamente sottoscritto e versato, rappresentato da n azioni prive di indicazione del valore nominale, delle quali azioni ordinarie e n azioni di risparmio. Alla data della presente Relazione, la Società detiene n azioni di risparmio proprie in portafoglio (le Azioni Proprie ). Si precisa che alla data di esecuzione della delibera di Distribuzione, alle Azioni Proprie troverà applicazione il regime previsto nel successivo Paragrafo 5. Alla data della presente Relazione, gli unici Azionisti il cui possesso è superiore al 2% delle azioni ordinarie sono i seguenti: Intek S.p.A. per n azioni, pari al 53,82%; JP Morgan Asset Management (UK) per n azioni, pari al 2,047%. In esecuzione della deliberazione dell Assemblea straordinaria degli Azionisti del 19 maggio 2006, KME Group ha inoltre provveduto all emissione di complessivi n "warrant azioni ordinarie KME Group S.p.A. 2006/2009" (i "Warrant KME Group"), che, a seguito delle variazioni numeriche legate alla loro emissione e quindi al raggruppamento delle azioni costituenti il capitale sociale deliberato dall Assemblea straordinaria degli Azionisti del 21 giugno 2007, attribuiscono ai portatori la facoltà di sottoscrivere n. 1 azione ordinaria al prezzo di esercizio di Euro 1,05 ogni n. 3 Warrant KME Group posseduti, dalla data del 1 gennaio 2007 fino all 11 dicembre 2009, con conseguente ulteriore emissione fino ad un massimo di n azioni ordinarie KME Group prive di indicazione del valore nominale, nel rispetto del regolamento dei Warrant KME Group. Alla data del 16 luglio 2007 sono stati complessivamente esercitati n Warrant KME Group, residuando quindi in circolazione n Warrant KME Group validi per la sottoscrizione di complessive n nuove azioni ordinarie KME Group. 5

6 Sempre con riferimento alla data della presente Relazione, nell ambito del Piano di Stock Option istituito nel 2006 e riservato ad Amministratori Esecutivi e Dirigenti della Società e del Gruppo, Vi ricordiamo che, tenuto conto anche delle deliberazioni assunte dalla Assemblea straordinaria degli Azionisti del 21 giugno 2007 e quindi del Consiglio di Amministrazione del 18 luglio 2007, sono state complessivamente assegnate n opzioni (le Opzioni ) esercitabili in tre diverse tranche, aventi la rispettiva decorrenza iniziale dal 1 settembre 2007, 2008 e Le Opzioni potranno determinare l emissione di massime n azioni ordinarie KME Group. Le Opzioni esercitabili a partire dal 1 settembre 2007 e fino al 30 giugno 2008 (termine ultimo entro il quale la Distribuzione proposta potrà avere esecuzione) sono n e sono valide per la sottoscrizione di massime n nuove azioni ordinarie KME Group; tali azioni, per il numero eventualmente emesso, avranno diritto a partecipare alla Distribuzione delle Azioni Green Energy come indicato al successivo Paragrafo Distribuzione delle Azioni Green Energy ed informazioni riguardanti la natura e le caratteristiche delle Azioni Green Energy 5.1 Distribuzione delle Azioni Green Energy L Assemblea degli Azionisti di KME Group è chiamata a deliberare in merito alla distribuzione gratuita ai propri soci delle Azioni Green Energy. La Distribuzione avverrà in ragione di un rapporto di assegnazione pari a n. 1 Azione Green Energy ogni n. 1 azione ordinaria o n. 1 azione di risparmio KME Group posseduta ( Rapporto di Assegnazione ). Con riferimento alla determinazione del numero massimo delle Azioni Green Energy da assegnarsi agli Azionisti della Società, si precisa quanto segue: (i) in analogia a quanto previsto dall art ter del Codice Civile le Azioni Proprie non beneficeranno di detto diritto di assegnazione, che, pertanto, sarà attribuito proporzionalmente alle altre azioni ordinarie e di risparmio della (ii) Società in circolazione alla data di efficacia della delibera di Distribuzione; sono state computate, tra le azioni della Società che attribuiranno il diritto di assegnazione di Azioni Green Energy in applicazione del Rapporto di Assegnazione anche le eventuali massime n azioni ordinarie KME Group da emettersi in ipotesi di integrale esercizio dei n Warrant KME Group in circolazione e le eventuali massime n azioni ordinarie KME Group da emettersi in ipotesi di integrale esercizio delle Opzioni esercitabili a partire dal 1 settembre Si precisa che, in deroga a quanto previsto nel Regolamento Warrant KME Group (articolo 2), il Consiglio di Amministrazione ritiene opportuno consentire ai portatori di Warrant KME Group l esercizio del diritto di richiedere la sottoscrizione delle nuove azioni KME Group agli stessi riservate nel periodo intercorrente (i) tra la data in cui l Assemblea abbia deliberato la Distribuzione, e (ii) l ultimo giorno del mese successivo alla diffusione da parte di Green Energy del comunicato stampa, ai sensi dell articolo 114 TUF, relativo al deposito presso CONSOB della comunicazione avente ad oggetto la 6

7 richiesta di autorizzazione, ai sensi degli articoli 94 e 113 TUF, alla pubblicazione del Prospetto Informativo. L avvenuto deposito presso CONSOB di detta comunicazione verrà comunicata mediante apposito avviso pubblicato sul quotidiano MF/Milano Finanza. Parimenti, si ritiene opportuno consentire ai titolari di Opzioni esercitabili a partire dal 1 settembre 2007 l esercizio di dette Opzioni valide per la sottoscrizione delle nuove azioni KME Group agli stessi riservate fino all ultimo giorno del mese successivo alla diffusione da parte di Green Energy del comunicato stampa, ai sensi dell articolo 114 TUF, relativo al deposito presso CONSOB della comunicazione avente ad oggetto la richiesta di autorizzazione, ai sensi degli articoli 94 e 113 TUF, alla pubblicazione del Prospetto Informativo. Pertanto, ai fini della partecipazione alla Distribuzione di Azioni Green Energy, i portatori di Warrant KME Group ed i titolari di Opzioni dovranno esercitare il loro diritto entro l ultimo giorno del mese successivo al comunicato stampa di cui ai precedenti capoversi. In ogni caso, le informazioni concernenti l esercizio dei diritti dei portatori di Warrant KME Group saranno tempestivamente comunicate ai medesimi mediate apposito avviso pubblicato sul quotidiano MF/Milano Finanza. La proposta di Distribuzione, ove deliberata, avrà esecuzione alla Data di Assegnazione; la Data di Assegnazione delle Azioni Green Energy verrà in ogni caso comunicata agli Azionisti di KME Group mediante apposito avviso pubblicato sul quotidiano MF/Milano Finanza. Ai fini di quanto sopra, il Consiglio di Amministrazione segnala che, compatibilmente con i tempi necessari per la predisposizione della documentazione richiesta, il deposito presso CONSOB della comunicazione avente ad oggetto la richiesta di autorizzazione, ai sensi degli articoli 94 e 113 del TUF, alla pubblicazione del Prospetto Informativo nonché il deposito presso la competente società di gestione del Mercato Regolamentato dell istanza di ammissione a quotazione delle azioni Green Energy e dei Warrant Green Energy è previsto entro il 30 ottobre Informazioni riguardanti la natura e le caratteristiche delle Azioni Green Energy Legislazione riguardante le Azioni Green Energy Le Azioni Green Energy saranno emesse in base alla legge italiana Caratteristiche delle Azioni Green Energy Le Azioni Green Energy saranno nominative, prive di valore nominale e soggette al regime di circolazione previsto dal D. Lgs. n. 213/98 e relative disposizioni di attuazione. Le Azioni Green Energy saranno dematerializzate ed immesse nel sistema di gestione accentrata presso Monte Titoli S.p.A Valuta di emissione delle Azioni Green Energy Le Azioni Green Energy saranno emesse in Euro. 7

8 5.2.4 Descrizione dei diritti connessi alle Azioni Green Energy Diritto al dividendo Le Azioni Green Energy avranno il pieno diritto ai dividendi, ove deliberati dall Assemblea degli Azionisti, secondo le vigenti disposizioni di legge e dello statuto. In particolare, lo statuto prevederà che l utile netto risultante dal bilancio, dedotta la quota di riserva legale, venga ripartito fra tutte le azioni, salvo diversa deliberazione dell Assemblea degli Azionisti. Le Azioni Green Energy avranno godimento regolare. Diritto di voto Le Azioni Green Energy avranno diritto ad un voto nelle Assemblee ordinarie e straordinarie degli Azionisti di Green Energy, secondo le norme di legge. Diritti di opzione In caso di aumento di capitale, le Azioni Green Energy avranno il diritto di opzione sulle azioni di nuova emissione, salva diversa deliberazione dell Assemblea degli Azionisti, conformemente a quanto previsto dall articolo 2441 del Codice Civile. Diritto alla partecipazione all eventuale residuo attivo in caso di liquidazione Le Azioni Green Energy avranno diritto alla partecipazione all eventuale residuo attivo in caso di liquidazione ai sensi di legge. 6. Ammontare della riserva oggetto della distribuzione L assegnazione di Azioni Green Energy avverrà attraverso la distribuzione in natura di parte delle Riserve Distribuibili per un ammontare massimo di Euro ,10. Le Riserve Distribuibili risulteranno pertanto ridotte per un importo massimo di Euro ,10 successivamente alla Distribuzione, fermo restando che l ammontare esatto di detta Distribuzione e della conseguente riduzione delle Riserve Distribuibili sarà determinato in funzione del numero di azioni ordinarie e di risparmio KME Group aventi diritto all assegnazione delle Azioni Green Energy alla data di esecuzione della delibera di distribuzione. 7. Effetti fiscali della distribuzione in natura Il valore ai fini fiscali delle Azioni Green Energy, è stato determinato, secondo quanto previsto all art. 9 del T.U.I.D., in Euro 0,007 per azione. ***** Tutto ciò premesso, se siete d accordo con la proposta formulata, Vi invitiamo ad assumere la seguente deliberazione: L Assemblea degli Azionisti di KME Group S.p.A., riunita in sede ordinaria in Firenze, il 3/6 agosto 2007, esaminata ed approvata la relazione del Consiglio di Amministrazione; 8

9 constatata l esistenza nel bilancio di esercizio al 31 dicembre 2006 della riserva Riserva prima adozione IAS-IFRS disponibile dell ammontare di complessivi Euro ,00, e della riserva Risultati di esercizi precedenti utili a nuovo, disponibile dell ammontare di complessivi Euro ,00; subordinatamente all efficacia della delibera di trasformazione della società KME Green Energy S.r.L. da società a responsabilità limitata in società per azioni; sentito il parere favorevole del Collegio Sindacale; d e l i b e r a 1) di approvare la distribuzione in natura agli Azionisti di KME Group S.p.A. della riserva Riserva prima adozione IAS-IFRS, fino a concorrenza del suo intero importo di Euro ,00, e per massimi Euro ,10 con prelievo di pari importo dalla riserva Risultati di esercizi precedenti utili a nuovo, per un importo massimo complessivo di Euro ,10, da eseguirsi tramite l assegnazione della partecipazione attualmente detenuta in KME Green Energy S.r.L., previa trasformazione della stessa in società per azioni, e quindi di n azioni KME Green Energy S.p.A. rivenienti dalla trasformazione in società per azioni, fermo restando quanto segue: (i) la distribuzione delle riserve Riserva prima adozione IAS-IFRS e Risultati di esercizi precedenti utili portati a nuovo risultanti dal bilancio di esercizio al 31 dicembre 2006 dopo gli utilizzi intervenuti a seguito della approvazione del predetto bilancio d esercizio da parte della Assemblea degli Azionisti tenutasi il 23 maggio 2007, hanno per oggetto un ammontare massimo complessivo di Euro ,10, fermo restando che l ammontare esatto di detta distribuzione e della conseguente riduzione delle predette riserve denominate Riserva prima adozione IAS- IFRS e Risultati di esercizi precedenti utili portati a nuovo sarà determinato in funzione del numero di azioni ordinarie e di azioni di risparmio KME Group S.p.A. aventi diritto all assegnazione delle azioni KME Green Energy S.p.A. in circolazione alla data di esecuzione della presente delibera; (ii) ciascun Azionista titolare di azioni ordinarie e ciascun Azionista titolare di azioni di risparmio KME Group S.p.A. avrà il diritto di ricevere n. 1 azione ordinaria KME Green Energy S.p.A. ogni n. 1 azione ordinaria o n. 1 azione di risparmio KME Group S.p.A. posseduta; (iii) la distribuzione avrà esecuzione il primo giorno utile di Borsa aperta successivo alla data di rilascio il provvedimento di ammissione a quotazione delle azioni KME Green Energy S.p.A. da parte della società di gestione del mercato regolamentato presso la quale verrà deposita istanza di ammissione a quotazione delle azioni KME Green Energy S.p.A. medesime, o il diverso giorno concordato con le competenti autorità; la data di assegnazione delle azioni KME Green Energy S.p.A. 9

10 verrà in ogni caso comunicata agli azionisti di KME Group S.p.A. mediante apposito avviso pubblicato sul quotidiano MF/Milano Finanza; (iv) ove alla data del 30 giugno 2008 non sia stato rilasciato il provvedimento di ammissione a quotazione delle Azioni KME Green Energy S.p.A. e dei warrant KME Green Energy S.p.A. da parte della competente società di gestione del mercato regolamentato presso la quale verrà depositata istanza di ammissione a quotazione di dette azioni e warrant, la deliberazione non potrà più avere esecuzione; 2) di dare mandato al Consiglio di Amministrazione di eseguire quanto sopra deliberato, attribuendo al Presidente del Consiglio di Amministrazione ed al Vice Presidente in carica pro-tempore, in via disgiunta fra loro, con facoltà di nominare procuratori speciali, ogni potere e facoltà per eseguire quanto sopra deliberato, incluso il potere di definire e concordare con le competenti autorità modalità, tempi e procedure necessarie per l esecuzione dell operazione di distribuzione deliberata; con facoltà di accettare ed introdurre nelle deliberazioni di cui sopra, anche con atto unilaterale, qualsiasi modificazione e/o integrazione di carattere formale e non sostanziale che risultasse necessaria o comunque fosse richiesta dalle autorità competenti, provvedendo in genere a tutto quanto richiesto per la completa attuazione delle deliberazioni medesime, con ogni potere a tal fine necessario ed opportuno, nessuno escluso o eccettuato. Firenze, 18 luglio 2007 Il Consiglio di Amministrazione 10

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE.

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. CONSERVA QUESTA GUIDA, TI SARÀ UTILE NEL PERIODO DI OFFERTA. IL PRESENTE DOCUMENTO NON È UN PROSPETTO INFORMATIVO, OGNI DECISIONE DI INVESTIMENTO DEVE ESSERE ASSUNTA SOLO

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO Regolamento del fondo comune di investimento immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati PATRIMONIO UNO promosso da Patrimonio

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust:

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust: DICHIARAZIONE AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL D. LGS. N. 231 DEL 21 NOVEMBRE 2007 IN TEMA DI ANTIRICICLAGGIO MODULO DI IDENTIFICAZIONE E DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (AI SENSI DEGLI ARTT. 18 E 19

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Cos è una cooperativa e come si costituisce

Cos è una cooperativa e come si costituisce Cos è una cooperativa e come si costituisce SOMMARIO 1. Introduzione al mondo della cooperazione 2. La società cooperativa 3. Costituzione di una cooperativa 4. Libri e adempimenti formali della cooperativa

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli