Gubbio, 31 Marzo Aggiornamento in materia di PRIVACY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gubbio, 31 Marzo 2015. Aggiornamento in materia di PRIVACY"

Transcript

1 Gubbio, 31 Marzo 2015 Aggiornamento in materia di PRIVACY

2 Breve introduzione

3 Argomen0 del seminario 1A5vità Novità A=enzione 2015 a Ampio spazio a domande e risposte

4 1 A5vità 2014 A5vità ispe5va del Garante e sanzioni

5 A5vità ispe5va 2014 Perché iniziare con questo argomento Sanzioni per 5 Milioni di euro, +20% rispeko al ispezioni hanno prodoko 577 sanzioni amministrabve contestate e in via di definizione, nonché 39 segnalazioni all autorità giudiziaria Sanzioni applicate a PPAA e società private per violazioni della privacy relabve, per lo più, a: - mancata adozione delle misure di sicurezza; - omessa o carente informabva; - uso illecito di dab personali.

6 A5vità ispe5va 2014 Alcuni numeri Le 385 ispezioni (svolte anche con il contributo delle Unità speciali della Guardia di finanza Nucleo speciale privacy) sono stab compiub in diversi ambib, fra cui si possono qui citare: EnB della PA e società pubbliche, ambib medici pubblici e privab, società farmaceubche, telecomunicazioni, banche, grandi alberghi, società di mobile payment,, operatori telefonici e call center, aziende commerciali,

7 A5vità ispe5va 2014 Alcuni numeri Sanzioni amministrabve contestate sono state riferite a casi di omessa o inidonea informabva, trakamento illecito di dab, mancata comunicazione al Garante e agli utenb di violazioni di dab personali (cd. data breach). Segnalazioni all autorità giudiziaria soprakuko per adozione delle misure minime, violazioni connesse al controllo a distanza dei lavoratori, accesso abusivo a sistemi informabci o telemabci, false dichiarazioni e nobficazioni, inosservanza dei provvedimenb

8 trakamenb di dab personali effekuab da sogge] pubblici; trakamenb di dab personali in relazione alle a]vità di markebng telefonico effekuate mediante call center operanb all estero; trakamenb di dab personali effekuab da operatori TLC per la gesbone dei servizi sms... A5vità ispe5va 2014 A5vità primo semestre 2015 Nel primo semestre del 2015 il Garante privacy proseguirà, da un lato, nello svolgimento dei controlli già avviab; dall altro, procederà ad accertamenb in riferimento a profili di interesse generale per categorie di interessab, tra l altro, in ambito:

9 A5vità ispe5va 2014 A5vità primo semestre 2015 Inoltre, verificherà l adozione delle misure minime di sicurezza da parte di sogge], pubblici e privab, che effekuano trakamenb di dab sensibili ed effekuerà controlli sulla liceità e correkezza dei trakamenb di dab personali ParBcolare riferimento al rispeko dell obbligo di informabva, alla perbnenza e non eccedenza nel trakamento, alla libertà e validità del consenso, nei casi in cui questo è necessario, nonché alla durata della conservazione dei dab nei confronb di sogge], pubblici o privab

10 A5vità ispe5va 2014 A5vità primo semestre 2015 Inoltre, svolgerà altre verifiche concernenb, in parbcolare, l adempimento dell obbligo di nobficazione nei confronb di sogge], pubblici e privab, individuab mediante raffronto con il registro generale dei trakamenb. Ai controlli programmab si affiancheranno quelli che si renderanno necessari a seguito di segnalazioni e reclami presentab al Garante.

11 E necessario pertanto focalizzarci sui conce5 fondamentali della Privacy D.lgs. 196/03 e s.m.i. Se dopo 10 anni ancora accade questo, significa che non abbiamo ancora ben compreso la portata di questa normabva

12 Domande?

13 2 Novità 2015 Nuovi obblighi, adempimen0, regolamen0, figure professionali in arrivo

14 Nuovi obblighi informa0va si0 internet Il Garante ha emanato un Provvedimento in data 08/05/2014 con cui ha regolamentato in modo rigoroso l'installazione e l ublizzo dei così de] cookies per finalità di profilazione e marke0ng da parte dei gestori dei sib web. Si specifica fin d ora che le aziende avranno 12 mesi di tempo dalla data di pubblicazione del Provvedimento sulla GazzeKa Ufficiale e quindi fino al 02 giugno 2015 per adeguarsi a quanto previsto dal Provvedimento stesso.

15 I cookies di natura tecnica sono ublizzabili liberamente. Per i cookies di profilazione e markebng, essendo la loro azione potenzialmente molto invasiva della sfera personale del singolo individuo, il Provvedimento dispone che i visitatori dei sib web possano sempre decidere se far usare o meno le informazioni che li riguardano. Novità 2015 Nuovi obblighi informa0va si0 internet Possono essere ublizzab: 1) per finalità di natura tecnica, come ad esempio per eseguire autenbcazioni informabche; 2) per finalità di profilazione e marke0ng, ossia per monitorare la navigazione;

16 Nuovi obblighi informa0va si0 internet Il Garante ha dunque stabilito che quando si avrà accesso alla home page o ad un'altra pagina di un sito web che effe]vamente ublizza cookies di profilazione, dovrà comparire immediatamente un informa0va breve, ben visibile; Oltre all informabva breve, dovrà essere presente anche un informa0va ar0colata ed estesa che sarà raggiungibile da un link inserito all interno dell informabva breve stessa, ma anche akraverso un link presente su ogni pagina del sito e collocato, ad esempio, nel così deko piè di pagina.

17 Il mancato rispeko di quanto previsto dal Provvedimento in esame, potrà comportare severe sanzioni previste dal D. Lgs. 196/2003, quali: mancato rilascio dell informabva (da a euro); mancata raccolta del consenso (da a euro); omessa o incompleta nobfica al Garante (da a euro) Novità 2015 Nuovi obblighi informa0va si0 internet E obbligatorio tenere traccia del consenso dell'utente; al gestore del sito sarà consenbto ublizzare un cookie tecnico, in modo tale da non riproporre l'informabva breve alla seconda visita dell'utente; si impone l obbligo di effekuare la no0fica telema0ca preliminare al Garante

18 Videosorveglianza Sull argomento il Garante per la protezione dei dab personali in data 08/04/2010 ha emanato un apposito Provvedimento a carakere generale, il quale non sempre risulta di facile interpretazione. Di seguito, in estrema sintesi e ricercando la massima schemabcità, si riepilogano quindi quelli che sono i principali adempimenb previsb dal legislatore e che gravano in capo alle aziende private

19 Videosorveglianza La videosorveglianza in azienda può e deve essere ublizzata per prevenire, a Btolo esemplificabvo e non esausbvo, furb, danneggiamenb, a] vandalici, intrusioni, incendi e casisbche similari. Viceversa, anche il Garante per la protezione dei dab personali, in accordo con quanto previsto dall art. 4 dello Statuto dei lavoratori (Legge 300/1970), conferma l assoluto divieto di ublizzo della videosorveglianza per qualsivoglia forma di controllo a distanza dei lavoratori.

20 Si ricorda infa] che in base a tale legge, prima di procedere all installazione degli apparab di videosorveglianza, risulta necessario raggiungere un idoneo accordo con le rappresentanze sindacali interne oppure, in mancanza di accordo od in assenza delle rappresentanze sindacali, okenere la dovuta autorizzazione dalla Direzione Provinciale del Lavoro competente. Novità 2015 Videosorveglianza Il Provvedimento richiama e conferma anche gli obblighi in capo al datore di lavoro derivanb dal medesimo Statuto dei lavoratori.

21 Videosorveglianza Il Provvedimento conferma che le immagini devono essere conservate per poche ore e comunque al massimo per 24 ore successive alla rilevazione, fa] salvi i periodi fesbvi e di chiusura dell azienda o per aderire ad una specifica richiesta invesbgabva dell autorità giudiziaria. Solo nel caso in cui l azienda svolga a]vità parbcolarmente rischiose (es. banche), si può ritenere ammesso un tempo di conservazione maggiore, comunque non superiore alla se5mana.

22 Videosorveglianza E necessario che il sistema di videosorveglianza sia impostato, ove tecnicamente possibile, in modo tale da cancellare automa0camente le immagini entro i termini temporali appena evidenziab. Nel caso in cui l azienda ritenga necessario un allungamento dei tempi di conservazione delle immagini, sarà necessario avanzare un apposita richiesta al Garante affinché possa procedere ad una verifica preliminare.

23 In estrema sintesi: devono essere impostab diversi livelli di visibilità a seconda delle mansioni svolte; ogni soggeko che accede ad immagini deve essere dotato di apposite credenziali di auten0cazione; la trasmissione delle immagini tramite una rete pubblica deve avvenire previa applicazione di tecniche cri=ografiche alle immagini medesime che ne garanbscano la riservatezza. Novità 2015 Videosorveglianza Le immagini devono essere proteke con idonee e preven0ve misure di sicurezza miranb a ridurre al minimo i rischi di accesso non autorizzato o trakamento non conforme alla normabva.

24 Videosorveglianza Il Provvedimento impone che siano designa0 per iscri=o tu] i sogge] che sono autorizzab a: - accedere ai locali dove sono situate le postazioni di controllo; - ublizzare gli impianb di videosorveglianza; - visionare le immagini. I sogge] dovranno essere in numero limitato e fra loro dovrà sempre esserci almeno un dipendente aziendale il quale, in rappresentanza dei colleghi, possa visionare le immagini in caso di necessità. E inoltre necessario individuare diversi livelli di autorizzazione disbnguendo fra coloro che possono visionare o gesbre le immagini.

25 Videosorveglianza I sogge] che si trovano a transitare in un area aziendale video- sorvegliata (corbli, parcheggi, stabilimenb, recepbon, ecc.), devono esserne sempre consapevoli e quindi perfekamente informab di tale circostanza. E importante sokolineare che l obbligo di informare permane anche in riferimento alle aree esterne (es. cor0li) e non solo per quelle interne (es. recepbon). Il Provvedimento prevede che si possa assolvere al presente obbligo di legge con l esposizione di apposi0 cartelli

26 Videosorveglianza Si evidenzia, per completezza, che il Provvedimento individua regole specifiche per i seguenb sekori: ospedali e luoghi di cura, isbtub scolasbci, trasporto pubblico, web cam per scopi turisbci, sogge] pubblici. Alcune casis0che par0colari e documentazione 0pica di un adempimento di videosorveglianza.

27 Nuovo Regolamento Europeo e Data Protec0on Officer «Il nuovo regolamento europeo sui dab personali deve considerare il cambiamento tecnologico, i social network, il diriko all oblio su Internet e il mondo del Big Data». Così il Garante europeo della protezione dei dab personali BuKarelli, sul futuro dei dab personali in commissione Libertà civili e affari interni (Libe) del Parlamento europeo. Il nuovo regolamento, che sosbtuirà la dire]va del 1995, sarà applicato direkamente a chiunque offra beni e servizi all interno dell Unione e «quesb gestori dei dab personali - conclude il Garante - dovranno essere più responsabili, rispekare le regole, sviluppare nuove policy per rispondere alle richieste degli utenb»

28 Nuovo Regolamento Europeo e Data Protec0on Officer I profili professionali individuab dal regolamento e il modello "piramidale" di gesbone dei dab personali: Data Controller, Joint Controller, Data Processor, Data ProtecBon Officer Le a]vità del D.P.O. in affinità con i sistemi di qualità e modelli 231/2001 Gli strumenb prevenbvi per la realizzazione del M.O.P. (Modello OrganizzaBvo Privacy art. 22): Privacy impact assessment, Privacy by design, Privacy by Default NoBfica di eventuali data breaches, diriko all'oblio, diriko alla portabilità dei dab, nuovo piano sanzionatorio

29 Privacy e Cloud Compu0ng Lo standard ISO In akesa di una normabva nazionale e internazionale aggiornata e uniforme, ad eccezione dello standard ISO 27018, è necessario che le imprese e la pubblica amministrazione presbno parbcolare akenzione ai rischi connessi all adozione dei servizi di cloud compubng, in relazione agli aspe] di protezione dei dab personali. La tecnologia cloud procede molto più velocemente dell a]vità del legislatore in tema di privacy, sia in ambito civile che penale, che tenga conto di tuke le novità introdoke dal cloud compubng, e sia in grado di offrire adeguate tutele nei riguardi delle fa]specie giuridiche connesse all adozione di servizi distribuib di elaborazione e di conservazione dab.

30 Privacy e Cloud Compu0ng Lo standard ISO La pubblica amministrazione o l azienda, Btolare del trakamento dei dab personali, che trasferisce del tuko o in parte il trakamento sulle nuvole, deve procedere a designare il fornitore dei servizi cloud responsabile del trakamento. Questo significa che il cliente dovrà sempre prestare molta akenzione a come saranno ublizzab e conservab i dab personali caricab sulla nuvola : in caso di violazioni commesse dal fornitore, anche il Btolare sarà chiamato a rispondere dell eventuale illecito.

31 Privacy e Cloud Compu0ng Lo standard ISO Il cliente di ridoke dimensioni, come una piccola impresa o un ente locale, potrebbe tukavia incontrare difficoltà nel contrakare adeguate condizioni per la gesbone dei dab spostab sulla nuvola. Anche in questo caso, non sarà però sufficiente, per giusbficare una eventuale violazione. TuKavia il Codice della privacy prevede, tra l altro, che il Btolare esercib un potere di controllo nei confronb del responsabile del trakamento (in questo caso il cloud provider), verificando la correka esecuzione delle istruzioni imparbte in relazione ai dab personali trakab.

32 Privacy e Cloud Compu0ng Lo standard ISO Il Codice della privacy definisce peraltro regole precise per il trasferimento dei dab personali fuori dall Unione europea e vieta, in linea di principio, il trasferimento anche temporaneo di dab personali verso uno Stato extraeuropeo, qualora l ordinamento del Paese di desbnazione non assicuri un adeguato livello di tutela. Questa evenienza può verificarsi frequentemente nel caso in cui si decida di usufruire di servizi di public cloud invece che di modalità private o ibride. Per le sue valutazioni il Btolare del trakamento (in genere chi acquista servizi cloud) dovrà quindi tenere in debito conto anche il luogo dove vengono conservab i dab e quali sono i trakamenb previsb all estero.

33 Privacy e Cloud Compu0ng Lo standard ISO Il trasferimento di dab verso gli StaB UniB, ad esempio, può essere facilitato nel caso in cui il provider aderisca a programmi come il cosiddeko Safe Harbor, accordo bilaterale Ue- Usa che definisce regole sicure e condivise per il trasferimento dei dab personali effekuato verso aziende presenb sul territorio americano. Le limitazioni per il trasferimento dab all estero incidono anche sugli spostamenb infragruppo di una mulbnazionale. In questo caso, la presenza di forb norme vincolanb d impresa (binding corporate rules) a tutela dei dab personali può consenbre l eventuale trasferimento dei dab nel rispeko della privacy degli interessab.

34 Privacy e Cloud Compu0ng Lo standard ISO Il Btolare del trakamento deve assicurarsi che siano adokate misure tecniche e organizzabve volte a minimizzare i rischi di distruzione o perdita anche accidentale dei dab, di accesso non autorizzato, di trakamento non consenbto o non conforme alle finalità, di modifica dei dab non autorizzab o non conformi Per garanbre che i dab siano al sicuro, non sono importanb solo le modalità con cui sono conservab, ma anche quelle con cui sono trasmessi (ad esempio ublizzando tecniche di cifratura).

35 Privacy e Cloud Compu0ng Lo standard ISO I sogge] pubblici e le imprese che decidono di avvalersi di servizi cloud per gesbre i dab personali dei loro utenb o clienb non devono dimenbcare che il Codice della privacy akribuisce agli interessab (le persone a cui si riferiscono i dab) precisi diri]. Ad esempio, l interessato ha diriko di conoscere quali siano i dab che lo riguardano in possesso dell amministrazione pubblica o dell impresa, per quale mobvo siano stab raccolb e come siano elaborab.

36 Quali sono le misure di sicurezza adokate dal fornitore per proteggere i dab? Privacy e Cloud Compu0ng Lo standard ISO Il fornitore di servizi cloud spesso dispone di sistemi di protezione contro virus, akacchi hacker o altri pericoli informabci più efficaci rispeko a quelli che potrebbe permekersi il singolo utente.

37 Chi è il reale fornitore del servizio che si sta acquisendo? Si traka di una singola società o di un consorzio di imprese? Privacy e Cloud Compu0ng Lo standard ISO Il servizio prescelto potrebbe essere il risultato finale di una catena di trasformazione di servizi acquisib presso altri service provider. L utente, a fronte di filiere di responsabilità complesse, potrebbe non essere messo in grado di sapere chi, tra i vari gestori dei servizi intermedi, può accedere a determinab dab.

38 Privacy e Cloud Compu0ng Lo standard ISO In caso di problemi al collegamento Internet, è comunque possibile conbnuare a usufruire dei servizi senza l accesso al cloud? In quanto tempo può essere riprisbnato il sistema? Esistono piani di emergenza per i servizi essenziali? Il servizio virtuale, in assenza di adeguate garanzie in merito alla qualità della conne]vità di rete, potrebbe occasionalmente risultare degradato in presenza di akacchi informabci, di elevab picchi di traffico o addirikura ndisponibile laddove si verifichino evenb anomali o guasb che impediscano l accessibilità temporanea ai dab.

39 È possibile che i dab sul cloud possano essere persi o distru]? Privacy e Cloud Compu0ng Lo standard ISO Calamità naturali o akacchi informabci potrebbero compromekere il funzionamento di alcuni data center. È parbcolarmente importante individuare possibili procedure di recupero dei dab e quanbficare l impako economico e organizzabvo dell eventuale perdita o cancellazione di dab presenb solo sul cloud.

40 Esistono garanzie di riservatezza per i nostri dab nel caso in cui un concorrente condivida gli stessi servizi cloud? Privacy e Cloud Compu0ng Lo standard ISO I fornitori custodiscono dab di singoli e di organizzazioni che potrebbero avere interessi ed esigenze differenb o persino obie]vi contrastanb e in concorrenza. È quindi opportuno valutare le garanzie offerte a tutela della confidenzialità delle informazioni trasferite sul cloud.

41 Privacy e Cloud Compu0ng Lo standard ISO In quale Stato sono conservab i dab caricab sulla nuvola? È possibile scegliere di usufruire di server collocab solo in territorio nazionale o in Paesi dell Unione europea? L idenbficazione del luogo in cui i dab sono conservab o elaborab ha riflessi immediab sia sulla normabva applicabile in caso di contenzioso tra il cliente e il fornitore, sia in relazione alle disposizioni nazionali che disciplinano il trakamento, l archiviazione e la sicurezza dei dab.

42 La tecnologia ublizzata dal fornitore di cloud è di Bpo proprietario? I dab possono essere esportab facilmente? Privacy e Cloud Compu0ng Lo standard ISO L adozione da parte del fornitore del servizio di tecnologie proprie può, in taluni casi, rendere complessa per l utente la migrazione di dab e documenb da un sistema cloud ad un altro o lo scambio di informazioni con sogge] che ublizzino servizi cloud di fornitori differenb, ponendo quindi a rischio la portabilità o l interoperabilità dei dab.

43 Nel caso in cui si accerb una violazione o la perdita dei dab, il fornitore garanbsce un pronto risarcimento del danno? Privacy e Cloud Compu0ng Lo standard ISO Le akuali incertezze normabve possono rendere difficile e oneroso riuscire a okenere un adeguato risarcimento per i danni subib in seguito a violazioni, a perdita di dab, a interruzione anche temporanea del servizio cloud.

44 Alcune informazioni sullo standard ISO Privacy e Cloud Compu0ng Lo standard ISO 27018

45 Domande?

46 3 A=enzione a Errori 0pici nell applicazione dei principi norma0vi

47 Alcune casisbche e cribcità A=enzione a Jobs Act Social networks DPS Art. 15 Art. 13 Art. 7 Misure minime ed idonee Come opera in sede ispe]va il Garante e la Guardia di Finanza

48 Domande?

49 ? Concludendo, c'è altro? Quali elemen0 potrebbero cambiare a breve

50 Grazie ResBamo a disposizione per ulteriori domande o semplici curiosità.

COSA DIRE ANCORA DEL CLOUD? ASPETTI LEGALI E CONTRATTUALI

COSA DIRE ANCORA DEL CLOUD? ASPETTI LEGALI E CONTRATTUALI COSA DIRE ANCORA DEL CLOUD? ASPETTI LEGALI E CONTRATTUALI Gabriele Faggioli, Clusit 1 Gruppo di Lavoro Articolo 29 Parere 05/2012 - Cloud Computing a) Private cloud è un infrastruttura informatica che

Dettagli

Gestione dei dati e della sicurezza e conformità

Gestione dei dati e della sicurezza e conformità Gestione dei dati e della sicurezza e conformità Milano, 18 aprile 2013 Valentina Binasco L attuale quadro normativo: un breve ripasso il Codice Privacy (D. Lgs. 196/03): riunisce in unico contesto la

Dettagli

Sicurezza dei dati e dell informazione all epoca del cloud: gli aspetti pratici

Sicurezza dei dati e dell informazione all epoca del cloud: gli aspetti pratici Sicurezza dei dati e dell informazione all epoca del cloud: gli aspetti pratici Avv. Daniele Vecchi Studio Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners Il Cloud Computing «Cloud computing: modello per

Dettagli

Privacy e Cloud Computing per gli studi professionali e le imprese

Privacy e Cloud Computing per gli studi professionali e le imprese ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI circoscrizione del Tribunale di Catania Privacy e Cloud Computing per gli studi professionali e le imprese TITOLO Catania, 27 Novembre 2014 PROTEGGERE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 32 DEL 27 Settembre 2012

Dettagli

Associazione Italiana Albergatori Rimini

Associazione Italiana Albergatori Rimini Associazione Italiana Albergatori Rimini VIDEOSORVEGLIANZA Per quanto riguarda la videosorveglianza, oltre alla verifica di conformità con le disposizioni dello statuto dei lavoratori, serve l informativa,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO Oggetto del presente regolamento è la disciplina del trattamento dei dati personali effettuato

Dettagli

Privacy Policy. Informativa e consenso per l'utilizzo dei dati personali - D.lgs 30.06.2003 N.196, Art. 13

Privacy Policy. Informativa e consenso per l'utilizzo dei dati personali - D.lgs 30.06.2003 N.196, Art. 13 Privacy Policy Informativa e consenso per l'utilizzo dei dati personali - D.lgs 30.06.2003 N.196, Art. 13 BE WITH US ONLUS, considera di fondamentale importanza la "privacy" dei propri utenti e garantisce

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA SULL USO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA SULL USO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA AOU Sassari REGOLAMENTO DI DISCIPLINA SULL USO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA AOU Sassari Sommario Art. 1 Oggetto ed ambito di applicazione... 3 Art. 2 Finalità dell attività di videosorveglianza...

Dettagli

Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy. Michele Iaselli

Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy. Michele Iaselli Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy Michele Iaselli In materia di rapporti fra privacy e videosorveglianza, al di là dei principi generali fissati dal codice in materia di protezione

Dettagli

Gabriele Faggioli Adjunct Professor MIP, School of Management del Politecnico di Milano

Gabriele Faggioli Adjunct Professor MIP, School of Management del Politecnico di Milano Il Cloud Computing per recuperare competitività Profili legali e contrattuali nel Cloud Gabriele Faggioli Adjunct Professor MIP, School of Management del Politecnico di Milano Evoluzione normativa Negli

Dettagli

PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA

PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA Circolare n. 1/08 del 20 novembre 2008* PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA Riferimenti normativi La forma di sorveglianza legata all utilizzo di sistemi di ripresa delle immagini, definita videosorveglianza, è

Dettagli

Cloud computing Proteggere i dati per non cadere dalle nuvole

Cloud computing Proteggere i dati per non cadere dalle nuvole Questo documento è una copia, a cura di ComplianceNet http://www.compliancenet.it/, del documento CLOUD COMPUTING - IL VADEMECUM DEL GARANTE. Proteggere i dati per non cadere dalle nuvole pubblicato sul

Dettagli

Sicurezza informatica: la normativa come strumento di governance

Sicurezza informatica: la normativa come strumento di governance Sicurezza informatica: la normativa come strumento di governance Avv. Alessandro Cecchetti Vice General Project Manager Colin & Partners Project Manager Business Unit Privacy Cloud: aspetti giuridici rilevanti

Dettagli

Privacy: Videosorveglianza e registrazione di immagini

Privacy: Videosorveglianza e registrazione di immagini Privacy: Videosorveglianza e registrazione di immagini 1 Premessa 2 Adempimenti organizzativi 3 Oggetto della videosorveglianza 4 Registrazione di immagini 5 Accordo sindacale 6 Autorizzazione Direzione

Dettagli

aprile2011 Il Cloud, tra contrattualistica e privacy

aprile2011 Il Cloud, tra contrattualistica e privacy aprile2011 Il Cloud, tra contrattualistica e privacy Chi Parla? - Dipartimento di IT di Perani Pozzi Tavella [2pt.eu] - Cultore della materia di Informatica Giuridica, cattedra Prof. Ziccardi, Università

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE SOMMARIO Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 - Trattamento dei dati personali per le finalità istituzionali

Dettagli

federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani

federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani Videosorveglianza Vademecum per i titolari di Farmacia Ottobre 2015 A cura di B.Foresti, ufficio legale Federfarma Fonti normative

Dettagli

Privacy & Data protection. Diritto nuove tecnologie. Codice degli appalti. Decreto 231/2001

Privacy & Data protection. Diritto nuove tecnologie. Codice degli appalti. Decreto 231/2001 Privacy & Data protection Diritto nuove tecnologie Codice degli appalti Decreto 231/2001 PREMESSA n. 1 Il Cloud... con la lente della data protection dove sono i dati come è garantita la disponibilità

Dettagli

Informativa sulla Privacy, D. Lgs. 30/06/03 n.196

Informativa sulla Privacy, D. Lgs. 30/06/03 n.196 Informativa sulla Privacy, D. Lgs. 30/06/03 n.196 Benvenuto sul nostro sito web ( www.assotir.it ). Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra Privacy Policy, che si applica in ogni caso in cui tu

Dettagli

DISCIPLINARE INTERNO PER UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA

DISCIPLINARE INTERNO PER UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA DISCIPLINARE INTERNO PER UTILIZZO INTERNET E POSTA ELETTRONICA 1 INTRODUZIONE Il presente disciplinare interno sostituisce il precedente Regolamento Aziendale Utilizzo Internet e recepisce le indicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE SULLA GESTIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE 1 Indice Art. 1 Premessa Art. 2 Principi generali Art. 3 Definizioni Art. 4 Ambito di applicazione Art. 5 Informativa

Dettagli

La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy

La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy A cura del Dott.: Giuseppe Mantese g.mantese@onlineconsulenza.com Quadro normativo Il 1 gennaio 2004 è entrato

Dettagli

Le domande ricorrenti

Le domande ricorrenti Le domande ricorrenti di chi sono i contenuti dei social media? posso salvare (e usare) dati presi dai social media? posso condividere i dati con store in franchising? Di chi sono i contenuti dei social

Dettagli

e-health e ICT security stato dell'arte e criticità dove stiamo andando e che cosa è già cambiato nel nostro modo di gestire i dati

e-health e ICT security stato dell'arte e criticità dove stiamo andando e che cosa è già cambiato nel nostro modo di gestire i dati ACCREDITED FOR ORGANIZATION BY JOINT COMMISSION INTERNATIONAL Servizio Sanitario Regionale AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA OSPEDALI RIUNITI DI TRIESTE Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione

Dettagli

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Manuale Informativo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali INDEX Il D.Lgs. 196/2003 Termini e Fondamenti Gli attori Organizzazione e Responsabilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA C O M U N E D I R O M AN O D E Z Z E L I N O D E C O R A T O A L V A L O R M I L I T A R E Via G. Giardino, 1-36060 Romano d Ezzelino (VI) Part. IVA e Cod. Fisc. 00258950245 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza COMUNE DI ESCOLCA PROVINCIA DI CAGLIARI via Dante n 2-08030 Escolca (CA) Tel.0782-808303 Fax 0782-808516 Partita I.V.A. 00814010914 Codice Fiscale 81000170910 Regolamento per l utilizzo degli impianti

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO Provincia di Milano

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO Provincia di Milano COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Articolo

Dettagli

le campagne interne di Security Awareness verso i dipenden6

le campagne interne di Security Awareness verso i dipenden6 le campagne interne di Security Awareness verso i dipenden6 L esperienza della ASL NAPOLI 2 NORD Di Imma Orilio CIO & INNOVATION PROGRAM MANAGER ART. 1 CONVINCERE IL CAPO CHE INTERNET E COSA BUONA! SICUREZZA

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PRIVACY SU INTERENT

INTRODUZIONE ALLA PRIVACY SU INTERENT INTRODUZIONE ALLA PRIVACY SU INTERENT Dr. Antonio Piva antonio@piva.mobi 2015 Dr. Antonio Piva 1 IL CONCETTO DEL CLICKSTREAM Tramite la navigazione in internet e i servizi utilizzati, resi disponibili

Dettagli

SOMMARIO. Parte Prima LA GESTIONE DEI DATI. Capitolo 1 PRIVACY E DIRITTO ALLA PROTEZIONE DEI DATI

SOMMARIO. Parte Prima LA GESTIONE DEI DATI. Capitolo 1 PRIVACY E DIRITTO ALLA PROTEZIONE DEI DATI SOMMARIO Presentazione... V Introduzione... VII Nota curatore e autori... IX Parte Prima LA GESTIONE DEI DATI Capitolo 1 PRIVACY E DIRITTO ALLA PROTEZIONE DEI DATI 1. Definizione... 3 1.1. Privacy... 3

Dettagli

DO EAT BETTER - INFORMATIVA SULLA PRIVACY

DO EAT BETTER - INFORMATIVA SULLA PRIVACY DO EAT BETTER - INFORMATIVA SULLA PRIVACY 1.- Premessa 1.1 L applicazione "DoEatBetter" (di seguito, indicata anche come l App ) è di proprietà di Do Eat Better S.r.l.s. (di seguito, indicata anche come

Dettagli

COMUNE DI MALEO Provincia di Lodi REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI MALEO Provincia di Lodi REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 62 del 6.11.2008 INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

PRIVACY POLICY. 1. La nostra policy

PRIVACY POLICY. 1. La nostra policy PRIVACY POLICY Vi invitiamo a leggere attentamente la nostra Privacy Policy, che si applica a chiunque decida di navigare all interno del sito web AREA Science Park, gestito dal Consorzio per l AREA di

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

COMUNE DI PINASCA Città Metropolitana di Torino REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI PINASCA Città Metropolitana di Torino REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI PINASCA Città Metropolitana di Torino REGOLAMENTO SUI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 in data 11.06.2015 Indice Capo I - Principi generali

Dettagli

Privacy e sicurezza nel cloud.

Privacy e sicurezza nel cloud. Paolo Giardini STUDIO GIARDINI Eucip Certified Informatics Professional Direttore OPSI Osservatorio Privacy e Sicurezza Informatica Centro di Competenza Open Source Regione Umbria GNU/LUG Perugia AIP OPSI

Dettagli

Web Privacy Policy ai sensi del D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 Art. 13

Web Privacy Policy ai sensi del D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 Art. 13 Web Privacy Policy ai sensi del D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 Art. 13 Gentile Utente, H3G S.p.A. (di seguito 3 ) è titolare di Sue informazioni qualificate come dati personali, che Le sono richieste per

Dettagli

Qualora tu decida di inoltrare il modulo d ordine, ti preghiamo di leggere anche le Condizioni Generali di Vendita.

Qualora tu decida di inoltrare il modulo d ordine, ti preghiamo di leggere anche le Condizioni Generali di Vendita. Privacy Policy Ti invitiamo a leggere attentamente la nostra Privacy Policy, che si applica sia nel caso tu acceda al sito web e decida semplicemente di navigare al suo interno e di utilizzare i suoi servizi,

Dettagli

Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese

Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese (Informativa ex articolo 13 del D.Lgs. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali) Nella presente informativa

Dettagli

Diritto d autore e aspetti giuridici

Diritto d autore e aspetti giuridici Diritto d autore e aspetti giuridici 1. Copyright e diritto d autore I programmi per computer sono equiparati alle opere dell ingegno di carattere creativo, e quindi tutelati dal diritto d autore. La violazione

Dettagli

VIDEOSORVEGLIANZA Aggiornato 12/2008

VIDEOSORVEGLIANZA Aggiornato 12/2008 Aggiornato 12/2008 IMPIANTO VIDEOSORVEGLIANZA: NOTE SULLA NORMATIVA L installazione di sistemi di videosorveglianza non sono di libero uso, in quanto sono soggetti alla normativa sulla Privacy. Eventuali

Dettagli

Fonti normative. D.lgs del 30 giugno 2003, n. 196. Provvedimento generale del Garante del 18 maggio 2006.

Fonti normative. D.lgs del 30 giugno 2003, n. 196. Provvedimento generale del Garante del 18 maggio 2006. Corso di Amministratore di condominio Privacy Privacy nei confronti delle diverse figure 1 Argomenti trattati I principi generali della legge sulla privacy. Il provvedimento generale del Garante del 18

Dettagli

Privacy Policy di www.retesmash.com

Privacy Policy di www.retesmash.com Privacy Policy di www.retesmash.com Questo sito applicativo (di seguito Applicazione ) raccoglie Dati Personali. Tali Dati Personali sono raccolti per le finalità e sono trattati secondo le modalità di

Dettagli

http://www.sabart.it

http://www.sabart.it Via Zoboli,18-42124 Reggio Emilia - Italy Tel. +39 0522 508511 Fax. +39 0522 514542 Web: www.sabart.it e-mail: info@sabart.it PEC: sabartsrl@legalmail.it Oggetto: Informativa per il sito web In questa

Dettagli

Privacy policy della newsletter

Privacy policy della newsletter Privacy policy della newsletter Le presenti linee programmatiche di condotta relative alla privacy (la "Privacy Policy") si applica alla newsletter del sito web di ATTIMIWEB srl (il "Sito") e si riferisce

Dettagli

Oggetto: Informativa per il sito web

Oggetto: Informativa per il sito web Oggetto: Informativa per il sito web In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta dell informativa

Dettagli

COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO (PROVINCIA DI PORDENONE) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINA A TUTELA DELLA SICUREZZA URBANA. Adottato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

Privacy Policy INFORMATIVA CLIENTI IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

Privacy Policy INFORMATIVA CLIENTI IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Privacy Policy INFORMATIVA CLIENTI IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (di seguito Codice della Privacy ) La pagina web https://www.edilmag.it

Dettagli

MODELLO INFORMATIVA PRIVACY Informativa ai sensi e per gli effetti di cui all art. 13, Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196

MODELLO INFORMATIVA PRIVACY Informativa ai sensi e per gli effetti di cui all art. 13, Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 MODELLO INFORMATIVA PRIVACY Informativa ai sensi e per gli effetti di cui all art. 13, Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Il presente documento descrive le modalità di gestione del sito in riferimento

Dettagli

INFORMATIVA EX. ART. 13 D.LGS 196/03

INFORMATIVA EX. ART. 13 D.LGS 196/03 Privacy Policy INFORMATIVA EX. ART. 13 D.LGS 196/03 WHYNOT IMMOBILIARE in qualità di Titolare del Trattamento, rende agli utenti che consultano e/o interagiscono con il sito internet www.whynotimmobiliare.it

Dettagli

COMUNE DI STRIANO (Provincia di Napoli)

COMUNE DI STRIANO (Provincia di Napoli) COMUNE DI STRIANO (Provincia di Napoli) Via Sarno, 80040 Striano Tel. 081.8276202 Fax 081. 8276103 P.I. 01254261215 - C.F. 01226000634 segreteria@comune.striano.na.it www.comune.striano.na.it Regolamento

Dettagli

Termini e condizioni d utilizzo

Termini e condizioni d utilizzo Termini e condizioni d utilizzo Condizioni di utilizzo dei servizi del sito www.bioops.it 1. Regole Generali e definizioni Utilizzando i servizi informativi connessi al sito www.bioops.it (qui di seguito

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 12/05/2009) Sommario Art. 1.

Dettagli

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA La tutela della riservatezza nella gestione del rapporto di lavoro è una tematica particolarmente complessa e delicata

Dettagli

1. Conoscenza dei dati trattati. 2. Conoscenza degli strumenti utilizzati. 3. Conoscenza del proprio ruolo all interno della struttura

1. Conoscenza dei dati trattati. 2. Conoscenza degli strumenti utilizzati. 3. Conoscenza del proprio ruolo all interno della struttura Corso 196/03 per i Responsabili e gli Incaricati del Trattamento Dati Percorso Formativo per l Incaricato del Trattamento Dati: Pre-requisiti: 1. Conoscenza dei dati trattati 2. Conoscenza degli strumenti

Dettagli

PRIVACY. Tipologia di dati trattati e finalità del trattamento. 1) Dati di navigazione

PRIVACY. Tipologia di dati trattati e finalità del trattamento. 1) Dati di navigazione PRIVACY La presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione di questo sito, in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori che lo consultano. Si tratta

Dettagli

Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03)

Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03) Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03) A cura di Gianfranco Gargani A seguito delle diverse richieste degli iscritti

Dettagli

TURISMO TORINO E PROVINCIA CODICE ETICO

TURISMO TORINO E PROVINCIA CODICE ETICO TURISMO TORINO E PROVINCIA CODICE ETICO INDICE INTRODUZIONE AL CODICE ETICO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO... 4 ART. 1 PRINCIPI GENERALI... 4 ART. 2 PRINCIPIO DI LEGALITA

Dettagli

Privacy Policy di www.lpgcostruzioni.it

Privacy Policy di www.lpgcostruzioni.it Privacy Policy di www.lpgcostruzioni.it Questo sito raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti. Titolare del Trattamento dei Dati Giovanni La Paglia Via Roma, 120 S.Agata li Battiati 95030 Tipologie

Dettagli

CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001

CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 CODICE ETICO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 Approvato dal CdA 15 dicembre 2010 INDICE 1. I PRINCIPI DI TORRICELLI S.R.L.... 5 1.1 Principi generali... 5 1.2 Selezione, gestione e formazione delle risorse

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO

COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO 1 CAPO I INDICE PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e norme di

Dettagli

LA TUTELA DEL DATO PERSONALE: Privacy

LA TUTELA DEL DATO PERSONALE: Privacy LA TUTELA DEL DATO PERSONALE: Privacy La tutela del dato personale nasce parecchi anni fa. Le prime evidenze si hanno già nel medioevo [Storia della Privacy M. Iaselli, S. Gorla Ed. Lex&Ars 2015], ma il

Dettagli

Il Trattamento dei dati personali

Il Trattamento dei dati personali Il Trattamento dei dati personali Obblighi e adempimenti del professionista dott. Francesco Loppini LA PRIVACY DAL PUNTO DI VISTA STORICO In Italia, a partire dal 1981, numerosi disegni di legge: Il progetto

Dettagli

Siti internet: privacy cookie.

Siti internet: privacy cookie. Passione Portiere www.passioneportiere.it Roma 3 settembre 2015 Siti internet: privacy cookie. Il 3 giugno 2015 è entrato in vigore il Regolamento del Garante della privacy recante individuazione delle

Dettagli

PRIVACY.NET. La soluzione per gestire gli adempimenti sulla tutela dei dati in azienda

PRIVACY.NET. La soluzione per gestire gli adempimenti sulla tutela dei dati in azienda open > PRIVACY.NET La soluzione per gestire gli adempimenti sulla tutela dei dati in azienda next > Il software è rivolto a: Chiunque tratta dati personali, con e senza strumenti elettronici, è tenuto

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. _69_ del 15.04.2011 1 INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

CHECK LIST PER LE VERIFICHE SULL OPERATO DEGLI AMMINISTRATORI DI SISTEMA

CHECK LIST PER LE VERIFICHE SULL OPERATO DEGLI AMMINISTRATORI DI SISTEMA CHECK LIST PER LE VERIFICHE SULL OPERATO DEGLI AMMINISTRATORI DI SISTEMA Una proposta per rispondere alla misura 4.4 (o e ) del Provvedimento del Garante del 28 novembre 2008. E' possibile dare il proprio

Dettagli

TI GARANTIAMO UN ADEGUATA SICUREZZA AZIENDALE NEL PIENO RISPETTO DELLA NORMATIVA

TI GARANTIAMO UN ADEGUATA SICUREZZA AZIENDALE NEL PIENO RISPETTO DELLA NORMATIVA V I D E O S O R V E G L I A N Z A sicurezza aziendale TI GARANTIAMO UN ADEGUATA SICUREZZA AZIENDALE NEL PIENO RISPETTO DELLA NORMATIVA L acquisizione di un immagine di un soggetto che ad esempio entra

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO COMUNALE. Provincia di Siracusa APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DEI SISTEMI DI

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO COMUNALE. Provincia di Siracusa APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DEI SISTEMI DI COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO DI FLORIDIA APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON VERBALE N.4

Dettagli

PRIVACY E MONDO DEL LAVORO: UN CONNUBIO DI DIFFICILE APPLICAZIONE

PRIVACY E MONDO DEL LAVORO: UN CONNUBIO DI DIFFICILE APPLICAZIONE PRIVACY E MONDO DEL LAVORO: UN CONNUBIO DI DIFFICILE APPLICAZIONE di Alessandro Rapisarda La privacy è un diritto che viene definito di terza generazione in quanto, oltre ad innovare le tutele giuridiche

Dettagli

Privacy: le informative da erogare nel commercio elettronico

Privacy: le informative da erogare nel commercio elettronico Privacy: le informative da erogare nel commercio elettronico A cura di: Francesca Scarazzai e Cristina Chiantia Dottori Commercialisti Politecnico di Torino 22 novembre 2013 Privacy e e-commerce: diverse

Dettagli

Informativa estesa COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI

Informativa estesa COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI Informativa estesa Ultimo aggiornamento: maggio 2015 Questa informativa estesa sulla privacy è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito www.fondazioneenzoferrari.it in base a quanto

Dettagli

Privacy Policy di FORMAZIONE MANTOVA FOR.MA Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti.

Privacy Policy di FORMAZIONE MANTOVA FOR.MA Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti. Privacy Policy di FORMAZIONE MANTOVA FOR.MA Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti. Titolare del Trattamento dei Dati FORMAZIONE MANTOVA FOR.MA Azienda Speciale della Provincia

Dettagli

PRIVACY POLICY DEL SITO: agrobio.biz

PRIVACY POLICY DEL SITO: agrobio.biz PRIVACY POLICY DEL SITO: agrobio.biz 1. INTRODUZIONE Poiché, anche a seguito della mera consultazione dei siti web, vi può essere la possibilità di raccogliere e trattare dati relativi a persone identificate

Dettagli

Cloud Computing: principali aspetti normativi

Cloud Computing: principali aspetti normativi Cloud Computing: principali aspetti normativi avv. Valerio Vertua studio@vertua.it La presente documentazione è messa a disposizione secondo i termini della Licenza Creative Commons: Attribuzione & Condividi

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLE OPERAZIONI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI CARONNO VARESINO

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLE OPERAZIONI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI CARONNO VARESINO REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLE OPERAZIONI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI CARONNO VARESINO RELATIVO TRATTAMENTO DATI PERSONALI. Approvato con delibera consiliare n. 22 del 09.05.2011

Dettagli

Privacy Policy di www.agriturismobiologicoetna.it

Privacy Policy di www.agriturismobiologicoetna.it Privacy Policy di www.agriturismobiologicoetna.it Questo sito raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti. Titolare del Trattamento dei Dati Agriturismo Biologico dell'etna - Via G. Mameli, 22-95039

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali CAPO I PRINCIPI GENERALI CAPO II OBBLIGHI PER

Dettagli

Informativa Privacy. di ottenere:

Informativa Privacy. di ottenere: Informativa Privacy Ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. del 30.6.2003 n. 196, la società Clouditalia Telecomunicazioni SpA a Socio Unico, nella sua qualità di titolare del trattamento dei dati personali,

Dettagli

Sicurezza dei dati e delle informazioni all epoca del cloud Le norme

Sicurezza dei dati e delle informazioni all epoca del cloud Le norme Sicurezza dei dati e delle informazioni all epoca del cloud Le norme 15 Meeting nazionale ACEF Bologna, 30 ottobre 2015 Claudia Cevenini La nuvola informatica Insieme di tecnologie che permettono di memorizzare,

Dettagli

Profili contrattuali e di data protection del Cloud Computing

Profili contrattuali e di data protection del Cloud Computing Opportunità e aspetti critici della Nuvola 13 febbraio 2012 Torino Profili contrattuali e di data protection del Cloud Avv. Alessandro Mantelero Ricercatore Politecnico di Torino IV Facoltà I. Esternalizzazione

Dettagli

NEWSLETTER DATA PRIVACY

NEWSLETTER DATA PRIVACY NEWSLETTER DATA PRIVACY ATTIVITÀ ISPETTIVA 2014/2015 DEL GARANTE DELLA PRIVACY Il Garante della Privacy ha annunciato il piano ispettivo per il primo semestre del 2015 e con l occasione ha fatto un primo

Dettagli

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SCHEMA DI NUOVO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TAGLIACOZZO

Dettagli

BlackRock Investment Management (UK) Limited Succursale Italiana, con sede in Milano, Piazza San Fedele 2, in qualità di Titolare

BlackRock Investment Management (UK) Limited Succursale Italiana, con sede in Milano, Piazza San Fedele 2, in qualità di Titolare Privacy Policy BlackRock Investment Management (UK) Limited Succursale Italiana, con sede in Milano, Piazza San Fedele 2, in qualità di Titolare del trattamento ( BlackRock ) pone particolare attenzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VEDANO OLONA (Provincia di Varese) REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA (Approvato con delibera di C.C. n. 14 del 31/03/2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art.

Dettagli

Oggetto: Informativa a clienti e fornitori rilasciata da GO.VO.NI. S.r.l. ai sensi dell art. 13 D. Lgs. 196/2003 Premesso che

Oggetto: Informativa a clienti e fornitori rilasciata da GO.VO.NI. S.r.l. ai sensi dell art. 13 D. Lgs. 196/2003 Premesso che Documento n. 8 Oggetto: Informativa a clienti e fornitori rilasciata da GO.VO.NI. S.r.l. ai sensi dell art. 13 D. Lgs. 196/2003 Premesso che 1) per effetto della costituzione del rapporto commerciale e

Dettagli

COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento)

COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento) COMUNE DI TELVE DI SOPRA (Provincia di Trento) Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Telve di Sopra Approvato con deliberazione del Consiglio comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI BARDONECCHIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI BARDONECCHIA C O M U N E D I B A R D O N E C C H I A Provincia di Torino CAP. 10052 COMANDO POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI BARDONECCHIA Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI QUINTANO (Provincia di Cremona) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Articolo 1 Oggetto 1 1. Il presente Regolamento disciplina il trattamento dei dati

Dettagli

PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO

PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO PRIVACY POLICY DI QUESTO SITO Poichè, anche a seguito della mera consultazione dei siti web, vi può essere la possibilità di raccogliere e trattare dati relativi a persone identificate o identificabili,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 11 in data 16 aprile 2007 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL

Dettagli

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi Relatore Avv. Valentina Frediani La normativa vigente coinvolta Normativa civile e penale in materia di interferenze

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza della Provincia di Milano

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza della Provincia di Milano Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza della Provincia di Milano 2014 pag. 1/all. A INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 Definizioni Art. 3 Finalità Art. 4

Dettagli