Consuntivo delle attività disciplinari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consuntivo delle attività disciplinari"

Transcript

1

2 Consuntivo delle attività disciplinari Classe 5 A Informatica Materia: Scienze Motorie e Sportive Docente : Danilo Franzini a.s Libri di testo: No. Appunti e file forniti agli studenti Ore di lezione settimanali: 2 Obiettivi conseguiti (in termini di conoscenze, competenze, capacità) Perfezionamento degli schemi motori; Miglioramento della capacità condizionali e coordinative; Miglioramento della capacità di autocontrollo e di rispetto di se stessi e degli altri Presa di coscienza delle rispettive capacità motorie e serena accettazione dei limiti mediante il confronto con i compagni. Assunzione di consapevolezza della possibilità di miglioramento delle rispettive capacità motorie derivante da una corretta e costante applicazione. Conoscenza delle principali attività da svolgere per mantenersi in buona efficienza psicofisica e-o finalizzate al miglioramento delle capacità condizionali e coordinative. Reale apprendimento degli argomenti trattati a livello teorico. Contenuti e tempi Esercitazioni finalizzate al consolidamento degli schemi motori mediante la pratica di attività sportive individuali e di squadra Effettuazione di test relativi alle capacità condizionali finalizzati alla valutazione oggettiva della propria ed altrui efficienza atletica. Educazione alla salute: fabbisogno calorico, alimentazione e mantenimento di un corretto peso corporeo; riflessioni su alimentazione corretta e strategie finalizzate alla riduzione dell apporto calorico; esercizi e posture utili per la decompressione della colonna vertebrale; training autogeno quale forma di rilassamento psicofisico. Approfondimento dello studio delle principali metodologie di allenamento inerenti le principali qualità fisiche dello sportivo (forza e resistenza) nonché dei benefici derivanti dalla attività sportiva in particolar modo inerenti gli apparati cardio-circolatorio e respiratorio. Frequenza cardiaca quale indice per la definizione della corretta intensità dell esercizio fisico (target heart rate zone). Soglia anaerobica. Doping: effetti ricercati e rischi correlati alla assunzione di sostanze.

3 Metodi di insegnamento: lezione frontale; lezione partecipata; discussione guidata esercitazioni pratiche in palestra e all aperto Mezzi e strumenti di lavoro: dispense; presentazioni PPT; Internet palestra e relative attrezzature piccoli e grandi attrezzi spazi all aperto fruibili buca Numero verifiche effettuate nell intero anno scolastico Prove scritte Prove orali Prove pratiche 1 6 Metodi di verifica: interrogazione orale interrogazione scritta - orale test pratici inerenti le capacità condizionali e coordinative valutazione di impegno e comportamento

4 Consuntivo delle attività disciplinari Classe 5 A Informatica Materia: Gestione Progetto e Organizzazione d Impresa Docenti: Pasquale Granatieri e Luca Bulzomi a.s Libri di testo: Gestione Progetto e Organizzazione d Impresa Iacobelli e altri Juvenilia + dispense ebook Gestione Progetto e Organizzazione d Impresa Dell Anna Antonio e Dell Anna Martina Ore di lezione settimanali: 3 Obiettivi conseguiti (in termini di conoscenze, competenze, capacità): 1. Saper identificare e applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti; 2. Saper gestire progetti secondo le procedure e gli standard previsti dai sistemi aziendali utilizzare i principali concetti relativi all'economia e all'organizzazione dei processi produttivi e dei servizi; 3. Saper utilizzare e produrre strumenti di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento alle strategie espressive e agli strumenti tecnici della comunicazione in rete; 4. Saper utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare; 5. Saper redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali. Contenuti e tempi PRIMO QUADRIMESTRE settembre-dicembre UDA 1 Processo, progetto e gestione UDA 2 UDA 3 UDA 4 UDA 5 Economia e organizzazione dei processi produttivi e dei servizi I principi del project management La gestione progetto (il project management) Il team di progetto LABORATORIO Esercitazioni per acquisire l utilizzo del software MICROSOFT PROJECT

5 SECONDO QUADRIMESTRE gennaio-maggio UDA 6 UDA 7 UDA 8 UDA 9 UDA 10 La progettazione del ciclo di vita La definizione del team di progetto La definizione del budget Le relazioni tra le attività e l organizzazione del tempo La fase di definizione e pianificazione LABORATORIO Realizzazione della fase 1 Pianificazione del progetto Ristrutturazione del laboratorio di Informatica Metodi di insegnamento: lezione frontale; lezione partecipata; esercizi in classe; Esercitazioni in Laboratorio Mezzi e strumenti di lavoro: libri di testo; videolezioni dal Webook; dispense; presentazioni PPT; Internet Software Microsoft Project

6 Numero verifiche effettuate nell intero anno scolastico Prove scritte/orali Prove orali Prove pratiche 4 3 Metodi di verifica: Nella parte teorica si è valutato le verifiche svolte, nella parte pratica si è tenuto conto dello stato di avanzamento del progetto con relazioni intermedie.

7 Consuntivo delle attività disciplinari Classe 5 A Informatica Materia: Inglese Docente : Laura Cartabbia a.s Libri di testo: Angela Gallagher-Fausto Galuzzi, Grammar and Vocabulary Trainer, Pearson Longman. Marzia Menchetti-Carla Matassi, Totally Connected, CLITT. Janet Shelly-Jennifer Poppiti, Tell Me More, Zanichelli. Ore di lezione settimanali: 3 Obiettivi conseguiti (in termini di conoscenze, abilità e competenze) Al termine del percorso quinquennale l alunno ha conseguito risultati di apprendimento che lo mettono in grado di padroneggiare la lingua inglese per scopi comunicativi e utilizzare il lin-guaggio settoriale per interagire in ambito e contesto professionali, al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue (QCER). In particolare, l alunno: - descrive processi e situazioni con chiarezza logica e precisione lessicale; - sostiene una conversazione adeguata al contesto su argomenti di carattere specifico all indirizzo; - comprende messaggi di vario tipo, cogliendone il significato sia implicito che esplicito; - interviene nella conversazione, nel dibattito ed argomenta con l interlocutore; - organizza la produzione scritta in modo funzionale, analitico e sintetico; - individua il tipo di testo, risponde a questionari, riassume evidenziando le parti salienti di un testo, stende relazioni su argomenti trattati e su testi analizzati; - comprende testi autentici di attualità tratti dalla stampa quotidiana e periodica; - sa reperire informazioni da manuali tecnici. Contenuti e tempi PRIMO QUADRIMESTRE settembre-dicembre Grammar revision Dal testo Totally Connected (argomenti per l esame orale e la terza prova scritta) Module 3: The Information Superhighway Interconnected networks

8 A Brief History of the Internet The World Wide Web Internet Service Provider HTML (Hyper Text Mark-up Language Downloading Software Who sends letter anymore? Protect Yourself Fotocopie: Hyper-Text Transfer Protocol (HTTP) Simple Mail Transfer Protocol (SMTP) Post Office Protocol-Version 3 (POP 3) Internet Message Access Protocol (IMAP) Module 5: Operating Operating Systems Application Packages Database Managers How do Database Managers work? Record Design DBMS: Database Management System Reviewing the Foundations of SQL Database Inquiries Fotocopie: Object-Orienting Programming (OOP) What is an object? What is a class? What is inheritance? SECONDO QUADRIMESTRE gennaio-maggio Dal testo Totally Connected (argomenti per l esame orale e la terza prova scritta) Module 9: Our Wired World Types of Networks LANs: Local-area networks MANs: Metropolitan-area networks WANs: Wide-area networks SANs: Storage-area networks PANs: Personal-area networks VPN: Virtual-private network Intranets and Extranets Networking Devices Topologies Long Distance Communications Types of Connections Wire and Wireless Media Properties of Transmission ISDN: Integrated Services Digital Network

9 Methods of Transmission Module 10: OSI and TCP/IP Models Bandwidth Analog vs Digital Bandwidth Using layers to analyse problems in a flow of materials How the ISO created the OSI Peer-to-Peer Communications Which OSI layer corresponds to the definition? Fotocopie: Peer 2 Peer File Sharing BitTorrent Module 12: Careers in an Information Society IT in our lives ICT in commerce and at work What is the difference between résumé and CV? Dal testo Tell Me More (argomenti di reading and speaking per l esame orale) Mobile Phone Etiquette The Dangers of Sending Messages from Behind the Wheel Do s and Dont s When Travelling Make a Difference: Travel Responsibly The Quality of Life Index: The Best Places to Live Metodi di insegnamento: lezione frontale; lezione partecipata; brainstorming; discussione guidata; esercizi in classe; Mezzi e strumenti di lavoro: libri di testo presentazioni LIM web materiale multimediale video audio laboratorio linguistico

10 Numero verifiche effettuate nell intero anno scolastico Prove scritte Prove orali Prove pratiche 5 4 Metodi di verifica: interrogazione orale interrogazione scritta interrogazione di gruppo questionari a risposta multipla, scelta multipla, vero-falso questionari a testo libero testi da completare lavori di gruppo analisi di testo relazione riassunto

11 Consuntivo delle attività disciplinari Classe 5A Informatica Materia: Informatica Docente : Cavallaro Lucia a.s Codocente: Scimone Ignazio Libri di testo: Iacobelli Ajme Marrone EPROGRAM INFORMATICA Quinto Anno Ed. Juvelia Scuola Appunti dell insegnante Ore di lezione settimanali: 6 (2+4) Obiettivi conseguiti (in termini di conoscenze, competenze, capacità) Comunicare in modo chiaro e corretto utilizzando il linguaggio specifico della disciplina Conoscere i concetti e le tecniche fondamentali per la progettazione di base di dati relazionali Saper analizzare un problema e costruire la relativa Base Dati relazionale Saper utilizzare i comandi SQL per implementare il modello logico e validare le interrogazioni Saper implementare un DataBase con l opportuno software Saper gestire un DataBase con pagine web attraverso un linguaggio lato server. Contenuti e tempi PRIMO QUADRIMESTRE settembre-dicembre TEORIA DELLA BASE DATI Sistema Informativo e Sistema Informatico Caratteristiche e obiettivi di un DataBase Vantaggi dell uso di un DBMS Utenti di un DataBase Linguaggi di DataBase Organizzazione dei dati Architettura a livelli di DataBase e indipendenza dei dati Definizione di entità, attributi e associazioni Concetto di chiavi

12 Associazioni dirette e inverse, totali e parziali Tipi di associazioni: 1:1, 1:N, N:N Diagramma E/R Modello di dati, vincoli e algebra relazionale Concetti del modello relazionale Vincoli di integrità Vincoli relazionali (sul dominio, sulla chiave, integrità referenziale) Laboratorio HTML, CSS o Linguaggio PHP: variabili, cicli, array SECONDO QUADRIMESTRE gennaio-maggio Operazioni di base dell algebra relazionale o Operatori insiemistici: Unione, Intersezione, Differenza, Prodotto Cartesiano o Operatori di Restrizione, Proiezione, Join naturale, Join esterno: Left join e Right join Forme di normalizzazione per basi dati relazionali o Anomalie di inserimento, cancellazione, aggiornamento o Dipendenze funzionali o 1 FN, 2 FN, 3 FN LINGUAGGIO SQL Un linguaggio per le basi dati relazionali Identificatori e tipi di dati Istruzioni DDL di SQL: o CREATE TABLE e vincoli di integrità, ALTER TABLE, CREATE INDEX, DROP TABLE, DROP INDEX Istruzioni di DML di SQL o INSERT INTO, DELETE, UPDATE Istruzioni per il reperimento dati SELECT-FROM-WHERE Operazioni relazionali in SQL o INNER JOIN o Confronti di stringhe, operatori aritmetici e logici o Funzioni di aggregazione: COUNT, MIN, MAX, SUM, AVG o Ordinamenti: ORDER BY [ASC/DESC] o Raggruppamenti: GROUP BY HAVING Istruzioni del DCL in SQL o Definizione viste: CREATE VIEW o Diritti di accesso: GRANT, REVOKE Interrogazioni nidificate e relativi predicati

13 Laboratorio Myadmin o Creazione tabelle o Inserimento dati o Indici e chiavi esterne o Interrogazioni SQL o Connessione ai Database MySql o Applicazioni per la gestione di un db MySQL Metodi di insegnamento: lezione frontale; lezione partecipata; brainstorming; discussione guidata; esercizi in classe; Mezzi e strumenti di lavoro: libri di testo; videolezioni dal Webook; dispense; presentazioni PPT; Internet Numero verifiche effettuate nell intero anno scolastico Prove scritte Prove orali Prove pratiche Metodi di verifica: interrogazione orale interrogazione scritta - orale interrogazione di gruppo questionari a testo libero problemi di analisi sviluppo di codice

14 Consuntivo delle attività disciplinari Classe 5 A Informatica Materia:ITALIANO Docente MENNA MIRIAM a.s Libri di testo: LIBERAMENTE: LA MODERNITA ( DAL 1861 AL 1956) SAVIANO-ANGIOLONI-GIUSTOLISI-MARIANI-POZZEBON-PANICHI PALUMBO EDITORE Ore di lezione settimanali: 4 - Obiettivi conseguiti (in termini di conoscenze, competenze, capacità) - Analisi e contestualizzazione dei testi a tre livelli: comprensione globale: saper leggere un testo e coglierne il significato confronti e relazioni fra testi giudizio critico: saper assumere una propria personale idea, esporla e motivarla. Riflessione sulla letteratura in prospettiva storica: polisemia del testo letterario elementi storici del contesto letterario conoscere i maggiori poeti e scrittori del Novecento Competenze e conoscenze linguistiche: nell esposizione orale competenze di contestualizzazione e di attualizzazione competenze di confronto fra testi ( affinità e differenze) produzione scritta funzionale riflessione sui contenuti, sul linguaggio e sulle forme della poesia saper parafrasare un testo poetico.

15 Contenuti e tempi per blocco tematico SETTEMBRE- OTTOBRE Struttura e organizzazione delle diverse tipologie d esame. La cultura filosofica: il Positivismo Comte e la nascita della sociologia; Darwin e la selezione naturale Impressionismo,Espressionismo,Puntinismo e Simbolismo Il naturalismo francese Il verismo Il simbolismo Gustave Flaubert: I comizi agricoli ( Madame Bovary) Emile Zola: L inizio dell Ammazzatoio NOVEMBRE- DICEMBRE- GENNAIO GIOVANNI VERGA: la vita e le opere La formazione giovanile catanese, il periodo fiorentino, quello milanese e il ritorno a Catania L adesione al verismo e il ciclo dei vinti L impersonalità da Nedda a Rosso Malpelo L amore fra Nedda e Janu (Nedda) Le tecniche di scrittura Rosso Malpelo La lupa La roba La caccia al lupo I Malavoglia La Prefazione L inizio dei Malavoglia Mena, compare Alfio e le stelle che ammiccavano più forte Mastro Don Gesualdo La giornata di Gesualdo La morte di Gesualdo GIOVANNI PASCOLI: la vita e le opere La poetica del fanciullino Miricae e Canti di Castelvecchio X agosto Il gelsomino notturno Temporale Novembre Lavandare

16 FEBBRAIO- MARZO APRILE- MAGGIO GABRIELE D ANNUNZIO: vita e opere La poesia di D Annunzio: Alcyone La vita come un opera d arte Il Piacere e gli altri romanzi Ritratto di un esteta: Andrea Sperelli Estetismo ed edonismo La conclusione del Piacere Il panismo La pioggia nel pineto Il Notturno : Visita al corpo di Miraglia Il mito del superuomo LUIGI PIRANDELLO: Vita e opere La poetica dell umorismo la differenza fra umorismo e comicità: la vecchia imbellettata Il pensiero e la poetica: il relativismo psicologico La maschera come metafora della condizione esistenziale Le premesse del romanzo Il fu Mattia Pascal Adriano Meis in giro per Milano La critica al progresso Adriano Meis e la sua ombra Pascal porta i fiori alla propria tomba La forma e la vita Le novelle per un anno Il treno ha fischiato Male di luna C è qualcuno che ride Il teatro dell assurdo Finzione o realtà? ( Sei personaggi in cerca d autore) Il teatro nel teatro Enrico IV Il tema della follia La vita, la maschera, la pazzia GIUSEPPE UNGARETTI: Vita e opere La dimensione dell assoluto La natura come rifugio La guerra come presa di coscienza della condizione umana San Martino del Carso Natale Soldati Veglia Mattina La madre Non gridate più

17 UMBERTO SABA: vita e opere A mia moglie Preghiera alla madre Un grido La crisi della psicoanalisi EUGENIO MONTALE A mia madre GIUGNO Ripasso Metodi di insegnamento: lezione frontale discussione guidata presentazione in power point video-lezioni Mezzi e strumenti di lavoro: libro di testo materiale multimediale video - audio Lim Spazi: aula Numero verifiche effettuate nell intero anno scolastico Prove scritte Prove orali Prove pratiche 4 2/3

18 Metodi di verifica: interrogazione orale analisi del testo saggio breve articolo giornalistico relazione tema tip. D

19 Consuntivo delle attività disciplinari Classe 5 A informatica Materia: MATEMATICA Docente :GABRIELLA INTROZZI a.s Libri di testo: Nuova matematica a colori volume 5, Leonardo Sasso, Petrini editore, Ore di lezione settimanali: 3 Obiettivi conseguiti (in termini di conoscenze, competenze, capacità) Al compimento del percorso scolastico della scuola secondaria si è puntato sul conseguimento dei seguenti obiettivi a carattere generale: Conoscenza degli argomenti con i possibili collegamenti con altre discipline Saper eseguire correttamente il calcolo Saper interpretare i risultati Saper scegliere la strategia risolutiva più appropriata Saper modellizzare semplici situazioni reali Competenze specifiche: Confrontare e analizzare figure geometriche (in due e tre dimensioni) Utilizzare le tecniche dell analisi, rappresentandole anche sotto forma grafica. Individuare strategie appropriate per risolvere problemi. Utilizzare gli strumenti del calcolo integrale nella descrizione e modellizzazione di fenomeni di varia natura Utilizzare modelli probabilistici per risolvere problemi ed effettuare scelte consapevoli Nello specifico della disciplina si sono sviluppate le seguenti capacità Calcolare integrali indefiniti e definiti, anche utilizzando i metodi di integrazione per parti e per sostituzione. Applicare il calcolo integrale al calcolo di aree e volumi Risolvere problemi riguardanti il calcolo di aree di superfici e di volumi dei principali solidi. Calcolare la probabilità di un evento secondo la definizione classica, anche utilizzando le regole del calcolo combinatorio. Calcolare la probabilità dell evento contrario e dell evento unione e intersezione di due eventi dati

20 Contenuti e tempi PRIMO QUADRIMESTRE settembre-dicembre CALCOLO INTEGRALE: INTEGRALE INDEFINITO Primitive e integrale indefinito Integrali immediati e integrazione per scomposizione Integrazione di funzioni composte Integrazione per sostituzione Integrazione per parti Integrazione di funzioni razionali frazionarie (denominatore di primo e secondo grado) INTEGRALE DEFINITO Dalle aree al concetto di integrale definito: la definizione Le proprietà dell integrale definito e il suo calcolo (teorema fondamentale del calcolo integrale) Il calcolo dell area tra la funzione e l asse x e l area della regione di piano limitata da due funzioni Il calcolo del volume di un solido di rotazione (attorno all asse x) La lunghezza di un arco di curva Valor medio di una funzione e sua interpretazione geometrica Integrazione numerica: il metodo dei rettangoli SECONDO QUADRIMESTRE gennaio-maggio INTEGRALI IMPROPRI Integrali estesi a intervalli illimitati: definizione, calcolo e condizione necessaria per la convergenza Integrali di funzioni illimitate (cioè continue in [a,b) e illimitata per x che tende a b): definizione e calcolo MISURE DI SUPERFICI E VOLUMI Definizione di poliedro Definizione di prismi e piramidi: misura della superficie e del volume I solidi di rotazione Misura della superficie e del volume di cilindro, cono e sfera Problemi di ottimo in geometria solida CALCOLO DELLE PROBABILITA Introduzione al calcolo delle probabilità: esperimento aleatorio, spazio campionario ed eventi La probabilità secondo la definizione classica (importanza dell ipotesi di equiprobabilità) Prime proprietà: dell evento contrario, della differenza di due eventi, dell unione tra due eventi Probabilità condizionata: semplici esempi

21 Metodi di insegnamento: lezione frontale; lezione partecipata; discussione guidata; esercizi in classe; risoluzione di situazioni problematiche Mezzi e strumenti di lavoro: libri di testo; video lezioni presentazioni PPT; appunti applicazioni software Numero verifiche effettuate nell intero anno scolastico Prove scritte Prove orali Prove pratiche 7 5 Metodi di verifica: interrogazione orale interrogazione scritta questionari a risposta multipla, scelta multipla, vero-falso questionari a testo libero problemi a soluzione rapida risoluzione di esercizi

22 Consuntivo delle attività disciplinari Classe 5A Informatica Materia: Sistemi e Reti a.s Docente : Cappelli Daniela Codocente: Bulzomì Luca Libri di testo: Appunti forniti dal docente Ore di lezione settimanali: 4 (2 ore di teoria e 2 ore di laboratorio) Obiettivi conseguiti (in termini di conoscenze, competenze, capacità) Comprendere la complessità progettuale insita in una inter-rete Comprendere la necessità di una progettazione a livelli Descrivere la funzionalità dei livelli del modello di riferimento TCP/IP Conoscere i protocolli TCP/IP adottati dalla Internet pubblica Saper scegliere i protocolli TCP/IP adatti alla realizzazione di un applicazione distribuita Comprendere le problematiche delle reti locali Comprendere gli standard Ethernet e WiFi per reti locali Contenuti e tempi PRIMO QUADRIMESTRE settembre-dicembre Fondamenti di comunicazione digitale Mezzi trasmissivi Doppino intrecciato Cavo coassiale Fibre ottiche Trasmissioni wireless Onde radio Microonde Infrarossi Trasmissione a onde luminose Comunicazioni satellitari Linee e multiplexing Pile protocollari Pila ISO-OSI Pila TCP/IP Pila ibrida Servizi offerti dai protocolli

23 Affidabilità e inaffidabilità Applicazioni di rete e pacchetti Applicazioni client-server Applicazioni Peer-to-Peer Applicazioni ibride Applicazioni di rete internet e tipo di servizio offerto Applicazioni di rete e pacchetti (incapsulamento) Ritardi nelle reti a commutazione di pacchetto Livello data-link Schede di rete Protocolli di accesso al mezzo Indirizzi a livello data-link Protocollo ARP Livello data-link in internet Ethernet Formato del frame Ethernet Standard Ethernet Hub, Switch e Router Wireless lan Modalità di funzionamento degli host wireless Caratteristiche di rete Wifi wireless LAN Modalità infrastruttura:associazione ad un AP Sicurezza Protocollo MAC : CSMA/CA Frame IEEE Mobilità di un host wireless Cenni a IP mobile Oltre Bluetooth Wi-Max Accesso cellulare a internet Dispositivi per la sicurezza nelle reti Requisiti di sicurezza di una rete Firewall Le tre leggi dei firewall Tipi di firewall SECONDO QUADRIMESTRE gennaio-maggio Livello trasporto Multiplexing e demultiplexing Multiplexing e demultiplexing UDP Multiplexing e demultiplexing TCP Trasporto inaffidabile: UDP Trasporto affidabile Controllo del flusso e della congestione

24 Trasporto affidabile: TCP Livello applicativo: introduzione Servizi di trasporto per le applicazioni Indirizzamento Livello applicativo: web e http HTTP Struttura dei messaggi Messaggio di richiesta HTTP Messaggio di risposta HTTP Autenticazione Caching Cookie Trasferimento file e ftp FTP Modalità attiva Modalità passiva Telnet Posta elettronica Scenario tipico SMTP Le tre fasi che regolano l'invio dei messaggi La trasparenza dei dati La consegna finale: POP3 e IMAP Webmail o posta web Dns I nomi di dominio Servizi offerti dal DNS Database DNS Metodo di interrogazione Caching DNS Record e messaggi DNS Inserire record nel database del DNS Caratteristiche di una VPN Tipi di VPN Remote-access VPN Site-to-site VPN La sicurezza nelle VPN Autenticazione dell'identità Cifratura o crittografia Tunneling Protocolli per la sicurezza nelle VPN: scenari possibili IPsec (IP security) SSL/TSL (Secure Sockets Layer / Transport Layer Security) NAT

25 Laboratorio Sviluppo di semplici applicazioni di grafica in C# Gestione dei file XML in C# Elementi di connettività web in C# Metodi di insegnamento: lezione frontale lezione partecipata lavoro di gruppo problem-solving discussione guidata attività di laboratorio Mezzi e strumenti di lavoro: dispense fornite dall insegnante uso del laboratorio e software adeguato manuali Spazi: laboratorio aula Numero verifiche effettuate nell intero anno scolastico Prove scritte Prove orali Prove pratiche Metodi di verifica: interrogazione orale interrogazione scritta

26 Consuntivo delle attività disciplinari Classe 5 A Informatica Materia:STORIA Docente MENNA MIRIAM a.s Libri di testo: DI FRONTE ALLA STORIA- IL NOVECENTO E OLTRE CATALDI-ABATE-LUPERINI-MARCHIANI-SPINGOLA PALUMBO EDITORE - Ore di lezione settimanali: 2 - Obiettivi conseguiti (in termini di conoscenze, competenze, capacità) : - Costruzione di un quadro sintetico dei grandi eventi del Novecento. Analisi delle componenti politiche, sociali ed economiche e loro interazione. Comprensione delle origini storiche delle Istituzioni politiche italiane. Analisi delle immagini. Riconoscere le grandi trasformazioni in campo tecnologico, economico e scientifico. Confronto di diverse ipotesi interpretative. Contenuti e tempi per blocco tematico: settembre- ottobre L identità del Novecento La crisi dello stato liberale Il secolo delle masse Le scoperte scientifiche e le nuove tecnologie L emancipazione femminile

27 novembre- dicembre gennaio- febbraio- marzo aprile- maggio giugno Le cause della prima guerra mondiale Il nazionalismo e l imperialismo- L Italia divisa: i Futuristi e Marinetti La prima guerra mondiale I trattati di pace Il dopoguerra e la fragilità dello Stato liberale La rivoluzione russa e l URSS da Lenin a Stalin Il fascismo La crisi del 29 Hitler e il nazismo in Germania La seconda guerra mondiale- L Italia dal Fascismo alla Resistenza- Ripasso Metodi di insegnamento: lezione frontale lezione partecipata discussione guidata Mezzi e strumenti di lavoro: libri di testo presentazione in power point materiale multimediale video - audio Lim Spazi aula

28 Numero verifiche effettuate nell intero anno scolastico Prove scritte : Prove orali: Prove pratiche 2 2 Metodi di verifica: interrogazione orale verifica scritta - questionari a testo libero saggio di ambito storico tema di tip. C

29 Consuntivo delle attività disciplinari Classe V A Informatica. Materia: Religione Docente : Emanuela Moretti a.s Libri di testo: S. Bocchini Nuovo religione e religioni EDB - vol Misto Ore di lezione settimanali: 1 Obiettivi conseguiti (in termini di conoscenze, competenze, capacità) Competenze -Riconoscere la presenza e l'incidenza del cristianesimo nella cultura, nella valutazione e trasformazione della realtà e nella comunicazione contemporanea, in dialogo con altre religioni e sistemi di significato. Conoscenze: -Studia il rapporto della religione e della chiesa con la cultura contemporanea. -Interpreta la presenza della religione nella società contemporanea in un contesto di pluralismo culturale e religioso, nella prospettiva di un dialogo costruttivo fondato sul principio del diritto alla libertà religiosa. Capacità: -Sa confrontarsi con la dimensione della multiculturalità anche in chiave religiosa Contenuti e tempi: PRIMO QUADRIMESTRE settembre-dicembre Il concetto di cultura Usi tipici del termine cultura L incontro fra culture diverse La diversa appartenenza. L uomo dialogante La globalizzazione SECONDO QUADRIMESTRE gennaio-maggio Democrazia e uguaglianza La religione nel contesto attuale. Multiculturalismo e sincretismo La critica della religione : cenni ( marx-freud nietszche )

30 Metodi di insegnamento: lezione frontale; lezione partecipata; discussione guidata; Mezzi e strumenti di lavoro: libri di testo; dispense; Numero verifiche effettuate nell intero anno scolastico Prove scritte Prove orali Prove pratiche 2 Metodi di verifica: Interventi in classe Analisi critica dei temi proposti Emanuela Moretti

31 Consuntivo delle attività disciplinari Classe 5A Informatica Materia: Tecnologie e Progettazione di Sistemi Informatici e di Telecomunicazione a.s Docente : Cappelli Daniela Codocente: Bulzomì Luca Libri di testo: Appunti forniti dal docente Ore di lezione settimanali: 4 (2 ore di teoria e 2 ore di laboratorio) Obiettivi conseguiti (in termini di conoscenze, competenze, capacità) Conoscere le varie tipologie di cloud computing Conoscere le tecnologie per la realizzazione dei servizi web Conoscere il linguaggio XML Conoscere la struttura delle applicazioni client-server Sviluppare programmi client server utilizzando protocolli esistenti Comprendere le problematiche delle reti locali Saper progettare una intranet locale Contenuti e tempi PRIMO QUADRIMESTRE settembre-dicembre Cloud Computing o Che cos'è il cloud computing? IaaS DaaS PaaS SaaS o Casi d'uso CRM HCM ERP o Architettura o Problematiche, rischi e critiche

32 o Web hosting, housing e colocation o Altri servizi Disaster Recovery Outsourcing o Il cloud computing e le soluzioni tradizionali o Sviluppo On-Premise e sviluppo in the cloud o Private Cloud e Public Cloud Servizi Web o Interazione fra applicazioni o Limiti del web o Un nuovo modello XML e SOAP o Cos'è un web service o La pila protocollare dei web services o o o o o o o Il modello dei web services Le tecnologie dei web services SOAP WSDL UDDI Perchè utilizzare i web services Svantaggi e problematiche Cosa possono fare i web services Integrare i sistemi legacy con i web services Esempi reali di scenari di web services SECONDO QUADRIMESTRE gennaio-maggio Il linguaggio XML o Introduzione a XML o Come usare XML o La struttura ad albero dei documenti XML o La sintassi XML o Gli elementi XML o Gli attributi XML o I Namespaces XML o La codifica dei caratteri o Visualizzazione di files XML Utilizzo dei CSS o Documenti well formed o Documenti valid o XML DTD o XML Schema Principi di crittografia o Principio di Kerckoffs o Tecniche crittografiche o Crittografia simmetrica Cifratura con codice a sostituzione

PROGRAMMA DI INFORMATICA

PROGRAMMA DI INFORMATICA PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE 5 B Sistemi Informativi Aziendali A.S. 2014/2015 DOCENTE CORREDDU GIOVANNA ITP PANZERA GRAZIA Materiale didattico Libro di testo: Iacobelli, Ajme, Marrone, Brunetti, Eprogram-Informatica

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Docente: Rigoni Carla Disciplina: INFORMATICA GENERALE E APPLICAZIONI GESTIONALI Classe 5^ BP A. S. 2013-2014 1. LIBRO DI TESTO UTILIZZATO: estratti del testo redatto

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

a.s. 2013/2014 CLASSE 5 SEZIONE A INDIRIZZO LICEO DE SANTIS PATRIZIA/SANTORO FRANCESCO

a.s. 2013/2014 CLASSE 5 SEZIONE A INDIRIZZO LICEO DE SANTIS PATRIZIA/SANTORO FRANCESCO a.s. 2013/2014 MATERIA INFORMATICA E SISTEMI CLASSE 5 SEZIONE A INDIRIZZO LICEO DOCENTE ORE DI LEZIONE DE SANTIS PATRIZIA/SANTORO FRANCESCO 3 ORE SETTIMANALI = 94 h annuali OBIETTIVI **************** Conoscere

Dettagli

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014 / 2015 Materia: INFORMATICA Classe: quinta A Data di presentazione: 7/10/2014 DOCENTI FIRMA Cerri Marta Bergamasco Alessandra Posta elettronica: itisleon@tin.it - Url: www.itdavinci.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA Sistemi A.S. 2014/15 X di dipartimento DOCENTI: Domenica LACQUANITI e Mario DE BERNARDI Classe 5^ inf/ SERALE 1) PREREQUISITI Conoscenza di almeno un linguaggio di programmazione funzionale,

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2013/2014 MATERIA Informatica e Sistemi Automatici CLASSE 5 SEZIONE B INDIRIZZO Liceo DOCENTI Proff. Laino Antonio Santoro Francesco ORE DI LEZIONE 3 settimanali (in laboratorio)

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Cigna Baruffi Garelli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Cigna Baruffi Garelli Attività svolta 1. UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1: INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE 1.1. Introduzione ai sistemi numerici: Sistema numerico decimale e binario. Conversioni binario-decimale e decimale binario.

Dettagli

1 MODULO: Visual basic.net Dati strutturati. Finalità: Gestione di dati strutturati

1 MODULO: Visual basic.net Dati strutturati. Finalità: Gestione di dati strutturati Istituto di Istruzione Superiore via Salvini 24 Roma Liceo M. Azzarita Liceo delle scienze applicate Materia:Informatica Programmazione a.s. 2015-2016 Classi 4 e Obiettivi disciplinari secondo biennio

Dettagli

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE TERZA SEZ. A. CORSO Amministrazione Finanza e Marketing. DOCENTE: Noto Giancarlo

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE TERZA SEZ. A. CORSO Amministrazione Finanza e Marketing. DOCENTE: Noto Giancarlo PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE TERZA SEZ. A CORSO Amministrazione Finanza e Marketing DOCENTE: Noto Giancarlo ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MODULO 0 L ARCHITTETURA DEL COMPUTER - L informatica - Il computer

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ALLEGATO A - INFORMATICA RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE MATERIA: INFORMATICA Classe 5 sez. Bsia a.s. 2014/15 DOCENTE: prof. Domenico Francullo In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti

Dettagli

INFORMATICA COMPETENZE

INFORMATICA COMPETENZE INFORMATICA Docente: Sandra Frigiolini Finalità L insegnamento di INFORMATICA, nel secondo biennio, si propone di: potenziare l uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Sommario Prefazione all edizione italiana XIII Capitolo 1 Introduzione 1.1 Applicazioni delle reti di calcolatori 2 1.1.1 Applicazioni aziendali 3 1.1.2 Applicazioni domestiche 5 1.1.3 Utenti mobili 8

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

Programmazione modulare a.s. 2014/2015

Programmazione modulare a.s. 2014/2015 Programmazione modulare a.s. 2014/2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: Lingua inglese Classe: 5 Ai/5 Bi Ore settimanali previste: 3 ore tot.99 Prerequisiti per l'accesso al 1: Conoscenza degli elementi

Dettagli

ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 DISCIPLINA: INFORMATICA CLASSE: 5 SI INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI DOCENTI: TISO EMANUELE BARBARA SECCHI

ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 DISCIPLINA: INFORMATICA CLASSE: 5 SI INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI DOCENTI: TISO EMANUELE BARBARA SECCHI ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 DISCIPLINA: INFORMATICA CLASSE: 5 SI INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI DOCENTI: TISO EMANUELE BARBARA SECCHI 1 2 ELENCO MODULI ARGOMENTI PRINCIPALI STRUMENTI PERIODO Base di Dati

Dettagli

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO STATALE Donato Bramante Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) - MIUR: MIPS25000Q Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97220275 Sito:

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA SCHEDA DI PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE EDUCATIVE PER DISCIPLINA AL. 2.1.2

MANUALE DELLA QUALITA SCHEDA DI PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE EDUCATIVE PER DISCIPLINA AL. 2.1.2 Pag 1 di 7 MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO I.I.S. Crocetti - Cerulli - Giulianova SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (PI) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

Dettagli

PROGRAMMA DI INFORMATICA ARTICOLAZIONE AFM/RIM CLASSE TERZA SEZ. A. DOCENTE: Noto Giancarlo

PROGRAMMA DI INFORMATICA ARTICOLAZIONE AFM/RIM CLASSE TERZA SEZ. A. DOCENTE: Noto Giancarlo PROGRAMMA DI INFORMATICA ARTICOLAZIONE AFM/RIM CLASSE TERZA SEZ. A DOCENTE: Noto Giancarlo ANNO SCOLASTICO 2015/2016 MODULO 0 L ARCHITTETURA DEL COMPUTER - L informatica - Il computer - Hardware e software

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA e 5BSA DISCIPLINA: INFORMATICA. INFORMATICA 2 ore settimanali

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA e 5BSA DISCIPLINA: INFORMATICA. INFORMATICA 2 ore settimanali ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: 5ASA e 5BSA - pag. 1 CLASSE Monte ore annuo Libro di Testo PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DI INFORMATICA

PERCORSO FORMATIVO DI INFORMATICA Anno Scolastico 2015/16 PERCORSO FORMATIVO DI INFORMATICA CLASSE VB INFORMATICA Docenti: D Antico Maria Samantha Civardi Mauro Ore settimanali: 6 Ore annuali (previste in data 07/05/2016) : 196 FINALITA'

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA Docenti: Gualdi (teoria), Travaglioni (laboratorio) Ore settimanali previste: 2 TEORIA +

Dettagli

Strumenti per la produttività individuale Livello 1

Strumenti per la produttività individuale Livello 1 Strumenti per la produttività individuale Livello 1 Il corso mira a chiarire il ruolo sempre maggiore che l utilizzo, sia pure a livello elementare, di personal computer connessi in rete e del relativo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 Classe 5^ PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE DI LAVORO I primi elementi sulle reti e i mezzi di

Dettagli

Dipartimento di Informatica PROGRAMMAZIONE DIDATTICA. triennio

Dipartimento di Informatica PROGRAMMAZIONE DIDATTICA. triennio LICEO SCIENTIFICO STATALE LORENZO MASCHERONI 24124 BERGAMO (BG) Via A. Da ROSCIATE, 21/A -Tel. 035-237076 - Fax 035-234283 e-mail: limasc@tin.it - sito internet: http://www.liceomascheroni.it Cod.Mecc.BGPS05000B

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30 Prefazione XI Capitolo 1 Introduzione 1 1.1 Internet: una panoramica 2 1.1.1 Le reti 2 1.1.2 Commutazione (switching) 4 1.1.3 Internet 6 1.1.4 L accesso a Internet 6 1.1.5 Capacità e prestazioni delle

Dettagli

Relazione finale del docente A.S. 2012-2013

Relazione finale del docente A.S. 2012-2013 Relazione finale del docente A.S. 2012-2013 Classe/sez. Indirizzo Docente Materia Ore di lezione svolte Ambito Maria Caterina V E Mercurio Informatica 165 teorico pratico Cassetti Svolgimento dei programmi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015 Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Disciplina: Informatica Docente:Maria Teresa Niro Classe: Quinta B Ore settimanali previste: 6 (3 ore Teoria - 3 ore Laboratorio) ITI M. FARADAY Programmazione

Dettagli

COMPETENZE IN ESITO (5 ANNO) ABILITA' CONOSCENZE

COMPETENZE IN ESITO (5 ANNO) ABILITA' CONOSCENZE MAPPA DELLE COMPETENZE a.s. 2014-2015 CODICE ASSE: tecnico-professionale QUINTO ANNO PT1 scegliere dispositivi e strumenti in base alle loro caratteristiche funzionali; Progettare e realizzare applicazioni

Dettagli

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L.

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Queste due sigle indicano LAN Local Area Network Si tratta di un certo numero di Computer (decine centinaia) o periferici connessi fra loro mediante cavi UTP, coassiali

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMBROGIO FUSINIERI VICENZA PROGRAMMAZIONE ATTIVITA' DIDATTICA A.S. 2014-2015 MATERIA: TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMBROGIO FUSINIERI VICENZA PROGRAMMAZIONE ATTIVITA' DIDATTICA A.S. 2014-2015 MATERIA: TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO AMBROGIO FUSINIERI VICENZA Via G. D Annunzio, 15-36100 VICENZA Tel. 0444563544 Fax 0444962574 sito web: www.itcfusinieri.eu E-mail: protocollo@itcfusinieri.it - vitd010003@pec.istruzione.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Sistemi e reti Classe: 4B Informatica A.S. 2014/15 Docente: Alessandra Antoniazzi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 23 alunni ed è mista. La classe si è presentata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

Sommario. Prefazione all edizione italiana Prefazione

Sommario. Prefazione all edizione italiana Prefazione Kurose_0_Kurose_0 14/03/13 11:49 Pagina V Prefazione all edizione italiana Prefazione XIII XV Capitolo 1 Reti di calcolatori e Internet 1 1.1 Che cos è Internet? 2 1.1.1 Gli ingranaggi di Internet 2 1.1.2

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA TECNOLOGIA A.S. 2014/15 X di dipartimento individuale del/i docente/i...... per la/e classe/i quinta 1) PREREQUISITI Conoscenza dei processi e strutture dati Terminologia tecnica adeguata Capacità

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI INFORMATICA a.s.2014/2015

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI INFORMATICA a.s.2014/2015 LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE LICEO CLASSICO G. BODONI 12037 SALUZZO DIPARTIMENTO DI MATEMATICA FISICA E INFORMATICA PROGRAMMAZIONE GENERALE DI INFORMATICA a.s.2014/2015

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail uffici: info@iisdenicola.it Anno scolastico: 2013/2014

Dettagli

Lo scenario: la definizione di Internet

Lo scenario: la definizione di Internet 1 Lo scenario: la definizione di Internet INTERNET E UN INSIEME DI RETI DI COMPUTER INTERCONNESSE TRA LORO SIA FISICAMENTE (LINEE DI COMUNICAZIONE) SIA LOGICAMENTE (PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE SPECIALIZZATI)

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

Anno Scolastico: 2014-2015. Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali. Classe: quinta. Disciplina: Informatica. prof. Silvia Tondo

Anno Scolastico: 2014-2015. Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali. Classe: quinta. Disciplina: Informatica. prof. Silvia Tondo Anno Scolastico: 2014-2015 Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali Classe: quinta Disciplina: Informatica prof. Silvia Tondo Competenze disciplinari: 1. Utilizzare le reti e gli strumenti informatici

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2014/2015 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2014/2015 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ISIS"Giulio Natta" Bergamo pag. 1 di 5 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Disciplina INFORMATICA monte ore annuale previsto (n. ore settimanali per 33 settimane) 2X33 = 66 OBIETTIVI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Articolazione Informatica

Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Articolazione Informatica Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Sistemi e reti**

Dettagli

A.S. 2014/2015- Programma svolto di INFORMATICA ITCG E. Fermi Tivoli classe V C SIA. Programma svolto di. Informatica. classe VC S.I.A a.s.

A.S. 2014/2015- Programma svolto di INFORMATICA ITCG E. Fermi Tivoli classe V C SIA. Programma svolto di. Informatica. classe VC S.I.A a.s. Programma svolto di Informatica classe VC S.I.A a.s. 2014/2015 MODULO 1 I SISTEMI OPERATIVI U.D. 1 Organizzazione dei Sistemi Operativi U.D. 2 Struttura e funzionamento di un Sistema Operativo U.D. 3 Tipi

Dettagli

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer.

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer. Classe 3^ Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI Sistemi e Reti Articolazione: Informatica Anno scolastico 2012-2013 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

Reti di Calcolatori. una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette:

Reti di Calcolatori. una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette: Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette: condivisione di risorse (dati aziendali, stampanti, ) maggiore

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Le Reti (gli approfondimenti a lezione)

Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Per migliorare la produttività gli utenti collegano i computer tra di loro formando delle reti al fine di condividere risorse hardware e software. 1 Una rete di

Dettagli

Capitolo 16 I servizi Internet

Capitolo 16 I servizi Internet Capitolo 16 I servizi Internet Storia di Internet Il protocollo TCP/IP Indirizzi IP Intranet e indirizzi privati Nomi di dominio World Wide Web Ipertesti URL e HTTP Motori di ricerca Posta elettronica

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il corso Seguito di Reti di Telecomunicazioni LA Approfondimento sui protocolli di Internet TCP/IP, protocolli di routing,

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATERIA SISTEMI E RETI Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE E. MAJORANA SOMMA VESUVIANA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Telecomunicazioni Telecomunicazioni Classe V D Classe V D INSEGNANTI Prof.

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 Obiettivi: 1. Fornire una panoramica sulle reti di calcolatori, tecnologie, potenzialità, limiti, servizi, internet. 2. Fornire una panoramica sulle capacità di base per

Dettagli

LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA TECNICO HARDWARE

LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA TECNICO HARDWARE MACROSETTORE LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA TECNICO HARDWARE 1 TECNICO HARDWARE TECNICO PROFESSIONALI prima annualità 2 UNITÀ FORMATIVA CAPITALIZZABILE 1 Assemblaggio Personal Computer Approfondimento

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

Indice. Prefazione XIII

Indice. Prefazione XIII Indice Prefazione XIII 1 Introduzione 1 1.1 Breve storia della rete Internet 1 1.2 Protocolli e standard 6 1.3 Le organizzazioni che definiscono gli standard 7 1.4 Gli standard Internet 10 1.5 Amministrazione

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

Reti informatiche 08/03/2005

Reti informatiche 08/03/2005 Reti informatiche LAN, WAN Le reti per la trasmissione dei dati RETI LOCALI LAN - LOCAL AREA NETWORK RETI GEOGRAFICHE WAN - WIDE AREA NETWORK MAN (Metropolitan Area Network) Le reti per la trasmissione

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE IN AMBIENTE WIRELESS MACROCOMPETENZE Il soggetto è in grado di:

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE IN AMBIENTE WIRELESS MACROCOMPETENZE Il soggetto è in grado di: Individuare e formalizzare i requisiti dei 1. scambiare informazioni usare modelli strutturati di interazione con il con il cliente al fine di cliente; individuare i requisiti di interpretare le richieste

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI Istituto di Istruzione Superiore Euganeo Istituto tecnico del settore tecnologico Istituto professionale del settore servizi socio-sanitari Istituto professionale del settore industria e artigianato PROGRAMMA

Dettagli

Reti di Calcolatori. Corso di Informatica. Reti di Calcolatori. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali

Reti di Calcolatori. Corso di Informatica. Reti di Calcolatori. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali Corso di Informatica Gianluca Torta Dipartimento di Informatica Tel: 011 670 6782 Mail: torta@di.unito.it Reti di Calcolatori una rete di

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2012/2013) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2012/2013) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2012/2013)

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Sistemi e reti Classe: 5B Informatica A.S. 2014/15 Docente: Barbara Zannol ITP: Andrea Sgroi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 13 studenti di cui una sola ragazza.

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI Spec. in Tecnico per lo sviluppo di soluzioni di sicurezza informatica Il Tecnico superiore per le Telecomunicazioni opera e collabora all analisi, pianificazione,

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ITI "G. FALCONE" COLLEFERRO (RM) Classe V Sez. B ITI Informatica - Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ITI G. FALCONE COLLEFERRO (RM) Classe V Sez. B ITI Informatica - Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE Classe V Sez. B ITI Informatica - Anno scolastico 2014-2015 Materia: Informatica Testo adottato: Le asi di dati. Il linguaggio QL A. Lorenzi, D. Rossi Ed. Atlas Descrizione programma:

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni ISTRUZIONE TECNICA INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni L indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

PIANO DI LAVORO A.S. 2015/16

PIANO DI LAVORO A.S. 2015/16 Istituto Tecnico Industriale Leonardo Da Vinci con sez. Commerciale annessa Borgomanero (NO) PIANO DI LAVORO A.S. 2015/16 Materia: Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazioni

Dettagli

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione Livello Applicazione Davide Quaglia 1 Motivazione Nell'architettura ibrida TCP/IP sopra il livello trasporto esiste un unico livello che si occupa di: Gestire il concetto di sessione di lavoro Autenticazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSE 4BLST DISCIPLINA: INFORMATICA E SISTEMI INSEGNANTI: NOTARANGELO MARIA BARBAGALLO SALVATORE MONTE ORE PREVISTO: (ore settimanali x 33 settimane) = 99 (di cui 66 in compresenza)

Dettagli

Il Livello delle Applicazioni

Il Livello delle Applicazioni Il Livello delle Applicazioni Il livello Applicazione Nello stack protocollare TCP/IP il livello Applicazione corrisponde agli ultimi tre livelli dello stack OSI. Il livello Applicazione supporta le applicazioni

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE quinta ANNO SCOLASTICO 2012/2013

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE quinta ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE quinta ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Modulo A: Basi di dati e linguaggio SQL La produzione del software; Il controllo do qualità; La metodologia; Modellazione dei dati; Il modello

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico

Sistemi informatici in ambito radiologico Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015 2016 Reti di elaboratori, il modello a strati e i protocolli di comunicazione e di servizio Reti di elaboratori Definizioni

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE A INTERNET - 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale Unione Europea Regione Sicilia Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI EDILIZIA ELETTRONICA e

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli