UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI INGEGNERIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI INGEGNERIA"

Transcript

1 UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dell'automazione Dipartimento di Elettronica, Intelligenza Artificiale e Telecomunicazioni PROGETTO E SVILUPPO DI UN SOFTWARE IN "JAVA" PER LA TELEREFERTAZIONE: SEZIONE AMMINISTRATIVA E FORMATI PER LA TRASMISSIONE DI DATI BIOMEDICI Tesi di Laurea di: Francesco Pongetti Relatore: Prof. Aldo Franco Dragoni Correlatore: Prof. Paolo Puliti Anno Accademico

2 Alla mia famiglia per il suo supporto morale e per avermi permesso di studiare A Raffaella perché senza la sua presenza arrivare fin qua sarebbe stato molto più difficile Un ringraziamento speciale al Prof. Aldo Franco Dragoni e a tutti i miei compagni con cui ho svolto il tirocinio

3 INDICE INDICE CAPITOLO 1. Telemedicina & Telerefertazione Introduzione Telemedicina Vantaggi Problematiche Telerefertazione CAPITOLO 2. Medical Telereporting System Introduzione Struttura e funzionamento Tecnologie utilizzate Java Perché Java Java Servlet: Tomcat Google Web Toolkit Funzionamento del GWT GWT-Ext Altri vantaggi nell uso del Google Web Toolkit MySQL Altre librerie e strumenti utilizzati CAPITOLO 3. Sezione Amministrativa Introduzione Manager & Super-Admin Funzionalità Realizzazione tecnica Struttura, componenti e classi Java Admin.java Registration.java, RegistrationRMImpl.java

4 ListaUser.java, ListaUserRMImpl.java ModRegistration.java, ModRegistrationRSImpl.java UserArea.java, UserAreaRSImpl.java Struttura dei dati nel database Gestione della sessione Problematiche di sicurezza SSL e Login Sicurezza del database CAPITOLO 4. Dati Biomedici Dati biomedici DICOM Struttura dei file Software open source Standard ECG CAPITOLO 5. Conclusioni Migliorare Medtel Compatibilità con i browsers Velocità di esecuzione Usabilità Integrazione Servizi medici per altri software Visualizzatori di dati biomedici Dispositivi medici Conclusioni Bibliografia

5 CAPITOLO 1 Telemedicina & Telerefertazione 1.1 Introduzione Il continuo sviluppo delle tecnologie informatiche e telematiche, nonché il progressivo allargamento del bacino di utenti in grado di accedere ad esse, ha aperto ad un gran numero di nuove possibilità e prospettive. A partire dagli anni 70 la rivoluzione informatica ha cominciato ad entrare con prepotenza in un numero sempre maggiore di settori industriali, commerciali e civili, investendo anche quegli ambienti che, allora, apparivano concettualmente non adatti ad essere reinterpretati in chiave informatica. I dispositivi di calcolo nascono con lo scopo di agevolare l esecuzioni di compiti e nel tempo si è visto che esistono innumerevoli ambienti in cui i computer possono dare un sostanzioso contribuito. Detto questo, non si può fare a meno di osservare che la rivoluzione digitale, utilizzando un espressione coniata da Nicholas Negroponte, non ha solamente permesso di eseguire più velocemente un gran numero di operazioni, ma ha anche avuto il merito di creare nuove possibilità impensabili in epoca preinformatica. Durante il lavoro di tirocinio ci si è potuti confrontare proprio con uno di questi nuovi orizzonti: la telemedicina. Il tirocinio ed il conseguente lavoro di tesi è stato totalmente incentrato su questa importante tematica e, di conseguenza, appare naturale spendere questo primo capitolo in un introduzione all argomento. Nei paragrafi successivi verranno quindi fornite molte informazioni per aiutare il lettore a farsi un quadro completo - 4 -

6 ed accurato di cosa s intenda oggi per telemedicina, quali siano i suoi vantaggi e svantaggi, nonché lo stato attuale dei lavori in questo campo. Nei capitoli due e tre invece verrà descritto il frutto del nostro lavoro di ricerca in campo telemedico: Medical Telereporting System. Medical Telereporting System è un software completo, sviluppato da noi durante il periodo di tirocinio, per risolvere uno specifico problema di telemedicina: la telerefertazione. Di seguito quindi, verrà trattato nel dettaglio anche questo specifico tema. 1.2 Telemedicina Si può cominciare ad affrontare l argomento dando una definizione intuitiva del termine: la telemedicina è l'insieme di tecniche mediche ed informatiche che permettono la cura di un paziente a distanza o più in generale di fornire servizi sanitari in remoto. La telemedicina è il frutto del connubio di diverse tecnologie in rapido sviluppo che consentono di trasferire informazioni mediche a distanza attraverso il telefono, Internet o altri tipi di network, allo scopo di ottenere consulenze specialistiche o addirittura, a volte, per eseguire procedure mediche senza che il personale si trovi fisicamente nel luogo di residenza del paziente. In generale per telemedicina si possono intendere un estrema eterogeneità di situazioni: dalla semplice conversazione telefonica tra due specialisti che si occupano del medesimo paziente o casi molto più complessi che coinvolgono tecnologie satellitari, apparati di videoconferenza e bracci meccanici controllati in real-time. Il concetto più importante che bisogna tenere a mente, è comunque lo stretto collegamento esistente tra scienza medica, tecnologia, informatica e telematica che si crea in ambito telemedico

7 Guardando alla storia e allo sviluppo della telemedicina si può vedere che dei tentativi di curare pazienti a distanza erano già stati compiuti prima della rivoluzione informatica. Esiste infatti un lungo elenco di casi documentati di pazienti dell 800, guariti in seguito alle cure prescritte e inoltrate tramite la tradizionale posta cartacea, da specialisti risiedenti in altre città. Attualmente comunque quando si parla di telemedicina, si sottende sempre l utilizzo di tecnologie informatiche ed è proprio questa eccezione del termine che verrà considera valida nel corso della trattazione. Per sottolineare l importanza dell argomento di cui si sta discutendo vale la pena citare alcuni lavori che la ricerca italiana ha prodotto proprio in tale ambito. I primi esperimenti di telemedicina sono stati condotti in Italia, per permettere un adeguata assistenza nelle aree geografiche più remote o in situazioni disagiate (perforazioni petrolifere su piattaforma off-shore, spedizioni artiche) ed in particolare hanno riguardato la trasmissione sperimentale di elettrocardiogrammi a distanza, iniziata nel 1976, utilizzando le normali linee telefoniche. In seguito, negli anni ottanta, la SIP lanciò un vero e proprio cardiotelefono. Da allora, gli enti di ricerca, le università, le società scientifiche, il Consiglio Nazionale Ricerche (CNR) ed il Ministero della Sanità, lavorando a diversi progetti (ad esempio quelli strategici/speciali del CNR: Sistemi Esperti in Medicina, Sistemi Informatici in Biomedicina, Robotica in chirurgia, ecc.), hanno portato alla crescita esponenziale dei servizi disponibili, con pazienti teleassistiti all anno e 50 aziende operanti in questo settore (dati del 2002). 1.3 Vantaggi I vantaggi di cui la pratica medica può beneficiare grazie all introduzione delle tecnologie legate alla telemedicina, dovrebbero risultare evidenti fin - 6 -

8 dalla breve analisi iniziale svolta nei paragrafi precedenti. Si vuole fin da subito mettere in risalto uno degli aspetti che hanno promosso maggiormente gli investimenti, pubblici e privati, in tecnologie di questo tipo: i risparmi sui costi. La possibilità di effettuare diagnosi oppure analisi a distanza infatti, permette di diminuire notevolmente i costi legati alla delocalizzazione delle strutture sanitarie. Grazie alla telemedicina si può quindi pensare di concentrare il personale medico in pochi poli più grandi, avendo così tutti i vantaggi dati da effettive economie di scala. Allo stesso tempo però, i risparmi non si traducono in una diminuzione dei servizi per i pazienti, ma anzi, si potrebbe avere una copertura talmente capillare del territorio, da arrivare fino alle case dell utenza attraverso i collegamenti a banda larga sempre più diffusi al giorno d oggi. Oltre ai risparmi sul personale, specialmente quello medico, si può ottenere un ulteriori contenimento dei costi grazie alla minore necessità di complesse macchine per la diagnosi. Si può infatti decidere di acquistare una strumentazione magari più complessa, ma in quantità inferiori, ed utilizzando delle apparecchiature dalle funzionalità e dai costi più ridotti collegarsi alle prime da postazioni remote. La telemedicina non offre, naturalmente, solo dei vantaggi legati al contenimento dei costi, ma esistono molte altre ragioni che dovrebbero spingere verso una diffusione rapida di queste tecnologie. Ad esempio, si pensi alla situazione di pazienti affetti da patologie molto rare che non possono accedere alle cure di specialisti del settore perché impossibilitati a trasferirsi, anche a causa di ragioni economiche, e che quindi non possono ottenere un consulto importante. Attraverso la telemedicina, il medico curante di questi pazienti potrebbero richiedere un consulto a distanza da parte dello specialista, con evidenti vantaggi per i pazienti stessi. Ulteriori situazioni in cui si evidenziano i pregi dell uso delle telemedicina, sono quelle in cui si deve far fronte alla cura e all assistenza di persone che - 7 -

9 vivono in paesi economicamente disagiati. Alcuni villaggi africani sono degli esempi lampanti di come l introduzione di semplici infrastrutture telematiche (collegamenti dial-up), hanno permesso un notevole aumento della qualità di vita delle persone malate. Grazie a queste infrastrutture iniziali infatti, si è potuto accedere ai servizi di diagnostica sperimentale a distanza, messi in piedi da alcuni centri di ricerca situati nel ricco Occidente. In questo modo, zone estremamente povere hanno goduto dell assistenza di personale specializzato, notevolmente carente in quasi tutto il territorio del continente africano. Il software sviluppato in fase di tirocinio nasce proprio per inserirsi nel contesto di aiuto ai paesi più deboli. Le soluzioni tecniche adottate sono infatti, il frutto di precise considerazioni su questo tema e sono state formulate anche grazie al contributo dato dallo studio in luogo delle esigenze di determinati ambienti più disagiati. Per finire la carrellata di ragioni a favore della telemedicina, bisogna segnalare anche l utilizzo di questa per scopi didattici, anche se in questo caso sarebbe più giusto parlare di e-learning. La possibilità di seguire corsi in teleconferenza o anche di assistere ad operazioni chirurgiche eseguite da specialisti prestigiosi, è un ottimo modo per poter diffondere le conoscenze mediche in zone disagiate. 1.4 Problematiche A fianco dei risvolti positivi che la telemedicina promette di portare con sè, esistono comunque dei problemi insiti nella pratica telemedica stessa che ne possono compromettere l uso su larga scala. L elenco di problematiche legate alla medicina è infatti, abbastanza vasto anche se bisogna subito fare una distinzione tra problemi superabili con maggiori investimenti nel - 8 -

10 settore e problemi invece, che non possono essere del tutto risolti con le tecnologie attuali. Le infrastrutture necessarie affinché la telemedicina possa essere messa in atto, sono il maggior handicap di questa tecnologia. Si è a lungo dibattuto dei vantaggi di cui i paesi poveri possono godere potendo rivolgersi a personale medico situato all altro capo del mondo, ma forse non si è sottolineato abbastanza che la diffusione di tecnologie informatiche e soprattutto telematiche in questi paesi è notevolmente carente, impedendo di fatto un vero sviluppo del settore telemedico. Il problema infrastrutturale è un problema sostanzialmente economico e potrebbe essere risolto con una serie mirata di investimenti da parte dei paesi più ricchi. Dall altro canto però, rappresenta anche una sfida tecnologica per tutto il mondo ingegneristico che è chiamato a costruire dei software e delle strumentazioni capaci di operare anche con risorse estremamente limitate. Appare chiaro comunque, che se si vuole veramente sfruttare i vantaggi della telemedicina a favore dei paesi più disagiati, occorre la volontà di eseguire degli investimenti iniziali. Al contrario si rischierebbe di aumentare ancora una volta il gap esistente tra chi può permettersi le cure più all avanguardia e chi invece si deve accontentare delle briciole. Il rischio di digital divide e la necessità di expertise complesse rappresenta un altro problema che affligge la telemedicina e che deve essere affrontato. Sempre più spesso le persone si dividono tra quelle che sono in grado di sfruttare i vantaggi legati alle nuove tecnologie e quelle che invece mancano delle conoscenze per poterlo fare. Questo fenomeno prende il nome di digital divide ed è un problema sostanzialmente non economico, ma culturale, anche se spesso le due cose alla fine risultato collegate. La telemedicina deve quindi offrire la possibilità di accedere alle sue prestazioni anche a persone che non hanno delle determinate competenze. Gli studi in questo campo sono stati notevoli e si è arrivati a piattaforme che - 9 -

11 permettono di fruire di servizi sanitari attraverso la tv digitale terrestre o cellulari, ma comunque resta ancora molto da fare per rendere veramente godibile a tutti l esperienza telemedica. Non bisogna dimenticarsi inoltre, che queste tecnologie dovranno essere controllate da personale medico, a cui quindi non si può richiedere una competenza informatica troppo elevata. Altre problematiche sono quelle dovute a standard per il trasporto dei dati non completamenti maturi oppure all opposto troppo vecchi e non adatti allo scopo. Spesso i collegamenti tra due postazioni distanti, si realizzano tramite i normali networks già esistenti, come per esempio Internet. Le comunicazione quindi viaggiano tramite protocolli, quali il TCP/IP, che non sono nati con lo scopo di trasmettere dati sensibili e che soprattutto non rispettano dei requisiti di QoS (quality of service). Questo porta a scenari estremamente inquietanti. Da un lato c è il rischio che persone non autorizzate intercettino un flusso di dati medici sensibili, attaccando quindi la privacy dei pazienti o peggio modificandoli per i loro scopi, dall altro gli alti tempi di lag e l assenza di assicurazione circa la qualità dei collegamenti, impediscono ad esempio di eseguire le pratiche più avanzate come la chirurgia a distanza. Le aziende del settore hanno cercato di far fronte a questi problemi realizzando degli standard ad-hoc adatti ad essere utilizati in situazioni mission-critical come queste. Il gran numero di soggetti operanti nel settore non ha però raggiunto ancora uno standard unico e questo fatto rappresenta l ultima nota negativa che affligge la telemedicina. 1.5 Telerefertazione Nell ambito generale delle telemedicina si vuole a questo punto mettere in risalto il tema più specifico delle telerefertazione, che è anche l argomento

12 di cui ci si è occupati nello sviluppo di Medtel. Come si è visto nei paragrafi precedenti, la telemedicina è un campo estremamente vasto, in cui informatica, telecomunicazione, medicina si fondono per raggiungere un eterogeneità di scopi differenti. La telerefertazione è proprio uno di questi scopi. Per telerefertazioni si intende la possibilità di effettuare diagnosi ed ottenere consulenze mediche a distanza. E quindi uno dei cardini fondamentali di tutta la telemedicina. La telerefertazione è la pratica telemedica più semplice da effettuarsi al giorno d oggi ed è anche probabilmente la più diffusa. E infatti una pratica consolidate, ad esempio, l invio da parte delle strutture sanitarie più piccole, di dati clinici ai laboratori di analisi ubicati nei centri più grandi, affinché questi possano valutarli e dare la loro opinione. Medtel nasce proprio per agevolare situazioni come queste ed in particolare per essere utilizzato in zone disagiate. Lo scopo ultimo dell applicativo è in definitiva, mettere in contatto medici e pazienti sfruttando le tecnologie telematiche, affinché si possa effettuare una diagnosi. Per far questo è stata allestita un architettura che permette il trasporto e la memorizzazione dei dati clinici. Come questa sia stata realizzata è oggetto dei prossimi capitoli

13 CAPITOLO 2 Medical Telereporting System 2.1 Introduzione Nel capitolo 1 si è definito cosa s intende per telerefertazione e come questa venga realizzata al giorno d oggi. In questo capitolo invece si descriverà il Medical Telereporting System e le tecnologie utilizzate per svilupparlo. Il Medical Telereporting System (d ora in avanti semplicemente Medtel) nasce con lo scopo di creare un software completo per far fronte alle esigenze di telerefertazione attuali, così come sono state descritte nel capitolo 1. Nello sviluppo di Medtel si è prestata particolare attenzione a quelle che sono le problematiche dei software già sviluppati in passato e quindi si è cercato di realizzare un applicativo il più possibile completo ed usabile. Medtel però non è semplicemente un rivisitazione, magari migliorata e corretta, dei software di telerefertazione già esistenti, ma presenta tratti di sostanziale novità che lo rendono unico nel panorama attuale. L idea che sta alla base del software e che in questo campo non trova altri riscontri, è l idea di comunità. Gli utilizzatori di Medtel sono suddivisi in comunità, o gruppi, che comunicano tra di loro e si scambiano servizi di telerefertazione attraverso l infrastruttura tecnologica fornita da Medtel stesso. Questi gruppi sono essenzialmente tre: medici, richiedenti ed amministratori. A questi tre gruppi se ne aggiunge un quarto, molto più ristretto, con compiti di supervisione e di cui si parlerà più in dettaglio nei capitoli successivi. L idea di comunità è importante ed innovativa perché cambia completamente i paradigmi classici su cui si basa la telerefertazione. Fin

14 dall inizio la telerefertazione è nata con lo scopo di essere un surrogato a distanza del rapporto medico-paziente quotidiano a cui tutti siamo abituati. In questa ottica gli sforzi propesi a migliorare la telerefertazione erano tutti indirizzati a cercare di ridurre gli effetti della distanza tra medico e paziente e rendere la diagnosi tramite queste nuove tecnologie, il più possibile simile a quella che si avrebbe nel caso tradizionale. Medtel invece nasce con lo scopo di sfruttare fino in fondo le tecnologie telematiche per fornire anche servizi innovativi, che non si articolino solamente in una rivisitazione a distanza del rapporto medico-paziente. L idea di comunità si forma proprio seguendo questa linea innovativa. Perché fornire solamente un software per permettere il rapporto medico-paziente a distanza, quando si può fornire ai pazienti un intera comunità di dottori? Nei paragrafi successivi sarà spiegato più in dettaglio lo schema di funzionamento e la struttura del Medical Telereporting System che si è sviluppato. Schermata principale (Screenshot tratto da Medtel)

15 2.2 Struttura e funzionamento Come già messo in luce nell introduzione, l idea che sta alla base di Medtel è quella di comunità. In Medtel gli utenti sono suddivisi in tre gruppi principali: medici, richiedenti ed amministratori. Ogni gruppo riveste un ruolo all interno del sistema complessivo e presenta delle caratteristiche peculiari. I richiedenti rappresentano le strutture sanitarie sparse nel globo che hanno bisogno di servizi di telerefertazione e telemedicina. I medici sono, naturalmente, gli individui chiamati a mettere a disposizione la loro esperienza medica e le loro competenze ai richiedenti. Infine, gli amministratori sono invece coloro che supervisionano il funzionamento di Medtel ed hanno il compito di gestire i permessi di accesso ai servizi da parte degli altri utenti. I richiedenti sono un tramite tra i pazienti veri e propri ed i dottori. I richiedenti possono essere degli ospedali che gestiscono un gran numero di pazienti, oppure semplicemente delle piccole comunità agricole africane. In generale comunque i richiedenti sono delle strutture sanitarie che nell ipotesi più complessa potrebbero aver bisogno di prestazioni per un gran numero di pazienti. Alla luce di questo, è apparso chiaro fin da subito che il software di telemedicina in fase di sviluppo, dovesse permettere una facile gestione di un gran numero di pazienti, e che questa dovesse essere la più intuita ed agile possibile, soprattutto per permettere la fruizione dei servizi anche da parte di un personale non molto orientato alle tecnologie informatiche. La soluzione è stata trovata nella trasposizione informatica dell intuitivo concetto di cartella clinica a cui tutti siamo abituati. Medtel infatti permette ai richiedenti di compilare per ogni loro paziente, una cartella clinica virtuale in cui sono contenuti tutti i parametri fisici e medici del soggetto in esame. In questa cartella clinica virtuale finiscono anche i dati storici sulle prestazioni richieste attraverso Medtel per il

16 paziente stesso. In questo modo i richiedenti possono avere facilmente un quadro completo dello stato medico del paziente e contemporaneamente questa strutturazione offre un facile accesso ai dati. Anche con questo tipo di struttura comunque, l archivio dei dati clinici può diventare molto esteso e contenere una mole notevole di informazioni. Con centinaia o addirittura migliaia di pazienti in archivio, anche il semplice ritrovare di un dato importante, può diventare un compito arduo. Per far fronte a queste problematiche, si è pensato bene di mettere a disposizione dei richiedenti una comoda interfaccia per la ricerca dei pazienti attraverso i dati anagrafici. Cartella clinica di un paziente (Screenshot tratto da Medtel) Detto come vengano gestiti i dati clinici dei pazienti, bisogna definire come Medtel gestisca il processo di telerefertazione vero e proprio, cioè come si articoli il servizio principale per il quale è stato sviluppato. Per far questo bisogna prima parlare brevemente di come sia stata sviluppata la parte

17 concernente il personale medico. Medtel parte dal presupposto che i medici che offrono le loro competenze siano degli specialisti in particolari campi della medicina e non dei dottori generici di base. Questa ipotesi nasce dalla constatazione di quelli che sono gli scopi per il quale nasce il software stesso, cioè offrire dei servizi di telerefertazione e quindi dei consulti altamente specializzati per particolari problematiche mediche. Quando si definisco le credenziali di accesso per un nuovo medico quindi, oltre ai consueti dati anagrafici, viene anche richiesto di specificare quelle che sono le specializzazioni del medico stesso, come ad esempio medicina interna, gastroenterologia, ecc..allo stesso tempo quando le strutture sanitarie richiedono un servizio di telerefertazione per un loro paziente, devono specificare il tipo di specializzazione che dovranno avere i medici per poter rispondere alla richiesta. Questo tipo di approccio comporta naturalmente dei vantaggi e degli svantaggi. Tra i vantaggi si possono elencare il fatto di avere delle diagnosi per i casi proposti più precise ed esatte ed in tempi più brevi. Inoltre si ottimizza la produttività del personale medico che infatti sarà chiamato a rispondere solo a casi che concernono le proprie specifiche attitudini. Dall altra parte lo svantaggio principale, cioè la necessità da parte dei richiedenti di avere delle competenze mediche basilari per poter individuare almeno in linea di massima a quale categoria clinica appartenga un problema di un paziente, può essere facilmente superato inserendo la possibilità di cambiare nel tempo la categoria scelta per il caso clinico. L inserimento di una nuova richiesta di consulto è effettuata compilando un apposito modulo, disponibile all interno della cartella clinica del paziente per il quale si richiedono i servizi. Il modulo richiede di specificare i parametri biologici e fisiologici del paziente al momento della richiesta, come ad esempio pressione, ritmo cardiaco, peso ed altezza. A questo punto si da la possibilità di allegare dei files alla richiesta. Questa possibilità è un punto di notevole importanza per tutta la struttura del Medical

18 Telereporting System, perché in questo modo il software non solo funge da infrastruttura per mettere in contatto medici e richiedenti, ma allo stesso tempo diventa anche una piattaforma di storage remota per dati medici. Ciò apre a molte possibilità e problematiche che saranno trattate in maniera più esaustiva nei prossimi capitoli (cfr. Dati biomedici e Conclusioni). Nei paragrafi seguenti di questo capitolo saranno comunque trattate le tecnologie utilizzate per mettere l upload/download dei files. I files allegati alle richieste sono essenzialmente dati in formato non testuale di interesse per la richiesta stessa, come ad esempio tracciati ECG, ecografie, radiografie, ecc.. Una volta effettuata la richiesta di un consulto, questa viene inserita nel database centrale ed è disponibile per essere visionata da parte di tutto il personale medico che, come detto in precedenza, abbia una specializzazione adeguata alla richiesta effettuata. E qui che si vede il vero punto di forza di Medtel rispetto agli altri software già presenti sul mercato, ed è qui che si esplicita l innovativa idea di comunità di cui finora molto si è discusso. Tutta la comunità medica con una particolare specializzazione può dare il suo giudizio sui problemi proposti dai richiedenti. In questo modo i richiedenti possono ottenere molte più opinioni su un particolare problema rispetto quelle che avrebbero rivolgendosi solamente ad un medico come avviene nel mondo reale. Le tecnologie informatiche vengono sfruttate fino in fondo per permettere a molti medici sparsi nel globo di studiare il medesimo caso e di fornire diversi punti di vista che insieme permettano al richiedente di avere un consulto completo ed articolato. Inoltre Medtel mette in comunicazione tra di loro i medici stessi che possono quindi confrontarsi tra di loro producendo così dei risultati migliori di quelli che si avrebbero nel caso tradizionale di rapporto uno ad uno tra medico e paziente

19 Modulo per la richiesta di un consulto (Screenshot tratto da Medtel) Anche i medici chiamati a dare il loro giudizio su un caso clinico possono visualizzare la cartella virtuale del paziente nella sua interezza allo stesso modo di come questa è disponibile per i richiedenti. Una volta inserita la richiesta di un consulto da parte di una struttura sanitaria, il richiedente detiene comunque il controllo sulla richiesta stessa. Infatti se il problema è stato risolto o il richiedente si ritiene soddisfatto dei dati raccolti, può chiudere la richiesta in modo che non sia più disponibile per ulteriori commenti da parte di altri specialisti. I dati storici rimarranno salvati nella cartella clinica del paziente, a disposizione per futuri consulti. I richiedenti possono avere un rapido riassunto dello stato dello loro richieste attraverso un intuitiva interfaccia. Un interfaccia molto simile permette anche ai medici di visualizzare lo stato dei casi clinici di cui si stanno occupando o di quelli più recenti che sono stati inseriti nel database

20 Vista dello stato dei consulti clinici richiesti (Screenshot tratto da Medtel) Schema completo della logica di funzionamento di Medtel

21 2.3 Tecnologie utilizzate Le tecnologie utilizzate per lo sviluppo di un software, soprattutto se si tratta di un software complesso e molto articolato, in genere riflettono le idee che stanno alla base dell applicativo stesso. Medtel non fa accezione. Fin dall inizio si è cercato di valutare con precisione quelli che erano i requisiti del programma e quindi di fare una scelta equilibrata delle tecnologie attraverso le quali implementarli. In questa scelta hanno pesato molto il fatto che Medtel dovesse risultare il più intuitivo possibile nell utilizzo e contemporaneamente funzionare su insieme di macchine molto eterogeneo, sia da un punto di vista di potenza di calcolo che di ambiente di lavoro. L attenzione si è quindi rivolta verso gli standard che, almeno sulla carta, fossero in grado di far fronte a queste problematiche. Il software più onnipresente e diffuso nei computer di tutto il mondo è sicuramente il browser Web. Al giorno d oggi esistono moltissimi tipi di browser sul mercato, ma tutti sono sostanzialmente caratterizzati da un interfaccia abbastanza omogenea a cui la maggior parte delle persone è abituata. A partire da questa constatazione si è pensato che il modo migliore per rendere Medtel disponibile ed utilizzabile dalla maggior parte delle persone, fosse quello di svilupparlo sotto forma di Web Application fruibile attraverso uno dei tanti browser presenti sul mercato. Le Web Application sono una novità nel mondo del software, sia da un punto di vista tecnologico che concettuale, ed attualmente stanno prendendo sempre più piede nell informatica moderna. Definire cosa s intenda per Web Application non è semplice perché esse presentano molto sfaccettature e caratteristiche eterogenee, ma comunque si può tentare di riassumere il tutto guardando al nome stesso: Web Application, cioè applicazione per il web. Le Web Application sono quindi un tentativo di portare le normali applicazioni desktop in una dimensione nuova: il web. Questo sforzo

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Anno Accademico 2010-2011 Tutor Accademico Prof. Guido Russo Tutor Aziendale Dott. Massimo Brescia Candidato Ettore Mancini VOGCLUSTERS

Dettagli

Classificazione del software

Classificazione del software Classificazione del software Classificazione dei software Sulla base del loro utilizzo, i programmi si distinguono in: SOFTWARE Sistema operativo Software applicativo Sistema operativo: una definizione

Dettagli

Il Provvedimento del Garante

Il Provvedimento del Garante Il Provvedimento del Garante Il provvedimento del Garante per la Protezione dei dati personali relativo agli Amministratori di Sistema (AdS) Misure e accorgimenti prescritti ai titolari dei trattamenti

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi Database e reti Piero Gallo Pasquale Sirsi Approcci per l interfacciamento Il nostro obiettivo è, ora, quello di individuare i possibili approcci per integrare una base di dati gestita da un in un ambiente

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI DOMOTICA. Fig. 1 - Architettura di un web server embedded

WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI DOMOTICA. Fig. 1 - Architettura di un web server embedded WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI Cristian Randieri Per far fronte alle esigenze di sviluppatori che intendono gestire applicazioni professionali per la domotica e la home building automation sfruttando

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

Thea PDM. Cos è Thea PDM? Il PDM (Product Data Management)

Thea PDM. Cos è Thea PDM? Il PDM (Product Data Management) Thea PDM Il PDM (Product Data Management) Nell'industria manifatturiera il PDM è un software per la raccolta ed organizzazione dei file nelle divere fasi di ideazione, progettazione, produzione ed obsolescenza

Dettagli

Antonio Brunetti, Mathias Galizia, Fabio Campanella

Antonio Brunetti, Mathias Galizia, Fabio Campanella Atti Progetto AQUATER, Bari, 31 ottobre 2007, 9-14 LA BANCA DATI DEI PROGETTI DI RICERCA E L ARCHIVIO DOCUMENTALE DEL CRA Antonio Brunetti, Mathias Galizia, Fabio Campanella Consiglio per la Ricerca e

Dettagli

18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET

18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET 18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso ai database

Dettagli

corrispondente server Web (l applicazione server) viene inviata una richiesta, alla quale il server normalmente risponde inviando la pagina HTML che

corrispondente server Web (l applicazione server) viene inviata una richiesta, alla quale il server normalmente risponde inviando la pagina HTML che Prefazione In questo volume completiamo l esplorazione del linguaggio Java che abbiamo iniziato in Java Fondamenti di programmazione. I due testi fanno parte di un percorso didattico unitario, come testimoniano

Dettagli

CMS (Content Management System) della categoria Open Source

CMS (Content Management System) della categoria Open Source Una panoramica sui CMS (Content Management System) CMS (Content Management System) della categoria Open Source Per la piattaforma PHP/MYSQL e considerata l esigenza sempre più ricorrente di realizzare

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE

Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE INTRODUZIONE L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionalerelativa alla realizzazione sistematica e alla manutenzione di un software rispettando

Dettagli

Architetture per le applicazioni web-based. Mario Cannataro

Architetture per le applicazioni web-based. Mario Cannataro Architetture per le applicazioni web-based Mario Cannataro 1 Sommario Internet e le applicazioni web-based Caratteristiche delle applicazioni web-based Soluzioni per l architettura three-tier Livello utente

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Benvenuti nella guida completa a PHP5 e MySQL!

Benvenuti nella guida completa a PHP5 e MySQL! Introduzione Benvenuti nella guida completa a PHP5 e MySQL! Gli autori di questo libro, sebbene ammettano di essere di parte, ritengono che il linguaggio di scripting Web PHP possa essere considerato il

Dettagli

Code Architects S.r.l. SWOP Semantic Web-service Oriented Platform B2SO201

Code Architects S.r.l. SWOP Semantic Web-service Oriented Platform B2SO201 UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE Modello M14 Allegati RTA POR PUGLIA 2007-2013 - Asse I Linea 1.1 Azione 1.1.2

Dettagli

Rasip, MIDlet per scambio di messaggi SIP

Rasip, MIDlet per scambio di messaggi SIP In Supremæ Dignitatis Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Tecnologie Informatiche Rasip, MIDlet per scambio di messaggi SIP

Dettagli

1.4.1 Architettura protocollare 802.15. 1.4.2 Architettura Core System

1.4.1 Architettura protocollare 802.15. 1.4.2 Architettura Core System Introduzione Capitolo 1: Le Reti Wireless 1.1 Introduzione 1.2 Le reti Cellulari 1.2.1 Struttura di una rete cellulare 1.2.2 Stabilimento e mantenimento di una chiamata 1.3 Panoramica sulle diverse generazioni

Dettagli

Capitolo 1 Introduzione a Gambas

Capitolo 1 Introduzione a Gambas Capitolo 1 Introduzione a Gambas Gambas è stato creato inizialmente da Benoit Minisini, un residente della periferia di Parigi. Secondo Benoit, Gambas è un linguaggio Basic con estensioni per la programmazione

Dettagli

Co.El.Da. Software S.r.l. Coelda.Ne Caratteristiche tecniche

Co.El.Da. Software S.r.l.  Coelda.Ne Caratteristiche tecniche Co..El. Da. Software S..r.l.. Coelda.Net Caratteristiche tecniche Co.El.Da. Software S.r.l.. Via Villini Svizzeri, Dir. D Gullì n. 33 89100 Reggio Calabria Tel. 0965/920584 Faxx 0965/920900 sito web: www.coelda.

Dettagli

Sme.UP Web Application

Sme.UP Web Application Sme.UP Web Application Web Application Web.UP Una interfaccia web per i vostri dati gestionali Il modulo applicativo Web.UP fornisce al progettista di siti Internet una serie di potenti strumenti per l'integrazione

Dettagli

DEFINIZIONI FONDAMENTALI

DEFINIZIONI FONDAMENTALI Consorzio per la formazione e la ricerca in Ingegneria dell'informazione DEFINIZIONI FONDAMENTALI Per vincere ci vuole una buona partenza... Docente: Cesare Colombo CEFRIEL colombo@cefriel.it http://www.cefriel.it

Dettagli

Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi

Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Gestione ICT Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei sistemi informativi Nome

Dettagli

Descrizione del prodotto WebPEG: Piano Esecutivo Gestione

Descrizione del prodotto WebPEG: Piano Esecutivo Gestione Descrizione del prodotto WebPEG: Piano Esecutivo Gestione Il Piano Esecutivo di Gestione rappresenta, nell'ambito del procedimento di programmazione dell'ente locale, una delle novità più rilevanti introdotte

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA Elaborato di Tecnologie del Software per Internet JMSWEB 2 SISTEMA PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI TRA APPLICAZIONI

Dettagli

Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale

Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Gestione Personale Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei

Dettagli

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche Il Cloud Computing La visualizzazione nella Cloud Problematiche Virtualizzazione della GPU Front end Virtualization

Dettagli

LA TUA PRIMA APP CON CORDOVA

LA TUA PRIMA APP CON CORDOVA LA TUA PRIMA APP CON CORDOVA Dedicato a. Gianluca ed Enza, due persone speciali Autore: Gianpiero Fasulo www.gfasulo.it - Pag. 2 COPYRIGHT La tua prima APP con CORDOVA Tutti i diritti riservati. Nessuna

Dettagli

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it 1 Il web come architettura di riferimento Architettura di una applicazione web Tecnologie lato server: Script (PHP, Pyton, Perl), Servlet/JSP, ASP Tecnologie lato

Dettagli

Appunti della lezione del 8/10/2008 del corso di Basi di dati I - Università del Salento

Appunti della lezione del 8/10/2008 del corso di Basi di dati I - Università del Salento Appunti della lezione del 8/10/2008 del corso di Basi di dati I - Università del Salento Tecnologie per lo sviluppo di applicazioni La tendenza attuale dell'ingegneria è quella dell'integrazione di componenti

Dettagli

MANUALE UTENTE CARESTUDIO 2.0

MANUALE UTENTE CARESTUDIO 2.0 MANUALE UTENTE CARESTUDIO 2.0 Documento tecnico Pag. 1 di 19 Indice 1. Introduzione... 3 2. Accesso al sistema... 4 3. Gestione Cartella e Prescrizione... 6 3.1 Identificazione dell assistito... 7 3.2

Dettagli

01. Ricerca. 08 01 2010 - Research Chapter - HeartLift - Laura Bordin - 1

01. Ricerca. 08 01 2010 - Research Chapter - HeartLift - Laura Bordin - 1 01. Ricerca 08 01 2010 - Research Chapter - HeartLift - Laura Bordin - 1 1. Definizione Che cos è la telemedicina? Il recente sviluppo delle comunicazioni a banda larga ha creato nuove possibilità di collegare

Dettagli

Sviluppo di applicazioni Internet: l'uso integrato di XML e Java

Sviluppo di applicazioni Internet: l'uso integrato di XML e Java UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Ingegneria - Sede di Modena Corso di Laurea in Ingegneria Infomatica Sviluppo di applicazioni Internet: l'uso integrato di XML e Java realizzata

Dettagli

Un approccio per sviluppare applicazioni di. E Democracy basato su ruoli per agenti mobili

Un approccio per sviluppare applicazioni di. E Democracy basato su ruoli per agenti mobili UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Ingegneria Sede di Modena Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Un approccio per sviluppare applicazioni di E Democracy basato su ruoli per

Dettagli

Realizzazione di uno strumento web-based per la simulazione remota di reti di sensori senza filo

Realizzazione di uno strumento web-based per la simulazione remota di reti di sensori senza filo tesi di laurea Realizzazione di uno strumento web-based per la simulazione remota di reti di sensori senza filo Anno Accademico 2009/2010 relatore Ch.mo prof. Marcello Cinque correlatore Ing. Catello di

Dettagli

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Relatore Chiarissimo

Dettagli

Anche gli sterilizzatori girano su VxWorks

Anche gli sterilizzatori girano su VxWorks Pagina 1 di 5 Published on ilb2b.it (http://www.ilb2b.it) Home > Anche gli sterilizzatori girano su VxWorks Anche gli sterilizzatori girano su VxWorks By bellini paola Created 05/16/2011-16:09 Grazie alla

Dettagli

CMS (Content Management System) della categoria Open Source

CMS (Content Management System) della categoria Open Source Una panoramica sui CMS (Content Management System) CMS (Content Management System) della categoria Open Source Per la piattaforma PHP/MYSQL e considerata l esigenza sempre più ricorrente di realizzare

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Sommario Principi dell ingegneria del software Leggere Cap. 3 Ghezzi et al. Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Principi Metodi e tecniche Metodologie Strumenti Descrizione dei principi

Dettagli

Associazione Alleanza Contro il Cancro - Portale e-oncology - Proposta attività. Ottobre 2003 Ottobre 2004

Associazione Alleanza Contro il Cancro - Portale e-oncology - Proposta attività. Ottobre 2003 Ottobre 2004 Associazione Alleanza Contro il Cancro - Portale e-oncology - Proposta attività Ottobre 2003 Ottobre 2004 Pavia, Ottobre 2003 Indice I) Premessa... 3 II) Il sistema di workflow... 6 II. 1) Stato attuale...

Dettagli

il Mac e lo studio legale: primi passi in EasyLex

il Mac e lo studio legale: primi passi in EasyLex _tutorial Come approcciare il software per la gestione degli studi legali che accompagna gli utenti della Mela dai lontani tempi di Mac OS Francesco Pignatelli il Mac e lo studio legale: primi passi in

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

Società Italiana Sistemi 118 Accreditamento all Eccellenza dei Sistemi 118 CONGRESSO NAZIONALE. Perugia 8-10 maggio 2003

Società Italiana Sistemi 118 Accreditamento all Eccellenza dei Sistemi 118 CONGRESSO NAZIONALE. Perugia 8-10 maggio 2003 Società Italiana Sistemi 118 Accreditamento all Eccellenza dei Sistemi 118 CONGRESSO NAZIONALE Perugia 8-10 maggio 2003 LA TELEMEDICINA NEL TRAUMA SYSTEM Dott. Francesco Scomazzoni Dirigente medico di

Dettagli

Cultura Tecnologica di Progetto

Cultura Tecnologica di Progetto Cultura Tecnologica di Progetto Politecnico di Milano Facoltà di Disegno Industriale - DATABASE - A.A. 2003-2004 2004 DataBase DB e DataBase Management System DBMS - I database sono archivi che costituiscono

Dettagli

ERP Commercio e Servizi

ERP Commercio e Servizi ERP Commercio e Servizi Sistema informativo: una scelta strategica In questi ultimi anni hanno avuto grande affermazione nel mercato mondiale i cosiddetti sistemi software ERP. Tali sistemi sono in grado

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

GIOVANNI CALABRESE. Sito E-learning Istituto Tridente. Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti

GIOVANNI CALABRESE. Sito E-learning Istituto Tridente. Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti GIOVANNI CALABRESE Sito E-learning Istituto Tridente Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti Sommario 1. COS È MOODLE... 1 1.1 Requisiti necessari...1 1.2 Configurazione del browser...1 Impostazione

Dettagli

Breve introduzione allo sviluppo WEB. a cura di Ciro Attanasio - ciro.attanasio@email.cz

Breve introduzione allo sviluppo WEB. a cura di Ciro Attanasio - ciro.attanasio@email.cz Breve introduzione allo sviluppo WEB a cura di Ciro Attanasio - ciro.attanasio@email.cz Partiamo (1 di 1) Come funziona il WEB e quali tecnologie lo compongono Cos è un Client (1 di 2) Un client, in informatica,

Dettagli

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services I. Marra M. Ciampi RT-ICAR-NA-06-04

Dettagli

Tecnica per help desk remoto

Tecnica per help desk remoto Tecnica per help desk remoto Guida scritta da Stefano Coletta (Creator) il 5 ottobre 2003 Contattatemi a creator@mindcreations.com o visitando http://www.mindcreations.com In breve Una soluzione multipiattaforma,

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

1 MODULO: Visual basic.net Dati strutturati. Finalità: Gestione di dati strutturati

1 MODULO: Visual basic.net Dati strutturati. Finalità: Gestione di dati strutturati Istituto di Istruzione Superiore via Salvini 24 Roma Liceo M. Azzarita Liceo delle scienze applicate Materia:Informatica Programmazione a.s. 2015-2016 Classi 4 e Obiettivi disciplinari secondo biennio

Dettagli

Introduzione al sistema operativo. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Introduzione al sistema operativo. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione al sistema operativo Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Che cos è un sistema operativo Alcuni anni fa un sistema operativo era definito come: Il software necessario a controllare

Dettagli

Corso Android Corso Online Sviluppo su Cellulari con Android

Corso Android Corso Online Sviluppo su Cellulari con Android Corso Android Corso Online Sviluppo su Cellulari con Android Accademia Futuro info@accademiafuturo.it Programma Generale del Corso di Sviluppo su Cellulari con Android Programma Base Modulo Uno - Programmazione

Dettagli

GRAM 231. Global Risk Assessment & Management. Approccio metodologico ed informatico all applicazione del D.Lgs. 231/2001

GRAM 231. Global Risk Assessment & Management. Approccio metodologico ed informatico all applicazione del D.Lgs. 231/2001 GRAM 231 Global Risk Assessment & Management Approccio metodologico ed informatico all applicazione del D.Lgs. 231/2001 Sommario Proposta di applicazione pratica... 3 Quadro normativo... 3 Una soluzione...

Dettagli

MetaMAG METAMAG 1 IL PRODOTTO

MetaMAG METAMAG 1 IL PRODOTTO METAMAG 1 IL PRODOTTO Metamag è un prodotto che permette l acquisizione, l importazione, l analisi e la catalogazione di oggetti digitali per materiale documentale (quali immagini oppure file di testo

Dettagli

La realizzazione di WebGis con strumenti "Open Source".

La realizzazione di WebGis con strumenti Open Source. La realizzazione di WebGis con strumenti "Open Source". Esempi di impiego di strumenti a sorgente aperto per la realizzazione di un Gis con interfaccia Web Cos'è un Web Gis? Da wikipedia: Sono detti WebGIS

Dettagli

ALLEGATO TECNICO SUL MODELLO DI SICUREZZA IN INTERNET IL PRODOTTO VORTAL

ALLEGATO TECNICO SUL MODELLO DI SICUREZZA IN INTERNET IL PRODOTTO VORTAL ALLEGATO TECNICO SUL MODELLO DI SICUREZZA IN INTERNET IL PRODOTTO VORTAL 1 Introduzione Il mondo del Web ha assunto negli ultimi anni una forza dirompente su tutti i fronti della comunicazione e della

Dettagli

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved WEB TECHNOLOGY Il web connette LE persone Indice «Il Web non si limita a collegare macchine, ma connette delle persone» Il Www, Client e Web Server pagina 3-4 - 5 CMS e template pagina 6-7-8 Tim Berners-Lee

Dettagli

Capitolo 10. Ulteriori sviluppi di Internet. 10.1 Intranet ed Extranet

Capitolo 10. Ulteriori sviluppi di Internet. 10.1 Intranet ed Extranet Capitolo 10 Ulteriori sviluppi di Internet Lo sviluppo di Internet e del World Wide Web ha costituito quello che può essere chiamato il più grande libro virtuale del mondo e ha reso il cyberspazio una

Dettagli

Sistemi di supervisione e controllo

Sistemi di supervisione e controllo Sistemi di supervisione e controllo Informazioni generali sul corso Inizio corso: 28 aprile 2008 Fine corso: 20 giugno 2008 Durata: 8 settimane Docenti Tutor Dott. Maurizio Colantoni Direzione Tecnica

Dettagli

Sviluppo di applicazioni mobili su piattaforma Maemo

Sviluppo di applicazioni mobili su piattaforma Maemo tesi di laurea Anno Accademico 2009/2010 relatore Ch.mo prof. Marcello Cinque candidato Giovanni Fortini Matr. 534/2169 Contesto e contributo Sistemi operativi per dispositivi mobili Sviluppo di un applicazione

Dettagli

Marco mavimo Moscaritolo Presidente Associazione Drupal Italia

Marco mavimo Moscaritolo Presidente Associazione Drupal Italia Prefazione Se state leggendo queste righe probabilmente avete appena comprato questo libro, oppure siete in piedi, davanti a uno scaffale, valutandone l acquisto. Se questo è vero, altrettanto probabilmente

Dettagli

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI 1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI Per implementare una piattaforma di e-learning occorre considerare diversi aspetti organizzativi, gestionali e tecnici legati essenzialmente

Dettagli

SCUOLA POLITECNICA. 1 semestre Facoltativa Voto in trentesimi

SCUOLA POLITECNICA. 1 semestre Facoltativa Voto in trentesimi SCUOLA ANNO ACCADEMICO OFFERTA 2015/2016 ANNO ACCADEMICO EROGAZIONE 2017/2018 CORSO DILAUREA INSEGNAMENTO TIPO DI ATTIVITA' AMBITO CODICE INSEGNAMENTO 18033 SETTORI SCIENTIFICO-DISCIPLINARI SCUOLA POLITECNICA

Dettagli

Il progetto di ricerca Ellade

Il progetto di ricerca Ellade Il progetto di ricerca Ellade Ellade ELectronic Live ADaptive Learning Gruppo di lavoro Università degli Studi della Calabria, Dipartimento di Matematica Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria,

Dettagli

Progetto social network

Progetto social network Progetto social network Tecniche Multimediali Docente: dott. Stefano Marchetti 03 Giugno 2009 Corso di Laurea in Informatica Introduzione Scopo del progetto Realizzare un portale di social network in stile

Dettagli

COGITEK s.r.l. Via Fregene, 14 00183 ROMA Tel. 0689820236 Fax. 0689820213 Cod. Fisc. e Part. IVA 06012550015 Cap. Soc. 70.000 i.v.

COGITEK s.r.l. Via Fregene, 14 00183 ROMA Tel. 0689820236 Fax. 0689820213 Cod. Fisc. e Part. IVA 06012550015 Cap. Soc. 70.000 i.v. Sommario 1. I presupposti di GRAM AUDIT... 4 2. I vantaggi di GRAM AUDIT... 4 3. Aspetti metodologici alla base del Modello... 5 3.1. La gestione degli utenti... 5 3.2. La composizione del Piano di Audit

Dettagli

Progettazione e Sviluppo dell Applicazione Web Share Mobile per Dispositivi Mobili Multipiattaforma. Elaborato di Laurea di: Marco Stanzani

Progettazione e Sviluppo dell Applicazione Web Share Mobile per Dispositivi Mobili Multipiattaforma. Elaborato di Laurea di: Marco Stanzani UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Facoltà di Ingegneria Enzo Ferrari Sede di Modena Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Progettazione e Sviluppo dell Applicazione Web

Dettagli

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra.

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra. Appunti di Calcolatori Elettronici Modello di macchina multilivello Introduzione... 1 Linguaggi, livelli e macchine virtuali... 3 La struttura a livelli delle macchine odierne... 4 Evoluzione delle macchine

Dettagli

Framework Rich Client Application

Framework Rich Client Application Framework Rich Client Application RELATORE: Paolo Giardiello Savona, 30 settembre 2010 Agenda La Sogei Le applicazioni client Sogei Le caratteristiche Le soluzioni possibili Java Web Start Eclipse La scelta:

Dettagli

Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it. Moodle-manuale. manuale per il docente. Generazione Web 2013-14 - G9

Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it. Moodle-manuale. manuale per il docente. Generazione Web 2013-14 - G9 Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it Moodle-manuale manuale per il docente Generazione Web 2013-14 - G9 Come utilizzare Moodle La versatilità di Moodle consente la totale personalizzazione dell interfaccia,

Dettagli

Approccio stratificato

Approccio stratificato Approccio stratificato Il sistema operativo è suddiviso in strati (livelli), ciascuno costruito sopra quelli inferiori. Il livello più basso (strato 0) è l hardware, il più alto (strato N) è l interfaccia

Dettagli

Corso Web programming

Corso Web programming Corso Web programming Modulo T3 A1 Modelli di programmazione 1 Prerequisiti Concetto di rete Processi e thread Concetti generali sui database 2 1 Introduzione Un particolare ambito della programmazione

Dettagli

DD - Design Document

DD - Design Document Politecnico di Milano Progetto di Ingegneria del Software 2 DD - Design Document Autori: Claudia Foglieni Giovanni Matteo Fumarola Massimo Maggi Professori: Elisabetta Di Nitto Raffaela Mirandola 1 gennaio

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

WEBsfa: l automazione della forza vendita via Web

WEBsfa: l automazione della forza vendita via Web WEBsfa: l automazione della forza vendita via Web White Paper 1 Gennaio 2005 White Paper Pag. 1 1/1/2005 L automazione della Forza Vendita Le aziende commerciali che che sviluppano e alimentano il proprio

Dettagli

Sommario. ELSE D 6.2 Pagina 2 di 10

Sommario. ELSE D 6.2 Pagina 2 di 10 Sommario 1 Aggiornamento del sito web... 3 2... 4 3 Piano di trasferimento... 5 3.1 Social Network... 5 3.2 Siti accademici... 7 3.3 Formazione professionale in ambito medico sanitario... 7 3.4 Comunità

Dettagli

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura

@CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura Rev. 8, agg. Settembre 2014 @CCEDO: Accessibilità, Sicurezza, Architettura 1.1 Il Sistema di Gestione della Sicurezza Per quanto riguarda la gestione della Sicurezza, @ccedo è dotato di un sistema di autenticazione

Dettagli

Building Information Modeling ed interoperabilità

Building Information Modeling ed interoperabilità 62 Building Information Modeling ed interoperabilità Il vantaggio di conoscere le lingue di Carlo Pucci Un concetto può essere spiegato in diversi modi ed in più lingue; scegliere l una o l altra dipende

Dettagli

DBMS e Linguaggi di programmazione nell'era di Internet

DBMS e Linguaggi di programmazione nell'era di Internet DBMS e Linguaggi di programmazione nell'era di Internet Crippa Francesco fcrippa@tiscalinet.it Crippa Francesco (GPL) 1 Programma del corso DBMS nati per il WEB: MySQL Postgres Il cuore del WWW, il web

Dettagli

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Informazioni sul copyright 2004 Copyright Hewlett-Packard Development Company, L.P. Sono vietati la riproduzione, l'adattamento e la

Dettagli

Sviluppo di un applicazione mobile per la gestione degli interventi tecnici tramite geolocalizzazione

Sviluppo di un applicazione mobile per la gestione degli interventi tecnici tramite geolocalizzazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA Corso di Laurea in informatica Anno Accademico 2011-2012 Sviluppo di un applicazione mobile per la gestione degli interventi tecnici tramite geolocalizzazione Relatore:

Dettagli

Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1)

Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1) Pagina 1 di 10 Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1) Nel corso della lezione precedente abbiamo analizzato le caratteristiche dell'architettura CGI.

Dettagli

2 - Introduzione al linguaggio Java

2 - Introduzione al linguaggio Java 2 - Introduzione al linguaggio Java Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo

Dettagli

Tecnoplus. Via Fratelli Bandiera, Palazzo Giordano, Scala C 87036 Rende (CS)

Tecnoplus. Via Fratelli Bandiera, Palazzo Giordano, Scala C 87036 Rende (CS) INFOSCUOLA.ONLINE INDICE La società 3 Introduzione 3 Soluzioni Tecnologiche Proposte 4 Architettura del sistema. 5 Funzionalità. 6 Dirigente Scolastico 6 Amministratore di procedura 8 Applicati di segreteria

Dettagli

Automazione di Test di Sistemi Embedded. Sintesi

Automazione di Test di Sistemi Embedded. Sintesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Dipartimento di Informatica Sistemistica e Comunicazione Corso di Laurea Magistrale in Informatica Automazione

Dettagli

(Guida operativa per il Medico di Medicina Generale)

(Guida operativa per il Medico di Medicina Generale) Elettrocardiografia Computerizzata (Guida operativa per il Medico di Medicina Generale) :: Indice :: 1. PREMESSA... 3 1.1. Utente client...3 1.1.1. Corredo dell utente client...3 2. OPERATIVITA UTENTE

Dettagli

Corso di: Abilità informatiche

Corso di: Abilità informatiche Corso di: Abilità informatiche Prof. Giovanni ARDUINI Lezione n.2 Anno Accademico 2008/2009 Abilità informatiche - Prof. G.Arduini 1 SISTEMA OPERATIVO Strato di programmi che opera al di sopra di hardware

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

IL SISTEMA DI HELP DESK UNA APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO

IL SISTEMA DI HELP DESK UNA APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO IL SISTEMA DI HELP DESK UNA APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO INDICE INTRODUZIONE...3 GLOSSARIO...4 PARTE PRIMA...6 1. GUIDA UTENTE PER L USO DEL SISTEMA DI HELP DESK...6

Dettagli

Revisione e implementazione di algoritmi di elaborazione delle immagini

Revisione e implementazione di algoritmi di elaborazione delle immagini Stagnaro Francesca Mat. 2543707 Relazione Finale di Tirocinio: Revisione e implementazione di algoritmi di elaborazione delle immagini Svolto presso l azienda Numensoft Snc di M. Peri & Soci III Anno di

Dettagli

Descrizione di un caso di successo. Galileo Mobile di NoemaLife

Descrizione di un caso di successo. Galileo Mobile di NoemaLife Descrizione di un caso di successo Galileo Mobile di NoemaLife Pagina 1 Il Committente NoemaLife è un gruppo italo-tedesco la cui mission è realizzare soluzioni software progettate per migliorare i processi

Dettagli

LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER

LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER Lezione 1 1 Web Design Lafiguracentralenelprogettodiunsitowebèilwebdesigner:eglisioccupadell'aspetto visivo e del coinvolgimento emotivo di siti Web business to business

Dettagli