VERBALE DI ASSEMBLEA REPUBBLICA ITALIANA. 13 dicembre Il giorno tredici, del mese di dicembre, dell anno duemilaundici,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE DI ASSEMBLEA REPUBBLICA ITALIANA. 13 dicembre 2011. Il giorno tredici, del mese di dicembre, dell anno duemilaundici,"

Transcript

1 Repertorio n Raccolta n VERBALE DI ASSEMBLEA REPUBBLICA ITALIANA 13 dicembre 2011 Il giorno tredici, del mese di dicembre, dell anno duemilaundici, in Milano, via Metastasio n. 5, avanti a me Filippo Zabban, notaio in Milano, iscritto presso il Collegio notarile di Milano è personalmente comparso il signor: - Marco Giuseppe Maria Rigotti, nato a Milano, il giorno 16 giugno 1967 domiciliato per la carica presso la sede sociale, della cui identità personale io notaio sono certo, il quale dichiara di intervenire al presente atto nella sua qualità di Presidente del Consiglio di Amministrazione della Società "Meridiana fly S.p.A." con sede in Olbia, Centro Direzionale Aeroporto Costa Smeralda, iscritta nel Registro delle Imprese di Sassari, al numero di iscrizione e codice fiscale , Repertorio Economico Amm inistrativo n , capitale sociale euro ,34 (ventimilioninovecentounomilaquattrocentodiciannove virgola trentaquattro) interamente versato, quotata presso il Mercato Telematico Azionario gestito da Borsa Italiana S.p.A. 1

2 Si premette: - che in Milano, in una sala dell UNA Hotel Cusani, in via Cusani n. 13, in data 5 dicembre 2011 si è svolta l'assemblea straordinaria della predetta società, ivi convocata in prima convocazione per le ore 10; - che di tale riunione il comparente, quale Presidente del Consiglio di Amministrazione, ha assunto e mantenuto la presidenza fino al suo termine; - che della verbalizzazione sono stato incaricato io notaio, pure presente a detta riunione, come risulta anche dal resoconto che segue. Tutto ciò premesso, si fa constare come segue (ai sensi dell'articolo 2375 del codice civile ed in conformità a quanto previsto dalle altre disposizioni applicabili, anche a ragione della condizione della Società, quotata presso il Mercato Telematico Azionario gestito da Borsa Italiana S.p.A.) dello svolgimento dell assemblea straordinaria del giorno 5 dicembre 2011 della predetta Società Meridiana fly S.p.A.. Il giorno 5 dicembre 2011 alle ore 10 e 10, in Milano, via Cusani n. 13, presso l UNA Hotel Cusani, si è riunita l assemblea straordinaria della Società "Meridiana fly S.p.A." con sede in Olbia, Centro Direzionale Aeroporto Costa Smeralda, iscritta nel Registro delle Imprese di Sassari, al numero di iscrizione e codice fiscale , Repertorio Economico Amm inistrativo n , capita- 2

3 le sociale euro ,34 interamente versato, quotata presso il Mercato Telematico Azionario gestito da Borsa Italiana S.p.A.. Il dottor Rigotti, Presidente del Cons iglio di Amm inistrazione della Società, anche a nome dei Colleghi del Cons iglio di Amministrazione, del Collegio Sindacale, della Direzione e del Personale della Società saluta gli intervenuti e li ringrazia per la partecipazione all Assemblea. Richiamato l'articolo 10 dello statuto sociale, il Presidente del Consiglio di Amministrazione assume la presidenza dell'assemblea. Dà atto che il capitale sociale ammonta ad Euro ,34, diviso in numero azioni ordinarie senza indicazione del valore nominale. Precisa che, in conformità alle disposizioni di legge e di statuto, l'avviso di convocazione è stato pubblicato sul sito internet della Società in data 28 ottobre 2011, sul quotidiano Milano Finanza del 29 ottobre 2011 e con le altre modalità previste ex art. 84 regolamento emittenti, e che non sono pervenute dai soci richieste di integrazione dell Ordine del Giorno ex art. 126 bis TUF. Quindi il Presidente dichiara: - che le azioni della Società sono ammesse alle negoziazioni presso il Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A.; 3

4 - che, per quanto concerne l'esistenza di patti parasociali rilevanti ai sensi dell'art. 122 TUF, la Società è a conoscenza di quanto segue. In data 18 luglio 2011, nell'ambito dell'operazione (l'"operazione") volta all'integrazione tra Meridiana fly S.p.A. ( Meridiana fly o la Società ) ed il gruppo che fa capo ad Air Italy Holding s.r.l., l'azionista di controllo Meridiana S.p.A. ("Meridiana") e gli allora soci di Air Italy Holding (i.e. Marchin Investments B.V. ("Marchin"), Pathfinder Corporation S.A. ("Pathfinder") e Zain Holding S.A. ("Zain"), di seguito collettivamente definiti anche i "Soci di Air Italy Holding") hanno sottoscritto un accordo quadro (l'"accordo Quadro") contenente i termini e le condizioni della suddetta integrazione, ivi inclusa la sottoscrizione di aumenti di capitale dell'emittente da parte di Marchin, Pathfinder e Zain, i quali diventeranno soci dell'emittente. L'Accordo Quadro contiene alcune disposizioni che potrebbero essere considerate di natura parasociale e, quindi, rilevanti ai sensi dell art. 122 del TUF. Sempre in data 18 luglio 2011, nell'ambito dell'operazione, Meridiana ed i Soci di Air Italy Holding hanno sottoscritto anche un patto parasociale rilevante ai sensi dell art. 122 del TUF (il Patto ), destinato ad entrare in vigore nel momento in cui, in conseguenza della sottoscrizione e liberazione 4

5 del primo dei previsti aumenti di capitale, i Soci di Air Italy Holding diventeranno azionisti dell'emittente. All'avvenuta sottoscrizione degli aumenti di capitale previsti nell'ambito dell'operazione (e assumendo la sottoscrizione, da parte di soggetti diversi da Meridiana e dei Soci di Air Italy Holding, di tutte le azioni dell'emittente offerte in sottoscrizione), il capitale sociale di Meridiana fly risulterà ripartito come segue: (i) Meridiana deterrà un numero di azioni - ancora da determinarsi a seconda dei termini e delle condizioni degli aumenti di capitale - rappresentativo del 40,98% circa del capitale sociale; (ii) Marchin deterrà un numero di azioni rappresentativo del 25,95% circa del capitale sociale; (iii) Pathfinder deterrà un numero di azioni rappresentativo del 5,56% circa del capitale sociale; (iv) Zain deterrà un numero di azioni rappresentativo del 5,56% circa del capitale sociale; e (v) i soggetti diversi da quelli appena menzionati deterranno un numero di azioni rappresentativo del 21,95% circa del capitale sociale. Le azioni dell' Emittente che saranno conferite al Patto (assumendo la sottoscrizione, da parte di soggetti diversi da Meridiana e dei Soci di Air Italy Holding, di tutte le azioni dell'em ittente offerte in sottoscrizione allo stesso) rappresenteranno complessivamente il 78,05% del capitale sociale. Meridiana deterrà un numero di azioni rappresentativo del 52,500% circa delle azioni conferite al Patto; (ii) Marchin deterrà un numero di azioni rappre- 5

6 sentativo del 33,250% circa delle azioni conferite al Patto; (iii) Pathfinder deterrà un numero di azioni rappresentativo del 7,125% circa delle azioni conferite al Patto; e (iv) Zain deterrà un numero di azioni rappresentativo del 7,125% circa delle azioni conferite al Patto. L'Accordo Quadro (come successivamente modif icato) ed il Patto sono stati pubblicati per estratto e depositati ai sensi di legge. Il Patto avrà una durata di 3 anni. I principali contenuti dell'accordo Quadro e del Patto sono rispettivamente: per quanto concerne l'accordo Quadro, l'acquisizione di Air Italy Holding (perfezionatasi in data 14 ottobre 2011); il raggruppamento delle azioni Meridiana fly; due aumenti di capitale per un importo massimo complessivo di Euro che saranno strutturati (i) in un primo aumento di capitale (di seguito, il Primo Aumento di Capitale ) a pagamento e scindibile, per un importo massimo di Euro ,00, da realizzarsi attraverso l emissione di azioni ordinarie offerte in opzione, ai sensi dell art. 2441, comma 1 cod. civ., agli attuali soci, ai quali sarà offerto di sottoscriverlo entro il 30 giugno 2012; (ii) nell emissione di warrant da assegnare gratuitamente ai sottoscrittori del Primo Aumento di Capitale, esercitabili entro 12 mesi dallo stesso, nei termini e alle condizioni che dovranno essere determinate dall assemblea degli azionisti di Meridiana fly; (iii) in un secondo aumento di capitale (di seguito, il Secondo Aumento di 6

7 Capitale ) a pagamento e scindibile, per un importo massimo di Euro ,00 da eseguirsi, anche in più riprese, mediante emissione di a- zioni ordinar ie Mer idiana fly a servizio dell esercizio dei warrant, nei termini ed alle condizioni che dovranno essere determinate dall assemblea degli azionisti della Società, con facoltà delle parti di concordare per iscritto un ulteriore incremento dell importo massimo del Secondo Aumento di Capitale. In relazione al Primo Aumento di Capitale, Meridiana si è impegnata a cedere ai Soci di Air Italy Holding una parte dei diritti di opzione ad essa spettanti; per quanto concerne il Patto, disposizioni relative alla governance di Meridiana fly e, in particolare, alla nomina di alcuni membri degli organi societari (i.e. membri del Cons iglio di Amministrazione, Amministratore Delegato, alcuni dirigenti); la previsione di maggioranze qualificate in seno al Cons iglio di Amministrazione in relazione a particolari materie; ipotesi di stallo decisionale degli organi societari che potrebbe comportare la vendita delle azioni Meridiana fly detenute dai Soci di Air Italy Holding; previsione di un lock-up period sulle azioni Meridiana fly, di un diritto di prelazione e di un diritto di co-vendita in favore di ciascuna parte dell'accordo Quadro nel caso le altre parti vendano le proprie azioni Meridiana fly; u- n'opzione di acquisto in favore di Meridiana sulle azioni Meridiana fly detenute dai Soci di Air Italy Holding condizionata ai risultati di gestione; di- 7

8 sposizioni relative alla governance di Air Italy Holding s.r.l. e di Air Italy S.p.A.; la previsione di una penale per la violazione degli obblighi derivanti dal Patto. Il Presidente continua l'esposizione inerente la costituzione della riunione precisando: - che, con il suo consenso come previsto dal Regolamento assembleare - possono assistere alla riunione esperti, analisti finanziar i e giornalisti qualificati; - che è funzionante come da esso Presidente consentito ai sensi di regolamento assembleare un sistema di registrazione dello svolgimento dell'assemblea, al fine esclusivo di agevolare, se del caso, la stesura del verbale della riunione; - che è stata accertata la legittimazione all'intervento dei soggetti legittimati al voto presenti o rappresentati e così l'identità dei medesimi o dei loro rappresentanti, a cura dei componenti i seggi, e le deleghe sono state acquisite agli atti sociali; - che, come risulta dall avviso di convocazione, la Società non s i è avvalsa della facoltà, prevista dall articolo 9 dello statuto sociale, di designare un soggetto cui conferire delega con istruzioni di voto ex art. 135 undecies TUF; 8

9 - che in relazione all odierna assemblea è stata promossa sollecitazione di deleghe ex art. 136 e seguenti TUF da Meridiana S.p.A. in relazione al 3 punto all Ordine del giorno, con l osservanza di ogni disposizione normativa e regolamentare relativa, compresa la pubblicazione del prospetto informativo e dell'avviso previsto dall'articolo 136 del Regolamento Emittenti; - che la pubblicazione dei suddetti documenti (prospetto informativo e avviso) è avvenuta in data in data 4 novembre 2011, e che successivamente nuove versioni aggiornate e modificate di tali documenti - che sostituiscono le precedenti - sono state pubblicate in data 10 novembre 2011 e 29 novembre 2011 (in quest'ultima occasione a seguito di r ichiesta di integrazione da parte di CONSOB, che ha considerato utile fornire alcune ulteriori indicazioni il più possibile puntuali sui criteri in base ai quali sarà determinato il prezzo dell'eventuale offerta pubblica di acquisto, laddove tale offerta debba essere lanciata); - che il promotore ha designato il dottor Alvise Recchi, Amministratore Delegato di Sodali, ai fini della raccolta delle deleghe di voto oggetto della sollec itazione, e che lo stesso promotore si è riservato per l esercizio della delega la possibilità di farsi sostituire dal dottor Andrea Di Segni; - che nessun avente diritto si è avvalso della facoltà di porre domande prima dell assemblea ex art. 127 ter del TUF; 9

10 - che, per quanto a sua conoscenza, secondo le risultanze del libro dei soci, integrate dalle comunicazioni ricevute ai sensi dell'articolo 120 TUF (e norme precedenti) e delle relative norme attuative contenute nel Regolamento Consob n /99, come successivamente modif icato (il Regolamento Emittenti ) e da altre informazioni a disposizione, l'elenco nominativo degli azionisti che partecipano direttamente o indirettamente in misura superiore al due per cento del capitale sociale sottoscritto, rappresentato da azioni con diritto di voto, è il seguente: Azionista Azioni % Sua Altezza il Principe Karim Aga Khan indirettamente tramite Meridiana S.p.A ,05% Quindi il Presidente informa gli intervenuti che la Società non ha azioni proprie in portafoglio. ****** Il Presidente, ai sensi dell art. 8 del Regolamento assembleare, stabilisce che le votazioni dell odierna assemblea avranno luogo per alzata di mano, e che per i portatori di più deleghe è possibile esprimere voto differenziato comunicandolo ai componenti dei seggi. Per consentire la m igliore regolarità allo svolgimento dei lavori dell' Assemblea, prega cortesemente gli intervenuti di non assentarsi fino a votazioni avvenute. 10

11 A tale riguardo, precisa che chi avesse necessità di assentarsi è pregato di darne notizia alla segreteria. Chiede ai partecipanti di non abbandonare la sala fino a quando le operazioni di scrutinio e la dichiarazione dell'esito della votazione non siano state comunicate e quindi siano terminate. Precisa, quindi, che sono stati espletati gli adempimenti - anche di carattere informativo - previsti dalla legge in relazione agli argomenti concernenti i punti all'ordine del giorno. Informa, ancora, che al fine di adempiere al meglio alle disposizioni normative in tema di diritto di porre domande prima e durante l'assemblea (art. 127ter TUF) si procederà nel modo seguente: (1) alle domande formulate con testo scritto consegnato durante l assemblea, verrà data risposta al termine di tutti gli interventi, salvo il caso di domande aventi uguale contenuto, cui si darà risposta unitaria; (2) alle domande eventualmente contenute nell'intervento orale svolto in sede di discussione si darà ugualmente risposta, al termine di tutti gli interventi, sulla base di quanto effettivamente inteso nel corso della esposizione orale. Il Presidente continua l'esposizione inerente la costituzione della riunione precisando ulteriormente: - che l Assemblea si riunisce oggi in prima convocazione; 11

12 - che per il Consiglio di Amministrazione, oltre ad esso Presidente, sono attualmente presenti i Signor i: Franco Trivi, Vice Presidente, Giuseppe Gentile, Amministratore Delegato ed i consiglieri Claudio Miorelli, avvocato Giuseppe Lomonaco, dottor Gian Carlo Arduino e ingegner Roberto Scaramella; - che l Amm inistratore Delegato si assenterà nel corso della presente riunione per rispondere ad alcune telefonate; - che per il Collegio Sindacale, sono attualmente presenti i Signori: Luigi Guerra, Presidente, ed i Sindaci Cesare Conti e Antonio Mele; - che sono presenti o rappresentati n. 62 aventi diritto, partecipanti all assemblea, in proprio o per delega, per complessive n azioni ordinarie - per le quali la Società ha regolarmente ricevuto le relative comunicazioni, ai sensi dall articolo 83 sexies TUF - ed aventi dir itto ad altrettanti voti, che rappresentano il 79,644 % delle n azioni ordinarie; il Presidente rammenta che ai sensi dell articolo 142 secondo comma TUF le azioni per le quali è stata conferita la delega, anche parziale, sono computate ai fini della regolare costituzione dell assemblea. Propone di designare nella persona del notaio Filippo Zabban il Segretario della riunione, che farà luogo a verbalizzazione per pubblico atto notarile. Chiede se ci siano dissensi riguardo a questa designazione. 12

13 Nessuno intervenendo, il Presidente, richiamate le norme di legge, dichiara l assemblea validamente costituita in prima convocazione. Chiede quindi ai presenti di comunicare se ci sia qualcuno che si trovi in eventuali situazioni di esclusione del diritto di voto ai sensi della disciplina vigente. Nessuno interviene. Informa che, poiché l'affluenza alla sala assembleare potrebbe continuare, comunicherà nuovamente il capitale presente al momento delle rispettive votazioni, fermo restando che l'elenco nominativo dei partecipanti in proprio o per delega (con indicazione del delegante e del delegato), con specificazione delle azioni per le quali è stata effettuata la comunicazione da parte dell intermediario all emittente ai sensi dell articolo 83sexies TUF, con indicazione della presenza per ciascuna singola votazione nonché del voto espresso, con il relativo quantitativo azionario e con riscontro degli allontanamenti pr ima di una votazione, costituirà allegato al verbale della riunione. Chiarisce che, ai sensi del Decreto Legislativo n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali), i dati dei partecipanti all assemblea vengono raccolti e trattati dalla Società esclusivamente ai fini dell esecuzione degli adempimenti assembleari e societari previsti dalla normativa vigente. Dà quindi lettura dell'ordine del giorno, il cui testo dichiara essere comunque noto, in quanto contenuto nell'avviso di convocazione: 13

14 ORDINE DEL GIORNO 1. Proposta di modifica dell articolo 5, primo comma, primo capoverso, dello statuto sociale, al fine di raggruppare le azioni ordinar ie Meridiana fly S.p.A. nel rapporto di 1 (una) nuova azione ordinaria per ogni 250 azioni ordinar ie in circolazione, previo annullamento di un numero di azioni ordinarie sufficiente a consentire la quadratura dell intera operazione e conseguente riallineamento della parità contabile. Deliberazioni inerenti e conseguenti. 2. Proposta di modifica dell articolo 28, primo comma, dello statuto sociale, al fine di anticipare al 31 ottobre di ciascun anno la data di chiusura dell esercizio sociale. Deliberazioni inerenti e conseguenti. 3. Proposta di (i) aumento del capitale sociale a pagamento, in via scindibile, per un importo massimo (comprensivo dell eventuale sovrapprezzo) di Euro 142,2 milioni, mediante em issione di azioni ordinar ie, senza indicazione del valore nom inale, aventi le stesse caratteristiche delle a- zioni in circolazione, da offrire in opzione agli aventi diritto, ai sensi dell articolo 2441 del codice civile, con abbinati warrant da assegnare gratuitamente ai sottoscrittori del medes imo aumento di capitale nel numero di 1 warrant per ogni azione ordinaria emettenda, e (ii) aumento del capitale sociale a pagamento, in via scindibile, per massimi nom inali Euro 71,1 milioni a servizio dell eventuale esercizio dei warrant assegnati in esecu- 14

15 zione dell aumento di capitale di cui al punto ( i), da realizzarsi mediante emissione, anche a più r iprese, di 1 azione ordinaria, senza indicazione del valore nominale, avente le stesse caratteristiche delle azioni in circolazione, ogni 2 warrant esercitati; conseguente modifica dell art. 5 dello statuto sociale; richiesta di ammissione a quotazione dei warrant sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. e approvazione del relativo regolamento. Proposta effettuata anche ai sensi e per gli effetti dell articolo 49, comma 1, lettera b, n. 3(i) del regolamento adottato con delibera CONSOB n del 14 maggio 1999, così come successivamente modificato, ai fini dell esenzione dall obbligo di lanciare un offerta pubblica di acquisto sulla totalità dei titoli Mer idiana fly S.p.A. (cd. whitewash ). Deliberazioni inerenti e conseguenti.. ****** Il Presidente dichiara che è stato distribuito agli intervenuti fascicolo contenente, fra l altro: la relazione illustrativa degli Amministratori redatta ex 125ter TUF sulle materie all Ordine del Giorno, redatta anche ex art. 72 Regolamento Emittenti, per quanto concerne le proposte modifiche statutarie, integrata in data 29 novembre 2011, su richiesta di CONSOB, al fine di fornire alcune ulteriori indicazioni il più possibile puntuali sui 15

16 criteri in base ai quali sarà determinato il prezzo dell'eventuale offerta pubblica di acquisto, laddove tale offerta debba essere lanciata; lo statuto vigente; il regolamento assembleare; la lista dei componenti le cariche sociali. ***** Si passa alla trattazione del primo punto all Ordine del Giorno, avente ad oggetto la proposta di modifica dell articolo 5, primo comma, primo capoverso, dello statuto sociale, al fine di raggruppare le azioni ordinarie Meridiana fly S.p.A. nel rapporto di 1 (una) nuova azione ordinaria per ogni 250 azioni ordinarie in circolazione. Allorchè il Presidente propone di dare lettura di stralcio della relazione redatta ai sensi dell articolo 125ter TUF e dell articolo 72 Regolamento E- mittenti, per la parte relativa al primo punto all Ordine del Giorno, prende la parola il rappresentante del socio Meridiana S.p.A., avvocato Romolo Persiani, il quale propone si ometta detta lettura, in quanto documento già diffuso in precedenza, e ci si limiti alla lettura della sola proposta di deliberazione. Nessuno opponendosi, riprende la parola il Presidente e prega il notaio di provvedere a dare lettura della proposta di delibera inerente al primo punto all Ordine del Giorno. 16

17 Prende la parola il notaio e dà lettura della proposta di deliberazione, come segue: L Assemblea degli Azionisti di Meridiana fly S.p.A.: - esaminata e discussa la relazione illustrativa predisposta del Consiglio di Amministrazione ai sensi dell articolo 125-ter del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dell articolo 72, primo comma, del regolamento adottato dalla Consob con delibera n del 14 maggio 1999; - preso atto delle relative proposte di deliberazione; - preso atto della disponibilità del socio di controllo Meridiana S.p.A. all annullamento, senza riduzione del capitale sociale, di n. 188 azioni ordinarie Meridiana fly dalla stessa detenute, con conseguente riallineamento della parità contabile Delibera 1. di approvare il raggruppamento delle n azioni ordinarie Meridiana fly senza indicazione del valore nominale in circolazione in n azioni ordinarie, secondo il rapporto di n. 1 (una) nuova azione ordinaria senza indicazione del valore nominale ogni n. 250 azioni ordinarie in circolazione, previo annullamento, ai soli fini di consentire la quadratura complessiva dell operazione, e senza riduzione del capitale sociale, di n. 188 azioni ordinarie detenute da Meridiana S.p.A. e conseguente riallineamento della parità contabile; 17

18 2 di mettere a disposizione degli Azionisti un servizio per il trattamento delle eventuali azioni ordinarie non raggruppabili, sulla base dei prezzi ufficiali di mercato del titolo Meridiana fly e senza aggravio di spese, per il tramite di uno o più intermediari aderenti al sistema di gestione accentrata di Monte Titoli S.p.A., in modo da consentire a ciascun Azionista il possesso di un numero di azioni ordinarie che sia esattamente pari a 250 o a un suo multiplo, secondo il rapporto di raggruppamento che si propone di applicare. 3. di modificare conseguentemente l articolo 5, primo comma, primo capoverso dello statuto sociale in conformità al testo sopra riportato; 4. di conferire al Presidente del Consiglio di Amministrazione e all Amministratore Delegato, in via tra loro disgiunta e con facoltà di subdelega, ogni più ampio potere necessario od opportuno per dare esecuzione alle delibere di cui ai precedenti punti 1 e 2 e provvedere all espletamento dei conseguenti adempimenti legislativi e regolamentari, ivi incluso, in particolare, l adempimento di ogni formalità necessaria affinché le predette deliberazioni siano iscritte nel Registro delle Imprese, con facoltà di apportare agli articoli dello statuto sociale, come sopra modificati, le eventuali varianti, aggiunte e soppressioni eventualmente richieste dalle competenti autorità e/o dal Registro delle Imprese ai fini dell iscrizione. 18

19 Quindi per completezza il notaio dà lettura del nuovo articolo 5 dello statuto sociale, come segue: Il capitale sociale è determinato in Euro ,34 (ventimilioninovecentounmilaquattrocentodiciannove virgola trentaquattro) diviso in numero (cinquemilionicinquecentosettantaseimilaetrecento quarantasei) azioni ordinarie senza indicazione del valore nominale. Al termine riprende la parola il Presidente e dichiara aperta la discussione sulla proposta di cui è stata data lettura, invita coloro che desiderano prendere la parola a prenotarsi e a dare il loro nome. Prende la parola il signor Dario Romano Radaelli, delegato della signora Romanina Bordignon, esclusivamente per anticipare che farà poi luogo ad intervento relativamente al terzo punto all ordine del giorno. Interviene, quindi, il signor Luca Greco, il quale, con riferimento al tema del raggruppamento delle azioni, solleva due ordini di problemi. In primo luogo rileva la minor liquidità del titolo, a ragione dell incremento del valore unitario del medesimo da circa 4 centesimi a 11 euro; evidenzia, quindi, che ciò implicherà una maggiore barriera all acquisto e alla vendita del titolo stesso, comportando una riduzione dei potenziali acquirenti. Nota, poi, che a suo avviso il raggruppamento di 250 azioni comporti necessariamente una forzatura, in quanto mette l azionista nella condizione 19

20 di dover vendere i residui o di dover comprare ulteriormente, rispetto all ammontare di 250 azioni. Al termine dell intervento del Dottor Greco, prende la parola il Presidente Rigotti, per ringraziarlo e replicare brevemente alle sue osservazioni. Il Presidente riferisce che il Consiglio di Amministrazione, circa la liquidità del titolo, è pervenuto ad una valutazione opposta. Spiega, infatti, che il Consiglio ha ritenuto che il raggruppamento consentirà di semplificare la gestione amm inistrativa del titolo nell interesse degli azionisti attuali e anche futuri, e, in particolare, in dipendenza dell eventuale esecuzione delle operazioni di aumento di capitale sociale, oggetto del successivo punto tre all ordine del giorno. Afferma, poi, che il raggruppamento sempre ad avviso del Consiglio può favorire la liquidità del titolo e, quindi, gli scambi del medesimo sul mercato, in quanto il valore unitario del titolo è oggi diventato talmente basso da rendere poco intellegibile la relativa comprensione, in particolare, ed a maggior ragione, alla luce dell aumento di capitale che si discuterà al successivo punto tre all ordine del giorno. Invero, l aumento se approvato e una volta eseguito andrà ad incrementare ulteriormente il numero delle azioni in circolazione, che sottolinea essere già elevatissimo (oltre 1 miliardo), per una società le cui dimens ioni non la collocano tra le prime società trenta quotate in Italia. Evidenzia, quindi, come si sia ritenuto che il rag- 20

21 gruppamento renderà più intellegibile il valore unitario del titolo Meridiana fly, evitando che lo stesso sia percepito come penny stock. Per quanto riguarda le modalità tecniche del raggruppamento spiega che si seguiranno le normali prassi di mercato. Comunica che, per agevolare le operazioni di raggruppamento e la gestione di eventuali resti, verrà messo a disposizione degli azionisti un servizio tramite uno o piu intermediari aderenti al sistema di gestione accentrata presso Monte titoli spa per il trattamento delle frazioni di azioni ordinarie non raggruppabili, sulla base dei prezzi uffic iali di mercato del titolo. Tale servizio, prosegue, consentirà a ciascun azionista di disporre di un numero di azioni ordinarie esattamente pari a 250 ovvero ad un multiplo di 250, secondo il rapporto di raggruppamento da applicare. Informa, infine, che tale servizio non comporterà per gli azionisti spese, bolli o commissioni. Conclude ribadendo che questa è la prassi per le operazioni di raggruppamento e sottolineando come in questo caso particolare il raggruppamento, seppur significativo, si riferisce ad azioni il cui prezzo unitario è molto, molto, molto basso. Si passa alla votazione del testo di delibera di cui è stata data lettura; il Presidente ricorda che i delegati portatori di più deleghe, con istruzioni di voto divergente, potranno comunicare i voti dei rispettivi deleganti direttamente ai seggi. 21

22 Quindi il Presidente chiede agli intervenuti di dichiarare, con specifico riguardo all'argomento in votazione, eventuali situazioni di esclusione del diritto di voto. Nessuno intervenendo, hanno luogo le votazioni. Al termine delle stesse il Presidente chiede al portatore delle deleghe ex articolo 136 TUF se, ove autorizzato, siano stati da lui espressi voti in difformità dalle istruzioni ricevute. Ottenuta risposta negativa, hanno luogo i conteggi delle votazioni, al termine dei quali il Presidente comunica i risultati, come segue. Dà atto che sono attualmente presenti o rappresentate n a- zioni, e che: - n azioni hanno espresso voto favorevole (78,888 % del capitale) - n azioni hanno espresso voto contrario (0,475 % del capitale) - n azioni si sono astenute dal voto (0,213 % del capitale), - le azioni non votanti sono n Dichiara, quindi, approvata a maggioranza degli intervenuti con manifestazione del voto mediante alzata di mano e comunicazione del voto ai seggi, in caso di voto differenziato la proposta di cui è stata data lettura, il tutto come meglio r isulterà dall elenco presenze che sarà allegato al verba- 22

23 le, restando soddisfatte le disposizioni di legge, cui l'articolo 11 dello statuto sociale rinvia. ******* Si passa quindi alla trattazione del secondo punto all'ordine del Giorno, avente ad oggetto proposta di modifica dell articolo 28, primo comma, dello statuto sociale, al fine di anticipare al 31 ottobre di ciascun anno la data di chiusura dell esercizio sociale. Il Presidente dà lettura di stralcio della relazione del Consiglio di amministrazione redatta sul punto ai sensi dell articolo 125-ter TUF e dell articolo 72 Regolamento Emittenti, come segue: Signori Azionisti, il Consiglio di Amministrazione Vi ha convocato in sede straordinaria per proporvi di modificare l articolo 28, primo comma, dello statuto sociale, al fine di anticipare al 31 ottobre di ciascun anno la data di chiusura dell esercizio sociale. Tale modifica sarebbe funzionale, anche nell ottica dell integrazione con il gruppo facente capo a Air Italy Holding S.r.l. descritta nella successiva sezione n. 3 della presente Relazione, ad allineare la data di chiusura dell esercizio sociale della Società a quella raccomandata dall International Air Transport Association (IATA) e adottata dai principali vettori del trasporto aereo nazionale e internazionale, inclusa Air Italy S.p.A.. 23

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Repertorio n. 34869 Raccolta n. 8880 VERBALE DI ASSEMBLEA DELLA SOCIETA' INVESTIMENTI E SVILUPPO S.p.A. TENUTASI IN DATA 19 MARZO 2010 REPUBBLICA

Repertorio n. 34869 Raccolta n. 8880 VERBALE DI ASSEMBLEA DELLA SOCIETA' INVESTIMENTI E SVILUPPO S.p.A. TENUTASI IN DATA 19 MARZO 2010 REPUBBLICA Repertorio n. 34869 Raccolta n. 8880 VERBALE DI ASSEMBLEA DELLA SOCIETA' INVESTIMENTI E SVILUPPO S.p.A. TENUTASI IN DATA 19 MARZO 2010 REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemiladieci, il giorno trentuno del mese

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I. Statuto sociale con evidenza delle modifiche approvate (AI SENSI DELL ART. IA.2.3.1, CO. 2 DELLE ISTRUZIONI AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.) Emittente:

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

6. Registri delle persone che hanno accesso a informazioni privilegiate

6. Registri delle persone che hanno accesso a informazioni privilegiate Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 (2004/72/CE) TUF Regolamento Proposto Articolo 6, paragrafo 3, comma 3, Articolo 115-bis (Registri delle persone che hanno accesso a informazioni privilegiate) Gli

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Art. 1) Denominazione E' costituita, ai sensi dell'art. 113 lett. e) del D.Lgs. 18.08.2000

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE Ai sensi dell Art. 113 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, come modificato dal comma 1 dell art. 35 delle legge 28/12/2001

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF. (modello di amministrazione e controllo tradizionale)

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF. (modello di amministrazione e controllo tradizionale) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF (modello di amministrazione e controllo tradizionale) - Denominazione Emittente: BANCA MONTE DEI PASCHI DI

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

ALLEGATO -B- 112065/18206. STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO

ALLEGATO -B- 112065/18206. STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO ALLEGATO -B- 112065/18206 STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO Articolo 1. Denominazione. Natura. 1.1. E' costituita una società a responsabilità limitata

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI

IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI di Claudio Venturi Sommario: - 1. Il diritto di recesso e le sue funzioni essenziali. 2. Il diritto di recesso nelle Società per azioni. 3. Il

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

STATUTO DI SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA 1. Articolo 1 Denominazione. "(..) s.r.l.".

STATUTO DI SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA 1. Articolo 1 Denominazione. (..) s.r.l.. STATUTO DI SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA 1 1. La società è denominata: Articolo 1 Denominazione "(..) s.r.l.". denominazione Articolo 2 Oggetto 2. La società ha per oggetto (..) 2. Articolo 3 Sede

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

Risoluzione n. 104/E

Risoluzione n. 104/E Risoluzione n. 104/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 11, comma 1, lettera a), numero 5, del

Dettagli

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi Format Si è modificata la struttura del principio utilizzando il format standard dei nuovi principi salvo apportare i necessari adeguamenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Bio-On S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD

Bio-On S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD Bio-On S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD Procedura per l'adempimento degli obblighi di comunicazione al Nomad da parte di Bio-On S.p.A. (la Società ) ai sensi del Regolamento AIM Italia

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI EDIZIONE NOVEMBRE 2010 Approvato dal Consiglio d Amministrazione in data 30 Novembre 2010 Indice Premessa...3 A. PARTE GENERALE...5 1. Inquadramento...5

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE.

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. CONSERVA QUESTA GUIDA, TI SARÀ UTILE NEL PERIODO DI OFFERTA. IL PRESENTE DOCUMENTO NON È UN PROSPETTO INFORMATIVO, OGNI DECISIONE DI INVESTIMENTO DEVE ESSERE ASSUNTA SOLO

Dettagli

c...al 'ierbale $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, DEL 1 7 FEB.

c...al 'ierbale $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, DEL 1 7 FEB. ALLEGATQ" c...al 'ierbale DEL 1 7 FEB. 1014 $GJI T.wO~NICO RELAZIONE ILLUSTRATIVA SUL PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE S.R.L. IN AQP S.P.A. DI PURA ACQUA, PREMESSA La presente relazione ha lo scopo

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli