La Turchia e la primavera araba. Abstract. No. 73 OCTOBER Valeria Talbot. La politica mediorientale dell Akp

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Turchia e la primavera araba. Abstract. No. 73 OCTOBER 2011. Valeria Talbot. La politica mediorientale dell Akp"

Transcript

1 Valeria Talbot La Turchia e la primavera araba No. 73 OCTOBER 2011 Abstract Nell anno del terzo mandato elettorale consecutivo del Partito della giustizia e dello sviluppo (Akp) 1, la Turchia accresce il suo dinamismo e afferma in maniera sempre più assertiva le sue ambizioni a ricoprire un ruolo di leader nella regione che un tempo faceva parte dell impero ottomano. Se le rivolte nel mondo arabo, in particolare la crisi in Siria, hanno messo in discussione la politica e i disegni regionali della Turchia, Ankara ha mostrato una certa flessibilità nell adattarsi all evoluzione degli eventi e abilità nel cercare di inserirsi negli spazi precedentemente occupati da altri attori regionali e/o esterni, tentando in tal modo di ritagliarsi un ruolo per influire sulle trasformazioni della regione e di presentarsi come punto di riferimento per i paesi arabi 2. La politica mediorientale dell Akp L ascesa della Turchia a livello regionale è uno degli aspetti più rilevanti dell evoluzione dello scenario mediorientale degli ultimi anni. Lo sviluppo di una politica estera autonoma e assertiva da quando l Akp, guidato da Recep Tayyip Erdoğan, è al governo (novembre 2002) ha rappresentato una svolta significativa rispetto alla tradizionale politica di disimpegno nei conflitti e negli affari regionali perseguita per decenni dal moderno stato turco, in contrasto con il passato ottomano. L attivismo regionale della Turchia dell ultimo decennio si basa su un mix di idealismo e pragmatismo che trova la sua più completa formulazione teorica nella dottrina della profondità strategica sviluppata da Davutoğlu nel , prima ancora di iniziare la sua carriera politica nel governo di Erdoğan. La visione regionale turca che ne deriva si fonda sulla politica di «zero problemi con i vicini» principio-guida della dottrina Davutoğlu attraverso impegno e The rise of Turkey as a more assertive regional player has characterized the Middle East context in the last decade. The Middle Eastern dimension, once neglected, has acquired more importance in Turkish foreign policy and Ankara has been asserting its ambitions more openly and confidently in the region that was once part of the Ottoman Empire. The uprisings in the Arab world have caught Turkey unawares and the outbreaks of the revolts in Syria has threatened its «zero problems with neighbours» policy and integration strategy in the region. However, Ankara has shown the capacity to adapt to the changing political landscape and has managed to fill in the vacuum left by former regional actors so to increase its weight in the region. Furthermore, the Turkish model has been indicated as an example for the Arab countries in transition. However, while Turkey presents itself like a reference point for the Middle East, its development is characterized by unresolved questions and internal contradictions. Valeria Talbot, Research Fellow ISPI 1 Il partito di Erdoğan ha vinto le elezioni legislative nel 2002, 2007 e 2011 rispettivamente con il 34%, il 46,7% e il 50% dei consensi. 2 S. KARDAŞ, Turkey s Middle East Policy Reloaded: Rise of Pragmatism?, GMF Analysis, October 10, 2011, _attachments/kardas_pragmatism_oct11.pdf;jsessionid=as9jqmvkbjqfndnu8l. 3 J.W. WALKER, Learning Strategic Depth: Implications of Turkey s New Foreign Policy Doctrine, in «Insight Turkey», 9, 3, (*) The opinions expressed herein are strictly personal and do not necessarily reflect the position of ISPI.

2 2 ISPI - Analysis dialogo con tutti i paesi dell area, senza esclusioni, ed è volta a promuovere stabilità e integrazione economica. In quest ottica si inserisce il ruolo di stabilizzatore e il soft power adottati da Ankara nonché i tentativi di mediazione nei principali dossier di crisi regionali: dai contrasti tra Israele e Siria alla questione del programma nucleare iraniano. Una combinazione di fattori interni e di trasformazioni regionali ha influito sulle direttrici di politica estera della Turchia nel suo vicinato mediorientale. In particolare, sul piano interno la politica di «zero problemi con i vicini» è stata considerata da alcuni studiosi come espressione della politica estera del trading state 4, proprio per la crescente importanza e influenza dei fattori economici, soprattutto del commercio, nella definizione della politica estera turca. Pur non menzionando esplicitamente la teoria del trading state, lo stesso Davutoğlu nel suo libro del 2001 fa riferimento alla rilevanza dell interdipendenza economica considerata il modo migliore per realizzare pace e stabilità in Medio Oriente nelle relazioni della Turchia con i suoi vicini. Sebbene le origini del trading state si possano far risalire agli anni Ottanta, all epoca di Turgut Ozal (primo ministro dal 1983 al 1989 e poi presidente della repubblica), che si era adoperato per aprire nuovi mercati all export turco soprattutto in Medio Oriente e nell ex Unione Sovietica, è con il governo dell Akp che l economia diventa un vero e proprio driver dell azione esterna turca. Sulla base di interessi politici, economici ed energetici, in questi anni il governo turco è riuscito a intessere una fitta rete di rapporti con i vicini mediorientali che da nemici si sono progressivamente trasformati in partner regionali di rilievo. A livello regionale l Iran, con un interscambio pari a 10,7 miliardi di dollari nel 2010, è il primo partner commerciale e il primo fornitore della Turchia: nel 2010 le importazioni turche dall Iran, prevalentemente di gas, ammontavano a 7,6 miliardi di dollari. Quanto all Iraq, è divenuto il primo mercato di sbocco dell export turco nell area: 6 miliardi di dollari nel 2010 su un interscambio totale di 7,4 miliardi di dollari. Di rilievo anche l interscambio con la Siria, 2,5 miliardi di dollari nel 2010, con le esportazioni turche che hanno raggiunto 1,8 miliardi di dollari (nel 2000 erano appena 184 milioni di dollari) 5. L intensificazione delle relazioni commerciali ha inoltre mosso l interesse alla creazione di un area di libero scambio tra Turchia e Siria insieme a Giordania e Libano 6 tra l altro, alla fine del 2009 la Turchia ha abolito i visti per i cittadini provenienti da Siria, Giordania e Libano, primo passo verso l ambizioso obiettivo di realizzare un mercato comune in Medio Oriente sul modello europeo. La risposta turca alla primavera araba Pur essendo stato colto di sorpresa, e impreparato, dallo scoppio delle rivolte in Nord Africa, il governo di Erdoğan ha mostrato una certa flessibilità nell adattare la propria politica regionale ai cambiamenti in atto, cercando allo stesso tempo di trarne vantaggio. Tuttavia, la risposta di Ankara non è stata univoca: se nel caso della Tunisia e dell Egitto ha prontamente sostenuto le istanze popolari di cambiamento contro i rispettivi regimi Erdoğan ha apertamente esortato l allora presidente egiziano Mubarak a farsi da parte per venire incontro alle richieste dei manifestanti, più oscillante è stato invece l atteggiamento nei confronti della crisi libica. Relazioni economiche di lunga data la Turchia è entrata nel mercato libico alla fine degli anni Settata, nel 2010 le esportazioni turche verso la Libia sono state pari a 1,9 miliardi di dollari con un interscambio commerciale tra i due paesi di 2,4 miliardi di dollari e ingenti interessi, tra 23 e 25 miliardi di dollari in contratti nel settore delle costruzioni e in altri progetti, spiegano l iniziale appoggio di Ankara a Gheddafi e il suo timore per un cambio di regime 7. Con una buona dose di opportunismo e per evitare l isolamento, la Turchia non ha esitato a sostenere l intervento internazionale, dopo esservisi inizialmente opposta, a favore dei ribelli del Consiglio nazionale transitorio (Cnt) quando è apparso chiaro 4 Si veda K. KIRIŞCI, The transformation of Turkish foreign policy: The rise of the trading state, in «New Perspective on Turkey», 40, Dati dell Istituto di statistica turco, 6 Oltre che con la Siria, la Turchia ha accordi di libero scambio con Giordania, Libano, Tunisia, Marocco, Egitto, Autorità palestinese. 7 I. TURAN, Turkey and the Mediterranean: Balancing Geopolitics and Geo-Economics, GMF Policy Brief, September 2011, p. 3.

3 ISPI - Analysis 3 che il regime del rais libico Gheddafi aveva perso legittimità e difficilmente si sarebbe potuta ripristinare la situazione quo ante. L atteggiamento ambivalente della Turchia nei confronti dei cambiamenti che hanno interessato i paesi arabi è ancora più evidente nel caso siriano. È innegabile, infatti, che lì dove sono in gioco i suoi interessi prioritari il governo turco si sia ben guardato dal sostenere, almeno nell immediato, un radicale cambio di regime. L estendersi delle rivolte in Siria, e cioè al confine meridionale turco, proprio perché tocca interessi chiave per il paese ha suscitato forti preoccupazioni nel governo di Ankara. Innanzitutto il timore è per un vuoto di potere a Damasco dagli effetti dirompenti non solo sul piano interno ma anche a livello regionale. In quest ottica per la Turchia risulta cruciale mantenere l integrità territoriale del suo vicino meridionale, prevenire un conflitto settario (tra sunniti e sciiti) ed evitare il profilarsi di uno scenario di tipo iracheno. Infatti, un collasso siriano avrebbe effetti dirompenti per l intera area dal Libano all Iran, compromettendo fortemente gli equilibri regionali. Al di là di ciò, la crisi siriana ha messo in discussione la realizzazione dei progetti d integrazione regionale e la politica di «zero problemi con i vicini» che, come si è visto, ha nella Siria il pilastro portante. Non sorprende pertanto che in questo caso l interesse turco sia stato più a un graduale cambiamento nella continuità che a un rovesciamento del regime che aprirebbe una rischiosa fase d incertezza. Queste ragioni spiegano le diverse iniziative, e successivamente anche le pressioni, turche sul regime di Damasco perché avviasse un processo di riforme politiche: dall invio di una delegazione di consulenti in campo politico e amministrativo fino alla definizione, ad agosto, di una road map che prevedeva elezioni legislative entro la fine dell anno e la predisposizione di una nuova costituzione da parte del parlamento neo-eletto. Allo stesso tempo, il governo turco non ha mancato di dare spazio ai diversi movimenti di opposizione siriani che si sono riuniti proprio a Istanbul dove a metà ottobre si è costituito il Consiglio nazionale di opposizione per cercare di aprire qualche canale di dialogo con il regime di Bashar al-assad e presentarsi come interlocutore di rilievo anche nell eventualità di uno scenario post-bashar. Tuttavia, di fronte all intransigenza del regime di Bashar, il governo turco ha recentemente sospeso i contatti e l adozione di sanzioni nei confronti della Siria è diventata più che un ipotesi, dopo che un embargo sulla vendita di armi è già stato imposto. Il modello turco La primavera araba ha riacceso il dibattito in auge qualche anno fa, sulla scia del lancio dell iniziativa americana per la democratizzazione del grande Medio Oriente da parte dell amministrazione Bush nel 2004, sulla Turchia, paese laico a maggioranza musulmana (sunnita), come modello di democrazia per il mondo arabo. Allora né la Turchia, impegnata nell avvio dei negoziati di adesione con l Unione europea, né tantomeno i paesi arabi, che guardavano al paese attraverso le lenti del passato ottomano, avevano mostrato interesse. Quando, dopo la caduta dei regimi di Ben Ali e Mubarak, si è aperta una fase di transizione politica in Tunisia ed Egitto tanto i media quanto alcuni leader politici arabi hanno fatto riferimento alla Turchia come modello di ispirazione per la regione. Senza volere qui affrontare l ampio dibattito relativo al modello turco, è importante sottolineare che una serie di fattori ha influito sul mutamento della percezione della Turchia nel mondo arabo nel corso degli ultimi anni 8. Innanzitutto, l ammirazione per il partito di Erdoğan che, presentandosi come musulmano-democratico sull esempio dei partiti cristiano democratici europei, è riuscito a coniugare i valori della democrazia con l Islam. Inoltre, ha contato la stabilità politica accompagnata da un processo di riforme politiche interne che l Akp è riuscito ad assicurare al paese dal A ciò si aggiunge la sostenuta crescita economica dal 2002 al 2008 l economia turca è cresciuta in media del 6,6% e dopo la recessione del 2009, ha conosciuto nel 2010 una crescita del Pil dell 8,2% (Fondo monetario internazionale) e del 10,2% nel primo semestre del 2011 che fa della Turchia la sedicesima economia mondiale. Lo sviluppo di un economia prevalentemente export-oriented ha prodotto una forte intensificazione delle relazioni commerciali con i paesi della regione. Se nel 2000 il 8 Sulla percezione della Turchia nei paesi del mondo arabo si veda M. AKGÜN et al., The Perception of Turkey in the Middle East 2010, TESEV, Istanbul, 2011.

4 4 ISPI - Analysis commercio con i paesi del Medio Oriente era pari a 5,9 miliardi di dollari e copriva il 7% del totale, nel 2010 ha raggiunto 39,4 miliardi di dollari, contando una quota del 13%. La regione è diventata negli ultimi anni la seconda destinazione, dopo l Ue, dell export turco, una delle poche, insieme al Nord Africa, con cui la Turchia ha registrato un avanzo commerciale, nel 2010 pari a 7,2 miliardi di dollari. Proprio l espansione nei mercati della regione ha sostenuto la crescita economica compensando la caduta dei tradizionali mercati di sbocco, in primis quelli europei, nella fase di crisi. Inoltre, grazie alla politica di liberalizzazione dei visti perseguita dal governo, in Turchia è notevolmente aumentato il numero di presenze dai paesi arabi, passate da nel 1991 a circa 1,9 milioni nel Tra l altro, questo aumento sta ampiamente compensando il drastico calo dei turisti israeliani seguito al deterioramento delle relazioni tra Ankara e Tel Aviv negli ultimi due anni. Non da ultimo, sull immaginario collettivo arabo ha influito la politica filo-palestinese di Erdoğan e soprattutto la dura presa di posizione nei confronti degli attacchi israeliani nella Striscia di Gaza a partire dall operazione piombo fuso di dicembre 2008-gennaio La retorica anti-israeliana è valsa al leader turco il titolo di campione della causa palestinese nel mondo arabo. Tuttavia, quali che ne siano gli elementi, quando si parla di modello turco occorre tener presente che la Turchia di oggi è il risultato di un evoluzione politica graduale iniziata con la nascita della repubblica nel 1923 e di un processo di trasformazione economica che ha le sue origini all inizio degli anni Ottanta. Nell ultimo decennio inoltre proprio l ancoraggio europeo è stato il catalizzatore di importanti riforme politiche ed economiche che hanno consentito al paese, tra le altre cose, di avvicinarsi agli standard europei, di ridimensionare il ruolo dei militari sia all interno sia in politica estera e di essere per ciò considerato un esempio di riferimento. Se proprio in ragione delle peculiarità storiche, politiche e culturali della Turchia la sua esperienza difficilmente potrebbe essere esportata ad altri paesi della regione, la stessa democrazia turca è ancora un work in progress 10 e pertanto in quest ambito difficilmente si può parlare di modello. Senza dubbio, il rilancio del processo di riforme interno e la predisposizione di una nuova costituzione l attuale, emanata nel 1982 dopo il golpe militare del 1980, mantiene una forte impronta autoritaria sarebbero un segnale importante anche sul piano regionale. Sul piano socio-economico nel paese permangono forti squilibri sia nella redistribuzione del reddito sia tra le province nord-occidentali più sviluppate e quelle meridionali, a maggioranza curda, fortemente arretrate e dove maggiore è la disoccupazione (nel 2010 il tasso di disoccupazione turco è stato pari al 12%, Economist Intellingence Unit). Infine, nonostante un quadro favorevole, l economia turca si trova a far fronte a un crescente deficit delle partite correnti nella prima metà del 2011 pari a 45,3 miliardi di dollari, il doppio rispetto allo stesso periodo dell anno precedente 11 dovuto sia alla sostenuta domanda interna sia all aumento del prezzo degli idrocarburi di cui il paese importa la quasi totalità del proprio fabbisogno. Nonostante le contraddizioni e i problemi interni, l apprezzamento per la Turchia nel mondo arabo è significativo per l ambizione ad affermarsi e a essere considerata come potenza regionale, sebbene questo non implichi un riconoscimento automatico della sua leadership. Conclusioni La più recente manifestazione di consenso nei confronti della Turchia e allo stesso tempo anche il segnale della crescente assertività turca si è avuta in occasione del tour di visite che a metà settembre il primo ministro Erdoğan, accompagnato da una folta delegazione politica ed economica, ha effettuato in Nord Africa. L accoglienza da eroe che ha ricevuto nelle strade egiziane è un fatto del tutto nuovo in un paese come l Egitto dove tali manifestazioni non si vedevano dai tempi di Nasser. In ogni caso, la costituzione nell occasione di un asse per la democrazia Cairo-Ankara sembra prescindere dal carisma e dalla retorica del leader turco e fondarsi invece su precisi interessi economici e strategici. Quanto alla dimensione economica delle relazioni con l Egitto nel 2011 l interscambio tra i due paesi è stato pari a 3,2 mi- 9 K. KIRIŞCI, Turkey s Demonstrative Effect and the Transformation of the Middle East, in «Insight Turkey», 13, 2, 2011, p Ibidem, p Turkey, Country Report, Economist Intelligence Unit, October 2011.

5 ISPI - Analysis 5 liardi di dollari e l export turco è ammontato a 2,3 miliardi di dollari. Nelle intenzioni turche, oltre all incremento del volume degli scambi, vi sarebbe l aumento degli investimenti dagli attuali 1,5 miliardi di dollari a 5 miliardi di dollari nei prossimi due anni 12. Sul piano strategico, invece, la stabilità del più popoloso paese del Nord Africa risulta cruciale sia per il balance of power regionale sia per gli interessi, non solo, economici della Turchia. Infatti, sembra che le ambizioni di leadership della Turchia stiano traendo vantaggio dall indebolimento del ruolo regionale dell Egitto (principalmente focalizzato sulla difficile gestione della transizione politica interna). Lo scoppio della primavera araba, soprattutto la crisi siriana, ha messo in discussione la visione idealista di creare un area di stabilità e integrazione nel vicinato turco e, nonostante la retorica del governo continui a essere intrisa di idealismo, negli ultimi mesi l azione esterna è stata fortemente improntata alla Realpolitik 13. Come si è visto, Ankara ha dimostrato elasticità nell adattarsi ai cambiamenti e capacità nel ritagliarsi nuovi spazi di influenza, sia facendo leva su una serie di asset politici, economici e culturali sia sfruttando il basso profilo statunitense ed europeo. Inoltre, l avere stretto legami che vanno al di là dei leader deposti e si estendono alla società civile e alla business community dei paesi arabi costituisce un ulteriore asset di cui né l Europa né gli Stati Uniti dispongono nell affermazione della propria influenza. Tuttavia, la Turchia deve fare i conti con una serie di criticità interne, in particolare l irrisolta questione curda e la recrudescenza dello scontro con i separatisti del Pkk (Partito dei lavoratori del Kurdistan) nell Iraq del nord, che potrebbero mettere una grossa ipoteca sulle sue ambizioni alla leadership regionale. La ricerca ISPI analizza le dinamiche politiche, strategiche ed economiche del sistema internazionale con il duplice obiettivo di informare e di o- rientare le scelte di policy. I risultati della ricerca vengono divulgati attraverso pubblicazioni ed eventi, focalizzati su tematiche di particolare interesse per l Italia e le sue relazioni internazionali e articolati in: Programma Africa Programma Caucaso e Asia Centrale Programma Europa Programma Mediterraneo e Medio Oriente Programma Russia e Vicini Orientali Programma Sicurezza e Studi Strategici Progetto Argentina Progetto Asia Meridionale Progetto Cina e Asia Orientale Progetto Diritti Umani Progetto Disarmo Progetto Internazionalizzazione della Pubblica Amministrazione Le pubblicazioni online dell ISPI sono realizzate anche grazie al sostegno della Fondazione Cariplo. ISPI Palazzo Clerici Via Clerici, 5 I Milano 12 A. SHADID, Turkey Predicts Alliance with Egypt as Regional Anchors, in «New York Times», September 18, Ibidem. ISPI 2011

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 974 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO 8 gennaio 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE

L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE L Ordine degli architetti di Varese è interessato a sviluppare a) un ciclo di incontri di formazione sulle tematiche dell internazionalizzazione da offrire

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

È morta l architetta Zaha Hadid

È morta l architetta Zaha Hadid È morta l architetta Zaha Hadid Edifici distrutti dai bombardamenti del governo siriano a Damasco, il 10 febbraio 2016. (Bassam Khabieh, Reuters/Contrasto) 11MAR 201618.40 La spartizione della Siria è

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia Il Medio Oriente si scopre progressista Una ricerca dalla University of Michigan Institute for Social Research mette a fuoco la percezione della donna in sette paesi a maggioranza musulmana (Ilaria Orrù)

Dettagli

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Università di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Studi Giuridici ed Economici L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Francesca Spigarelli spigarelli@unimc.it Tecnologia,

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

LA SFIDA DELLA RIDUZIONE DEL DEFICIT DELLE PARTITE CORRENTI DEGLI STATI UNITI

LA SFIDA DELLA RIDUZIONE DEL DEFICIT DELLE PARTITE CORRENTI DEGLI STATI UNITI LA SFIDA DELLA RIDUZIONE DEL DEFICIT DELLE PARTITE CORRENTI DEGLI STATI UNITI INTRODUZIONE La problematica esposta nella sezione dell Economic Outlook dell OECD, The challanges of narrowing the US current

Dettagli

Il quadro strategico delle azioni Nato

Il quadro strategico delle azioni Nato Il quadro strategico delle azioni Nato Visita della delegazione Fondazione Alcide De Gasperi, Associazione La Democrazia e dello IASEM Istituto Alti Studi Euro Mediterranei presso il segretariato generale

Dettagli

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5.

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5. 1. Orientamento alle esportazioni Oggi il Cile detiene il primato mondiale per quanto riguarda la rete di trattati di libero scambio commerciale: oltre venti accordi sottoscritti con sessanta paesi, e

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori,

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori, Roma, 18 giugno 2008 INTERVENTO VIDEO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA ALL ASSEMBLEA ANNUALE DELL UNIONE PETROLIFERA Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ

IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ 440 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ E GRAVI LIMITI 6 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 La guerra civile siriana Le fasi iniziali del conflitto

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian Economic Policy Reforms Going for Growth 2009 Summary in Italian Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009 Riassunto in italiano Gestire la crisi è oggi il compito prioritario dei

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT FOCUS ON Iran: sanzioni, export italiano e prospettive A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT Le sanzioni applicate a partire dal 2006 all Iran da Stati Uniti, ONU e Unione Europea (UE) hanno avuto

Dettagli

IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1

IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1 IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1 1. Un bilancio del processo d integrazione alla luce dei dati La strategia di Lisbona e il processo di Barcellona

Dettagli

Conseguenze economiche della Primavera Araba La prospettiva italiana dal punto di vista dell interscambio commerciale e degli investimenti in Nord

Conseguenze economiche della Primavera Araba La prospettiva italiana dal punto di vista dell interscambio commerciale e degli investimenti in Nord Conseguenze economiche della Primavera Araba La prospettiva italiana dal punto di vista dell interscambio commerciale e degli investimenti in Nord Africa RAPPORTO ISPI PER IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI

Dettagli

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di cooperazione, entrato in vigore nel 1978. Queste relazioni

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE

IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE Brasile IL MERCATO DEL VINO IN BRASILE Tra i BRIC (Brasile Russia India Cina paesi caratterizzati da una notevole crescita del PIL), il Brasile rappresenta il paese che indubbiamente sta dando segnali

Dettagli

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed SPIN - Roma, 13 giugno 2005 Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed Renzo Vanetti, Amministratore Delegato 2 Lisbona/Barcellona: lo stesso concetto di cooperazione Lisbona

Dettagli

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 L Impatto della Crisi Economica sull Educazione Superiore in Turchia Anno Numero di Università Pubbliche

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio

Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio Dipartimento di Economia, Management e Metodi Quantitativi Giovanni Ferrazzi Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio Monza, 11 maggio 2014 Il problema della sicurezza alimentare La crisi mondiale

Dettagli

Mediterraneo, lo specchio dell Altro III edizione

Mediterraneo, lo specchio dell Altro III edizione Progetto Mediterraneo, lo specchio dell Altro III edizione Denominazione dell iniziativa: Mediterraneo. Lo specchio dell Altro III anno Ente promotore: CIPMO - Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente

Dettagli

Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle:

Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle: Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle: 1) l assunzione di un ruolo di imprenditore politico da parte di une comico conosciuto e affermato. 2) la costruzione di un movimento a partire dal

Dettagli

Lo Sviluppo delle PMI nel Bacino del Mediterraneo. Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Lo Sviluppo delle PMI nel Bacino del Mediterraneo. Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Lo Sviluppo delle PMI nel Bacino del Mediterraneo Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Antonio Ventresca a.ventresca@ice.it ICE - Agenzia per la promozione

Dettagli

geopolitica del medio oriente

geopolitica del medio oriente Master in geopolitica del medio oriente Institute for Global Studies LiMes Rivista Italiana di Geopolitica Edizione 2011/12 Il Master in Geopolitica del Medio Oriente si tiene a Roma nella prestigiosa

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT Ricerca INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EPORT Sintesi dell intervento di David Pambianco 6 novembre 2012 La ricerca è preceduta da due

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU)

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Marcello Flores Il 10 dicembre 1948 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvava la Dichiarazione Universale dei Diritti

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Quel buco nero chiamato fiscal cliff

Quel buco nero chiamato fiscal cliff Quel buco nero chiamato fiscal cliff Nell agenda del rieletto presidente Obama è sicuramente l argomento più importante da affrontare entro la fine dell anno. Il punto da cui dipenderà buona parte dell

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

DA EXPORT MANAGER A PROJECT MANAGER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE

DA EXPORT MANAGER A PROJECT MANAGER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE FORMAZIONE.Upgrading DA EXPORT MANAGER A PROJECT MANAGER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE Come elaborare un strategia e pianificare un progetto per crescere nei mercati internazionali PERCHE La globalizzazione

Dettagli

La questione curda CHI SONO I CURDI?

La questione curda CHI SONO I CURDI? Il conflitto politico culturale tra il governo turco e la minoranza curda nel paese ha una lunga storia alle spalle, che risale agli accordi di pace dopo il primo conflitto mondiale quando, dopo lo scioglimento

Dettagli

Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare?

Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare? Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare? di Alessandra Repetto Se la Camera di Commercio di Genova continua a svolgere il ruolo di osservatore sui mercati esteri è anche e soprattutto per

Dettagli

Prospettiveper ilmercatodel gas

Prospettiveper ilmercatodel gas Prospettiveper ilmercatodel gas in Europa Riccardo Pasetto CH4 L industria del gas: tendenze e prospettive Bologna 22 ottobre 2014 Il contestopolitico-economico Scenario altamente instabile a causa di:

Dettagli

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana BIELORUSSIA Capitale Minsk Popolazione (milioni) 9,34 81/100 70/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 150,42 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali?

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? RESeT INTERNAZIONALE Vox STIJN CLAESSENS, NEELTJE VAN HOREN ED. IT. DI ALDO CARBONE 6 Dicembre 2014 Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? La crisi finanziaria mondiale ha

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003

Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003 Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003 Overview Agricultural Policies in OECD Countries: Monitoring and Evaluation 2003 Politiche agricole nei paesi Ocse : Monitoraggio

Dettagli

L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE

L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE 1 L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE capitolo 1 Le origini della società di massa 1. Redditi e consumi 4 2. Divertimenti di massa 9 3. Amore, famiglia e sessualità 12 4. Scienze mediche e misoginia 15 PASSATO

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Nel seguito, viene presentato il punto di vista di UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE sul tema new business model Articolazione dell intervento

Nel seguito, viene presentato il punto di vista di UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE sul tema new business model Articolazione dell intervento MODELLI DI BUSINESS E MACCHINE UTENSILI UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE 1 Razionale Nel seguito, viene presentato il punto di vista di UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE sul tema new business model Articolazione dell

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O

Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O L Impero Ottomano Massima espansione (1683) L Impero nel 1914 La

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno:

Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno: Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno: Presentazione del 2 Rapporto Annuale Italian Maritime Economy Napoli, 5 giugno 2015 Sala delle Assemblee del Banco di Napoli SINTESI DELLA RICERCA UN MEDITERRANEO

Dettagli

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 Una emergenza? L estrema diseguaglianza economica, rapidamente crescente, è stata citata dal World Economic Forum s Global Risk Report

Dettagli

Audizione Leonardo Bellodi. Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011

Audizione Leonardo Bellodi. Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011 Audizione Leonardo Bellodi Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011 Il Piano Energetico Nazionale L input comunitario UNIONE EUROPEA

Dettagli

CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI. UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com

CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI. UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com INTERNATIONAL POLITICAL ECONOMY I DIBATTITI CONTEMPORANEI 3 LA STABILITA EGEMONICA (I)

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società. di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL

Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società. di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL Non c è dubbio che il tema della centralità della persona e della famiglia

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a.

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a. Capitolo 2 Commercio internazionale: uno sguardo d insieme [a.a. 2012/13 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Struttura della Presentazione Il commercio

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1]

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.2: Il ruolo del settore pubblico in un'economia mista [1:cap.1] Docente: Antonio

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno

Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno 203 IBL Focus Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno Di Andrea Giuricin L Italia è sempre stata una potenza nel campo del turismo. Lo si dice spesso, ma purtroppo ciò trova sempre meno riscontro

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

I PARTNER MERIDIONALI

I PARTNER MERIDIONALI I PARTNER MERIDIONALI La politica europea di vicinato (PEV) concerne dieci paesi vicini dell'unione europea situati sulle coste orientali e meridionali del Mediterraneo: Algeria, Egitto, Israele, Giordania,

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map LIBANO Capitale Beirut Popolazione (milioni) 4,06 73/100 71/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 64,31 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

SESTA EDIZIONE DELL INTERNATIONAL BANKING FORUM DI UBI BANCA DEDICATO ALLE ECONOMIE DEL MEDITERRANEO

SESTA EDIZIONE DELL INTERNATIONAL BANKING FORUM DI UBI BANCA DEDICATO ALLE ECONOMIE DEL MEDITERRANEO SESTA EDIZIONE DELL INTERNATIONAL BANKING FORUM DI UBI BANCA DEDICATO ALLE ECONOMIE DEL MEDITERRANEO L Italia come ponte tra l Unione Europea e il Nuovo Mediterraneo, è il titolo della sesta edizione dell

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

GRADO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT

GRADO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT GRADO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EPORT Intervento di David Pambianco Martedì, 6 novembre 2012 Palazzo Mezzanotte Piazza degli

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino UDINE ITALY 15 Settembre 2015 La Strategia Macroregionale Alpina (EUSALP) Roberta Negriolli REGIONE LOMBARDIA Delegazione di Bruxelles

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

Politica Economica Avanazata. Lezione 17

Politica Economica Avanazata. Lezione 17 Politica Economica Avanazata Lezione 17 Alcune estensioni al modello di BG (Spector, European Economic Review, 48, 2004, 25-38 Due ipotesi importanti del modello di BG: 1. La funzione di produzione Y=N

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli