La Turchia e la primavera araba. Abstract. No. 73 OCTOBER Valeria Talbot. La politica mediorientale dell Akp

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Turchia e la primavera araba. Abstract. No. 73 OCTOBER 2011. Valeria Talbot. La politica mediorientale dell Akp"

Transcript

1 Valeria Talbot La Turchia e la primavera araba No. 73 OCTOBER 2011 Abstract Nell anno del terzo mandato elettorale consecutivo del Partito della giustizia e dello sviluppo (Akp) 1, la Turchia accresce il suo dinamismo e afferma in maniera sempre più assertiva le sue ambizioni a ricoprire un ruolo di leader nella regione che un tempo faceva parte dell impero ottomano. Se le rivolte nel mondo arabo, in particolare la crisi in Siria, hanno messo in discussione la politica e i disegni regionali della Turchia, Ankara ha mostrato una certa flessibilità nell adattarsi all evoluzione degli eventi e abilità nel cercare di inserirsi negli spazi precedentemente occupati da altri attori regionali e/o esterni, tentando in tal modo di ritagliarsi un ruolo per influire sulle trasformazioni della regione e di presentarsi come punto di riferimento per i paesi arabi 2. La politica mediorientale dell Akp L ascesa della Turchia a livello regionale è uno degli aspetti più rilevanti dell evoluzione dello scenario mediorientale degli ultimi anni. Lo sviluppo di una politica estera autonoma e assertiva da quando l Akp, guidato da Recep Tayyip Erdoğan, è al governo (novembre 2002) ha rappresentato una svolta significativa rispetto alla tradizionale politica di disimpegno nei conflitti e negli affari regionali perseguita per decenni dal moderno stato turco, in contrasto con il passato ottomano. L attivismo regionale della Turchia dell ultimo decennio si basa su un mix di idealismo e pragmatismo che trova la sua più completa formulazione teorica nella dottrina della profondità strategica sviluppata da Davutoğlu nel , prima ancora di iniziare la sua carriera politica nel governo di Erdoğan. La visione regionale turca che ne deriva si fonda sulla politica di «zero problemi con i vicini» principio-guida della dottrina Davutoğlu attraverso impegno e The rise of Turkey as a more assertive regional player has characterized the Middle East context in the last decade. The Middle Eastern dimension, once neglected, has acquired more importance in Turkish foreign policy and Ankara has been asserting its ambitions more openly and confidently in the region that was once part of the Ottoman Empire. The uprisings in the Arab world have caught Turkey unawares and the outbreaks of the revolts in Syria has threatened its «zero problems with neighbours» policy and integration strategy in the region. However, Ankara has shown the capacity to adapt to the changing political landscape and has managed to fill in the vacuum left by former regional actors so to increase its weight in the region. Furthermore, the Turkish model has been indicated as an example for the Arab countries in transition. However, while Turkey presents itself like a reference point for the Middle East, its development is characterized by unresolved questions and internal contradictions. Valeria Talbot, Research Fellow ISPI 1 Il partito di Erdoğan ha vinto le elezioni legislative nel 2002, 2007 e 2011 rispettivamente con il 34%, il 46,7% e il 50% dei consensi. 2 S. KARDAŞ, Turkey s Middle East Policy Reloaded: Rise of Pragmatism?, GMF Analysis, October 10, 2011, _attachments/kardas_pragmatism_oct11.pdf;jsessionid=as9jqmvkbjqfndnu8l. 3 J.W. WALKER, Learning Strategic Depth: Implications of Turkey s New Foreign Policy Doctrine, in «Insight Turkey», 9, 3, (*) The opinions expressed herein are strictly personal and do not necessarily reflect the position of ISPI.

2 2 ISPI - Analysis dialogo con tutti i paesi dell area, senza esclusioni, ed è volta a promuovere stabilità e integrazione economica. In quest ottica si inserisce il ruolo di stabilizzatore e il soft power adottati da Ankara nonché i tentativi di mediazione nei principali dossier di crisi regionali: dai contrasti tra Israele e Siria alla questione del programma nucleare iraniano. Una combinazione di fattori interni e di trasformazioni regionali ha influito sulle direttrici di politica estera della Turchia nel suo vicinato mediorientale. In particolare, sul piano interno la politica di «zero problemi con i vicini» è stata considerata da alcuni studiosi come espressione della politica estera del trading state 4, proprio per la crescente importanza e influenza dei fattori economici, soprattutto del commercio, nella definizione della politica estera turca. Pur non menzionando esplicitamente la teoria del trading state, lo stesso Davutoğlu nel suo libro del 2001 fa riferimento alla rilevanza dell interdipendenza economica considerata il modo migliore per realizzare pace e stabilità in Medio Oriente nelle relazioni della Turchia con i suoi vicini. Sebbene le origini del trading state si possano far risalire agli anni Ottanta, all epoca di Turgut Ozal (primo ministro dal 1983 al 1989 e poi presidente della repubblica), che si era adoperato per aprire nuovi mercati all export turco soprattutto in Medio Oriente e nell ex Unione Sovietica, è con il governo dell Akp che l economia diventa un vero e proprio driver dell azione esterna turca. Sulla base di interessi politici, economici ed energetici, in questi anni il governo turco è riuscito a intessere una fitta rete di rapporti con i vicini mediorientali che da nemici si sono progressivamente trasformati in partner regionali di rilievo. A livello regionale l Iran, con un interscambio pari a 10,7 miliardi di dollari nel 2010, è il primo partner commerciale e il primo fornitore della Turchia: nel 2010 le importazioni turche dall Iran, prevalentemente di gas, ammontavano a 7,6 miliardi di dollari. Quanto all Iraq, è divenuto il primo mercato di sbocco dell export turco nell area: 6 miliardi di dollari nel 2010 su un interscambio totale di 7,4 miliardi di dollari. Di rilievo anche l interscambio con la Siria, 2,5 miliardi di dollari nel 2010, con le esportazioni turche che hanno raggiunto 1,8 miliardi di dollari (nel 2000 erano appena 184 milioni di dollari) 5. L intensificazione delle relazioni commerciali ha inoltre mosso l interesse alla creazione di un area di libero scambio tra Turchia e Siria insieme a Giordania e Libano 6 tra l altro, alla fine del 2009 la Turchia ha abolito i visti per i cittadini provenienti da Siria, Giordania e Libano, primo passo verso l ambizioso obiettivo di realizzare un mercato comune in Medio Oriente sul modello europeo. La risposta turca alla primavera araba Pur essendo stato colto di sorpresa, e impreparato, dallo scoppio delle rivolte in Nord Africa, il governo di Erdoğan ha mostrato una certa flessibilità nell adattare la propria politica regionale ai cambiamenti in atto, cercando allo stesso tempo di trarne vantaggio. Tuttavia, la risposta di Ankara non è stata univoca: se nel caso della Tunisia e dell Egitto ha prontamente sostenuto le istanze popolari di cambiamento contro i rispettivi regimi Erdoğan ha apertamente esortato l allora presidente egiziano Mubarak a farsi da parte per venire incontro alle richieste dei manifestanti, più oscillante è stato invece l atteggiamento nei confronti della crisi libica. Relazioni economiche di lunga data la Turchia è entrata nel mercato libico alla fine degli anni Settata, nel 2010 le esportazioni turche verso la Libia sono state pari a 1,9 miliardi di dollari con un interscambio commerciale tra i due paesi di 2,4 miliardi di dollari e ingenti interessi, tra 23 e 25 miliardi di dollari in contratti nel settore delle costruzioni e in altri progetti, spiegano l iniziale appoggio di Ankara a Gheddafi e il suo timore per un cambio di regime 7. Con una buona dose di opportunismo e per evitare l isolamento, la Turchia non ha esitato a sostenere l intervento internazionale, dopo esservisi inizialmente opposta, a favore dei ribelli del Consiglio nazionale transitorio (Cnt) quando è apparso chiaro 4 Si veda K. KIRIŞCI, The transformation of Turkish foreign policy: The rise of the trading state, in «New Perspective on Turkey», 40, Dati dell Istituto di statistica turco, 6 Oltre che con la Siria, la Turchia ha accordi di libero scambio con Giordania, Libano, Tunisia, Marocco, Egitto, Autorità palestinese. 7 I. TURAN, Turkey and the Mediterranean: Balancing Geopolitics and Geo-Economics, GMF Policy Brief, September 2011, p. 3.

3 ISPI - Analysis 3 che il regime del rais libico Gheddafi aveva perso legittimità e difficilmente si sarebbe potuta ripristinare la situazione quo ante. L atteggiamento ambivalente della Turchia nei confronti dei cambiamenti che hanno interessato i paesi arabi è ancora più evidente nel caso siriano. È innegabile, infatti, che lì dove sono in gioco i suoi interessi prioritari il governo turco si sia ben guardato dal sostenere, almeno nell immediato, un radicale cambio di regime. L estendersi delle rivolte in Siria, e cioè al confine meridionale turco, proprio perché tocca interessi chiave per il paese ha suscitato forti preoccupazioni nel governo di Ankara. Innanzitutto il timore è per un vuoto di potere a Damasco dagli effetti dirompenti non solo sul piano interno ma anche a livello regionale. In quest ottica per la Turchia risulta cruciale mantenere l integrità territoriale del suo vicino meridionale, prevenire un conflitto settario (tra sunniti e sciiti) ed evitare il profilarsi di uno scenario di tipo iracheno. Infatti, un collasso siriano avrebbe effetti dirompenti per l intera area dal Libano all Iran, compromettendo fortemente gli equilibri regionali. Al di là di ciò, la crisi siriana ha messo in discussione la realizzazione dei progetti d integrazione regionale e la politica di «zero problemi con i vicini» che, come si è visto, ha nella Siria il pilastro portante. Non sorprende pertanto che in questo caso l interesse turco sia stato più a un graduale cambiamento nella continuità che a un rovesciamento del regime che aprirebbe una rischiosa fase d incertezza. Queste ragioni spiegano le diverse iniziative, e successivamente anche le pressioni, turche sul regime di Damasco perché avviasse un processo di riforme politiche: dall invio di una delegazione di consulenti in campo politico e amministrativo fino alla definizione, ad agosto, di una road map che prevedeva elezioni legislative entro la fine dell anno e la predisposizione di una nuova costituzione da parte del parlamento neo-eletto. Allo stesso tempo, il governo turco non ha mancato di dare spazio ai diversi movimenti di opposizione siriani che si sono riuniti proprio a Istanbul dove a metà ottobre si è costituito il Consiglio nazionale di opposizione per cercare di aprire qualche canale di dialogo con il regime di Bashar al-assad e presentarsi come interlocutore di rilievo anche nell eventualità di uno scenario post-bashar. Tuttavia, di fronte all intransigenza del regime di Bashar, il governo turco ha recentemente sospeso i contatti e l adozione di sanzioni nei confronti della Siria è diventata più che un ipotesi, dopo che un embargo sulla vendita di armi è già stato imposto. Il modello turco La primavera araba ha riacceso il dibattito in auge qualche anno fa, sulla scia del lancio dell iniziativa americana per la democratizzazione del grande Medio Oriente da parte dell amministrazione Bush nel 2004, sulla Turchia, paese laico a maggioranza musulmana (sunnita), come modello di democrazia per il mondo arabo. Allora né la Turchia, impegnata nell avvio dei negoziati di adesione con l Unione europea, né tantomeno i paesi arabi, che guardavano al paese attraverso le lenti del passato ottomano, avevano mostrato interesse. Quando, dopo la caduta dei regimi di Ben Ali e Mubarak, si è aperta una fase di transizione politica in Tunisia ed Egitto tanto i media quanto alcuni leader politici arabi hanno fatto riferimento alla Turchia come modello di ispirazione per la regione. Senza volere qui affrontare l ampio dibattito relativo al modello turco, è importante sottolineare che una serie di fattori ha influito sul mutamento della percezione della Turchia nel mondo arabo nel corso degli ultimi anni 8. Innanzitutto, l ammirazione per il partito di Erdoğan che, presentandosi come musulmano-democratico sull esempio dei partiti cristiano democratici europei, è riuscito a coniugare i valori della democrazia con l Islam. Inoltre, ha contato la stabilità politica accompagnata da un processo di riforme politiche interne che l Akp è riuscito ad assicurare al paese dal A ciò si aggiunge la sostenuta crescita economica dal 2002 al 2008 l economia turca è cresciuta in media del 6,6% e dopo la recessione del 2009, ha conosciuto nel 2010 una crescita del Pil dell 8,2% (Fondo monetario internazionale) e del 10,2% nel primo semestre del 2011 che fa della Turchia la sedicesima economia mondiale. Lo sviluppo di un economia prevalentemente export-oriented ha prodotto una forte intensificazione delle relazioni commerciali con i paesi della regione. Se nel 2000 il 8 Sulla percezione della Turchia nei paesi del mondo arabo si veda M. AKGÜN et al., The Perception of Turkey in the Middle East 2010, TESEV, Istanbul, 2011.

4 4 ISPI - Analysis commercio con i paesi del Medio Oriente era pari a 5,9 miliardi di dollari e copriva il 7% del totale, nel 2010 ha raggiunto 39,4 miliardi di dollari, contando una quota del 13%. La regione è diventata negli ultimi anni la seconda destinazione, dopo l Ue, dell export turco, una delle poche, insieme al Nord Africa, con cui la Turchia ha registrato un avanzo commerciale, nel 2010 pari a 7,2 miliardi di dollari. Proprio l espansione nei mercati della regione ha sostenuto la crescita economica compensando la caduta dei tradizionali mercati di sbocco, in primis quelli europei, nella fase di crisi. Inoltre, grazie alla politica di liberalizzazione dei visti perseguita dal governo, in Turchia è notevolmente aumentato il numero di presenze dai paesi arabi, passate da nel 1991 a circa 1,9 milioni nel Tra l altro, questo aumento sta ampiamente compensando il drastico calo dei turisti israeliani seguito al deterioramento delle relazioni tra Ankara e Tel Aviv negli ultimi due anni. Non da ultimo, sull immaginario collettivo arabo ha influito la politica filo-palestinese di Erdoğan e soprattutto la dura presa di posizione nei confronti degli attacchi israeliani nella Striscia di Gaza a partire dall operazione piombo fuso di dicembre 2008-gennaio La retorica anti-israeliana è valsa al leader turco il titolo di campione della causa palestinese nel mondo arabo. Tuttavia, quali che ne siano gli elementi, quando si parla di modello turco occorre tener presente che la Turchia di oggi è il risultato di un evoluzione politica graduale iniziata con la nascita della repubblica nel 1923 e di un processo di trasformazione economica che ha le sue origini all inizio degli anni Ottanta. Nell ultimo decennio inoltre proprio l ancoraggio europeo è stato il catalizzatore di importanti riforme politiche ed economiche che hanno consentito al paese, tra le altre cose, di avvicinarsi agli standard europei, di ridimensionare il ruolo dei militari sia all interno sia in politica estera e di essere per ciò considerato un esempio di riferimento. Se proprio in ragione delle peculiarità storiche, politiche e culturali della Turchia la sua esperienza difficilmente potrebbe essere esportata ad altri paesi della regione, la stessa democrazia turca è ancora un work in progress 10 e pertanto in quest ambito difficilmente si può parlare di modello. Senza dubbio, il rilancio del processo di riforme interno e la predisposizione di una nuova costituzione l attuale, emanata nel 1982 dopo il golpe militare del 1980, mantiene una forte impronta autoritaria sarebbero un segnale importante anche sul piano regionale. Sul piano socio-economico nel paese permangono forti squilibri sia nella redistribuzione del reddito sia tra le province nord-occidentali più sviluppate e quelle meridionali, a maggioranza curda, fortemente arretrate e dove maggiore è la disoccupazione (nel 2010 il tasso di disoccupazione turco è stato pari al 12%, Economist Intellingence Unit). Infine, nonostante un quadro favorevole, l economia turca si trova a far fronte a un crescente deficit delle partite correnti nella prima metà del 2011 pari a 45,3 miliardi di dollari, il doppio rispetto allo stesso periodo dell anno precedente 11 dovuto sia alla sostenuta domanda interna sia all aumento del prezzo degli idrocarburi di cui il paese importa la quasi totalità del proprio fabbisogno. Nonostante le contraddizioni e i problemi interni, l apprezzamento per la Turchia nel mondo arabo è significativo per l ambizione ad affermarsi e a essere considerata come potenza regionale, sebbene questo non implichi un riconoscimento automatico della sua leadership. Conclusioni La più recente manifestazione di consenso nei confronti della Turchia e allo stesso tempo anche il segnale della crescente assertività turca si è avuta in occasione del tour di visite che a metà settembre il primo ministro Erdoğan, accompagnato da una folta delegazione politica ed economica, ha effettuato in Nord Africa. L accoglienza da eroe che ha ricevuto nelle strade egiziane è un fatto del tutto nuovo in un paese come l Egitto dove tali manifestazioni non si vedevano dai tempi di Nasser. In ogni caso, la costituzione nell occasione di un asse per la democrazia Cairo-Ankara sembra prescindere dal carisma e dalla retorica del leader turco e fondarsi invece su precisi interessi economici e strategici. Quanto alla dimensione economica delle relazioni con l Egitto nel 2011 l interscambio tra i due paesi è stato pari a 3,2 mi- 9 K. KIRIŞCI, Turkey s Demonstrative Effect and the Transformation of the Middle East, in «Insight Turkey», 13, 2, 2011, p Ibidem, p Turkey, Country Report, Economist Intelligence Unit, October 2011.

5 ISPI - Analysis 5 liardi di dollari e l export turco è ammontato a 2,3 miliardi di dollari. Nelle intenzioni turche, oltre all incremento del volume degli scambi, vi sarebbe l aumento degli investimenti dagli attuali 1,5 miliardi di dollari a 5 miliardi di dollari nei prossimi due anni 12. Sul piano strategico, invece, la stabilità del più popoloso paese del Nord Africa risulta cruciale sia per il balance of power regionale sia per gli interessi, non solo, economici della Turchia. Infatti, sembra che le ambizioni di leadership della Turchia stiano traendo vantaggio dall indebolimento del ruolo regionale dell Egitto (principalmente focalizzato sulla difficile gestione della transizione politica interna). Lo scoppio della primavera araba, soprattutto la crisi siriana, ha messo in discussione la visione idealista di creare un area di stabilità e integrazione nel vicinato turco e, nonostante la retorica del governo continui a essere intrisa di idealismo, negli ultimi mesi l azione esterna è stata fortemente improntata alla Realpolitik 13. Come si è visto, Ankara ha dimostrato elasticità nell adattarsi ai cambiamenti e capacità nel ritagliarsi nuovi spazi di influenza, sia facendo leva su una serie di asset politici, economici e culturali sia sfruttando il basso profilo statunitense ed europeo. Inoltre, l avere stretto legami che vanno al di là dei leader deposti e si estendono alla società civile e alla business community dei paesi arabi costituisce un ulteriore asset di cui né l Europa né gli Stati Uniti dispongono nell affermazione della propria influenza. Tuttavia, la Turchia deve fare i conti con una serie di criticità interne, in particolare l irrisolta questione curda e la recrudescenza dello scontro con i separatisti del Pkk (Partito dei lavoratori del Kurdistan) nell Iraq del nord, che potrebbero mettere una grossa ipoteca sulle sue ambizioni alla leadership regionale. La ricerca ISPI analizza le dinamiche politiche, strategiche ed economiche del sistema internazionale con il duplice obiettivo di informare e di o- rientare le scelte di policy. I risultati della ricerca vengono divulgati attraverso pubblicazioni ed eventi, focalizzati su tematiche di particolare interesse per l Italia e le sue relazioni internazionali e articolati in: Programma Africa Programma Caucaso e Asia Centrale Programma Europa Programma Mediterraneo e Medio Oriente Programma Russia e Vicini Orientali Programma Sicurezza e Studi Strategici Progetto Argentina Progetto Asia Meridionale Progetto Cina e Asia Orientale Progetto Diritti Umani Progetto Disarmo Progetto Internazionalizzazione della Pubblica Amministrazione Le pubblicazioni online dell ISPI sono realizzate anche grazie al sostegno della Fondazione Cariplo. ISPI Palazzo Clerici Via Clerici, 5 I Milano 12 A. SHADID, Turkey Predicts Alliance with Egypt as Regional Anchors, in «New York Times», September 18, Ibidem. ISPI 2011

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Umberto Profazio. Lo Stato Islamico

Umberto Profazio. Lo Stato Islamico Umberto Profazio Lo Stato Islamico Origini e sviluppi Prospettive #2 2015 Umberto Profazio 2015 emuse ISBN 978-88-98461-39-4 (mobi) 978-88-98461-40-0 (epub) Direttore editoriale Grazia Dell'Oro Redazione,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015

IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 1 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2. Analisi del

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

EUROPA. un Nuovo Inizio. 2014 Presidenza Italiana del Consiglio dell Unione Europea

EUROPA. un Nuovo Inizio. 2014 Presidenza Italiana del Consiglio dell Unione Europea EUROPA un Nuovo Inizio Programma della Presidenza Italiana iglio dell unione Europea 2014 Presidenza Italiana iglio ne Europea 1 Luglio - 31 Dicembre 2014 EUROPA un Nuovo Inizio Programma della Presidenza

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Gli Stati Uniti e i confini dell eccezionalismo: il dibattito americano sul declino americano. Abstract. Andrea Carati. No.

Gli Stati Uniti e i confini dell eccezionalismo: il dibattito americano sul declino americano. Abstract. Andrea Carati. No. Andrea Carati Gli Stati Uniti e i confini dell eccezionalismo: il dibattito americano sul declino americano Negli ultimi anni gli Stati Uniti sono entrati in una fase di crisi, nella quale la delicata

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE Alessandro Clerici Chairman Gruppo di Studio WEC «World Energy Resources» Senior Corporate Advisor - CESI S.p.A. ATI--MEGALIA Conferenza

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI 934 QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI R. Brunetta per Il Giornale 14 giugno 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà -

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA

UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA Bruxelles, 12 dicembre 2003 Introduzione Mai l Europa è stata così prospera, sicura e libera. Alla violenza della prima metà

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

TTIP: l aggressione nascosta alla democrazia e alle regole

TTIP: l aggressione nascosta alla democrazia e alle regole TTIP: l aggressione nascosta alla democrazia e alle regole Come la cooperazione normativa minaccia la legittimità democratica degli Stati di darsi delle regole Ci sono buone ragioni per temere che i risultati

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa

L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa Europa e Africa Focus Intervista a Giovanni Bersani L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa a cura di Matteo Montanari Europarlamentare per quasi trent anni (1960-1989), lei ha ricoperto anche

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI Italian translation SINTESI WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 Il World Energy Outlook (WEO) 2012 è uno strumento indispensabile per i decision maker della politica e dell industria

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli