Genova, 9 Dicembre 2013 No. 1593

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Genova, 9 Dicembre 2013 No. 1593"

Transcript

1 Genova, 9 Dicembre 2013 No Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly Trade Winds International Shipping Gazette Journal pour le Transport International Shipping News International The Journal of Commerce (European edition) B.P. Statistical Review of World Energy H.P. Drewry: Shipping, Statistics & Economics Intertanko port information & bunkers International Bulk Journal Containerisation International Editore: Burke & Novi S.r.l. Via Domenico Fiasella, 4/ Genova Tel Telefax / Direttore responsabile: Giovanni Novi Registro Stampa del Tribunale di Genova N. 23/87 con autorizzazione n 6133 del Website: address:

2 ANDAMENTO DEI NOLI NELLA SETTIMANA 49 (2/6 Dicembre 2013) CISTERNE Settimana molto attiva per le VLCC (oltre dwt) con i noli sulla rotta principale dal Golfo mediorientale al Far East che hanno avuto molte oscillazioni anche nella stessa giornata. La settimana si è conclusa con rate stabilizzate intorno a Ws 64 pari ad un equivalente timecharter sempre superiore a dollari al giorno. Per le destinazioni occidentali i noli sono arrivati a Ws 39. L aumento dell attività di noleggio è dovuto principalmente alla domanda asiatica. La Cina deve completare entro la fine dell anno il riempimento delle nuove cisterne di stoccaggio con 75,3 milioni di barili. In aggiunta, il periodo di manutenzione delle raffinerie cinesi è stato completato o sta per esserlo creando una maggiore domanda da parte delle raffinerie. Tuttavia, un ulteriore rafforzamento dei noli sembra poco probabile, anche perché la presenza di navi, in particolare nel Golfo Arabo, appare in aumento per fine mese e inizio gennaio. In Atlantico la situazione è differente: nel Golfo americano e nei Caraibi le VLCC disponibili non hanno difficoltà a trovare impiego, mentre l area del West Africa può contare praticamente solo sulle VLCC che zavorrano dal Far East e che alleggeriscono la lista delle navi in Medio Oriente. Queste VLCC sono state fissate dal West Africa al Far East a noli di Ws 62. Le Suezmax ( dwt), hanno avuto una settimana molto attiva e i noli hanno raggiunto i livelli più alti degli ultimi anni. Per i viaggi dal West Africa al Golfo americano e l Europa sono saliti a Ws 85, pari ad un equivalente timecharter di dollari al giorno, mentre per i viaggi inter-med. i noli hanno raggiunto Ws 82,5 e dal Mar Nero i profitti delle Suezmax sono al livello di dollari al giorno. Le Aframax ( dwt) hanno registrato miglioramenti dei noli a Ws 90 per i viaggi in UK Cont. e dal Baltico poiché molte navi in precedenza fissate hanno avuto come destinazione il Mediterraneo. Il mercato del Mar Nero- Mediterraneo è invariato con domanda scarsa anche per effetto dell assenza della Libia. I noli rimangono intorno a Ws 70 per i viaggi inter-med. Dai Caraibi per la costa atlantica americana i noli si sono leggermente rafforzati, grazie ad un aumento della domanda. Nel settore delle Product Tanker pulite, le Medium Range ( dwt) sono riuscite a consolidare il miglioramento della scorsa settimana per i viaggi dal Continente alla costa atlantica americana, e i noli hanno recuperato altri 10 punti Worldscale attestandosi a Ws 110. Al contrario, i viaggi di ritorno dagli Stati Uniti a UK Cont.Med. hanno perso 5 punti scendendo a Ws 122,5. Nondimeno, l equivalente timecharter per questa combinazione di viaggi rimare intorno a dollari al giorno. Le Large Range 1 ( dwt) continuano ad essere fissate a Ws 100 dal Nord Europa agli Stati Uniti, ottenendo lo stesso nolo per il viaggio di ritorno dal Golfo americano. Ad est di Suez, le Large Range 2 ( dwt) sono state più richieste e hanno ottenuto per i viaggi dal Golfo Arabo al Giappone un miglioramento dei noli passati da Ws 67,5 a Ws 82,5. Le LR1 sembrano per ora escluse dal miglioramento con i noli per gli stessi viaggi invariati a Ws 92,5. I carichi per LR1 dal Medio Oriente a UK Cont. continuano ad essere coperti a 1,675 milioni di dollari lumpsum. In Far East, le MR vengono fissate per viaggi Singapore/Giappone a noli invariati di Ws

3 COMPRAVENDITA E importante rilevare che SCORPIO BULKERS Inc, dopo essersi resa recentemente partecipe di rilevanti ordinativi, risulterebbe ora dietro all acquisizione di cinque unità Kamsarmax Newbuilding da Dwt presso il cantiere Hudong-Zhonghua Shipbuilding (Group) CO., LTD, in consegna tra il 2015 e il 2016 per una cifra che dovrebbe aggirarsi intorno ai 157mil USD. Questo continuo susseguirsi di nuovi ordinativi da parte della società in consegna 2015/2016 lascia non poche perplessità tra gli addetti ai lavori che temono per il futuro dei noli in previsione appunto dell entrata in mercato di tutto questo nuovo tonnellaggio. Per quanto concerne la compravendita Tanker, si evidenzia la transazione relativa alla Chemical Oil Tanker M T CLIPPER KAREN ( Dwt Costr STX, Korea Epoxy - IMO II) ceduta a compratori del Far East per circa 11,5mil USD, mentre la società genovese Ottavio Novella parrebbe aver venduto la Oil -Chem tanker IMO II MT FRECCIAMARE (Dwt Costr Cicek, Turchia) a compratori russi per circa 8,5mil USD; anche se al riguardo si è in attesa di conferme ufficiali. Il tonnellaggio Bulker, la scorsa settimana, si è contraddistinto per una intensa attività come si evince dalle numerose unità tra le quali si segnala la cessione agli svizzeri di Cargill delle MV PROUD ( Dwt Costr. 2009, Cina H/H 9/9) per circa 42,5mil USD, della MV CAPE PROVENCE ( Dwt Costr. 2005, Giappone H/H 9/9) per circa 32mil USD e della MV SCOPE ( Dwt Costr. 2006, Cina H/H 9/9) per circa 33mil USD mentre la Handy open hatch/box shaped MV CIELO DI GENOVA ( Dwt Costr 2005, Giappone H/H 5/5 gru 4x30.5t) di proprietà della D Amico Società di Navigazione sarebbe stata ceduta per circa 16,5mil USD. ALTRE NOTIZIE Come era nelle previsioni, i ministri dell Opec riuniti nei giorni scorsi a Vienna hanno deciso di lasciare invariato il tetto di produzione di circa 30 milioni di barili al giorno sino alla prossima riunione in programma per l 11 giugno Il mercato petrolifero è ben equilibrato e il prezzo del greggio Brent mostra scarsa volatilità rimanendo intorno al livello medio dell anno di 110 dollari a barile. L interesse delle delegazioni presenti alla riunione si è incentrato su Iran ed Iraq. Dopo le sanzioni di Stati Uniti ed Unione Europea, le esportazioni iraniane sono diminuite di circa un milione di barili al giorno e pochi si aspettano cambiamenti prima della fine del Nel frattempo, l Iraq potrebbe aumentare il prossimo anno la sua produzione di barili al giorno, per un totale di 3,5 milioni b/g, il livello più alto dall invasione del Kuwait nel Buona parte del greggio extra verrà fornito ai Paesi dell Estremo Oriente che, in altre circostanze, avrebbero acquistato greggio iraniano. Se questo dovesse accadere, le prossime riunioni Opec saranno più cariche di tensioni. L altro argomento che grava sul mercato petrolifero è la sospensione della produzione della Libia dove è in atto una guerra civile. Difficilmente il milione di barili di produzione libica sospesa ritornerà in mercato all inizio del prossimo anno. L altro importante argomento in discussione è l espansione straordinaria negli Stati Uniti della produzione di greggio e gas da depositi scistosi, e la possibilità che altri Paesi sviluppino risorse 3

4 simili preoccupa i ministri Opec, da tempo abituati ad essere gli unici Paesi che possono espandere significativamente la loro produzione di greggio e gas. Gli Stati Uniti sono a capo di una lunga lista di Paesi non-opec, tra cui Brasile, Canada, Russia e Kazakistan, che contano di aumentare la loro produzione complessiva di 1,5 milioni b/g nel 2014, in previsione di un aumento globale della domanda di greggio di un milione b/g. La possibilità che gli Stati Uniti modifichino le loro leggi per poter esportare greggio, potrebbe avere un impatto significativo sui modelli di traffico via mare, con circa b/g forniti dagli Stati Uniti principalmente ad Europa e Sud America. Le moderne petroliere per gas naturale liquefatto attirano i noleggiatori e sono destinate ad estromettere sempre più dal mercato le navi costruite negli anni 80 riducendo le opportunità di impiego per le unità di seconda generazione. La Awilco LNG, quotata alla borsa di Oslo, che possiede cinque metaniere dopo aver ricevuto in consegna pochi giorni fa la WilPride dai cantieri sudcoreani Daewoo, intende tenere in attività il più a lungo possibile le sue tre navi più vecchie per approfittare delle rate di nolo a buoni livelli, ma probabilmente finirà per far convertire queste tre metaniere in FSRU (floating storage and regasification units). I noli spot per le navi che trasportano gas naturale nelle aree ad est del Canale di Suez sono intorno a dollari al giorno. Tuttavia, l arrivo di nuove unità nei prossimi anni farà aumentare la concorrenza sui mercati spot o per impiego a breve periodo. Le circa 100 nuove unità che verranno consegnate dai cantieri nei prossimi due anni, si aggiungeranno alle circa 400 metaniere che compongono la flotta globale. Queste nuove unità sono molto più economiche da gestire rendendo la vita difficile per le unità più vecchie. Ma queste ultime saranno le candidate ideali per la conversione in FSRU o per progetti shuttle. Le cisterne all interno di queste navi hanno un aspettativa di vita di circa 300 anni e la demolizione delle unità più vecchie non rappresenta un opzione valida poiché le conversioni aggiungerebbero valore alle navi. Nell ultima edizione del World Energy Outlook della IEA, è previsto che gli Stati Uniti sorpasseranno l Arabia Saudita nel 2015 come primi produttori mondiali di greggio, con due anni di anticipo rispetto alle previsioni di 12 mesi fa, tuttavia a questo ottimismo si contrappone la previsione che la produzione americana di greggio raggiungerà un picco nel 2020 per poi iniziare lentamente a diminuire. Infatti, il mantenimento di un elevato livello di produzione richiederà continui e sostanziali investimenti nella perforazione di nuovi pozzi per compensare il declino di quelli più vecchi. La IEA è preoccupata che paesi come l Arabia Saudita sopravvalutino l impatto del greggio da scisti tagliando gli investimenti. Per i mercati petroliferi, la IEA vede due fasi: sino al 2020 la produzione di greggio leggero è destinata ad aumentare e poiché l aumento deriverà in massima parte dal Brasile, la necessità di greggio mediorientale nei prossimi anni 4

5 sarà decisamente inferiore. Ma a causa della limitata risorsa di base negli Stati Uniti, la produzione raggiungerà il picco e successivamente diminuirà. Dopo il 2020 il greggio mediorientale dominerà i mercati. La domanda globale di greggio è prevista aumentare dal livello corrente di circa 90 milioni di barili al giorno a oltre 100 milioni b/g nel Paradossalmente, gran parte di questa domanda deriverà dal tradizionale centro di produzione, il Medio Oriente. La IEA prevede che la domanda interna dell area del Golfo Arabo raggiungerà 10 milioni b/g nel 2035, l equivalente del consumo cinese corrente. Buona parte della crescita della domanda petrolifera nei prossimi 21 anni deriverà dai Paesi in via di sviluppo, nel decennio in corso vedrà al primo posto la Cina che verrà poi superata dall India e dal sud-est asiatico dopo il L Asia diventerà il centro senza rivali dei traffici petroliferi globali, ma gli Stati Uniti potrebbero rimanere il primo produttore petrolifero per buona parte del periodo sino al La Cargill, gigante del trading di materie prime, avrebbe approfittato della recente ripresa dell attività di nuova costruzione per vendere tre Capesize da dwt, in costruzione presso i cantieri Shanghai Waigaoqiao Shipbuilding (SWS), alla Scorpio Bulkers in rapida espansione, sostituendole con altrettante unità di seconda mano tra cui due di Geden Lines. Le tre Capesize erano state ordinate nel maggio scorso, probabilmente già con l intenzione di rivenderle, per consegna nel 2015, al prezzo di 47,5 milioni di dollari e Scorpio avrebbe pagato 57 milioni di dollari per ciascuna nave. La Cargill ha sostituito le tre nuove costruzioni con due Capesize di Geden costruite da SWS, Proud di dwt costr e Scope di dwt del 2006 al prezzo rispettivamente di 42,5 e 33 milioni di dollari. La terza Capesize acquistata da Cargill è la Cape Provence, controllata dai giapponesi, di dwt costruita nel 2005 da Namura il cui prezzo sarebbe di milioni di dollari. La Cargill ha intravisto la possibilità di realizzare un guadagno sulle nuove costruzioni di almeno 10 milioni di dollari a nave che per una società di trading è molto attraente. Il 3% circa della flotta di portacontainer è inattiva, il livello più alto in oltre sette mesi dovuto alla imminente bassa stagione invernale. L inattività riguarda teu su una flotta complessiva di oltre 17 milioni di teu. In termini numerici, 286 navi sono fuori servizio su un totale di navi. Si tratta del livello più alto dall inizio di maggio quando teu erano inattivi pari al 3,1% della flotta all epoca. Nel corrente anno, il picco di inattività è stato toccato a fine marzo-inizio giugno quando il 4,3% della flotta complessiva era inattivo. La classe di capacità con la maggiore capacità inutilizzata è quella delle panamax, classificate come navi da a teu. In totale, la capacità inattiva è di teu nel settore panamax, che è sotto pressione poiché le navi più grandi vengono impiegate su rotte di traffico dove in precedenza dominavano le 5

6 Panamax. Nessuna nave superiore a teu figura nella lista delle portacontainer inattive. Il gruppo Scorpio in forte espansione, ha annunciato una nuova serie di ordinativi di nuove costruzioni ed acquisizioni del valore di 1 miliardo di dollari che comprendono un primo passo nel settore delle petroliere VLCC. La compagnia monegasca ha rivelato contratti di costruzione per sette VLCC con i costruttori sudcoreani Daewoo e Hyundai, per un costo complessivo di circa 652,5 milioni di dollari. La consegna della prima VLCC è prevista per il terzo trimestre 2015 e le altre a seguire sino al quarto trimestre Sempre nel settore delle petroliere, la compagnia ha confermato di aver rilevato quattro product tanker Medium Range per 154 milioni di dollari attualmente in costruzione nella Corea del Sud. Il 20% circa del prezzo di acquisto di queste navi sarà rappresentato da azioni di nuova emissione della Scorpio Tankers. La rimanenza verrà coperta da liquidità della compagnia e finanziamento bancario. La consegna delle quattro MR è prevista tra il terzo trimestre 2014 e il primo trimestre 2015 e le navi sono simili a quelle ordinate da Scorpio presso lo stesso cantiere. Con gli ultimi ordinativi salgono a 65 le petroliere di nuova costruzione che nei prossimi tre anni entreranno a far parte della flotta Scorpio, di cui 45 previste nel Contemporaneamente, la Scorpio Bulkers che esiste solo da metà 2013, ha concluso contratti per altre otto nuove costruzioni. La compagnia ha acquisito due Kamsarmax di circa dwt in costruzione presso i cantieri cinesi Shanghai Waigaoqiao la cui consegna è prevista nella seconda metà del prossimo anno. Inoltre la Scorpio Bulkers rileverà altre quattro Kamsarmax dai cantieri Jiangsu Yangzijiang tra la fine del 2015 e l inizio del Inoltre sta acquistando due Ultramax dalla Mitsui Engineering. Complessivamente, le otto navi avranno un costo di 242 milioni di dollari. Gli ultimi acquisti portano a oltre 1,4 miliardi di dollari gli investimenti di Scorpio Bulkers in nuove costruzioni. La flotta che verrà consegnata, a partire dal secondo trimestre 2014, da costruttori giapponesi, cinesi e rumeni comprenderà 28 Ultramax, 16 Kamsarmax e tre Capesize. I trasporti marittimi e la costruzione navale rischiano di dover subire nei prossimi dieci anni gli effetti negativi del surplus di capacità in entrambi questi settori. E quanto è emerso da una riunione tenutasi nei giorni scorsi a Shanghai, dove è stato anche espresso un incoraggiamento per armatori e costruttori. Per neutralizzare questa combinazione negativa esiste un surplus di fondi di investimento da essere utilizzato, esattamente come negli anni 70 quando i petrodollari furono riciclati nell industria della costruzione navale. La sopravvivenza dei cantieri cinesi è dovuta alla riduzione della produzione che ha permesso ai costruttori cinesi di rimanere nel settore dove continueranno a dominare nel lungo termine, allo stesso modo come i grandi cantieri sudcoreani 6

7 che fecero il loro debutto nei giorni più bui degli anni 80. Per il momento, coloro che fanno costruire nuove navi sono mossi da investimenti speculativi imprevidenti piuttosto che da domanda di mercato. Le stime di crescita dei traffici sono del 3,8% per i mercati dei carichi secchi sulla base della tendenza a lungo termine, e del 2,8% per le petroliere. Il divario con le costruzioni navali è chiaro: la capacità cantieristica è probabilmente scesa a 122 milioni dwt nel corrente anno da 154 milioni dwt nel 2012, e 100 milioni dwt sono previsti nel 2014, ma questo non basta. Uno scenario a lungo termine indicherebbe una domanda di costruzione da 60 a 80 milioni dwt per anno nel prossimo decennio. La compagnia cinese Shandong Landbridge Group sta per assegnare un ordinativo per tre VLCC ai cantieri Dalian ad un costo di 93 milioni di dollari a nave. Secondo fonti di mercato, l impresa privata, anche conosciuta come Rizhao Lan Qiao, che ha interessi commerciali in porti e raffinerie, sta finalizzando un ordinativo per tre VLCC presso la Dalian Shipbuilding Industry per consegna nel La compagnia è anche interessata in alcune Suezmax ma per queste ultime i contatti sono nella fase iniziale. Vi sono voci secondo le quali la Landbridge potrebbe dare le navi a noleggio alla Wah Kwong dato che manca dell esperienza nella gestione di grandi petroliere, ma potrebbe impiegare le nuove costruzioni per trasportare i propri carichi poiché è responsabile anche delle installazioni di stoccaggio del greggio. La Cina ha da tempo espresso l intenzione di controllare i trasporti del suo fabbisogno di greggio essendo al secondo posto nel mondo come consumi di greggio con importazioni per 271 milioni di tonnellate lo scorso anno, ma vi sono attualmente solo 60 VLCC di proprietà cinese in attività e la Cina gestisce la terza maggiore flotta di VLCC dopo il Giappone e la Grecia. Lo scorso anno sembrava che la Cina fosse in procinto di far costruire una cinquantina di VLCC per sostenere i cantieri nazionali ed aumentare la sicurezza energetica del Paese. Ma poco è stato fatto per ora. L ultima volta che la Cina ha ordinato VLCC è stato nel febbraio scorso quando la China Merchant Energy Shipping (CMES) assegnò un ordinativo per cinque navi a ciascuno dei cantieri Dalian Shipbuilding e Shanghai Waigaoqiao Shipbuilding al prezzo di 85 milioni di dollari ciascuna. I recenti prezzi di costruzione delle navi Landbridge indicano un rafforzamento per i cantieri cinesi. Il mese scorso i principali cantieri come SWS richiedevano 91 milioni di dollari circa per una VLCC. La previsione di una attenuazione delle sanzioni verso l Iran potrebbe far ritornare la flotta delle petroliere iraniane alle società di classifica e registri di bandiera principali, dopo anni in cui è stata costretta ad operare al di fuori della classe e con bandiere minori. Le sanzioni di Stati Uniti ed Europa restano in atto, ma la vendita di quantitativi ridotti di greggio è consentita. Il ministro degli esteri iraniano Javad Zarif ritiene che l embargo su assicurazioni e servizi di 7

8 trasporto dovrebbe essere annullato per facilitare il ritorno delle petroliere NITC alle bandiere e società di classifica che la maggior parte delle compagnie di assicurazioni riconosce. Gli ultimi due anni sono stati un vortice di cambiamenti di bandiera, classe e nomi per le petroliere NITC. Alcune navi della flotta hanno subito anche quattro cambiamenti di nome nel periodo, mentre altre sono senza bandiera o stato di classifica. La registrazione della VLCC Damavand di dwt costruita nel 2003 è indicata come sconosciuta mentre la sua classifica col Registro coreano è scaduta in aprile dello scorso anno. Anche le VLCC Darab e Daylam della stessa capacità costruite rispettivamente nel 2004 e 2003 hanno uno stato simile. Tra le navi che hanno cambiato nome recentemente è la Nyos di dwt del 1996 che in origine era conosciuta come Nabi, ma in giugno 2012 ha cambiato il suo nome in Brawny, per modificarlo nuovamente in Marigold nel settembre dello stesso anno e finalmente in Nyos nell ottobre scorso. La nave è anche passata dal registro di Tuvalu a quello della Tanzania in ottobre. La società di classifica francese Bureau Veritas ha ritirato la sua classificazione nel dicembre dello scorso anno. Altre tre VLCC hanno cambiato nominativo e sono passate alla bandiera della Tanzania negli ultimi mesi. 8

Genova, 20 Gennaio 2014 No. 1597

Genova, 20 Gennaio 2014 No. 1597 Genova, 20 Gennaio 2014 No. 1597 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

Genova, 16 Gennaio 2012 No. 1507

Genova, 16 Gennaio 2012 No. 1507 Genova, 16 Gennaio 2012 No. 1507 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

Genova, 10 Ottobre 2011 No. 1495

Genova, 10 Ottobre 2011 No. 1495 Genova, 10 Ottobre 2011 No. 1495 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

Genova, 28 Aprile 2014 No. 1610

Genova, 28 Aprile 2014 No. 1610 Genova, 28 Aprile 2014 No. 1610 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

Genova, 8 Giugno 2015 No. 1661

Genova, 8 Giugno 2015 No. 1661 Genova, 8 Giugno 2015 No. 1661 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

Genova, 2 Febbraio 2015 No. 1644

Genova, 2 Febbraio 2015 No. 1644 Genova, 2 Febbraio 2015 No. 1644 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

Genova, 3 Novembre 2014 No. 1633

Genova, 3 Novembre 2014 No. 1633 Genova, 3 Novembre 2014 No. 1633 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

Genova, 2 Maggio 2011 No. 1475

Genova, 2 Maggio 2011 No. 1475 Genova, 2 Maggio 2011 No. 1475 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

Genova, 28 Settembre 2015 No. 1673

Genova, 28 Settembre 2015 No. 1673 Genova, 28 Settembre 2015 No. 1673 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

Genova, 12 Maggio 2014 No. 1612

Genova, 12 Maggio 2014 No. 1612 Genova, 12 Maggio 2014 No. 1612 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

Genova, 17 Agosto 2015 No. 1667

Genova, 17 Agosto 2015 No. 1667 Genova, 17 Agosto 2015 No. 1667 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

Genova, 19 Gennaio 2015 No. 1642

Genova, 19 Gennaio 2015 No. 1642 Genova, 19 Gennaio 2015 No. 1642 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

Genova, 30 Marzo 2015 No. 1652

Genova, 30 Marzo 2015 No. 1652 Genova, 30 Marzo 2015 No. 1652 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

Genova, 24 Febbraio 2014 No. 1602

Genova, 24 Febbraio 2014 No. 1602 Genova, 24 Febbraio 2014 No. 1602 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

Genova, 13 Aprile 2015 No. 1653

Genova, 13 Aprile 2015 No. 1653 Genova, 13 Aprile 2015 No. 1653 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

Genova, 22 Giugno 2015 No. 1663

Genova, 22 Giugno 2015 No. 1663 Genova, 22 Giugno 2015 No. 1663 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

Genova, 14 Febbraio 2011 No. 1465

Genova, 14 Febbraio 2011 No. 1465 Genova, 14 Febbraio 2011 No. 1465 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

Genova, 22 Febbraio 2010 No. 1420

Genova, 22 Febbraio 2010 No. 1420 Genova, 22 Febbraio 2010 No. 1420 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

Genova, 2 Marzo 2015 No. 1648

Genova, 2 Marzo 2015 No. 1648 Genova, 2 Marzo 2015 No. 1648 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly Trade

Dettagli

Genova, 7 Settembre 2015 No. 1670

Genova, 7 Settembre 2015 No. 1670 Genova, 7 Settembre 2015 No. 1670 Fonti: Burke & Novi S.r.l. Il Sole 24 Ore Il Messaggero Marittimo Corriere dei Trasporti La Gazzetta Marittima Lloyd s List Lloyd s Ship Manager Fairplay Shipping Weekly

Dettagli

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE Francesco Asdrubali INDICE FATTORI DOMINANTI DEL PANORAMA ENERGETICO MONDIALE CRESCITA ECONOMICA CRESCITA DELLA POPOLAZIONE PREZZI CO2 PRICING DOMANDA E OFFERTA DI ENERGIA

Dettagli

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI Atlante Statistico dell Energia RIE per AGI Settembre 215 ENERGIA E AMBIENTE 14 Emissioni totali di CO2 principali nei paesi Europei 12 1 mln tonn. 8 6 4 2 199 1992 1994 1996 1998 2 22 24 26 28 21 212

Dettagli

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 835 ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 24 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere

Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere www.dominosolutions.it - info@dominosolutions.it Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere 02 Luglio 2012 Il petrolio greggio è uno dei prodotti più utilizzati e richiesti nel

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

SHIPPING E SETTORE NAVALE: STRUTTURA, PERFORMANCE, OUTLOOK E OPERATIVITA' SACE. Antonella Coppola e Alessandro Terzulli WORKING PAPER N.

SHIPPING E SETTORE NAVALE: STRUTTURA, PERFORMANCE, OUTLOOK E OPERATIVITA' SACE. Antonella Coppola e Alessandro Terzulli WORKING PAPER N. SHIPPING E SETTORE NAVALE: STRUTTURA, PERFORMANCE, OUTLOOK E OPERATIVITA' SACE Antonella Coppola e Alessandro Terzulli WORKING PAPER N.13 Shipping e settore navale: struttura, performance, outlook e operatività

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 974 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO 8 gennaio 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Indebitamento netto di US$ 231,8 milioni con disponibilità di cassa di US$ 54,7 milioni

COMUNICATO STAMPA. Indebitamento netto di US$ 231,8 milioni con disponibilità di cassa di US$ 54,7 milioni COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di d Amico International Shipping S.A. approva i risultati del secondo trimestre e del primo semestre : RISULTATI INCORAGGIANTI NEL PRIMO SEMESTRE PRINCIPALMENTE

Dettagli

Corso di Implicazioni economico finanziarie delle scelte armatoriali. Il nolo. Genova, Ottobre 2011

Corso di Implicazioni economico finanziarie delle scelte armatoriali. Il nolo. Genova, Ottobre 2011 Corso di Implicazioni economico finanziarie delle scelte armatoriali Il nolo Genova, Ottobre 2011 Il nolo In una impresa armatoriale, nella norma, il principale flusso di ricavi derivante dall attività

Dettagli

Agenda. Energia nel Mondo. La storia del Petrolio. Il Petrolio sta per finire? E il Gas?

Agenda. Energia nel Mondo. La storia del Petrolio. Il Petrolio sta per finire? E il Gas? ENERGIA.. Agenda Energia nel Mondo La storia del Petrolio Il Petrolio sta per finire? E il Gas? 2 Energia nel Mondo La storia del Petrolio Il Petrolio sta per finire? E il Gas? 3 Quanta energia consumiamo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2015 COMMENTO DEL MANAGEMENT

COMUNICATO STAMPA RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2015 COMMENTO DEL MANAGEMENT COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di d Amico International Shipping S.A. approva i risultati del primo semestre e del secondo trimestre 2015: DIS REALIZZA IL SUO MIGLIORE RISULTATO SEMESTRALE

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 2 Le materie prime energetiche nel commercio estero italiano (Aprile 2006) 1 LE MATERIE

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Castellanza, 5 Ottobre 2009 Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Percorso di eccellenza in Energy Management Petrolio,Trading & Risk Management Fabio Di Benedetto Riferimenti

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Energy Efficiency Policies around the World: Review and Evaluation Gilberto Callera Presidente WEC Italia

Energy Efficiency Policies around the World: Review and Evaluation Gilberto Callera Presidente WEC Italia Energy Efficiency Policies around the World: Review and Evaluation Gilberto Callera Presidente WEC Italia 25 febbraio 2008 World Energy Council 2007 Perché Efficienza Energetica? 1. Grande volatilità dei

Dettagli

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT FOCUS ON Iran: sanzioni, export italiano e prospettive A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT Le sanzioni applicate a partire dal 2006 all Iran da Stati Uniti, ONU e Unione Europea (UE) hanno avuto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA SITUAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002

COMUNICATO STAMPA SITUAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002 COMUNICATO STAMPA SITUAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2002 Il Consiglio di Amministrazione della Saipem S.p.A. in data odierna ha esaminato la situazione trimestrale consolidata del Gruppo (non oggetto

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

Che cosa sta cercando di dirci il Mercato delle Materie Prime?

Che cosa sta cercando di dirci il Mercato delle Materie Prime? Che cosa sta cercando di dirci il Mercato delle Materie Prime? 11 Aprile, 2011 L aumentare della Violenza fa Salire il Prezzo del Petrolio Le continue e crescenti crisi tra le nazioni produttrici di petrolio

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Situazione e prospettive per l industria chimica

Situazione e prospettive per l industria chimica Situazione e prospettive per l industria Luglio 21 Sintesi Per informazioni: Direzione Centrale Analisi Economiche-Internazionalizzazione Tel. 2/346.337 - Mail aei@feder.it Chimica europea in moderata

Dettagli

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni SOMMARIO ESECUTIVO Negli ultimi cinque anni, l economia dell energia pulita è emersa in tutto il mondo come una nuova, grande opportunità per gli

Dettagli

d Amico International Shipping S.A. Relazione finanziaria Primo semestre / Secondo trimestre 2011

d Amico International Shipping S.A. Relazione finanziaria Primo semestre / Secondo trimestre 2011 d Amico International Shipping S.A. Relazione finanziaria Primo semestre / Secondo trimestre 2011 Il presente documento è disponibile sul sito www.damicointernationalshipping.com d Amico International

Dettagli

resoconto intermedio di gestione settembre 2013

resoconto intermedio di gestione settembre 2013 resoconto intermedio di gestione settembre 2013 Premuda Struttura del Gruppo Società operative al 30 settembre 2013 100% Premuda Spa Italia m/t. Four Smile m/t. Four Island m/t. Four Bay m/t. Four Moon

Dettagli

3. IL COMMERCIO INTERNAZIONALE E LE BILANCE DEI PAGAMENTI

3. IL COMMERCIO INTERNAZIONALE E LE BILANCE DEI PAGAMENTI 3. IL COMMERCIO INTERNAZIONALE E LE BILANCE DEI PAGAMENTI Alla rapida ripresa del commercio mondiale di beni e servizi nel 2010 (12,9 per cento) è seguita, nel, una crescita assai più debole (5,8 per cento),

Dettagli

Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile -Gennaio/Febbraio 2014-

Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile -Gennaio/Febbraio 2014- Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile -Gennaio/Febbraio 2014- Le Georges V 14, Avenue de Grande Bretagne MC 98000 Monaco Tél : +377 97 98 29 80 Fax : +377 97 98 29 88

Dettagli

Rimini, 24 agosto 2006 ENERGIA AL DI LÀ E AL DI QUA DELLE ALPI

Rimini, 24 agosto 2006 ENERGIA AL DI LÀ E AL DI QUA DELLE ALPI Rimini, 24 agosto 2006 ENERGIA AL DI LÀ E AL DI QUA DELLE ALPI Buon pomeriggio a tutti, come potete immaginare, con il lavoro che faccio, di questi tempi non mi si parla d altro che di petrolio. Anche

Dettagli

EXECUTIVE SUMMARY PUNTI CHIAVE

EXECUTIVE SUMMARY PUNTI CHIAVE EXECUTIVE SUMMARY PUNTI CHIAVE L'industria italiana della raffinazione apporta un contributo sostanziale all economia italiana. Il settore impiega circa 7000 persone, con circa altre 7600 che lavorano

Dettagli

Panorama sull Energia

Panorama sull Energia Panorama sull Energia I Fondamentali permetteranno prezzi del petrolio più elevati? 21 Febbraio 2011 Venerdì i futures sul petrolio Brent sono scesi sul NYMEX a $102,52, scivolando dal recente massimo

Dettagli

SINTESI. Italian Translation WORLD ENERGY OUTLOOK

SINTESI. Italian Translation WORLD ENERGY OUTLOOK SINTESI Italian Translation WORLD ENERGY OUTLOOK 2 0 1 3 WORLD ENERGY OUTLOOK 2013 In un mondo in cui le significative differenze tra i prezzi energetici regionali influenzano la competitività, chi sono

Dettagli

IL QUADRO PETROLIFERO IN ITALIA NEL 2014. Rita Pistacchio

IL QUADRO PETROLIFERO IN ITALIA NEL 2014. Rita Pistacchio Seminario AIEE IL SISTEMA ENERGETICO ITALIANO NEL 2014 E VERSO IL 2015: SITUAZIONI E TENDENZE IL QUADRO PETROLIFERO IN ITALIA NEL 2014 1 aprile 2015 Centro Studi Americani Via Michelangelo Caetani, 32

Dettagli

Guida al settore navale

Guida al settore navale Sommario 1. ASPETTI GENERALI DEL SETTORE NAVALE...2 1.1 GLOBALITÀ...2 1.2 CICLICITÀ...3 1.3 INTENSITÀ DI CAPITALE...4 2. LA CANTIERISTICA COMMERCIALE...5 3. I TRASPORTI MARITTIMI...6 3.1 TRASPORTO DI PRODOTTI

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

d Amico International Shipping S.A. Resoconto intermedio di gestione per il periodo chiuso al 30 settembre 2013 Terzo trimestre 2013

d Amico International Shipping S.A. Resoconto intermedio di gestione per il periodo chiuso al 30 settembre 2013 Terzo trimestre 2013 d Amico International Shipping S.A. Resoconto intermedio di gestione per il periodo chiuso al 30 settembre 2013 Terzo trimestre 2013 Il presente comunicato stampa dei risultati del terzo trimestre 2013,

Dettagli

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico

L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico L impatto della crisi finanziaria internazionale in Messico A cura del CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale) n. 18 - Ottobre 2010 ABSTRACT - L economia messicana era in difficoltà già prima della

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Crisi d impresa e Shipping Focus di settore

Crisi d impresa e Shipping Focus di settore Crisi d impresa, novità della disciplina e riflessi per l operatività bancaria Crisi d impresa e Shipping Focus di settore Prof. Gian Enzo Duci Università di Genova Crisi d impresa e shipping: Perchè un

Dettagli

ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8%

ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8% ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8% Nel 2013 sono stati prodotti in Asia 1 /Oceania oltre 45,8 milioni di autoveicoli, con un incremento del 4,8%; in termini di volumi si tratta

Dettagli

AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS LA RELAZIONE 2011 IN PILLOLE

AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS LA RELAZIONE 2011 IN PILLOLE AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS LA RELAZIONE 2011 IN PILLOLE Energia: Authority presenta relazione green, solo materiali riciclati Quest anno la Relazione Annuale dell Autorità per l energia

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

INDICE INDICE DELLE TABELLE

INDICE INDICE DELLE TABELLE marzo 2007 INDICE INTRODUZIONE... 1 PREMESSA... 1 DEFINIZIONI... 2 1. METODOLOGIA... 4 2. LA FLOTTA ITALIANA... 6 2.1 I DATI DISPONIBILI... 6 2.2 IL DATABASE LLOYD S... 6 2.3 LA FLOTTA 2006... 8 2.4 LA

Dettagli

Progetto 30. Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime. Agosto 2013 v1

Progetto 30. Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime. Agosto 2013 v1 Progetto 30 Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime Agosto 2013 v1 Quali prospettive in un futuro a bassa crescita? L economia europea e quella italiana in particolare

Dettagli

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE Alessandro Clerici Chairman Gruppo di Studio WEC «World Energy Resources» Senior Corporate Advisor - CESI S.p.A. ATI--MEGALIA Conferenza

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015 Relazione finanziaria 1 trimestre Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 3 Osservazioni sull andamento della gestione Vendite e consumi interni 1 trimestre

Dettagli

Raffinazione e distribuzione petrolifera in Italia: cambiamenti in atto e prospettive future

Raffinazione e distribuzione petrolifera in Italia: cambiamenti in atto e prospettive future Master in Gestione delle Risorse Energetiche Workshop Safe Raffinazione e distribuzione petrolifera in Italia: cambiamenti in atto e prospettive future Adriano Piglia Direttore Centro Studi SAFE Lunedì

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Il nostro CORE Business

Il nostro CORE Business Il nostro CORE Business 2 DI.BI. Porte Blindate srl DI.BI. È stata fondata nel 1976 dal Sig. Michele Delvecchio, che è ancora il titolare dell Azienda. DI.BI. è un gruppo di 50 persone, con sede produttiva

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5 5 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Nello scenario globale si accentua la divaricazione tra le grandi aree. Gli USA conservano un moderato incremento

Dettagli

Petrolio al massimo del 2015 20 aprile 2015

Petrolio al massimo del 2015 20 aprile 2015 P al massimo del 2015 20 aprile 2015 La scorsa settimana l indice generale GSCI ER (4,2) è salito fortemente, tornando al massimo da quasi 2 mesi, grazie al forte recupero delle quotazioni petrolifere.

Dettagli

il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia

il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia Roma, 21 maggio 2015 il commercio mondiale nel triennio 2015-17 XIII rapporto ICE Prometeia Alessandra Lanza - Prometeia commercio mondiale (finalmente) in accelerazione e più dinamico della crescita del

Dettagli

Templeton Mercati Emergenti

Templeton Mercati Emergenti A FRANKLIN TEMPLETON INVESTMENTS NEWSLETTER Templeton Mercati Emergenti - Relazione mensile: Novembre 2014 Mark Mobius, Executive Chairman, Templeton Emerging Markets Group Panoramica I mercati globali

Dettagli

World Energy Outlo ok SINTESI

World Energy Outlo ok SINTESI World Energy Outlo ok 2010 SINTESI World Energy Outlook 2010 Il mondo sembra emergere dalla peggiore recessione economica degli ultimi decenni. Nell ambito dell Accordo di Copenhagen molti paesi hanno

Dettagli

Energy price instability

Energy price instability Settembre 215 1 Energy price instability Milan, Axpo 21 settembre 215 Davide Tabarelli, Nomisma Energia Settembre 215 2 Agenda Price instability Future energy demand OPECs and supply paradoxes Big revolutions

Dettagli

Oggetto: La situazione congiunturale del mercato dei rottami di metalli non ferrosi

Oggetto: La situazione congiunturale del mercato dei rottami di metalli non ferrosi Convegno autunnale Assofermet Capri 12 ottobre 2002 Intervento del Presidente di Eurometrec, Fernando Duranti Oggetto: La situazione congiunturale del mercato dei rottami di metalli non ferrosi La congiuntura

Dettagli

Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo

Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo Mentre i cugini iberici conquistano la vetta del Travel & Tourism Competitiveness Index, l Italia si accontenta di un ottava posizione, dopo Francia, Germania

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

International Foundry Forum 2014 Venezia, 25/27 Settembre 01/26

International Foundry Forum 2014 Venezia, 25/27 Settembre 01/26 01/26 COSA E L IFF? International Foundry Forum è l'evento chiave per gli AD e si tiene ogni 2 anni in location esclusive come, in passato, a Praga, a Barcellona, a Vienna e quest anno sullo splendido

Dettagli

I COSTI DEL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI

I COSTI DEL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI MAGGIO 2005 I COSTI DEL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI ANNO 2004 Sintesi dei risultati dell indagine campionaria Pag. I INDICE Introduzione... 1 1. Aggiornamento dell indagine sui costi del trasporto...

Dettagli

Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo IVa Le industrie energetiche: Le fonti fossili

Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013. Modulo IVa Le industrie energetiche: Le fonti fossili Economia e politica dell ambiente e dell energia A.A. 2012-2013 Modulo IVa Le industrie energetiche: Le fonti fossili Gli stadi dell attività energetica (in generale) Scoperta Estrazione Trasformazione

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Il gas naturale i rigassificatori la politica energetica. Livorno, 29 marzo 2008 Comitato contro il rigassificatore offshore

Il gas naturale i rigassificatori la politica energetica. Livorno, 29 marzo 2008 Comitato contro il rigassificatore offshore Il gas naturale i rigassificatori la politica energetica Livorno, 29 marzo 2008 Comitato contro il rigassificatore offshore 1 Sono utilizzati non pareri di ambientalisti ma documenti di: Autorità come:

Dettagli

Gli impatti del gas non convenzionale attuali ed attesi sul mercato mondiale ed europeo

Gli impatti del gas non convenzionale attuali ed attesi sul mercato mondiale ed europeo Gli impatti del gas non convenzionale attuali ed attesi sul mercato mondiale ed europeo 2 marzo 2011 Edgardo Curcio Presidente AIEE Overview Introduzione Parte I: La situazione attuale del mercato del

Dettagli

L INDUSTRIA DELLA RAFFINAZIONE E IL MERCATO DEL BITUME

L INDUSTRIA DELLA RAFFINAZIONE E IL MERCATO DEL BITUME Carlo Giavarini Dipartimento Ingegneria Chimica Materiali Ambiente Università di Roma La Sapienza carlo.giavarini@uniroma1.it Fig. 1 - Una spettacolare colata di bitume naturale in una miniera d Abruzzo

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA Riccardo Roscelli INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE Il Corridoio dei due mari ed il Mediterraneo 30/10/2013 Gli scenari: dove stanno andando le

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

«TEMPO» DI FIDUCIA NELL ENERGIA NONOSTANTE TUTTO!

«TEMPO» DI FIDUCIA NELL ENERGIA NONOSTANTE TUTTO! «TEMPO» DI FIDUCIA NELL ENERGIA NONOSTANTE TUTTO! Edgardo Curcio Presidente onorario, AIEE Milano, 2 luglio 2014 «Shale Gas: una sfida per l Europa per mantenere competitiva la filiera chimica» e 4 Workshop

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Le prospettive economiche attuali sono altamente incerte poiché dipendono in misura decisiva dalle imminenti decisioni

Dettagli

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati IV Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5 Outlook

Dettagli

World Energy Outlook SINTESI. Italian translation

World Energy Outlook SINTESI. Italian translation World Energy Outlook SINTESI Italian translation 2014 AGENZIA INTERNAZIONALE PER L ENERGIA L Agenzia Internazionale per l Energia (AIE) è un organismo autonomo istituito nel novembre del 1974. Il suo compito

Dettagli