ORDINI DI SERVIZIO. Editore: ANDI Servizi SRL Copyright: ANDI Servizi Srl Autore: ANDI Associazione Nazionale Dentisti Italiani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORDINI DI SERVIZIO. Editore: ANDI Servizi SRL Copyright: ANDI Servizi Srl - 2009 Autore: ANDI Associazione Nazionale Dentisti Italiani"

Transcript

1 ORDINI DI SERVIZIO Editore: ANDI Servizi SRL Copyright: ANDI Servizi Srl Autore: ANDI Associazione Nazionale Dentisti Italiani La presente opera è protetta dalla Legge su diritto d autore. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di quest opera può essere tradotta, adattata, riprodotta con qualsiasi mezzo, copiata o trasmessa, comunicata al pubblico, stampata senza l autorizzazione scritta dell Editore. La riproduzione e l uso non autorizzato saranno perseguiti in ogni sede giudiziaria Roma febbraio 2009 Hotel Radisson Segreteria Sindacale Nazionale tel. 06/ Fax 06/

2 ORDINI DI SERVIZIO DELLO STUDIO DENTISTICO INDICE 1. Utilizzo generale delle attrezzature elettriche 2. Controllo delle strutture generiche dello studio 3. Procedure generali per la pulizia ed il riordino degli ambienti 4. Operazioni di manutenzione generale dello studio a fine giornata 5. Accesso del personale alle aree di lavoro 6. Istruzioni per l accesso alle zone operative di persone estranee alle cure 7. Procedure preliminari alle cure 8. Dispositivi di protezione individuali da usarsi nel corso delle cure sul paziente 9. Procedure per il riordino degli studi dopo ogni intervento eseguito sul paziente 10. Azzeramento della poltrona del riunito 11. Rifiuti speciali ospedalieri e raccolta differenziata 12. Procedure per la sterilizzazione dello strumentario chirurgico 13. Utilizzo e manutenzione della vasca a ultrasuoni 14. Utilizzo e manutenzione di imbustatrice e sigillatrice 15. Utilizzo e manutenzione dell autoclave 16. Manutenzione della pompa di aspirazione 17. Radiografici 18. Utilizzo e manutenzione del frigorifero 19. Controllo scadenza farmaci 20. Istruzioni per la manutenzione e il controllo dell impianto di climatizzazione 21. Raccolta dei manuali d uso delle attrezzature associazione nazionale dentisti italiani 2

3 22. Elenco delle attrezzature dei fornitori e delle ditte di manutenzione e degli impianti 23. Diario delle manutenzioni 24. Pronto soccorso: norme generali 25. Norme per la prevenzione degli incendi 26. Incendio: istruzioni N.B. Ogni dipendente deve riferire eventuali richieste di aggiornamento degli ODS esistenti al titolare dello studio e al responsabile della sicurezza dei lavoratori. Per presa visione: Cognome e Nome Cognome e Nome Cognome e Nome Cognome e Nome Cognome e Nome Cognome e Nome Cognome e Nome firma firma firma firma firma firma firma associazione nazionale dentisti italiani 3

4 ORDINE DI SERVIZIO N. 1 Utilizzo generale delle attrezzature elettriche 1. Il quadro generale divide l impianto elettrico dello studio in aree autonome ben individuate e classificate con etichette dove sono collegate le diverse apparecchiature. Il personale deve imparare a conoscere il sezionamento delle diverse aree e gli apparecchi in esse collegate, utilizzare gli interruttori selettivi per togliere corrente alle varie attrezzature in caso di necessità (es. durante la pulizia o la manutenzione) o alla fine della giornata. 2. Tutte le attrezzature elettriche presenti in studio devono essere staccate dalle prese di corrente ogni volta che vengono pulite o controllate per la manutenzione. 3. In caso di interruzione di energia elettrica gli apparecchi, fissi o mobili, eventualmente in uso, devono venire spenti dal quadro generale, oppure staccando la spina per quelli mobili, quindi essere riaccesi solo dopo che è stata erogata la corrente. 4. Tutte le attrezzature elettriche mobili o fisse devono essere utilizzate in piena sicurezza e con le mani asciutte. 5. Per la sostituzione di lampade di illuminazione si prescrive di staccare la corrente prima della loro sostituzione, di operare a mani asciutte e di chiedere l assistenza di un altra persona. 6. Il personale deve segnalare al titolare dello studio qualsiasi anomalia di funzionamento di interruttori, spine, prese o apparecchi. associazione nazionale dentisti italiani 4

5 ORDINE DI SERVIZIO N. 2 Controllo delle strutture generiche dello studio 1. Controllare periodicamente, almeno una volta al mese, l efficacia e il buon funzionamento delle serrature e delle cerniere delle porte e delle finestre. 2. Verificare la corretta chiusura dei rubinetti dei bagni, dello sciacquone del WC e dei rubinetti dei lavelli negli studi. 3. Controllare il funzionamento delle luci di emergenza. 4. Sostituire le batterie degli orologi quando sono scariche. 5. Controllare e pulire i filtri della ventilazione forzata nei bagni e i filtri dei climatizzatori una volta l anno. Indossare per questa operazione i DPI previsti. associazione nazionale dentisti italiani 5

6 ORDINE DI SERVIZIO N. 3 Procedure generali per la pulizia ed il riordino degli ambienti 1. Per la pulizia delle superfici (pavimenti, vetri, porte, etc.), quando si usano detersivi o disinfettanti, fa fatta impiegando ganti di protezione. 2. Per evitare di scivolare sui pavimenti bagnati subito dopo la loro pulizia, è necessario passare uno straccio asciutto e segnalare comunque che il pavimento è bagnato. 3. Aprire le finestre per aerare i locali. 4. La pulizia interna dei mobili e dei cassetti va eseguita periodicamente a rotazione. 5. L utilizzo dell aspirapolvere e la sostituzione del sacchetto interno deve avvenire sempre con le mani asciutte e seguendo le precauzioni indicate nell ODS relativo agli apparecchi elettrici. 6. L utilizzo della scaletta portatile va fatto solo in modo occasionale, per brevi operazioni che non comportino movimentazione dei carichi ingombranti e pesanti e deve essere eseguita con l assistenza di una persona ai piedi della scala. associazione nazionale dentisti italiani 6

7 ORDINE DI SERVIZIO N. 4 Operazioni di manutenzione generale dello studio a fine giornata 1. Lavare l impianto di aspirazione con l apposito detergente. 2. Controllare lo stato dei bagni e svuotare le vaschette dei WC. 3. Controllare la chiusura dell acqua dei lavelli nei bagni. 4. Chiudere le chiavi di arresto dell acqua e dell aria. 5. Chiudere gli interruttori elettrici delle apparecchiature dal quadro generale lasciando in tensione solo l illuminazione, le lampade di emergenza e il frigorifero. associazione nazionale dentisti italiani 7

8 ORDINE DI SERVIZIO N. 5 Accesso del personale alle aree di lavoro 1. Quando il personale entra o esce dagli studi o dalle aree di lavoro, soprattutto se con oggetti in mano occupate da strumentario, vassoi o altro, deve accertarsi prima che le porte siano aperte ed i percorsi liberi e facilmente accessibili. 2. Nelle zone cieche, angoli, spigoli e porte a battenti deve segnalare la propria presenza. associazione nazionale dentisti italiani 8

9 ORDINE DI SERVIZIO N. 6 Istruzioni per l accesso alle zone operative di persone estranee alle cure 1. Il personale è tenuto ad evitare e a limitare il più possibile il passaggio di persone estranee alle cure (accompagnatori, fornitori, addetti alla manutenzione, e altri) nelle zone operative. 2. L ingresso di persone estranee non può avvenire senza il consenso esplicita del medico. 3. In ogni caso il personale incaricato dell accesso è tenuto a sorvegliare direttamente gli estranei durante il transito e la permanenza nelle zone operative. 4. Lo stesso personale è strettamente incaricato, di accompagnare il visitatore fuori dalla zona operativa. associazione nazionale dentisti italiani 9

10 ORDINE DI SERVIZIO N. 7 Procedure preliminari alle cure Prima di far accedere il paziente nello studio operativo questo deve essere approntato per la cura programmata. In particolare l assistente si deve preoccupare che: 1. Lo strumentario sia completo ed adeguato. 2. La cartella del paziente sia presente nello studio. associazione nazionale dentisti italiani 10

11 ORDINE DI SERVIZIO N. 8 Dispositivi di protezione individuali da usarsi nel corso delle cure sul paziente 1. L assistente deve indossare guanti chirurgici, mascherina e occhiali o schermo protettivo. 2. Deve usare l aspirazione ad alta velocità in modo adeguato al trattamento in esecuzione al fine di limitare al massimo la dispersione dei vapori nell ambiente circostante. 3. Deve adottare sempre la posizione più ergonomica e confortevole compatibile con l operazione in corso. 4. Con questi indumenti e protezioni non deve lasciare la zona operativa. associazione nazionale dentisti italiani 11

12 ORDINE DI SERVIZIO N. 9 Procedure per il riordino degli studi dopo ogni intervento eseguito sul paziente Il riordino dello studio operativo deve seguire la seguente successione: 1. L Eliminazione degli oggetti taglienti e degli aghi avviene a carico dell operatore in una apposita scatola protettiva che verrà poi chiusa e allegata ai rifiuti speciali. Le lame non devono mai essere manipolate con le mani ma prelevate dal bisturi e versate nella scatola tramite una pinza. 2. Eliminazione di tutto il materiale monouso negli appositi contenitori. 3. Raccolta dello strumentario contenuto nel vassoio operativo e suo riversamento in apposita bacinella nell area di riordino e sterilizzazione. 4. Riordino e ricollocazione razionale dei materiali usati nelle aree predisposte (cassetti, armadietti, etc.). 5. Se è stata usata l amalgama, gli eventuali resti devono essere raccolti nell apposito contenitore di vetro e coperti con acqua. 6. Pulizia della bacinella del riunito e del filtro. 7. Pulizia del filtro sul terminale dell aspirazione chirurgica se questa è stata usata. associazione nazionale dentisti italiani 12

13 8. Rimozione degli eventuali materiali solidi dai lavelli (parti di alginato o materiali da impronta). 9. Pulizia delle superfici di lavoro e delle zone esposte al contatto manuale con adeguati disinfettanti. 10. Ripristino della poltrona per il successivo paziente. N.B. Durante queste operazioni l assistente deve utilizzare guanti protettivi ed aprire le finestre o aerare i locali per il ricambio dell aria nell ambiente. associazione nazionale dentisti italiani 13

14 ORDINE DI SERVIZIO N. 10 Azzeramento della poltrona del riunito 1. Prima di azzerare la poltrona verificare che non ci siano ingombri nel raggio della discesa, allontanando dall area del movimento vassoi, tavoletta porta-strumenti, lampada e quanto altro possa interferire con la poltrona. 2. Non azzerare la poltrona se c è qualcuno seduto a fianco. 3. Prima di azzerare la poltrona verificare e richiedere che il paziente sia fermo. 4. Far scendere il paziente solo a poltrona ferma. associazione nazionale dentisti italiani 14

15 ORDINE DI SERVIZIO N. 11 Rifiuti speciali 1. Separazione differenziata dei rifiuti. 2. Per lo stoccaggio dei rifiuti ospedalieri deve essere adottata la procedura conforme alle indicazioni dell ANDI. 3. Gli oggetti appuntiti monouso devono essere introdotti in appositi contenitori di sicurezza. 4. Cotoni, garze, bicchieri, tovaglioli sono introdotti in appositi contenitori. 5. Il sacchetto di plastica alla fine del turno di lavoro deve essere perfettamente chiuso con un laccio, dopo che vi è stata introdotto il disinfettante, e quindi inserito nel doppio contenitore specificamente predisposto per lo stoccaggio temporaneo dei rifiuti potenzialmente infetti. associazione nazionale dentisti italiani 15

16 ORDINE DI SERVIZIO N. 12 Procedure per la innocuizzazione e sterilizzazione dello strumentario chirurgico 1. Lo strumentario proveniente dagli studi operativi, dopo essere stato usato per le cure sul paziente, deve venire raccolto nell area di riordino e di sterilizzazione. Qui deve essere prima lavato con spazzola e disinfettante, passato nella vasca ad ultrasuoni per 5-10 minuti, imbustato, e successivamente introdotto nei cestelli dell autoclave per la sterilizzazione. 2. La bruschetta deve essere riposta nella vaschetta contenente il disinfettante. 3. I vassoi per la chirurgia di elezione devono essere ricomposti e conservati chiusi dopo la sterilizzazione. 4. Durante il lavaggio e la manipolazione dello strumentario chirurgico il personale deve utilizzare i guanti protettivi a spessore differenziale e la mascherina. N.B. Per l uso dell autoclave, della vasca ad ultrasuoni e della imbustatrice seguire le procedure indicate negli ODS relativi. associazione nazionale dentisti italiani 16

17 ORDINE DI SERVIZIO N. 13 Utilizzo e manutenzione della vasca a ultrasuoni 1. Dopo il primo lavaggio con acqua e disinfettante immergere gli strumenti chirurgici nella vasca per cinque minuti. 2. Sciacquarli e imbustarli prima della sterilizzazione. 3. Quando si sostituisce il liquido di lavaggio e si pulisce la vasca staccare sempre l apparecchio della presa di corrente. associazione nazionale dentisti italiani 17

18 ORDINE DI SERVIZIO N. 14 Utilizzo e manutenzione di imbustatrice e sigillatrice 1. Tagliare, con la taglierina presente sulla macchina, una striscia di busta della lunghezza adeguata per gli strumenti chirurgici che devono essere contenuti. 2. Sigillare una estremità della busta con la resistenza termica fino a che la spia luminosa e acustica non segnala che ciò è avvenuto. 3. Riempire la busta con lo strumentario previsto dall estremità ancora aperta. 4. Sigillare anche la seconda estremità. 5. Spegnere l imbustatrice al termine delle operazioni. associazione nazionale dentisti italiani 18

19 ORDINE DI SERVIZIO N. 15 STERILIZZAZIONE con autoclave: istruzioni per l utilizzo e la manutenzione Utilizzo 1. Accendere l interruttore generale per verificare che si accendano le spie del livello minimo della resistenza di riscaldamento e della temperatura che deve essere a zero. 2. Dopo aver caricato il cestello, con i fori aperti, aprire il rubinetto di afflusso dell acqua distillata fino al livello minimo (accertarsi che la spia del minimo livello si spenga) e continuare sino alla capacità massima del serbatoio. 3. Chiudere lo sportello di sicurezza secondo la programmazione dell apparecchio per il ciclo di sterilizzazione. 4. Per nessun motivo aprire lo sportello dell apparecchio durante il suo funzionamento. 5. Un segnale acustico segnala che il ciclo di sterilizzazione è terminato. 6. Aprire lo sportello seguendo le indicazioni date dal costruttore dell autoclave. 7. Accertarsi che gli strumenti da estrarre non siano bollenti. associazione nazionale dentisti italiani 19

20 Manutenzione 1. Controllare periodicamente e ad ogni ciclo il contenuto in acqua distillate del serbatoio di carico. 2. Per la pulizia e la manutenzione ricordarsi di staccare la spina dalla presa di corrente. 3. Controllare ogni volta l efficacia del ciclo di sterilizzazione attraverso sistemi fisici (viraggio della carta colore). 4. Controllare una volta l anno l efficacia della sterilizzazione mediante metodi microbiologici. 5. Per chi utilizza l autoclave per l innocuizzazione dei rifiuti secondo la legge, registrare i controlli periodici nell apposito registro vidimato. associazione nazionale dentisti italiani 20

21 ORDINE DI SERVIZIO N. 16 Pompa di aspirazione: manutenzione 1. Pulire il filtro di raccolta degli eventuali depositi solidi collegato alla pompa. 2. Eseguire l operazione sempre a impianto spento ed erogazione di corrente disinserita sul quadro generale. associazione nazionale dentisti italiani 21

22 ORDINE DI SERVIZIO N. 17 Radiografici 1. Gli apparecchi RX sono di uso esclusivo del medico titolare. 2. L assistente di studio non deve MAI utilizzarli, né deve essere presente in sala quando vengono impiegati. 3. L Esperto Qualificato verifica periodicamente l efficacia e la sicurezza di tali apparecchiature e dà il consenso al loro impiego. associazione nazionale dentisti italiani 22

23 ORDINE DI SERVIZIO N. 18 Utilizzo del frigorifero 1. Il frigorifero presente in studio serve per la conservazione di farmaci e materiali odontoiatrici termolabili. 2. Nel frigorifero non debbono essere lasciate sostanze commestibili. 3. In caso di pulizia o sbrinamento dell apparecchio va seguita la procedura prevista per tutti gli apparecchi elettrici: staccare la erogazione di corrente dal quadro generale. associazione nazionale dentisti italiani 23

24 ORDINE DI SERVIZIO N. 19 Controllo scadenza farmaci Il personale deve controllare e segnalare ogni mese la scadenza dei farmaci presenti in studio per eliminarli e richiederne all odontoiatra la sostituzione. associazione nazionale dentisti italiani 24

25 ORDINE DI SERVIZIO N. 20 Istruzioni per la manutenzione e il controllo dell impianto di climatizzazione 1. I filtri e le prese d aria devono essere periodicamente controllati, puliti e/o sostituiti. 2. Qualsiasi alterazione: rumore, odore, perdita di acqua o altro deve essere tempestivamente segnalata. 3. Tutte le operazioni di controllo devono essere fatte ad impianto spento. 4. Verificare l orientamento delle bocchette o griglie per la ventilazione in modo che non siano diretti sulle persone. 5. Evitare gli eccessi di climatizzazione. associazione nazionale dentisti italiani 25

26 ORDINE DI SERVIZIO N. 21 Raccolta dei manuali d uso delle attrezzature 1. Il personale di studio deve raccogliere e conservare ordinatamente in apposito contenitore tutti i manuali d uso delle attrezzature presenti in studio. 2. Segnalare le attrezzature prive di tali manuali perché queste verranno sostituite con schede apposite preparate dal titolare e che verranno allegate a questa raccolta. associazione nazionale dentisti italiani 26

27 ORDINE DI SERVIZIO N. 22 Elenco delle attrezzature dei fornitori e delle ditte di manutenzione 1. Il personale deve segnalare al titolare dello studio ogni difettoso funzionamento delle attrezzature in uso. In sua assenza ed in caso di necessità deve contattare la ditta corrispondente. 2. Aggiornare l elenco sottostante ogni qualvolta esista una variazione delle attrezzature o delle ditte con variazione del numero di telefono. Attrezzatura Fornitore Manutenzione Telefono Riunito 1 Riunito 2 Riunito 3 Sterilizzatore Autoclave Vasca ultrasuoni Imbustatrice associazione nazionale dentisti italiani 27

28 Attrezzatura Fornitore Manutenzione Telefono Radiografico 1 Radiografico 2 Ortopantomografo Sviluppatrice Compressore Pompa di aspirazione Impianto condizionamento Impianto idraulico Impianto elettrico Fotocopiatrice Fax Computer associazione nazionale dentisti italiani 28

29 ORDINE DI SERVIZIO N. 23 Diario delle manutenzioni Dopo ogni intervento di manutenzione eseguito dalla ditta incaricata il personale deve riportare sull apposito quaderno gli estremi dell intervento: Data Attrezzatura Ditta Intervento Esito/note associazione nazionale dentisti italiani 29

30 ORDINE DI SERVIZIO N. 24 Norme generali di pronto soccorso 1. Il paziente in difficoltà deve essere invitato a respirare profondamente, facendogli slacciare colletto, cravatta, cintura o altri abiti troppo costrittivi. 2. Deve essere disteso con la testa leggermente più bassa e i piedi sollevati (posizione di Trendelemburg) dopo essersi accertati che non abbia acqua in bocca, altrimenti bisogna fargliela deglutire o se il paziente non dovesse riuscire da solo, bisogna aspirargliela con l aspiratore chirurgico. 3. Se non già aperta, aprire la finestra e rinfrescargli il viso spruzzando leggermente, con lo spray della siringa del riunito, un po d acqua fresca. 4. Se il paziente ha difficoltà a respirare aiutare il medico a girarlo sul fianco e ad aspirare acqua e/o saliva dalla bocca. 5. Sul richiesta del medico portare velocemente nello studio il materiale per un primo soccorso che è conservato nei cassetti contrassegnati dall etichetta rossa: fonendoscopio, pallone di Ambu, maschere per la respirazione assistita, cannule abbassalingua, apparecchio per la pressione, lampada tascabile (eventualmente anche tubi per intubazione oro-tracheale). 6. Se lo studio è dotato di bombola di ossigeno portarla presso il paziente solo dopo che è stato portato il pallone di Ambu. 7. L assistente deve imparare a riconoscere con sicurezza questi strumenti del primo soccorso per assistere il medico in caso di necessità. 8. In particolare, controllare periodicamente la carica delle batterie del laringoscopio e della lampada tascabile. associazione nazionale dentisti italiani 30

31 ORDINE DI SERVIZIO N. 25 Norme per la prevenzione degli incendi 1. Evitare assolutamente l impiego di sostanze infiammabili presenti in studio (alcool, idrol, monomero liquido delle resine acriliche) quando si utilizzano i bunsen. 2. Non lasciare mai accesi i bunsen se non vengono utilizzati immediatamente. 3. Non accendere il fiammifero con i guanti di lattice indossati. 4. Tenere i bunsen in luoghi separati rispetto alle sostanze infiammabili (mobili e cassetti diversi). 5. Non consentire ad alcuno di fumare in nessun locale dello studio. associazione nazionale dentisti italiani 31

32 ORDINE DI SERVIZIO N. 26 Istruzioni in caso di incendio e di evacuazione dello studio 1. Ogni dipendente deve segnalare tempestivamente al datore di lavoro ogni situazione di pericolo per persone o cose che si verificassero nello studio. Questo obbligo scatta in particolare nel momento in cui il dipendente nota nell ambiente di lavoro del fumo, avverte odore di bruciato ovvero rileva un principio d incendio. 2. Se è da solo, in caso di principio d incendio, procederà all estinzione del focolaio impiegando l estintore portatile secondo le modalità apprese durante la formazione ricevuta. In mancanza di apparecchi estinguenti, e solo in presenza di un principio d incendio, verserà acqua sul fuoco o batterà la fiamma con panni bagnati. 3. L acqua non deve essere mai impiegata sulle apparecchiature elettriche o sui liquidi infiammabili. 4. Ogni dipendente deve tenere a disposizione la chiave che gli è stata consegnata con l inizio del rapporto di lavoro e che apre il portone d ingresso dello stabile (fino a quando l Amministratore non provvederà all apertura dello stesso anche manualmente). associazione nazionale dentisti italiani 32

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual DEOS Manuale d uso User manual DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER DEOS 11 Egregio Signore, desideriamo ringraziarla per aver preferito nel suo acquisto un nostro deumidificatore. Siamo certi di averle fornito

Dettagli

DEOS DEOS 16 DEOS 20 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual

DEOS DEOS 16 DEOS 20 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual DEOS Manuale d uso User manual DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER DEOS 16 DEOS 20 Egregio Signore, desideriamo ringraziarla per aver preferito nel suo acquisto un nostro deumidificatore. Siamo certi di averle

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp Erkopress 300 Tp-ci Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Apparecchio di termostampaggio con compressore integrato e riserva di

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia BacPac con LCD Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia AGGIORNAMENTO FIRMWARE Per determinare se è necessario effettuare un aggiornamento del firmware, seguire questi passi: Con l apparecchio

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

HDQ 2K40. Manuale per la sicurezza

HDQ 2K40. Manuale per la sicurezza HDQ 2K40 Manuale per la sicurezza R5905304IT/02 02/03/2015 Barco nv Noordlaan 5, B-8520 Kuurne Phone: +32 56.36.82.11 Fax: +32 56.36.883.86 Supporto: www.barco.com/en/support Visitate il web: www.barco.com

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

infospot numero1 www.tecnogaz.com Numero Speciale Sterilizzazione PERCHè SCEGLIERE UN AUTOCLAVE DI TIPO B? IL LEGALE RISPONDE

infospot numero1 www.tecnogaz.com Numero Speciale Sterilizzazione PERCHè SCEGLIERE UN AUTOCLAVE DI TIPO B? IL LEGALE RISPONDE numero1 Tecno-Gaz S.p.A. Strada Cavalli, 4 43038 Sala Baganza (PR) FEBBRAIO 2008 Tel./Ph +39 0521 8380 Fax +39 0521 833391 info@tecnogaz.com infospot Organo di informazione aziendale realizzato da GraphoServiceParma

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Forerunner. 10 Manuale Utente. Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan

Forerunner. 10 Manuale Utente. Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan Forerunner 10 Manuale Utente Luglio 2013 190-01472-31_0C Stampato a Taiwan Tutti i diritti riservati. Ai sensi delle norme sul copyright, non è consentito copiare integralmente o parzialmente il presente

Dettagli

Pulizia e igiene... semplicemente

Pulizia e igiene... semplicemente Aspirapolvere centralizzato www.sistemair.it Pulizia e igiene... semplicemente La forza del sistema sta nella sua semplicità: con un tubo flessibile pulisci tutta la casa! 4 2 3 1 1 Centrale aspirante

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE

QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE di: Luigi Tudico si! come tutti gli altri impianti, anche il sistema URTROPPO frigorifero può andare incontro a diversi tipi di inconvenienti,

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

3 2A B K D 6 F O H E T 5. Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09

3 2A B K D 6 F O H E T 5. Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09 R I J G 2 L B K A 5 3 2A C 1 M D 6 4 R S Q F O H E T 5 7 6 4 21 9 9 12 15 22 9 8 10 13 17 16 16 14 18 19 20 23 24 Vtt Eco Pro 3000 Lux No-Volt - Cod. M0S05353 - Edizione 1G09 ITALIANO Vaporetto Eco Pro

Dettagli

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE (Regolamento n 453/2010/UE) Data emissione: 09-05-2005 Numero revisione: 07.13 Data revisione: 07 giugno 2013 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Gentile cliente, Bongioanni spa

Gentile cliente, Bongioanni spa GX NE Gentile cliente, La ringraziamo per aver acquistato un prodotto Bongioanni. Questo libretto è stato preparato per informarla, con avvertenze e consigli, sulla installazione, il corretto uso e la

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw Serie BRIO Approfittate dei vantaggi BALMA Fin dal 1950, BALMA offre il giusto mix di flessibilità ed esperienza per il mercato industriale, professionale e hobbistico

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli