ECODESIGN Requisiti per prodotti connessi all energia- ErP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ECODESIGN Requisiti per prodotti connessi all energia- ErP"

Transcript

1 ECODESIGN Requisiti per prodotti connessi all energia- ErP

2 Consumo e Produzione sostenibile (SCP) Politica Industriale sostenibile (SIP) 2 Providing information to consumers Environmental product labels Incentives for market transformation Link to environmental performance Cleaner Production Revised EMAS Resource Efficiency and Eco-innovation - ETAP Env. Impacts of New Technologies Environmental Technology Verification Simplified Procedures for SMEs SME Programme Smart consumption Green Public Procurement (GPP) PRODUCTION Efficient Processes CONSUMPTION Sustainable Behaviours SCP SIP Action Plan Influencing the supply-chain Green retailers PRODUCTS Improved Performance Life-cycle approach Integrated Product Policy (IPP) Eliminate worst products Revised Eco-design Directive Raise EU ambition levels Revised Eco-label Regulation Save energy Revised Energy Label Directive 8th European Forum on Eco-Innovation, Bilbao, Spain April 2010 Making Eco-Innovation happen in Small and Medium-Sized Enterprises Shailendra Mudgal BIO Intelligence Service (FRANCE) 2

3 Prodotti sostenibili strumenti chiave 8th European Forum on Eco- Innovation, Bilbao, Spain April 2010 Making Eco-Innovation happen in Small and Medium-Sized Enterprises Shailendra Mudgal BIO Intelligence Service (FRANCE) 3 [Defra (2008) Progress Report on Sustainable Products and Materials,

4 4 Definizioni di base Energy-related product, (a product ), «prodotto connesso all energia» (prodotto), si intende ogni bene che ha un impatto sul consumo di energia durante l uso, che sia messo nel mercato e messo un servizio; Energy-using product or EuP, «prodotto che consuma energia», si intende un prodotto che, una volta messo nel mercato e messo in opera, dipende da un input di energia (elettricità, fonti fossili o rinnovabili); Life cycle o ciclo di vita é la successione di fasi di vita di un prodotto interconnesse dall uso di materie prime allo smaltimento finale; Environmental performance of a product, «prestazione ambientale» é il risultato della gestione degli aspetti ambientali di un prodotto da parte del produttore come evidenziato dai suoi documenti tecnici; Ecodesign é l integrazione degli aspetti ambientali nel progetto del prodotto con l obiettivo di migliorare la prestazione ambientale in tutto il ciclo di vita.

5 Eco-design Eco-design é l integrazione degli aspetti ambientali nel progetto del prodotto con l obiettivo di migliorare la prestazione ambientale in tutto il ciclo di vita. [Eco-design Directive] 5 8th European Forum on Eco- Innovation, Bilbao, Spain April 2010 Making Eco-Innovation happen in Small and Medium-Sized Enterprises Shailendra Mudgal BIO Intelligence Service (FRANCE) La maggior parte degli impatti ambientali e costi di un prodotto vengono determinati durante la fase di progettazione progettazione Raw materials Productio n Transpor t Use End-oflife Impatti in tutto il ciclo di vita di un prodotto

6 6 Cos é l EcoDesign? La progettazione di un prodotto considerato come materia ambientale Ridurre gli impatti diretti e indiretti cogliendo ogni minima possibilità Sano misto di eccellenze crerative, innovazione e rigore tecnico

7 Cum Lock in o determinazione di impatto ambientale Ciclo di Sviluppo di Prodotto Perchè concentrarsi sulla progettazione? 7 Cum lock in di impatto ambientale a causa di decisioni lungo il ciclo di sviluppo di prodotto Strategie di miglioramento ambientale Strategic product and market research Design for Environment Life Cycle Assessment Cleaner Production Consumer Education Waste Management and Recycling Idea- market opportunity Concept Design Detailed Design Manufacture Use Disposal/ Recovery

8 8 Fasi dell EcoDesign Selezione del prodotto. Analisi del prodotto / LCA. EcoDesign Workshop. Selezione delle strategie e indirizzi di progettazione e progettazione preliminare. Progetto di dettaglio, produzione e marketing.

9 9 Selezione del prodotto Proprie possibilità di apportare modifiche. Attenzione del mercato per gli impatti ambientali legati al prodotto (produzione, uso, smaltimento). Il prodotto non dovrebbe essere banale e non deve essere nel Green range. Individuazione di eventuai risorse intellettive ed esperienze necessarie ad guidare l ecodesign attraverso nuovi aspetti ambientali (the available organisational capacity).

10 10 Analisi generale del prodotto Product information. Una esauriente descrizione del prodotto, della sua funzione e dei suoi componenti chiave; Caratteristiche chiave del progetto e della produzione. Breve storia del prodotto. Produttori e fonti di tutti I compomenti.

11 11 Analisi generale del prodotto Lista di tutti i materiali utilizzati. Lista di tutti i processi coinvolti nella fabbricazione delle varie componenti del prodotto. Dati relativi all utilizzo del prodotto. Attuali modelli di smaltimento del prodotto a fine vita.

12 12 Analisi generale del prodotto Market. Qualità chiave del prodotto funzionali, estetiche, qualità, costo, ecc. Attuale dimensione del mercato, tendenze, previsioni passate e future.

13 13 Analisi generale del prodotto Natura del mercato - clienti, nicchie, competizione. Altri fattori che condizionano il mercato e la posizione del prodotto - costi, regolamenti e standard, interessi dei consumatori. Ogni aspetto ambientale identificato nel mercato. Dichiarazioni dei concorrenti relative alla qualità ambientale di prodotti simili.

14 14 Analisi generale del prodotto Prodotti concorrenti. Storia. Recenti design o tendenze evolutive soprattutto delle caratteristiche ambientali. Identificazione (se rilevante e possibile) del prodotto concorrente (nel mercato globale) con il miglior profilo ambientale.

15 15 Analisi generale del prodotto The company resources and capabilities. Descrizione dell azienda storia, dimensione, mezzi e risorse. Qualsisasi politica ambientale o storia di un azione ambientale. Una lista di tutte le componenti del prodotto realizzate in azienda e rapporti con I fornitori di ogni altro componente. Una lista delle persone coinvolgibili nel progetto e la loro esperienza.

16 16 Analisi generale del prodotto Fattori/pressioni esterni e potenziale di cambiamento del prodotto. Aspetti ambientali. Nuovi materiali. Nuove tecnologie. Nuove domande dei consumatori o nicchie. Sviluppi di prodotti collegati.

17 17 EcoDesign Workshop Il motore del processo creativo Gamma di esperienze e prospettive Materials Production Marketing Logistics Design Environment Service/maintenance Management Supported by preliminary research Identify environmental impacts, priorities and design strategies

18 18 La scelta di strategie di progettazione Matrice di Prioritizzazione Miglioramento ambientale grande Miglioramento ambientale moderato Miglioramento ambientale piccolo Molto fattibile Produrre la bottiglia localmente Alleggerire la bottiglia Probabilmente fattibile Stampare direttamente sulla bottiglia eliminando l etichetta. Non è attualmente fattibile Usare vetro 100% riciclato

19 19 Progetto di dettaglio, produzione e marketing L EcoDesign team deve partecipare all implementazione per assicurare che le strategie di progettazione siano recepite nel progetto di dettaglio e abbiano effetto Si entra nella fase esecutiva nella quale si metto in atto gli interventi previsti, incluso l adeguamento tecnologico

20 Le vendite di prodotti sostenibili L esempio di Royal Philips Electronics (fonte: CSR) Royal Philips Electronics (AEX:PHI, NYSE:PHG) ha conseguito un aumento del 33% delle vendite di prodotti verdi nel 2007 (10th independently verified annual report on sustainability). Il totale delle vendite di prodotti verde ha portato a 5.3 rispetto ai 4 miliardi di euro nel La relazione si concentra sugli impegni della Philips a lungo termine per l'efficienza energetica, il suo portafoglio prodotti Green e innovazioni verdi. Nel settembre 2007, Philips ha annunciato il suo programma EcoVision4 con l'obiettivo di raddoppiare le vendite di "Green Products" al 30% del totale dei ricavi entro cinque anni. Philips è sulla buona strada per raggiungere questo obiettivo, con vendite dei prodotti verdi del 20% del totale delle vendite di Philips nel 2007, rispetto al 15% nel Altri obiettivi in EcoVision4 è fare l impressa stessa un 25% più efficiente energeticamente come pure di investire 1 miliardo di euro in Green Innovation entro il

21 Direttive Ecodesign 21 8th European Forum on Eco- Innovation, Bilbao, Spain April 2010 Making Eco-Innovation happen in Small and Medium-Sized Enterprises Shailendra Mudgal BIO Intelligence Service (FRANCE) Versione originale: Dir. 2005/32/EC 6 Luglio 2005 relativa all'istituzione di un quadro per l'elaborazione di specifiche per la progettazione ecocompatibile dei prodotti che consumano energia (EuP) Versione attuale: Dir. 2009/125/EC 21 Ottobre 2009 relativa all istituzione di un quadro per l elaborazione di specifiche per la progettazione ecocompatibile dei prodotti connessi all energia (ErP)

22 22 Overview La Direttiva eco-design of Energy using Products (EuP) Directive (2005/32/EC) é diventata Legge nell Unione Europea (EU) l 11 Agosto 2005, e avrebbe dovuto essere recepita dagli Stati Membri entro l 11 agosto Gli obblighi per i produttori derivano da una serie di Implementation measures che sono in fase di adozione. La legislazione sugli EuP ha gettato le basi per condizionare in modo significativo la progettazione dei prodotti elettrici. La Direttiva 2005/32/EC é stata abrogata nel 2009 dalla 2009/125/EC.

23 23 Direttiva Ecodesign 2009/125/EC L estensione del campo di applicazione é l unica modifica sostanziale rispetto alla Direttiva abrogata Il programma di lavoro sarà modificato nel 2011 inserendo i nuovi prodotti Revisione entro il 2012 in caso di estensione anche ai prodotti non Energy related

24 Campo di applicazione - prodotti 24 La Direttiva quadro mette a punto disposizioni per consentire ai prodotti di essere immessi nel mercato o messi in opera e riguarda Energy related products (ErP) qualsiasi bene che ha un impatto sul consumo energetico durante l uso. Soggetto a implementing measures

25 Direttiva Eco-design (2009/125/EC ) Direttiva quadro che stabilisce i requisiti per l eco-design (or implementing measures/legislation) for Energy related Products. Obiettivi: Migliorare le prestazioni ambientali complessive degli ErP usando l approccio dell ecodesign. Assicurare che differenze tra i regolamenti dei diversi paesi europei non diventino ostacoli nel mercato intra-europeo. Contribuire alla sicurezza della fornitura di energia e rafforzare la competitività dell economia europea. Tutelare gli interessi dell industria, dei consumatori e di altre parti interessate Conformità attraverso il marchio CE, i.e. I prodotti che non rispettano i requisiti non potranno avere il marchio CE 25 8th European Forum on Eco- Innovation, Bilbao, Spain April 2010 Making Eco-Innovation happen in Small and Medium-Sized Enterprises Shailendra Mudgal BIO Intelligence Service (FRANCE)

26 Processo Eco-design 1 Working Plan 3 European Commission Consultation Forum Impact assessmen t Draft Implementin g Measure 26 8th European Forum on Eco- Innovation, Bilbao, Spain April 2010 Making Eco- Innovation happen in Small and Medium-Sized Enterprises Shailendra Mudgal BIO Intelligence Service (FRANCE) Working Document 4 Regulatory Committee 5 EU Parliament 2 Consultants Eco-design Preparatory Study Adoption Stakeholder Consultation

27 27 Misure di esecuzione I requisiti per i prodotti sono introdotti con Regolamenti Il piano di lavoro identifica i prodotti candidati Gli studi preparatori identificano gli aspetti ambientali Le proposte di implementing measures or self regulation initiatives sono prima discussi con le parti interessate nel forum di consultazione Una valutazione di impatto precede le misure I regolamenti sono adottati dalla Commissione supportata da un regulatory Committee Le parti interessate partecipano a tutto il processo

28 Working plan/implementing measures Possono essere proposte per categorie di prodotti che: 28 8th European Forum on Eco- Innovation, Bilbao, Spain April 2010 Making Eco-Innovation happen in Small and Medium-Sized Enterprises Shailendra Mudgal BIO Intelligence Service (FRANCE) Rappresentano un volume significativo di prodotti immessi nel mercato europeo (indicativamente > units/year) Riguardano un significativo impatto ambientale durante il ciclo di vita Hanno un significativo potenziale di miglioramento senza generare costi eccessivi Devono essere basate su Valutazioni ambientali / caratteristiche e funzionalità rilevanti del prodotto Prodotti e tecnologie disponibili nel mercato dovrebbero essere prese come riferimento Implementing Measures devono preservare gli interessi dell industria dei consumatori e delle altre parti interessate, ma non aggiungere oneri amministrativi o test alle PMI

29 29 Elenco indicativo di gruppi di prodotti coperti dal working plan Aria condizionata e sistemi di ventilazione; Impianti di riscaldamento a combustibile fossile e elettrici apparecchiature per la preparazione di alimenti Forni industriali e di laboratorio Macchine utensili; Apparecchiature di rete, di trattamento e di memorizzazione dei dati Apparecchiature di refrigerazione e congelazione; Apparecchiature audio e immagini; Trasformatori; Apparecchiature che utilizzano acqua.

30 30 Cosa sono i Preparatory Studies? Studi che forniscono alla Commissione e al Forum informazioni necessarie per decidere se un prodotto debba essere oggetto di implementing measures. La selezione di politiche e di azioni di implementazione sono al di là del campo di applicazione di questi studi. Studi preparatori sono in corso per nuovi gruppi

31 31 Come sono strutturati? Metodologia comune: MEEuP (Methodology study for Eco-design of Energy Using Products) Rapporto disponibile all indirizzo

32 32 Preparatory study Approccio uniforme a tutti gli studi preparatori Methodology for Eco-design of Energy-using Products (MEEuP) Task 1: Definition (Product/Standards) Task 2: Market Analysis Task 3: Task 4: Task 5: Task 6: Task 7: Consumer Behaviour and Local Infrastructure Technical Analysis of Existing Products Base-Cases Technical analysis of BAT Improvement Potential Task 8: Final Analysis (Policy, Scenarios, Sensitivity) Present situation Improveme nt potential Shailendra Mudgal BIO Intelligence Service (FRANCE)

33 33 Ecodesign parameters for products Devono essere presi in considerazione i seguenti elementi della vita del prodotto: selezione ed uso delle materie prime; produzione; packaging, trasporto e distribuzione; installazione e manutenzione; uso; fine vita

34 34 Aspetti ambientali Devono essere considerati i seguenti aspetti ambientali : consumi di materiali, di energia, acqua e di altre risorse; emissioni in aria, acqua e suolo; Inquinamento da agenti fisici come rumore, vibrazioni, radiazioni, campi elettromagnetici; Produzione di rifiuti; Possibilità di riuso, riciclaggio e recupero di materiali e/o energia.

35 Quali prodotti sono coperti dal primo turno di studi? 35 Caldaie Scaldacqua Personal Computer Apparecchiature per l'imaging Televisori Perdite in standby Refrigerazione domestica Lavatrici e lavastoviglie Carica batterie ed alimentatori esterni Illuminazione da ufficio Illuminazione Pubblica (strade) Condizionatori d'aria residenziale Refrigerazione commerciale Motori, pompe, ventilatori e circolatori Semplice set top box (decoder) Illuminazione domestica (parte 1)

36 Calendario per i prodotti del primo turno di studi SHEEP 36

37 37 Quali prodotti sono coperti dal secondo turno di studi? 5 aree più Caldaie a combustibile solido Lavanderia essiccatoi Illuminazione domestica - parte 2 Complesso set-top box Aspirapolvere Report dei contraenti sul piano di lavoro. Quali sono i prossimi passi? I consulenti aiuteranno I consumatori e le ONG ambientali per garantire loro un adeguata rappresentanza nel processo preparatorio alla normativa ai sensi della Direttiva

38 38 Calendario per i prodotti del secondo turno di studi

39 39 Nuovi round sono attesi in relazione ai nuovi gruppi di prodotto introdotti dalla nuova Direttiva (e.g. call for tenders del bando IEE)

40 40 Calendario per studi La bozza del rapporto finale é discussa nel meeting delle parti interessate. 4-6 settimane dopo viene prodotto il rapporto finale. La Commissione Europea impegna 2-3 mesi per l analisi di impatto. Una bozza delle implementing measure (inclusi I possibili criteri e regolamenti) é sviluppata in parallelo. Consultation Forum Ampio consenso nel CF e poi al Regulatory Committee

41 41 Placing on the market and/or putting into service Gli stati membri devono assicurare che i prodotti coperti dalle IM possano essere immessi nel mercato e resi operativi solo se sono conformi con le IM ed hanno il marchio CE; Gli S. M. devono assicurare che i consumatori e le altre parti interessate hanno l opportunità di fornire osservazioni sulla conformità dei prodotti alle autorità competenti;

42 - 42 Compiti del Consultation Forum Prima discussione delle proposte della Commissione Uno o più incontri Scopo relazionale al Regulatory Committee, che prende la decisione finalesulle implementing measures.

43 43 Chi sono I membri del Consultation Forum? 1 rappresentante da ogni Stao Membro + uno per ogni Stato che é nella procedura di adesione Massimo 30 rappresentanti di altrettanti organizzazioni rappresentative dell industria, dei consumatori, dell ambiente, ecc.

44 44 Tipologie di requisiti La Direttiva prevede 2 tipi di requisiti obbligatori Requisiti specifici Valori limite, come il consumo di energia o le quantità minime di materiali riciclati. Requisiti generici No valori limite Es. Consumi energetici i più bassi possibili (conformità con standards, benchmarks, best practices, ecc.). Richieste di informazioni sulle modalità di utilizzo e di manutenzione per ridurre l impatto ambientale

45 45 Requisiti relativi alle informazioni da fornire Informazioni che il produttore deve fornire in quanto possono condizionare il modo in cui il prodotto é maneggiato, utilizzato o riciclato da soggetti diversi dal produttore. Queste informazioni potrebbero includere: Informazioni dal progettista relative al processo produtivo; informazioni per I consumatori sulle caratteristiche e le prestazioni ambientali del prodotto, per consentire loro di fare confronti e scelte mirate; Informazioni per I consumatori su come installare, utilizzare e mantenere il prodotto per minimizzare il suo impatto sull ambiente e garantire la durata attesa, come restituire il prodotto a fine vita, se sono disponibili parti di ricambio ed é possibile effettuare un upgrading; Informazioni relative alla gestione a fine vita. Tali informazioni dovrebbero accompagnare il prodotto.

46 46 Requisiti per il produttore Per intervenire sugli aspetti ambientali il produttore deve effettuare una valutazione nell intero ciclo di vita del prodotto facendo basata su condizioni normali di produzione e d uso e su relative ragionevoli assunzioni; I produttori si devono basare su questa valutazione per valutare alternative alle caratteristiche del loro prodotto e migliorare le prestazioni rispetto al benchmark. La scelta di una soluzione specifica deve essere un ragionevole compromesso migliorativo tra vari aspetti ambientali e non (es. sicurezza e salute, aspetti tecnici, economici, qualità).

47 47 Ci sono clausole della Direttiva in materia di : Libera circolazione Salaguardia Valutazione della conformità Presunzione di conformità Requisiti per i componenti e le sottounità Piccole e medie imprese

48 48 Marchio CE e dichiarazione di conformità Prima che un prodotto rientrante nelle implementing measures sia immesso nel mercato, deve essere apposto il marchio CE assieme ad una dichiarazione di conformità nella quale il produttore assicura che il prodotto risponde con tutte le indicazioni della implementing measure. L affissione di marchi o dichiarazioni che possa indurre in errore gli utenti sono proibite. Gli stati membri possono richiedere che le informazioni siano rese nelle loro lingue quando il prodotto raggiunge l utente finale.

49 49 Dichiarazione di conformità CE La dichiarazione di conformità deve contenere: il nome e l indirizzo del produttore o di un suo rappresentante autorizzato; Una descirzione del modello adeguata per una identificazione; Se appropriato, i riferimenti degli standard applicati; Se appropriato, altri standard o specifiche applicati; Se appropriato, I riferimenti di altre norme comunitarie relative alla marcatura CE; L identificazione e la firma di persona autorizzata.

50 50 Marcatura CE Il marchio CE é un marchio obbligatorio per I prodotti immessi nel mercato unico (European Economic Area - EEA). Questo marchio assicura che un prodotto rispetta requisiti dell UE relativi a salute e sicurezza, e ambientali. CE significa conformité européenne. L affissione del marchio é a cura del produttote che si assume tutte le responsabilità.

51 51 Caratteristiche della marcatura CE La marcatura CE deve essere apposta in maniera visibile, leggibile e indelebile sull'elettrodomestico e, se del caso, sull'imballaggio. La marcatura CE deve avere un altezza di almeno 5 mm. Se le dimensioni della marcatura CE sono ridotte o ingrandite vanno rispettate le proporzioni del disegno in scala graduata sopra presentato. La marcatura CE va apposta sul prodotto che consuma energia. Nel caso in cui non sia possibile, la marcatura va apposta sull imballaggio e sui documenti di accompagnamento.

52 52 PMI e eco-design Conoscenza dell Ecodesign Competenza limitata o assente (varia nei settori) Conoscenza errata sull impatto (soprattuto economico) Risorse limitate 8th European Forum on Eco- Innovation, Bilbao, Spain April 2010 Making Eco-Innovation happen in Small and Medium-Sized Enterprises Shailendra Mudgal BIO Intelligence Service (FRANCE) Come spingere verso l eco-design Politiche (EuP/ErP, eco-labels, energy labels, GPP, etc.) Leve di mercato (stimolare la richiesta BtoB e dei consumatori, etc.) Leva tecnologica

53 Le PMI e la Direttiva Ecodesign 53 8th European Forum on Eco-Innovation, Bilbao, Spain April 2010 Making Eco-Innovation happen in Small and Medium-Sized Enterprises Shailendra Mudgal BIO Intelligence Service (FRANCE) Riguarda prodotti di massa, no prodotti di nicchia Le PMI possono essere interessate direttamente (in quanto produttori) o indirettamente in quanto fornitori di produttori soggetti. Partecipazione al processo: Preparatory studies fornendo informazioni e dando rispostedurante le consultazioni. Aggiornamento sui futuri regolamenti e sulle future azioni, per es. Rispondendo a questionari, revisionando documenti, partecipando ai meeting, etc. Tramite le associazioni

54 54 Ecodesign Un opportunità per le PMI L approccio sistematico alla comprensione ed al miglioramento delle prestazioni ambientali dei prodotti può portare ad un vantaggio competitivo: Incontrare la domanda del mercato Ridurre i costi in una logica di LCC Prepararsi per futuri regolamenti Cogliere nuove opportunità (es. conoscenza delle nanotecnologie) Implementing eco-design in SMEs Esistono semplici guide e strumenti per l ecodesign e.g. Ecodesign Guide (www.kp.man.dtu.dk/english/research/areas/ecodesign/guide.aspx) Gruppi di lavoro locali e regionali possono dare supporto, e.g. Conferenze, workshops, materiale formativo, pubblicazioni, programmi di tutoraggio consulenti possono anche assistere, e.g. ecodesign-info.eu 8th European Forum on Eco- Innovation, Bilbao, Spain April 2010 Making Eco-Innovation happen in Small and Medium- Sized Enterprises Shailendra Mudgal BIO Intelligence Service (FRANCE)

55 55 Prospettive ErP Uno studio preparatorio è stato lanciato per il per JRC i prodotti che utilizzano acqua Nuovo piano di lavoro in eco-design working per Ottobre 2011 BIO ha dato un primo contributo per il eco-design working plan Ulteriori studi saranno avviati in relazione alla preparazione del piano di lavoro Il consumo di energia e l efficienza energetica sono stati gli obiettivi principali di tutte le categorie finora. Una gamma più ampia di impatto ambientale dovrebbe essere considerata in futuro

56 56 Domande? eco-design: DG ENERGY Energy Efficiency ec.europa.eu/energy/efficiency/ecodesign/eco_design_en.htm DG ENTERPRISE AND INDUSTRY Sustainable Policy ec.europa.eu/enterprise/policies/sustainable-business/sustainableproduct-policy/ecodesign/index_en.htm DG ENVIRONMENT - Environmental Compliance Assistance Programme for SMEs (ECAP) ec.europa.eu/environment/sme/index_en.htm BIO Intelligence Service Eco-design Portal ecodesign-info.eu

57 57 Un po di pratica.. Un primo approccio all ecodesign può prendere inizio dall attenzione ai costi di realizzazione dei prodotti. Quanto dei vostri costi di produzione è connesso alle materie prime, alla componentistica, al consumo d energia e d acqua? Non è facile identificare questi valori per tutta la filiera ma, ad esempio per un produttore di circuiti stampati circa il 20-40% dei costi complessivi di produzione sono imputabili ai materiali ed al consumo energetico. Riducendo al minimo i materiali necessari per unità di prodotto porta a duna riduzione dei costi e rende i prodotti più verdi. Un uso ridotto di sostanze chimiche e una minor varietà di componenti riducono inoltri i costi di logistica interna. Un ulteriore vantaggio connesso all uso del Ecodesign è quello di cambiare la prospettiva di prodotto. La definizione di un prodotto che tenga conto dell aspetto ambientale può portare ad un approccio nuovo e altamente innovativo. L analisi ambientale di un prodotto porta ad una maggior conoscenza della composizione e del funzionamento dei suoi componenti e della sua filiera. Una buona gestione della filiera è un prerequisito per un prodotto di alta qualità.

58 58 Il caso commerciale: TWINflex Già da molti anni il produttore tedesco di circuiti stampati Würth Elektronik aveva cominciato a pensare ad un concetto innovativo di Circuito stampato in modo da rispondere ai futuri requisiti di riciclaggio. Würth sviluppo un circuito stampato con tecnologia MicroVia per mezzo di tecnologia a pellicola con materiali flessibili. La flessibilità sia della forma che delle funzioni rende il TWINflex adatto a circuiti flessibili ad alta densità, semi rigidi e tridimensionali. La scheda di circuito su pellicola può essere montata su un substrato omogeneo di plastica o di metallo. Con TWINflex si separano le funzioni meccaniche da quelle elettroniche del circuito stampato. L uso di sostanze pericolose nella produzione del circuito stampato può essere drasticamente ridotto modificando il processo di fabbricazione. Arrivati alla fine del ciclo di vita si rende possibile la facile separazione dei materiali di substrato dai circuiti, contenenti ad esempio, alte concentrazione di metalli preziosi. Se si tiene conto che in futuro i produttori dovranno sostenere i costi di riciclaggio un innovazione come questa aiuterà a ridurre i costi di trattamento finale e di massimizzare i benefici derivanti dai materiali di recupero.

59 59 Un esempio di attività: TWINflex sviluppato da: Würth Elektronik scheda a circuito stampato con tecnologia MicroVia per mezzo di tecnologia a pellicola con materiali flessibili, come i poliiammidi o i polimeri a cristalli liquidi flessibile nella forma e nella funzione: adatto a circuiti flessibili ad alta densità, circuiti rigidi e circuiti tridimensionali la scheda di circuito su pellicola potrebbe essere montata su un substrato omogeneo di plastica o di metallo

60 60 Perché concentrarsi sulla progettazione vale a dire il design? L approccio tradizionale alla protezione dell ambiente si basa sulla prevenzione dell inquinamento o la gestione dei rifiuti, cioè cura i sintomi senza considerare le cause della malattia. L Ecodesign si concentra su una fase iniziale della catena di valore aggiunto: il processo di sviluppo del prodotto.quindi la filosofia è di progettare gli impatti ambientali al di fuori del prodotto e del processi di fabbricazione. Nonostante la progettazione di per sé sia un processo pulito, determina la maggior parte degli impatti ambientali collegati al prodotto. Una volta che la progettazione generale e stata completata e le tecnologie produttive identificate restano solo possibilità marginali per il miglioramento dell efficienza e le possibilità di riduzione delle emissione sono limitate a misure correttive. Inoltre anche le più sofisticate tecnologie di riciclaggio debbono confrontarsi con quanto è stato deciso in fase di progettazione. In totale circa l 80% di tutti gli impatti ambientali connessi al prodotto sono determinati dalla fase di progettazione. La situazione è la medesima per quanto riguarda i costi complessivi del ciclo di vita. Di conseguenza è di grande importanza considerare gli aspetti ambientali ed economici fin dall inizio quale parte integrante della progettazione del prodotto.

61 61

62 62

63 63 Primo esercizio di Ecodesign Esempio: Caricabatterie ad energia solare Accumulo e fornitura di energia B2C Business to consumer Peso leggero Aspetti ambientali Rendimento energetico (fase di uso!) Progettare per un buon rendimento, spiegare i costi del ciclo di vita, sensibilizzare il consumatore Piccole dimensioni e per utenti a valle: è probabile che finisca tra i rifiuti domestici Perdita di materiali di grande impronta ecologica -> ridurla al minimo! Sostanze pericolose critiche a fine vita -> ridurle al minimo! Implementare strategie di recupero ( take back )

64 64 Esempio: Biglietto di auguri elettronico Utilizzabile una volta sola B2C piccolo Aspetti ambientali Tipico prodotto usa e getta, è probabile che finisca tra i rifiuti domestici o cartacei Perdita di materiali di grande impronta ecologia -> ridurla al minimo! Livello critico delle sostanze pericolose (batteria!) a fine vita -> ridurle al minimo! Controproducente per il riciclaggio della carta -> obiettivo: compatibilità con il riciclaggio della carta

65 65 Esempio: Personal Computer Prodotto di uso frequente (spesso anche sempre acceso ) Molto complesso, il prodotto è prevalentemente elettronico B2C Durata di vita di circa 3-5 anni Aspetti ambientali Rendimento energetico dipende dall hardware e dal software! Aspetto chiave: la produzione Riparabilità Riciclabilità

66 66 Personal computer Per semplificare le cose: analizzeremo solo l energia (energia primaria) come indicatore ambientale Unità centrale senza le periferiche (monitor, mouse, tastiera, ecc.) Produzione: circa 535 kwh Trasporto: 50 kwh (catene di approvvigionamento globali!) Montaggi elettronici: IC: PCB: Passivi / varie: Motori, ventole Sistemazione nel case

67 67 Fase di uso Dipende dalla durata di vita, da come viene usato, dall utilizzo o meno delle modalità a risparmio energetico, dall utilizzo dello standby Esempio: 4 anni di uso medio per un PC Pentium III In totale circa kwh* *Nota: calcolati anche come energia primaria

68 68 Fine Vita ( End-of-life ) Ipotesi: ricliclare al meglio delle conoscenze attuali, recuperare materie prime secondarie (principalmente acciaio, rame, metalli preziosi ed alluminio) Calcolo: vantaggio dalla sostituzione di materiale primario In totale circa 70 kwh Per quale motivo è stata consumata molta meno energia che nella produzione? Logistica del riciclaggio, ma non solo: La fabbricazione di IC non può essere compensata

69 69

70 70 Ingressi possibili dell ecodesign in una Azienda Fabbricazione. Aumento del rendimento Approvvigionamento. Riduzione della varietà degli ausiliari, soppressione dell uso di materiali pericolosi Marketing. Il Verde vende meglio Ricerca e Sviluppo. Creazione di prodotti innovativi Ambiente, Salute e Sicurezza (EHS). Aumento della produzione, miglioramento delle condizioni di lavoro Gestione della qualità. Prodotti affidabili al posto di prodotti usa e getta

71 71 Linee guida per integrare l ecodesign nel processo di sviluppo di un prodotto: ISO/TR 14062:2002 Forniscono concetti e prassi correnti relativi all integrazione di aspetti ambientali nella progettazione e nello sviluppo di un prodotto Obiettivo: Miglioramento dell ecocompatibilità dei prodotti

72 72

73 73 References: [1] DIRECTIVE 2005/32/EC OF THE EUROPEAN PARLIAMENT AND OF THE COUNCIL, 6 July 2005 [2] DIRECTIVE 2009/125/EC OF THE EUROPEAN PARLIAMENT AND OF THE COUNCIL, 21 October 2009 [3] COM(2008) 660 final, COMMUNICATION FROM THE COMMISSION TO THE COUNCIL AND THE EUROPEAN PARLIAMENT, Establishment of the working plan for under the Ecodesign Directive [4] [5]

74 74 Grazie per l attenzione Sogesca srl Via Pitagora 11/a Rubàno (PD) - Italy

PROGETTO SHEEP. L ecodesign

PROGETTO SHEEP. L ecodesign PROGETTO SHEEP L ecodesign Premessa La presente dispensa è stata realizzata nell ambito del progetto SHEEP finanziato dal programma europeo Energie Intelligenti per l Europa. I dettagli sul progetto e

Dettagli

L Ecolabel dell Unione Europea per la Rubinetteria Sanitaria

L Ecolabel dell Unione Europea per la Rubinetteria Sanitaria L Ecolabel dell Unione Europea per la Rubinetteria Sanitaria Il Contesto legislativo europeo e italiano: Criticità e prospettive Novara, 08 novembre 2013 Federata Associazione italiana costruttori valvole

Dettagli

Linee Guida per gli Acquisti Verdi nel settore turistico ricettivo : l esperienza della Provincia di Rimini.

Linee Guida per gli Acquisti Verdi nel settore turistico ricettivo : l esperienza della Provincia di Rimini. Linee Guida per gli Acquisti Verdi nel settore turistico ricettivo : l esperienza della Provincia di Rimini. Rimini, 6 giugno 2008 a cura di Maria Berrini e Emanuela Manca Gli acquisti verdi nel settore

Dettagli

L applicazione della Direttiva ErP presso le piccole e medie imprese: punti di forza e criticità

L applicazione della Direttiva ErP presso le piccole e medie imprese: punti di forza e criticità Ecomondo 2012 LCA in Italia: ricerca, mercato, politiche L applicazione della Direttiva ErP presso le piccole e medie imprese: punti di forza e criticità Prof. Maurizio Cellura Rimini, 7 novembre 2012

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ECO-INNOVAZIONE E COMPETITIVITÀ AMBIENTALE... 3 L APPROCCIO PRO-ATTIVO DELL

Dettagli

CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PER LA SOSTENIBILITÁ. Dr. Michele CRIVELLARO Divisione Ambiente - CSQA Certificazioni

CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PER LA SOSTENIBILITÁ. Dr. Michele CRIVELLARO Divisione Ambiente - CSQA Certificazioni CERTIFICAZIONI AMBIENTALI PER LA SOSTENIBILITÁ Dr. Michele CRIVELLARO Divisione Ambiente - CSQA Certificazioni CONTESTO - SCENARIO STRUMENTI NORMAZIONE E CERTIFICAZIONE 3 FOOD E GHG 4 2001 - LIBRO VERDE

Dettagli

La valenza strategica della gestione ambientale

La valenza strategica della gestione ambientale Camera di Commercio di Ancona La valenza strategica della gestione ambientale 10 marzo 2008, 14.30-18.30 Antonio Tencati Università Bocconi antonio.tencati@unibocconi.it Stefano Pogutz Università Bocconi

Dettagli

L applicazione della Direttiva ErP presso le piccole e medie imprese: punti di forza e criticità

L applicazione della Direttiva ErP presso le piccole e medie imprese: punti di forza e criticità L applicazione della Direttiva ErP presso le piccole e medie imprese: punti di forza e criticità Maurizio Cellura 1 mcellura@dream.unipa.it, Sonia Longo 1, Marina Mistretta 2, Domenico Panno 1 1 Università

Dettagli

Leo Breedveld - 2B 15/07/2008

Leo Breedveld - 2B 15/07/2008 LCA dell agroalimentare Introduzione alla Valutazione del Ciclo di Vita e potenzialità dello strumento nei settori agricolo e agroalimentare Camera di Commercio di Padova Centro Studi Leo Breedveld 15

Dettagli

Un percorso possibile verso Aree Industriali Sostenibili: il modello e il toolkit MEID

Un percorso possibile verso Aree Industriali Sostenibili: il modello e il toolkit MEID Roma, 31 maggio 2013 LE AREE INDUSTRIALI: SOSTENIBILITÀ E COMPETITIVITÀ PER RIPARTIRE - IL PROGETTO MEID ENEA, Via Giulio Romano n. 41 - Roma Un percorso possibile verso Aree Industriali Sostenibili: il

Dettagli

Ambiente e PMI. Dati su PMI. Imola Bedő ECAP Policy Officer 0% 20% 40% 60% 80% 100% 120% 99% %imprese 57% % valore aggiunto. % emissioni industriali

Ambiente e PMI. Dati su PMI. Imola Bedő ECAP Policy Officer 0% 20% 40% 60% 80% 100% 120% 99% %imprese 57% % valore aggiunto. % emissioni industriali Ambiente e PMI Imola Bedő Policy Officer Dati su PMI 0% 20% 40% 60% 80% 100% 120% %imprese 99% % valore aggiunto 57% % emissioni industriali 64% % pensa di non avere impatto 70% %attivo 30% % SGA certificato

Dettagli

Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali

Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali Premi EMAS 2014 Informazioni di base Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali Introduzione Il Premio Europeo EMAS è il riconoscimento più prestigioso

Dettagli

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi Pubblicato il: 2 luglio 2012 Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l'unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.qtimes.it Registrazione

Dettagli

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI.

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Strumenti di eco-innovazione Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Francesca Cappellaro Laboratorio LCA&Ecodesign Bologna, 28 aprile 2010 Contesto

Dettagli

3x3 buone ragioni per Emas. Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale

3x3 buone ragioni per Emas. Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale 3x3 buone ragioni per Emas Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale 1 2 3 4 5 6 7 8 9 INDICE INTRODUZIONE 3X3 BUONE RAGIONI PER EMAS INTRODUZIONE pag. 1 EMAS

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

PROGETTO SHEEP. Perché acquistare prodotti efficienti che consumano meno energia

PROGETTO SHEEP. Perché acquistare prodotti efficienti che consumano meno energia PROGETTO SHEEP Perché acquistare prodotti efficienti che consumano meno energia Premessa La presente dispensa è stata realizzata nell ambito del progetto SHEEP finanziato dal programma europeo Energie

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA NELLE MACCHINE UTENSILI - STATO DELL ARTE E PROSSIMI SVILUPPI. Enrico Annacondia Direzione Tecnica UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE

EFFICIENZA ENERGETICA NELLE MACCHINE UTENSILI - STATO DELL ARTE E PROSSIMI SVILUPPI. Enrico Annacondia Direzione Tecnica UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE EFFICIENZA ENERGETICA NELLE MACCHINE UTENSILI - STATO DELL ARTE E PROSSIMI SVILUPPI Enrico Annacondia Direzione Tecnica UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE Razionale della presentazione Gestione energetica: generalità

Dettagli

LE NUOVE PROCEDURE PER LA SCELTA DELLE TUBAZIONI

LE NUOVE PROCEDURE PER LA SCELTA DELLE TUBAZIONI LE NUOVE PROCEDURE PER LA SCELTA DELLE TUBAZIONI Ing. Marco Piana UNO DEGLI ASPETTI PIÙ SENTITI DAGLI STAKEHOLDER È LA TRASPARENZA DELLE AZIENDE COME AND HAVE A LOOK ROUND! IL CONTESTO CHI COMUNICA A QUALE

Dettagli

Pianificare il cambiamento

Pianificare il cambiamento Pianificare il cambiamento Giorgio Merlante This project is co---financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme Green Economy Pianificare il cambiamento

Dettagli

La qualificazione ambientale. Fabio Iraldo IEFE-Università Bocconi e IdM - Scuola Superiore Sant Anna di Pisa

La qualificazione ambientale. Fabio Iraldo IEFE-Università Bocconi e IdM - Scuola Superiore Sant Anna di Pisa La qualificazione ambientale dei prodotti di cluster Fabio Iraldo IEFE-Università Bocconi e IdM - Scuola Superiore Sant Anna di Pisa Premessa: il ruolo-chiave delle performance ambientali dei prodotti

Dettagli

Servizi a valore aggiunto per l efficienza energetica

Servizi a valore aggiunto per l efficienza energetica Servizi a valore aggiunto per l efficienza energetica Aumenta la tua consapevolezza energetica e riduci i consumi www.siemens.it/efficienzaenergetica Identificare Consulenza energetica Conforme alla ISO

Dettagli

ErP e nuove etichette energetiche

ErP e nuove etichette energetiche ErP e nuove etichette energetiche Tutto quello che devi sapere sull'efficienza energetica dei sistemi di riscaldamento. L energia che accende il futuro ErP e nuove etichette energetiche: il futuro dei

Dettagli

Strumento per le PMI Horizon 2020

Strumento per le PMI Horizon 2020 Strumento per le PMI Horizon 2020 CHE COSA Vengono finanziate solo le PMI, da sole o in partenariato Possono partecipare anche le reti di impresa se possiedono personalità giuridica e se nell insieme delle

Dettagli

GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT

GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT GREEN PUBLIC PROCUREMENT Il Green Public Procurement (GPP) o Acquisti Verdi è una modalità di acquisto, da parte delle pubbliche amministrazioni locali e nazionali,

Dettagli

SISTEMI DI CERTIFICAZIONE LEED E GBC: IL CONTRIBUTO DELLA LANA DI ROCCIA CREATE AND PROTECT

SISTEMI DI CERTIFICAZIONE LEED E GBC: IL CONTRIBUTO DELLA LANA DI ROCCIA CREATE AND PROTECT SISTEMI DI CERTIFICAZIONE LEED E GBC: IL CONTRIBUTO DELLA LANA DI ROCCIA CREATE AND PROTECT I sistemi di rating LEED e GBC I sistemi di rating LEED (Leadership in Energy and Environmental Design) e GBC

Dettagli

Come ridurre l impatto ambientale. ISO 14001

Come ridurre l impatto ambientale. ISO 14001 Come ridurre l impatto ambientale. ISO 14001 ISO 14001 con BSI. I nostri valori per una crescita sostenibile. La nostra conoscenza, la nostra esperienza e la nostra guida, possono fare la differenza per

Dettagli

La razionalità economica di una politica dell efficienza energetica

La razionalità economica di una politica dell efficienza energetica La razionalità economica di una politica dell efficienza energetica Arturo Lorenzoni Università degli Studi di Padova Cantiere Efficienza, Padova 17 novembre 2014 DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE

Dettagli

Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena"

Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 Terre di Siena Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena" Secondo il WBCSD (World Business Council for Sustainable Development),

Dettagli

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI REGIONE MARCHE LEGGE 598/94 ART. 11 INNOVAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI SOGGETTI BENEFICIARI Piccole e medie imprese con unità produttiva ubicata nella Regione Marche PROGETTI AGEVOLABILI 1) Progetti relativi

Dettagli

La soluzione per il risparmio elettrico in un condominio. Molto più di semplici pompe

La soluzione per il risparmio elettrico in un condominio. Molto più di semplici pompe La soluzione per il risparmio elettrico in un condominio Molto più di semplici pompe Hai già pensato a come abbattere i costi elettrici? Molto più di semplici pompe Ti sei mai chiesto quanto incide il

Dettagli

Il Piano d Azione Nazionale per il GPP

Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Aalborg Commitments e Turismo Sostenibile: idee progetti iniziative delle destinazioni turistiche italiane Venerdì 6 giugno 2008 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Direzione Salvaguardia Ambientale

Dettagli

Raccogliere e riciclare in qualità e quantità per realizzare una gestione veramente sostenibili dei rifiuti

Raccogliere e riciclare in qualità e quantità per realizzare una gestione veramente sostenibili dei rifiuti Raccogliereericiclareinqualitàequantitàperrealizzareunagestioneveramente sostenibilideirifiuti UmbertoArena ProfessoreordinariodiImpiantidiTrattamentodeirifiutisolidi DipartimentodiScienzeAmbientali SecondaUniversitàdiNapoli

Dettagli

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014 2020

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014 2020 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014 2020 2020 OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE ENERGETICO Como Lecco; 5 Dicembre 2013 Paolo Bonardi, EURODESK Bruxelles Bando per l energia l efficiente EE1 Building

Dettagli

Valutare la sostenibilità dell integrato: il ruolo della certificazione. Giuseppe Garcea e Fabrizio Piva CCPB srl

Valutare la sostenibilità dell integrato: il ruolo della certificazione. Giuseppe Garcea e Fabrizio Piva CCPB srl Valutare la sostenibilità dell integrato: il ruolo della certificazione Giuseppe Garcea e Fabrizio Piva CCPB srl Piacenza, 22 Novembre 2013 Agricoltura e Sostenibilità Perchè l agricoltura ha la necessità

Dettagli

Progetti di innovazione tecnologica nel settore chimico in ambito Europeo

Progetti di innovazione tecnologica nel settore chimico in ambito Europeo Progetti di innovazione tecnologica nel settore chimico in ambito Europeo C. Brunori, F. D Amico Unità Tecnica per le Tecnologie Ambientali ENEA 3 a Conferenza Nazionale sul Regolamento REACH Roma, 14

Dettagli

Strumenti di eco-innovazione. Introduzione all ecodesign. Bologna, 28 aprile 2010. Francesca Cappellaro

Strumenti di eco-innovazione. Introduzione all ecodesign. Bologna, 28 aprile 2010. Francesca Cappellaro Strumenti di eco-innovazione Introduzione all ecodesign Francesca Cappellaro Bologna, 28 aprile 2010 Programma Perchè l eco design Che cos è l eco design Strategie di eco design Uno strumento di supporto

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

La nuova direttiva sull'efficienza energetica. Paolo Bertoldi

La nuova direttiva sull'efficienza energetica. Paolo Bertoldi La nuova direttiva sull'efficienza energetica Paolo Bertoldi L utilizzo dell energia è una fonte importante di emissioni Parte dei gas ad effetto serra 2008 Agricoltura 10% Industria 8% Rifiuti 3% Energia

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

2 Workshop della Rete Italiana LCA Sviluppi dell LCA in Italia: percorsi a confronto

2 Workshop della Rete Italiana LCA Sviluppi dell LCA in Italia: percorsi a confronto UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Industriale 2 Workshop della Rete Italiana LCA Sviluppi dell LCA in Italia: percorsi a confronto LCA in edilizia: criticità

Dettagli

Bologna, 21 gennaio 2009 R. Raffaelli

Bologna, 21 gennaio 2009 R. Raffaelli Bologna, 21 gennaio 2009 R. Raffaelli va letto tramite CRITERI OGGETTIVI che si esprimono nelle Certificazioni/Strumenti individuati dal VI programma d Azione per l Ambiente UE (2002 2012) e e dalla Nuova

Dettagli

delle tecnologie energetiche sostenibili

delle tecnologie energetiche sostenibili Università di Palermo Dipartimento dell Energia LCA : strumento di valutazione delle tecnologie energetiche sostenibili Prof. Maurizio Cellura Tel. 091.23861931; email:mcellura@dream.unipa.it; Quadro energetico

Dettagli

TRANSFORMation Dialogue

TRANSFORMation Dialogue TRANSFORMation Dialogue Genova 16 & 17.06.2014 Smart cities Horizon2020 e oltre Simona Costa IL CONTESTO: perché le città? ~70%della popolazione europea ~70%di concentrazione di consumo energetico ~75%gas

Dettagli

Mini corso: Storia ed esempi LCA (15 ) BEST UP

Mini corso: Storia ed esempi LCA (15 ) BEST UP Mini corso: Storia ed esempi LCA (15 ) BEST UP settimana milanese del design 18-23 aprile 2007 Leo Breedveld Esperto LCA Tel: 041-5947937 - breedveld@to-be.it Uno dei primi studi di LCA Life Cycle Assessment

Dettagli

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS CARBON FOOTPRINT ANALYSIS PROFILO AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia. Accreditata come ESCo (Energy Service Company), analizza

Dettagli

BUY SMART. Acquisti e Protezione dell Ambiente

BUY SMART. Acquisti e Protezione dell Ambiente BUY SMART Acquisti verdi per prodotti eco-efficienti Acquisti e Protezione dell Ambiente Linee guida per l acquisto di beni e servizi secondo criteri di efficienza energetica e protezione dell ambiente

Dettagli

Riciclo e recupero dell alluminio

Riciclo e recupero dell alluminio Capitolo 13 Riciclo e recupero dell alluminio 13.1. Alluminio e sviluppo sostenibile È sviluppo sostenibile quello in grado di soddisfare i bisogni delle generazioni attuali senza compromettere la capacità

Dettagli

Strumenti e opportunità per la valorizzazione dell Impronta Ambientale dei prodotti

Strumenti e opportunità per la valorizzazione dell Impronta Ambientale dei prodotti Strumenti e opportunità per la valorizzazione dell Impronta Ambientale dei prodotti Fabio Iraldo IEFE-Università Bocconi e IdM - Scuola Superiore Sant Anna di Pisa Il punto di partenza è una definizione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Efficienza Energetica: problematiche, possibilità,, sviluppi Marcello Capra Dipartimento per l Energia FAST, Fiera di Milano 26 maggio 2009 Il quadro di riferimento nazionale

Dettagli

I Progetti di Responsabilità Sociale d Impresa della Provincia di Modena

I Progetti di Responsabilità Sociale d Impresa della Provincia di Modena Milano, 24 settembre 2008 I Progetti di Responsabilità Sociale d Impresa della Provincia di Modena Anna Bernardi, U.O. Industria, Artigianato e Servizi Elisa Rossi, U.O. Sviluppo Sostenibile e Agenda 21

Dettagli

I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi. Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015

I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi. Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015 I vantaggi ambientali, sociali ed economici del recupero degli imballaggi Presidente CONAI Roberto De Santis Verona, 16 giugno 2015 CONAI, il Consorzio Nazionale Imballaggi Riferimenti normativi: D.Lgs

Dettagli

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment Forum Internazionale degli Acquisti Verdi terza edizione - Fiera di Cremona, 8-10 ottobre 2009 www.forumcompraverde.it IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI

Dettagli

Le politiche dell Unione Europea per il risparmio energetico

Le politiche dell Unione Europea per il risparmio energetico Le politiche dell Unione Europea per il risparmio energetico Gianluca Ruggieri Dipartimento Ambiente-Salute-Sicurezza Università degli Studi dell'insubria LA LUCE CAMBIA! Varese 14 Dicembre 2010 Da qui

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE: NUOVE OPPORTUNITA PER LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO

RICERCA E INNOVAZIONE: NUOVE OPPORTUNITA PER LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO RICERCA E INNOVAZIONE: NUOVE OPPORTUNITA PER LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONE MARCHE, P.F. Innovazione, Ricerca e competitività dei settori produttivi POR MARCHE FESR 2014-2020 ASSE 1 AZIONE

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

F&B PACKAGING. Food and Beverage Packaging I punti chiave

F&B PACKAGING. Food and Beverage Packaging I punti chiave F&B PACKAGING Food and Beverage Packaging I punti chiave PREMESSA La presente linea guida fornisce indicazioni generali sulle questioni fondamentali che caratterizzano la filiera del packaging, con un

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL PREMIO La Sardegna verso la green economy

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL PREMIO La Sardegna verso la green economy ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE Direzione Generale dell Ambiente Servizio della Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti e Sistemi Informativi (SAVI) AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL

Dettagli

Attrezzature informatiche: Criteri Chiave Procura + Versione Estesa

Attrezzature informatiche: Criteri Chiave Procura + Versione Estesa Attrezzature informatiche: Criteri Chiave Procura + Versione Estesa 1 INTRODUZIONE 1 2 CRITERI CHIAVE PROCURA + ATTREZZATURE INFORMATICHE 3 3 ULTERIORI SUGGERIMENTI 4 4 PRINCIPALI ETICHETTE PRODOTTO 8

Dettagli

Novità e implicazioni della nuova ISO 14001: l'analisi e le riflessioni del Gruppo di Lavoro Qualità Ambientale

Novità e implicazioni della nuova ISO 14001: l'analisi e le riflessioni del Gruppo di Lavoro Qualità Ambientale Novità e implicazioni della nuova ISO 14001: l'analisi e le riflessioni del Gruppo di Lavoro Qualità Ambientale Michela Melis - IEFE Università Bocconi Alberto Riva - Gdl Qualità Ambientale, Assolombarda

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

Lo strumento PMI di Horizon 2020

Lo strumento PMI di Horizon 2020 Lo strumento PMI di Horizon 2020 Regole per la sottomissione REGOLE DI PARTECIPAZIONE Il Regolamento EU N. 1290/2013, articolo 53, stabilisce che solo le PMI possono partecipare alle call pubblicate nell

Dettagli

DNV Business Assurance

DNV Business Assurance DNV Business Assurance Sicurezza alimentare e Sostenibilità: la sfida nel packaging Marco Omodei Salè AIBO: Desenzano del Garda 27 giugno 2013 Agenda Chi è DNV Business Assurance Scenario Food Supply Chain

Dettagli

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI Prof. Ing. Cesare Saccani DIEM - Università degli

Dettagli

Criteri dell'ue per i GPP in materia di apparecchiature per la riproduzione di immagini

Criteri dell'ue per i GPP in materia di apparecchiature per la riproduzione di immagini Criteri dell'ue per i GPP in materia di apparecchiature per la riproduzione di immagini Gli appalti pubblici "verdi" (public procurement, GPP) costituiscono uno strumento di carattere volontario. Il presente

Dettagli

SME Instrument. Silvi Serreqi "COSME A1" UNIT EASME

SME Instrument. Silvi Serreqi COSME A1 UNIT EASME SME Instrument Silvi Serreqi "COSME A1" UNIT EASME 1 Obiettivi e approccio Misura specifica dedicata alle PMI nel quadro di H2020 (budget 2014-2020 circa 3mld) Obiettivo: collocare le PMI al centro del

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

Dalla diagnosi energetica alla riduzione dei costi energetici nell industria 23 ottobre 2015, Brescia

Dalla diagnosi energetica alla riduzione dei costi energetici nell industria 23 ottobre 2015, Brescia Dalla diagnosi energetica alla riduzione dei costi energetici nell industria 23 ottobre 2015, Brescia Intervento CertiNergia: Casi concreti: dagli audit alle soluzioni integrate per ridurre i costi e recuperare

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

da misura e gestione delle performance ambientali a comunicazione certificata eccellenza: basata sul confronto tramite l informazione

da misura e gestione delle performance ambientali a comunicazione certificata eccellenza: basata sul confronto tramite l informazione 1 Strumenti Volontari evoluzione dal 2003 da misura e gestione delle performance ambientali certificazione di gestione: miglioramento continuo a comunicazione certificata eccellenza: basata sul confronto

Dettagli

RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI

RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI RAPPORTO SOSTENIBILITÀ 2014 SINTESI ci prendiamo cura dell ambiente in cui viviamo e abbiamo i numeri per farlo GLI OBIETTIVI DI ECODOM Eccellenza ambientale, efficienza operativa ed economica sono i

Dettagli

Come risparmiare sulla bolletta elettrica

Come risparmiare sulla bolletta elettrica Come risparmiare sulla bolletta elettrica Hai già pensato a come abbattere i costi elettrici? Ti sei mai chiesto quanto incide il consumo dei circolatori sui costi elettrici della tua bolletta? Molti impianti

Dettagli

Risparmio ed efficienza per l Università

Risparmio ed efficienza per l Università Risparmio ed efficienza per l Università Arturo Lorenzoni Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Torino 4 giugno 2014 DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE L intervento in sintesi

Dettagli

Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013

Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013 Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013 Relazione fra ambiente e sistema economico Principali cause dell insostenibilità

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 13 Il contributo è altresì cumulabile con le agevolazioni che non siano qualificabili come aiuti di stato ai sensi 4. TIPOLOGIA E VALORE DEL VOUCHER 7. IMPORTO VOUCHER o strumento dei 20.000,00 per le

Dettagli

Costi energetici in aumento? Lo standard ISO 50001 li tiene sotto controllo.

Costi energetici in aumento? Lo standard ISO 50001 li tiene sotto controllo. Costi energetici in aumento? Lo standard ISO 50001 li tiene sotto controllo. Fate il pieno di BSI. Il nostro know-how può trasformare la vostra azienda. Per oltre un secolo abbiamo combattuto la resistenza

Dettagli

GIANFRANCO CARBONATO. Presidente Confindustria Piemonte. Torino, 16 giugno 2014

GIANFRANCO CARBONATO. Presidente Confindustria Piemonte. Torino, 16 giugno 2014 GIANFRANCO CARBONATO Presidente Confindustria Piemonte Torino, 16 giugno 2014 IL PIEMONTE E LA SUA INDUSTRIA La manifattura Dati 2013 23,8% nel 2007 Fonte dati: Centro Studi Confindustria Piemonte Il Piemonte

Dettagli

Il Green Public Procurement in Puglia: l esempio dei comuni di Terlizzi e di Mola di Bari

Il Green Public Procurement in Puglia: l esempio dei comuni di Terlizzi e di Mola di Bari Il Green Public Procurement in Puglia: l esempio dei comuni di Terlizzi e di Mola di Bari Antonella Lomoro alomoro@eco-logicasrl.it, Patrizia Milano, Massimo Guido, Claudia Attanasio ECO-logica S.r.l.

Dettagli

Presentazione Generale

Presentazione Generale Presentazione Generale Milano, Maggio 2015 info@svreporting.com Servizi Se vuoi cambiare il modo di pensare di qualcuno, lascia perdere; non puoi cambiare come pensano gli altri. Dai loro uno strumento,

Dettagli

La filiera Smart nel quadro delle politiche europee per l efficienza e l innovazione

La filiera Smart nel quadro delle politiche europee per l efficienza e l innovazione La filiera Smart nel quadro delle politiche europee per l efficienza e l innovazione Marcello Capra DG MEREEN Fondazione Ugo Bordoni - Roma, 25 marzo 2015 European investments in smart grids 2 Lo sviluppo

Dettagli

Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy

Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy n. 022 - Martedì 31 Gennaio 2012 Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy Questo breve report dell Agenzia Europea per l'ambiente prende in esame il ruolo del riciclo nella

Dettagli

Attività,, progetti e servizi

Attività,, progetti e servizi Attività,, progetti e servizi Via Principe Tommaso, 41 10125 Torino Italia Tel: 011/6599677 Fax: 011/3719330 www.studiofieschi.it info@studiofieschi.it INDICE Presentazione dello studio Pag. 1 6 Pag. 7

Dettagli

RECUPERARE, RICICLARE, RIUTILIZZARE

RECUPERARE, RICICLARE, RIUTILIZZARE Valutazione di mercato e potenziale di sviluppo del fine vita dell EPS settore packaging: RECUPERARE, RICICLARE, RIUTILIZZARE 30 novembre 2010 Simona Taborelli Life Cycle Engineering INQUADRAMENTO NORMATIVO

Dettagli

VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Ciclo di convegni SOSTENIBILITA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI 18 giugno 2014 Organizza In collaborazione con Con il patrocinio di In cooperazione

Dettagli

LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI. Carta d identità al 31 dicembre 2010. Italia 5.502 Regno Unito 1.534 Stati Uniti 2.276 Altri Paesi 2.874 Totale 12.

LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI. Carta d identità al 31 dicembre 2010. Italia 5.502 Regno Unito 1.534 Stati Uniti 2.276 Altri Paesi 2.874 Totale 12. LA GESTIONE DEGLI ACQUISTI Trasferiamo valore economico nella catena di fornitura acquistando volumi consistenti di beni e servizi. Promuoviamo la collaborazione e l efficienza nella catena della fornitura;

Dettagli

Supply Chain Management

Supply Chain Management Supply Chain Management Cosa è la Supply chain "il Supply Chain Management è un approccio integrato, orientato al processo per l'approvvigionamento, la produzione e la consegna di prodotti e servizi ai

Dettagli

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY IL VALORE DELLA FIDUCIA STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY SOSTENIBILITA La sostenibilità rappresenta una grande opportunità per le imprese,

Dettagli

L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale

L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale Simone Cencetti Environment, Health and Safety Fiat Group Automobiles 20 Novembre, 2010 Il Gruppo Fiat

Dettagli

2. REGOLAMENTO (CE) N. 244/2009 DELLA COMMISSIONE Misura di implementazione per le lampade non direzionali di uso domestico (Domestic Lighting Part 1)

2. REGOLAMENTO (CE) N. 244/2009 DELLA COMMISSIONE Misura di implementazione per le lampade non direzionali di uso domestico (Domestic Lighting Part 1) Versione aggiornata a Marzo 2011 INDICE 1. CHE COS È LA DIRETTIVA ECO-DESIGN? 2. REGOLAMENTO (CE) N. 244/2009 DELLA COMMISSIONE Misura di implementazione per le lampade non direzionali di uso domestico

Dettagli

Il progetto Energy Saving Omron. Roma, 21 Marzo 2013 Marco Viganò

Il progetto Energy Saving Omron. Roma, 21 Marzo 2013 Marco Viganò Il progetto Energy Saving Omron Roma, 21 Marzo 2013 Marco Viganò Introduzione Il tema del Risparmio Energetico è diventato di grande interesse a causa dei problemi legati alla dipendenza energetica nazionale

Dettagli

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi:

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi: Analisi di Prodotto Scheda 1/10 Analisi i inizialei i dei processi Aziendali ambientale secondo operativa 15033 Introduzione: L Analisi (AAI) è una dettagliata e metodica indagine dello stato dell Organizzazione

Dettagli

SELEZIONE DOCENTI PER CORSO

SELEZIONE DOCENTI PER CORSO SELEZIONE DOCENTI PER CORSO TECNICO SUPERIORE PER IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA SOSTENIBILE e TECNICO SUPERIORE PER LA GESTIONE E LA VERIFICA DI IMPIANTI ENERGETICI Il Comitato Tecnico Scientifico

Dettagli

I.P. SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. Guardate il video. www.mondigroup.com/gogreen. Europe & International

I.P. SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. Guardate il video. www.mondigroup.com/gogreen. Europe & International I.P. Europe & International LA storia VErA degli IMBALLAGGI VErdI SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. /gogreen Guardate il video Una storia vera Affermazioni green Fatti green Green Range L IMBALLAGGIO

Dettagli

Calabria 4 e 5 novembre 2009

Calabria 4 e 5 novembre 2009 SEMINARIO FORMATIVO: IL GREEN PUBLIC PROCUREMENT Calabria 4 e 5 novembre 2009 Dr.ssa Monica Giusto Consulente Ambientale SOMMARIO Definizione GPP Obiettivi GPP Normativa europea Normativa italiana PAN

Dettagli

LCA di caldaie a condensazione nell ambito delle Direttiva EuP 1

LCA di caldaie a condensazione nell ambito delle Direttiva EuP 1 LCA di caldaie a condensazione nell ambito delle Direttiva EuP 1 Marzia Tremonti 2, Leo Breedveld 2, Gianfranco Padovan 3, Simone Bosio 4, Marco Corsini 4 AMBIENTE Abstract In the light of the EuP Directive

Dettagli

23/11/2011. Titolo sezione 1. Agenda. La certificazione ambientale di prodotto LCA & EPD: dall Analisi all Azione

23/11/2011. Titolo sezione 1. Agenda. La certificazione ambientale di prodotto LCA & EPD: dall Analisi all Azione La certificazione ambientale di prodotto LCA & EPD: dall Analisi all Azione Laura Marchelli Barilla HSE&E Manager Agenda 1 Lo strumento LCA e i KPI utilizzati 2 Il percorso verso la sostenibilità 3 Obiettivi

Dettagli

IL RUOLO DEGLI INSTALLATORI ALLA LUCE DELLE NUOVE NORMATIVE EUROPEE SU EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI RINNOVABILI

IL RUOLO DEGLI INSTALLATORI ALLA LUCE DELLE NUOVE NORMATIVE EUROPEE SU EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI RINNOVABILI Progetto SHEEP www.aplusplus.eu IL RUOLO DEGLI INSTALLATORI ALLA LUCE DELLE NUOVE NORMATIVE EUROPEE SU EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI RINNOVABILI Bologna, 5 aprile 2012 Seminario di approfondimento organizzato

Dettagli

Bilancio Sociale 2013

Bilancio Sociale 2013 Bilancio Sociale 2013 Allegato Ambiente & Energy Management Colophon Coordinamento: Valentina Cicinelli Editing: Linda Patumi Grafica: Marco Binelli, Tadzio Malvezzi Foto: ActionAid, G.M.B. Akash/Panos/ActionAid,

Dettagli

Comune di Ferrara. Progetto PRO-EE. Work Package 3 Joint Procurement Schemes

Comune di Ferrara. Progetto PRO-EE. Work Package 3 Joint Procurement Schemes Comune di Ferrara Progetto PRO-EE Work Package 3 Joint Procurement Schemes Sintesi delle principali tipologie di joint procurement e delle possibili forme di finanziamento Cremona, 10 ottobre 2008 Forum

Dettagli

Sviluppata nel rispetto della natura.

Sviluppata nel rispetto della natura. Future Paper Sviluppata nel rispetto della natura. Seriously 2 Seriously Future ama la natura. IL CICLO DI VITA SANO Un ciclo di vita sano della carta è un impegno comune in cui tutti devono dare il proprio

Dettagli