IN CORSO. Milano cambia. Il volto avveniristico di Porta Nuova Varesine. Opinioni e notizie in CMB NUMERO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IN CORSO. Milano cambia. Il volto avveniristico di Porta Nuova Varesine. Opinioni e notizie in CMB NUMERO"

Transcript

1 IN CORSO Opinioni e notizie in CMB Milano cambia Il volto avveniristico di Porta Nuova Varesine 19 NUMERO Periodico trimestrale di opinioni e notizie - Anno V. N 19 - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - DCB MO.

2 INDICE / COLOPHONE A 05 / N 17 / P 02 INDICE / COLOPHONE A 05 / N 19 / P 02 IN QUESTO NUMERO IN QUESTO NUMERO IN CORSO Scripta IN CORSO PAG. 5 / PRIMO PIANO PAG. 5 / INTERVENTO IN DETTAGLIO Scripta manent manent Parola di verbale. Parola di verbale. "Il Presidente informa che è stata vinta la gara dell'ospedale di Crotone Il Segretario, dice che, come da Le altre gare cui si è partecipato incarico avuto dal Consiglio, e dopo e di cui si conosce l'esito sono state attento esame dello Statuto, per perdute Presidente e Vice Presidente quanto riguarda i soci impiegati, si riferiscono al Consiglio sullo stato di potrebbe modificare l art.7 alla voce disagio in cui si trovano gli operai di decadenza, in modo che il nuovo Carpi a Milano per quanto riguarda articolo dicesse così: a) quando abbia i viaggi. Siccome ora ci sono due cessato di esercitare l arte muraria o cantieri: uno a Milano Gallaratese affine, escluso il caso in cui al socio per e uno a Monza, con la previsione di studio o capacità venisse riconosciuta aprirne poi un altro a Pieve Emanuele, la qualifica di impiegato tecnico od essi vanno a sostenere, pro capite, amministrativo. In tale caso potrà una spesa di molto superiore a quella mantenere la sua posizione di socio. da loro sostenuta in passato". Tratto dal Verbale Tratto del Consiglio dal Verbale Direttivo del della Consiglio Cooperativa Direttivo Muratori della 27 agosto Cooperativa 1962 Muratori 29 maggio 1967 Livorno, tutto un altro porto Milano cambia Un waterfront d eccellenza, e il futuro a portata di mano. Il volto avveniristico di Porta Nuova Varesine. PAG. 9 / PRIMO PIANO / APPROFONDIMENTO PAG. 10 / NUOVE PROSPETTIVE Waterfront, tra terra e mare Tutti gli occhi sull'estero I mercati cambiano. E anche Cmb. PAG. 13 / SETTORE OSPEDALIERO PAG. 13 / NUOVO CORSO Orizzonte Puglia La cooperativa pianta i cantieri in una regione complessa, ma Cambio in grado di offrire di interessanti passo prospettive di sviluppo. Necessario innovare e diversificare le strategie di investimento. PAG. 16 / NUOVE NORME PAG. 20 / EDILIZIA PUBBLICA 10 in condotta Il carcere modello Uno strumento per riconoscere i diritti di ciascuno e prevenire la discriminazione. Inaugurato a Trento, con 365 giorni di anticipo rispetto ai tempi contrattuali. PAG. 18 / MERCATO PAG. 22 / IMPEGNO GLOBALE Chi sale e chi scende Essere donna in Malawi La Classifica 2010 del mensile "Costruire" Racconto di viaggio di Flavia Bissoli. Opinioni e notizie in CMB Opinioni e notizie in CMB NUMERO NUMERO IN CORSO Anno incorso V. N 18 Periodico trimestrale di opinioni e notizie Periodico trimestrale di opinioni e notizie Direttore Anno V. responsabile: N 19 Paolo Zaccarelli Segretaria di redazione: Francesca Martinelli Direttore responsabile: Paolo Zaccarelli Spedizione Redazione: in Francesca Abbonamento Martinelli, Postale Paolo Andreoli, - 70% - DCB Sara MO Lelii,. Luca Padovano, Proprietario: Federico Sarti CMB Società Cooperativa Via Contatti: Carlo Marx, Martinelli. 101, CARPI (MO). Registrato Spedizione al Tribunale in Abbonamento di Modena il 26/06/2006 con Postale il n % - DCB MO. Progetto Proprietario: grafico: CMB hicadv Società Cooperativa Stampa: Via Carlo Nuova Marx, Grafica 101, CARPI (MO). Registrato al Tribunale di Modena il 26/06/2006 con il n Progetto grafico: hicadv Stampa: Nuovagrafica IN CORSO on-line Puoi scaricare questo incorso on-line e gli altri numeri all'indirizzo: Puoi scaricare questo e gli altri numeri all'indirizzo: comunicazione_houseorgan. Codice php?categoria=house alfanumerico Ecco cosa significano i codici in Codice testa ad alfanumerico ogni pagina A Ecco = anno cosa di significano pubblicazione i codici N in = testa numero ad ogni della pagina rivista P A = = numero anno di di pubblicazione pagina N = numero della rivista P = numero di pagina Collaborazioni incorso Oltre a personale interno CMB, la redazione di incorso si avvale di collaboratori alcuni esterni IRENE RUSSO Copywriter dell'agenzia Hicadv, aaaa bbbb ccccc, suo l'articolo a pag.9 PAOLO LORENZI Fotografo professionista dal 19XX, e accanito sostenitore del Modena Calcio. I suoi scatti corredano l'articolo su l'autostrada A28 alle pag. 20, 21 e 22 CAMBIO DI PASSO Assemblea dei soci CMB Il servizio a pagina 13 PAG. 20 / AUTOSTRADE Prossima uscita Conegliano Veneto L autostrada A28 è destinata a cambiare in meglio la mobilità in un area ad alta densità abitativa e di traffico. RUBRICHE IN CORSO PAG. 3 / CORREVA L ANNO Millenovecentoventotto RUBRICHE IN CORSO PAG. 4 / CARTA BIANCA Dalla redazione di Incorso PAG. 3 / CORREVA L ANNO Millenovecentosessantanove PAG. 10 / PAGINE I.T. Il sistema che cambia PAG. 18 / PAGINE I.T. Il sistema che cambia PAG. 12 / INCURSIONI Il mondo oltre CMB PAG. 23 / BREVI MA INTENSE Notizie flash dalle sedi CMB PAG. 12 / INCURSIONI Il mondo oltre CMB PAG. 23 / BREVI MA INTENSE News dalla nostra cooperativa Il marchio della gestione Stampato forestale su cartacertificata responsabile FSC proveniente da foreste gestite in maniera corretta e responsabile secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici. Per info: TERNO AL LOTTO TERNO AL LOTTO Gioca i nostri numeri Gioca i nostri numeri Personale CMB impegnato nel 25 cantiere dell'autostrada A28 I nuovi consiglieri 2 Percentuale 32 ai vertici CMB di donne soci Milioni di persone registrate Gli su incontri Facebook nella prima fase del progetto "Linneo" Piani del "Diamantone", la 30 torre delle ex Varesine

3 STORIA / MAESTRA DI VITA A 05 / N 19 / P 03 Correva l anno Immagini da un altro secolo A cura di: Francesca Martinelli 1969 Crotone, viadotto di ingresso delle Ferrovie dello Stato. Alla fine degli anni Sessanta la Cooperativa Muratori fa rotta verso il Meridione. Fra gli altri progetti anche l'ospedale di Crotone (1972). La nuova parola d ordine: ampliare i territori e dedicarsi alle grandi opere complesse.

4 ORGANIGRAMMA / CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI A 05 / N 19 / P 04 Novità ai vertici Nella seduta del Consiglio di Amministrazione dello scorso 15 marzo sono stati nominati i nuovi dirigenti ai vertici di CMB, come stabilito nell'assemblea dei Soci del 26 febbraio e in base al percorso di sviluppo organizzativo delineato dal Piano Industriale. L'ing. Roberto Davoli è stato nominato Consigliere Delegato e Direttore della Divisione Centrale, subentrando in tale ruolo a Carlo Zini. L'arch. Antonio Borruso è stato nominato Consigliere Delegato e Direttore della Divisione Lazio, subentrando a Luigi Francesco Mancini che, compiuti 65 anni, ha rassegnato le dimissioni dalla carica. Il dott. Aldo Tognetti, Consigliere Delegato e Direttore della Divisione Lombardia, è stato nominato Vice Presidente della cooperativa. Il Consiglio di Amministrazione, a nome di tutti i Soci, formula i migliori auguri di buon lavoro ai dirigenti neoeletti ed esprime un sentito e caloroso ringraziamento al Vice Presidente Mancini per l'impegno, la professionalità e il grande senso di responsabilità profusi in oltre trent'anni di attività. Cambia la governance di CMB Roberto Davoli nasce 49 anni fa a Correggio (RE) sotto il segno dell'acquario. Fin da ragazzo dimostra una grande passione per gli studi; frequenta il Liceo Classico della sua città, che termina con ottimi risultati. Ottenuto il diploma, decide di proseguire iscrivendosi al corso di Ingegneria, prima al biennio dell'università di Modena, poi a Bologna, dove nel marzo 1987 si laurea presso la facoltà di Ingegneria Civile a indirizzo edile. Nel settembre del 1987, appena conclusi gli studi, viene assunto in CMB e dopo una breve gavetta come assistente tecnico diventa Direttore di Cantiere per opere infrastrutturali in Divisione Sede e successivamente Responsabile di Commessa nel settore immobiliare. Appena ottenuti i requisiti, nel 1989 si fa socio della cooperativa. Dal 1992 ottiene anche il ruolo di Responsabile del Punto Vendita e dei Reparti produttivi cemento, marmo e impianti. È allora che viene eletto per la prima volta, a 30 anni, Consigliere d Amministrazione di CMB. Nel 1995 sposa la sua fidanzata storica, Monica, sua concittadina e artista figurativa, dalla quale nel 1996 ha il figlio Alessandro. Dal marzo del 1995, grazie alla qualifica di Direttore Tecnico, risulta iscritto all'albo Nazionale dei Costruttori. Nel 1997, a soli 35 anni, dopo la fusione tra l ex Divisione Sede e la ex Divisione Grandi Lavori viene chiamato dal Presidente Zini a guidare come Capo Progetto le commesse dell'area Sede, in collaborazione con l Ing. Bonfatti, Responsabile Tecnico della neonata Divisione Centrale. Da allora l Area si è sviluppata contribuendo alla crescita della Divisione, che nel 2009 arriva a fatturare oltre 290 milioni di euro. Nello stesso anno viene avviato un nuovo percorso che porta all identificazione, all interno della Divisione, delle due aree Corporate e Divisionale, ciascuna dotata di ampie deleghe datoriali sotto la guida unitaria del Presidente Zini, Direttore di Divisione e presidente della ANCPL. Davoli dirige l area Divisionale; in questi ultimi anni assume anche altre cariche di amministratore in società consortili nel settore costruzioni e in alcune nuove società immobiliari e di progetto, dove subentra allo stesso Zini e al Consigliere Delegato Ruben Saetti. Nel marzo 2011, dopo oltre 23 anni trascorsi in CMB e grazie alla fase di ricambio generazionale in atto in cooperativa, viene nominato Direttore della Divisione Centrale e Consigliere Delegato di CMB. Roberto ha la passione per l arte e, in particolare, per l architettura contemporanea. Antonio Borruso nasce 56 anni fa a Castrovillari (CS), il comune più grande del Parco Nazionale del Pollino sull'appennino Calabro-Lucano. Frequenta il Liceo Scientifico Statale del suo paese. Fin da ragazzo il suo sogno è quello di costruire cose nuove utili alla collettività. Antonio si trasferisce a Roma per proseguire gli studi e lavorare. Nel 1981 si laurea in Architettura all'università La Sapienza con una tesi in urbanistica e pianificazione territoriale. Dal 1981 al 1987 comincia un percorso lavorativo come Capo Cantiere e poi come Direttore di Cantiere per la Cooperativa CIMA e Edilfornaciai, per cui si dedica a iniziative immobiliari promosse da cooperative di abitazione e si occupa di edilizia scolastica e sociale per il Comune di Roma. Nel 1983 si sposa con Elisabetta e nel 1986 ha un figlio, Ivan. Nel 1987 viene assunto in CMB, prima con il ruolo di Direttore di Cantiere per il cantiere SVEBO, poi di Responsabile di Commessa, Capo Progetto e Direttore Tecnico nell'ambito dell'edilizia pubblica, immobiliare, commerciale e successivamente anche infrastrutturale. Negli ultimi anni, a Roma, ha seguito lavori importanti come l'ospedale San Camillo, la realizzazione delle nuove degenze della Fondazione Santa Lucia, il primo lotto della Stazione Termini di Roma, il project financing Nuovo Mercato Andrea Doria, la costruzione del padiglione D dell'ospedale San Filippo Neri e dei lavori di riqualificazione della Stazione Centrale di Napoli e dell Ospedale di Altamura. Dal 2008 segue la realizzazione della Nuova Tangenziale Tiburtina di Roma, tuttora in corso. Dal 2009 è Consigliere di Amministrazione di CMB, mentre nel marzo 2011 è nominato Consigliere Delegato per la Divisione Lazio. Quando non lavora, Antonio si dedica alla pesca di mare in Calabria.

5 ZOOM / INTERVENTO IN DETTAGLIO A 05 / N 19 / P 05 Porta Nuova Varesine è un avveniristico complesso immobiliare e commerciale che muterà il volto della zona di Piazza della Repubblica. Nel 2013 il taglio del nastro. Porta Nuova Varesine: Milano cambia A cura di Francesco Chiabrando

6 ZOOM / INTERVENTO IN DETTAGLIO PIENO CENTRO Lavorare nel cuore della città richiede un attenzione supplementare nella gestione degli spazi, soprattutto nel trasporto dei materiali. NUMERI SU NUMERI L a riqualificazione dell ex Varesine affidata a CMB in associazione con UNIECO - è uno dei maggiori progetti urbani attivati a Milano e in Lombardia. Il quartiere è tanto centrale quanto controverso: prima stazione ferroviaria che organizzava i trasporti verso Varese, già dagli anni Sessanta area di sosta per giostrai girovaghi e poi campo stabile abitato da Rom e Sinti. L'organizzazione del cantiere è stata impostata per ottenere la certificazione LEED: una difficoltà che si è aggiunta ad altre criticità derivate dalla complessità del progetto, dalla sua collocazione nel centro di Milano e da tempi di consegna molto ridotti. Lavorare in una posizione così prestigiosa provoca conseguenze importanti durante le fasi costruttive dell'iniziativa, per la limitata disponibilità di aree per il cantieramento e l'approvvigionamento dei materiali. Viene richiesta maggiore attenzione nella gestione degli spazi a disposizione in modo tale da poter ottimizzare tempi e zone per evitare interferenze con le lavorazioni e predisponendo piani di carico e scarico materiali in orari notturni o poco trafficati. I risultati attesi? Una ritrovata funzionalità, ampi spazi destinati a verde pubblico, il miglioramento dei trasporti cittadini con nuove linee di metropolitana. Alla fine del 2013 si potrà passeggiare da Corso Como all Isola e da qui fino a Piazza della Repubblica senza attraversare un incrocio o incontrare un semaforo. Superficie totale: mq Uffici: mq Residenziale: mq Commerciale: mq Spazi culturali: mq Posti auto: mq

7 A 05 / N 19 / P Focus Tecnico > LOTTO 1 IL "DIAMANTONE" È una torre di 30 piani alta 150 m, di circa 35x50 m di lato, chiamata così perché la sagoma richiama le sfaccettature dei diamanti. Sarà realizzata con struttura mista in acciaio e calcestruzzo; il core è costituito da 5 setti principali in cemento armato che irrigidiscono la struttura e partecipano a sopportare le spinte orizzontali nate dall inclinazione delle colonne metalliche. In particolare, al nono piano si concentrano le azioni di trazione derivanti dal carico dei venti piani superiori; pertanto le travature in acciaio sono state rinforzate con una serie di tiranti aggiuntivi ancorati nel getto del nucleo. La prima parte di struttura che evidenzia le dimensioni delle forze in gioco è la platea: infatti al piede dei 5 setti che compongono il nucleo ci sono delle armature aggiuntive inserite nello spessore di platea (220 cm); in totale 350 barre del diametro di 40 mm che sopportano gli effetti del carico di tutta la struttura soprastante. EDIFICI BASSI Si tratta di due edifici di 9 piani di circa 75x20 m di lato, a destinazione commerciale. Saranno costruiti in calcestruzzo ad alta resistenza Rck85, per la prima volta utilizzato in Italia: le sue elevate prestazioni hanno consentito ai progettisti di limitare le dimensioni dei pilastri, nonostante un approfondita fase di studio preliminare e la particolare attenzione sul campo durante i getti. Tutti gli edifici sono dotati di facciate a cellule totalmente in vetro, frangisole orizzontali e verticali a seconda dell orientamento rispetto ai punti cardinali (in modo da garantire un migliore impiego della luce naturale). > LOTTO 2 L intervento prevede la costruzione di tre edifici a torre a destinazione residenziale e rispettivamente di 34, 17 e 15 piani destinati ad uso abitativo più 4 piani destinati a servizi comuni. I due edifici di maggior altezza presentano un megaframe, una struttura a travi e pilastri in acciaio che avvolge i fabbricati, inizialmente ideata per svolgere una funzione strutturale di sostegno ai balconi, ma che in seguito a problematiche evidenziate dai progettisti è stata limitata a una funzione solamente architettonica. Tutti gli edifici residenziali, tre torri e sei ville urbane, avranno rivestimenti di tipologia mista: facciate ventilate, inserti in vetro, elementi prefabbricati e finiture interne di alto pregio, con impianti di climatizzazione efficienti e compatibili con le tematiche ambientali. Loading: stato di avanzamento > LOTTO 1 Lavorazioni iniziate nell'agosto Già realizzate le strutture del basement e in fase di esecuzione le opere civili e impiantistiche, che si concluderanno ad agosto Le palazzine sono in fase di completamento per quanto riguarda le opere strutturali, mentre per l'edificio a torre chiamato "Diamantone" si è giunti alla realizzazione di metà struttura. L avanzamento degli impianti di distribuzione al piano prosegue ed è iniziata la posa delle cellule di facciata. Conclusione prevista: 31 gennaio > LOTTO 2 Lavorazioni cominciate nell aprile del Nel mese di gennaio si è giunti alla chiusura del basement in area e alla realizzazione delle elevazioni del piano terra delle ville. Conclusione prevista: 31 marzo 2013.

8 ZOOM / INTERVENTO IN DETTAGLIO A 05 / N 19 / P 08 APPROFONDIMENTO LEED, certificazione energetica Operare LEED in Italia richiede al General Contractor un'attenzione e un impegno aggiuntivi rispetto alla gestione di un cantiere tradizionale. Ma CMB ha accettato la sfida. L 'intero progetto Porta Nuova Varesine è stato sviluppato secondo i requisiti della Certificazione internazionale LEED un sistema per la valutazione del livello delle prestazioni energetiche e ambientali degli edifici. Ciò ha comportato la necessità di sviluppare una sensibilità nuova nella gestione della quotidianità lavorativa e della filiera dei materiali necessari alla costruzione edilizia. Al fine di ottenere la certificazione LEED, gli edifici sono stati considerati in base alla loro elevazione fuori terra e della destinazione d uso in tre distinti processi di certificazione. Ad oggi l'intero intervento ha superato la fase preliminare, che attesta l adeguamento del progetto ai requisiti e alle prescrizioni di sostenibilità ambientale LEED. La Certificazione LEED sarà attribuita in via definitiva solo alla conclusione delle attività costruttive e dopo un'attenta verifica dell'intera documentazione prodotta da parte del U.S. Green Building Council, sia in fase progettuale che di cantiere. Sono in piena fase di implementazione una serie di strategie mirate al raggiungimento degli obiettivi, indicati dalla committenza nelle specifiche contrattuali e indispensabili al processo di certificazione LEED. CONDIZIONI AMBIENTALI OTTIMALI posizionamento di teli protettivi sul terreno stoccato in attesa di riutilizzo utilizzo di vaporizzatori a fondo scavo stoccaggio di materiali in luogo coperto copertura dei canali di ventilazione inumidimento della viabilità interna raccolta differenziata in area di cantiere e negli edifici Etimologia / LEED È l acronimo del termine americano Leadership in Energy and Environmental Design, È stato coniato nel 1998 dall USGBC (US Green Building Council) per identificare un insieme di standard tramite cui valutare costruzioni ambientalmente sostenibili. Le condizioni ambientali in cantiere permettono un controllo diretto della gestione dei crediti da parte degli esperti LEED, che assicurano la correttezza di tutte le strategie messe in opera: in questa fase si svolgono audit periodici che verificano la situazione di cantiere e riportano le eventuali correzioni da effettuare. Sono state adottate alcune procedure per rendere più controllabile l intero processo di informazione e di raccolta dei dati: > formazione/informazione a fornitori e appaltatori su tavoli di confronto continui > richiesta documentazione aggiuntiva: contenuto di riciclato - VOC - provenienza regionale > monitoraggio attività quotidiane e visite ispettive di cantiere a cadenza settimanale > risorse umane (operatori di cantiere e impiegati) > gestione dei tempi (sovrapposizione attività e orari-clausole, iter certificativo LEED)

9 ZOOM / INTERVENTO IN DETTAGLIO A 05 / N 19 / P 09 APPROFONDIMENTO Breve storia di un quartiere Un area sospesa oggi riabilitata. Nel XIX secolo, quando la Stazione Centrale di Milano era in Piazza della Repubblica, i treni che percorrevano la Lombardia in direzione di Varese e Como attraversavano le aree che oggi conosciamo come Garibaldi, Varesine e Isola. Nei primi decenni del XX secolo la stazione Centrale fu spostata nella sede attuale e lasciò spazio a quella di Porta Nuova, che solo nel 1964 venne a sua volta sostituita dalla stazione di Porta Garibaldi. Fu così che quest'area rimase sospesa per oltre quarant anni. Sul finire degli anni Sessanta vennero installate le prime giostre e lì rimasero fino al 1998, quando vennero chiuse definitivamente tramite un provvedimento di sfratto. Negli anni Sessanta e Settanta la fama dell'isola non era tra le migliori, e alcuni l'avevano soprannominata la "casbah" di Milano. In tempi più recenti, l'apertura di qualche locale notturno di tendenza, di ristoranti etnici e il persistere di qualche bottega di quartiere l'hanno reso una zona popolare della Vecchia Milano. (fonte: vecchiamilano.wordpress.com)

10 MERCATO / NUOVE PROSPETTIVE A 05 / N 19 / P 10 Tutti gli occhi sull estero Puntiamo sui mercati esteri, ma nel frattempo gli scenari mutano a gran velocità. Un azienda come CMB può fare appello al proprio know-how per costruire strategie ad ampio raggio. Ne parliamo con l architetto Ruben Saetti. A partire dal 2009 CMB ha avviato un'intensa attività di monitoraggio dell'andamento dei mercati esteri, con la volontà di avviare un processo di espansione delle aree di intervento della cooperativa. Le attività sono state affidate alla Direzione Marketing, sotto la responsabilità dell'arch. Ruben Saetti, e hanno portato alla definizione di un gruppo di lavoro dedicato composto dall'ing. Davide Vaggi, dall'arch. Gianni Occhi e dalla dott.ssa Desirée Conese. Un gruppo che è confluito, nella primavera 2010, nel team unitario di Eureca International, costituito in modo paritario fra CMB e Unieco. Conclusa una prima fase di scouting, ci si è mossi partecipando a diverse gare d'appalto, fra cui l'ospedale di Chambéry in Francia, un Depuratore in Montenegro, un Ospedale per conto di ENI-Libia a Tripoli e il primo lotto dell'autostrada Libica Costiera finanziata dall'italia. Per saperne di più, abbiamo pensato di rivolgere qualche domanda direttamente a Ruben Saetti. Su quali settori di attività CMB ha intenzione di orientarsi per lo sviluppo di acquisizioni all'estero nei prossimi anni? Ripartire con una significativa attività sui mercati esteri - dopo quasi due decenni di completo abbandono, con un conseguente impoverimento delle risorse umane con consolidata esperienza e specifiche competenze sull'estero - presenta certamente notevoli criticità e diversi rischi. A questo si deve aggiungere l'agguerrita concorrenza delle imprese di tutto il mondo, fra cui quelle dei Paesi cosiddetti emergenti, che possono contare su un costo del lavoro nemmeno confrontabile con il nostro. L'approccio a questo nuovo mercato deve quindi partire dal confronto con quei settori di nostra elevata specializzazione, che incorporino maggiori componenti di valore aggiunto derivanti da un know how fuori dalla portata dei più. Per questo le specializzazioni su cui abbiamo deciso di orientarci sono quelle delle strutture ospedaliere, delle grandi infrastrutture viarie e ferroviarie, degli interventi ambientali legati al ciclo delle acque e dei rifiuti. Che importanza potrà assumere per lo sviluppo di lavori all'estero la politica di alleanze strategiche che CMB, da anni, sta strutturando con imprese affini per valori e obiettivi? In primo luogo si deve segnalare la scelta di un alleanza strategica con il gruppo Unieco. Essa è nata per avvantaggiarsi delle ricadute che l'expo 2015 genererà sul mercato del nord ovest. Si è progressivamente allargata al mercato delle grandi infrastrutture ed è giunta a ricomprendere, con un orientamento ancora più "organico", il Mercato Estero, portando alla formazione di un team unitario che abbiamo chiamato Eureca International. L'idea condivisa è quella di trasformare Eureca International in una "nuova Divisione" partecipata dalle due Cooperative, che acquisisca progressivamente una propria autonomia organizzativa e imprenditoriale attraverso l'assunzione delle professionalità sia dall'interno delle "case-madri", sia dal mercato. Si tratta quindi della messa a punto di un progetto industriale unitario che nei nostri obiettivi dovrebbe portare già dal prossimo anno all'attivazione dei primi cantieri e alla ricaduta in termini di fatturato. Naturalmente la scelta strategica fatta con Unieco non impedisce, su singoli appalti di dimensioni rilevanti, di ricercare accordi con le principali imprese già presenti sui mercati esteri e con cui spesso proficuamente collaboriamo in Italia (quali Impregilo, Astaldi, Ghella o Salini). Un discorso a parte meriterebbe la collaborazione con CMC, la cui consolidata e positiva esperienza all'estero può facilitare un più rapido inserimento in settori di nostra particolare specializzazione, in un rapporto di valorizzazione e vantaggio reciproci. Difatti abbiamo stretto un accordo di collaborazione al fine di tentare l'acquisizione di un grande contratto per la realizzazione di strutture scolastiche prefabbricate in Sud Africa, Paese nel quale CMC opera da anni. Quali variazioni organizzative, anche all'interno di CMB, potrebbero essere necessarie nel caso in cui Eureca International vincesse una gara d'appalto all'estero? I problemi legati alla realizzazione di commesse all'estero avranno certamente ricadute organizzative non solo sulla nascente "nuova Divisione", che dovrà dotarsi di autonoma capacità tecnica e produttiva. Ma anche sulle due cooperative, che saranno chiamate a fornire servizi e

11 MERCATO / NUOVE PROSPETTIVE A 05 / N 19 / P 11 EURECA CONSORZIO STABILE Solidità e sinergia nel settore delle costruzioni CMB di Carpi, Unieco di Reggio Emilia e CLF di Bologna hanno creato il Consorzio Stabile EURECA. Nasce così il terzo player italiano del settore delle costruzioni. Obiettivo: i grandi progetti in Italia e all estero. funzioni non immediatamente allocabili in Eureca International, per un periodo non breve. Si prevede di mettere a punto nei prossimi mesi un progetto industriale che individui, per l'immediato, quali funzioni devono essere prestate e da chi (in riferimento, per esempio, all'ufficio gare, all'assistenza legale e societaria, alla gestione del personale, agli acquisti e così via). Per ora, con un apprezzabile sforzo e una generosa disponibilità degli Uffici di CMB e Unieco, si ottengono tutti i supporti necessari, ma con il passaggio a una condizione di completa operatività l'attuale approccio volontaristico non sarà sufficiente. L'obiettivo finale del Progetto è quello di definire, con un approccio sistemico e strutturato, un Piano Strategico di Azione che focalizzi alcuni aspetti chiave quali lo sviluppo strutturato dell organizzazione, il miglioramento della capacità analitica di approccio ai mercati internazionali, l'interazione prospettica con le organizzazioni delle due cooperative e la capitalizzazione delle competenze professionali esistenti. Per dare all'elaborazione del progetto una guida adeguata, l'obiettivo più urgente è quello di inserire un Direttore Area Estero con solida esperienza e competenze adeguate, che possa dedicarsi a tempo pieno a questo compito. Per supportarci nell'elaborazione del progetto stiamo infine individuando una Società di Consulenza qualificata. Su quali paesi stranieri si sta maggiormente orientando il monitoraggio dei mercati effettuato dal gruppo di lavoro di CMB e Unieco? La scelta fatta inizialmente è stata quella di concentrarci sui Paesi più vicini e meglio dotati in termini di risorse finanziarie, sia dirette che grazie ad aiuti e azioni di cooperazione allo sviluppo. Per questi motivi i nostri sforzi si sono orientati sia ad alcuni Paesi dell'est (Romania, Albania, Serbia, Bosnia e Kosovo), destinatari di ingenti finanziamenti europei per favorire la infrastrutturazione e consentire l inserimento nel mercato comune europeo, sia all'area del Maghreb e della Penisola Arabica, caratterizzati da forti fenomeni di investimento e di ammodernamento grazie agli enormi proventi derivanti dalla vendita del petrolio e del gas. La grande crisi mondiale del 2008 ha però fortemente ridotto gli investimenti nei Paesi dell'est, costretti a politiche restrittive feroci per rientrare dell'enorme debito pubblico cumulato in pochi anni. Solo da qualche mese si assiste a una timida ripresa di bandi, soprattutto nel campo infrastrutturale e sanitario. Lo shock maggiore è comunque quello cui siamo sottoposti in questi giorni. I sommovimenti e le situazioni di vera e propria guerra civile cui sono sottoposti diversi paesi arabi del Nord Africa - Libia in testa - hanno in poco tempo completamente sconvolto quei mercati, determinando il blocco dei cantieri e la fuga immediata di tutti gli operatori stranieri. È difficile oggi fare previsioni sugli sviluppi in questa area e sul possibile "contagio" che potrebbe estendersi anche alla Penisola Arabica. Quello che è certo è che un ritorno a una qualche normalità richiederà tempi lunghi e che le attività attualmente in corso subiranno dei blocchi o, nella migliore delle ipotesi, rinvii non quantificabili. Purtroppo a oggi devono considerarsi vanificati gli sforzi prodotti in Libia, dove risultavamo in short list per l'ospedale Cardiologico di Tripoli e ben piazzati per uno dei prossimi tre lotti della Autostrada Costiera finanziata dal Governo Italiano sulla base del Trattato di Amicizia Italia-Libia, oggi sospeso. Alla luce di questi avvenimenti, come cambiano le prospettive e le strategie di sviluppo sui mercati esteri? Nell'immediato i nostri sforzi si stanno concentrando su Romania, Albania e Serbia, dove stiamo intensificando la partecipazione alle gare, in particolare su strade e ospedali, mentre stiamo allargando la ricerca alla Turchia, che ha messo in campo un ingente piano di edilizia ospedaliera in Project Finance. Se nei prossimi mesi si consolidasse la previsione di uno sviluppo negativo nell'area del Nord Africa, dovremmo però ripensare a diverse ulteriori opzioni finora accantonate, in particolare in Sud America, che presenta caratteristiche ambientali e culturali molto affini alle nostre e conferma tassi di sviluppo di grandissimo interesse. Comunque, una cosa è certa: gli sconvolgimenti in corso in Libia, totalmente inaspettati, rendono più problematico il raggiungimento dell'obiettivo di acquisizione sull'estero, che prevedrebbe 100 milioni di euro entro la fine del 2011.

12 ALTRE STORIE / NON SOLO CALCIO A 05 / N 19 / P 12 Incursioni Argomenti a tema libero 1000 parole scritte da Rudi Ghedini L America, tra mito e trash RASSEGNA DELLE STRANEZZE POSSIBILI NEGLI USA Un uomo di 84 anni si perde nel deserto, a nord di Phoenix, Arizona. Non ha acqua né provviste, eppure riesce a sopravvivere per 5 giorni, finché non lo trovano alcuni escursionisti. Che ci faceva nel deserto? E come ha fatto a cavarsela? Pare stesse guidando la sua vecchia auto, ha sbagliato strada, non si è accorto di essere entrato nel deserto e quando ha cercato di fare inversione a U, l auto è finita in una profonda buca. Il cellulare si è scaricato quasi subito, l uomo è sopravvissuto per 5 giorni bevendo l acqua del tergicristalli filtrata con il fazzoletto. Notizie come questa non possono che venire dall America. Di fronte a certe stranezze, bizzarrie, assurdità assortite, siamo soliti chiamarle americanate. Come se si trattasse di fatti riferibili a uomini primitivi, e non il più delle volte - dell anticipazione di quanto potrà accaderci. Da tempo, alcune agenzie di viaggi propongono itinerari stravaganti attraverso gli Stati Uniti, fuori dai percorsi consolidati. Mi è tornato alla mente un libro di Carlo Masi (That s America!, Cooper Castelvecchi), che contiene un divertente catalogo di monumenti al kitsch e al trash. Oltre a descriverli, l autore offre tutte le indicazioni logistiche: indirizzi postali, siti Internet, prezzi, persino qualche RUDI GHEDINI collabora con Red Tv, Carta e il Guerin Sportivo. Ha pubblicato il romanzo Semifinale (1999), le Confessioni di un interista ottimista (2006), una biografia generazionale di Andrea Pazienza (I segni di una resa invincibile, 2005) e una ricostruzione del più grave incidente sul lavoro del dopoguerra (Nel buio di una nave, 2007). Da ultimo, per Malatempora, Il compagno Tommie Smith, racconti all incrocio fra sport e politica. immagine utile a conferire realismo a situazioni inverosimili. Con un duplice filo conduttore: passione e business. Pressoché ovunque campeggia la scritta: Si accettano indifferentemente carte di credito e contanti. Questa America ruota intorno a quattro pulsioni elementari - sesso, morte, cibo e religione che si sovrappongono e confondono tramite il mezzo televisivo, perfetto miscelatore delle culture pop. Nel libro, Masi descrive musei fondati da persone variamente ossessionate, collezionisti e catalogatori della loro ossessione (un museo dedicato alle mestruazioni, un museo di soli water, un altro che espone solo vibratori). Nella cultura pop, qualunque cosa può diventare oggetto di studio e venerazione. Qualunque collezione può partorire shops e souvenirs, per il collezionismo indotto. Seguendo le tracce della ordinary people, la gente comune che va ospite in certi programmi televisivi di grande successo, ci si convince che gli americani sono un popolo di esibizionisti, privi di senso del ridicolo. Perché una donna può decidere di fare sesso con 251 uomini diversi per 10 ore consecutive, e andare a raccontarlo? Annabel, con candore, semplicità e disinvoltura risponde: «Perché non è mai stato fatto prima». Poi, lo sappiamo, l America è anche la terra promessa degli inventori. Di qualsiasi cosa: prodotti superflui, ma irresistibilmente originali, possono consentire immensi guadagni in breve tempo, per poi essere accantonati da un nuovo prodotto, altrettanto inutile e altrettanto irresistibile. Sono i 15 minuti di celebrità profetizzati da Andy Warhol, una delle forme del Sogno Americano. Fra le americanate che stanno imponendosi anche dalle nostre parti, c è il bricolage. Meglio, il fai da te. Questo segmento dell industria del tempo libero (distrarsi senza allontanarsi da casa) invita a unire l utile al dilettevole; per esempio, si può imparare a costruirsi una bara. Chi ci ha pensato, ha confezionato un catalogo riccamente illustrato, dove sono esposti decine di modelli di casse da morto per persone e animali domestici. Insieme alle istruzioni, l autore vende per corrispondenza legname e chiodi, decorazioni e imbottitura interna, con la più tradizionale delle formule commerciali: prendi tre, paghi due. L artefice di questo nuovo mercato non manca di suggerire come utilizzare l oggetto dopo averlo costruito: in attesa dell uso definitivo, la bara può fare bella figura in salotto, come tavola, meglio se coperta da una tovaglia a colori sgargianti. Il confine fra trash e mito può essere sottilissimo. Circa 40 milioni di donne presentano i cosmetici Avon casa per casa: si tratta di uno dei maggiori datori di lavoro per donne nel mondo, presente in Europa, Russia, Cina, Giappone, Thailandia e Nigeria. Tutto nasce nel 1878 a New York, dove un certo David McConnel vendeva libri casa per casa e pensò di regalare bottiglie di profumo a chi acquistava i classici. Finché si accorse che le clienti erano interessate più ai profumi che alle opere di Shakespeare (nato a Stratford-upon-Avon). In una società dominata da consumismo e moralismo, era inevitabile sorgessero movimenti per l astinenza sessuale. Riemergono veri e propri retaggi puritani, che impongono regole ridicolmente liberticide: A Harrisburg, Pennsylvania, la legge proibisce ai camionisti di fare sesso nelle biglietterie delle autostrade. In Nevada è legalmente vietato fare l amore senza preservativo... A Tremonton, Utah, la legge proibisce di fare l amore in ambulanza. A Newcastle, Wyoming, è proibito fare l amore nella cella frigorifera delle macellerie. La lettura di certe notizie porta in un territorio delirante: sembra di entrare in un mondo dominato dallo strano ma vero, al punto da rendere assurda la distinzione fra verità e leggende (metropolitane). Il più delle volte, questi fatti sono collocati nella provincia profonda, e una teoria potrebbe spiegare questo infinito catalogo di stranezze: forse si tratta di forme utili ad affrontare l angoscia, lo stress, il disperato bisogno di identità, l infelicità, tanto più insopportabile in un Paese - l unico - che ha inserito la ricerca della felicità nella sua Costituzione. Bisognerebbe parlarne con chi avverte il bisogno di avere il prato del giardino sempre verde, e comunque più verde di quello del vicino, arrivando a usare la vernice Nel suo libro, Masi descrive la Nobel Prize Sperm Bank, dove un gruppo di ginecologi lavora per generare una razza intellettualmente dominante, e la diffusione della pratica del body freezing, il congelamento dei cadaveri, nella speranza che future tecnologie ne permettano il ritorno in vita e il ringiovanimento. Nessuno stupore se un Paese così attento alle apparenze, così ingenuamente fiducioso nelle promesse tecnologiche, è arrivato a porsi il problema di come modernizzare il look del simbolo più celebre: la Statua della Libertà. Costruita in acciaio e rame su un progetto di Frédéric Bartholdi e Gustave Eiffel, venne donata dalla Francia agli Stati Uniti nel La grande torcia, ormai vecchia e corrosa, fu sostituita nel Da anni si discute dell opportunità di gonfiarle le tette, a Liberty, per farla aderire al nuovo ideale estetico. L America ha una soluzione per tutto: si stanno valutando varie ipotesi, la più accreditata è quella delle iniezioni di calcestruzzo, l equivalente del silicone.

13 NUOVO CORSO / ASSEMBLEA DEI SOCI A 05 / N 19 / P 13 Cambio di passo Lo scorso 26 febbraio a Carpi l'assemblea Generale dei Soci ha concordato sulla necessità di innovare e diversificare le strategie di investimento. Per CMB inizia un nuovo corso. A cura della Redazione

14 NUOVO CORSO / ASSEMBLEA DEI SOCI 1 RICAVI NETTI 610 milioni di euro L a crisi economica e finanziaria che ha investito l'economia internazionale nel 2008 sta continuando a produrre effetti negativi particolarmente pesanti per il settore costruzioni, che in questi anni ha visto ridursi in modo significativo gli investimenti, il fatturato e l'occupazione. In questo quadro negativo, CMB può ritenersi soddisfatta per la crescita realizzata negli ultimi anni, con un equilibrio patrimoniale e finanziario che ha consentito di salvaguardare un'impresa di qualità. Tuttavia i prossimi anni saranno duri. Occorrerà innovare e diversificare le strategie d'investimento per tutelare la dimensione e la qualità imprenditoriale della cooperativa, ripristinando prospettive di buona redditività. In particolare, il mercato nazionale delle costruzioni, sia pubblico che privato, da solo non sarà in grado di sostenere CMB nel superamento della crisi. Sarà necessario progettare l'espansione verso i segmenti delle concessioni e della finanza di progetto in ambito autostradale e ospedaliero, ma anche l'ingresso sui mercati esteri UTILE NETTO 7 milioni di euro Preconsuntivo ,3 Preconsuntivo Budget ,5 Budget 2011

15 A 05 / N 19 / P BUDGET 2011 VENDITE IMMOBILIARI Divisione Centrale 12,9 5 PATRIMONIO NETTO 210 milioni di euro ,2 47,3 Divisione Lombardia Divisione Lazio 18, ,2 196, Preconsuntivo Budget AGG. PIANO RICAVI DELLE DIVISIONI 6 BUDGET 2011 ACQUISIZIONE LAVORI 160 Edilizia Infrastrutture 20 General Contractor ,9 Divisione Lombardia Divisione Centrale 811,9 Grandi Infrastrutture ,2 Divisione Lazio 122,5 Immobiliare Produzione - Project 105

16 NUOVO CORSO / ASSEMBLEA DEI SOCI A 05 / N 19 / P 16 Le costruzioni Il comparto costruzioni chiude il Preconsuntivo 2010 con 466,2 milioni di euro e prevede una sostanziale tenuta del mercato con un monte lavori di 493,7 milioni per il Budget L'utile lordo stimato per il 2011 si prospetta di 12,1 milioni di euro, pari al 2,45% dei ricavi, registrando una lieve crescita della redditività rispetto al Preconsuntivo 2010 (10,8 milioni al 2,32%). L'attività immobiliare La riduzione della domanda verificatasi negli ultimi anni si è riflessa in una contrazione del volume delle vendite, che si prevede a 78,6 milioni di euro con un calo rispetto al Preconsuntivo 2010 (89,9 milioni). Project financing e servizi L'attività del comparto Project-Servizi completa tra il 2010 e il 2011 l'entrata in gestione di gran parte delle iniziative. Negli ospedali di Niguarda, Ferrara e Thiene si è raggiunto un livello elevato di complessità organizzativa. Il giro d'affari previsto per il 2011 si attesta a quota 39,2 milioni di euro, leggermente in calo rispetto al Preconsuntivo 2010 (44,8 milioni). Le Divisioni Nello scenario messo in luce, che registra la tenuta dei ricavi e la flessione dell'utile, la Divisione Lombardia è stata capace di raggiungere e superare gli obiettivi di Piano (660,9 milioni contro i 605,9 previsti). Nella Divisione Centrale si registra una stagnazione (811,9 rispetto ai 854,4 del Piano), mentre la Divisione Lazio è in difficoltà nel mantenere le previsioni sia sul piano dei ricavi che dell'utile (378,2 rispetto ai 529,5 previsti). Acquisizioni e portafoglio lavori Nel corso del 2011 si prevede un ulteriore riduzione degli investimenti in opere pubbliche in Italia che, sommata a quella degli scorsi anni, fa registrare una contrazione complessiva del - 20% nel mercato dei lavori pubblici. CMB mantiene tuttavia l'ammontare delle nuove acquisizioni per il Budget 2011 a 567,5 milioni di euro, in linea con un Preconsuntivo di 563 milioni, ponendosi per il 2011 lo sfidante obiettivo di acquisire opere per 100 milioni di euro sul mercato estero. In questo senso, il 2011 va interpretato come il primo anno di un nuovo corso che porterà CMB al traguardo del Saranno fondamentali le idee innovative, la capacità di migliorare l'efficienza dell'organizzazione nell'impiego delle risorse, di trovare sistemi di gestione efficaci, prodotti e processi ad alto contenuto tecnologico e di innovazione, e infine un utilizzo sostenibile delle risorse finanziarie. In questo contesto spicca il valore dell'alleanza strategica con Unieco, volta ad affermare un Gruppo dalle eccellenti specializzazioni in ambito costruttivo e una grande attitudine alla gestione di interventi complessi. Opinioni Diversi relatori hanno animato la mattinata. Ecco alcuni passaggi chiave degli interventi. CARLO ZINI Presidente CMB Nei prossimi anni assisteremo ad un processo di polarizzazione delle cooperative di costruzioni, necessario per contrastare il drastico calo di domanda. Un processo innovativo, simile a quello affrontato dalla cooperazione di consumo molti anni fa, da cui far emergere realtà eccellenti anche e soprattutto nella competizione internazionale. Soggetti in grado di inserirsi sul mercato con una proposta integrata che, partendo dalla progettazione e realizzazione di prodotti e sistemi complessi, si caratterizzi sempre più per i contenuti gestionali e i servizi offerti, quando possibile in regime di concessione. In questo senso si auspica la creazione di una o più concessionarie di sistema a partire dall'esperienza del settore autostradale con Holcoa. Per quel che ci riguarda, riteniamo che l'esperienza di Eureca vada in questa direzione ed anzi, per certi versi, ne sia stata un vero e proprio precursore. Lavoreremo quindi per rafforzarla ed estenderla. ENRICO CAMPEDELLI Sindaco di Carpi Come enti locali non siamo contrari al federalismo, ma se è un federalismo reale con principi di autonomia e responsabilità. Fate i conti voi: noi siamo una regione che, come livello dei servizi, è definita con un quoziente del 100%. Non so se avete sentito o letto che lo Stato si impegna a definire dei livelli standard di servizi: bene! Se questi livelli standard, così come saranno sicuramente, risulteranno inferiori, sarà finanziato meno del nostro attuale 100%. Per il resto ci diranno: "voi enti locali, per mantenere quel 100%, dovete chiedere più risorse ai cittadini", ovvero aumentare l imposizione fiscale sui cittadini non per aumentare i servizi, ma per mantenere quelli esistenti. E questo è il "giochino". Quello di dare la pistola ai sindaci e dire di sparare. Punto.

17 NUOVO CORSO / ASSEMBLEA DEI SOCI A 05 / N 19 / P 17 RISORSE UMANE E ORGANIZZAZIONE Strumenti per gestire la crisi dei mercati In un anno di grave crisi del settore, CMB è riuscita a tutelare il lavoro e il reddito di soci e dipendenti attivando un modello di monitoraggio delle Risorse Umane in grado di cogliere le nuove dinamiche delle politiche del personale. In tale contesto proseguiranno i processi di mobilità geografica tra le diverse unità organizzative e le pianificate azioni di ricambio generazionale. Il quadro di incertezza diffuso e la riduzione delle attività nel 2011 determina il rallentamento dei processi di inserimento di nuove risorse ed evidenzia la difficoltà di collocamento di circa 20 unità nell area sede della Divisione Centrale, rendendo necessario il ricorso agli ammortizzatori sociali. Per sostenere la capacità competitiva di CMB e rafforzare i saperi d'impresa, sono proseguite le azioni sviluppate nel corso del 2010 e pianificate per il Investimento in attività formative Nel 2010 sono proseguite le attività di sviluppo delle risorse umane per operai e impiegati, con oltre ore di formazione. Sviluppo del Sistema di Gestione Integrato Il 2011, oltre a prevedere la conferma delle certificazioni sui Sistemi di Gestione Qualità, Sicurezza e Ambiente, sarà impegnato nel miglioramento delle performance aziendali, volte a rispondere alle esigenze di committenze sempre più sensibili ed esigenti. Sarà inoltre completata la revisione del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo che andrà a svolgere una funzione di integrazione fra i Sistemi. Progetto Linneo di rinnovamento Tecnologico e Applicativo Con l'introduzione di un Sistema ERP per integrare dati e processi, la sostituzione totale dell attuale sistema informativo aziendale è entrato in fase di realizzazione e test. MAURO CASOLI Presidente Unieco Questa alleanza con CMB, che è partita quasi completamente come opportunità commerciale, l abbiamo iniziata dicendo: "per farci meno male, per far meglio sul mercato, diamoci questa struttura che è Eureca". Credo però che il progetto, nonostante siamo ancora "molto giovani", stia andando avanti. E anche nelle note di Zini ho trovato la ricerca di un linguaggio comune, il definire gli strumenti collegiali. Perché noi crediamo che questa non sia una partnership, come quella con altre cooperative e altri privati, ma sia una scelta di fondo attraverso cui le nostre imprese debbano vedere unitariamente su segmenti fondamentali e caratterizzanti il futuro della loro attività. ALDO TOGNETTI Consigliere Delegato CMB Qui il tempo non perdona: sappiamo che la cooperativa non è nostra, sappiamo che noi la prendiamo, la gestiamo, sperando di farlo decentemente, e di produrre ricchezza di tutto: valori e patrimonio. Quindi sia molto chiaro questo discorso, per chi verrà e per chi ci sostituirà. Però è un tema molto delicato perché si possono generare fraintendimenti, cioè si può creare l idea che di per sé giovane sia meglio e vecchio sia brutto, che se vengo io tu vai via, oppure io sto qui e tu stai fuori. Il tema fondamentale intorno a cui questo concetto dovrebbe esprimersi è quello dell'inclusione: noi dobbiamo fare in modo che ci sia una riproduzione delle capacità imprenditoriali, professionali, culturali. L idea che ci sostiene sta nel mettere insieme. Noi, le cooperative rappresentiamo un fattore di coesione sociale, quindi questa ambizione dobbiamo averla. PIERO COLLINA Presidente Consorzio Cooperative di Costruzione Per quel che riguarda le prospettive che vi siete dati tra il 2011 e addirittura il 2015, credo esista un segno di prospettiva sicuramente importante: voi siete nelle condizioni di poter competere nella fascia alta del mercato. Come Consorzio ci puntiamo molto: l alleanza che abbiamo costruito nel corso di questi ultimi anni è decisamente efficace. Con le maggiori cooperative riusciamo a essere presenti sulle fasce maggiori di mercato, mentre il Consorzio rimane un importante veicolo per le cooperative medie. È un intreccio solidale, che riesce a costruire un percorso per le grandi cooperative, ma non trascura le piccole e le medie includendole in un rapporto più di tipo solidaristico, concetto base del mondo cooperativo, ma che sviluppa imprenditorialità, costruisce occupazione e dà possibilità di avere una prospettiva a tutti.

18 PAGINE IT / INTERVISTA PAGINE I.T. Nuovi strumenti, nuove tecnologie, nuove relazioni A cura di: Luca Padovano CMB UPGRADE Competitività, innovazione e tecnologia dell'informazione: così si concretizza il "cambio di passo". Due parole con Andrea Rosa, Consigliere di Amministrazione Andrea, all'ultima Assemblea di Divisione ti sei presentato sul palco tenendo gli appunti sul tablet che recentemente ti è stato fornito in dotazione come Consigliere. Una provocazione? regolati, di sistemi di comunicazione veloci e affidabili che permettano di governare l'impresa nella pianificazione strategica e nel suo continuo sviluppo. Insomma, si potrebbe sintetizzare il concetto in "l'informazione è potere". Nessuna provocazione. Semplicemente credo che il "cambio di passo" auspicato dal Presidente si concretizzi anche nell'utilizzo di strumenti e tecnologie moderne, che permettono di pensare in modo più moderno. E questo si trasforma immediatamente in un aumento della competitività. Ti do qualche dato. Nel 2010 la marca leader di questo segmento ha venduto più di 15 milioni di tablet e conta di venderne 35 milioni nel Andando all'estero si vedono ovunque persone di ogni età che usano tablet, smartphone e computer portatili ai tavolini del bar o in mezzo alle piazze. Qui da noi questi oggetti vengono ancora visti come gadget superflui e un po' modaioli. Non credi che questo sia il segnale di una certa arretratezza? Senz'altro. Purtroppo il Sistema Paese è arretrato sia culturalmente sia per quanto riguarda le infrastrutture. E anche noi, come CMB, facciamo parte di questo Sistema e ne paghiamo il prezzo, sempre più caro. Come Consigliere di CMB sento forte l'impegno di uscire da questi schemi per esplorare nuovi modelli e nuovi modi di lavorare. Parliamo di questo. Lo stimolo che come IT è necessario dare all'impresa è che non è possibile governare l'impresa senza sistemi e tecnologie di supporto al Business. Tu cosa ne pensi? Questi sono temi a me particolarmente cari. L'impresa ha davanti due sfide molto impegnative: crescere nelle dimensioni e garantire la redditività, anche attraverso la riduzione percentuale delle spese generali. E questo vuol dire che nel prossimo periodo dovremo lavorare di più a parità di risorse, ovvero lavorare meglio, alla ricerca dell'efficienza e non solo dell'efficacia. Ecco quindi che diventa importante affrontare i temi dei sistemi, dell'organizzazione, delle economie di scala, della formazione e dello sviluppo delle competenze. In due parole, fare innovazione. In questo scenario, quale credi sia il ruolo delle tecnologie informatiche? Stiamo vivendo diverse trasformazioni importanti. I cantieri sono sempre più grandi e più lontani e in futuro saranno anche all'estero. Le condizioni di mercato variano improvvisamente. Per dominare questa complessità è necessario disporre di tecnologie che "abilitino" il cambiamento, ovvero un insieme di strumentazioni informatiche, di processi di gestione Diventa quindi importante gestire il cambiamento come "nuova normalità" della vita di un'impresa. In questo vedo la necessità di porre particolare attenzione al tema del Digital Divide. Sono d'accordo. Ai tradizionali meccanismi di governo del business (relazioni personali, politica, esperienza) si deve necessariamente affiancare un nuovo rapporto con le tecnologie, che dovrà diventare più intenso e fruttuoso. Dovremo essere tutti più competenti, più veloci e consapevoli dell'importanza dell'informazione come strumento di generazione della conoscenza e del valore. Quindi, bisogna prendere atto che una delle responsabilità sociali dell'impresa è quella di fornire a tutti i soci e dipendenti di CMB la capacità di accedere a questi strumenti di cambiamento continuo, in modo da raggiungere il duplice scopo di fornire ai soci più strumenti formativi e di consapevolezza del mondo in cui vivono e vivranno, e di creare i presupposti per una impresa sempre più competitiva, a partire dal valore più importante: le donne e gli uomini che l'impresa la fanno vivere e prosperare. Il Digital

19 A 05 / N 19 / P "Per dominare questa complessità è necessario disporre di tecnologie che facilitino il cambiamento" Glossario //////////////////////////////////////////////////// Web 2.0 Termine utilizzato per indicare genericamente l'evoluzione di internet verso le "reti sociali", caratterizzate da uno spiccato livello di interazione sitoutente (blog, forum, chat, sistemi quali Wikipedia, Youtube, Facebook, Twitter, Gmail). Nel Web 2.0, ciascuno è in grado di produrre contenuti che possono poi essere pubblicati sulla rete. Divide va quindi affrontato dal punto di vista strategico e, oserei dire, come priorità. Questi aspetti andrebbero anche a favorire un naturale ricambio generazionale? In questi anni il tema del ricambio generazionale è stato un tratto qualificante del dibattito interno a CMB. È cresciuta la consapevolezza che il cosiddetto ricambio non sia da intendere come subentro nella gestione dell'impresa di soci giovani a sfavore di soci anziani, ma è un processo più ampio e profondo che porterà a innovare, realizzabile soltanto attraverso azioni di allargamento del gruppo dirigente attuale. Ragionare quindi per inclusione e non per esclusione. Il ricambio generazionale è funzionale allo sviluppo e all innovazione: l ingresso di nuove generazioni di cooperatori e la formazione di una nuova leva di dirigenti cooperativi sono elementi che manterranno adeguate le competenze e le energie necessarie al governo della nostra cooperativa, assicurandole un futuro. A proposito del mondo moderno In Lombardia ci sono più di utilizzatori di Facebook. Di questi, quanti credi siano coloro i quali lavorano in CMB? Guarda, nel poco tempo libero che ho a disposizione, qualche "viaggio" nel mondo dei Social Network me lo concedo. Non Facebook È il secondo sito più visitato al mondo, preceduto solo da Google con più di 500 milioni di abbonati (18 milioni in Italia). Il nome del sito si riferisce agli annuari con le foto di ogni singolo soggetto (facebook) che alcuni college e scuole preparatorie statunitensi pubblicano all'inizio dell'anno accademico e distribuiscono ai nuovi studenti e al personale della facoltà come mezzo per conoscere le persone del campus. Viene utilizzato per condividere con amici e conoscenti informazioni, immagini e video. Tablet Dispositivo pensato per accedere velocemente a Internet. Le sue caratteristiche principali sono: essere sempre connesso alla rete, durata prolungata della batteria, utilizzo delle dita per attivare i comandi (interfaccia "touch"). Digital Divide Divario esistente tra chi ha accesso effettivo alle tecnologie dell'informazione (in particolare personal computer e internet) e chi ne è escluso, in modo parziale o totale. I motivi di esclusione comprendono diverse variabili: condizioni economiche, livello d'istruzione, qualità delle infrastrutture, differenze di età o di sesso, appartenenza a diversi gruppi etnici, provenienza geografica. Oltre a indicare il divario nell'accesso reale alle tecnologie, la definizione include anche disparità nell'acquisizione di risorse o capacità necessarie a partecipare alla società dell'informazione. Il digital divide può essere inteso sia rispetto a un singolo paese sia a livello globale. Economia della conoscenza Si occupa di studiare le caratteristiche della conoscenza e delle informazioni, con particolare attenzione a natura, creazione, diffusione, trasformazione, trasferimento e utilizzo della conoscenza in ogni sua forma. L'economia della conoscenza evidenzia i legami tra i processi di apprendimento, l'innovazione e la competitività, sempre più basata sulla conoscenza e di conseguenza sulle risorse intangibili, sul know-how e sulle competenze distintive. Alla base della conoscenza vi sono i processi cognitivi e di apprendimento dell'uomo: l'economia è fatta di scelte e le scelte sono il risultato dei processi neurobiologici che avvengono nella mente dell'uomo. Dunque, alla base della teoria economica vi devono essere i "meccanismi che guidano il lavoro della mente umana" (Rizzello, 1999). saprei darti un numero preciso. Diciamo che sono molti più di quelli che tanti si aspetterebbero. Ti lancio una sfida. Come potremmo utilizzare le nuove tecnologie - quelle che si chiamano web 2.0, social network e così via - per migliorare la competitività dell'impresa? Probabilmente nessuno lo sa ancora. Diciamo che è importante porsi il problema e prestare attenzione a quello che succede nel mondo su questi aspetti. Quello che è certo, è che internet ha già cambiato il nostro modo di lavorare. E siamo ancora all'inizio di un percorso. Torniamo a temi più business. Tu sei anche un membro attivo e prezioso del gruppo che sta lavorando sul Progetto Linneo. Vuoi dirci qualcosa su come vedi il Progetto? Non nascondo che credo molto nel Progetto Linneo e non solo come un sistema di governo basato su misure e regole di tipo economico-finanziario, ma anche e soprattutto come strumento di previsione attraverso il quale sia possibile, a partire dai dati disponibili oggi, ricavare le informazioni necessarie a "vedere" il domani. L'idea di fondo del Progetto Linneo è, secondo me, quella di mettere a disposizione degli indicatori che segnalino prontamente e facilmente i punti su cui intervenire e le conseguenze che questi interventi possono provocare all'interno e all'esterno di CMB. Il compito più difficile sarà quello di mettere ordine tra tutti i possibili indicatori, con l'obiettivo di integrarli e bilanciarli, ossia di definire le connessioni logiche esistenti tra di essi e creare un complesso efficace e affidabile. La vera sfida consiste quindi nel graduale passaggio da un sistema di governo basato sul rispetto di regole formali, a un sistema orientato alla gestione della dinamica del business, proiettato al futuro, veloce e rapido ad assorbire i cambiamenti. Una sfida tanto culturale quanto tecnologica. Una sfida che dobbiamo raccogliere, se vogliamo continuare sulla strada tracciata da chi ci ha preceduto, in un modo diverso nei metodi ma sempre uguale nel perseguimento dello spirito cooperativo. In bocca al lupo al top management di CMB, allora. In bocca al lupo a tutti noi.

20 TRENTO / EDILIZIA PUBBLICA Il carcere modello

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100 Automa di TrentoUNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo Fax (352) 29 29-42670 E-mail: ojs@publications.europa.eu Info

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Leadership in Energy and Environmental Design

Leadership in Energy and Environmental Design LEED Leadership in Energy and Environmental Design LEED è lo standard di certificazione energetica e di sostenibilità degli edifici più in uso al mondo: si tratta di una serie di criteri sviluppati negli

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata LEADER EUROPEO Blocchi e Solai in Legno Cemento Struttura antisismica testata e collaudata Come da Linee Guida del Ministero LLPP Luglio 2011 TERREMOTO IN EMILIA 2012 Asilo a Ganaceto (MO) Intervento a

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO «Quello Quello che per un uomo è "magia", per un altro è ingegneria». Robert Anson Heinlein ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA Corso di aggiornamento sulle Norme

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli