Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente Energia e cambiamenti climatici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente Energia e cambiamenti climatici"

Transcript

1 Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile Relazione sullo Stato dell Ambiente Energia e cambiamenti climatici

2 Energia e cambiamenti climatici ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI Giovanni Monastra, Mauro Degli Effetti, Claudio Baffioni, Stefano Vallocchia PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZIONE 3 IL BILANCIO ENERGETICO DI ROMA 8 IL CLIMA 15 LE EMISSIONI CLIMALTERANTI 18 LE SPECIFICITA' DELLA CITTÀ DI ROMA 23 Box - Il Master Plan di Jeremy Rifkin: "Ripensare l energia a Roma per zone concentriche ed intercollegate" 32 1

3

4 ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI Giovanni Monastra, Mauro Degli Effetti, Claudio Baffioni, Stefano Vallocchia Il consumo di energia è in costante aumento nelle città. Oggi, a livello europeo, tale consumo è responsabile di oltre il 50% delle emissioni di gas serra causate, direttamente o indirettamente, dall uso dell energia da parte dell uomo. Risulta quindi necessario mettere in campo una serie di azioni che tendano a mitigare le emissioni di gas climalteranti di origine antropica. PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZIONE Il percorso dell Agenda 21 locale Lo Sviluppo sostenibile è senza dubbio la sfida principale per il nuovo millennio. Con tale obiettivo si vuole infatti coniugare e rendere compatibili la tutela ambientale e la crescita socioeconomica. Negli ultimi decenni è stato elaborato in modo sempre più preciso e concreto il concetto di sviluppo sostenibile, definito nel rapporto Our Common Future della Commissione Bruntland delle Nazioni Unite per l ambiente e lo sviluppo del 1987, come un processo che garantisce i bisogni del presente senza compromettere le possibilità delle generazioni future. In particolare nella Conferenza su ambiente e sviluppo di Rio de Janeiro del 1992 i governi firmatari si sono impegnati verso le tematiche della sostenibilità. In quella sede oltre 170 Paesi hanno sottoscritto il documento dell'agenda 21, ovvero il programma di azioni per uno sviluppo sostenibile da realizzare nel terzo millennio e con il quale si sottolinea il valore di queste politiche su scala locale, intesa come la dimensione più adeguata per sviluppare le istanze della sostenibilità ambientale ed urbana. A livello europeo, con il Trattato di Maastricht, tale concetto diviene uno dei principali obiettivi dell Unione Europea. Nella Conferenza europea tenutasi ad Aalborg nel 1994 viene redatta la Carta delle città europee per un modello urbano sostenibile ("Carta di Aalborg") che anche il Comune di Roma sottoscrive in quella data. La Carta indica la necessità di orientare lo sviluppo urbano europeo verso un modello di equità sociale e di sostenibilità economica ed ambientale, con il coinvolgimento delle comunità locali nei processi decisionali e l impegno nei confronti del processo di Agenda 21. Con il vertice di Johannesburg del 2002 (World Summit On Sustainable Development), nel confermare l impegno verso le sfide ambientali e sociali, si è evidenziata la necessità di valorizzare tutti gli aspetti della sostenibilità, denunciando l insufficienza delle azione realizzate, in particolare in relazione alle strategie da attuare per contrastare i cambiamenti climatici in campo energetico. Alla luce di quanto emerso a Johannesburg, gli Aalborg Commitments (impegni sottoscritti dal 3

5 Comune di Roma nel 2004 ad Aalborg) hanno delineato con precisione gli impegni che gli enti locali attivi in processi di Agenda 21 locale (Ag21L) devono cercare di concretizzare, ciascuno seguendo l ordine di priorità più consono alla propria realtà. Al fine di aumentare questa consapevolezza sui temi dell energia, la Commissione europea ha lanciato nel novembre del 2005 la campagna "Energia sostenibile per l Europa" (Sustainable Energy for Europe - SEE) 1. La campagna SEE, aperta a soggetti pubblici e privati, si propone quattro obiettivi principali: aumentare la consapevolezza dei decision-makers nei diversi settori (pubblico, privato, ONG, ecc.) e ai diversi livelli (locale, regionale, nazionale ed Europeo); diffondere le migliori pratiche (best-practices) e contribuire agli obiettivi di politica energetica dell UE, migliorando la sicurezza degli approvvigionamenti energetici e combattendo i cambiamenti climatici; fornire una conoscenza appropriata ed un supporto adeguato per raggiungere un alto livello di consapevolezza pubblica; stimolare l aumento degli investimenti privati nel settore delle tecnologie energetiche sostenibili. Tutti coloro (soggetti pubblici e privati) che presentano progetti ed iniziative che rispondono agli obiettivi sopra elencati possono diventare Partner della campagna SEE, operando all interno di una delle cinque aree di lavoro della campagna stessa (comunità sostenibili, trasformazione del mercato, progetti dimostrativi, comunicazione, educazione e formazione, programmi di cooperazione). Nel dicembre 2008 l'unione Europea ha approvato il pacchetto europeo "clima-energia" (meglio conosciuto come ). Il documento prevede entro il 2020: il taglio delle emissioni di gas serra del 20%; la riduzione del consumo di energia del 20%; il 20% del consumo energetico totale europeo generato da fonti rinnovabili. Il Pacchetto Clima-Energia consta di una serie di atti normativi che dovranno essere finalizzati ed attuati da qui al Il pacchetto comprende anche provvedimenti sui limiti alle emissioni delle automobili e sul sistema di scambio di quote di emissione dal 2013 al 2020 (Emissions Trading Scheme 2 ). L Agenda 21 Locale (Ag21L) e la città di Roma Roma è stata promotrice di iniziative tecniche e politiche legate allo sviluppo sostenibile sin dal 1992, l anno della Conferenza di Rio, quando i governi di oltre 170 paesi sottoscrissero il documento denominato Agenda 21, ovvero il piano d azione per affrontare le sfide sociali, economiche e ambientali del XXI secolo. La Città ha così intrapreso il percorso di AG21L nel 1994, sottoscrivendo insieme ad altre 400 autorità locali, la Carta di 1 2 Il sistema UE di scambio di emissioni (ETS) istituisce a livello comunitario un sistema per lo scambio di quote di emissione di CO 2; è una pietra miliare della politica dell'unione europea per mitigare i cambiamenti climatici ed è il suo strumento chiave per ridurre le emissioni industriali di gas serra. Essendo il primo e più grande schema internazionale per lo scambio di quote di emissioni di gas serra, l'eu ETS copre circa centrali elettriche e impianti industriali in 30 paesi. 4

6 Aalborg o Carta delle città europee per un modello urbano sostenibile, adottando nel 1996 il Piano d azione di Lisbona e nel 1999 la Dichiarazione di Siviglia. Il percorso dell AG21L per la città di Roma si è rivelato particolarmente complesso, questo in considerazione dell'ampiezza del suo territorio; la città infatti insiste su una superficie di circa 129 mila ettari (territorio pari alla somma delle nove più grandi città italiane). L articolazione del sistema urbano di Roma, il suo ruolo di Capitale, la dimensione territoriale e abitativa, la peculiarità e importanza del patrimonio storico, archeologico ed ambientale, la varietà dei portatori di interesse (i diversi livelli e momenti di coinvolgimento degli stessi), hanno reso e rendono l iter di attuazione del percorso dell'agenda 21 complesso e difficoltoso. Un altra specificità dei processi dell'ag21l nel Comune di Roma è derivata dalla particolare ampiezza della struttura dell amministrazione, che rende particolarmente difficile l omogeneizzazione delle politiche ambientali e di sostenibilità. Le principali fasi del processo dell'agenda 21 sono state: a) la predisposizione, nel 1996, del documento preliminare del Piano d'azione Ambientale, ove venivano individuate le strategie per lo sviluppo sostenibile attraverso la definizione degli obiettivi generali, delle linee di intervento e degli indicatori per il monitoraggio delle azioni. Alla sua definizione hanno partecipato circa 120 soggetti, tra rappresentanti della comunità locale e responsabili dell amministrazione comunale; b) la pubblicazione nel 1997 della Relazione sullo Stato dell Ambiente, integrata in vari anni, con l aggiornamento relativo alla qualità dell aria nel Comune di Roma; c) la costituzione nel 1998 del Forum Ag21L, il processo partecipativo indispensabile per la formulazione del Piano d azione, coordinato da una commissione permanente, munito di un proprio regolamento, articolato in 7 sessioni tematiche, quale luogo di approfondimento tecnico e di dibattito per le organizzazioni cittadine sulle linee di intervento del Piano d azione; d) la predisposizione del Piano d Azione Ambientale, programma di indirizzo strategico sugli obiettivi e le linee di intervento volte a migliorare le condizioni dell ambiente urbano e la qualità della vita. In particolare le attività relative alla definizione del Piano d azione ambientale sono state articolate in sessioni tematiche, legate rispettivamente ai temi della conservazione della biodiversità e delle aree agricole, della mobilità, della qualità dell aria, del rumore, della gestione delle acque, della gestione dei rifiuti, della politica energetica, della riqualificazione dell ambiente urbano, della difesa e valorizzazione dell eredità storico-culturale. Il Piano d'azione Ambientale di Roma è stato approvato in Consiglio Comunale, il 23 settembre 2002, con la deliberazione n Con il progetto ContaRoma è stato prodotto uno studio sperimentale che ha messo a punto una metodologia per la valutazione e contabilizzazione delle spese ambientali nel bilancio di Roma Capitale, strumento innovativo che rende leggibile il conto economico, valutandone quantità, articolazione, effetti e benefici in termini ambientali. L Amministrazione comunale di Roma ha sottoscritto inoltre la Carta di impegni a giugno 2004 nel corso della Conferenza di Aalborg

7 ispirare il futuro. L adozione degli Aalborg Commitments rappresenta un significativo passo avanti per poter passare dalla fase programmatica a quella pragmatica e strategica, nel tradurre la comune visione di un futuro urbano sostenibile in obiettivi concreti ed in azioni a livello locale. Sono state attuate iniziative finalizzate a promuovere l Ag21L nei Municipi di Roma. L'intento è stato quello di coinvolgere e diffondere il Piano d'azione Ambientale, favorendo un percorso di attuazione delle Agende 21 locali da parte dei Municipi stessi. Alla base di questa scelta la necessità di realizzare una maggiore diffusione all interno dell Amministrazione comunale, coinvolgendo quelle realtà che per ruolo istituzionale sono più vicine alla cittadinanza, che pertanto possono diventare soggetto fondamentale del processo di partecipazione e condivisione delle politiche strategiche e delle azioni indicate nel Piano d'azione Ambientale di Roma. Il Piano d Azione per il raggiungimento degli obiettivi del protocollo di Kyoto Entrato ufficialmente in vigore il 16 febbraio 2005, il protocollo di Kyoto prevede che i 122 Paesi che lo hanno sottoscritto (tra cui l Italia) si impegnino formalmente a ridurre le emissioni dei gas serra prodotte dai combustibili fossili. L impegno per l Italia prevede una riduzione delle emissioni del 6,5% (emissioni 1990) entro il L impegno che ogni Paese ha assunto deve necessariamente prevedere non solo delle azioni a livello nazionale ma anche interventi che vedano le realtà locali impegnate direttamente per il raggiungimento degli obiettivi di riduzione. A tal fine il Comune di Roma ha realizzato il progetto europeo Realizzazione del Piano d Azione del Comune di Roma per il raggiungimento degli obiettivi del Protocollo di Kyoto per la riduzione delle emissioni dei gas ad effetto serra (ROMAPERKYOTO), cofinanziato nell ambito del programma comunitario LIFE Ambiente. Il Piano d'azione è stato adottato con Deliberazione della Giunta comunale n. 72 del 18 marzo Tale progetto ha previsto la partecipazione, in qualità di partner, della Provincia di Roma, dell Agenzia RomaEnergia, dell Ente Regionale RomaNatura, dell ENEA, dell ATAC, nonché dell Institute of Technology in Tallaght (Irlanda). Obiettivo del progetto è stato quello di definire un Piano d Azione per Roma che contribuisca concretamente al raggiungimento degli obiettivi contenuti nel Protocollo di Kyoto nei tempi previsti. Specificatamente il Piano d Azione ha indicato le modalità per giungere alla riduzione del 6,5% (obiettivo dell Italia) entro il 2012 delle emissioni attribuibili al territorio comunale di Roma rispetto ai livelli di emissione al Tra le attività svolte dai vari partner vi sono anche delle azioni pilota puntuali a scopo dimostrativo sulle misure da adottare per la riduzione delle emissioni e per l assorbimento dei gas climalteranti. In particolare RomaNatura è stata responsabile di un azione pilota di forestazione di un area verde pubblica di 2 ettari all interno della Riserva Naturale della Valle dei Casali nel Municipio XV. L intervento ha posto l accento sull importanza di implementare anche in città i sink (serbatoi) per l assorbimento di anidride carbonica. Il progetto ROMAPERKYOTO è stato selezionato dalla Commissione Europea come uno dei migliori progetti LIFE sul cambiamento climatico a scala locale. 6

8 Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) è stato lanciato dalla Commissione europea il 29 gennaio 2008, nell ambito della seconda edizione della Settimana europea dell energia sostenibile. L iniziativa è nata per coinvolgere attivamente le città europee nel percorso verso la sostenibilità energetica ed ambientale. I temi riguardanti la mobilità pulita, la riqualificazione energetica di edifici pubblici e privati e la sensibilizzazione dei cittadini in tema di consumi energetici rappresentano i principali settori sui quali si concentrano gli interventi delle città firmatarie del Patto. In particolare i Sindaci dei Comuni 3 firmatari si impegnano a: a) superare gli obiettivi formali fissati per l UE al 2020, riducendo le emissioni di CO2 nelle rispettive città di oltre il 20% attraverso l attuazione di un Piano d'azione per l Energia Sostenibile. Questo impegno e il relativo Piano devono essere ratificati con Delibera di Consiglio comunale; b) preparare un inventario base delle emissioni (baseline) come punto di partenza per il Piano d'azione per l Energia Sostenibile; c) presentare il Piano entro un anno dalla formale firma di adesione al Patto dei Sindaci; d) adattare le strutture della città, inclusa l allocazione di adeguate risorse umane, al fine di perseguire le azioni necessarie; e) mobilitare la società civile al fine di sviluppare, insieme ad essa, un Piano d'azione che indichi le politiche e le misure da attuare per raggiungere gli obiettivi del Piano stesso; f) presentare, su base biennale, un Rapporto sull attuazione del Piano ai fini di una valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefigurati, includendo le attività di monitoraggio e di verifica delle azioni prefissate. Le autorità locali rivestono un ruolo fondamentale nella lotta al cambiamento climatico. Infatti più della metà delle emissioni di gas ad effetto serra viene rilasciata dalle città. Considerando inoltre che l'80% della popolazione vive e lavora nei centri abitati, dove viene consumata fino all'80% dell'energia, si evidenzia ancora di più il ruolo indispensabile dell'amministrazione locale. Essendo il livello amministrativo più vicino ai cittadini, le autorità locali si trovano nella posizione ideale per comprenderne i timori ed agire. Inoltre, esse possono affrontare le sfide nella loro globalità, agevolando la sinergia fra interessi pubblici e privati e l'integrazione dell'energia sostenibile negli obiettivi di sviluppo locali, (ad esempio tramite le fonti energetiche alternative), un uso più efficiente dell'energia o modifiche nei comportamenti. Le Amministrazioni locali assumono pertanto un ruolo di punta nel processo di attuazione delle politiche in materia di energia sostenibile e ricevono sostegno in questo loro sforzo dalla cittadinanza. Il Patto dei Sindaci permette alle città più all'avanguardia d'europa di essere in primo piano nella lotta al cambiamento climatico tramite l'attuazione di politiche locali intelligenti in materia di energia sostenibile. L obiettivo è creare posti di lavoro stabili localmente, aumentare la qualità della vita dei cittadini e affrontare tematiche sociali fondamentali. 3 7

9 Le città firmatarie accettano di preparare regolarmente delle relazioni e di essere sottoposte a controlli durante l'attuazione dei propri Piani d'azione. Roma Capitale ha presentato ufficialmente la richiesta di adesione al Patto dei Sindaci attraverso la delibera n. 51 del Consiglio comunale del 18 giugno L adesione è avvenuta il 4 maggio 2010 con la sottoscrizione del Patto da parte del Sindaco di Roma ed il contestuale impegno a presentare entro un anno il Piano d Azione per l'energia Sostenibile della Città di Roma contenente gli obiettivi e le strategie di riduzione delle emissioni di CO 2 al IL BILANCIO ENERGETICO DI ROMA 4 Il Bilancio Energetico è l'analisi quantitativa dei flussi di energia in ingresso nel sistema urbano e dei loro usi finali ed è costruito a partire dai flussi in ingresso dei combustibili per autotrazione, di metano e di energia elettrica. In seguito si è provveduto ad imputare i consumi ai diversi usi finali di interesse (mobilità, residenziale e terziario). Le fonti sono le istituzioni responsabili della distribuzione (metano Snam Rete Gas e energia elettrica ACEA S.p.A.), o della quantificazione dei consumi per il calcolo delle accise (combustibili per autotrazione Agenzia delle Dogane). I consumi energetici complessivi I combustibili per autotrazione La serie storica dei consumi annuali di combustibile per autotrazione in rete ed extra rete è stata fornita dall Agenzia delle dogane a partire dal Per inciso, il dato extrarete per il gasolio dà un contributo percentuale non trascurabile: nel 2007 è stato di oltre il 5% del consumo totale di gasolio. I dati complessivi (rete ed extrarete) sono nella tabella e nei grafici qui riportati. Combustibili per autotrazione - contributo energetico Anno Benzina TJ Gasolio TJ GPL TJ TOTALE TJ Serie Serie storica storica dei dei consumi consumi annuali annuali di di combustibile combustibile (rete (rete ed ed extrarete) extrarete) - - Fonte: Fonte: Agenzia Agenzia delle delle Dogane Dogane Combustibili per autotrazione - contributo energetico Anno Benzina TJ il bilancio energetico qui riportato non è completo: manca la valutazione di alcuni elementi propri di un bilancio energetico quali ad esempio la valutazione delle perdite di rete (non trascurabili nel caso del metano) ma che qui, per mancanza di dati certi in proposito, non verranno considerati. 5 I dati originali forniti sono in litri. Il fattore di conversione MJ/litro è tratto da Direttiva 2009/33/CE Gasolio TJ GPL TJ TOTALE TJ Serie storica dei consumi annuali di combustibile(rete ed extrarete) Fonte: Agenzia delle Dogane

10 Serie storica dei consumi annuali di combustibile (rete ed extrarete) - Fonte: Agenzia delle Dogane Serie storica dei consumi annuali di combustibile (rete ed extrarete) - Fonte: Agenzia delle Dogane I dati di consumo di metano per il Trasporto Pubblico Locale (TPL) nel 2010 sono stati pari a 580 TJ (dato ATAC), mentre quelli per trasporto privato sempre nel 2010 sono totalmente trascurabili (7,6 TJ dato SNAM rete gas). Dai dati sopra esposti, è da sottolineare la diminuzione al 2005 dei consumi complessivi a cui è succeduto un brusco aumento nel Tale aumento è legato al mutamento registrato in quell'anno sui veicoli a gasolio, diventato pressoché costante dal 2007, insieme ad una riduzione dei consumi di benzina. Strutturale è invece la diminuzione complessiva dei consumi dal 2006 al 2010, alla luce delle diverse soluzioni proposte dal TPL e come effetto della crisi economico finanziaria del I dati riportati non tengono conto dei combustibili venduti a Roma, ma consumati fuori dal territorio romano (problema legato all utilizzo di grandi arterie di scorrimento quali il Raccordo Anulare che connettono la rete autostradale di comunicazione), come pure quello dei combustibili acquistati fuori dal territorio romano da automobilisti che a Roma hanno utilizzato l automobile (ad esempio il flusso pendolare dei lavoratori che quotidianamente 9

11 giungono in città in numero rilevante). La valutazione fatta a partire dai dati forniti dall Agenzia della Mobilità di Roma Capitale sui flussi pendolari permette di affermare, in prima approssimazione, che i due fenomeni si compensano tra loro. L energia elettrica ACEA S.p.A. ha fornito la serie storica dei consumi elettrici 6 dei suoi clienti classificati per tipi di attività ISTAT ed oggetto di comunicazione annuale all Ufficio Statistico di TERNA S.p.A. I dati sono nella tabella e nei corrispondenti grafici qui sotto riportati. Serie storica dei consumi elettrici - fonte Acea SpA Serie storica dei consumi elettrici - Fonte: ACEA S.p.A. 6 1 MWh = 0,0036 TJ 10

12 Serie storica dei consumi elettrici - fonte Acea SpA I dati mostrano che i consumi agricoli sono trascurabili. Per quello che riguarda i consumi industriali, questi non verranno considerati sia perché minoritari rispetto al totale (al di sotto del 6% negli ultimi anni), sia per non contabilizzare contributi che sono già regolamentati dall ETS. I consumi elettrici di ATAC per il sistema elettrico di TPL sono stati pari nel 2010 a 794 TJ. Riferendosi quindi ai soli contributi di terziario e domestico, non solo il primo risulta essere dominante rispetto al secondo, ma viene mostrato un differente andamento dell intensità del consumo per utenza. La tabella seguente contiene i numeri indice (2003 = 100) per consumi, numero di utenze ed intensità elettrica per utenza nell uso domestico e nel terziario. Fonte: elaborazione Osservatorio Ambientale sui cambiamenti climatici su dati Acea SpaA Nel settore domestico la crescita delle utenze è stata costante (+6,6% nel 2010), i consumi complessivi sono stati altalenanti con un picco del +3,1% nel 2005) con un consumo / utente in diminuzione (-6,9% nel 2010). Nel settore terziario, invece, la crescita dei consumi è costante fino ad un aumento del 21% nel periodo , con un pressoché stabile numero di utenze che al più mostra un aumento del 1,6% nel Quindi vi è stato un aumento dei consumi per utenza che si assesta su un + 19,8% nel

13 Il metano La serie storica relativa ai volumi di gas metano 7 riconsegnati nel territorio del Comune di Roma, è stata fornita da SNAM Rete Gas, distributore a Roma. I dati sono stati forniti per tre tipologie di utenti: industria, termoelettrico e impianti di distribuzione. La voce impianti di distribuzione tiene conto complessivamente dei consumi domestico e terziario ed è questa l unica voce, similmente a quanto riportato per l elettrico, che verrà considerata nel bilancio di Roma. I dati sono nella tabella e nei grafici sotto riportati. Fonte: SNAM Rete Gas Serie storica dei consumi di metano - Fonte: SNAM Rete Gas Serie storica dei consumi di metano - Fonte: SNAM Rete Gas 7 1 m 3 = 38,1 MJ 12

14 Da notare l altalenante andamento dei consumi nel settore industria e il verticale crollo dei consumi per il termoelettrico. Gli impianti di distribuzione mostrano un andamento altalenante negli anni. Da notare un aumento di quasi il 9% nel passaggio I dati esposti possono essere sintetizzati nella tabella e nei grafici seguenti. Fonte: elaborazione Osservatorio Ambientale sui Cambiamenti Climatici su dati: Agenzia delle Dogane, ACEA S.p.A. e SNAM Rete Gas J T Combustibili da autotrazione Energia Elettrica Metano Fonte: elaborazione Osservatorio Ambientale sui Cambiamenti Climatici su dati: Agenzia delle Dogane, ACEA S.p.A. e SNAM Rete Gas. Fonte: elaborazione Osservatorio Ambientale sui Cambiamenti Climatici su dati: Agenzia delle Dogane, ACEA S.p.A. e SNAM Rete Gas. 13

15 E bene sottolineare che questi dati contemplano solo i contributi relativi al settore autotrazione, residenziale e terziario. Infatti i dati relativi ai settori agricolo e industriale per i consumi elettrici e i dati relativi ai settori industria e termoelettrico per il metano non sono stati qui considerati o perché minoritari rispetto al totale o per non contabilizzare contributi che sono già regolamentati dall ETS. Da questi dati si evidenzia che i combustibili da autotrazione rappresentano la fonte energetica principale, mentre energia elettrica e metano hanno pressoché la stessa importanza. Conseguentemente, strategie mirate alla riduzione percentuale dei consumi energetici dovrebbero essere focalizzate nella riduzione dei consumi di combustibili da autotrazione. I consumi energetici complessivi: analisi settoriale Un ulteriore passo può essere fatto quando approfondiamo il discorso verso i consumi settoriali. Sebbene i dati originali per il metano accorpino il contributo di residenziale e terziario, uno studio fornito dall Osservatorio dall Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), basato su dati ISTAT, permette di separare per il metano i settori del residenziale e del terziario. Fonte: elaborazione Osservatorio Ambientale sui Cambiamenti Climatici su dati: Agenzia delle Dogane, ACEA S.p.A. e SNAM Rete Gas e Istituto per la Protezione e la Ricerca Ambientale Fonte: elaborazione Osservatorio Ambientale sui Cambiamenti Climatici su dati: Agenzia delle Dogane, ACEA S.p.A. e SNAM Rete Gas e Istituto per la Protezione e la Ricerca Ambientale 14

16 Conseguentemente da questi dati si evince che l intervento settoriale su cui è bene concentrarsi per giungere ad una riduzione dei consumi energetici è sempre quello della mobilità. Tuttavia, se si considerano congiunti i consumi di terziario e residenziale, il campo d azione trainante è quello dell efficientamento degli edifici, visto che nel 2010 le due voci hanno contribuito al consumo di quasi il 60% dell energia. IL CLIMA Il clima è la combinazione delle condizioni meteorologiche prevalenti in una regione, su lunghi periodi di tempo (25-30 anni). L energia del sole è alla base dei complessi meccanismi che regolano il clima sulla terra. Essa viene assorbita dal sistema terrestre in modo diverso a seconda della latitudine, della conformazione geografica dei continenti e degli oceani, dell orografia, ecc. L energia solare si trasforma in altre forme di energia che danno origine ai movimenti dell atmosfera, dei mari, ecc. e in varie forme di energia bio-chimica che sono alla base della evoluzione della vita sulla terra. Dopo tutte queste trasformazioni l energia solare ritorna nello spazio. Pertanto, mentre nella pratica il clima è definito dalle condizioni meteorologiche medie (temperatura, precipitazioni, vento, umidità) in un arco di tempo di almeno trent anni, nell attività di ricerca scientifica è definito come lo stato di equilibrio energetico tra flusso di energia solare entrante sul nostro pianeta e flusso di energia uscente dal nostro pianeta. L effetto serra è un fenomeno naturale, determinato dalla capacità dell atmosfera di trattenere, sotto forma di calore, parte dell energia che proviene dal sole. Il fenomeno è dovuto alla presenza nell atmosfera di alcuni gas, detti gas serra, che intrappolano la radiazione termica che viene emessa dalla superficie terrestre riscaldata dal sole. Grazie a questo fenomeno, la temperatura media della terra si mantiene intorno ai 15 C, contro i -19 C che si avrebbero in assenza dei gas serra. I gas maggiormente responsabili di questo fenomeno, oltre il vapore acqueo, che è il principale gas serra naturale, sono la CO 2, il CH 4 (metano), il N 2 O (protossido di azoto). L anidride carbonica (CO 2 ), uno dei principali composti del carbonio, è presente in natura in quattro grandi serbatoi : la biosfera, nella quale il carbonio è presente nelle molecole organiche (lipidi, glucidi, ecc.) (3.100 miliardi di tonnellate o gigatonnellate); gli oceani, nei quali il carbonio è disciolto sotto forma di carbonati e bicarbonati ( gigatonnellate); la geosfera, dove il carbonio si presenta essenzialmente sotto forma di calcare e di combustibili fossili (rispettivamente e gigatonnellate); l atmosfera, dove il carbonio è presente sotto forma di CO 2 (600 gigatonnellate). Questi serbatoi sono legati tra loro da importanti scambi che nel loro insieme costituiscono il ciclo del carbonio. Il metano (CH 4 ) si produce dalla degradazione di materiale organico in assenza di ossigeno. Esso viene naturalmente emesso da mangrovie e paludi, mentre le emissioni dovute alle attività umane 15

17 provengono essenzialmente dalle perdite di gas naturale e di altri combustibili fossili durante l estrazione e il trasporto, dalla fermentazione anaerobica di biomasse, dall agricoltura e dalla zootecnia, ed infine dalle discariche. Il protossido di azoto (N 2 O) è un gas serra molto potente e con un tempo di permanenza in atmosfera piuttosto elevato (120 anni), ma con una bassa concentrazione; le principali fonti antropiche di emissione derivano dai fertilizzanti azotati usati in agricoltura e in alcune produzioni industriali. Nell atmosfera, esistono anche altri gas, in percentuali minori, come: i Cloro-Fluoro-Carburi (CFC), gli Idro- Fluoro-Carburi (HFC), il Tetra-Fluoro-Metano (CF 4 ) ecc.; questi gas sono dei composti chimici a base di carbonio che contengono cloro, fluoro, iodio o bromo. Per valutare il contributo all effetto serra dei differenti gas, bisogna prendere in considerazione tre parametri: la loro concentrazione in atmosfera; la diversa capacità di intrappolare l energia che va dalla Terra verso lo spazio ( il cosidetto forcing radiativo di ciascun gas); il tempo medio durante il quale un certo gas persiste in atmosfera (ovviamente se un gas rimane in atmosfera per poco tempo avrà un effetto serra minore rispetto ad un gas che rimane in atmosfera molto più a lungo). Per poter rendere possibile il confronto tra gas con differenti caratteristiche, è stato sviluppato un metodo che permette di valutare il comportamento dei diversi gas evidenziando il loro potenziale di riscaldamento globale (GWP), tenendo dunque conto del tempo di permanenza in atmosfera, della concentrazione e del forcing radiativo: il GWP è una misura dell effetto serra relativo di un gas, utilizzando come gas di riferimento l anidride carbonica. In base al GWP una tonnellata di metano e di protossido di azoto corrispondono rispettivamente a 21 e 310 tonnellate di CO 2 equivalente. Il clima di Roma La città di Roma è situata ad un'altezza media di circa 20 metri sul livello del mare, in una vasta pianura al centro dell'agro romano, confinante ad ovest con la costa tirrenica ed ad est con le prime propaggini dell'appennino. Dal punto di vista morfologico il territorio si presenta assai composito, comprendendo i versanti meridionali dei monti della Tolfa e dei monti Sabatini, il settore meridionale dei monti Sabini, la Campagna Romana, solcata da vari corsi d'acqua, fra cui il Tevere e l'aniene, l'edificio vulcanico dei Colli Albani, il settore occidentale dei monti Simbruini, i Lepini settentrionali e l'alta valle del fiume Sacco. Il principale corso d'acqua è il Tevere, che attraversa Roma e forma, al suo sbocco nel mar Tirreno, un vasto delta dalla forma quadrangolare. Altri fiumi di rilievo sono: l'aniene, suo affluente di sinistra, che scorre quasi interamente nell'ambito del territorio provinciale, il Sacco e l'arrone, emissario del lago di Bracciano. I più importanti bacini lacustri, formatisi entro le depressioni di caldera di antichi vulcani spenti, sono: i laghi di 16

18 Bracciano e di Martignano, nell'apparato vulcanico dei monti Sabatini, e i laghi di Albano e di Nemi, in quello dei Colli Albani. I caratteri climatici variano molto in relazione alla morfologia del territorio, per cui il clima è propriamente mediterraneo nella fascia costiera, di tipo continentale attenuato, invece, all'interno. Procedendo da ovest ad est, diminuiscono in genere le temperature e aumentano i valori pluviometrici, che vanno da un minimo di 700 mm nella zona litoranea a un massimo di oltre 1500 mm sui monti Sabini e sui Simbruini; le precipitazioni si concentrano in larga misura nei mesi invernali e primaverili, e sono molto scarse nella stagione estiva. In generale è possibile affermare che il clima di Roma è di tipo temperato, con valori particolarmente miti sulle coste, e moderatamente freddo, soprattutto d'inverno nelle zone più interne. L'estate è calda e secca, anche se alcune serate possono essere molto umide. L'inverno è freddo e pressoché asciutto, con rari fenomeni nevosi di una certa consistenza. In generale, il clima è spesso ventilato, con una prevalenza di venti occidentali (maestrale e libeccio) e settentrionali (tramontana e grecale). La classificazione dei climi formulata da Köppen prende in considerazione gli aspetti più evidenti del clima (temperatura, precipitazioni, ecc.) ed il tipo di vegetazione presente in una regione. In base alla classificazione dei climi di Köppen Roma appartiene alla fascia CSA 8 : C = clima caldo-umido con una stagione fredda, estate arida e inverno fresco - media delle temperature del mese più freddo compresa tra 18 C e -3 C; S = estate arida, intensità delle precipitazioni del mese invernale più piovoso uguale ad almeno 3 volte l' intensità delle precipitazioni del mese estivo meno piovoso; A = estate calda, temperatura del mese più caldo > 22 C

19 LE EMISSIONI CLIMALTERANTI Serie storica delle emissioni climalteranti a Roma per consumi di energia Le emissioni causate da combustibile per autotrazione I dati complessivi (rete ed extrarete) delle emissioni climalteranti legate all'uso di combustibile per autotrazione sono nella tabella e nei corrispondenti grafici qui sotto riportati. Fonte: elaborazione ISPRA su dati Agenzia delle Dogane Fonte: elaborazione ISPRA su dati Agenzia delle Dogane Fonte: elaborazione ISPRA su dati Agenzia delle Dogane 18

20 Le emissioni legate ai consumi elettrici I dati relativi alle emissioni da consumi elettrici sono riportate nella tabella e nei grafici seguenti: Fonte: elaborazione ISPRA su dati ACEA SpA Fonte: elaborazione ISPRA su dati ACEA SpA Fonte: elaborazione ISPRA su dati ACEA SpA 19

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DELLA CITTÀ DI ROMA (Sustainable Energy Action Plan SEAP)

PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DELLA CITTÀ DI ROMA (Sustainable Energy Action Plan SEAP) PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DELLA CITTÀ DI ROMA (Sustainable Energy Action Plan SEAP) ROMA CAPITALE - Piano d azione per l energia sostenibile (SEAP) Pagina 1 Verde - Protezione civile ROMA

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause .3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 3Le cause e le origini del cambiamento climatico Il cambiamento climatico

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione 1 Sintesi Una nuova strategia per l ambiente Introduzione Nel corso di questi ultimi anni, l ambiente ha subito forti pressioni nei Paesi dell OCSE e nel mondo. Alcune pressioni tenderanno sicuramente

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES) Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC Documento elaborato da: Roberto Vaccaro Adriano Bisello Daniele Vettorato Wolfram Sparber Collaboratori:

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13 MONINI S.p.A. S.S 3 Flaminia Km. 129-06049 Spoleto (PG) Tel. 0743.2326.1 (r.a.) Partita IVA 02625300542- Cap.Soc. EURO 6.000.000,00 I.V. www.monini.com e-mail: info@monini.com Posta Certificata: monini@legalmail.it

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg)

Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg) Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg) (Approvata dai partecipanti alla Conferenza europea sulle città sostenibili tenutasi ad Aalborg, Danimarca il 27

Dettagli

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE PIANO STRATEGICO INTERCOMUNALE DELL ENERGIA comuni di: Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera Pieve Vergonte Villadossola Vogogna ANALISI DEI CONSUMI E DELLE EMISSIONI CAIRE

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60 4. L ENERGIA 4.1. Premessa L 80% circa dell energia consumata nell UE deriva dai combustibili fossili: petrolio, gas naturale e carbone. Di questa percentuale, una parte considerevole, in costante aumento,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni .4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 4Affrontare il Cambiamento climatico Spesso sentiamo

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES)

GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) indicazioni operative per la pianificazione energetica delle realtà comunali medio-piccole Maggio 2011 Con il patrocinio

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Guida alla partecipazione a Carbomark

Guida alla partecipazione a Carbomark Guida alla partecipazione a Carbomark Guida alla partecipazione a Carbomark Regione del Veneto Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Udine Unità

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

Un nuovo paradigma energetico quale driver nei processi di rigenerazione urbana.

Un nuovo paradigma energetico quale driver nei processi di rigenerazione urbana. Un nuovo paradigma energetico quale driver nei processi di rigenerazione urbana. Da sempre, le città sono soggette a processi di adattamento/rinnovamento conseguenti al degrado fisico ed ambientale di

Dettagli