Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente Energia e cambiamenti climatici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente Energia e cambiamenti climatici"

Transcript

1 Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile Relazione sullo Stato dell Ambiente Energia e cambiamenti climatici

2 Energia e cambiamenti climatici ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI Giovanni Monastra, Mauro Degli Effetti, Claudio Baffioni, Stefano Vallocchia PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZIONE 3 IL BILANCIO ENERGETICO DI ROMA 8 IL CLIMA 15 LE EMISSIONI CLIMALTERANTI 18 LE SPECIFICITA' DELLA CITTÀ DI ROMA 23 Box - Il Master Plan di Jeremy Rifkin: "Ripensare l energia a Roma per zone concentriche ed intercollegate" 32 1

3

4 ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI Giovanni Monastra, Mauro Degli Effetti, Claudio Baffioni, Stefano Vallocchia Il consumo di energia è in costante aumento nelle città. Oggi, a livello europeo, tale consumo è responsabile di oltre il 50% delle emissioni di gas serra causate, direttamente o indirettamente, dall uso dell energia da parte dell uomo. Risulta quindi necessario mettere in campo una serie di azioni che tendano a mitigare le emissioni di gas climalteranti di origine antropica. PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZIONE Il percorso dell Agenda 21 locale Lo Sviluppo sostenibile è senza dubbio la sfida principale per il nuovo millennio. Con tale obiettivo si vuole infatti coniugare e rendere compatibili la tutela ambientale e la crescita socioeconomica. Negli ultimi decenni è stato elaborato in modo sempre più preciso e concreto il concetto di sviluppo sostenibile, definito nel rapporto Our Common Future della Commissione Bruntland delle Nazioni Unite per l ambiente e lo sviluppo del 1987, come un processo che garantisce i bisogni del presente senza compromettere le possibilità delle generazioni future. In particolare nella Conferenza su ambiente e sviluppo di Rio de Janeiro del 1992 i governi firmatari si sono impegnati verso le tematiche della sostenibilità. In quella sede oltre 170 Paesi hanno sottoscritto il documento dell'agenda 21, ovvero il programma di azioni per uno sviluppo sostenibile da realizzare nel terzo millennio e con il quale si sottolinea il valore di queste politiche su scala locale, intesa come la dimensione più adeguata per sviluppare le istanze della sostenibilità ambientale ed urbana. A livello europeo, con il Trattato di Maastricht, tale concetto diviene uno dei principali obiettivi dell Unione Europea. Nella Conferenza europea tenutasi ad Aalborg nel 1994 viene redatta la Carta delle città europee per un modello urbano sostenibile ("Carta di Aalborg") che anche il Comune di Roma sottoscrive in quella data. La Carta indica la necessità di orientare lo sviluppo urbano europeo verso un modello di equità sociale e di sostenibilità economica ed ambientale, con il coinvolgimento delle comunità locali nei processi decisionali e l impegno nei confronti del processo di Agenda 21. Con il vertice di Johannesburg del 2002 (World Summit On Sustainable Development), nel confermare l impegno verso le sfide ambientali e sociali, si è evidenziata la necessità di valorizzare tutti gli aspetti della sostenibilità, denunciando l insufficienza delle azione realizzate, in particolare in relazione alle strategie da attuare per contrastare i cambiamenti climatici in campo energetico. Alla luce di quanto emerso a Johannesburg, gli Aalborg Commitments (impegni sottoscritti dal 3

5 Comune di Roma nel 2004 ad Aalborg) hanno delineato con precisione gli impegni che gli enti locali attivi in processi di Agenda 21 locale (Ag21L) devono cercare di concretizzare, ciascuno seguendo l ordine di priorità più consono alla propria realtà. Al fine di aumentare questa consapevolezza sui temi dell energia, la Commissione europea ha lanciato nel novembre del 2005 la campagna "Energia sostenibile per l Europa" (Sustainable Energy for Europe - SEE) 1. La campagna SEE, aperta a soggetti pubblici e privati, si propone quattro obiettivi principali: aumentare la consapevolezza dei decision-makers nei diversi settori (pubblico, privato, ONG, ecc.) e ai diversi livelli (locale, regionale, nazionale ed Europeo); diffondere le migliori pratiche (best-practices) e contribuire agli obiettivi di politica energetica dell UE, migliorando la sicurezza degli approvvigionamenti energetici e combattendo i cambiamenti climatici; fornire una conoscenza appropriata ed un supporto adeguato per raggiungere un alto livello di consapevolezza pubblica; stimolare l aumento degli investimenti privati nel settore delle tecnologie energetiche sostenibili. Tutti coloro (soggetti pubblici e privati) che presentano progetti ed iniziative che rispondono agli obiettivi sopra elencati possono diventare Partner della campagna SEE, operando all interno di una delle cinque aree di lavoro della campagna stessa (comunità sostenibili, trasformazione del mercato, progetti dimostrativi, comunicazione, educazione e formazione, programmi di cooperazione). Nel dicembre 2008 l'unione Europea ha approvato il pacchetto europeo "clima-energia" (meglio conosciuto come ). Il documento prevede entro il 2020: il taglio delle emissioni di gas serra del 20%; la riduzione del consumo di energia del 20%; il 20% del consumo energetico totale europeo generato da fonti rinnovabili. Il Pacchetto Clima-Energia consta di una serie di atti normativi che dovranno essere finalizzati ed attuati da qui al Il pacchetto comprende anche provvedimenti sui limiti alle emissioni delle automobili e sul sistema di scambio di quote di emissione dal 2013 al 2020 (Emissions Trading Scheme 2 ). L Agenda 21 Locale (Ag21L) e la città di Roma Roma è stata promotrice di iniziative tecniche e politiche legate allo sviluppo sostenibile sin dal 1992, l anno della Conferenza di Rio, quando i governi di oltre 170 paesi sottoscrissero il documento denominato Agenda 21, ovvero il piano d azione per affrontare le sfide sociali, economiche e ambientali del XXI secolo. La Città ha così intrapreso il percorso di AG21L nel 1994, sottoscrivendo insieme ad altre 400 autorità locali, la Carta di 1 2 Il sistema UE di scambio di emissioni (ETS) istituisce a livello comunitario un sistema per lo scambio di quote di emissione di CO 2; è una pietra miliare della politica dell'unione europea per mitigare i cambiamenti climatici ed è il suo strumento chiave per ridurre le emissioni industriali di gas serra. Essendo il primo e più grande schema internazionale per lo scambio di quote di emissioni di gas serra, l'eu ETS copre circa centrali elettriche e impianti industriali in 30 paesi. 4

6 Aalborg o Carta delle città europee per un modello urbano sostenibile, adottando nel 1996 il Piano d azione di Lisbona e nel 1999 la Dichiarazione di Siviglia. Il percorso dell AG21L per la città di Roma si è rivelato particolarmente complesso, questo in considerazione dell'ampiezza del suo territorio; la città infatti insiste su una superficie di circa 129 mila ettari (territorio pari alla somma delle nove più grandi città italiane). L articolazione del sistema urbano di Roma, il suo ruolo di Capitale, la dimensione territoriale e abitativa, la peculiarità e importanza del patrimonio storico, archeologico ed ambientale, la varietà dei portatori di interesse (i diversi livelli e momenti di coinvolgimento degli stessi), hanno reso e rendono l iter di attuazione del percorso dell'agenda 21 complesso e difficoltoso. Un altra specificità dei processi dell'ag21l nel Comune di Roma è derivata dalla particolare ampiezza della struttura dell amministrazione, che rende particolarmente difficile l omogeneizzazione delle politiche ambientali e di sostenibilità. Le principali fasi del processo dell'agenda 21 sono state: a) la predisposizione, nel 1996, del documento preliminare del Piano d'azione Ambientale, ove venivano individuate le strategie per lo sviluppo sostenibile attraverso la definizione degli obiettivi generali, delle linee di intervento e degli indicatori per il monitoraggio delle azioni. Alla sua definizione hanno partecipato circa 120 soggetti, tra rappresentanti della comunità locale e responsabili dell amministrazione comunale; b) la pubblicazione nel 1997 della Relazione sullo Stato dell Ambiente, integrata in vari anni, con l aggiornamento relativo alla qualità dell aria nel Comune di Roma; c) la costituzione nel 1998 del Forum Ag21L, il processo partecipativo indispensabile per la formulazione del Piano d azione, coordinato da una commissione permanente, munito di un proprio regolamento, articolato in 7 sessioni tematiche, quale luogo di approfondimento tecnico e di dibattito per le organizzazioni cittadine sulle linee di intervento del Piano d azione; d) la predisposizione del Piano d Azione Ambientale, programma di indirizzo strategico sugli obiettivi e le linee di intervento volte a migliorare le condizioni dell ambiente urbano e la qualità della vita. In particolare le attività relative alla definizione del Piano d azione ambientale sono state articolate in sessioni tematiche, legate rispettivamente ai temi della conservazione della biodiversità e delle aree agricole, della mobilità, della qualità dell aria, del rumore, della gestione delle acque, della gestione dei rifiuti, della politica energetica, della riqualificazione dell ambiente urbano, della difesa e valorizzazione dell eredità storico-culturale. Il Piano d'azione Ambientale di Roma è stato approvato in Consiglio Comunale, il 23 settembre 2002, con la deliberazione n Con il progetto ContaRoma è stato prodotto uno studio sperimentale che ha messo a punto una metodologia per la valutazione e contabilizzazione delle spese ambientali nel bilancio di Roma Capitale, strumento innovativo che rende leggibile il conto economico, valutandone quantità, articolazione, effetti e benefici in termini ambientali. L Amministrazione comunale di Roma ha sottoscritto inoltre la Carta di impegni a giugno 2004 nel corso della Conferenza di Aalborg

7 ispirare il futuro. L adozione degli Aalborg Commitments rappresenta un significativo passo avanti per poter passare dalla fase programmatica a quella pragmatica e strategica, nel tradurre la comune visione di un futuro urbano sostenibile in obiettivi concreti ed in azioni a livello locale. Sono state attuate iniziative finalizzate a promuovere l Ag21L nei Municipi di Roma. L'intento è stato quello di coinvolgere e diffondere il Piano d'azione Ambientale, favorendo un percorso di attuazione delle Agende 21 locali da parte dei Municipi stessi. Alla base di questa scelta la necessità di realizzare una maggiore diffusione all interno dell Amministrazione comunale, coinvolgendo quelle realtà che per ruolo istituzionale sono più vicine alla cittadinanza, che pertanto possono diventare soggetto fondamentale del processo di partecipazione e condivisione delle politiche strategiche e delle azioni indicate nel Piano d'azione Ambientale di Roma. Il Piano d Azione per il raggiungimento degli obiettivi del protocollo di Kyoto Entrato ufficialmente in vigore il 16 febbraio 2005, il protocollo di Kyoto prevede che i 122 Paesi che lo hanno sottoscritto (tra cui l Italia) si impegnino formalmente a ridurre le emissioni dei gas serra prodotte dai combustibili fossili. L impegno per l Italia prevede una riduzione delle emissioni del 6,5% (emissioni 1990) entro il L impegno che ogni Paese ha assunto deve necessariamente prevedere non solo delle azioni a livello nazionale ma anche interventi che vedano le realtà locali impegnate direttamente per il raggiungimento degli obiettivi di riduzione. A tal fine il Comune di Roma ha realizzato il progetto europeo Realizzazione del Piano d Azione del Comune di Roma per il raggiungimento degli obiettivi del Protocollo di Kyoto per la riduzione delle emissioni dei gas ad effetto serra (ROMAPERKYOTO), cofinanziato nell ambito del programma comunitario LIFE Ambiente. Il Piano d'azione è stato adottato con Deliberazione della Giunta comunale n. 72 del 18 marzo Tale progetto ha previsto la partecipazione, in qualità di partner, della Provincia di Roma, dell Agenzia RomaEnergia, dell Ente Regionale RomaNatura, dell ENEA, dell ATAC, nonché dell Institute of Technology in Tallaght (Irlanda). Obiettivo del progetto è stato quello di definire un Piano d Azione per Roma che contribuisca concretamente al raggiungimento degli obiettivi contenuti nel Protocollo di Kyoto nei tempi previsti. Specificatamente il Piano d Azione ha indicato le modalità per giungere alla riduzione del 6,5% (obiettivo dell Italia) entro il 2012 delle emissioni attribuibili al territorio comunale di Roma rispetto ai livelli di emissione al Tra le attività svolte dai vari partner vi sono anche delle azioni pilota puntuali a scopo dimostrativo sulle misure da adottare per la riduzione delle emissioni e per l assorbimento dei gas climalteranti. In particolare RomaNatura è stata responsabile di un azione pilota di forestazione di un area verde pubblica di 2 ettari all interno della Riserva Naturale della Valle dei Casali nel Municipio XV. L intervento ha posto l accento sull importanza di implementare anche in città i sink (serbatoi) per l assorbimento di anidride carbonica. Il progetto ROMAPERKYOTO è stato selezionato dalla Commissione Europea come uno dei migliori progetti LIFE sul cambiamento climatico a scala locale. 6

8 Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) è stato lanciato dalla Commissione europea il 29 gennaio 2008, nell ambito della seconda edizione della Settimana europea dell energia sostenibile. L iniziativa è nata per coinvolgere attivamente le città europee nel percorso verso la sostenibilità energetica ed ambientale. I temi riguardanti la mobilità pulita, la riqualificazione energetica di edifici pubblici e privati e la sensibilizzazione dei cittadini in tema di consumi energetici rappresentano i principali settori sui quali si concentrano gli interventi delle città firmatarie del Patto. In particolare i Sindaci dei Comuni 3 firmatari si impegnano a: a) superare gli obiettivi formali fissati per l UE al 2020, riducendo le emissioni di CO2 nelle rispettive città di oltre il 20% attraverso l attuazione di un Piano d'azione per l Energia Sostenibile. Questo impegno e il relativo Piano devono essere ratificati con Delibera di Consiglio comunale; b) preparare un inventario base delle emissioni (baseline) come punto di partenza per il Piano d'azione per l Energia Sostenibile; c) presentare il Piano entro un anno dalla formale firma di adesione al Patto dei Sindaci; d) adattare le strutture della città, inclusa l allocazione di adeguate risorse umane, al fine di perseguire le azioni necessarie; e) mobilitare la società civile al fine di sviluppare, insieme ad essa, un Piano d'azione che indichi le politiche e le misure da attuare per raggiungere gli obiettivi del Piano stesso; f) presentare, su base biennale, un Rapporto sull attuazione del Piano ai fini di una valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefigurati, includendo le attività di monitoraggio e di verifica delle azioni prefissate. Le autorità locali rivestono un ruolo fondamentale nella lotta al cambiamento climatico. Infatti più della metà delle emissioni di gas ad effetto serra viene rilasciata dalle città. Considerando inoltre che l'80% della popolazione vive e lavora nei centri abitati, dove viene consumata fino all'80% dell'energia, si evidenzia ancora di più il ruolo indispensabile dell'amministrazione locale. Essendo il livello amministrativo più vicino ai cittadini, le autorità locali si trovano nella posizione ideale per comprenderne i timori ed agire. Inoltre, esse possono affrontare le sfide nella loro globalità, agevolando la sinergia fra interessi pubblici e privati e l'integrazione dell'energia sostenibile negli obiettivi di sviluppo locali, (ad esempio tramite le fonti energetiche alternative), un uso più efficiente dell'energia o modifiche nei comportamenti. Le Amministrazioni locali assumono pertanto un ruolo di punta nel processo di attuazione delle politiche in materia di energia sostenibile e ricevono sostegno in questo loro sforzo dalla cittadinanza. Il Patto dei Sindaci permette alle città più all'avanguardia d'europa di essere in primo piano nella lotta al cambiamento climatico tramite l'attuazione di politiche locali intelligenti in materia di energia sostenibile. L obiettivo è creare posti di lavoro stabili localmente, aumentare la qualità della vita dei cittadini e affrontare tematiche sociali fondamentali. 3 7

9 Le città firmatarie accettano di preparare regolarmente delle relazioni e di essere sottoposte a controlli durante l'attuazione dei propri Piani d'azione. Roma Capitale ha presentato ufficialmente la richiesta di adesione al Patto dei Sindaci attraverso la delibera n. 51 del Consiglio comunale del 18 giugno L adesione è avvenuta il 4 maggio 2010 con la sottoscrizione del Patto da parte del Sindaco di Roma ed il contestuale impegno a presentare entro un anno il Piano d Azione per l'energia Sostenibile della Città di Roma contenente gli obiettivi e le strategie di riduzione delle emissioni di CO 2 al IL BILANCIO ENERGETICO DI ROMA 4 Il Bilancio Energetico è l'analisi quantitativa dei flussi di energia in ingresso nel sistema urbano e dei loro usi finali ed è costruito a partire dai flussi in ingresso dei combustibili per autotrazione, di metano e di energia elettrica. In seguito si è provveduto ad imputare i consumi ai diversi usi finali di interesse (mobilità, residenziale e terziario). Le fonti sono le istituzioni responsabili della distribuzione (metano Snam Rete Gas e energia elettrica ACEA S.p.A.), o della quantificazione dei consumi per il calcolo delle accise (combustibili per autotrazione Agenzia delle Dogane). I consumi energetici complessivi I combustibili per autotrazione La serie storica dei consumi annuali di combustibile per autotrazione in rete ed extra rete è stata fornita dall Agenzia delle dogane a partire dal Per inciso, il dato extrarete per il gasolio dà un contributo percentuale non trascurabile: nel 2007 è stato di oltre il 5% del consumo totale di gasolio. I dati complessivi (rete ed extrarete) sono nella tabella e nei grafici qui riportati. Combustibili per autotrazione - contributo energetico Anno Benzina TJ Gasolio TJ GPL TJ TOTALE TJ Serie Serie storica storica dei dei consumi consumi annuali annuali di di combustibile combustibile (rete (rete ed ed extrarete) extrarete) - - Fonte: Fonte: Agenzia Agenzia delle delle Dogane Dogane Combustibili per autotrazione - contributo energetico Anno Benzina TJ il bilancio energetico qui riportato non è completo: manca la valutazione di alcuni elementi propri di un bilancio energetico quali ad esempio la valutazione delle perdite di rete (non trascurabili nel caso del metano) ma che qui, per mancanza di dati certi in proposito, non verranno considerati. 5 I dati originali forniti sono in litri. Il fattore di conversione MJ/litro è tratto da Direttiva 2009/33/CE Gasolio TJ GPL TJ TOTALE TJ Serie storica dei consumi annuali di combustibile(rete ed extrarete) Fonte: Agenzia delle Dogane

10 Serie storica dei consumi annuali di combustibile (rete ed extrarete) - Fonte: Agenzia delle Dogane Serie storica dei consumi annuali di combustibile (rete ed extrarete) - Fonte: Agenzia delle Dogane I dati di consumo di metano per il Trasporto Pubblico Locale (TPL) nel 2010 sono stati pari a 580 TJ (dato ATAC), mentre quelli per trasporto privato sempre nel 2010 sono totalmente trascurabili (7,6 TJ dato SNAM rete gas). Dai dati sopra esposti, è da sottolineare la diminuzione al 2005 dei consumi complessivi a cui è succeduto un brusco aumento nel Tale aumento è legato al mutamento registrato in quell'anno sui veicoli a gasolio, diventato pressoché costante dal 2007, insieme ad una riduzione dei consumi di benzina. Strutturale è invece la diminuzione complessiva dei consumi dal 2006 al 2010, alla luce delle diverse soluzioni proposte dal TPL e come effetto della crisi economico finanziaria del I dati riportati non tengono conto dei combustibili venduti a Roma, ma consumati fuori dal territorio romano (problema legato all utilizzo di grandi arterie di scorrimento quali il Raccordo Anulare che connettono la rete autostradale di comunicazione), come pure quello dei combustibili acquistati fuori dal territorio romano da automobilisti che a Roma hanno utilizzato l automobile (ad esempio il flusso pendolare dei lavoratori che quotidianamente 9

11 giungono in città in numero rilevante). La valutazione fatta a partire dai dati forniti dall Agenzia della Mobilità di Roma Capitale sui flussi pendolari permette di affermare, in prima approssimazione, che i due fenomeni si compensano tra loro. L energia elettrica ACEA S.p.A. ha fornito la serie storica dei consumi elettrici 6 dei suoi clienti classificati per tipi di attività ISTAT ed oggetto di comunicazione annuale all Ufficio Statistico di TERNA S.p.A. I dati sono nella tabella e nei corrispondenti grafici qui sotto riportati. Serie storica dei consumi elettrici - fonte Acea SpA Serie storica dei consumi elettrici - Fonte: ACEA S.p.A. 6 1 MWh = 0,0036 TJ 10

12 Serie storica dei consumi elettrici - fonte Acea SpA I dati mostrano che i consumi agricoli sono trascurabili. Per quello che riguarda i consumi industriali, questi non verranno considerati sia perché minoritari rispetto al totale (al di sotto del 6% negli ultimi anni), sia per non contabilizzare contributi che sono già regolamentati dall ETS. I consumi elettrici di ATAC per il sistema elettrico di TPL sono stati pari nel 2010 a 794 TJ. Riferendosi quindi ai soli contributi di terziario e domestico, non solo il primo risulta essere dominante rispetto al secondo, ma viene mostrato un differente andamento dell intensità del consumo per utenza. La tabella seguente contiene i numeri indice (2003 = 100) per consumi, numero di utenze ed intensità elettrica per utenza nell uso domestico e nel terziario. Fonte: elaborazione Osservatorio Ambientale sui cambiamenti climatici su dati Acea SpaA Nel settore domestico la crescita delle utenze è stata costante (+6,6% nel 2010), i consumi complessivi sono stati altalenanti con un picco del +3,1% nel 2005) con un consumo / utente in diminuzione (-6,9% nel 2010). Nel settore terziario, invece, la crescita dei consumi è costante fino ad un aumento del 21% nel periodo , con un pressoché stabile numero di utenze che al più mostra un aumento del 1,6% nel Quindi vi è stato un aumento dei consumi per utenza che si assesta su un + 19,8% nel

13 Il metano La serie storica relativa ai volumi di gas metano 7 riconsegnati nel territorio del Comune di Roma, è stata fornita da SNAM Rete Gas, distributore a Roma. I dati sono stati forniti per tre tipologie di utenti: industria, termoelettrico e impianti di distribuzione. La voce impianti di distribuzione tiene conto complessivamente dei consumi domestico e terziario ed è questa l unica voce, similmente a quanto riportato per l elettrico, che verrà considerata nel bilancio di Roma. I dati sono nella tabella e nei grafici sotto riportati. Fonte: SNAM Rete Gas Serie storica dei consumi di metano - Fonte: SNAM Rete Gas Serie storica dei consumi di metano - Fonte: SNAM Rete Gas 7 1 m 3 = 38,1 MJ 12

14 Da notare l altalenante andamento dei consumi nel settore industria e il verticale crollo dei consumi per il termoelettrico. Gli impianti di distribuzione mostrano un andamento altalenante negli anni. Da notare un aumento di quasi il 9% nel passaggio I dati esposti possono essere sintetizzati nella tabella e nei grafici seguenti. Fonte: elaborazione Osservatorio Ambientale sui Cambiamenti Climatici su dati: Agenzia delle Dogane, ACEA S.p.A. e SNAM Rete Gas J T Combustibili da autotrazione Energia Elettrica Metano Fonte: elaborazione Osservatorio Ambientale sui Cambiamenti Climatici su dati: Agenzia delle Dogane, ACEA S.p.A. e SNAM Rete Gas. Fonte: elaborazione Osservatorio Ambientale sui Cambiamenti Climatici su dati: Agenzia delle Dogane, ACEA S.p.A. e SNAM Rete Gas. 13

15 E bene sottolineare che questi dati contemplano solo i contributi relativi al settore autotrazione, residenziale e terziario. Infatti i dati relativi ai settori agricolo e industriale per i consumi elettrici e i dati relativi ai settori industria e termoelettrico per il metano non sono stati qui considerati o perché minoritari rispetto al totale o per non contabilizzare contributi che sono già regolamentati dall ETS. Da questi dati si evidenzia che i combustibili da autotrazione rappresentano la fonte energetica principale, mentre energia elettrica e metano hanno pressoché la stessa importanza. Conseguentemente, strategie mirate alla riduzione percentuale dei consumi energetici dovrebbero essere focalizzate nella riduzione dei consumi di combustibili da autotrazione. I consumi energetici complessivi: analisi settoriale Un ulteriore passo può essere fatto quando approfondiamo il discorso verso i consumi settoriali. Sebbene i dati originali per il metano accorpino il contributo di residenziale e terziario, uno studio fornito dall Osservatorio dall Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), basato su dati ISTAT, permette di separare per il metano i settori del residenziale e del terziario. Fonte: elaborazione Osservatorio Ambientale sui Cambiamenti Climatici su dati: Agenzia delle Dogane, ACEA S.p.A. e SNAM Rete Gas e Istituto per la Protezione e la Ricerca Ambientale Fonte: elaborazione Osservatorio Ambientale sui Cambiamenti Climatici su dati: Agenzia delle Dogane, ACEA S.p.A. e SNAM Rete Gas e Istituto per la Protezione e la Ricerca Ambientale 14

16 Conseguentemente da questi dati si evince che l intervento settoriale su cui è bene concentrarsi per giungere ad una riduzione dei consumi energetici è sempre quello della mobilità. Tuttavia, se si considerano congiunti i consumi di terziario e residenziale, il campo d azione trainante è quello dell efficientamento degli edifici, visto che nel 2010 le due voci hanno contribuito al consumo di quasi il 60% dell energia. IL CLIMA Il clima è la combinazione delle condizioni meteorologiche prevalenti in una regione, su lunghi periodi di tempo (25-30 anni). L energia del sole è alla base dei complessi meccanismi che regolano il clima sulla terra. Essa viene assorbita dal sistema terrestre in modo diverso a seconda della latitudine, della conformazione geografica dei continenti e degli oceani, dell orografia, ecc. L energia solare si trasforma in altre forme di energia che danno origine ai movimenti dell atmosfera, dei mari, ecc. e in varie forme di energia bio-chimica che sono alla base della evoluzione della vita sulla terra. Dopo tutte queste trasformazioni l energia solare ritorna nello spazio. Pertanto, mentre nella pratica il clima è definito dalle condizioni meteorologiche medie (temperatura, precipitazioni, vento, umidità) in un arco di tempo di almeno trent anni, nell attività di ricerca scientifica è definito come lo stato di equilibrio energetico tra flusso di energia solare entrante sul nostro pianeta e flusso di energia uscente dal nostro pianeta. L effetto serra è un fenomeno naturale, determinato dalla capacità dell atmosfera di trattenere, sotto forma di calore, parte dell energia che proviene dal sole. Il fenomeno è dovuto alla presenza nell atmosfera di alcuni gas, detti gas serra, che intrappolano la radiazione termica che viene emessa dalla superficie terrestre riscaldata dal sole. Grazie a questo fenomeno, la temperatura media della terra si mantiene intorno ai 15 C, contro i -19 C che si avrebbero in assenza dei gas serra. I gas maggiormente responsabili di questo fenomeno, oltre il vapore acqueo, che è il principale gas serra naturale, sono la CO 2, il CH 4 (metano), il N 2 O (protossido di azoto). L anidride carbonica (CO 2 ), uno dei principali composti del carbonio, è presente in natura in quattro grandi serbatoi : la biosfera, nella quale il carbonio è presente nelle molecole organiche (lipidi, glucidi, ecc.) (3.100 miliardi di tonnellate o gigatonnellate); gli oceani, nei quali il carbonio è disciolto sotto forma di carbonati e bicarbonati ( gigatonnellate); la geosfera, dove il carbonio si presenta essenzialmente sotto forma di calcare e di combustibili fossili (rispettivamente e gigatonnellate); l atmosfera, dove il carbonio è presente sotto forma di CO 2 (600 gigatonnellate). Questi serbatoi sono legati tra loro da importanti scambi che nel loro insieme costituiscono il ciclo del carbonio. Il metano (CH 4 ) si produce dalla degradazione di materiale organico in assenza di ossigeno. Esso viene naturalmente emesso da mangrovie e paludi, mentre le emissioni dovute alle attività umane 15

17 provengono essenzialmente dalle perdite di gas naturale e di altri combustibili fossili durante l estrazione e il trasporto, dalla fermentazione anaerobica di biomasse, dall agricoltura e dalla zootecnia, ed infine dalle discariche. Il protossido di azoto (N 2 O) è un gas serra molto potente e con un tempo di permanenza in atmosfera piuttosto elevato (120 anni), ma con una bassa concentrazione; le principali fonti antropiche di emissione derivano dai fertilizzanti azotati usati in agricoltura e in alcune produzioni industriali. Nell atmosfera, esistono anche altri gas, in percentuali minori, come: i Cloro-Fluoro-Carburi (CFC), gli Idro- Fluoro-Carburi (HFC), il Tetra-Fluoro-Metano (CF 4 ) ecc.; questi gas sono dei composti chimici a base di carbonio che contengono cloro, fluoro, iodio o bromo. Per valutare il contributo all effetto serra dei differenti gas, bisogna prendere in considerazione tre parametri: la loro concentrazione in atmosfera; la diversa capacità di intrappolare l energia che va dalla Terra verso lo spazio ( il cosidetto forcing radiativo di ciascun gas); il tempo medio durante il quale un certo gas persiste in atmosfera (ovviamente se un gas rimane in atmosfera per poco tempo avrà un effetto serra minore rispetto ad un gas che rimane in atmosfera molto più a lungo). Per poter rendere possibile il confronto tra gas con differenti caratteristiche, è stato sviluppato un metodo che permette di valutare il comportamento dei diversi gas evidenziando il loro potenziale di riscaldamento globale (GWP), tenendo dunque conto del tempo di permanenza in atmosfera, della concentrazione e del forcing radiativo: il GWP è una misura dell effetto serra relativo di un gas, utilizzando come gas di riferimento l anidride carbonica. In base al GWP una tonnellata di metano e di protossido di azoto corrispondono rispettivamente a 21 e 310 tonnellate di CO 2 equivalente. Il clima di Roma La città di Roma è situata ad un'altezza media di circa 20 metri sul livello del mare, in una vasta pianura al centro dell'agro romano, confinante ad ovest con la costa tirrenica ed ad est con le prime propaggini dell'appennino. Dal punto di vista morfologico il territorio si presenta assai composito, comprendendo i versanti meridionali dei monti della Tolfa e dei monti Sabatini, il settore meridionale dei monti Sabini, la Campagna Romana, solcata da vari corsi d'acqua, fra cui il Tevere e l'aniene, l'edificio vulcanico dei Colli Albani, il settore occidentale dei monti Simbruini, i Lepini settentrionali e l'alta valle del fiume Sacco. Il principale corso d'acqua è il Tevere, che attraversa Roma e forma, al suo sbocco nel mar Tirreno, un vasto delta dalla forma quadrangolare. Altri fiumi di rilievo sono: l'aniene, suo affluente di sinistra, che scorre quasi interamente nell'ambito del territorio provinciale, il Sacco e l'arrone, emissario del lago di Bracciano. I più importanti bacini lacustri, formatisi entro le depressioni di caldera di antichi vulcani spenti, sono: i laghi di 16

18 Bracciano e di Martignano, nell'apparato vulcanico dei monti Sabatini, e i laghi di Albano e di Nemi, in quello dei Colli Albani. I caratteri climatici variano molto in relazione alla morfologia del territorio, per cui il clima è propriamente mediterraneo nella fascia costiera, di tipo continentale attenuato, invece, all'interno. Procedendo da ovest ad est, diminuiscono in genere le temperature e aumentano i valori pluviometrici, che vanno da un minimo di 700 mm nella zona litoranea a un massimo di oltre 1500 mm sui monti Sabini e sui Simbruini; le precipitazioni si concentrano in larga misura nei mesi invernali e primaverili, e sono molto scarse nella stagione estiva. In generale è possibile affermare che il clima di Roma è di tipo temperato, con valori particolarmente miti sulle coste, e moderatamente freddo, soprattutto d'inverno nelle zone più interne. L'estate è calda e secca, anche se alcune serate possono essere molto umide. L'inverno è freddo e pressoché asciutto, con rari fenomeni nevosi di una certa consistenza. In generale, il clima è spesso ventilato, con una prevalenza di venti occidentali (maestrale e libeccio) e settentrionali (tramontana e grecale). La classificazione dei climi formulata da Köppen prende in considerazione gli aspetti più evidenti del clima (temperatura, precipitazioni, ecc.) ed il tipo di vegetazione presente in una regione. In base alla classificazione dei climi di Köppen Roma appartiene alla fascia CSA 8 : C = clima caldo-umido con una stagione fredda, estate arida e inverno fresco - media delle temperature del mese più freddo compresa tra 18 C e -3 C; S = estate arida, intensità delle precipitazioni del mese invernale più piovoso uguale ad almeno 3 volte l' intensità delle precipitazioni del mese estivo meno piovoso; A = estate calda, temperatura del mese più caldo > 22 C

19 LE EMISSIONI CLIMALTERANTI Serie storica delle emissioni climalteranti a Roma per consumi di energia Le emissioni causate da combustibile per autotrazione I dati complessivi (rete ed extrarete) delle emissioni climalteranti legate all'uso di combustibile per autotrazione sono nella tabella e nei corrispondenti grafici qui sotto riportati. Fonte: elaborazione ISPRA su dati Agenzia delle Dogane Fonte: elaborazione ISPRA su dati Agenzia delle Dogane Fonte: elaborazione ISPRA su dati Agenzia delle Dogane 18

20 Le emissioni legate ai consumi elettrici I dati relativi alle emissioni da consumi elettrici sono riportate nella tabella e nei grafici seguenti: Fonte: elaborazione ISPRA su dati ACEA SpA Fonte: elaborazione ISPRA su dati ACEA SpA Fonte: elaborazione ISPRA su dati ACEA SpA 19

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura

Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Emissioni di gas serra, mutamenti climatici, futuro dell agricoltura Il dibattito scientifico sui mutamenti del clima è stato caratterizzato, soprattutto a partire dagli Anni Settanta del secolo scorso,

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

1. Calcolo delle emissioni climalteranti nel settore trattamento rifiuti

1. Calcolo delle emissioni climalteranti nel settore trattamento rifiuti ALLEGATO B PAES Rosignano M.mo NB. I valori riportati nel presente documento sono espressi in termini di CO 2eq Il Covenant of Mayors tiene conto delle emissioni di CO 2 legate ai consumi energetici dei

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale * Il cambiamento climatico: il problema a scala globale *Antonio Ballarin Denti è Ordinario di Fisica ambientale all Università Cattolica di

Dettagli

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 91 4.4 Energia Negli ultimi 10 anni le politiche energetiche italiane ed europee si sono indirizzate verso scenari legati alle diffusioni

Dettagli

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento Patto dei Sindaci e politiche per il clima: aggiornamenti e prospettive Mauro Bigi, Federico D Addato Indica srl Indice Inquadramento e aggiornamento

Dettagli

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Perché riforestazione? Il Protocollo di kyoto Accordo internazionale firmato a Rio de Janeiro nel 1992 durante lo storico Summit sulla Terra. Entato

Dettagli

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA COMUNE DI GIULIANOVA METHODOLOGY FOR THE DEFINITION OF THE BASELINE EMISSION INVENTORY OF THE MUNICIPALITY

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso la sottoscrizione

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI 5.1 Aspetti organizzativi Il Comune di Bitonto ha aderito formalmente al Patto dei Sindaci, con apposita Deliberazione Consiliare il 20 marzo 2013, ed ha avviato le procedure

Dettagli

Il Patto dei Sindaci

Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa europea che unisce le autorità locali e regionali in un impegno comune per contribuire (raggiungendoli e superandoli)

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli

STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020

STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020 STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020 MAURO BROLIS IL PATTO DEI SINDACI: ESPERIENZE E SOLUZIONI PRATICHE PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI DI RISPARMIO ENERGETICO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI Obiettivi del

Dettagli

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna COVENANT CAPACITY Capacity building of local governments to advance Local Climate and Energy Action from planning to action to monitoring COSTRUZIONE DI UN INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI Con il patrocinio

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE)

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Febbraio 2014 n.b. il documento del PAES è in fase di valutazione da parte del CCR della Commissione Europea. 1 Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Comune di Latina -

Dettagli

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Effetto Serra Il fenomeno di riscaldamento dell atmosfera e della superficie terrestre è, in parte, un fenomeno naturale, dato dalle caratteristiche

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI INERENTI LA TRANSIZIONE ENERGETICA NEGLI ENTI LOCALI. Avv. Alessandra Spalletti

ASPETTI NORMATIVI INERENTI LA TRANSIZIONE ENERGETICA NEGLI ENTI LOCALI. Avv. Alessandra Spalletti ASPETTI NORMATIVI INERENTI LA TRANSIZIONE ENERGETICA NEGLI ENTI Avv. Alessandra Spalletti Quadro normativo di riferimento Europeo Nazionale Regionale Locale Transizione energetica negli Enti Locali Avv.

Dettagli

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Piano Lombardia Sostenibile Lombardia : una Regione ad alta efficienza energetica e a bassa intensità di Dino De Simone Diamo valore

Dettagli

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Martedi, 9 Giugno - 2015 Emanuele Cosenza SOGESCA Srl e.cosenza@sogesca.it ARGOMENTI Progetto 50000and1SEAPs

Dettagli

Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo

Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo Programma energetico comunale, Certificazione Energetica e quadro normativo Il Piano Energetico Comunale del 1999 (PEC, o.d.g. n 112/99) si sviluppava a partire dai seguenti riferimenti normativi: - L.

Dettagli

PRESENTAZIONE DIDATTICA

PRESENTAZIONE DIDATTICA EDUCATIONAL BOX TEMA ENERGIA PRESENTAZIONE DIDATTICA Scuola primaria 2 ciclo Che cos è l'energia? Quali sono i diversi tipi di energia? Luce & Calore Cinetica & Elettrica Potenziale Rumore Chimica Che

Dettagli

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L utilizzo delle biomasse in chiave ecologica Vito Pignatelli ENEA - Dipartimento Tecnologie

Dettagli

9. Energia. 9.1. Introduzione

9. Energia. 9.1. Introduzione 9. Energia 9.1. Introduzione Negli ultimi anni il tema energia è diventato di grande attualità, prefigurandosi come una delle principali problematiche che dovranno essere affrontate nel prossimo futuro.

Dettagli

il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Comune di Bastia Umbra

il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Comune di Bastia Umbra ACCORDO VOLONTARIO tra il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e il Comune di Bastia Umbra (di seguito denominate Parti Firmatarie ) in materia di Promozione di progetti comuni

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Le biomasse rappresentano oltre

Le biomasse rappresentano oltre Il futuro della bioenergia: rischi e prospettive Franco Donatini Le biomasse rappresentano oltre al sole la fonte energetica più anticamente utilizzata dall uomo per sopperire ai suoi bisogni. Il suo utilizzo

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI F.Cotana, F.Asdrubali, L.Frezzini Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università

Dettagli

Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo

Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo Luca Marmo Commissione europea Direzione generale dell'ambiente Unità ENV.B.1 Agricoltura, foreste e suoli BU-5, 5/178 1049

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

REDAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) Aprile 2011

REDAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) Aprile 2011 REDAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) ATTIVITÀ PREVISTE Aprile 2011 MILANO, VIA CARLO POERIO 39, 20129 MILANO -TEL. (+39) 02 27744 1 - FAX (+39) 02 27744 222 ROMA, VIA VICENZA 5/A,

Dettagli

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto La Commissione ha pubblicato a metà ottobre un documento dove, con un occhio al passato e uno al futuro, passando per il momento

Dettagli

L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova

L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova L Inventario delle Emissioni del Comune di Padova Padova verso il Piano Clima Michele Zuin Settore Ambiente Comune di Padova Adesione al Patto dei sindaci e alla Campagna SEE Con deliberazione di Consiglio

Dettagli

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2012-13 CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Conferenze Mondiali sul clima

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO COMUNALE

BILANCIO ENERGETICO COMUNALE BILANCIO ENERGETICO COMUNALE Comune di: CAVAZZO CARNICO Anno di riferimento del bilancio energetico: 2013 Popolazione: 1.091 ab. (al 31/12/2013) 1 Superficie comunale: 39,44 kmq Densità abitativa: 27,7

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive

Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive In collaborazione con Laura Palomba I CAMBIAMENTI CLIMATICI ED IL PROTOCOLLO DI KYOTO L effetto serra è un fenomeno

Dettagli

9. CONSUMI ENERGETICI

9. CONSUMI ENERGETICI 271 9. CONSUMI ENERGETICI E ormai più che consolidata la consapevolezza che i consumi energetici costituiscono il fattore determinante al quale sono riconducibili sia i cambiamenti climatici, che molte

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

3. Invito agli esercizi commerciali di chiusura delle porte di accesso ai propri locali;

3. Invito agli esercizi commerciali di chiusura delle porte di accesso ai propri locali; PROTOCOLLO DI COLLABORAZIONE TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNI RICADENTI NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA: AZIONI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA ED IL CONTRASTO ALL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

Dettagli

POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA

POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Ambito 1 Linea 3 Azioni a supporto della partecipazione ai programmi comunitari a gestione diretta e al lavoro in rete

Dettagli

1.2 Emissioni climalteranti

1.2 Emissioni climalteranti 1.2 Emissioni climalteranti In tema di cambiamenti climatici il PRAA stabiliva l impegno a ridurre, nel periodo 2008-2012, le emissioni di gas serra del 6,5% rispetto ai valori del 1990, facendo proprio

Dettagli

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Torgnon si trova nel nord-est della Valle d Aosta a 2070 metri

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Comune di Caerano di San Marco Comune di Caerano di San Marco PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 1 2 Indice pag. 1 INTRODUZIONE 5 1.1 Il Comune di Caerano di San Marco 9 1.2 Geografia del territorio

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE:

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE: IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE: Un modello di sviluppo per i territori 08/05/2014 ORE 17.00 SAN ZENONE DEGLI EZZELINI Centro polivalente La Roggia - via Caozocco, 10 IL PATTO DEI SINDACI:

Dettagli

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Schema dell intervento 1 dati sul contributo dell agricoltura alle emissioni di gas serra;

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION La VER è un azione volontaria che ha lo scopo di ridurre la propria impronta di carbonio (CO2), principale causa dell effetto serra. La VER viene attivata da Aziende sensibili

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

Azioni e Monitoraggio. Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O.

Azioni e Monitoraggio. Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O. Azioni e Monitoraggio Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O. Qualità dell Aria 2 Le azioni Le azioni discendono dalle strategie di Mitigazione

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI: DEL COMUNE DI NOVARA

IL PATTO DEI SINDACI: DEL COMUNE DI NOVARA IL PATTO DEI SINDACI: L INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI NOVARA il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il percorso L inventario delle emissioni (anno di riferimento) I consumi energetici

Dettagli

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal)

Metano. Dalla combustione di un metro cubo standard di metano si ottengono circa 36 MJ (8940 Kcal) Metano Caratteristiche chimico fisiche e origini Il metano è un idrocarburo semplice (alcano) formato da un atomo di carbonio e 4 di idrogeno, la sua formula chimica è CH 4, si trova in natura sotto forma

Dettagli

Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente La gestione dei rifiuti urbani

Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente La gestione dei rifiuti urbani Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile Relazione sullo Stato dell Ambiente La gestione dei rifiuti urbani La gestione dei rifiuti urbani LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Fabio Tancredi,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2013-14 CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Conferenze Mondiali sul clima

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO ENERGETICO

Dettagli

E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno. sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA.

E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno. sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA. E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA energy La nostra missione: Produrre energia rinnovabile Ridurre

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

Presentazione della BASELINE

Presentazione della BASELINE capofila: CADREZZATE ANGERA, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, ISPRA, LAVENO MOMBELLO, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la sostenibilità

Dettagli

Piano Energetico Regionale e Certificazione Energetica degli edifici

Piano Energetico Regionale e Certificazione Energetica degli edifici Piano Energetico Regionale e Certificazione Energetica degli edifici dott. Damiano Zoffoli Presidente Commissione Politiche Economiche Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna Confartigianato Forlì-Cesena

Dettagli

La terra è un sistema a risorse finite

La terra è un sistema a risorse finite Energia: istruzioni per l uso Trento 13 dicembre 2005 Romano GIGLIOLI Professore ordinario di Sistemi Elettrici per l Energia UNIVERSITA DI PISA La terra è un sistema a risorse finite Per raggiungere l

Dettagli

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese CONFINDUSTRIA Avviso Comune CGIL CISL UIL Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese Il contesto Con l accordo europeo 20-20-20 l Italia dovrà raggiungere importanti ed onerosi obiettivi

Dettagli

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile 21 Ottobre 2015 Efficienza energetica degli edifici: il valore della casa, il valore dell ambiente con

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Barbarano Vicentino (VI) Comune di Barbarano Vicentino PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Barbarano Vicentino (VI) Comune di Barbarano Vicentino PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Comune di Barbarano Vicentino PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 1 2 Indice pag. 1 INTRODUZIONE 5 1.1 Il Comune di Barbarano Vicentino 8 1.2 Geografia del territorio 9 1.3 Aspetti demografici 11

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

Difendiamo il nostro bene più prezioso: la Terra

Difendiamo il nostro bene più prezioso: la Terra Difendiamo il nostro bene più prezioso: la Terra Schema di documento di posizione del sistema rurale italiano rispetto alle politiche internazionali sul clima La situazione italiana Complessivamente l

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER LA RIDUZIONE DELLE INEFFICIENZE ENERGETICHE TRAMITE LE E.S.C.O.

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER LA RIDUZIONE DELLE INEFFICIENZE ENERGETICHE TRAMITE LE E.S.C.O. ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER LA RIDUZIONE DELLE INEFFICIENZE ENERGETICHE TRAMITE LE E.S.C.O. Accordo Volontario settoriale per la realizzazione di interventi per la riduzione delle inefficienze energetiche

Dettagli

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione

LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA IN ITALIA Introduzione INTRODUZIONE SITUAZIONE PARCO IMMOBILIARE IN ITALIA Edifici residenziali STATISTICHE 2013 11,7 milioni di EDIFICI RESIDENZIALI 29 milioni di ABITAZIONI

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

I potenziali energetici. Beatrice Cattini Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali U.O. VIA e Politiche Energetiche

I potenziali energetici. Beatrice Cattini Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali U.O. VIA e Politiche Energetiche I potenziali energetici Beatrice Cattini Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali U.O. VIA e Politiche Energetiche Gli ambiti di azione del Piano Clima 2 ADATTAMENTO Gestione

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide

I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide I cambiamenti climatici e le politiche dell'unione europea. Iter storico e nuove sfide Laura Scichilone Dottore di ricerca in Storia del federalismo e dell unità europea CRIE-Centro di eccellenza Jean

Dettagli

LEGAMBIENTE DOSSIER PADOVA, EFFETTO SERRA E CAMBIAMENTI CLIMATICI. COME RISPETTARE GLI ACCORDI DI KYOTO?

LEGAMBIENTE DOSSIER PADOVA, EFFETTO SERRA E CAMBIAMENTI CLIMATICI. COME RISPETTARE GLI ACCORDI DI KYOTO? LEGAMBIENTE DOSSIER PADOVA, EFFETTO SERRA E CAMBIAMENTI CLIMATICI. COME RISPETTARE GLI ACCORDI DI KYOTO? A CHE PUNTO E L ITALIA Il protocollo di Kyoto impegna i Paesi industrializzati a una riduzione delle

Dettagli

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Sindaco Assessore all Urbanistica R.U.P. Energy Manager Coordinamento Avv. CUOMO Nicola Arch. D AURIA Alessio Arch. QUINTAVALLE Lea Arch. SCOGNAMIGLIO Antonella Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Gruppo di

Dettagli

Associazione Intercomunale Terre Estensi PAES. Piano d Azione per l Energia Sostenibile dell Associazione intercomunale Terre Estensi

Associazione Intercomunale Terre Estensi PAES. Piano d Azione per l Energia Sostenibile dell Associazione intercomunale Terre Estensi Associazione Intercomunale Terre Estensi PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile dell Associazione intercomunale Terre Estensi ABSTRACT- il ruolo degli stakeholder Aprile 2013 Comune di Masi torello

Dettagli

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili ALBA AUDITORIUM FONDAZIONE FERRERO IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI NEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DEL PIANO 20/20/20 Agostino Ghiglia Assessore all energia La nuova pianificazione regionale Nel dicembre

Dettagli

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair Edoardo Croci IEFE - Università Bocconi FUTURO SOSTENIBILE: AZIONI E STRUMENTI Conferenza programmatica DG Qualità dell ambiente

Dettagli

Lo stato dell Ambiente in Liguria 69

Lo stato dell Ambiente in Liguria 69 Una corretta analisi del sistema energetico regionale non può prescindere dalla funzione paese che la Liguria svolge in ambito nazionale. Essa dispone infatti di un importante industria termoelettrica

Dettagli

Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia

Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia GUIDARE LE AMMINISTRAZIONI LOCALI OLTRE GLI OBIETTIVI DELL UE AL 2020 Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia

Dettagli

CONSUMI ENERGETICI 09

CONSUMI ENERGETICI 09 CONSUMI ENERGETICI 09 Quadro sinottico degli indicatori INDICATORI DI PRESSIONE (P) Consumi di metano ad uso domestico Consumi di metano ad uso non domestico: comparto ceramico Consumi di energia elettrica

Dettagli

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni 2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni Nel quadro delle disposizioni stabilite dalla Conferenza di Kyoto, riconoscendo la coerenza e la validità degli orientamenti programmatici comunitari

Dettagli

Cambiamenti climatici e Trentino: lavori in corso e opportunità future

Cambiamenti climatici e Trentino: lavori in corso e opportunità future PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Cambiamenti climatici e Trentino: lavori in corso e opportunità future Roberto Barbiero Dipartimento Protezione Civile e Infrastrutture roberto.barbiero@provincia.tn.it I cambiamenti

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO

Dettagli

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO. Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo. -Marzo 2014-

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO. Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo. -Marzo 2014- 1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo -Marzo 2014- COMUNE DI TEOLO SUPPORTO TECNICO: CONSORZIO UNIVERSITARIO DI RICERCA APPLICATA C/O UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci

Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci Inventario Emissioni per il Patto dei Sindaci Michele Sansoni Arpa Emilia-Romagna michelesansoni@arpa.emr.it 1 IBE: FATTORE DI SUCCESSO DI UN PAES 2 QUAL È IL SIGNIFICATO DI IBE? L inventario di base delle

Dettagli

Clima e composizione dell atmosfera:

Clima e composizione dell atmosfera: Clima e composizione dell atmosfera: fatti certi e ipotesi da verificare. Maurizio Persico Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Università di Pisa Cultura e metodo scientifico. La Limonaia, Pisa,

Dettagli