PROGETTO ATA. Mercato ICT e Nuove Professionalità. Advanced Technology Academy. Executive Summary. Fonti dati: Confindustria, Assinform e Gartner

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO ATA. Mercato ICT e Nuove Professionalità. Advanced Technology Academy. Executive Summary. Fonti dati: Confindustria, Assinform e Gartner"

Transcript

1 PROGETTO ATA Advanced Technology Academy Mercato ICT e Nuove Professionalità Executive Summary Fonti dati: Confindustria, Assinform e Gartner

2 Sommario Introduzione...3 ICT Mercato e Tendenze: riepilogo...4 Le tecnologie strategiche...6 Studio ATA: Advanced Technology Accademy...10 ATA Questionario di rilevazione fabbisogni professionalierrore. Il segnalibro non è defin ATA - Risultati della Campionatura Effettuata...Errore. Il segnalibro non è definito. ATA Figure Professionali Individuate ed iter formativo...11 ATA Iter formativo figure professionali individuate...15 Pagina 2

3 Introduzione La sfida a cui siamo oggi chiamati non è solamente economica ma, prima di tutto, progettuale e culturale. Proprio pensando a sviluppare nuove opportunità di crescita di capacità professionali ed di specializzazioni e con l ausilio di strumenti finanziati adeguati, ENDO-FAP (Ente Nazionale Don Orione - Formazione e Aggiornamento Professionale), in collaborazione con expertise del mondo ICT, ha realizzato uno studio orientato al mercato ICT ed alle sue tendenze. ATA Advanced Technology Academy, ha come obiettivo principale, quello di definire l adeguata specializzazione tecnologica nel campo ICT, individuando dapprima le figure professionali più consone alle esigenze di mercato. La rapidità dell evoluzione tecnologica in atto nel settore ICT tende a cambiare continuamente modalità di competizione e caratteristiche dei mercati di sbocco. In tale contesto, i meccanismi di coordinamento maturati nel tempo e basati su interazioni spontanee fra gli attori del territorio rischiano di risultare insufficienti. Non solo, il cambiamento in corso fa sì che l accesso alle risorse intangibili necessarie per sviluppare processi di innovazione rischi di essere al di fuori delle capacità di larga parte delle imprese regionali. L ENDO-FAP ha ritenuto importante, per focalizzare le azioni sull intera catena dell innovazione, dalla ricerca all applicazione industriale dei risultati, maturare innanzitutto una conoscenza delle dinamiche in atto nel settore ICT. A tale scopo, sono stati analizzati una serie di documenti e report prodotti e presentati in istanti diversi da alcune istituzioni quali CONFINDUSTRIA, ASSINFORM e GARTNER; la lettura di questa documentazione, ed in più, alcune ricerche mirate, indagini e questionari effettuati, uniti all esperienza pluriennale d alcuni manager di settore, hanno portato alla realizzazione di uno studio denominato: ATA Advanced Technology Academy. Pagina 3

4 ATA Advanced Technology Academy, ha come obiettivo principale, quello di definire l adeguata specializzazione tecnologica nel campo ICT, individuando le figure professionali più consone alle esigenze di mercato. ICT Mercato e Tendenze: riepilogo Gli ultimi dati del prestigioso rapporto ASSINFORM mostrano il nostro paese in difficoltà, al pari del resto del globo. In particolare l Italia sta attraversando un momento di grande transizione ed è purtroppo difficile capire quale sarà il traguardo finale. È chiaro che la nostra nazione, così come le altre, è in fase recessiva. Le aziende sono divenute più caute nel far partire nuovi progetti ed hanno cancellato quelli discrezionali; la riduzione dei budget IT ha colpito soprattutto le medio-grandi e grandi aziende; sono stati rivalutati importanti contratti, soprattutto di outsourcing; sono aumentate per le aziende le difficoltà di accedere al credito e infine si conferma una maggior attenzione delle famiglie ad acquistare beni tecnologici. Analizzando i comparti dell'it, si osserva il paradosso dell'hardware che vede crescere alcuni prodotti in modo significativo, come i net book, cioè i piccoli portatili che però costano poco, per cui alla fine il settore arriva a una crescita in valore di solo un +1% (pari a 6,614 miliardi). Il software conferma il buon andamento (+3,3% pari a 4,467 miliardi) grazie a progetti di virtualizzazione, consolidamento, integrazione, sicurezza ed ERP per medie imprese, mentre il settore più importante, come quello dei servizi è appena a un +0,2% (9,332 miliardi). Questo perché cala il numero dei progetti, aumentano invece gli interventi di razionalizzazione sull'infrastruttura IT, mentre le tariffe professionali calano e diventano competitive con quelle dei paesi nearshoring, per cui oggi conviene ritornare a produrre nel Mezzogiorno e non in Romania, facendo i debiti calcoli anche dei costi nascosti. Pagina 4

5 Nell'ambito delle TLC si conferma negativo il valore delle fisse (-0,5% pari a 20,236 miliardi) mentre sono in calo le mobili che toccano un +1% (24,314 miliardi). I dati ASSINFORM sopra brevemente riportati ed analizzati durante la fase propedeutica dello studio, l'informatica (al pari di altri settori) in Italia è in una fase di stallo per ciò che riguarda soprattutto le grandi aziende (Large Account). L IT nei suoi pur flebili segnali d attività è orientato all iniziativa delle piccole-medie imprese, non che delle piccolissime aziende che sul territorio seguendo singole spinte imprenditoriali stanno investendo in hardware, ma soprattutto in servizi e software. In particolar modo sono aziende del settore dell'abbigliamento, alimentare, arredamento e automazione meccanica, probabilmente spinte dal quotidiano confronto con le realtà internazionali con cui hanno a che fare ogni giorno e verso le quali sia esportano i propri prodotti, sia devono competere con numerose società straniere già presenti in quelle zone. In questi casi l'imprenditoria italiana dei settori appena menzionati, capisce che bisogna investire nei processi d automazione, nelle Intranet, Extranet, in Internet, nel commercio elettronico, nel CRM e in tutti i servizi e strumenti informatici che possono dare dei reali benefici nelle competizione che si trovano ad affrontare. Il Piano Industria 2015 di ASSINFORM analizzato, ad esempio, mira ad innovare e "tecnologizzare" due aspetti aziendali fortemente connessi: da una parte la la filiera produttiva, dall'altra, fornire gli strumenti di marketing, di vendita e di presidio del mercato come possono essere l'e-commerce BtC e BtB, il Crm, i servizi di social networking e di marketing avanzato. Per quanto riguarda le nuove tecnologie come quelle mobili, Wireless o chip Rfid, le possibilità e le potenzialità in numerosi ambiti non mancano, anche perchè proprio i consumatori italiani sono tra i più grandi utilizzatori di cellulari al mondo e sembrano accettare senza grandi problemi i chip Rfid inseriti nei prodotti o negli involucri che li contengono. La situazione come si può vedere, dunque, non è assolutamente rosea, ma, grazie soprattutto alle capacità e all'iniziativa di singoli imprenditori vi è, comunque, una tendenza positiva. Pagina 5

6 Ovviamente questo, come viene affermato giustamente nel trattato ASSINFORM, non basta assolutamente e occorre sempre più urgentemente che l'informatica e le soluzioni ICT innovative e lo stesso Internet vengano supportate e diffuse in modo sistematico e strutturale tra le imprese italiane favorendone l'adozione con attività pubbliche di divulgazione, ma anche di sgravi fiscali, incentivi economici e investimenti anche a fondo perduto. IT, opportunità in aumento Il parco delle applicazioni oggi esistenti in Italia non sono di recente concezione e risalgono a dieci, venti o trent anni fa. C è quindi la necessità di professionalità capaci di operare nel campo dello svecchiamento dei sistemi tecnologici; il programmatore è ancora una figura professionale molto richiesta dalle aziende. Le altre figure che non avranno problemi d occupazione sono quelle capaci di operare nel mondo di Internet e del Web, dei Dati e della Sicurezza. Le nuove applicazioni sono fondamentali e rappresentano un opportunità di crescita importante; le professioni maggiormente richieste e ricercate dalle aziende operano quindi in questo settore. In sintesi i consulenti di Information Technology. Le tecnologie strategiche Saranno innanzitutto verdi e sociali le tecnologie che entreranno nella nostra vita lavorativa e professionale di tutti i giorni e di cui non sapremo più fare a meno; tecnologie che diverranno indispensabili anche per le aziende, grandi o piccole che siano, per incrementare i livelli di competitività ed efficienza. Ad individuarle è stata la GARTNER, società americana di ricerche e d informazione sulle tecnologie. GARTNER parla d efficienza energetica abbinata ad un informatica ecologica, nel pieno rispetto dell ambiente e delle condizioni lavorative: infatti, le società che adotteranno questo tipo di tecnologia avranno delle possibilità in più nell ambito della competizione mondiale, garantendo meno inquinamento e risparmio energetico. L ottica verde di un azienda riguarda diversi aspetti dell attività lavorativa: dallo smistamento dei prodotti alla distribuzione locale e dall utilizzo di infrastrutture hardware attente al minor consumo di energia elettrica, allo smaltimento dei residui di lavorazione o di apparecchiature obsolete. Inoltre, l adozione preventiva di tale tipologia tecnologica Pagina 6

7 porterebbe ad una diminuzione delle spese generali e delle spese di adeguamento, qualora venissero emanate norme restrittive in questo campo. Parlare di Green ICT significa, inoltre, pensare a come migliorare e rendere più efficiente e ambientalmente compatibile l intero ciclo di vita dei prodotti informatici, dalla loro progettazione, alla produzione, alla logistica e alla vendita/acquisto, all utilizzo e infine alla dismissione. Non è vero che essere green implichi affrontare costi addizionali, significa semmai avere una visione integrata e consapevole dei costi aziendali per ricercare una riduzione del total cost of ownership. Ed è ancor meno vero che il green IT debba essere una semplicemente voce del bilancio del direttore sistemi informativi o dei servizi generali. Il ruolo dell information technology nella lotta contro il cambiamento climatico e gli sprechi energetici deve essere considerato in fase di definizione delle strategie aziendali, adottando un approccio pragmatico che faccia leva sul contributo a 360 che l ICT può offrire. La vocazione verde dovrà però essere integrata con quella sociale, cioè, con la voglia e la capacità di offrire servizi per la comunità e, al proprio interno, offrire sistemi di socializzazione e comunicazione integrata che diano ai dipendenti e ai clienti la certezza di una costante libertà d accesso alle informazioni, utilizzando tutte le piattaforme hardware disponibili ma, allo stesso tempo, con un interfaccia semplice da usare, come i sistemi di podcast, blog e wiki. Premessa indispensabile a questo tipo di approccio alla tecnologia, è l Unified Communications, ovvero, la capacità di rendere la comunicazione priva di ostacoli. La comunicazione unificata, secondo la GARTNER, implica una vera e propria fusione tra fonia, dati e video, basata però sul flusso costante e massivo, tanto da dover essere supportata da adeguate infrastrutture, sia nel campo della trasmissione vera e propria e sia in quello dello storage che della sicurezza. Ancora, la GARTNER, individua le modalità di utilizzo delle tecnologie come una delle scelte fondamentali per le aziende. In questo settore, il Business Management mette in grado le imprese di simulare preventivamente i vantaggi di un uso intelligente dell hi-tech, aiutando in questo modo la modulazione e la progettazione dei processi di business. Le aziende, però, devono fare i conti anche con la necessità di integrare i dati che Pagina 7

8 provengono da diverse fonti e che sono visualizzati in maniera differente e che devono essere trattati con programmi e apparecchiature, spesso non compatibili tra loro. Ecco, quindi, che la capacità o meno di trovare un minimo comune denominatore nell interpretazione dei dati e nella loro gestione avanzata, segnerà la differenza tra un impresa pronta ad affrontare il mercato mondiale e quelle che non lo saranno. I dati devono poi essere gestiti e messi a disposizione dei dipendenti e dei clienti in tempo reale, indipendentemente dalla collocazione fisica dell azienda e dei suoi sistemi informatici. Per questo motivo, la GARTNER individua nei processi di virtualizzazione un altra delle tecnologie più in voga. La virtualizzazione permette infatti un risparmio nell acquisto di hardware pesante ed è fondamentale per garantire il disaster recovery, in caso di malfunzionamento delle apparecchiature presenti in sede e, allo stesso tempo, permette l accesso ai dati, svincolato dalla connessione al data center dell azienda stessa. Si tratta del Mashup, cioè la possibilità per gli utenti di prendere diverse applicazioni, oggetti e dati da differenti siti web o da differenti reti aziendali e metterli insieme, creando nuove applicazioni basate sul web e, quindi, utilizzabili ovunque e su device di ogni tipo. La GARTNER sostiene che ci saranno nuove modalità di gestione della memoria e dei processori, nuove modalità di inserimento dati e della loro visualizzazione e, quindi, della loro fruizione. Tutto questo prevede il Real World Web, cioè, l accesso senza limiti e in ogni momento alle informazioni, grazie soprattutto all espansione delle tecnologie mobili (telefonini, internet device, ecc). Ma il Real World Web, secondo la GARTNER, verrebbe frenato dalla mancanza di una forte evoluzione del Social Software, cioè, il podcast, i blog e le applicazioni in stile wiki, che vivranno ancora da protagoniste. Podcast: il podcasting è un sistema che permette di scaricare in modo automatico documenti (generalmente audio o video) chiamati podcast, utilizzando un programma ("client") generalmente gratuito chiamato aggregatore o feeder. Un podcast è perciò un file (generalmente audio o video), messo a disposizione su Internet per chiunque si abboni ad una trasmissione periodica e scaricabile automaticamente da un apposito programma. Pagina 8

9 Blog: in informatica, e più propriamente nel gergo di Internet, un blog è un diario in rete. Il termine blog è la contrazione di web-log, ovvero "traccia su rete". Wiki: un wiki è un sito web (o comunque una collezione di documenti ipertestuali) che permette a ciascuno dei suoi utilizzatori di aggiungere contenuti, come in un forum, ma anche di modificare i contenuti esistenti inseriti da altri utilizzatori. Il termine wiki può anche riferirsi al software collaborativo utilizzato per creare un sito web. Storage: una Storage Area Network (SAN) è una rete ad alta velocità (generalmente Gigabit/sec) di dispositivi di memorizzazione di massa condivisi; un dispositivo di memorizzazione di massa (storage) è una macchina che può essere composta da uno o più dischi per contenere dati. I protocolli attualmente più diffusi per l'utilizzo degli storage sono FC (Fibre Channel) ed iscsi (Internet SCSI). Disaster Recovery: per Disaster Recovery (brevemente DR) o Piano di disaster recovery (DRP, disaster recovery plan) si intende l'insieme di misure tecnologiche e processi organizzativi atti a ripristinare sistemi, dati e infrastrutture necessarie all'erogazione di servizi di business a fronte di gravi emergenze. Mashup: in informatica un mash-up è un sito o un'applicazione web di tipo ibrido, cioè tale da includere dinamicamente informazioni o contenuti provenienti da più fonti. Un esempio potrebbe essere un programma che acquisendo da un sito web la lista di appartamenti li mostra utilizzando Google Maps per evidenziare dove gli stessi appartamenti sono localizzati. Real World Web: viene definita così l'esperienza resa possibile dall'accesso ubiquo alle reti con un'ampiezza di banda sempre crescente, attraverso le tecnologie mobili. Grazie al Real World Web, gli utenti possono infatti accedere prontamente a tutte le tipologie di informazione, incluse quello di viaggio o il posto dove acquistare un determinato prodotto. Pagina 9

10 Studio ATA: Advanced Technology Accademy Gli autorevolissimi dati presentati da ASSINFORM e da GARTNER relativamente al mercato IT, mostrano flebili segnali di crescita, seppur non di grande impatto; è chiaro che l innovazione tecnologica sarà la base su cui le aziende dovranno costruire il proprio futuro a prescindere dal proprio posizionamento sul mercato. Il verbo sarà: INNOVARE! È chiaro anche però, che i mercati di riferimento, quelli a più alto tasso di crescita, saranno sempre più orientati alla clientela Global Business (o SMB). Le aziende medio piccole saranno quelle che investiranno di più. Per quanto riguarda i mercati, diciamo così, tradizionali, le industrie saranno in prima fila. Sulla PA, che potrebbe fornire ottimi e copiosi spunti di incremento, si auspica un radicale cambiamento culturale e d approccio. Ad esempio, proprio per fronteggiare la fase di recessione, sarebbe auspicabile l evitare il cronico ricorso a gare pubbliche, preferendo qualche assegnazione diretta. La crisi del sistema bancario e finanziario statunitense costerà alle compagnie dell information communication technology oltre 4 miliardi di dollari. Gli istituti di credito, infatti, in questa particolare situazione di criticità, stanno fortemente riducendo i propri investimenti nell ICT, con conseguente sgonfiamento delle vendite nei bilanci delle principali società del settore. Il filo conduttore per tutti, sia aziende fornitrici di servizi, software ed hardware, sia le aziende Cliente, è che dovranno affrontare inconfutabilmente un progressivo e rapido percorso di cambiamento verso le tecnologie ritenute innovative e che possano traguardare il reale supporto ai processi di business. L integrazione tra IT e processi di business si fa sempre più incalzante, al pari della sicurezza globale, del networking, dei servizi gestiti e del web sociale. Ciò si unisce alla capacità di generare architetture tecnologiche sempre più affidabili ed in grado di garantire l affidabilità e la sicurezza del dato ed il ripristino dello stesso, in modalità Business Continuity. Pagina 10

11 Lo studio ATA Advanced Technology Accademy, nasce con lo scopo d orientare le specializzazioni sia alle tecnologie più in voga ed innovative, e sia verso i mercati e i Clienti; andando così a garantire l auspicabile connubio: tecnologia e business. ATA Figure Professionali Individuate ed iter formativo Lo studio ATA, sulla base degli accreditati report informativi analizzati, sulla base della campionatura effettuata, e soprattutto in base alle tecnologie strategiche del prossimo futuro, ha individuato alcune figure professionali, come emergenti e del futuro. 1. CLIENT SOLUTION LEADER 2. WEB PROJECT MANAGER 3. INFORMATION SYSTEMS AUDITOR CLIENT SOLUTION LEADER è un consulente globale, esperto di massimi sistemi. Un ruolo che appare come generalista, ma che invece cela competenze eccellenti ed orientate al successo di un progetto. Modificare un'esigenza di un azienda in un progetto e poi il progetto in un processo produttivo, o in un servizio, non è affatto semplice. Bisogna prevedere molti passaggi, che partono dal riconoscere se e come l'esigenza sia veramente strategica e foriera di una migliore profittabilità e arrivano fino alla fase di messa in opera del servizio individuato e la sua continua trasformazione nel tempo. È al Client Solution Leader che spetta di farsi carico della consulenza globale che le aziende richiedono quando sono intenzionate a investire su un nuovo fronte tecnologico. Per prima cosa, il Client Solution Leader, dovrà stabilire l'architettura del progetto, costruendolo sulle necessità tecnologiche e di personalizzazione del cliente, curandone gli aspetti tecnici e commerciali e, se necessario, modificando anche radicalmente le strategie di implementazione in corso d'opera, qualora circostanze cambiate o sopravvenute lo dovessero richiedere. Pagina 11

12 Per quanto sia dotato di un bagaglio di conoscenze molto ricco ed eterogeneo, il Client Solution Leader non è un "tuttologo" cui viene richiesto di condurre un progetto con le sole sue forze. Il Client Solution Leader è un grande specialista, che ha un'abilità anche nella gestione delle risorse umane. Ciò lo rende capace d effettuare le scelte individuali più idonee per il team di lavoro con il quale l'incarico dovrà poi essere svolto. Dovrà essere anche un buon catalizzatore di forze quando la partecipazione al progetto è resa più complessa dalla presenza di partner strategici o tecnologici. Trattandosi di una posizione dinamica e che si svolge in gran parte "sul campo" poichè è caratterizzata dal continuo viavai dalla propria azienda a quelle presso cui il progetto dev'essere implementato, una figura che ha maturato già qualche anno di esperienza viene tenuta in grande considerazione. Imprescindibile anche uno skill robusto nelle discipline tecnico-informatiche che dovrà esprimersi anche sul piano della duttilità. Oltre alle conoscenze delle Tlc, del networking, dobbiamo includere la conoscenza dei linguaggi software più diffusi nell'ict (C++, Java, Visual Basic, Perl, Html), la capacità di destreggiarsi tra i più diffusi ambienti per la gestione delle basi di dati, del data mining e del data warehousing, dell archiviazione delle informazioni e quindi il backup e recovery e dello storage, una formazione adeguata nel saper maneggiare i principali sistemi gestionali Erp (Enterprise resource planning) e le soluzioni per la creazione di servizi a valore aggiunto, come nel caso delle piattaforme per Customer relationship management (Crm), per la business intelligence e per il knowledge management. WEB PROJECT MANAGER è il factotum dell'internet; eterogenea figura in grado di condurre le aziende che decidono d avviare o rafforzare una strategia di presenza online. Il Web Project Manager è l'autore dell'impostazione creativa dell'intero progetto Internet. Sarà lui a farsi carico dell'intero coordinamento dell'opera, non che fare da perno alle professionalità coinvolte nella sua ideazione per poi scandire i tempi del passaggio all'azione produttiva. Pagina 12

13 Quella che oggi viene definita come la "professionalità per la gestione dei progetti Web complessi" nasce in realtà come un "mestiere" rudimentale in un'epoca in cui progettare un sito era un'operazione tutto sommato piuttosto semplice e realizzabile che chiunque fosse in possesso di una dimestichezza anche minima con l'informatica era in grado di portare a termine. Nel corso di questi ultimi anni, dunque, la figura del supermanager del Web è cambiata - e anche di molto - diventando una delle più complete e ricercate nel settore dell'information & Communication Technology. Come in passato, il suo ruolo principale riguarda l'intero ciclo di progettazione di un sito, con la differenza che al giorno d'oggi, un progetto Web può essere metaforicamente rappresentato come un ampio contenitore in cui convivono a stretto contatto elementi tecnologici, economico-manageriali, sociali, cognitivi e legati alla comunicazione di massa. Chi ambisce a diventare Web Project Manager, questi elementi deve volerli e saperli maneggiare in toto. Il primo passo operativo che il Web Project Manager deve compiere riguarda l'analisi del cliente e delle sue esigenze, seguito dalla selezione del team e quindi dal coordinamento delle risorse per la fase dello sviluppo. Toccherà a lui anche la scelta e l'approvazione degli investimenti necessari all'acquisto della dotazione tecnologica più idonea. Per ognuna delle ragioni appena elencate, il Web Project Manager dovrà innanzitutto possedere un forte background sui sistemi informativi aziendali, conoscendone teorie e modelli di funzionamento sia dal lato software (sistemi operativi, applicativi, database, tool di authoring per il web e il multimedia) sia per ciò che concerne l'hardware, con particolare attenzione per le architetture di rete. Dare vita a un servizio o a un prodotto - ancorchè immateriale come nel caso di un sito Web implica che il responsabile della sua creazione sia in possesso del know how sulle metodologie dei progetti Internet e sia in grado di analizzare i case study più rappresentativi che si avvicinano alla sua esperienza. Fondamentalmente, il Web Project Manager dovrà essere anche un comunicatore e un esperto di marketing e, nella sua qualità di "filtro" tra committente e prodotto, in modo da Pagina 13

14 sapersi destreggiare con abilità tra le tecniche più sofisticate ed evolute del client management. Sarà sua cura prendere parte in modo attivo alle fasi che precedono la consegna dell'"oggetto finito" sovrintendendo ai testing prerelease e ai vari controlli di qualità e infine elaborare le strategie più idonee per il suo mantenimento nel tempo. INFORMATION SYSTEMS AUDITOR - virus, attacchi di hacker che possono accedere a dati sensibili o sottrarre informazioni vitali per l azienda, ma anche banali black out, dipendenti che (consapevolmente o meno) procurano danni al sistema informatico o installano software pirata coinvolgendo l azienda nei risvolti penali relativi: sono questi alcuni esempi dei rischi cui le imprese vanno incontro più frequentemente, e che rendono sempre più impellente la verifica del sistema dei controlli interni. L adeguatezza dell efficacia e dell efficienza di tale sistema viene controllata dall information systems auditor (IS auditor). L attività di un IS auditor è di fornire un servizio indipendente, al fine di creare valore attraverso il miglioramento delle attività aziendali. L IS auditor valuta l efficacia dei controlli del disegno, sviluppo e gestione dei sistemi informativi e tecnologici a garanzia della loro affidabilità, sicurezza, disponibilità, in pratica l effettiva possibilità del loro continuo utilizzo e funzionalità rispetto agli obblighi di legge ed ai processi aziendali operativi e di governante. Verifica anche l adeguatezza delle misure di continuità operativa adottate per fronteggiare le situazioni di emergenza, il cosiddetto disaster recovery. L IS auditor persegue gli obiettivi assegnati svolgendo controlli generali, applicativi e di sicurezza, nonché attività di reporting per direzione e comitato di audit. È opportuno ricordare che la stragrande maggioranza dei problemi nel campo informatico deriva dagli errori; e se si è capaci di prevenirli, quasi sicuramente si è in grado di affrontare le situazioni dove gli errori sono voluti e premeditati. Al termine di queste attività si otterrà un sistema più affidabile, più sicuro e certamente più conosciuto e ciò non è un risultato di poca importanza. A questo punto, sarà più facile pervenire alla tutela Pagina 14

15 dell'integrità delle informazioni anche a fronte di attacchi dolosi, in quanto sarà sufficiente allargare il campo di ricerca e il livello di approfondimento per identificare le misure di sicurezza protettive necessarie e più opportune, sia per la protezione sia per la rilevazione tempestiva dei fenomeni identificabili come anomali. È opportuno blindare la porta di casa solo dopo che si è imparato a chiudere sempre la porta. Tradizionalmente si pensa al ruolo dell IS auditor come a quello di colui che effettua solo controlli preventivi e correttivi su problemi relativi ad aspetti di sicurezza. Ma si rischia di dare un interpretazione troppo limitativa; la sicurezza è una componente essenziale di un sistema : essa costituisce, infatti, una parte del servizio finale ed è un elemento fondamentale che potremmo denominare qualità. L attività dell IS Auditor diviene nei fatti sempre più una componente integrante del processo di erogazione di un servizio, a garanzia dell evoluzione del processo di erogazione verso la qualità finale attesa dall utente/cliente. La formazione degli IS auditor è informatica, anche se potrebbe essere acquisita dopo una laurea in un altro campo. Ma bisogna anche acquisire capacità manageriali e di relazione. In azienda questa funzione risponde normalmente al consiglio d amministrazione o alla direzione, perché è tipicamente una funzione non di linea ma di staff. ATA Iter formativo figure professionali individuate Il progetto ATA, per ciascuna delle figure professionali ritenute emergenti, ha progettato il percorso formativo necessario per acquisire le competenze minime. A seconda della tipologia di figura professionale individuata sono stati ipotizzati tre tipologie di percorsi formativi: 1. Specializzazione 2. Qualificazione 3. Riqualificazione Pagina 15

16 Il primo è un corso di breve durata rivolto a risorse occupate con esperienza nel settore, al fine di favorire un aggiornamento delle competenze rispetto ai cambiamenti del mercato ICT. Il secondo è un corso di lunga durata rivolto a risorse neoassunte che hanno poche competenze nella materia e necessitano di una qualificazione. Il terzo è un percorso formativo di lunga durata rivolto alla riqualificazione di risorse che già operano nel settore ICT, al fine di favorire un allineamento con le nuove competenze richieste in questo periodo. Figura Tipologia Percorso A chi si rivolge Pre-requisiti Durata corso MODULI CLIENT SOLUTION LEADER Riqualificazione Consulenti e professionisti che affiancano le aziende nella progettazione e gestione di Sistemi Informativi. conoscenza delle TLC, del networking e dei linguaggi software più diffusi nell ICT 600 ore (360 ore aula training on the job) 1. Organizzazione e processi dell ICT 2. Le strategie ed i modelli di business 3. ICT Strategy, Governance & Management 4. CRM 5. Project Management 6. IT Services Management 7. Information Security Governance 8. Gestione delle risorse umane, leadership e comunicazione 9. Training on the job Obiettivi del corso Il corso si propone di riqualificare risorse tecniche su ruoli manageriali trasferendo le competenze sugli approcci organizzativi, manageriali e strategici nel settore ICT. Il corso si propone di formare risorse che siano in grado di proporre al Cliente la soluzione tecnologica e/o strategica in grado di soddisfare le sue aspettative. Inoltre, verranno trasferite le competenze metodologiche e manageriali per la gestione dei progetti, risorse e comunicazione. Metodologia didattica Il corso della durata complessiva di 600 ore prevede 360 ore di aula e 240 ore di training Pagina 16

17 on the job. Nella parte d aula oltre alle lezioni frontali in cui sarà previsto il coinvolgimento dei discenti, saranno analizzati e discussi case study e previste esercitazioni pratiche. Infine saranno previste 240 ore di training on the job nei quali è prevista un attività di affiancamento dell utente nello svolgimento delle attività lavorative che comportano l impiego immediato di tecnologie, con l obiettivo di finalizzare il trasferimento della conoscenza on the job. L utente consolida le nozioni acquisite in aula, applicandole al contesto aziendale con l assistenza di un esperto del settore. Figura Tipologia Percorso A chi si rivolge Pre-requisiti Durata corso MODULI WEB PROJECT MANAGER Qualificazione Laureati Buona padronanza dell utilizzo del computer e di navigazione su Internet 500 ore (320 ore aula training on the job) 1. Le trasformazioni strategiche nel mondo Web 2. Analisi, design e grafica di un sito 3. HTML, CSS ed XML 4. Web e database 5. Linguaggi di programmazione 6. Project Management 7. Web Marketing & Communication 8. New Digital Media 9. Web Gestione Risorse Umane, leadership e comunicazione 11. Training on the job Obiettivi del corso Il corso si propone di fornire ai partecipanti gli elementi di conoscenza basilari necessari per poter sviluppare siti web e gestire e coordinare progetti complessi. Al termine del corso il candidato dovrebbe disporre degli elementi minimi per affrontare la tematica in termini di conoscenze metodologiche, organizzative, operative e tecnologiche. Metodologia didattica Il corso della durata complessiva di 520 ore prevede 320 ore di aula e 180 ore di training on the job. Nella parte d aula oltre alle lezioni frontali in cui sarà previsto il coinvolgimento dei Pagina 17

18 discenti, saranno analizzati e discussi case study e previste esercitazioni pratiche. Infine saranno previste 180 ore di training on the job nei quali è prevista un attività di affiancamento dell utente nello sviluppo e gestione di progetti web, con l obiettivo di finalizzare il trasferimento della conoscenza on the job. L utente consolida le nozioni acquisite in aula, applicandole al contesto aziendale con l assistenza di un esperto del settore. Figura Tipologia Percorso A chi si rivolge Pre-requisiti Durata corso MODULI WEB PROJECT MANAGER Specializzazione Web developer e Webmaster con almeno due anni di esperienza Conoscenza dei principali linguaggi di markup (HTML/XHTML) e di scripting 180 ore aula 1. Le trasformazioni strategiche nel mondo Web 2. Web Marketing & Communication 3. New Digital Media 4. Web Project Management 6. Gestione Risorse Umane, leadership e comunicazione Obiettivi del corso Il corso si propone di specializzare i partecipanti sui new digital media e fornire le competenze manageriali per poter gestire un progetto e coordinare un team di risorse. Al termine del corso il candidato dovrebbe disporre degli elementi minimi per affrontare la tematica in termini di conoscenze metodologiche, organizzative, operative e tecnologiche sui new digital media con particolare riferimento a Web 2.0. Metodologia didattica Il corso della durata complessiva di 180 ore prevede lezioni frontali con il coinvolgimento dei discenti. Durante le lezioni saranno analizzati e discussi case study e previste esercitazioni pratiche. Figura Tipologia Percorso INFORMATION SYSTEM AUDITOR Riqualificazione A chi si rivolge Consulenti e professionisti che affiancano le aziende nell implementazione e/o revisione dei Sistemi Informativi Pagina 18

19 Pre-requisiti Durata corso MODULI Esperienza nel settore IT o nella revisione di sistemi informativi 320 ore (212 ore aula training on the job) 1. Organizzazione e processi dell ICT 2. Governance ICT 3. Ciclo di vita di sviluppo di sistemi ed infrastrutture ICT 4. Erogazione del servizio ICT 5. Sicurezza ICT 6. Disaster recovery e Business Continuity 7. Il processo di audit ICT 8. Il Framework Cobit 9. Gestione delle risorse umane, leadership e comunicazione 10. Training on the job Obiettivi del corso Il corso si propone di riqualificare risorse tecniche su ruoli con qualificazione professionale superiore e su competenze tecnico/ manageriali innovative. A tal fine il corso ha l obiettivo di trasferire le competenze tecniche e manageriali necessarie alla professione di Information System Auditor. Al termine del corso il candidato dovrebbe disporre degli elementi minimi per affrontare la tematica in termini di conoscenze metodologiche, organizzative, operative e tecnologiche. Metodologia didattica Il corso della durata complessiva di 320 ore prevede 212 ore di aula e 108 ore di training on the job. Nella parte d aula oltre alle lezioni frontali in cui sarà previsto il coinvolgimento dei discenti, saranno analizzati e discussi case study e previste esercitazioni pratiche. Infine saranno previste 108 ore di training on the job, nelle quali è prevista un attività di affiancamento dell utente negli audit ICT, con l obiettivo di finalizzare il trasferimento della conoscenza on the job. L utente consolida le nozioni acquisite in aula, applicandole al contesto aziendale con l assistenza di un esperto del settore. Figura Tipologia Percorso A chi si rivolge Pre-requisiti Durata corso MODULI INFORMATION SYSTEM AUDITOR Specializzazione Esperti information security o information technology governance Esperienza in sicurezza e/o governante ICT 128 ore in aula 1. Il processo di audit ICT 2. Governance ICT 3. Ciclo di vita di sviluppo di sistemi ed infrastrutture ICT Pagina 19

20 4. Erogazione del servizio ICT 5. Sicurezza ICT 6. Continuità del servizio e ripristino dell operatività 7. Il Framework Cobit Obiettivi del corso Il corso si propone di specializzare i partecipanti sulle competenze necessarie per poter effettuare gli Audit ICT e garantire l efficienza ed efficacia dei sistemi informativi. Al termine del corso il candidato dovrebbe disporre degli elementi minimi per affrontare la tematica in termini di conoscenze metodologiche, organizzative, operative e tecnologiche. Metodologia didattica Il corso della durata complessiva di 108 ore di aula, di cui 80 di teoria e 28 di verifica di apprendimento dei contenuti. Nella parte d aula durante le lezioni frontali sarà previsto il coinvolgimento dei discenti. Infine saranno previste 28 di verifica di apprendimento dei contenuti nelle quali i discenti saranno sottoposti a test a risposta chiusa i cui risultati saranno poi analizzati complessivamente e discussi in aula. Pagina 20

LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008

LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008 http://www.sinedi.com ARTICOLO 18 DICEMBRE 2007 LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008 Come ogni anno, Gartner, la società americana di ricerche e d informazione sulle tecnologie, ha identificato dieci

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

Sommario IX. Indice analitico 331

Sommario IX. Indice analitico 331 Sommario Prefazione X CAPITOLO 1 Introduzione ai sistemi informativi 1 1.1 Il prodotto del secolo 1 1.2 Prodotti e servizi divenuti indispensabili 2 1.3 Orientarsi nelle definizioni 4 1.4 Informatica e

Dettagli

NUMERO 1O l esperienza migliora il business

NUMERO 1O l esperienza migliora il business NUMERO 1O l esperienza migliora il business Dal 1986 al vostro fianco NUMERO 1O, a più di vent anni dalla sua nascita, rappresenta il polo di riferimento nell esperienza informatica legata al business.

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I.

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. Profilo La Società Hermes nasce nel 2010 per portare sul mercato le esperienze maturate da un team di specialisti e ricercatori informatici che hanno operato per anni come

Dettagli

TECHNOLOGY SOLUTIONS

TECHNOLOGY SOLUTIONS TECHNOLOGY SOLUTIONS DA PIÙ DI 25 ANNI OL3 GARANTISCE AFFIDABILITÀ E INNOVAZIONE AI CLIENTI CHE HANNO SCELTO DI AFFIDARSI AD UN PARTNER TECNOLOGICO PER LA GESTIONE E LA CRESCITA DEL COMPARTO ICT DELLA

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

Sommario. L'Azienda I Servizi Le Soluzioni I Partner

Sommario. L'Azienda I Servizi Le Soluzioni I Partner 1 Sommario L'Azienda I Servizi Le Soluzioni I Partner 2 L azienda 3 Profilo La Società Essematica nasce nel 1987 da un team di specialisti e ricercatori informatici che, aggregando le esperienze maturate

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994. Servizi DIGITAL SOLUTION ISA ICT Value Consulting La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

Catalogo FORMAZIONE BLENDED. Aula + Pillole Formative. Finanziabile con Fondi Interprofessionali

Catalogo FORMAZIONE BLENDED. Aula + Pillole Formative. Finanziabile con Fondi Interprofessionali Catalogo FORMAZIONE BLENDED Aula + Pillole Formative Finanziabile con Fondi Interprofessionali 2 Indice CORSO DI SVILUPPO MANAGERIALE Pag. 3 REVERSE MENTORING Pag. 5 STRUMENTI E METODI PER LA GESTIONE

Dettagli

L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta 23 ottobre 2009. www.osservatori.net

L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta 23 ottobre 2009. www.osservatori.net L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta: opportunità e sfide in un momento di crisi Mariano Corso School of Management Politecnico di Milano Milano, 23 ottobre 2009 Ricerca ALCUNI

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

CIO Survey 2013 Executive Summary Iniziativa promossa

CIO Survey 2013 Executive Summary Iniziativa promossa CIO Survey 2013 Executive Summary Iniziativa promossa da CIO Survey 2013 NetConsulting 2013 1 CIO Survey 2013: Executive Summary Tanti gli spunti che emergono dall edizione 2013 della CIO Survey, realizzata

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Perugia NetConsulting 2012 1

Dettagli

Le aziende pensano in grande, a partire dal Data Center.

Le aziende pensano in grande, a partire dal Data Center. Le aziende pensano in grande, a partire dal Data Center. Univeg Trade Spain sceglie di seguire l esperienza di Univeg Trade Italy adottando la tecnologia Cisco UCS mini, per dotarsi di un datacenter a

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

Partner nell Organizzazione della Tua Azienda

Partner nell Organizzazione della Tua Azienda Partner nell Organizzazione della Tua Azienda la potenza della rete, la competenza Spider 4 Web: molto più di un software web-based, un vero e proprio partner nell organizzazione aziendale, che segue il

Dettagli

Idee, tecnica, soluzioni. Passion for IT

Idee, tecnica, soluzioni. Passion for IT Idee, tecnica, soluzioni. Passion for IT Levia Group è realtà di riferimento nel nord Italia nell offerta di soluzioni gestionali leader di mercato. Partner TeamSystem di primo livello, è in grado di proporre

Dettagli

Come ottenere la flessibilità aziendale con un Agile Data Center

Come ottenere la flessibilità aziendale con un Agile Data Center Come ottenere la flessibilità aziendale con un Agile Data Center Panoramica: implementare un Agile Data Center L obiettivo principale è la flessibilità del business Nello scenario economico attuale i clienti

Dettagli

L ICT e l innovazione

L ICT e l innovazione Il valore del Project Management nei Progetti di Innovazione nelle Piccole e Medie Imprese L ICT e l innovazione Milano, 15 dicembre 2006 Enrico Masciadra, PMP emasciadra@libero.it Le cinque forze competitive

Dettagli

PROFILO AZIENDALE MISSION & VISION

PROFILO AZIENDALE MISSION & VISION COMPANY PROFILE 2014 PROFILO AZIENDALE Posytron è una società di consulenza tecnologica e gestionale certificata ISO 9001:2008 fondata nel 1999 da Alberto Muritano, attuale CEO, per supportare l'innovazione

Dettagli

ERP o pacchetto gestionale? Una

ERP o pacchetto gestionale? Una FEBBRAIO 2012 Quali sono le principali differenze fra una soluzione di Enterprise Resource Planning e un pacchetto gestionale, quali le raccomandazioni per chi deve scegliere un ERP? E quando è arrivato

Dettagli

Kaseya. Perché ogni azienda dovrebbe automatizzare la gestione dei sistemi IT

Kaseya. Perché ogni azienda dovrebbe automatizzare la gestione dei sistemi IT Kaseya è il software per la gestione integrata delle reti informatiche Kaseya controlla pochi o migliaia di computer con un comune browser web! Kaseya Perché ogni azienda dovrebbe automatizzare la gestione

Dettagli

Ricca - Divisione I.T.

Ricca - Divisione I.T. Ricca - Divisione I.T. Information Technology & Security Partner Profilo B.U. e Offerta Servizi Ricca Divisione I.T. Information Technology & Security Partner La Mission La nostra missione è divenire il

Dettagli

Zerouno IBM IT Maintenance

Zerouno IBM IT Maintenance Zerouno IBM IT Maintenance Affidabilità e flessibilità dei servizi per supportare l innovazione d impresa Riccardo Zanchi Partner NetConsulting Roma, 30 novembre 2010 Il mercato dell ICT in Italia (2008-2010P)

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Le competenze. Esplora S.r.l. persegue la propria mission integrando due macro aree di esperienze e professionalità:

Le competenze. Esplora S.r.l. persegue la propria mission integrando due macro aree di esperienze e professionalità: La società Esplora S.r.l. è una società di diritto italiano e sedi a Roma, Siena, Milano e Catania che opera nei settori del project management internazionale, per il governo di progetti complessi e in

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.7 Cloud

Dettagli

Associazione Italiana Information Systems Auditors

Associazione Italiana Information Systems Auditors 20141 Milano Via Valla, 16 Tel. +39/02/84742365-70608405 Fax +39/02/700507644 E-mail: aiea@aiea.it P.IVA 10899720154 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Verona Gentili Associati Il Consiglio Direttivo

Dettagli

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION

La ISA nasce nel 1994 DIGITAL SOLUTION La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Luca Zanetta Uniontrasporti I venti dell'innovazione - Imprese a banda larga Varese, 9 luglio 2014 1 / 22 Sommario Cos è il cloud computing

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

REPLY PROFILO AZIENDALE 2007

REPLY PROFILO AZIENDALE 2007 REPLY PROFILO AZIENDALE 2007 REPLY Company Profile 2007 1 CARATTERI IDENTIFICATIVI DEL GRUPPO Reply è una società di Consulenza, System Integration e Application Management, leader nella progettazione

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Piattaforma Italiana per il Future Internet

Piattaforma Italiana per il Future Internet Piattaforma Italiana per il Future Internet L innovazione ICT come opportunità di crescita economica e sociale In risposta alla recente crisi economica e a sfide preesistenti quali la globalizzazione,

Dettagli

Da 40 anni al servizio delle aziende

Da 40 anni al servizio delle aziende Da 40 anni al servizio delle aziende GESCA GROUP Gesca azienda nata nel 1972 come centro servizi specializzato nell elaborazione della contabilità aziendale fa della lunga esperienza nel campo dell Information

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE Programma straordinario contro la Disoccupazione Intellettuale

MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE Programma straordinario contro la Disoccupazione Intellettuale MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE Programma straordinario contro la Disoccupazione Intellettuale PROGETTO MULTIMEDIA SKILL Multimedia Skill è un progetto ideato e promosso da Poliedra Politecnico

Dettagli

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili Var Group, attraverso la sua società di servizi, fornisce supporto alle Aziende con le sue risorse e competenze nelle aree: Consulenza, Sistemi informativi, Soluzioni applicative, Servizi per le Infrastrutture,

Dettagli

Infosecurity. Servizi innovativi per le imprese. La sicurezza in informatica. La sicurezza per lo sviluppo delle reti e del mercato ICT

Infosecurity. Servizi innovativi per le imprese. La sicurezza in informatica. La sicurezza per lo sviluppo delle reti e del mercato ICT Infosecurity Servizi innovativi per le imprese. La sicurezza in informatica La sicurezza per lo sviluppo delle reti e del mercato ICT Milano, 10 febbraio 2005 Pietro Varaldo Direttore generale Federcomin

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

PDM, come ben coniugare Partner e Subfornitori d Massimo Fucci

PDM, come ben coniugare Partner e Subfornitori d Massimo Fucci PDM, come ben coniugare Partner e Subfornitori d Massimo Fucci Le aziende manifatturiere, per meglio competere, si sono organizzate secondo il modello della filiera estesa, una modalità operativa in cui

Dettagli

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

Editoria, formazione e consulenza assicurativa per gli operatori del comparto e gli utilizzatori dei servizi assicurativi.

Editoria, formazione e consulenza assicurativa per gli operatori del comparto e gli utilizzatori dei servizi assicurativi. Editoria, formazione e consulenza assicurativa per gli operatori del comparto e gli utilizzatori dei servizi assicurativi. Dal 1989 l informazione assicurativa indipendente Percorsi formativi di abilitazione

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

Business School since 1967

Business School since 1967 Business School since 1967 Molte aziende importanti partecipano e contribuiscono allo sviluppo professionale delle figure che escono da questo Master. Il loro impegno accompagna gli allievi dall inizio

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso STUDIO BERRETTA E ASSOCIATI

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso STUDIO BERRETTA E ASSOCIATI Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso STUDIO BERRETTA E ASSOCIATI Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.8 Aumentare l'efficienza

Dettagli

Strumenti ICT per l innovazione del business

Strumenti ICT per l innovazione del business 2012 Strumenti ICT per l innovazione del business Progetto finanziato da Forlì 12-04-2012 1 Sommario Gli strumenti ICT a supporto delle attività aziendali Le piattaforme software Open Source per le piccole

Dettagli

IT Management and Governance

IT Management and Governance Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative IT Management and Governance Master of Advanced Studies IT Management Diploma of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Chi siamo e le nostre aree di competenza

Chi siamo e le nostre aree di competenza Chi siamo e le nostre aree di competenza Telco e Unified Communication Software as a Service e Business Intelligence Infrastrutture digitali Smartcom è il primo business integrator europeo di servizi ICT

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

Reti di INDUSTRIA 4.0

Reti di INDUSTRIA 4.0 DALLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ALLA DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN LA COMPETITIVITÀ DELLA SUPPLY CHAIN Bologna, 27 novembre 2015 Questa presentazione Imprese e competizione globale Supply Chain,

Dettagli

La Guida per l Organizzazione degli Studi professionali

La Guida per l Organizzazione degli Studi professionali La Guida per l Organizzazione degli Studi professionali Gianfranco Barbieri Senior Partner di Barbieri & Associati Dottori Commercialisti Presidente dell Associazione Culturale Economia e Finanza gianfranco.barbieri@barbierieassociati.it

Dettagli

Convegno APB. Business Continuity: perchè un grande gruppo bancario italiano ha deciso di usare una soluzione informatica innovativa?

Convegno APB. Business Continuity: perchè un grande gruppo bancario italiano ha deciso di usare una soluzione informatica innovativa? Convegno APB Business Continuity: perchè un grande gruppo bancario italiano ha deciso di usare una soluzione informatica innovativa? Milano, 4 Aprile 2006 Roberto Perego Partner - esolutions Europe Agenda

Dettagli

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it

ADVISORY. People & Change. Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane. kpmg.com/it ADVISORY People & Change Presentazione Servizi Presentazione dei servizi per la valorizzazione delle risorse umane kpmg.com/it La Soluzione P&C in Italia In contesti di mercato fortemente competitivi e

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistema informativo. Prima definizione Un sistema

Dettagli

Wiki-Model e strumenti web 2.0

Wiki-Model e strumenti web 2.0 Wiki-Model e strumenti web 2.0 Un nuovo modo per comunicare Luca Bonadimani Wiki-Model e strumenti web 2.0 Luca Bonadimani si occupa come imprenditore e manager di comunicazione e di web dal 1996, anno

Dettagli

I servizi ICT per le aziende

I servizi ICT per le aziende I servizi ICT per le aziende TÜV Italia - Gruppo TÜV SÜD Il gruppo TÜV SÜD e TÜV Italia L obiettivo della sicurezza fa parte del DNA del nostro ente e della nostra casa madre TÜV SÜD, già partendo dal

Dettagli

Grazie alla virtualizzazione, l'azienda ha ridotto il numero di server da 650 a 22 unità e ha tagliato i costi energetici del 90%

Grazie alla virtualizzazione, l'azienda ha ridotto il numero di server da 650 a 22 unità e ha tagliato i costi energetici del 90% Ottimizzazione dell'infrastruttura Microsoft Case study sulle soluzioni per i clienti Grazie alla virtualizzazione, l'azienda ha ridotto il numero di server da 650 a 22 unità e ha tagliato i costi energetici

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

File Sharing & LiveBox WHITE PAPER. http://www.liveboxcloud.com

File Sharing & LiveBox WHITE PAPER. http://www.liveboxcloud.com File Sharing & LiveBox WHITE PAPER http://www.liveboxcloud.com 1. File Sharing: Definizione Per File Sync and Share (FSS), s intende un software in grado di archiviare i propri contenuti all interno di

Dettagli

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

ISTUD e la Green Economy

ISTUD e la Green Economy ISTUD e la Green Economy Attività di formazione e ricerca 2013 ISTUD e la Green Economy ISTUD presidia dal 2003 le tematiche legate alla sostenibilità e ha consolidato la sua presenza in area green con

Dettagli

SUN ACCELERA L'INNOVAZIONE STORAGE

SUN ACCELERA L'INNOVAZIONE STORAGE SUN ACCELERA L'INNOVAZIONE STORAGE Nuove funzionalità software e l annuncio di Solaris 10 posizionano Sun al vertice della gestione di ambienti storage eterogenei Milano 24 novembre 2004 -- In occasione

Dettagli

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof.

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof. Anno Scolastico: 2014/2015 Indirizzo: Sistemi informativi aziendali Classe quarta AS Disciplina: Informatica prof. Competenze disciplinari: Secondo biennio 1. Identificare e applicare le metodologie e

Dettagli

www.osservatori.net - CHI SIAMO

www.osservatori.net - CHI SIAMO Virtual Workspace ed Enterprise 2.0: prospettive e barriere di una rivoluzione annunciata Mariano Corso Politecnico di Milano www.osservatori.net - CHI SIAMO Nati nel 1998, gli Osservatori ICT della School

Dettagli

Le prime esperienze in Imprese ed Enti Pubblici (Profili professionali EUCIP e Mercato del Lavoro nel settore ICT)

Le prime esperienze in Imprese ed Enti Pubblici (Profili professionali EUCIP e Mercato del Lavoro nel settore ICT) Programma Liguria - Competenze per l Innovazione Digitale Le prime esperienze in Imprese ed Enti Pubblici (Profili professionali EUCIP e Mercato del Lavoro nel settore ICT) Roberto Bellini - Presidente

Dettagli

Il Cloud Computing e la Pubblica Amministrazione

Il Cloud Computing e la Pubblica Amministrazione Forum PA Roma 19 maggio 2010 Il Cloud Computing e la Pubblica Amministrazione Daniela Battisti Chair Working Party on the Information Economy Committee for Information Computer Communications Policies

Dettagli

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 2014 Cloud Computing 2014: mercato, adozione, scenario competitivo Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 INDICE INDICE DELLE FIGURE 2 INDICE DELLE TABELLE

Dettagli

Edizione 2010. www.sovedi.it

Edizione 2010. www.sovedi.it Edizione 2010 www.sovedi.it SOVEDI s.r.l. Via Antica, 3-25080 Padenghe sul Garda (BS) email: info@sovedi.it tel: +39 0302076341 CAP.SOC. 51.480,00 - C.F. p.iva 00632180246 SOVEDI nasce nel 1978 a Vicenza.

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

STRUTTURA OPERATIVA 1AREA CUSTOMER 1AREA DELIVERY 1AREA SUPPORT 1AREA DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE DARIO TECCHIO LUCA GIUMAN MASSIMO TECCHIO

STRUTTURA OPERATIVA 1AREA CUSTOMER 1AREA DELIVERY 1AREA SUPPORT 1AREA DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE DARIO TECCHIO LUCA GIUMAN MASSIMO TECCHIO DARIO TECCHIO partner - direttore area customer LUCA GIUMAN direttore generale MASSIMO TECCHIO partner - direttore area delivery ROBERTO TECCHIO partner -direttore area support amministratore unico STRUTTURA

Dettagli

Violazione dei dati aziendali

Violazione dei dati aziendali Competenze e Soluzioni Violazione dei dati aziendali Questionario per le aziende ISTRUZIONI PER L UTILIZZO Il presente questionario è parte dei servizi che la Project++ dedica ai propri clienti relativamente

Dettagli

Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008

Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008 Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008 White paper Novembre 2007 Per informazioni aggiornate, visitare l indirizzo www.microsoft.com/italy/vstudio È possibile che a questo

Dettagli

ECDL Base. ECDL Full Standard

ECDL Base. ECDL Full Standard http://www.nuovaecdl.it/ Modulo ECDL Base ECDL Full Standard ECDL Standard Computer Essentials Sì Sì Sì (1) Online Essentials Sì Sì Sì (1) Word Processing Sì Sì Sì (1) Spreadsheets Sì Sì Sì (1) IT Security

Dettagli

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE Lucia Picardi Responsabile Marketing Servizi Digitali Chi siamo 2 Poste Italiane: da un insieme di asset/infrastrutture

Dettagli

Il percorso delle aziende italiane verso l IT Governance. Rossella Macinante Practice Leader

Il percorso delle aziende italiane verso l IT Governance. Rossella Macinante Practice Leader Il percorso delle aziende italiane verso l IT Governance Rossella Macinante Practice Leader 11 Marzo 2009 Previsioni sull andamento dell economia nei principali Paesi nel 2009 Dati in % 3,4% 0,5% 1,1%

Dettagli

Mobile & wireless. Fatturazione Elettronica

Mobile & wireless. Fatturazione Elettronica Mobile & wireless Con applicazioni Mobile & Wireless si intendono le applicazioni a supporto dei processi aziendali che si basano su: rete cellulare, qualsiasi sia il terminale utilizzato (telefono cellulare,

Dettagli

I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION

I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION SAFETY SOLUTION I VANTAGGI GI Base dati unica ed integrata La base dati unica a tutti gli applicativi della suite HR Zucchetti è una caratteristica che nessun

Dettagli

MATERIA: INFORMATICA CLASSI: PRIME TERZE QUARTE SECONDE QUINTE

MATERIA: INFORMATICA CLASSI: PRIME TERZE QUARTE SECONDE QUINTE Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: INFORMATICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Amministrazione, Finanza e marketing Scienze bancarie, finanziarie e assicurative Nodi concettuali

Dettagli

company profile struttura operativa 1AREA CUSTOMER 1AREA DELIVERY 1AREA SUPPORT 1AREA DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE

company profile struttura operativa 1AREA CUSTOMER 1AREA DELIVERY 1AREA SUPPORT 1AREA DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE DARIO TECCHIO partner - direttore area customer MASSIMO TECCHIO partner - direttore area delivery LUCA GIUMAN direttore generale STEFANO RAGNO direttore commerciale Infonet NW company profile Infonet Solutions

Dettagli

Soluzioni di business per le imprese

Soluzioni di business per le imprese Soluzioni di business per le imprese Esperti in Innovazione Chi siamo SICHEO nasce per volontà di un gruppo di manager con ampia esperienza nel business ICT e nell innovazione Tecnologica applicata ai

Dettagli

L INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

L INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Agile Business L INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Le nostre soluzioni possono aiutarvi a migliorare la gestione della vostra azienda, riducendo i costi di gestione e migliorando il

Dettagli

Cloud Road Map Easycloud.it

Cloud Road Map Easycloud.it Cloud Road Map Pag. 1 è un Cloud Service Broker(CSB) fondata nel 2012 da Alessandro Greco. Ha sede presso il Parco Scientifico Tecnologico ComoNExT, situato in Via Cavour 2, a Lomazzo (Como). La missione

Dettagli

Attraverso l esperienza ed il continuo aggiornamento, operiamo con competenza e professionalità.

Attraverso l esperienza ed il continuo aggiornamento, operiamo con competenza e professionalità. Attraverso l esperienza ed il continuo aggiornamento, operiamo con competenza e professionalità. LA SOCIETÀ COMPETENZE SERVIZI CONSULENZA E METODOLOGIA APPLICATA ASSISTENZA TECNICA CONNETTIVITÀ E SICUREZZA

Dettagli

SERVIZI PMI. Project management outsourcing. Business Impact Analysis (BIA) Disaster Recovery Plan Design (DRP)

SERVIZI PMI. Project management outsourcing. Business Impact Analysis (BIA) Disaster Recovery Plan Design (DRP) SERVIZI PMI Project management outsourcing La vita (dell IT) è quella cosa che succede mentre siamo impegnati a fare tutt altro e quindi spesso capita di dover implementare una nuova piattaforma applicativa,

Dettagli

ETA Management. ETA Management S.r.l. Via Volturno, 47 20124 Milano Tel. 02 36576055 Fax. 02 36576314 info@etamanagement.it. Milano, Gennaio 2009

ETA Management. ETA Management S.r.l. Via Volturno, 47 20124 Milano Tel. 02 36576055 Fax. 02 36576314 info@etamanagement.it. Milano, Gennaio 2009 Milano, Gennaio 2009 ETA Management ETA Management S.r.l. Via Volturno, 47 20124 Milano Tel. 02 36576055 Fax. 02 36576314 info@etamanagement.it Noi crediamo che oggi, NELL' EPOCA DELLA "DIGITAL ECONOMY,

Dettagli

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

enclose CRM Engineering Cloud Services IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING runs on Microsoft Dynamics CRM

enclose CRM Engineering Cloud Services IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING runs on Microsoft Dynamics CRM enclose Engineering Cloud Services CRM runs on Microsoft Dynamics CRM IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING EncloseCRM EncloseCRM è la proposta Software as a Service di Engineering per offrire al mercato

Dettagli