FORNITURE FORNITURE INFORMATICHE:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FORNITURE FORNITURE INFORMATICHE:"

Transcript

1 1 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA Commissione Informatica e Telecomunicazioni Seminari di: INFORMATICA FORENSE LA LA CONSULENZA CONSULENZA TECNICA TECNICA NELLE NELLE FORNITURE FORNITURE INFORMATICHE: INFORMATICHE: SISTEMI SISTEMI HARDWARE, HARDWARE, SOFTWARE SOFTWARE E E SERVIZI SERVIZI a cura di: a cura di: Alessandro Alessandroni e Luciano Cristaldi Alessandro Alessandroni e Luciano Cristaldi 4 luglio luglio 2011

2 Obiettivi dell incontro La consulenza tecnica nelle forniture informatiche in ambito: Penale Civile Amministrativo (TAR) Corte dei Conti I contenziosi nelle forniture informatiche Il C.T.U. ed i C.T.P., loro ruoli e compensi Varie fasi della perizia informatica I vari punti di vista La Qualità di una Consulenza Tecnica. 2

3 3 Di cosa parleremo, contestualizzando alle forniture informatiche 1 parte : Il Procedimento (penale, civile), caratteristiche, finalità, specificità I soggetti interessati: il Magistrato/i (PM/GI), il C.T.U. (eventuale collegio), i C.T.P. (eventuali collegi), le parti ed i loro Legali Vincoli/Risorse (giuridici, temporali, economici, di efficacia ed efficienza, personale disponibile, strumentazione) 2 parte: Nomina e formulazione dei quesiti (il punto di vista del Magistrato, del C.T.U./CTPM, del CTP, delle parti e dei loro Legali) Le attività del C.T.U. informatico Le relazioni tecniche (del C.T.U., dei CTP, di chiarimenti, controdeduzioni eventuali) 3 parte: Backstage (Cosa desiderano i vari soggetti e cosa invece generalmente accade) 4 parte: Quesiti/dibattito.

4 4 IL PROCEDIMENTO... Penale, amministrativo (TAR), contabile (Corte dei Conti), Civile: caratteristiche, finalità, specificità

5 5 IL PROCEDIMENTO PENALE... Nel Procedimento penale: Il Magistrato: Pubblico Ministero o Giudice Il C.T.P.M. Gli indagati Gli altri soggetti coinvolti (Forza Pubblica, Legali, etc.) Risposta ai quesiti posti dal Magistrato e valutazione del software, dell hardware e delle loro qualità/prestazioni.

6 6 il procedimento amministrativo... presso il TAR Tribunale Amministrativo Regionale

7 7 TAR Parere tecnico richiesto con provvedimento istruttorio su ricorsi al TAR per impugnare atti e provvedimenti adottati dalla PA Nel nostro caso: Delibere di aggiudicazione di gara Delibere di affidamento di forniture e servizi ICT a trattativa privata Esiti di concorsi pubblici.

8 TAR: delibere di aggiudicazione 1 Ricorso da parte società esclusa contro amministrazione per aggiudicazione gara hw sw in quanto ritiene non conforme l offerta della aggiudicataria Richiesta: Verificazioni tecniche su caratteristiche prodotti offerti dalla aggiudicataria in merito a rispondenza ai requisiti. 8

9 9 TAR: delibere di aggiudicazione 2 Ricorso contro amministrazione e società aggiudicataria in merito ad aggiudicazione gara hw in quanto offerta della aggiudicataria sarebbe difforme e peggiorativa Quesito: se in una gara bandita per la fornitura di apparecchiature informatiche..l eventuale difformità dell offerta. debba considerarsi peggiorativa rispetto a quanto richiesto dal bando (come sostenuto dalla parte ricorrente) o al contrario migliorativa (come sostenuto dalle controparti) Attività: confronto documentazione di gara e offerta e valutazione differenti tecnologie.

10 10 TAR: delibere di aggiudicazione 3 Ricorso contro amministrazione e società aggiudicataria in merito a aggiudicazione gara hw e sw (motivi della esclusione) Quesito:se, in base al capitolato di gara: l offerta della ricorrente sia conforme alle prescrizioni minime con particolare riferimento alle prescrizioni motivo di esclusione Attività: verifica sui prodotti offerti della conformità a requisiti di gara con riferimento specifico a motivi di esclusione.

11 TAR: procedura negoziata Ricorso aziende concorrenti su deliberazione di acquisizione pacchetto software a procedura negoziata da parte di una PA Quesito: chiarisca se il software X abbia caratteristiche di esclusività e sia l unico sul mercato che sia in grado di svolgere la funzione commessale dalla amministrazione, oppure se anche i sistemi operativi prodotti dalle ricorrenti siano in grado di svolgere tale funzione. 11

12 TAR: concorso pubblico Ricorso contro commissione esaminatrice concorso pubblico Quesito: chiarimenti in merito alle doglianze del ricorrente con riferimento a una specifica domanda a risposte multiple Attività: analisi del test e valutazione della risposta fornita dal candidato ricorrente Esame relazione tecnica giurata. 12

13 13 Corte dei Conti (Procure Regionali) parere tecnico nell ambito di attività istruttoria ai fini dell accertamento di esistenza di danni erariali (da agosto 2009 a fronte di specifica e concreta notizia di danno) casi più frequenti di interesse: Forniture di beni e servizi ICT assegnate spesso con procedura negoziata, con contratti rinnovati nel tempo e prezzi superiori ai prezzi di mercato.

14 14 CdC: esempi di perizie Contratti poliennali di sviluppo, gestione e hosting sito web per ente pubblico affidati a procedura negoziata e reiterati nel tempo Contratto realizzazione soluzione ERP per azienda pubblica affidato a seguito indagine di mercato con 2 riposte valide Contratti reiterati di sviluppo applicativo, supporto e formazione affidati a procedura negoziata a società Contratti poliennali di servizio di contact center per enti pubblici affidati a trattativa privata Contratti poliennali e reiterati di hw, sw e di servizi ICT alle stesse società a trattativa privata.

15 15 CdC: principali tipi di quesiti congruità economica (allineamento ai prezzi di mercato) motivazioni della trattativa privata: Privativa industriale (ad es. licenze software) Unicità delle competenze rispondenza delle prestazioni fornite ai termini contrattuali

16 16 IL PROCEDIMENTO CIVILE (caratteristiche, finalità, specificità) Tipi di procedimenti/consulenze nelle forniture informatiche: A.T.P. I provvedimenti d urgenza (di cui all art. 700 c.p.c.) Giudizio di 1 grado (Tribunale ordinario) Giudizio di 2 grado (Appello).

17 17 IL PROCEDIMENTO CIVILE. i soggetti I soggetti interessati Il Magistrato Giudice Istruttore/La Corte Il C.T.U. Il o i C.T.P. Le parti (attrice/convenuta; ricorrente/convenuta) Gli altri soggetti coinvolti (Forza Pubblica, Legali, etc.) Risposta ai quesiti posti dal Magistrato/Corte e valutazione del software, dell hardware e delle loro qualità/prestazioni.

18 18 nel procedimento/causa civile (ordinaria) i principali vincoli/risorse Giuridici: la C.T.U. non è mezzo di prova ma strumento di valutazione di fatti già provati; la C.T.U. è finalizzata all acquisizione da parte del Magistrato di un parere tecnico utile per la valutazione di elementi probatori (art. 62 c.p.c. e Cass del ) Temporali Economici (ad es. uso remoto del software in luogo di sopralluoghi fuori sede) Di Efficacia ed Efficienza (analisi tecnica proporzionata con l Hw e Sw da valutare ma anche coerente con tempi e costi peritali) Personale disponibile (eventuali ausiliari) Software ed hardware utilizzabile come strumentazione I soggetti coinvolti (Forza Pubblica, Ufficiale Giudiziario, Legali, etc.) sono anche risorse.

19 19 la nomina del c.t.u. e la formulazione dei quesiti per forniture informatiche Il Giudice Istruttore nomina un consulente tecnico d ufficio (C.T.U.) mediante ordinanza, ai sensi dell art. 191 Cpc (il Magistrato sceglie il C.T.U. tra le persone iscritte in albi speciali come da art. 61, comma 2 del Cpc, ma ha anche facoltà di scegliere persona esperta di sua fiducia anche al di fuori di essi) Possono essere nominati più consulenti soltanto in caso di grave necessità o quando la legge espressamente lo dispone, art. 191 comma 2 c.p.c. L accettazione dell incarico, il giuramento e la formulazione dei quesiti su hardware, software e/o servizi.

20 Cause civili Contenzioso tra committente e fornitore in merito a contratto di fornitura beni e/o servizi ICT Committente: Contesta spesso la rispondenza di quanto fornito a quanto richiesto in termini di funzionalità, qualità, tempi, costi, ecc. Fornitore: Contesta spesso il mancato pagamento da parte del committente. 20

21 21 Perizia tecnica su contratti software Quesiti ai quali il Magistrato vorrebbe risposta: Cosa è stato realmente fornito? È possibile rinvenire una applicazione condivisa dalle parti da sottoporre a perizia? Rispondenza e completezza del sw fornito a quanto richiesto, ordinato (funzionalità, interfaccia utente, documentazione, malfunzionamenti); ci sono funzioni aggiuntive? È in grado di assolvere i compiti specificati nel contratto? Inconvenienti lamentati sussistono? Le cause? Eventuali Valori/Prezzi di mercato.

22 Alcuni possibili quesiti del Giudice al C.T.U. Quesito n.1 Esaminati gli atti, sentite le parti ed i loro eventuali Consulenti Tecnici, visionato in loco il sistema, espletata ogni altra opportuna indagine, verifichi il C.T.U. la rispondenza e completezza del sistema fornito relativamente all'ordine effettuato. Quesito n. 2 Dica il C.T.U. se il sistema fornito sia in grado di assolvere i compiti specificati negli accordi contrattuali 22

23 Alcuni possibili quesiti del Giudice al C.T.U. Quesito n. 3 Dica il C.T.U. quali programmi (software) e quali servizi (telematici) sono stati realmente forniti Quesito n. 4 Dica il C.T.U. se il software fornito è in grado di soddisfare quanto contrattualmente previsto e quanto eventualmente concordato in sede di trattative. 23

24 24 la formulazione dei quesiti per forniture informatiche Costituisce la attivita fondamentale della consulenza tecnica Il punto di vista: del Magistrato del C.T.U. dei C.T.P. delle parti e dei loro legali.

25 formulazione dei quesiti: aspetti da considerare Offerta: Hardware, Software, Servizi, SLA Accordi contrattuali Ordine Fornitura Collaudo Verbale di collaudo e verbali di riunione (qualità ISO 9000?) Documentazione aggiuntiva Motivi e responsabilità della controversia. 25

26 26 le attivita peritali del c.t.u. Dopo l udienza del giuramento Inizio operazioni peritali e i punti di vista Il fondo spese La storia della controversia Lettura e preanalisi dei quesiti del Magistrato Ipotesi di lavoro peritale e metodologia adottabile Il tentativo conciliatorio Accertamenti tecnici Indagini.

27 27 le attivita del c.t.u. (segue) Inoltre Il primo sopralluogo: hardware, software, servizi Il verbale I contatti formali ed informali Le parti, i legali, i C.T.P. (attività, risorse e prodotti).

28 28 i sopralluoghi del c.t.u. Successivi sopralluoghi/incontri secondo i vari punti di vista loro finalità le attività da svolgere (convocazioni, attività specifiche, contraddittorio, verbali).

29 Alcune tipologie di controversie sulle forniture informatiche: Hardware Software Telecomunicazioni. 29

30 Alcuni possibili motivi delle controversie HARDWARE: Motivi Hardware Non conformità con l ordine e/o con gli accordi contrattuali (sottodimensionamento o sovradimensionamento) Scarsa utilizzabilità perché non soddisfa le necessità del committente Malfunzionamenti / difettosità Non rispondenza e incompletezza del sistema fornito dal punto di vista hardware. 30

31 Alcuni possibili motivi delle controversie SOFTWARE: Ordine generico o difforme dalla fornitura concordata o realizzata Scarsa definizione dei requisiti e delle necessità del committente Violazione del diritto d autore Variazione nel tempo delle necessità del committente (tecniche e/o di management) Problemi sui Data Base (incongruenze, duplicazioni, errate migrazioni, etc.) o sulle funzionalità del sistema Ritardo nei pagamenti (sia per l attrice, sia per la convenuta) Mancanza di equilibrio tra offerta e lavoro 31

32 Alcune tipologie di controversie sulle forniture informatiche: Software Non conformità con l ordine e/o con gli accordi contrattuali Scarsa utilizzabilità perché non soddisfa le necessità del committente Non coerenza e/o incompletezza sul soddisfacimento delle specifiche Violazione del diritto d autore Non rispondenza e completezza del sistema fornito dal punto di vista software e/o di telecomunicazioni. 32

33 Cause connesse al contratto Sottostima dei tempi e dei costi Modello di contratto a corpo in presenza di requisiti indeterminati Ruoli e responsabilità delle parti non chiare Assenza di requisiti di qualità del software non funzionali 33

34 Cause connesse alla gestione del progetto Carente analisi dei requisiti e gestione delle richieste di cambiamento Assenza di glossario Modello di sviluppo seguito (ad es. di tipo evolutivo/incrementale) Carenza nella documentazione di progetto Modalità di test team di sviluppo (esperienza, turn over). 34

35 Alcuni possibili motivi delle controversie TELEMATICHE: Telecomunicazioni Tempi di risposta non adeguati con le necessità del committente Funzionalità inadeguate e/o incomplete Ordine generico o difforme dalla fornitura concordata o realizzata Scarsa definizione dei requisiti e delle necessità del committente Mancanza di equilibrio tra offerta e lavoro effettivamente necessario Violazione del diritto d autore o inefficace originalità del sito WEB. 35

36 il c.t.u. ed i c.t.p., loro ruoli e compensi Il C.T.U. - Consulente Tecnico d Ufficio - è un Pubblico Ufficiale, vincolato da un giuramento che supporta ed assiste i Magistrati per aiutarli a comprendere aspetti tecnici delle controversie Il C.T.P. Consulente Tecnico di Parte è il rappresentante tecnico della parte che lo ha nominato, non è vincolato da giuramento ma dal codice deontologico professionale dell ordine a cui appartiene, assiste alle operazioni del C.T.U. (art. 194 Cpc), partecipa alle udienze e camere di consiglio, ogni volta che vi interviene il C.T.U. (art. 201 Cpc) Ruoli del C.T.U. e dei C.T.P Compensi. 36

37 37 Alcuni suggerimenti nel caso di controversia sw Con i tecnici delle parti ricercare ultima versione dell applicazione condivisa da ripristinare Cercare insieme di condividere quanto possibile (impegni contrattuali, corrispondenza a richieste contrattuali, metodologia di sviluppo adottata, deliverable rilasciati sia previsti che non) Verificare copertura funzionale con requisiti contrattuali con verifiche congiunte Per altri requisiti (efficienza, usabilità.. non espliciti basarsi su ISO 9126 e prassi nello specifico contesto) Eventuali stime economiche basate su FP.

38 38 attivita del c.t.u. Cosa dice la legge (ad es. artt. 13/24 disposizioni attuazione c.p.c; artt. 61/64-191/201 c.p.c.; e inoltre artt. 68, 87, 126 c.p.c.) Irritualità o nullità della C.T.U. Ultimo sopralluogo / incontro La relazione del C.T.U. (bozza / relazione tecnica / relazione di chiarimenti eventuali).

39 39 gli elaborati tecnici nella c.t.u. Verbale di conciliazione (eventuale) o relazione sulla conciliazione (eventuale) Le memorie delle parti (a cura dei C.T.P.) La relazione del C.T.U. - bozza (a cura dei C.T.U.) Osservazioni delle parti La relazione tecnica del C.T.U. - versione ufficiale La controdeduzioni delle parti (a cura dei C.T.P. e/o dei loro legali) La richiesta di chiarimenti al C.T.U. da parte del Magistrato (eventuale) La relazione di chiarimenti del C.T.U. (eventuale) Ulteriori controdeduzioni delle parti (eventuali).

40 Forma della relazione Tecnica del C.T.U. (1/2) Parte epigrafica: estremi della causa, del giudice, delle parti, riassunto delle operazioni compiute, parti presenti alle operazioni peritali Parte descrittiva: illustrazione degli accertamenti effettuati 40

41 Forma della relazione Tecnica del C.T.U. (2/2) Parte valutativa: risposta ai quesiti motivando adeguatamente le proprie conclusioni, descrivendo l iter logico usato Parte riassuntiva: esposizione in forma sintetica della risposta ad ogni quesito posto NOTA: la relazione andrebbe redatta in modo chiaro e facilmente comprensibile anche da non informatici, con l utilizzo di tabelle, grafici, ecc., fornendola anche su supporto informatico. 41

42 42 la relazione tecnica del c.t.u. Indice Normalmente contiene: Premessa (con elenco attività peritali svolte) Quesiti posti dal Magistrato Risposta dettagliata ad ogni quesito oppure Verbale di conciliazione (eventuale) o relazione sulla conciliazione (eventuale) Le memorie delle parti (a cura dei C.T.P.) Gli allegati tecnici (inclusi i verbali dei sopralluoghi) Tabelle / grafici, analisi tecnico-economiche (se pertinenti), analisi tecnico funzionali del sw, hw e tlc (se pertinenti) Corrispondenza intercorsa tra C.T.U. e parti Osservazioni dei C.T.P. che non si condividono indicandone le motivazioni Conclusioni.

43 43 la relazione tecnica del c.t.u. Non deve contenere: Ultra petita Valutazioni o elaborati di eventuali ausiliari non condivise né fatte proprie dal C.T.U. Richiesta di liquidazione (si presenta documento a parte) Valutazioni di carattere giuridico (vanno lasciate al Magistrato).

44 44 Valutazione economica HW: Criteri di valutazione PREZZO DI LISTINO per la specifica configurazione (*) - SCONTO VOLUME personal computer (desktop e portatili) server stampanti, scanner altro hw PREZZO PER UNITÀ PRESTAZIONALE (variabile in funzione quantità/qualità/tempo) mainframe (prezzo per mips) sottosistemi a disco (prezzo per GB, TB..) memoria centrale (prezzo per MB, GB..) (*) nel caso di gara devono essere preventivamente individuati modelli e configurazioni di prodotti offerti sul mercato corrispondenti a quanto richiesto nel capitolato tecnico

45 45 Valutazione economica HW: Riferimenti PREZZI DI LISTINO: Listini fornitori spesso disponibili on line SCONTI: analisti di mercato: sconti medi e andamento in funzione dei volumi PREZZI DI MERCATO: convenzioni Consip (grandi volumi) Mercato Elettronico delal PA Consip (piccoli volumi) PREZZO/PRESTAZIONE: analisti di mercato risultati di benchmark prestazionali eseguiti da organismi indipendenti.

46 Valutazione economica HW: Esempio prezzo per GB unità a dischi in funzione del tempo 46

47 Valutazione economica HW: Esempio prezzo per GB unità a dischi in funzione dei volumi e della qualità QUALITA GB 47

48 48 Valutazione economica SW: Criteri di valutazione La valutazione dei prezzi dei prodotti software si presenta complessa per: la elevata modularità dei prodotti, le differenti formule di pricing legate a: tipo licenza d uso (acquisto licenza a tempo indeterminato o canone periodico, enterprise agreement, unlimited license agreement) potenza della piattaforma hardware, numero di utenti nominali o concorrenti, ecc. PREZZO DI LISTINO per la specifica configurazione - SCONTO VOLUME.

49 49 Valutazione economica SW: Fonti di riferimento PREZZI DI LISTINO: Listini standard dei fornitori Listini speciali dei fornitori con condizioni particolari per la PA SCONTI: analisti di mercato: medi e variabili in funzione volumi PREZZI DI MERCATO: convenzioni Consip (grandi volumi) Mercato Elettronico PA Consip (piccoli volumi).

50 50 Valutazione economica Fonti di riferimento CONSIP HW: CONSIP convenzioni: pc desktop e portatili server stampanti personali e di rete Multifunzione Reti locali (switch, router,..) CONSIP ME.PA.: Altri prodotti hardware SW: CONSIP convenzioni: Software per automazione di ufficio CONSIP Mercato elettronico della PA.: Altri prodotti software.

51 51 Valutazione economica Servizi: Criteri di valutazione SERVIZI VALUTABILI A PERCENTUALE DI UN IMPORTO monitoraggio (% dell importo del contratto da monitorare) manutenzione hw (% del valore dell hw) manutenzione sw (% del valore del sw) SERVIZI VALUTABILI A MISURA (OUTPUT o unità gestita) sviluppo sw (prezzo per fp o loc sviluppato) digitalizzazione documenti, ad es. cartelle cliniche/ricette (prezzo a documento/pagina acquisito) formazione (prezzo per giorno/aula o per giorno/partecipante) help desk (prezzo a chiamata) gestione pc/lan, server, rete geografica (canone mensile per unità/punto rete gestito) cloud,(saas, PAAS, SAAS), es.: canone mensile per server, canone mensile per utente del software di CRM o di posta SERVIZI VALUTABILI A TEMPO E SPESA (INPUT: risorse umane + altro) assistenza sistemistica servizi di avviamento.

52 52 Valutazione economica Servizi: sviluppo software Valore medio variabile in funzione della quantità e qualità/sla ESEMPIO: sviluppo sw (costo per fp o loc sviluppato) NOTA: Il volume di software da sviluppare va depurato dell eventuale riuso FATTORI CHE INFLUENZANO IL PREZZO fasi del ciclo di vita del software incluse (ad es. analisi requisiti) fattori che influenzano la produttività fattori di prodotto (qualità richiesta per sw e documentazione) fattori di processo (uso di strumenti case) fattori tecnologici (tipo di linguaggio e di piattaforma) fattori del personale (hanno effetto ridotto sul prezzo).

53 53 Valutazione economica Servizi: tariffe professionali Si può fare riferimento alla tariffa media per la singola figura professionale e tener conto dei fattori che hanno maggiore influenza: Caratteristiche della fornitura Fattori di competizione Caratteristiche delle figure professionali Caratteristiche del fornitore Fonti: l Analisti di mercato Associazioni dei fornitori (Assintel), report annuali con valori medi, minimi e massimi per figura professionale rilevati sul mercato.

54 cosa generalmente desiderano i soggetti coinvolti nelle perizie tecniche I vari punti di vista alla fine della C.T.U.: Il Magistrato Il C.T.U I C.T.P I legali Le parti. 54

55 e cosa realmente succede Come non perdere quando si ha ragione Come vincere quando si ha torto (ad es. conciliazione, riduzione del danno). 55

56 il trattamento economico del consulente tecnico Per il C.T.U. (rif. L. 319/80) (onorari+indennità) Compensi a vacazione (molto meno di quanto si pagano i collaboratori domestici: prima vacazione 14,68 e per ciascuna delle successive 8.15) Compensi a scaglioni (sulla base del valore della controversia e in genere applicando, per perizie informatiche, l art. 11 della L. 319/80 integrata dal D.M. 30/05/02) Compensi liberi Ulteriori fattori (urgenza, complessità, numero C.T.U.) Per il C.T.P. Compensi del proprio ordine professionale Compensi concordati con la parte. 56

57 alcuni riferimenti Giordano Massa: Il consulente tecnico del giudice, Ed. Buffetti, Roma 1985 Giorgio Pistone: La perizia e la consulenza tecnica, la normativa, le procedure, la giurisprudenza, Ed. Maggioli, Rimini 1991 Roberto Mendoza: I compensi a periti, consulenti tecnici, interpreti e traduttori, Ed. Giuffrè, Milano 1997 R. Giannini e F. Terranova: Consulente tecnico d ufficio e di parte, Ed. Legislazione Tecnica, Roma 2005 G. Ferrara: Il consulente tecnico informatico nel processo civile e penale. Esempi di perizie e schemi dei principali atti. Appendice normativa, Ed. Giuridiche Simone, 2007 M. Canalini: Il Consulente Tecnico Informatico,

58 Alcuni Riferimenti WEB spx?sezione=248 _giudiziale 58

59 59 Quesiti e dibattito Contatti: cel cel ; Tel GRAZIE PER L ATTENZIONE.

60 PRINCIPALI CARATTERISTICHE DI UN BUON C.T.U. E incorruttibile Conosce bene le leggi Ha ampia e significativa esperienza come Consulente del Magistrato E imparziale, efficace, efficiente, obiettivo e rispettoso del contraddittorio Applica con precisione la normativa vigente ed ha un buon dialogo con il Magistrato Ha un ampia preparazione professionale. 60

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

LINEE GUIDA PER I CTU

LINEE GUIDA PER I CTU LINEE GUIDA PER I CTU per lo svolgimento delle operazioni peritali e per la redazione delle consulenze tecniche. PARTE PRIMA Le operazioni peritali Accettazione dell incarico. - Il c.t.u. ha l obbligo

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015

INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 INDICE Listino aggiornato al 25/05/2015 NethSecurity Firewall UTM 3 NethService Unified Communication & Collaboration 6 NethVoice Centralino VoIP e CTI 9 NethMonitor ICT Proactive Monitoring 11 NethAccessRecorder

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO RISOLUZIONE N. 71/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 marzo 2003 Oggetto: Istanza di interpello D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642 imposta di bollo su atti e documenti connessi con i contratti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

PRO MEMORIA PER LE PUBBLICAZIONI (SETTORI ORDINARI) Riepilogo pubblicità

PRO MEMORIA PER LE PUBBLICAZIONI (SETTORI ORDINARI) Riepilogo pubblicità PRO MEMORIA PER LE PUBBLICAZIONI (SETTORI ORDINARI) Riepilogo pubblicità LAVORI (articoli, e del decreto legislativo n. del 00) Importi in euro: fino a 00.000 da 00.000 a.000.000 da.000.000 di preinformazione

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI LISTI INO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI APRILE 2012 APICE Listino Prezzi 04/2012 Indice dei contenuti ARMADI GESTIONE CHIAVI... 3 1. KMS... 4 1.1. ARMADI KMS COMPLETI DI CENTRALINA ELETTRONICA E TOUCH

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DELL AGGIORNAMENTO INFORMALE - ATTIVITA PROFESSIONALE DI CUI ALL ALLEGATO A DEL REGOLAMENTO -

AUTOCERTIFICAZIONE DELL AGGIORNAMENTO INFORMALE - ATTIVITA PROFESSIONALE DI CUI ALL ALLEGATO A DEL REGOLAMENTO - AUTOCERTIFICAZIONE DELL AGGIORNAMENTO INFORMALE - ATTIVITA PROFESSIONALE DI CUI ALL ALLEGATO A DEL REGOLAMENTO - (Art.5 c.1 e All.A del "Regolamento per l aggiornamento della competenza professionale"

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0 Processi Scelta dei processi adeguati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Misura 2 (Criteri per l individuazione dei beni essenziali, indispensabili e commerciali)

Misura 2 (Criteri per l individuazione dei beni essenziali, indispensabili e commerciali) Scandicci, 14 aprile 2015 Spett.le AUTORITA DI REGOLAZIONE DEI TRASPORTI Via Nizza 230 10126 Torino Via pec@pec.autorita-trasporti.it Oggetto: Misure regolatorie per la redazione dei bandi e delle convenzioni

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

GUIDA CTU DALL INCARICO ALLA PERIZIA IL CONSULENTE TECNICO D UFFICIO ISCRIZIONE ALL ALBO PRESSO IL TRIBUNALE LE OPERAZIONI PERITALI

GUIDA CTU DALL INCARICO ALLA PERIZIA IL CONSULENTE TECNICO D UFFICIO ISCRIZIONE ALL ALBO PRESSO IL TRIBUNALE LE OPERAZIONI PERITALI GUIDA CTU DALL INCARICO ALLA PERIZIA IL CONSULENTE TECNICO D UFFICIO ISCRIZIONE ALL ALBO PRESSO IL TRIBUNALE LE OPERAZIONI PERITALI OBBLIGHI E RESPONSABILITÀ A CURA DI PAOLO FREDIANI PREMESSA La figura

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE COME ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA

LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE COME ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA CAPITOLO 1 LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE COME ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA SOMMARIO: 1. L attività contrattuale della pubblica amministrazione. 2. Le opere e i lavori pubblici. 3. I sistemi di realizzazione

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

I chiarimenti della gara sono visibili sui siti www.mef.gov.it www.consip.it www.acquistinretepa.it ***

I chiarimenti della gara sono visibili sui siti www.mef.gov.it www.consip.it www.acquistinretepa.it *** Oggetto: Accordo Quadro con più operatori economici sul quale basare l aggiudicazione di appalti specifici, ai sensi e per gli effetti dell art. 2, comma 225, L.n. 191/2009, per l affidamento dei Servizi

Dettagli

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Manuale CIG Vers. 2012-09 IT

Manuale CIG Vers. 2012-09 IT Informationssystem für Öffentliche Verträge Manuale CIG Vers. 2012-09 IT AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Informationssystem

Dettagli

LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI

LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ISTRUZIONI PER L USO. I PRINCIPALI PROFILI PROBLEMATICI Gianluigi Morlini Giudice del Tribunale di Reggio Emilia * * * * * Ivrea, 14 marzo 2014 * * * * * Sommario: 1. La

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Termini del servizio La funzione dell Help Desk è quella di assicurare il mantenimento delle caratteristiche ottimali di funzionamento della

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO

VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO RELATORE : ING. PAOLO MOLAIONI ING. PIETRO FRATINI 1) LE ORIGINI DELLA VERIFICA DEL

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1017/2015 ADOTTATA IN DATA 25/06/2015 OGGETTO: Fornitura in noleggio con somministrazione (durata: cinque anni) di n. 1 sistema per l analisi del linfonodo sentinella modello OSNA integrato

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli