Il sistema antisismico borbonico muratura con intelaiatura lignea genesi e sviluppo in Calabria alla fine del 700

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sistema antisismico borbonico muratura con intelaiatura lignea genesi e sviluppo in Calabria alla fine del 700"

Transcript

1 Il sistema antisismico borbonico muratura con intelaiatura lignea genesi e sviluppo in Calabria alla fine del 700 Nicola RUGGIERI RIASSUNTO Il sistema antisismico borbonico, muratura rinforzata da una rete di elementi lignei, fu sistematizzato in Calabria immediatamente dopo il catastrofico terremoto del L invenzione è dell ingegnere La Vega che con abilità di sintesi unisce le più avanzate teorie antisismiche dell Illuminismo e una diffusa e antica tradizione costruttiva lignea presente in Calabria. Definito nell Ottocento come casa baraccata, il sistema borbonico si sviluppa durante la ricostruzione in varie versioni caratterizzate dalla presenza di telai di legno diversamente apparecchiati e con differenti dimensioni delle membrature componenti. ABSTRACT The Borbone a-seismic system, masonry reinforced by means of a web of timber elements, was encrypted in the Calabria region immediately after the 1783 catastrophic earthquake. This is a Engineer La Vega invention, who joins the most advanced a-seismic theories of the Enlightenment Age and the ancient wooden constructive tradition presents in the Calabria region, with an high ability to synthesize. The Borbone system is defined as Casa baraccata in the 19th C and, during the reconstruction, it is developed in several versions characterized by different arrangements of the timber frames and by different geometric dimensions of the members. 1. Introduzione Il 5 febbraio del 1783 segna per la Calabria uno dei più tragici eventi della sua storia, un terremoto la cui intensità è una delle maggiori che l Europa abbia mai conosciuto. I territori più colpiti sono quelli delle provincie di Reggio Calabria, Vibo Valentia e Catanzaro. Il governo borbonico fu particolarmente tempestivo e tra le altre iniziative per la riparazione e la ricostruzione, emanò, a solo tre mesi dalla prima terribile scossa, il primo regolamento antisismico d Europa. La normativa obbligava ad attuare la ricostruzione degli edifici seguendo diverse raccomandazioni che, oltre all aspetto urbanistico e quindi istruzioni relativamente alle distanze, altezze degli edifici e dimensioni delle strade, davano indicazioni circa il sistema costruttivo da utilizzare, muratura «con ossatura di grossi travi legati con altri travi trasversali» 1. Tale tipologia strutturale, ideata dall Ing. Francesco La Vega, si fondava pienamente sugli ultimi ritrovati della nascente scienza antisismica 2 e sull esperienza di una secolare tradizione costruttiva in Calabria. Il sistema ad intelaiatura lignea nella seconda metà del XIX secolo venne identificato come casa baraccata. Il presente studio, basandosi su cronache, tecniche d epoca e trattati, confronta i dati desunti con esempi di costruzioni intelaiate realizzate e fornisce indicazioni circa la genesi e lo sviluppo di uno dei dispositivi antisismici emblematici dell evoluzione storica della scienza e della tecnologia d Europa.. 1. Istruzzioni sul metodo da tenersi nella riedificazione dei paesi diruti della Calabria in Aricò, N., Milella, O., 1984, Riedificare contro la storia. Una ricostruzione illuminista nella periferia del regno borbonico, Gangemi, Napoli. 2. Si veda a tal proposito Ruggieri, N., 2013, La trattatistica nel 700, fondamenti teorici del sistema antisismico borbonico muratura con intelaiatura lignea in corso di pubblicazione N. N

2 2. Tradizione costruttiva lignea in CalabriA L imponente patrimonio boschivo Calabrese trova una corrispondente tradizione, relativa alla presenza di strutture di legno, consolidata e di antica memoria. Tale presenza è attestata innanzitutto da numerosi ritrovamenti archeologici nella Calabria settentrionale, come resti di templi lignei databili tra VIII e VII sec. a.c. in un area sacra dedicata ad Atena a Francavilla (Cs), che rappresenta un evidenza archeologica tra le più antiche presenti sul territorio della penisola italica, e da molteplici ritrovamenti di utensili per la lavorazione del legno in varie zone. Fig Icnografia del Palazzo Carignano, Torino, Archivio di Stato, n. 108, filigrana (ripresa a luce trasmessa). Fig Icnografia del Palazzo Carignano, Torino, Archivio di Stato, n. 108, contromarca (ripresa a luce trasmessa). Fig. 1. Area archeologica di Francavilla Marittima (Cs). In primo piano buche per l alloggiamento della struttura lignea del tempio. Fig Icnografia della chies Musei Civici, D Nella stessa area geografica, pioneristici telai di legno controventati segnalati in un precedente contributo dell autore 3, sono stati reperiti nell area intorno a Sibari; trattasi dell ossatura portante di abitazioni enotrie che, dalle modalità riproduttive di alcuni modelli fittili databili intorno al VI sec. a. C., sono classificabili come del tipo ad Oikos. Ulteriore impulso alla diffusione in Calabria di strutture di legno si ebbe nel periodo di inizio della dominazione romana allorché, come riportato da Vitruvio 4, erano ancora in uso costruzioni ad intelaiatura lignea. Tuttavia è nell influsso normanno da ricercare uno sviluppo maggiormente estensivo in Calabria di edifici con ossatura portante di legno. Gli uomini del nord, con chiaro atteggiamento di emulazione dell Impero Romano, affiancano infatti alle operazioni di guerra una contemporanea penetrazione culturale attraverso anche un intensa attività costruttiva. Roberto il Guiscardo, con abile strategia di conquista para-militare, agli inizi del XI secolo arriva nelle regioni dell Italia meridionale imponendo il sapere costruttivo normanno, con realizzazioni, almeno in una prima fase, mediante l impiego prevalente del legno. Un esempio è rappresentato da San Marco Argentano (Cs), primo avamposto stabile nella Calabria settentrionale dove, testimonia Amato da Montecassino nel XI secolo, tale fortificazione è su «un mont molt fort, e la appareille de laigname». Le realizzazioni lignee erano ricorrenti e riguardavano edifici anche di carattere civile, come la dimora dello stesso Guiscardo che, sebbene forse provvisoria, era costituita da un «tabernaculo 5 ex foliosis arborum ramis composito», secondo quanto è riportato da Goffredo Malaterra in una dettagliata cronaca 6. È dunque riscontrabile una certa continuità della tradizione intorno alle strutture di legno in Calabria, da cui è facile attingere con atteggiamento 3. Cfr. Ruggieri, N., 2012, La carpenteria lignea nella cultura italica in età arcaica, note meccanico-costruttive intorno alle raffigurazioni fittili di Guardia Perticara in Bollettino degli Ingegneri, n. 4, Firenze, pp Contatti della civiltà romana con culture costruttive che si fondavano sul legno sono descritti da Vitruvio che riporta ciò che era riuscito a vedere al seguito della campagna militare di Cesare in Gallia, Aquitania, Cisalpina orientale e a Marsiglia. Altre indicazioni sono riferite sulla base di una diffusa tradizione letteraria di Varrone e Posidonio, relativamente alle strutture intelaiate di Lusitania e Spagna. Inoltre interessanti sono i rinforzi lignei, indicati da Vitruvio, per erigere le mura di fortificazione, «.tum in crassitidune perpetuae taleae oleaginaea ustilatae quam creberrimae instruantur uti utraeque muri frontes inter se, quemadmodum fibulis, his taleis conligatae aetarnam habeant firmitatem». Cfr. Gros, P., a cura di, 1997, Vitruvio De Architectura, Giulio Einaudi Editore, Torino. 5. Da un punto di vista etimologico tale termine, secondo Pianigiani, rappresenta il diminutivo di taberna e deriva da tabula, tavola. Cfr. Vocabolario etimologico della lingua italiana di Ottorino Pianigiani, Società editrice Dante Alighieri di Albrighi, Segati, Goffredo Malaterra, cronista ufficiale delle imprese normanne in Italia, scrive nell XI secolo basandosi sulle carte ufficiali del Fig Icnografia della chies Fig Icnografia della chies Musei Ducis, Civici, De D rebus 1053, gestis particolare Rogerii (ripresa Calabriae a luce et trasmessa). Siciliae Comitis et Roberti Musei Guiscardi Civici, D 1053, Ducis particolare. fratris eius. 410 N. N

3 empirico nel pieno spirito illuminista per i Borboni ed i tecnici del 700. Gli edifici costruiti con tali tipologie strutturali infatti, abbastanza diffuse precedentemente al sisma del 1783, avevano affrontato ricorrenti terremoti mostrando una inaspettata resistenza. E lo stesso Vivenzio, medico della casa reale di Borbone e docente universitario, ad ammettere che la redazione del suo prototipo di Case formate di legno 7 da utilizzare nella ricostruzione è derivata dalle «osservazioni fatte sul luogo medesimo» come ad esempio a «Filogaso l antico Palazzo del Conte di Nocera costrutto nel passato secolo di legno, e rivestito solamente di fabbrica, si rimase in tutto l interiore illeso, nel mentre che il Paese fu uguagliato al suolo» 8. A tale descrizione di strutture lignee antecedenti al 1783, si aggiunge quella dell ambasciatore e scienziato inglese Hamilton che riferisce come i palazzi dei baroni fossero dotati di una baracca 9 «per ricoverarvisi al primo segno di una scossa...» 10 vero e proprio rifugio antisismico dunque, realizzato con piena consapevolezza di resistenza delle costruzioni di legno alle sollecitazioni indotte dai terremoti. Un altro edificio con apparecchio murario rinforzato da intelaiature di legno esistente alla data del sisma del 1783 è descritto da Sarconi a Mileto (Vv), «di Costa al tempio della chiesa abbadiale vi era un ampia e bella casa... l interno viscere era tutto intersecato di legni» 11, la quale per le sue caratteristiche antisismiche era stata «formata per servir da ricovero». Inoltre il Segretario della Reale Accademia delle Scienze di Napoli fornisce un altro esempio di «una nobile e agiatissima baracca provvidamente in altra età fabbricata per ricovrarvisi dà tremuoti. Questa nell universale scomponimento (il sisma del 1783) non rimase nè punto nè poco alterata...» L invenzione di D. Francesco La Vega Agli inizi del XVIII secolo Carlo di Borbone attua, unica monarchia in Europa, un intensa campagna di scavo ad Ercolano prima e successivamente a Pompei e Stabia. Le attività di recupero e studio di reperti archeologici saranno dirette dal 14 marzo 1780 da Francesco La Vega 13, ingegnere militare del Genio, che conserverà la carica fino al 1804 anno della sua morte. A tale ingegnere spagnolo è attribuita da Giovan Battista Mori 14, in una relazione del 1789 al Generale Pignatelli 15, «tutto il merito dell invenzione» 16 del sistema antisismico borbonico.. 7. Vivenzio è l autore di Historia de tremuoti (v. infra) in cui è contenuta la descrizione di un sistema costruttivo, resistente ai terremoti, caratterizzato da una doppia orditura di telai di legno. 8. Vivenzio, G., 1783, Istoria e teoria de' tremuoti in generale ed in particolare di quelli della Calabria, e di Messina del MDC- CLXXXIII, Stamperia Regale, Napoli, pag. 53. Lo stesso fabbricato è riportato da Agatio Di Somma nel 1641 e Lutio D Orsi di Belcastro nel Cfr. Ruggieri, N., 2005, La casa antisismica, International Conference on the Conservation of Historic Wooden Structures, Firenze, 2005, in Atti del convegno. 9. Una consuetudine, quella di realizzare ripari antisismici a struttura di legno vicino ai Palazzi, che Vincenzo Magnati vuole fare risalire al 1300 a Rieti «... Sotto il pontificato di Papa Bonifacio Ottavo e dell imperio di Alberto nelli anni del Salvatore 1300 dove detto pontefice intimorito e non cessando il terremoto, hebbe per bene di fare edificare nè medesimi chiostri una casa di tavole, e si viddero la prima volta in Italia li Tabernacoli, che volgarmente chiamano Barracche». Magnati V., 1688, Notitie istoriche dè terremoti successi nè secoli trascorsi e nel presente indirizzati alla serenissima maestà di Carlo II dall abbate D. Vincenzo Magnati, Napoli. 10. Hamilton, G., 1783, Relazione dell ultimo terremoto delle Calabrie e della Sicilia inviata alla Società Reale di Londra, Stamperia della Rovere, Firenze, pag Sarconi, M., 1784, Istoria dè fenomeni del tremoto avvenuto nelle Calabrie, e nel Vademone nell anno 1783, Giuseppe Campo, Napoli, pag Alla stessa fabbrica fa riferimento Hamilton, evidenziando come a Monteleone e nei dintorni fossero particolarmente ricorrenti i palazzi a struttura di legno, «... ed io fui qui alloggiato in una molto magnifica (baracca) composta di molte stanze bene addobbate, fatta fabbricare dall avo del presente Duca di Monteleone e sono debitore della sicurezza...». Hamilton, G., 1783, Relazione, op.cit., pag Francisco La Vega, discendente da una famiglia spagnola, membro dell Accademia di Scienza dal 1787, è presente come assistente del direttore degli scavi Rocque Joaquín de Alcubierre dal 26 aprile E autore di due celebri tavole disegnate dal fratello Pietro edite nel 1797 a margine della Dissertatio Isagogica di C. M. Rosini; tali planimetrie, raffiguranti la topografia dell antica Ercolano, sono state ottenute attraverso la lettura dei numerosi pozzi eseguiti e sebbene schematiche mostrano una rilevante precisione. Cfr. Maiuri, A. 1964, Pompei ed Ercolano fra case ed abitanti, Aldo Martello editore, Milano. 14. L ingegnere Giovan Battista Mori nasce a Napoli nel Tecnico incaricato della ricostruzione di Reggio Calabria, ufficiale del Genio Militare, nel 1788 è nominato professore della Regia Accademia Militare. 15. Il Tenente Generale Pignatelli eletto da Ferdinando IV Vicario Generale, con sede a Monteleone, è il responsabile supremo della ricostruzione. 16. Mauri-Mori, G., 1909, Riedificazione di Reggio Calabria, Nuova Antologia, Roma. In tale scritto è contenuta la relazione di Giovan Battista Mori avo dell autore. N. N

4 Le operazioni di scavo praticate nel 700 nelle città vesuviane mediante pozzi e cunicoli da La Vega sono interessate prevalentemente alla statuaria ed al ritrovamento di oggetti preziosi di piccole dimensioni, in generale poco all architettura e ancora meno alle tecniche costruttive 17. Ad Ercolano, l Ingegnere del Genio, sebbene rinunci a mettere in luce gli edifici, con ogni probabilità ha potuto osservare, per sua scoperta o dei suoi predecessori, oltre a diversi oggetti di legno carbonizzati, anche elementi strutturali, con esplorazioni che tuttavia, riporta Maiuri, hanno «danneggiato e spesso assai gravemente la fragile consistenza del legno» 18. Il ritrovamento di suppellettili di legno e forse di membrature portanti 19 Fig Icnografia del Palazzo Carignano, Torino, Archivio di Stato, è Finanze, testimoniato Azienda Savoia-Carignano, da Venuti già cat. nella 53, mazzo prima unico, fase Tipi, di n. 108, filigrana (ripresa a luce trasmessa). scavo borbonico in relazione ad alcune costruzioni rinvenute ad ottobre del La scoperta durante l attività di scavo di elementi di legno è dunque frequente e doveva essere altrettanto ricorrente la possibilità di rinvenimento di pareti intelaiate del tipo ad opus craticium di uso abbastanza esteso negli edifici di Ercolano e Pompei. È dunque probabile che La Vega abbia studiato e preso a riferimento l utilizzo di un graticcio di legno 21 al fine di migliorare le prestazioni alle azioni dinamiche degli edifici che sarà posto fondamento della normativa borbonica per la ricostruzione in Calabria successiva al L opus craticium, descritto da Vitruvio con poco entusiasmo, sebbene nasca senza alcuna ambizione antisismica, s innesta su un antico sapere costruttivo ligneo calabrese che invece aveva pie- Fig Icnografia del Palazzo Carignano, Torino, Archivio di Stato, n. 108, contromarca (ripresa a luce trasmessa). Fig. 2 Ercolano. Parete in Opus craticium Fig Icnografia della chies Musei Civici, D Fig. 3 Ercolano. Particolare del nodo della parete in Opus craticium 17. E solo agli inizi del XX secolo che l atteggiamento degli archeologi si modifica mostrando una maggiore attenzione nei confronti dell architettura come è riportato da Maiuri: durante il periodo borbonico, «l interesse si rivolgeva esclusivamente alle opere d arte. si rivolge ora non meno intenso alle strutture, agli edifici». Maiuri, A, 1964, Pompei ed Ercolano, op. cit., pag Ibidem, pag Anche nel rapporto del 1739 dell Alcubierre, direttore degli scavi di Ercolano precedente a La Vega, viene segnalato tra i ritrovamenti una «fabrica arruynada y diferentes maderas quemadas». Ruggiero, M., 1885, Storia degli scavi di Ercolano,Tipografia dell Accademia Reale delle Scienze, Napoli, pag «Tutto il legname è nero come il carbone, mantenuto in gran parte lucido, ed intiero, ma appena toccato, si stritola, e vi si vedono le sue linee filamenti o siano vene, dalle quali si potrebbe ancora conoscere la qualità del legname». Un intuizione corretta quella di Venuti, dalla fibratura, filamenti o siano vene, è possibile infatti, avere indicazioni circa le caratteristiche fisiche del legno. Venuti, M., 1749, Descrizione delle prime scoperte dell antica città di Ercolano, Venezia. 21. Le somiglianze tra il sistema raccomandato dalle Istruzzioni borboniche e l opus craticium sono evidenti, sia nella distribuzione delle aste che nella realizzazione dei nodi. Nel caso della Baracca vescovile di Mileto (Vv) tra via Duomo e via Ospedale, la disposizione della struttura lignea è identica all intelaiatura descritta da Vitruvio. Tali relazioni ricevono ulteriore vigore da una conoscenza dell Architetto di Augusto abbastanza diffusa nel 700 e ancora di più fra chi come La Vega si occupava di archeologia e di architettura in generale. 22. L ingegnere La Vega viene immediatamente convocato in Calabria per prendere parte alla ricostruzione successiva al terremoto del L assenza del direttore è testimoniata dalle annotazioni contenute nei diari degli scavi che, dopo il 1 febbraio del 1783, diventano meno frequenti e a firma unicamente di Pietro La Vega, fratello di Francesco. Il 2 agosto 1783 lo stesso Pietro scrive: «Non ostante siasi già da quindici giorni restituito dalle Calabrie mio fratello ritrovandosi non ancora del tutto ristabilito dalla terzana, mi do l onore ancora questa settimana di dare parte all E.V. come si è evacuata una stanza», da cui si evince il ritorno a Napoli di Francisco nel mese di luglio. Cfr. Pagano, M., a cura, 1997, I diari di scavo di Pompei Ercolano e Stabia di Fig Icnografia della chies Fig Icnografia della chies Musei Francesco Civici, e D Pietro 1053, particolare La Vega, L Erma (ripresa di a luce Bretscheneider. trasmessa). Musei Civici, D 1053, particolare. 610 N. N

5 na coscienza della capacità di resistenza al terremoto grazie alle severe prove che nei secoli, in Calabria, tali strutture avevano affrontato. 4. L organizzazione della ricostruzione e lo sviluppo del sistema antisismico borbonico Fig. 4 Mileto (Vv), Palazzo Vescovile. Particolare dell intelaiatura lignea. Fig. 5 Mileto (Vv), Palazzo Vescovile. Particolare dell intelaiatura lignea. All indomani del terribile terremoto Ferdinando IV di Borbone con notevole efficacia, almeno in una prima fase, attua una serie di misure per ristabilire l economia e soprattutto per la ricostruzione dei paesi distrutti. Tra le altre disposizioni istituisce la Giunta per la Riedificazione con la funzione di sorvegliare la ricostruzione e divide, con un carattere di forte novità, anticipatore di misure di moderna protezione civile, l area colpita in 5 ripartimenti 23, Reggio, Gerace, Palmi, Catanzaro e Monteleone, con lo scopo di meglio organizzare la distribuzione degli interventi. A capo di ciascun settore è nominato un Direttore a guida di un gruppo di ingegneri con il compito, nei giorni immediatamente successivi al sisma, di verificare le condizioni strutturali degli edifici colpiti. Tale attività comportava la classificazione, almeno relativamente a Reggio Calabria, al fine di eventuali interventi di rinforzo, in edifici completamente demoliti, quelli parzialmente offesi e gli altri facilmente riparabili 24. E tuttavia nella ricostruzione, piuttosto che nel consolidamento, che i Borboni per tramite degli ingegneri 25 inviati, diedero prova di una maggiore operosità. Il Vicario Pignatelli e i suoi diretti subordinati Winspeare e La Vega immediatamente indicano i siti della ricostruzione, spesso distanti dall abitato distrutto, con conseguente dispute, in alcuni casi complicate, che riguardano sia la nuova perimetrazione delle aree edificabili e soprattutto la riluttanza da parte degli abitanti ad abbandonare il luogo dell abitazione colpita dal sisma. La riedificazione dei fabbricati comuni è affidata ad una «moltitudine di valenti ingegneri spedi E Grimaldi a fornirci, oltre all elenco completo dei tecnici-ufficiali intervenuti nella ricostruzione, anche i Direttori di ogni singolo ripartimento: «sig. Giovan Battista Mori per il ripartimento di Reggio, Claudio Rocchi per Catanzaro, Bernardo Morena per Monteleone, Pietro Galdo per Palmi, Paolo Scandurra per Gerace». Grimaldi, A., 1863, La cassa sacra ovvero la soppressione delle manimorte in Calabria nel secolo XVIII, Napoli, Stamperia dell Iride, pag. 62. Vivenzio invece, descrive un organizzazione che prevedeva 4 macroaree d intervento. Vivenzio, G., 1788, Istoria e risorgimento op. cit., pp Cfr. Aricò, N., Milella, O., 1984, Riedificare contro la storia, op. cit. 25. Nel Settecento inizia una distinzione delle discipline Architettura ed Ingegneria, cruciale è la nascita dell Ecole Nationale des ponts et chaussées, con restringimento del campo di lavoro e conseguente approfondimento nelle due diverse branche; ma è nell Ottocento che le scoperte scientifiche e la maggiore complessità del sapere attorno alla meccanica e più in generale alle costruzioni causeranno una netta separazione. N. N

6 ti a questo fine» 26 da Napoli, tecnici che, altra disposizione di particolare modernità, devono avere il requisito di essere regolarmente abilitati all esercizio della professione 27 ; mentre le costruzioni di carattere pubblico più importanti sono sotto il controllo diretto di Francesco Pignatelli. Un edificazione comunque progettata in totale autonomia, con unica restrizione l utilizzo, al fine di migliorare il comportamento nei confronti del sisma della costruzione, di un rinforzo interno alla muratura costituito da membrature di legno. Tale libertà tuttavia non è rilevabile, almeno relativamente alle regole compositive delle costruzioni realizzate, a causa probabilmente dell iden- Fig Icnografia del Palazzo Carignano, Torino, Archivio di Statotico Finanze, ambito Azienda culturale Savoia-Carignano, di provenienza cat. 53, mazzo dei unico, tecnici Tipi, n. 108, filigrana (ripresa a luce trasmessa). intervenuti nella ricostruzione, deduzione comprovata anche da una certa standardizzazione dei prospetti che si diversificano limitatamente alle decorazioni ed alle caratteristiche formali di alcuni portali 28. La mancata variabilità architettonica e decorativa dei fabbricati non trova un altrettanto omogeneo utilizzo della struttura lignea, anche se in ogni caso conforme ai dettami Borbonici 29. Infatti gli ingegneri, sebbene con identica formazione tecnico-scientifica, mostrano interpretazioni differenti del codice antisismico Borbonico con una conseguente variabilità nella realizzazione dell ossatura portante della costruzione. Le dimensioni e la disposizione delle aste lignee, il riempimento in muratura, la scelta del genere botanico, sono le varianti riscontrabili in diversi Fig Icnografia del Palazzo Carignano, Torino, Archivio di Stato, n. esempi 108, contromarca realizzati (ripresa nei a vari luce trasmessa). ripartimenti. La causa di tale variabilità è attribuibile principalmente alle eventuali difficoltà di approvvigionamento del legno, che provocava un adeguamento della «maniera di fabbricare adottate alle circostanze particolari del sito, sicurissimo di non potersi ritrovare una maniera generale, che possa adottarsi in ogni luogo ed in ogni circostanza» Le Varianti Diverse sono dunque le variazioni strutturali intorno all elemento comune costituito dal telaio di legno con membrature verticali e traverse. Il sistema antisismico borbonico si presenta, in esempi descritti nella pubblicistica settecentesca ed in casi realizzati, con doppia intelaiatura o singola, inserita a profondità variabile nella muratura. Vivenzio 31 riporta un apparecchio murario caratterizzato da due orditure di telai, opportunamente solidarizzati mediante elementi diatonici di legno. Una muratura rinforzata che è prescritta, secondo il medico napoletano, per edifici pubblici date le difficoltà di realizzazione e soprattutto il costo elevato. Si tratta di un esecuzione complessa che motiva la scarsa presenza di edifici realizzati 32, con una prevalenza di numero di fabbricati della ricostruzione caratterizzati da ossatura portante costituita da un unico telaio di legno. Fig Icnografia della chies Musei Civici, D Salfi, 1787, Saggio di fenomeni antropologici relativi al tremuoto. 27. Il 3 ottobre 1781 Ferdinando IV emana un provvedimento per tutti i professionisti che non fossero Tavolari del Sacro Regio Consiglio, Ingegneri comunali o del Tribunale della Fortificazione, contenente l obbligo a sottoporsi ad un esame con lo scopo di formare un rigido albo professionale ed essere abilitati all esercizio della professione. Inoltre l editto imponeva la presentazione, almeno relativamente alle costruzioni più importanti ed a quelle di carattere pubblico, di un progetto a firma di un tecnico in cui erano indicate l altezza, numero di piani e tipo di fondazioni. 28. Cfr. Maretto, P., 1975, Edificazioni tardo settecentesche in Calabria, Studi e documenti di architettura n.5, Teorema edizioni, Firenze. 29. Le Istruzzioni borboniche non sono illustrate e descritte da alcun disegno; esse si limitano a imporre una ricostruzione con l utilizzo di ossatura di grossi travi di castagno o quercia. 30. Mauri-Mori, G., 1909, Riedificazione, op. cit. 31. In questo caso è evidente la somiglianza con il sistema strutturale sviluppatosi in area minoica a Cnossos e Phestos, si Fig. vedano 21 - Icnografia per tale tecnica della chiesa costruttiva vicentina gli studi dell Araceli, di E. Tsakanika. Vicenza, Fig Icnografia della chies Musei 32. Una Civici, doppia D 1053, orditura particolare di telai (ripresa lignei a mi luce è stata trasmessa). segnalata dall architetto Musei Civici, Infantino D 1053, a Seminara particolare. (Rc) in via Fondatore Lauro. 810 N. N

7 Le fondazioni, elemento principale su cui si basa la Firmitas vitruviana e la trattazione teorica Settecentesca sulle costruzioni, variano per il sistema antisismico Borbonico secondo le due tipologie fondamentali, palificate o del tipo superficiale. Vivenzio raccomanda, nella descrizione di Case formate di legno, pali di legno ben infissi per una profondità di circa 3 metri, ponendosi in antitesi con Milizia che negli stessi anni, in maniera pioneristica consiglia, al fine di una risposta migliore del fabbricato alle azioni sismiche, di isolare la struttura dal terreno. Interessante è il disegno contenuto nell Atlante a corredo dell Istoria dè fenomeni del tremoto dove, con intento quasi didascalico, Schiantarelli 33 documenta le varie fasi del cantiere della ricostruzione di Polistena (Rc) dopo il terremoto del La tavola mostra in primo piano un fabbricato con l intelaiatura lignea ormai realizzata e diverse fasi per l esecuzione di palificazioni, l approvvigionamento del legno, la perimetrazione della fondazione interponendo materiale arido rispetto al piano di calpestio e l esecuzione di pali appuntiti accatastati e pronti per essere conficcati nel terreno, senza tuttavia raffigurare alcun dispositivo per la battitura. Altra modalità di trasferimento al terreno dei carichi della struttura è contenuta nelle Istruzzioni. Il regolamento antisismico infatti, disponeva l esecuzione di fondazioni di tipo continuo su cui spiccare uno zoccolo in muratura di altezza massima fuori terra di tre piedi o poco più. L accorgimento costruttivo è legato alla volontà di limitazione dell apparecchio murario privo di rinforzi lignei, maggiormente vulnerabile alle azioni dinamiche e con lo specifico obiettivo di preservare le aste, allontanando i legni dal terreno possibile fonte di umidità con conseguente rischio di attacco di natura biotica. Tale tipo di fondazione caratterizza il fabbricato vescovile di Mileto (Vv), tra via Duomo e via Ospedale, dove un abbassamento del livello del terreno evidenzia un basamento, non una vera e propria fondazione ma un corpo fondale, semplice inizio della muratura soprastante, costituito da pietrame Fig Il prototipo antisismico di Vivenzio. (Tavole contenute in Vivenzio, G., 1783, Istoria e teoria de' tremuoti in generale ed in particolare di quelli della Calabria, e di Messina del MDCa vicentina dell Araceli, Vicenza,. CLXXXIII, Stamperia Regale, Napoli). 33. Abile disegnatore, architetto della Reale Accademia delle Scienze e delle Belle Lettere, è autore di cinquantasette tavole costruzioni più importanti ed a quelle di carattere pubblico, di un progetto a firma di un tecnico in cui erano indicate l altezza, numero di piani e tipo di fondazioni. N. N

8 Fig Icnografia del Palazzo Carignano, Torino, Archivio di Stato, n. 108, filigrana (ripresa a luce trasmessa). Fig. 9 La ricostruzione di Polistena (Rc) (Tavola contenuta in Sarconi, M., 1784, Istoria dè fenomeni del tremoto avvenuto nelle Calabrie, e nel Vademone nell anno 1783, Giuseppe Campo, Napoli) di dimensioni rilevanti e tondeggiante 34. Superiormente a tale corpo si sviluppa un ulteriore tratto di muratura dunque, privo di telaio di legno per Fig Icnografia del Palazzo Carignano, Torino, Archivio di Stato, circa Finanze, 80 Azienda cm, con Savoia-Carignano, componenti cat. dalle 53, caratteristiche mazzo unico, Tipi, n. 108, contromarca (ripresa a luce trasmessa). dimensionali e apparecchiatura diverse. Baratta, nella sua dettagliata descrizione dei danni subiti dai fabbricati a causa del sisma del , riporta le caratteristiche costruttive degli edifici analizzati ed evidenzia il sistema Borbonico ridotto. Si tratta di una tipologia strutturale che si contraddistingue per uno zoccolo in muratura, contrario ai dettami del regolamento Borbonico, Fig Icnografia della chies Musei Civici, D che si estende per un intero livello, rinforzando solo il piano primo mediante l utilizzo di telai di legno, con la consapevolezza di diminuire la massa sismica con l altezza dell edificio. A tale variante costruttiva fa riferimento Riccò 36, ad essa attribuendo una capacità di resistenza ai terremoti di pari valore a quella contraddistinta da intelaiature lignee per l intero elevato del fabbricato. Diversità di caratteristiche del sistema antisismico Borbonico sono riscontrabili anche nell irrigidimento dei telai conseguito attraverso la presenza 34. Il professore Gallo lo indica come accorgimento necessario, «I fondamenti gettar si devono tutti ad un tempo, e debbonsi costruire di pietre grosse, e dure, e s è poco possibile riquadrate, empendosi gli interstizj di piccoli sassi, anch essi duri con della malta proporzionata, e fatta d ottima calcina con della corrispondente arena». Gallo, A., 1784, Relazione data all illustrissimo Senato di questa città da Andrea Gallo Pubblico Professore di Filosofia e Matematica in questo Real Collegio Carolino. 35. Baratta, M., 1910, La catastrofe sismica calabro messinese 28 dicembre 1908, Roma, Società Geografica Italiana. 36. «la baraccatura eseguita perfettamente può rendere il fabbricato invulnerabile dai terremoti si potrà fare anche fare il primo piano in muratura, ed il secondo in legname». Riccò, A., 1907, Sui metodi di costruzione in Calabria, Modena, pag crassitidune perpetuae taleae oleaginaea ustilatae quam creberrimae instruantur uti utraeque muri frontes inter se, quemadmodum fibulis, his taleis conligatae aetarnam habeant firmitatem». Cfr. Gros, P., a cura di, 1997, Vitruvio De Architectura, Giulio Fig Icnografia della chies Fig Icnografia della chies Musei Einaudi Civici, Editore, D 1053, Torino. particolare (ripresa a luce trasmessa). Musei Civici, D 1053, particolare. 10 N. N

9 di controventi lignei 37 e dal riempimento in muratura o in alternativa esclusivamente da quest ultimo. La rigidezza ad azioni sismiche parallele alle pareti murarie poteva essere ottenuta oltre che inserendo croci di sant andrea, anche con l utilizzo di diagonali di legno disposti negli angoli e vincolati alle due aste perpendicolari del telaio. Tale espediente, presente in maniera continua su tutta la facciata raffigurata da Vivenzio nella Tavola II, è ideato con lo scopo preciso di permettere la realizzazione dei vani di porte e finestre caratterizzati a sua volta da un irrobustimento costituito da una cerchiatura lignea. In tutti i casi la rigidezza dell apparecchio usufruisce anche della presenza della muratura confinata dal telaio che diventa essenziale per una corretta risposta al sisma nel piano, nell eventualità di struttura composta esclusivamente da montanti e traverse. La mancanza di aste diagonali, comporta secondo Riccò una maggiore flessibilità del sistema strutturale con «grandi oscillazioni del tetto e produce distacco e caduta della muratura» pur se «sempre impedisce il crollo del tetto» 38. L apparecchio murario del riempimento delle intelaiature lignee è caratterizzato da pietre di differente composizione minerale, pezzatura e disposizione. Vivenzio fornisce nel suo trattato due soluzioni costruttive, un riempimento composto da conci di pietrame disposti in maniera ordinata riconducibile ad una muratura pseudo-isodoma, in alternativa «per diminuire la spesa qualora la buona qualità dei materiali lo permette» 39 costituito da pietre apparecchiate secondo l opus incertum. La muratura di riempimento dei telai, replicando ciò che era già successo a Lisbona 40 dopo il terremoto del 1755, riutilizza in alcuni casi pietre prelevate da fabbricati in demolizione, soluzione dettata anche da problemi legati al trasporto e in generale al fine di diminuire il costo dei nuovi edifici in costruzione. La stessa motivazione viene addotta dall ingegnere Mori per giustificare la sua variante al sistema descritto nelle Istruzzioni. Una tipologia costruttiva, relativamente ai materiali utilizzati, completamente dissimile da quelle sinora elencate e definibile variante Mori. Il legno è assente o con un impiego minore, che Mori giustifica con la motivazione della limitata quantità di legno approvvigionabile a Reggio e nelle aree limitrofe. Tale mancanza comporta anche il riutilizzo di quello esistente nei fabbricati danneggiati e in alcuni casi è denunciato 41 addirittura l impiego di legno proveniente da costruzioni colpite dal sisma ma non talmente dissestate da essere demolite. Le modifiche apportate dall ingegnere Mori al sistema governativo furono oggetto di accese polemiche che culminarono con la sua destituzione dall incarico da tecnico della ricostruzione di Reggio Calabria. La sua rimozione trova una giustificazione successiva, in quanto le variazioni strutturali apportate al modello governativo causarono agli edifici una maggiore vulnerabilità al. 37. Le croci di sant andrea di legno risultano in molte costruzioni intelaiate assenti. Si vedano ad esempio le illustrazioni contenute nell Atlante a corredo di Istoria de fenomeni de tremuoti; le quali mostrano diverse baracche in costruzione e presentano in un unico caso controventamenti di legno, nella chiesa dè Basiliani in Seminara (Rc) non ancora conclusa. La letteratura scientifica offre contrapposte interpretazioni sull effettivo contributo dei controventi nelle murature rinforzate da telai lignei. Kouris e Kappos, ad esempio, affermano che la rigidezza del sistema strutturale viene assicurata dai diagonali lignei, in tal caso la muratura mostra utilità solo indirettamente prevenendo fenomeni d instabilità dei controventi lignei veri deputati nel garantire una limitata deformabilità al sistema. Una diversa teoria interpretativa è evidenziata nel report redatto da ARUP Gulf Ltd, in cui si afferma che un efficace rigidezza alle azioni orizzontale parallele al piano, viene garantita esclusivamente dalla muratura di riempimento del telaio. A supporto di tali deduzioni gli ingegneri di ARUP in collaborazione con University of Engineering Technology (UET) di Peshawar hanno effettuato numerose prove sperimentali e numeriche, mostrando l inefficienza dei diagonali di legno nella riduzione di deformabilità della parete nell eventualità di scossa sismica. I controventi pertanto diverrebbero necessari dal punto di vista costruttivo ovvero unicamente nello stabilizzare la parete durante la realizzazione. Cfr. Kouris, L., A., S., Kappos, A., J., 2012, Detailed and simplified non linear models for timber-framed masonry structure, in Journal of Cultural Heritage, n. 13, pp ; ARUP 2011 Report Seismic Performance Assessment of Dhajji Dewari Building System Non Linear Response History Analysis. 38. Riccò, 1907, Sui metodi Op.cit., pp Vivenzio, 1783 op. cit, p Cfr. França J., A., 1972, Una città dell illuminismo. La Lisbona del marchese di Pombal, Roma 41. «Molti buoni edifizj di monasteri si sono perduti per tirarsi il legname». Galanti, M., 1793, Giornale di viaggio in Calabria. N. N

10 sisma, tanto che come rileva Baratta, «i rioni in cui aveva maggiormente lavorato il Mori, nella parte occidentale della città risultavano più danneggiati degli altri» 42. La variante Mori si basa essenzialmente su altezze limitate dei fabbricati, la corretta regola d arte dell apparecchio murario, l utilizzo di catene metalliche e il miglioramento delle connessioni tra tutte le membrature costituenti i palchi e le coperture, dispositivi volti ad ottenere quello che Milizia aveva pochi anni prima anticipato e che le moderne teorie antisismiche chiamano effetto scatolare: «un edificio sarà tanto resistente ai tremuoti, finchè le sue parti non si distaccheranno nelle scosse» 43. Relativamente al contributo del legno nella prestazione con- Fig Icnografia del Palazzo Carignano, Torino, Archivio di Statotro Finanze, i terremoti Azienda della Savoia-Carignano, costruzione, cat. 53, Mori mazzo fa semplice unico, Tipi, n. 108, filigrana (ripresa a luce trasmessa). cenno «catene o legnami verticali nell interno di esse», ad affermare che a sua opinione, al fine di raggiungere lo scopo di realizzare un unica massa, non è necessaria la presenza del legno, ma esistono altri artifici che possono efficacemente surrogarlo. Baracca e casa baraccata Il sistema governativo Borbonico viene definito come casa baraccata a metà dell Ottocento. E l ingegnere Pesso tra i primi autori ad identificare come sistema baraccato l apparato strutturale ideato dai tecnici del regno di Napoli. Una definizione che perdura nel XX secolo tanto da essere riportata come precisa tipologia costruttiva antisismica da utilizzare durante la ricostruzione, disposizione contenuta nelle leggi dello stato italiano redatte successivamente ai terremoti calabresi del 1905 e Sembra però che nel Settecento e nei secoli precedenti la baracca o edificio baraccato 45 in realtà identificasse una costruzione assimilabile ad un palazzo in generale, con la particolarità di presentare un ossatura portante di legno. Numerosi autori avvalorano tale congettura, come ad esempio Hamilton, che successivamente al terremoto del 1783 riporta: «fui alloggiato in una (baracca) molto magnifica, composta da molte stanze bene addobbate, fatta fabbricare dell avo del presente Duca di Monteleone». Anche Sarconi definisce un fabbricato con ossatura di legno come Baracca; precedentemente, nel 1638, un altro autore Recupito 46, definiva la Baracca, un edificio con ossatura resistente di legno, realizzabile in tempi brevi, l unico valido ricovero per contrastare il sisma. Pesso ci fornisce un ulteriore conferma a tale supposizione, in quanto descrive il sistema Borbonico caratterizzato da «certe intelaiature di legnami entro i muri delle case le quali perciò chiamansi baraccate.» 47. Nel 900 il termine edificio baraccato diventa di Fig Icnografia della chies Musei Civici, D uso comune e continua ad essere legato, oltre Fig Icnografia del Palazzo Carignano, Torino, Archivio di Stato, n. 108, contromarca (ripresa a luce trasmessa). 42. Baratta, M., 1910, La catastrofe sismica, op. cit. 43. Mauri-Mori, G., 1909, Riedificazione, op. cit., p La commissione del Genio Civile, inviata da Roma per rilevare i danni subiti dagli edifici dal terremoto del 1908, distingue in case baraccate, ovvero edifici costituiti da un rivestimento in muratura e struttura lignea all interno dell apparecchio e case intelaiate, lo stesso sistema costruttivo ma privo del rivestimento esterno in muratura; identica suddivisione viene adottata da Masciari Genoese nel Tale distinzione deriva probabilmente da un errata interpretazione del punto 12 delle Istruzzioni borboniche «Non si ammetterà che per intiero le case siano costruite con intelature, cioè con armature di legno, legate tra loro con croce di S.Andrea e riempiti i vacui con fabrica di calcina o gesso.»; infatti, ciò è stato letto come un dualismo, casa intelaiata in contrapposizione alle indicazioni della normativa ovvero alla casa baraccata. Più verosimilmente il redattore delle norme pare volesse intendere, che le costruzioni debbano realizzarsi con, in tutti i casi, l impiego di intelature, ma non per intiero, ovvero rivestite all esterno, per motivi igienici e di preservazione del legno dall umidità, da muratura. A nostro avviso dunque, si tratta di due sistemi costruttivi definibili entrambi come intelaiati. Anche per Donghi, non c è ambiguità «le fabbriche intelaiate di legname, siano esse a pareti pure di legnami o di mattoni (sistema baraccato)». Donghi, D., 1935, Manuale dell architetto, Unione Tipografica Editrice Torinese, Torino. pag Prova di tale deduzione è contenuta nel Vocabolario degli Accademici della Crusca, dove nella prima edizione del 1612 ed in quelle successive (1623; 1691; e ) alla voce Baracca è riportata la seguente definizione: «Stanza, o Casa di legno per istare coperto, o per farvi bottega per soldati o altri». Il Devoto Oli, registrando una naturale evoluzione della lingua italiana, definisce la baracca come una «Costruzione provvisoria, per lo più di legname, destinata al soggiorno o al riparo di persone, specialmente in situazioni di emergenza. ETIMO Dallo sp. Barraca DATA sec XVII». Devoto, G., Oli, G., 2013, Il Devoto-Oli Vocabolario della lingua italiana, Le Monnier, Milano. 46. «... Illud etiam feitu (?) dignum, quod cum fumni (?) iuxta, atque imi (?) oneri, senes, mulieres viri terrae damna metuerent, coeli iniurijis paterent lignea veluti tentoriola (BARRACCHAS APPELLANT) mira celeritate struxere; delecto a viris primoribus loco nostris Patribus...quo promptius esser ad consessionem perfugium...». Recupito G. C., 1638, De novo in universa Calabria terraemotu congeminatus nuncius, Neapoli. Fig Icnografia della chies Fig Icnografia della chies Musei 47. Pesso, Civici, D L., 1053, 1876, particolare Sul consolidamento (ripresa a luce delle trasmessa). fabbriche nelle Calabrie. Musei Civici, D 1053, particolare N. N

11 che alla tipologia costruttiva Borbonica, a costruzioni con struttura di legno sia di carattere provvisorio che definitivo «.Nei paesi dove esso (il legno) abbonda.di uso comune.chalets svizzeri, negli Hotels alpini, nei cottages inglesi Ivi le costruzioni in legno costituiscono la dimora permanente.qui invece le baracche debbono soddisfare ad un imperiosa necessità d urgenza» 48 Tali prestazioni comportarono, almeno per quanto contenuto nel Regio decreto n. 511 del 1906 e il n. 193 del 1909, la decisa raccomandazione, in alternativa alla nascente tecnologia del cemento armato, delle strutture baraccate nella accezione intelaiate che, secondo i redattori delle norme, presentavano una considerevole resistenza e sicurezza al sisma. Conclusioni La Vega è indicato dalle cronache d epoca come l inventore del sistema antisismico borbonico; forse più correttamente la genesi del sistema denominato casa baraccata è da ricercare più che nell invenzione di un unico tecnico, nella congiuntura e confluenza di diversi fattori legati alla storia ed allo sviluppo tecnologico dell Italia meridionale, in particolare in Calabria mettendo a frutto le conoscenze acquisite. Un sapere intorno alle strutture di legno in Calabria insito da secoli nella cultura costruttiva locale che unito alla piena consapevolezza della resistenza al terremoto degli edifici a struttura portante di legno, apportano un notevole contributo alla genesi e sviluppo del congegno ad intelaiatura lignea. Il sistema borbonico sintetizza quello che la maggioranza dei trattatisti riportava già da alcuni decenni, in un dibattito scientifico che trova particolare vigore successivamente al terremoto del 1755 di Lisbona 49. Una codificazione tecnologica da tempo precisata e che usufruiva delle prove sperimentali che fabbricati a struttura di legno realizzati precedentemente al terremoto del 1783 avevano subito. Le costruzioni realizzate con il sistema antisismico borbonico, nelle sue diverse tipologie, hanno sfidato quasi impunemente i terremoti del 1905 e 1908, mostrando ottimo comportamento e resistenza ad azioni di tipo sismico 50. BIBLIOGRAFIA Recupito G. C., 1638, De novo in universa Calabria terraemotu congeminatus nuncius, Neapoli. Magnati V., 1688, Notitie istoriche dè terremoti successi nè secoli trascorsi e nel presente indirizzati alla serenissima maestà di Carlo II dall abbate D. Vincenzo Magnati, Napoli. Vivenzio, G., 1783, Istoria e teoria de' tremuoti in generale ed in particolare di quelli della Calabria, e di Messina del MDCCLXXXIII, Stamperia Regale, Napoli Hamilton W., 1783, Relazione dell ultimo terremoto delle Calabrie e della Sicilia, Firenze. Sarconi, M., 1784, Istoria dè fenomeni del tremoto avvenuto nelle Calabrie, e nel Vademone nell anno 1783, Giuseppe Campo, Napoli. Milizia F., 1781, Principi di architettura civile, Roma, rist. con illustrazioni del Prof. Arch. Giovanni Antolini, Milano, Grimaldi, A., 1863, La cassa sacra ovvero la soppressione delle manimorte in Calabria nel secolo XVIII, Napoli, Stamperia dell Iride Masciari-Genoese, F., 1915, Trattato di costruzioni antisismiche, Ulrico Hoepli, Milano, pag Tuttavia, a nostro parere, il sistema Borbonico non è derivabile direttamente dalla Gaiola Portoghese. Le due teorie costruttive infatti, sono unicamente accumunate dall utilizzo del legno. La Gaiola presenta nella sua versione tipica, a differenza della casa baraccata, un piano terra in muratura con copertura a volta e pareti murarie perimetrali ai livelli superiori, che di legno prevede, esclusivamente, un nucleo interno a tale scatola muraria. Il sistema anti-sismico Portoghese si caratterizza anche per una disposizione degli elementi strutturali con il fine dichiarato di scongiurare l innesco e la diffusione degli incendi; un obiettivo poco perseguito nella teorizzazione del congegno antisismico applicato in Calabria. 50. Ruggieri, N., Tampone, G., Zinno, R., 2013, Typical failures, seismic behavior and safety of the Bourbon system with timber framing, in Advanced Materials Research Vol. 778 (2013). Trans Tech Publications, Switzerland, pp N. N

12 Ruggiero, M., 1885, Storia degli scavi di Ercolano,Tipografia dell Accademia Reale delle Scienze, Napoli. Pesso L., 1895, Sul consolidamento delle fabbriche in Calabria contro i danni dei terremoti, Parma. Vocabolario etimologico della lingua italiana di Ottorino Pianigiani, Società editrice Dante Alighieri di Albrighi, Segati, 1907 Riccò, A., 1907, Sui metodi di costruzione in Calabria, Modena. Fig Icnografia del Palazzo Carignano, Torino, Archivio di Stato, Mauri-Mori, G., 1909, Riedificazione di Reggio n. 108, filigrana (ripresa a luce trasmessa). Calabria, Nuova Antologia, Roma. Baratta, M., 1910, La catastrofe sismica calabro messinese, Società geografica italiana, Roma. Masciari-Genoese, F., 1915, Trattato di costruzioni antisismiche, Ulrico Hoepli, Milano. Gaufredi Malaterrae De rebus gestis Rogerii Calabriae et Siciliae Comitis et Roberti Guiscardi Ducis fratris eius Edizione: Rerum Italicarum Scriptores 2, V 1, ed. E. Pontieri 1928 Donghi, D., 1935, Manuale dell architetto, Unione Tipografica Editrice Torinese, Torino. Maiuri, A. 1964, Pompei ed Ercolano fra case ed abitanti, Aldo Martello editore, Milano. Fig Icnografia del Palazzo Carignano, Torino, Archivio di Stato, Franca Finanze, J.A., Azienda 1972, Savoia-Carignano, Una città cat. dell illuminismo. 53, mazzo unico, Tipi, La n. 108, contromarca (ripresa a luce trasmessa). Lisbona del marchese di Pombal, Roma. Maretto, P., 1975, Edificazioni tardo settecentesche in Calabria, Studi e documenti di architettura n.5, Teorema edizioni, Firenze. Mafrici, M., 1977, Il progetto Mori: contributo alla storia urbana di Reggio Calabria nel tardo Settecento in La Calabria dalle riforme alla restaurazione, atti del VI congresso storico calabrese, Società Editrice Meridionale. Pagano, M., a cura, 1997, I diari di scavo di Pompei Ercolano e Stabia di Francesco e Pietro La Vega, L Erma di Bretscheneider. Gros, P., a cura di, 1997, Vitruvio De Architectura, Giulio Einaudi Editore, Torino. Cuteri, F., a cura, 2003, I Normanni in finibus Calabriae, Rubbettino, Soveria Mannelli (Cz). Ruggieri, N., 2005, La casa antisismica, International Conference on the Conservation of Historic Wooden Structures, Firenze, 2005, in Atti del convegno. ARUP 2011 Report Seismic Performance Assessment of Dhajji Dewari Building System Non Linear Response History Analysis. Kouris, L., A., S., Kappos, A., J., 2012, Detailed and simplified non linear models for timberframed masonry structure, in Journal of Cultural Heritage, n. 13. Ruggieri, N., 2012, La carpenteria lignea nella cultura italica in età arcaica, note meccanico-costruttive intorno alle raffigurazioni fittili di Guardia Perticara in Bollettino degli Ingegneri, n. 4, Firenze. Fig Icnografia della chies Musei Civici, D Devoto, G., Oli, G., 2013, Il Devoto-Oli Vocabolario della lingua italiana, Le Monnier, Milano. Ruggieri, N., Tampone, G., Zinno, R., 2013, Typical failures, seismic behavior and safety of the Bourbon system with timber framing, in Advanced Materials Research Vol. 778 (2013). Trans Tech Publications, Switzerland, pp Ruggieri, N., 2013, La trattatistica nel 700, fondamenti teorici del sistema antisismico borbonico muratura con intelaiatura lignea in corso di pubblicazione Galanti, G., M., 1793, Giornale di viaggio in Calabria, Edizione critica di Augusto Placanica, 1981, Società editrice napoletana, Napoli. Aricò, N., Milella, O., 1984, Riedificare contro la storia. Una ricostruzione illuminista nella periferia Fig Icnografia della chies Musei del regno Civici, D borbonico, 1053, particolare Gangemi, (ripresa a luce Napoli. trasmessa). Nicola RUGGIERI, nato a Cosenza nel 1972, architetto; attualmente e consulente tecnico-scientifico dell attività di ricerca relativa a prove distruttive e non distruttive su strutture in legno all Università della Calabria. E stato docente a contratto di Consolidamento degli Edifici Storici alla Sapienza, Universita di Roma. Autore di pubblicazioni sul Restauro e la Storia delle tecniche Fig. costruttive, 23 - Icnografia è Dottorando della chiesa nella Facolta vicentina di dell Araceli, Ingegneria dell Universita Civici, della D Calabria. 1053, Vicenza, Musei particolare N. N

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO

VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO Dott. Ing. Giacomo Giambrone VALUTAZIONE DI SICUREZZA DELLO STATO DI FATTO Inquadramento dell immobile La scuola elementare Comunale G. D Annunzio è ubicata nel Comune di Traversetolo (F. 24, mapp. 213,51,262)

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

INTERVENTO DI RIPARAZIONE PALAZZO DEL GOVERNATORE CENTO (FE) RELAZIONE STORICO CRITICA

INTERVENTO DI RIPARAZIONE PALAZZO DEL GOVERNATORE CENTO (FE) RELAZIONE STORICO CRITICA INDICE 1. GENERALITA... 2 1.1. Premessa... 2 2. RELAZIONE STORICA... 2 1 1. GENERALITA 1.1. Premessa La presente relazione illustra l evoluzione storica dell edificio denominato Palazzo del Governatore,

Dettagli

Gli interventi previsti in progetto possono sostanzialmente essere ricondotti alle zone di intervento:

Gli interventi previsti in progetto possono sostanzialmente essere ricondotti alle zone di intervento: RELAZIONE GENERALE Il presente progetto esecutivo tratta dei lavori di miglioramento sismico dell edificio delle Scuole Medie Primarie del Comune di Martinengo. Precedenti valutazioni di vulnerabilità

Dettagli

IMMAGINI DEL TERREMOTO DELLA CALABRIA DEL 1783

IMMAGINI DEL TERREMOTO DELLA CALABRIA DEL 1783 M. Forni (forni@bologna.enea.it) IMMAGINI DEL TERREMOTO DELLA CALABRIA DEL 1783 Oggi bastano pochi click, eseguiti rapidamente col mouse del nostro computer, comodamente seduti in ufficio, in aeroporto

Dettagli

R01 COMUNE DI PERUGIA

R01 COMUNE DI PERUGIA COMUNE DI PERUGIA COMMITTENTE FONDAZIONE ACCADEMIA DI BELLE ARTI "PIETRO VANNUCCI" PERUGIA piazza San Francesco al Prato, 5 06123 Perugia C.F. 80054290541 Il Presidente Avv. Mario Rampini INTERVENTI DI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE RELAZIONE TECNICA GENERALE - Premessa Il Peu n. 16 è costituito da un unico sottoprogetto e consta catastalmente di due unità immobiliari ubicate in via Borgo da Piedi: 1. Fg. 20, P.lla 1069, Piano S-T-1,

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE Prot. Generale N. 0117333 / 2014 Atto N. 5089 PROVINCIA DI GENOVA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI AREA EDILIZIA - PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE OGGETTO: AUTORIZZAZIONE

Dettagli

La stratigrafia archeologica in Italia tra XIX e XX secolo

La stratigrafia archeologica in Italia tra XIX e XX secolo La stratigrafia archeologica in Italia tra XIX e XX secolo 01. Giuseppe Fiorelli G. Fiorelli (1823-1896) 1896) Nel contesto dell epoca: epoca: H. Schliemann 1822-1890 1890 W. Dörpfeld 1853-1940 1940 A.L.P.

Dettagli

versus strutture intelaiate in c.a.

versus strutture intelaiate in c.a. Costruire oggi: muratura portante versus strutture intelaiate in c.a. DI M. Boscolo Bielo Godega di S. Urbano (TV) L analisi dei costi per la realizzazione di un edificio per il terziario a Godega di S.

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Architettura, Costruzioni e Strutture IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Ing. Elena Seri IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Dettagli

valutazione del rischio sismico nei luoghi di lavoro

valutazione del rischio sismico nei luoghi di lavoro valutazione del rischio sismico nei luoghi di lavoro Assergi (AQ), 21 maggio 2011 L Aquila, 12/04/2009 - Interferogramma post-sisma (ad ogni frangia concentrica corrisponde un abbassamento del suolo di

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI INTERNAZIONAL AIRPORT NAPOLI CAPODICHINO NEW TERMINAL PASSENGER DESIGN OF STEEL

Dettagli

Il volume - corredato da numerosi disegni tecnici e illustrazioni - è

Il volume - corredato da numerosi disegni tecnici e illustrazioni - è Un'adeguata conoscenza degli aspetti fisici, storici ed evolutivi dei terremoti e dei loro effetti sulle costruzioni è indispensabile per rendere consapevoli che un evento sismico è un fenomeno con il

Dettagli

Il ritorno di interesse per la muratura portante è ulteriormente

Il ritorno di interesse per la muratura portante è ulteriormente Normativa Flavio Mosele*, Lorenzo Bari* Strutture miste e fondazioni negli edifici in muratura portante L entrata in vigore del Dm 14/01/2008, «Norme tecniche per le costruzioni» (Ntc 2008), ha portato

Dettagli

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M.

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. Il patrimonio storico in Italia è largamente costituito da fabbricati e monumenti in muratura. Le tipologie costruttive e i materiali utilizzati sono i più vari (pietrame

Dettagli

Fondazioni 3 Murature 7 Solai 14 Volte 27 Scale 31 Coperture 33 Documentazione fotografica sui danni prodotti dal sisma 43

Fondazioni 3 Murature 7 Solai 14 Volte 27 Scale 31 Coperture 33 Documentazione fotografica sui danni prodotti dal sisma 43 INDICE Fondazioni 3 Murature 7 Solai 14 Volte 27 Scale 31 Coperture 33 Documentazione fotografica sui danni prodotti dal sisma 43 BIBLIOGRAFIA Giovannetti Francesco (a cura di), Manuale del recupero del

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO

EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO Restauro edifici danneggiati dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 Relatore : Ing. Andrea Scarpa Vicenza 25 Ottobre 2013 Progettista architettonico Malte e intonaci in cocciopesto

Dettagli

INDICAZIONI DI SICUREZZA PER LE SCAFFALATURE INDUSTRIALI

INDICAZIONI DI SICUREZZA PER LE SCAFFALATURE INDUSTRIALI SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA INDICAZIONI DI SICUREZZA PER LE SCAFFALATURE INDUSTRIALI PREMESSA Il D.L. n. 74 del 6 giugno 2012 (in fase di conversione in Legge nel momento in cui si scrive)

Dettagli

Normative sismiche italiane

Normative sismiche italiane pag. 98 Normative sismiche italiane 1783 norme dopo il terremoto della Calabria: muratura intelaiata, limitazione di altezza. Edifici esistenti: riduzione di altezza 1908 norme sismiche locali dopo il

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano ADEGUAMENTO AD USO UNIVERSITARIO DEL CHIOSTRO DI S. PIETRO MARTIRE

Prof. Ing. Arch. Maurizio Di Stefano ADEGUAMENTO AD USO UNIVERSITARIO DEL CHIOSTRO DI S. PIETRO MARTIRE ADEGUAMENTO AD USO UNIVERSITARIO DEL CHIOSTRO DI S. PIETRO MARTIRE 413 ADEGUAMENTO AD USO UNIVERSITARIO DEL CHIOSTRO DI S. PIETRO MARTIRE Chiostro di S. Pietro Martire trasformato in manifattura tabacchi,

Dettagli

lezione n.3: le strutture lignee

lezione n.3: le strutture lignee CONSOLIDAMENTO DEGLI EDIFICI STORICI prof PAOLO FACCIO (Università IUAV di Venezia ) A.A. 2012 2013 lezione n.3: le strutture lignee LE STRUTTURE IN LEGNO : - ORIZZONTAMENTI / SOLAI, MONO E BIDIREZIONALI

Dettagli

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI Verifica di vulnerabilità sismica Pagina 2 di 8 INDICE Premessa...3 Classificazione sismica...3 Vulnerabilità sismica...5 Indagini...5 Calcolo...6 Verifica

Dettagli

APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE

APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE APERTURE TRADIZIONALI VESUVIANE Le aperture praticate nelle facciate degli edifici, sin dall inizio dei tempi, hanno avuto sempre una particolarmente attenzione da parte dei costruttori e progettisti,

Dettagli

Il restauro architettonico agli inizi del XIX secolo

Il restauro architettonico agli inizi del XIX secolo Il restauro architettonico agli inizi del XIX secolo Abbiamo ricordato alcuni fenomeni che caratterizzano la cultura architettonica del XVIII secolo: Le scoperte archeologiche (Pompei, Ercolano, Ostia

Dettagli

VALERIO INGEGNERE CURRICULUM PROFESSIONALE

VALERIO INGEGNERE CURRICULUM PROFESSIONALE VALERIO B O R G O INGEGNERE CURRICULUM PROFESSIONALE SEDE ELENCO SINTETICO DELLE ATTIVITÀ via Zanella, 18 36010 Zanè (VI) tel +39 0445 361433 fax +39 1782202407 cel +39 392 0731127 ATTIVITÀ PROFESSIONALE

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Università di Pisa DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Danneggiamento e riparazione di elementi strutturali

Dettagli

MURATURE TRADIZIONALI

MURATURE TRADIZIONALI DIAPOSITIVE TRATTE DALLA PRESENTAZIONE REALIZZATA NELL AMBITO DEL CORSO DI STORIA DELL ARCHITETTURA I AA 2011/2012 DOCENTE:PROF. GIUSEPPE MARGANI MURATURE TRADIZIONALI C.D.L. IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA

Dettagli

sintesi di tesi di laurea

sintesi di tesi di laurea sintesi di tesi di laurea Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile PROGETTAZIONE STRUTTURALE PER IL RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO

Dettagli

VERSO IL RESTAURO DELLA CHIESA DI S. MARIA DEL QUARTIERE

VERSO IL RESTAURO DELLA CHIESA DI S. MARIA DEL QUARTIERE VERSO IL RESTAURO DELLA CHIESA DI S. MARIA DEL QUARTIERE LA FONDAZIONE CARIPARMA PER IL PATRIMONIO ARTISTICO E MONUMENTALE DELIBERATI SINO AD OGGI 59 MILIONI DI EURO Credo sia ormai un concetto condiviso,

Dettagli

Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012

Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012 Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012 Report preliminare sui danni riscontrati in alcuni edifici pubblici dei comuni di San Pietro in Casale (BO),

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 RELAZIONE GENERALE DEL PROGETTO ESECUTIVO Articolo 34 del Regolamento approvato con D.P.R.207/2010

Dettagli

CORSO SPECIALISTICO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE SUL RECUPERO DI EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA

CORSO SPECIALISTICO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE SUL RECUPERO DI EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA BOLOGNA - PIAZZA ROOSEVELT, 4 - TEL. +39 05122.60.64 - FAX +39 05165.65.656 - C.F. 92042840378 sito web: www.assoinar.it e-mail: assoemiliaromagna@eur.it CORSO SPECIALISTICO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

Strutture murarie. Lezione 2 L02

Strutture murarie. Lezione 2 L02 Strutture murarie Lezione 2 1 Cenni preliminari Nel passato veniva usata praticamente sempre la cosiddetta muratura continua. Dai tempi dei Romani, ad anche prima, si è sempre utilizzata, quindi è stata

Dettagli

A1 Le origini dell urbanistica moderna

A1 Le origini dell urbanistica moderna ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI "ALBERTO BAGGI" di SASSUOLO (MO) Sezione 1 - La forma della città PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI 5 e CAT MODULI A - Elementi di urbanistica B

Dettagli

DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato

DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato Sezione n 1- Informazioni amministrative: In tale sezione devono essere

Dettagli

CONTROLLO DEI LIVELLI DI DEFORMAZIONE E SOLLECITAZIONE NELLE

CONTROLLO DEI LIVELLI DI DEFORMAZIONE E SOLLECITAZIONE NELLE CONTROLLO DEI LIVELLI DI DEFORMAZIONE E SOLLECITAZIONE NELLE FONDAZIONI PROFONDE - G. Porco *, G. Zaccaria***, D Romano**, M. Condino** - * FACOLTÀ DI INGEGNERIA, UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA, ARCAVACATA

Dettagli

INTERVENTI LOCALI DI CONSOLIDAMENTO STATICO/SISMICO DEL TEATRO COMUNALE

INTERVENTI LOCALI DI CONSOLIDAMENTO STATICO/SISMICO DEL TEATRO COMUNALE COMUNE DI CARPI INTERVENTI LOCALI DI CONSOLIDAMENTO STATICO/SISMICO DEL TEATRO COMUNALE (A COMPLETAMENTO DEGLI INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO POST-SISMA 2012) ILLUSTRAZIONE SINTETICA DEGLI ELEMENTI ESSENZIALI

Dettagli

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO...

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... 3 5 I CRITERI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 4 6 LE FASI REALIZZATIVE...

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 A ELEMENTI ARCHITETTONICI E FUNZIONALI PIU RICORRENTI Nel patrimonio edilizio tradizionale e nei manufatti storici sparsi non riconducibili dal punto di vista tipologico e formale agli edifici tradizionali

Dettagli

Progettazione Dei Sistemi Costruttivi (6CFU) Prof. Alberto De Capua, coll. Arch. Valeria Ciulla

Progettazione Dei Sistemi Costruttivi (6CFU) Prof. Alberto De Capua, coll. Arch. Valeria Ciulla Progettazione Dei Sistemi Costruttivi (6CFU) Prof. Alberto De Capua, coll. Arch. Valeria Ciulla TdA 3b STRUTTURA PORTANTE: problematiche funzionali strutture di elevazione elementi continui e puntiformi

Dettagli

La pianta incisa da S. Duperac e data alle stampe dal Lafrery nel 1566

La pianta incisa da S. Duperac e data alle stampe dal Lafrery nel 1566 napoli la tavola strozzi illustra il trionfo navale di Ferrante d Aragona del 1464 restituendo una immagine frontale della città da Castel dell Ovo sino al baluardo del Carmine La pianta incisa da S. Duperac

Dettagli

LA SICUREZZA DI UNA MURATURA DALLE PRESTAZIONI ECCELLENTI ANCHE IN ZONA SISMICA

LA SICUREZZA DI UNA MURATURA DALLE PRESTAZIONI ECCELLENTI ANCHE IN ZONA SISMICA LA SICUREZZA DI UNA MURATURA DALLE PRESTAZIONI ECCELLENTI ANCHE IN ZONA SISMICA In un mercato dell edilizia che in generale pone sempre più l accento su soluzioni che siano ecocompatibili e performanti

Dettagli

Corso di Teoria e tecnica delle costruzioni storiche A.A. 2014-2015 Prof.Paolo Faccio

Corso di Teoria e tecnica delle costruzioni storiche A.A. 2014-2015 Prof.Paolo Faccio Corso di Teoria e tecnica delle costruzioni storiche A.A. 2014-2015 Prof.Paolo Faccio Lezione 31 Ottobre 2014 Arch.Elisa Fain Prima parte: tecniche costruttive utilizzate per l edificazione dei templi

Dettagli

13 LE FONDAZIONI. 13.1 L elemento costruttivo fondazione

13 LE FONDAZIONI. 13.1 L elemento costruttivo fondazione 13 LE FONDAZIONI 13.1 L elemento costruttivo fondazione Le strutture portanti di fondazione costituiscono l elemento di trasmissione al terreno dei carichi verticali ed orizzontali agenti sull edificio;

Dettagli

riabilitazione delle strutture

riabilitazione delle strutture riabilitazione delle strutture Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali Orientamento: Strutture e Rischio Sismico Crediti formativi: CFU 6 Docente: Gianmarco

Dettagli

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte prima

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte prima parte prima FONDAZIONI FONDAZIONI A POZZO FONDAZIONE A POZZO GETTO FONDAZIONE A PLATEA SCAVO FONDAZIONI SU PALI IN LEGNO STRUTTURE DI SOTTERRANEO MURATURE IN SOTTERRANEO FINESTRE SOTTERRANEI DRENAGGIO

Dettagli

3.5.20 Strutture orizzontali

3.5.20 Strutture orizzontali 3.5.20 Strutture orizzontali Le strutture orizzontali, destinate alla divisione dei piani possono essere piane o ad arco: costituite cioè da solai o da volte. Fra tutte le strutture esse sono le più delicate

Dettagli

Commissione Strutture

Commissione Strutture Commissione Strutture «La Dichiarazione di Idoneità Statica» Analisi di un caso reale Dott. Ing. Fabio Ferrario Dott. ing. Leonardo Vulcan Ordine degli Ingegneri della Provincia di Trento Sala 3 del Centro

Dettagli

Regione Campania - Genio Civile

Regione Campania - Genio Civile Regione Campania - Genio Civile Controllo di progetti relativi ad edifici in muratura Le tipologie strutturali degli edifici in muratura esistenti e la loro vulnerabiltà sismica B. Calderoni - D.A.P.S.

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA PER IL PROGETTO DI RICOSTRUZIONE DEL TEATRO A. GALLI Relazione Illustrativa Progetto di ricostruzione Teatro A. Galli- pag. 1/9 RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGETTO DI RICOSTRUZIONE DEL

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Nell ambito dell incarico ricevuto dall Amministrazione Comunale con Determinazione del Responsabile n.976 del 23/08/2005, è stato redatto il progetto esecutivo

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM INFORMAZIONI Cognome e nome MONNI FRANCESCO Indirizzo di residenza VIA BAROCCO, 5 60010 OSTRA VETERE (AN) Telefono 3396088721 E-mail monni.f@gmail.com Nazionalità ITALIANA

Dettagli

Università degli Studi di Firenze

Università degli Studi di Firenze Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia ortolani@dicea.unifi.it PISTOIA 28/09/2012 ASPETTI GENERALI Malta: acqua

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO. ( intervento n 22 ). Relazione statico - strutturale

PROGETTO DEFINITIVO. ( intervento n 22 ). Relazione statico - strutturale Restauro e risanamento conservativo, compreso l adeguamento alle norme di sicurezza ed accessibilità di palazzo Morosini ex scuola media A. Vivaldi ora istituto tecnico A. Barbarigo, a Castello Venezia.

Dettagli

CIMITERO MONUMENTALE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA

CIMITERO MONUMENTALE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA CIMITERO MONUMENTALE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA Restauro e ripristino con miglioramento sismico Responsabile unico del procedimento: Progetto architettonico: Progetto strutturale: Arch. Rossella Cadignani

Dettagli

Il recupero energetico e sismico degli edifici

Il recupero energetico e sismico degli edifici Il recupero energetico e sismico degli edifici Interventi di adeguamento e miglioramento sismico delle murature Ing. Francesca da Porto Università di Padova Reggio Emilia, 14 gennaio 2014 Sommario GLI

Dettagli

Cantieri complessi nelle metropoli: il nuovo edificio di Via Cambi a Milano

Cantieri complessi nelle metropoli: il nuovo edificio di Via Cambi a Milano Cantieri complessi nelle metropoli: il nuovo edificio di Via Cambi a Milano Ing. Danilo Campagna, danilo.campagna@mscassociati.it Ing. Alessandro Aronica, alessandro.aronica@mscassociati.it Se in passato

Dettagli

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO SPECIALISTICA OPERE INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE

CURRICULUM PROFESSIONALE CURRICULUM PROFESSIONALE Nome: CARLO Cognome: MONDA Data e luogo di nascita: 20/04/1972 a Catanzaro Residenza: Via di Val Cannuta n 16, Roma Studio: Via Vigliena n 10, 00192 Roma Telefono / fax: +39 06

Dettagli

Convegno di studi su Nobiltà Ordini Cavallereschi ed Araldica

Convegno di studi su Nobiltà Ordini Cavallereschi ed Araldica Convegno di studi su Nobiltà Ordini Cavallereschi ed Araldica Presentazione progetto del Libro d oro delle famiglie Nobili e Notabili Sabato 5 dicembre 2015 ore 10.30 Castello Fortezza Carafa detto di

Dettagli

INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI

INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI Il presente documento contiene due schede (e relativi allegati e istruzioni) predisposte per un "rilievo a vista" dei materiali

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

FIRENZE, 14 marzo 2013 Il dimensionamento del rischio sismico Luciano Pallini Centro Studi ANCE Toscana

FIRENZE, 14 marzo 2013 Il dimensionamento del rischio sismico Luciano Pallini Centro Studi ANCE Toscana FIRENZE, 14 marzo 2013 Il dimensionamento del rischio sismico Luciano Pallini Centro Studi ANCE Toscana spazio log ente / associazione 1 1. Pericolositàsismica e classificazione del territorio nazionale

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DI RAGUSA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DI RAGUSA ORDINE DEGLI INGEGNERI DI RAGUSA STIMA DELLA VULNERABILITÀ SISMICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA E TECNICHE TRADIZIONALI E INNOVATIVE DI MIGLIORAMENTO SISMICO (corso di alta formazione con esame

Dettagli

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA AA 2008-2009 Arch. Elisa Adorni Legno LEGNO: materiale con caratteristiche molto variabili a seconda delle specie arboree Fattori climatici e morfologia

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte seconda

EDIFICI A STRUTTURA MURARIA. parte seconda parte seconda VOLTA A CROCIERA LE VOLTE abaco LE VOLTE a struttura muraria a botte volta a botte retta volta a botte lunettata a filari longitudinali a filari trasversali geometria, apparecchiature costruttive

Dettagli

La Commissione, nominata con decreto rettorale n. 3115 del 31.10.2003, e composta dai Signori:

La Commissione, nominata con decreto rettorale n. 3115 del 31.10.2003, e composta dai Signori: Procedura di valutazione comparativa per la copertura di n. 1 posto di Ricercatore universitario presso l Università degli Studi di Genova, Facoltà di Ingegneria, settore scientifico disciplinareicar/09-

Dettagli

FASCICOLO TECNICO - relazioni illustrative

FASCICOLO TECNICO - relazioni illustrative UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE Area Servizi Tecnici Ufficio Pianificazione Fabbisogni, Lavori e Progettazione COMPLESSO DE "LA SPECOLA" Via Romana 17 - Firenze Opere di adeguamento normativo e di restauro

Dettagli

Materiali e Innovazione Tecnologica per il Paesaggio (4 cfu) Docente: Cherubina Modaffari

Materiali e Innovazione Tecnologica per il Paesaggio (4 cfu) Docente: Cherubina Modaffari UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA CdL A.G.P. Corso di Laurea in Architettura dei Giardini e Paesaggistica DASTEC Dipartimento "Arte Scienza e Tecnica del Costruire" Anno Accademico

Dettagli

E mail: emadelmo@dicea.unifi.it Web: www.dicea.unifi.it/~emadelmo. Firenze, 12/03/2009

E mail: emadelmo@dicea.unifi.it Web: www.dicea.unifi.it/~emadelmo. Firenze, 12/03/2009 www.dicea.unifi.it Anno accademico 2008/2009 Ingegneria Sismica CIS Emanuele Del Monte E mail: emadelmo@dicea.unifi.it Web: www.dicea.unifi.it/~emadelmo Firenze, 12/03/2009 PRIMA PARTE CARATTERISTICHE

Dettagli

- RELAZIONE GENERALE DESCRIZIONE DEL FABBRICATO SUL QUALE SI INTERVIENE

- RELAZIONE GENERALE DESCRIZIONE DEL FABBRICATO SUL QUALE SI INTERVIENE - RELAZIONE GENERALE Su incarico affidato al presente studio dall Amministrazione Comunale di Resana (TV), è stata condotta la verifica di vulnerabilità sismica e il successivo progetto per il consolidamento

Dettagli

Diocesi di Reggio Emilia Guastalla

Diocesi di Reggio Emilia Guastalla Diocesi di Reggio Emilia Guastalla Sisma maggio 2012 Edifici di Culto Scheda sintetica di valutazione dei danni oggetto: Quadro economico riassuntivo (da allegare alla relazione tecnica) Noi sottoscritti

Dettagli

Progetto di restauro dell'ospedale di S. Maria della Scala Concorso a inviti Siena 1992 Massimo e Gabriella Carmassi

Progetto di restauro dell'ospedale di S. Maria della Scala Concorso a inviti Siena 1992 Massimo e Gabriella Carmassi Progetto di restauro dell'ospedale di S. Maria della Scala Concorso a inviti Siena 1992 Massimo e Gabriella Carmassi Il progetto di restauro di un complesso monumentale quale è lo Spedale di Siena si legge

Dettagli

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA COMUNE DI: SCAFA PROVINCIA DI: PESCARA OGGETTO: Piano Scuole Abruzzo il Futuro in Sicurezza edificio scolastico c.so I Maggio Scuola Elementare. Intervento indicato al n.132 dell allegato al D.C.D. n.

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

Analisi della vulnerabilità sismica e progetto statico-sismico degli edifici

Analisi della vulnerabilità sismica e progetto statico-sismico degli edifici Obiettivo Ricostruzione Gli Ordini degli Architetti e degli Ingegneri, i Collegi dei Geometri e dei Periti Industriali della provincia di Reggio Emilia, unitamente alla Scuola Edile, promuovono un Piano

Dettagli

PARTIZIONE INTERNA suddividere lo spazio interno in amb enti post tutt sullo stesso p ano d uso

PARTIZIONE INTERNA suddividere lo spazio interno in amb enti post tutt sullo stesso p ano d uso PARTIZIONI INTERNE PARTIZIONE INTERNA Elemento di fabbrica che ha il compito di suddividere lo spazio interno in ambienti i posti tutti sullo stesso piano d uso, separando visivamente ii ambienti i contigui

Dettagli

Il risparmio nelle fondazioni e nel tempo di realizzazione.

Il risparmio nelle fondazioni e nel tempo di realizzazione. L acciaio sta assumendo sempre più un ruolo di primo piano nel settore delle costruzioni sia civili che industriali. La durata, la resistenza alla corrosione, le caratteristiche meccaniche, di resistenza

Dettagli

Ordinanza 3274. Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO. Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com

Ordinanza 3274. Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO. Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com Ordinanza 3274 Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com Consolidamento Il consolidamento di strutture esistenti coinvolge problemi interdisciplinari:

Dettagli

Prevenzione: valutazione e riduzione della vulnerabilità

Prevenzione: valutazione e riduzione della vulnerabilità Prevenzione: valutazione e riduzione della vulnerabilità sismica DiSGG, Università della Basilicata ReLUIS, Rete di Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica CRiS, Centro di Competenza sul Rischio

Dettagli

Muratura isolata alla base: l esempio di Corciano (PG) A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

Muratura isolata alla base: l esempio di Corciano (PG) A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi Muratura isolata alla base: A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi Vengono illustrati gli aspetti progettuali ed esecutivi di un applicazione della tecnica dell isolamento

Dettagli

Piano di Ricostruzione del centro storico di Fossa

Piano di Ricostruzione del centro storico di Fossa Piano di Ricostruzione del centro storico di Fossa REPORT Febbraio 2012 Analisi conoscitiva preliminare morfologia urbana percorsi e spazi pubblici stato di danno rilievo speditivo degli aggregati lessico

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale CORSO DI LAUREA QUINQUENNALE a.a. 2012/13 MATERIALI PER L'ARCHITETTURA Prof. Alberto De Capua Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale

Dettagli

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it Università degli Studi di Cassino Progettazione Sostenibile bl di Strutture tt Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Dettagli

PIANO STUDIO DELLA DISCIPLINA-bis Modulo redatto da DS

PIANO STUDIO DELLA DISCIPLINA-bis Modulo redatto da DS PSD D62 -bis PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: DISEGNO E PROGETTAZIONE DOCENTE: UGO NIEDDU PIANO DELLE DELLA 5 GEO A.S. 2012-2013 della ABILITA n. 1 SISTEMI COSTRUTTIVI i tipi di strutture portanti

Dettagli

DATI DI SINTESI GS Giudizio sintetico

DATI DI SINTESI GS Giudizio sintetico PALERMO 1 Percentuale edifici in muratura 34% 2 Materiali: Tipi Tufo Calcareo (calcarenite): domina nei terreni su cui si è sviluppato l abitato e rappresenta da sempre la pietra più utilizzata a Palermo.

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli