MURI ALTI IN LATERIZIO. edifici monopiano alti ricerca svolta risultati ottenuti sistema costruttivo prodotti: scheda tecnica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MURI ALTI IN LATERIZIO. edifici monopiano alti ricerca svolta risultati ottenuti sistema costruttivo prodotti: scheda tecnica"

Transcript

1 MURI ALTI IN LATERIZIO edifici monopiano alti ricerca svolta risultati ottenuti sistema costruttivo prodotti: scheda tecnica

2 muri alti in laterizio per pareti di edifici monopiano ad uso commerciale o industriale edifici monopiano alti Una tendenza in via di diffusione, nella pratica costruttiva attuale, consiste nell impiegare la muratura armata portante per la costruzione di edifici monopiano alti, destinati ad un uso commerciale o industriale (fig. 1). Infatti, se paragonata ad altri sistemi strutturali, come le strutture a telaio, la parete in muratura assicura condizioni termo-igrometriche degli ambienti interni facilmente controllabili, risultando preferibile nell industria alimentare e in costruzioni di servizio quali palestre [1 e 2]. La snellezza della muratura secondo la norma Per edifici monopiano, l altezza interpiano può superare i 5 m, le pareti in muratura portante che si possono realizzare risultano quindi essere particolarmente snelle, e dunque vulnerabili alle azioni ortogonali alle pareti stesse (come può accadere con le azioni sismiche), oltre che suscettibili agli effetti del secondo ordine. Queste problematiche possono accentuarsi in presenza di coperture deformabili, perciò non in grado di redistribuire le azioni orizzontali sulle pareti di controvento, che per questo genere di costruzioni possono essere impiegate per convenienza economica, è il caso di coperture a shed, o per motivi estetici, è il caso di coperture in legno lamellare. Da un punto di vista normativo, tale tendenza costruttiva va inquadrata in particolar modo in relazione alle massime altezze di interpiano e snellezze consentite alle murature portanti, che possono essere molto diverse in fun- Fig. 1 - Caseificio a Ramiseto (RE) e centro sportivo a Reggio Emilia 2

3 zione della zona sismica in cui si opera. Ipotizzando di trovarsi in zona a sismicità molto bassa (zona 4), avvalendosi della possibilità di derogare dai requisiti aggiuntivi richiesti per la progettazione per le azioni sismiche, le norme nazionali impongono che la snellezza delle murature (h 0 /t) non superi il valore di 20 ( delle NTC 2008). Tale controllo sulla snellezza delle murature viene esplicitamente imposto per controllare i fenomeni del secondo ordine. Una parete alta realizzata con lo spessore minimo consentito dalle NTC 2008, pari a 20 cm per elementi semipieni, può raggiungere i 4 m di altezza, per arrivare anche agli 8 m se si utilizza una muratura di spessore 40 cm. Nel caso in cui si operi in zone a medio/alta intensità (zona 3, 2, 1) o anche in zona 4, senza derogare dai requisiti aggiuntivi, il limite superiore per la snellezza delle murature viene ridotto a 15, nel caso di muratura armata, e lo spessore minimo viene alzato a 24 cm, perciò l altezza massima raggiungibile con lo spessore minimo è ora di 3.6 m. Le NTC 2008 impongono che la distanza massima tra due solai successivi non superi i 5 m ( ), quindi lo spessore della parete in muratura armata sarà almeno di 33 cm per poter raggiungere i 5 metri di altezza (fig. 2). Tale limitazione non permette di realizzare costruzioni in muratura portante con interpiani di 6 8 m, come la tipologia costruttiva descritta in precedenza può richiedere. Il nostro sistema costruttivo In questo contesto, Cis Edil si è attivata per sviluppare un nuovo sistema costruttivo in muratura armata in grado di operare in sicurezza anche oltre limiti imposti dalla normativa, vale a dire oltre i 5 m di interpiano. Questo è stato possibile grazie alla ventennale esperienza acquisita da Cis Edil nel campo dei sistemi di muratura armata, ed alla collaborazione con il Dipartimento di Costruzione e Trasporti dell Università degli Studi di Padova, con cui è stata svolta una estesa campagna di prove sperimentali nell ambito del progetto di ricerca Europeo DISWall [3]. Fig. 2 - Rappresentazione grafica dei limiti geometrici richiesti per muratura armata in presenza di azioni sismiche, secondo le NTC

4 muri alti in laterizio per pareti di edifici monopiano ad uso commerciale o industriale ricerca svolta Lo studio preliminare della problematica del comportamento sismico di edifici monopiano alti in muratura portante, condotto dall Università degli Studi di Padova, ha permesso di identificare i tratti fondamentali per il sistema in muratura più adeguato: muratura armata di elevato spessore. È stato perciò selezionato un sistema costruttivo in muratura armata POROTON già commercializzato da Cis Edil di spessore 38 cm (nel seguito rmh ), come base e riferimento per lo sviluppo di un sistema in muratura armata a prestazioni migliorate (nel seguito rmc ), che viene descritto nella sezione sistema costruttivo. Per la tipologia di edifici monopiano allo studio, come già osservato, il problema più critico da analizzare risiede nella elevata snellezza delle pareti portanti le quali possono essere vulnerabili alle azioni ortogonali alle pareti stesse (come può accadere con le azioni sismiche) e suscettibili agli effetti del secondo ordine (fig. 1). Fig. 1 - Risposta sismica di un edificio monopiano investito dall onda sismica perpendicolarmente al piano delle pareti longitudinali in muratura armata portante (da Mosele, 2009) Condizioni sismiche Il sistema di muratura armata sviluppato è stato dunque investigato ponendosi nella condizione più sfavorevole, ossia quella di copertura deformabile. In questo caso infatti le pareti portanti si possono schematizzare come mensole incastrate alla base (fig. 1), caricate in sommità dal peso della copertura, 4

5 Fig. 2 - Vista generale del sistema di prova e dei campioni testati e grafico carico-spostamento dei campioni rmh (da Mosele, 2009) e soggetta a carichi orizzontali, dovuti alle forze d inerzia della massa propria e della copertura, in caso di azioni sismiche. Dato lo spessore di 38 cm, si è fissata un altezza delle pareti da sperimentare pari a 6 m, oltrepassando il limite di 5 m imposto dalla normativa. La corrispondente snellezza della muratura (h 0 /t) come definita nelle NTC 2008, dipende dal tipo di vincolo della parete: nel caso in cui la parete si possa interpretare con lo schema dell articolazione, la snellezza corrisponde al rapporto tra altezza e spessore (6/0.38) = 15.8, invece se la parete è schematizzata come mensola, h 0 è pari al doppio dell altezza, perciò la snellezza risulta essere (2 6/0.38) = 31.6, che corrisponde al caso allo studio. Le prove sperimentali sono state condte su due portali a scala reale, uno per ciascuna tipologia di muratura armata: quella di riferimento (rmh) e quella migliorata (rmc). Ciascuno dei due portali è composto da due pareti parallele, alte 6 m e lunghe 2 m, realizzate su cordoli in c.a. fissati ad una platea di contrasto (fig. 2). Il cassone in acciaio e calcestruzzo in sommità funge da collegamento tra le due pareti e simula il peso della copertura. Il cassone è collegato alle pareti per mezzo di vincolo a cerniera, in modo da non trasferire momenti flettenti. Il carico orizzontale ciclico (fig. 2) è stato applicato a 7 m di quota sul cassone, che lo ripartisce equamente sulle pareti. Obiettivi della prova sperimentale Gli obiettivi del programma sperimentale erano principalmente tre: verificare la capacità di spostamento e la resistenza fuori piano di pareti alte (> 5 m) in muratura armata soggette ad effetti del secondo ordine; confrontare il comportamento della muratura armata di riferimento (rmh) e della muratura armata sviluppata (rmc), così da valutarne i vantaggi ottenuti; approfondire la conoscenza relativa agli effetti del secondo ordine su murature portanti in muratura armata, principale causa delle limitazioni su snellezza e altezza massima presenti in normativa. 5

6 muri alti in laterizio per pareti di edifici monopiano ad uso commerciale o industriale risultati ottenuti I risultati ottenuti dalle prove sperimentali sul comportamento fuori piano delle pareti alte e dalle successive analisi analitico-numeriche hanno messo in evidenza che: i sistemi di muratura armata testati sono dotati di elevata capacità di spostamento fuori piano, raggiungono infatti valori di drift del 2.7% (165 mm) e del 5.1% (310 mm), in corrispondenza del carico massimo pari a 12 kn e 34 kn, rispettivamente per rmh e rmc (fig. 1). Come riferimento si riporta che i campioni testati avrebbero sopportato un accelerazione di circa 0.06 g e 0.18 g, rispettivamente per rmh e rmc, si ricorda che la configurazione di prova è stata studiata per accentuare l influenza degli effetti del secondo ordine, rappresentando così il caso più svantaggioso; il sistema di muratura armata sviluppato rmc ha raggiunto valori di resistenza tre volte maggiore rispetto il sistema rmh ed ha mostrato una capacità di spostamento fuori piano doppia rispetto rmh (fig. 1), inoltre il sistema rmc sopporta meglio l impatto degli effetti del secondo ordine che risulta rilevante nel sistema rmh, come è possibile osservare dal fatto che l incremento di resistenza dopo la fase elastica iniziale è contenuto, mentre risulta molto maggiore per il sistema rmc; le analisi parametriche hanno consentito di identificare dei limiti di altezza oltre cui gli effetti del secondo ordine conducono a fenomeni di instabilità, che si sviluppano subito dopo la fase elastica iniziale, una volta raggiunto il carico di prima fessurazione. Tali limiti di altezza dipendono dal sistema di muratura armata impiegato: 8 m per il sistema rmh e 12 m per il sistema rmc. Inoltre le analisi parametriche hanno permesso di fissare alcuni limiti relativi alle percentuali di armatura verticale adottata. 6

7 Risultati della prova In sintesi è possibile affermare che i sistemi di muratura armata allo studio hanno proprietà meccaniche che li rende impiegabili come muratura portante per edifici monopiano alti, le prove e le analisi condotte permettono di avere dei valori di riferimento indispensabili alla progettazione per quanto riguarda il comportamento fuori piano e l influenza degli effetti del secondo ordine per questo tipo di pareti, caratterizzate da snellezze elevate. Fig. 1 Deformazione allo spostamento massimo e grafico carico-spostamento dei campione sottoposti a prova sperimentale 7

8 muri alti in laterizio per pareti di edifici monopiano ad uso commerciale o industriale sistema costruttivo Il sistema costruttivo sviluppato da Cis Edil per realizzare muri alti, è un sistema di muratura armata ad armatura verticale concentrata e si basa sull impiego del mattone POROTON P49C (spessore 38 cm). Muri alti: il sistema rmc La conformazione a C del mattone (che conferisce il nome al sistema costruttivo stesso rmc), permette di realizzare la muratura attorno alle armature verticali precedentemente predisposte, con evidente semplicità di posa (fig. 1). Il sistema dei muri alti rmc è stato studiato per ospitare delle armature verticali costituite da 4 12 assemblati in un traliccio chiuso da staffe, ma può ospitare differenti quantità di armatura. Il mattone P49C è stato sviluppato per essere compatibile con il mattone POROTON P49 (blocco H), così da utilizzare il blocco a C solo in corrispondenza delle armature verticali (fig. 1). Il sistema dei muri alti è completato dal mezzo blocco apposito. Per la realizzazione del muro alto deve essere impiegata una comune malta M10 con cui si realizzano i giunti orizzontali e verticali. Con la stessa malta è Fig. 1 - Schema di montaggio e fasi realizzative del sistema rmc (da Murature Oggi n 101) 8

9 agevole riempire, ad ogni corso, i vani verticali che ospitano le armature. Il sistema dei muri alti rmc è stato sviluppato a partire da un sistema di muratura armata già prodotto da Cis Edil (fig. 2) e basato sull impiego del mattone POROTON P49 (spessore 38 cm), caratterizzato da una conformazione ad H (da cui il nome rmh per il sistema). Fig. 2 - Schema di montaggio e fasi realizzative del sistema rmh (da Murature Oggi n 101) Muri alti: il sistema rmh Il sistema rmh permette l inserimento di barre 16 e viene posato con malta M10 allo stesso modo di quanto descritto per il precedente sistema costruttivo. Come si apprende nella sezione risultati ottenuti il sistema di muratura armata tradizionale rmh può essere impiegato per realizzare muri alti, entro certi limiti di resistenza e capacità di spostamento richieste. Per andare oltre, o comunque per garantire un livello di sicurezza maggiore, vale la pena adottare il sistema rmc sviluppato appositamente per la realizzazione di pareti alte. 9

10 muri alti in laterizio per pareti di edifici monopiano ad uso commerciale o industriale prodotti: scheda tecnica Il sistema costruttivo dei rmc si basa sull impiego del mattone semipieno POROTON P49C (fig. 1) che è stato appositamente sviluppato da Cis Edil per creare un sistema costruttivo efficace per la realizzazione di muri alti. Il laterizio per i muri alti Il mattone P49C è caratterizzato da un grande vano asimmetrico, che gli conferisce la forma a C e permette l inserimento di grandi quantità di armatura, oltre che agevolare la posa in opera (vedi la sezione Sistema Costruttivo ). Il mattone P49C è stato sviluppato a partire dal laterizio POROTON P49 (fig. 1) il quale ha il limite di poter ospitare una sola barra 16 negli appositi vani. Il mattone P49 viene adottato nel sistema rmc dei muri alti in alternanza al mattone P49C, e può essere impiegato per realizzare il sistema rmh (vedi la sezione Sistema Costruttivo ). Il sistema dei muri alti è provvisto del mezzo blocco di completamento, mattone POROTON MA98. Fig. 1 - Mattone POROTON P49C e mattone POROTON P49 P49C - 38x25x19 MA98-12x38x19 P49-38x25x19 Tipo Dimensioni (cm) Peso (kg) N. Pezzi / m 3 N. Pezzi / m 2 Trasmittanza (W/m 2 K) P49C 38x25x19 13, MA98 12x38x19 7, P49 38x25x19 14, ,

11 Bibliografia 1 Comportamento energetico-ambientale di involucri in laterizio, Campioli A., Ferrari S., Lavagna M., Costruire in Laterizio, n.120, Microclima di vino, Gargari C., Costruire in Laterizio, n.120, DISWall, , COOP-CT Developing innovative systems for reinforced masonry walls, coord. scientifico: Modena C., Università degli Studi di Padova 11

12 realizzato da CR SOFT Srl Cis Edil s.r.l. Via C. Iotti, Luzzara (RE) Tel Fax

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON La muratura armata rappresenta un sistema costruttivo relativamente nuovo ed ancora non molto conosciuto e le richieste di chiarimenti sulle modalità di

Dettagli

News - Ricerca 25 marzo 2009

News - Ricerca 25 marzo 2009 Consorzio POROTON Italia Via Gobetti 9-37138 VERONA Tel 045.572697 Fax 045.572430 www.poroton.it - info@poroton.it News - Ricerca 25 marzo 2009 Muratura armata Caratterizzazione meccanica con blocchi a

Dettagli

Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Esempi di travi di produzione corrente

Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Esempi di travi di produzione corrente !"# Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Vantaggi vs. svantaggi Struttura prefabbricata: assemblaggio di elementi (pilastri, travi, tegoli) prodotti in appositi stabilimenti, trasportati in

Dettagli

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli

Il recupero energetico e sismico degli edifici

Il recupero energetico e sismico degli edifici Il recupero energetico e sismico degli edifici Interventi di adeguamento e miglioramento sismico delle murature Ing. Francesca da Porto Università di Padova Reggio Emilia, 14 gennaio 2014 Sommario GLI

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Antonio Tralli, Dipartimento di Ingegneria Università di Ferrara Prof. Ing. Antonio Tralli

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7.

Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura. Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Università di Pisa DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE Corsi di Laurea in Ingegneria Edile ed Edile-Architettura Costruzioni in Zona Sismica. Parte 7. Danneggiamento e riparazione di elementi strutturali

Dettagli

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4.1 Introduzione In questo capitolo sono riportati alcuni risultati, ottenuti con modelli semplificati, delle

Dettagli

Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012

Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012 Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012 Report preliminare sui danni riscontrati in alcuni edifici pubblici dei comuni di San Pietro in Casale (BO),

Dettagli

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE RELAZIONE DI CALCOLO OPERE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO NORMALE, IN MURATURA PORTANTE ED IN FERRO (ai sensi dell'art. 4 della

Dettagli

Sistema costruttivo ANPELWALL

Sistema costruttivo ANPELWALL Sistema costruttivo ANPELWALL Murature rinforzate in Lecablocco per edifici industriali e del terziario Guida alla progettazione ANPEL WALL Murature Certificate e Calcolate MURATURE IN LECABLOCCO nell

Dettagli

DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato

DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato Sezione n 1- Informazioni amministrative: In tale sezione devono essere

Dettagli

Progettazione Dei Sistemi Costruttivi (6CFU) Prof. Alberto De Capua, coll. Arch. Valeria Ciulla

Progettazione Dei Sistemi Costruttivi (6CFU) Prof. Alberto De Capua, coll. Arch. Valeria Ciulla Progettazione Dei Sistemi Costruttivi (6CFU) Prof. Alberto De Capua, coll. Arch. Valeria Ciulla TdA 3b STRUTTURA PORTANTE: problematiche funzionali strutture di elevazione elementi continui e puntiformi

Dettagli

11. Criteri di analisi e di verifica

11. Criteri di analisi e di verifica 11. Criteri di analisi e di verifica Il progetto dell edificio esistente riflette naturalmente lo stato delle conoscenze al tempo della costruzione e può contenere difetti di impostazione e di realizzazione,

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali

Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2011 2012 Edifici in c.a. esistenti Metodi di adeguamento tradizionali Dott. Marco VONA DiSGG, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/

Dettagli

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Gianfranco Righetti ASSOUNISOL, VERONA 1 - unisol : caratteristiche e prestazioni 1.1 - Caratteristiche generali Il solaio unisol è formato

Dettagli

Prodotti. Spessore parete esterna S e > 10 mm Spessore setti interni S i > 7,2 mm

Prodotti. Spessore parete esterna S e > 10 mm Spessore setti interni S i > 7,2 mm POROTON Risponde all esigenza di migliorare il livello delle prestazioni termiche senza ridurre quelli della statica, acustica e resistenza al fuoco. Il principio su cui si basa è quello di alleggerire

Dettagli

Muratura isolata alla base: l esempio di Corciano (PG) A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

Muratura isolata alla base: l esempio di Corciano (PG) A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi Muratura isolata alla base: A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi Vengono illustrati gli aspetti progettuali ed esecutivi di un applicazione della tecnica dell isolamento

Dettagli

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Relazione finale del contratto di consulenza Politecnico di Milano Laterlite Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento

Dettagli

La normativa italiana sulle murature

La normativa italiana sulle murature La normativa italiana sulle murature Andrea Ing. Nobili 1 Agosto 2007 1 Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Civile, Università di Modena e Reggio Emilia, via vignolese 905, 41100 Modena, tel. +39 059

Dettagli

GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA

GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA In collaborazione con: COMUNE DI BOLOGNA GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA IL TOTAL LOOK DEGLI EDIFICI Bologna 15 aprile 2015 In partnership con: PRESUPPOSTI

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

Le strutture di FONDAZIONE

Le strutture di FONDAZIONE Le strutture di FONDAZIONE Laboratorio di Tecnologia dell Architettura Prof.ssa Paola Gallo A.A. 2012-2013 Strutture di fondazione Le fondazioni sono elementi strutturali che trasferiscono i carichi delle

Dettagli

Il recupero. e sismico degli. Ancoraggi e graffaggi nel recupero dell involucro con il faccia a vista. ing. Leonardo Berni Comitato Tecnico ANDIL

Il recupero. e sismico degli. Ancoraggi e graffaggi nel recupero dell involucro con il faccia a vista. ing. Leonardo Berni Comitato Tecnico ANDIL Il recupero energetico e sismico degli edifici i Ancoraggi e graffaggi nel recupero dell involucro con il faccia a vista ing. Leonardo Berni Comitato Tecnico ANDIL Premessa/Percezione Terremoto de L AQUILA

Dettagli

Progetti europei sulle murature portanti

Progetti europei sulle murature portanti Progetti europei sulle murature portanti DI A. Di Fusco ANDIL Assolaterizi, Roma Negli ultimi anni, ANDIL Assolaterizi, insieme ad alcune aziende associate produttrici di elementi da muro, ha partecipato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO

ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - CASOLI CORSO DI TECNOLOGIA INS. MARIO DI PRINZIO INS.

Dettagli

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi.

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi. I materiali compositi nella riqualificazione strutturale ed antisismica. Normative, criteri di calcolo, verifiche strutturali, tecnologie ed interventi. Mantova, 4 Ottobre 2012 Rinforzo e messa in sicurezza

Dettagli

Progettare e costruire con la muratura armata

Progettare e costruire con la muratura armata Adolfo F. L. Baratta, Francesca Nesi Tecnologia Progettare e costruire con la muratura armata La muratura armata associa laterizio e acciaio consentendo di sfruttare al meglio le qualità di entrambi i

Dettagli

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m Premessa La scala si sviluppa in una gabbia, di forma rettangolare, formata da quattro pilastri posti agli spigoli e travi lungo i quattro lati. Viene realizzata secondo la tipologia di trave a ginocchio

Dettagli

LE CONNESSIONI NEGLI EDIFICI PREFABBRICATI IN ZONA SISMICA

LE CONNESSIONI NEGLI EDIFICI PREFABBRICATI IN ZONA SISMICA VALUTAZIONE DELLA VULNERABILITA ED INTERVENTI PER LE COSTRUZIONI ESISTENTI AD USO PRODUTTIVO IN ZONA SISMICA LE CONNESSIONI NEGLI EDIFICI PREFABBRICATI IN ZONA SISMICA PISA 23/07/2012 Prof. Ing. Paolo

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA RILEVAMENTO DELLE CARENZE STRUTTURALI MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DELLE CARENZE

EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA RILEVAMENTO DELLE CARENZE STRUTTURALI MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DELLE CARENZE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE TERRITORIALI E AMBIENTALI SETTORE SERVIZIO SISMICO REGIONALE EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA RILEVAMENTO DELLE CARENZE STRUTTURALI MANUALE PER LA

Dettagli

Software di calcolo per le potenzialità strutturali della muratura portante

Software di calcolo per le potenzialità strutturali della muratura portante Tecnologia Roberto Calliari* Software di calcolo per le potenzialità strutturali della muratura portante ANDILWall 3 è uno strumento al servizio del professionista che intende calcolare gli edifici, di

Dettagli

La muratura armata in blocchi Alveolater 18

La muratura armata in blocchi Alveolater 18 Indice La muratura armata 2 Premessa 2 Che cos è la muratura armata 3 Perché la muratura armata 4 Gli edifici in muratura in zona sismica 4 Le strutture devono resistere a terremoti di qualsiasi intensità

Dettagli

LA STRUTTURA A TELAIO

LA STRUTTURA A TELAIO 4 1 capitolo 4 LA STRUTTURA A TELAIO Questo tipo di struttura è costituita da un orditura di travi e pilastri che, formando un insieme di telai (si definisce telaio l elemento strutturale realizzato con

Dettagli

Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti

Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti Premessa Le NTC 2008 hanno introdotto alcuni nuovi concetti che nelle precedenti norme non erano presenti

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

Influenza dell esecuzione sul comportamento di solai in laterizio

Influenza dell esecuzione sul comportamento di solai in laterizio Renato Capozucca, Nicola Del Ciotto, Giorgio Zanarini Tecnologia Influenza dell esecuzione sul comportamento di solai in laterizio Nell articolo si presentano i risultati di un ricerca sperimentale condotta

Dettagli

Il calcolo delle sopraelevazioni in muratura in funzione del livello di conoscenza

Il calcolo delle sopraelevazioni in muratura in funzione del livello di conoscenza MICHELE VINCI Il calcolo delle sopraelevazioni in muratura in funzione del livello di conoscenza Collana Calcolo di edifici in muratura (www.edificiinmuratura.it) Articolo 2 Ottobre 2013 Bibliografia:

Dettagli

Interventi di consolidamento utilizzando elementi di nuova costruzione

Interventi di consolidamento utilizzando elementi di nuova costruzione Interventi di consolidamento utilizzando elementi di nuova costruzione 1. Introduzione Il consolidamento degli edifici esistenti è una problematica alla quale possono essere applicate diverse soluzioni.

Dettagli

Commissione Strutture

Commissione Strutture Commissione Strutture «La Dichiarazione di Idoneità Statica» Analisi di un caso reale Dott. Ing. Fabio Ferrario Dott. ing. Leonardo Vulcan Ordine degli Ingegneri della Provincia di Trento Sala 3 del Centro

Dettagli

DAL 1941 LA PRODUZIONE DEI MIGLIORI LATERIZI CATALOGO GENERALE

DAL 1941 LA PRODUZIONE DEI MIGLIORI LATERIZI CATALOGO GENERALE DAL 1941 LA PRODUZIONE DEI MIGLIORI LATERIZI CATALOGO GENERALE INDICE INDICE L AZIENDA 2 L azienda GATTELLI S.p.A. Il nostro laterizio POROTON 2 3 RIVOLUZIONARIO SISTEMA DI RETTIFICA e POROTON ECO 4 POROTON

Dettagli

Lezione 10:!Verifiche e!!!! disegni costruttivi

Lezione 10:!Verifiche e!!!! disegni costruttivi Modulo 4:"" " Progetto di un edificio " " " " monopiano ad uso " " " " industriale in zona sismica Lezione 10:!Verifiche e!!!! disegni costruttivi LʼAquila 4 giugno 2010 Ing. Oreste Mammana o.mammana@unina.it

Dettagli

Verifica sismica degli edifici in muratura attraverso il software di calcolo 3Muri

Verifica sismica degli edifici in muratura attraverso il software di calcolo 3Muri Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Verifica sismica degli edifici in muratura attraverso il software

Dettagli

VERIFICA DI EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA E ARMATA CON METODI DI ANALISI STATICA LINEARE E NON LINEARE.

VERIFICA DI EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA E ARMATA CON METODI DI ANALISI STATICA LINEARE E NON LINEARE. VERIFICA DI EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA E ARMATA CON METODI DI ANALISI STATICA LINEARE E NON LINEARE. PREFAZIONE A partire dal 1973, anno di fondazione di ANPEL (Associazione Nazionale Produttori Elementi

Dettagli

ESEMPI DI PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN MURATURA PORTANTE

ESEMPI DI PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN MURATURA PORTANTE LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI D.M. 14 Gennaio 2008 AZIONE SISMICA E PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Bergamo, 20 Giugno 2008 ESEMPI DI PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN MURATURA PORTANTE Confronto tra

Dettagli

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI]

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] Analisi delle cause delle più frequenti lesioni presenti negli edifici con struttura in cemento armato, e metodi di

Dettagli

Rinforzo strutturale e principi della conservazione: un esempio applicativo su edifici in tufo soggetti a vincolo

Rinforzo strutturale e principi della conservazione: un esempio applicativo su edifici in tufo soggetti a vincolo Rinforzo strutturale e principi della conservazione: un esempio applicativo su edifici in tufo soggetti a vincolo Ing. Enrico Zanello, Fibre Net srl La maggior parte delle costruzioni esistenti nei centri

Dettagli

La corretta esecuzione delle murature in laterizio

La corretta esecuzione delle murature in laterizio La corretta esecuzione delle murature in laterizio Indice Tipologie di murature 3 Murature portanti 4 Percentuale di foratura 4 Murature portanti soggette all azione sismica 5 Malte 5 Giunti 6 Muratura

Dettagli

Isolamento Resistenza Silenzio TRE ESIGENZE UNA SOLUZIONE. BioPLUS

Isolamento Resistenza Silenzio TRE ESIGENZE UNA SOLUZIONE. BioPLUS Isolamento Resistenza Silenzio TRE ESIGENZE UNA SOLUZIONE BioPLUS SISTEMA BREVETTATO BIOPLUS TRE ESIGENZE UNA SOLUZIONE termica+acustica+antisismica BIOPLUS è un sistema costruttivo brevettato, composto

Dettagli

AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI

AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI - MIGLIORAMENTO SISMICO; - VERIFICA GLOBALE DEGLI EDIFICI; - DETTAGLI STRUTTURALI; 01/10/2012 relatore DELDOSSI Ing. Angelo Amm.re DELDOSSI S.R.L. PREMESSA

Dettagli

Il software e la progettazione strutturale: opportunità e limitazioni. Prof. Gaetano Manfredi gamanfre@unina.it

Il software e la progettazione strutturale: opportunità e limitazioni. Prof. Gaetano Manfredi gamanfre@unina.it Il software e la progettazione strutturale: opportunità e limitazioni Prof. Gaetano Manfredi gamanfre@unina.it SOFTWARE E PROGETTAZIONE SOFTWARE E PROGETTAZIONE SOFTWARE NELL AMBITO DELLE NTC 08 IL SOFTWARE:

Dettagli

Knauf Antisismika Tecnologie avanzate e resistenti

Knauf Antisismika Tecnologie avanzate e resistenti Knauf Antisismika 7/213 Knauf Antisismika Tecnologie avanzate e resistenti Sistemi Evoluti per l'edilizia, Knauf Introduzione Gli eventi sismici che si sono verificati negli ultimi decenni a livello mondiale

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti.

Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti. DIPARTIMENTO INFRASTRUTTURE OPERE PUBBLICHE E MOBILITA UFFICIO DIFESA DEL SUOLO DI POTENZA Oggetto: Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti. 1. Premessa.

Dettagli

POROTON s=25 cm non intonacato (REI=240 min)

POROTON s=25 cm non intonacato (REI=240 min) Introduzione Riferimenti normativi Reazione al fuoco Reazione al fuoco: nuove normative Resistenza al fuoco Resistenza al fuoco: nuove normative Certificazione e dichiarazione di conformità dei materiali

Dettagli

Strutture murarie. Lezione 2 L02

Strutture murarie. Lezione 2 L02 Strutture murarie Lezione 2 1 Cenni preliminari Nel passato veniva usata praticamente sempre la cosiddetta muratura continua. Dai tempi dei Romani, ad anche prima, si è sempre utilizzata, quindi è stata

Dettagli

Ordinanza 3274. Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO. Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com

Ordinanza 3274. Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO. Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com Ordinanza 3274 Progettazione di edifici in zona sismica CONSOLIDAMENTO Ing. Marco Cauda marco.cauda@niphe.com Consolidamento Il consolidamento di strutture esistenti coinvolge problemi interdisciplinari:

Dettagli

STRUTTURE IN MURATURA

STRUTTURE IN MURATURA Le forze orizzontali agenti nel piano di una parete muraria sono dovute, oltre che alla massa della parete stessa, all azione su di essa trasmessa dai solai e dalle pareti trasversali. Queste azioni sono

Dettagli

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA SOLETTA SU LAMIERA GRECATA (Revisione 3-01-006) Fig. 1 I solai composti in acciaio-calcestruzzo sono costituiti da una lamiera grecata di acciaio su cui viene eseguito un getto di calcestruzzo normale

Dettagli

Autori: Paolo FACCIO, Anna SAETTA

Autori: Paolo FACCIO, Anna SAETTA Autori: Paolo FACCIO, Anna SAETTA Università IUAV di Venezia L AQUILA, SCUOLA ELEMENTARE DE AMICIS PRIME VALUTAZIONI DI VULNERABILITÀ SISMICA 1. Premessa Viene presentata l applicazione dei criteri e delle

Dettagli

Criteri per la scelta dell intervento

Criteri per la scelta dell intervento Edifici esistenti in c.a.: Esempi di intervento Giovanni Plizzari Università di Brescia plizzari@ing.unibs.it L Accademia del Costruire Gussago, 23 Marzo 2012 1/86 Criteri per la scelta dell intervento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici Progetto esecutivo di un piano intermedio da realizzarsi nell edificio C del Plesso Centrale Universitario VERIFICHE LOCALI DEI PANNELLI MURARI Messina,

Dettagli

RIF. POS. DESCRIZIONE U.M. Q.TÀ P.U. TOTALE CAPITOLO 1.

RIF. POS. DESCRIZIONE U.M. Q.TÀ P.U. TOTALE CAPITOLO 1. 1. CONSOLIDAMENTO VOLTE 1.01 SE.01 Svuotamento di volte mq. 187,49 1.02 SE.02 Consolidamento di volte mq. 187,49 1.03 SD.06 Soletta in cls armata per solai mq. 187,49 CAPITOLO 1. 124/09 3.S.CM (ADS) PAGINA

Dettagli

Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti

Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici esistenti COMITATO TECNICO SCIENTIFICO in materia di rischio sismico (istituito con Delibera Giunta Regionale n. 606 del 21/6/2010) Orientamenti interpretativi in merito a interventi locali o di riparazione in edifici

Dettagli

Indice. R.07.a Relazione tecnica e di calcolo Illustrazione sintetica degli elementi essenziali del progetto. NUOVO TECNOPOLO Progetto Esecutivo

Indice. R.07.a Relazione tecnica e di calcolo Illustrazione sintetica degli elementi essenziali del progetto. NUOVO TECNOPOLO Progetto Esecutivo 1 Indice ILLUSTRAZIONE SINTETICA DEGLI ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 2 a) Contesto edilizio e caratteristiche del sito... 2 b) Descrizione generale della struttura e della tipologia d

Dettagli

BOZZA. Materiale muratura e verifiche per carichi verticali. Luca Salvatori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale. Università di Firenze

BOZZA. Materiale muratura e verifiche per carichi verticali. Luca Salvatori. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale. Università di Firenze BOZZA Materiale muratura e verifiche per carichi verticali Luca Salvatori Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Firenze Materiale Muratura 1 Il materiale muratura Materiale complesso

Dettagli

calcolo - adeguamento sismico - applicazioni in edilizia scolastica, 5 ore

calcolo - adeguamento sismico - applicazioni in edilizia scolastica, 5 ore Seminario Edifici in Muratura calcolo - adeguamento sismico - applicazioni in edilizia scolastica, 5 ore 1 Direttore del corso : Attilio Carotti Relatore: Francesca da Porto Dipartimento ICEA Università

Dettagli

Linee guida posizionamento di catene e tiranti

Linee guida posizionamento di catene e tiranti Opere Provvisionali Linee guida posizionamento di catene e tiranti Incatenamento di edificio in struttura muraria con tiranti e angolari in acciaio; tiranti con acciaio in barra trafilata, ovvero in acciaio

Dettagli

I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano. Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE

I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano. Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE Classe 2^ C.A.T. Modulo N. 2 _ ORGANISMO EDILIZIO E SUOI ELEMENTI E RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Questionario N. 3a Fondazioni Muratura

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

30/05/2012. PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo. Mettere figura. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo

30/05/2012. PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo. Mettere figura. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo Mettere figura 1 Cinematica delle strutture Produzione di profilati e lamiere in acciaieria Trasformazione in elementi strutturali e preassemblaggi Trasporto

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL ARCHITETTURA

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL ARCHITETTURA ELEMENTI DI COMUNICAZIONE VERTICALE: GENERALITA Le comunicazioni verticali vanno intese come elementi di collegamento tra piani a diversi livelli e di conseguenza tra gli spazi che insistono su tali piani.

Dettagli

ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE

ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE si esamina una struttura esistente, individuando carenze sugli spessori della muratura con snellezza e pressoflessione trasversale (statica e sismica) non

Dettagli

Strutture per coperture inclinate

Strutture per coperture inclinate Le strutture per coperture inclinate sono costituite da elementi o parti strutturali disposti secondo piani differenti da quello orizzontale (definiti falde), destinati a svolgere la funzione di copertura

Dettagli

1.0 PECULIARIA DELL EDIFICIO

1.0 PECULIARIA DELL EDIFICIO 1.0 PECULIARIA DELL EDIFICIO L intervento in oggetto riguarda la progettazione esecutiva di un Centro servizi socio assistenziali art.1 - comma 2 - lettera c - Legge Regionale 41/2003, con tipologia Casa

Dettagli

Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai

Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai 1. - Premessa In genere nei solai la zona in prossimità degli appoggi risulta particolarmente critica in quanto le sollecitazioni in gioco sono molto

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110104-R-3926

RAPPORTO DI PROVA 110104-R-3926 CertiMaC soc.cons. a r.l. Via Granarolo, 62 48018 Faenza RA Italy tel. +39 0546 670363 fax +39 0546 670399 www.certimac.it info@certimac.it R.I. RA, partita iva e codice fiscale 02200460398 R.E.A. RA 180280

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO DELLE STRUTTURE E VERIFICA ALLE AZIONI SISMICHE SECONDO D.M. 96 e O.P.C.M. 3274

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO DELLE STRUTTURE E VERIFICA ALLE AZIONI SISMICHE SECONDO D.M. 96 e O.P.C.M. 3274 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA EDILE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI 3 PROF. MODENA ING. PIPINATO COSTRUZIONE EX NOVO DI UN CONDOMINIO

Dettagli

PROGETTO DEGLI INTERVENTI DI RINFORZO E CONSOLIDAMENTO

PROGETTO DEGLI INTERVENTI DI RINFORZO E CONSOLIDAMENTO Claudio Ciavattini IN PARETI PORTANTI IN ZONA SISMICA PROGETTO DEGLI INTERVENTI DI RINFORZO E CONSOLIDAMENTO * Progetto degli interventi locali * Calcolo rigidezza, resistenza e deformabilità di una parete

Dettagli

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai Indagini di caratterizzazione dinamica di solai G. Di Marco 1, G. Fidotta 2, E. Lo Giudice 2, G. Sollami 2 1 Studio Lo Giudice- Di Marco, 92024 Canicattì (AG), 2 DISMAT s.r.l., C.da Andolina, S.S. 122

Dettagli

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno-

CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CRITERI PROGETTUALI PER IL CONSOLIDAMENTO -Le strutture in legno- CONSOLIDAMENTO DEL LEGNO BIODEGRADATO Prima che il legno affetto da degrado

Dettagli

EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5

EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5 CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLA NORMATIVA SISMICA DI CUI ALL ORDINANZA 3274 DEL 20 03 2003 EDIFICI ESISTENTI IN MURATURA parte 5 1 Interventi di riabilitazione di edifici esistenti in muratura in zona sismica.

Dettagli

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE Il Manuale della Presagomatura 49 5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE La posa in opera delle armature è un operazione di grande importanza dal punto di vista della qualità, durabilità

Dettagli

Indice. ET - Engineering Tools.

Indice. ET - Engineering Tools. <S.T.A. DATA srl> RINFORZI MURATURE 3 Indice Parte I ET - Engineering Tools 4 1 Area... pulsanti di controllo 6 2 Area... elenco moduli installati 7 3 Area... elenco lavori realizzati 8 4 Area... anteprima relazione 9

Dettagli

LEGGEREZZA E COMFORT

LEGGEREZZA E COMFORT I TEMI TRATTATI STRUTTURALE ABITATIVO steelmax by TM INNOVATIVO CONCETTO DI COSTRUZIONE steelmax PERCHE INNOVATIVO? SISTEMA COSTRUTTIVO LEGGERO: 1) costituito profili sottili in acciaio formati a freddo

Dettagli

La massima considerazione della tradizione edilizia, nel rispetto della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico, con particolare

La massima considerazione della tradizione edilizia, nel rispetto della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico, con particolare La massima considerazione della tradizione edilizia, nel rispetto della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico, con particolare attenzione alla ricerca nel campo dell innovazione tecnologica,

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE

Dettagli

Statica per l edilizia storica

Statica per l edilizia storica Statica per l edilizia storica Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Architettura A.A. 2013-2014 Prof. ing. Antonio Cazzani, Dr. ing. Flavio Stochino antonio.cazzani@unica.it

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Il disegno delle strutture portanti. Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi

Dettagli

Appoggi per l edilizia Kilcher

Appoggi per l edilizia Kilcher Appoggi per l edilizia Kilcher Deforma Limitgliss Teflon Con l installazione degli appoggi Kilcher è possibile evitare la formazione di crepe nelle costruzioni dovute a deformazioni e torsioni angolari

Dettagli

Generalità sui provvedimenti tecnici

Generalità sui provvedimenti tecnici 14 Problemi Strutturali dei Monumenti e dell Edilizia Storica Immagini lezioni 2012 Generalità sui provvedimenti tecnici fuori piano arch. Mariateresa Guadagnuolo 1 Sintesi schematica di dissesti da sisma

Dettagli

XYLEVO by Brunofranco SCHEDA TECNICA SISTEMA MODULARE COMPONIBILE. Costruire in modo ecologico per vivere meglio.

XYLEVO by Brunofranco SCHEDA TECNICA SISTEMA MODULARE COMPONIBILE. Costruire in modo ecologico per vivere meglio. XYLEVO by Brunofranco SCHEDA TECNICA SISTEMA MODULARE COMPONIBILE Costruire in modo ecologico per vivere meglio. Nordtex nasce dall'unione di imprenditori attivi nel settore dell'edilizia che promuovono

Dettagli

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M.

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. Il patrimonio storico in Italia è largamente costituito da fabbricati e monumenti in muratura. Le tipologie costruttive e i materiali utilizzati sono i più vari (pietrame

Dettagli

Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota

Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota Ricercatore di Tecnica delle Costruzioni Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università degli Studi

Dettagli

Come calcolare il rinforzo di un edificio in tufo con il sistema FIBREBUILD FRCM della FIBRE NET srl

Come calcolare il rinforzo di un edificio in tufo con il sistema FIBREBUILD FRCM della FIBRE NET srl Come calcolare il rinforzo di un edificio in tufo con il sistema FIBREBUILD FRCM della FIBRE NET srl Ing. Enrico Zanello, Fibre Net srl La maggior parte delle costruzioni esistenti nei centri storici delle

Dettagli