Golf Club Le Fonti. Sillaro crea fra le prime colline appenniniche,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Golf Club Le Fonti. Sillaro crea fra le prime colline appenniniche,"

Transcript

1 20 GOLF Golf Club Le Fonti di ANTONIO RANA Il Golf Club Le Fonti è un campo di proprietà del Comune di Castel San Pietro Terme, nella provincia di Bologna, e si trova a metà strada fra Bologna e Imola. Il campo è adagiato all inizio della valle che il torrente Sillaro crea fra le prime colline appenniniche, subito alle spalle del borgo comunale. Il campo, inaugurato nel 1999, è nato grazie alla tenacia dell allora dirigente comunale arch. Ivano Serrantoni, che ha progettato il campo e seguito l iter dell ottenimento dei permessi. Per avere informazioni più dettagliate sulla struttura e sulla gestione del golf club abbiamo intervistato Giovanni Nava, greenkeeper del circolo.

2 GOLF 21 LE SCELTE CORRETTE DI ESSENZE Sin dalla fase di progettazione del campo si sono attuate scelte che permettessero all impianto sportivo di possedere caratteristiche di ecocompatibilità e di corretto inserimento con l ambiente circostante. In particolare, si sono scelte specie e varietà di essenze prative idonee e che manifestassero buona resistenza ai patogeni, in modo da minimizzare l uso di fitofarmaci. Queste scelte, aiutate dal clima ostico allo sviluppo di malattie fungine, grazie alle correnti di aria temperata e asciutta che scendono lungo la valle del Sillaro, hanno ripagato permettendo una manutenzione che usa un quantitativo irrisorio di anticrittogamici: è sufficiente pensare che in 12 anni di manutenzione è stato effettuato di solito un solo trattamento fungicida all anno, e solo su uno dei 63 ettari di verde di cui è costituito il campo da golf. Altri parametri perseguiti sono stati quelli della rusticità, relativa a modeste esigenze nutrizionali e idriche. Le integrazioni di seme necessarie nelle aree non irrigate dopo le estati più calde e meno piovose, sono state realizzate ricercando varietà più resistenti e meno esigenti. Questo è stato necessario anche per le aree irrigate: infatti, è impossibile utilizzare acque del sottosuolo essendo il campo inserito in un contesto termale, ma è indispensabile impiegare solo acque prelevate dal torrente limitrofo durante l inverno, stoccate in appositi bacini di accumulo. Ciononostante, in annate siccitose, i quantitativi di acqua accumulata non sono stati sufficienti. Di qui la necessità di prevedere una conversione floristica, che verrà realizzata nel corso del 2013, utilizzando il sistema Erbavoglio della ditta Pacini, ovvero porzioni di pianta (stoloni) prevegetate in piccoli pani di terriccio e inseriti nel terreno con apposite macchine trapiantatrici. Sono in atto delle ricerche per valutare quale tipologia di Cynodon ibrido utilizzare, ma la scelta dovrebbe essere limitata fra Tifway 419 e Patriot. Fin dai primi anni dell impianto si sono realizzate alcune sperimentazioni su diverse specie e varietà di piante erbacee, per valutare quali di queste rivestano le caratteristiche di maggior adattabilità al clima del sito: in questo periodo si stanno testando delle macroterme, per valutare quali usare per la conversione floristica.

3 22 GOLF COMPOSIZIONE DELL AREA DI GIOCO Area di gioco Superficie Specie presenti Green mq Agrostis stolonifera var. L93 Tee e fairway 9,5 Ha Mix classico Lolium perenne, Poa pratense e Festuca rubra commutata, con contaminazioni di gramigna comune e Poa annua Surround green tee e bunker 2 Ha Poa pratense e festuche rubre Rough e prerough Circa 30 Ha Festuca arundinacea (varietà, Villageoise, Arid 3, Durango) e parzialmente Lolium perenne Aree marginali e cespugliate Circa 20 Ha Festuche varie (arundinacea, rubra e duriuscula) Per promuovere un certo grado di biodiversità, si sono prese alcune decisioni che influenzano l aspetto e la cura del campo. È il caso del reinserimento di piante arbustive e creazioni di siepi; l introduzione per tutte le nuove messe a dimora di specie arboree, di sole piante autoctone (a esclusione delle aree limitrofe agli edifici); la creazione di una piccola area naturalizzata, recintata, di particolare interesse faunistico e paesaggistico, in cui si effettuano solo manutenzioni di pulizia e di promozione dello sviluppo delle piante nate spontaneamente; la creazione di alcune aree tampone, gestite a bassa manutenzione, per permettere il riparo della fauna selvatica presente. Proprio in questo ambito all interno dei confini del circolo sono state rintracciate aree adatte al rimboschimento (la Provincia ha insediato qui circa 3 ettari di fasce arborate, nell ambito del programma di riqualificazione periurbana). Sempre con questo obiettivo circa altri 3 ettari sono lasciati senza manutenzione nel periodo primaverile-estivo, per garantire agli animali selvatici delle aree di riparo.

4 GOLF 23 Giovanni Nava, greenkeeper. LA MANUTENZIONE DEL TAPPETO ERBOSO Dal punto di vista agronomico e manutentivo si cerca di instaurare delle metodologie che possano rivestire carattere di ecocompatibilità e di rispetto del contesto ambientale: ad esempio la restituzione al campo dei residui del taglio, aumentare la frequenza dei tagli, al fine di minimizzare la nascita di infestanti, operando quindi un controllo meccanico che riduce quello chimico. La manutenzione è stata affidata in appalto ad una ditta locale, la CIMS Cooperativa Intersettoriale Montana di Sassoleone (BO), da tempo specializzata nella cura del verde urbano e boschivo. La cooperativa ha in carico il personale e i macchinari, oltre a carburanti, lubrificanti, ricambi e manutenzione macchinari. L acquisto e la scelta di fitofarmaci, concimi, sementi e inerti sono invece a carico del circolo. La cooperativa garantisce un numero minimo di personale, scegliendo all occorrenza di incrementarlo. In ogni caso il personale presente è già esperto del campo e la manutenzione ordinaria è sempre affidata a personale fisso sul cantiere. I piani manutentivi sono decisi in accordo fra il superintendent del circolo e il responsabile del cantiere, anch egli diplomato superintendent. Il tutto è regolato da un contratto d appalto. IL SUBSTRATO Per quanto riguarda la composizione dell area da gioco, i green sono costruiti su mix sabbia torba in ragione di una percentuale 80/20, per una profondità media di 30 cm, sotto il quale si trovano 10 cm di ghiaia fine e drenaggi a spina di pesce. Le caratteristiche del terreno naturale su cui è stato costruito il resto del campo non erano ottimali: la prevalenza di argille derivanti dalle colline calanchive e il limo delle piane alluvionali del torrente limitrofo creano un substrato pesante, ma drenante grazie alla presenza di scheletro e allo sfruttamento del movimento del terreno per raccogliere ed indirizzare l acqua piovana verso i bacini idrici. Durante la costruzione è stato necessario un grande lavoro di interramento dello scheletro e di raccolta manuale di quanto non interrato dai macchinari. È stato poi necessario intervenire con numerosi drenaggi sotterranei realizzati con tubo drenante ghiaia e sabbia. Tee e fairway nel corso degli anni, sono stati oggetto di ripetute sabbiature con sabbia a basso tenore di calcare fino a produrre un deposito superficiale di circa 2 cm. LAVORAZIONI AGRONOMICHE Le principali lavorazioni agronomiche riguardano taglio, carotature, verticut, sabbiature, riparazione dei divots (i danni causati dai colpi dei giocatori), risemine, cambio delle buche, rastrellatura dei bunker, spostamento dei tee marker, cura dei vivai e del campo pratica, nonché cura degli specchi d acqua e dei fossi. Nei mesi di gennaio, febbraio e dicembre, i tagli si effettuano in funzione della crescita dell'erba o della necessità di pulizia e levigatezza della superficie - se le condizioni climatiche e del percorso lo permettono - su richiesta del superintendent o della committenza. Prima di aprile e dopo ottobre nei fairway si fanno 1 o 2 tagli settimanali che salgono a 3 nel periodo intermedio. Nei green si effettuano in marzo almeno 3 tagli la settimana, in aprile e in ottobre almeno 4, 6 o meglio 7 da fine aprile fino al termine di settembre in funzione delle operazioni agronomiche accessorie, quali sabbiature, concimazioni, carotature e quant'altro si renda necessario. La frequenza di taglio dei tee è di 1 o 2 alla settimana a febbraio, marzo e novembre, da 2 a 3 alla settimana da marzo a ottobre. I semirough necessitano di 1 o 2 tagli settimanali da aprile a ottobre. Per i rough il taglio avviene in funzione della crescita del tappeto erboso, delle infestanti e in funzione delle necessità del gioco (calendario gare).

5 24 GOLF Le carotature si effettuano nei green una volta in autunno e una volta in primavera e, se le condizioni di traffico e costipazione del percorso lo richiederanno, anche un altro intervento primaverile e uno autunnale. Nei tee avvengono una o due volte l'anno, se le condizioni di traffico e costipazione del percorso lo richiedono. Nei fairway carotatura e sabbiatura sono realizzate, se richieste dalle condizioni del percorso, due volte all'anno. Nei rough questa operazione avviene in primavera e autunno con particolare riferimento alle zone degradate. La data di esecuzione delle carotature è concordata in dipendenza del clima e del calendario gare. Si ritiene peraltro scontato che la sabbiatura dei fairway, non per forza ALTEZZE DI TAGLIO (MM) Superficie Bassa stagione Alta stagione (ottobre-aprile) (maggio-settembre) Fairway Green 3, ,5 Tee Semirough Rough legata alla carotatura, sia una pratica comunque necessaria con frequenza stabilita dalla committenza. Eventuali incrementi di tali lavorazioni devono essere effettuate a insindacabile giudizio della committenza senza per questo modificare l importo forfettario di contratto. I verticut avvengono almeno 15 volte all anno nei green, tre volte nei tee e almeno due volte (autunno e primavera) nei fairway. Eventuali incrementi di tali lavorazioni devono essere effettuate a insindacabile giudizio della committenza senza per questo modificare l importo forfettario di contratto. Per quanto riguarda le sabbiature, per i green devono avvenire una o due abbondanti dopo ogni carotatura, più altre leggere alla bisogna, per permettere il livellamento della superficie (non uniforme nei green di nuova costruzione) fino a circa 20 operazioni all'anno. Per i tee devono avvenire almeno tre volte all anno, per i fairway due volte all anno e per i rough in primavera ed in autunno con particolare riferimento alle zone degradate. Anche in tal caso, eventuali incrementi delle lavorazioni di cui sopra debbono essere effettuate a insindacabile giudizio della committenza senza per questo modificare l importo forfettario di contratto. Le riparazioni dei divot sui tee sono effettuate non meno di una volta ogni 15 giorni in bassa stagione e ogni settimana in alta stagione, mentre nei fairway non meno di una volta ogni 30 giorni in bassa stagione e ogni due settimane in alta stagione. Le risemine sono su richiesta dalla committenza. Possono essere localizzate o generalizzate allo scopo di incrementare la qualità del tappeto erboso e/o di provvedere al ripristino di porzioni di tappeto erboso danneggiate o degradate. Per quanto riguarda il cambio delle buche, queste vengono spostate almeno per ogni gara se le condizioni del

6 GOLF 25 suolo lo permettono, e comunque ogniqualvolta la salute del tappeto e la giocabilità del green lo rendano necessario. La rastrellatura dei bunker, per livellarli, si effettua ogniqualvolta le condizioni della sabbia lo richiedano, e comunque sempre nelle 24 ore che precedono le gare, con un minimo di una volta a settimana. Qualora la nascita di infestanti lo rendesse necessario, la macchina deve essere dotata di apposito coltivatore per estirparle. Due volte l'anno, o se necessario con maggiore frequenza, si realizza il ricarico con sabbia di quei bunker nei quali lo strato sabbioso si sia assottigliato. Nei bunker in cui la sabbia è stata contaminata con un eccesso di terra, o in cui è creato uno strato impermeabile sui drenaggi, va previsto lo svuotamento e il ricarico con materiale nuovo. Lo spostamento dei tee marker ha la funzione di garantire la salute del tap-

7 26 GOLF peto erboso e si effettua seguendo le indicazioni fornite dalla segreteria del circolo. Per quanto riguarda la cura dei vivai e del campo pratica, i vivai sono oggetto di manutenzioni assimilabili a quelle indicate per i tee, così come il battitore del campo pratica è assimilato alla manutenzione dei fairway, e i green di pratica sono assimilati agli altri green. Il driving range viene tagliato in funzione della crescita del tappeto erboso, per garantire sia la resa estetica che l'agevolazione delle operazioni di raccolta delle palline. Infine, non manca l attenzione per la cura degli specchi d acqua e dei fossi. A tale proposito, si garantisce la corretta pulizia di tutto il perimetro dei laghetti, interni ed esterni al percorso con taglio periodico (minimo una volta al mese nei periodi di crescita, salvo le aree di particolare interesse al gioco il cui lo sfalcio deve avvenire con la frequenza dei fairway). Il taglio viene effettuato da riva tramite decespugliatore e macchine rotative o con altre attrezzature adatte alla finitura superficiale desiderata. Qualora insorgessero problemi di eutrofizzazione o di ristagno degli invasi, vengono proposte alla proprietà le opportune tecniche per il controllo della proliferazione di infestanti acquatiche. Si deve inoltre provvedere alla risistemazione delle sponde erose o deteriorate mediante il riporto di terreno adeguato e riseminato, o con eventuale posa in opera di materiale lapideo reperito all interno del campo o acquistato a cura e spese del committente. I PRODOTTI PER LA GESTIONE E LA CURA DEL VERDE Il campo è di proprietà pubblica, quindi le acquisizioni di materiali sono affidate a gare d appalto: i prodotti vengono valutati in base alle caratteristiche e organizzati in una classifica fatta sulla base di somme pesate. I parametri considerati, oltre al prezzo, sono i titoli, i materiali di origine, la durata dell effetto (lenta cessione e cessione programmata), la presenza di ferro (colorazione), la dimensione ed uniformità dei granuli (in particolare per quelli da green), la presenza di meso e microelementi, la polverosità, il confezionamento, e visto il periodo di crisi anche le forme/tempi di pagamento. In base a questi dati si cerca di ottenere la migliore stima del più alto rapporto di qualità/prezzo. Negli anni si sono utilizzati concimi professionali di varie ditte presenti nel settore: Herbatech, Tempoverde, Universal Manure, Everris. Nella stagione in corso la maggior parte dei prodotti sono stati acquisiti dalla ditta Agrico, esclusivista per il golf dei prodotti Everris e in parte dalla ditta Tempoverde, relativamente a prodotti della linea Nature Lab. La preferenza a Everris viene data oltre che in base al rapporto qualità prezzo, anche per la gestione del colore e la grande durata dell effetto. Sulla base dei titoli e della solubilità degli elementi nutritivi, si cerca di assecondare le esigenze del tappeto erboso: idealmente, a fronte di un piano agronomico impostato su un rapporto NPK 5:1:4 per quanto riguarda green, collar tee e fairway, si lavora su una tempistica dettata dall andamento climatico. In breve, si comincia ad inizio primavera con prodotti a pronto effetto per stimolare il green up. Si prosegue con concimazioni di mantenimento, con prevalenza di azoto a lenta cessione. Si prevengono gli stress estivi con concimazioni a basso titolo di azoto e alto di potassio, avendo cura di gestire il ferro per mantenere una colorazione ottimale. Si asseconda la richiesta di ripresa in corrispondenza dell abbassamento delle temperature (fine agosto/primi di settembre). Si prosegue con concimazioni di mantenimento, sempre con azoto a lenta cessione, e/o poi concludere con una concimazione ad alto titolo di potassio per proteggere dagli stress da bassa temperatura ed alta umidità. Questo tipo di nutrizione viene per quanto possibile realizzato con numerosi trattamenti a basso dosaggio, in particolare sui green, dove eccessi di concimazione vanno spesso a creare il problema di una bassa velocità di rotolamento. Sembra paradossale, ma sul rough secondario si usano spesso i concimi a più alta tecnologia, proprio per sfruttare al massimo i periodi freschi e piovosi e non correre il rischio di subire diradamenti essendo aree nelle quali il ripristino è più difficoltoso. Frequenze di concimazione Superficie N di applicazioni per anno Green (ca mq) 10 Tee 8 Fairway (ca mq) 6 Rough I 3 Rough II 2 Per quanto riguarda l uso di diserbanti, si utilizzano prodotti contro le dicotiledoni in primavera, con eventuali richiami localizzati in autunno: durante i primi anni il quantitativo di erbicidi usati è stato in calo. In un secondo tempo però, la scelta di creare una fitta serie di aree naturalizzate interne al

8 GOLF 27 campo, ha elevato il numero delle infestanti e differenziato le specie presenti. Non sono mai stati effettuati trattamenti a calendario, ma sempre rispondendo ad una logica di soglia di intervento, soprattutto per impedire una maggior diffusione delle malattie, e dover poi intervenire su aree più ampie. Laddove sia stato necessario, si sono privilegiati i trattamenti localizzati. La maggior parte dei principi attivi vengono approvvigionati dalle ditte Agrico, Green Ravenna e dal rivenditore locale Progeo. La preferenza ad Agrico dipende dal fatto che offrono formulazioni sempre efficaci e grande attenzione al mercato specifico dei tappeti erbosi, sempre con nuove registrazioni. Nel caso di Green Ravenna la scelta dipende dal fatto di offrire ottimi prezzi, gamma specifica molto ampia e differenziata. I principi attivi usati, nel corso degli ultimi tre anni sono stati gli anticrittogamici propiconazolo, tebuconazolo, piraclostrobina, gli erbicidi miscele mcpp+dicamba, triclopyr+fluroxipyr, 2,4D+dicamba+mcpp+mcpa. Dentro i bunker sono stati utilizzati gliphosate 2 volte all anno sulle strade interne e sui ricacci della gramigna. Per gli insetticidi, il principio attivo usato è stata la deltametrina. La superficie totale dell impianto per il quale è previsto il servizio di manutenzione è di circa 59 mila metri quadri, oltre le aree esterne. Tutte le concimazioni si intendono realizzate con concimi professionali per il golf, alle dosi e composizioni specifiche per ottimizzare lo stato estetico e fitosanitario del tappeto erboso, e potranno variare a insindacabile giudizio della committenza. Per i substrati di semina e riparazione il golf club si rivolge ad Herbatech e HC di Crivellaro Angelo. Le sementi vengono scelte dopo attenta selezione delle caratteristiche varietali in base a test universitari e spesso in base a valutazione delle performance valutate in loco con parcelle di valutazione. Negli ultimi anni si sono approvvigionati da Bottos Sementi, Herbatech, Tempoverde e Universal Manure. Tipologia di prodotti Voto Concimi Everris 10 Herbatech 8 Tempoverde 8 Universal Manure 8 Diserbanti Agrico 8 Green Ravenna 8 Substrati Herbatech 8 HC di Crivellaro Angelo 7 Sementi Bottos Sementi 8 Herbatech 8 Tempoverde 8 Universal Manure 8 LA SUPERFICIE IRRIGUA L impianto d irrigazione serve una superficie nominale di circa 15 ettari (che salgono a 24 ettari calcolando le aree irrigate solo in parte, senza sovrapposizione della copertura). È un sistema computerizzato tipo site pro della Toro, con 4 anelli monocavo e decoder. Il sistema di distribuzione è garantito da circa 600 irrigatori pop-up da 90 litri minuto (Toro730, dt30, 835, installati a triangolo a 19 metri) per green e fairway, e 40 settori a block system che comandano i tee ed alcuni surround (Toro 2001 installati a 17 metri a triangolo), installati dalla ditta Scarabelli. Ripartizione percentuale della spesa destinata a opere di manutenzione (dati in % - base euro) Il sistema è tarato per il funzionamento in base alla evapotraspirazione potenziale (ETP) che viene stimata giornalmente, e prevede un apporto medio di 4 mm (ogni 2 giorni aprile-giugno e settembre) che viene aumentato fino a 4,4 mm nei periodi più caldi. Nei restanti mesi primaverili ed autunnali l apporto irriguo è fatto in base a valutazioni soggettive dello stato del tappeto erboso. Sono presenti inoltre una ventina di linee d irrigazione a goccia a servizio di siepi ed aree arbustive. La centrale di pompaggio è governata da un sistema PLC/Inverter che comanda una pompa pilota per le piccole utenze, una pompa sotto inverter da circa 900 /min, più una serie di altre pompe a rotazione (4). La capacità massima è stimata in 2300 l/minuto. Il sistema è dotato di un filtro autopulente per il controllo dei molluschi bivalve, presenti in natura nei corpi d acqua locali, (che tendono a invadere vasca di pompaggio, tubazioni, organi di presa, ecc.). CENTRI, OPERE E SPESE DI MANUTENZIONE Le spese medie di manutenzione annua ammontano a circa mila euro. Le voci più significative riguardano, nell ordine, i concimi, la corrente elettrica per l irrigazione ed i costi per sabbie ed inerti. Seguono le spese sostenute per le sementi, la manutenzione dell impianto di irrigazione ed i costi per terricci e piante.

9 28 GOLF Tipologia di macchine Descrizione Macchine da taglio Green IL PARCO MACCHINE Nella scelta dei macchinari è stato usato il criterio di massimizzare la vicinanza del servizio di distribuzione e assistenza, pertanto il principale punto di riferimento è il Consorzio Agrario di Bologna e Modena. In particolare, visto che John Deere sceglie un solo centro regionale per seguire i macchinari specifici dei golf, il centro specializzato di riferimento è il Garden Cap di Lugo, dove Giuseppe Totti sa come far curare dalla sua squadra manutentiva la delicata regolazione degli apparati falcianti elicoidali (rettifiche, lappature, ecc). Le macchine che ottengono la votazioni massime sono la macchina da taglio John Deere 2500B diesel con 7 lame per la versatilità, i veicoli leggeri di John Deere Gator XUV 4x4 per velocità ed affidabilità, il trattore John Deere 4720 per comodità, ottima dotazione e buona gestione della potenza, nonché la bucatrice da green e fairway Wiedemann XP carrellata adatta a lavorare anche in condizioni difficili. Voto 2 John Deere 2500B Diesel con elementi 11 lame Speed link. Accessori: elementi da verticut e rulli vibranti 9 Green tornei 1 John Deere 220b 8 preparazione tornei Green dopo lavorazioni Ramsomes Super certes 61cm 6 (sabbiatutra, carotatura) Collar, apron e tee 1 John Deere 2500B Diesel con elementi 7 lame 10 Fairway 2 John Deere 7700 Diesel con elementi 7 lame Speed link 9 Prerough e surround John Deere 2653C Diesel con elementi 7 lame 9 Rough John Deere 1600 turbo diesel 8 Rough John Deere wd Diesel 9 Accessorio Movimentazione personale lama da neve Veicoli leggeri 2 John Deere Gator XUV 4x4 10 Veicoli polifunzionali 2 John Deere Progator con accessori: 9 sabbiatrice John Deere TD100 9 spandiconcime a braccio oscillante Gamberini (trasmissione idraulica) 8 Manutenzione bunker 2 John Deere 1200 benzina 9 Botte trattamenti 1 Progator con botte 600 lirti, barra multijet da 6 metri, schiumatore, lavaflaconi e lancia. Cabina pressurizzata con filtro a carboni attivi 9 Trattori 1 John Deere BCS Vanguard 8 Accessori trattori Spandiconcime Gamberini doppia ventola 8 Soffiatore Movimentazione inerti Minipala Hitachi con benna 0,3MC e forche per pallets 8 Spandisabbia Valentini R25 Caricatore Gamberini con nastro trasportatore 7 Bucatrici Da green John Deere Aercore Da green e fairway Wiedemann XP carrellata 10 Levazolle Ryan Junior sod cutter 9 Altro 4 decespugliatori spalleggiati Befco 2 decespugliatori ad asta rigida Stihl Soffiatore spalleggiato Stihl 2 tosaerba hovercraft Flymo IDENTIKIT GOLF CLUB LE FONTI REALIZZAZIONE Il campo è stato realizzato in base ad una convenzione pubblico/privato, grazie alla quale un imprenditore locale, al fine di avere dell edificabilità abitativa nei pressi del golf e una edificabilità industriale/artigianale nei pressi del casello autostradale, ha costruito e donato al comune l intero complesso del campo e della club house, oltre ad un contributo pari alla manutenzione dei primi 7 anni. Il campo insiste su una superficie di 64 ettari complessivi, su terreni destinati in precedenza a incolto, a vasche di decantazione di cave, e solo in parte ad agricoltura. Dal 1999 in poi il campo Circolo de le Fonti è stato in grado di organizzare un elevato numero di competizioni, anche a livello internazionale, (Alps Tour e Qualifying Shool del Tour Femminile Europeo), fino a diventare un Centro Tecnico Femminile della Federazione Italiana Golf. Ora il circolo ha più di 700 soci, ed organizza più di 150 gare all anno. INFORMAZIONI CLIMATICHE Il clima locale è caratterizzato da una piovosità e da un umidità media inferiore alla media della pianura padana e dell area della pianura bolognese (spesso inferiore agli 800 mm), mentre la ventosità è superiore alla media, in particolare durante la primavera, con prevalenza di venti provenienti dal quadrante sud sud ovest. Anche il numero di giorni di nebbia è di solito inferiore alla media dell area bolognese. Le escursioni termiche annuali possono essere anche molto elevate, con eventi sporadici al di sotto dei - 10 C e ripetuti picchi estivi vicini ai 40 C nel mese di luglio. TAPPETO ERBOSO Sin dalla fase di progettazione del campo si sono attuate tutta una serie di scelte che potessero permettere all impianto sportivo di rivestire delle caratteristiche di ecocompatibilità e di corretto inserimento con l ambiente circostante, con particolare attenzione all insediamento delle specie e delle varietà di tappeto erboso idonee.

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI PRESEMINATO è il biotessile preseminato, interamente biodegradabile, contenente sementi di prima qualità, fornito in rotoli, che consente la realizzazione di inerbimenti in varie situazioni a seguito della

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

COMUNE di QUARTO. (Provincia di Napoli)

COMUNE di QUARTO. (Provincia di Napoli) COMUNE di QUARTO (Provincia di Napoli) LAVORI DI POTATURA ALBERI, MANUTENZIONE ORDINARIA DI AREE A VERDE PUBBLICO ATTREZZATE, PLESSI SCOLASTICI, CIGLI STRADALI ED AREE SPARTITRAFFICO ALLEGATO 1 PRESTAZIONE

Dettagli

Università degli Studi di Torino Facoltà di Agraria. Pietro Piccarolo. Realizzazione e gestione del verde pubblico

Università degli Studi di Torino Facoltà di Agraria. Pietro Piccarolo. Realizzazione e gestione del verde pubblico Realizzazione e gestione Quando si progetta e realizza un area verde, non si può prescindere da quella che sarà la sua gestione. Una manutenzione inadeguata infatti, porta inevitabilmente al degrado dell

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli S ERVIZIO E COLOGIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO MANUTENZIONE ORDINARIA DEL PATRIMONIO VEGETALE E DISERBO STRADALE SUL TERRITORIO DI PROPRIETA COMUNALE

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

Vredo Traseminatrici. i l vero l avo r o!

Vredo Traseminatrici. i l vero l avo r o! Vredo Traseminatrici i l vero l avo r o! Perché la trasemina? Nel mese di luglio 1976 l estate è stata molto siccitosa, i pascoli si erano inariditi, il raccolto di erba scarso e si correva il pericolo

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO DISCIPLINARE TECNICO DEL PROGETTO DI SPONSORIZZAZIONE MANUTENZIONE ORDINARIA E RIQUALIFICAZIONE DEL VERDE DELLA ROTATORIA SITA TRA VIALE BOLANO-VIA LINERI-VIA FELICE FONTANA-VIA PALERMO. Il Dirigente del

Dettagli

MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO

MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO SOLUZIONI PROFESSIONALI PER LA GESTIONE DEL PRATO MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO Marciume Rosa Invernale (Microdochium nivale) Malattia tipica della stagione invernale SINTOMI Si manifesta al principio con

Dettagli

Catalogo tappeti erbosi Passion for grass

Catalogo tappeti erbosi Passion for grass Catalogo tappeti erbosi Passion for grass Great in Grass Indice Passion for Grass 4 Focus su qualità e conoscenza 6 RPR - Lolium perenne auto-rigenerante 8 Water Saver - Il prato con meno acqua 10 Parchi

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Cereali: tecnica colturale del frumento

Cereali: tecnica colturale del frumento Cereali: tecnica colturale del frumento Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tecnica d impianto Scelta varietale 1. Qualità e destinazione del prodotto

Dettagli

Capitolato d oneri per la manutenzione del verde pubblico

Capitolato d oneri per la manutenzione del verde pubblico Città di Tricase Prov. di Lecce Settore Ambiente, SIT, Espropriazioni, Manutenzioni, Energia Capitolato d oneri per la manutenzione del verde pubblico Allegato C Principali attività' oggetto dell'appalto

Dettagli

IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA

IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA Con il patrocinio di 14 SETTEMBRE 2015 IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA Relatore: ing. Umberto Niceforo direttore Consorzio Brenta Le radici nella geografia e nella storia

Dettagli

SISTEMA MODULARE PER LA REALIZZAZIONE DI BACINI DI ACCUMULO E DI DRENAGGIO. drainpanel. soluzione innovativa per la gestione delle acque

SISTEMA MODULARE PER LA REALIZZAZIONE DI BACINI DI ACCUMULO E DI DRENAGGIO. drainpanel. soluzione innovativa per la gestione delle acque SISTEMA MODULARE PER LA REALIZZAZIONE DI BACINI DI ACCUMULO E DI DRENAGGIO drainpanel soluzione innovativa per la gestione delle acque ALTA CAPACITÀ DRENANTE RESISTENTE SOVRAPPONIBILE w w w. g e o p l

Dettagli

EDIZIONE 1 / Volume 3

EDIZIONE 1 / Volume 3 EDIZIONE 1 / Volume 3 Raccomandazioni per l impiego di elementi grigliati per pavimentazioni erbose e per il consolidamento dei terreni e criteri per la valutazione della qualita di tali prodotti ASSOBETON

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DELLA CONVENZIONE L Azienda Ospedaliera di Padova (A.O.) affida per il periodo dal 01/11/2011

ART. 1 OGGETTO DELLA CONVENZIONE L Azienda Ospedaliera di Padova (A.O.) affida per il periodo dal 01/11/2011 CAPITOLATO TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE ZONE ERBOSE PER L AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA E l OSPEDALE DI CONSELVE (PD) PER UN PERIODO CONTRATTUALE

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

I Istruzioni di installazione e manutenzione per serbatoio per acque piovane GRAF, serie Carat -S-

I Istruzioni di installazione e manutenzione per serbatoio per acque piovane GRAF, serie Carat -S- I Istruzioni di installazione e manutenzione per serbatoio per acque piovane GRAF, serie Carat -S- 2700 L codice 66015L 3750 L codice 66014J 4800 L codice 65741M 6500 L codice 65742P Italiano I punti descritti

Dettagli

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11. (Aggiornamento 31.03.2004) 1 Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 NORME REGOLAMENTARI 1. AMBITI DI

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

L IDRODINAMICA AL SERVIZIO DELLA CITTA PER LA SALVAGUARDIA DELL AMBIENTE

L IDRODINAMICA AL SERVIZIO DELLA CITTA PER LA SALVAGUARDIA DELL AMBIENTE L IDRODINAMICA AL SERVIZIO DELLA CITTA PER LA SALVAGUARDIA DELL AMBIENTE L AMBIENTE ALLA BASE DELL OPERATIVITA Anni di sviluppo e prove dirette sul campo ci hanno portato a realizzare e successivamente

Dettagli

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 TECNOZOO, AL FIANCO DEGLI ALLEVATORI DAL SEME AL PRODOTTO FINITO! SOMMARIO SORGO IBRIDO DA SFALCIO KARIM Pag 4 SORGO GENTILE

Dettagli

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura AGRICOLTURA E AMBIENTE BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura Soggetto ATTUATORE Soggetti PROMOTORI il PROGettO BOSCO rende disponibile un ampia e diversificata

Dettagli

Attrezzatura MINIPALE MULTIFUNZIONE VOLVO

Attrezzatura MINIPALE MULTIFUNZIONE VOLVO Attrezzatura MINIPALE MULTIFUNZIONE VOLVO Volvo si accontenta solo del meglio Probabilmente avete scelto una minipala multifunzione Volvo perché volevate il meglio. Allora perché scendere a compromessi

Dettagli

PAVIMENTAZIONI DRENANTI

PAVIMENTAZIONI DRENANTI PAVIMENTAZIONI DRENANTI INDICE pag 3 IL PROBLEMA pag 15 DRY-BETON pag 4 LA SOLUZIONE pag 19 DRENO-BETON pag 5 CARATTERISTICHE TECNICHE pag 21 BORGO VENETO-FILTER pag 7 CERTIFICAZIONI pag 23 GRIGLIATO 50X50

Dettagli

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Per il terzo anno il Consorzio Brenta arriva al prestigioso traguardo dell approvazione del Bilancio Ambientale, introdotto in modo innovativo

Dettagli

tecnologia per il vivaio www.orlandigroup.it

tecnologia per il vivaio www.orlandigroup.it it tecnologia per il vivaio www.orlandigroup.it in collaborazione con i nostri prodotti Spuntatrice Taglio Sferico Rap 10 Rap 205 Rap 206 Rap 300 Rap 310 Rap 350 Rap 1000 Rap 3000 Rap Carosel Spuntatrice

Dettagli

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini GEOGRAFIA facile per la classe quarta Le carte geografiche, il tempo

Dettagli

TECNICHE ANTINCENDIO LE POMPE ANTINCENDIO. Nozioni base ed indicazioni pratiche sulle POMPE AD USO ANTINCENDIO, TUBAZIONI E LORO UTILIZZO

TECNICHE ANTINCENDIO LE POMPE ANTINCENDIO. Nozioni base ed indicazioni pratiche sulle POMPE AD USO ANTINCENDIO, TUBAZIONI E LORO UTILIZZO TECNICHE ANTINCENDIO LE POMPE ANTINCENDIO Nozioni base ed indicazioni pratiche sulle POMPE AD USO ANTINCENDIO, TUBAZIONI E LORO UTILIZZO Vol AIB ProCiv Castelli Calepio Alcune considerazioni poco

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE Geoplast www.geoplast.it Ciclo naturale dell acqua La gestione delle acque meteoriche è importante al fine di ripristinare il naturale ciclo dell

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

Vuoi un aiuola sul terrazzo?

Vuoi un aiuola sul terrazzo? AIUOLE COMPONIBILI MODULARTE For creative garden solutions MODULARTE progetta e produce vasi e fioriere personalizzabili e componibili in svariate gamme di colori, formati e diversi materiali di finitura.

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

CALCIOCIANAMIDE. COMPOSIZIONE CONCIME CE AZOTO (N) totale 19,8% di cui nitrico 1,5% OSSIDO DI CALCIO (CaO) 50% CONFEZIONI:

CALCIOCIANAMIDE. COMPOSIZIONE CONCIME CE AZOTO (N) totale 19,8% di cui nitrico 1,5% OSSIDO DI CALCIO (CaO) 50% CONFEZIONI: CALCIOCIANAMIDE NITRATA GRANULARE È un prodotto microgranulare azotato ideale per ogni coltura orticola, frutticola e floricola; particolarmente indicata per terreni a ph acido svolge un azione fertilizzante

Dettagli

Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani

Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani Comune di Giuliano Teatino Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani 100% compostaggio domestico ANALISI DELLE CRITICITÀ E PROPOSTE RISOLUTIVE PER LE UTENZE

Dettagli

Bilancio (PROVA) DESCRIZIONE AZIENDA

Bilancio (PROVA) DESCRIZIONE AZIENDA Bilancio (PROVA) L imprenditrice agricola professionale xxxxx possiede e gestisce un fondo di circa 45 ettari situato nel comune di xxxxx, provincia di xxx. L imprenditrice vuole valutare la convenienza

Dettagli

Arundo'Italia'' Offerta'Prodotti'e'Servizi' '''''' Chi'siamo' Main'Partner'Gruppo'Ricicla' Servizi' Arundo'donax' Perché'conviene'l Arundo?

Arundo'Italia'' Offerta'Prodotti'e'Servizi' '''''' Chi'siamo' Main'Partner'Gruppo'Ricicla' Servizi' Arundo'donax' Perché'conviene'l Arundo? Arundo'Italia'' Offerta'Prodotti'e'Servizi' '''''' Chi'siamo' Main'Partner'Gruppo'Ricicla' Servizi' Arundo'donax' Perché'conviene'l Arundo?' o biogas' o biomassa'solida' Comparazione'Arundo'Vs.'altre'colture''

Dettagli

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico Consigli per ridurre la presenza di micotossine nella granella di mais (Presentato da A.I.R.E.S Associazione Raccoglitori Essiccatori Stoccatori di cereali e semi oleosi) Le ricerche sperimentali condotte

Dettagli

CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO

CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO 1. PREMESSA L impianto di Olmeto è entrato in funzione nel 1987 ed è stato uno dei primi esempi in Italia di depurazione dei

Dettagli

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella n. 14/2013 [ SPECIALE DIFESA MAIS ] Terra e Vita 45 Minimizzare la presenza di micotossine nella granella [ DI RICCARDO BUGIANI ] Le strategie agronomiche, il possibile contributo dei bio control agents

Dettagli

Per il Florovivaismo di qualità

Per il Florovivaismo di qualità Per il Florovivaismo di qualità a base di fibre di cocco La fibra di cocco è un materiale ricavato dal mesocarpo della noce di cocco che negli ultimi anni ha conquistato una valenza di primo ordine tanto

Dettagli

(dati aggiornati al 31.12.2012) GOLF CLUB CARIMATE

(dati aggiornati al 31.12.2012) GOLF CLUB CARIMATE 1 (dati aggiornati al 31.12.2012) Rev.17 del 22.03.2013 GOLF CLUB CARIMATE 2 DATI AGGIORNATI AL 31.12.2012 Rev. 17 del 22/03/2013 Pubblicato da GOLF CLUB CARIMATE Via Airoldi, 2 22060 Carimate (CO) Tel.

Dettagli

SISTEMA DI PROTEZIONE PER SUPERFICI ERBOSE

SISTEMA DI PROTEZIONE PER SUPERFICI ERBOSE CARATTERISTICHE Resiste agli urti, ai raggi UV, alle sostanze chimiche di concimazione del terreno ed ai batteri presenti nella terra. Superficie di drenaggio superiore al 90% Ottime caratteristiche di

Dettagli

Progetto di recupero ambientale e funzionale del "Fontanile Riberto"

Progetto di recupero ambientale e funzionale del Fontanile Riberto CONSORZIO DI BONIFICA DELLA MEDIA PIANURA BERGAMASCA via A. Gritti 21/25-24125 Bergamo PSR 2007-2013 / MISURA 126 Investimenti non produttivi Progetto di recupero ambientale e funzionale del "Fontanile

Dettagli

Attuare i 5 referendum per cambiare Milano A che punto siamo?

Attuare i 5 referendum per cambiare Milano A che punto siamo? Attuare i 5 referendum per cambiare Milano A che punto siamo? Terzo referendum: conservare il parco Expo 3 dicembre 2011 Eliot Laniado IEIIT CNR Poliedra Politecnico di Milano laniado@elet.polimi.it alternative

Dettagli

Concime per piante pluripremiato!

Concime per piante pluripremiato! Concime per piante pluripremiato! Powder Feeding Siamo alla ricerca del perfetto concime per piante da quando abbiamo iniziato a coltivare piante e produrre incroci. I risultati ottenuti con i prodotti

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA RIETI 1 PROVINCIA DI RIETI

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA RIETI 1 PROVINCIA DI RIETI AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA RIETI 1 PROVINCIA DI RIETI PROGRAMMA DI MIGLIORAMENTO AMBIENTALE E DI INCREMENTO FAUNISTICO (Art. 13 Legge Regionale n. 17/95) MODALITA PER L ACCESSO AI FONDI E PROCEDURE

Dettagli

ELIMINAZIONE PONTI TERMICI E RISCHIO MUFFA

ELIMINAZIONE PONTI TERMICI E RISCHIO MUFFA ISOLAMENTO A CAPPOTTO Scheda: L&C-TS 02 Lime&Cork TECHNIC SCHOOL è un iniziativa aziendale di informazione tecnica rivolta alla diffusione di una cultura dell edilizia di qualità. L isolamento a cappotto

Dettagli

dall esperienza SCARABELLI sistemi di subirrigazione in aree verdi ornamentali e sportive

dall esperienza SCARABELLI sistemi di subirrigazione in aree verdi ornamentali e sportive dall esperienza SCARABELLI sistemi di subirrigazione in aree verdi ornamentali e sportive LA SUB-IRRIGAZIONE È UN SISTEMA AVANZATO CHE INTEGRA AMBIENTE E TECNOLOGIA UTILIZZANDO L ALA GOCCIOLANTE INTERRATA

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Analisi dei prezzi Volume 9

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Analisi dei prezzi Volume 9 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Analisi dei prezzi Volume 9 Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0012 - RESTAURO..............................................

Dettagli

CAAB 09 ottobre 2014 TETTI VERDI. al CAAB. AUTC Ufficio Sostenibilità Ambientale autc.ambiente@unibo.it

CAAB 09 ottobre 2014 TETTI VERDI. al CAAB. AUTC Ufficio Sostenibilità Ambientale autc.ambiente@unibo.it CAAB 09 ottobre 2014 TETTI VERDI al CAAB AUTC Ufficio Sostenibilità Ambientale autc.ambiente@unibo.it Contesto e Motivazione Piano della Sostenibilità Ambientale 2013 2016 Piano della Sostenibilità Ambientale

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI Provincia di Milano Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 ambiente@comune.novate-milanese.mi.it AREA GESTIONE

Dettagli

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee.

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee. Cereali primaveriliestivi ed estivi schede colturali Mais Nome botanico Zea mais Famiglia Graminacee Origine e diffusione Produzione mondiale di Mais (FAO 2001) Produzione europea di Mais (FAO 2001) Produzione

Dettagli

Tubi di Drenaggio. con flangiatura elicoidale continua sull intera lunghezza.

Tubi di Drenaggio. con flangiatura elicoidale continua sull intera lunghezza. Tubi di Drenaggio DRENAGGIO dei TERRENI L adozione dei tubi Spirodrain è la miglior soluzione per risolvere qualsiasi problema di drenaggio dei terreni e di raccolta delle acque sotterranee. I tubi Spirodrain

Dettagli

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi NITROGEN MANAGEMENT OPTIMISATION Gestione dell azoto in conformità alla Direttiva Nitrati Paolo Mantovi Convegno internazionale Reggio Emilia, 14 set 2007 La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema

Dettagli

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Scenario di riferimento Il sistema irriguo della pianura lombarda è costituito da un sistema idraulico

Dettagli

Copyright www.ilgiardinodelgiardinaggio.com IL TUO PRATO PERFETTO. Guida completa per la realizzazione. di Andrea Malagoli

Copyright www.ilgiardinodelgiardinaggio.com IL TUO PRATO PERFETTO. Guida completa per la realizzazione. di Andrea Malagoli IL TUO PRATO PERFETTO Guida completa per la realizzazione 1 di Andrea Malagoli 2 INDICE Preparazione del terreno.. 4 Il terreno. 11 Terreni argillosi....20 Terreni sabbiosi...21 Le lavorazioni del terreno....21

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

Friend of the Earth Standard

Friend of the Earth Standard Friend of the Earth Standard FOE-Agricoltura Criteri e indicatori per la certificazione di prodotti da agricoltura sostenibile (Ultimo aggiornamento 13/03/2014) CATEGORIE DI REQUISITI 1. SISTEMA DI GESTIONE

Dettagli

Pale compatte. Gamma di prodotti

Pale compatte. Gamma di prodotti Pale compatte Gamma di prodotti Una macchina compatta per guadagnare spazio prezioso n Accesso agevole agli spazi ristretti Dovete lavorare in uno spazio ristretto? Ambienti angusti, passaggi, cantieri,

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Giuseppe Fano Corporate Director, External Relations M&G : Alcuni numeri Azienda chimica multinazionale di proprietà della famiglia

Dettagli

COMUNE DI VALBRONA PROVINCIA DI COMO

COMUNE DI VALBRONA PROVINCIA DI COMO COMUNE DI VALBRONA PROVINCIA DI COMO PROGETTO ESECUTIVO INERENTE LA MESSA IN SICUREZZA DELLA ZONA DI TUTELA ASSOLUTA DEI POZZI DI ROSSANA PIANO DI MANUTENZIONE Marzo 2010 dr.geol. Raffaele Boninsegni dr.geol.

Dettagli

Relazione tecnica fognatura interna

Relazione tecnica fognatura interna Comune di Monza FARCASA S.R.L. PIANO ATTUATIVO IN VIA CAVALLOTTI Allegato 7 Relazione tecnica fognatura interna Ottobre 2013 (Aggiornamento 26/02/2014) Via Valsugana, 6 20052 Monza Tel 039 745508 e-mail:

Dettagli

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli

OBIETTIVO APPENNINO. Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali. Alghero 8-10 maggio 2013

OBIETTIVO APPENNINO. Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali. Alghero 8-10 maggio 2013 OBIETTIVO APPENNINO Prevenzione del dissesto idrogeologico e sinergia con gli enti locali Alghero 8-10 maggio 2013 L.R. 5/2009 Riordino regionale dei consorzi - da 16 a 8 L.R. 06 luglio 2012, n. 7 ha fornito

Dettagli

Benefici apportati dall adozione di un opportuna tecnica applicativa

Benefici apportati dall adozione di un opportuna tecnica applicativa La qualità di distribuzione degli agrofarmaci La qualità della distribuzione degli agrofarmaci sulle colture rappresenta un aspetto fondamentale per il conseguimento di un ottimale efficacia biologica

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile.

A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile. A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile. Maggio 2014 greenpeace.it 2 A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile - Maggio 2014 Sintesi del rapporto Plan bee living without pesticides.

Dettagli

Autodichiarazione di conformità. Informazioni Generali. Parte 1-Informazioni dettagliate sul richiedente e sul servizio. A.

Autodichiarazione di conformità. Informazioni Generali. Parte 1-Informazioni dettagliate sul richiedente e sul servizio. A. Informazioni Generali Autodichiarazione di conformità Parte 1-Informazioni dettagliate sul richiedente e sul servizio. Servizio di ristorazione - pernottamento - solo colazione - bar - distributore automatico

Dettagli

COMUNE DI SAN GILLIO. Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua

COMUNE DI SAN GILLIO. Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua L acqua è una risorsa essenziale. Ci sostiene, ci unisce, ci aiuta a crescere. Senza l acqua, le nostre società non potrebbero sopravvivere. Dipendiamo

Dettagli

GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE

GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE FASI DI LAVORAZIONE La tecnica di stabilizzazione delle terre si realizza attraverso 5 fasi, ognuna delle

Dettagli

EXPERIENCE OUR INNOVATION INFINITY & AURORA L INTEGRAZIONE INTELLIGENTE PER LE FONTI RINNOVABILI

EXPERIENCE OUR INNOVATION INFINITY & AURORA L INTEGRAZIONE INTELLIGENTE PER LE FONTI RINNOVABILI EXPERIENCE OUR INNOVATION INFINITY & AURORA L INTEGRAZIONE INTELLIGENTE PER LE FONTI RINNOVABILI EXPERIENCE OUR INNOVATION Infinity & Aurora Lo stile di vita ecosostenibile è quello capace di preservare

Dettagli

SCHEDA TECNICA SUPERFICIE DRENANTE E PAVIMENTAZIONI SUPERFICI SCOPERTE

SCHEDA TECNICA SUPERFICIE DRENANTE E PAVIMENTAZIONI SUPERFICI SCOPERTE Dipartimento Provinciale di Milano Sede di Melegnano via Maestri 2-20077 (MI) Tel. 02.98115388 Fax 02.98115328 Unità Organizzativa Territorio e Attività Integrate TIT. 3.1.5 SCHEDA TECNICA SUPERFICIE DRENANTE

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

LEPRE Il modello di gestione in uso in Emilia-Romagna: presente e prospettive Criticità, elementi di conflitto, fattori limitanti

LEPRE Il modello di gestione in uso in Emilia-Romagna: presente e prospettive Criticità, elementi di conflitto, fattori limitanti LEPRE Il modello di gestione in uso in Emilia-Romagna: presente e prospettive Criticità, elementi di conflitto, fattori limitanti Le ultime due stagioni Il modello gestionale in uso LEPRE E ZRC Provenienza

Dettagli

Appendice alla guida sulla procedura di qualificazione giardiniere/giardiniera CFP, paesaggismo

Appendice alla guida sulla procedura di qualificazione giardiniere/giardiniera CFP, paesaggismo Appendice alla guida sulla procedura di qualificazione giardiniere/giardiniera CFP, paesaggismo Lavoro pratico prestabilito Costruzione giardini Compito Possibile Punto Durata Strato di fondazione e pavimentazione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

Profilo Professionale

Profilo Professionale Profilo Professionale Addetto alla Manutenzione del verde Roma 21 Luglio 2015 Organizzazione Sviluppo Risorse Umane e Qualità Certificata ISO 9001:2008 Certificata OHSAS 18001:2007 Finalità L addetto alla

Dettagli

Risparmio nella fase di utilizzo della risorsa

Risparmio nella fase di utilizzo della risorsa L efficienza nell uso dell acqua potabile Gli interventi possibili nel settore civile Obiettivi PTUA 3 Le misure per la programmazione e l uso delle risorsa idrica a scala regionale dovrà essere finalizzata

Dettagli

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Graminacee e Interventi chimici: Glifosate 30.40 9 l/ha Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale. L'uso di diserbanti può

Dettagli

- Per ogni metro quadro di superficie Euro Zero/06

- Per ogni metro quadro di superficie Euro Zero/06 ELENCO PREZZI A.P.1) Taglio di manto erboso di prato artificiale o naturale, con mezzo meccanico, compreso la raccolta in cumuli dell'erba tagliata da depositare all interno di sacchi della spazzatura

Dettagli

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

AVVERTENZE NELL USO DEI DATI

AVVERTENZE NELL USO DEI DATI AVVERTENZE NELL USO DEI DATI 1. L organizzazione generale dei dati I risultati delle rilevazioni sono organizzati in due serie: i costi di produzione veri e propri e le schede produttive. 1.1. I dati sui

Dettagli

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco

Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Montichiari, 14 Settembre 2007 Il car-fluff:ultimo anello del percorso di smaltimento degli autoveicoli a fine vita. Il caso della discarica controllata Faeco Ing., Amministratore Delegato Il Car-Fluff

Dettagli

6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO

6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO 6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO L esercizio dell attività estrattiva, svoltasi in passato nell area in oggetto, ha comportato inevitabilmente la variazione dell assetto

Dettagli

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE?

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? La pompa di calore è costituita da un circuito chiuso, percorso da uno speciale

Dettagli

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 H2O - Deficit totale (mm) -200-150 -100-50 0 50 100 Situazione dei terreni rispetto alla condizione di Capacità di Campo Precipitazioni intense a fine

Dettagli