Golf Club Le Fonti. Sillaro crea fra le prime colline appenniniche,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Golf Club Le Fonti. Sillaro crea fra le prime colline appenniniche,"

Transcript

1 20 GOLF Golf Club Le Fonti di ANTONIO RANA Il Golf Club Le Fonti è un campo di proprietà del Comune di Castel San Pietro Terme, nella provincia di Bologna, e si trova a metà strada fra Bologna e Imola. Il campo è adagiato all inizio della valle che il torrente Sillaro crea fra le prime colline appenniniche, subito alle spalle del borgo comunale. Il campo, inaugurato nel 1999, è nato grazie alla tenacia dell allora dirigente comunale arch. Ivano Serrantoni, che ha progettato il campo e seguito l iter dell ottenimento dei permessi. Per avere informazioni più dettagliate sulla struttura e sulla gestione del golf club abbiamo intervistato Giovanni Nava, greenkeeper del circolo.

2 GOLF 21 LE SCELTE CORRETTE DI ESSENZE Sin dalla fase di progettazione del campo si sono attuate scelte che permettessero all impianto sportivo di possedere caratteristiche di ecocompatibilità e di corretto inserimento con l ambiente circostante. In particolare, si sono scelte specie e varietà di essenze prative idonee e che manifestassero buona resistenza ai patogeni, in modo da minimizzare l uso di fitofarmaci. Queste scelte, aiutate dal clima ostico allo sviluppo di malattie fungine, grazie alle correnti di aria temperata e asciutta che scendono lungo la valle del Sillaro, hanno ripagato permettendo una manutenzione che usa un quantitativo irrisorio di anticrittogamici: è sufficiente pensare che in 12 anni di manutenzione è stato effettuato di solito un solo trattamento fungicida all anno, e solo su uno dei 63 ettari di verde di cui è costituito il campo da golf. Altri parametri perseguiti sono stati quelli della rusticità, relativa a modeste esigenze nutrizionali e idriche. Le integrazioni di seme necessarie nelle aree non irrigate dopo le estati più calde e meno piovose, sono state realizzate ricercando varietà più resistenti e meno esigenti. Questo è stato necessario anche per le aree irrigate: infatti, è impossibile utilizzare acque del sottosuolo essendo il campo inserito in un contesto termale, ma è indispensabile impiegare solo acque prelevate dal torrente limitrofo durante l inverno, stoccate in appositi bacini di accumulo. Ciononostante, in annate siccitose, i quantitativi di acqua accumulata non sono stati sufficienti. Di qui la necessità di prevedere una conversione floristica, che verrà realizzata nel corso del 2013, utilizzando il sistema Erbavoglio della ditta Pacini, ovvero porzioni di pianta (stoloni) prevegetate in piccoli pani di terriccio e inseriti nel terreno con apposite macchine trapiantatrici. Sono in atto delle ricerche per valutare quale tipologia di Cynodon ibrido utilizzare, ma la scelta dovrebbe essere limitata fra Tifway 419 e Patriot. Fin dai primi anni dell impianto si sono realizzate alcune sperimentazioni su diverse specie e varietà di piante erbacee, per valutare quali di queste rivestano le caratteristiche di maggior adattabilità al clima del sito: in questo periodo si stanno testando delle macroterme, per valutare quali usare per la conversione floristica.

3 22 GOLF COMPOSIZIONE DELL AREA DI GIOCO Area di gioco Superficie Specie presenti Green mq Agrostis stolonifera var. L93 Tee e fairway 9,5 Ha Mix classico Lolium perenne, Poa pratense e Festuca rubra commutata, con contaminazioni di gramigna comune e Poa annua Surround green tee e bunker 2 Ha Poa pratense e festuche rubre Rough e prerough Circa 30 Ha Festuca arundinacea (varietà, Villageoise, Arid 3, Durango) e parzialmente Lolium perenne Aree marginali e cespugliate Circa 20 Ha Festuche varie (arundinacea, rubra e duriuscula) Per promuovere un certo grado di biodiversità, si sono prese alcune decisioni che influenzano l aspetto e la cura del campo. È il caso del reinserimento di piante arbustive e creazioni di siepi; l introduzione per tutte le nuove messe a dimora di specie arboree, di sole piante autoctone (a esclusione delle aree limitrofe agli edifici); la creazione di una piccola area naturalizzata, recintata, di particolare interesse faunistico e paesaggistico, in cui si effettuano solo manutenzioni di pulizia e di promozione dello sviluppo delle piante nate spontaneamente; la creazione di alcune aree tampone, gestite a bassa manutenzione, per permettere il riparo della fauna selvatica presente. Proprio in questo ambito all interno dei confini del circolo sono state rintracciate aree adatte al rimboschimento (la Provincia ha insediato qui circa 3 ettari di fasce arborate, nell ambito del programma di riqualificazione periurbana). Sempre con questo obiettivo circa altri 3 ettari sono lasciati senza manutenzione nel periodo primaverile-estivo, per garantire agli animali selvatici delle aree di riparo.

4 GOLF 23 Giovanni Nava, greenkeeper. LA MANUTENZIONE DEL TAPPETO ERBOSO Dal punto di vista agronomico e manutentivo si cerca di instaurare delle metodologie che possano rivestire carattere di ecocompatibilità e di rispetto del contesto ambientale: ad esempio la restituzione al campo dei residui del taglio, aumentare la frequenza dei tagli, al fine di minimizzare la nascita di infestanti, operando quindi un controllo meccanico che riduce quello chimico. La manutenzione è stata affidata in appalto ad una ditta locale, la CIMS Cooperativa Intersettoriale Montana di Sassoleone (BO), da tempo specializzata nella cura del verde urbano e boschivo. La cooperativa ha in carico il personale e i macchinari, oltre a carburanti, lubrificanti, ricambi e manutenzione macchinari. L acquisto e la scelta di fitofarmaci, concimi, sementi e inerti sono invece a carico del circolo. La cooperativa garantisce un numero minimo di personale, scegliendo all occorrenza di incrementarlo. In ogni caso il personale presente è già esperto del campo e la manutenzione ordinaria è sempre affidata a personale fisso sul cantiere. I piani manutentivi sono decisi in accordo fra il superintendent del circolo e il responsabile del cantiere, anch egli diplomato superintendent. Il tutto è regolato da un contratto d appalto. IL SUBSTRATO Per quanto riguarda la composizione dell area da gioco, i green sono costruiti su mix sabbia torba in ragione di una percentuale 80/20, per una profondità media di 30 cm, sotto il quale si trovano 10 cm di ghiaia fine e drenaggi a spina di pesce. Le caratteristiche del terreno naturale su cui è stato costruito il resto del campo non erano ottimali: la prevalenza di argille derivanti dalle colline calanchive e il limo delle piane alluvionali del torrente limitrofo creano un substrato pesante, ma drenante grazie alla presenza di scheletro e allo sfruttamento del movimento del terreno per raccogliere ed indirizzare l acqua piovana verso i bacini idrici. Durante la costruzione è stato necessario un grande lavoro di interramento dello scheletro e di raccolta manuale di quanto non interrato dai macchinari. È stato poi necessario intervenire con numerosi drenaggi sotterranei realizzati con tubo drenante ghiaia e sabbia. Tee e fairway nel corso degli anni, sono stati oggetto di ripetute sabbiature con sabbia a basso tenore di calcare fino a produrre un deposito superficiale di circa 2 cm. LAVORAZIONI AGRONOMICHE Le principali lavorazioni agronomiche riguardano taglio, carotature, verticut, sabbiature, riparazione dei divots (i danni causati dai colpi dei giocatori), risemine, cambio delle buche, rastrellatura dei bunker, spostamento dei tee marker, cura dei vivai e del campo pratica, nonché cura degli specchi d acqua e dei fossi. Nei mesi di gennaio, febbraio e dicembre, i tagli si effettuano in funzione della crescita dell'erba o della necessità di pulizia e levigatezza della superficie - se le condizioni climatiche e del percorso lo permettono - su richiesta del superintendent o della committenza. Prima di aprile e dopo ottobre nei fairway si fanno 1 o 2 tagli settimanali che salgono a 3 nel periodo intermedio. Nei green si effettuano in marzo almeno 3 tagli la settimana, in aprile e in ottobre almeno 4, 6 o meglio 7 da fine aprile fino al termine di settembre in funzione delle operazioni agronomiche accessorie, quali sabbiature, concimazioni, carotature e quant'altro si renda necessario. La frequenza di taglio dei tee è di 1 o 2 alla settimana a febbraio, marzo e novembre, da 2 a 3 alla settimana da marzo a ottobre. I semirough necessitano di 1 o 2 tagli settimanali da aprile a ottobre. Per i rough il taglio avviene in funzione della crescita del tappeto erboso, delle infestanti e in funzione delle necessità del gioco (calendario gare).

5 24 GOLF Le carotature si effettuano nei green una volta in autunno e una volta in primavera e, se le condizioni di traffico e costipazione del percorso lo richiederanno, anche un altro intervento primaverile e uno autunnale. Nei tee avvengono una o due volte l'anno, se le condizioni di traffico e costipazione del percorso lo richiedono. Nei fairway carotatura e sabbiatura sono realizzate, se richieste dalle condizioni del percorso, due volte all'anno. Nei rough questa operazione avviene in primavera e autunno con particolare riferimento alle zone degradate. La data di esecuzione delle carotature è concordata in dipendenza del clima e del calendario gare. Si ritiene peraltro scontato che la sabbiatura dei fairway, non per forza ALTEZZE DI TAGLIO (MM) Superficie Bassa stagione Alta stagione (ottobre-aprile) (maggio-settembre) Fairway Green 3, ,5 Tee Semirough Rough legata alla carotatura, sia una pratica comunque necessaria con frequenza stabilita dalla committenza. Eventuali incrementi di tali lavorazioni devono essere effettuate a insindacabile giudizio della committenza senza per questo modificare l importo forfettario di contratto. I verticut avvengono almeno 15 volte all anno nei green, tre volte nei tee e almeno due volte (autunno e primavera) nei fairway. Eventuali incrementi di tali lavorazioni devono essere effettuate a insindacabile giudizio della committenza senza per questo modificare l importo forfettario di contratto. Per quanto riguarda le sabbiature, per i green devono avvenire una o due abbondanti dopo ogni carotatura, più altre leggere alla bisogna, per permettere il livellamento della superficie (non uniforme nei green di nuova costruzione) fino a circa 20 operazioni all'anno. Per i tee devono avvenire almeno tre volte all anno, per i fairway due volte all anno e per i rough in primavera ed in autunno con particolare riferimento alle zone degradate. Anche in tal caso, eventuali incrementi delle lavorazioni di cui sopra debbono essere effettuate a insindacabile giudizio della committenza senza per questo modificare l importo forfettario di contratto. Le riparazioni dei divot sui tee sono effettuate non meno di una volta ogni 15 giorni in bassa stagione e ogni settimana in alta stagione, mentre nei fairway non meno di una volta ogni 30 giorni in bassa stagione e ogni due settimane in alta stagione. Le risemine sono su richiesta dalla committenza. Possono essere localizzate o generalizzate allo scopo di incrementare la qualità del tappeto erboso e/o di provvedere al ripristino di porzioni di tappeto erboso danneggiate o degradate. Per quanto riguarda il cambio delle buche, queste vengono spostate almeno per ogni gara se le condizioni del

6 GOLF 25 suolo lo permettono, e comunque ogniqualvolta la salute del tappeto e la giocabilità del green lo rendano necessario. La rastrellatura dei bunker, per livellarli, si effettua ogniqualvolta le condizioni della sabbia lo richiedano, e comunque sempre nelle 24 ore che precedono le gare, con un minimo di una volta a settimana. Qualora la nascita di infestanti lo rendesse necessario, la macchina deve essere dotata di apposito coltivatore per estirparle. Due volte l'anno, o se necessario con maggiore frequenza, si realizza il ricarico con sabbia di quei bunker nei quali lo strato sabbioso si sia assottigliato. Nei bunker in cui la sabbia è stata contaminata con un eccesso di terra, o in cui è creato uno strato impermeabile sui drenaggi, va previsto lo svuotamento e il ricarico con materiale nuovo. Lo spostamento dei tee marker ha la funzione di garantire la salute del tap-

7 26 GOLF peto erboso e si effettua seguendo le indicazioni fornite dalla segreteria del circolo. Per quanto riguarda la cura dei vivai e del campo pratica, i vivai sono oggetto di manutenzioni assimilabili a quelle indicate per i tee, così come il battitore del campo pratica è assimilato alla manutenzione dei fairway, e i green di pratica sono assimilati agli altri green. Il driving range viene tagliato in funzione della crescita del tappeto erboso, per garantire sia la resa estetica che l'agevolazione delle operazioni di raccolta delle palline. Infine, non manca l attenzione per la cura degli specchi d acqua e dei fossi. A tale proposito, si garantisce la corretta pulizia di tutto il perimetro dei laghetti, interni ed esterni al percorso con taglio periodico (minimo una volta al mese nei periodi di crescita, salvo le aree di particolare interesse al gioco il cui lo sfalcio deve avvenire con la frequenza dei fairway). Il taglio viene effettuato da riva tramite decespugliatore e macchine rotative o con altre attrezzature adatte alla finitura superficiale desiderata. Qualora insorgessero problemi di eutrofizzazione o di ristagno degli invasi, vengono proposte alla proprietà le opportune tecniche per il controllo della proliferazione di infestanti acquatiche. Si deve inoltre provvedere alla risistemazione delle sponde erose o deteriorate mediante il riporto di terreno adeguato e riseminato, o con eventuale posa in opera di materiale lapideo reperito all interno del campo o acquistato a cura e spese del committente. I PRODOTTI PER LA GESTIONE E LA CURA DEL VERDE Il campo è di proprietà pubblica, quindi le acquisizioni di materiali sono affidate a gare d appalto: i prodotti vengono valutati in base alle caratteristiche e organizzati in una classifica fatta sulla base di somme pesate. I parametri considerati, oltre al prezzo, sono i titoli, i materiali di origine, la durata dell effetto (lenta cessione e cessione programmata), la presenza di ferro (colorazione), la dimensione ed uniformità dei granuli (in particolare per quelli da green), la presenza di meso e microelementi, la polverosità, il confezionamento, e visto il periodo di crisi anche le forme/tempi di pagamento. In base a questi dati si cerca di ottenere la migliore stima del più alto rapporto di qualità/prezzo. Negli anni si sono utilizzati concimi professionali di varie ditte presenti nel settore: Herbatech, Tempoverde, Universal Manure, Everris. Nella stagione in corso la maggior parte dei prodotti sono stati acquisiti dalla ditta Agrico, esclusivista per il golf dei prodotti Everris e in parte dalla ditta Tempoverde, relativamente a prodotti della linea Nature Lab. La preferenza a Everris viene data oltre che in base al rapporto qualità prezzo, anche per la gestione del colore e la grande durata dell effetto. Sulla base dei titoli e della solubilità degli elementi nutritivi, si cerca di assecondare le esigenze del tappeto erboso: idealmente, a fronte di un piano agronomico impostato su un rapporto NPK 5:1:4 per quanto riguarda green, collar tee e fairway, si lavora su una tempistica dettata dall andamento climatico. In breve, si comincia ad inizio primavera con prodotti a pronto effetto per stimolare il green up. Si prosegue con concimazioni di mantenimento, con prevalenza di azoto a lenta cessione. Si prevengono gli stress estivi con concimazioni a basso titolo di azoto e alto di potassio, avendo cura di gestire il ferro per mantenere una colorazione ottimale. Si asseconda la richiesta di ripresa in corrispondenza dell abbassamento delle temperature (fine agosto/primi di settembre). Si prosegue con concimazioni di mantenimento, sempre con azoto a lenta cessione, e/o poi concludere con una concimazione ad alto titolo di potassio per proteggere dagli stress da bassa temperatura ed alta umidità. Questo tipo di nutrizione viene per quanto possibile realizzato con numerosi trattamenti a basso dosaggio, in particolare sui green, dove eccessi di concimazione vanno spesso a creare il problema di una bassa velocità di rotolamento. Sembra paradossale, ma sul rough secondario si usano spesso i concimi a più alta tecnologia, proprio per sfruttare al massimo i periodi freschi e piovosi e non correre il rischio di subire diradamenti essendo aree nelle quali il ripristino è più difficoltoso. Frequenze di concimazione Superficie N di applicazioni per anno Green (ca mq) 10 Tee 8 Fairway (ca mq) 6 Rough I 3 Rough II 2 Per quanto riguarda l uso di diserbanti, si utilizzano prodotti contro le dicotiledoni in primavera, con eventuali richiami localizzati in autunno: durante i primi anni il quantitativo di erbicidi usati è stato in calo. In un secondo tempo però, la scelta di creare una fitta serie di aree naturalizzate interne al

8 GOLF 27 campo, ha elevato il numero delle infestanti e differenziato le specie presenti. Non sono mai stati effettuati trattamenti a calendario, ma sempre rispondendo ad una logica di soglia di intervento, soprattutto per impedire una maggior diffusione delle malattie, e dover poi intervenire su aree più ampie. Laddove sia stato necessario, si sono privilegiati i trattamenti localizzati. La maggior parte dei principi attivi vengono approvvigionati dalle ditte Agrico, Green Ravenna e dal rivenditore locale Progeo. La preferenza ad Agrico dipende dal fatto che offrono formulazioni sempre efficaci e grande attenzione al mercato specifico dei tappeti erbosi, sempre con nuove registrazioni. Nel caso di Green Ravenna la scelta dipende dal fatto di offrire ottimi prezzi, gamma specifica molto ampia e differenziata. I principi attivi usati, nel corso degli ultimi tre anni sono stati gli anticrittogamici propiconazolo, tebuconazolo, piraclostrobina, gli erbicidi miscele mcpp+dicamba, triclopyr+fluroxipyr, 2,4D+dicamba+mcpp+mcpa. Dentro i bunker sono stati utilizzati gliphosate 2 volte all anno sulle strade interne e sui ricacci della gramigna. Per gli insetticidi, il principio attivo usato è stata la deltametrina. La superficie totale dell impianto per il quale è previsto il servizio di manutenzione è di circa 59 mila metri quadri, oltre le aree esterne. Tutte le concimazioni si intendono realizzate con concimi professionali per il golf, alle dosi e composizioni specifiche per ottimizzare lo stato estetico e fitosanitario del tappeto erboso, e potranno variare a insindacabile giudizio della committenza. Per i substrati di semina e riparazione il golf club si rivolge ad Herbatech e HC di Crivellaro Angelo. Le sementi vengono scelte dopo attenta selezione delle caratteristiche varietali in base a test universitari e spesso in base a valutazione delle performance valutate in loco con parcelle di valutazione. Negli ultimi anni si sono approvvigionati da Bottos Sementi, Herbatech, Tempoverde e Universal Manure. Tipologia di prodotti Voto Concimi Everris 10 Herbatech 8 Tempoverde 8 Universal Manure 8 Diserbanti Agrico 8 Green Ravenna 8 Substrati Herbatech 8 HC di Crivellaro Angelo 7 Sementi Bottos Sementi 8 Herbatech 8 Tempoverde 8 Universal Manure 8 LA SUPERFICIE IRRIGUA L impianto d irrigazione serve una superficie nominale di circa 15 ettari (che salgono a 24 ettari calcolando le aree irrigate solo in parte, senza sovrapposizione della copertura). È un sistema computerizzato tipo site pro della Toro, con 4 anelli monocavo e decoder. Il sistema di distribuzione è garantito da circa 600 irrigatori pop-up da 90 litri minuto (Toro730, dt30, 835, installati a triangolo a 19 metri) per green e fairway, e 40 settori a block system che comandano i tee ed alcuni surround (Toro 2001 installati a 17 metri a triangolo), installati dalla ditta Scarabelli. Ripartizione percentuale della spesa destinata a opere di manutenzione (dati in % - base euro) Il sistema è tarato per il funzionamento in base alla evapotraspirazione potenziale (ETP) che viene stimata giornalmente, e prevede un apporto medio di 4 mm (ogni 2 giorni aprile-giugno e settembre) che viene aumentato fino a 4,4 mm nei periodi più caldi. Nei restanti mesi primaverili ed autunnali l apporto irriguo è fatto in base a valutazioni soggettive dello stato del tappeto erboso. Sono presenti inoltre una ventina di linee d irrigazione a goccia a servizio di siepi ed aree arbustive. La centrale di pompaggio è governata da un sistema PLC/Inverter che comanda una pompa pilota per le piccole utenze, una pompa sotto inverter da circa 900 /min, più una serie di altre pompe a rotazione (4). La capacità massima è stimata in 2300 l/minuto. Il sistema è dotato di un filtro autopulente per il controllo dei molluschi bivalve, presenti in natura nei corpi d acqua locali, (che tendono a invadere vasca di pompaggio, tubazioni, organi di presa, ecc.). CENTRI, OPERE E SPESE DI MANUTENZIONE Le spese medie di manutenzione annua ammontano a circa mila euro. Le voci più significative riguardano, nell ordine, i concimi, la corrente elettrica per l irrigazione ed i costi per sabbie ed inerti. Seguono le spese sostenute per le sementi, la manutenzione dell impianto di irrigazione ed i costi per terricci e piante.

9 28 GOLF Tipologia di macchine Descrizione Macchine da taglio Green IL PARCO MACCHINE Nella scelta dei macchinari è stato usato il criterio di massimizzare la vicinanza del servizio di distribuzione e assistenza, pertanto il principale punto di riferimento è il Consorzio Agrario di Bologna e Modena. In particolare, visto che John Deere sceglie un solo centro regionale per seguire i macchinari specifici dei golf, il centro specializzato di riferimento è il Garden Cap di Lugo, dove Giuseppe Totti sa come far curare dalla sua squadra manutentiva la delicata regolazione degli apparati falcianti elicoidali (rettifiche, lappature, ecc). Le macchine che ottengono la votazioni massime sono la macchina da taglio John Deere 2500B diesel con 7 lame per la versatilità, i veicoli leggeri di John Deere Gator XUV 4x4 per velocità ed affidabilità, il trattore John Deere 4720 per comodità, ottima dotazione e buona gestione della potenza, nonché la bucatrice da green e fairway Wiedemann XP carrellata adatta a lavorare anche in condizioni difficili. Voto 2 John Deere 2500B Diesel con elementi 11 lame Speed link. Accessori: elementi da verticut e rulli vibranti 9 Green tornei 1 John Deere 220b 8 preparazione tornei Green dopo lavorazioni Ramsomes Super certes 61cm 6 (sabbiatutra, carotatura) Collar, apron e tee 1 John Deere 2500B Diesel con elementi 7 lame 10 Fairway 2 John Deere 7700 Diesel con elementi 7 lame Speed link 9 Prerough e surround John Deere 2653C Diesel con elementi 7 lame 9 Rough John Deere 1600 turbo diesel 8 Rough John Deere wd Diesel 9 Accessorio Movimentazione personale lama da neve Veicoli leggeri 2 John Deere Gator XUV 4x4 10 Veicoli polifunzionali 2 John Deere Progator con accessori: 9 sabbiatrice John Deere TD100 9 spandiconcime a braccio oscillante Gamberini (trasmissione idraulica) 8 Manutenzione bunker 2 John Deere 1200 benzina 9 Botte trattamenti 1 Progator con botte 600 lirti, barra multijet da 6 metri, schiumatore, lavaflaconi e lancia. Cabina pressurizzata con filtro a carboni attivi 9 Trattori 1 John Deere BCS Vanguard 8 Accessori trattori Spandiconcime Gamberini doppia ventola 8 Soffiatore Movimentazione inerti Minipala Hitachi con benna 0,3MC e forche per pallets 8 Spandisabbia Valentini R25 Caricatore Gamberini con nastro trasportatore 7 Bucatrici Da green John Deere Aercore Da green e fairway Wiedemann XP carrellata 10 Levazolle Ryan Junior sod cutter 9 Altro 4 decespugliatori spalleggiati Befco 2 decespugliatori ad asta rigida Stihl Soffiatore spalleggiato Stihl 2 tosaerba hovercraft Flymo IDENTIKIT GOLF CLUB LE FONTI REALIZZAZIONE Il campo è stato realizzato in base ad una convenzione pubblico/privato, grazie alla quale un imprenditore locale, al fine di avere dell edificabilità abitativa nei pressi del golf e una edificabilità industriale/artigianale nei pressi del casello autostradale, ha costruito e donato al comune l intero complesso del campo e della club house, oltre ad un contributo pari alla manutenzione dei primi 7 anni. Il campo insiste su una superficie di 64 ettari complessivi, su terreni destinati in precedenza a incolto, a vasche di decantazione di cave, e solo in parte ad agricoltura. Dal 1999 in poi il campo Circolo de le Fonti è stato in grado di organizzare un elevato numero di competizioni, anche a livello internazionale, (Alps Tour e Qualifying Shool del Tour Femminile Europeo), fino a diventare un Centro Tecnico Femminile della Federazione Italiana Golf. Ora il circolo ha più di 700 soci, ed organizza più di 150 gare all anno. INFORMAZIONI CLIMATICHE Il clima locale è caratterizzato da una piovosità e da un umidità media inferiore alla media della pianura padana e dell area della pianura bolognese (spesso inferiore agli 800 mm), mentre la ventosità è superiore alla media, in particolare durante la primavera, con prevalenza di venti provenienti dal quadrante sud sud ovest. Anche il numero di giorni di nebbia è di solito inferiore alla media dell area bolognese. Le escursioni termiche annuali possono essere anche molto elevate, con eventi sporadici al di sotto dei - 10 C e ripetuti picchi estivi vicini ai 40 C nel mese di luglio. TAPPETO ERBOSO Sin dalla fase di progettazione del campo si sono attuate tutta una serie di scelte che potessero permettere all impianto sportivo di rivestire delle caratteristiche di ecocompatibilità e di corretto inserimento con l ambiente circostante, con particolare attenzione all insediamento delle specie e delle varietà di tappeto erboso idonee.

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Graminacee e Interventi chimici: Glifosate 30.40 9 l/ha Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale. L'uso di diserbanti può

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ ROBOT RASAERBA GARDENA R40Li OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ In completo relax! LASCIATE CHE LAVORI AL VOSTRO POSTO Il 98 % di chi ha comprato il Robot Rasaerba GARDENA lo raccomanderebbe.* Non dovrete più

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

La protezione delle culture agricole è la nostra specialità

La protezione delle culture agricole è la nostra specialità La protezione delle culture agricole è la nostra specialità Ugelli antideriva ad aspirazione d aria ed accessori per irrorazione AirMix e TurboDrop i più conosciuti e diffusi nel mondo per la protezione

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Ottobre 2006 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SM43U

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo CENTRO PO DI TRAMONTANA RISULTATI SPERIMENTALI 2014 nei settori orticolo e floricolo 23 SPERIMENTAZIONE E ORIENTAMENTI Per la ventitreesima stagione consecutiva Veneto Agricoltura presenta i risultati

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa?

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa? 1. Quando si devono potare le rose? a) I Rosai rampicanti e arbustivi: non si potano in quanto fioriscono sui rami (sarmenti) dell anno precedente; se potiamo, la produzione di fiori viene ridotta a circa

Dettagli

GARDENA IRRIGAZIONE 2015 L IRRIGAZIONE PERFETTA PER OGNI GIARDINO

GARDENA IRRIGAZIONE 2015 L IRRIGAZIONE PERFETTA PER OGNI GIARDINO GARDENA IRRIGAZIONE 2015 L IRRIGAZIONE PERFETTA PER OGNI GIARDINO IRRIGAZIONE GARDENA Prodotti di qualità. Giardini in ottima forma. GARDENA assortimento completo GARDENA offre tutto ciò di cui avete bisogno

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa **

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** MELONE Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** * Tecnico CReSO ; Tecnici SATA / Cadir Lab. Elenco delle cultivar poste a confronto Varietà Ditta Tip. Agustino Rijk

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione"

Roma, 14 aprile 2015 Convegno Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione" Attività del CRA-ING 1. Ricerca: sistemi per la determinazione

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa CARATTRISTICH- CARATTRISTIC H-ALIMNTARI DV pomodoro ovale di daniele semina: febbraio trapianto: aprile-maggio raccolta: luglio-novembre buccia chiara, arancione se maturo, polpa compatta, pochi semi,

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

PER L INNESTO, PER IL VIVAIO E PER L IMPIANTO

PER L INNESTO, PER IL VIVAIO E PER L IMPIANTO PASSIONE PER IL VIVAIO E PER L IMPIANTO TECNICA PER L INNESTO, PER IL VIVAIO E PER L IMPIANTO MACCHINE INNESTATRICI NASTRI PER LA SELEZIONE E PARAFFINATURA MACCHINE STENDITELO E RACCOGLITELO STERRORACCOGLITORI

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitaincampagna.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Turbine I-20 Ultra 2 N E I. l t. R r. Gli irrigatori dei professionisti per gli spazi verdi residenziali di piccole e medie dimensioni

Turbine I-20 Ultra 2 N E I. l t. R r. Gli irrigatori dei professionisti per gli spazi verdi residenziali di piccole e medie dimensioni R r INFORMAZIONE PRODOTTO Turbine I-20 Ultra Gli irrigatori dei professionisti per gli spazi verdi residenziali di piccole e medie dimensioni E I - 2 0 N I B U l t U a T a PRESENTAZIONE DEL PRODOTTO L

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO IASMA Notizie OLIVICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 24 giugno 2011 n. 2 IASMA Notizie n. 28 - Anno

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Più Compost meno Nitrati

Più Compost meno Nitrati AZIONE 2 Più Compost meno Nitrati Manuale per le Amministrazioni Comunali ANO CO MP LI IO ITA RZ RI IDRA CONSO Fondazione O S TAT O Più compost, meno nitrati manuale pratico per le amministrazioni comunali

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Pagina 1. Dott.ssa Vera Persico

Pagina 1. Dott.ssa Vera Persico LE ATTIVITÀ ESTRATTIVE RECUPERATE COME ELEMENTI FUNZIONALI DELLA RETE ECOLOGICA: DEFINIZIONE, IN COLLABORAZIONE CON L UFFICIO CAVE, DELLE BUONE PRATICHE PER IL RECUPERO AMBIENTALE DEI SITI ESTRATTIVI SETTORE

Dettagli

Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto

Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto Basilico, per ogni destinazione il sistema di coltivazione giusto Floating system per la produzione di mazzetti e il tappettino subirrigante per le piantine. Due innovazioni adottate dall azienda Ricci

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli