Claudio Rugarli. Roberto Satolli. Annalisa Silvestro. Giovanna Vicarelli. Paolo Vineis. Franco Voltaggio. Direttore Sandro Spinsanti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Claudio Rugarli. Roberto Satolli. Annalisa Silvestro. Giovanna Vicarelli. Paolo Vineis. Franco Voltaggio. Direttore Sandro Spinsanti"

Transcript

1 trimestrale, anno VI numero 24 JANUS Direttore Sandro Spinsanti Direttore responsabile Pietro Greco Direttore editoriale e responsabile trattamento dati Eva Benelli Redazione Paolo Gangemi, Stefano Menna, Anna Maria Zaccheddu Copertina e illustrazioni Mitra Divshali Progetto grafico e impaginazione Corinna Guercini Zadigroma editore Via Monte Cristallo 6, Roma Tel Stampa Tipografia Graffiti, Via Catania 8, Pavona (RM) COMITATO SCIENTIFICO Luisella Battaglia Docente di bioetica e filosofia morale, Genova Giorgio Bert Cardiologo, esperto di counselling medico, Torino Vito Cagli Specialista medicina interna, Roma Gilberto Corbellini Istituto di storia della medicina, Università La Sapienza, Roma Giorgio Cosmacini Storia della medicina e della salute, Università Vita-Salute, Milano Gianfranco Domenighetti Dipartimento servizi sociali del Canton Ticino Alessandro Liberati Università degli studi di Modena e Reggio Emilia Paola Luzzatto Arteterapia, Genova Felice Mondella Filosofia della scienza, Università di Milano Alberto Oliverio Istituto di neuroscienze, Cnr di Roma Alberto Piazza Ordinario di genetica umana, Università di Torino Claudio Rugarli Ordinario di medicina interna, Università Vita-Salute, Milano Roberto Satolli Agenzia di giornalismo scientifico Zadig, Milano Annalisa Silvestro Presidente Federazione Nazionale Collegi IPASVI Giovanna Vicarelli Docente di Sociologia dell organizzazione, Ancona Paolo Vineis Docente di epidemiologia, Università di Torino Franco Voltaggio Storia della medicina, Roma ISTITUTO GIANO Direttore Sandro Spinsanti Segreteria organizzativa Stefania Santoro Via Buonarroti, Roma Tel Pubblicazione trimestrale Singolo numero 16,00 Euro (arretrati 20,00 Euro) Abbonamento annuale 55,00 Euro c/c postale n intestato a Zadigroma srl Registrazione del Tribunale di Roma n. 81/2001 Spedizione in abbonamento postale Poste Italiane S.p.A. D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n.46) art. 1 comma 1 Dcb Roma L editore Zadigroma, titolare del trattamento ai sensi e per gli effetti del D.Lgs. 196/2003, dichiara che i dati personali dei clienti non saranno oggetto di comunicazione o diffusione e ricorda che gli interressati possono far valere i propri diritti ai sensi dell articolo 7 del suddetto decreto. Ai sensi dell art. 2 comma 2 del Codice di deontologia relativo al trattamento dei dati personali nell esercizio dell attività giornalistica, si rende nota l esistenza di una banca dati personali di uso redazionale presso la sede di Roma, via Monte Cristallo 6. I dati necessari per l invio della rivista sono trattati elettronicamente e utilizzati dall editore Zadigroma per la spedizione della presente pubblicazione e di altro materiale medico-scientifico. IVA assolta dall editore ai sensi dell art. 74 lettera C del DPR 26/10/1972 n. 633 e successive modificazioni e integrazioni, nonché ai sensi del DM 29/12/1989. Non si rilasciano quindi fatture (art. 1. c. 5 DM 29/12/1989). Finito di stampare nel mese di gennaio 2007

2 INDICE 07 Editoriale Periscopio 11 Bioetica da ridere, bioetica da piangere Sandro Spinsanti Prima parte IL FUTURO DEL PRESENTE L OBIETTIVO Formare e ri-formare 16 Cinque anni di Ecm, tra occhi pesti e fiori all occhiello Marco Biocca 23 Una formazione comune per i medici di medicina generale europei? Vittorio Caimi, Giuseppe Parisi 29 Come è bello l imparar facendo Maria Teresa Pantani, Corrado Ruozi 36 Il malato smarrito e quello informato: l esperienza di Monza Anna Maria Bernasconi 42 Nostalgia dell umanesimo Paola Binetti 49 Formazione alle MH: eppur qualcosa si muove (all estero) Roberto Bucci La biblioteca aperta 69 Anatomia della speranza. Come reagire davanti alla malattia di Jerome Groopman Lettura critica di: Rodolfo Passalacqua Antonio Da Re Pierantonio Magnani 79 Decidere della nostra morte è ciò che ci fa uomini Luciano Orsi 84 Vivace ma non troppo: la buona comunicazione empatica Elena Mancini 88 L Alzheimer in mostra, per i diritti dei malati Andrea Salemme 55 Ecce formazione! Pietro Dri 62 Cittadino formato, cittadino salvato Stefano Inglese

3 numero 24 inverno 2006 p raticamente Così fan pochi 191 Basta con il grasso, in nome della legge Paolo Gangemi Vi racconto la mia professione 194 Numeri con l anima: l epidemiologia Guido Miccinesi 195 Agenda Il caso 96 Se il malato non vuole sapere Dagmar Rinnenburger Claudia Borreani Sandro Spinsanti MH internazionale 100 Perché le humanities non sono inutili Margherita Martini Passsato prossimo 102 Il potere in medicina: sulle orme di Maccacaro Sandro Spinsanti Religio medici 108 Vade retro, volontario Arnaldo Pangrazzi Il polso letterario Seconda parte IL PROFITTO DELLA MEMORIA 115 Thomas Mann e il fascino indiscreto della patologia Paolo Gangemi Il ginnasio filosofico 119 Poco filosofo o troppo psicoterapeuta? Le tribolazioni di una nuova professione Augusto Cavadi Nostalgia dei maestri 125 Eliot Freidson, il sociologo scettico di una medicina aperta Giovanna Vicarelli Pazienti particolari 132 Gigi Ghirotti: la malattia sotto gli occhi di tutti Maria Giulia Cirronis Arte e cura 137 L occhio dell artista, l occhio del clinico, l occhio dello spettatore Paolo Dordoni La medicina raccontata 141 Il gigante che russava col suono di 100 uomini Rosa Avolio Grammatiche mediche 144 Paramedico: fantasma del passato o ritorno al futuro? Giovanna Artioli La voce di Melpomene 149 Il cancro in scena, nudo e crudo Stefania Santoro Amarcord 153 La verità negata si fa strada da sola Giorgio Cosmacini Ultim ora 158 La disuguaglianza nella salute Pietro Greco

4 Novità editoriale Zadigroma Manuale di medical humanities di recente pubblicazione nella collana I manuali di Janus «Le humanities sono per la società ciò che gli ormoni sono per il corpo» William Osler Le medical humanities nella pratica di tutti i giorni 320 pagine 30 Le risorse: 273 volumi 75 articoli 46 riviste 59 riviste online 121 centri, società e archivi online 82 film 6 serie televisive s e i a n n i 2 4 n u m e r i

5 s e i a n n i 2 4 n u m e r i Nel 2007 Janus sarà anche un sito: Prezzo di abbonamento alla rivista: 4 numeri a primavera estate autunno inverno Guadagnare salute Quando la medicina cura i sani Vivere mala-mente: medicina e salute psichica Malattia e creatività 55 gli argomenti del 2007 Rinnova il tuo abbonamento a Janus 2007 e acquista il Manuale di medical humanities al prezzo speciale di 80 anziché 85 M o d a l i t à d i p a g a m e n t o versamento su c.c.p intestato a Zadigroma s.r.l. bonifico bancario: Banca di Roma C/C /37 CIN G ABI 3002 CAB 5028 intestato a Zadigroma s.r.l. Informazioni e vendita: Editore Zadigroma s.r.l. via Monte Cristallo, Roma tel fax

6 editoriale Sanitas semper reformanda: un programma ambizioso, modellato su quello che Lutero proponeva per la Ecclesia. E, non meno del progetto rivolto a modificare una realtà religiosa, fonte di perplessità e di resistenze. Almeno quando la ricerca di una nuova forma è intesa in senso radicale. Nessuna obiezione, infatti, è sollevata in linea di principio nei confronti di una sanitas semper formanda. La formazione, intesa come preparazione dei professionisti sanitari per essere all altezza di ciò che la società dei nostri giorni richiede da loro, nessuno la mette in discussione. La formazione è richiesta non solo prima dell accesso alla professione, ma anche dopo, secondo le esigenze della formazione continua. È pacifico oggi che neppure la migliore delle preparazioni universitarie può dare al medico l attrezzatura concettuale e tecnica che gli basterà per tutto il corso della sua vita professionale. È stato ripetuto fino alla noia il bon mot attribuito ai professori delle facoltà di medicina americane, i quali sarebbero soliti dire agli studenti: «Tra sette anni metà di quello che vi insegniamo oggi risulterà falso. Purtroppo non sappiamo dirvi quale metà...». La necessità di continuare la formazione parallelamente all esercizio della professione sembra ormai acquisita: «formare e ri-formare» equivale, in questa ottica, a ribadire che la formazione non può dirsi mai conclusa. Bisognerà riprenderla e intensificarla senza pause. Sarà necessario proporla e riproporla, senza interruzioni, se non vogliamo avere medici e infermieri che, invece di essere una risorsa, costituiscono un pericolo per la salute. Così sta avvenendo nella sanità italiana: da quando il programma ministeriale di Educazione continua in medicina (Ecm) è diventato realtà, gli eventi formativi si sono moltiplicati. Da parte dei professionisti sanitari la formazione continua obbligatoria è stata recepita senza resistenze (verrebbe piuttosto da osservare che l adesione, trasformatasi in una corsa a raccogliere crediti, sia stata anche troppo entusiasta: non avrebbe guastato un po di senso critico e di discernimento tra eventi formativi di diversa qualità). Si sono moltiplicate le modalità delle proposte formative: di aula e sul campo, con l uso di metodiche tradizionali o a distanza, valorizzando l e-learning, rivolte a gruppi professionali omogenei o a sanitari di diversa professionalità. La formazione, dunque, c è, e in grande quantità. La diffusione e la varietà delle proposte formative sono documentate su vasta scala sul nostro dossier. Ma a che cosa è finalizzata questa mobilitazione formativa? Facciamo nostra la formulazione del problema proposta nella primavera scorsa dal Gruppo sanità dell Associazione italiana formatori, che raccoglie quanti operano nella formazione e nelle attività educative degli adulti, per il suo convegno nazionale: «Formazione e cambiamento in sanità». Evocando il Deserto dei Tartari di Buzzati, i formatori si chiedevano, in senso autocritico: «Stiamo tenendo in movimento mentale i professionisti. Ma per cosa?». Non riusciamo a sottrarci all impressione che, malgrado tanta formazione, il corso degli eventi in sanità abbia preso una brutta piega. Benché medici, infermieri e altri professionisti sanitari siano competenti e aggiornati, malgrado la loro preparazione di base e la formazione continua, cresce la dissonanza tra professionisti sanitari e cittadini. Mentre la formazione tiene in movimento i professionisti, mobilitando le loro energie e competenze contro il nemico (identificato con ciò che minaccia la vita e la salute), trascura di occuparsi di ciò che avviene all interno della fortezza, posta a guardia del deserto dei tartari. Proprio in casa Il futuro del presente 7

7 editoriale propria, invece, sta avvenendo una vistosa trasformazione, che assomiglia al tracollo dello stesso sistema difensivo. È come se professionisti e cittadini (cioè erogatori e beneficiari dei servizi della salute) stessero diventando sempre più estranei gli uni agli altri. Non riconosciamo più la fisionomia di quel rapporto che possiamo identificare, senza esitazione, come opera di Cura, la dea che, secondo il mitografo latino Igino, tiene insieme l uomo dalla nascita alla morte. La formazione che abbiamo ritenuto necessaria si è presa a cuore tanti cambiamenti. Quelli scientifici, prima di tutto: le nuove metodiche diagnostiche, le prove di efficacia (evidence based medicine), fino alle nuove frontiere della genetica. E poi i cambiamenti organizzativi: dal sistema mutualistico al Servizio sanitario nazionale, a sua volta a più riprese ri-formato con l aziendalizzazione e la regionalizzazione del sistema. Tutte queste dimensioni sono state fatte oggetto di formazione specifica. È stato invece disatteso il cambiamento culturale generale, che ha modificato il profilo stesso della medicina come pratica sociale. Da questo punto di vista, l attività di formare e ri-formare equivale alla ricerca di una nuova forma, nel significato diffuso dalla psicologia della forma o gestaltismo. La forma (Gestalt, in tedesco) di cui parliamo è una configurazione globale, diversa dalla somma delle parti o dalla combinazione dei singoli elementi. È la forma totale, il punto di partenza di fenomeni percettivi; e alla coscienza si impongono forme, o configurazioni, o campi, colti nella loro struttura totale. Quando un insieme si sforma, non lo riconosciamo più come tale. Allora deve avvenire una ri-forma, in senso radicale: è questa la sanitas reformanda. Per appoggiarci all analogia della riforma protestante, dobbiamo considerare che ciò che Lutero rimproverava alla Chiesa di Roma non era di non essere aggiornata o al passo con i tempi rinascimentali, ma di aver sfigurato il profilo della Chiesa fondata da Cristo; non proponeva, perciò, di cambiare qualche tratto della comunità ecclesiale, ma di conferirle una vera e propria nuova forma, come di fatto è avvenuto con la riforma protestante. Spero non sia considerato un esercizio retorico improprio affermare che il ri-formare di cui ha bisogno la nostra sanità è un processo di questo genere. Si tratta di una riforma nella discontinuità, piuttosto che nella continuità. Proprio perché una lenta deriva sta portando i professionisti sanitari e i cittadini lontano gli uni dagli altri, nutrendo il sospetto reciproco là dove in passato c era fiduciosa confidenzialità, è necessario puntare sulla forma, più che sugli elementi di contorno: quell insieme che può essere riconosciuto anche da singoli tratti, ma che ci riconduce ogni volta a un insight illuminante: «Qui c è Cura in azione!». Non è difficile individuare i temi più caldi di questa sanitas ri-formata. Bisognerà che i professionisti sanitari e i cittadini reagiscano alle spinte che li stanno portando su due versanti contrapposti, dove assumono posizioni difensive: la medicina esiste solo se medici e malati si sentono dalla stessa parte. Tuttavia le persone vogliono ricevere i servizi medici in quanto soggetti, non come oggetto di cure. Per questo l informazione ha un ruolo centrale nella medicina del nostro tempo («il tempo dell informazione è tempo di cura», proclama la carta di Firenze). Sarà necessario che uno sforzo almeno comparabile con quello che è dedicato alla formazione dei nuovi professionisti sanitari sia rivolto alla formazione dei cittadini: perché si crei una cultura comune, sarà necessario immaginare qualcosa come 8 Janus numero 24 inverno 2006

8 Sandro Spinsanti un educazione continua rivolta a loro. Chi ha spiegato ai cittadini il senso del consenso informato o delle direttive anticipate? Senza un impegno adeguato, le dissonanze sono destinate a crescere. E ancora: non si può continuare a tacere dei conflitti d interesse. Senza una politica di trasparenza, predominerà il sospetto sistematico, a cominciare da quello che circonda il finanziamento della formazione continua dei medici. Non si può fingere di ignorare che, proprio mentre i programmi di Ecm assumevano la dimensione capillare necessaria per coinvolgere tutti gli operatori sanitari, si chiedeva implicitamente all industria farmaceutica di farsene carico, esigendo però dai soggetti sponsorizzanti un disinteresse che non possono avere. Mentre alcuni (pochissimi) professionisti prendevano le distanze dall industria, considerandola un agente di contagio etico (cfr. «No, grazie. Da oggi pago io» in Janus 15, autunno 2004), la gran parte dei medici si è appoggiata volentieri alla disponibilità delle industrie farmaceutiche a farsi carico della formazione, senza molta trasparenza. La riforma di cui abbiamo bisogno richiede, invece, regole chiare e condivise: gli interessi dei diversi soggetti coinvolti possono essere riconosciuti e governati, rinunciando a moralismi e reticenze. Altrimenti predominano il sospetto sistematico e la diffidenza. E nessuno riconosce più il profilo di Cura. Sandro Spinsanti Il futuro del presente 9

9 periscopio Bioetica da ridere, bioetica da piangere Sulla bioetica negli ultimi tempi è stato detto di tutto: e parte della responsabilità è dei media, per molti dei quali quello che conta è solo sparare con la massima rapidità possibile. Il risultato è un danno all immagine pubblica di quella che era nata come un nuovo modo di affrontare i problemi biomedici. La confusione che regna è apparsa evidente con il caso Welby : confusione di parole e di principi, anche da parte di uomini di chiesa. Sandro Spinsanti Il caso Welby ci ha investito come un tornado. Ha aperto numerose questioni con le quali ci dovremmo ancora confrontare, ma ha lasciato dietro di sé anche molti danni. Tra tutti si segnalano quelli inferti all immagine pubblica della bioetica. Una disciplina (o piuttosto un approccio interdisciplinare e multidisciplinare) sorta con l intenzione di introdurre nelle nostre società una modalità nuova di affrontare i problemi che pongono le scienze biomediche si sta rivelando invece una palestra di vecchie e nuove intolleranze. Per non parlare della babele delle lingue: gli stessi termini, in bocca a persone diverse, assumono significati assolutamente non confrontabili. Che significato ha, per esempio, la parola eutanasia? Nel resoconto giornalistico dell allocuzione natalizia di Benedetto XVI è stato riportato che, parlando della tutela della vita fino alla «morte naturale», il papa avrebbe condannato l eutanasia. Presupponiamo che non abbia voluto prendere posizione per contrapporsi al partito radicale che, nelle stesse ore, stava commemorando, in una piazza di Roma, la scelta di Piergiorgio Welby: non ci sarebbe proporzione tra un pontefice universale che parla al mondo e a un miliardo di cattolici e un partito politico che conduce una battaglia per introdurre una nuova legge in Italia. Che valore può avere, dunque, la condanna dell eutanasia attribuita a papa Ratzinger? Forse quello di escludere dai comportamenti accettabili per i cristiani il programma che sotto quel nome è stato condotto nel suo Paese di origine per togliere dalle spalle dello Stato il peso della zavorra, ovvero «le vite non degne di essere vissute», secondo il metro dell ideologia nazista? Bene: prendiamone atto. Ma non utilizziamo la stessa parola per qualificare il comportamento di chi vorrebbe legittimare l interruzione della vita su richiesta di persone che la Il futuro del presente 11

10 periscopio considerano insopportabile per i dolori e le indegnità che lo stato di malattia le costringe a subire. Chiamare due cose così diverse con lo stesso nome non può che creare confusione. Il grido di san Paolo Bisognerà trovare un altro termine anche per descrivere una scelta come quella di Welby, che chiedeva che fosse rimosso un presidio medico che lo teneva attaccato alla vita contro la sua volontà. Voleva mettere un limite alle cure. Senza alcuna irriverenza, la sua richiesta può essere accostata a quella di Giovanni Paolo II. «Lasciatemi andare alla casa del Padre», ha chiesto il papa, da credente, rinunciando con ciò a quanto la medicina avrebbe ancora potuto fare per prolungare la sua vita. Da credente, appunto; la sua richiesta è in armonia con il grido di san Paolo nella lettera ai Filippesi: «Desidero lasciare questa vita per essere con Cristo, e ciò sarebbe certamente per me la cosa migliore». Ha meno valore questa volontà se qualcuno, senza fede religiosa, invoca: «Desidero lasciare questa vita ed essere con il nulla»? Nella cacofonia alla quale ormai è stata affibbiata l etichetta di bioetica si è sentito di tutto, durante i giorni di dibattito su Welby. «To shoot from the hip», chiamano gli americani il gesto del pistolero che con rapidità colpisce il bersaglio senza neppure estrarre la pistola dalla fondina. Molti pronunciamenti bioetici evocano quella espressione. L importante è la rapidità con cui si spara su un bersaglio (generalmente con parole di grande spessore: dono della «Lasciatemi andare alla casa del Padre», ha chiesto il papa, da credente, rinunciando con ciò a quanto la medicina avrebbe ancora potuto fare per prolungare la sua vita vita, autodeterminazione, accanimento terapeutico e naturalmente eutanasia). Spigolando dai giornali, possiamo segnalare qualche esempio, a caso, di bioetica da ridere (o da piangere, secondo le preferenze). Con un avvertenza necessaria: può darsi che le parole che il giornalista attribuisce alla persona intervistata, per quanto virgolettate, non siano esatte. L interessato se ne può comprensibilmente risentire; ciò non toglie che il danno pubblico all immagine della bioetica sia già stato fatto. L unico che non decide è il paziente Franco Cuccurulo, coordinatore del Consiglio superiore di sanità, ha dichiarato sul Corriere della Sera del 13 dicembre: «La decisione sull eventuale interruzione di terapie, anche in presenza di atti scritti, spetta al medico. Alla fine è lui a scegliere, da solo, in scienza e coscienza. Una prerogativa che nessuno può sottrargli perché è il sale e il fascino della nostra professione». Secondo il documento Informazione e consenso all atto medico del Comitato nazionale per la bioetica, il passaggio dall etica medica alla bioetica, con l ascolto e il rispetto della volontà del paziente, «si traduce in una maggiore partecipazione del paziente alle decisioni che lo riguardano». Ma questo passaggio è diventato irrilevante: un semplice cambiamento di etichette, senza nessuna portata pratica se alla fine è il medico a scegliere in scienza e coscienza. L unica volontà che non conta è quella del paziente. Il cardinale Javier Lozano Barragan, presidente del Pontificio consiglio per gli operatori sanitari, in un intervista rilasciata a Repubblica, a proposito del caso Welby, così si è espresso: «È giusto che su questa drammatica vicenda ci sia un approfondimento e che il ministero competente, prima di intervenire, chieda il parere di medici, scienziati, politici, tenendo presente anche le intenzioni dei famigliari e dell interessato». In quest ordine, eminenza? La volontà del paziente dev essere ascoltata per ultima? Il cardinale nella stessa 12 Janus numero 23 autunno 2006

11 Sandro Spinsanti Bioetica da ridere, bioetica da piangere intervista prosegue dicendo che «è doveroso chiarire prima se in questo caso siamo di fronte a un accanimento terapeutico». Compito delicato, che il ministro della Salute ha affidato al Consiglio superiore di sanità; il quale, seguendo la gerarchia indicata, si è fermato prima di arrivare al paziente: ha sentenziato che allo stato dei fatti non esisteva accanimento terapeutico, facendo economia dell unica voce che aveva qualcosa da dire in merito. Ci servono angeli, non guerrieri Si potrebbe allungare l elenco delle voci stonate, dei passi falsi, delle complicazioni inutili, che non solo hanno aggiunto sofferenza alla vita di una persona, ma hanno aumentato la confusione intorno al tema con il quale dobbiamo confrontarci. È un tema che ha certamente a che fare con le leggi e la sicurezza dei medici, con il rapporto tra bioetica e biodiritto, con la psicologia e con l organizzazione del lavoro sanitario, che include i percorsi che seguono i pazienti dentro le istituzioni e la capacità dei clinici di lavorare non in uno splendido isolamento, per compiti settoriali, ma in equipe e pianificando le cure. Sì, tutto questo e anche di più, senza dimenticare la difesa dei principi. Ma ci vorrà pure qualcuno che ci ricordi che le decisioni di fine vita sono una questione di saggezza, una saggezza che consiste anche nel saper mettere dei limiti e riconoscere quando la misura è colma. Nell ultimo film di Robert Altman, Radio America, questo è il compito affidato a una figura femminile, l angelo Asfodelo, che accompagna con dolcezza le persone che vanno verso la morte. Accostandosi a un personaggio, gli chiede: «Lei crede nella pienezza del tempo e dello spirito? Molti non ci credono. Sarebbe bello aprire il suo cuore alla pienezza del tempo e dello spirito che ci confortano in questo mondo». Ecco: dei messaggeri ( angeli ) di questo genere avremmo bisogno, invece che di guerrieri armati di spada che ci spingono avanti verso la terra promessa dell autodeterminazione o ci ricacciano indietro nell Eden dell infanzia protetta dal paternalismo. Sandro Spinsanti Il futuro del presente 13

12 Prima parte Il futuro del presente 16 L OBIETTIVO Formare e ri-formare 69 La biblioteca aperta

13 l obiettivo Cinque anni di Ecm, tra occhi pesti e fiori all occhiello Il programma di educazione continua in medicina è stato avviato nel 2002, nello stesso periodo della modifica della Costituzione che ha dato più poteri alle Regioni. In questo nuovo contesto, l applicazione del programma ha risentito molto delle differenze regionali (e non solo). Rispetto al panorama internazionale, l esperimento italiano presenta però anche altri elementi di originalità. Marco Biocca Il primo ciclo del programma di educazione continua in medicina (Ecm) avviato in Italia nel 2002 è terminato. Questo articolo dovrebbe descrivere la situazione attuale su una scala nazionale, cercando di mettere in luce le differenze che esistono tra le diverse Regioni. Vorrei avvisare il lettore, tuttavia, che lo sto scrivendo in una condizione di estrema incertezza sulle prospettive: il ministero della Salute e le Regioni non hanno trovato un accordo su quali dovranno essere le regole da seguire in un eventuale secondo ciclo e hanno rinviato la decisione di sei mesi; hanno procrastinato la sperimentazione attualmente in corso e hanno chiesto a un gruppo di tecnici di delineare gli scenari più attendibili. Proverò a fare anch io questo esercizio, offrendo una breve illustrazione dei punti che sono (o dovrebbero essere) centrali nello sviluppo della discussione di questi mesi, alla luce anche delle diverse situazioni che si sono verificate. In particolare, dopo aver ricordato alcuni elementi di contesto, mi soffermerò sui modelli di accreditamento, sulle possibili finalità dell Ecm e sui meccanismi per il controllo dei conflitti di interesse. Non affronterò, invece, il tema della qualità e della distribuzione dell offerta formativa, perché non sono disponibili dati utili e attendibili. Un esperimento originale Il programma Ecm italiano è un esperimento originale nel panorama internazionale. Sono stati coinvolti, infatti, tutti gli operatori sanitari, non solo i medici, ma anche gli infermieri e le altre numerose figure pro- 16 Janus numero 24 inverno 2006

14 Marco Biocca Cinque anni di Ecm, tra occhi pesti e fiori all occhiello fessionali. In secondo luogo, anche se l obbligo di acquisire i crediti è individuale, è direttamente collegato ai processi istituzionali di accreditamento delle strutture sanitarie per cui si lavora. Infine, va sottolineato che il programma è stato realizzato davvero e ha di fatto introdotto i principi della formazione continua nel Servizio sanitario nazionale. L impostazione dell Ecm era stata delineata nelle leggi di riforma del Servizio sanitario nazionale degli anni Novanta. La modifica della Costituzione del 2001, che ha dato alle Regioni più ampie potestà, in particolare nel campo dell organizzazione sanitaria e della formazione, ha cambiato il contesto istituzionale in cui prendere le decisioni. Per armonizzare i comportamenti regionali e renderli compatibili in un comune quadro di riferimento nazionale, si è allora riconosciuta nella Conferenza Stato-Regioni la sede appropriata in cui adottare accordi vincolanti per tutti gli attori. Le regole formali sono importanti e hanno avuto anche un peso gravoso, almeno nei primi anni. Non credo che siano il vero nodo della questione e parto dal presupposto che il lettore ne abbia già un idea sufficiente (e comunque nelle due tabelle sono riassunti gli aspetti principali). Il modello ministeriale Il meccanismo generale del programma di Ecm, come è noto, si basa sull obbligo per gli operatori sanitari di acquisire un certo numero Per armonizzare i comportamenti regionali e renderli compatibili in un comune quadro nazionale, si è riconosciuta nella Conferenza Stato-Regioni la sede appropriata in cui adottare accordi vincolanti per tutti gli attori di crediti formativi ogni anno, attraverso la partecipazione a iniziative didattiche accreditate per questo scopo. Il programma è unico a livello nazionale e comuni sono i criteri utilizzati, ma il sistema è strutturato in modo multipolare perché sia il ministero che le Regioni hanno il medesimo ruolo di accreditamento, promozione e valutazione. I crediti hanno lo stesso valore su tutto il territorio nazionale indipendentemente dall evento che ha permesso di acquisirli e dall autorità che lo ha accreditato. In questa situazione si sono sviluppati tre principali modelli. Il primo modello è quello utilizzato dal ministero della Salute che, attraverso la Commissione nazionale per la formazione continua, accredita proposte di eventi formativi provenienti da organizzatori pubblici e privati. Per verificare la qualità delle proposte vengono utilizzati dei referee segnalati dalle società scientifiche. Per l accreditamento degli eventi il ministero riscuote una tariffa. La macchina è imponente: in cinque anni il ministero ha accreditato, con l aiuto di referee, progetti di eventi proposti da organizzatori. Le proposte arrivano da ogni parte del Paese, ma in particolare dalle Regioni del Centrosud (Abruzzo, Basilicata, Campania, Calabria, Lazio, Puglia, Sardegna e Sicilia) e dal Piemonte, che non hanno attivato propri sistemi locali di accreditamento. Il Veneto, la Valle d Aosta, le Province di Trento e Il futuro del presente 17

15 l obiettivo Bolzano e recentemente la Liguria hanno avviato un processo di accreditamento regionale che segue il modello del ministero. Un sistema più agile Nel modello del ministero si concentra l attenzione sugli eventi: non ha importanza chi li proponga, ma se siano validi in sé. La qualità e la riproducibilità dei pareri dei referee nel complesso è stata molto criticata. La tardiva o mancata attivazione di molti sistemi regionali ha intasato il sistema. L enorme numero di organizzatori, anche del tutto estranei alla formazione del personale sanitario, ha ridotto la qualità dell offerta e aumentato il rischio di una produzione adulterata e prevalentemente formale di crediti. Il peso degli aspetti burocratici è notevole. Anche l Emilia Romagna, il Friuli Venezia Giulia, le Marche, la Toscana e l Umbria hanno avviato un proprio sistema di accreditamento regionale. Questo si differenzia dal modello centrale per alcuni aspetti procedurali e organizzativi, ma soprattutto perché prende in considerazione solo eventi proposti da organizzatori pubblici, in particolare dalle aziende sanitarie. Puntando sul ruolo primario delle aziende sanitarie pubbliche e sulla loro capacità di proporre e organizzare una formazione appropriata, questo modello ha reso più agile e sicuro il meccanismo dell accreditamento. La sperimentazione di nuove modalità di formazione, soprattutto sul campo e di tipo misto, ha dato maggiore spessore all offerta formativa che si è sviluppata, complessivamente, anche oltre le attese suscitate dal programma Ecm. Il terzo modello di accreditamento che è stato avviato è quello della Lombardia, che non accredita gli eventi, ma gli organizzatori, i cosiddetti provider e i loro piani formativi annuali. Un provider accreditato ha la potestà di organizzare eventi e programmi formativi senza dover ogni volta richiederne l accreditamento. Il principio di accreditare centri di formazione, pubblici e privati, sulla base di criteri di qualità strutturali e organizzativi, punta a regolamentare un mercato dell offerta esterna lasciando agli acquirenti, operatori o aziende, il compito di scegliere cosa è più utile. Questo modello non risponde agli accordi presi nella Conferenza Stato-Regioni e la sua adozione ha messo in luce in modo assai evidente la fragilità del sistema multipolare. Né il sostegno ai fisiologici processi di apprendimento degli operatori sanitari, né il generico appello al principio, peraltro largamente condiviso, che la formazione continua contribuisca alla sicurezza dei pazienti e al miglioramento della pratica clinica sembrano motivazioni sufficienti a mantenere in piedi un meccanismo talmente impegnativo come quello dell Ecm. Le finalità dell Ecm Le differenze nei modelli di accreditamento possono anche essere spiegate sulla base di diverse possibili finalità del programma di Ecm. Finora, sulla base del Decreto legislativo 299 del 1999, l Ecm era stata direttamente collegata con l accreditamento delle strutture sanitarie per il Servizio sanitario nazionale. In questi anni gli assessori regionali e le direzioni delle aziende sanitarie hanno spinto molto perché l Ecm sia considerata sempre più uno strumento di orientamento delle scelte formative in modo coerente con l evoluzione delle organizzazioni e delle priorità sanitarie. Sempre più sono stati sottolineati la funzione di formazione e di ricerca nelle aziende sanitarie che accompagna quella assi- 18 Janus numero 24 inverno 2006

16 Marco Biocca Cinque anni di Ecm, tra occhi pesti e fiori all occhiello stenziale e il ruolo della formazione nel governo clinico e nella gestione delle innovazioni. D altra parte, tuttavia, molti medici chiedono di poter scegliere in prima persona quali debbano essere i programmi didattici da seguire. L apprendimento è un processo individuale che va orientato in base ai bisogni formativi e alle prospettive di sviluppo della professionalità del singolo operatore. In molti Paesi la partecipazione a programmi di formazione continua è uno dei requisiti essenziali per la rivalidazione del titolo professionale. In un contesto di questo genere prevale l interesse a garantire un mercato aperto, piuttosto che a orientarlo. Conflitti di interesse Anche il comportamento nei confronti dei possibili conflitti di interesse può rappresentare un buon indicatore di differenze nell applicazione delle regole per l Ecm. Il quadro normativo è piuttosto generico. Secondo il Decreto legislativo 229 del 1999 «la formazione permanente comprende le attività finalizzate a migliorare le competenze e le abilità cliniche, tecniche e manageriali e i comportamenti degli operatori sanitari al progresso scientifico e tec- Gli attori del sistema Ecm Utenti Organizzatori di formazione di interesse per l Ecm (provider) Enti accreditanti e valutatori Ordini e collegi professionali Sono gli operatori sanitari a cui è destinata l offerta formativa: i dipendenti del Ssn e delle strutture private accreditate e i liberi professionisti convenzionati. Anche se la formazione continua è un dovere deontologico per tutti coloro che operano nella sanità, l Ecm non riguarda direttamente gli altri dipendenti del Ssn e i liberi professionisti che non operano per il Ssn. Sono in primo luogo le Aziende sanitarie, le Università, e le Società scientifiche, ma potenzialmente potrebbero essere anche molti altri, Ordini e Collegi, Case editrici, Centri di formazione, ecc. Il ministero della Salute ne ha registrati circa , di cui oltre 700 solo in Emilia Romagna. Dovranno essere accreditati sulla base di criteri condivisi a livello nazionale che tuttora non sono stati definiti. L Emilia Romagna provvisoriamente riconosce solo alle Aziende sanitarie e alle Università della regione e agli Istituti scientifici del Servizio sanitario nazionale la possibilità di presentare proposte di eventi da accreditare. L Ecm in Italia ha carattere istituzionale e i promotori e i garanti di questo processo che devono accreditare e valutare gli organizzatori e le attività formative sono il ministero della Salute e le Regioni. Hanno, quindi, funzioni di promozione del sistema, di garanzia della qualità e di accreditamento degli eventi formativi. Per evitare conflitti di ruolo è interdetta la possibilità di organizzare direttamente attività di formazione Ecm. Rappresentano gli utenti e devono garantire che il sistema si sviluppi in modo coerente e adeguato. Sono peraltro direttamente interessati anche a svolgere un ruolo attivo nella certificazione dell acquisizione dei crediti e a promuovere la formazione sugli aspetti etici e deontologici. Il futuro del presente 19

17 l obiettivo Le regole dell Ecm approvate con gli accordi nazionali della Conferenza Stato-Regioni nel dicembre 2001, marzo 2003, maggio 2004, marzo 2005 e marzo 2006 Acquisizione di crediti Ruolo della Commissione nazionale Obiettivi formativi nazionali Obiettivi formativi regionali Per acquisire crediti Ecm occorre partecipare a iniziative didattiche accreditate. Tra il 2002 e il 2006 ogni operatore deve acquisirne 120 (10 nel 2002, 20 nel 2003, 30 nel 2004, 2005 e 2006). Quelli acquisiti partecipando a eventi accreditati dal ministero della Salute o dalle Regioni hanno lo stesso valore. La Commissione nazionale, che è stata integrata nel 2002 con rappresentanti delle Regioni, delle società scientifiche, degli ordini e delle associazioni professionali, ha funzioni propositive nei confronti della Conferenza e di consulenza per l accreditamento da parte del ministero della Salute. Nel 2002 è stato approvato un elenco di obiettivi nazionali, in parte comuni a tutte le categorie professionali, aree e discipline e in parte specifici. In effetti più che di identificazione di alcuni obiettivi prioritari si tratta piuttosto di un elenco di argomenti che coprono una gamma assai ampia di problemi medici e assistenziali. Gli obiettivi formativi nazionali vanno correlati al Piano sanitario nazionale. Con l Intesa del 23 marzo 2005 è stato definito anche un Piano nazionale della prevenzione che contiene alcuni indirizzi specifici. Le Regioni elaborano gli obiettivi formativi di interesse regionale e possono decidere in quale misura (fino a un massimo del 50%) gli operatori sanitari debbano soddisfare il proprio debito annuale attraverso attività che perseguano questi obiettivi. Sono poche le Regioni che li hanno identificati. Criteri per la valutazione degli eventi residenziali Finora sono stati definiti solo i criteri per la valutazione degli eventi residenziali che si realizzano in una sede dedicata (corsi, seminari, convegni). Si basano su tre elementi: la coerenza degli obiettivi formativi perseguiti con le priorità, definite a livello nazionale e regionale, e con gli interessi prevalenti delle figure specifiche professionali a cui sono rivolte le iniziative la qualità della didattica: appropriatezza ed efficacia del metodo la durata in ore. A ogni ora di formazione documentata di un processo completato corrisponde circa 1 credito (da un minimo di 0,75 a un massimo di 1,25 crediti). Valutazione della formazione sul campo e formazione a distanza Valutazione della qualità Non ci sono ancora criteri condivisi. Le iniziative di formazione sul campo e di formazione a distanza possono essere accreditate dal ministero della Salute e dalle Regioni solo in via sperimentale al fine di valutarne l efficacia e di definirne criteri di accreditamento da proporre alla Conferenza Stato-Regioni. Il ministero della Salute e 10 Regioni hanno firmato una convenzione per realizzare un progetto pilota di Osservatorio nazionale sulla qualità dell Ecm, avviato nel maggio La Regione Emilia Romagna ha la responsabilità scientifica e di coordinamento del progetto. 20 Janus numero 24 inverno 2006

18 Marco Biocca Cinque anni di Ecm, tra occhi pesti e fiori all occhiello Le differenze esistenti nell applicazione del programma Ecm non sono riconducibili soltanto alle caratteristiche regionali, ma sono legate all intero sistema sanitario in cui si inserisce nologico con l obiettivo di garantire efficacia, appropriatezza, sicurezza ed efficienza all assistenza prestata dal Servizio sanitario nazionale». La Commissione nazionale per la formazione continua, nel suo documento approvato il 25 marzo 2003, ha sostenuto che «il provider può accreditare eventi e programmi Ecm solo se è in grado di garantire che l informazione e l attività educazionale è obiettiva e non influenzata da interessi diretti o indiretti che ne possono pregiudicare la finalità esclusiva di educazione/formazione dei professionisti della sanità, al fine di ottenere una migliore pratica clinica-tecnicaassistenziale, basata sulle più moderne conoscenze scientifiche». Nella Conferenza Stato- Regioni del 20 dicembre 2001 si è convenuto che le Regioni non possano svolgere il ruolo di organizzatori di formazione per l Ecm perché sono in primo luogo enti per la promozione, l accreditamento e la valutazione della qualità. Il riferimento più preciso si trova nella Legge 326 del 2003, in base alla quale «la procedura di attribuzione dei crediti Ecm deve prevedere la dichiarazione dell eventuale conflitto di interessi da parte dei relatori e degli organizzatori degli eventi formativi». In effetti la stessa legge aggiorna anche le norme in merito alla pubblicità dei medicinali e prevede significativi benefici fiscali per le imprese farmaceutiche che sponsorizzino iniziative formative (convegni, congressi, seminari, ecc.) finalizzate alla promozione di propri prodotti. La maggior parte di queste iniziative viene anche accreditata per l Ecm. Tre approcci diversi Nel momento in cui questi elementi vengono tradotti in comportamenti, si verificano almeno tre approcci diversi, che sono accomunati soltanto dalla richiesta ai docenti di un autocertificazione con cui venga esclusa, in modo alquanto generico, la presenza di conflitti di interesse. Nell approccio del ministero si richiede agli organizzatori di produrre un autocertificazione con la quale dichiarino gli eventuali sostegni provenienti da imprese con interessi commerciali in sanità, ma garantiscano l indipendenza e l esclusiva finalità formativa. Le imprese farmaceutiche non possono direttamente presentare proposte di eventi per l accreditamento, ma possono sponsorizzare altri organizzatori. L accreditamento viene negato se la presenza dello sponsor non rispetta alcune regole formali. Anche in Emilia Romagna e in altre Regioni, per avere l accreditamento, gli organizzatori devono produrre un autocertificazione, con cui però devono escludere che l evento venga sostenuto, anche parzialmente, con risorse provenienti da imprese con interessi commerciali in sanità. Sono possibili eventualmente accordi tra organizzatore e sponsor quando il finanziamento interessa l intero programma formativo. È stato anche proposto alle imprese farmaceutiche di collaborare a programmi di ricerca su Il futuro del presente 21

19 l obiettivo L autore Marco Biocca è medico di sanità pubblica, dirige il Sistema comunicazione, documentazione e formazione dell Agenzia sanitaria regionale dell Emilia-Romagna emilia-romagna.it scala regionale che includono anche attività di formazione accreditata. C è infine una terza situazione, che si potrebbe chiamare di conflitto obbligatorio. È il caso di quegli eventi accreditati per l Ecm che sono anche autorizzati dall Aifa in base alla Legge 326 del 2003 e per i quali, quindi, le imprese farmaceutiche che li sponsorizzano ottengono benefici fiscali oltre che promozionali. In base ai dati disponibili si tratta di un fenomeno dalle dimensioni rilevanti: le cifre investite sono quasi pari a quelle utilizzate complessivamente per la formazione dalle aziende sanitarie, ma i vantaggi sono solo per un gruppo ristretto di medici. In effetti il quadro che risulta da queste descrizioni è notevolmente differenziato e non poco confuso. Le differenze esistenti nell applicazione del programma Ecm, come si è visto, non sono riconducibili soltanto alle caratteristiche regionali, anche se è possibile usare questa chiave di lettura per orientarsi inizialmente. Le regole per il funzionamento e il riconoscimento degli aspetti formali dell Ecm possono essere condivise, ma è chiaro che il modello di Ecm che si adotta e il suo impatto sono strettamente correlati con le caratteristiche del sistema sanitario in cui si inserisce. Marco Biocca 22 Janus numero 24 inverno 2006

20 l obiettivo Una formazione comune per i medici di medicina generale europei? I medici di medicina generale sono una categoria importante che rappresenta un tramite tra la società, gli specialisti e le strutture cliniche. Dati internazionali confermano che sistemi sanitari con un efficiente medicina di base garantiscono cure più efficaci. Ci si chiede però quale sia la formazione professionale più adatta per queste figure e se sia necessaria un omogeneizzazione a livello europeo. Vittorio Caimi, Giuseppe Parisi Èopportuno chiedersi se, nel campo della formazione in medicina generale, esistano riferimenti teorici comuni a livello europeo; in secondo luogo, quale sia l attuale situazione italiana al riguardo; infine, se sono maturi i tempi per un processo di questo genere, e quali forme può assumere, anche alla luce delle esperienze europee in atto. I dati internazionali indicano che i sistemi sanitari basati su cure primarie efficienti, con medici generali che lavorano all interno di comunità territoriali definite, garantiscono cure clinicamente più efficaci ed economicamente più vantaggiose rispetto ad altri tipi di sistemi. Questa affermazione suggella ruolo e competenze della medicina generale basandosi su una presupposta definizione chiara di essa. In realtà questa definizione ha avuto una notevole evoluzione nel tempo: a partire dalla dichiarazione del gruppo Leeuwenhorst quando la medicina generale muoveva i primi passi come disciplina, soprattutto per quanto riguarda i suoi fondamenti relativi all insegnamento e alla ricerca, fino alla prima definizione della World Organisation of Family Doctors (Wonca), l organizzazione che riunisce le società scientifiche e accademiche di medicina generale a livello mondiale. Dal documento dell Oms Europa del 1998, quando la medicina generale è ormai ben radicata in tutti i sistemi sanitari europei, al lavoro di Frede Olesen che prelude alla stesura dell attuale definizione del La definizione europea Il documento realizzato dall organizzazione regionale Il futuro del presente 23

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete)

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Il ruolo delle Associazioni Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Perchè parlare di coinvolgimento Il coinvolgimento dei pazienti/cittadini nella progettazione,

Dettagli

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Formazione Permanente Milano, 24 ottobre - 29 novembre 2012 In collaborazione con: Finalità

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia di formazione continua, definendone le finalità, i

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

Centro per la Salute del Bambino / ONLUS

Centro per la Salute del Bambino / ONLUS Progetto In Vitro Progetto formativo Formazione degli operatori dei servizi sanitari, socio-educativi, bibliotecari e dei lettori volontari per la promozione della lettura da 6 mesi a 6 anni di vita Quadro

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Presidente. Past President. Senato della Repubblica Commissione Igiene e Sanità

Presidente. Past President. Senato della Repubblica Commissione Igiene e Sanità Società Italiana Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza SINPIA Bernardo Dalla Bernardina Presidente Franco Nardocci Past President Senato della Repubblica Commissione Igiene e Sanità Roma, 13

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA VIALE MICHELANGELO GRIGOLETTI, 5 PORDENONE Tel. 0434/362431 - Fax 0434/1702623 - Cell. 340-5900148 e-mail: chiesabattistapn@libero.it chiesabattistapn@gmail.com sito:

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

"Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni"

Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni "Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni" Mario Melazzini Direttore Scientifico Centro Clinico NeMo, Fondazione Serena, Azienda Ospedaliera Niguarda Ca Granda, Milano Il punto di partenza

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

V Convegno Internazionale Medico Cura Te Stesso Sopravviverà la medicina all abbandono della clinica? 25 27 giugno 2009

V Convegno Internazionale Medico Cura Te Stesso Sopravviverà la medicina all abbandono della clinica? 25 27 giugno 2009 Sessione Parallela OSPEDALI RELIGIOSI: UN OPERA PUBBLICA LA FONDAZIONE DON CARLO GNOCCHI Gianbattista Martinelli Vice Direttore Generale e Responsabile Area Formazione e Sviluppo della Fondazione Don Carlo

Dettagli

ARTICOLO 1 (Denominazione)

ARTICOLO 1 (Denominazione) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI SPECIALIZZAZIONE QUADRIENNALE IN PSICOTERAPIA PSICOANALITICA: INTERVENTO PSICOLOGICO CLINICO E ANALISI DELLA DOMANDA (Approvato dal consiglio di amministrazione SPS s.r.l.

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015 Scuola secondaria primo e secondo grado ORIENTARE è Porre l individuo in grado di prendere coscienza di sé e progredire con i suoi studi e la sua professione,

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

La formazione nella sanità

La formazione nella sanità La formazione nella sanità Donatella Becchio 22 maggio La formazione continua in sanità 1. Alcuni punti di partenza 2. Il programma ECM 3. Alcuni dati del contesto piemontese 4. Punti di forza e di debolezza

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI NELLA PRESA IN CARICO DELLE FRAGILITA

LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI NELLA PRESA IN CARICO DELLE FRAGILITA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI SCIENZE SOCIALI CONVEGNO PER UN WELFARE SOSTENIBILE LEA E LIVEAS: MODELLI REGIONALI A CONFRONTO TAVOLA ROTONDA LEA E LIVEAS NELLA PRESA IN CARICO

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 Il volume è pubblicato con i contributi erogati dal Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

Le azioni di advocacy delle donne nel mondo con particolare riferimento al tumore del seno

Le azioni di advocacy delle donne nel mondo con particolare riferimento al tumore del seno Le azioni di advocacy delle donne nel mondo con particolare riferimento al tumore del seno A cura di Francesca Merzagora Ginevra, 5-6 febbraio 2010 Contenuti della presentazione 1. Le origini dei movimenti

Dettagli

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo Lettera aperta ai colleghi dell Istituto Albert, al Preside, al Direttore scolastico regionale, alla Ministra della Pubblica Istruzione, Al mondo sindacale e politico, ai giornali. Mozione presentata al

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE Corso residenziale di aggiornamento a cura del Laboratorio HTA della SIFO HTA PER LA VALUTAZIONE DEI FARMACI Codice 313-122539 Verona, c/o Centro Culturale Marani 8 maggio 2015 Con il patrocinio di Sihta

Dettagli

Assegna i crediti e li trasmette

Assegna i crediti e li trasmette NUOVO SISTEMA ECM L ECM è il processo attraverso il quale il professionista della salute si mantiene aggiornato per rispondere ai bisogni dei pazienti, alle esigenze del Servizio sanitario e del proprio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Convegno LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici 14 dicembre 2011 Intervento di Luciano Baggiani, Presidente dell ANEA

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

Diritto.it. Il bene si può definire statico, il servizio si può definire dinamico.

Diritto.it. Il bene si può definire statico, il servizio si può definire dinamico. Prestazione di servizi e contratto di assicurazione: resoconto del convegno sull argomento e intervista al Prof. Gabriele Racugno Presidente dell AIDA Sardegna, Ordinario di Diritto Commerciale e Avvocato

Dettagli

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO Roma, 19 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 629.496, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI

Dettagli

Gli Ambiti territoriali sociali: dimensionamento e prospettive Franco Pesaresi Jesi, 27 giugno 2014. Convegno regionale

Gli Ambiti territoriali sociali: dimensionamento e prospettive Franco Pesaresi Jesi, 27 giugno 2014. Convegno regionale Gli Ambiti territoriali sociali: dimensionamento e prospettive Franco Pesaresi Jesi, 27 giugno 2014 Convegno regionale Ciò che occorre fare Sono passati 12 anni da quando gli Ambiti sociali hanno iniziato

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

ECM in provincia di Bolzano. Il punto di vista dei medici. Dr Giulio Donazzan, Vicepresidente Ordine dei Medici Commissione Provinciale ECM

ECM in provincia di Bolzano. Il punto di vista dei medici. Dr Giulio Donazzan, Vicepresidente Ordine dei Medici Commissione Provinciale ECM ECM in provincia di Bolzano Il punto di vista dei medici Dr Giulio Donazzan, Vicepresidente Ordine dei Medici Commissione Provinciale ECM Il punto di vista dei professionisti, (prima dell ECM) Aggiornamento

Dettagli

ESSERE TUTOR Corso di formazione per tutori Medici di Medicina Generale e Pediatri di Famiglia

ESSERE TUTOR Corso di formazione per tutori Medici di Medicina Generale e Pediatri di Famiglia Allegato 1 G PROGRAMMA FORMATIVO DEGLI EVENTI ESSERE TUTOR Corso di formazione per tutori Medici di Medicina Generale e Pediatri di Famiglia CT04-2009 1. PREMESSA La formalizzazione di una esperienza di

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola Svolta in collaborazione con gli IRRE e con i Consigli Territoriali dell Ordine degli Psicologi 1. Attività

Dettagli

LA RELAZIONE OPERATORE PAZIENTE-FAMIGLIA

LA RELAZIONE OPERATORE PAZIENTE-FAMIGLIA MODELLO PER DEFINIZIONE PROGRAMMA DEL CORSO Rev. 7 del 13/04/06 Pagina 1 di 6 LA RELAZIONE OPERATORE PAZIENTE-FAMIGLIA NELLE CURE PALLIATIVE Dicembre 2005 Dicembre 2006 N ID CORSO: 5505 organizzato da:

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

Laura Bono, Silvia Di Leo, Monica Beccaro, Gianluca Catania, Massimo Costantini Le core-competencies dell operatore socio-sanitario in cure palliative

Laura Bono, Silvia Di Leo, Monica Beccaro, Gianluca Catania, Massimo Costantini Le core-competencies dell operatore socio-sanitario in cure palliative Laura Bono, Silvia Di Leo, Monica Beccaro, Gianluca Catania, Massimo Costantini Le core-competencies dell operatore socio-sanitario in cure palliative pp. 128, 16,00 - e-book 14,00 Cod. 1370.45 Collana:

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

In un periodo in cui spesso le regioni sono messe in discussione ha ricordato la prof.ssa Sabina Nuti presentando i risultati della valutazione della

In un periodo in cui spesso le regioni sono messe in discussione ha ricordato la prof.ssa Sabina Nuti presentando i risultati della valutazione della COMUNICATO STAMPA I risultati presentati oggi a Roma al Ministero della Salute; Sabina Nuti: Nessuna pagella o graduatoria, ma il contributo per indicare soluzioni che possono fare la differenza nei servizi

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA

AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA di Andrea Cammelli fondatore nel 1994 e direttore del Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea I l Profilo dei Diplomati 2014 rappresenta una risposta

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I curricula di 43mila neodiplomati viaggiano on line: voto e crediti acquisiti, conoscenze linguistiche e informatiche, stage ed esperienze

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PER LA IMPLEMENTAZIONE DELL ATTIVITA DI DIDATTICA E DI RICERCA ALL INTERNO DELLE

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome COLELLA ANNA MARIA Telefono Ufficio 011 Fax Ufficio 011 E-mail istituzionale 011 4322366 011-4325935 Agenziaadozioni-internazionali@regionepiemonteitinternazionali@regionepiemonteit

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale

EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale In riferimento all obiettivo qualità, nel Documento del Consiglio dell'unione europea del maggio

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali 2/5 La Conferenza Stato Regioni il 25 marzo scorso ha approvato la proposta per la realizzazione degli

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni PREMESSA La sperimentazione dei Piani Locali Giovani ha la finalità di sostenere l azione degli enti locali nel campo delle politiche

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

ATTIVITA DI DOCUMENTAZIONE L.285/97

ATTIVITA DI DOCUMENTAZIONE L.285/97 ATTIVITA DI DOCUMENTAZIONE L.285/97 1) Banca dati dei progetti annualità 2012 2) Analisi dei piani di zona delle città riservatarie e dei piani regionali socio-sanitari 2012 STATO d IMPLEMENTAZIONE della

Dettagli

LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011

LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte 17 ottobre 2013 IIS A.

Dettagli

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute

I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute I risultati del Progetto Mattone Internazionale - PMI Pasqualino Rossi, Ministero della salute 02 LUGLIO 2015 Roma Il contesto di riferimento sul quale, nei suoi 5 anni di attività, il PMI ha costruito

Dettagli

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano PITTURA Brera per chi non disegna Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Fotografie di Matteo Girola Obiettivi Formativi del Corso di Diploma

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO Roma, 10 Luglio 2015 I giovani presi in carico sono 380 mila. A oltre 128 mila è stata proposta almeno una misura I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 666 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli