Red Hat Network Satellite 5.5 Getting Started Guide

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Red Hat Network Satellite 5.5 Getting Started Guide"

Transcript

1 Red Hat Network Satellite 5.5 Getting Started Guide Provisioning ed implementazione con il Red Hat Network Satellite Edizione 2 Red Hat Gruppo di documentazione

2 Red Hat Network Satellite 5.5 Getting Started Guide Provisioning ed implementazione con il Red Hat Network Satellite Edizione 2 Red Hat Gruppo di documentazione

3 Nota Legale Copyright 2011 Red Hat, Inc. T his document is licensed by Red Hat under the Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported License. If you distribute this document, or a modified version of it, you must provide attribution to Red Hat, Inc. and provide a link to the original. If the document is modified, all Red Hat trademarks must be removed. Red Hat, as the licensor of this document, waives the right to enforce, and agrees not to assert, Section 4d of CC-BY-SA to the fullest extent permitted by applicable law. Red Hat, Red Hat Enterprise Linux, the Shadowman logo, JBoss, MetaMatrix, Fedora, the Infinity Logo, and RHCE are trademarks of Red Hat, Inc., registered in the United States and other countries. Linux is the registered trademark of Linus Torvalds in the United States and other countries. Java is a registered trademark of Oracle and/or its affiliates. XFS is a trademark of Silicon Graphics International Corp. or its subsidiaries in the United States and/or other countries. MySQL is a registered trademark of MySQL AB in the United States, the European Union and other countries. Node.js is an official trademark of Joyent. Red Hat Software Collections is not formally related to or endorsed by the official Joyent Node.js open source or commercial project. T he OpenStack Word Mark and OpenStack Logo are either registered trademarks/service marks or trademarks/service marks of the OpenStack Foundation, in the United States and other countries and are used with the OpenStack Foundation's permission. We are not affiliated with, endorsed or sponsored by the OpenStack Foundation, or the OpenStack community. All other trademarks are the property of their respective owners. Sommario Questo documento contiene le informazioni per l'uso della funzionalità di provisioning di kickstart con Red Hat Network Satellite. Per maggiori informazioni di base sul Satellite consultare la Satellite User Guide.

4 Indice Indice. Capitolo Introduzione Capitolo Kickstart Pacchetti necessari Alberi kickstart Profili kickstart T emplating Kickstart di una macchina Kickstart da Bare Metal Reprovisioning Provisioning del guest virtualizzato Provisioning per mezzo di un RHN Proxy 17. Capitolo Satellite multipli Inter-Satellite Synchronization Sincronizzazione per organizzazione Esempi di utilizzo ISS 21. Capitolo Comandi e.. metodi API.... avanzati API XML-RPC Cobbler Koan 29. Capitolo T.. roubleshooting Interfaccia web Anaconda Messaggi di T raceback Registrazione Kickstart e Snippet 33. Revision History

5 2 Red Hat Network Satellite 5.5 Getting Started Guide

6 Capitolo 1. Introduzione Capitolo 1. Introduzione Il Provisioning è un processo per mezzo del quale è possibile configurare una macchina virtuale o fisica con uno stato predefinito conosciuto. Red Hat Network (RHN) Satellite esegue il provisioning dei sistemi che utilizzano un processo kickstart. Per poter utilizzare la funzione di provisioning è necessario essere in possesso di una o più macchine target. Esse possono essere macchine fisiche, sistemi bare metal o macchine virtuali. Per poter usare la funzionalità di provisioning della macchina virtuale di RHN Satellite, creare le macchine virtuali usando Xen o KVM. Definizioni Alcuni termini usati in questo libro: Kickstart Un processo di installazione automatizzato di un sistema basato su Red Hat il quale richiede un intervento minimo, o in alcuni casi nessun intervento, da parte dell'utente. T ecnicamente kickstart si riferisce ad un meccanismo presente nel programma di installazione di Anaconda che permette di forniere una breve descrizione dei contenuti e della configurazione di una macchina al programma di installazione. T ale definizione è conosciuta come Profilo kickstart. Profilo kickstart Il file kickstart è un file di testo che specifica tutte le opzioni necessarie per il processo kickstart di una macchina, incluse le informazioni di partizionamento, la configurazione della rete, ed i pacchetti da installare. Un profilo kickstart di RHN Satellite è un superset di una definizione kickstart tradizionale di Anconda poichè l'implementazione di Satellite esegue una compilazione tramite questo metodo. Un profilo kickstart ha bisogno di un albero kickstart. Albero kickstart Il software ed i file di supporto necessari per eseguire il kickstart di una macchina. Ciò viene identificato anche come "albero di installazione". Esso rappresenta generalmente la struttura della directory ed i file ottenuti dal dispositivo di installazione presente con una release particolare. Usando una terminologia Cobbler, un albero kickstart è parte di una distribuzione. PXE (Preboot execution Environment) Un protocollo di livello basso che rende possibile il kickstart di macchine bare-metal (generalmente macchine fisiche, o reali) durante l'accensione senza alcuna preconfigurazione della macchina target. PXE si affida ad un server DHCP per informare i client sui server bootstrap (per lo scopo di questo documento, installazioni Satellite 5.5 o più recenti). Per poter essere usato PXE deve essere supportato nel firmware della macchina target. Sarà possibile utilizzare la virtualizzazione e installare nuovamente le utilità di Satellite senza usare PXE, detto questo PXE è molto utile per l'avvio di nuove macchine fisiche o per la reinstallazione di macchine non registrate con Satellite. Scenari di provisioning I tipi di scenari di provisioning supportati da RHN Satellite: Nuove installazioni Sarà possibile eseguire il provisioning dei sistemi che in precedenza erano sprovvisti di sistema operativo (conosciute anche come installazioni bare metal). 3

7 Red Hat Network Satellite 5.5 Getting Started Guide Installazioni virtuali Satellite supporta i guest completamente virtualizzati Xen, KVM e guest paravirtualizzati Xen. Reprovisioning È possibile eseguire il re-provisioning di sistemi guest e fisici previa registrazione degli stessi con la stessa istanza di Satellite. Consultare Sezione 2.5.2, «Reprovisioning». 4

8 Capitolo 2. Kickstart Capitolo 2. Kickstart 2.1. Pacchetti necessari Se state utilizzando una distribuzione personalizzata sarà necessario utilizzare i seguenti pacchetti disponibili tramite qualsiasi canale rhn-tools di Red Hat Network (RHN): koan spacewalk-koan Clonare un canale rhn-tools esistente per poter accedere ai suddetti pacchetti dal vostro canale personalizzato. Per RHN Satellite è necessario posizionare i file kernel e initrd in posizioni specifiche all'interno dell'albero di kickstart. T uttavia queste posizioni differiscono in base alle architetture. La seguente tabella riporta le varie posizioni: T abella 2.1. File distribuzione necessari per architettura Architettura kernel Immagine RAM disk iniziale IBM System z TREE_PATH/images/kernel.img TREE_PATH/images/initrd.img PowerPC TREE_PATH/ppc/ppc64/vmlinuz TREE_PATH/images/pxeboot/vmlinux Tutte le altre architetture TREE_PATH/images/pxeboot/vmlinuz TREE_PATH/images/pxeboot/initrd.img 2.2. Alberi kickstart È necessario aver installato almeno un albero kickstart sul Satellite per poter usare il provisioning di kickstart. Satellite supporta l'installazione dell'albero kickstart sia manuale che automatica. Procedura 2.1. Installazione automatica degli alberi kickstart Per tutte le distribuzioni con un canale di base in RHN, gli alberi di kickstart possono essere installati automaticamente. Tale procedura è parte di una sincronizzazione normale del canale tramite satellite-sync. 1. Selezionare la distribuzione sulla quale basare kickstart ed indicare il canale di base insieme al canale RHN T ools corrispondente. Per esempio, se desiderate utilizzare Red Hat Enterprise Linux 5 con una architettura x86 sarà necessario il canale rhel-i386-server-5 ed il canale RHN T ools corrispondente rhntools-rhel-i386-server Se utilizzate un Satellite collegato sincronizzatelo direttamente con i server di Red Hat usando satellite-sync. Se Satellite è scollegato sarà necessario acquisire i dump dei canali scollegati dai server di Red Hat ed eseguire una sincronizzazione. 3. La sincronizzazione del canale creerà automaticamente un albero kickstart corrispondente per quella distribuzione. Procedura 2.2. Installazione manuale degli alberi kickstart Se desiderate eseguire il kickstart di una distribuzione personalizzata, una distribuzione non supportata da Red Hat, o una versione beta di Red Hat Enterprise Linux, sarà necessario creare manualmente un 5

9 Red Hat Network Satellite 5.5 Getting Started Guide albero kickstart corrispondente. Per la distribuzione interessata sarà necessario una ISO di installazione. 1. Copiare l'iso di installazione sul server di Satellite e montarlo in /m nt/iso 2. Copiare i contenuti delle ISO in una posizione personalizzata. È consigliato creare una directory all'interno di /var/satellite per tutte le vostre distribuzioni personalizzate. Per esempio potreste copiare i contenuti della distribuzione beta di RHEL in /var/satellite/customdistro/rhel-i386-server-5.3-beta/ 3. Usare l'interfaccia web di RHN Satellite per creare un canale software personalizzato. Navigate attraverso Canali Gestisci canali software Crea nuovo canale e creare un canale genitore con un nome ed una etichetta appropriata. Per l'esempio sopra riportato usare l'etichetta rhel-5.3-beta. 4. Inviate i pacchetti software dalla posizione dell'albero sul nuovo canale software appena creato usando il comando rhnpush: rhnpush --server=http://localhost/app -c 'rhel-5.3-beta' \ -d /var/satellite/custom-distro/rhel-i386-server-5.3-beta/server/ Le sottodirectory all'interno dell'albero potranno essere diverse a seconda della distribuzione. 5. Una volta inoltrati i pacchetti software essi potranno essere rimossi dal percorso dell'albero tramite il comando rm. I pacchetti saranno archiviati sul server di Satellite all'interno del canale e non risulteranno più necessari all'interno dell'albero. rm /var/satellite/custom-distro/rhel-i386-server-5.3-beta/server/*.rpm Nota Bene È possibile lasciare i pacchetti software all'interno dell'albero di kickstart. Così facendo essi potranno essere installati con il comando yum in qualsiasi momento. 6. Usare l'interfaccia web di RHN Satellite per creare una distribuzione. Andate su Sistemi Kickstart Distribuzioni crea nuova distribuzione per creare una distribuzione usando una etichetta appropriata ed il percorso completo dell'albero (nel nostro caso /var/satellite/custom-distro/rhel-i386-server-5.3-beta/). Selezionate il canale di base precedentemente creato e successivamente correggere l'installer Generation (ad esempio Red Hat Enterprise Linux 5). Per finire selezionare Crea distribuzione kickstart. 7. Per poter mantenere la stessa tipologia software su ambienti multipli e sui sistemi clonare, come canale figlio del canale di base appena creato, il canale RHN Tool del canale di base esistente di Red Hat Enterprise Linux. Per questa operazione: a. Sull'interfaccia web di Satellite selezionare Canali Gestisci canali software Clona canale b. Selezionare il canale figlio da clonare dalla casella Clona da: e selezionare lo stato per la clonazione. c. Selezionare Crea canale. d. Inserire le informazioni necessarie e selezionare il canale genitore da utilizzare per il canale figlio clonato. e. Selezionare Crea canale. 6

10 Capitolo 2. Kickstart Figura 2.1. Creazione di una distribuzione kickstart 2.3. Profili kickstart I profili kickstart specificano le opzioni di configurazione da usare per l'installazione. È possibile creare profili kickstart usando una interfaccia wizard la quale genererà un profilo in base alle risposte date ad una serie di domande. Essi potranno essere creati anche usando il metodo raw il quale conferisce un controllo completo sui contenuti del profilo. Procedura 2.3. Creazione di un profilo kickstart con un wizard 1. Selezionare Sistemi Kickstart Crea un nuovo profilo kickstart 2. Fornire una etichetta appropriata e selezionare il canale di base e l'albero avviabile con kickstart desiderati 3. Selezionare il T ipo di virtualizzazione desiderato. Consultare T ipi di virtualizzazione per maggiori informazioni sui diversi tipi di virtualizzazione. Fare clic su successivo per continuare. 4. Selezionare la posizione per scaricare il profilo kickstart. Se utilizzate una distribuzione personalizzata inserire la posizione del proprio albero come URL (sia HTTP che FTP sono supportati), in caso contrario usare l'opzione predefinita. Selezionare successivo per continuare. 5. Inserire la password root e selezionare fine per completare la creazione del profilo. 7

11 Red Hat Network Satellite 5.5 Getting Started Guide 6. Il profilo kickstart completo sarà creato. Visualizzare il profilo selezionando File di Kickstart. Procedura 2.4. Creazione di un profilo kickstart con un metodo Raw 1. Selezionare Sistemi Kickstart Carica un nuovo file kickstart 2. Fornire una etichetta appropriata e selezionare la distribuzione desiderata 3. Selezionare il T ipo di virtualizzazione desiderato. Consultare T ipi di virtualizzazione per maggiori informazioni sui diversi tipi di virtualizzazione. 4. Se siete in possesso di un profilo kickstart esistente caricatelo, in caso contrario inserite il profilo kickstart nella casella Contenuti del File. Di seguito viene riportato un esempio di kickstart raw da utilizzare come punto di partenza: install text network --bootproto dhcp url --url lang en_us keyboard us zerombr clearpart --all part / --fstype=ext3 --size=200 --grow part /boot --fstype=ext3 --size=200 part swap --size= maxsize=2000 bootloader --location mbr timezone America/New_York auth --enablemd5 --enableshadow rootpw --iscrypted $1$X/CrCfCE$x0veQO88TCm2VprcMkH.d0 selinux --permissive reboot firewall --disabled skipx key --skip Base %post $SNIPPET('redhat_register') 5. Il server di RHN Satellite non è in grado di gestire l'utilizzo della distribuzione specificata come url in kickstart. Per questo motivo includere l'opzione url --url. Esso dovrebbe somigliare al seguente: url --url Sostituire m y_distro con l'etichetta della distribuzione e 1 con l'id dell'organizzazione. 6. I profili kickstart raw utilizzano $http_server al posto del nome host di Satellite. Questo parametro verrà inserito automaticamente durante la processazione del template di kickstart. 7. Lo snippet redhat_register viene usato per gestire la registrazione. 8

12 Capitolo 2. Kickstart Figura 2.2. Kickstart raw T ipi di virtualizzazione T utti i profili kickstart hanno un tipo di virtualizzazione a loro associati. Questa tabella riporta le diverse opzioni: 9

13 Red Hat Network Satellite 5.5 Getting Started Guide T abella 2.2. T ipi di virtualizzazione T ipo Descrizione Uso none Nessuna virtualizzazione Idoneo per un provisioning normale, installazioni bare metal e virtualizzate non Xen o KVM (come ad esempio VMware, o Virtage) Guest virtualizzato KVM Guest KVM Usare questo tipo di provisioning per guest KVM Guest com pletam ente virtualizzato Xen Guest Xen Usare questo tipo di provisioning per guest Xen Nota Bene Questa opzione richiede un supporto hardware sull'host ma non necessita di alcun sistema operativo modificato nel guest. Guest paravirtualizzato Xen Host di virtualizzazione Xen Guest Xen Host Xen Usare questo tipo per il provisioning di un guest virtuale con una modalità di paravirtualizzazione Xen. Questa modalità è quella più veloce e non ha bisogno di alcun supporto hardware a parte un flag PAE sulla CPU del sistema, ma necessita di un sistema operativo modificato. Red Hat Enterprise Linux 5 supporta i guest in modalità paravirtualizzazione. Usare questo tipo di provisioning per un host virtuale con paravirtualizzazione Xen. Gli host ed i guest paravirtualizzati Xen sono supportati se l'hardware è compatibile. I profili Kickstart creati per l'uso come host Xen devono includere il pacchetto kernel-xen nella sezione %packages. I profili Kickstart creati per l'uso come host KVM devono includere il pacchetto qemu nella sezione %packages. I sistemi completamente virtualizzati possono aver bisogno di un supporto di virtualizzazione abilitato nel menu del BIOS del computer. 10

14 Capitolo 2. Kickstart Nota Bene Per maggiori informazioni su kickstart consultate il Capitolo Installazioni Kickstart nella Red Hat Enterprise Linux Installation Guide Templating Con il templating di kickstart sarà possibile includere le variabili, gli snippet, e le istruzioni di controllo del flusso come per esempio i loop for e if nei file kickstart. Per questo processo usare il tool cheetah. È possibile utilizzare il templating per svariati motivi ad esempio: Per il riutilizzo di una sezione particolare di kickstart come la sezione relativa al partizionamento del disco tra le partizioni multiple. Se desiderate eseguire determinate azioni in %post attraverso kickstart multipli. Definizione di uno snippet su alcuni tipi di ruoli ricoperti dal server come ad esempio il server DNS, il server proxy ed il web server. Per esempio il web server potrà avere il seguente snippet: httpd mod_ssl mod_python Per creare un profilo del web server includere lo snippet nella sezione %package del file di kickstart. Se desiderate che un profilo possa essere sia un web server che un server proxy includere entrambi gli snippet nella sezione del pacchetto. Successivamente se desiderate aggiungere un altro pacchetto allo snippet del web server, per esempio m od_perl, aggiornate gli snippet. Così facendo tutti i profili che utilizzano lo snippet in questione verranno aggiornati dinamicamente. Variabili Il templating permette ad un utente di definire una variabile da usare su di un file di kickstart. Le variabili possono essere impostate su di un livello e sovrascritte su livelli inferiori. Se si definisce una variabile sul livello del sistema ciò sovrascriverà la variabile stessa definita sui livelli del profilo o kickstart. Similmente, se si definisce una variabile sul livello del Profilo ciò sovrascriverà la stessa variabile se definita sul livello dell'albero kickstart (distro). Nota Bene Da notare che le variabili dell'albero kickstart non possono essere definite per gli alberi kickstart generati automaticamente come ad esempio quelli ottenuti al momento della sincronizzazione di satellite. Snippet Gli snippet riutilizzano sezioni di codice tra template multipli di kickstart. Essi possono includere numerose righe e variabili, possono essere inclusi in un profilo kickstart utilizzando il testo $SNIPPET('snippet_nam e'). Sarà possibile creare uno snippet per un determinato elenco di pacchetti, uno per uno script %post particolare, o per qualsiasi testo da includere in un file kickstart. Per gestire gli snippet andate su Sistemi Kickstart Snippet di Kickstart. 11

15 Red Hat Network Satellite 5.5 Getting Started Guide La pagina Snippet di Kickstart mostra numerosi snippet che non possono essere modificati ma che sono disponibili a qualsiasi organizzazione. Gli snippet predefiniti possono essere usati con kickstart scritti o caricati sul server di RHN Satellite. Gli snippet predefiniti sono archiviati sul file system del server di RHN Satellite in /var/lib/cobbler/snippets/. È disponibile un template di kickstart basato sul wizard in /var/lib/rhn/kickstarts/wizard/ in grado di spiegare i diversi tipi di snippet predefiniti ed il loro impiego. Lo snippet redhat_register è quello predefinito e può essere usato per la registrazione delle macchine su di un server di RHN Satellite come parte di kickstart. Utilizza una variabile speciale chiamata redhat_m anagem ent_key per la registrazione della macchina. Impostate la suddetta variabile sul sistema o sul livello della distribuzione ed aggiungere $SNIPPET('redhat_register') ad una sezione %post del kickstart. Qualsiasi kickstart basato sul wizard generato dal server di RHN Satellite includerà lo snippet nella propria sezione %post. La scheda Snippet personalizzati permette di visualizzare e modificare gli snippet creati per la vostra organizzazione. I nuovi snippet possono essere creati selezionando crea nuovo snippet. Gli snippet personalizzati sono archiviati nella directory /var/lib/rhn/kickstarts/snippets/. RHN Satellite archivia gli snippet per diverse organizzazioni in directory differenti così facendo gli snipper personalizzati possono essere archiviati usando un nome del file simile al seguente, dove 1 è l'id dell'organizzazione: $SNIPPET('spacewalk/1/snippet_name') Per determinare il testo da usare per inserire lo snipet nel kickstart andate alla ricerca della colonna Snippet Macro nell'elenco degli snippet oppure sulla pagina Dettagli snippet. Nota Bene Gli snippet sono presenti a livello globale e non condividono la stessa struttura di successione delle variabili. È possibile utilizzare variabili all'interno degli snippet per modificarne il comportamento a seconda del sistema che richiede il processo kickstart. 12

16 Capitolo 2. Kickstart Figura 2.3. Snippet kickstart Escape dei caratteri speciali I caratteri $ e # vengono usati durante il templating per specificare le variabili e controllare il flusso. Per utilizzare i suddetti caratteri per qualsiasi altro scopo in uno script, sarà necessario eseguire l'escape degli stessi in modo da non essere riconosciuti come variabili. Per fare questo seguire i metodi riportati: Posiziore un carattere di backslash (\) prima di ogni istanza di $ o # da ignorare durante il template. Racchiudere l'intero script in #raw... #end raw T utti gli script %pre e %post creati usando i kickstart basati sul Wizard sono racchiusi per impostazione predefinita in #raw...#end raw. Ciò può essere selezionato o deselezionato usando la casella relativa al T em plate disponibile durante la modifica di uno script %post o %pre. Includere #errorcatcher Echo nella prima riga dello snippet. 13

17 Red Hat Network Satellite 5.5 Getting Started Guide Esempio 2.1. Escape dei caratteri speciali nei template Questo esempio descrive come eseguire l'escape dei caratteri speciali nei tempate di kickstart. Inserire il seguente script bash in una sezione %post: %post echo $foo > /tmp/foo.txt Se non eseguite l'escape di $ il motore per il templating cercherà di trovare una variabile chiamata $foo fallendo poichè essa non esiste come variabile. Il modo più semplice di eseguire l'escape del parametro $ è quello di utilizzare un carattere backslash (\): %post echo \$foo > /tmp/foo.txt Così facendo \$foo verrà interpretato come $foo. Un secondo metodo è quello di racchiudere l'intero script bash in #raw... #end raw: %post #raw echo $foo > /tmp/foo.txt #end raw Il metodo finale è quello di includere #errorcatcher Echo nella prima riga di kickstart. T ale impostazione indica al motore di templating di ignorare qualsiasi variabile non esistente e di stampare il testo. Questa opzione viene inclusa nei kickstart basati sul wizard e può essere inclusa nei kickstart raw creati Kickstart di una macchina Kickstart da Bare Metal Quando una macchina non ha alcun sistema operativo o presenta un sistema operativo incorretto essa viene indicata come macchina bare metal. A tal proposito sono disponibili tre metodi per il provisioning di una macchina bare metal: Dispositivo di installazione del sistema operativo standard Avvio con PXE Procedura 2.5. Avvio da un dispositivo di installazione 1. Inserire il dispositivo di installazione nella macchina. Il dispositivo deve corrispondere al kickstart che desiderate usare. Per esempio se il vostro kickstart è stato configurato in modo da usare l'albero kickstart ks-rhel-i386-server-5-u2 usare il dispositivo di installazione i386 di Red Hat Enterprise Linux Ad un prompt d'avvio attivare kickstart tramite il seguente comando: 14

18 Capitolo 2. Kickstart linux ks=http://satellite.example.com/path/to/kickstart 3. Il sistema eseguirà l'avvio, scaricherà il kickstart ed eseguirà una installazione automatica. Procedura 2.6. Avvio con PXE Per eseguire un avvio PXE ogni sistema deve supportare l'avvio tramite PXE sul BIOS. Quasi tutti gli hardware più rencenti dovrebbero essere in grado di supportare questa modalità d'avvio. In aggiunta, è necessario avere un server DHCP anche se i vostri sistemi saranno configurati staticamente dopo l'installazione. 1. Importante Se siete in possesso di un altro server DHCP su un altro sistema della rete allora avrete bisogno di un accesso amministrativo al server DHCP per poter modificare il file di configurazione DHCP. Se le macchine risiedono su reti multiple assicuratevi che le stesse siano in grado di collegarsi al server DHCP. A tal proposito includere il multi-homing per il server DHCP (real o trunked VLAN) e configurare i router o gli interruttori per passare DHCP attraverso i limiti della rete. Configurare il server DHCP in modo da indicare il server PXE impostando l'indirizzo next-server per i sistemi da gestire con RHN Satellite. Per utilizzare gli hostname durante l'installazione, configurare il server DHCP in modo da indicare gli indirizzi IP e il dominio includendo le seguenti righe: option domain-name DOMAIN_NAME; option domain-name-servers IP_ADDRESS1, IP_ADDRESS2; 2. Come utente root sul server DHCP modificate il file /etc/dhcpd.conf inserendo una nuova classe con le opzioni necessarie per l'esecuzione di una installazione con un avvio PXE. Per esempio: allow booting; allow bootp; class "PXE" { match if substring(option vendor-class-identifier, 0, 9) = "PXEClient"; next-server ; filename "pxelinux.0"; } Questa classe eseguirà le seguenti azioni: a. Abilitazione avvio di rete con il protocollo bootp. b. Creazione di una classe chiamata PXE la quale se è un sistema configurato per avere PXE con priorità più alta nel processo d'avvio, identifica se stesso come PXEClient. c. Il server DHCP direziona il sistema sul server Cobbler con indirizzo IP d. Il server DHCP indica il file immagine d'avvio su /var/lib/tftpboot/pxelinux Configurazione di Xinetd. Xinetd è un demone che gestisce una suite di servizi incluso TFTP, il server FT P usato per il trasferimento dell'immagine d'avvio su di un client PXE. Abilitazione Xinetd tramite il comando chkconfig: 15

19 Red Hat Network Satellite 5.5 Getting Started Guide chkconfig xinetd on Alternativamente come utenti root aprire il file /etc/xinetd.d/tftp. Individuare la riga disable = yes e modificarla in disable = no. 4. Avviare il servizio Xinetd in modo che T FT P possa servire l'immagine d'avvio pxelinux.0: chkconfig --level 345 xinetd on /sbin/service xinetd start Il comando chkconfig abilita il servizio xinetd per tutti i runlevel dell'utente, mentre il comando /sbin/service abilita immediatamente xinetd Reprovisioning Il reprovisioning è l'atto di reinstallazione di un sistema esistente. Se eseguite un reprovisioning attraverso una interfaccia web di RHN Satellite il sistema userà lo stesso profilo usato prima del processo di reprovisioning. T ale operazione conserverà gran parte delle informazioni e delle impostazioni del sistema. Il reprovisioning può essere programmato dalla scheda Provisioning durante la visualizzazione del sistema. Per configurare le opzioni aggiuntive andate su Configurazioni avanzate, esse permetteranno di configurare le informazioni relative alle opzioni del kernel, sul networking e sulla sincronizzazione dei profili dei pacchetti. La sezione Opzioni del Kernel fornisce un accesso alle opzioni del kernel usate durante il kickstart, mentre le Opzioni Post Kernel rappresentano le opzioni del kernel usate dopo aver completato il processo di kickstart durante il primo avvio del sistema. Esempio 2.2. Configurazione delle opzioni del kernel e Post Kernel Questo esempio descrive la differenza tra le opzioni del kernel e le opzioni post kernel nel processo di configurazione per il reprovisioning. Per stabilire un collegamento VNC per il controllo remoto di kickstart includere vnc vncpassword=password sulla riga Opzioni del Kernel Se desiderate che il kernel del sistema risultante esegua l'avvio con una opzione noapic aggiungere noapic sulla riga Opzioni Post Kernel. Procedura 2.7. File Preservation La funzione File Preservation può essere utilizzata per salvare i file, quindi non perderli, durante il processo di reprovisioning. Questa funzione archivia i file momentaneamente durante il kickstart, ripristinandoli dopo il completamento del reprovisioning. Nota Bene Gli elenchi per il File preservation sono solo disponibili su kickstart basati sul wizard e possono essere usati durante il reprovisioning. 1. Andate su Sistemi Kickstart File Preservation crea nuovo elenco per il file preservation e creare un elenco di file da conservare. 2. Andate su Sistemi Kickstart Profili ed associate l'elenco del file preservation con un 16

20 Capitolo 2. Kickstart kickstart selezionando il profilo desiderato. 3. Andate su Informazioni del sistema File Preservation e selezionate l'elenco del file preservation Provisioning del guest virtualizzato Con RHN Satellite 5.5 il provisioning del guest virtualizzato è supportato usando le seguenti tecnologie di virtualizzazione: Guest virtualizzato KVM Guest completamente virtualizzato Xen Guest paravirtualizzato Xen Procedura 2.8. Provisioning di un guest virtualizzato 1. Assicuratevi che il sistema host sia in possesso di un entitlement di Virutalizzazione o Virtualization Platform. 2. Sulla pagina Sistem i, selezionare l'host virtuale corretto e successivamente Virtualizzazione Provisioning. Selezionare il profilo kickstart appropriato ed inserire il nome del guest. 3. Per configurare i parametri aggiuntivi come ad esempio l'uso della cpu o la memoria del guest selezionate il pulsante Configurazione avanzata. Sarà possibile configurare quanto di seguito riportato: Rete: statica o DHCP Opzioni del kernel Sincronizzazione profilo del pacchetto: una volta terminato il processo il sistema sincronizzerà il proprio profilo del pacchetto con quello di un altro sistema o profilo archiviato Assegnazione memoria: RAM (Predefinita di 512MB) Dimensione disco virtuale CPU virtuali (Predefinita di 1) Bridge virtuale: Il bridge per il networking usato per l'installazione. L'impostazione predefinita è xenbr0 per il provisioning Xen, e virbr0 per KVM. Nota Bene virbr0 non permetterà un networking esterno. Se desiderate un networking esterno configurate l'host per la creazione di un bridge. Tuttavia xenbr0 è un vero e proprio bridge ed è consigliato il suo utilizzo quando possibile. Percorso storage virtuale: Percorso per un file, volume logico LVM, directory o dispositivo a blocchi con il quale archiviare le informazioni del disco del guest come ad esempio /dev/sdb, /dev/logvol00/m ydisk, VolGroup00, o /var/lib/xen/im ages/m ydisk. 4. Selezionare Program m a Kickstart e term ina Provisioning per mezzo di un RHN Proxy È possibile altresì eseguire un provisioning usando un RHN Proxy installato e registrato con RHN Satellite. 1. Durante il provisioning di un guest virtuale o un reprovisioning di un sistema selezionate il proxy desiderato dal menu a tendina Seleziona Proxy Satellite 2. Per una installazione Bare Metal sostituire il fully qualified domain name (FQDN) di RHN Satellite 17

21 Red Hat Network Satellite 5.5 Getting Started Guide con quello del Proxy. Per esempio se l'url per il file kickstart è: Per eseguire kickstart con il proxy usare: 18

22 Capitolo 3. Satellite multipli Capitolo 3. Satellite multipli Inter-satellite synchronization (ISS) permette di coordinare il contenuto tra i Satellite. È possibile usare questa funzione in modi diversi a seconda dei requisiti dell'organizzazione. Questo capitolo contiene una sezione sui diversi tipi di utilizzo e sul metodo migliore di impostazione dell'iss per la vostra organizzazione. Requisiti ISS Di seguito sono riportati i requisiti per poter utilizzare ISS: Due o numero maggiore di server RHN Satellite Un minimo di un RHN Satellite popolato con almeno un canale Per collegamenti sicuri ogni RHN Satellite slave avrà bisogno di un certificato SSL del RHN Satellite master 3.1. Inter-Satellite Synchronization Procedura 3.1. Configurazione del server master Il server master viene utilizzato per determinare i file da sincronizzare per gli altri satellite. 1. Abilitare la funzione inter-satellite synchronization (ISS). Aprire il file /etc/rhn/rhn.conf ed aggiungere o modificare la riga nel modo seguente: disable_iss=0 2. Nel file /etc/rhn/rhn.conf individuare la riga allowed_iss_slaves=. Per impostazione definita nessun Satellite slave viene specificato per il processo di sincronizzazione. Inserire l'hostname di ogni server Satellite slave separato da virgole. Per esempio: allowed_iss_slaves=slave1.satellite.example.org,slave2.satellite.example.org 3. Salvare il file di configurazione e riavviare il servizio httpd: service httpd restart Procedura 3.2. Configurazione dei server slave I server satellite slave sono macchine con un contenuto sincronizzato con il server master. 1. Per trasferire in modo sicuro il contenuto ai server slave sarà necessario avere il certificato ORG- SSL del server master. Tale certificato può essere scaricato attraverso HTTP dalla directory /pub/ di qualsiasi Satellite. Il file viene chiamato RHN-ORG-T RUST ED-SSL-CERT ma può essere rinominato e posizionato in qualsiasi posizione sul filesystem locale dello slave, come ad esempio sulla directory /usr/share/rhn/. 2. Visualizzare l'elenco dei canali disponibili per la sincronizzazione del server master con il seguente comando. Così facendo verranno visualizzati i canali ufficiali di Red Hat insieme a qualsiasi canale personalizzato disponibile: satellite-sync --iss-parent=master.satellite.example.com --cacert=/usr/share/rhn/rhn-org-trusted-ssl-cert --list-channels Sostituire master.satellite.example.com con l'hostname del server master. 19

23 Red Hat Network Satellite 5.5 Getting Started Guide Procedura 3.3. Esecuzione di Inter-Satellite Synchronization Una volta configurati i server slave e master sarà possibile eseguire una sincronizzazione. 1. Sui server slave aprire il file /etc/rhn/rhn.conf con l'editor di testo preferito ed aggiungere l'hostname del server master insieme alle informazioni sul percorso del file per il certificato SSL: iss_parent iss_ca_chain = master.satellite.example.com = /usr/share/rhn/rhn-org-trusted-ssl-cert 2. Iniziare la sincronizzazione eseguendo il comando satellite-sync: satellite-sync -c your-channel Nota Bene Qualsiasi opzione della linea di comando per il comando satellite-sync sovrascriverà qualsiasi impostazione predefinita o personalizzata nel file /etc/rhn/rhn.conf Sincronizzazione per organizzazione ISS può essere usato anche per importare il contenuto su qualsiasi organizzazione specifica. Questo processo può essere eseguito localmente o usando una sincronizzazione remota. Questa funzione è utile per un satellite di tipo scollegato con organizzazioni multiple, dove il contenuto è ripristinato attraverso i dump del canale o tramite una esportazione dai satellite collegati e successivamente importandolo sui satellite scollegati. È possibile usare una sincronizzazione delle organizzazioni per esportare i canali personalizzati da satellite collegati. La stessa sincronizzazione può essere usata per spostare il contenuto tra organizzazione multiple. La sincronizzazione per organizzazione presenta alcune regole per mantenere l'integrità dell'organizzazione sorgente: Se il contenuto sorgente appartiene all'organizzazione NULL (qualsiasi contenuto Red Hat) verrà eseguito il default sull'organizzazione NULL anche se si specifica una organizzazione di destinazione. Tale approccio assicura che il contenuto specificato sia sempre nella organizzazione NULL privilegiata. Se si specifica una organizzazione sulla linea di comando il contenuto verrà importato da quella organizzazione. Se non è stata specificata alcuna organizzazione il default sarà org 1. Di seguito sono disponibili tre scenari d'esempio dove vengono usati gli ID delle organizzazioni (orgid) per la sincronizzazione tra Satellite: Esempio 3.1. Come importare il contenuto da un satellite master ad uno slave In questo esempio il contenuto viene importato da un satellite master ad uno slave: satellite-sync --parent-sat=master.satellite.example.com -c channel-name -- orgid=2 20

24 Capitolo 3. Satellite multipli Esempio 3.2. Come importare il contenuto da un dump esportato di una organizzazione In questo esempio il contenuto viene importato da un dump esportato di una organizzazione specifica: $ satellite-sync -m /dump -c channel-name --orgid=2 Esempio 3.3. Come importare il contenuto da un Red Hat Network Hosted In questo esempio il contenuto viene importato da un Red Hat Network Hosted (assumendo che il sistema sia stato registrato ed attivato): $ satellite-sync -c channel-name 3.3. Esempi di utilizzo ISS È possibile utilizzare ISS in diversi modi in base ai requisiti della vostra organizzazione. Questa sezione fornisce gli esempi su come utilizzare ISS insieme ai metodi per l'impostazione ed il funzionamento relativo. Esempio 3.4. Staging di Satellite Nel seguente esempio viene usato il satellite di staging per preparare il contenuto ed eseguire il quality assurance (QA) sui pacchetti per assicurare l'idoneità dei pacchetti stessi ad un uso di produzione. Dopo l'approvazione del contenuto il Production Satellite sincronizzerà il contenuto proveniente dal Satellite di staging. 1. Eseguire il comando satellite-sync per sincronizzare i dati con rhn_parent (generalmente Red Hat Network Hosted): satellite-sync -c your-channel 2. Eseguire il seguente comando per sincronizzare i dati dal server di stage: satellite-sync --iss-parent=staging-satellite.example.com -c custom-channel 21

25 Red Hat Network Satellite 5.5 Getting Started Guide Esempio 3.5. Slave sincronizzati In questo esempio Satellite master fornisce i dati direttamente agli slave e le modifiche regolarmente sincronizzate. Esempio 3.6. Contenuto personalizzato degli slave In questo esempio il Satellite master è il canale di sviluppo dal quale viene distribuito il contenuto su tutti i Satellite slave di produzione. Alcuni slave presentano un contenuto aggiuntivo il quale non è presente nei canali Satellite master. I suddetti pacchetti vengono preservati ma tutti i cambiamenti del Satellite master sono sincronizzati con il Satellite slave. Esempio 3.7. Sincronizzazione bidirezionale In questo ambiente due server RHN Satellite si comportano come master l'uno dell'altro e possono sincronizzare i rispettivi contenuti. 1. Assicuratevi che entrambi i satellite siano in grado di condividere i certificati SSL. 2. Sul primo satellite aprire il file /etc/rhn/rhn.conf ed impostare l'opzione iss_parent in modo da indicare l'hostname del secondo satellite. 3. Sul secondo satellite aprire /etc/rhn/rhn.conf ed impostare l'opzione iss_parent per indicare l'hostname del primo satellite. 22

Portale Clienti di Red Hat 1 Gestione sottoscrizioni di RHN

Portale Clienti di Red Hat 1 Gestione sottoscrizioni di RHN Portale Clienti di Red Hat 1 Gestione sottoscrizioni di RHN summary_unavailable Edizione 1 Landmann Portale Clienti di Red Hat 1 Gestione sottoscrizioni di RHN summary_unavailable Edizione 1 Landmann rlandmann@redhat.co

Dettagli

Fedora 14. Come utilizzare una immagine live di Fedora. Paul W. Frields Nelson Strother Nathan Thomas

Fedora 14. Come utilizzare una immagine live di Fedora. Paul W. Frields Nelson Strother Nathan Thomas Fedora 14 Immagini live di Fedora Come utilizzare una immagine live di Fedora Paul W. Frields Nelson Strother Nathan Thomas Copyright 2010 Red Hat, Inc. and others. The text of and illustrations in this

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.5 Channel Management Guide

Red Hat Network Satellite 5.5 Channel Management Guide Red Hat Network Satellite 5.5 Channel Management Guide Red Hat Network Satellite Edizione 7 Red Hat Gruppo di documentazione Red Hat Network Satellite 5.5 Channel Management Guide Red Hat Network Satellite

Dettagli

Per montare una directory condivisa NFS da un altro computer, digitate il comando mount:

Per montare una directory condivisa NFS da un altro computer, digitate il comando mount: Capitolo 16. NFS (Network File System) L'NFS permette di condividere file tra computer in rete come se fossero sul disco fisso locale del client. Red Hat Linux può essere sia un server che un client NFS,

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Reference Guide

Red Hat Network Satellite 5.4 Reference Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Reference Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann Red Hat Network Satellite 5.4 Reference Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann rlandmann@redhat.co

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide

Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann rlandmann@redhat.co

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.5 Client Configuration Guide

Red Hat Network Satellite 5.5 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite 5.5 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite Edizione 3 Red Hat Gruppo di documentazione Red Hat Network Satellite 5.5 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Channel Management Guide. Red Hat Network Satellite

Red Hat Network Satellite 5.4 Channel Management Guide. Red Hat Network Satellite Red Hat Network Satellite 5.4 Channel Management Guide Red Hat Network Satellite Channel Management Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Channel Management Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Copyright

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide. Red Hat Network Satellite

Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide. Red Hat Network Satellite Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite Edizione

Dettagli

Guida di installazione per Fedora core 4

Guida di installazione per Fedora core 4 Guida di installazione per Fedora core 4 Centro Servizi per la Ricerca Università di Pisa Dipartimento di Informatica Guida di installazione per Fedora core 4 Centro Servizi per la Ricerca Copyright 2005

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide

Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann

Dettagli

RHN Proxy Server 4.0. Guida all installazione

RHN Proxy Server 4.0. Guida all installazione RHN Proxy Server 4.0 Guida all installazione RHN Proxy Server 4.0: Guida all installazione Copyright 2001-2005 Red Hat, Inc. Red Hat, Inc. 1801Varsity Drive RaleighNC 27606-2072USA Telefono: +1 919 754

Dettagli

17.2. Configurazione di un server di Samba

17.2. Configurazione di un server di Samba 17.2. Configurazione di un server di Samba Il file di configurazione di default (/etc/samba/smb.conf) consente agli utenti di visualizzare le proprie home directory di Red Hat Linux come una condivisione

Dettagli

Guida di installazione per Fedora 7

Guida di installazione per Fedora 7 Guida di installazione per Fedora 7 Centro Servizi per la Ricerca Università di Pisa Dipartimento di Informatica Guida di installazione per Fedora 7 Centro Servizi per la Ricerca Copyright 2007 Dipartimento

Dettagli

Archiviazione Email con Kerio Connect

Archiviazione Email con Kerio Connect Archiviazione Email con Kerio Connect Si prega di notare che questo tutorial copre solo le specifiche di archiviazione di un server di Kerio Connect (ex Kerio MailServer). Si presume che si disponga già

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide. Red Hat Network Satellite

Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide. Red Hat Network Satellite Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Red Hat Network Satellite Installation Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Copyright 2010 Red Hat,

Dettagli

Sommario. 1. Introduzione. Samba - Monografia per il Corso di "Laboratorio di Sistemi Operativi".

Sommario. 1. Introduzione. Samba - Monografia per il Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi. Sommario SAMBA Raphael Pfattner 10 Giugno 2004 Diario delle revisioni Revisione 1 10 Giugno 2004 pralph@sbox.tugraz.at Revisione 0 17 Marzo 2004 roberto.alfieri@unipr.it Samba - Monografia per il Corso

Dettagli

Istruzioni per l'aggiornamento del firmware degli SSD client Crucial

Istruzioni per l'aggiornamento del firmware degli SSD client Crucial Istruzioni per l'aggiornamento del firmware degli SSD client Crucial Informazioni generali Tramite questa guida, gli utenti possono aggiornare il firmware degli SSD client Crucial installati in un ambiente

Dettagli

Fedora 17. For guidelines on the permitted uses of the Fedora trademarks, refer to https:// fedoraproject.org/wiki/legal:trademark_guidelines.

Fedora 17. For guidelines on the permitted uses of the Fedora trademarks, refer to https:// fedoraproject.org/wiki/legal:trademark_guidelines. Fedora 17 Scaricare e installare Fedora 17 sulla maggior parte dei computer fissi e portatili Red Hat Engineering Content Services Fedora Documentation Project A cura di Rüdiger Landmann e Jack Reed Copyright

Dettagli

Nota: E' necessario che il sistema possa fare il boot da CD per effettuare l'installazione.

Nota: E' necessario che il sistema possa fare il boot da CD per effettuare l'installazione. Questa guida mostra come convertire un normale PC in un server Untangle utilizzando un CD di installazione Untangle. Che cosa sa fare il Server Untangle? Il server Untangle offre un modo semplice per proteggere,

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.5 Proxy Installation Guide

Red Hat Network Satellite 5.5 Proxy Installation Guide Red Hat Network Satellite 5.5 Proxy Installation Guide Red Hat Network Satellite Edizione 3 Red Hat Gruppo di documentazione Red Hat Network Satellite 5.5 Proxy Installation Guide Red Hat Network Satellite

Dettagli

Red Hat Subscription Asset Manager 1.0 Installation Guide. Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager Edizione 1

Red Hat Subscription Asset Manager 1.0 Installation Guide. Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager Edizione 1 Red Hat Subscription Asset Manager 1.0 Installation Guide Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager Edizione 1 Sarah Chua Lana Brindley Red Hat Subscription Asset Manager 1.0 Installation

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux. Update 5. Manuale d'installazione

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux. Update 5. Manuale d'installazione Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux Update 5 Manuale d'installazione Sommario 1 Prima dell'installazione... 3 1.1 Componenti di Acronis Backup & Recovery 10... 3 1.1.1 Agente per Linux... 3 1.1.2

Dettagli

XEN. Dott. Luca Tasquier. E-mail: luca.tasquier@unina2.it

XEN. Dott. Luca Tasquier. E-mail: luca.tasquier@unina2.it XEN Dott. Luca Tasquier E-mail: luca.tasquier@unina2.it XEN Xen è un VMM Open Source rilasciato sotto licenza GPL per piattaforma x86 e compatibili (al momento è in corso il supporto alle famiglie dei

Dettagli

Online Help StruxureWare Data Center Expert

Online Help StruxureWare Data Center Expert Online Help StruxureWare Data Center Expert Version 7.2.7 StruxureWare Data Center ExpertDispositivo virtuale Il server StruxureWare Data Center Expert 7.2 è disponibile come dispositivo virtuale, supportato

Dettagli

Aggiornamento a edizioni avanzate di Acronis Backup & Recovery 11

Aggiornamento a edizioni avanzate di Acronis Backup & Recovery 11 Aggiornamento a edizioni avanzate di Acronis Backup & Recovery 11 Si applica alle seguenti edizioni: Advanced Server Virtual Edition Advanced Server SBS Edition Advanced Workstation Server for Linux Server

Dettagli

Introduzione...xv. I cambiamenti e le novità della quinta edizione...xix. Ringraziamenti...xxi. Condivisione delle risorse con Samba...

Introduzione...xv. I cambiamenti e le novità della quinta edizione...xix. Ringraziamenti...xxi. Condivisione delle risorse con Samba... Indice generale Introduzione...xv I cambiamenti e le novità della quinta edizione...xix Ringraziamenti...xxi Capitolo 1 Capitolo 2 Condivisione delle risorse con Samba...1 Reti Windows... 2 Struttura base

Dettagli

Sincronizzazione degli utenti. Archiviazione di singole caselle di posta

Sincronizzazione degli utenti. Archiviazione di singole caselle di posta Archiviazione delle email con IceWarp Mail Server Si prega di notare che questo tutorial copre solo le specifiche di archiviazione di un server di IceWarp. Si presume che si disponga già di un installazione

Dettagli

Fedora: un sistema per casa e ufficio. Presentazione di: Massimiliano Bugni

Fedora: un sistema per casa e ufficio. Presentazione di: Massimiliano Bugni Fedora: un sistema per casa e ufficio Presentazione di: Massimiliano Bugni Da Unix a Linux All'università solo Unix (ma che è sto' Linux!?) Ho cominciato con Mandrake (a casa) ho proseguito con Red Hat

Dettagli

Introduzione a Proxmox VE

Introduzione a Proxmox VE Introduzione a Proxmox VE Montebelluna, 23 febbraio 2011 Mirco Piccin Mirco Piccin Introduzione a Proxmox VE 23 feb 2011 - Montebelluna 1 Licenza d'utilizzo Copyright 2011, Mirco Piccin Questo documento

Dettagli

NAL DI STAGING. Versione 1.0

NAL DI STAGING. Versione 1.0 NAL DI STAGING Versione 1.0 14/10/2008 Indice dei Contenuti 1. Introduzione... 3 2. Installazione NAL di staging... 3 VMWare Server... 3 Preistallazione su server linux... 6 Preinstallazione su server

Dettagli

confinamento e virtualizzazione 2006-2009 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti

confinamento e virtualizzazione 2006-2009 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti confinamento e virtualizzazione 1 oltre i permessi dei file... nei sistemi operativi standard il supporto per il confinamento è abbastanza flessibile per quanto riguarda i files scarso per quanto riguarda

Dettagli

Console di Amministrazione Centralizzata Guida Rapida

Console di Amministrazione Centralizzata Guida Rapida Console di Amministrazione Centralizzata Contenuti 1. Panoramica... 2 Licensing... 2 Panoramica... 2 2. Configurazione... 3 3. Utilizzo... 4 Gestione dei computer... 4 Visualizzazione dei computer... 4

Dettagli

Guida dell'amministratore di JMP 9 alle versioni con licenza annuale per Windows e Macintosh

Guida dell'amministratore di JMP 9 alle versioni con licenza annuale per Windows e Macintosh Guida dell'amministratore di JMP 9 alle versioni con licenza annuale per Windows e Macintosh Gli estremi corretti per la citazione bibliografica di questo manuale sono i seguenti: SAS Institute Inc. 2010.

Dettagli

Windows SteadyState?

Windows SteadyState? Domande tecniche frequenti relative a Windows SteadyState Domande di carattere generale È possibile installare Windows SteadyState su un computer a 64 bit? Windows SteadyState è stato progettato per funzionare

Dettagli

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione Backup Exec 2012 Guida rapida all'installazione Installazione Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Elenco di controllo pre-installazione di Backup Exec Esecuzione di un'installazione

Dettagli

Guida all'installazione 5.1

Guida all'installazione 5.1 RHN Proxy Server 5.1.1 Guida all'installazione 5.1 ISBN: Publication date: RHN Proxy Server 5.1.1 RHN Proxy Server 5.1.1: Guida all'installazione Copyright 2008 Red Hat, Inc. Copyright 2008 Red Hat, Inc.

Dettagli

Installazione del software - Sommario

Installazione del software - Sommario Guida introduttiva Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Cluster Windows - Virtual Server CommNet Agent Windows Cluster Windows - Virtual

Dettagli

INSTALLAZIONE FUJITSU BLADES BX300 via PXE

INSTALLAZIONE FUJITSU BLADES BX300 via PXE INSTALLAZIONE FUJITSU BLADES BX300 via PXE per questo tipo di installazione si puo' utilizzare il software slackkickstart versione 0.4.b o superiore, cio' che si fa e' far bootare la macchina dalla rete

Dettagli

Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio

Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio Attività svolta dal dr. Alessi e dal dr. Farolfi Dipartimento di Matematica Università degli Studi di Milano Knoppix è una distribuzione

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11.5 Server for Linux. Manuale d'installazione

Acronis Backup & Recovery 11.5 Server for Linux. Manuale d'installazione Acronis Backup & Recovery 11.5 Server for Linux Manuale d'installazione Informazioni sul copyright Copyright Acronis International GmbH, 2002-2012. Tutti i diritti riservati. "Acronis" e "Acronis Secure

Dettagli

Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6

Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6 Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6 SI APPLICA AI SEGUENTI PRODOTTI Advanced for Windows Server Advanced for PC Per Windows Server Essentials GUIDA INTRODUTTIVA Informazioni sul copyright Copyright

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

2006-2011 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti. confinamento e virtualizzazione

2006-2011 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti. confinamento e virtualizzazione confinamento e virtualizzazione 1 oltre i permessi dei file... nei sistemi operativi standard il supporto per il confinamento è abbastanza flessibile per quanto riguarda i files scarso per quanto riguarda

Dettagli

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software Guida introduttiva Versione 7.0.0 Software Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Windows Cluster - Virtual Server Abilitatore SNMP CommNet

Dettagli

Domande e risposte. Sommario. Autodesk Revit Autodesk Revit Architecture Autodesk Revit MEP Autodesk Revit Structure Autodesk Revit LT

Domande e risposte. Sommario. Autodesk Revit Autodesk Revit Architecture Autodesk Revit MEP Autodesk Revit Structure Autodesk Revit LT Autodesk Revit Autodesk Revit Architecture Autodesk Revit MEP Autodesk Revit Structure Autodesk Revit LT Domande e risposte Il presente documento contiene domande e risposte relative all'utilizzo del software

Dettagli

Acronis License Server. Manuale utente

Acronis License Server. Manuale utente Acronis License Server Manuale utente INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 Panoramica... 3 1.2 Politica della licenza... 3 2. SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI... 4 3. INSTALLAZIONE DI ACRONIS LICENSE SERVER...

Dettagli

Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11

Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 NOVELL SCHEDA INTRODUTTIVA Seguire le procedure riportate di seguito per installare una nuova versione di SUSE Linux Enterprise 11.

Dettagli

Getting started. Creare una applicazione con supporto Web Server

Getting started. Creare una applicazione con supporto Web Server Getting started Creare una applicazione con supporto Web Server Revisioni del documento Data Edizione Commenti 10/03/2010 1.0 - Sielco Sistemi srl via Roma, 24 I-22070 Guanzate (CO) http://www.sielcosistemi.com

Dettagli

Guida per l'amministratore. CORPORATE & ENTERPRISE EDITION Versione 7.6

Guida per l'amministratore. CORPORATE & ENTERPRISE EDITION Versione 7.6 Guida per l'amministratore CORPORATE & ENTERPRISE EDITION Versione 7.6 Guida per l'amministratore CORPORATE & ENTERPRISE EDITION Versione 7.6 Objectif Lune Inc. 2030 Pie-IX, Suite 500 Montréal, QC, Canada,

Dettagli

Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 SP1

Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 SP1 Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 SP1 Riferimento rapido per l'installazione SUSE Linux Enterprise Server 11 SP1 NOVELL SCHEDA INTRODUTTIVA Seguire le procedure riportate

Dettagli

Sophos Endpoint Security and Control Guida di avvio per computer autonomi

Sophos Endpoint Security and Control Guida di avvio per computer autonomi Sophos Endpoint Security and Control Guida di avvio per computer autonomi Sophos Endpoint Security and Control versione 9 Sophos Anti-Virus per Mac OS X, versione 7 Data documento: ottobre 2009 Sommario

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Reference Guide. Red Hat Network Satellite

Red Hat Network Satellite 5.4 Reference Guide. Red Hat Network Satellite Red Hat Network Satellite 5.4 Reference Guide Red Hat Network Satellite Reference Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Reference Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Copyright 2010 Red Hat, Inc. The

Dettagli

Archiviare messaggi da Microsoft Exchange 2003

Archiviare messaggi da Microsoft Exchange 2003 Archiviare messaggi da Microsoft Exchange 2003 Nota: Questo tutorial si riferisce specificamente all'archiviazione da Microsoft Exchange 2003. Si dà come presupposto che il lettore abbia già installato

Dettagli

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI

INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI INTRODUZIONE AI SISTEMI OPERATIVI Il sistema operativo è il software che permette l esecuzione di programmi applicativi e lo sviluppo di nuovi programmi. CARATTERISTICHE Gestisce le risorse hardware e

Dettagli

3. Come realizzare un Web Server

3. Come realizzare un Web Server 3. Come realizzare un Web Server 3.1 Che cos'è un web server Il web server, è un programma che ha come scopo principale quello di ospitare delle pagine web che possono essere consultate da un qualsiasi

Dettagli

IP Camera senza fili/cablata. Guida d installazione rapida (Per MAC OS) ShenZhen Foscam Tecnologia Intelligente Co., Ltd

IP Camera senza fili/cablata. Guida d installazione rapida (Per MAC OS) ShenZhen Foscam Tecnologia Intelligente Co., Ltd IP Camera senza fili/cablata Guida d installazione rapida (Per MAC OS) Modello: FI8918W Colore: Nera Modello: FI8918W Colore: Bianco ShenZhen Foscam Tecnologia Intelligente Co., Ltd Guida d installazione

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Petra Firewall 3.1. Guida Utente

Petra Firewall 3.1. Guida Utente Petra Firewall 3.1 Guida Utente Petra Firewall 3.1: Guida Utente Copyright 1996, 2004 Link s.r.l. (http://www.link.it) Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright.

Dettagli

IP Camera senza fili/cablata Guida d installazione rapida (Per Windows OS)

IP Camera senza fili/cablata Guida d installazione rapida (Per Windows OS) IP Camera senza fili/cablata Guida d installazione rapida (Per Windows OS) ShenZhen Foscam Tecnologia Intelligente Co., Ltd Lista d imballaggio Guida d installazione rapida FI8904W FI8905WGuida d installazione

Dettagli

Guida all'aggiornamento di XenClient Enterprise

Guida all'aggiornamento di XenClient Enterprise Guida all'aggiornamento di XenClient Enterprise Versione 5.0 19 agosto 2013 Sommario Informazioni sul presente documento...4 Importanti considerazioni relative all'aggiornamento della versione 5.0...4

Dettagli

Guida rapida all installazione di NX7 per Windows

Guida rapida all installazione di NX7 per Windows Guida rapida all installazione di NX7 per Windows Lo scopo di questo documento é di fornire una guida sintetica all installazione della versione NX7 di Unigraphics. Alla fine di questo documento, potete

Dettagli

DEFINIZIONI VM: abbreviazione di Virtual Machine (macchina virtuale).

DEFINIZIONI VM: abbreviazione di Virtual Machine (macchina virtuale). DEFINIZIONI VM: abbreviazione di Virtual Machine (macchina virtuale). Ambiente autonomo composto da diversi dispositivi hardware, che per quanto emulati possono essere gestiti come se fossero reali. Host

Dettagli

Filesystem. Il file system è organizzato in blocchi logici contigui

Filesystem. Il file system è organizzato in blocchi logici contigui Filesystem Il file system è organizzato in blocchi logici contigui dimensione fissa di 1024, 2048 o 4096 byte indipendente dalla dimensione del blocco fisico (generalmente 512 byte) Un blocco speciale,

Dettagli

Sharp Remote Device Manager Guida all'installazione del software

Sharp Remote Device Manager Guida all'installazione del software Sharp Remote Device Manager Guida all'installazione del software La presente guida spiega come installare il software necessario per utilizzare Sharp Remote Device Manager (nel seguito della presente guida

Dettagli

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 2010 Guida rapida all'installazione 20047221 Installazione di Backup Exec Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Prima dell'installazione Informazioni sull'account

Dettagli

Esportazione di una macchina virtuale su un dispositivo di archiviazione di massa USB. 13 novembre 2012

Esportazione di una macchina virtuale su un dispositivo di archiviazione di massa USB. 13 novembre 2012 Esportazione di una macchina virtuale su un dispositivo di archiviazione di massa USB 13 novembre 2012 Sommario Informazioni sulla guida... 3 Esportazione di una macchina virtuale con XenClient Enterprise

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Istruzioni per scaricare ed installare FirstClass IntroEdition per Windows

Istruzioni per scaricare ed installare FirstClass IntroEdition per Windows Istruzioni per scaricare ed installare FirstClass IntroEdition per Windows FirstClass IntroEdition è una soluzione groupware di collaborazione gratuita e completamente funzionante che include il server

Dettagli

Sophos Deployment Packager guida per utenti. Versione prodotto: 1.2

Sophos Deployment Packager guida per utenti. Versione prodotto: 1.2 Sophos Deployment Packager guida per utenti Versione prodotto: 1.2 Data documento: settembre 2014 Sommario 1 Informazioni sulla guida...3 2 Deployment Packager...4 2.1 Problemi noti e limiti del Deployment

Dettagli

CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP

CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP DISPENSA LEZIONE 1 Autore D. Mondello Transazione di dati in una richiesta di sito web Quando viene effettuata la richiesta di un sito Internet su un browser, tramite

Dettagli

Introduzione ai servizi di Linux

Introduzione ai servizi di Linux Introduzione ai servizi di Linux Premessa Adios è un interessante sistema operativo Linux basato sulla distribuzione Fedora Core 6 (ex Red Hat) distribuito come Live CD (con la possibilità di essere anche

Dettagli

CONFIGURARE SAMBA 3 SU SUSE LINUX 9.1/9.2

CONFIGURARE SAMBA 3 SU SUSE LINUX 9.1/9.2 CONFIGURARE SAMBA 3 SU SUSE LINUX 9.1/9.2 1. INTRODUZIONE In questa guida si illustra la procedura di configurazione di samba 3 su SuSE Linux 9.1 e su SuSE Linux 9.2. Saranno brevemente illustrate le operazioni

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Informazioni più recenti: versione del firmware 5.10

Informazioni più recenti: versione del firmware 5.10 Server di CD/DVD-ROM HP SureStore Informazioni più recenti: versione del firmware 5.10 Nota per gli aggiornamenti Per le versioni del firmware 5.10 e quelle successive, queste Informazioni più recenti

Dettagli

LPIC-1 Junior Level Linux Certification

LPIC-1 Junior Level Linux Certification Corso 2012/2013 Introduzione a GNU/Linux Obiettivi Il percorso formativo ha l obiettivo di fornire ai partecipanti le competenze basilari necessarie per installare, configurare e gestire un server/workstation

Dettagli

Network Scanner Tool R2,7. Guida dell utente

Network Scanner Tool R2,7. Guida dell utente Network Scanner Tool R2,7 Guida dell utente Copyright 2000-2003 di Sharp Corporation. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione, l adattamento o la traduzione senza previa autorizzazione scritta,

Dettagli

Iptables. Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it

Iptables. Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Iptables Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Iptables Iptables e' utilizzato per compilare, mantenere ed ispezionare le tabelle di instradamento nel kernel di Linux La configurazione di iptables e' molto

Dettagli

Istruzioni di installazione di Intel Utilities

Istruzioni di installazione di Intel Utilities Istruzioni di installazione di Intel Utilities Queste istruzioni spiegano come installare Intel Utilities dal CD n. 1 di Intel System Management Software (per i due CD della versione solo in inglese) o

Dettagli

Xerox EX Print Server, Powered by Fiery per Xerox Color 800/1000 Press. Guida introduttiva

Xerox EX Print Server, Powered by Fiery per Xerox Color 800/1000 Press. Guida introduttiva Xerox EX Print Server, Powered by Fiery per Xerox Color 800/1000 Press Guida introduttiva 2011 Electronics For Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11

Acronis Backup & Recovery 11 Acronis Backup & Recovery 11 Update 0 Manuale d'installazione Si applica alle seguenti edizioni: Advanced Server Virtual Edition Advanced Server SBS Edition Advanced Workstation Server for Linux Server

Dettagli

Inetd e TCP Wrappers

Inetd e TCP Wrappers Inetd e TCP Wrappers Daniele Venzano 3 ottobre 2003 Indice 1 Introduzione 1 2 Inetd 2 2.1 Il file di configurazione /etc/inetd.conf.................... 2 2.1.1 Nome del servizio............................

Dettagli

Filtraggio del traffico IP in linux

Filtraggio del traffico IP in linux Filtraggio del traffico IP in linux Laboratorio di Amministrazione di Sistemi L-A Dagli appunti originali di Fabio Bucciarelli - DEIS Cos è un firewall? E un dispositivo hardware o software, che permette

Dettagli

Guida per l'amministratore BUSINESS EDITION. Versione 7.6

Guida per l'amministratore BUSINESS EDITION. Versione 7.6 Guida per l'amministratore BUSINESS EDITION Versione 7.6 Guida per l'amministratore BUSINESS EDITION Versione 7.6 Objectif Lune Inc. 2030 Pie-IX, Suite 500 Montréal, QC, Canada, H1V 2C8 +1 (514) 875-5863

Dettagli

Configurazione WAN (accesso internet)

Configurazione WAN (accesso internet) D-Link G624T Per entrare nella configurazione del Router è necessario collegarlo tramite porta Ethernet (di rete). Nelle opzioni di configurazione della scheda di rete, in Protocollo TCP/IP lasciare l

Dettagli

Tekla Structures Guida dell'amministratore licenze. Versione del prodotto 21.1 settembre 2015. 2015 Tekla Corporation

Tekla Structures Guida dell'amministratore licenze. Versione del prodotto 21.1 settembre 2015. 2015 Tekla Corporation Tekla Structures Guida dell'amministratore licenze Versione del prodotto 21.1 settembre 2015 2015 Tekla Corporation Indice 1 Sistema di licenze Tekla Structures... 5 1.1 Lista di controllo consegne Tekla

Dettagli

AMBIENTE GRAFICO DI FEDORA: ATTIVITA ESEGUIBILI DA SUPERUSER (root)

AMBIENTE GRAFICO DI FEDORA: ATTIVITA ESEGUIBILI DA SUPERUSER (root) AMBIENTE GRAFICO DI FEDORA: ATTIVITA ESEGUIBILI DA SUPERUSER (root) GESTIONE DEI SERVIZI CONDIVISIONE DELLE RISORSE E UTILIZZO DI PARTIZIONI DOS CONNESSIONE ALLA RETE LOCALE E REMOTA COMPATIBILITA' FRA

Dettagli

Fiery EXP8000 Color Server SERVER & CONTROLLER SOLUTIONS. Stampa da Windows

Fiery EXP8000 Color Server SERVER & CONTROLLER SOLUTIONS. Stampa da Windows Fiery EXP8000 Color Server SERVER & CONTROLLER SOLUTIONS Stampa da Windows 2004 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione

Dettagli

Configurazione VOIspeed IP6060

Configurazione VOIspeed IP6060 Configurazione VOIspeed IP6060 Il telefono IP VOIspeed IP6060 con le impostazioni di default, cerca automaticamente un server DHCP sulla rete durante il boot. Il server DHCP oltre a fornire un indirizzo

Dettagli

Windows Installer di XenClient Enterprise Engine. 16 novembre 2012

Windows Installer di XenClient Enterprise Engine. 16 novembre 2012 Windows Installer di XenClient Enterprise Engine 16 novembre 2012 Sommario Informazioni sulla guida... 3 Informazioni sul programma di installazione di XenClient Enterprise Engine... 3 Considerazioni importanti...

Dettagli

Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONE DI RETI PRIVATE VIRTUALI CON L'UTILIZZO DI SOFTWARE OPEN SOURCE

Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONE DI RETI PRIVATE VIRTUALI CON L'UTILIZZO DI SOFTWARE OPEN SOURCE Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONE DI RETI PRIVATE VIRTUALI CON L'UTILIZZO DI SOFTWARE OPEN SOURCE Redatto: Nucleo Gestione Innovazione e fornitori IT Versione: 1.0 Data emissione: 9/11/2006

Dettagli

server Red Hat Enterprise Linux 6:

server Red Hat Enterprise Linux 6: server Red Hat Enterprise Linux 6: FUNZIONI E VANTaGGI Red Hat Enterprise Linux 6 è la piattaforma ideale per trasformare le innovazioni tecnologiche presenti e future nei migliori vantaggi economici e

Dettagli

Cobbler - installation server open source

Cobbler - installation server open source Cobbler - installation server open source di Roberto Polli Introduzione Linux è un sistema operativo orientato alla rete - ed è spesso usato in modalità diskless o con installazioni via rete. Cobbler è

Dettagli

IP Camera senza fili/cablata. Guida d installazione rapida (Per MAC OS) ShenZhen Foscam Tecnologia Intelligente Co., Ltd

IP Camera senza fili/cablata. Guida d installazione rapida (Per MAC OS) ShenZhen Foscam Tecnologia Intelligente Co., Ltd IP Camera senza fili/cablata Guida d installazione rapida (Per MAC OS) Modello: FI8916W Colore: Nera Modello: FI8916W Colore: Bianco ShenZhen Foscam Tecnologia Intelligente Co., Ltd Guida d installazione

Dettagli

Procedura rapida di installazione da CD-ROM

Procedura rapida di installazione da CD-ROM Macintosh Questo argomento include le seguenti sezioni: "Requisiti" a pagina 3-32 "Procedura rapida di installazione da CD-ROM" a pagina 3-32 "Abilitazione e uso di EtherTalk per Mac OS 9.x" a pagina 3-32

Dettagli

ThinkVantage Fingerprint Software

ThinkVantage Fingerprint Software ThinkVantage Fingerprint Software 12 2 1First Edition (August 2005) Copyright Lenovo 2005. Portions Copyright International Business Machines Corporation 2005. All rights reserved. U.S. GOVERNMENT USERS

Dettagli

ACRONIS TRUE IMAGE. Guida del programma:

ACRONIS TRUE IMAGE. Guida del programma: ACRONIS TRUE IMAGE In questo articolo parleremo della versione HOME di Acronis True Image. (il programma è in lingua inglese, tuttavia è semplicissimo da usare) Questo utilissimo programma di backup, (oppure

Dettagli