Abstract: new technologies and the applications

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Abstract: new technologies and the applications"

Transcript

1 Damiano Musella Istituto Superiore CTI Tel NOTE LA E-GOVERNMENT (E-GOVERNMENT ) Sommario: le nuove tecnologie e le applicazioni che da esse sono abilitate offrono grandi opportunità per tutti. Oggi Internet è diventata parte della nostra vita quotidiana. La utilizziamo per accedere alle informazioni, per inviare messaggi, per accedere al nostro conto bancario, ecc. Devono essere create le condizioni ottimali ad assicurare e stimolare lo sviluppo delle ICT e delle loro applicazioni e, d'altra parte, allargare la partecipazione a tutti i livelli (dal settore pubblico a quello privato e alle organizzazioni della società civile) che ne possano beneficiare. Internet può essere utilizzato anche per migliorare l'attività governativa. Ministeri e uffici pubblici (principali e secondari) lavorando insieme e utilizzando le nuove tecnologie possono migliorare gradatamente le loro prestazioni e fornire risultati sempre migliori. La riforma del settore pubblico basata sulle ICT aiuta il Governo a snellire le sue procedure, fornire servizi ai cittadini e alle imprese in modo più efficiente: migliora l'interattività, la velocità, la flessibilità, la trasparenza, riduce la burocrazia ed i costi, migliora la qualità dei servizi. La creazione di una rete nazionale ad hoc, la gestione elettronica dei documenti, la firma digitale, la carta d'identità elettronica, l'e-commerce nella PA, la formazione professionale, sono i tasselli chiave elaborati dal Governo per raggiungere i risultati suddetti. Abstract: new technologies and the applications that are enabled by them do offer great opportunities for all. Today the Internet has become part of our daily live.we now use it to access informations, to send messages, to access our bank account, etc. Optimal conditions must be created to ensure and stimulate ICT development and their applications and, on the other hand, to broaden participation at all levels (from public to private sector and civil society organizations) that will have their benefits. The Internet can be used to improve government too. Ministry and public offices (head and peripheral) working together using new technologies can increase gradually their performance and deliver better results. The public sector reform based on ICT helps the Government to: streamline its procedures, deliver services to citizens and industry more efficiently, improve the interactivity, the speed, the flexibility, the transparency, reduce bureaucracy and costs, grow services quality.the creation of a national ad hoc net, the electronic management of documents, the digital signature, the electronic identity card, the e-commerce in the PA, the training, are the keys to the aforesaid results. 1. INTRODUZIONE È noto che uno dei punti chiave degli indirizzi dell'attuale Governo è quello di completare il più rapidamente possibile il processo di modernizzazione e rinnovamento delle amministrazioni dello Stato (sia centrali che locali) nonché procedere nell'opera di sviluppo tecnologico del Paese avviato dalla precedente legislatura. Il processo di decentramento amministrativo, in attuazione delle legge 59/1997 e successivi decreti, sembra ormai acquisito e i trasferimenti del personale completati. La recente riforma costituzionale (Legge cost. 3/2001) del Governo Berlusconi ha innovato i rapporti tra centro e periferia conferendo alle Regioni ed enti locali ampia autonomia (modifiche agli articoli del Titolo V: Le Regioni, le Province, i Comuni della Carta costituzionale). I programmi di espansione nel campo delle telecomunicazioni (sviluppo delle infrastrutture di rete e dei sistemi audiovisivi a larga banda, soluzione al problema dell'ultimo miglio e sviluppo La Comunicazione - numero unico

2 delle tecnologie di wireless local loop WLL e della telefonia mobile di terza generazione UMTS) sono sufficientemente definiti, seppure non ancora pienamente attuati. Il processo di informatizzazione della P.A. (e-government) procede a ritmi sostenuti. La necessità di innovare la P.A. è stata forzata in larga misura dall'introduzione delle nuove tecnologie. Guardando al passato è facile rendersi conto che l'impiego di tecnologie veramente innovative (quali che siano) ha sempre trasformato il modo di vivere delle persone e ciò grazie ai significativi vantaggi da esse presentati, tipicamente servizi migliori a prezzi inferiori. La capillare diffusione dei computer e delle tecnologie ICT (Information & Communication Technology) da un lato consente a cittadini, professionisti ed aziende di usufruire di una serie di nuovi servizi con semplicità ed economia e dall'altro costituisce un'opportunità per riformare anche il modo di lavorare e di proporsi delle p.a. in quanto possono migliorare i servizi da esse forniti e, nel contempo, realizzare forti risparmi nella gestione della cosa pubblica. Il processo innovatore, facendo leva su un massiccio utilizzo delle nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione, peraltro supportato da un'intensa attività legislativa, sostanzialmente sta favorendo l'impiego dei mezzi informatici in sostituzione della carta. Si tratta di una vera e propria rivoluzione, tant'è che sono sorti nuovi modi di trattare i documenti (protocollo informatico), nuovi modi di comunicare (Internet, , ecc.), nuovi modi di lavorare (telelavoro), nuovi modi di curarsi (telemedicina), nuovi modi di commerciare (ecommerce), nuovi modi di imparare (e-learning), ecc. D'altra parte tale strategia ha contribuito ad assistere e dare risposta a tutta una serie di nuove problematiche innescate dal decentramento e legate alla nascita delle nuove organizzazioni locali, alle loro funzioni e ai loro rapporti, anche per quanto concerne i flussi di comunicazione. Le Regioni ed i loro sistemi di Autonomie locali, dovendo ridefinire le rispettive funzioni, partecipare a nuove attività (legislativa, programmatoria, ecc.) e abbattere la ridondante burocrazia, si sono trovati a ricercare forme innovative di amministrazione pubblica, ad avanzare proposte e affrontare lunghi dibattiti fino ad inventare nuove politiche (per il lavoro, la salute, il welfare, ecc.) e nuovi modelli organizzativi (finanza locale, ecc.) in tempi ristretti. I successi di molti progetti sperimentali (taluni sostenuti da finanziamenti europei) sono stati favoriti dal coinvolgimento del personale, dall'ausilio dei mezzi informatici e dalla creazione delle reti civiche che hanno giocato un ruolo importante sia nella fase di ricerca e di definizione delle soluzioni (basate su informazioni e banche dati) che in quella di attuazione dei progetti (a cominciare dall'introduzione di chiare e trasparenti gare on-line, campagne di informazione mirate, ecc.). Ed è proprio grazie a questi elementi che molti amministratori locali hanno potuto migliorare la qualità di alcuni servizi e offrire alla loro cittadinanza tutta una serie di nuovi e importanti servizi on-line in grado di migliorare la loro vita e di incrementare la competitività delle aziende presenti sul territorio. 2. E-GOVERNMENT Fondamentalmente, la sfida dell'e-government alla concreta realizzazione dello slogan (veloci e vicine) del Forum delle p.a si svolge su due fronti: quello dei procedimenti amministrativi (back-office) e quello dei rapporti con i cittadini e le imprese (front-office). Il primo punto tratta essenzialmente della trasmissione e dell'archiviazione (registrazione e ricerca) dei documenti. In effetti, lo svolgimento di tali operazioni ne richiede una terza, ossia la sicurezza dei trattamenti delle informazioni in modo da salvaguardare la riservatezza e la non modificabilità dei contenuti degli stessi documenti. Relativamente al secondo punto occorre riconoscere che il binomio Internet - pagine Web, per sua natura, rappresenta uno dei più potenti ed efficaci mezzi di informazione e di comunicazione. Inoltre, grazie alla semplicità d'uso e al linguaggio utilizzato, scevro dai formalismi tipici della burocrazia delle p.a., risulta particolarmente idoneo a sviluppare e accrescere stretti legami con ogni tipo di utenza. Allo scopo di raggiungere i suddetti fini il Governo ha elaborato un dettagliato Piano d'azione che definisce strategie, obiettivi e risultati da conseguire e che verte su diversi temi-chiave, alcuni dei quali sono: 62 La Comunicazione - numero unico 2003

3 a) la creazione di una Rete Nazionale. È destinata a interconnettere tutte e sole le p.a. in quanto in essa devono viaggiare documenti, informazioni e servizi di loro esclusiva pertinenza.vi confluiranno tutte le reti già esistenti, ossia la Rete Unitaria della P.A. centrale (RUPA), la Rete Unitaria che raggruppa gli uffici delle p.a. regionali (RUPAR), le reti dei singoli settori (Finanze, Sanità, ecc.), quelle locali e dei singoli enti. Inoltre, ogni singola amministrazione dovrà organizzare tre livelli di comunicazione: tra i suoi stessi uffici, con le altre amm.ni, con i cittadini e le imprese (dovrà dotarsi della connessione ad Internet per permettere loro l'accesso ai servizi erogati on-line). Attualmente, completata l'acquisizione delle infrastrutture di base (stazioni di lavoro e reti locali) si stanno cablando interi edifici ministeriali per realizzare un'unica rete interna comprendente una porta di rete (in grado di garantire un adeguato livello di sicurezza) per il collegamento del dominio della RUPA. Si dovranno poi implementare i servizi di trasporto e di interoperabilità prima con le altre amm.ni e successivamente con i cittadini; b)la gestione elettronica (anziché cartacea) integrata dei documenti (flussi documentali). Uno dei problemi più gravosi e nello stesso tempo più delicati che da sempre affliggono le p.a. è l'attività di protocollazione. - Gravoso perchè la P.A. produce e riceve un numero imponente di documenti ciascuno dei quali dev'essere protocollato. Tale processo sostanzialmente si esplica attraverso tre operazioni: 1) l'acquisizione del documento; 2) la classificazione e fascicolazione per poterlo inserire nel corrispondente archivio e identificare in modo univoco (con un numero progressivo legato alla data di ricevimento) e quindi rintracciare rapidamente all'occorrenza, anche dopo molti anni, 3) la certificazione (registrazione della provenienza e della data di arrivo) del documento. - Delicato perchè l'operazione di protocollazione investe le norme sulla trasparenza amministrativa, ossia i documenti devono essere correttamente numerati in sequenza e le registrazioni non possono essere modificate in alcun modo. Non solo, la funzione di protocollazione deve avvenire in specifiche aree protette, in modo da non violare la legge sulla privacy. In effetti, la protocollazione viene svolta da tempo con mezzi informatici, con il piano di e- Government questa attività viene integrata con la posta elettronica e la firma digitale. In pratica, documenti ed verranno inseriti in un sistema integrato in modo da poter essere trattati automaticamente da macchine dedicate, ossia: protocollati, archiviati (registrati su supporti informatici e conservati), ecc., e posti in rete in modo da essere accessibili dagli interessati. In tal modo un cittadino o un'impresa ha la possibilità di accedere ai documenti che lo riguardano e verificare a che punto si trova un determinato procedimento; c) la firma digitale. In generale, la firma autografa apposta su un documento cartaceo ha lo scopo di attestare l'autenticità del documento stesso (e quindi il non-ripudio), a patto che il firmatario sia stato identificato con certezza mediante un documento di identità da parte di un pubblico ufficiale. La firma digitale opera in modo diverso ma ha la stessa funzione della firma autografa: è lo strumento, basato su un certificato qualificato, necessario per poter firmare documenti in formato elettronico. La firma, invece di essere apposta a mano, viene generata da un sistema di crittografia a chiavi pubbliche. In base al secondo comma dell'art.15 della Legge 59/97 gli atti, dati e documenti, ivi compresi i contratti, realizzati dalla P.A. e dai privati con strumenti informatici o telematici, nonché la loro archiviazione e trasmissione con strumenti informatici, sono validi e rilevanti a tutti gli effetti di legge. Ogni funzionario pubblico avente potere di firma dovrà essere dotato di un certificato digitale. Tale certificato dovrà essere posseduto anche dai cittadini che intendono inviare documentazioni o accedere alle informazioni in possesso della P.A. e che li riguardano strettamente; d)l'e-commerce nella P.A. Rappresenta un'altra grossa novità in quanto l'uso delle procedure informatiche, in luogo di quelle basate sulla carta, contribuisce a innovare anche le modalità di acquisto e di pagamento delle p.a. La sua introduzione, infatti, rende possibile sia l'acquisto di beni e servi- La Comunicazione - numero unico

4 zi on-line, purché supportati da un'opportuna organizzazione capace di gestirne tutti i processi operativi (e-procurement), che il relativo mandato informatico di pagamento. I prevedibili vantaggi dovrebbero concretizzarsi in un risparmio della spesa, in virtù dell'allargamento della base di approvvigionamento (ma anche dell'azione della Consip S.p.A.), e nella riduzione dei tempi di pagamento delle somme impegnate, grazie alla rapidità dei controlli (effettuati per via telematica) da parte degli organi preposti. Peraltro, la legge sulla firma digitale è nata proprio per aiutare lo sviluppo dell'e-commerce; e) le anagrafi della popolazione, delle imprese, del territorio. La realizzazione di tali anagrafi permette a cittadini, professionisti, imprese e amministrazioni di usufruire di importanti servizi in rete.anche con l'aiuto di modelli unificati, si possono richiedere certificati anagrafici, dati catastali, ecc., inviare comunicazioni di aggiornamento, evitare di presentare più volte le stesse informazioni, le imprese possono trovarsi in contatto diretto e continuo con l'inps, l'inail, il Comune, ecc., ossia con tutti i loro principali interlocutori pubblici; f) la carta d'identità elettronica (CIE). È una Smart Card contenente i dati personali del possessore. In effetti, la CIE ricoprirà una doppia funzione, ossia verrà utilizzata come documento di identità personale e come Carta dei servizi per il riconoscimento in rete dell'utente. Questa seconda funzione la renderà indispensabile per poter accedere ai servizi erogati on-line dalla P.A. e che esigono l'identificazione certa del richiedente; g) la formazione. Per acquisire e sviluppare le nuove competenze informatiche e tecnologiche richieste dal cambiamento organizzativo della P.A. è stato predisposto un esteso programma di formazione articolato su due piani: uno di alfabetizzazione informatica rivolto a tutti i dipendenti pubblici e uno di formazione ed aggiornamento rivolto agli specialisti. Si terranno corsi per l'apprendimento della lingua inglese e per l'utilizzo di Internet. Peraltro, molti corsi di aggiornamento potranno essere svolti on-line. 3. REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE La realizzazione del suddetto Piano d'azione presuppone un grande sforzo organizzativo e finanziario, sostenuto da norme e regole tecniche in grado di facilitare l'attuazione dei programmi. L'impegno organizzativo deve svilupparsi soprattutto nelle attività di coordinamento e consistere nell'orientare gli sforzi di tutte le p.a. nelle stesse direzioni. Affinché il complesso apparato statale possa operare come un tutt'uno in un mondo digitale sempre più aperto è necessario consentire l'interoperabilità tra i suoi vari uffici (ossia assicurare la compatibilità tra i sistemi utilizzati) e scegliere le soluzioni coerenti con le esigenze dei cittadini e delle imprese. I tecnici sanno bene che l'acquisto, chiavi in mano, di un determinato sistema, in genere, non comporta problemi, nel senso che realizza ciò che promette; tutt'altra cosa è far interagire e dialogare correttamente due sistemi diversi. Spesso i problemi risiedono nelle interfacce (hw) e soprattutto nei protocolli (sw) utilizzati dalle macchine. Per trasmettere al cittadino una visione unitaria e facilmente accessibile della P.A. verrà realizzato un portale nazionale, e-italia, che funzionerà come punto di riferimento e di aggregazione di tutte le amm.ni, oltre che da vetrina di contenuti. Spiegherà le modalità di erogazione dei servizi, conterrà gli indirizzi delle p.a. ed un motore di ricerca dei vari contenuti. Lo sforzo finanziario è notevole in quanto alle spese iniziali per le risorse hardware e software di base, la formazione del personale, la consulenza ed assistenza tecnica, occorre aggiungere le spese di esercizio, a cui concorrono numerose voci: l'implementazione e la diffusione dei sistemi di , groupware, data-warehouse, security, la realizzazione dei portali di comunicazione sia ad uso interno che accessibili dall'esterno, i servizi di trasporto verso le reti unitarie, la manutenzione, il continuo adeguamento tecnologico, il potenziamento delle infrastrutture e il miglioramento dei servizi erogati. Ma, a fronte degli elevati investimenti richiesti, a regime, la digitalizzazione della P.A. permetterà forti risparmi dei costi di gestione. In pratica, il front-office (erogazione dei servizi a valore aggiun- 64 La Comunicazione - numero unico 2003

5 to) dovrebbe finanziare l'informatizzazione del back-office (protocollo informatico e gestione informatica della documentazione amministrativa), che assorbe notevoli risorse finanziarie, soprattutto a causa dell'acquisto del software. Oltre agli usuali sw per per la gestione delle reti e della sicurezza fisica e logica dei sistemi informatici, ai database, ecc. occorrono sw in grado di automatizzare fasi di lavoro ripetitive o eseguire compiti che richiedono particolari abilità e velocità: - sw di supporto all'informatizzazione dei processi e alla gestione dei flussi documentali (workflow).tale tipo di sw può risultare utile per incrementare la produttività di uffici che trattano pratiche la cui evasione richiede l'esecuzione di processi amministrativi densi di operazioni ripetitive. La soluzione workflow è tanto migliore quanto più completamente e in modo flessibile riesce a gestire i casi che si presentano in pratica. Esempio, l'arrivo di una documentazione, oltre alle usuali operazioni di protocollazione, può dare luogo all'avvio di un complesso procedimento amministrativo che prevede la richiesta e lo scambio di informazioni con altre amministrazioni, oltre che con l'utente, la produzione di un elevato numero di documenti (e relative trattazioni), ecc. - sw aventi lo scopo di consentire ad un gruppo di lavoro di produrre documenti elaborati in vari stadi, dalla bozza iniziale, alle correzioni e fino alla validazione, dai diversi membri del gruppo; - sw di rete aventi lo scopo di consentire ad un gruppo di persone di lavorare su uno stesso progetto e condividere gli stessi dati; - sw in grado di estrarre le informazioni desiderate da fonti (in genere da basi di dati) diverse e gestite con sistemi e linguaggi diversi (server Sql, Excel, ecc.), nonchè organizzarle e presentarle agli operatori; - sw per la realizzazione ed il controllo della qualità dei portali web delle p.a., sia informativi che per l'erogazione di servizi; Per abbattere i costi sono percorribili diverse strade: a) comprare per tramite la Consip S.p.A., che gestisce gli acquisti per tutta la P.A. Riunendo diverse migliaia di amministrazioni, la Consip ha un grande potere contrattuale che gestisce con criteri professionali. Tale azienda, infatti, stipula accordi e convenzioni solo con alcune società selezionate in seguito ad accurate indagini di mercato. La politica adottata permette di acquistare le licenze d'uso dei sw usufruendo di un forte sconto (stimato in circa il 30%) rispetto ai normali prezzi di listino; b) utilizzare sistemi operativi e applicazioni aperte anziché proprietarie. Le applicazioni sviluppate in modalità Open Source sono prodotti distribuiti gratuitamente (o quasi) sulla rete, sia sotto forma di codice sorgente che in forma compilata. Ciò significa che possono essere modificati, corretti e adattati a specifiche esigenze da chiunque (e perfino rivendute in proprio). Il sw Open Source, che fa riferimento ad un vasto movimento libertario sviluppatosi in ambiente universitario e nelle PMI di tutto il mondo, contrariamente al Free Software, è spesso di qualità migliore dei pacchetti commerciali. L'ottimo sistema operativo Linux, il server web per Linux Apache, il linguaggio di programmazione Perl, il pacchetto OpenOffice (della Sun Microsystems) sono solo alcuni notissimi esempi di prodotti open source; c) talvolta è più conveniente commissionare uno specifico prodotto sw, realizzarne un certo numero di copie e distribuirle nell'ambito delle varie amministrazioni anzichè acquistare molte licenze d'uso. Infatti, secondo la Legge 340/2000, le p.a. titolari di programmi applicativi realizzati su specifiche indicazioni del committente pubblico, hanno facoltà di darli in uso gratuito ad altre p.a., che possono adattarli alle proprie esigenze; d) ricorrere all'utilizzo di sw in modalità Asp (Application Service Providing). Si tratta di utilizzare applicazioni residenti presso il fornitore di servizi caricandole via Internet quando occorre e pagando un canone d'uso annuo fisso o dipendente dal tempo d'utilizzo. In pratica, il service provider Asp fornisce un servizio di outsourcing on demand, che si aggiunge ai servizi di hosting e housing e che può essere condiviso da più utenti. NOTE La Comunicazione - numero unico

6 4. CONCLUSIONI, POSSIBILI RICADUTE, RIFLESSIONI La progressiva diffusione di Internet e dei servizi on-line associata alle innovazioni tecnologiche fanno da sostegno al processo riformatore dell'intero comparto pubblico e costituisce una importante opportunità per costruire un nuovo modello di Stato, fortemente informatizzato e digitalizzato e quindi più snello e più efficiente, oltre che più trasparente. In generale, l'e-government è uno strumento per realizzare un salto di qualità nell'efficienza dei servizi offerti dalla P.A. ma anche per colmare il cosiddetto digital divide con le amministrazioni dei Paesi più avanzati. Ad esso si accompagna l'e-governance il cui compito è quello di sviluppare istituzioni più trasparenti e responsabili nei confronti dei cittadini. Ambedue si adoperano per contribuire ad accrescere la competitività dell'azienda Italia sul piano europeo e internazionale e per migliorare la qualità della vita dei cittadini, in linea con i presupposti della cosiddetta società dell'informazione. Le ricadute possono essere molteplici, soprattutto in tema di sicurezza, di sviluppo e diffusione delle Smart Card e del software Open Source e Asp. Il ruolo sempre più importante assunto dalle tecnologie dell'informazione in ogni settore delle società avanzate associato allo sviluppo delle reti di comunicazione hanno posto il tema della sicurezza ICT in primo piano. Le reti di computer sono riuscite a mettere in contatto diretto tutti con tutti. Ma ciò ha anche esposto l'intera comunità mondiale a potenziali rischi, in quanto i loro sistemi informatici possono essere sottoposti ad attacchi di varia natura.terroristi, esponenti del crimine organizzato, crackers, hackers possono perpetrare furti (di informazioni, danaro, ecc.), condurre azioni di sabotaggio o estorsioni dietro la minaccia di immettere virus nelle banche dati di aziende e istituzioni o creare problemi al loro sito. Con l'avanzare dell'azione di e-government alcuni problemi relativi alla sicurezza diventeranno ineludibili. Se, terminato il suo iter sperimentale, la Carta d'identità elettronica si affermerà definitivamente come strumento indispensabile per interagire con le reti civiche e accedere ai servizi erogati dalle p.a. cittadine, le Smart Card potrebbero avere una forte spinta ad essere impiegate per molti altri usi. In effetti, oggi le Smart Card a microprocessore funzionanti a 32 bit possono memorizzare discrete quantità di informazioni e consentire elevate velocità di elaborazione (quindi possono utilizzare vari algoritmi crittografici); pertanto, potrebbero contenere molte informazioni aggiuntive con un adeguato livello di sicurezza. Peraltro la CIE utilizzerà due modalità di autenticazione, una delle quali farà uso dei protocolli SSLv3 (Secure Sockets Layer versione 3).Tali protocolli sono diventati standard usatissimi per abilitare la comunicazione sicura tra client e server in Internet, tant'è che sono implementati in forma nativa nella maggior parte dei sw per i Server Web. Peraltro, oltre al riconoscimento dell'utente assicurano anche l'integrità e la riservatezza delle informazioni mediante la cifratura dei messaggi in transito. Non a caso vengono utilizzati nelle operazioni di e-banking. L'utilizzo delle Smart Card può rivelarsi utilissimo, ad esempio, per superare le difficoltà incontrate dall'e-commerce a causa dei problemi legati alla sicurezza. In particolare, inserita in un'apposita porta del computer, la Smart Card può essere utilizzata per potervi accedere (autenticazione) e assicurare l'integrità e la riservatezza delle informazioni in fase di trasmissione, oltre che certificare l'avvenuta transazione. Considerate le features delle moderne Smart Card più servizi, anche di diversa natura (autenticazione, accesso fisico e logico, pagamenti, ecc.), potrebbero convivere sulla stessa carta. La Smart Card multiservizi, utilizzata in funzione di Carta sanitaria, può accedere in ogni momento ad un database protetto (in modo da salvaguardare i dati personali del paziente) contenente tutta la storia sanitaria del suo possessore: malattie, risultati di esami clinici, indagini diagnostiche, radiografie, ecc. La medesima carta servirà per la prenotazione delle visite mediche via Internet e degli esami clinici, i pagamenti, la registrazione delle ricette, ecc. o anche come Carta dei trasporti o come Carta finanziaria! Il sw Open Source prevedibilmente continuerà a crescere rapidamente, grazie alla comunità di sviluppatori indipendenti, alla diffusione sempre più capillare delle tecnologie informatiche e alla politica industriale per l'ict avviata dall'unione Europea per la P.A. Lo stesso governo italiano, con- 66 La Comunicazione - numero unico 2003

7 sapevole dell'importanza ricoperta dagli standard aperti e quindi dei sw Open Source li ha inseriti nelle linee guida per lo sviluppo della Società dell'informazione. In effetti, il modello Open Source rappresenta una grande opportunità per la P.A. (e una speranza per tutti) non solo per una questione di costi o di utilità (riusabilità, indipendenza da un singolo fornitore, possibilità di sviluppare soluzioni specifiche, ecc.) ma soprattutto per motivi legati alla sicurezza e alla riservatezza dei propri dati. Cosa faccia effettivamente un sw proprietario nessuno lo sa. Chi garantisce che un tale sw, una volta installato, non invii, a insaputa dell'utilizzatore, informazioni ad altri (operazione che viene normalmente effettuata da molti sw che girano su Internet)? La P.A. (che deve proteggere la privacy dei cittadini, considerare il segreto di Stato, ecc.), le banche, le aziende (comprese quelle che stipulano contratti internazionali), ecc. possono permettersi di correre questo rischio? La soluzione Asp si presta a interessanti riflessioni. Secondo alcuni osservatori si va affermando una importante trasformazione culturale: considerando i costi, i tempi, la praticità e la facilità di utilizzo risulta più conveniente usufruire di un servizio quando occorre, pagando un canone fisso o per il tempo d'uso, piuttosto che acquistare il prodotto che genera il servizio. Affidarsi a un service provider Asp comporta il vantaggio di occuparsi e di potersi concentrare solo sul servizio in quanto il sw non va acquistato, né occorre occuparsi del suo aggiornamento o della gestione per cui non vi sono costi di consulenza. Al service provider può essere affidata la stessa responsabilità sulla sicurezza. In effetti, il suo compito è piuttosto oneroso, peraltro deve garantire il Service Level Agreement, tuttavia va notato che la politica di fornitura del sw Asp ha soprattutto lo scopo di catturare il cliente, in quanto i suoi proventi derivano non tanto dal canone d'uso del sw, quanto dai servizi aggiuntivi di implementazione e personalizzazione del servizio. Il successo di soluzioni del tipo Asp induce a immaginare grandi server farm nelle periferie delle città. A parere dell'autore, restano aperti due problemi senza la cui soluzione la riforma delle p.a. resta incompleta: il problema dell'organizzazione del lavoro e quello dell'effettivo riconoscimento delle professionalità delle risorse umane. D'altronde, è pensabile un'ampia innovazione tecnologica di una grande azienda disgiunta da una suo rinnovamento organizzativo? Si ricorda, inoltre, che per agire su un processo allo scopo di renderlo prima efficace e poi più efficiente non bastano le sole tecnologie, ma occorre un altro insostituibile strumento: le risorse umane preparate e motivate. Peraltro, l'impiego delle nuove tecnologie: a) tagliando parecchi rami della burocrazia, diluisce il potere dei livelli direttivi, nel senso che parte di esso viene trasferito verso il basso. In pratica, nell'espletamento di una pratica che coinvolge due diverse amministrazioni, i rispettivi livelli operativi possono lavorare e interagire liberamente mediante la posta elettronica e solo al momento del provvedimento finale si renderà necessario l'intervento del livello direttivo superiore; b) richiede al dipendente dello Stato la partecipazione, la disponibilità e la capacità di aggiornarsi e di adeguarsi alle continue novità procedurali e alle più recenti tecnologie in tempi brevissimi. Se la società dell'informazione chiama la P.A. a svolgere un ruolo più dinamico, in grado di interagire efficacemente con i cittadini e le imprese occorrerà flessibilità e specializzazione, partecipazione e creatività. Ne consegue che la definizione di un nuovo modello organizzativo dovrebbe portare alla determinazione di nuovi ruoli, nuovi modi di lavorare, nuovi modi di gestire le informazioni, nuovi metodi di valutazione del personale, perseguire politiche chiare e trasparenti. Gli ottimi corsi svolti dalla SSPA (Scuola Superiore della P.A.) forniscono la formazione indispensabile al cambiamento tecnologico in atto e sostanzialmente si sforzano di instillare una cultura più vicino al modo di lavorare del mondo privato. Tuttavia, alcune delle più significative parole d'ordine: lavorare per processi o per obiettivi, anziché per funzioni; formare gruppi di lavoro ad hoc fino al raggiungimento di determinati obiettivi; ecc. sono del tutto disattese e in netta contrapposizione con quanto accade nella realtà. Peraltro, al di là delle intenzioni di principio, i comportamenti ed i metodi di valutazione del per- La Comunicazione - numero unico

8 sonale tra pubblico e privato restano profondamente diversi. Il privato non ama gli appiattimenti e si adopera per valorizzare e far emergere le capacità personali dei suoi dipendenti. Nel pubblico le capacità personali e l'impegno profuso troppo spesso continuano ad essere opzioni del tutto trascurabili. Resta il fatto che, se anche alcuni servizi saranno affidati all'esterno, la realizzazione di servizi a valore aggiunto farà sì che i soggetti pubblici siano destinati a interagire sempre più con quelli privati. 68 La Comunicazione - numero unico 2003

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE DIRETTIVA 18 dicembre 2003 Linee guida in materia di digitalizzazione dell'amministrazione per l'anno 2004. (in G.U.

Dettagli

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori Roma, 30 gennaio 2003 La realtà della carta di identità elettronica (nel seguito CIE) e della carta nazionale dei servizi (nel seguito CNS) rende ineluttabile l individuazione di servizi da erogare in

Dettagli

ERP Commercio e Servizi

ERP Commercio e Servizi ERP Commercio e Servizi Sistema informativo: una scelta strategica In questi ultimi anni hanno avuto grande affermazione nel mercato mondiale i cosiddetti sistemi software ERP. Tali sistemi sono in grado

Dettagli

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta Sommario 1. PREMESSA...3 2. NSPAY...4 2.1 FUNZIONI NSPAY... 5 2.1.1 Gestione degli addebiti... 5 2.1.2 Inibizione di un uso fraudolento... 5 2.1.3 Gestione

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE. Maggio 2006

PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE. Maggio 2006 PROTOCOLLO INFORMATIZZATO, PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE DOCUMENTALE Maggio 2006 1 Evoluzione tecnologica 1 Negli ultimi anni le P.A. si sono fortemente impegnate nello sviluppo di reti di computer

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

Capitolo II STRUMENTI DI I.C.T. APPLICATI ALL IMPIEGO E ALLA FORMAZIONE DI BANCHE DATI

Capitolo II STRUMENTI DI I.C.T. APPLICATI ALL IMPIEGO E ALLA FORMAZIONE DI BANCHE DATI INDICE-SOMMARIO Introduzione... 1 Capitolo I STRUMENTI DI I.C.T. APPLICATI ALLA REDAZIONE DELL ATTO E ALLA GESTIONE DEI PROCESSI: LEGISTICA, LEGIMATICA E WORK-FLOW pag. 1.1. Atti e documenti.... 5 1.2.

Dettagli

IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE

IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE SCHEDA Il Codice è il risultato di oltre due anni di lavoro, di continue interazioni con tutti i livelli istituzionali, con le Regioni e le Autonomie Locali. È stato

Dettagli

La qualificazione di un back-office GESTIONE DEL PERSONALE

La qualificazione di un back-office GESTIONE DEL PERSONALE La qualificazione di un back-office GESTIONE DEL PERSONALE Qualificazione dei prodotti di back-office Ambito Prodotti di back-office Percorsi di qualificazione 1 Cliente Redatto da Verificato da Approvato

Dettagli

Firma digitale INTRODUZIONE

Firma digitale INTRODUZIONE Firma digitale INTRODUZIONE La firma digitale costituisce uno dei dieci obiettivi del Piano per l e-government. Per quanto riguarda la PA, l obiettivo, abilitante allo sviluppo dei servizi on line, si

Dettagli

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi L AMMINISTRAZIONE LOCALE: IL FRONT OFFICE DELL INTERO MONDO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Con il Piano di E-Government, con il ruolo centrale

Dettagli

IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE

IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE VISTO l articolo 5 della legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Dettagli

Xerox SMart esolutions. White Paper sulla protezione

Xerox SMart esolutions. White Paper sulla protezione Xerox SMart esolutions White Paper sulla protezione White Paper su Xerox SMart esolutions La protezione della rete e dei dati è una delle tante sfide che le aziende devono affrontare ogni giorno. Tenendo

Dettagli

Introduzione. Le infrastrutture di Regione Toscana. http://www.cart.rete.toscana.it. Versione 0.4 1 10/10/2007

Introduzione. Le infrastrutture di Regione Toscana. http://www.cart.rete.toscana.it. Versione 0.4 1 10/10/2007 Introduzione Le infrastrutture di Regione Toscana http://www.cart.rete.toscana.it Versione 0.4 1 10/10/2007 1 L'ultima versione di questo manuale è diponibile al seguente URL 1 Indice generale Introduzione...3

Dettagli

CARATTERISTICA / MODULO

CARATTERISTICA / MODULO NextWare Doc è il prodotto che consente di amministrare semplicemente tutte le p roblematiche inerenti la gestione dei documenti; è rivolto sia la settore privato che alla Pubblica Amministrazione, e copre

Dettagli

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE 1. IL SOFTWARE APPLICATIVO PROGETTOENTE 1.1 Linee guida generali: Un software aperto che Vi accompagna

Dettagli

Dematerializzazione dei documenti amministrativi, utilizzo della PEC e delle firme digitali nell'informatizzazione e automazione dei procedimenti

Dematerializzazione dei documenti amministrativi, utilizzo della PEC e delle firme digitali nell'informatizzazione e automazione dei procedimenti Dematerializzazione dei documenti amministrativi, utilizzo della PEC e delle firme digitali nell'informatizzazione e automazione dei procedimenti Il ciclo di vita del documento informatico e le comunicazioni

Dettagli

UN SALTO DI QUALITA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

UN SALTO DI QUALITA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE UN SALTO DI QUALITA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Snellimento organizzativo, egovernment, servizi ai cittadini: il rinnovamento della PA trova slancio nelle tecnologie e soluzioni per la gestione dei

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Protezione delle informazioni in SMart esolutions

Protezione delle informazioni in SMart esolutions Protezione delle informazioni in SMart esolutions Argomenti Cos'è SMart esolutions? Cosa si intende per protezione delle informazioni? Definizioni Funzioni di protezione di SMart esolutions Domande frequenti

Dettagli

2. Intervista confronto L IT e l ITC nel sistema paese: parlano i presidenti delle Regioni

2. Intervista confronto L IT e l ITC nel sistema paese: parlano i presidenti delle Regioni 2. Intervista confronto L IT e l ITC nel sistema paese: parlano i presidenti delle Regioni 2.2 Intervista al Presidente della Regione Toscana, On. Claudio Martini di Elisabetta Zuanelli* ESTRATTO: L innovazione

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI: PRESENTAZIONE BASE

PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI: PRESENTAZIONE BASE PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI: PRESENTAZIONE BASE Guglielmo LONGOBARDI Centro di Competenza Trasparenza e gestione elettronica dei documenti ALL ORIGINE DEI SISTEMI DOCUMENTARI

Dettagli

PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO

PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO Lettere, fax, messaggi di posta elettronica, documenti tecnici e fiscali, pile e pile

Dettagli

SMART CARD-APPLICAZIONI

SMART CARD-APPLICAZIONI SMART CARD-APPLICAZIONI Le applicazioni pratiche delle Smart Card possono essere suddivise in 3 categorie principali: 1- Trasporto Dati: la Smart Card e usata come mezzo per memorizzare informazioni; 2-

Dettagli

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI 1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI Per implementare una piattaforma di e-learning occorre considerare diversi aspetti organizzativi, gestionali e tecnici legati essenzialmente

Dettagli

Il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione

Il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione Pubblica Amministrazione Principali tematiche il Mercato al Mercato 2/17 Il presente documento ha la finalità di supportare le Amministrazioni nell abilitazione al Mercato e nel suo concreto utilizzo.

Dettagli

SIEL - Soluzioni Integrate Enti Locali

SIEL - Soluzioni Integrate Enti Locali SIEL - Soluzioni Integrate Enti Locali Filosofia di funzionamento del sistema SIEL Il pacchetto Integrato Enti Locali, realizzato in ambiente con linguaggi di ultima generazione, consente all Ente Locale

Dettagli

C.R.M. Custom Relationship Management

C.R.M. Custom Relationship Management Web Solution C.R.M. Custom Relationship Management Overview La soluzione CRM Portal Builder è una piattaforma innovativa per la gestione delle relazioni con i clienti, basata su una struttura modulare

Dettagli

( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO. PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC)

( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO. PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) C I T T À D I B A C O L I C I T T A D I B A C O L I ( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) (adottato con

Dettagli

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Paola Tarquini Sommario Iniziative in atto Una possibile strategia per la diffusione del Software

Dettagli

Città di Vico Equense Provincia di Napoli

Città di Vico Equense Provincia di Napoli DECRETO N. 20 DEL 08/04/2014 OGGETTO: INCARICO DI AMMINISTRATORE DI RETE DEL SISTEMA INFORMATICO DELL'ENTE E REFERENTE ICT TERRITORIALE PER L ATTUAZIONE DEL CAD CODICE AMMINISTRAZIONE DIGITALE" IL SINDACO

Dettagli

Le iniziative della Regione del Veneto in tema di dematerializzazione documentale verso un Polo Archivistico Regionale

Le iniziative della Regione del Veneto in tema di dematerializzazione documentale verso un Polo Archivistico Regionale Le iniziative della Regione del Veneto in tema di dematerializzazione documentale verso un Polo Archivistico Regionale Andrea Boer Regione del Veneto Direzione Sistemi Informativi U.C. e-government Treviso,

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO SECONDO IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE Sommario: 1. Struttura e finalità del codice dell amministrazione digitale. - 2. La teleamministrazione e l atto elettronico. - 3. Il documento

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE COMUNE DI CASTEL MELLA Provincia di Brescia PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE (articolo 24 c. 3 bis del D.L. 90/2014, convertito

Dettagli

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA 1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA La Regione Siciliana ha intrapreso nell'ultimo decennio un percorso di modernizzazione che ha come frontiera la creazione della Società dell Informazione, ovvero

Dettagli

ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP

ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP ELATOS WEB SOFTWARE GESTIONALE ASP L OUTSOURCING È uno degli strumenti manageriali, di carattere tattico e strategico, che hanno conosciuto maggiore espansione nel corso dell ultimo decennio e che continuerà

Dettagli

Comuni di: Aicurzio, Basiano, Bellusco, Busnago, Cavenago B.za, Cambiago, Gessate, Masate, Mezzago, Ornago, Sulbiate, Verderio Inf.

Comuni di: Aicurzio, Basiano, Bellusco, Busnago, Cavenago B.za, Cambiago, Gessate, Masate, Mezzago, Ornago, Sulbiate, Verderio Inf. DETERMINAZIONE N. 08 DEL 04/02/2013 - COPIA OGGETTO: MODERNIZZAZIONE SISTEMA INFORMATICO CONSORTILE AFFIDAMENTO, MANUTENZIONE, AGGIORNAMENTO, ASSISTENZA AI SOFTWARE URBI DA UTILIZZARSI IN COLLEGAMENTO

Dettagli

La Digitalizzazione in Regione Lombardia

La Digitalizzazione in Regione Lombardia La Digitalizzazione in Regione Lombardia Il progetto EDMA: il percorso di innovazione di Regione Lombardia nell'ambito della dematerializzazione Milano, Risorse Comuni, 19 Novembre 2009 A cura di Ilario

Dettagli

Via Siena 37/23 Firenze ( Fi ) Tel. Magazzino/Ufficio: 055-791191-055/791129 Fax: 055/791061 P.Iva E C.F. 03952230484 sito web: www.ricci2.

Via Siena 37/23 Firenze ( Fi ) Tel. Magazzino/Ufficio: 055-791191-055/791129 Fax: 055/791061 P.Iva E C.F. 03952230484 sito web: www.ricci2. INFORMATIVA E CONSENSO PER L'UTILIZZO DEI DATI PERSONALI - D.Lgs. 30.06.2003 n.196, Art. 13 Questa Informativa si applica ai dati personali raccolti attraverso il presente sito. La presente non si applica

Dettagli

La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia

La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia Il 2006 ha registrato alcuni segnali positivi di ripresa, sia dell'economia italiana che dell Information

Dettagli

Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Lotto 2 - Interoperabilità Allegato C/1 INDICE PROGETTO TECNICO INDICE DEL PROGETTO 1 SERVIZI PER L'INTEROPERABILITÀ NEL DOMINIO DELLA RETE UNITARIA

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO

CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO GENOVA - 30 GIUGNO 2009 - ORE 9.30 CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO IMPRENDITORIALE SULLA FATTURAZIONE ELETTRONICA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Articolo 1

RELAZIONE TECNICA. Articolo 1 RELAZIONE TECNICA Articolo 1 L articolo 1 modifica le definizioni contenute nel Codice dell amministrazione digitale, introducendone alcune nuove in linea con le evoluzioni tecnologiche e con i più recenti

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Posta Elettronica Certificata e Firma Digitale. CST Monterraneo, 9 Febbraio 2011

Posta Elettronica Certificata e Firma Digitale. CST Monterraneo, 9 Febbraio 2011 Posta Elettronica Certificata e Firma Digitale CST Monterraneo, 9 Febbraio 2011 Agenda Posta Elettronica Certificata Cos è Riferimenti normativi Soggetti Flusso dei messaggi Vantaggi PEC nella Pubblica

Dettagli

Piano di Informatizzazione delle Procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online

Piano di Informatizzazione delle Procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online Allegato 1) Provincia di Como Piano di Informatizzazione delle Procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online Approvato con la deliberazione del Presidente della Provincia

Dettagli

GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI

GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI Gestionale Integrato, tagliato su misura per gli Studi Commerciali e i Consulenti del Lavoro. ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI LECCE FONDAZIONE

Dettagli

E-Europe: : indicazioni e normativa sulla struttura informativa dei siti web

E-Europe: : indicazioni e normativa sulla struttura informativa dei siti web E-Europe: : indicazioni e normativa sulla struttura informativa dei siti web Ornella Nicotra 1 febbraio 2003 Modulo europeo Action Jean Monnet Scuola Speciale per Archivisti e Bibliotecari Universita degli

Dettagli

web GESTIONE PRESENZE E ASSENZE Pubblica Amministrazione Azienda PAGHE E STIPENDI GESTIONE NOTE SPESE E TRASFERTE GESTIONE RISORSE UMANE

web GESTIONE PRESENZE E ASSENZE Pubblica Amministrazione Azienda PAGHE E STIPENDI GESTIONE NOTE SPESE E TRASFERTE GESTIONE RISORSE UMANE per le un universo un universo di Azienda Pubblica Amministrazione di universo un di PAGHE E STIPENDI GESTIONE PRESENZE E ASSENZE GESTIONE NOTE SPESE E TRASFERTE GESTIONE RISORSE UMANE BUDGET DEL PERSONALE

Dettagli

La Sicurezza Informatica nella Pubblica Amministrazione

La Sicurezza Informatica nella Pubblica Amministrazione Ernst & Young Technology and Security Risk Services per gli Organismi Pagatori Regionali Firenze, 12 giugno 2003 La Sicurezza Informatica nella Pubblica Amministrazione 1 La Sicurezza Informatica nella

Dettagli

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese)

COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) COMUNE DI BARASSO (Provincia di Varese) Approvate con delibera della Giunta Comunale n.30 del 18.05.2015 Linee guida per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati (open data) Redatte ai sensi

Dettagli

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE

COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE COME FARE PER. ARMONIZZARE IL SITO COL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DELL ENTE Flavia Marzano marzano@cibernet.it 10/05/2004 ARPA Club Forum PA 2004 Contenuti Cenni normativi Sistema di gestione documentale:

Dettagli

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra soci effettivi e soci aggregati) 62 Sezioni Territoriali (presso le Unioni Provinciali di Confindustria) Oltre 1 milione

Dettagli

Comune di Cattolica provincia di Rimini Settore 4 Direzione del Sistema Informativo Comunale

Comune di Cattolica provincia di Rimini Settore 4 Direzione del Sistema Informativo Comunale Comune di Cattolica provincia di Rimini Settore 4 Direzione del Sistema Informativo Comunale Passaggio del software applicativo Tributi dalla piattaforma client/server SICRA alla piattaforma WEB SICR@WEB.

Dettagli

Rivoluzione per l e-government

Rivoluzione per l e-government Roma 8 Aprile 2002 Rivoluzione per l e-government Pag. 1 Nell Agosto 1999 è stata costituita Postecom Spa, società controllata al 100% dal Gruppo Poste Italiane, con la missione di sviluppare e gestire

Dettagli

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle amministrazioni provinciali Anno 2005

Le tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle amministrazioni provinciali Anno 2005 18 Settembre 2006 Le tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle amministrazioni provinciali Anno 2005 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE (PD) * * * Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni 1 CONTESTO La realizzazione del Piano di informatizzazione

Dettagli

Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE. (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005)

Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE. (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005) Direttiva del 4 gennaio 2005 LINEE GUIDA IN MATERIA DI DIGITALIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE (Gazzetta Ufficiale n. 35 del 12 febbraio 2005) ----------------------------------------------------- IL MINISTRO

Dettagli

CONSULTA D AMBITO TERRITORIALE GORIZIANO PER IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c.

CONSULTA D AMBITO TERRITORIALE GORIZIANO PER IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. CONSULTA D AMBITO TERRITORIALE GORIZIANO PER IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis CATO ORIENTALE GORIZIANO PER IL SII CATOGO_Piano_di_Informatizzazione_ex_art_24_dl_90_2014.doc

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso Piazza Caduti, 8 31021 Cod. Fiscale 00565860269 Partita IVA 00476370267 Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni

Dettagli

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE)

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) Comune di Vigonovo Sistemi Informativi Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU5 30/01/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 23 dicembre 2013, n. 28-6947 D.G.R. n. 37-6240 del 2.8.2013. Servizi "on-line" assicurati dal Servizio Sanitario Regionale a favore

Dettagli

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it

Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it Pina Civitella pina.civitella@comune.bologna.it La timeline del quadro normativo (1) 1998 2000 2004 2005 Protocollo informatico Regole tecniche per il protocollo informatico di cui al decreto del Presidente

Dettagli

/13. Il Cloud Computing e i progetti strategici dell Agenda Digitale Italiana Cloud Computing summit 2015

/13. Il Cloud Computing e i progetti strategici dell Agenda Digitale Italiana Cloud Computing summit 2015 1 Il Cloud Computing e i progetti strategici dell Agenda Digitale Italiana Cloud Computing summit 2015 Presidenza del Francesco Consiglio Tortorelli dei Ministri 2 Piani di digitalizzazione e progetti

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Anagrafica progetto Nome progetto Stato Responsabile Obiettivi generali Obiettivi specifici

Anagrafica progetto Nome progetto Stato Responsabile Obiettivi generali Obiettivi specifici Anagrafica progetto Nome progetto Stato Responsabile Obiettivi generali Obiettivi specifici Firma Digitale Firma Raffaello In fase di avviamento In corso Sospeso Completato In esercizio Donatella Settimi

Dettagli

Vent anni di corsi a Bressanone. Il Protocollo Informatico e la Sicurezza Informatica. Dott. ssa Floretta Rolleri

Vent anni di corsi a Bressanone. Il Protocollo Informatico e la Sicurezza Informatica. Dott. ssa Floretta Rolleri Vent anni di corsi a Bressanone Il Protocollo Informatico e la Sicurezza Informatica XX Corso Dott. ssa Floretta Rolleri CNIPA Bressanone (Bz), 19-22 maggio 2009 Il Protocollo Informatico e la Sicurezza

Dettagli

ECDL Base. ECDL Full Standard

ECDL Base. ECDL Full Standard http://www.nuovaecdl.it/ Modulo ECDL Base ECDL Full Standard ECDL Standard Computer Essentials Sì Sì Sì (1) Online Essentials Sì Sì Sì (1) Word Processing Sì Sì Sì (1) Spreadsheets Sì Sì Sì (1) IT Security

Dettagli

E-Europe: : organizzazione e fruizione delle informazioni nei siti web della Pubblica Amministrazione

E-Europe: : organizzazione e fruizione delle informazioni nei siti web della Pubblica Amministrazione E-Europe: : organizzazione e fruizione delle informazioni nei siti web della Pubblica Amministrazione Ornella Nicotra a.a. 2001-2002 Modulo europeo Action Jean Monnet Scuola Speciale per Archivisti e Bibliotecari

Dettagli

Azienda-Online. La gestione dell azienda ora vola sulla cloud!

Azienda-Online. La gestione dell azienda ora vola sulla cloud! Azienda-Online La gestione dell azienda ora vola sulla cloud! Riduzione dei costi di acquisto, gestione e manutenzione Aumento e velocizzazione della comunicazione in azienda Accessibilità al sistema di

Dettagli

il software disponibile in CLOUD COMPUTING... un salto nel futuro, con i fatti.

il software disponibile in CLOUD COMPUTING... un salto nel futuro, con i fatti. il software disponibile in CLOUD COMPUTING... un salto nel futuro, con i fatti. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO SHERPAWEB IN CLOUD COMPUTING Esakon per occuparsi al meglio di ICT (Information Communications Technology,

Dettagli

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI Paolo Rigo LA SCUOLA DIGITALE Il progetto di alfabetizzazione digitale della popolazione è ambizioso e la sua realizzazione non può che partire dalla scuola. Occorre potenziare

Dettagli

Portale integrato Lavoro, Formazione, Politiche sociali e Osservatorio e servizio Centri Impiego On Line

Portale integrato Lavoro, Formazione, Politiche sociali e Osservatorio e servizio Centri Impiego On Line Portale integrato Lavoro, Formazione, Politiche sociali e Osservatorio e servizio Centri Impiego On Line Dott.ssa Alessandra Bordini Provincia di Reggio Calabria Responsabile Servizio Pianificazione Progettazione

Dettagli

FORUM PER LA SOCIETA DELL INFORMAZIONE Enti Territoriali e Società dell Informazione: La Riforma Federalista e la Rete

FORUM PER LA SOCIETA DELL INFORMAZIONE Enti Territoriali e Società dell Informazione: La Riforma Federalista e la Rete FORUM PER LA SOCIETA DELL INFORMAZIONE Enti Territoriali e Società dell Informazione: La Riforma Federalista e la Rete Torino, 27 settembre 1999 STRUMENTI PER PROGETTARE ED ATTUARE LA RIFORMA Relatore:

Dettagli

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI SIE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE GOVERNANCE E CAPACITA ISTITUZIONALE FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 Il PON Governance e capacità istituzionale

Dettagli

Sezione I Identificazione e contenuto tecnico

Sezione I Identificazione e contenuto tecnico Programma Operativo Regionale Sicilia 2000/2006 Complemento di Programmazione adottato con delib.n.273 del 07.08.2002 Scheda tecnica della misura Misura 6.05 Reti e servizi per la Società dell Informazione

Dettagli

Concepire un ambiente in grado di offrire le seguenti possibilità in modo semplice ed accattivante:

Concepire un ambiente in grado di offrire le seguenti possibilità in modo semplice ed accattivante: MULTIMEDIA 1 2 TELEMATICA AE Concepire un ambiente in grado di offrire le seguenti possibilità in modo semplice ed accattivante: Disegnare un modello elettronico di qualunque tipo e renderlo editabile

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

N. T. A. NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE

N. T. A. NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE S.r.l. - Nuove Tecnologie Applicate Sede Legale: Via Castiglion de ' Pepoli, 80 00127 Roma - Tel. 06.52373271 - Fax 06.52373245 Sede Operativa : Via Mosca, 10 00142 Roma Tel. 06.99705077 Fax 06.99705080

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Evoluzione del CST 1. Introduzione Il prossimo 30 settembre 2008 termina il progetto di esercizio sperimentale dei servizi e, quindi, il Centro Servizi

Dettagli

Alcune domande: La banda larga: serve proprio?

Alcune domande: La banda larga: serve proprio? Alcune domande: A chi serve la banda larga? Per fare cosa? Quanta banda serve? le infrastrutture a banda larga nella Bassa Padovana sono sufficienti? Esiste un digital divide nel territorio? Quanti comuni

Dettagli

Le Smart Cards e la nuova Tessera Sanitaria.

Le Smart Cards e la nuova Tessera Sanitaria. L'Identità in rete per i servizi della PA Le Smart Cards e la nuova Tessera Sanitaria. Prima Parte Introduzione Normativa Roberto Resoli LinuxTrent 22 Novembre 2010 Sommario La nuova Tessera Sanitaria

Dettagli

Studio.net. una proposta modulare ed integrata per gli Studi Professionali

Studio.net. una proposta modulare ed integrata per gli Studi Professionali Studio.net una proposta modulare ed integrata per gli Studi Professionali Consulente del Lavoro: una professione complessa Inaz: soluzioni per i professionisti delle risorse umane Studio.net: la piattaforma

Dettagli

Privacy e sicurezza nel cloud.

Privacy e sicurezza nel cloud. Paolo Giardini STUDIO GIARDINI Eucip Certified Informatics Professional Direttore OPSI Osservatorio Privacy e Sicurezza Informatica Centro di Competenza Open Source Regione Umbria GNU/LUG Perugia AIP OPSI

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

STANDARD A AFFRONTA GLI STRUMENTI INFORMATICI E DI COMUNICAZIONE NEL LORO USO

STANDARD A AFFRONTA GLI STRUMENTI INFORMATICI E DI COMUNICAZIONE NEL LORO USO 3.5 Area Tecnologica STANDARD A AFFRONTA GLI STRUMENTI INFORMATICI E DI COMUNICAZIONE NEL LORO USO E NELLA LORO FUNZIONE. Livello 1 1.1 Esplicita i propri bisogni di comunicazione e di organizzazione di

Dettagli

E-Government. L e-government attraverso il procedimento amministrativo informatizzato. di Rosanna Udanch Università degli Studi di Sassari

E-Government. L e-government attraverso il procedimento amministrativo informatizzato. di Rosanna Udanch Università degli Studi di Sassari E-Government L e-government attraverso il procedimento amministrativo informatizzato di Rosanna Udanch Università degli Studi di Sassari 1 E- Government Dopo un lungo immobilismo legislativo si è verificato

Dettagli

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E L OPEN SOURCE AL SERVIZIO DELLA PA INAIL CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alessandro Simonetta Guido Borsetti

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E L OPEN SOURCE AL SERVIZIO DELLA PA INAIL CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alessandro Simonetta Guido Borsetti L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E L OPEN SOURCE AL SERVIZIO DELLA PA INAIL CONSULENZA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alessandro Simonetta Guido Borsetti Premessa Il rapporto tra open source e innovazione è un

Dettagli

I sistemi di Pagamento Elettronico come abilitatore centrale della Rivoluzione Digitale. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

I sistemi di Pagamento Elettronico come abilitatore centrale della Rivoluzione Digitale. Università degli Studi di Roma Tor Vergata I sistemi di Pagamento Elettronico come abilitatore centrale della Rivoluzione Digitale Università degli Studi di Roma Tor Vergata Roma, 13 Marzo 2014 Rivoluzione Industriale e Rivoluzione Digitale Rivoluzione

Dettagli

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali

DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE. Lucia Picardi. Responsabile Marketing Servizi Digitali DEMATERIALIZZAZIONE, UNA FONTE NASCOSTA DI VALORE REGOLE E TECNICHE DI CONSERVAZIONE Lucia Picardi Responsabile Marketing Servizi Digitali Chi siamo 2 Poste Italiane: da un insieme di asset/infrastrutture

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 17 aprile 2003

DECRETO MINISTERIALE 17 aprile 2003 DECRETO MINISTERIALE 17 aprile 2003 Criteri e procedure di accreditamento dei corsi di studio a distanza delle università statali e non statali e delle istituzioni universitarie abilitate a rilasciare

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FORMAZIONE AVANZATA e-government 1. Premessa Oggi l innovazione nella pubblica amministrazione (PA) e, in particolare,

Dettagli

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONE DELLE PROVINCE PIEMONTESI, ANCI PIEMONTE, UNCEM PIEMONTE, LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI, CONSULTA UNITARIA DEI PICCOLI COMUNI DEL PIEMONTE, PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

Descrizione servizio Websense Hosted Mail Security

Descrizione servizio Websense Hosted Mail Security Descrizione servizio Websense Hosted Mail Security Alla luce della crescente convergenza delle minacce nei confronti del Web e della posta elettronica, oggi è più importante che mai poter contare su una

Dettagli

White Paper. Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia:

White Paper. Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia: White Paper Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia: Pagina 2 di 12 Versione 2.0 Sommario Per informazioni puoi rivolgerti presso l Agenzia:... 1... 1 White Paper... 1 1. Introduzione... 3 2.

Dettagli

Il diritto nell Informatica

Il diritto nell Informatica Il diritto nell Informatica Introduzione L utilizzazione sempre più diffusa dell Informatica nel corso degli anni ha investito tutti gli ambiti della vita sociale. La raccolta, l elaborazione e la trasmissione

Dettagli

Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale

Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale APQ PUGLIA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE PROGETTO PILOTA Informatizzazione Procura della Repubblica di Lecce Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale ForumPA 11 maggio 2009 Maurizio Natale InnovaPuglia

Dettagli

Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax info@jobiz.com - www.jobiz.com

Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax info@jobiz.com - www.jobiz.com Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax @jobiz.com - www.jobiz.com uno strumento dinamico per fare e-business che cos'è e.cube ECMS le quattro aree configurazione

Dettagli