2. Zeri, singolarità e residui

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. Zeri, singolarità e residui"

Transcript

1 2. Zeri, singolarità e residui Bernhard Riemann ( ) Se solo conoscessi il vero enunciato del teorema! Allora sarebbe facile per me darne la dimostrazione... Lo scopo principale di questo capitolo è quello di studiare le singolarità di una funzione olomorfa. L esempio tipico che studieremo in dettaglio è fornito dal quoziente f = g/h di due funzioni olomorfe nell intorno di un punto z nel caso in cui il denominatore h si annulli proprio in z. Come primo passo studiamo quindi il comportamento di una funzione olomorfa vicino ad un proprio zero. 2-1

2 2. ZERI, SINGOLARITÀ E RESIDUI 2-2 Zeri di funzioni olomorfe Gli zeri di una funzione olomorfa f sono quei punti z dove la funzione si annulla, f(z ) =. Corollario 2.1 (Zeri di una funzione olomorfa) Ad ogni zero z di una funzione olomorfa non identicamente nulla f : D(f) C C si può associare un numero intero positivo m (ordine di zero di f) caratterizzato dalle seguenti (equivalenti) proprietà: f è asintoticamente equivalente a (z z ) m per z z : f(z) (z z ) m f(z) per z z, cioè lim = c. (2.1) z z (z z ) m Esiste una funzione olomorfa g tale che (z z ) m g(z) z D(f), con g(z ). (2.2) Tutte le derivate successive di f fino all ordine m 1 si annullano in z, mentre f (m) (z ), cioè f(z ) = f (z ) = = f (m 1) (z ) =, f (m) (z ). (2.3) La prima potenza che compare nello sviluppo in serie di f è quella di ordine m e si ha k=m + a k (z z ) k = (z z ) m a h+m (z z ) h. (2.4) h= Dimostrazione Sappiamo che se B r(z ) D(f) allora f ammette lo sviluppo in serie di potenze in B r(z ) + a k (z z ) k, z B r(z ). (2.5) k= Sono ovviamente possibili solo due eventualità: i coefficienti {a k } k N sono tutti nulli; in tal caso f è identicamente nulla in B r(z ). a,a 1,...,a m 1 sono nulli ma a m ; in tal caso si ha a m(z z ) m +a m+1 (z z ) m a m+h (z z ) m+h +... = (z z ) m[ ] a m +a m+1 (z z ) a m+h (z z ) h = (z z ) m a m+h (z z ) h h= Ponendo g(z) := + n= a m+h(z z ) h, si ottiene la rappresentazione di f come prodotto e si verificano tutte le proprietà elencate. (2.6) (z z ) m g(z), g(z ), (2.7) Una conseguenza sorprendente è che basta un insieme ridotto di punti (per esempio una curva) per determinare univocamente una funzione olomorfa in un aperto connesso D(f) C: è il principio del prolungamento analitico, cui si arriva studiando gli zeri di una funzione olomorfa. Corollario 2.2 (Principio del prolungamento analitico) Se due funzioni olomorfe f, g sono olomorfe nell aperto connesso Ω coincidono in un insieme che ha almeno un punto di accumulazione interno a Ω, allora coincidono in tutto Ω. Esempio Il principio del prolungamento analitico è piuttosto utile per estendere al campo complesso identità algebriche che si sono già dimostrate in campo reale. Ad esempio, sappiamo che cos 2 x+sin 2 x = 1 per x R. Siccome

3 2. ZERI, SINGOLARITÀ E RESIDUI 2-3 la funzione f(z) := cos 2 z + sin 2 z è olomorfa e coincide con la funzione 1 su R, essa deve coincidere con 1 anche in tutto C; si conclude quindi cos 2 z +sin 2 z = 1 z C. (2.8) Attenzione, però: questo principio vale solo per le identità che fanno intervenire solo funzioni olomorfe e certamente non si può applicare alle disuguaglianze. Ad esempio, in campo reale si sa che cosx 1, sinx 1 ma queste due proprietà sono false in campo complesso (perché?...). Quoziente di funzioni olomorfe Abbiamo visto che la derivabilità in senso complesso nell intorno di un punto z fornisce un informazione assai dettagliata sulla struttura di una funzione f vicino a z : essa si può sviluppare in serie di potenze. Vogliamo cercare di ottenere informazioni altrettanto precise quando la funzione è derivabile solo in un intorno B ρ (z )\{z } ma a priori non in z. È il caso, cioè, di una singolarità isolata, caso che si presenta assai di frequente. Per convincersene, consideriamo ad esempio il quoziente f(z) := g(z)/h(z) due funzioni olomorfe, delle quali h non sia ovviamente identicamente nulla. Grazie al teorema degli zeri di una funzione olomorfa e alla formula (1.83), sappiamo che tale quoziente definisce una funzione olomorfa eccetto che in un insieme di punti isolati, precisamente gli zeri di h: questi saranno proprio le singolarità, isolate appunto, della funzione f. Nel caso di un quoziente, naturalmente, è facile stabilire il comportamento nell intorno di una singolarità, grazie al corollario precedente: infatti se h(z ) =, sappiamo che h(z) = (z z ) q h (z) con h olomorfa e h (z ), così come g(z) = (z z ) p g (z) con g (z ). Posto f := g /h, f risulta olomorfa almeno in un intorno di z e f (z ) ; si ottiene così 1 1 (z z ) mf (z) = (z z ) m b h (z z ) h, m := q p (2.9) h= dove abbiamo sviluppato in serie di Taylor la funzione f. Se l ordine di annullamento q del denominatore è maggiore dell ordine di annullamento p del numeratore, allora m > e quindi il 1 termine (z z ) determina una singolarità del quoziente in z m. Viceversa, se p q, siamo nel caso in cui la singolarità è eliminabile, poiché esiste il limite lim z z f(z). Supponiamo che sia m > : posto k := h m, a k := b k+m, deduciamo che la funzione di partenza f ha uno sviluppo del tipo b h (z z ) h m = h= k= m a k (z z ) k = = a m (z z ) m +a m+1 (z z ) m a 1 (z z ) 1 +a +a 1 (z z )+...+a k (z z ) k +... (2.1) dove i primi m termini s(z) := a m (z z ) m +a m+1 (z z ) m a 1 (z z ) 1 (2.11) formano la cosiddetta parte singolare, definita in C\{z }, e gli altri r(z) := a +a 1 (z z )+...+a k (z z ) k +... (2.12) formano la parte regolare, convergente in un intorno circolare di centro z. La singolarità z si chiama polo di ordine m, lo sviluppo (2.1) prende il nome di sviluppo di Laurent di f, il coefficiente a 1 di fronte alla potenza di grado 1 si chiama residuo di f in z. Riassumiamo quanto trovato fino ad ora.

4 2. ZERI, SINGOLARITÀ E RESIDUI 2-4 Teorema 2.3 (Sviluppo in serie di Laurent del quoziente di due funzioni olomorfe) Se f = g/h è il quoziente di due funzioni olomorfe in un disco B ρ (z ) dove z è uno zero isolato di h di ordine p (ed eventualmente uno zero di g di ordine q), f ammette lo sviluppo in serie k= m dove m := p q è l ordine di singolarità della funzione f. a k (z z ) k z B ρ (z )\{z }, (2.13) Quando p q la singolarità viene detta eliminabile, f è olomorfa in B ρ (z ) e la serie (2.13) è la sua serie di Taylor. Quando p > q, z viene chiamato polo di ordine m. Il coefficiente a 1 della potenza z 1 (che risulta nullo quando la singolarità è eliminabile e il primo termine della serie è una potenza di esponente non negativo) svolge un ruolo particolarmente importante e viene chiamato residuo di f in z. I coefficienti a k ammettono la formula di rappresentazione integrale a k = 1 f(z)(z z ) k dz < r < ρ. (2.14) 2πi z z C r(z ) Corone circolari e sviluppo in serie di Laurent La situazione descritta per il quoziente di due funzioni è in realtà di carattere più generale e dipende solo dal fatto che z sia una singolarità isolata di f. Addirittura, è possibile ottenere uno sviluppo in serie molto utile di ogni funzione olomorfa in una corona circolare. Consideriamo quindi il caso più generale in cui f è olomorfa in una { } corona circolare K r,r (z ) := z C : r < z z < R, r < R +. Si può dimostrare che vale la rappresentazione di Laurent: Teorema 2.4 (Sviluppo in serie di Laurent) Se f è olomorfa nella corona circolare K r,r (z ) allora f ammette lo sviluppo in serie k= C ρ(z ) a k (z z ) k z K r,r (z ) (2.15) dove i coefficienti a k sono dati dalla formula a k = 1 f(z)(z z ) k dz 2πi z z r < ρ < R. (2.16) Precisazione Raggi di convergenza. La serie (2.15) va intesa come la somma di due serie di potenze, la prima (parte regolare) + r(z) = a k (z z ) k ha raggio di convergenza almeno R (2.17) k=

5 2. ZERI, SINGOLARITÀ E RESIDUI 2-5 mentre la seconda (parte singolare) è una serie di potenze nella variabile w := 1 z z s(z) : = 1 k= + a k (z z ) k = a h (z z ) h (2.18) h=1 + = a h w h ha raggio di convergenza almeno 1/r (2.19) h=1 In particolare, quando la funzione f è olomorfa in B R (z )\{z } = K,R (z ), la parte singolare ha raggio di convergenza 1/ = + ed è pertanto convergente in tutto C\{z }. Il caso di una corona circolare qualunque sarà particolarmente utile per studiare la cosiddetta trasformata Z. Singolarità isolate e residui Ora concentriamo la nostra attenzione sul caso delle singolarità isolate (che corrispondono a corone circolari il cui raggio interno è nullo): possiamo completare il quadro già descritto nel caso del quoziente di due funzioni. Teorema 2.5 (Classificazione delle singolarità) Supponiamo che f abbia una singolarità isolata in z, sia cioè olomorfa in B R (z ) \ {z }. Allora si possono presentare solo le seguenti tre situazioni: (singolarità eliminabile) f è limitato in un intorno di z : in questo caso esiste il limite l := lim z z f(z) e, definita f(z ) := l, la funzione così estesa risulta olomorfa in tutto B R (z ). (polo) lim z z f(z) = + : in questo caso esiste un intero m > (detto ordine di polo di u in z ) ed una funzione olomorfa f : B R (z ) C tale che 1 (z z ) mf (z), z B R (z )\{z }. (2.2) Di conseguenza f ammette la (univoca) decomposizione s(z) + r(z), con s, r date da (2.11,2.12) rispettivamente e a m. La parte singolare dello sviluppo di Laurent contiene termini non nulli fino all ordine m, mentre i coefficienti dei termini di ordine < m sono tutti nulli. (singolarità essenziale) f ha un comportamento caotico in ogni intorno di z : più precisamente, w C, ε > z B R (z ) : f(z) w ε. (2.21) Ancora una volta, f può essere decomposta in modo unico nella somma di parte regolare r, data dallo sviluppo (2.12) e olomorfa in B R (z ), e di una parte singolare s olomorfa in C \ {z }: quest ultima però si può scrivere solo come serie di infiniti termini, potenze di (z z ) 1 : s(z) = k=1 a k (z z ) k =...+a k (z z ) k +a k+1 (z z ) k a 1 (z z ) 1. (2.22) Questa ultima serie converge per ogni z C\{z }.

6 2. ZERI, SINGOLARITÀ E RESIDUI 2-6 Abbiamo così la possibilità di rappresentare in unico modo tutti i casi che si possono presentare quando una funzione u è olomorfa attorno ad un punto z : essa ammette sempre uno sviluppo della forma s(z)+r(z) = a k (z z ) k + a k (z z ) k (2.23) n=1 dove la parte singolare s è identicamente nulla se f è olomorfa anche in z (e i coefficienti a k sono nulli fino all indice k = p se u ha uno zero di ordine p in z ), è una somma finita di m termini se f ha un polo di ordine m (e in tal caso i coefficienti a k sono tutti nulli per k < m), è una serie di infiniti termini se z è una singolarità essenziale; la rappresentazione (2.23) si chiama sviluppo in serie di Laurent di f in z. k= La formula (5.32) (per k = 1) suggerisce la seguente definizione Definizione 2.6 (Residuo) Sia z una singolarità isolata per la funzione olomorfa f; si chiama residuo di f in z l integrale Res(f;z ) = 1 f(z) dz. (2.24) 2πi C ρ(z ) dove C ρ (z ) è una circonferenza sufficientemente piccola da non contenere altre singolarità di f eccetto z. Il residuo si può equivalentemente definire attraverso lo sviluppo in serie di Laurent di f in z dato dalla (2.23): si trova infatti che Res(f;z ) := a 1 (cioè il coefficiente della potenza (z z ) 1 dello sviluppo di Laurent di f). Combinando il Teorema di Cauchy con la definizione precedente si arriva alla seguente formula fondamentale: Teorema 2.7 (Formula dei residui) Sia f olomorfa nell aperto D(f) = Ω \ Λ, dove Λ è un insieme di singolarità isolate, e sia Γ un circuito semplice, percorso in senso antiorario e non passante per alcuna delle singolarità di Λ, con A Γ Ω. Se z 1,z 2,...,z n sono le singolarità di Λ contenute in A Γ, allora n f(z)dz = 2πi Res(f;z j ). (2.25) Γ

7 2. ZERI, SINGOLARITÀ E RESIDUI 2-7 Formule per il calcolo dei residui Se f è il quoziente di due funzioni g,h olomorfe in un intorno di z f(z) := g(z) h(z), h(z ) =, h (z ) Res(f;z ) = g(z ) h (z ). (2.26) La formula precedente è un caso particolare di polo semplice: in generale se z è un polo semplice per f (cioè l ordine di polo di z è 1 si ha Res(f;z ) = lim z z (z z )f(z). (2.27) Più in generale, se f ha un polo di ordine al più m in z, vale la [ ] 1 d m 1 Res(f;z ) = lim (m 1)! z z dz m 1 ((z z ) m f(z)). (2.28) Il residuo all Sia f una funzione olomorfa il cui dominio D(f) contenga almeno l esterno di un disco (tipicamente D(f) = C\Λ, Λ essendo costituito da un numero finito di singolarità isolate di f). Il cambiamento di variabile z = 1 w trasforma f nella funzione f(w) := f(1/w), che ha una singolarità isolata in. Si costruisce quindi la funzione g(w) := 1 w f( 1 2 w ) e si definisce Definizione 2.8 (Residuo all ) Nelle condizioni precedenti, si chiama residuo di f all il numero complesso ( ) Res(f; ) := Res g(w);w =, dove g(w) := 1 w 2f(1 ). (2.29) w Si può pensare che oltre alle singolarità in C una funzione complessa f abbia sempre una potenziale singolarità (eventualmente eliminabile) anche nel punto. L interesse di questo punto di vista sta nel seguente teorema, che rende possibile il calcolo dell integrale di f lungo un circuito Γ sommando i contributi delle singolarità di f che cadono al di fuori di Γ: tra queste deve sempre essere incluso. Teorema 2.9 (Variante della formula dei residui) Sia f olomorfa in C salvo un insieme Λ di punti isolati e sia Γ un circuito semplice, percorso in senso antiorario e non passante per alcuna delle singolarità di Λ. Se ẑ 1,ẑ 2,...,ẑ n sono le singolarità di Λ che cadono al di fuori di A Γ, allora Γ ( f(z)dz = 2πi Res(f; )+ n ) Res(f;ẑ j ) (2.3) Corollario 2.1 (La somma di tutti i residui è nulla) Sia f olomorfa in C salvo un insieme di singolarità isolate Λ = {z 1,z 2,,z n }. Allora la somma di tutti i residui contando anche quello all è nulla Res(f, )+ n Res(f;z k ) =. (2.31) k=1 Osservazione Come si può tentare di prevedere se il residuo all è nullo? Supponiamo che f sia asintotica ad una potenza 1 z m per z : ad esempio, se f = P/Q è una funzione razionale avremo m = grado(q) grado(p). Se m 2 (quindi il grado di Q prevale su quello di P di almeno due unità, in particolare f tende a per z ) possiamo dire immediatamente che Res(f; ) =. Infatti, cambiando variabile f(1/w)w 2 w m 2 per w e w m 2 è una singolarità eliminabile se l esponente m 2 è nonnegativo.

8 2. ZERI, SINGOLARITÀ E RESIDUI 2-8 Il calcolo degli integrali su R Concludiamo con alcune formule utili per il calcolo degli integrali su R. Supporremo che f sia olomorfa in C salvo un insieme finito di singolarità isolate Λ disgiunto da R: porremo Λ + := { z Λ : Imz > } = { z + 1,,z+ n + }, Λ := { z Λ : Imz < } = { z 1,,z n }, (2.32) Teorema 2.11 Sia f come sopra tale che f(z) = O( z 2 ) per z. Allora f(x)dx = 2πi n + n Res(f;z + j ) = 2πi Res(f;z j ). (2.33) Si osservi come, grazie all ipotesi sull andamento asintotico di f per z, nel caso considerato dal Teorema 2.11 il residuo di f all è nullo. Teorema 2.12 (Lemma di Jordan) Sia f come sopra tale che lim z. Allora 2πi f(x)e iαx dx = 2πi n + n Res(f(z)e iαz ;z = z + j ) se α > ; (2.34) Res(f(z)e iαz ;z j ) se α <. Cosa succede se qualche singolarità case sull asse reale R? In tal caso gli integrali (2.33) e (2.34) non esistono. Si può però parlare di valor principale dell integrale, se almeno la singolarità è un polo semplice. Diamo la definizione Definizione 2.13 (Integrale nel senso del valor principale) Sia f : R \ Λ R R una funzione continua, con un numero finito di singolarità isolate che costituiscono l insieme Λ R = {x 1,x 2,...,x m }. Si dice che f è integrabile nel senso del valor principale se esiste il limite v.p. f(x) dx := lim f(x)dx, (2.35) R R,ε R ε,r dove m R ε,r := ( R,R)\ (x k ε,x k +ε). (2.36) k=1 Si può così dimostrare la seguente estensione del Lemma di Jordan:

9 2. ZERI, SINGOLARITÀ E RESIDUI 2-9 Teorema 2.14 (Lemma di Jordan) Sia f olomorfa in C tranne che in un insieme finito di singolarità isolate Λ con Λ + := { z Λ : Imz > } = { z + 1,,z+ n + }, Λ := { z Λ : Imz < } = { z1, },z n, Λ R :=Λ R = { (2.37) } x 1,x 2,,x m. Supponiamo che lim z e che le singolarità di Λ R siano poli semplici. Allora v.p. 2πi f(x)e iαx dx = 2πi n + n m Res(f(z)e iαz ;z = z + j )+πi Res(f(z)e iαz ;z = x k ) (α > ); k=1 m Res(f(z)e iαz ;z j ) πi Res(f(z)e iαz ;x k ) (α < ). k=1 (2.38) Approfondimenti In questa sezione conclusiva, riprendiamo con maggior profondità alcuni aspetti cui in precedenza abbiamo solo accennato. La formula di Cauchy e l analiticità delle funzioni olomorfe Il primo passo consiste nel dimostrare la formula di Cauchy a partire dal teorema di Cauchy. Teorema 2.15 (Formula di Cauchy) Sia f : D(f) C una funzione olomorfa nell aperto regolare D(f), sia Γ un circuito contenuto in D(f) e z A Γ. Allora il valore di f in z dipende dai valori di f su Γ tramite la seguente formula di Cauchy f(z ) = 1 2πi Γ f(z) z z dz. (2.39) Dimostrazione Grazie al teorema di Cauchy abbiamo che f(z) f(z) dz = dz, (2.4) Γ z z C ρ(z ) z z per ogni ρ > tale che C ρ(z ) A Γ. A questo punto scriviamo f(z) f(z) f(z ) dz = dz + C ρ(z ) z z C ρ(z ) z z = C ρ(z ) C ρ(z ) f(z) f(z ) z z dz +f(z ) f(z ) z z dz C ρ(z ) 1 z z dz (2.41) e l ultimo integrale vale esattamente 2πi (vedi l ultimo esercizio della precedente lezione). Ci siamo ricondotti a mostrare che f(z) f(z ) dz = (2.42) C ρ(z ) z z Poiché u è derivabile in z, il rapporto incrementale di u in z è sicuramente limitato in modulo da una costante M, se z è abbastanza vicino a z. Di conseguenza, applicando la (1.97) abbiamo f(z) f(z ) dz C ρ(z ) z z 2πρM, e questa disuguaglianza conclude la dimostrazione, essendo l integrale in (2.42) indipendente da ρ e potendosi scegliere ρ arbitrariamente piccolo. Vediamo subito qualche conseguenza di questa formula; la prima non ne è che la riscrittura nel caso in cui Γ è un cerchio e z il suo centro.

10 2. ZERI, SINGOLARITÀ E RESIDUI 2-1 Corollario 2.16 (Teorema della media) Sia f olomorfa in D(f) e B R (z ) D(f). Allora f(z ) = 1 2π f(z +Re it )dt. (2.43) 2π La seconda conseguenza, ancor più importante, è che se f è olomorfa nell aperto D(f), allora essa è derivabile un numero arbitrario di volte, le sue derivate si possono calcolare con un formula analoga alla (2.39) e la serie di Taylor associata alle sue derivate in un punto z converge a f in ogni disco B ρ(z ) contenuto in D(f). Corollario 2.17 (Analiticità delle funzioni olomorfe) Se f è olomorfa in D(f) allora f è di classe C in D(f) e per ogni disco B ρ(z ) contenuto in D(f) valgono le formule f (k) (z ) = 1 f(z) dz (2.44) k! 2πi C ρ(z ) (z z ) k+1 + k= f (k) (z ) (z z ) k z B ρ(z ). (2.45) k! Dimostrazione Non è limitativo supporre che z = (basta una traslazione). Dalla formula di Cauchy, si ottiene 1 f(ξ) 2πi C ρ() ξ z dξ. Se ora sviluppiamo la funzione z 1 ξ z in serie di potenze rispetto a z, tenendo fisso ξ, otteniamo 1 + ξ z = z k ξ k+1 k= rappresentazione che certo vale per tutti gli z interni al cerchio B ρ(), in quanto ξ sta sulla circonferenza. Otteniamo quindi 1 ( + f(ξ) zk ) 2πi C ρ() ξ k+1 dξ. k= Si tratta ora di verificare che si può scambiare l ordine tra l integrale e la serie: questo si può sicuramente fare se la serie converge uniformemente rispetto a ξ sulla circonferenza di integrazione. Per verificarlo, fissiamo z e applichiamo il criterio di Weierstrass, osservando che la funzione zk ξ C ρ() f(ξ) ξ k+1 è sicuramente limitata da z k max ρk+1 u. C ρ() Poichè la serie + z k max u = max ρk+1 u 1 C ρ() C ρ() ρ z k= converge, la convergenza è dunque uniforme rispetto a ξ, e si ottiene che è la tesi. + k= z k( 1 2πi C ρ() f(ξ) ) ξ k+1 dξ Dunque, dalla semplice richiesta di derivabilità in D(f) siamo passati alla analiticità, che fornisce informazioni preziosissime sulla struttura locale di u, che svilupperemo nella prossima lezione; inoltre dalla (2.45) seguono alcune importanti maggiorazioni delle derivate di u nel punto z, se sappiamo che u è olomorfa in un disco di centro z : Corollario 2.18 (Stime di Cauchy) Supponiamo che il disco chiuso B R (z ) sia contenuto nel dominio D(f) della funzione olomorfa f e sia M := max f(z) ; si ha allora z z =R u (k) (z ) k! M Rk. (2.46)

11 2. ZERI, SINGOLARITÀ E RESIDUI 2-11 Corollario 2.19 (Teorema di Liouville) Se una funzione f è olomorfa in tutto il piano complesso, essa è limitata se e solo se è costante. Dim.Bastaosservarechef èsviluppabileinseriedipotenzeattornoaelosviluppoharaggiodiconvergenzainfinito. La (2.46) mostra allora che tutti coefficienti a partire dal primo sono nulli, potendosi scegliere R arbitrariamente grande. A titolo di curiosità scientifica, come ultima conseguenza vediamo la dimostrazione del cosiddetto Teorema fondamentale dell algebra, il quale non è in realtà un teorema di algebra ma di analisi. La semplicità della dimostrazione può nascondere la profondità del risultato: naturalmente noi abbiamo ormai alle spalle un consistente bagaglio teorico, che finisce per rendere banali le conclusioni, ma queste vanno contemplate alla luce di tutto quanto si è costruito finora. Corollario 2.2 (Teorema fondamentale dell algebra) Ogni polinomio a coefficienti complessi non costante, ha almeno una radice in campo complesso. Dim. Supponiamo per assurdo che il polinomio P non abbia alcuna radice e sia di grado almeno uno; ne segue che la funzione z 1/P(z) è definita e olomorfa in tutto il piano complesso. D altra parte, avendo P grado almeno uno, ci si convince facilmente che lim P(z) = +, e quindi lim 1 z + z + P(z) =. Essendo continua in C ed infinitesima all infinito, la funzione 1/P è sicuramente limitata: per il precedente Teorema di Liouville, deduciamo che 1/P è costante, giungendo così ad una contraddizione. La funzione Γ di Eulero A titolo di esercizio, proviamo ad applicare alcuni dei risultati ottenuti allo studio della funzione Gamma di Eulero. Fissato il numero complesso z := x+iy C consideriamo l integrale Γ(z) := e t t z 1 dt (2.47) che, quando è convergente, definisce una funzione di z, chiamata appunto funzione Gamma. Osserviamo innanzitutto che, essendo t ],+ [ t z 1 = e (z 1)logt = e (x 1)logt e iylogt = t x 1 e iylogt per cui il modulo dell integrando è { e t t z 1 = e t t x 1 t x 1 per < t 1 e t t x 1 per t > 1. (2.48) Scomponiamo l integrale in due parti 1 Γ (z) := e t t z 1 dt, Γ (z) := e t t z 1 dt, Γ = Γ +Γ (2.49) 1 Γ risulta sempre ben definita, poiché il modulo dell integrando si annulla esponenzialmente all infinito, mentre Γ è convergente se x 1 > 1, cioè se la parte reale di z è maggiore di. Concludiamo quindi che l integrale (2.47) è ben definito per ogni z C con parte reale strettamente positiva. Passiamo a studiarne la regolarità: derivando formalmente rispetto al parametro z, si ottiene per Γ 1 Γ (z) = e t t z 1 logtdt (2.5) e, se x α > si ottiene per il modulo dell integrando la stima uniforme e t t z 1 logt t α 1 che è integrabile in (,1); poiché la stima non dipende da z, concludiamo per il teorema di derivazione sotto il segno di integrale (che vale anche per la derivazione complessa!) che la funzione Γ è derivabile in senso complesso in ogni semipiano x α, con α > ; essendo α arbitrario, Γ è olomorfa nel semipiano Rez >. Con analoghi ragionamenti, considerando stavolta i semipiani x β, concludiamo che Γ è derivabile in senso complesso in ciascuno di tali semipiani, e quindi in tutto C. Concludiamo quindi che Γ definisce una funzione olomorfa nel semipiano dei numeri complessi con parte reale strettamente positiva.

12 2. ZERI, SINGOLARITÀ E RESIDUI 2-12 Esercizio Ripetere i medesimi ragionamenti, applicando però un teorema reale di derivazione sotto il segno di integrale (cioè per le derivate parziali rispetto ad x ed y); concludere comunque che Γ è olomorfa, verificando le condizioni di Cauchy-Riemann. Le derivate successive di Γ si calcolano allo stesso modo: ogni volta un ulteriore logaritmo nell integrale, che però non ne altera la sommabilità; in particolare Γ (z) = e t t z 1 logtdt, Γ (z) = e t t z 1 (logt) 2 dt. (2.51) Per comprendere l importanza di questa funzione, proviamo a calcolarla in z +1, integrando poi per parti; si ottiene: Γ(z +1) = e t t z dt = [ e t t z] t=+ + ( e t )zt z 1 dt t= = z e t t z 1 dt, poiché la parte finita è nulla. Deduciamo la fondamentale relazione funzionale Γ(z +1) = zγ(z) (2.52) e di conseguenza Γ(z +n) = (z +n 1)Γ(z +n 1) = (z +n 1)(z +n 2)Γ(z +n 2) =... = (z +n 1)(z +n 2)...(z +1)zΓ(z). Poiché Γ(1) = e t dt = 1 si conclude che, per ogni intero n N (2.53) Γ(n+1) = n(n 1)...1Γ(1) = n! (2.54) Osserviamo che si ritrova anche la formula (guardata sempre con un po di sospetto)! = Γ(1) = 1. La relazione (2.52) permette di estendere di estendere γ anche ai valori di z con parte reale negativa; difatti si può porre Γ(z +n) Γ(z) := (2.55) (z +n 1)(z +n 2)...(z +1)z purchè z non sia un intero negativo ed n sia sufficientemente grande per cui z + n abbia parte reale positiva. Osserviamo che, a priori, la definizione potrebbe dipendere da n, ma ciascuna delle funzioni così definite è olomorfa e coincide con l iniziale Γ(z) se Rez > ; per il principio del prolungamento analitico, esse devono coincidere dappertutto, e quindi non vi è alcuna ambiguità. Adesso non si può resistere alla tentazione di calcolare Γ(1/2). Cominciamo a riscrivere l integrale (2.47) con la sostituzione t := s 2 ; si ottiene Γ(z) = 2 e s2 s 2z 1 ds (2.56) per cui Γ(1/2) = 2 e s2 ds. (2.57) Vediamo come dall espressione (2.56) seguono varie relazioni interessanti. Partiamo dal prodotto Γ(z)Γ(w): posto Γ(z) = 2 e u2 u 2z 1 du, Γ(w) = 2 e v2 v 2w 1 dv, si ha per il teorema di Fubini Γ(z)Γ(w) = 4 e (u2 +v 2) u 2z 1 v 2w 1 dudv (2.58) da cui, passando in coordinate polari, u = ρcosθ,v = ρsinθ π/2 Γ(z)Γ(w) = 4 dρ 2(z+w) 1 e ρ2 (cosθ) 2z 1 (sinθ) 2w 1 dθ π/2 = Γ(z +w)2 (cosθ) 2z 1 (sinθ) 2w 1 dθ. (2.59)

13 2. ZERI, SINGOLARITÀ E RESIDUI 2-13 Ricapitolando Γ(z)Γ(w) π/2 Γ(z +w) = 2 (cosθ) 2z 1 (sinθ) 2w 1 dθ. (2.6) In particolare scegliendo z = w = 1/2 si trova la notevole formula Γ(1/2) = e s2 ds = π. (2.61) Calcoliamo ora Γ(z)Γ(1 z), < x < 1; dalla (2.6) si ha π/2 Γ(z)Γ(1 z) = 2 (cosθ) 2z 1 (sinθ) 2(1 z) 1 dθ π/2 = 2 (cosθ) 2z 1 (sinθ) 1 2z dθ π/2 = 2 (tanθ) 1 2z dθ (tanθ = ξ) ξ 1 2z = 2 1+ξ 2 dξ (ξ2 = η) η z = 1+η dη. che ora calcoliamo con metodo complesso. A z fissato, scegliamo ovviamente la branca della funzione (2.62) η η z come e z logη (2.63) con l argomento del logaritmo in ],2π[ e taglio lungo il semiasse dei reali positivi. Con ragionamenti usuali otteniamo (1 e 2πzi η z ( η z ) ) dη = 2πiRes ;η = 1 = 2πie iπ(z 1) (2.64) 1+η 1+η Finalmente Γ(z)Γ(1 z) = π sinπz. (2.65) Benché i calcoli appena svolti valgano solo se la parte reale di z è strettamente compresa tra e 1, ancora una volta il principio della continuazione analitica ci dice che la (2.65) vale non appena entrambi i membri siano definiti, cioè quando z non è intero (reale). Inoltre, la relazione precedente ci dice che Γ(z) non si annulla mai e ci permette anche di classificare le singolarità di γ nei punti z := n, n = 1,2,... Sostituendo z con z, otteniamo infatti la relazione π Γ( z) = Γ(1+z)sinπz. (2.66) Quando z tende ad un intero n, Γ(1 + z) tende a n!, mentre sinπz ha uno zero semplice, essendo la derivata uguale a πcos(πn) = π( 1) n. Di conseguenza, il secondo membro della (2.66) ha un polo semplice, il cui residuo è Res(Γ; n) = ( 1)n. (2.67) n! Passiamo finalmente a studiare il comportamento della funzione Γ per z = x reale positivo. Osserviamo innanzitutto che, grazie alla (2.51), Γ è una funzione convessa; essendo analitica e poiché Γ(1) = Γ(2) = 1, essa avrà un unico minimo nell intervallo ]1,2[, e già sappiamo che lim x +Γ(x) = +, Γ(x) 1, quando x tende a. (2.68) x La formula di Stirling Indirizziamo ora la nostra attenzione per caratterizzare l andamento di Γ quando x + ; come conseguenza otterremo la preziosissima formula di Stirling per il fattoriale n! e n n n ( n ) n 2πn = 2πn. (2.69) e Ovviamente la difficoltà sta nel rinormalizzare l integrale (2.47), per poi passare al limite grazie ai teoremi di Beppo Levi e di Lebesgue. Ci viene in aiuto lo studio della funzione integranda (consideriamo subito Γ(x + 1) anziché Γ(x)) t e t t x (2.7) la cui derivata rispetto a t è e t t x +xe t t x 1 = e t t x 1 (x t); (2.71)

14 2. ZERI, SINGOLARITÀ E RESIDUI 2-14 deduciamo che la funzione (2.7) ha un massimo assoluto per t = x, dove vale e x x x, che quindi scivola all infinito quando x +. Una buona idea è allora quella di ricentrare la funzione, con la traslazione t := x+s, che fornisce ( ) x+s x Γ(x+1) = e (x+s) (x+s) x ds = e x x x e s ds x x x (2.72) = e x x x e s+xlog(1+s/x) ds. x A questo punto quardiamo come si comporta asintoticamente l esponente di e per x + s+xlog(1+s/x) = s+x(s/x) x(s 2 /2x 2 )+o(1/x 2 ) = s 2 /2x+o(1/x 2 ); ci si può quindi aspettare che l integrale si comporti come e s2 /2x ds x che ancora diverge; per rinormalizzarlo, basa allora fare la sostituzione s := xt, ottenendo per la (2.72) e s+xlog(1+s/x) ds = x x e xt+xlog(1+t/ x) dt. x Ritornando allo sviluppo dell esponente, si trova ora t x+xlog(1+t/ x) = t 2 /2+o(1/ x), da cui congetturiamo che lim x + e xt+xlog(1+t/ x) dt = e t2 /2 dt = 2π. (2.73) x Se quest ultima formula è vera, la (2.69) risulta dimostrata; si tratta cioè di giustificare il passaggio al limite sotto il segno di integrale della (2.73). Spezzando in due l integrale, come e xt+xlog(1+t/ x) dt + e xt+xlog(1+t/ x) χ[ x,] (t)dt si vede con un po di pazienza, che il primo integrando decresce con x, ed è perciò maggiorato uniformemente (scegliendo x = 1) da e t+log(1+t) = (1 + t)e t che è integrabile su [, + [. Applicando il teorema della convergenza dominata di Lebesgue, possiamo così giustificare il primo passaggio al limite. Per quanto riguarda il secondo integrando sull intervallo ],], si può controllare che esso cresce con x, e si può così applicare il teorema di convergenza monotona, trattandosi di funzioni non negative. Concludiamo che Γ(x + 1) (x/e) x 2πx. (2.74)

Capitolo 1 ANALISI COMPLESSA

Capitolo 1 ANALISI COMPLESSA Capitolo 1 ANALISI COMPLESSA 1 1.4 Serie in campo complesso 1.4.1 Serie di potenze Una serie di potenze è una serie del tipo a k (z z 0 ) k. Per le serie di potenze in campo complesso valgono teoremi analoghi

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI Abbiamo studiato successioni e serie numeriche, ora vogliamo studiare successioni e serie di funzioni. Dato un insieme A R, chiamiamo successione di funzioni

Dettagli

1 Serie di Taylor di una funzione

1 Serie di Taylor di una funzione Analisi Matematica 2 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 7 SERIE E POLINOMI DI TAYLOR Serie di Taylor di una funzione. Definizione di serie di Taylor Sia f(x) una funzione definita

Dettagli

Cenni di Analisi Complessa

Cenni di Analisi Complessa c by Paolo Caressa. NB: Questo testo può essere riprodotto anche parzialmente e distribuito purché non a fini di lucro, e l autore non si assume nessuna responsabilità relativa all utilizzo del materiale

Dettagli

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari Serie numeriche Definizioni e proprietà elementari Sia { } una successione, definita per ogni numero naturale n n. Per ogni n n, consideriamo la somma s n degli elementi della successione di posto d s

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

I appello - 24 Marzo 2006

I appello - 24 Marzo 2006 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Energetica e Gestionale A.A.2005/2006 I appello - 24 Marzo 2006 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. I.) Studiare la convergenza puntuale,

Dettagli

Dipendenza dai dati iniziali

Dipendenza dai dati iniziali Dipendenza dai dati iniziali Dopo aver studiato il problema dell esistenza e unicità delle soluzioni dei problemi di Cauchy, il passo successivo è vedere come le traiettorie di queste ultime dipendono

Dettagli

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Università degli Studi di Trento Via Sommarive - Povo (TRENTO) Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata,

Dettagli

Analisi Complessa. Prova intermedia del 7 novembre 2002 - Soluzioni. (z 11 1) 11 1 = 0.

Analisi Complessa. Prova intermedia del 7 novembre 2002 - Soluzioni. (z 11 1) 11 1 = 0. Analisi Complessa Prova intermedia del 7 novembre 2002 - Soluzioni Esercizio. Si consideri l equazione z 0. Quante soluzioni distinte esistono in C? Quante di esse sono contenute all interno del disco

Dettagli

IL CALCOLO VETTORIALE (SUPPLEMENTO AL LIBRO)

IL CALCOLO VETTORIALE (SUPPLEMENTO AL LIBRO) IL CALCOLO VETTORIALE SUPPLEMENTO AL LIBRO CLAUDIO BONANNO Contents. Campi di vettori e operatori 2. Il lavoro di un campo di vettori 5 2.. Lavoro e campi conservativi 6 2.2. Lavoro e campi irrotazionali:

Dettagli

I appello - 26 Gennaio 2007

I appello - 26 Gennaio 2007 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Informatica e delle Telecom. A.A.006/007 I appello - 6 Gennaio 007 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. (N.B. il quesito teorico è obbligatorio)

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Equazioni differenziali ordinarie Denis Nardin January 2, 2010 1 Equazioni differenziali In questa sezione considereremo le proprietà delle soluzioni del problema di Cauchy. Da adesso in poi (PC) indicherà

Dettagli

f(x) = 1 x. Il dominio di questa funzione è il sottoinsieme proprio di R dato da

f(x) = 1 x. Il dominio di questa funzione è il sottoinsieme proprio di R dato da Data una funzione reale f di variabile reale x, definita su un sottoinsieme proprio D f di R (con questo voglio dire che il dominio di f è un sottoinsieme di R che non coincide con tutto R), ci si chiede

Dettagli

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di Esercizi svolti. Si consideri la funzione f() 4. a) Verificare che la funzione F() 4 + arcsin è una primitiva di f() sull intervallo (, ). b) Verificare che la funzione G() 4 + arcsin π è la primitiva

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

SERIE NUMERICHE. prof. Antonio Greco 6-11-2013

SERIE NUMERICHE. prof. Antonio Greco 6-11-2013 SERIE NUMERICHE prof. Antonio Greco 6--203 Indice Motivazioni........... 3 Definizione........... 3 Errore tipico........... 3 Un osservazione utile...... 3 Condizione necessaria...... 4 Serie armonica.........

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla ESERCITAZIONI DI ANALISI FOGLIO FOGLIO FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI Marco Pezzulla gennaio 05 FOGLIO. Determinare il dominio e il segno della funzione ( ) f(x) arccos x x + π/3.

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k

u 1 u k che rappresenta formalmente la somma degli infiniti numeri (14.1), ordinati al crescere del loro indice. I numeri u k Capitolo 4 Serie numeriche 4. Serie convergenti, divergenti, indeterminate Data una successione di numeri reali si chiama serie ad essa relativa il simbolo u +... + u +... u, u 2,..., u,..., (4.) oppure

Dettagli

Insiemi di livello e limiti in più variabili

Insiemi di livello e limiti in più variabili Insiemi di livello e iti in più variabili Insiemi di livello Si consideri una funzione f : A R, con A R n. Un modo per poter studiare il comportamento di una funzione in più variabili potrebbe essere quello

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

5. La teoria astratta della misura.

5. La teoria astratta della misura. 5. La teoria astratta della misura. 5.1. σ-algebre. 5.1.1. σ-algebre e loro proprietà. Sia Ω un insieme non vuoto. Indichiamo con P(Ω la famiglia di tutti i sottoinsiemi di Ω. Inoltre, per ogni insieme

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

Analisi complessa EDOARDO SERNESI

Analisi complessa EDOARDO SERNESI Analisi complessa EDOARDO SERNESI Contents 1 Funzioni analitiche 3 1.1 Funzioni olomorfe...................... 3 1.2 Serie formali......................... 5 1.3 Serie convergenti......................

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

7 - Esercitazione sulle derivate

7 - Esercitazione sulle derivate 7 - Esercitazione sulle derivate Luigi Starace gennaio 0 Indice Dimostrare il teorema 5.5.3.a................................................b............................................... Dimostrazioni.a

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6 EQUAZIONI DIFFERENZIALI.. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x log t (d) x = e t x log x (e) y = y 5y+6 (f) y = ty +t t +y (g) y = y (h) xy = y (i) y y y = 0 (j) x = x (k)

Dettagli

Quesiti di Analisi Matematica A

Quesiti di Analisi Matematica A Quesiti di Analisi Matematica A Presentiamo una raccolta di quesiti per la preparazione alla prova orale del modulo di Analisi Matematica A. Per una buona preparazione é consigliabile rispondere ad alta

Dettagli

0 ) = lim. derivata destra di f in x 0. Analogamente, diremo che la funzione f è derivabile da sinistra in x 0 se esiste finito il limite

0 ) = lim. derivata destra di f in x 0. Analogamente, diremo che la funzione f è derivabile da sinistra in x 0 se esiste finito il limite Questo breve file è dedicato alle questioni di derivabilità di funzioni reali di variabile reale. Particolare attenzione viene posta alla classificazione dei punti di non derivabilità delle funzioni definite

Dettagli

7. Trasformata di Laplace

7. Trasformata di Laplace 7. Trasformata di Laplace Pierre-Simon de Laplace (1749-1827) Trasformata di Fourier e segnali causali In questa lezione ci occuperemo principalmente di segnali causali: Definizione 7.1 (Segnali causali)

Dettagli

Matematica generale CTF

Matematica generale CTF Successioni numeriche 19 agosto 2015 Definizione di successione Monotonìa e limitatezza Forme indeterminate Successioni infinitesime Comportamento asintotico Criterio del rapporto per le successioni Definizione

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8. Cognome:... Nome:... Matricola:...

Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8. Cognome:... Nome:... Matricola:... Prova parziale di Geometria e Topologia I - 5 mag 2008 (U1-03, 13:30 16:30) 1/8 Cognome:................ Nome:................ Matricola:................ (Dare una dimostrazione esauriente di tutte le

Dettagli

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3

3.1 Successioni. R Definizione (Successione numerica) E Esempio 3.1 CAPITOLO 3 CAPITOLO 3 Successioni e serie 3. Successioni Un caso particolare di applicazione da un insieme numerico ad un altro insieme numerico è quello delle successioni, che risultano essere definite nell insieme

Dettagli

Studio di una funzione ad una variabile

Studio di una funzione ad una variabile Studio di una funzione ad una variabile Lo studio di una funzione ad una variabile ha come scopo ultimo quello di pervenire a un grafico della funzione assegnata. Questo grafico non dovrà essere preciso

Dettagli

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2.

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2. FUNZIONI DI DUE VARIABILI 1 DOMINIO E LIMITI Domini e disequazioni in due variabili. Insiemi di livello. Elementi di topologia (insiemi aperti, chiusi, limitati, convessi, connessi per archi; punti di

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Successioni e serie numeriche Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Capitolo 2. Operazione di limite

Capitolo 2. Operazione di limite Capitolo 2 Operazione di ite In questo capitolo vogliamo occuparci dell operazione di ite, strumento indispensabile per scoprire molte proprietà delle funzioni. D ora in avanti riguarderemo i domini A

Dettagli

Vademecum studio funzione

Vademecum studio funzione Vademecum studio funzione Campo di Esistenza di una funzione o dominio: Studiare una funzione significa determinare gli elementi caratteristici che ci permettono di disegnarne il grafico, a partire dalla

Dettagli

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive.

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Lezione 6 Prerequisiti: L'insieme dei numeri interi. Lezione 5. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Questa è la prima lezione dedicata all'anello

Dettagli

Intorni Fissato un punto sull' asse reale, si definisce intorno del punto, un intervallo aperto contenente e tutto contenuto in

Intorni Fissato un punto sull' asse reale, si definisce intorno del punto, un intervallo aperto contenente e tutto contenuto in Intorni Fissato un punto sull' asse reale, si definisce intorno del punto, un intervallo aperto contenente e tutto contenuto in Solitamente si fa riferimento ad intorni simmetrici =, + + Definizione: dato

Dettagli

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione:

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: Verso l'esame di Stato Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: y ln 5 6 7 8 9 0 Rappresenta il campo di esistenza determinato

Dettagli

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 1. Il dominio della funzione f(x) = log (x2 + 1)(4 x 2 ) (x 2 2x + 1) è: (a) ( 2, 2) (b) ( 2, 1) (1, 2) (c) (, 2) (2, + ) (d) [ 2, 1) (1, 2] (e) R \{1} 2. La funzione f : R R

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica 1 Massimi e minimi delle funzioni di più variabili Indice 1 Massimi e minimi liberi 1 Massimi e minimi vincolati 7 3 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi (Criterio del rapporto.) Consideriamo la serie a (.) a termini positivi (ossia a > 0, =, 2,...). Supponiamo che esista il seguente ite a +

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Francesco Bottacin Padova, 24 febbraio 2012 Capitolo 1 Algebra Lineare 1.1 Spazi e sottospazi vettoriali Esercizio 1.1. Sia U il sottospazio di R 4 generato dai

Dettagli

Le derivate versione 4

Le derivate versione 4 Le derivate versione 4 Roberto Boggiani 2 luglio 2003 Riciami di geometria analitica Dalla geometria analitica sulla retta sappiamo ce dati due punti del piano A(x, y ) e B(x 2, y 2 ) con x x 2 la retta

Dettagli

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013 Corso di laurea in Ingegneria Industriale Corso di Analisi Matematica I (A-E) (Prof. A.Villani) Elenco delle dimostrazioni che possono essere richieste

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2014

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2014 SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 01 1. Determiniamo l espressione analitica di g() dividendo il suo dominio in intervalli. La circonferenza di diametro AO ha equazione (+) + = + + = 0

Dettagli

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI 31 CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI INTRODUZIONE L'obbiettivo di questo capitolo è quello di presentare in modo sintetico ma completo, la teoria della stabilità

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

x 2 + y2 4 = 1 x = cos(t), y = 2 sin(t), t [0, 2π] Al crescere di t l ellisse viene percorsa in senso antiorario.

x 2 + y2 4 = 1 x = cos(t), y = 2 sin(t), t [0, 2π] Al crescere di t l ellisse viene percorsa in senso antiorario. Le soluzioni del foglio 2. Esercizio Calcolare il lavoro compiuto dal campo vettoriale F = (y + 3x, 2y x) per far compiere ad una particella un giro dell ellisse 4x 2 + y 2 = 4 in senso orario... Soluzione.

Dettagli

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE

LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE LE FIBRE DI UNA APPLICAZIONE LINEARE Sia f:a B una funzione tra due insiemi. Se y appartiene all immagine di f si chiama fibra di f sopra y l insieme f -1 y) ossia l insieme di tutte le controimmagini

Dettagli

CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE. lim a n = 0. (1) s n+1 = s n + a n+1. (2) CRITERI PER LE SERIE A TERMINI NON NEGATIVI

CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE. lim a n = 0. (1) s n+1 = s n + a n+1. (2) CRITERI PER LE SERIE A TERMINI NON NEGATIVI Il criterio più semplice è il seguente. CRITERI DI CONVERGENZA PER LE SERIE Teorema(condizione necessaria per la convergenza). Sia a 0, a 1, a 2,... una successione di numeri reali. Se la serie a k è convergente,

Dettagli

3 GRAFICI DI FUNZIONI

3 GRAFICI DI FUNZIONI 3 GRAFICI DI FUNZIONI Particolari sottoinsiemi di R che noi studieremo sono i grafici di funzioni. Il grafico di una funzione f (se non è specificato il dominio di definizione) è dato da {(x, y) : x dom

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

Anno 4 Grafico di funzione

Anno 4 Grafico di funzione Anno 4 Grafico di funzione Introduzione In questa lezione impareremo a disegnare il grafico di una funzione reale. Per fare ciò è necessario studiare alcune caratteristiche salienti della funzione che

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Catene di Misura. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Catene di Misura Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale

Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale Mauro Saita 1 Per commenti o segnalazioni di errori scrivere, per favore, a: maurosaita@tiscalinet.it Dicembre 2014 Indice 1 Qualè il grafico

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Università di Trieste Facoltà d Ingegneria. Esercitazioni per la preparazione della prova scritta di Matematica 3 Dott.

Università di Trieste Facoltà d Ingegneria. Esercitazioni per la preparazione della prova scritta di Matematica 3 Dott. Università di Trieste Facoltà d Ingegneria. Esercitazioni per la preparazione della prova scritta di Matematica 3 Dott. Franco Obersnel Lezione 19: campi vettoriali e formule di Gauss-Green nel piano.

Dettagli

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0.

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0. Numeri Complessi. Siano z = + i e z 2 = i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 2. Siano z = 2 5 + i 2 e z 2 = 5 2 2i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 3. Ricordando che, se z è un numero complesso,

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1.

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1. EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti 1. Determinare la soluzione dell equazione differenziale (x 2 + 1)y + y 2 =. y + x tan y = 2. Risolvere il problema di Cauchy y() = 1 2 π. 3. Risolvere il problema

Dettagli

Trasformate di Laplace

Trasformate di Laplace TdL 1 TdL 2 Trasformate di Laplace La trasformata di Laplace e un OPERATORE funzionale Importanza dei modelli dinamici Risolvere equazioni differenziali (lineari a coefficienti costanti) Tempo t Dominio

Dettagli

Successioni e serie di funzioni

Successioni e serie di funzioni Successioni e serie di funzioni A. Albanese, A. Leaci, D. Pallara In questa dispensa generalizzeremo la trattazione delle successioni e delle serie al caso in cui i termini delle stesse siano non numeri

Dettagli

Esercizi di riepilogo Matematica II Corso di Laurea in Ottica ed Optometria

Esercizi di riepilogo Matematica II Corso di Laurea in Ottica ed Optometria Esercizi di riepilogo Matematica II Corso di Laurea in Ottica ed Optometria Esercizio 1 Testo Sia F F 1 x,y),f x,y)) ) x 1 x y + 1 x, y 1 x y + 1 y un campo vettoriale. 1. Si determini il dominio in cui

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

La curva grafico della funzione, partendo dal punto A(a,f(a)), si snoda con continuità, senza interruzioni, fino ad approdare nel punto B(b,f(b)).

La curva grafico della funzione, partendo dal punto A(a,f(a)), si snoda con continuità, senza interruzioni, fino ad approdare nel punto B(b,f(b)). Calcolo differenziale Il teorema di Rolle TEOREMA DI ROLLE Ipotesi f continua su [a, b] f derivabile per lo meno su (a,b) f(a) = f(b) Tesi Esiste almeno un punto c in (a, b) tale che Giustificazione con

Dettagli

Analisi Matematica 3 appunti

Analisi Matematica 3 appunti Corso di Laurea in Statistica Matematica e trattamento Informatico dei Dati Analisi Matematica 3 appunti Francesca Astengo Università di Genova, A.A. 20/202 Indice Capitolo. Serie numeriche. Brevi richiami

Dettagli

Funzioni. Parte prima. Daniele Serra

Funzioni. Parte prima. Daniele Serra Funzioni Parte prima Daniele Serra Nota: questi appunti non sostituiscono in alcun modo le lezioni del prof. Favilli, né alcun libro di testo. Sono piuttosto da intendersi a integrazione di entrambi. 1

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I Andrea Corli e Alessia Ascanelli gennaio 9 Indice Introduzione iii Nozioni preliminari. Fattoriali e binomiali..................................... Progressioni..........................................

Dettagli

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE

CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE CONCETTO DI LIMITE DI UNA FUNZIONE REALE Il limite di una funzione è uno dei concetti fondamentali dell'analisi matematica. Tramite questo concetto viene formalizzata la nozione di funzione continua e

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

ed é dato, per P (t) una qualsiasi parametrizzazione di cui sopra, da

ed é dato, per P (t) una qualsiasi parametrizzazione di cui sopra, da 1 Integrali su una curva regolare Sia C R N una curva regolare, ossia: (1) C é l immagine di una funzione P (t) definita in un intervallo [a, b] (qui preso chiuso e limitato), tipicamente chiuso e limitato,

Dettagli

Una ricetta per il calcolo dell asintoto obliquo. Se f(x) è asintotica a mx+q allora abbiamo f(x) mx q = o(1), da cui (dividendo per x) + o(1), m =

Una ricetta per il calcolo dell asintoto obliquo. Se f(x) è asintotica a mx+q allora abbiamo f(x) mx q = o(1), da cui (dividendo per x) + o(1), m = Una ricetta per il calcolo dell asintoto obliquo Se f() è asintotica a m+q allora abbiamo f() m q = o(1), da cui (dividendo per ) m = f() q + 1 f() o(1) = + o(1), mentre q = f() m = o(1). Dunque si ha

Dettagli

Corrispondenze e funzioni

Corrispondenze e funzioni Corrispondenze e funzioni L attività fondamentale della mente umana consiste nello stabilire corrispondenze e relazioni tra oggetti; è anche per questo motivo che il concetto di corrispondenza è uno dei

Dettagli