x (m) -1-2 m 4 01 m 2 m 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "x (m) -1-2 m 4 01 m 2 m 1"

Transcript

1 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica ) Lo spostaento nel tepo di una certa particella che si uoe lungo l asse x è ostrato in figura. Troare la elocità edia negli interalli di tepo: a) da a s b) da a 4 s c) da a 5 s d) da a 5 s Troare la elocità istantanea della particella ai seguenti istanti: e) t.5 s f) t s g) t 3 s h) t 4.5 s a) la elocità edia nell interallo di tepo da a s è s 4 4 t t x x t x i f i f b) la elocità edia nell interallo di tepo da a 4 s è s 4 t t x x t x i f i f c) la elocità edia nell interallo di tepo da a 5 s è s 5 4 t t x x t x i f i f d) la elocità edia nell interallo di tepo da a 5 s è s 5 t t x x t x i f i f La elocità istantanea ha coe significato geoetrico quello di pendenza della retta tangente alla cura x(t) nel punto considerato. La cura che rappresenta x(t) è fatta di segenti di retta, quindi in ogni punto di questi segenti di retta, la retta tangente coincide con la retta stessa. Quindi per ciascuno di questi segenti la elocità istantanea coincide con la elocità edia: t (s) x ()

2 e) ( t.5) f) ( t ) oppure ( ) x( ) x x 4 4/s t ( t ) g) ( t 3) x t x x t (.5) x( ).5 x ( ) x( ) ( 4) x(.5) - 4 4/s.5 4 4/s x x - + /s t h) ( t 4.5) ( 5) x( 4) x x + t 5 4 /sec

3 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica ) La posizione di una particella in oto lungo l asse x aria nel tepo secondo l espressione x + 8t - t doe x è in e t in s. Troare: a) la sua elocità iniziale; b) la sua accelerazione; c) lo spostaento della particella nei prii 3 sec del oto; d) la posizione in cui la particella si arresta oentaneaente; e) la sua elocità edia nei prii 3 s di oto. Dal seplice confronto dell espressione della posizione della particella x + 8t - t con l espressione generale della posizione x(t) + ricaiao la posizione iniziale della particella: x la elocità iniziale della particella: 8 /s l accelerazione della particella: a -4 /s x + t at () Calcoliao dappria la posizione della particella all istante t 3 s, sostituendo il alore del tepo nella eq. (): x (t3) A questo punto conoscendo già il alore della posizione x all istante t, possiao rispondere alla doanda c) x (t3) x (t) 8 6 Se la particella si arresta oentaneaente in quell istante t la sua elocità è nulla. Dalla espressione generale della elocità possiao ricaare l istante di tepo t in cui la particella si arresta (t) + a t + a t t a sostituendo i alori nuerici si ha 8 t s (-4) allora la posizione al tepo t s è: x (t) Alternatiaente sareo potuti arriare allo stesso risultato utilizzando la seguente espressione: - + a (x-x ) sostituendo i alori nuerici si ha - a (x-x ) x x a 64 x (-4) x x a

4 e) la elocità edia della particella nei suoi prii tre secondi è data da x 3 6 /s t 3 Alternatiaente si potea procedere nel seguente odo 3 [ + ( t 3) ] [ 8 + ( 8 + ( 4) )] /s

5 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica 3) Una particella A passa al tepo t dall origine con elocità costante A > ; un altra particella T, distante d da A, si uoe con elocità costante T < A. A quale istante di tepo e in quale punto x e la particella A sorpassa la particella T? x A A T T x d Le particelle A e T si uoono di oto rettilineo unifore. Scegliendo l origine del sistea di riferiento nel punto in cui si troa la particella A areo x A e x T d. Le leggi orarie saranno quindi x A (t) xa + At x (t) x + t d T A T T + Affinché la particella A possa sorpassare la particella T, ci dorà essere un certo istante di tepo t * per cui x A (t * ) x T (t * ). Areo quindi: t T t * ( A T ) t d * * At d + Tt * d t A T Sostituendo quindi questo alore in x A (t) otterreo il punto in cui la particella A sorpassa la particella T A x A d A T (Paradosso di Zenone; A Achille; T Tartaruga)

6 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica 4) Aete frenato la ostra auto dalla elocità di 85 k/h fino alla elocità di 45 k/h su una distanza di 5. a) Supponendo l accelerazione costante durante tutta la frenata, quanto è l accelerazione della acchina? b) In quanto tepo aiene la frenata? c) Se continuate a frenare con la stessa accelerazione, in quanto tepo la acchina si fera? d) Quanta strada percorre? a) Consideriao positia la direzione della elocità e scegliao l origine in odo che all inizio della frenata sia x. Al tepo t la elocità iniziale è 85 k/h 3.6 /s entre al tepo t (incognito) 45 k/h.5 /s e lo spostaento ale 5. Dall equazione: ricaiao l accelerazione ( x ) a x a ( x x ) / s b) Il tepo in cui aiene la frenata si ricaa dall equazione: - a ( t) + at t 5.8 s c) Conoscendo l accelerazione, dobbiao calcolare il tepo t necessario a passare dalla elocità iniziale 85 k/h alla elocità finale in cui la acchina si fera. d) La distanza totale percorsa è uguale a + at t - a x ( t) t + at x 46.3 s

7 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica 5) La elocità di una particella in funzione del tepo è ostrata in figura. A t la particella è in x. a) Tracciare il grafico dell accelerazione in funzione del tepo. b) Deterinare l accelerazione edia della particella nell interallo di tepo da t s a t 4s. c) Deterinare l accelerazione istantanea della particella a t s. (/s) t (s) -3 a) Essendo il grafico della elocità in funzione del tepo costituito da segenti rettilinei, per ciascuno di questi l accelerazione istantanea coincide con quella edia () () 3 t < sec a 3/s t (3) () t < 3sec a t 3 (4) (3) t < 4sec a t 4-3 a (/s ) 3/s /s 3 a t (s) -3

8 b) L accelerazione edia nell interallo di tepo s t 4s è pari, per definizione, a: (4) () a t 4-3 /s c) Per quanto detto al punto a), essendo l istante t s contenuto nel secondo interallo, l accelerazione istantanea a() 3/s

9 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica 6) Una particella si uoe lungo l asse x con una accelerazione che è proporzionale al tepo, secondo l espressione a 3t, doe a è in /s. Inizialente la particella è in quiete nell origine. Troare: a) la elocità istantanea b) la posizione istantanea in funzione del tepo. a) Dai dati del problea sappiao che all istante t, x e. Dalla definizione di accelerazione istantanea: d a 3t d 3tdt dt A questo punto la elocità istantanea si ottiene integrando l ultia espressione: (t) 3tdt + C doe C è una costante di integrazione. Eseguendo l integrale definito si ha: t (t) 3 + C () Iponendo la condizione iniziale () nella () si ede che C e quindi (t) 5t b) Procedendo in odo analogo, ricordiao la definizione cineatica di elocità istantanea: dx dt 5t Integrando quest ultia espressione si ottiene: dx 5t dt x(t) 5t dt + A doe A è una costante di integrazione. Eseguendo l integrale definito: 3 t x(t) 5 + A () 3 Iponendo la condizione iniziale x() nella () si ede che A e quindi x(t) 5t 3

10 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica 7) All istante in cui il seaforo dienta erde un autoobile parte con un accelerazione costante a.8 /s. Nello stesso istante un caion uoendosi con una elocità costante C 9 /s, raggiunge e sorpassa l autoobile: a) a quanti etri dal punto di partenza l autoobile sorpasserà il caion? b) a che elocità starà iaggiando in quell istante? (è utile tracciare un grafico qualitatio di x in funzione di t per ciascun eicolo) L autoobile fera nell origine all istante t fa un oto uniforeente accelerato rappresentato dall equazione: x A ( t) at.8t.9t Il grafico di x in funzione di t è una parabola con il ertice nell origine. Il oto del caion è inece rettilineo unifore, rappresentato dall equazione: x ( t) t t C C 9 ed il suo grafico è una retta passante per l origine degli assi. x() t(s) a) Nell istante in cui l autoobile sorpassa il caion i due alori della x deono coincidere: at C at C t Questa equazione algebrica di secondo grado spuria ha due radici: C 9 t t s a.8 t

11 La pria corrisponde all istante in cui il caion sorpassa l autoobile al seaforo; la seconda è la soluzione cercata. L autoobile sorpasserà il caion nella posizione x A ( t ) at.8 9 Oiaente all istante t la posizione del caion è la stessa dell autoobile ( t ) t 9 xc C 9 b) la elocità dell autoobile è espressa dalla forula: all istante t essa ha il alore doppio del alore della elocità del caion. ( t) at. t A 8 ( t ) at.8 8 s A /

12 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica 8) Una pietra è lasciata cadere in acqua da un ponte alto 44 sull acqua. Un altra pietra è gettata erticalente dopo un secondo dalla partenza della pria. Le pietre colpiscono l acqua allo stesso istante. a) Qual è la elocità iniziale della seconda pietra? b) Portare in un grafico lo spazio in funzione del tepo per le due pietre, ponendo t nell istante in cui la pria pietra è abbandonata. Scegliao coe sistea di riferiento l asse y riolto erso l alto, con l origine posto al confine acqua/ponte. I dati del problea sono:, y() y t R s L equazione del oto per la caduta libera è y ( t) y + t gt acqua per quanto riguarda la pria pietra l equazione del oto dienta: y ( t) y gt per la seconda pietra, che parte in ritardo di s rispetto la pria, la legge oraria è: y ( t) y + ( t t ) g( t ), R t R La pria pietra colpisce l acqua all istante t A, per il quale dee erificarsi che y (t A ). Possiao ricaare quindi t A : y y gta ta g a) Per calcolare la elocità iniziale della seconda pietra, possiao sfruttare la condizione data dal problea: le pietre colpiscono l acqua allo stesso istante. Quindi dee alere y (t A ). Da questa condizione possiao ricaare, : ( t t ) g( t t ) y ( t t ) g( t ) +, A R A t R g( t A tr ) y 9.8 (.997 ) 44 A R A R y,. 3, ( t A tr ) (.997 ) 3s

13 b) Notiao che all istante t R s, in cui parte la seconda pietra, la pria pietra ha elocità y() 44 -gt -9.8/s Inoltre all istante t A 3s, areo che: (t A ) -9.4 /s (t A ) (3-)-3.9/s 3 t(s)

14 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica 9) Un treno partito da fero, si uoe con accelerazione costante. A un certo istante iaggia a 9 /s e dopo 48 etri iaggia a 5 /s. Calcolare: a) l accelerazione; b) il tepo che ipiega a percorrere i 48 etri; c) il tepo richiesto per raggiungere la elocità di 9 /s; d) la distanza tra il punto di partenza e quello il cui il treno ha raggiunto una elocità di 9 /s. Il treno si uoe di oto uniforeente accelerato. a) dall equazione x x, ( x ) a x ricaiao l accelerazione x x, 5 9 a.5 / s ( x x ) 48 b) dall equazione x x, + at ricaiao il tepo ipiegato a percorrere i 48 t x a x, 5 9 4s.5 c) dall equazione x, x + ricaiao il tepo richiesto per raggiungere la elocità di 9 /s at t t 6s d) posto l origine del nostro sistea di riferiento nel punto di partenza del treno, la distanza cercata si ottiene dalla seguente equazione x x ( t) at at.5 6 ( t) 7

15 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica ) Il acchinista di un treno che sta iaggiando con elocità ede a una distanza d sul suo stesso binario un altro treno che si sta uoendo nella sua stessa direzione con una elocità più bassa. Egli frena iediataente e dà al suo treno una decelerazione costante -a. Diostrare che ( ) se d > non ci sarà scontro a ( ) se d < aerrà uno scontro a d Le leggi orarie dei due treni sono x( t) x, + t at x t x + ( ) t, Scelgo un sistea di riferiento con l origine nella posizione del prio treno cosicché: x, x, d Le leggi orarie dientano quindi x( t) t at x t d + ( ) t Se si ha scontro dee esistere un istante di tepo t S tale che x (t S )x (t S ): ts ats d + ts ats ( )ts + d t ( ) ± ( ) Si hanno soluzioni reali (cioè c è scontro) solo se l argoento della radice quadrata è aggiore di zero, cioè: a ( ) ad > ( ) > ad ad d < ( ) a

16 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica Gettys pag. 5 n 3-35 ) Il oto di un elocista durante una corsa può essere approssiato con un accelerazione costante di odulo 3.7 /s. Posto t in corrispondenza dell inizio della corsa, si deterini il tepo ipiegato dal corridore a percorrere: a) 5 ; b). a 3.7 /s l x 5 x x a) t? x b) t? La legge oraria che descrie il oto del corridore è quella del oto uniforeente accelerato e cioè: x x + t + at che, essendo in questo caso la posizione iniziale x e la elocità iniziale nulla ( ), si riduce alla: x at da cui: x t a e quindi x t a Applicandola nei due casi, si ottiene: x a) t 5. 64s a 3.7 x b) t. 3s a 3.7

17 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica Gettys pag. 5 n 3-37 ) Un autoobile si troa 8 oltre l ingresso di un ristorante e iaggia alla elocità di 6 /s quando il guidatore schiaccia il freno. La elocità del eicolo diinuisce con un accelerazione costante di odulo.3 /s. Quanto tepo dopo l inizio della frenata l autoobile sarà 65 oltre l ingresso? x 8 6 /s a a -.3 /s x x x 65 Il oto dell autoobile è uniforeente decelerato e quindi la legge oraria è: t? x x + t + at doe x è lo spazio iniziale percorso dall autoobile, x è lo spazio percorso nel tepo cercato, è la elocità dell autoobile pria di iniziare la frenata ed a è la decelerazione (quindi di segno opposto alla elocità), quindi: da cui: t.3 t.5 t 6 t +47 b 4ac (- 6) 4 (.5)(47) 39.8 e si ottengono: t, 6 ± t 4. s t 9.7 s la seconda soluzione è ateaticaente possibile, a fisicaente non significatia. Corrisponderebbe infatti al passaggio dell autoobile per il punto x 65 con elocità uguale in odulo, a diretta in erso opposto.

18 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica Gettys pag. 5 n 3-3) Un elocista corre i piani in s. Si approssii il oto ipotizzando un accelerazione costante per gli altri 85. Si deterinino: a) la sua elocità; b) il tepo ipiegato per percorrere i prii 5 ; c) il tepo necessario per percorrere gli altri 85 ; d) il odulo dell accelerazione per i prii 5. AB A C B AC 5 CB 85 t AB s C B a) C? b) t AC? c) t CB? A t AC t CB t d) a? Il oto del elocista è uniforeente accelerato nel tratto AC e unifore nel tratto CB. Indichiao con C la elocità raggiunta nel punto C, elocità che si antiene costante lungo tutto il tratto CB. Poiché il elocista parte da fero, tale elocità è sepliceente: C a t AC Il tepo ipiegato a percorrere il tratto CB è sepliceente t CB s - t AC. Le equazioni per il oto uniforeente accelerato nel tratto AC e il oto rettilineo unifore nel tratto CB sono quindi: 5 a t AC at AC t AC C t AC 85 C ( t AC )

19 Sostituendo i alori nuerici dati nella traccia si ottiene il seguente sistea di due equazioni in due incognite: ( t ) 85 C AC 3 t C AC 85 C 3 t C AC C t AC 85 3 C 3 t C AC 5 C 3 t C AC C.5 / s 3 t AC. 6s.5 L interallo di tepo t CB è sepliceente tcb t AC 7. 4s Il odulo dell accelerazione si ricaa dalla C a AC cioè: C a 4.4 / s AC

20 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica 4) Un autoobile che si uoe con accelerazione costante percorre una distanza di 5 (tra i punti A e B) in 6 s. La sua elocità quando arria in B è B 5 /s: a) qual è la sua accelerazione? b) quale era la sua elocità in A? c) a che distanza da A era partita? C A B x C x A x B x Il oto è uniforeente accelerato. Valgono quindi le relazioni: ( t) + at x( t) x + t + at a( x x) o Scegliao coe istante iniziale t quello in cui l autoobile parte da x A con elocità A incognita. La elocità iniziale A è legata alla elocità finale B (nota e pari a 5 /s), all accelerazione a (incognita) e al tepo t (noto e pari a 6s) dall equazione B A + at A B at 5 6a L equazione che lega x B, x A, A, a e t è quindi: x x t at B A + A + In questa equazione non conosciao né a né A, entre sono noti x B - x A 5 e il tepo t 6s. Se sostituiao l espressione ricaata sopra per A, otteniao un equazione nella sola incognita a: xb xa At + at ( B at) t + at 5 (5 - a 6) 6 + a a + 8a 8 a 4 a / s. / s 9 b) Ricaiao adesso A : A B at 5 6a / s 9 c) La distanza percorsa partendo da fera (dal punto C indicato in figura) pria di arriare in A può essere ottenuto alla relazione: a( x x ) A C A ( xa xc ). 63 a A C

21 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica Moto del proiettile 5) Diostrare che per angoli di tiro superiori o inferiori a 45 della stessa quantità θ le gittate sono uguali. y θ θ 45 + θ 45 - θ La funzione che indiidua la gittata G (θ) in funzione dell angolo di tiro iniziale è: G( θ ) sin θ g 45 x Applicando questa al caso in cui l angolo di tiro sia 45 + θ e anche 45 - θ si ricaa: G (45 + θ ) sin g G (45 θ ) sin g g θ [ (45 + θ )] sin(9 + ) g θ [ (45 θ )] sin(9 ) Per le proprietà della funzione sin, si ha che: sin (9 + θ) sin (9 - θ) cos θ B θ θ A HÔA 9 - θ O H HÔB 9 + θ Allora le due espressioni precedenti sono uguali, cioè G (45 + θ) G (45 - θ).

22 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica Moto del proiettile 6) Calcolare l angolo di tiro a cui l altezza assia raggiunta dal proiettile è uguale alla gittata. L altezza assia raggiunta è data dalla: y ax sin θ g entre la gittata è data da: G( θ ) quindi la condizione che dee essere soddisfatta sarà: sin θ g sin θ sin θ g g da cui, seplificando, si ottiene: sin θ sinθ cosθ sin θ 4 sinθ cosθ sinθ 4 cosθ tgθ 4 θ arctg 4 76

23 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica 7) Un fucile con elocità di bocca 5 /s spara un proiettile in un piccolo bersaglio distante 5. A quale altezza al di sopra del bersaglio dee essere puntato il fucile per poter colpire il bersaglio? l 5 l 5 /s θ y y? Il fucile si dee solleare di un altezza y uguale alla distanza erticale di cui cade il proiettile nel tepo che ipiega a percorrere i 5, cioè: sostituendo i alori y xtgθ g x θ cos 9.8 y 5 tg (5). 49 (5) cos La distanza di cui si dee solleare la canna del fucile è quindi di circa 4.9 c sopra il centro del bersaglio.

24 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica 8) Un pallone di football lanciato su un capo piano percorre una distanza orizzontale di 7 pria di toccare terra. Il punto di lancio è a.5 di altezza e l angolo di proiezione è di 6. Qual è il odulo della elocità iniziale della palla? Gettys pag.7 n 4.5 y OA 7 y.5 θ 6 θ? y O A x L equazione che rappresenta la traiettoria seguita dal pallone nella sua caduta è: y y + xtgθ g x cos θ doe y è la quota iniziale a cui si troa il pallone, θ è l angolo di inclinazione iniziale e è il odulo della elocità iniziale. Il punto A di arrio ha coordinate x A 7 e y A per cui dienta: da cui si può ricaare : e, sostituendo i rispettii alori y A y + x Atgθ gx A g cos x θ cos θ ( y + x tgθ ) A A 9.8 (7) 83. cos (6 )( tg6 ).84 (6.374) 4.46 / s si ottiene: 4.46 / s 5.5 / s

25 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica 9) La elocità iniziale di una palla di cannone è /s. Se è sparata erso un bersaglio che ha una distanza orizzontale di k dal cannone, troare: a) i due angoli di tiro per cui il bersaglio errà colpito; b) il tepo totale di olo per ciascuna delle due traiettorie troate in a). (Si assua g /s ). Serway l k /s θ θ θ? l θ? a) Essendo la gittata G pari a: G sin θ g iponendo in questo caso che essa sia pari proprio alla distanza in orizzontale l dal bersaglio, si ottiene che: gl sin θ ().5 e quindi: da cui: θ arcsin (.5) θ 3 θ 8 3 5

26 (questo perchè il sin assue lo stesso alore sia per θ che per il suo suppleentare cioè per 8 - θ) e quindi: θ 5 θ 75 b) Il tepo totale di olo per ognuna delle due traiettorie, indiiduate dai due diersi angoli iniziali θ e θ, si ricaa dalla: x t cosθ per cui, sostituendo i rispettii alori, si ha: x t. 35s cosθ cos5 x t s cosθ cos75

27 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica ) Un fucile è puntato orizzontalente al centro di un largo bersaglio distante 5. La elocità iniziale della pallottola è 45 /s. a) Doe la pallottola colpisce il bersaglio? b) Per colpire il centro del bersaglio, la canna dee essere ad un certo angolo al di sopra della linea di punta. Troare l angolo di eleazione della canna. SERWAY a) La situazione in questo caso è quella rappresentata in figura: è la elocità iniziale della pallottola ed il fucile è diretto orizzontalente quindi l angolo iniziale è θ. l 5 l 45 /s y θ y? Per sapere in quale punto la pallottola colpisce il bersaglio (cioè la distanza y dal centro del bersaglio) si utilizza la forula che indiidua la traiettoria parabolica del proiettile. Infatti: y xtgθ g x cos θ sostituendo i alori relatii a questa situazione (x l 5; 45; θ ) si ottiene: 9.8 y 5 tg (5). 54 (45) cos Quindi il proiettile colpisce il bersaglio circa 54 c sotto il centro.

28 b) In questo caso, pur essendo la elocità iniziale sepre pari a, l angolo di inclinazione θ del fucile rispetto all orizzontale è dierso da zero. l 5 θ 45 /s l θ? L angolo di inclinazione θ dee essere calcolato in odo tale che il proiettile colpisca il centro del bersaglio. Questo significa che la gittata G dee essere pari proprio ad l, per cui: da cui sin θ G l g gl sin θ.7 (45) θ arcsin (.7).4 θ. (in linea di principio c è anche la soluzione θ 8 - arcsin (.7) e cioè: θ 89.8 ).

29 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica ) Un bobardiere, in picchiata ad un angolo di 53 con la erticale, lascia cadere una boba da un altezza di 7. La boba colpisce il suolo 5 s dopo il lancio. a) Qual è la elocità del bobardiere? b) Qual è lo spostaento orizzontale della boba durante il olo? c) Quali sono le coponenti orizzontali e erticali della elocità della boba un istante pria di toccare il suolo? y θ θ 53 h 7 h t 5 s? x In questo caso si ha che le coponenti orizzontale e erticale della elocità iniziale sono rispettiaente: a) La traiettoria descritta dalla boba è inece:,x sin θ,y - cos θ e quindi, in questo caso: y y +, y t gt y y cosθ t gt

30 (y rappresenta la quota da cui ha inizio il oto di caduta del grae, entre il segno - è douto al fatto che la coponente erticale della elocità è diretta erso il basso, cioè è concorde con l accelerazione di graità) da cui: y gt (5) 9.5 / s. cosθ t cos53 5 b) Lo spostaento orizzontale della boba è dato da: x,x t sin θ t 9.5 sin c) La coponente orizzontale della elocità è (in tutto il tragitto): x sin θ 9.5 sin (53 ) 53.7 /s La coponente erticale, nel punto di contatto della boba al suolo, è: y -,y - gt - cos θ - gt cos /s.

31 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica GETTYS Pag.73 N4.5 ) Una sciatrice salta dal trapolino con una elocità di 34 /s lungo l orizzontale (edi figura). Il terreno è a una distanza erticale di 4. al di sotto del punto di lancio ed il pendio fora un angolo di 5 con l orizzontale. Trascurando la resistenza dell aria, si deterini la distanza tra il punto di lancio ed il punto in cui la saltatrice tocca terra. y 34 /s OK 4. O x KÂH 5 K OA? 5 H A - 5 Il punto A è il punto di intersezione fra la retta che indiidua il pendio (retta AK) e la parabola che rappresenta la traiettoria di caduta della sciatrice. L equazione di una retta generica è: y x + q doe è il coefficiente angolare e q l intercetta con l asse y. La retta AK ha coefficiente angolare dato da: tg (- 5 ) L intercetta q con l asse delle y (cioè l ordinata con segno del punto K) è: q - 4. Quindi l equazione della retta che indiidua il pendio è: y pendio x - 4.

32 L equazione della parabola che rappresenta la traiettoria di caduta è: g y xtgα cos x α Nel caso specifico, essendo l angolo iniziale α e 34 /s, l equazione della traiettoria dienta: 9.8 y xtg x. 44x (34) cos Le ascisse dei punti di intersezione fra la retta (che rappresenta il pendio) e la parabola (che rappresenta la traiettoria di caduta) si ricaano risolendo il seguente sistea: y y pendio parabola.466x 4..44x da cui x x.44 x x - 4. b 4ac (-.466) 4 (.44)(- 4.).88 x,.466 ± Essendo due i punti di intersezione fra retta e parabola, si hanno le due soluzioni: x rappresenta un punto alle spalle della sciatrice (quindi non rappresenta la soluzione cercata); x 8 che è l ascissa del punto A. La distanza AH ale: inoltre quindi AH 8 HK AH tg (5 ) OH OK + KH Conoscendo le isure di OH e AH si può ricaare (teorea di Pitagora) la isura di OA: OA OH + AH

33 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica 3) Un uoo parte da fero dalla soità di un tetto lungo 8, inclinato di 37 rispetto all orizzontale, e scende con un accelerazione di 5 /s. Il bordo del tetto è a 6 di altezza dal suolo. Troare: a) le coponenti della elocità quando raggiunge il suolo; b) il tepo totale in cui riane in olo; c) la distanza d fra la casa ed il punto in cui atterra. Serway pag 84n 35 l θ i l 8 h 6 y h θ 37 a 5 /s x d f a) La elocità i dell uoo alla fine del tetto si ricaa dalla: a l doe è la elocità iniziale (nulla) ed l è lo spazio percorso. Sostituendo i alori nuerici si ricaa: da cui: a l /s / s Le coponenti della elocità i nelle due direzioni x e y, prese con segno, sono quindi: i,x cos θ 8.94 cos /s i,y - sin θ sin /s

34 La elocità alla fine del olo f arà coponente lungo l orizzontale f,x pari a quella iniziale i,x ( f,x i,x 7.4 /s) e coponente lungo le erticale f,y data dalla: f,y - i,y a y L accelerazione cui è soggetto l uoo è quella di graità a-g, cioè: e quindi da cui f,y - i,y a (y f - y i ) - g ( - h) f,y i,y + g h f, y i, y + gh / s (il segno negatio indica che il ettore elocità è diretto lungo l asse negatio delle y). b) Il tepo in cui l uoo riane in olo si ricaa dalla: che in questo caso dienta: da cui f,y i,y + at f,y - i,y - gt t f, y g i, y ( 5.38) s c) La distanza d fra la casa e il punto in cui l uoo tocca il suolo è data dal prodotto fra la coponente orizzontale iniziale della elocità e il tepo di olo, cioè: d i,x t

35 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica 4) Un capo agnetico esercita su una particella carica in oto una forza perpendicolare alla direzione del oto. Un elettrone in tale capo è soggetto ad una accelerazione di 3. x 4 /s. Qual è la sua elocità se il raggio della sua traiettoria è R.5? a 3. x 4 /s R.5 r a L elettrone è soggetto alla forza di Lorentz F L pari a: il cui odulo è: F L q B - e B F L e B Poiché il oto è su una circonferenza di raggio R, l accelerazione a cui è soggetto l elettrone è data da: La elocità dell elettrone sarà quindi: a R a R / s

36 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica 5) Nel odello di Bohr dell atoo di idrogeno un elettrone ruota intorno a un protone su un orbita circolare di raggio 5.8 x - con una elocità di.8 x 6 /s. Qual è l accelerazione dell elettrone dell atoo di idrogeno? + R 5.8 x -.8 x 6 /s R a c L accelerazione centripeta a c cui è soggetto l elettrone nella sua orbita intorno al protone del nucleo è: 6 (.8 ) a c 9 R 5.8 / s

37 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica 6) Di quale fattore dorebbe crescere la elocità di rotazione della terra perché per trattenere un corpo sulla terra all equatore fosse necessaria una accelerazione centripeta uguale a g? In effetti l accelerazione centripeta necessaria è soltanto 3 c/s. rot R a c 3 c/s 3 - /s L accelerazione centripeta della Terra è: allora a c sarà: (doe k è il fattore cercato). a' c ' R a c R rot ( k R rot rot ) 3 / s k R rot k a c Doendo essere allora k a c g a c g k g a c g 9.8 / s k a 3 / s c 8

38 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica 7) Un pilota ola da A a B erso est e torna indietro ad A. Egli tiene una elocità costante rispetto all aria, entre la elocità dell aria rispetto al suolo è u e la distanza tra A e B è l. Diostrare che: a) Se u (aria tranquilla), il tepo per fare questo giro è: b) Se l aria si uoe erso est (oppure oest), il tepo per il olo dienta: c) Se l aria si uoe erso nord (o sud) il tepo per il olo è: l t ' t N t u ' t E t u ' andata A l B ritorno elocità dell aereo u elocità aria u a) In questo caso u quindi AB BA l t AB e ' t BA l ' Il tepo totale di olo (andata e ritorno) è quindi: t l l t AB + tba + ' ' l ' b) In questo caso si dee tener conto anche della elocità dell aria u, che (supponendo sia diretta da A B) dà un contributo positio nella direzione A B e un contributo negatio nella direzione B A, quindi si ha:

39 A B (andata) + u u l t AB + ' B A (ritorno) - u u l t BA ' Quindi: ' ' ) ' )( ' ( ' ' ' ' u l u u u u l u l u l t t t BA AB E ' ' ' u t u l (lo stesso sarebbe se u fosse diretta da B A). c) Supponendo che u sia diretta da Sud a Nord, ed essendo la elocità dell aereo rispetto all aria, allora la elocità risultante sarà la soa delle due coponenti: + u Applicando il teorea di Pitagora (considerando quindi solo i oduli), si ha: + u e anche: - u quindi ' ' ' u u da cui: t N t AB + t BA t AB ' ' ' u t u l u A B

40 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica 8) Un uoo desidera attraersare un fiue largo 5. Egli rea con elocità (relatia all acqua) di 3 k/h, entre la elocità della corrente è. k/h. Se l uoo può cainare sulla ria a 5 k/h: a) troare il percorso che dee copiere (in barca e a piedi) per raggiungere il punto opposto a quello di partenza nel inore tepo possibile; b) Quanto tepo ci ipiega? A A AA 5 B 3 k/h y x θ B R c c. k/h p 5 k/h A Il ettore R della elocità risultante della barca è dato dalla soa ettoriale della elocità della barca B più la elocità della corrente c, cioè: R B + c Scoponendo nelle due direzioni (orizzontale x e erticale y) otteniao: R,x B sen θ + c () R,y B cos θ () Il tepo necessario per raggiungere il punto A a partire dal punto A è la soa di due terini, il tepo necessario per attraersare il fiue in barca (tratto AA ) ed il tepo per andare da A ad A a piedi, cioè: t AA t AA + t A A

41 Mentre la barca si uoe da A ad A lungo la retta AA con elocità R, essa si sposta erticalente di un tratto daa con elocità pari a R,y. Nello stesso tepo t AA si sposta orizzontalente di un tratto uguale ad A A. Quindi si ha: AA R,y t AA A A R,x t AA Essendo AA d e R,y B cos θ, dalla pria delle equazioni di sopra, si ha che: AA' t AA'' R, y B d cosθ Sostituendo questa nella seconda delle precedenti e tenendo conto della (), si ottiene la lunghezza del tratto A A : d A' A' ' R, x t AA' ' ( Bsenθ + c ) tgθ d + cosθ Il tepo ipiegato per copiere a piedi il tratto A A sarà quindi: B B c d cosθ t A" A' A' A' ' p tgθ d p + B c cosθ d p e quindi il tepo totale per raggiungere il punto A sarà: t AA' t AA'' + t A" A' B d d c + tgθ + cosθ cosθ p B d p tg θ d p + d B + c B d p cosθ tg θ + +. tgθ cosθ cosθ Ne è risultato che il tepo è una funzione dell angolo θ e precisaente: t AA ' f ( θ ).6 +. tgθ cosθ Il alore inio del tepo per percorrere il tratto A A A si ricaa annullando la deriata pria della funzione f(θ) e cioè: d dθ f da cui, annullando il nueratore, si ha: sinθ.6 sinθ +. θ ).6 +. cos θ cos θ cos θ (

42 sinθ e quindi θ arcsin(-.485) - 9 Sostituendo questo alore di θ nella funzione f(θ) che da il tepo ipiegato a raggiungere il punto opposto in funzione dell angolo θ, si ottiene: t AA ' f ( 9 ).6 +. tg( 9 ) h in cos( 9 )

43 Fisica (A.A. 4/5) Esercizi Meccanica Gettys pag 97 n ) Un uccello di assa 6 g si posa nel ezzo di una corda tesa. Si diostri che la tensione della corda è data da T g/( sinθ). Si deterini la tensione quando: b) θ 5 c) θ.5. Si aetta che le due età della corda siano rettilinee. θ Le forze che agiscono sul corpo sono le tensioni dei due fili T, e il peso P del corpo T T T T T T Scoponendo le tensioni dei fili lungo le due direzioni orizzontale x e erticale y si ottiene: T T sin θ T T cos θ Le coponenti orizzontali delle tensioni si annullano. Le coponenti erticali bilanciano la forza peso. T + T P P T P da cui T sin θ P T g sinθ che per i diersi angoli θ assue i seguenti alori: b) T ( θ 5 ). 46N sin 5 c) T ( θ.5 ) 4. 6N sin.5

LAVORO ED ENERGIA Corso di Fisica per Farmacia, Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2006

LAVORO ED ENERGIA Corso di Fisica per Farmacia, Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2006 LAVORO ED ENERGIA INTRODUZIONE L introduzione dei concetto di lavoro, energia cinetica ed energia potenziale ci perettono di affrontare i problei della dinaica in un odo nuovo In particolare enuncereo

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 2

1^A - Esercitazione recupero n 2 1^A - Esercitazione recupero n 2 1. Un cavo di nylon si coporta coe una olla di costante elastica 5,0 10 4 N /. Con questo cavo, trasciniao sul paviento una cassa di 280 kg a velocità costante. Il coefficiente

Dettagli

Calcolo della densità dell aria alle due temperature utilizzando l equazione dei gas:

Calcolo della densità dell aria alle due temperature utilizzando l equazione dei gas: Lezione XXIII - 0/04/00 ora 8:0-0:0 - Esercizi tiraggio e sorbona - Originale di Marco Sisto. Esercizio Si consideri un ipianto di riscaldaento a caino caratterizzato dai seguenti dati: T T Sezione ati

Dettagli

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1 CopitoTotale_2Feb_tutti_20.nb L Sia data una distribuzione di carica positiva, disposta su una seicirconferenza di raggio R con densità lineare di carica costante l. Deterinare : al l espressione del capo

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problema n. 1: Un corpo puntiforme di massa m = 2.5 kg pende verticalmente dal soffitto di una stanza essendo

Dettagli

DINAMICA. 1. La macchina di Atwood è composta da due masse m

DINAMICA. 1. La macchina di Atwood è composta da due masse m DINAMICA. La macchina di Atwood è composta da due masse m e m sospese verticalmente su di una puleggia liscia e di massa trascurabile. i calcolino: a. l accelerazione del sistema; b. la tensione della

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA A.A. 204/5 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Energia potenziale Problema 26 Una molla ha una costante elastica k uguale a 440 N/m. Di quanto

Dettagli

. Si determina quindi quale distanza viene percorsa lungo l asse y in questo intervallo di tempo: h = v 0y ( d

. Si determina quindi quale distanza viene percorsa lungo l asse y in questo intervallo di tempo: h = v 0y ( d Esercizio 1 Un automobile viaggia a velocità v 0 su una strada inclinata di un angolo θ rispetto alla superficie terrestre, e deve superare un burrone largo d (si veda la figura, in cui è indicato anche

Dettagli

I ESERCITAZIONE. Soluzione

I ESERCITAZIONE. Soluzione I ESERCITAZIONE 1. Moto rettilineo uniforme Un bagnino B è sulla spiaggia a distanza d B = 50 m dalla riva e deve soccorrere un bagnante H che è in acqua a d H = 100 m dalla riva. La distanza tra il punto

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica nei conduttori. La corrente elettrica Connettendo due conduttori a diverso potenziale si ha un oto di cariche fino a quando si raggiunge una condizione di uilibrio. Questo oto terina

Dettagli

FAM. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente

FAM. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente Serie 11: Meccanica IV FAM C. Ferrari Esercizio 1 Centro di massa: sistemi discreti Determina il centro di massa dei seguenti sistemi discreti. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente

Dettagli

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale Problema 1 Un corpo puntiforme di massa m = 1.0 kg viene lanciato lungo la superficie di un cuneo avente un inclinazione θ = 40 rispetto all orizzontale e altezza h = 80 cm. Il corpo viene lanciato dal

Dettagli

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f Esercizio 1 Un corpo puntiforme di massa m scivola lungo la pista liscia di raggio R partendo da fermo da un altezza h rispetto al fondo della pista come rappresentato in figura. Calcolare: a) Il valore

Dettagli

Misure elettriche circuiti a corrente continua

Misure elettriche circuiti a corrente continua Misure elettriche circuiti a corrente continua Legge di oh Dato un conduttore che connette i terinali di una sorgente di forza elettrootrice si osserva nel conduttore stesso un passaggio di corrente elettrica

Dettagli

Quinta Esercitazione di Fisica I 1 PROBLEMI RISOLTI

Quinta Esercitazione di Fisica I 1 PROBLEMI RISOLTI Quinta Esercitazione di Fisica I 1 PROBLEMI RISOLTI 1. Un' auto di massa pari a 900 kg si muove su un piano alla velocità di 0 m/s. Che forza occorre per fermarla in 30 metri? (A) 1800 N (B) 4500 N (C)

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

VA. Vettori applicati

VA. Vettori applicati VA. Vettori applicati I ettori, considerati da un punto di ista matematico, engono tutti riferiti all origine degli assi, in quanto si considerano equialenti tutti i segmenti orientati di uguale direzione,

Dettagli

... a) Lo spettro di un segnale SSB è costituito da... b) Un segnale SSB può essere ottenuto... in una... mediante un... centrato su...

... a) Lo spettro di un segnale SSB è costituito da... b) Un segnale SSB può essere ottenuto... in una... mediante un... centrato su... MODULAZIONE ANALOGICA UNITÀ VERIFICA Copleta: a) Per odulazione lineare si intende la... dello spettro del... intorno alla frequenza... b) La odulazione di apiezza consiste nel... del segnale portante...

Dettagli

Seminario didattico Ingegneria Elettronica. Lezione 5: Dinamica del punto materiale Energia

Seminario didattico Ingegneria Elettronica. Lezione 5: Dinamica del punto materiale Energia Seminario didattico Ingegneria Elettronica Lezione 5: Dinamica del punto materiale Energia 1 Esercizio n 1 Un blocco di massa m = 2 kg e dimensioni trascurabili, cade da un altezza h = 0.4 m rispetto all

Dettagli

Fig. 1. ove v è la velocità raggiunta dal punto alla quota h e g è l accelerazione di gravità:

Fig. 1. ove v è la velocità raggiunta dal punto alla quota h e g è l accelerazione di gravità: PECHE, DI DUE CICLISTI CHE PECOONO LA MEDESIMA DISCESA SENZA PEDALAE E CON BICICLETTE UGUALI, E PIU VELOCE QUELLO CHE PESA DI PIU, IN APPAENTE CONTADDIZIONE COL FATTO CHE L ACCELEAZIONE DI GAVITA E UGUALE

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore)

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore) L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Statica del Corpo Rigido Momento di una forza Unità 3 (4 ore) Condizione di equilibrio statico: leve

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

Centro di formazione professionale Don Bosco

Centro di formazione professionale Don Bosco Centro di forazione professionale Don Bosco Settore elettrico ELETTROTECNICA Eserciziario A.S. 204 205 CIRCUITI ELETTRICI, CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI e MACCHINE ELETTRICHE Fabio PANOZZO Indice Elettrostatica

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

Dai numeri naturali ai numeri reali

Dai numeri naturali ai numeri reali .1 Introduzione Dai nueri naturali ai nueri reali In questa unità didattica vogliao riprendere rapidaente le nostre conoscenze sugli insiei nuerici (N, Z e Q), e successivaente apliarle a coprendere i

Dettagli

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno Test d ingresso Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno 1) Un corpo si muove di moto rettilineo a velocità costante su un piano orizzontale che possiamo considerare privo d attrito. Rappresenta

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Lavoro, forza costante: W = F r Problema 1 Quanto lavoro viene compiuto dalla forza di

Dettagli

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x).

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x). Esame liceo Scientifico : ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMI Problema. Sia ABCD un quadrato di lato, P un punto di AB e γ la circonferenza

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S.

DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S. DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S. In questa dispensa verrà riportato lo svolgimento di alcuni esercizi inerenti la dinamica dei sistemi materiali, nei quali vengono discusse le caratteristiche

Dettagli

UNIVERSITA DEL SANNIO CORSO DI FISICA 1 ESERCIZI DINAMICA I

UNIVERSITA DEL SANNIO CORSO DI FISICA 1 ESERCIZI DINAMICA I UNIVERSITA DEL SANNIO CORSO DI FISICA 1 ESERCIZI DINAMICA I 1. La tensione alla quale una lenza si spezza è comunemente detta resistenza della lenza. Si vuole calcolare la resistenza minima T min che deve

Dettagli

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6).

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6). Macchine semplici Premessa Lo studio delle macchine semplici si può considerare come una fase propedeutica allo studio delle macchine composte, poiché il comportamento di molti degli organi che compongono

Dettagli

Equilibrio statico di un corpo esteso

Equilibrio statico di un corpo esteso Equilibrio statico di un corpo esteso Se una particella è in equilibrio statico, cioè se è ferma e resta ferma, la forza risultante che agisce su di essa deve essere nulla. Nel caso di un corpo esteso,

Dettagli

OP = OP(t) =x(t)^i+y(t)^j. : v =_s^t r ^n

OP = OP(t) =x(t)^i+y(t)^j. : v =_s^t r ^n MOTI PIANI Per moto piano si intende un moto la cui traiettoria e contenuta in un piano detto piano del moto. Se si sceglie un sistema di riferimento con due assi sul piano del moto, le equazioni del moto

Dettagli

I.12. Elementi di teoria dell urto

I.12. Elementi di teoria dell urto Corso di fisica generale a cura di Claudio Cereda rel. 5. 7 marzo 04 I.. Elementi di teoria dell urto Cos è un urto? L urto totalmente anelastico L urto elastico Il rallentamento dei neutroni Quesiti di

Dettagli

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1)

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1) 1 L Oscillatore armonico L oscillatore armonico è un interessante modello fisico che permette lo studio di fondamentali grandezze meccaniche sia da un punto di vista teorico che sperimentale. Le condizioni

Dettagli

Nome e Cognome. Nella copia da riconsegnare si scrivano solo il risultato numerico e la formula finale. Non riportare tutto il procedimento.

Nome e Cognome. Nella copia da riconsegnare si scrivano solo il risultato numerico e la formula finale. Non riportare tutto il procedimento. Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-Ambientali: Corso di Fisica AA 13/14 Test di ammissione all'orale di Fisica. Appello del 16 Marzo 2015 Nome e Cognome Nella copia da riconsegnare si scrivano

Dettagli

L ENERGIA. L energia. pag.1

L ENERGIA. L energia. pag.1 L ENERGIA Lavoro Energia Conservazione dell energia totale Energia cinetica e potenziale Conservazione dell energia meccanica Forze conservative e dissipative Potenza Rendimento di una macchina pag.1 Lavoro

Dettagli

Esercizi di Meccanica

Esercizi di Meccanica Esercizi di Meccanica Cinematica Svolti a lezione 1. Una ragazza A si muove da casa in bicicletta alla velocità costante di 36 km/h. Scrivere la legge del moto della ragazza e darne una rappresentazione

Dettagli

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l In tutti i problei si userà coe velocità del suono in aria il valore 340 /s (valido per una teperatura dell'aria di circa 18 C), salvo diversa indicazione. La propagazione ondosa La figura seguente ostra

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO IV FACOLTÀ Ingegneria Aerospaziale Fisica Sperimentale A+B - I Appello 16 Luglio 2007

POLITECNICO DI MILANO IV FACOLTÀ Ingegneria Aerospaziale Fisica Sperimentale A+B - I Appello 16 Luglio 2007 POLIECNICO DI ILNO IV FCOLÀ Ingegneria erospaziale Fisica Sperimenale + - I ppello 6 Luglio 007 Giusificare le rispose e scriere in modo chiaro e leggibile. Sosiuire i alori numerici solo alla fine, dopo

Dettagli

Lezione n.15. Doppi bipoli

Lezione n.15. Doppi bipoli Lezione 5 Doppi bipoli Lezione n.5 Doppi bipoli. Definizione di N-polo. Definizione di doppio-bipolo 3. Doppi-bipoli in regie stazionario (doppi-bipoli di resistenze 4. Problei di analisi 5. Problei di

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

Facoltà di Farmacia e Medicina - A.A. 2012-2013 12 giugno 2013 Scritto di Fisica (Compito A)

Facoltà di Farmacia e Medicina - A.A. 2012-2013 12 giugno 2013 Scritto di Fisica (Compito A) Facoltà di Farmacia e Medicina - A.A. 2012-2013 12 giugno 2013 Scritto di Fisica (Compito A) Corso di Laurea: Laurea Magistrale in FARMACIA Nome: Matricola Canale: Cognome: Aula: Docente: Riportare sul

Dettagli

TRASMISSIONE DELLA POTENZA

TRASMISSIONE DELLA POTENZA TRASMISSIOE DELLA POTEZA (Distillazione verticale) Conoscenza del principio di fnzionaento dei principali sistei di trasissione e trasforazione del oto. Sapere effettare calcoli si principali sistei di

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1

Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1 Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1 COMPITO A Un blocco di massa m 1 = 1, 5 kg si muove lungo una superficie orizzontale priva di attrito alla velocità v 1 = 8,2 m/s.

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

SCIENZE: Compiti delle vacanze Estate 2015

SCIENZE: Compiti delle vacanze Estate 2015 SCIEZE: Copiti delle vacanze Estate 2015 Classe I a Per agevolare lo svolgiento degli esercizi ho realizzato questa breve dispensa che, se ben utilizzata, ti peretterà di ripassare tutti gli argoenti svolti

Dettagli

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1)

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1) Esercizi sulle distribuzioni binoiale e poissoniana Esercizio n. Una coppia ha tre figli. Calcolare la probabilità che abbia non più di un aschio se la probabilità di avere un aschio od una feina è sepre

Dettagli

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Legge di Coulomb Esercizio 1. Durante la scarica a terra di un fulmine scorre una corrente di.5 10 4 A per

Dettagli

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA Simulazione 01/15 ANNO SCOLASTICO 01/15 PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA DELL ESAME DI STATO PER IL LICEO SCIENTIFICO Il candidato risolva uno dei due problemi Problema 1 Nella

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

Università di Modena e Reggio Emilia TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO - CLASSE A049 Matematica e fisica PROVA SCRITTA - 21 settembre 2012.

Università di Modena e Reggio Emilia TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO - CLASSE A049 Matematica e fisica PROVA SCRITTA - 21 settembre 2012. busta 1 QUESITI DI MATEMATICA 1. Nel piano euclideo dotato di un riferimento cartesiano ortogonale monometrico, sia Γ il luogo dei punti che soddisfano l'equazione X 2-2X = - 4Y -Y 2. 1.1 Stabilire che

Dettagli

M A C C H I N E A F L U I D O

M A C C H I N E A F L U I D O 1 M A C C I N E A F L U I D O MACCINA: è n sistea di organi fissi e obili vincolati gli ni agli altri da legai definiti cineaticaente e disposti in odo tale da copiere, ovendosi sotto l azione di forze

Dettagli

Il potenziale a distanza r da una carica puntiforme è dato da V = kq/r, quindi è sufficiente calcolare V sx dovuto alla carica a sinistra:

Il potenziale a distanza r da una carica puntiforme è dato da V = kq/r, quindi è sufficiente calcolare V sx dovuto alla carica a sinistra: 1. Esercizio Calcolare il potenziale elettrico nel punto A sull asse di simmetria della distribuzione di cariche in figura. Quanto lavoro bisogna spendere per portare una carica da 2 µc dall infinito al

Dettagli

Oscillazioni: il pendolo semplice

Oscillazioni: il pendolo semplice Oscillazioni: il pendolo semplice Consideriamo il pendolo semplice qui a fianco. La cordicella alla quale è appeso il corpo (puntiforme) di massa m si suppone inestensibile e di massa trascurabile. Per

Dettagli

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Angolo di risalita = 25 Altezza massima della salita = 25,87 m Altezza della salita nel tratto lineare (fino all ultimo pilone di metallo)

Dettagli

Meccanica del veicolo

Meccanica del veicolo Problema normale ruota ferma Superficie di contatto =0 G ruota usurata x pressione dg p da pressione pressione media G pm A 1 M G R Le forze attie tangenziali ed il carico si trasmettono fra ruota e rotaia

Dettagli

DINAMICA delle STRUTTURE. università Degli Studi di cagliari - facoltà di ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Civile percorso Strutture

DINAMICA delle STRUTTURE. università Degli Studi di cagliari - facoltà di ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Civile percorso Strutture università Degli Studi di cagliari - facoltà di ingegneria Laurea Magistrale in Ingegneria Civile percorso Strutture DINAMICA delle STRUTTURE Docente: Maria Cristina Porcu 1 EFFETTI DINAMICI DOVUTI AL

Dettagli

LAVORO ED ENERGIA. 9.11 10 31 kg = 1.2 m 106 s. v 2 f = v 2 i + 2as risolvendo, sostituendo i valori dati, si ha

LAVORO ED ENERGIA. 9.11 10 31 kg = 1.2 m 106 s. v 2 f = v 2 i + 2as risolvendo, sostituendo i valori dati, si ha LAVORO ED ENERGIA Esercizi svolti e discussi dal prof. Gianluigi Trivia (scritto con Lyx - www.lyx.org) 1. ENERGIA CINETICA Exercise 1. Determinare l'energia cinetica posseduta da un razzo, completo del

Dettagli

L ENERGIA 1. IL LAVORO. Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J = (1 N) (1 m);

L ENERGIA 1. IL LAVORO. Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J = (1 N) (1 m); 1 L ENERGIA holbox/shutterstock 1. IL LAVORO Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J (1 N) (1 m); inoltre, la formula (5) del capitolo «I princìpi della

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

UNI EN 12215 Impianti di verniciatura

UNI EN 12215 Impianti di verniciatura Dipartiento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Abienti di Lavoro UNI EN 12215 Ipianti di verniciatura Cabine di verniciatura per l applicazione prodotti vernicianti liquidi Requisiti di sicurezza

Dettagli

PERICOLOSITA SISMICA DI BASE INTRODUZIONE PROCEDURA DI CALCOLO La procedura di calcolo adoperata da RSL per la valutazione della funzione di trasferiento presuppone coe base di partenza uno o più accelerograi,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Meccanica Applicata alle Macchine

Meccanica Applicata alle Macchine Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine A cura di Andrea Bracci Marco Gabiccini Università di Pisa Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Nucleare e della Produzione Anno Accademico 008-009 Indice

Dettagli

CAPITOLO VII APPLICAZIONI DEI TRANSISTORI BIPOLARI A GIUNZIONE. (G. Lullo, S. Riva Sanseverino)

CAPITOLO VII APPLICAZIONI DEI TRANSISTORI BIPOLARI A GIUNZIONE. (G. Lullo, S. Riva Sanseverino) APOLO APPLAZON D RANSSOR POLAR A GUNZON (G. Lullo, S. Ria Sanseerino) n questo capitolo erranno esaminate, per i transistori bipolari a giunzione (ipolar Junction ransistors - J), sia le reti di polarizzazione

Dettagli

QUESITO n. 1. RISPOSTA B. QUESITO n. 2. RISPOSTA E. QUESITO n. 3. RISPOSTA B. QUESITO n. 4. RISPOSTA E

QUESITO n. 1. RISPOSTA B. QUESITO n. 2. RISPOSTA E. QUESITO n. 3. RISPOSTA B. QUESITO n. 4. RISPOSTA E QUESITO n. 1. RISPOSTA B Alcune alternative possono essere subito scartate poiché chiaramente irragionevoli: 50 mg (A) è decisamente troppo poco, mentre 500 g (D) o addirittura 5 kg (E) è senz altro troppo;

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

Le macchine come sistemi tecnici

Le macchine come sistemi tecnici Le macchine come sistemi tecnici L industrializzazione dell Europa e iniziata grazie alla comparsa di macchine capaci di trasformare energia termica in energia meccanica. Un motore a vapore e un esempio

Dettagli

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti Facoltà di Ingegneria - Polo di Rieti Corso di " Ipianti Tecnici per l'edilizia" Ipianti di Condizionaento: Ipianti a tutt'aria e isti Prof. Ing. Marco Roagna INTRODUZIONE Una volta noti i carichi sensibili

Dettagli

I. CONTROLLO E GESTIONE DEL SISTEMA

I. CONTROLLO E GESTIONE DEL SISTEMA - La presenza di cavi elettrici scaldanti interrati deve essere chiaraente segnalata (nora CEI 11-17) e una copia della geoetria di posa deve essere in possesso del responsabile della anutenzione dell

Dettagli

VERIFICA A ALUNNO. CLASSE I^. DATA...

VERIFICA A ALUNNO. CLASSE I^. DATA... VERIFICA A ALUNNO. CLASSE I^. DATA... N.B. SCHEMATIZZARE LA SITUAZIONE CON UN DISEGNO IN TUTTI GLI ESERCIZI INDICARE TUTTE LE FORMULE E TUTTE LE UNITA DI MISURA NEI CALCOLI 1-Quando spingi un libro di

Dettagli

Unità didattica 3. Il moto. Competenze. 1 Il moto è relativo. 2 La velocità scalare e la velocità vettoriale

Unità didattica 3. Il moto. Competenze. 1 Il moto è relativo. 2 La velocità scalare e la velocità vettoriale Unità didattica 3 Il moto Competenze Riconoscere e descrivere i principali tipi di moto. Definire la velocità scalare e vettoriale e l accelerazione scalare e vettoriale. Descrivere il moto rettilineo

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

2. L ENERGIA MECCANICA

2. L ENERGIA MECCANICA . L ENERGIA MECCANICA.1 Il concetto di forza La forza può essere definita come «azione reciproca tra corpi che ne altera lo stato di moto o li deforma: essa é caratterizzata da intensità direzione e verso».

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico Moto di una carica in un campo elettrico uniforme Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice se il campo elettrico è uniforme,

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: formazione.online@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 Sensate esperienze

Dettagli

Libro laboratorio I. Mappa concettuale

Libro laboratorio I. Mappa concettuale Libro laboratorio I Mappa concettuale Lavoro preparatorio per il laboratorio. Il diario di bordo Modello di relazione Relazione tra matematica e fisica Linearità, caso particolare Kx +b, x y =k, y/x 2

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Programma svolto durante l anno scolastico Classe: 3C Materia: FISICA Insegnante: Graziella Iori Testo utilizzato: Caforio, Ferilli - Fisica! Le regole del gioco -

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA 0. IL OETO D IERZIA GIRO DELLA ORTE ER U CORO CHE ROTOLA ell approfondimento «Giro della morte per un corpo che scivola» si esamina il comportamento di un punto materiale che supera il giro della morte

Dettagli

Esercizi sulla caduta libera - 2

Esercizi sulla caduta libera - 2 Esercizi sulla caduta libera - 1.5.1 In un cantiere una chiave inglese, lasciata cadere inavvertitamente, arriva al suolo alla velocità di 4m/s. (a) Da che altezza è caduta? (b) quanto tempo impiegato

Dettagli

GIOCHI DI ANACLETO. DOMANDE E RISPOSTE 28 Aprile. Associazione per l Insegnamento della Fisica. Materiale elaborato dal Gruppo:

GIOCHI DI ANACLETO. DOMANDE E RISPOSTE 28 Aprile. Associazione per l Insegnamento della Fisica. Materiale elaborato dal Gruppo: Associazione per l Insegnamento della Fisica GIOCHI DI ANACLETO 2006 DOMANDE E RISPOSTE 28 Aprile I. Ti viene proposto un questionario comprendente 25 quesiti ordinati in modo casuale rispetto all argomento

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 1 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEM 1 Si consideri la funzione reale

Dettagli

Fig. 10. 20 Cinghia piana, trapezia e dentata e relative pulegge

Fig. 10. 20 Cinghia piana, trapezia e dentata e relative pulegge 10-4 Trasmissioni con flessibili Le trasmissioni con elementi flessibili sono classificate in trasmissioni a cinghia (contatto di forza), a fune (contatto di forza), a catena (contatto di forma). Sono

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI SISTEMI IMPIANTISTICI E SICUREZZA REGIMI DI FUNZIONAMENTO DEI CIRCUITI ELETTRICI: CORRENTE CONTINUA

APPUNTI DEL CORSO DI SISTEMI IMPIANTISTICI E SICUREZZA REGIMI DI FUNZIONAMENTO DEI CIRCUITI ELETTRICI: CORRENTE CONTINUA APPUNTI DL CORSO DI SISTMI IMPIANTISTICI SICURZZA RGIMI DI FUNZIONAMNTO DI CIRCUITI LTTRICI: CORRNT CONTINUA SOLO ALCUNI SMPI DI ANALISI DI UN CIRCUITO LTTRICO FUNZIONANTI IN CORRNT CONTINUA APPUNTI DL

Dettagli

1. calcolare l accelerazione del sistema e stabilire se la ruota sale o scende [6 punti];

1. calcolare l accelerazione del sistema e stabilire se la ruota sale o scende [6 punti]; 1 Esercizio Una ruota di raggio R = 15 cm e di massa M = 8 Kg può rotolare senza strisciare lungo un piano inclinato di un angolo θ 2 = 30 0, ed è collegato tramite un filo inestensibile ad un blocco di

Dettagli

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013 Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013 Quesito 1 Due cubi A e B costruiti con lo stesso legno vengono trascinati sullo stesso pavimento.

Dettagli