LE POESIE DI FOLCHETTO DI MARSIGLIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE POESIE DI FOLCHETTO DI MARSIGLIA"

Transcript

1 LE POESIE DI FOLCHETTO DI MARSIGLIA Edizione critica a cura di Paolo Squillacioti Nuova edizione riveduta e aggiornata

2

3 Nota alla seconda edizione Questa versione approntata per il «Corpus des Troubadours» riproduce con alcuni interventi e note di aggiornamento quella del 1999, pubblicata con lo stesso titolo dall Editore Pacini di Pisa, nella collana «Biblioteca degli Studi Mediolatini e Volgari» (nuova serie, XVI) diretta da Valeria Bertolucci Pizzorusso. In particolare, il testo dei componimenti è stato adeguato a quello adottato nell editio minor, uscita nella «Biblioteca Medievale» dell editore Carocci (Squillacioti 2003) e a quello disponibile online in Rialto (www.rialto.unina.it/fqmars) e nelle due banche dati in CD-ROM, la COM 2 di Peter T. Ricketts (Concordance de l'occitan Médiéval, Turnhout, Brepols 2005) e TrobVers di Rocco Distilo (anche online all indirizzo cui rinvio per i dati bibliografici). Ripeto per comodità l elenco degli interventi (tra parentesi la forma sostituita): I 34 aflebit (afleblit), III 47 deia (deja); X 57 els (e ls); XI 6 alre no m ave (al re no m ave), 8 Per (per), 25 pel (pe l); XV 22 el (e l); XVII 30 qu el (qu e l); XVIII 44 el (e l); XXII 3 no m aguda (no m aguda), 16 no m ausi (no m ausi), 17 e l autor (e l autor); XXVI 3 que m essenha (que m essenha), 40 ni m engane (ni m engane); XXVII 100, 105, 128 el (e l). Le note di aggiornamento sono collocate alla fine di ciascun capitolo dello Studio introduttivo e dell edizione di alcuni componimenti, introdotte dall indicazione «Postilla 2009»; correggo invece senza alcun avviso refusi ed errori puntuali. La bibliografia è stata aggiornata e corretta; rinuncio invece ad adeguare le citazioni dei componimenti trobadorici alle edizioni uscite nel frattempo. Ho tenuto presente per questo aggiornamento le recensioni di Francesca Gambino nei CCM (Gambino 2001), Max Pfister nella ZrPh (Pfister 2002), di Marta Rovetta in CrTesto (Rovetta 2002), nonché le recensioni e le segnalazioni dell editio minor di Lorenzo Tomasin sul «Sole-24 ore» del 4 maggio 2003 (p. 30), di Walter Meliga nell «Indice dei libri del mese» del dicembre 2003 (p. 20), di Alberto Varvaro in MR, XXVIII (2004), p. 167, di Francisco J. Rodríguez Risquete in «Mot so razo», IV (2005), pp ; e soprattutto l articolo di Fabio Zinelli in Rom (Zinelli 2003), dedicato a entrambi i volumi. Un ringraziamento particolare, fra i molti amici e colleghi cui ho discusso in questi anni le questioni affrontate nel libro, va a Gabriele Giannini: gli devo la segnalazione di errori ora rimossi. Questa nuova edizione riveduta del libro è dedicata al piccolo Pietro, che ha rimesso a nuovo la mia vita. Paolo Squillacioti, dicembre 2009

4

5 Premessa Il nome di Folchetto di Marsiglia, trovatore provenzale attivo negli ultimi decenni del XII sec., è strettamente legato a quello del suo unico editore, il filologo polacco Stanislaw Stroński 1 : la nota biografica, che rende solo in parte 1 Nato a Nisk nad Sanem il 18 agosto 1882, avviò gli studi universitari a Leopoli per concluderli a Vienna, come allievo di Wilhelm Meyer-Lübke e Adolfo Mussafia; si perfezionò in séguito alla Sorbona dove sotto la guida di Antoine Thomas conseguì il dottorato nell aprile del 1906: la tesi, l edizione critica delle poesie del trovatore Elias de Barjols, venne pubblicata nello stesso anno. Nei mesi successivi produsse alcuni articoli nei quali grande spazio ha il vaglio delle fonti documentarie, operazione che darà i suoi frutti maggiori e a tutt oggi insuperati proprio nell edizione folchettiana; segnalo fra gli altri quelli più legati alla prima esperienza editoriale, Recherches historiques sur quelques protecteurs des troubadours. Les douze preux nommés dans le Cavalier soisseubut d Elias de Barjols, AdM, XVIII (1906), pp e Notes sur quelques troubadours et protecteurs des troubadours célébrés par Élias de Barjols, RLR, L (1907), pp Nel frattempo portò a compimento la sua opera maggiore, presentando all Università di Cracovia prima un Étude preliminare sul canzoniere folchettiano (marzo 1909), poi l edizione critica vera e propria (giugno 1910): il tutto confluì in un volume pubblicato nello stesso L edizione gli valse l incarico di docente di Lingue e letterature romanze presso la stessa Università di Cracovia; continuò a mantenere rapporti con la Francia dove pubblicò alcune note negli «Annales du Midi» fra il 1911 e il 1913 e l importante volume La légende amoureuse de Bertran de Born (Paris, Champion 1914). L unico lavoro scientifico in polacco di questo periodo a me noto è Wplyw Dantego w «Grobie Agamemnona» Slowackiego [L influsso di Dante ne «La tomba di Agamennone» di Slowacki], Leopoli L attività accademica venne interrotta allo scoppio della prima guerra mondiale, quando fu internato nella Stiria dalle autorità austriache: già da un anno era deputato alla Dieta galiziana, eletto nelle liste del filo-russo Partito Nazional-Democratico; l uscita della Russia dal conflitto nel 1917 coincise infatti con la fine della sua condizione detentiva: potè riprendere l insegnamento e ritornare all attività giornalistica esercitata sin dal Alle prime elezioni della Repubblica polacca, nel 1922, venne eletto deputato, mentre era direttore del giornale Rzeczypospolita [la Repubblica], cofondato con Paderewski nel 1920; nel 1924 fondò il giornale Warszawianka [la Varsaviana] di cui fu direttore fino al 1928; numerosi furono i periodici che fondò e diresse durante la sua vita. Dopo il colpo di stato del generale Pilsudski del maggio 1926, Stroński tornò all insegnamento che svolse all Università di Lublino dal 1927 al 1939, pur continuando l attività politica nelle file dell opposizione e come membro della L. N. Union. L invasione tedesca lo costrinse all espatrio, prima a Parigi poi a Londra, dove fu ministro dell informazione e della documentazione del governo polacco in esilio; testimonianza del suo ininterrotto ruolo pubblico sono i numerosi libri e opuscoli che dedicò in principal modo alla questione polacca. Né venne meno la sua attività di studioso, che sfociò in una serie di lavori nella sua lingua madre: Goethe i Polska (Londra 1950), Zamoyski i Zborowski (Londra 1951), Tristan i Iseut ( ), oltre alla Taylorian Lecture La poésie et la réalité aux temps des troubadours (Oxford, The Clarendon Press 1943). Nel 1951 fondò a Londra l Università polacca per stranieri dove insegnò le lingue romanze da sempre praticate; morì nella capitale inglese settantatreenne, il 30 ottobre (Ricavo le notizie da Antoni Jan Boguslawski, Stanislaw Stroński w 50-lecie pracy pisarskiej [S. S. per i 50 anni di lavoro da scrittore], Tunbridge Wells, Kent, Oficyna Poetów i Malarzy na Emigracji w Anglii 1954, oltre che dal ricordo di Mario Roques, pubblicato nella Chronique di Rom, LXXVI, 1955, p. 546, da The International Who s Who, London, Europa Publication LTD, s. d., p. 999, ed anche dalle premesse ai libri dello studioso e dalle recensioni agli stessi).

6 giustizia del ruolo dello studioso nella provenzalistica di inizio secolo e della sua attività pubblica, valga come preliminare tributo: altro si potrebbe aggiungere, soprattutto con riguardo ai molti pregi dell edizione di cui qui si propone una revisione e che perciò verrà talora radicalmente criticata; credo tuttavia che l entità e la qualità del debito contratto con il lavoro di Stroński emergano con evidenza dal frequente ricorso all enorme massa di dati e interpretazioni che vi si trovano: si può dire infatti che quasi ogni testo citato, ogni trovatore menzionato, ogni problema affrontato abbia ricevuto il massimo dell approfondimento possibile con gli strumenti dell epoca e non c è questione posta che non abbia trovato una risposta, un ipotesi di soluzione o una motivata rinuncia. Di qui giudizi autorevoli come quello di István Frank, che ne parla come di un edizione «considérée à juste titre comme un modèle et qui a fait époque», o di Martín de Riquer, che la definisce «una pieza bibliográfica fundamental para los estudios trovadorescos» 2 ; oppure di Aurelio Roncaglia, che arriva a dichiarare che «Les éditions de Folquet par Stroński (1910) e de Bernart de Ventadorn par Appel (1915) restent aujourd hui encore des modèles inégalés» 3. Tale valutazione retrospettiva si accorda solo in parte con le indicazioni dei recensori. Molto positive sono quelle di Henry J. Chaytor («M. Stroński has produced an excellent and most interesting edition of a most interesting troubadour»), di G. Huet («[le volume de M. S.] n est pas seulement une édition de texte mais [...], en étudiant sous toutes les faces l oeuvre d un troubadour célèbre, peut servir d introduction à l étude des troubadours en général») e di Joseph Anglade («n hésitons pas à féliciter chaudement le jeune savant étranger qui a consacré à un des noms intéressant de notre ancienne poésie provençale un monument aussi remarquable. Il y a là beaucoup de travail, beaucoup de méthode, beaucoup de connaissances et d ingéniosité»), appena sfiorata quest ultima da qualche nota critica: «Il y a là quelque abus: des différences purement graphiques ne sont intéressantes que pour des études de langue» 4. Così anche Edmund Stengel, che nel descrivere il contenuto sottolinea gli aspetti più rilevanti e innovativi dell edizione, segnalando al contempo alcune lacune, e in particolare il mancato utilizzo del ms. di Copenhagen (Kp) che lo stesso studioso aveva edito diplomaticamente già nel 1877; questa la conclusione: «Ich vermisse endlich eine Konkordanz der Liedernummern mit den Nummern in Bartschs Grundriß, sowie ein Verzeichnis der herangezogenen Literatur und der dafür gebrauchten Abkürzugen, will aber nicht mit so kleinen Ausstellungen schließen, sondern mit lebhaftem Danke für die schöne Gabe» 5. 2 Frank 1952, p. XXI, n. 32; Riquer 1975, I, p Au. Roncaglia, Rétrospectives et perspectives dans l étude des chansonniers d oc, in Atti Liège 1991, pp , a p Chaytor 1911, p. 553; G. Huet in MA, XXIV (1911), pp , a p. 221; Anglade 1913, pp Stengel 1911, col. 244.

7 Ugualmente consapevoli dell importanza del lavoro, ma più critici gli altri recensori. Giulio Bertoni esordisce affermando: «L edizione critica di tutte le liriche di Folchetto di Marsiglia, preceduta da un ampia e solida introduzione storica e seguìta da note abbastanza copiose e da un glossario diligente, sarà salutata con gioia da tutti gli studiosi», per poi concludere: «Insomma, diligenza, studio e amore traspaiono da tutto il libro. Sarebbero desiderabili soltanto maggiore sobrietà e anche maggior sicurezza nella costituzione del testo». Dello stesso tenore la recensione di Alfred Jeanroy, che all esordio elogiativo: «La très remarquable ouvrage de M. Stroński, qui témoigne non seulement d une connaissance aujourd hui bien rare de la poésie des troubadours et de l histoire méridionale, mais aussi d une singulière vigueur d esprit, a enfin obtenu de la critique l attention qu il méritait», fa seguire, a qualche rigo di distanza, il pendant critico: «C est évidemment sur l établissement du texte et les traductions (plus littérales que vraiment fidèles et d un style très contourné) qu il reste le plus à dire et je me rends bien compte que les quelques observations qui suivent, n épuisent pas le sujet». Ambivalente anche la valutazione di Jean- Jacques Salverda de Grave: «M. Stroński joint à une connaissance profonde de la poésie des troubadours une grande indépendance d esprit, et, par là, il réussit plus d une fois à renouveler des questions qu on croyait définitivement résolues. D autre part, sa crainte de marcher sur les traces d un devancier donne parfois à ses explications un tour paradoxal et, si je ne me trompe, c est surtout dans son interprétation des textes que ces tendances se font jour. Si nous ajoutons que la langue et le style de M. S. ont une certaine fraîcheur et de la hardiesse qui, malheureusement, dégénère trop souvent en inexactitude, je crois avoir dégagé l impression générale qui nous reste de la lecture de la publication importante que nous annonçons»; a ciò lo studioso fa seguire, dopo una descrizione del contenuto dell edizione, una serie di rilievi a singoli passi delle poesie 6. Lascia invece poco spazio agli elogi di rito Kurt Lewent, che inizia in medias res: «Die Benutzung dieses mit grosser Stoffbeherrschung und allem Rüstzeug philologischer und historischer Detailforschung verfassten Buches wird erheblich erschwert durch die Art der Anordnung, die in seiner Entstehung wohl eine Erklärung, aber kaum hinreichende Entschuldigung findet». L esordio annuncia una severità di cui il recensore darà prova in una serie di contestazioni che spaziano dalla pratica attributiva alla stessa recensio di Stroński, della quale viene dimostrata l incompletezza; una serie di osservazioni puntuali chiude l intervento. E solo di osservazioni puntuali, per lo più critiche, si compone una delle Textkritische Bemerkungen zu Trobador-Ausgaben che Oskar Schultz- Gora dedica alle diciannove poesie ritenute da Stroński di sicura attribuzione 7. 6 Bertoni 1911b, pp. 115 e 118; Jeanroy 1913, p. 259; Salverda de Grave 1911, pp Lewent 1912, col. 328; Schultz-Gora 1921 (a Lewent risponde Stroński 1913, pp sulla questione dei senhals reciproci, e comunque ringrazia lo studioso tedesco, insieme con Salverda de Grave e Jeanroy, per la qualità delle osservazioni critiche all edizione); nulla più che una segnalazione quella di V. Crescini in RBLI, XIX (1911), pp

8 Al di là dei singoli problemi, si può notare come una certa tendenza alla sistematicità, ammirevole e oggi difficilmente eguagliabile, stia al fondo di alcune scelte problematiche dell editore, per le quali si è proposta una soluzione alternativa. Partendo dall analisi dell ordine dei testi nella tradizione manoscritta [ 1.1], va in primo luogo ridisegnato il canone folchettiano, in quanto la sua definizione [ 1.2] e la cronologia assoluta e relativa dei testi [ 1.3] presentano aspetti di dubbia validità, che pregiudicano la stessa valutazione della fisionomia poetica di Folchetto. In secondo luogo, vanno sottoposti a una profonda revisione i risultati del lavoro ecdotico di Stroński, condizionati in partenza da una recensio codicum [ 2.1] incompleta e talora mediata da riproduzioni fotografiche, edizioni diplomatiche o collazioni fornitegli da altri studiosi [ 2.1.1]: alla base del mio lavoro c è invece, oltre alla considerazione di testimonianze dirette e indirette ignote o trascurate [ e 2.1.3], il controllo diretto sui manoscritti della quasi totalità di trascrizioni da microfilm e fotografie. Anche la pratica editoriale di Stroński va totalmente ripensata: al vano tentativo di una ricostruzione stemmatica di ascendenza lachmanniana, che, basandosi prevalentemente su varianti adiafore e non sugli errori-guida (di cui peraltro la tradizione manoscritta folchettiana è assai avara), lascia largo spazio all opinabilità, va opposta un ipotesi di restauro conservativo della tradizione manoscritta [ 2.2]. Mantiene al contrario una grande utilità la ricostruzione del contesto storico operata da Stroński a partire da un vaglio diretto e minuzioso dei documenti d archivio: i capitoli storici dell Étude sur Folquet de Marseille premessa all edizione e il Commentaire historique che la segue, costituiscono un ottima base di partenza per un profilo biografico di Folchetto di Marsiglia, soprattutto nei venticinque anni in cui sedette sullo scranno vescovile di Tolosa [ 3.1], e per ripercorrere e integrare i dati sui suoi rapporti diretti con i trovatori coevi [ 3.2.1] e sulla sua presenza nelle letterature medievali che ricevettero influssi dalla poesia occitanica [ 3.2.2]. Il discorso preliminare si arresterà infine sulla soglia di una ridefinizione delle qualità poetiche di Folchetto, oggi eccessivamente limitate da una tradizione critica di cui verranno abbozzate le linee portanti e nella quale si scorge qualche tentativo isolato di revisione [ 3.3]. L edizione critica delle ventisette poesie del corpus folchettiano occupa la seconda parte del lavoro. Iniziato come tesi di laurea all Università di Pisa ( ; rel. prof. Pietro Beltrami), il presente lavoro ha come tappa intermedia la mia tesi di perfezionamento alla Scuola Normale Superiore (febbraio 1998; rel. prof. Valeria Bertolucci Pizzorusso): ringrazio per il loro decisivo contributo i proff. Stefano Asperti e Alberto Varvaro, co-relatori della tesi di prefezionamento, e il prof. Alfredo Stussi, per la fiducia concessami negli anni di Normale. E fra i tanti amici che mi hanno aiutato nella mia ricerca vorrei ricordare, e ancora ringraziare, Sergio Vatteroni, che ha letto con generosa competenza molte pagine del dattiloscritto, Claudio Giunta e Elena Pistolesi. Dedico il libro a mia moglie Bernadette.

9 Tavole di concordanza BdT n ed. Stroński 1 Amors, merce: non mueira tan soven V IX 2 A pauc de chantar no m recre XIX XX 3 Ai! quan gen vens et ab quan pauc d afan VI X 4 A vos, midontç, voill retrair en cantan XXII XXII 5 Ben an mort mi e lor I I 6 Chantan volgra mon fin cor descobrir XVII VI 7 Chantars mi torna ad afan XIV XVIII 8 En chantan m aven a membrar XI V 9 Fin amors a cui me soi datz XV XXIV 10 Greu feira nuills hom faillenssa XII XIII 11 Ja no s cuig hom qu ieu camje mas chansos XIII XIV 12 Ja non volgra q hom auzis XXIII XXIII 13 Meravill me cum pot nuills hom chantar XX XXI 14 Molt i fetz gran pechat Amors IV VIII 15 Oimais no i conosc razo XVIII XIX 16 Per Dieu, Amors, ben sabetz veramen VIII XII 17 Pos entremes me suy de far chansos XVI XXV 18 S al cor plagues, ben fora oimais sazos III VII 19 Senher Dieu[s], que fezist Adam XXVII XXIX 20 Si com sel qu es tan greujatz XXI XVII 21 Sitot me soi a tart apercebuz VII XI 22 Tant m abellis l amoros pessamens II II 23 Tan mou de cortesa razo IX III 24 Tostemps, si vos sabetz d amor XXIV XV 25 Vermillon, clam vos faç d un avol pega pemcha XXV XVI 26 Vers Dieus, el vostre nom e de sancta Maria XXVI XXVIII 27 Us volers outracuidatz X IV

10 n ed. BdT Stroński Stroński BdT n ed. I 5 I I 5 I II 22 II II 22 II III 18 VII III 23 IX IV 14 VIII IV 27 X V 1 IX V 8 XI VI 3 X VI 6 XVII VII 21 XI VII 18 III VIII 16 XII VIII 14 IV IX 23 III IX 1 V X 27 IV X 3 VI XI 8 V XI 21 VII XII 10 XIII XII 16 VIII XIII 11 XIV XIII 10 XII XIV 7 XVIII XIV 11 XIII XV 9 XXIV XV 24 XXIV XVI 17 XXV XVI 25 XXV XVII 6 VI XVII 20 XXI XVIII 15 XIX XVIII 7 XIV XIX 2 XX XIX 15 XVIII XX 13 XXI XX 2 XIX XXI 20 XVII XXI 13 XX XXII 4 XXII XXII 4 XXII XXIII 12 XXIII XXIII 12 XXIII XXIV 24 XV XXIV 9 XV XXV 25 XVI XXV 17 XVI XXVI 26 XXVIII XXVI 370,9 XXVII 19 XXIX XXVII 9,10 XXVIII 26 XXVI XXIX 19 XXVII

11 Sigle dei testimoni 8 Tradizione diretta A Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, lat A a c. 269 del ms. M [con A b parte del ms. che Zufferey 1987 sigla A ] A b Ravenna, Biblioteca Comunale Classense, 165 [cfr. A a ] B Paris, Bibliothèque Nationale, fr C Paris, Bibliothèque Nationale, fr. 856 D Modena, Biblioteca Estense,. R D a cc del ms. D [copia del Liber Alberici] D c cc del ms. D [florilegio di Ferrarino da Ferrara] E Paris, Bibliothèque Nationale, fr F Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, Chigi L.IV.106 Fa Firenze, Biblioteca Riccardiana, 2981 G Milano, Biblioteca Ambrosiana, S.P. 4 [già R 71 sup.] H Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, lat I Paris, Bibliothèque Nationale, fr. 854 J Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Conv. Sopp. F. IV. 776 K Paris, Bibliothèque Nationale, fr Kp København, Kongelige Bibliothek, Thott 1087 L Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, lat M Paris, Bibliothèque Nationale, fr N New York, Pierpont Morgan Library, 819 N 2 Berlin, Staatsbibliothek, Stiftung Preussische Kulturbesitz, Phillipps 1910 O Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, lat Ol Olot, Arxiu Històric Comarcal, Fons notarials, Santa Pau, 2 P Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, Plut. XLI, 42 Pe Sarrià, Monestir de Sant Pere de les Puel les, ms. literari Q Firenze, Biblioteca Riccardiana, 2909 R Paris, Bibliothèque Nationale, fr [ms. La Vallière o canzoniere d Urfé] S Oxford, Bodlerian Library, Douce 269 Sg Barcelona, Biblioteca de Catalunya, 146 [ms. Gil y Gil] T Paris, Bibliothèque Nationale, fr U Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, Plut. XLI, 43 V Venezia, Biblioteca Nazionale Marciana, 278 [già fr. App. cod. XI] VeAg Barcelona, Biblioteca de Catalunya, 7 e 8 [ms. Vega-Aguiló] 8 Per l indicazione dei testi folchettiani tràditi e altre note si veda il 1.1; e inoltre il (su a), il (su S), il (su Y). Per ulteriori indicazioni sulla tradizione indiretta (edizione da cui si cita, modo della citazione, testi o parti di testo citati, ecc.) si veda il

12 W Paris, Bibliothèque Nationale, fr. 844 [= canz. oitanico M] X Paris, Bibliothèque Nationale, fr [= canz. oitanico U] Y Paris, Bibliothèque Nationale, fr. 795 Z Paris, Bibliothèque Nationale, fr a Firenze, Biblioteca Riccardiana, 2814 [= sigla per tutto il canzoniere di Bernart Amoros; cfr. a 1 e il ] a 1 Modena, Biblioteca Estense, Càmpori. N. 8. 4; 11, 12, 13 [ complemento Càmpori al canzoniere di Bernart Amoros; cfr. a e il ] b Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, Barb. lat [diviso in due parti: bi, cc. 1-8, e bii, cc. 9-53] c Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, Plut. XC inf., 26 c a Codice di E. Stengel già all Università di Lovanio [cfr ] e Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, Barb. lat [antologia di Gioacchino Pla] f Paris, Bibliothèque Nationale, fr [canzoniere Giraud] g appendice di g 1 g 1 Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, lat [descriptus di M] ls lezioni del canz. di Bernart Amoros apposte a c a [cfr ] Tradizione indiretta citazioni nel Breviari d Amor di Matfre Ermengaud 1 citazioni in So fo el temps qu om era gais di Raimon Vidal de Besalú 3 citazioni nelle Razos de trobar di Raimon Vidal de Besalú citazioni nei Documenti d Amore di Francesco da Barberino citazioni in Dell Origine della Poesia rimata di Giovanni Maria Barbieri citazioni nella Doctrina d acort di Terramagnino da Pisa BdN citazioni nel Mirall de trobar di Berenguer de Noya JSJ citazioni in Cant vey li temps camgar e mbrunusir di Jordi de Sant Jordi Regles citazioni nelle Regles de trobar di Jaufre de Foixà

13 PARTE PRIMA Studio introduttivo

14

15 CAPITOLO PRIMO Il canone 1.1. Ordinamento del corpus. I componimenti poetici attribuiti a FqMars sono ripartiti come segue nei canzonieri trobadorici 1 : A A b B C D D a D c E Fa G H I K [61v] [88r] [39r] [1v] [40r] [164v] [245r] [1] [41] [1r] [49r] [62r 46r] vida 6 vida vida [49r] [88v] [165v] [47] [246r] , [9r] [9] , [6v] [44r] [47r] [114v] (ArnMar) [65r 50r] [68r] [115r]... [192r] 9 (GsbPuic) [192r]... [227v] 17 (FqRom) [228r]... [228v] 13 (FqRom) [229r] 1 I numeri rimandano alla BdT; quelli completi del numero d autore (ma per praticità non della sigla del trovatore: si veda l elenco completo al ) indicano i testi spuri con attribuzione a FqMars; aggiungo anche i testi nei mss. CRV, sebbene siano in essi attribuiti ad altro trovatore (indicato fra parentesi): per ulteriori osservazioni (e per il testo 17) si veda infra la tavola nel Per la tradizione indiretta si veda infra il Segnalo sempre le carte in cui inizia e termina la scrittura di un testo o di un gruppo di testi; i puntini individuano una soluzione di continuità.

16 J Kp L M N O P Q R S [67r] [104r] [12v] [25r] [54r] [5] [7r] [17r] [13r] [23] ,16 [13r] [13r] [23v] [7] [15r] [105v] (FqRom) 3 [68r] [33] 2 25 [15v] 1... [107v] [73r] [15v] 6 1 [108v] [34] (FqRom) 14 [73r] 12 9, [16r] , [50] 421, [39] [27v] ,5 7 [42r] [51] 173, [117v] ,3 167, [56] [11r] [118r] [57] [22r] [125r] [34r] [58] [125v] [64v] ,2a 18 [24r] [60] [72] [24v] [43v] [72] [51v] [75] 16 vida , ,14 21 [52r] [52v] 1 2 (FqRom) 6 [52v] [81]... [75r] 24 [75v]... [131r] 19 [131r]

17 T U V VeAg W Y a b c f N 2 [225r] [29v] [82r] [71] [188r] [1v] [112] [2r] [8r] [5v] [22r] 240, , , , [1v] 9 [2v] 3 [5v] [74] [114] [6r] 5 [19v] [189v] [229] [6r] 16,12 [20r] [200v] [230] 10 [23r] , [200v] [578] [24r] 20 6 [39r] 7 [579] [32r] 8 [233r] 27 ls 7 30, [32r] [16v] [39v] 11 [90r] [17v] [39v] 27 [107v] [23v] 2 (Perd) 6 [18r] [41v] [108r] [42r] [49r] [51r]... [72r] 17 2 [72r] A commento delle tavole osservo che: i) che la sequenza di D fosse originariamente (come nella tavola) è ipotesi di Giosuè Lachin 2 ; sul motivo dell utilizzo di Fa, descriptus di F, si veda infra il 2.1.1; le due indicazioni nel ms. H riguardano gli incipit della cobla V di FqMars 155,1 (V) e delle coblas II-III di FqMars 155,16 (VIII): rimando alle edizioni delle due canzoni per ulteriori indicazioni. ii) il testo tràdito in J alla c. 73r è la cobla V (adespota) di FqMars 155,1 (V); i componimenti tràditi fra le cc. 33 e 72 di O sono adespoti: ho incluso nell elenco anche GlBerg 210,2a nell ipotesi che, considerata la posizione, sia stato creduto folchettiano 2 Cfr. Partizioni e struttura di alcuni libri medievali di poesia provenzale, in Strategie del testo. Preliminari Partizioni Pause, a cura di G. Peron, Padova, Esedra 1995, pp , a p. 274.

18 dall estensore del ms.; i primi due componimenti tràditi in P (10 11) sono attribuiti a GrBorn: si tratta di un mancato cambio di rubrica visto che i testi di GrBorn precedono quelli folchettiani. iii) il testo tràdito alla c. 200v di W è cobla II (adespota) di FqMars 155,10 (XII); l indicazione nel ms. Y riguarda la cobla IV (non integrale e adespota) di FqMars 155,21 (VII): rimando per ulteriori indicazioni infra al ; per l ordine dei testi di a non tràditi nel canzoniere di Bernart Amoros, ma noti attraverso le glosse apposte al ms. c a [= ls], rimando infra al ; il ms. f attribuisce all ambiguo en folquet oltre a FqRom 156,10 e l alba FqMars 155,26 (XXVI): cfr. per quest ultima infra il L indicazione in N 2 concerne la successione degli incipit citati. Si noti inoltre che i mss. CEG si aprono proprio con il corpus folchettiano 3 ; lo stesso succedeva, secondo Lachin 4, anche in N, e lo stesso accade nella sezione P 3 del ms. P, nella sezione R 5 del ms. R e nella sezione T 3b del ms. T (le partizioni sono quelle di Gröber 1877). L analisi della successione dei componimenti permette di avanzare delle ipotesi sulle aggregazioni testuali anteriori all assemblamento dei canzonieri, e quindi sui r a p p o r t i f r a i t e s t i m o n i ( 1.1.1), secondo un operazione di critica esterna la cui necessità è stata, com è noto, sottolineata da Avalle 5 ; ma fornisce inoltre indicazioni sui possibili c a n a l i d i a l i m e n t a z i o n e ( 1.1.2) dei canzonieri stessi Quanto al primo ordine di indicazioni, si possono isolare un certo numero di componimenti che appaiono frequentemente attigui, o almeno ravvicinati, nei canzonieri. In particolare riconosco i seguenti insiemi 6 : [I] AB D C c IK ls N D c 18 5 [14] P J [5] S L 5 14 [18] U [5] [II] C AB D IK Di qui, com è noto, il nome di Folquet-Sammlungen dato da Gröber 1877, pp ai canzonieri che presentano questa caratteristica. 4 Cfr. La composizione materiale del codice provenzale N (New York, Pierpont Morgan Library, M 819), in Atti Messina 1993, II, pp Per il quale è necessario integrare i risultati della critica interna e di quella esterna (cfr. Avalle-Leonardi 1993, pp. 89 e 101); una chiara applicazione è nell ed. di RmJord curata da Asperti 1990, pp Utilizzo il grassetto per indicare gli elementi dell insieme, sempre citati col numero della BdT, i puntini sospensivi nei casi in cui tra questi ultimi siano interposti un numero di testi superiore a 2, le parentesi quadre per racchiudere gli elementi dell insieme assenti nel codice.

19 D c M N ls Q G U P V Fa [10] S [10] Dei mss. restanti, A b D a HbI mancano dei tre testi, W tramanda 21 e, in altra parte del cod., 10 (parz.), JKpET tramandano solo il testo 10, L solo 3, VeAgY solo 21 (Y parz.), gli altri (ORcf) tramandano le poesie lontane le une dalle altre. Nei casi in cui non si verifica la contiguità di (eccetto D) si registra un legame fra (3) 21 22: AB D Fa G P S [III] A N D a Q [2] P Nei restanti mss. si verifica l assenza contemporanea dei tre testi in D c FaGHJKpLMSTUWYbIc, di 2 15 in A b Oa, di 13 2 B, di in V (ma 2 è attrib. a Perd); CGIKR presentano i tre componimenti distanziati (ma 13 è attrib. a FqRom in CR, 2 è attrib. ad ArnMar in C, a FqRom in R). Si può concludere che, in linea di massima, quando i testi sono tutti presenti vengono tramandati congiuntamente. [IV] D AB IK R P C ,9 8 [20] Q [23] c [20] Cfr. ancora (2 testi): N G 8 23 [7 20] V U 8 7 [20 23] C [20] T [20] D c [7 20] W 23 8 [7 20] Dei mss. restanti, A b D c HJKpVeAgYf mancano dei quattro testi, mentre L tramanda solo 8, FaSbI soltanto 23; EMOls tramandano infine 23 8 distanziati (separati da tre componimenti inols).

20 [V] AB C Fa D G IK N R P f Q J [22] S V c ,12 1 ls Cfr. ancora (2 testi): M E [18] O H 1 16 [18 22] U Kp [22] Nei restanti mss. i quattro componimenti sono omessi in A b D a TY, mentre WbI tramandano solo 22, VeAg solo 16; i testi sono perciò trasmessi distanziati soltanto in D c (dove è omesso 22) e in L (dove è omesso 18). Si noti che quelli indicati sono i soli testi tràditi da J (se si prescinde dalla cobla esparsa tratta dal testo 1, vergata in un altra zona del codice) e che H tramanda solo gli incipit di [VI] AB E D c D U M R V ls Fa [10] J [11] Kp 10 30, [11] Cfr. ancora (2 testi): C Q D c V G c IK H 1 16 [10 11] N T [1 16] P f [10] Dei mss. restanti, A b D a YbI omettono i quattro componimenti, mentre VeAg tramanda solo 16, W solo 10 (parz.); i testi sono trasmessi distanziati solo da LOS (LS non tramandano 10 11). Anche qui si noti che Kp oltre ai testi indicati tramanda, in altra zona del ms., soltanto 18, e che H trasmette solo gli incipit di 1 16.

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante COME SI FA UN EDIZIONE CRITICA Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante varie serie di correzioni. Prendiamo come esempio un testo leopardiano molto noto, e particolarmente

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME DI SILVIO TRAVERSA \ Il potere di messaggio del Presidente della Repubblica è esplicitamente previsto da due disposizioni costituzionali: la prima, che

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

1. «LE CAS D HOMME DE PILTDOWN» di Teilhard de Chardin apparve sulla rivista di divulgazione

1. «LE CAS D HOMME DE PILTDOWN» di Teilhard de Chardin apparve sulla rivista di divulgazione Nota della Redazione 1. «LE CAS D HOMME DE PILTDOWN» di Teilhard de Chardin apparve sulla rivista di divulgazione scientifica Revue des questions scientifiques n. XXVII del 1920. Benché le Œuvres edite

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

BIBLIOGRAFIA. Antonelli, R. Poesie di Giacomo da Lentini, a cura di R. Antonelli, vol. I, Roma, 1979

BIBLIOGRAFIA. Antonelli, R. Poesie di Giacomo da Lentini, a cura di R. Antonelli, vol. I, Roma, 1979 BIBLIOGRAFIA 1. Edizioni della Scuola siciliana : Antonelli, R. Poesie di Giacomo da Lentini, a cura di R. Antonelli, vol. I, Roma, 1979 Arveda, A. Contrasti amorosi nella poesia italiana antica, a cura

Dettagli

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI La Casa editrice Olschki è da sempre particolarmente attenta alla cura e uniformità grafica delle proprie pubblicazioni. Nell intento

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

www.lacan-con-freud.it

www.lacan-con-freud.it JACQUES LACAN NOTE SUL BAMBINO Storia delle Note sul bambino e delle loro vicissitudini Le "Notes de Jacques Lacan sur l'enfant", come precisa Anne-Lise Stern in La France hospitaliere Drancy Avenir 1,

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Se Chanta. L'inno del popolo occitano.

Se Chanta. L'inno del popolo occitano. Se Chanta L'inno del popolo occitano. Canto d'amore attribuito dalla tradizione a Gaston Phoebus, conte di Foix e visconte del Bearn (morto nel 1381). Molto popolare in Linguadoca (come Se canta, in quanto

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale 1 Oggetto 2 2 Obiettivo 2 3 Requisiti 2 3.1 Contenuto 2 3.2 Forma 2 3.3 Volume 3 3.4 Lingua 3 3.5 Lavoro individuale

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014)

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014) Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti (testo in vigore al 1º luglio 2014) Nota dell editore: Per ottenere i dettagli delle modifiche del Regolamento d Esecuzione

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia ANNIVERSARI STORICI Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia Di Andrea Tognina Altre lingue: 5 15 MARZO 2015-11:00 Un memoriale di Marignano: l'ossario dei caduti della battaglia conservato a Santa

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR

ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE. Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR ANNEE SCOLAIRE 2013-2014 ACADEMIE D AIX-MARSEILLE Evaluations en fin de classe de troisième lv2 ITALIEN DOCUMENT PROFESSEUR Compréhension de l oral CONSIGNES Début de l épreuve : Appuyez sur la touche

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

La valutazione dei corsi di dottorato

La valutazione dei corsi di dottorato La valutazione dei corsi di dottorato Approvato dal Consiglio Direttivo nella seduta del 15 Dicembre 2014 1 Premessa Questo documento illustra i criteri e gli indicatori che l ANVUR intende utilizzare

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Linee guida per l autor*

Linee guida per l autor* Linee guida per l autor* Margini: superiore 3,5 cm; inferiore 3,5 cm; destro 3 cm; sinistro 3 cm. Carattere: Times New Roman Dimensione del carattere: 12 per il testo, i titoli come nell esempio che segue:

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier

Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier II CONFERENZA NAZIONALE SUL REGOLAMENTO REACH 11 Dicembre 2009 Claudio Carlon ECHA Evaluation http://echa.europa.eu 1 Comitati dell ECHA Attivitá

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Scuola primaria classe quinta Scuola secondaria primo grado classe prima Accoglienza 2014-15

Scuola primaria classe quinta Scuola secondaria primo grado classe prima Accoglienza 2014-15 Scuola primaria classe quinta Scuola secondaria primo grado classe prima Accoglienza 2014-15 Usate un solo foglio risposta per ogni esercizio; per ognuno deve essere riportata una sola soluzione, pena

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

D.R. n. 15 del 26.01.2015

D.R. n. 15 del 26.01.2015 IL RETTORE Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli