C. Borelli - C. Invernizzi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C. Borelli - C. Invernizzi"

Transcript

1 Rend. Sem. Mat. Univ. Pol. Torino Vol. 57, 3 (999) C. Borelli - C. Invernizzi SULLA STABILITÀ DELL EQUAZIONE FUNZIONALE DEI POLINOMI Sommario. In this paper we obtain some stability results generalizing those well known due to Hyers concerning the Fréchet equation.. Introduzione Lo scopo di questo lavoro è quello di ottenere dei risultati di stabilità secondo Hyers-Ulam che generalizzino i ben noti risultati di Hyers per le equazioni alle differenze con incrementi variabili presentati in [3]. Hyers, rifacendosi alla definizione di polinomio astratto introdotta da Fréchet in [2], prova un teorema di stabilità senza richiedere alcuna condizione di regolarità sulla funzione. Sia X uno spazio vettoriale su Q a sia Y uno spazio vettoriale; sia inoltre T un cono convesso in X con vertice nell origine. Un monomio astratto di grado k su X è la restrizione alla diagonale di una trasformazione da X in Y k-additiva, cioè V k (x) = V(x,, x), } {{ } k volte dove V è una trasformazione k-additiva. Una trasformazione V : T Y è un polinomio astratto al più di grado m se è decomponibile nella forma V(x) = V 0 (x) + V (x) + + V m (x), dove ogni V k è un monomio astratto di grado k oppure è identicamente nullo in T, e V 0 è una costante. Se con k h,,h k indichiamo l operatore differenza k-esima rispetto agli incrementi h,, h k e con k h l operatore differenza k-esima con incrementi tutti uguali a h, è ben nota la caratterizzazione seguente: una trasformazione V : T Y è un polinomio astratto di grado al più m se e solo se h m+ V(x) = 0 per ogni x, h T. Inoltre se V k è un monomio astratto di grado k, esiste un unica trasformazione k-additiva simmetrica V(x,, x k ) tale che V k (x) = V(x,, x) e V(x,, x k ) = k! k x,,x k V k (x). Nel prossimo paragrafo dimostreremo un teorema che generalizza il risultato di Hyers in [3] nella direzione di vari risultati di stabilità per l equazione funzionale di Cauchy (si veda []). Lavoro finanziato dal M.U.R.S.T. Fondi di Ricerca (60%). 99

2 200 C. Borelli - C. Invernizzi 2. Dimostrazione dei risultati principali In questo paragrafo daremo la dimostrazione del seguente TEOREMA 4.. Sia S uno spazio vettoriale normato e sia B uno spazio di Banach. Consideriamo una funzione f : S B soddisfacente la disuguaglianza () m h,,h m f (x) m+ ( x, h,, h m ) + β, per ogni x S, h i S ( i m), β R + e dove m+ : R m+ + R + è una funzione simmetrica, monotona non decrescente in ciascuna variabile e omogenea di grado p [0, ). Allora esiste un polinomio astratto P m definito su S a valori in B di grado al più m, tale che per ogni x S è dove f (x) P m (x) M m x p + β, M m = ( ) m 2 m 2 p m+ (0,,, ). Inoltre P m (x) = f (0)+ H (x)+ + H m (x) dove ogni H k è il monomio astratto di grado k ottenuto nel modo seguente H m (x) = m n + (m )!nm nx f (0) [ m H k (x) = n + k!n k k nx f (0) ] k nx H j(0), k m 2. j=k+ Premettiamo, seguendo le idee di Hyers, i seguenti lemmi. LEMMA 4.. Sia S uno spazio vettoriale normato e sia B uno spazio di Banach. Se f : S B soddisfa per ogni x, y S la disuguaglianza f (x + y) f (x) f (y) + f (0) ( x, y ), dove : R + R + R + è simmetrica e omogenea di grado p [0, ), allora esiste una funzione ν : S B additiva e tale che (2) f (x) f (0) ν(x) x p (, ) 2 2 p, (3) ν(x) = n + n nx f (0) = n + f (nx). n Dimostrazione. Poniamo f (x) f (0) = g(x), così che g(0) = 0; allora (4) g(x + y) g(x) g(y) ( x, y ).

3 Sulla stabilità 20 Ponendo x = y nella precedente relazione si ottiene g(2x) 2g(x) x p (, ) e quindi Per induzione si prova che g(2x) 2 g(x) x p (, ). 2 (5) g(2n x) 2 n g(x) x p 2 p n (, ) 2 n( p) 2 i( p). i=0 Da questo segue che la successione T n (x) = g(2n x) 2 n è di Cauchy per ogni x S e quindi, per la completezza di B, converge a ν(x) = n + T n (x). Sostituendo in (4) x e y rispettivamente con 2 n x e 2 n y e dividendo per 2 n, otteniamo g(2n (x + y)) 2 n g(2n x) 2 n g(2n y) 2 n e passando al ite per n + si prova l additività di ν. Se ora si passa al ite in (5) si ottiene la (2). Sostituendo in (2) x con nx e dividendo per n, si ha ν(nx) f (nx) + f (0) = ν(x) n e passando al ite per n + otteniamo la (3). ( x, y ), 2n( p) f (nx) f (0) x p (, ) n (2 2 p )n p Si osservi che il precedente Lemma continua a valere anche nell ipotesi f (x + y) f (x) f (y) + f (0) ( x, y ) + β, β R + ; in tal caso si include il risultato di Hyers e si ottiene f (x) f (0) ν(x) x p (, ) 2 2 p + β. LEMMA 4.2. Sia f : S B tale che per ogni x, y S valga la relazione (6) f (x + y) f (x) f (y) + f (0) Q(x, y) H(x, y) ( x, y ), dove H(x, y) o è identicamente nulla o è un monomio astratto di grado k in x, Q(x, y) è un polinomio astratto di grado k 2 in x tale che Q(0, y) = 0 e la funzione verifica le ipotesi del Lemma 4. ed inoltre è non decrescente in ciascuna variabile. Allora H(x, x) = k Ĥ(x) e Ĥ(x) o è identicamente nulla oppure è un monomio astratto di grado k dato da Ĥ(x) = n + k!n k k nx f (0) e H(x, y) = k (k )! n + nk nx g(0, y), dove g(x, y) = f (x + y) f (x).

4 202 C. Borelli - C. Invernizzi Dimostrazione. Per ipotesi esiste una funzione ν(x,, x k, y) additiva e simmetrica nelle prime k variabili tale che (7) H(x, y) = ν(x,, x, y). (k )! Facendo la differenza (k )-esima con incrementi x,, x k nel primo membro della (6) e ricordando che k x,,x k Q(x, y) = 0, otteniamo e, per la (7), k x,,x k,y f (x) k x,,x k H(x, y) 2 k k ( x i + x, y ) i= (8) k x,,x k,y f (x) ν(x,, x k, y) 2 k k ( x i + x, y ). Se scambiamo in (8) y con x j, j k, grazie alla simmetria dell operatore differenza otteniamo i= (9) k x,,x k,y f (x) ν(x,, x j, y, x j+,, x k, x j ) 2 k k ( x i + x + y, x j ). i = j Da queste due ultime espressioni abbiamo (0) ν(x,, x k, y) ν(x,, x j, y, x j+,, x k, x j ) k 2 k k ( x i + x, y ) + 2 k ( x i + x + y, x j ). i= i = j Mostriamo ora che ν, additiva e simmetrica nelle prime (k ) variabili, lo è pure nell ultima variabile. Sia k = 2; la precedente relazione si riduce a ν(x, y) ν(y, x ) 2 ( x + x, y ) + 2 ( y + x, x ), da cui sostituendo x con nx e passando al ite dopo aver diviso per n, otteniamo ν(y, nx ) = ν(x, y), n + n da cui, sfruttando l additività di ν rispetto alla prima variabile, otteniamo l additività rispetto alla seconda e la simmetria. Se k > 2, sostituiamo in (0) x i con nx i ( i k, i = j) e passando al ite dopo aver diviso per n, si ottiene ν(nx,, y,, nx k, x j ) = ν(x,, x k, y) n + n

5 Sulla stabilità 203 e l additività di ν rispetto alla j-esima variabile porta a quella sulla k-esima ed alla simmetria. Posto g(x, y) = f (x + y) f (x), scrivendo la (9) in termini di g, dopo aver sostituito x j con x per ogni j e diviso per (k )!n k, otteniamo da cui nx k g(0, y) ν(nx,, nx, y) (k )!n k 2k ( n nx + x, y ) (k )!n k, k (k )! n + nk nx g(0, y) = ν(x,, x, y) = H(x, y). (k )! Definiamo ora Ĥ(x) = k H(x, x) = k! ν(x,, x) e sostituiamo y con nx nella precedente relazione; passando al ite si ha Ĥ(x) = n + k!n k k nx f (0). LEMMA 4.3. Sia f soddisfacente le ipotesi del Lemma4.2 e poniamo f ˆ(x) = f (x) Ĥ(x). Allora fˆ soddisfa le ipotesi del Lemma 4.2 con k al posto di k (k 3), cioè esistono un monomio astratto H (x, y) di grado k 2 in x e un polinomio astratto Q (x, y) di grado k 3 in x con Q (0, y) = 0, tali che ˆ f (x + y) ˆ f (x) ˆ f (y) + ˆ f (0) Q (x, y) H (x, y) ( x, y ). Dimostrazione. Sostituendo f (x) = ˆ f (x) + Ĥ(x) in (6) otteniamo ˆ f (x + y) ˆ f (x) ˆ f (y) + ˆ f (0) Q(x, y) H(x, y) + Ĥ(x + y) Ĥ(x) Ĥ(y) () e Poiché ( x, y ). Ĥ(x + y) Ĥ(x) Ĥ(y) = (ν(x + y,, x + y) ν(x,, x) ν(y,, y)) k! ν(x + y,, x + y) = k i=0 ( ) k ν(x,, x, y,, y), i } {{ } } {{ } k i volte i volte otteniamo Ĥ(x + y) Ĥ(x) Ĥ(y) = k ( ) k ν(x,, x, y,, y) k! i } {{ } = H(x, y) + q(x, y) } {{ } i= k i volte i volte dove q(x, y) è un polinomio astratto di grado al più k 2 in x che si annulla per x = 0. Quindi sostituendo nella disuguaglianza () abbiamo ˆ f (x + y) ˆ f (x) ˆ f (y) + ˆ f (0) Q(x, y) + q(x, y) ( x, y ),

6 204 C. Borelli - C. Invernizzi dove sia Q che q sono di grado al più k 2 e si annullano in x = 0. La loro differenza si può quindi scrivere nella forma Q(x, y) q(x, y) = Q (x, y) + H (x, y), dove H è un monomio astratto di grado k 2 e Q (x, y) è un polinomio astratto di grado al più k 3 in x che si annulla per x = 0. Osserviamo che analogamente al Lemma 4., anche i Lemmi 4.2 e 4.3 rimangono validi nel caso in cui si sostituisca la (6) con f (x + y) f (x) f (y) + f (0) Q(x, y) H(x, y) ( x, y ) +β, β R +. Dimostrazione. Dimostrazione del Teorema4. Procediamo per induzione. Posto g(x) = f (x) f (0), si ha che 2 h,h 2 f (x) = 2 h,h 2 g(x), quindi per la () otteniamo g(x + h + h 2 ) g(x + h ) g(x + h 2 ) + g(x) 3 ( x, h, h 2 ) + β; ponendo nella relazione precedente x = 0, h = x e h 2 = y, si ha g(x + y) g(x) g(y) 3 (0, x, y ) + β. Per il Lemma 4. possiamo costruire una funzione additiva H(x) = n + 2 n g(2 n x) tale che Se poniamo P(x) = H(x) + f (0), otteniamo g(x) H(x) 3(0,, ) 2 2 p x p + β. f (x) P(x) 3(0,, ) 2 2 p x p + β e sostituendo x con nx, dividendo per n e passando al ite abbiamo H(x) = [ f (nx) f (0)]. n + n Supponiamo ora il teorema vero per m. Poniamo G(x, y) = f (x + y) f (x) e da otteniamo m+ h,,h m,y f (x) m+2( x, h,, h m, y ) + β m h,,h m G(x, y) m+2 ( x, h,, h m, y ) + β, da cui, se pensiamo y fissato, per l ipotesi di induzione possiamo garantire l esistenza di un polinomio P m (x, y) di grado m in x tale che G(x, y) P m (x, y) ( ) m 2 m 2 p m+2 (0, x,, x, y ) + β

7 Sulla stabilità 205 e P m (x, y) = G(0, y) + Q(x, y) + H(x, y), dove H è un monomio astratto di grado al più m in x e Q è un polinomio astratto di grado m 2 tale che Q(0, y) = 0. Ricordando l espressione di G, ciò significa f (x + y) f (x) f (y) + f (0) Q(x, y) H(x, y) ( ) m 2 m 2 p m+2 (0, x,, x, y ) + β, quindi f soddisfa le ipotesi del Lemma 4.2 con k = m, da cui H m (x) = H(x, x) m = m! n + n m m nx f (0) è un monomio astratto di grado m. Applichiamo ora il Lemma 4.3 alla funzione f (x) = f (x) H m (x). Otteniamo f (x + y) f (x) f (y) + f (0) R m 3 (x, y) R m 2 (x, y) ( ) m 2 m 2 p m+2 (0, x,, x, y ) + β, dove R m 2 è un monomio astratto di grado m 2 in x e R m 3 è un polinomio astratto di grado al più m 3 in x tale che R m 3 (0, y) = 0. La funzione f verifica quindi le ipotesi del Lemma 4.2 con k = m, quindi H m (x) = R m 2(x, x) = (m )! = (m )! n + (m )! [ m nm nx n + m nm nx f (0) f (0) m nx H m (0)] è un monomio astratto di grado m in x. Riapplicando di nuovo il Lemma 4.3 alla funzione f 2 (x) = f (x) H m (x) = f (x) H m (x) H m (x), vediamo che sono verificate le ipotesi del Lemma 4.2 con k = m 2 che assicurano che H m 2 (x) = m 2 (m 2)! n + nm 2 nx f 2 (0) è un monomio astratto di grado m 2 in x. Continuando in questo modo si giunge ad una funzione f m 2 (x) = f (x) H 3 (x) H m (x) tale che f m 2 (x + y) f m 2 (x) f m 2 (y) + f m 2 (0) h(x, y) ( ) m 2 m 2 p m+2 (0, x,, x, y ) + β, con h monomio astratto di primo grado in x. Per il Lemma 4.2 H 2 (x) = h(x, x) 2 = 2! n + n 2 2 nx f m 2(0) è un monomio astratto di grado 2 e quindi la funzione f m (x) = f (x) H 2 (x) H m (x) per il Lemma 4.3 è tale che f m (x + y) f m (x) f m (y) + f m (0) ( ) m 2 m 2 p m+2 (0, x,, x, y ) + β.

8 206 C. Borelli - C. Invernizzi Poiché f m verifica le ipotesi del Lemma 4., possiamo assicurare l esistenza di una funzione additiva H (x) = n + n nx f m (0) tale che f m (x) f m (0) H (x) ( ) m 2 m 2 p m+2 (0,,, ) x p + β, quindi f (x) P m (x) x p M m+ + β dove P m (x) = f (0) + H (x) + H 2 (x) + + H m (x). 3. Ulteriori risultati Utilizzando procedimenti simili a quelli del paragrafo precedente è possibile provare risultati di stabilità anche nel caso in cui la funzione di controllo sia di una classe differente.il risultato che proveremo fa riferimento, per quanto riguarda la scelta della funzione di controllo, a [4]. Precisamente vale il TEOREMA 4.2. Sia f : S B, dove S è uno spazio vettoriale normato e B è uno spazio di Banach, una funzione soddisfacente la disuguaglianza m h,,h m f (x) ( x ) + m ( h i ) per ogni h,, h m, x S, dove : R + R + verifica le condizioni i) t + (t) t = 0, ii) (ts) (t) (s), iii) (t) < t per ogni t >, iv) è localmente itata. Allora esiste un polinomio astratto P m tale che i= f (x) P m (0) + ( x )T m, dove T m = 2 + (2 (2)) + (2 (2))2 + + (2 (2)) m 2 (2 (2)) m. La dimostrazione del Teorema 4.2 procede in maniera analoga a quella seguita per il Teorema 4., facendo uso dei lemmi seguenti che costituiscono una evidente variante dei Lemmi 4. e 4.2. LEMMA 4.4. Sia f : S B, dove S è uno spazio vettoriale normato e B è uno spazio di Banach, una funzione soddisfacente la disuguaglianza f (x + y) f (x) f (y) + f (0) ( x ) + ( y ),

9 Sulla stabilità 207 dove verifica le ipotesi del Teorema 4.2. Allora esiste una funzione ν : S B additiva e tale che e inoltre 2 f (x) f (0) ν(x) ( x ) 2 (2) ν(x) = n + n nx f (0) = n + f (nx). n LEMMA 4.5. Sia f : S B tale che per ogni x, y S valga la relazione f (x + y) f (x) f (y) + f (0) Q(x, y) H(x, y) ( x ) + ( y ), dove H(x, y) o è identicamente nulla o è un monomio astratto di grado k in x, Q(x, y) è un polinomio astratto di grado k 2 in x tale che Q(0, y) = 0. Allora H(x, x) = k Ĥ(x) e Ĥ(x) o è identicamente nullo oppure è un monomio astratto di grado k dato da Ĥ(x) = n + k!n k k nx f (0) e H(x, y) = k (k )! n + nk nx g(0, y), dove g(x, y) = f (x + y) f (x). Per concludere osserviamo che il Teorema non può essere esteso al caso p (assumendo β = 0). Dimostriamo l esistenza di una funzione f : R R continua e di una funzione n+ : R n+ + R + simmetrica, monotona crescente in ciascuna variabile e omogenea di grado tali che n h,,h n f (x) n+ ( x, h,, h n ), x, h,, h n R, e, per qualunque polinomio astratto P n di grado n, si verifica che sup f (x) P n (x) = +. x + x Consideriamo una funzione H : [0, + ) [0, + ) [0, + ) simmetrica, monotona crescente in ogni variabile, omogenea di grado e tale che H(, ) =, s + H(, s) = + e definiamo h(t) = H(, t). Poiché t + h(t) = +, esiste una successione monotona crescente di interi positivi {n k } tale che n = e h(2 n k) > k. Consideriamo ora la successione {a k } data da e definiamo a = 0, a 2 = 2, a k+ = 2 n k a k per k = 2, 3, g(a ) = 0, g(a k ) = , k = 2, 3,, k + estendiamo quindi g linearmente sugli intervalli determinati dalla successione {a k }. Si ottiene una funzione continua e monotona crescente che soddisfa le seguenti condizioni: i) g(0) = 0,

10 208 C. Borelli - C. Invernizzi ii) t + g(t) = +, iii) g(t + s) g(t) h(t s) per ogni s [0, + ) e t (0,+ ). Isac e Rassias in [4] hanno mostrato che la funzione (2) f (t) = tg(t) 2 verifica la disuguaglianza Da questo segue che f (t + s) f (t) f (s) H( t, s ), t, s R. n h,,h n f (x) n+ ( x, h,, h n ), x, h,, h n R, dove n+ : R n+ + R + è una funzione simmetrica, monotona crescente in ciascuna variabile e omogenea di grado. Infatti, procedendo per induzione, se n = 2 abbiamo 2 h,h 2 f (x) = f (x + h + h 2 ) f (x + h ) f (x + h 2 ) + f (x) f (x + h + h 2 ) f (x + h 2 ) f (h ) + f (x + h ) f (x) f (h ) H( x + h 2, h ) + H( x, h ) 2H( x + h + h 2, x + h + h 2 ) = 3 ( x, h, h 2 ) e 3 è simmetrica, monotona crescente e omogenea di primo grado, poiché H ha tali proprietà. Passiamo ora da n a n + : n+ h,,h n+ f (x) n h,,h n f (x + h n+ ) + n h,,h n f (x) n+ ( x + h n+, h,, h n ) + n+ ( x, h,, h n ) 2 n+ ( x + h + + h n+,, x + h + + h n+ ) = n+2 ( x, h,, h n+ ) con n+2 simmetrica, monotona crescente ed omogenea di grado. Supponiamo ora, per assurdo, che esista un polinomio astratto P n di grado n tale che sup f (x) P n (x) < +. x + x Essendo f continua, essa è itata su ogni intervallo compatto. Dalla relazione precedente segue che anche P n è itato su ogni intervallo compatto non contenente lo zero. Ma allora P n è un polinomio in senso ordinario, cioè P n (x) = c 0 + c x + + c n x n. Restringendoci ad x > 0, otteniamo f (x) P n (x) x = f (x) c 0 x x c c n x n 2 = g(x) c 0 2 x c c n x n 2. Per n = e n = 2 abbiamo ovviamente f (x) P n (x) x + x = +.

11 Sulla stabilità 209 Se n > 2, definiamo f (x) = g(a k )χ (ak,a k ](x) e osserviamo che per la costruzione fatta è n k k e, per k 5, a k a k 2 k. Si verifica allora che g(x) f (x) log(k + )χ (ak,a k ](x) log(a k )χ (ak,a k ](x) 3 log x e quindi g(x) x + x n 2 x + 3 log x = 0. xn 2 Possiamo quindi concludere che g(x) x + P n (x) 2 x = x + xn 2 g(x) 2x n 2 c 0 x n c n = +. La stessa funzione f fornisce il controesempio per il caso p >. Per mostrare ciò osserviamo che partendo dalla funzione n+ costruita in precedenza e fissato p >, la funzione Ɣ n+ definita da n+ Ɣ n+ (x,, x n+ ) = n+ (x p k,, x p k ) k= è simmetrica, monotona crescente ed omogenea di grado p e inoltre n+ (x,, x n+ ) Ɣ n+ (x,, x n+ ) + n+ (,, ). Utilizzando questo risultato, per la funzione costruita in (2) abbiamo la seguente disuguaglianza n h,,h n f (x) Ɣ n+ ( x, h,, h n ) + β. Fissato p > sia n = [p] + 2. Supponiamo ora che esista un polinomio astratto P n tale che f (x) P sup n (x) β x + x p < +. Come nel caso precedente la continuità di f ci garantisce che P n è un polinomio ordinario e, restringendoci ai reali positivi, otteniamo f (x) P n (x) β g(x) x p = 2x p c 0 x p c n x n x p β x p. Si prova quindi immediatamente che f (x) P n (x) β x + x p = +. Si noti che sono esclusi i casi n = e n = 2, per i quali infatti mediante le stesse tecniche dimostrative usate da Hyers si ottengono risultati positivi di stabilità. Riferimenti bibliografici [] FORTI G.L., Hyers-Ulam stability of functional equations in several variables, Aeq. Math. 50 (995), [2] FRÉCHET M., Les polynomes abstraits, J. Math. Pure Appl. (9) 8 (929), 7 92.

12 20 C. Borelli - C. Invernizzi [3] HYERS D.H., Transformations with bounded n-th differences, Pacific J. Math. (96), [4] ISAC G. AND RASSIAS T.M., On the Hyers-Ulam stability of ψ- additive mappings, J. Approx. Theory 72 (993), AMS Subject Classification: 39B52, 39B72, 47H5. Costanza BORELLI, Chiara INVERNIZZI Dipartimento di Matematica Università degli Studi di Milano Via C. Saldini Milano, ITALIA Lavoro pervenuto in redazione il e, in forma definitiva, il

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile

Limiti e continuità di funzioni reali di una variabile di funzioni reali di una variabile Corso di Analisi Matematica - capitolo VI Facoltà di Economia, UER Maria Caterina Bramati Université Libre de Bruxelles ECARES 22 Novembre 2006 Intuizione di ite di funzione

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2 L. Pandolfi Lezioni di Analisi Matematica 2 i Il testo presenta tre blocchi principali di argomenti: A Successioni e serie numeriche e di funzioni: Cap., e 2. B Questa parte consta di due, da studiarsi

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Note integrative ed Esercizi consigliati

Note integrative ed Esercizi consigliati - a.a. 2006-07 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile (CIS) Note integrative ed consigliati Laura Poggiolini e Gianna Stefani Indice 0 1 Convergenza uniforme 1 2 Convergenza totale 5 1 Numeri

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Dipendenza dai dati iniziali

Dipendenza dai dati iniziali Dipendenza dai dati iniziali Dopo aver studiato il problema dell esistenza e unicità delle soluzioni dei problemi di Cauchy, il passo successivo è vedere come le traiettorie di queste ultime dipendono

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi

1 Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi Alcuni criteri di convergenza per serie a termini non negativi (Criterio del rapporto.) Consideriamo la serie a (.) a termini positivi (ossia a > 0, =, 2,...). Supponiamo che esista il seguente ite a +

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Nota: Eventi meno probabili danno maggiore informazione

Nota: Eventi meno probabili danno maggiore informazione Entropia Informazione associata a valore x avente probabilitá p(x é i(x = log 2 p(x Nota: Eventi meno probabili danno maggiore informazione Entropia di v.c. X P : informazione media elementi di X H(X =

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. b) lim. d) lim. h) lim x x + 1 x. l) lim. b) lim x cos x. x 0 sin 2 3x cos x p) lim.

LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. b) lim. d) lim. h) lim x x + 1 x. l) lim. b) lim x cos x. x 0 sin 2 3x cos x p) lim. LIMITI E CONFRONTO LOCALE Esercizi svolti. Calcolare i seguenti iti: a + 4 + b + 4 + 4 c 5 e ± g i + + sin 4 m sin o π q sin π + 4 + 7 d + 4 + + 5 4 + f 4 4 + 5 4 + 4 h + + l + + cos n sin cos p π π +

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali.

Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali. Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali. Premessa Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire solamente i concetti

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0.

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0. Problema. Sia W il sottospazio dello spazio vettoriale R 4 dato da tutte le soluzioni dell equazione x + x 2 + x = 0. (a. Sia U R 4 il sottospazio dato da tutte le soluzioni dell equazione Si determini

Dettagli

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto Relatore Prof. Andrea

Dettagli

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimare una funzione f significa trovare una funzione f di forma più semplice che possa essere usata al posto di f. Questa strategia è utilizzata nell

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio.

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio. Appunti di Analisi Matematica Docente:Fabio Camilli SAPIENZA, Università di Roma A.A. 4/5 http://www.dmmm.uniroma.it/~fabio.camilli/ (Versione del 9 luglio 5) Note scritte in collaborazione con il prof.

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009 ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali v.scudero www.vincenzoscudero.it novembre 009 1 1 Funzioni algebriche fratte 1.1 Esercizio svolto y = x 1 x 11x + 10 (generalizzazione)

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz:

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz: FUNZIONI DI PIU VARIABILI Esercizi svolti. Determinare il dominio delle seguenti funzioni e rappresentarlo graficamente : (a) f log( x y ) (b) f log(x + y ) (c) f y x 4 (d) f sin(x + y ) (e) f log(xy +

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro

Lo Spettro primo di un anello. Carmelo Antonio Finocchiaro Lo Spettro primo di un anello Carmelo Antonio Finocchiaro 2 Indice 1 Lo spettro primo di un anello: introduzione 5 1.1 Le regole del gioco................................ 5 1.2 Prime definizioni e risultati

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

POLITECNICO di BARI - A.A. 2012/2013 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione

POLITECNICO di BARI - A.A. 2012/2013 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione POLITECNICO di BARI - A.A. 0/03 Corso di Laurea in INGEGNERIA Informatica e dell Automazione Problema Sia f :[0, +[! R una funzione continua. La funzione composta g() =f(kk) è c o n t i n u a? Problema

Dettagli

Equazioni non lineari

Equazioni non lineari Dipartimento di Matematica tel. 011 0907503 stefano.berrone@polito.it http://calvino.polito.it/~sberrone Laboratorio di modellazione e progettazione materiali Trovare il valore x R tale che f (x) = 0,

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo

5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo 5 Radici primitive dell unità e congruenze del tipo X m a (mod n ) Oggetto di questo paragrafo è lo studio della risolubilità di congruenze del tipo: X m a (mod n) con m, n, a Z ed m, n > 0. Per l effettiva

Dettagli

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04

I numeri reali. Note per il corso di Analisi Matematica 1. G. Mauceri. a.a. 2003-04 I numeri reali Note per il corso di Analisi Matematica 1 G. Mauceri a.a. 2003-04 2 I numeri reali Contents 1 Introduzione 3 2 Gli assiomi di campo 3 3 Gli assiomi dell ordine 4 4 Valore assoluto 5 5 I

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f.

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f. FUNZIONI CONTINUE - ALCUNI ESERCIZI SVOLTI SIMONE ALGHISI 1. Continuità di una funzione Dati un insieme D R, una funzione f : D R e x 0 R, si è detto che f è continua in x 0 se sono soddisfatte le seguenti

Dettagli

F (x) = f(x) per ogni x I. Per esempio:

F (x) = f(x) per ogni x I. Per esempio: Funzioni Primitive (Integrali Indefiniti) (l.v.) Pur essendo un argomento che fa parte del Calcolo Differenziale, molti autori inseriscono funzioni primitive nel capitolo sul Calcolo Integrale, in quanto

Dettagli

IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI.

IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI. IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI. PH. ELLIA Indice Introduzione 1 1. Divisori di un numero. 2 2. Numeri primi: definizioni. 4 2.1. Fare la lista dei numeri primi.

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue:

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue: Def. Sia f una funzione a valori reali definita in un intervallo I (itato o ilitato) e sia un punto interno all intervallo I. Si dice che f è continua nel punto se: ( )= ( ) Una funzione f è continua in

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO Così come avviene per i numeri ( 180 = 5 ), la scomposizione in fattori di un polinomio è la trasformazione di un polinomio in un prodotto di più polinomi irriducibili

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

Se x* e punto di minimo (locale) per la funzione nell insieme Ω, Ω = { x / g i (x) 0 i I, h j (x)= 0 j J } lo e anche per F(x) = f o (x) + c x x 2

Se x* e punto di minimo (locale) per la funzione nell insieme Ω, Ω = { x / g i (x) 0 i I, h j (x)= 0 j J } lo e anche per F(x) = f o (x) + c x x 2 NLP -OPT 1 CONDIZION DI OTTIMO [ Come ricavare le condizioni di ottimo. ] Si suppone x* sia punto di ottimo (minimo) per il problema min f o (x) con vincoli g i (x) 0 i I h j (x) = 0 j J la condizione

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4.0. Esponenziale. Nella prima sezione abbiamo definito le potenze con esponente reale. Vediamo ora in dettaglio le proprietà della funzione esponenziale a,

Dettagli

IL TEOREMA DI LIOUVILLE OVVERO PERCHÉ NON ESISTE LA PRIMITIVA DI e x2

IL TEOREMA DI LIOUVILLE OVVERO PERCHÉ NON ESISTE LA PRIMITIVA DI e x2 IL TEOREMA DI LIOUVILLE OVVERO PERCHÉ NON ESISTE LA PRIMITIVA DI e x2 CAMILLO DE LELLIS Il seguente lavoro è l elaborazione di un contributo alla conferenza tenuta dall autore il 29 settembre 2012 presso

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

STUDIO DEL MODELLO DI ISING SU GRAFI FRATTALI

STUDIO DEL MODELLO DI ISING SU GRAFI FRATTALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN FISICA STUDIO DEL MODELLO DI ISING SU GRAFI FRATTALI Relatore: Correlatore: Dott. DAVIDE CASSI Dott.ssa

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE

2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 1 INTRODUZIONE 2/4 OPERATORI NEGLI SPAZI DI HILBERT INFINITODIMENSIONALI 08/09 INTRODUZIONE Il problema agli autovalori di un operatore La trattazione del problema agli autovalori di un operatore fatta negli spazi finitodimensionali

Dettagli

3. SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE

3. SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE 3 SPAZI VETTORIALI CON PRODOTTO SCALARE 31 Prodotti scalari Definizione 311 Sia V SV(R) Un prodotto scalare su V è un applicazione, : V V R (v 1,v 2 ) v 1,v 2 tale che: i) v,v = v,v per ogni v,v V ; ii)

Dettagli

Spazi metrici e spazi topologici

Spazi metrici e spazi topologici Topologia 1 2007/2008 D. Dikranjan, UDINE Spazi metrici e spazi topologici D. Dikranjan L origine della topologia é dovuta a H. Poincaré, M. Fréchet e F. Hausdorff circa un secolo fa. Adesso questa disciplina

Dettagli

f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) f(x, y, z) = (x + 2y z, x + y z, x + 2y) F (f(x)) = (f(0), f(1), f(2))

f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) f(x, y, z) = (x + 2y z, x + y z, x + 2y) F (f(x)) = (f(0), f(1), f(2)) Algebra Lineare e Geometria Analitica Politecnico di Milano Ingegneria Applicazioni Lineari 1. Sia f : R 3 R 3 l applicazione lineare definita da f(x, y, z) = (x + ky + z, x y + 2z, x + y z) per ogni (x,

Dettagli

Prolog: aritmetica e ricorsione

Prolog: aritmetica e ricorsione Capitolo 13 Prolog: aritmetica e ricorsione Slide: Aritmetica e ricorsione 13.1 Operatori aritmetici In logica non vi è alcun meccanismo per la valutazione di funzioni, che è fondamentale in un linguaggio

Dettagli

Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson

Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson Soluzioni classiche dell'equazione di Laplace e di Poisson Antonio Paradies Dipartimento di Matematica e Applicazioni Renato Caccioppoli Università degli studi di Napoli Federico II Napoli, 25 Febbraio

Dettagli

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ;

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; 1. Un triangolo ha area 3 e due lati che misurano 2 e 3. Qual è la misura del terzo lato? : L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; nel nostro

Dettagli

Programmazione Non Lineare Ottimizzazione vincolata

Programmazione Non Lineare Ottimizzazione vincolata DINFO-Università di Palermo Programmazione Non Lineare Ottimizzazione vincolata D. Bauso, R. Pesenti Dipartimento di Ingegneria Informatica Università di Palermo DINFO-Università di Palermo 1 Sommario

Dettagli