UNIONE DEI COMUNI BASSA ROMAGNA Giovedì, 19 marzo 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIONE DEI COMUNI BASSA ROMAGNA Giovedì, 19 marzo 2015"

Transcript

1 UNIONE DEI COMUNI BASSA ROMAGNA Giovedì, 19 marzo 2015

2 UNIONE DEI COMUNI BASSA ROMAGNA Giovedì, 19 marzo 2015 Prime Pagine 19/03/2015 Prima Pagina Il Sole 24 Ore 1 19/03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 10 Orte Mestre salvata dallo sblocca Italia 2 19/03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 11 Nuove regole nello spirito di Biagi 4 19/03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 11 LA PAROLA. CHIAVE Riforma 6 19/03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 13 Nel 2015 cantieri per circa due miliardi 7 19/03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 13 Spiragli di ripresa per l' edilizia 9 19/03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 22 Poste: stop alle chiusure in Lombardia 11 19/03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 23 Le banche finanziano il legno 12 19/03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 23 Materiali «ecotech» per la nuova architettura 13 19/03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 29 Riforme non di destra o di sinistra ma necessarie 15 19/03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 30 Il vento nuovo sugli investimenti 17 19/03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 30 Più coraggio negli ideali Ue 19 19/03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 45 Per le joint venture risultati nei prospetti senza effetti fiscali 22 19/03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 46 IN BREVE /03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 47 Agenzie, è corsa contro il tempo 25 19/03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 47 Iva, la nomina irregolare non fa perdere la detrazione 27 19/03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 48 «La fiducia può ripartire solo dall' immobiliare» 29 19/03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 48 Imu agricola all' esame «finale» 31 19/03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 48 Patto, sanzioni al 20% dello sforamento 33 19/03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 49 Prefetture, sì al taglio Sindaci e partecipate: torna la /03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 50 IN BREVE /03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 51 Appalti, il personale si pesa 37 19/03/2015 Il Sole 24 Ore Pagina 51 L' indizio «esclude» il politico 39 19/03/2015 Italia Oggi Pagina 1 Diritto & Rovescio 41 19/03/2015 Italia Oggi Pagina 5 GOFFREDO PISTELLI L' Austria ci succhia il Friuli 42 19/03/2015 Italia Oggi Pagina 8 brioche e cappuccino 46 19/03/2015 Italia Oggi Pagina 14 TINO OLDANI Per rendere competitivi i porti, Renzi pensa di azzerare le /03/2015 Italia Oggi Pagina 18 GIOVANNI BUCCHI Arena a passo di e commerce 49 19/03/2015 Italia Oggi Pagina 18 GIANFRANCO FERRONI Wind premia le idee più trasparenti 51 19/03/2015 Italia Oggi Pagina 25 Consolidamento proporzionale fuori dalla rilevanza fiscale 52 19/03/2015 Italia Oggi Pagina 27 GIUSEPPE RIPA Nessuna scappatoia per l' ufficio 53 19/03/2015 Italia Oggi Pagina 30 FRANCESCO SQUEO Una toppa sull' Ivie e sull' Ivafe 55 19/03/2015 Italia Oggi Pagina 30 voluntary disclosure, le risposte degli esperti 57

3 19/03/2015 Italia Oggi Pagina 31 ANDREA MASCOLINI Comuni virtuosi per trasparenza 59 19/03/2015 Italia Oggi Pagina 31 SERGIO TROVATO L' assimilazione dei rifiuti impone la Tarsu 61 19/03/2015 Italia Oggi Pagina 31 FRANCESCO CERISANO Staffetta nella p.a /03/2015 Italia Oggi Pagina 34 A CURA DEL CENTRO STUDI Nel 2015 occasioni da cogliere 65 Il Resto del Carlino Ravenna 19/03/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 9 La solidarietà vince sempre Premiate sei associazioni 68 19/03/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 9 IN PRIMO PIANO 69 19/03/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 22 Undici nuovi dottori in Chimica e tecnologie per l' ambiente 70 19/03/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 23 MONTANARI LORENZA L' ex sindaco Randi torna al Rossini',è il nuovo direttore del /03/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 23 Diretta televisiva su Rai 3 dal Polo tecnico professionale 73 19/03/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 23 Un kit di 24 tablet per gli studenti con le aule multimediali mobili' 74 19/03/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 24 Un convegno sulle norme e sull' utilizzo degli agrofarmaci 75 19/03/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 24 La Bottega etica' diventa realtà 76 19/03/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 24 Premiate le foto più belle dedicate a Il tempo delle donne' 77 19/03/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 26 La Grande guerra a teatro 78 19/03/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 26 Tonj e fulmini al Mataluna 79 19/03/2015 Il Resto del Carlino (ed. Ravenna) Pagina 27 L' ereditè de zei Egisto' 80 Corriere di Romagna Ravenna 19/03/2015 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 18 Con Randi al Teatro Rossini un attacco a tre punte per la cultura 81 19/03/2015 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 18 I "Romagnoli e romagnolacci" di Vittorio Emiliani all' Ala d' oro 83 19/03/2015 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 19 La spesa etica anche a distanza si fa all' emporio Centomani 84 19/03/2015 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 19 Alla Baracca un'aula multimediale mobile 86 19/03/2015 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 23 Alessi e le infiltrazioni mafiose in Romagna 87 19/03/2015 Corriere di Romagna (ed. Ravenna Imola) Pagina 27 RAVENNA IMOLA 88 La Voce di Romagna Ravenna 19/03/2015 La Voce di Romagna Pagina 32 Stalking sulla nonna: 31enne 89 19/03/2015 La Voce di Romagna Pagina 34 Fare spesa all' emporio della solidarietà 91 19/03/2015 La Voce di Romagna Pagina 34 Domenico Randi Scelto il nuovo direttore della struttura 92 19/03/2015 La Voce di Romagna (ed. Forlì) Pagina 34 COSE NOSTRE A BAGNACAVALLO SI PARLA DI MAFIE 93 19/03/2015 La Voce di Romagna Pagina 34 L' incontro Quesiti e risposte sulle norme per gli agrofarmaci 94 19/03/2015 La Voce di Romagna Pagina 34 Lugo "La Guera granda", voci e immagini di piccoli grandi uomini 95 19/03/2015 La Voce di Romagna Pagina 34 Da oggi entra nel vivo la "Festa d' sa' Jusef" 96

4 Il Sole 24 Ore Prima Pagina 1

5 Pagina 10 Il Sole 24 Ore Grandi opere. Orte Mestre salvata dallo sblocca Italia L' opera faraonica è stata ammessa alla defiscalizzazione grazie alle modifiche volute da Lupi. ROMA «La notizia, che anche il vostro giornale ha riportato, che questo Perotti, che io non conosco, sarebbe affidatario della direzione lavori sulla Orte Mestre non solo è sbagliata, è del tutto falsa. Non c' è nessuna direzione lavori affidata perché l' opera di fatto non esiste ancora, aspettiamo ancora la registrazione della delibera del Cipe e al momento non c' è neanche un progetto approvato. Inoltre si dovrà comunque fare una gara». Al telefono è Antonio Bargone, già sottosegretario ai Lavori pubblici con Antonio Di Pietro (e anche successivamente), inquisito ora dalla procura di Firenze nell' ambito dell' inchiesta sulle grandi opere in quanto presidente della società consortile "Ilia Or Me", promotore della autostrada Orte Mestre. Secondo i giudici fiorentini, la società, che fa capo all' ex parlamentare Vito Bonsignore, avrebbe promesso a Ercole Incalza di affidare la direzione lavori a Stefano Perotti. Bargone chiama per dire che l' opera non ha avuto né accelerazioni né trattamenti di favore dal governo. Il Sole 24 Ore considera non da oggi questa opera dal costo di 9,8 miliardi inutile e faraonica e in più occasioni lo ha scritto, criticando aspramente il governo e il ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, per averla riproposta tra le priorità. Soprattutto la scorsa estate in occasione dei lavori preparatori dello sblocca Italia che avrebbe dovuto accelerare opere immediatamente cantierabili, la critica è ricomparsa in più articoli. Per esempio, il 27 agosto, in prima pagina, con il titolo «Numeri, numerini e numeri spaziali»: «Sulla stima reale di quanto valgano queste opere (dello sblocca Italia, ndr) basta forse rimandare al lavoro puntuale, opera per opera, fatto dal Sole 24 Ore lo scorso 10 agosto e ricordare qualche opera multimiliardaria inserita a sproposito: l' autostrada Orte Mestre, che pesa per 10 miliardi e vedrà forse con il decreto di fine mese aggirare il parere contrario della Corte dei conti alle defiscalizzazioni concesse dal Cipe per 1,9 miliardi, ma dovrà poi fare la gara per individuare il concessionario (oppure confermare il promotore), portare il progetto a livello definitivo, superare un lungo iter autorizzativo e trovare banche e finanziatori per fare in tempi rapidi un closing e poi avviare i lavori. Probabilità che l' opera parta nel giro di un anno o un anno e mezzo: zero». Il decreto legge sblocca Italia andrà però avanti e conterrà, all' articolo 2, la norma che aiuta la Orte Mestre a superare l' impasse di quel momento, nonostante non fossero mancati anche pesanti attriti fra Continua > 2

6 Pagina 10 < Segue Il Sole 24 Ore Lupi e Palazzo Chigi, tutt' altro che convinto della bontà dell' operazione. L' articolo 2 del decreto sblocca Italia consente, in sostanza, di applicare la defiscalizzazione anche a opere in Project financing realizzate per stralci. Una novità assoluta perché fino a quel momento la defiscalizzazione era stata prevista nelle linee guida varate dal Cipe, ai tempi del governo Letta, solo per opere realizzate completamente. Giustamente: lo Stato concede una robusta agevolazione fiscale per la realizzazione di un' opera in concessione proposta da un privato e poi acconsente a realizzarla a pezzi? Un privato vanta (in quanto promotore) una sorta di diritto di prelazione su un' opera faraonica (e in quanto tale inutile e irrealistica) che vale circa 10 miliardi e gode di un periodo di concessione record di 49 anni, incassa un' agevolazione sulla proposta integrale e poi ne realizza solo un pezzetto? L' articolo 2 dello sblocca Italia in realtà consente gli stralci ma impone che alla fine l' opera sia realizzata per intero: serve comunque a superare le obiezioni con cui la Corte dei conti aveva rifiutato la registrazione della delibera Cipe del 18 novembre Con quell' atto il governo Letta aveva concesso alla Orte Mestre (prima opera in assoluto a ricevere questo tipo di agevolazione) una defiscalizzazione da 1,87 miliardi per far quadrare i conti dell' opera. La Corte dei conti, però, aveva bloccato tutto, anche per un' altra ragione: lo sconto fiscale era applicabile sempre secondo l' interpretazione data dalle linee guida del Cipe soltanto a opere proposte successivamente al giugno E la proposta della Orte Mestre, quella in base alla quale Bonsignore aveva acquisito il titolo di "promotore", risaliva niente meno che al Anche su questo secondo punto, quindi, interviene l' articolo 2 del decreto sblocca Italia, che apre la strada all' approvazione di una seconda delibera Cipe per la Orte Mestre, l' 11 novembre 2014, firmata nei giorni scorsi dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e ora nuovamente all' esame della Corte dei conti. «Un anno e mezzo quasi per ritrovarsi ancora ad avere il via libera del Cipe: questa la chiamano accelerazione?», commenta Bargone. Fatto sta che la norma dello Sblocca Italia consente la realizzazione dell' opera per stralci, come vuole fare il concedente ministero dei Lavori pubblici con la gara "fase 2". E che senza quel decreto legge la defiscalizzazione non sarebbe stata mai applicabile a questa opera. Gli sconti fiscali, vale la pena di ricordarlo, sono fondamentali per garantire l' equilibrio economico finanziario di un' opera che è finanziata da privati per l' intero costo di 9,8 miliardi (7,2 per lavori, il resto per oneri finanziari) ma potrà godere di un «finanziamento pubblico teorico» di 1,87 miliardi di euro, riconosciuto ai concessionari post gara sotto forma di sconti fiscali Ires, Irap e Iva nell' arco dei primi 15 anni di gestione. Quello di 1,87 miliardi è un valore attualizzato mentre il totale nominale cumulato nel corso del tempo è di 9 miliardi di euro. Lo Stato rinuncia a 9 miliardi di possibili futuri incassi fiscali per realizzare l' opera senza dover stanziare subito il contributo da 1,87 miliardi. Per i sostenitori delle defiscalizzazioni si tratta di introiti fiscali che non ci sarebbero comunque mai stati senza la realizzazione dell' opera. RIPRODUZIONE RISERVATA Giorgio Santilli. 3

7 Pagina 11 Il Sole 24 Ore INTERVENTO. Nuove regole nello spirito di Biagi Maurizio Sacconi Marco Biagi, a tredici anni dall' odioso omicidio, influenza ancora i decisori pubblici come si può constatare confrontando le sue intuizioni con il jobs act dopo la parentesi ostile della legge Fornero. In principio ci furono la legge Treu, da lui stesso ispirata, e il Libro Bianco sulle nostre anomalie. La sua scelta fu l' abbandono di ogni sovraccarico ideologico sul lavoro seguendo i criteri della strategia europea per l' occupazione costruita intorno alla combinazione tra le esigenze di flessibilità organizzativa delle imprese e di sicurezza dei lavoratori. Particolare attenzione prestava al concetto di reciproca adattabilità tra imprenditori e lavoratori come a quello della occupabilità delle persone. Il primo lo portava a sottolineare l' utilità degli accordi aziendali per condividere le fatiche e i risultati della competizione. Il secondo ad invocare l' integrazione tra scuola e lavoro in funzione delle competenze. Collocate tra la fine e l' inizio del millennio queste tesi suscitavano tutte violente contestazioni ideologiche a sinistra tanto quanto oggi sono largamente accettate. La sua idea sussidiaria di rimettere agli accordi (individuali e collettivi) in azienda perfino l' adattamento delle norme è diventata legge (l' ormai noto art.8) e le relazioni industriali si muovono inesorabilmente in quella direzione. Nel momento in cui si discute di regolare gli attori sociali, vorrei ricordare che Marco li considerava libera espressione della società che si auto organizza, le cui dinamiche non possono finire nei tribunali con le prevedibili conseguenze in termini di instabilità delle stesse imprese. Al più non farebbe male una regolazione del diritto di sciopero in modo da contemperare meglio i diversi interessi costituzionalmente tutelati come nel caso del trasporto pubblico. Quanto all' occupabilità, gli ulteriori interventi semplificatori sull' apprendistato, dopo il testo unico, e la recente riforma dell' istruzione esaltano finalmente la sinergia tra apprendimento teorico e saperi pratici. Il suo apprendistato per i minori è ormai a pieno titolo inserito nell' offerta educativa. Egli poi proponeva una pluralità di tipologie contrattuali per favorire l' emersione dei lavori informali e per incoraggiare le imprese ad assumere in una stagione che già si caratterizzava per la crescente terziarizzazione dell' economia e per le incertezze indotte dalla globalizzazione. A lui dobbiamo il recepimento della direttiva europea sui contratti a termine, una più marcata modulazione dell' orario di lavoro attraverso i contratti a tempo parziale e di tipo intermittente, l' evoluzione del lavoro interinale verso la somministrazione, la regolarizzazione degli spezzoni lavorativi mediante i buoni prepagati. Questa pluralità non solo è stata confermata ma addirittura rafforzata, se si eccettua il lavoro ripartito Continua > 4

8 Pagina 11 < Segue Il Sole 24 Ore (250 contratti!), dai recenti provvedimenti. Contratti a termine più agevoli, somministrazione più flessibile, part time (da semplificare) e lavoro intermittente consolidati, ampliamento dei voucher. Dell' apprendistato si è detto. Le stesse collaborazioni come le associazioni in partecipazione sono preesistenti a Biagi che anzi aveva cercato di ricondurle in un alveo più regolato. Il loro superamento (con eccezioni singolarmente rimesse agli accordi sindacali) consente di rilegittimare le partite Iva anche quando vi è un solo committente, così aderendo all' idea di Biagi per cui lavoro dipendente e indipendente debbano avere pari dignità e quindi tutele, come la maternità, proporzionate più al profilo sostanziale della dipendenza socioeconomica che a quello formale della subordinazione. Ovviamente coerente con il Libro Bianco, che ne parla diffusamente, è poi il nuovo contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti con il quale si supera largamente l' art.18 dello Statuto e si confina la sanzione della reintegrazione del lavoratore nei soli licenziamenti nulli per discriminazione o annullati per insussistenza del fatto che motiva la ragione disciplinare. Non siamo ancora allineati, come voleva Marco, alla regolazione europea, che consegna sempre al datore di lavoro l' ultima scelta circa l' indennizzo monetario, ma ci siamo ormai vicini. Come pure seguono le sue indicazioni le norme che dovrebbero sostituire gli articoli dello Statuto in materia di mansioni e di tecnologie di controllo a distanza. La stessa riorganizzazione del mercato del lavoro, e in esso la centralità dei bisogni del lavoratore rispetto alle propensioni autoreferenziali dei servizi pubblici, corrispondono perfettamente al suo deposito. Saremo con esso coerenti se produrremo un sistema di operatori pubblici e privati in concorrenza tra di loro che il disoccupato sceglie liberamente facendoli remunerare prevalentemente in base al risultato. In conclusione, continuiamo ad essergli debitori e come tali, spero con una larga condivisione oggi quale non ci fu allora, dovremmo dedicargli il nuovo testo unico chiamandolo, come proponeva, Statuto dei Lavori. Ps: le considerazioni che ho svolto vorrebbero anche consolare chi lo ha stimato e amato descrivendo oggettivamente la forza del suo lascito. E a proposito del suo sacrificio, per dirla con un suo concittadino, forse "voglio trovare un senso a questa storia anche se un senso non c' è l' ha". RIPRODUZIONE RISERVATA 5

9 Pagina 11 Il Sole 24 Ore LA PAROLA. CHIAVE Riforma Riforme Il premier Matteo Renzi ha fatto delle riforme il cavallo di battaglia del suo governo, a partire dal jobs Act, la nuove regole per accelerare i processi, quelle per rendere più efficiente la pubblica amministrazione, per finire con il nuovo Senato, il nuovo Titolo V e la nuova riforma elettorale. Ieri, la capoeconomista dell' Ocse, Catherine Mann ha sottolineato come «l' Italia si è mossa da una posizione di stallo a un passo più ottimale nelle riforme». Da 7 marzo sono stati pubblicati i primi due decreti attuativi del jobs act che prevedono il nuovo contratto a tutele crescenti e la riforma degli ammortizzatori sociali. La legge delega sulla Pa è in discussione in Commissione al Senato. I 12 punti della riforma della Giustizia hanno compiuto i primi passi. La riforma del Senato e della legge elettorale (di fatto blindate) riprenderanno il loro corso parlamentare dopo le regionali di maggio. 6

10 Pagina 13 Il Sole 24 Ore Difesa del suolo. In otto mesi avviate 780 opere. Nel 2015 cantieri per circa due miliardi Giovanna Mancini Milano La notizia di ieri è che i lavori per la messa in sicurezza del Bisagno, a Genova, saranno avviati ai primi di aprile. Costo dell' opera: 370 milioni. Una cifra non certo impossibile da reperire e sufficiente a mettere in sicurezza migliaia di persone residenti nel territorio, oltre a creare posti di lavoro. Eppure, il cantiere era bloccato da tre anni. Un caso ben rappresentativo di quelle tante opere contro il dissesto idrogeologico di cui il nostro Paese ha disperatamente bisogno (con il 10% del territorio a rischio), ma che per anni sono state rimandate, per mancanza di fondi o per ritardi e ostacoli burocratici. Nell' ultimo anno, tuttavia, sembra esserci stato un cambio di passo da parte del governo: l' unità di missione di Palazzo Chigi #Italiasicura, costituita lo scorso giugno e affidata alla guida di Erasmo D' Angelis e Mauro Grassi, ha avviato in otto mesi 783 cantieri per un valore di 1,07 miliardi, attingendo ai 2,3 miliardi già disponibili (ma inutilizzati da 15 anni) per il dissesto idrogeologico. «A questi si aggiungono 1,2 miliardi provenienti dal Piano stralcio, destinato a 152 grandi cantieri in 14 aree metropolitane, che la nostra unità ha individuato come prioritari (tra cui quello del Bisagno, ndr )», ha spiegato D' Angelis durante un convegno organizzato dal Consiglio nazionale dei geologi a Made Expo, in cui è intervenuto anche il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi. Tutti cantieri che partiranno entro l' anno, ha garantito D' Angelis. Si comincia con i primi 600 milioni stanziati dal Cipe lo scorso 20 febbraio. «Gli altri 600 milioni arriveranno entro uno o due mesi», aggiunge Mauro Grassi. Altri 880 milioni provenienti dai fondi inutilizzati serviranno poi ad avviare altri 642 cantieri, per un totale di circa 2 miliardi di interventi nel solo Il Cipe in febbraio ha sbloccato ulteriori 100 milioni destinati alla progettazione perché, ha spiegato D' Angelis, «il 90% delle opere individuate come prioritarie dalla nostra unità, su indicazione di Regioni ed enti locali, non ha un progetto esecutivo». Si tratta di cantieri in tutta Italia, che rientrano nel Piano nazionale contro il dissesto idrogeologico lanciato dal governo a novembre, pari a un fabbisogno stimato di 21,5 miliardi, da realizzare in 6 o 7 anni. «Al momento, sono disponibili circa 7 miliardi spiega Grassi ma l' obiettivo è reperire nuovi finanziamenti anno per anno». Proprio ieri, inoltre, il ministero per le Infrastrutture ha varato il decreto che ripartisce 50 milioni per interventi urgenti in materia di dissesto. La macchina, dunque, si è messa in moto, «per recuperare il ritardo storico accumulato dal Paese fa notare D' Angelis, investendo in sicurezza e prevenzione anziché inseguendo le emergenze». Continua > 7

11 Pagina 13 < Segue Il Sole 24 Ore Prospettiva, quella di investire su manutenzione e prevenzione, che trova l' appoggio di Ance e Confindustria e che, oltre a mettere in sicurezza molte aree del Paese, consentirebbe di creare migliaia di posti di lavoro e spingere la ripresa. RIPRODUZIONE RISERVATA 8

12 Pagina 13 Il Sole 24 Ore Fiere. A Milano si apre il Made Expo in un clima di minore pessimismo rispetto al passato In mostra le eccellenze del made in Italy??? Spiragli di ripresa per l' edilizia Squinzi: quest' anno mi auguro una crescita significativa, non dello 0,2% ma almeno del 2% Laura Cavestri MILANO Se le fiere sono il "termometro" della salute di un settore, nella filiera dell' edilizia è ancora presto per dire se i piccoli segnali sapranno trasformarsi in una vera ripresa. Tra spiragli di nuovi ordinativi e lo spaccato desolante del sistema dei grandi appalti pubblici si è aperta ieri, nei padiglioni di Rho Pero, alle porte di Milano, Made Expo, la fiera dell' edilizia, dell' architettura e delle finiture d' interni. In tutto imprese di cui 140 straniere e 400 incontri B2B al giorno, per un settore che, negli ultimi 5 anni, ha perso un quarto degli occupati. Mentre a gennaio dato Istat sempre di ieri la produzione nelle costruzioni è aumentata dell' 1% rispetto al mese precedente, confermando la tendenza al recupero registrata a dicembre 2014 (quando era cresciuta del 2,6%). Presente al virtuale "taglio del nastro" anche il ministro per le Infrastrutture Maurizio Lupi, pesantemente contestato da diversi imprenditori: «È un appuntamento che avevamo fissato da tempo e con gli imprenditori con cui ho parlato emerge che cominciano a esserci elementi di ripresa: la sfida che avevamo lanciato tutti insieme comincia a dare i primi risultati». «Si vede qualche segnale di ripresa positivo ha dichiarato il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, a margine dell' inaugurazione ma è ancora presto per dire che c' è una ripresa. Mi auguro che nel corso di quest' anno si possa constatare una ripresa che non è lo 0,2% ma penso sempre a una soglia minima del 2 per cento». Secondo Squinzi che a una domanda sull' inchiesta degli appalti pilotati ha sottolineato come «la corruzione taglia la competitività» è possibile farcela soprattutto «cogliendo i segnali positivi che ci arrivano dalla congiuntura economica internazionale, dal cambio euro dollaro, dal prezzo del petrolio e dal Qe della Bce. Ma possiamo ritrovare una vera ripresa solo se metteremo mano alle riforme portando fino alla fine il programma di Governo al quale è stato dato solo il calcio d' inizio». In ogni caso, ha aggiunto il leader degli industriali «da parte nostra occorrono investimenti in ricerca e innovazione». E poi c' è il capitolo sicurezza e dissesto idrogeologico (si veda il pezzo a fianco): «Bisogna investire ha concluso Squinzi per mettere il Paese in sicurezza. Ci sarebbero possibilità per interventi straordinari, tali da creare centinaia di migliaia di posti di lavoro». Continua > 9

13 Pagina 13 < Segue Il Sole 24 Ore Intanto, ha sottolineato il presidente di Ance, Paolo Buzzetti, «le compravendite di immobili stanno aumentando: +7,1% nell' ultimo trimestre dello scorso anno, +3,6% nel 2014 sul Negli anni della crisi abbiamo perso 800mila posti di lavoro, il 60% dei finanziamenti privati e il 50% degli investimenti in opere pubbliche. Ma la gente ricomincia a comprare casa». «C' è una grande crescita dell' erogazione dei mutui ha ribadito Giovanni De Ponti, ad di Made Expo le ristrutturazioni crescono del 30%: questi sono fattori molto positivi». Aiuta il settore la detraibilità delle spese per ristrutturazione e risparmio energetico. «Ma siamo in dirittura di arrivo ha dichiarato Giorgio Palmucci, presidente di Confindustria Alberghi anche con i decreti attuativi che renderanno operativo il "tax credit" previsto nel Dl Cultura, grazie al quale le strutture alberghiere potranno beneficiare di un sostegno concreto per le ristrutturazioni». Tra gli stand gli umori sono contrastanti. «Vediamo prospettive di sviluppo stabili ha spiegato Antonio Lacedelli, ad di Rubner Objektbau (363 milioni di fatturato e oltre 1500 addetti). Abbiamo contribuito ad alcuni padiglioni di Expo. Restiamo molto presenti in Germania, Francia, Svizzera. Il calo dell' euro e del petrolio beneficia il Gruppo in termini di fornitura materiali per grandi commesse in Paesi extra Ue». «Resta un periodo difficile ha sottolineato Dario Vaccari, presidente di Alias Porte Blindate (1,5 milioni di fatturato e 100 dipendenti). Abbiamo perso il 10% del fatturato con la crisi russa. Per noi resta un mercato molto importante. Mentre in Italia rimane il problema dei ritardi nei pagamenti, anche con clienti con cui i rapporti sono consolidati da anni. Non mi sento proprio di parlare già di ripresa». RIPRODUZIONE RISERVATA 10

14 Pagina 22 Il Sole 24 Ore Riassetti. Sospeso il piano che prevedeva 61 uffici postali in meno e l' apertura a giorni alterni per altri 121 Doveva entrare in vigore dal 13 aprile. Poste: stop alle chiusure in Lombardia Il piano di ristrutturazione delle Poste, in Lombardia, subisce una battuta d' arresto. Ieri il sottosegretario della Giunta regionale agli Daniele Nava ha spiegato che il piano di riorganizzazione che prevede in Lombardia la chiusura di 61 uffici postali e l' apertura a giorni alterni di altri 121 è stato sospeso. «A seguito della risoluzione approvata dal Consiglio regionale il 3 marzo ha spiegato Nava abbiamo avviato immediatamente un dialogo con la Direzione nazionale di Poste italiane, ottenendo la sospensione del piano, che sarebbe dovuto entrare in vigore dal 13 aprile e la sua parziale revisione». Il sottosegretario ha aggiunto che la Regione e Poste Italiane completeranno insieme un' «analisi dei territori prima di dare definitiva attuazione al piano». La prossima settimana si riunirà un tavolo regionale creato ad hoc su richiesta dell' assemblea lombarda, per discutere con le parti interessate. I sindacati che nelle scorse settimane hanno organizzato una manifestazione di protesta contro l' attuazione del piano auspicano che si tratti di più di una sospensione e che vi sia un cambio di rotta che preveda anche la trasformazione di un cospicuo numero di contratti part time in full time. «Non possiamo che accogliere positivamente la notizia della sospensione del piano di chiusura dei 61 uffici postali», ha detto il segretario generale delle Poste Cisl Lombardia, Giuseppe Marinaccio. «Ci auguriamo che questa decisione si traduca nella disponibilità dell' azienda a discutere con tutte le parti interessate e quindi anche con il sindacato, come richiesto dalla risoluzione approvata all' unanimità dalla Regione Lombardia aggiunge. Auspichiamo inoltre che sia il segno di un ripensamento generale sulla gestione delle risorse umane e di una maggiore attenzione al problema della carenza di personale, uno dei principali fattori all' origine della decisione di chiudere i 61 uffici in Lombardia e di razionalizzarne altri 120. Sollecitiamo dunque le Poste a trasformare gli oltre 200 parttime in full time applicati agli sportelli». RIPRODUZIONE RISERVATA C.Cas. 11

15 Pagina 23 Il Sole 24 Ore proposte/1. Le banche finanziano il legno Non c' è Made Expo senza legno e per l' edizione del 2015 l' attenzione è stata rivolta alle scuole e alle case. Cittadinanzattiva con FederlegnoArredo e Anci hanno svelato in fiera un' installazione rappresentativa di due aule tipo, una "Ko" e una "Ok", per mostrare fisicamente la coesistenza di due facce della scuola italiana: una inadeguata a livello di attrezzature, manutenzione e barriere architettoniche e l' altra antisismica, ecosostenibile, accessibile e digitalizzata. Il prototipo farà poi un tour in nove piazze per sensibilizzare anche l' opinione pubblica. «Si possono realizzare strutture ecocompatibili che sono destinate a durare nel tempo e in questo senso il legno è un materiale speciale che consente di abbattere notevolmente anche i tempi di realizzazione ha dichiarato Emanuele Orsini, consigliere d i FederlegnoArredo e presidente di Assolegno. In Emilia Romagna per oltre il 40% delle scuole costruite dopo il sisma si è scelto il legno coniugando sicurezza e sostenibilità. E l' iniziativa della filiera legno si sposa con la politica del governo per "la buona scuola" che prevede un investimento di 200 milioni per nuove strutture». Sul tema case il ventaglio è ampio e il mercato in Italia è in crescita: l' edificio più alto realizzato in Europa è di sei piani ed è a Milano, il 17% delle nuove costruzioni è in legno e, ancora, da una verifica recente fatta da Assolegno nel Triveneto si stima che il 34% dei permessi di costruire si riferisca alla produzione di edifici in legno. «Anche le banche e le assicurazioni sono in campo. Abbiamo l' interesse della Banca Popolare di Verona e stiamo lavorando con UniCredit spiega Orsini per agevolare i mutui per chi sceglie di costruire in legno. Gruppi di assicurazioni come Allianz propongono pacchetti per lo scoppio incendio o il terremoto che costano meno per un edificio in legno che per uno tradizionale. Piccoli segnali che il consumatore legge come fattori positivi». Scuole, case e ancora Expo: molte delle aziende presenti in fiera hanno capitalizzato il lavoro fatto per il grande evento dove si stima che il 70% delle costruzioni sia in legno. Tre sono le aziende più impegnate: la Sistem sta lavorando nel padiglione del Marocco, per il Cardo e per la costruzione di una struttura ovoidale all' interno di Palazzo Italia; la Rubner ha realizzato i Cluster, parte del Children Park e tre padiglioni per Slow Food, con lavori per circa 25 milioni di euro; e ancora la Stratex è impegnata per la copertura del padiglione della Cina. P. Pie. RIPRODUZIONE RISERVATA. 12

16 Pagina 23 Il Sole 24 Ore made expo. Materiali «ecotech» per la nuova architettura Con l' ottica integrata della progettazione Bim tempi certi e «difetti» scovati in anticipo. Green economy, creatività e innovazione tecnologica sono i driver su cui il sistema Paese sta investendo per rianimare il settore industriale del design e dell' edilizia. Ieri a Milano ha aperto le porte Made Expo, la fiera dedicata al mondo delle costruzioni, e tra i temi di maggior attenzione ci sono i cosiddetti materiali ecotech, la sperimentazione del grande cantiere di Expo e il Building Information Modeling (Bim), che consente di virtualizzare in 3D gli edifici e coordinare tutte le discipline, dalla progettazione alla costruzione, fino alla fase di manutenzione delle strutture. Tutta la filiera mette al centro il progetto, e le voci di sostenibilità e innovazione vengono declinate con messaggi chiari rivolti alla riqualificazione, integrando il nuovo e innovando le funzioni. Al Made Expo involucro, copertura e impianti sono dunque sotto i riflettori, ma come ci si orienta nella scelta dei materiali? «Non esiste il prodotto sostenibile spiega Norbert Lantschner, esperto internazionale di sostenibilità e presidente della Fondazione ClimAbita, quando si sceglie un' alternativa tra legno, vetro, laterizio, acciaio o alluminio si deve valutare il comportamento, va considerato tutto il ciclo di vita dal prelievo della materia allo smaltimento con riciclaggio compreso». Per il presidente di ClimAbita ogni scelta va vincolata all' impatto che il materiale avrà nei prossimi decenni, e questo vale per tutti i componenti dell' edilizia comprese membrane e isolanti. «Se il 60% dei rifiuti europei proviene dal settore delle costruzioni la questione non può essere sottovalutata: le architetture conclude vanno considerate come la quarta o la quinta pelle, con le loro ricadute globali. Non ci si può dimenticare che alluminio e rame per arrivare in cantiere possono fare anche un tragitto di 10 15mila chilometri». Un banco di prova per questi temi è proprio il laboratorio di Expo 2015 descritto attraverso i dettagli costruttivi nella mostra «Building The Expo». «Qui acciaio e legno la fanno da padrone. Grazie alla caratteristica di grande reversibilità e alla velocità di impiego, l' acciaio è un materiale molto presente, si dice che una volta completato l' Expo ci sarà nell' area acciaio equivalente a 2,5 torri Eiffel. Ovviamente spiega Luisa Collina, curatore della mostra allestita al Made c' è anche molto legno, usato come struttura o come rivestimento, scelto per comunicare i temi della sostenibilità e della natura. Nel padiglione giapponese la pelle di legno si fa più spessa e diventa corteccia; Cile, Francia e Spagna hanno optato per il telaio in legno. Giappone, Francia e Cile si sono portati il proprio legno». Ma in cantiere c' è anche molto bambù: nella Continua > 13

17 Pagina 23 < Segue Il Sole 24 Ore copertura della Cina, nell' allestimento del padiglione Vanke, nello spazio di Save The Children e nei grandi alberi del padiglione del Vietnam. Oltre ai materiali, al Made Expo sono protagonisti le tecnologie e i metodi costruttivi volti a rispondere a domande puntuali legate al controllo di tempi e costi. Il futuro del settore è strettamente connesso con alcuni strumenti che assicurano l' innovazione e tra questi si distingue proprio il Bim che punta a digitalizzare il processo, integrando l' attività di architetti, strutturisti e impiantisti e dialogando direttamente con il costruttore. Nelle scorse settimane i giovani costruttori si sono proposti come "cabina di regia" per fare squadra con architetti, ingegneri e Pa. «Negli ultimi anni è diminuita la redditività delle commesse da parte delle imprese esecutrici e dei developer, e la marginalità si è avvicinata sempre più a quella dei prodotti industriali che richiedono un controllo capillare spiega Filippo Delle Piane, presidente Ance Giovani e neo presidente di Ance Genova. Scegliere la strada del Bim significa anche riallineare gli interessi dei privati con quelli delle Pa limitando le riserve delle imprese legate alle carenze progettuali e riuscendo a evidenziare in anticipo eventuali incongruità». Per il privato il Bim rientra in una logica industriale moderna, per gli enti appaltanti sarebbe un cambio di filosofia radicale. RIPRODUZIONE RISERVATA Paola Pierotti. 14

18 Pagina 29 Il Sole 24 Ore Riforme non di destra o di sinistra ma necessarie Mentre i politici discutono se il governo Renzi è di sinistra o di destra, i cittadini si pongono la domanda se le sue politiche funzionano oppure no. C' è una discrasia tra il dibattito politico e l' interesse pubblico. Quale ne è la causa? Non può stupire che i politici siano primariamente interessati al dibattito ideologico (tra la sinistra e la destra), perché la loro preoccupazione principale è quella di posizionarsi. Per alcuni, il governo Renzi è un governo di destra perché sta portando avanti proposte (come l' apertura del mercato del lavoro, la riduzione del carico fiscale, la riforma istituzionale) che nelle passate legislature erano state fatte proprie, anche se poi non realizzate, da Forza Italia. Per altri, il governo Renzi rimane un governo di sinistra perché nel suo programma vi sono obiettivi redistributivi (come i famosi 80 euro) che la destra non ha mai perseguito. Entrambe le posizioni non convincono. Intanto perché "destra" e "sinistra" sono definite in relazione a criteri soggettivi. Ovvero, se una proposta era stata avanzata da Berlusconi nel passato, allora è di "destra" riproporla. E naturalmente viceversa. Ma soprattutto non convince l' uso storicamente esteso che è stato fatto della distinzione tra "destra" e "sinistra". Quella distinzione continua a essere applicata a tutte le politiche pubbliche nazionali. Come se non esistessero politiche pubbliche di interesse collettivo, ma solamente ed esclusivamente politiche pubbliche di "destra" o di "sinistra". In realtà, tale politicismo è all' origine del nostro declino. Solamente in Italia si può continuare a pensare che non coincida con un interesse pubblico, ma solamente partitico, l' apertura del mercato del lavoro, la riduzione e la razionalizzazione del sistema fiscale, la riforma della pubblica amministrazione, l' adeguamento del sistema di governo, la costruzione di sistemi educativi e di ricerca competitivi internazionalmente. La politicizzazione delle politiche pubbliche è stata così accentuata negli ultimi vent' anni che diversi politici della destra e della sinistra non sono più in grado di distinguere ciò che li unisce da ciò che li distingue. Ma la realtà che i cittadini vivono è molto diversa. Per loro, molte riforme sono né di "sinistra" né di destra", ma semplicemente necessarie. Per loro, la distinzione tra le politiche pubbliche è tra quelle che funzionano e quelle che non funzionano. Dopo tutto, è un interesse di tutti (di coloro che votano a destra così come a sinistra) avere un sistema sanitario adeguato, un sistema educativo competitivo, un sistema amministrativo efficiente e trasparente. Combattere la corruzione è né di destra né di sinistra, ma semplicemente indispensabile. Se così è, allora occorre che la politica si liberi dall' ipnosi che non vi siano interessi comuni tra gli schieramenti, ma solamente interessi inconciliabili. Continua > 15

19 Pagina 29 < Segue Il Sole 24 Ore Naturalmente, vi sono ambiti sociali e politiche pubbliche in cui destra e sinistra si differenziano, in quanto portatrici di sensibilità e culture differenti. Ma tale differenza non è mai di principio o a prescindere. Può essere di sinistra usare la fiscalità a fini distributivi in un paese, come gli Stati Uniti, dove la pressione fiscale complessiva (federale, statale e municipale) è inferiore al 25% del Pil nazionale, ma non lo è in un paese, come il nostro, in cui la pressione fiscale complessiva è quasi il doppio. Insomma, occorre recuperare la consapevolezza che la "politics" e le "policies" non sempre si sovrappongono. Ma la discrasia è dovuta anche alla difficoltà della politica nel fare i conti con i cambiamenti storici intervenuti in Europa. L' integrazione monetaria ha cambiato radicalmente i termini della tradizionale divisione politica tra schieramenti. Quell' integrazione sta sfidando le capacità nazionali dei singoli stati membri dell' eurozona a promuovere, o semplicemente a difendere, i rispettivi modelli sociali ed economici, oltre che istituzionali. I conflitti inter statali che si stanno drammaticamente manifestando all' interno dell' eurozona (basti pensare al contrasto tra paesi debitori e creditori) hanno cambiato i termini del confronto domestico tra destra e sinistra. Come hanno dovuto prendere atto Tsipras e Varoufakis, non basta vincere le elezioni nazionali per poi governare uno stato membro dell' eurozona. C' è infatti un "elettorato" extra nazionale che non vota, ma che conta assai, come i governi e gli elettorati degli altri paesi dell' eurozona. Se non accrescono le capacità interne dei loro paesi, molti governi nazionali non potranno incrementare il loro potere negoziale all' esterno. Come il dio romano Giano, quei governi hanno due facce che guardano in direzioni diverse, l' una verso i propri elettori nazionali e l' altra verso gli altri governi ed elettori europei. Se le categorie di "destra" e di "sinistra" furono elaborate all' interno dello stato nazionale, non sembra avere molto senso riproporle tali e quali per orientare le politiche pubbliche di un paese dell' eurozona come il nostro. I cittadini ne sono consapevoli, molto di meno quegli esponenti politici impegnati nel dibattito se il governo Renzi è di destra o di sinistra. La politica non è morta con l' integrazione monetaria, né quest' ultima è fatta solamente di politiche pubbliche. Tuttavia, sarebbe più utile confrontarsi su come fare i conti con i cambiamenti epocali che stiamo vivendo, piuttosto che dilungarsi sul sesso degli angeli. RIPRODUZIONE RISERVATA. 16

20 Pagina 30 Il Sole 24 Ore Il vento nuovo sugli investimenti Il piano Juncker prende corpo e con esso le speranze che dall' Europa arrivi finalmente un forte impegno su crescita e investimenti capace di invertire la tendenza dopo anni di cieca austerità. La decisione del governo italiano di iniettare 8 miliardi di euro a sostegno del Fondo Europeo di investimenti strategici (Efsi), unita agli impegni annunciati da altri importanti governi europei Francia, Germania in primis segna una svolta per il Piano Juncker. Non era scontato. Non è stato facile arrivare dove siamo oggi. Il braccio di ferro tra Commissione, governi nazionali e Parlamento europeo ha raggiunto livelli di tensione visti di rado dalle parti di Bruxelles. L' obiettivo era chiaro e il gruppo dei Socialisti e Democratici ha da subito indicato nel lancio di un consistente piano di investimenti la condizione decisiva per il sostegno alla Commissione Juncker. La nostra memoria è spesso corta. Ma dovremmo sforzarci di ricordare da dove siamo partiti. Fino a qualche mese fa, con Barroso, si parlava solo di stabilità. La crescita era scomparsa dal vocabolario europeo e con essa ogni ipotesi di interpretazione 'intelligente' della flessibilità. Ora il vento è cambiato a Bruxelles, grazie anche al lavoro negoziale portato avanti dal nostro gruppo e della presidenza italiana. Una vittoria per tutta l' Europa contro i sacerdoti della dottrina dell' austerità intransigente. Siamo di fronte ad una congiuntura eccezionale. Da una parte il piano Juncker con un rinnovato approccio alla flessibilità. Dall' altra, una Banca centrale europea che, grazie al Quantitative easing e alla lungimiranza di Mario Draghi, si è ormai trasformata in un solido fattore di crescita e stabilità dei mercati. I governi sono chiamati a fare la loro parte a livello di riforme. A noi come Socialisti e Parlamento europeo spetterà rafforzare e puntellare le basi del piano Juncker. Il Parlamento europeo sta ora esaminando la proposta legislativa della Commissione. Nell' incontro avuto con il presidente Juncker nel corso dell' ultima sessione del Parlamento a Strasburgo, il gruppo Socialista e Democratico ha ribadito l' impegno ad approvare il fondo prima di luglio. Un impegno però che passa dalla necessità di rafforzare i fondamenti del piano per renderlo uno strumento tangibile al servizio della crescita. Di fronte ai rischi di deflazione e stagnazione, con i movimenti euroscettici, xenofobi e populisti ovunque in crescita in Europa e di fronte ad una crisi sociale e economica lacerante, nessuno può permettersi il lusso di mancare questa occasione. L' Efsi per andare veramente ad incidere deve potersi concentrare sulla qualità dei progetti di investimento e sul loro impatto sull' economia reale. In altre parole, la valutazione dei progetti non dovrà riguardare unicamente il progetto in sé ma dovrà Continua > 17

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli