La qualità della vita lavorativa nei call center

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La qualità della vita lavorativa nei call center"

Transcript

1 La qualità della vita lavorativa nei call center Obiettivi, metodologia di ricerca e descrizione del campione di Sergio Mauceri (Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale Sapienza Università di Roma)

2 Gli obiettivi della ricerca Gli obiettivi dell indagine, condotta su un campione di operatori di call center distribuiti sul territorio nazionale, sono stati: A) valutare la qualità della vita lavorativa e il connesso livello di benessere/disagio degli operatori telefonici; B) ricostruire il complesso sistema di influenza tra i diversi aspetti (dimensioni) che concorrono a configurare la qualità della vita lavorativa; C) individuare quali siano i fattori contestuali (qualità del lavoro), relativi ai modelli e alle pratiche organizzative, e i fattori più propriamente individuali che si connettono caratteristicamente a situazioni di disagio lavorativo o, più in generale, ad una carenza nella qualità della vita lavorativa. D) valorizzare i risultati dell indagine ai fini della individuazione di buone pratiche di lavoro, capaci di migliorare la qualità della vita lavorativa nei call center. Più che di una ricerca valutativa in senso proprio, che richiederebbe di rapportare l attività di valutazione a degli standard precisi, si tratta di un disegno di ricerca diagnostico (Hyman, 1955; tr. it., 1967), in quanto si esplora il contributo di una serie di fattori alla determinazione della qualità della vita lavorativa nei call center.

3 A chi è stata estesa l indagine? La ricerca ha raggiunto un campione composto da 1715 operatori distribuiti in 21 call center delle province di Milano, Roma, Cosenza e Catania. La tecnica campionamento è di tipo multistadio con selezione tipologico-fattoriale in entrambi gli stadi di campionamento. Al primo stadio di campionamento, i call center sono stati selezionati attraverso il riferimento congiunto a cinque proprietà: la collocazione territoriale (Nord, Centro, Sud e Isole), l ampiezza della struttura (media: con meno di 200 operatori, grande: con più di 200 operatori), la mission (commerciale, di pubblica utilità), il tipo di compiti richiesti (call center generalisti e dedicati) e la collocazione rispetto all azienda (insourcing e outsourcing).

4 Piano di campionamento dei call center In ciascuna provincia, il proposito pianificato era di raggiungere 6 call appartenenti alle seguenti classi: 1) Call center grandi generalisti prevalentemente commerciali in outsourcing 2) Call center medi generalisti prevalentemente commerciali in outsourcing 3) Call center dedicati commerciali grandi (o insourcing o in outsourcing) 4) Call center dedicati commerciali medi (o insourcing o in outsourcing) 5) Call center dedicati di pubblica utilità grandi (o insourcing o in outsourcing) 6) Call center dedicati pubblica utilità medi (o insourcing o in outsourcing)

5 Ipotesi di lavoro connesse alla selezione delle aziende Si ritiene che queste realtà possano in ipotesi essere ordinate in base ad un livello crescente di qualità del lavoro. I grandi call center generalisti in outsourcing sono quelli in cui vi è un utilizzo a tutto campo della flessibilità, sia di prestazione che contrattuale e con i livelli più alti di turnover (Altieri, 2002, p. 116) e si ipotizzava che fossero anche quelli in cui i livelli di disagio psicofisico sono maggiori. All opposto i call center di pubblica utilità o call center sociali sono tra tutti i tipi di call center quelli, in ipotesi, con il livello di benessere organizzativo più elevato. Gli operatori non sono infatti esposti alla legge del mercato e sono generalmente più motivati ad offrire un servizio di qualità, il che si riflette sui livelli più contenuti di turnover (Altieri, 2002).

6 Selezione degli operatori Al secondo stadio di campionamento si è proceduto alla selezione degli operatori che avrebbero compilato il questionario d indagine. In questo caso si è proceduto distribuendo e ritirando 100 questionari nei call center di grande ampiezza e 50 questionari nei call center di media ampiezza, avendo l accortezza di controllare che i questionari compilati rispettassero le quote, preventivamente stabilite, in base alle variabili sesso, età e titolo di studio.

7 I servizi prestati nei call center campionati Servizi inbound (%) Customer service 65,0 Gestione ordini 25,0 Help desk tecnici 30,0 Web call center 30,0 Urp e informazioni generali sull Amministrazione 15,0 Pratiche amministrative e servizi operativi al 25,0 cittadino Campagne informative di pubblica utilità 15,0 Servizi in outbound (%) Telemarketing 40,0 Vendite 30,0 Recupero crediti 20,0 Erogazione crediti 5,0 Promozioni 30,0 Gestione agende (appuntamenti) 15,0 Interviste telefoniche (ricerche di marketing, 30,0 sondaggi, etc.)

8 Qualità del lavoro e Qualità della vita lavorativa Gallino (1983), nel tentativo di tracciare una linea di confine tra il concetto di qualità della vita lavorativa e quello, spesso utilizzato intercambiabilmente di qualità del lavoro, sostiene che la qualità della vita lavorativa debba essere riferita sia al lavoro in senso stretto, sia alle condizioni in cui vivono i lavoratori al di fuori dell azienda: condizioni abitative, dei trasporti, dei servizi sociali, ecc.

9 Qualità del lavoro vs. Qualità della vita lavorativa Ai fini della presente indagine, si è ritenuto più opportuno assumere stipulativamente come vera discriminate il fatto che parlare di qualità della vita lavorativa significhi privilegiare la componente soggettiva (La Rosa, 1987), ossia i modi personali di esperire la situazione lavorativa, tanto che il benessere/disagio lavorativo assurge a dimensione cruciale nella specificazione del concetto. Per contrasto, si è utilizzato il concetto di qualità del lavoro solo laddove il riferimento valutativo per il ricercatore è, invece, a componenti oggettive del contesto di lavoro rinviabili all insieme dei modelli e delle pratiche organizzative che accomunano i lavoratori di uno stesso call center, capaci, in ipotesi, di incidere sul soddisfacimento dei bisogni dei lavoratori.

10 Definizione di qualità della vita lavorativa: la rappresentazione figurata del concetto La qualità della vita lavorativa può essere definita come la misura in cui i lavoratori avvertono che la situazione lavorativa, nelle sue diverse componenti, soddisfa una serie di loro bisogni personali connessi a motivazione, benessere psico-fisico e soddisfazione (cfr. Hackam e Oldham, 1980; Beukema, 1987). Essa rappresenta, dunque, l esito dello specifico incontro tra lavoratore, in quanto persona portatrice di bisogni, e situazione lavorativa nelle diverse componenti strutturali, relazionali e organizzative che contribuiscono a costruirla.

11 La qualità del lavoro Si tratta di un concetto complesso e multidimensionale che non può prescindere dal benessere dei lavoratori. La qualità del lavoro rappresenta la capacità dell organizzazione di garantire condizioni di lavoro che soddisfino i bisogni dei lavoratori. L ipotesi di lavoro della ricerca è che la qualità della vita lavorativa nei call center vari in funzione di una serie di fattori contestuali, inerenti ai modelli e alle pratiche di tipo organizzativo (qualità del lavoro), e di fattori relativi alle risorse e ai vincoli di natura individuale.

12 Specificazione del concetto: le dimensioni della qualità della vita Qualità delle condizioni di lavoro: lavorativa Qualità delle condizioni contrattuali Qualità delle condizioni organizzative (autonomia decisionale, valorizzazione professionale, livello di pressione, valutazione delle forme di controllo, conciliabilità tra vita lavorativa e extra-lavorativa, formazione, etc.) Qualità dell ambiente fisico-relazionale: Qualità dell ambiente fisico Qualità dell ambiente relazionale (relazioni verticali e orizzontali) Benessere/disagio dei lavoratori Livello di soddisfazione (chance professionali, aspetti socio-organizzativi) Stress lavoro-correlato (psichico e fisico) Alienazione

13

14 Gli strumenti di raccolta delle informazioni Questionario (qualità della vita lavorativa, proprietà individuali) Scheda di contesto (qualità del lavoro: modelli e pratiche di tipo organizzativo) Interviste in profondità (usate all inizio e alla fine dell indagine)

15 Il questionario Composto da 56 domande, è articolato in diverse aree problematiche: Qualità delle condizioni di impiego (contratto, retribuzione, modalità retributiva); Qualità delle condizioni organizzative (autonomia decisionale, pressione, forme di controllo, conciliabilità tra tempi di vita e di lavoro; valorizzazione del lavoro svolto; benefici e sanzioni associati agli obiettivi di produttività, formazione e misure di tutela della sicurezza); Qualità dell ambiente fisico (pulizia, illuminazione, silenziosità temperatura, spazio a disposizione, cuffie e supporti, etc.); Qualità dell mbiente relazionale (relazioni con i superiori e con i colleghi) Soddisfazione lavorativa Stress psichico Stress fisico Alienazione Motivazione e percorso lavorativo pregresso; Disagio lavorativo Ingresso nel call center (modalità di reperimento del lavoro, requisiti richiesti) Inquadramento all interno del call center (tipo di servizio, inbound/outbound; orario di lavoro; anzianità di servizio; modalità retributiva); Varietà delle competenze utilizzate nel lavoro; Ricorso ai sindacati; Transizione allo stato adulto e progettualità di vita; Prospettive future e progettualità professionale; Profilo socio-culturale.

16 Variabili dipendenti: Qualità della vita lavorativa Aree problematiche/dimensioni Sub-aree/Sub-dimensioni Proprietà analitiche/indicatori Domande di Qualità delle condizioni di lavoro questionario Qualità delle condizioni contrattuali Tipo di contratto Dom. 17 Retribuzione Dom. 23 Modalità retributiva Dom. 21 Qualità delle condizioni organizzative Autonomia decisionale nella gestione dei tempi di lavoro Dom. 34 (items 1, 3, 4, 5, 7) Pressione lavorativa Dom 34 (items 2, 6, 8) Valutazione delle forme di controllo Dom. 38 Conciliabilità tra tempi di vita e di lavoro Dom. 19 Valorizzazione del lavoro svolto Dom. 31 Benefici e sanzioni associati agli obiettivi di produttività Domm. 29, 30 Formazione e misure di tutela della sicurezza Domm. 10, 11, 12, 40 Varietà delle competenze utilizzate nel lavoro Dom. 14 Rispetto delle norme Dom. 36 Qualità dell ambiente fisicorelazionale Qualità dell ambiente fisico Valutazione degli aspetti ergonomici e della tecnologia in Dom. 25 uso Numero di postazioni nell ambiente di lavoro Dom. 24 Qualità dell ambiente relazionale Frequenza e qualità delle relazioni con i superiori Domm. 26 (items 2, 3 e 4), 28, 35 Frequenza e qualità delle relazioni con i colleghi Dom. 26 (item 1), 27 Disagio lavorativo Soddisfazione lavorativa Soddisfazione per le chance professionali Dom. 37 (items 1,2,3,4, 10) Soddisfazione per gli aspetti socio-organizzativi Dom. 37 (items 5,6,7,8,9) Stress psico-fisico Stress psichico Dom. 32 Stress fisico Dom. 33 Alienazione Autonomia nella gestione della propria attività Dom. 34 (items 4 e 5) Pressione e ritmo del lavoro Dom. 34 (items 2 e 8) Valorizzazione professionale Dom. 31 (items 3, 5 e 7) Supporto lavorativo dei pari Dom. 27 (items1, 2

17 Variabili individuali indipendenti Aree problematiche Sub-aree Proprietà analitiche Domande di questionario Ingresso nel call center Motivazioni all ingresso Dom. 1 Risorse e vincoli professionali Percorso lavorativo pregresso Domm. 5, 6 e 7 Modalità di reperimento del lavoro Domm. 3, 8 Requisiti richiesti Dom. 9 Inquadramento contrattuale iniziale Dom. 22 Inquadramento all interno del call center Servizi svolti Dom. 16 Modalità di erogazione dei servizi (inbound/outbound) Dom. 15 Orario di lavoro Dom. 18, 20 Anzianità di servizio Dom. 2 Svolgimento di un secondo lavoro Dom. 4 Ricorso ai sindacati Iscrizione ai sindacati e motivazioni della scelta Dom. 42 Risorse e vincoli extra-lavorativi Transizione allo stato adulto e progettualità Superamento degli stadi di transizione alla stato adulto Previsioni di superamento degli stadi di transizione nei prossimi tre anni Dom. 43 Dom. 43 Motivazione alla permanenza nel Dom. 52 nucleo di origine Profilo socio-culturale Genere Dom. 44 Età Dom. 45 Livello di scolarizzazione Domm. 46, 47 Stato civile Dom. 48 Estrazione socio-culturale della famiglia di origine Domm Composizione familiare Dom. 51 Status socio-culturale del partner Domm , 55

18 Variabili di output Aree problematiche Sub-aree Proprietà analitiche Domande di questionario Progettualità Prospettive e progettualità professionali Ricerca di un nuovo lavoro Dom. 41 Prospettive professionali Dom. 39

19 La scheda di contesto: Qualità del lavoro Per rilevare informazioni su i modelli e le pratiche organizzative è stata progettata una scheda di analisi delle variabili di contesto articolata in 59 domande e differenziata in base al carattere pubblico o commerciale del call center. Caratteristiche generali del call center (tipo di task, mission, dmensioni, ecc.) Ruolo della committenza Requisiti di accesso Condizioni di impiego (contratti, retribuzioni,..) Sistema di incentivi e sanzioni alla produttività Formazione e aggiornamento Ruoli organizzativi Misure di job rotation Turnover Sicurezza sul posto di lavoro e misure di prevenzione dei rischi Organizzazione del lavoro (turni e pause) Standard di efficienza/produttività e forme di controllo Misure di conciliazione tra tempi di vita e di lavoro degli operatori

20 Descrizione del campione Sede del call center Catania 27% Milano 24% Cosenza 22% Roma 27%

21 Tipo di compiti dedicati 51% generalisti 49%

22 Collocazione del call center rispetto all azienda Insourcing Outsourcing In parte insourcing in parte outsourcing 12% 32% 56%

23 Mission del call center pubblica utilità 23% commerciali 77%

24 Dimensioni del call center medie dimensioni 33% grandi dimensioni 67%

25 Genere degli intervistati Maschio 30% Femmina 70%

26 Età degli operatori oltre 35 anni 29% fino a 25 28% anni 21% anni 22%

27 Stato civile celibe/nubile coniugato/convivente sperato/divorziato 6% 36% 58%

28 Livello di scolarizzazione fino al diploma studente universitario laurea e oltre 25% 18% 57%

29 Modalità di lavoro inbound sia inbound che outbound in equal misura outbound 32% 11% 57%

30 I risultati dell indagine Costruzione di indici e qualche esempio di analisi dei dati

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study SET Contact Center di Successo con VoIp e Crm In breve Profilo aziendale La storia di SET inizia nel 1989 dalla ferma volontà di Valter Vestena, che dopo aver creato

Dettagli

UNO STRUMENTO DI MARKETING MULTILINGUE

UNO STRUMENTO DI MARKETING MULTILINGUE PARTNERSHIP INTERNAZIONALE 1 STRATEGIA SOCIETÀ DI CONSULENZA DIREZIONALE 3 2 MARKETING COMUNICAZIONE NEW LINE SERVICE CALL CENTER MULTILINGUE UBICATO IN MOLDOVA UNO STRUMENTO DI MARKETING MULTILINGUE Grazie

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study NETSI e GAT.crm danno voce alla tua azienda IN BREVE Profilo aziendale NETSI è attiva da diversi anni sul molti fronti: ad esempio, è infatti uno dei maggiori partner

Dettagli

Audizione dell ISFOL presso la XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) della Camera dei Deputati in occasione dell indagine conoscitiva

Audizione dell ISFOL presso la XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) della Camera dei Deputati in occasione dell indagine conoscitiva Audizione dell ISFOL presso la XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) della Camera dei Deputati in occasione dell indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio

Dettagli

Il valore della pulizia

Il valore della pulizia Il valore della pulizia Indagine tra la popolazione italiana Milano, marzo 01 (Rif. 170v311) Metodologia della ricerca ISPO ha realizzato un indagine ad hoc durante la quale è stato intervistato un campione

Dettagli

Call Center: Stress Organizzativo e Benessere Psicosociale. Metodologia della Ricerca Ed Analisi della Popolazione Di Indagine.

Call Center: Stress Organizzativo e Benessere Psicosociale. Metodologia della Ricerca Ed Analisi della Popolazione Di Indagine. Call Center: Stress Organizzativo e Benessere Psicosociale. Metodologia della Ricerca Ed Analisi della Popolazione Di Indagine. Dott.ssa Miranda Maria Concetta Psicologa- Dottore di Ricerca Obiettivo della

Dettagli

Come affrontare lo stress lavorativo

Come affrontare lo stress lavorativo V Convegno del Coordinamento Donne CIMO LA DONNA IN SANITÀ : UNA RISORSA, UNA CRITICITÀ, UNA FORZA MOTRICE DEL MIGLIORAMENTO IN SANITÀ Come affrontare lo stress lavorativo Antonia Ballottin ULSS 20 VERONA

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

Benessere nei call center Telecom

Benessere nei call center Telecom Università degli Studi di Torino Benessere nei call center Telecom DALLA RICERCA NEI CANTIERI ALLA SOMMINISTRAZIONE NAZIONALE Maggio Maggio 2007 2007 G. G. P. P. Quaglino Quaglino PERCHÉ IL BENESSERE Il

Dettagli

A.S.E.R. - Convegno Innovazione e PMI - Milano, 11/10/09. A.S.E.R. - Convegno Innovazione e PMI - Milano, 11/10/09

A.S.E.R. - Convegno Innovazione e PMI - Milano, 11/10/09. A.S.E.R. - Convegno Innovazione e PMI - Milano, 11/10/09 Sesso dei partecipanti Femmine 43,6% Maschi 56,4% Età dei partecipanti Oltre 60 anni 18,1% Fino a 30 anni 42,3% Da 30 a 60 anni 39,6% Come ritiene che evolverà la situazione economica? - Totale 14,7% 41,3%

Dettagli

Il rischio stress-lavoro correlato: risultati della valutazione del rischio su un campione di scuole trentine

Il rischio stress-lavoro correlato: risultati della valutazione del rischio su un campione di scuole trentine Chiara Vicario Il rischio stress-lavoro correlato: risultati della valutazione del rischio su un campione di scuole trentine Mansioni note in letteratura Documento di consenso sullo stress SIMLII (2005)

Dettagli

SPORTELLI DI ASSISTENZA ED ASCOLTO SUL MOBBING, SUL DISAGIO LAVORATIVO E SULLO STRESS PSICO-SOCIALE NEI LUOGHI DI LAVORO

SPORTELLI DI ASSISTENZA ED ASCOLTO SUL MOBBING, SUL DISAGIO LAVORATIVO E SULLO STRESS PSICO-SOCIALE NEI LUOGHI DI LAVORO Prevenzione e contrasto del disagio negli ambienti di lavoro e promozione del benessere organizzativo SPORTELLI DI ASSISTENZA ED ASCOLTO SUL MOBBING, SUL DISAGIO LAVORATIVO E SULLO STRESS PSICO-SOCIALE

Dettagli

Benessere e stili di vita nell età di mezzo

Benessere e stili di vita nell età di mezzo Donne e uomini al lavoro donne e uomini in salute U.O. Formazione Aziendale Benessere e stili di vita nell età di mezzo Invecchiamento attivo e promozione della salute globale nelle Aziende Ospedaliere

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013

QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013 QUESTIONARIO SULL ORARIO DI LAVORO - REPORT ANNO 2013 Nella mensilità di maggio, come noto, è stato attivato on line un questionario sull orario di lavoro al fine di raccogliere elementi informativi utili

Dettagli

Ministero del lavoro e delle politiche sociali

Ministero del lavoro e delle politiche sociali CIRCOLARE N. 14/2013 Roma, 2 aprile 2013 Ministero del lavoro e delle politiche sociali Agli indirizzi in allegato Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0005914 Oggetto: L. n. 92/2012 (c.d.

Dettagli

6. Come valuta l'attuale situazione economica della Sua famiglia?

6. Come valuta l'attuale situazione economica della Sua famiglia? QUESTIONARIO CO PROGETTAZIONE SERVIZI PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA CITTÀ DI MANTOVA QUESTIONARIO CO PROGETTAZIONE SERVIZI PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA Progetto CITTÀ DIRE MANTOVA FAMIGLIA Finanziato dalla

Dettagli

L'assistente amministrativo

L'assistente amministrativo Modulo Orientamento al Lavoro Profili professionali Addetto amministrativo segretariale L'assistente amministrativo L Assistente amministrativo provvede ad eseguire determinate operazioni amministrative

Dettagli

La qualità del lavoro e le sue dimensioni

La qualità del lavoro e le sue dimensioni Il mobbing: conoscere per prevenire La qualità del lavoro e le sue dimensioni Roberto Rizza e Paolo Zurla Dipartimento di Sociologia e Diritto dell Economia Bologna, 27 Febbraio 2015 Qualità del lavoro

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia

Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia Decreto 13559 del 10.12.2009 Regione Lombardia Indirizzi generali per la valutazione e la gestione del rischio stress lavorativo alla luce dell Accordo Europeo 8.10.2004 Valutazione del rischio da stress

Dettagli

160 / 190 1.305 MLN. NUMERO DI IMPRESE RILEVANTI (non sono comprese il back-office, il data-entry, la phone collection)

160 / 190 1.305 MLN. NUMERO DI IMPRESE RILEVANTI (non sono comprese il back-office, il data-entry, la phone collection) ROMA, 8 MAGGIO 2014 NUMERO DI IMPRESE RILEVANTI (non sono comprese il back-office, il data-entry, la phone collection) 160 / 190 (corrispondenti a 320/340 sedi operative): le prime 10 rappresentano il

Dettagli

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015 Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CASI DI MALATTIA DA STRESS LAVORO CORRELATO 4000 denunce all INAIL negli ultimi

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

Segreterie Nazionali

Segreterie Nazionali Segreterie Nazionali Roma 8 luglio 2015 Spett.le Europcar Italia SpA Spett.le Aniasa Prot. n. 193/SU/NOL/df Oggetto: Piattaforma contrattazione di 2 livello 2015-2017 Vi inviamo la Piattaforma per la contrattazione

Dettagli

Articolazione e aspetti generali del mercato del lavoro del nonprofit

Articolazione e aspetti generali del mercato del lavoro del nonprofit Convegno Osservatorio sulle Risorse Umane nel Nonprofit Quale futuro per le persone nel nonprofit Milano Lunedì 23 maggio 2005 Articolazione e aspetti generali del mercato del lavoro del nonprofit Carlo

Dettagli

Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing: primi risultati

Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing: primi risultati 10 settembre 2012 Rilevazione sul benessere organizzativo e sul fenomeno del mobbing: primi risultati Tra il 6 marzo e il 24 aprile 2012, il Comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione

Dettagli

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO I questionari sul credito al consumo sono stati somministrati ad un campione accidentale non probabilistico costituito da 1.725

Dettagli

KEY KONTACT C o m p a n y P r o f I l e

KEY KONTACT C o m p a n y P r o f I l e KEY KONTACT C o m p a n y P r o f I l e C O N T A C T C E N T E R GESTIONE DELL INTERO CICLO DI VITA DELLA CHIAMATA Ricezione della Chiamata Registrazione della Segnalazione Analisi Reportistica S E R

Dettagli

Presentazione Istituzionale - Gennaio 2012 -

Presentazione Istituzionale - Gennaio 2012 - Presentazione Istituzionale - Gennaio 2012 - Mission Erogare servizi ad ALTO VALORE aggiunto Operare con PROFESSIONALITA, proattività e flessibilità Garantire la massima QUALITA ai nostri clienti Garantire

Dettagli

CHI SIAMO COSA FACCIAMO

CHI SIAMO COSA FACCIAMO CHI SIAMO CallSend è una delle più dinamiche e flessibili realtà italiane nel campo del Direct marketing. Una crescita costante, una approfondita conoscenza del mercato ed una specializzazione operativa

Dettagli

LINEA DIRETTA CON ANFFAS

LINEA DIRETTA CON ANFFAS LINEA DIRETTA CON ANFFAS SONDAGGIO TELEFONICO Com è nata l idea del Sondaggio? Il sondaggio nasce dall esigenza, fortemente avvertita nel corso degli ultimi anni, da Anffas Nazionale di trovare un modo

Dettagli

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO A CURA DEL Centro studi SIC Sanità in Cifre Anno 2013 Nota metodologica Metodologia: Questionario strutturato, somministrato a diverse

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 16 maggio 2102 Comune di Cosenza RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO Ufficio Relazioni con il Pubblico Strumento n 9: modello report

Dettagli

Primo Convegno Nazionale AIQUAV Qualità della Vita: Territorio e Popolazioni Firenze, 29-31 luglio 2013

Primo Convegno Nazionale AIQUAV Qualità della Vita: Territorio e Popolazioni Firenze, 29-31 luglio 2013 Primo Convegno Nazionale AIQUAV Qualità della Vita: Territorio e Popolazioni Firenze, 29-31 luglio 2013 Centro di Riferimento Regionale sulle Criticità Relazionali La Salute Organizzativa in un gruppo

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO MEDICI COMPETENTI. Belluno 5 novembre 2014

INCONTRO INFORMATIVO MEDICI COMPETENTI. Belluno 5 novembre 2014 INCONTRO INFORMATIVO MEDICI COMPETENTI Belluno 5 novembre 2014 La valutazione del rischio SLC e ruolo del MC Legge Regione Veneto 22 gennaio 2010, n. 8 ~ sportelli di ascolto ~ centri di riferimento Attività

Dettagli

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012 IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di al consumo anno 2012 Il al consumo in Italia Il settore del ai consumatori è regolato dal Testo Unico Bancario, così

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

REGOLAMENTO DEI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CITTÀ DI COLLEGNO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO DEI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA TITOLO I OGGETTO ART. 1 OGGETTO ART. 2 DISCIPLINA DEI SERVIZI TITOLO II SISTEMA LOCALE DEI SERVIZI SOCIO

Dettagli

METODOLOGIA PER L INDAGINE E LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO

METODOLOGIA PER L INDAGINE E LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L articolo 28 del Decreto Legislativo n 81/2008 introduce l obbligo per il Datore di Lavoro di valutare, insieme agli altri rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori,

Dettagli

SINTESI DELLA RICERCA

SINTESI DELLA RICERCA Stabilmente precari? Rapporto 2008 sui lavoratori parasubordinati iscritti alle Gestione Separata INPS 1 2 Patrizio Di Nicola, Isabella Mingo 3 4 Zaira Bassetti, Mariangela Sabato Giugno 2008 SINTESI DELLA

Dettagli

L atteggiamento degli italiani verso il VOIP

L atteggiamento degli italiani verso il VOIP 20154 Milano - Viale Pasubio, 6 Tel. 02-45467.1 Fax 02-45467.328 www.telesurvey.it e-mail: telesurvey@telesurvey.it L atteggiamento degli italiani verso il VOIP I risultati di un sondaggio d opinioned

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione Lezione 6 La microstruttura organizzativa Il job design e la motivazione 1 Un modello di progettazione organizzativa d impresa Ambiente Cultura Obiettivi e strategia Macro Struttura 1. Formalizzazione

Dettagli

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia. Dicembre 2013 (Dati cumulati anno 2013)

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia. Dicembre 2013 (Dati cumulati anno 2013) Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia Dicembre 2013 (Dati cumulati anno 2013) INDICE Premessa Sintesi e analisi dei risultati: famiglie e individui

Dettagli

TRASFORMARE. Microcosmos VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO UN OBBLIGO DI LEGGE IN UN OPPORTUNITÀ PER L AZIENDA E PER I LAVORATORI

TRASFORMARE. Microcosmos VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO UN OBBLIGO DI LEGGE IN UN OPPORTUNITÀ PER L AZIENDA E PER I LAVORATORI Microcosmos Microcosmos Srl VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO TRASFORMARE UN OBBLIGO DI LEGGE IN UN OPPORTUNITÀ PER L AZIENDA E PER I LAVORATORI Testo Unico Sicurezza - Art. 28 DL 81/2008 L art.

Dettagli

SICUREZZA E PREVENZIONE

SICUREZZA E PREVENZIONE SICUREZZA E PREVENZIONE Lo stress lavoro-correlato Un fenomeno in aumento, da gestire per il benessere di lavoratori e imprese Le Linee di indirizzo del Ministero Il 25% dei lavoratori europei dichiara

Dettagli

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia. Dicembre 2014 (Dati cumulati cicli 1, 2, 3, 4 del 2014)

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia. Dicembre 2014 (Dati cumulati cicli 1, 2, 3, 4 del 2014) Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia Dicembre 2014 (Dati cumulati cicli 1, 2, 3, 4 del 2014) INDICE Premessa Sintesi e analisi dei risultati: famiglie

Dettagli

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia

Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia Sintesi e analisi dei risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia Giugno 2015 (Dati cumulati cicli 3, 4 del 2014 e cicli 1, 2 del 2015) INDICE Premessa Sintesi e analisi dei

Dettagli

ConCert - CTP Certified Telemarketing Professional Syllabus area teleselling/telemarketing

ConCert - CTP Certified Telemarketing Professional Syllabus area teleselling/telemarketing ConCert - CTP Certified Telemarketing Professional Syllabus area teleselling/telemarketing Indice degli argomenti 2. Modulo 2 Teleselling/Telemarketing...2 2.1. Servizi e tecnologie...2 2.1.1. Call Center...2

Dettagli

eprogress la soluzione completa per la gestione della relazione e del contatto

eprogress la soluzione completa per la gestione della relazione e del contatto eprogress la soluzione completa per la gestione della relazione e del contatto eprogress eprogress è la piattaforma per la gestione del contatto e della relazione sviluppata da ONC. Le principali caratteristiche

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI VITA DEGLI STUDENTI INTALIANI: L ESPERIENZA DI PAVIA

VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI VITA DEGLI STUDENTI INTALIANI: L ESPERIENZA DI PAVIA Firenze, 9-10 Settembre 2010 Qualità di vita in età evolutiva VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI VITA DEGLI STUDENTI INTALIANI: L ESPERIENZA DI PAVIA Verri A 1., Cremante A 1., Clerici F 1., Vernice M 2., Chester

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

Valutazione del servizio di outsourcing informatico

Valutazione del servizio di outsourcing informatico Valutazione del servizio di outsourcing informatico 1. Premessa Dall inizio del 1999 lo IUAV ha affidato, ad una ditta esterna la fornitura di servizi informatici. In particolare sono esternalizzate le

Dettagli

IL MOBBING. Alcune considerazioni per inquadrare il problema anche alla luce delle normative su salute e sicurezza sul lavoro

IL MOBBING. Alcune considerazioni per inquadrare il problema anche alla luce delle normative su salute e sicurezza sul lavoro IL MOBBING Alcune considerazioni per inquadrare il problema anche alla luce delle normative su salute e sicurezza sul lavoro Paola Cenni GdL: Mobbing and Diversity Management Comitato Pari Opportunità,

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PARTECIPANTI

BANDO DI SELEZIONE PARTECIPANTI PROGRAMMA OPERATIVO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 FONDO SOCIALE EUROPEO REGIONE SICILIANA ASSE III INCLUSIONE SOCIALE INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO P R O G E T T O FORMAZIONE & LAVORO CIP 2007.IT.051.PO.003/III/G/F/6.2.1/0161

Dettagli

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale

Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Cittadinanza Attiva e Sostenibilità Ambientale Progetto finanziato dal Dipartimento della Gioventù Contesto e giustificazione del progetto L idea progettuale nasce dalle analisi effettuate sulle esperienze

Dettagli

ConCert - CCP Certified Customercare Professional Syllabus area customer care/help desk

ConCert - CCP Certified Customercare Professional Syllabus area customer care/help desk ConCert - CCP Certified Customercare Professional Syllabus area customer care/help desk Indice degli argomenti 1. Modulo 1 Customer Care/Help Desk...2 1.1. Servizi e tecnologie...2 1.1.1. Call Center...2

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study Contact Center in Outsourcing Il gruppo PHONEMEDIA B-SERVICES Un caso di successo con SISECO In breve Profilo aziendale Phonemedia-B-Services è la prima struttura italiana

Dettagli

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003. Tipo Ente: Comune. Ufficio: Servizi Scolastici. Servizio: Gestione mensa

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003. Tipo Ente: Comune. Ufficio: Servizi Scolastici. Servizio: Gestione mensa CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003 Tipo Ente: Comune Ufficio: Servizi Scolastici Servizio: Gestione mensa 1 INDICE 1 OGGETTO E CONTENUTI... 3 1.1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO OGGETTO DI CUSTOMER SATISFACTION...

Dettagli

XV Rapporto sulla Formazione nella Pubblica Amministrazione Note per la compilazione del questionario di rilevazione

XV Rapporto sulla Formazione nella Pubblica Amministrazione Note per la compilazione del questionario di rilevazione XV Rapporto sulla Formazione nella Pubblica Amministrazione del questionario di rilevazione Sezione 1 - Dati sintetici sul personale e le attività di formazione 1.1 Compilazione della domanda Q1: Personale

Dettagli

Barometro Service Level Agreement - SLA

Barometro Service Level Agreement - SLA CMMC - RICERCHE ON-LINE Barometro Service Level Agreement - SLA Per partecipare alla versione su web: www.club-cmmc.it/interattivita/ricerche-online.htm Per un supporto consultare le "FAQ" o scrivere a

Dettagli

SETTORE TELECOMUNICAZIONI

SETTORE TELECOMUNICAZIONI STRESS LAVORO-CORRELATO e RISCHI PSICOSOCIALI SETTORE TELECOMUNICAZIONI Nel contesto italiano il settore delle telecomunicazioni è in forte e continua crescita. Tale settore è caratterizzato da una popolazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA L Università degli studi di Messina In collaborazione con il Comitato Pari Opportunità Piano di Azioni positive triennio 2008/2011 Le azioni positive sono, com è noto, lo strumento fondamentale per l attuazione

Dettagli

SINTESI 3 ANALISI DEI RISULTATI 6. La sensibilità dei cittadini al tema della raccolta differenziata 6. L efficacia dei flussi informativi 8

SINTESI 3 ANALISI DEI RISULTATI 6. La sensibilità dei cittadini al tema della raccolta differenziata 6. L efficacia dei flussi informativi 8 Indice SINTESI 3 ANALISI DEI RISULTATI 6 La sensibilità dei cittadini al tema della raccolta differenziata 6 L efficacia dei flussi informativi 8 La soddisfazione per il servizio di raccolta porta a porta

Dettagli

Benessere Organizzativo

Benessere Organizzativo Benessere Organizzativo Grazie per aver scelto di partecipare a questa indagine sul benessere organizzativo. Rispondere alle domande dovrebbe richiedere non più di 15-20 minuti. Attraverso il questionario

Dettagli

Qualità, integrazione e innovazione nei call center bancari

Qualità, integrazione e innovazione nei call center bancari L Osservatorio 2010 ABI-ABI Lab sui call center bancari evidenzia una sempre più ampia proattività di questo canale che diviene operativo anche nella comunicazione via web, potendo beneficiare della professionalità

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

Questionario Service Standard CoC CTCY. Familiari

Questionario Service Standard CoC CTCY. Familiari Questionario Service Standard CoC CTCY Familiari QUESTIONARIO SUGLI STANDARD DELLE COMUNITA PER MINORI RIVOLTO AI FAMILIARI DEGLI UTENTI OSPITI Simone Bruschetta Catania, 2012 Versione ridotta per i familiari

Dettagli

Il servizio di Teleassistenza: rilevazione della soddisfazione degli utenti

Il servizio di Teleassistenza: rilevazione della soddisfazione degli utenti Provincia di Milano Direzione Centrale Cultura e Affari Sociali Settore Sostegno e Prevenzione delle Emergenze Sociali Ufficio Teleassistenza Il servizio di Teleassistenza: rilevazione della soddisfazione

Dettagli

UN OSSERVATORIO SUGLI IMMIGRATI

UN OSSERVATORIO SUGLI IMMIGRATI UN OSSERVATORIO SUGLI IMMIGRATI GLI IMMIGRATI IN ITALIA Gli immigrati sono una presenza in crescita quantitativa in Italia. Sono raddoppiati negli ultimi 6-7 anni, raggiungendo 2 milioni 940 mila presenze

Dettagli

BENESSERE ORGANIZZATIVO Un approccio per potenziare le performance aziendali in coerenza con il D.Lgs. 81/2008

BENESSERE ORGANIZZATIVO Un approccio per potenziare le performance aziendali in coerenza con il D.Lgs. 81/2008 Un approccio per potenziare le performance aziendali in coerenza con il D.Lgs. 81/2008 AICQ Piemontese - Team di Psicologia dell Organizzazione 4S Group Dott.ssa Sara Turci - Dott.ssa Barbara Sacchini

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE DEL PERSONALE DEL CRA

QUESTIONARIO SUL BENESSERE DEL PERSONALE DEL CRA COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA', LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI (CUG) QUESTIONARIO SUL BENESSERE DEL PERSONALE DEL CRA DATI ANAGRAFICI SESSO

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO

QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO Università degli Studi di Milano-Bicocca Dipartimento di Psicologia QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO Il presente questionario costituisce a) la fase finale del corso, nella forma di ricerca/intervento,

Dettagli

FINANCIAL INDUSTRY CRM SERVICES

FINANCIAL INDUSTRY CRM SERVICES Le soluzioni di Contact Center proposte da Numero Blu soddisfano le richieste dei Clienti delle Aziende Committenti, grazie ad un infrastruttura tecnologica basata su sistemi dotati della flessibilità

Dettagli

Consorzio Tir.So Carta dei servizi

Consorzio Tir.So Carta dei servizi Consorzio Tir.So Carta dei servizi COOPERATIVA LA LUNA 1 Presentazione La Carta dei Servizi è uno strumento che nasce dalla volontà di promuovere una corretta informazione unitamente alla garanzia dei

Dettagli

INDAGINE CITTADINI NUOVO CAD AGENDA DIGITALE

INDAGINE CITTADINI NUOVO CAD AGENDA DIGITALE INDAGINE CITTADINI NUOVO CAD AGENDA DIGITALE 2 INTRODUZIONE Il presente documento illustra i risultati dell indagine effettuata presso gli italiani, volta a comprendere la percezione generale che essi

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI PERUGIA Comitato Unico di Garanzia per le Pari Opportunità, la Valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO DI AZIONI POSITIVE 2015-2017 INDICE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO INDAGINI SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO, SUL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E SULLA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO RELATIVE ALL ANNO 2013 Documento

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Call Center: Stress Organizzativo e Benessere Psicosociale. Risultati generali

Call Center: Stress Organizzativo e Benessere Psicosociale. Risultati generali Call Center: Stress Organizzativo e Benessere Psicosociale. Risultati generali 1 DOTT. PAOLO PAPPONE PSICHIATRA ASL NAPOLI 1 CENTRO A.S. MOBBING E DISADATTAMENTO LAVORATIVO P.Pappone Call Center: Stress

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 COMUNE DI FIUMEFREDDO DI SICILIA Provincia di Catania PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 Approvato con Delibera di G.M. nr. 178 del 20.12.2013 1 FONTI: Legge

Dettagli

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CLIMA E DELLA MOTIVAZIONE La spinta motivazionale delle persone che operano in azienda è

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO Anno di indagine 2014 A cura dei RLS Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Università degli Studi di Bergamo Elaborazione conclusa a Giugno 2015 1 INDICE

Dettagli

STRESS LAVORO CORRELATO

STRESS LAVORO CORRELATO ENTE PARCO ANTOLA SERVIZIO PERSONALE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28, comma 1-bis, e art. 29, D.Lgs.vo 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 23692 del

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI PAU PROVINCIA DI ORISTANO "Paese dell'ossidiana" PIANO DI AZIONI POSITIVE 2015/2017 Art. 48 D. Lgs. 11.04.2006, n. 198. L adozione del Piano Triennale di azioni positive risponde ad un obbligo

Dettagli

LE BEST PRACTICES SUL TERRITORIO: APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE. Laura Mengoni

LE BEST PRACTICES SUL TERRITORIO: APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE. Laura Mengoni LE BEST PRACTICES SUL TERRITORIO: APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE Laura Mengoni Roma, 17 Luglio 2012 LA TRANSIZIONE SCUOLA LAVORO Contratto di apprendistato (d.lgs. 14 settembre 2011, n. 167) Nome vecchio

Dettagli

L adesione a tale progetto è da considerarsi come esperienza che possa consentire di raggiungere più obiettivi:

L adesione a tale progetto è da considerarsi come esperienza che possa consentire di raggiungere più obiettivi: Dott. Giuseppe MONTAGANO Dirigente Generale del Dipartimento Salute, Sic. E Sol. Soc. Servizi alla Persona ed alla Comunità S E D E Spett.le CANTIERI DIARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA ROMA Oggetto Benessere

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

1) A quale Livello Acli appartieni? (una sola risposta) Punto famiglia Sportello immigrati Patronato altro: Nessuna risposta

1) A quale Livello Acli appartieni? (una sola risposta) Punto famiglia Sportello immigrati Patronato altro: Nessuna risposta Ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità o di disagio. Progetto, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ai sensi della legge

Dettagli

Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI

Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI Circolare Informativa n 10 /2015 Oggetto : JOBS ACT : I DECRETI ATTUATIVI il Consiglio dei Ministri di venerdì 20 febbraio ha approvato quattro decreti attuativi del Jobs Act, la legge delega della Riforma

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro INDICE Premessa 3 1. La valutazione permanente e la disciplina delle

Dettagli

carta dei servizi duemilaundici duemiladodici

carta dei servizi duemilaundici duemiladodici carta dei servizi duemilaundici duemiladodici CoopeRAtiva sociale Il segno CoopeRAtiva sociale Il segno CoopeRAtiva sociale Il segno CoopeRAtiva sociale Il segno 1 I principi Il sogno fondamentali di un

Dettagli

RC Auto Quanto mi costi? Progetto finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico

RC Auto Quanto mi costi? Progetto finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico RC Auto Quanto mi costi? Progetto finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico RC Auto quanto mi costi? Il servizio Rapporto di Ricerca su: Caratteristiche dell utente Canali distributivi Informazione

Dettagli

STUDIO R.O.C.C. BANCARIO SERVIZI ALLE AZIENDE (OUTSOURCING) TELECOMUNICAZIONE RAPPORTO PER SETTORE DI ATTIVITA :

STUDIO R.O.C.C. BANCARIO SERVIZI ALLE AZIENDE (OUTSOURCING) TELECOMUNICAZIONE RAPPORTO PER SETTORE DI ATTIVITA : STUDIO R.O.C.C. FATTORI DI RISCHIO OCCUPAZIONALE NEI CALL CENTER: UN INDAGINE CAMPIONARIA SULLE LAVORATRICI E SUI LAVORATORI NELLA REGIONE PIEMONTE. RAPPORTO PER SETTORE DI ATTIVITA : BANCARIO SERVIZI

Dettagli

Tavolo. Crescita ed equità

Tavolo. Crescita ed equità Tavolo Crescita ed equità Roma 19 giugno 2007 Le Organizzazioni dell artigianato e del commercio, preso atto delle linee di intervento indicate nella relazione del Ministro del Lavoro e della Previdenza

Dettagli