SCHEDA PROGETTO AR-CONCILIA: UNA QUOTIDIANITA' PIU' SEMPLICE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA PROGETTO AR-CONCILIA: UNA QUOTIDIANITA' PIU' SEMPLICE"

Transcript

1 SCHEDA PROGETTO AR-CONCILIA: UNA QUOTIDIANITA' PIU' SEMPLICE SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARCOBALENO COOPERATIVA SOCIALE INDIRIZZO Sede Operativa : Via Paolo Veronese 202 CAP - COMUNE Torino NOMINATIVO Maria Gabriella Serra N TELEFONICO INDIRIZZO MAIL REALIZZAZIONE E PRIMA ATTIVAZIONE DI NIDI O MICRO-NIDI AZIENDALI, ANCHE IN AMBITO RURALE AZIONI FINALIZZATE ALL AGGIORNAMENTO CONTINUO DELLE DONNE ASSENTI DAL LAVORO PER PERIODI MEDIO/LUNGHI LEGATE AD ESIGENZE DI CONCILIAZIONE E ALLA FACILITAZIONE DEL RIENTRO AL LAVORO REALIZZAZIONE DI FORMULE ORGANIZZATIVE DI LAVORO DECENTRATO PER INTRODURRE E/O RAFFORZARE MODELLI X FLESSIBILI DI TELELAVORO (ES.: DOMICILIARE PRESSO TELECENTRI, POSTAZIONI MOBILI) ATTIVAZIONE DELL UTILIZZO DEL PART-TIME CON MODALITÀ FLESSIBILI E REVERSIBILI, DESTINATO ANCHE AI LIVELLI PIÙ ALTI ATTIVAZIONE DI SOLUZIONI INNOVATIVE DI JOB SHARING (LAVORO RIPARTITO O CONDIVISO TRA PIÙ LAVORATRICI) ANCHE IN POSIZIONI MEDIO-ALTE E DI JOB ROTATION (ROTAZIONE O SOSTITUZIONE TRA LAVORATRICI) DATA DI INIZIO: 23/01/2012 DATA DI CONCLUSIONE: 22/01/2013 DESTINATARIE: Il Progetto è rivolto a 13 donne: 11 impiegate presso la Centrale Operativa Telefonica, 2 impiegate dell'ufficio Paghe. L'età media delle donne coinvolte è di 45 anni, sono tutte socie e lavorano presso la Cooperativa da almeno 4 anni, con contratto di lavoro a tempo indeterminato. Tre lavoratrici hanno un orario full-time, dieci part-time. Le situazioni delle lavoratrici interessate, sono caratterizzate da difficoltà : persone con I.C.,con minori a carico e/o abitanti in luoghi lontani dal posto di lavoro. CONTESTO IN CUI NASCE L IDEA PROGETTUALE: La Cooperativa Sociale Arcobaleno nasce nel 1992 da una realtà di Accoglienza del Gruppo Abele, con il preciso intento di creare a Torino nuove realtà finalizzate ad offrire opportunità lavorative per persone provenienti dall'area del disagio sociale. Attraverso la collaborazione costante tra le diverse agenzie, sia pubbliche che private che operano nel sociale, la Cooperativa Arcobaleno sperimenta azioni imprenditoriali capaci di farsi carico sia di 1

2 reali obiettibi produttivi sia degli inevitabili rischi di impresa, ma anche e soprattutto di sostenere ed inserire nel mercato del lavoro molte di quelle persone che il sistema produttivo classico (profit) fa fatica ad inserire e che a volte proprio non accetta. Offre nel contempo una risposta che vuole e deve essere dignitosa, in grado di far recuperare dignità, autostima,capacità e competenze piene o residue alle persone. La mission della Cooperativa possiede una logica di sostenibilità economica reale, unita alla scommessa di rendere dignitosi e spendibili sul mercato del lavoro le competenze delle persone che giungono da percorsi anche di estrema fatica. Persegue l'interesse generale della comunità alla promozione umana e all'integrazione sociale di coloro che in essa operano, secondo criteri di legalità e di giustizia sociale. La volontà è anche quella di cercare di scardinare l'immagine poco gratificante dell'impresa sociale e dei suoi lavoratori come relegati ad operare in settori di mercato marginale. Il gruppo di lavoratrici della Cooperativa al quale è rivolto il Progetto è una microrealtà coerente con la mission della Cooperativa. Infatti accanto a persone che vivono una quotidianità più semplice e regolare, ci sono persone che sono affaticate da situazioni più complesse da gestire: grave disabilità personale o di congiunti prossimi, minori da accudire senza appoggi di reti parentali significative, importante disagio personale e psicologico. Certamente la problematica situazione famigliare, sociale e di salute delle lavoratrici interessate crea una situazione difficile nel contesto lavorativo soprattutto in merito a lunghi e ripetuti periodi di assenza dal lavoro. Le fatiche personali si sommano alle fatiche dei colleghi, creando spesso un ambiente scarsamente solidale. La Centrale Operativa Telefonica occupa 14 persone, 3 delle quali uomini. Sono impegnati quotidianamente in quattro diversi servizi, svolgendo le seguenti mansioni: 1) Numero Verde del Servizio Cartesio (Servizio di raccolta carta porta-porta) 2) Numero Verde Acsel/Seta (Società che si occupano di raccolta materiali non pericolosi porta-porta in Val di Susa e nella zona territoriale a Nord di Torino e che appaltano alla Cooperativa Arcobaleno tale Servizio) 3) Centrale Operativa Ingombranti Tali Servizi sono gestiti parte in outband e parte in inbound, oltre ad un significativo volume di lavorazioni in back office. Ogni Servizio utilizza un applicativo software specifico e tutti gli operatori sono formati all'uso di uno o più applicativi e conseguenti elaborazioni successive. Tutti, attingono,elaborano e imputano informazioni su data base che possono essere accessibili anche da postazioni remote tramite Internet. Analogo discorso vale per le operazioni inerenti le buste paga e l'elaborazione dei dati contabili ai fini del controllo di gestione. DESCRIZIONE DEGLI OBIETTIVI: Il numero e la qualità dei benefici di cui godrebbero le lavoratrici coinvolte sono intrinsechi alla struttura stessa del Progetto e si possono così elencare: a) riduzione dei tempi e dei costi di viaggio, con conseguente aumento indiretto del reddito; b) minore sconvolgimento della vita famigliare nei suoi ritmi naturali; c) quotidianità più semplice per le persone che sono invalide e che subiscono un'oggettiva difficoltà negli spostamenti ; d) tutela dei minori, figli di genitori single che spesso sono costretti a delegarne la cura a più strutture e più persone ; e) sostegno alle lavoratrici che hanno cura dei famigliari anziani e/o malati; f) miglior equilibrio tra lavoro e vita famigliare: pur lavorando, la donna può aspettarsi di potersi occupare maggiormente della famiglia e partecipare facilmente alle responsabilità famigliari: accompagnare i figli a scuola,fare la spesa, occuparsi della casa, etc. 2

3 g) partecipazione alla vita del proprio territorio, anche solo del proprio condominio, "essere sul posto" può significare dare vita alla propria comunità a dispetto di zone che sempre più si connotano come "città dormitorio". La proposta di Telelavoro, ben si sposa con la filosofia della Cooperativa Arcobaleno che mette al centro della sua politica l'importanza della persona,globalmente considerata sia sotto l'aspetto professionale che personale. ATTIVITA PREVISTE PER IL CONSEGUIMENTO DEGLI OBIETTIVI: Il Telelavoro come modalità di lavoro è per la Cooperativa Arcobaleno, assolutamente una novità. Per questo motivo le attività, legate a fasi di lavoro temporali ben precise, sono caratterizzate dalla presenza e dall'apporto di un discreto numero di figure professionali con competenze e capacità diverse. Come prima attività, si è proceduto alla definizione delle responsabilità, ed all'attribuzione dei compiti, costituendo un gruppo di lavoro, cosiddetto Cabina di Regia, composto da due sottogruppi: uno con competenze di tipo tecnico-informatico e l'altro con uno specifico professionale umanistico. I due sottogruppi di lavoro, compiranno azioni anche in concomitanza e si prefigureranno come "uno di servizio all'altro". Il gruppo di lavoro con le competenze educative, ha lavorato sull'analisi dei bisogni, sia personali che aziendali, attenzionando sia le richieste esplicite:"vorrei lavorare da casa", sia le richieste implicite: richieste continue di ferie, malattie a singhiozzo, malumori all'interno del Gruppo di lavoro,etc. Ogni lavoratrice ha potuto esprimere le sue perplessità nell'ambito di un colloquio individuale con la Referente del Progetto e/o con il Responsabile del Personale. Successivamente, le lavoratrici sono state incontrate in gruppi, per la precisione due, così da garantire un'efficace copertura dei servizi. Durante gli incontri di gruppo, sono stati illustrati i vantaggi del Telelavoro, sia per le lavoratrici, ma anche per l'azienda. Si raccolgono impressioni, perplessità e le eventuali disponibilità; inoltre si esplicita con estrema chiarezza quello che sarebbe il livello di controllo da parte della Cooperativa, per instaurare sin dall'inizio un meccanismo di fiducia e di trasparenza. Attraverso i colloqui individuali e gli incontri in gruppo, si sono rese evidenti quelle lavoratrici intenzionate a definirsi "Gruppo Pilota", persone più motivate da esigenze famigliari e personali piuttosto importanti. Il timore reso esplicito è legato alla paura di cambiare le proprie abitudini in relazione ai bisogni del proprio nucleo famigliare. Il sottogruppo con competenze tecnico-informatiche, ha predisposto un piano operativo preliminare che contiene le seguenti operazioni: adeguamento da predisporre in termini sistemistici e infrastrutturale oltre che la pianificazione degli interventi necessari ai sofware di vario livello. Ogni tecnico, nel proprio ambito dettaglia le varie fasi e produce un cronoprogramma di attuazione, che prende inizio con l'acquisto dei prodotti, l'analisi funzionale per l'adeguamento dei programmi,configurazione e adattamento sistemistico con le configurazioni di eventuali nuovi apparati, minutazione e implementazione dei sofware esistenti e dei nuovi software di gestione. Un contributo molto importante al Progetto è stato l'individuazione di moduli formativi adeguati e l'organizzazione degli stessi. La formazione, prevista durante l'orario di lavoro, ha dovuto tener conto delle esigenze di servizio, pertanto le sessioni di formazione sono state proposte almeno con una ripetizione. Le lavoratrici sono state formate su nuovi applicativi software, in materia di sicurezza e in tema legislativo-contrattuale, e finalmente hanno potuto cominciare il lavoro a domicilio, naturalmente dopo aver effettuato una prova di connessione e un breve tirocinio guidato. I due sottogruppi della Cabina di Regia, sempre in stretto contatto, sono stati costantemente presenti 3

4 e reperibili con il loro specifico compito: assistenza con connessione remota o visita on site quando necessario, disponibilità al confronto sulle eventuali criticità legate al cambiamento della usuale modalità lavorativa. A seguito di un ragionevole tempo di sperimentazione si è incontrato il "gruppo pilota" per raccogliere le prime impressioni in merito alla nuova esperienza. Nell'ambito di colloqui individuali, laddove le lavoratrici hanno potuto approfondire meglio i propri vissuti, sono emersi contenuti in parte già attesi: infatti le lavoratrici che si erano mostrate molto propense alla sperimentazione, hanno confermato un buon livello di benessere raggiunto, sia sul piano personale che famigliare; le lavoratrici che temevano un contatto troppo diretto e costante con i propri bambini e familiari, a seguito dell'esperienza si sono rinfrancate. Una delle lavoratrici ha acquistato un vitello per fare una sorta di ragionamento in prospettiva della sua vita futura. Interessante il vissuto di una lavoratrice che ha accusato la fatica di trovarsi "troppo" a contatto con i suoi familiari, essendo da troppo tempo abituata a delegare la cura dei bambini, anche quando malati, ad altri. L'ambiente di lavoro, connotato come luogo di scambio, di confronto con i colleghi paragonato all'ambiente domestico più silenzioso e meno sollecitato, al momento risulta meno preferito. Nessuna lavoratrice ha rilevato criticità da sottolineare in modo particolare. Ogni fase sopradescritta, certamente con maggiore scioltezza in virtù delle capacità acquisite con l'esperienza, è stata riproposta per il secondo gruppo di lavoratrici, per le quali le fatiche sono state maggiori rispetto alle prime, anche perché già sussistevano alcune resistenze. Tuttavia l'esperienza proposta è stata vissuta con interesse e curiosità, suscitando nelle lavoratrici persino una diversa opinione rispetto all'inizio del percorso,in merito al lavoro a domicilio. Chi si vedeva "imbruttita ed in pigiama" dietro ad un computer, ha potuto scoprire invece alcuni vantaggi di un buon vivere quotidiano che non aveva considerato. Su 13 destinatarie, 6 continueranno a lavorare presso il proprio domicilio, una lavoratrice vorrebbe ma non può per ragioni tecniche, una lavoratrice ha cambiato mansione all'interno dell'organizzazione aziendale, mansione che non prevede il lavoro da casa e 5 destinatarie hanno scelto di non proseguire l'esperienza. STRUMENTI UTILIZZATI PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI: Attualmente la Cooperativa Arcobaleno gestisce quattro diversi servizi, parte in outbound e parte in inbound, oltre ad un significativo volume di lavorazioni in back office. Ogni servizio utilizza un applicativo software specifico e tutti gli operatori del Contact Center sono formati all'uso di uno o più applicativi e conseguenti elaborazioni successive ( back office). Tutti a qualsiasi titolo operino nella Centrale Operativa, attingono, elaborano e imputano informazioni su data base che possono essere resi accessibili anche da postazioni remote tramite Internet. Analogo discorso vale per le operazioni inerenti l'elaborazione delle buste paga e l'elaborazione dei dati contabili ai fini del controllo di gestione. E' quanto già di fatto accade tra le diverse sedi della Cooperativa, con il telelavoro occorre semplicemente strutturare i processi che consentiranno di operare dal proprio domicilio come se ci si trovasse in una sede distaccata. La potenzialità del sistema prevede che si possano disegnare ed ovviamente modificare in qualsiasi momento i percorsi dei flussi di informazione a seconda della provenienza e del destinatario/utilizzatore individuato. Le opportunità fornite dalla tecnologia VOIP unite all'uso degli applicativi su piattaforme web rendono effettivamente remotizzabili i lavori che si intendono svolgere in telelavoro. 4

5 ELEMENTI INNOVATIVI LEGATI ALLA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO PROPOSTO: L'innovazione metodologica del Progetto è intrinseca alla natura stessa del concetto di telelavoro. Assodato che tale modalità offre vantaggi significativi a lavoratori e datori di lavoro, presenta anche un'opportunità in merito a più ampi benefici sociali, ad esempio riducendo l'impatto ambientale del trasporto verso i luoghi di lavoro,oltre al risparmio dell'uso dei locali all'interno delle sedi di lavoro. Anche tale Progetto, come altri promossi dalla Cooperativa Arcobaleno, vuole essere una traduzione concreta della convinzione che il lavoro possa e debba essere strumento di valorizzazione e realizzazione delle persone, in particolare di quelle persone che stanno cercando di emergere da situazioni fortemente problematiche. Per questa tipologia di lavoratori in particolare, riuscire a conciliare i diversi tempi della propria vita, risulta particolarmente significativo e una buona organizzazione della giornata può far scaturire meccanismi virtuosi che coinvolgono le famiglie e gli ambienti nei quali esse sono inserite. In quest'ottica,il rispetto per quello che può essere il ritmo che scandisce una giornata lavorativa è senza dubbio un elemento di innovazione, che va a completare l'interesse per una migliore qualità della vita delle persone. E' evidente come in questo contesto, nel quale è prioritaria la centralità della persona, l'obiettivo di un Progetto "TELELAVORO" è ancora e sempre di più quello di rendere più semplice la quotidianità delle persone, offrendo alle lavoratrici concrete ed attuabili possibilità di conciliazione dei propri tempi di vita e di lavoro, promuovendo al contempo un'organizzazione aziendale innovativa che si propone come modello organizzativo nella gestione di alcuni servizi. RISULTATI ATTESI: I risultati attesi sono verificabili attraverso semplici indicatori: - effettivo risparmio dei costi: si sottolinea che la maggior parte delle lavoratrici coinvolte hanno avuto un abbassamento del reddito diretto se hanno dovuto richiedere un tempo parziale, indiretto per coloro che subiscono spostamenti onerosi. - incremendo della produttività, dato dal risparmio sui tempi di spostamento per raggiungere il posto di lavoro. - miglioramento della motivazione: se il Progetto funziona, le lavoratrici accolgono meglio il segnale di fiducia da parte dei Responsabili, e utilizzano al meglio uno stile di lavoro più autonomo. - capacità di recupero delle energie psicofisiche. - miglioramento del morale e della motivazione delle lavoratrici. - miglioramento dei servizi offerti al'utenza. - riduzione dell'assenteismo:ciò è dovuto al fatto che viene offerta alle lavoratrici una maggiore flessibilità nell'adattare la giornata lavorativa alle proprie esigenze e nel completare il lavoro con i propri tempi. Il Telelavoro può essere determinante per evitare l'abbandono del lavoro da parte di chi lo farebbe dopo la nascita di un figlio o dopo periodi di malattia importanti. RACCOMANDAZIONI PER LA TRASFERIBILITA : L'esperienza di un "gruppo pilota" che ha beneficiato dei vantaggi del Telelavoro, è sicuramente utile per spingere gli altri settori della Cooperativa compatibili con tale modalità lavorativa ad 5

6 affacciarsi verso la nuova organizzazione con la serenità dovuta. Negli ultimi anni sono aumentate le commesse di lavoro relative ai servizi di Call Center specializzati nella gestione di Raccolte Differenziate di Rifiuti. Ciò è dovuto alla diffusione del sistema di raccolta "porta a porta", che richiede una maggiore partecipazione del cittadino a cui deve corrispondere una costante ed aggiornata informazione sulle modalità del servizio di raccolta. la Cooperativa Arcobaleno, operando nel settore, ha sviluppato un Call Center che, attraverso software specializzati ed una formazione continua degli operatori, è in grado di raccogliere, filtrare ed organizzare le informazioni dalla cittadinanza verso il gestore della raccolta rifiuti e viceversa. Tale servizio è attualmente utilizzato da diverse aziende e garantito da contratti annuali o pluriennali rinnovati più volte ed in espansione; una ulteriore conferma è data dal volume di lavoro che è in costante incremento da oltre cinque anni. I sofware utilizzati dal Call Center sono di proprietà della Cooperativa Arcobaleno che, già in fase di progettazione, ha considerato la possibilità di un utilizzo in remoto e quindi, essendo ora economicamente accessibili hardware e software per la gestione dei flussi di chiamate, precedentemente sostenibili solo per grandi operatori del settore, si è verificata la sostenibilità economica del telelavoro. Le operatrici potranno quindi efficacementre lavorare da casa, potendo offrire anche una maggiore flessibilità dell'orario di lavoro, sia per quanto concerne le attività telefoniche che per le lavorazioni in back office, utile per far fronte a picchi di lavoro o assenze di colleghi. Sono previste tuttavia, al fine di garantire l'aggiornamento e l'efficienza del gruppo, sessioni quindicinali di lavoro e confronto presso la sede. Una logica analoga è stata applicata agli altri due settori coinvolti nel progetto, infatti l'elaborazione delle buste paga come anche di alcuni processi legati alla contabilità, possono essere svolti in remoto senza particolari difficoltà. Nel caso dell'ufficio Paghe i documenti da elaborare sono da tempo trasferiti all'ufficio incaricato tramite la intranet di Arcobaleno,allo stesso modo, i dati di contabilità vengono inviati all'ufficio che si occupa del controllo di gestione e bilancio. Ciò che oggi viene trasmesso sulla Intranet aziendale potrebbe facilmente essere reso disponibile in Internet remotizzando una gran parte di questi lavori che richiederebbero comunque una presenza periodica presso la sede, ma limitata ad un quinto circa dell'intero orario di lavoro. Naturalmente i software attualmente utilizzati per l'elaborazione delle buste paga e della contabilità operano su piattaforme web e quindi sono compatibili con lo sviluppo di un progetto di telelavoro. La sostenibilità nel tempo di una remotizzazione di questi servizi, paghe e controllo di gestione, è garantita dalla stessa Cooperativa Arcobaleno che nel tempo li ha internalizzati formando del personale in sostituzione dei precedenti consulenti esterni. 6

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO. PEFECT - PERsonalizzare e Flessibilizzare per Estendere le possibilità di Conciliazione attraverso il Telelavoro

SCHEDA PROGETTO. PEFECT - PERsonalizzare e Flessibilizzare per Estendere le possibilità di Conciliazione attraverso il Telelavoro SCHEDA PROGETTO PEFECT - PERsonalizzare e Flessibilizzare per Estendere le possibilità di Conciliazione attraverso il Telelavoro SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE FONDAZIONE CASA DI CARITÀ

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C AZIONE 3: attivazione di accordi sugli orari e sull organizzazione del lavoro, volti a favorire forme di flessibilità finalizzate alla conciliazione dei tempi di vita familiare e di lavoro dei lavoratori

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 Il presente Piano ha durata triennale e si sviluppa in obiettivi suddivisi a loro volta in azioni positive. PREMESSE Il Decreto

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Programma Ore Preziose

Programma Ore Preziose Programma Ore Preziose Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale Servizio della Programmazione Sociale e dei Supporti alla Direzione Generale Cagliari, 9 marzo 2009 LA CONCILIAZIONE Conciliare

Dettagli

Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende)

Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende) Conciliazione Lavoro - Famiglia (Questionario per le aziende) Grazie in anticipo per aver accettato di dedicarci il Suo tempo che sarà utile per la riuscita di questa indagine. Lo scopo dell'indagine è

Dettagli

Lo standard di certificazione Family Audit. Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison

Lo standard di certificazione Family Audit. Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison Lo standard di certificazione Family Audit Presentazione ad aziende Gian Paolo Barison Il Family Audit Il Family Audit è una certificazione aziendale che riconosce l'impegno di un'organizzazione per l

Dettagli

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su:

Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: Approfondimenti Servizi alla persona: informazioni sul mondo del lavoro Il Centro di Mediazione al Lavoro raccoglie, elabora e diffonde informazioni per i cittadini e le imprese su: - percorsi formativi

Dettagli

L INSERIMENTO DI GIOVANI RISORSE UMANE IN AZIENDA griglia per la conduzione di gruppi di lavoro con imprenditori e tutor aziendali

L INSERIMENTO DI GIOVANI RISORSE UMANE IN AZIENDA griglia per la conduzione di gruppi di lavoro con imprenditori e tutor aziendali La griglia si compone di due livelli: una parte "a testo libero", in cui si chiede di descrivere e rispondere in modo discorsivo; una parte codificata tramite una scala a punteggio (intervallo da 1 a 5)

Dettagli

PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM!

PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! OBIETTIVI GENERALI Provaci ancora Sam! è un Progetto integrato e interistituzionale volto a contrastare la dispersione scolastica che si connota come fenomeno complesso investendo

Dettagli

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Il Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 è il Testo Unico che ha riunito e riordinato le leggi in

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 11 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo Data 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO

Dettagli

RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE

RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE SETTEMBRE 2009 PREMESSA Il progetto ASTER PER LA CONCILIAZIONE è realizzato da Aster S.c.p.a. (di seguito ASTER) a seguito dell ammissione a parziale

Dettagli

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana

Orari (PCO) degli. Città di Avigliana Il Piano di Coordinamento degli Orari (PCO) Città di Avigliana Il Piano Coordinamento degli di Orari (PCO) * Introduzione * Il percorso per l elaborazione del PCO * Le fasi di lavoro * I temi e le azioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO INDAGINI SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO, SUL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E SULLA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO RELATIVE ALL ANNO 2013 Documento

Dettagli

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO:

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO: PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA La Prefettura di Modena, l Amministrazione

Dettagli

Family Audit. Guida pratica

Family Audit. Guida pratica Family Audit Guida pratica Cos è il Family Audit Strumento manageriale che promuove un cambiamento culturale e organizzativo all interno delle organizzazioni, e consente alle stesse di adottare politiche

Dettagli

Se la sussidiarietà diventa un voucher

Se la sussidiarietà diventa un voucher Voucher universale: ragioni e obiettivi della proposta Perché istituire un voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia? Quali sono i risultati attesi della riforma? di Roberto Cicciomessere

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO AI SENSI DELL ART. 3 c. 8 lett. a) DELL INTESA

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO AI SENSI DELL ART. 3 c. 8 lett. a) DELL INTESA INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO, SOTTOSCRITTA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

STRUMENTI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE DEL MINISTERO (siti web, call center, URP, ecc.)

STRUMENTI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE DEL MINISTERO (siti web, call center, URP, ecc.) 1/6 STRUMENTI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE DEL MINISTERO (siti web, call center, URP, ecc.) Princìpi essenziali Informare significa dare forma, le informazioni fornite da un soggetto (attivo) ad un

Dettagli

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 agosto 2010 Pag. 1 di 5 1. Denominazione, sede e

Dettagli

PROGETTO: NURSERY IN RETE (0-12 MESI) SALVABEBEBÈ SALVAMAM ME

PROGETTO: NURSERY IN RETE (0-12 MESI) SALVABEBEBÈ SALVAMAM ME PROGETTO: NURSERY IN RETE (0-12 MESI) SALVABEBÈ SALVAMAMME RELAZIONE DI MONITOR AGGIO E VALUTAZIONE PERIODO: 1 QUADRIMES TRE Regione Lazio Assessorato Politiche Sociali e Sport Avviso pubblico approvato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

Servizio di raccolta differenziata domiciliare della frazione cellulosica nel territorio della Città di Torino

Servizio di raccolta differenziata domiciliare della frazione cellulosica nel territorio della Città di Torino Servizio di raccolta differenziata domiciliare della frazione cellulosica nel territorio della Città di Torino La nostra è una cooperativa stabile, affidabile, che ha dimostrato di saper fare e saper immaginare.

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Provincia di Forlì-Cesena Comitato unico di garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1 PREMESSA

Dettagli

Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro

Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro Bando interdistrettuale: Misure a sostegno del welfare aziendale e della conciliazione famiglia lavoro PREMESSA Il lavoro in atto in Regione Lombardia sul tema conciliazione famiglia-lavoro e welfare aziendale

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

Azioni di conciliazione e buone prassi per il telelavoro e l'orario flessibile

Azioni di conciliazione e buone prassi per il telelavoro e l'orario flessibile sessione: TERZA Azioni di conciliazione e buone prassi per il telelavoro e l'orario flessibile gruppo di lavoro: BONA GRISELLI coordinatrice relatori: Bona Griselli, Rosa Mottola, Daniela Raffaelli Il

Dettagli

LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL

LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL LE INIZIATIVE PER LA CONCILIAZIONE VITA-LAVORO DEI DIPENDENTI INAIL PREMESSA Le profonde trasformazioni di natura demografica, sociale ed economica che hanno interessato i paesi europei a partire dagli

Dettagli

Outsourcing. 1. Orienta Direct Software

Outsourcing. 1. Orienta Direct Software Outsourcing La Orienta Direct nasce nel 1994 come società specializzata nella gestione in outsourcing di servizi aziendali e fa parte di un gruppo insieme alla Orienta Agenzia per il Lavoro. Sempre più

Dettagli

Reti Private Virtuali

Reti Private Virtuali di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani I sistemi per la realizzazione di Reti Private Virtuali (VPN) che utilizzano Internet come carrier a basso costo godono di una considerazione sempre crescente da

Dettagli

CHE COS E IL MENTORING

CHE COS E IL MENTORING CHE COS E IL MENTORING E un dato di fatto che il numero delle donne che lavorano è in sensibile aumento in ogni paese, ma nonostante questo, e malgrado molte donne rivestano posizioni anche altamente professionali,

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013

DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI. Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 DAL BANDO WELFARE AZIENDALE E INTERAZIENDALE ALLO SVILUPPO DI RETI TERRITORIALI Dott. Piergiorgio Guizzi C.C.I.A.A. di Brescia, 08 ottobre 2013 RETI TERRITORIALI OBIETTIVO Attivazione di reti territoriali

Dettagli

SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DELLE BABY SITTER ADDETTE ALLA CURA DEI BAMBINI 0-3 ANNI

SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DELLE BABY SITTER ADDETTE ALLA CURA DEI BAMBINI 0-3 ANNI SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DELLE BABY SITTER ADDETTE ALLA CURA DEI BAMBINI 0-3 ANNI INDICE Schema di certificazione delle aassistenti famigliari addette alla cura dei bambini 0-3 anni INDICE 0. Introduzione

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO RIGUARDANTE IL PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNALE (Triennio 2007-2009) Sottoscritto in data 13.5.2008

CONTRATTO INTEGRATIVO RIGUARDANTE IL PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNALE (Triennio 2007-2009) Sottoscritto in data 13.5.2008 CONTRATTO INTEGRATIVO RIGUARDANTE IL PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNALE (Triennio 2007-2009) Sottoscritto in data 13.5.2008 Il giorno 13 del mese di Maggio dell anno 2008, alle ore 12, presso una sala

Dettagli

Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati

Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati www.qualityinternships.eu Preambolo Premesso che:! per i giovani il passaggio dal sistema educativo al mercato del lavoro è sempre più difficile

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio)

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La figura del mediatore culturale è nata negli anni sulla base di precise esigenze,

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA L Università degli studi di Messina In collaborazione con il Comitato Pari Opportunità Piano di Azioni positive triennio 2008/2011 Le azioni positive sono, com è noto, lo strumento fondamentale per l attuazione

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo Indice 1. Premessa 3 2. Il sistema di misurazione e valutazione delle performance 4 3. Criteri per la

Dettagli

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy I principali risultati della ricerca realizzata nell ambito del In collaborazione con Paolo Anselmi - Vice Presidente GfK-Eurisko Luglio 2015

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO SCHEDA TECNICA DI PROGETTO Allegato 2) Bando per la costituzione di Alleanze Locali per la Conciliazione Famiglia Lavoro D.G.R 1081/13 e Decreto attuativo n. 2058/14 Titolo del progetto FAMIGLIA E LAVORO:

Dettagli

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese 27 novembre 2009 Gabriella Sberviglieri Consigliera di Parità - Varese 1 Slide elaborate da Anna M. Ponzellini Rielaborazione di Gabriella Sberviglieri

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per il Personale - Settore Sviluppo Risorse Umane - SISTEMA DI VALUTAZIONE PERFORMANCE INDIVIDUALE La gestione del colloquio di valutazione INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA

FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA AUSLRE Protocollo n 2015/0068531 del 31/07/2015 (Allegato) Pagina 1 di 7 FOCUS GROUP SU BENESSERE DEGLI OPERATORI DELL AZIENDA USL DI REGGIO EMILIA A cura di Manuela Predieri e Benedetta Riboldi - Comitato

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

Newsletter n. 5. L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi

Newsletter n. 5. L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi Newsletter n. 5 L agricoltura sociale e l esperienza degli agrinidi Presentazione Nell ambito del nostro progetto sull agricoltura multifunzionale, realizzato nel quadro del Piano di sviluppo rurale (Psr),

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

*********************************************************************** REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D'AOSTE

*********************************************************************** REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D'AOSTE *********************************************************************** CITTA' DI AOSTA VILLE D'AOSTE REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D'AOSTE REPUBBLICA ITALIANA REPUBLIQUE ITALIENNE

Dettagli

Contact Center Regionale Multicanale. Progetto IQuEL

Contact Center Regionale Multicanale. Progetto IQuEL interoperabilità verso il Progetto IQuEL Ver. 1.0 Sommario 1. Contact Center Regionale Multicanale: Obiettivi di progetto... 3 2. Interoperabilità fra il Progetto Contact Center Regionale Multicanale e

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO LINEE GUIDA INTERNE PER ATTIVARE L ATTIVITA LAVORATIVA IN TELELAVORO

POLITECNICO DI MILANO LINEE GUIDA INTERNE PER ATTIVARE L ATTIVITA LAVORATIVA IN TELELAVORO POLITECNICO DI MILANO LINEE GUIDA INTERNE PER ATTIVARE L ATTIVITA LAVORATIVA IN TELELAVORO Art. 1 - Finalità 1. Il Politecnico di Milano si avvale di nuove opportunità di impegno e di conciliazione della

Dettagli

Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione

Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione Scheda di candidatura Pubblica Amministrazione Premio FamigliaLavoro, Terza edizione L intento della Scheda di candidatura non è soltanto quello di raccogliere informazioni sulle politiche di conciliazione

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

X Datore di lavoro pubblico

X Datore di lavoro pubblico AZIONE 3 - attivazione di accordi sugli orari e sull organizzazione del lavoro, volti a favorire forme di flessibilità finalizzate alla conciliazione dei tempi di vita familiare e di lavoro dei lavoratori

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio Allegato A INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO,

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica L Assistente Sociale e la Rete Oncologica Tavola Rotonda Paola Giribaldi Torino, 14 settembre 2013 La Rete degli Assistenti Sociali E stata istituita con Determinazione Regionale n. 265 dell' 8 settembre

Dettagli

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate Le opinioni dei Capi di Istituto e dei responsabili scolastici dei progetti -25- -26- Nota

Dettagli

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015)

Periodo (01 Aprile 29 Maggio 2015) BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO ECONOMICO UNA TANTUM RIVOLTO AD AZIENDE PUBBLICHE E PRIVATE, ASSOCIAZIONI, e PROFESSIONISTI ISCRITTI AGLI ALBI CHE ADOTTANO PROCEDURE DI BUONE PRASSI PER

Dettagli

il Presidente della Cooperativa I Percorsi Maurizio Cavalli

il Presidente della Cooperativa I Percorsi Maurizio Cavalli Cooperativa SoCiale i percorsi è importante costruire ponti, reti, sinergie, lavorare per la creazione di comunità locali nelle quali mettere sempre più al centro la persona, svantaggiata o meno, nuova

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 Comune di Cinisello Balsamo Allegato A) alla Deliberazione di Giunta comunale n. 112 del 28/05/2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Piano di Azioni Positive

Dettagli

Educando tra Milano e Monza

Educando tra Milano e Monza Scheda progetto Educando tra Milano e Monza Il progetto si sviluppa in quattordici comuni delle provincie di Milano e Monza e in un Associazione di Milano. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto

Dettagli

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO

COMUNE di LENTATE SUL SEVESO COMUNE di LENTATE SUL SEVESO Provincia di Monza e della Brianza PIANO DELLE AZIONI POSITIVE Triennio 2015/2017 Riferimenti normativi: - Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198 «Codice delle pari opportunità

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA RIFORMA

LINEE GUIDA PER UNA RIFORMA A S S E S S O R A T O A L L E P O L I T I C H E S O C I A L I E A L L O S P O R T DISCIPLINA DEL SERVIZIO PUBBLICO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-ASSISTENZIALE E DELL ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI EROGATORI

Dettagli

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO Comuni di: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere. REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA INDICE ART.

Dettagli

assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti

assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti Punto unico di accesso ai servizi per assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti Relazione del Consigliere regionale Maria Grazia Fabrizio Venerdì 11 luglio Milano Noi abitanti

Dettagli

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT.

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT. Direzione generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA Promozione di un azione di sistema volta alla programmazione e attuazione degli

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali

REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali Il presente allegato è composto di n. 14 pagine Allegato 1 REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche Sociali SCHEMA DI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE TRA SERVIZI TERRITORIALI, ENTI AUTORIZZATI

Dettagli

Comunicato ai Lavoratori Telecom Italia Vertenza Caring Services. Le ragioni della firma di SLC CGIL: Ora la parola passa ai lavoratori.

Comunicato ai Lavoratori Telecom Italia Vertenza Caring Services. Le ragioni della firma di SLC CGIL: Ora la parola passa ai lavoratori. Sindacato Lavoratori Comunicazione Roma, 12 Gennaio 2015 Comunicato ai Lavoratori Telecom Italia Vertenza Caring Services Le ragioni della firma di SLC CGIL: Ora la parola passa ai lavoratori. Lo Scenario

Dettagli

Questa terza ed ultima fase prevede la realizzazione di una serie di interventi di seguito descritti:

Questa terza ed ultima fase prevede la realizzazione di una serie di interventi di seguito descritti: Introduzione La Regione del Veneto guarda con ottimismo alle sue risorse più preziose - le risorse umane - per garantire uno sviluppo economico, sociale e occupazionale efficace e duraturo per il futuro

Dettagli

Assessorato alla Città Solidale - Direzione Servizi alla Persona Progetto Affido Familiare. Affido Near. Ottobre 2005

Assessorato alla Città Solidale - Direzione Servizi alla Persona Progetto Affido Familiare. Affido Near. Ottobre 2005 Assessorato alla Città Solidale - Direzione Servizi alla Persona Affido Near Ottobre 2005 Perché un progetto affido neonati Nel 2001 gli abbinamenti erano attuati a livello territoriale: in mancanza di

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015

Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 Piano Triennale delle azioni positive 2013 2015 (Art. 48 D.Lgs. 11.4.2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art. 6 della L. 28 novembre 2005, n. 246) Il tema delle pari

Dettagli

DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI

DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI COMUNE DI BARANZATE Provincia di Milano Area Servizi alla Persona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione del Commissario Straordianrio con i poteri

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Programma: Promozione di interventi mirati ad incidere sui rischi infortunistici in ambito domestico tra gli anziani e bambini di 0-4 anni Identificativo della Linea

Dettagli

PON Assistenza Tecnica e Azioni di Sistema Indicatori di risultato e impatto Proposte, fonti e note esplicative

PON Assistenza Tecnica e Azioni di Sistema Indicatori di risultato e impatto Proposte, fonti e note esplicative PON Assistenza Tecnica e Azioni di Sistema Indicatori di risultato e impatto Proposte, fonti e note esplicative Asse I: Assistenza tecnica e coordinamento delle politiche di sviluppo regionale Aprile 2002

Dettagli

Piano triennale. delle azioni positive. in materia di. pari opportunità 2010-2012. Dicembre 2010. Pag. 1 di 19

Piano triennale. delle azioni positive. in materia di. pari opportunità 2010-2012. Dicembre 2010. Pag. 1 di 19 Piano triennale delle azioni positive in materia di pari opportunità 2010-2012 Dicembre 2010 Pag. 1 di 19 Arpa Emilia-Romagna Piano triennale delle azioni positive in materia di pari opportunità 2010-2012

Dettagli

PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI

PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI PROVINCIA DI SONDRIO Settore Formazione, Lavoro e Politiche sociali Servizio Mercato del Lavoro U.O. Ufficio Provinciale per il diritto al lavoro dei disabili PIANO PROVINCIALE PER L INSERIMENTO MIRATO

Dettagli

Esempi di buone prassi attuate da aziende italiane volte a promuovere le pari opportunità sul lavoro

Esempi di buone prassi attuate da aziende italiane volte a promuovere le pari opportunità sul lavoro CONTRIBUTO DEL SISTEMA CONFINDUSTRIA AL DOCUMENTO ELABORATO IN SENO AL GRUPPO DI LAVORO SULLE PARI OPPORTUNITA DELL UNI (COMMISSIONE RESPONSABILITA SOCIALE DELLE ORGANIZZAZIONI) Esempi di buone prassi

Dettagli

POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014

POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 Monitoraggio e best practices delle imprese piemontesi POLITICHE DI CONCILIAZIONE IN AZIENDA: RAPPORTO PIEMONTE 2014 L Indagine sulla conciliazione

Dettagli

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI

CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI CARTA DEI VALORI E DEGLI INTENTI SEGRETERIA NAZIONALE Stazione di Roma Termini Via Marsala 65 00185 Roma Italia Po Box 2376 Roma 158 Tel. +39 0647826360 / 4 Fax +39 0648907864 redazione@onds.it direzione@onds.it

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Le competenze di fundraising nel Non Profit Il Fundraising da tecnica di raccolta fondi ad attività di progettazione strategica: i cinque ambiti di applicazione

Dettagli

CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CERNUSCO SUL NAVIGLIO 1 Area: Servizi al Cittadino Settore: Servizi Sociali Ufficio: Piano di Zona FONDO SOCIALE REGIONALE 2014 - CRITERI DI RIPARTO APPROVATI CON DELIBERA DELL ASSEMBLEA DEI SINDACI DEL 01.10.2014. DOCUMENTO

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

BANDO PER LA RACCOLTA DI IDEE IN FORMA DI PROGETTO AD ALTO IMPATTO SOCIALE ED ECONOMICO PER LA REALIZZAZIONE DI UN SOCIAL IMPACT BOND ITALIANO

BANDO PER LA RACCOLTA DI IDEE IN FORMA DI PROGETTO AD ALTO IMPATTO SOCIALE ED ECONOMICO PER LA REALIZZAZIONE DI UN SOCIAL IMPACT BOND ITALIANO CALL FOR IDEAS BANDO PER LA RACCOLTA DI IDEE IN FORMA DI PROGETTO AD ALTO IMPATTO SOCIALE ED ECONOMICO PER LA REALIZZAZIONE DI UN SOCIAL IMPACT BOND ITALIANO ENTE NAZIONALE di PREVIDENZA e ASSISTENZA per

Dettagli

Progetto "ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune)" Ente. Comune di TORRE PELLICE. Settore d'intervento

Progetto ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune) Ente. Comune di TORRE PELLICE. Settore d'intervento Progetto "ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune)" Ente Comune di TORRE PELLICE Settore d'intervento Educazione e promozione culturale - Animazione sul territorio Obiettivi del progetto Coinvolgere i giovani,

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE "Liberare la dirigenza scolastica: valorizzare la specificità, togliere oneri impropri, impedire invadenze esterne

CONVEGNO NAZIONALE Liberare la dirigenza scolastica: valorizzare la specificità, togliere oneri impropri, impedire invadenze esterne CONVEGNO NAZIONALE "Liberare la dirigenza scolastica: valorizzare la specificità, togliere oneri impropri, impedire invadenze esterne Sintesi Relazione Angela Pecetta, Dirigente Scolastica Toscana Firenze,

Dettagli

Piano triennale Azioni positive 2014 2016 La rilevazione del fabbisogno

Piano triennale Azioni positive 2014 2016 La rilevazione del fabbisogno Piano triennale Azioni positive 2014 2016 La rilevazione del fabbisogno Questionario sul benessere organizzativo interno, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del superiore gerarchico

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 475 del 21/10/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 475 del 21/10/2014 n. 79 del 24 Novembre 2014 Delibera della Giunta Regionale n. 475 del 21/10/2014 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 12 - Direzione Generale politiche

Dettagli