PIANO DI ATTUAZIONE PER LA GESTIONE DELLE ONDATE DI CALORE ESTIVO 15 GIUGNO-15 SETTEMBRE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DI ATTUAZIONE PER LA GESTIONE DELLE ONDATE DI CALORE ESTIVO 15 GIUGNO-15 SETTEMBRE"

Transcript

1 EMERGENZA CALDO 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PER LA GESTIONE DELLE ONDATE DI CALORE ESTIVO 15 GIUGNO-15 SETTEMBRE 2013

2 NUMERO VERDE CUP IN CASO DI EMERGENZA SANITARIA VIENE ATTIVATO IL 118 PROTOCOLLO AZ. OSPEDALIERA TELESORVEGLIANZA FLUSSO CHIAMATE IN ENTRATA E IN USCITA SI RILEVA UNO STATO DI BISOGNO SOCIALE? NO BANCA DATI SI SEGNALAZIONE AI REFERENTI DELLE PROCEDURE DI SUPPORTO SOCIALE REFERENTI DELLE PROCEDURE DI SUPPORTO SOCIALE VERIFICA DEL BISOGNO TELEFONICA O CON VISITA A DOMICILIO IL BISOGNO RICHIEDE UN INTERVENTO? SI ATTIVAZIONE SERVIZI DI SOLLIEVO DISPONIBILI ATTRAVERSO LA RETE SEGNALAZIONE AI SERVIZI SOCIALI DELLE CRITICITA' NO Figura: Diagramma di flusso del piano di intervento sociale 2

3 NUMERO VERDE - TELESORVEGLIANZA Riferimenti: Cup 2000 S.p.A. Sede operativa di Via Ripagrande a Ferrara Call Center e-care Emergenza Caldo Numero verde: Orario servizio: da lunedì a venerdì 8:30 18:30; sabato 8:30 13:30 Flusso della chiamata Outbound (ovvero da parte del Call Center e-care) agli anziani segnalati dal Comune e dai medici di famiglia L operatore del Call Center di CUP 2000 gestisce le chiamate in uscita relative gli utenti segnalati dagli enti locali [per la gestione del primo contatto vedasi Allegato B]. Nel caso in cui il cittadino contattato voglia ricevere il servizio l operatore compila i campi appositi all interno del software CRM CASA, sistema per la gestione degli assistiti in Teleassistenza e banca dati contenente informazioni socio-demografiche, socio-sanitarie e riguardanti le abitudini di vita degli assistiti. Flusso della telefonata inbound (ovvero da parte dell assistito o di un suo caregiver) Le adesioni al servizio sono per: la diffusione delle informazioni condivise con Azienda USL, ASP Centro Servizi alla Persona e Assessorato alle politiche per la salute sulla prevenzione e la gestione dei problemi riguardanti le ondate di calore e più in generale i temi della salute e le iniziative che si tengono nel territorio in cui risiedono gli anziani coinvolti; la diffusione del contenuto dei bollettini di previsione del rischio calore comunicati dall Ausl in seguito agli allarmi della Protezione civile (sito ARPA Emilia-Romagna); la valutazione e la raccolta del bisogno sociale segnalando l eventuale necessità di intervento ai servizi indicati dal Comune, in particolare i soggetti del Terzo settore che offrono servizi di assistenza alle persone, completa di tutti i dati anagrafici che si sono riusciti a rilevare nel corso della telefonata del chiamante e di eventuali dati di referenti/assistenti comunicati. In tal caso il Call Center rivolge la segnalazione al referente sociale della rete, utilizzando l apposito software già in uso nel servizio di Teleassistenza, che provvederà ad effettuare una chiamata di verifica e, se necessario, organizzare una visita a domicilio da parte del soggetto più opportuno a risolvere il bisogno espresso dall anziano contattato. Flusso contatto Outbound Meteo Telesorveglianza L operatore contatterà periodicamente l utente seguendo parametri temporali che prevedono una chiamata settimanale in cui gli anziani verranno informati su eventuali ondate di calore, comportamenti da adottare per prevenire disagi provocati dal forte caldo. Inoltre, l'operatore raccoglierà anche eventuali bisogni e/o disagi dell'anziano. L operatore, su indicazione dei soggetti committenti provvederà inoltre a fornire indicazioni su iniziative ed attività che si tengono nel territorio in cui risiede l assistito. Nel caso si palesi un ondata di calore, sarà compito del call center e-care attivarsi direttamente, senza attendere il contatto del referente territoriale, poiché ad inizio turno gli operatori ed i referenti del call center e-care controlleranno il sito di ARPA Emilia-Romagna e, in caso siano segnalate ondate di calore anomalo, informeranno gli operatori telefonici. I referenti del progetto daranno indicazioni agli operatori e-care i quali, nel più breve tempo possibile, contatteranno gli assistiti in teleassistenza residenti nel territorio interessato, forniranno informazioni su quanto accaduto, provvederanno a rassicurare gli assistiti e prenderanno in carico eventuali problemi che dovessero palesarsi (ad esempio necessità di reperimento 3

4 generi prima necessità, consegna generatore di corrente, accompagnamento presso strutture di accoglienza) rapportandosi al più presto con i referenti territoriali Nota: Le previsioni e i consigli verranno consultati giornalmente nel sito: Attivazione Servizio Nel caso emergano indicatori di stato di bisogno l operatore inserisce le informazioni negli appositi applicativi al fine di registrare in modo dettagliato ma, al contempo sintetico e facilmente decifrabile le richieste pervenute. Se queste sono soddisfabili da un associazione del territorio, l operatore in accordo con l assistito si adopera per contattala. Nel caso in cui, invece, si tratti di un bisogno socio-assistenziale o socio-sanitario, l operatore contatta via il referente delle procedure del supporto sociale, sempre utilizzando l apposita scheda utente nel Team Site e-care, da questi sarà inviata automaticamente un con il link per accedere alla web page con i dati dell anziano (dati anagrafici, tipologia di richiesta, referenti: parenti e/o conoscenti) affinchè il bisogno possa essere gestito nel più breve tempo possibile. Il referente della rete, ricevuta l informazione, effettuerà uni verifica nei confronti del segnalate e, se necessario, attiverà la rete di supporto operante sul territorio. Quindi invierà un al responsabile del servizio di Teleassistenza per fornire un feedback sull intervento affinchè operatori e referenti del call center siano aggiornati su quanto realizzato. REPORT E STATISTICHE Report ed altre informazioni riguardanti le attività sono visualizzabili nel Team Site gestito da CUP 2000 ed aperto ai soggetti istituzionali e non che hanno compito di governance e presa in carico dei soggetti bisognosi: 1) Dettaglio attivazione servizi (con segnalazioni aperte e chiuse) A: Chiara Bertolasi; Sandra Villa 2) Statistiche: Contatti in uscita (previsti, effettuati, trovati, non trovati, ritirati, e nuove adesioni); Contatti in entrata (tipologia chiamate) Attivazione servizi (sia in uscita che in entrata) A: Comune di Ferrara: Lucia Bergamini; Patrizio Fergnani ASP Centro Servizi alla Persona: Maurizio Pesci; Marilena Marzola Chiara Bertolasi Sandra Villa 3) Entro la prima metà di luglio sarà inviato il report relativo alla statistica del primo mese d attività, mentre entro la metà di settembre sarà condiviso il report finale contenente i dati d attività dell intero progetto A: Comune di Ferrara: Lucia Bergamini; Patrizio Fergnani ASP Centro Servizi alla Persona: Maurizio Pesci; Marilena Marzola Chiara Bertolasi Sandra Villa 4

5 PROCEDURE DI SUPPORTO SOCIALE Riferimenti: Chiara Bertolasi - Cooperativa Sociale L Isola per le circoscrizioni 1 e 2 Sandra Villa - Cooperativa Sociale Camelot Cell per le circoscrizioni 3 e 4 Il referente delle procedure di supporto sociale ha cura di aggiornare periodicamente il data-base messo a disposizione da CUP 2000 indicando il tipo di azioni messe in campo in risposta alle segnalazioni. Allo scopo di ottimizzare gli interventi proposti e la rete dei servizi ad essi collegata, avrà cura di promuovere e partecipare agli incontri coni referenti istituzionali del progetto e con il Terzo Settore. Il referente delle procedure di supporto sociale Riceve la segnalazione dell utente che desidera essere ricontattato, dall operatore di CUP 2000 o da altri soggetti appartenenti al sistema di monitoraggio. Contatta telefonicamente l utente segnalato per verificare il bisogno sociale: a. Non registra alcun tipo di bisogno sociale. Il contatto telefonico con l utente viene comunque registrato. b. In base alle richieste avanzate, prospetta i seguenti percorsi: 1. attivazione di servizi di sollievo disponibili attraverso la rete 2. visita a domicilio 3. attivazione della telesorveglianza (CUP 2000) Visite a domicilio ll referente delle procedure di supporto sociale, in accordo con l utente, concorda le modalità di svolgimento della visita domiciliare (data e orario) Analizza prontamente quanto emerso dalla visita domiciliare e predispone il piano di intervento individuale In base e nel rispetto delle esigenze dell utente il Referente: a. Allerta i Servizi Sociali se verifica uno stato di bisogno sociale importante. b. Predispone il piano di accoglienza presso i Centri Sociali e/o diurni contattando i referenti delle strutture. c. Attiva servizi di sollievo disponibili attraverso la rete d. Attiva tramite CUP 2000 un piano di telesorveglianza. 5

REPORT TELEASSISTENZA E-CARE E PROGETTO GIUSEPPINA: RETI DI SERVIZI PER ANZIANI FRAGILI GENNAIO MARZO 2015

REPORT TELEASSISTENZA E-CARE E PROGETTO GIUSEPPINA: RETI DI SERVIZI PER ANZIANI FRAGILI GENNAIO MARZO 2015 REPORT TELEASSISTENZA E-CARE E PROGETTO GIUSEPPINA: RETI DI SERVIZI PER ANZIANI FRAGILI GENNAIO MARZO 2015 Premessa Le reti socio-assistenziali e tecnologiche collegate al sistema e-care realizzato da

Dettagli

Il ruolo di e-care. 8 Maggio 2013 Caterina Lena

Il ruolo di e-care. 8 Maggio 2013 Caterina Lena Il ruolo di e-care 8 Maggio 2013 Caterina Lena QUALIFICAZIONE DELLA RETE E-CARE Da servizio rivolto al singolo cittadino alla creazione di reti integrate sul territorio a sostegno dell anzianità fragile

Dettagli

Progetto Emergenza Caldo Anziani Edizione 2005 PROTOCOLLO OPERATIVO N.Verde 800-008300

Progetto Emergenza Caldo Anziani Edizione 2005 PROTOCOLLO OPERATIVO N.Verde 800-008300 Servizio Programmazione ASSI Ufficio Anziani ASL3 Monza Progetto Emergenza Caldo Anziani Edizione 2005 PROTOCOLLO OPERATIVO N.Verde 800-008300 dal 15 giugno al 15 settembre 1 Obiettivi e linee d'azione

Dettagli

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! La rete e-care a supporto del paziente fragile

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! La rete e-care a supporto del paziente fragile Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! La rete e-care a supporto del paziente fragile Carla Fiori Direttore Settore Reti e-care CUP 2000 SpA - Bologna Roma, 24 giugno 2010 Palazzo

Dettagli

DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE ESTIVO

DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE ESTIVO Pag. 1/10 PIANO PER LA GESTIONE DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE ESTIVO Un piano a favore delle Persone con età 75 anni di età, residenti nel Comune di Ferrara, per superare i disagi legati all eccessivo

Dettagli

Le attività di prevenzione nella Regione Sicilia

Le attività di prevenzione nella Regione Sicilia Le attività di prevenzione nella Regione Sicilia I piani di intervento e di assistenza alla popolazione nelle Città di Palermo e Catania. Estate 2007 S. Scondotto A. Marras Il Sistema Nazionale di Sorveglianza

Dettagli

Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli Effetti del Caldo sulla Salute

Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli Effetti del Caldo sulla Salute Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Dipartimento della Protezione Civile - DPC Centro di Competenza Nazionale di Prevenzione degli Effetti del Caldo

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO DI MONZA ANNO 2013 PIANO DELL AMBITO DI MONZA EMERGENZA CALDO

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO DI MONZA ANNO 2013 PIANO DELL AMBITO DI MONZA EMERGENZA CALDO DISTRETTO SOCIO-SANITARIO DI MONZA ANNO 2013 PIANO DELL AMBITO DI MONZA EMERGENZA CALDO 1 Il Distretto socio-sanitario dell ambito di Monza (Monza, Brugherio e Villasanta) ha predisposto anche per l anno

Dettagli

Progetto e-care. Bologna e Ferrara Le Reti del Cittadino

Progetto e-care. Bologna e Ferrara Le Reti del Cittadino Progetto e-care Tecnologie e Reti per la Salute e l Assistenza Progetto e-care Bologna e Ferrara Le Reti del Cittadino Mauro Moruzzi Bologna 13 0ttobre 2005 Oratorio Santa Maria della Vita 1 2 Lo sviluppo

Dettagli

ABRUZZO PESCARA PESCARA Comune di Pescara 085/61899 lun-dom dalle ore 8.00 alle ore 24.00 compreso festivi

ABRUZZO PESCARA PESCARA Comune di Pescara 085/61899 lun-dom dalle ore 8.00 alle ore 24.00 compreso festivi Numeri dedicati all'emegenza caldo attivati a livello locale. Estate Regione Provincia Comune Tipo ente Numeri utili Orario ABRUZZO PESCARA PESCARA Comune di Pescara 085/61899 lun-dom dalle ore 8.00 alle

Dettagli

LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007

LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 (15 MAGGIO- 30 SETTEMBRE) Premessa L Azienda USL di Bologna

Dettagli

ASL DELLA PROVINCIA DI BRESCIA FATTORI CLIMATICI E TUTELA DELLA POPOLAZIONE ANZIANA: PIANO DEGLI INTERVENTI PER L ANNO 2008

ASL DELLA PROVINCIA DI BRESCIA FATTORI CLIMATICI E TUTELA DELLA POPOLAZIONE ANZIANA: PIANO DEGLI INTERVENTI PER L ANNO 2008 All. A alla deliberazione n. 298 del 27.05.2008 composto da n. 16 pag. ASL DELLA PROVINCIA DI BRESCIA FATTORI CLIMATICI E TUTELA DELLA POPOLAZIONE ANZIANA: PIANO DEGLI INTERVENTI PER L ANNO 2008 Maggio

Dettagli

PIANO EMERGENZA ONDATE DI CALORE ESTATE 2007

PIANO EMERGENZA ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA ASSESSORATO ALLA SANITA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI ASSESSORATO ALL AMBIENTE PIANO EMERGENZA ONDATE DI CALORE Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria

Dettagli

Le conclusioni. Annamaria de Martino

Le conclusioni. Annamaria de Martino Corso Formazione La vulnerabilità della salute ai determinanti ambientali e climatici: rischi sanitari emergenti e strategie di adattamento CNEPS-ISS Ministero della Salute Roma 17-18 giugno2014 Le conclusioni

Dettagli

I dolori di un giovane Welfare. Innovazione e Prevenzione. Forum NA 20 Novembre 2014. Cristina Malvi Distretto di Bologna

I dolori di un giovane Welfare. Innovazione e Prevenzione. Forum NA 20 Novembre 2014. Cristina Malvi Distretto di Bologna 20 Novembre 2014 Innovazione e Prevenzione I dolori di un giovane Welfare Cristina Malvi Distretto di Bologna Il contesto: le motivazioni che hanno condotto all innovazione Lo tsunami della terza età (in

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 3 3. Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4. Pernottamento pag. 6 5.Trasporto con mezzo e accompagnatore pag.

Dettagli

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO

PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO PROTOCOLLO DI BUONE PRASSI ACCOGLIENZA MINORI ADOTTATI IN AMBITO SCOLASTICO FINALITA Proposta di un protocollo di buone prassi per l accoglienza di minori adottati: - promuovere una rete di supporto, comunicazione,

Dettagli

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli effetti del Caldo sulla Salute Ministero della Salute, Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie ONDATE DI CALORE ED EFFETTI

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE SI RACCONTA

L ORGANIZZAZIONE SI RACCONTA LA RESIDENZA SANITARIA ASSISTITA DI CASTELFRANCO EMILIA (MO) 8 Giugno 2012, ore 20,00 L ORGANIZZAZIONE SI RACCONTA Partecipano: Casini Laura Cassanelli Barbara Caliendo Paola Fanti Maurizio Mahamid Mohamed

Dettagli

Indicazioni Operative

Indicazioni Operative Servizio FAD Famiglia, Anziani e Domiciliarità Ufficio Anziani ASL3 Monza Campagna Emergenza Caldo Anziani Edizione 2007 Indicazioni Operative N.Verde 800-99 59 88 Pronto Servizio Anziani dal 15 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI SETTEMBRE 2008 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento di cui si sono dotati i Comuni del Distretto 5, secondo quanto previsto dalla

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA DELL INNOVAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE PIANO OPERATIVO NAZIONALE PER LA PREVENZIONE DEGLI EFFETTI DEL CALDO SULLA SALUTE PROGRAMMA

Dettagli

PRONTO INTERVENTO SOCIALE. SerenitAnziani 2007

PRONTO INTERVENTO SOCIALE. SerenitAnziani 2007 PRONTO INTERVENTO SOCIALE SerenitAnziani 2007 1 PRONTO INTERVENTO SOCIALE SerenitAnziani 2007 Cosa è Il servizio di Pronto Intervento Sociale SerenitAnziani, rientra nelle azioni previste dal Piano Sociale

Dettagli

PIANO OPERATIVO CITTA di BARI PER CONTRASTARE L EMERGENZA CALDO A TUTELA DEGLI ANZIANI E DELLE PERSONE FRAGILI ESTATE 2014

PIANO OPERATIVO CITTA di BARI PER CONTRASTARE L EMERGENZA CALDO A TUTELA DEGLI ANZIANI E DELLE PERSONE FRAGILI ESTATE 2014 PIANO OPERATIVO CITTA di BARI PER CONTRASTARE L EMERGENZA CALDO A TUTELA DEGLI ANZIANI E DELLE PERSONE FRAGILI ESTATE 2014 A seguito di incontri ed intese programmatiche tra l Assessorato al Welfare del

Dettagli

Valutazione di efficacia nei servizi di tele- assistenza: l esperienza dell e-care Scompenso Cardiaco

Valutazione di efficacia nei servizi di tele- assistenza: l esperienza dell e-care Scompenso Cardiaco Valutazione di efficacia nei servizi di tele- assistenza: l esperienza dell e-care Scompenso Cardiaco Serena Broccoli, Gerardo Lupi, Walther Orsi Programma salute Anziani Milano, 17 ottobre 2008 Studio

Dettagli

Nati per Leggere Piemonte. Linee guida per la compilazione del questionario

Nati per Leggere Piemonte. Linee guida per la compilazione del questionario Linee guida per la compilazione del questionario Maggio 2014 Introduzione Gli indicatori e le relative linee guida riportati in questo breve documento sono stati elaborati da Fondazione Fitzcarraldo attraverso

Dettagli

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie 1 Descrizione dell Intervento Sulla base delle evidenze della letteratura è rilevante, ai fini dell

Dettagli

Protocollo 18 ottobre 2010

Protocollo 18 ottobre 2010 Protocollo 18 ottobre 2010 Canali evoluti di Capogruppo (incontro del 2 dicembre 2010 sugli orari dei nuovi ingressi presso Contact Center e Cu.Re.) Milano, dicembre 2010 Protocollo 18 ottobre 2010: nuovi

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Alda Costa P.O.F. Allegato 6

Istituto Comprensivo Statale Alda Costa P.O.F. Allegato 6 Istituto Comprensivo Statale Alda Costa P.O.F. Allegato 6 Provincia di Ferrara Assessorato Sanità, Servizi sociali, Politiche abitative, Associazionismo, Politiche giovanili Ministero dell Istruzione dell

Dettagli

Il problema. Il Piano Operativo Regionale e Aziendale

Il problema. Il Piano Operativo Regionale e Aziendale Programma per la Prevenzione degli effetti delle ondate di c alore s u lla s alu te delle pers one anziane A. S. L. R oma " C " E s tate 2 0 0 7 Il problema Le ondate di calore sono condizioni meteorologiche

Dettagli

LA GIUNTA DELIBERA. Per i motivi esposti in narrativa:

LA GIUNTA DELIBERA. Per i motivi esposti in narrativa: Società della Salute Zona Socio Sanitaria Fiorentina Nord Ovest Deliberazione n. 16 del 10 luglio 2006 OGGETTO: Adesione al progetto regionale : Sorveglianza attiva per la persona anziana fragile L anno

Dettagli

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA Servizio di prenotazione telefonica (call center) delle prestazioni specialistiche ambulatoriali erogate dalle strutture pubbliche e private accreditate dell'ulss

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO F. BUSIGNANI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO F. BUSIGNANI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO F. BUSIGNANI nel dettaglio 1 Dove siamo pag. 3 2 Chi siamo pag. 4 3 Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4 Trasporto con mezzo e accompagnatore pag. 6 5 Accoglienza, dimissioni

Dettagli

CONCORSO DI IDEE ART. 1 OBIETTIVO

CONCORSO DI IDEE ART. 1 OBIETTIVO CONCORSO DI IDEE Bando per la richiesta di contributo per attività di sostegno alla fragilità della popolazione anziana e di prevenzione della non autosufficienza nell ambito del Progetto Fragilità del

Dettagli

ABBONAMENTI A PERIODICI, BANCHE DATI E SERVIZI CONNESSI PER LE BIBLIOTECHE DELLE AMMINISTRAZIONI E AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

ABBONAMENTI A PERIODICI, BANCHE DATI E SERVIZI CONNESSI PER LE BIBLIOTECHE DELLE AMMINISTRAZIONI E AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA ABBONAMENTI A PERIODICI, BANCHE DATI E SERVIZI CONNESSI PER LE BIBLIOTECHE DELLE AMMINISTRAZIONI E AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA GUIDA ALLA CONVENZIONE Premessa La presente Guida contiene

Dettagli

Art.1- Oggetto Il servizio consiste nella consegna giornaliera al domicilio degli utenti di un pasto a pranzo.

Art.1- Oggetto Il servizio consiste nella consegna giornaliera al domicilio degli utenti di un pasto a pranzo. REGOLAMENTO PER IIL FUNZIIONAMENTO DEL SERVIIZIIO PASTII A DOMIICIILIIO DELL AMBIITO TERRIITORIIALE DII DALMIINE Approvatto con D..C.. C.. n.. 26 dell 8..09..2014 Art.1- Oggetto Il servizio consiste nella

Dettagli

NOSTROMO. Piattaforma WEB Based per gestione completa di CALL CENTER

NOSTROMO. Piattaforma WEB Based per gestione completa di CALL CENTER NOSTROMO Piattaforma WEB Based per gestione completa di CALL CENTER CARATTERISTICHE DELLA PIATTAFORMA La piattaforma sarà in grado di assolvere a tutte le funzioni di Call Center essendo in grado di offrire

Dettagli

Programma per la Prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute delle persone anziane A.S.L. Roma "C" Estate 2008

Programma per la Prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute delle persone anziane A.S.L. Roma C Estate 2008 Programma per la Prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute delle persone anziane A.S.L. Roma "C" Estate 2008 Il problema Le ondate di calore sono condizioni meteorologiche che si verificano

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione: Regione Campania

Dettagli

Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli Effetti del Caldo sulla Salute

Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli Effetti del Caldo sulla Salute Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Dipartimento della Protezione Civile - DPC Centro di Competenza Nazionale di Prevenzione degli Effetti del Caldo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI: COMUNE DI LOIANO INFORMAZIONI UTILI SUI SERVIZI SOCIALI AGLI ANZIANI

CARTA DEI SERVIZI: COMUNE DI LOIANO INFORMAZIONI UTILI SUI SERVIZI SOCIALI AGLI ANZIANI ORARI DI RICEVIMENTO DEL PUBBLICO - lo Sportello Sociale, quale punto di accesso unitario ai servizi sociali e socio-assistenziali del comune, dell'ausl e di altri soggetti pubblici e privati, offrendo

Dettagli

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Per partecipare ai progetti di Servizio Civile Regionale di questo Comune, è necessario accedere al programma Garanzia Giovani. L accesso al programma è

Dettagli

Le tecnologie dell'informazione a supporto dei servizi sociosanitari. Scritto da Diego Cavallina

Le tecnologie dell'informazione a supporto dei servizi sociosanitari. Scritto da Diego Cavallina L'introduzione dei sistemi di comunicazione informatica e telematica nei vari settori della cura (sanità e servizi sociali) è ormai diventata una pratica consolidata nei paesi tecnologicamente più avanzati.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI SETTEMBRE 2008 AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento realizzato dai Comuni del Distretto 5 per

Dettagli

IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO ESTIVO A SCALA REGIONALE

IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO ESTIVO A SCALA REGIONALE IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO ESTIVO A SCALA REGIONALE PREMESSA Gli effetti sanitari del verificarsi di condizioni bioclimatiche disagevoli costituiscono un importante problema di salute

Dettagli

REPORT TELEASSISTENZA E-CARE E PROGETTO GIUSEPPINA: RETI DI SERVIZI PER ANZIANI FRAGILI CONSUNTIVO ANNO 2014

REPORT TELEASSISTENZA E-CARE E PROGETTO GIUSEPPINA: RETI DI SERVIZI PER ANZIANI FRAGILI CONSUNTIVO ANNO 2014 REPORT TELEASSISTENZA E-CARE E PROGETTO GIUSEPPINA: RETI DI SERVIZI PER ANZIANI FRAGILI CONSUNTIVO ANNO 2014 Premessa Nei prossimi anni si prevedono generazioni d anziani sempre più vecchi, colti e anche

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

L Aurora. Comunità Alloggio per Anziani. Carta dei servizi

L Aurora. Comunità Alloggio per Anziani. Carta dei servizi L Aurora Comunità Alloggio per Anziani Carta dei servizi CARTA DEI SERVIZI Sommario Caratteristiche della carta servizi... 2 L Aurora di Marzo S.r.l.... 2 La Comunità Alloggio L Aurora... 2 Servizi Offerti...

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA Via Ancona, 290 Cesena Telefono 0547 334935 Approvato con Delibera n. 10 del 03/03/2010 Finalità del servizio ART. 1: L ASP, all interno della sede della

Dettagli

La carta dei servizi del Contact Center

La carta dei servizi del Contact Center La carta dei servizi del Contact Center Dipartimento della Protezione Civile Via Ulpiano, 11-00193 Roma www.protezionecivile.gov.it Cos è il Contact Center Il Contact Center è il nuovo canale di comunicazione

Dettagli

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare 1 Relazione Il caregiver familiare

Dettagli

SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI-

SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI- SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI- Nome Ente COOPERATIVA SOCIALE SOCIO SANITARIA FUTURA ONLUS Servizio SOLLIEVO LISTE DI ATTESA DISABILI- Municipio X- Sede legale: Via Marino

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO CASA-RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI A TEMPO INDETERMINATO. Distretto di Reggio Emilia

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO CASA-RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI A TEMPO INDETERMINATO. Distretto di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO CASA-RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI A TEMPO INDETERMINATO Distretto di Reggio Emilia Approvato con delibera G.C. n. 166/2011 1 Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI CARTA DEI SERVIZI SOCIALI (ai sensi della L. n. 328/2000 e della L. R. n. 4/2007) Centro Diurno e Sostegno Educativo Domiciliare Aggiornata al Gennaio 2015 Consorzio C.S. Potenza CONFCOOPERATIVE FEDERSOLIDARIETA

Dettagli

Progetto OSEA Equipe educativa-assistenziale per il sostegno scolastico di alunni disabili

Progetto OSEA Equipe educativa-assistenziale per il sostegno scolastico di alunni disabili Progetto OSEA Equipe educativa-assistenziale per il sostegno scolastico di alunni disabili 1. Illustrazione progetto OSEA L ipotesi progettuale che l Azienda Speciale Servizi alla Persona dell Unione Terre

Dettagli

PostaCertificat@ FAQ PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

PostaCertificat@ FAQ PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PostaCertificat@ FAQ PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 1. INFORMAZIONI GENERALI... 3 1.1. CHE COSA È LA POSTACERTIFICAT@...3 1.2. CHI PUÒ RICHIEDERE LA CASELLA POSTACERTIFICAT@...3 1.3. COSA FARE PER INFORMARSI

Dettagli

Punto Unico di Accesso. Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna

Punto Unico di Accesso. Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna Punto Unico di Accesso Socio-SanitaroSanitaro nella provincia di Modena Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna Il Punto Unico d'accesso Socio Sanitario (PUASS) è una modalità organizzativa

Dettagli

Le iniziative del Ministero della Salute

Le iniziative del Ministero della Salute Ondate di calore e impatto sulla salute Interventi di monitoraggio e prevenzione Le iniziative del Ministero della Salute Annamaria de Martino Direzione Generale Prevenzione Sanitaria, Roma Ondate di calore

Dettagli

Revisione aggiornata a gennaio 201 5

Revisione aggiornata a gennaio 201 5 Carta dei servizi "ASSISTENZA DOMICILIARE" Revisione aggiornata a gennaio 201 5 Indice: 1. IL SERVIZIO SOCIALE 1.1 1.2 1.3 Chi siamo... A quali principi si ispira il Servizio Sociale?... Obiettivi primari

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI COMUNE DI CENTO COMUNE CAPOFILA GESTIONALE SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTO FERRARESE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI 1 ai sensi della delibera G. R. 26 luglio

Dettagli

Vaccinazione HPV e prevenzione del Cancro della Cervice

Vaccinazione HPV e prevenzione del Cancro della Cervice Vaccinazione HPV e prevenzione del Cancro della Cervice Roma 27 Giugno 2012 Dr. L.R. Curia Dirigente Settore LEA Dipartimento Tutela della Salute Regione Calabria PNV Obiettivi specifici da raggiungere

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

Una storia di Telemedicina: il progetto di assistenza domiciliare agli anziani di Casorate Primo (PV)

Una storia di Telemedicina: il progetto di assistenza domiciliare agli anziani di Casorate Primo (PV) Una storia di Telemedicina: il progetto di assistenza domiciliare agli anziani di Casorate Primo (PV) Ing Vincenzo Gullà ADiTech Srl- L evoluzione in termini di crescita numerica della popolazione Europea

Dettagli

2.1.2 Servizi sociali

2.1.2 Servizi sociali 2.1.2 Servizi sociali Roma Capitale, nell ambito delle proprie competenze, assicura alle persone e alle famiglie un sistema integrato di interventi e servizi sociali con livelli quantitativi e qualitativi

Dettagli

ADMIN CLIENT. è il software definitivo di gestione del Call Center, sia inbound che outbound.

ADMIN CLIENT. è il software definitivo di gestione del Call Center, sia inbound che outbound. è il software definitivo di gestione del Call Center, sia inbound che outbound. Disponibile in versione Standard e Professional Rebacall si pone l obiettivo di gestire ogni tipo di problematica relativa

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

Asp Poveri Vergognosi capitolato lotto 7. ASP Città di Bologna Via Marsala n. 7 40126 Bologna AFFIDAMENTO SERVIZI SOCIALI

Asp Poveri Vergognosi capitolato lotto 7. ASP Città di Bologna Via Marsala n. 7 40126 Bologna AFFIDAMENTO SERVIZI SOCIALI ASP Città di Bologna Via Marsala n. 7 40126 Bologna AFFIDAMENTO SERVIZI SOCIALI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO sportello di intermediazione linguistico-culturale, di ascolto, orientamento e informazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA DSA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA DSA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA DSA In attesa dei decreti attuativi della legge N. 170 8 Ottobre 2010, la nostra scuola si è così organizzata in materia di DSA. LA COMMISSIONE DSA IL CLINICO OGNI SINGOLO DOCENTE

Dettagli

Piano Comunale di Emergenza

Piano Comunale di Emergenza Comune di Genova Assessorato alla Protezione Civile Direzione Polizia Municipale Protezione Civile Funzioni Speciali Sezione Protezione Civile Pubblica Incolumità Piano Comunale di Emergenza Schema Operativo

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA

ACCORDO DI PROGRAMMA Municipio XII ACCORDO DI PROGRAMMA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DI ALLIEVI IN SITUAZIONE DI HANDICAP TRA IL MUNICIPIO ROMA XII L AZIENDA USL RMC - DISTRETTO SANITARIO 12 LA RETE INTERSCOLASTICA SCUOLEINSIEME

Dettagli

Prot. 0018260/RU Roma, 12 luglio 2013 (Allegato 1) Alle Direzioni Generali Territoriali LORO SEDI

Prot. 0018260/RU Roma, 12 luglio 2013 (Allegato 1) Alle Direzioni Generali Territoriali LORO SEDI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti la Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistici Direzione Generale per la Motorizzazione Divisione 7- CED Prot. 0018260/RU

Dettagli

INAUGURAZIONE VILLA VERDE. La rete dei servizi e del Fondo Regionale per la Non Autosufficienza nel Distretto Ovest

INAUGURAZIONE VILLA VERDE. La rete dei servizi e del Fondo Regionale per la Non Autosufficienza nel Distretto Ovest INAUGURAZIONE VILLA VERDE La rete dei servizi e del Fondo Regionale per la Non Autosufficienza nel Distretto Ovest Cento, 9 febbraio 21 Il contesto territoriale del Distretto Ovest Alcuni dati demografici

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 8 2. TITOLO AZIONE Servizio di Telesoccorso 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

Il progetto CCM Piano operativo nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute

Il progetto CCM Piano operativo nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute Il progetto CCM Piano operativo nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute Francesca de Donato Dipartimento di Epidemiologia SSR Lazio\ASLRME Centro di Competenza DPC Roma, 17 dicembre

Dettagli

Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune di Cernusco Lombardone 3.862 abitanti, di cui 1865 maschi e 1997 femmine.

Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune di Cernusco Lombardone 3.862 abitanti, di cui 1865 maschi e 1997 femmine. Relazione, ai sensi dell art. 20 dello Statuto Comunale, sulla situazione e sullo stato di bisogno dei cittadini più in difficoltà. Anno di riferimento: 2009 Al 31/12/2009 risultano registrati nel Comune

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

CUP WEB è il nuovo sistema di prenotazione online della ASL 4 Chiavarese.

CUP WEB è il nuovo sistema di prenotazione online della ASL 4 Chiavarese. CUP WEB è il nuovo sistema di prenotazione online della ASL 4 Chiavarese. Nell ottica di favorire ulteriormente l accesso alle prestazioni da parte degli utenti e facilitare le modalità di prenotazione,

Dettagli

PROMOZIONE DI INTERVENTI DI SALUTE NEI CONFRONTI DEGLI ANZIANI NEL PERIODO ESTIVO ANNO 2008

PROMOZIONE DI INTERVENTI DI SALUTE NEI CONFRONTI DEGLI ANZIANI NEL PERIODO ESTIVO ANNO 2008 Comune di Firenze Società della Salute di Firenze Azienda Sanitaria 10 PROMOZIONE DI INTERVENTI DI SALUTE NEI CONFRONTI DEGLI ANZIANI NEL PERIODO ESTIVO ANNO 2008 1 1. Il quadro di riferimento Il processo

Dettagli

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Assistenza Domiciliare Sociale Integrata

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Assistenza Domiciliare Sociale Integrata Comune di Modena Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione Carta dei Servizi Assistenza Domiciliare Sociale Integrata Principi Generali Finalità del servizio Il Servizio di

Dettagli

COMUNE DI FERRARA AZIENDA USL DI FERRARA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA

COMUNE DI FERRARA AZIENDA USL DI FERRARA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA ACCORDO DI PROGRAMMA PER IL POTENZIAMENTO DELLA RETE DI SERVIZI PER LE MALATTIE DEMENTIGENE E PER I MALATI DI ALZHEIMER - DISTRETTO CENTRO NORD - 2011-2013 COMUNE DI FERRARA AZIENDA USL DI FERRARA AZIENDA

Dettagli

I Quaderni del Settore Servizi Sociali

I Quaderni del Settore Servizi Sociali I servizi per la qualità della vita Servizi per gli anziani I Quaderni del Settore Servizi Sociali le ricerche ci dicono che.. più alto è il numero di legami, più è probabile che siano soddisfatte le esigenze

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON PREMESSA

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON PREMESSA Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Giovanni Chiabà San Giorgio di Nogaro CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON Gentile Utente, PREMESSA il presente documento Carta

Dettagli

Sorveglianza Eventi Avversi fra gli ospiti dei RSA e Residenze Alzheimer del Lazio nell estate 2006

Sorveglianza Eventi Avversi fra gli ospiti dei RSA e Residenze Alzheimer del Lazio nell estate 2006 LazioSanità Agenzia Sanità Pubblica Sorveglianza Eventi Avversi fra gli ospiti dei RSA e Residenze Alzheimer del Lazio nell estate 2006 Domenico Di Lallo La prevenzione degli effetti sulla salute delle

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA QUALITÀ PERCEPITA PASTI CONSEGNATI A DOMICILIO

QUESTIONARIO SULLA QUALITÀ PERCEPITA PASTI CONSEGNATI A DOMICILIO QUESTIONARIO SULLA QUALITÀ PERCEPITA PASTI CONSEGNATI A DOMICILIO L ASP, sulla base della programmazione territoriale collegata al percorso di accreditamento, dei conseguenti Contratti di Servizio e collegati

Dettagli

CONVENZIONE TRA L AZIENDA USL BOLOGNA NORD ED I COMUNI AD ESSA AFFERENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DELEGATE

CONVENZIONE TRA L AZIENDA USL BOLOGNA NORD ED I COMUNI AD ESSA AFFERENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DELEGATE CONVENZIONE TRA L AZIENDA USL BOLOGNA NORD ED I COMUNI AD ESSA AFFERENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DELEGATE Ai sensi e per gli effetti: degli artt. 7 e 22 della L.R. 12.05.1995,

Dettagli

Con la realizzazione del CUP, di SOLE, del FSE e degli altri progetti regionali e di Asl, CUP 2000 ha dato in questi anni un contributo importante

Con la realizzazione del CUP, di SOLE, del FSE e degli altri progetti regionali e di Asl, CUP 2000 ha dato in questi anni un contributo importante Con la realizzazione del CUP, di SOLE, del FSE e degli altri progetti regionali e di Asl, CUP 2000 ha dato in questi anni un contributo importante alla costruzione di una architettura regionale e-health

Dettagli

I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale

I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale Raffaele Tomba Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Agenzia sanitaria e sociale regionale Area innovazione sociale 1 Fasi

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Allegato alla del. C.C. n. 101 del 27/11/2002 REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa

Dettagli

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005 Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona A.I.A.S. Ferrara Associazione di Volontariato Associazione Centro H In collaborazione con: - Azienda USL Ferrara - Centro Servizi alla Persona

Dettagli

PROGETTO. TELEFONIA SOCIALE PER PERSONE ANZIANE e FAMIGLIE 1 Gennaio 2006 31 DICEMBRE 2008

PROGETTO. TELEFONIA SOCIALE PER PERSONE ANZIANE e FAMIGLIE 1 Gennaio 2006 31 DICEMBRE 2008 PROGETTO TELEFONIA SOCIALE PER PERSONE ANZIANE e FAMIGLIE 1 Gennaio 2006 31 DICEMBRE 2008 Premessa Il Progetto si configura come nuovo sistema di telefonia che assorbe e da continuità alla sperimentazione

Dettagli

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA servizio di prenotazione telefonica (call center) delle prestazioni specialistiche ambulatoriali erogate dalle strutture pubbliche e private accreditate dell ULSS

Dettagli

Procedura Aziendale. Rapporti con i mass media

Procedura Aziendale. Rapporti con i mass media Pag. 2 di 7 SCOPO L Azienda USL 7 di Siena, all interno delle attività della, prevede la gestione dell informazione verso i mass media (stampa, radiofonici, televisivi ed on line). Nella complessa rete

Dettagli

Comune di Empoli. Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi

Comune di Empoli. Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi Comune di Empoli Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi Offerta /P/2014 Vers. 1.0 Data: 17 Luglio 2014 INTRODUZIONE... 4 SCOPO DEL DOCUMENTO... 4 SCOPO DEL DOCUMENTO... 4

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study NETSI e GAT.crm danno voce alla tua azienda IN BREVE Profilo aziendale NETSI è attiva da diversi anni sul molti fronti: ad esempio, è infatti uno dei maggiori partner

Dettagli

6. STRUMENTI PER QUALIFICARE IL LAVORO DI CURA A DOMICILIO. Orientamento nella rete dei servizi

6. STRUMENTI PER QUALIFICARE IL LAVORO DI CURA A DOMICILIO. Orientamento nella rete dei servizi 6. STRUMENTI PER QUALIFICARE IL LAVORO DI CURA A DOMICILIO Orientamento nella rete dei servizi 1 opuscolo 6.indd 1 13-03-2004 16:15:43 Realizzazione a cura della Regione Emilia-Romagna - Direzione Generale

Dettagli

REGIONE LAZIO Programma per la Prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute delle persone anziane

REGIONE LAZIO Programma per la Prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute delle persone anziane REGIONE LAZIO Programma per la Prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute delle persone anziane Progetto Aziendale A.S.L. Roma "C" Estate 2012 1 Indice 1. Il problema pag. 3 2. Il Piano

Dettagli

organizzarci nel modo più chiaro ed efficace, evitando inutili complicazioni

organizzarci nel modo più chiaro ed efficace, evitando inutili complicazioni La Carta dei Servizi Con questa carta dei servizi ci impegniamo a : dare il massimo delle nostre capacità professionali, della nostra umanità, della nostra attenzione, del nostro ascolto organizzarci nel

Dettagli

IL SERVIZIO DOMICILIARE

IL SERVIZIO DOMICILIARE CASA ALBERGO PER ANZIANI Sistema qualità certificato COMUNE DI LENDINARA IL SERVIZIO DOMICILIARE Questo opuscolo riporta brevemente le principali informazioni per aiutarvi a capire meglio il servizio domiciliare,

Dettagli

SOLUZIONI INFORMATICHE

SOLUZIONI INFORMATICHE SOLUZIONI INFORMATICHE PER I SERVIZI ALLA PERSONA Qualità ed efficienza nei servizi sociali SISP Soluzioni Informatiche per i Servizi alla Persona è la soluzione sviluppata da GPI per la gestione del Servizio

Dettagli