RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE"

Transcript

1 COMMISSIONE DELLE. COMUNITÀ EUROPEE COMUNITÀ EUROPEA DEL CARBONE E DELL'ACCIAIO RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE Le maestranze deo stabiimento tasider di Taranto Atteggiamenti operai e avoro siderurgico PARTE a.. = RICERCA SOCIOLOGICA CONDOTTA DA Guido BAGLIONI, Gian Primo CELLA e Bruno MANGHI per 'Istituto per gi Studi suo Sviuppo Economico e i Progresso Tecnico (.S.V.E.T.) di Roma Febbraio 1968 '/ 7! /

2 COI-MISSION DES communautes ÉUROPEENNES. '. Direction générae des Affaires sociaes V/D/3 COMMUNICATION ~a présente étude - qui comporta deux tomes - contient ea 'résutats d 'une re.cherçha socioogique. ef~ectuée dans 'usine de Tarente d~ a ~.A. ttaeider. On y trouvera tout d'abord un rapport de synthèse dana eque es auteurs se sont efforcés de résumer es résutats essenties de eur recherche. Ce rapport de synthèse est suivi d'un rapport d'enquete pus détaié qui~ après avoir étabi es caractéristiques de ia popuation étudiée, anayse de manière approfondie es attitudes des travaieurs, eurs perspectives d'avenir et es reations professionneiies. Le rapport de synthè~e sera prochain~ment pubié dans es quatre angues de a Communauté, en m~me temps que es rap. iorts de. synthès_e qe.deux enquetes s.imiìaires condui tes en Begique et en France ~ ~~~~~ ~ ~ - - ~ ~~--~.. ~ COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE Direzione generae degi Affari sociai V/D/3 - CGMYNICAZIONE...,. :.....,... _:q; pr~sept_~ ;~~tu4io' ~.- ::r~: due voumi - esppne i risutati aj.:'una 'indagine' 6oci'oogica' a~fettuata neo à ~ ab.~imento di Taranto dea S.p.A. Ita'aid.er.,. -.t ~ '...Vi. ~i: ~rov:~.~z~ tutto una re~'zione di sintesi ~n cui gi autori hanno cercato di riaàsu:nìe~e' nee inee essenziai i ri.. s~ t'at.i.~-~:ii~ ~9r~: :in~ae;i.p.e:~t.. -~~i:~.. reazj.on.e di a.int~si è segui t a,.. da u~~. ~.a ~~~i9p.~.:..~~c.hi~.~t~-~.:?.i'u.. ~et~agia;t~~ che d~po aver de- : -r.~rrrii'n~to ~~-- _ca~~t.teria~ ~~).,, ~e).~~ _p_qpo..~;ùd.:_one ejbj!.~~ata, ana.jiz.~~.j~ ~iòsio. ~pp_~-p~o.~~i't ~ - ~ p~~:(. ~:t vi~-t~ d~i_.,a~~r~tori, e o ro prospe.. tt~ye_ : ~~Z:; ~-.~ a:vve~~~~ :.. e._:_i,_f~pp9~~.~.p.iot~~~sd~onai ,? t.. j""# ~..... '. '..,)...., ~....,.~a ~e;tazi~.pe ~~.. ~i,p;t.~.~~ v;~.rr~.~ IH'oss.imanente pubbicata ~e~ e cii.i.at tro' i~~~: ~.e~a 1.c9m~~~~.'.,. ~èon~~tjqran~amente ae re :iàz;.o~i:~ -a~.,.~~n te_~3.-.. ~ci~. 'd:~~e. _i~n.~~i~~i. ~a'~ s~: _svo ~~ in Begio e. F'...!i.-"'~ ;... ;,.,.,.,... ~ ':' r...;r...,...,'...,..... i n rano... a.. r ~,,...,. :... ' '... ~... ;.., '. "'.. ~ ' \. ~ ~t ' ' ' "" '... fj),\ ~ '.. ;'.:'A '., :i '' ~

3 KOMMISSION -~:DER. EUROP!ISCHEN GEMEINSCHAFTEN Gene~adirektion Soziae Angeegenheiten V/D/3 MITTEILUNG Die voriegende studie (in zwei Teien) enthat die Ergeb- ~ nisse einer sozioogischen Untersuchung io Stahwerk der Aktienge- seschaft Itasider in Tarent. Im ersten Tei haben sich die Verfasser bemuht, die Hauptergebnisse ihrer Untersuchung zusammenfassen. Diesem. zusammenfassenden Bericht fogt ein ausfuhricherer Erhebungsbericht, in dem zuerst die Merkmae der untersuchten Bevokerung ermittet und anschiessend die Verhatensweisen der. Arbeitnehmer, ihre Zukunftsaussichten und ihre Beziehungen zu den Arbeitgebern eingehend anaysiert werden. Der zusammenfassende Bericht wird, zur geichen Zeit wie die zusammenfassenden Berichte uber zwei ahniche Erhebungen in Begien und in Frankreich, in Kurze iri den vier Sprachen der Gemeinschaften veroffenticht. COMMISSIE VAN DE EUROPESE GEMEENSCHAPPEN Directoraat-generaa Sociae Zaken V/D/3 MEDEDELING De onderhavige studie- die uit.twee deen is samengestedbevat de resutaten van een in het bedrijf Itasider N.V. te Tarente gehouden socioogisch onderzoe~. De studie vangt aan met een samenvattend versag waarin de auteurs hebben getracht een beknopt overzicht te geven van d.e beangrijkste uitkomsten die uit hun onderzoek naar voren zijn gekomen. Het tweede.~ee van de stu~ie is gewij4 àan 4e enqu~te as zodanig en.is meer gedetaieerd. Het bevat een beschrijving van de ken-,... t;)erken van de onderzochte bevoiking aism.ede. een diepgaande anayse van de. houding. v an de werknemer.s, h un toekomstperspectieven e n de betrekkingen tussen werkgevers én werknemers. Het s~envattend ve~sag za, tegeijk. met de samenvattende versagen van twee soortgeijk~ enqu$tes.di~ in Begie en in Frankri jk werden ui tgevoerd, b.nnenkort. worden gepubiceerd' in de vier taen van de Gemeenscha}:>....

4 COMMISSIONE DELLE. COMUNITÀ EUROPEE COMUNITÀ EUROPEA DEL CARBONE E DELL'ACCIAIO RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE Le maestranze deo stabiimento Itasider di Taranto Atteggiamenti operai e avoro siderurgico PARTE a RICERCA SOCIOLOGICA CONDOTTA DA Guido BAGLIONI, Gian Primo CELLA e Bruno MANGHI per 'Istituto per gi Studi suo Sviuppo Economico e i Progresso Tecnico (I.S.V.E.T.) di Roma Febbraio 1968

5 PREFAZIONE Ne 1966 'Ata Autorità dea C.E.C.A. decideva di in traprendere una serie di ricerche socioogiche sue nuove impres~ siderurgiche; impuso a tae iniziativa fu a dimensione assunta dae ripercussioni sociai de'evouzione tecnoogica ne 1 induetria siderurgica comunitaria. Le incidenze sociai di questa evouzione avevano già de ;- stato i suo interesse a punto tae da dedicare ad esse- in coaborazione oon e associazioni dei datori di avoro e oon e organizzazioni dei avoratori che questo interesse condividevano - ~auni studi spe.cie ~ei settori: saari, oondizioni di avoro,.. ' struttura de 1 O<?C~p~zione, _ formazi,o~e.professio~e,, de avoro, ergonom~a... siou.;-ezza:.. Peratro, ease~do reaiz~ati 'in imprese aventi già Un; "-passato", questi.- studi.non. ebbero per.oggett.o i progresso t eonico "ao stato puro", gi effetti de quae non poteronb: pertanto essere va~u:tia t.~. e_.. ~pp;-.ezza ti a f?n~o. I reparti,.. PtU" p~e.sce ti t:~;.~. i: J?.i~:' ~od~~~i,. s.i. ~.i t~~ vano i~. -~f~e,ttt "in-.. un. ~on.te~t~ meno.,.,.,,,... t-,.,.. '. '. a.ysj?.z~t_o~ ~Attese ;Le. ~iff.e;r~~ze d~.i J.i V$i t~cnioi,.~ souzio:p.i.. ~,.. ~ ~- ~.... ~. ~ ~... ' ' ' app.~j;t~.~e:~~~.~ro?~~i. a~~:,.:~~~~ t~_ ~a;t~,~~~od~.rnamep.j;o ~eon~.og~.oo dovevano jen~r.. oo~to de).~. s.t tua~iont ~-~i stenti neg.i... a t~i se t. ~... ' ~ < : ~... ~ ~ :: ~ ' tori de'impresa: a nuova. unità si trovava imbrioata, in un. oom ~ ' :......! \..... pesso oaratteriz~ato da. strutture, regoe e tradizioni proprie, dai~ quaii per m6tepiio:i.ragioni non e~a dato presòi~<1ere-. In!Ueste ~~nqizion~ è ~pparso oppo~tuno ~traprendere una ricerca socioogioa in.imprese de tutto nuove ohe presentas-.. ~ ' o : o ' ' o o ' ".,.. A, ' o ~ > r o o' \_ sero.i iveo e i grado più eevati di appicazioni teonoogiohe... ~., ,

6 .,.. \ - ii - L'obiettivo dea ricerca puo' compendiarsi come segue: studio da un ato in compessi integramente nuovi dee 'ripercussioni sociai esercitate da. 1 evouzione tecnoogica e dee souzioni concrete apportate ae difficotà riscontrate; esame da'atro ato dei probemi specifici emersi nee imprese insediate in regioni non tradizionamente siderurgiche. La ricerca in paroa, intrapresa a iveo dea.comunità, è stata. condotta in Itaia neo stabiimento di Taranto dea Società Itasider {1). La presente reazione sui risutati conseguiti, pubbicata in due voumi, consta. di un "rapporto di sintesi", ne quae sono riaséunte e concusioni formuate dagi autori dea ricerca, nonché di un'anaisi dee caratteristiche dea popoazione studiata, degi atteggiamenti dégi operai, dee prospettive su ~ia.no professiona~ ed economico ed infine dei.rapporti professionai. ' Promuovendo a pubb~ioazione di questa g.ocumenta.z~one,,~a pommissione dee Comunità Europee ambisce met~ere a ~i~~osizione dee.imprese e dee organizzazioni_professionai de'industria sid~rurgioa un nuovo contributo a'individua~ione dee sou-.. z1qni migior~ e più efficaci per far fronte agi affetti de progresso tecnoogico su piano sociae. La Commissione dee Comunità Europee tiene a ringraziare vivamente a di~ezione gen~rae dea Itasider e a.direzione generae de centro sideru+gioo di Taranto di questa società de-. aocogienza e dee agevoazioni riservate agi autori dea ricerca per a migiore riuscita dei avori. Un vivo ringraziamento () In Francia a rioeroa è stata condotta neo stabiimento di Dunkerque daa Società Usinor; in Begio essa è tuttora in corso neo stabiimento di Zezate dea Società Sidmar. 5702/1/67 i

7 t'' ' - iii - essa intende esprimere anche ae organizzazioni professionai dei datori di avoro e dei avoratori ae quai va reso merito dea coaborazione e de'assistenza prodigate ai ricercatori, nonchè a'istituto per gi studi suo sviuppo economico e i progresso tecnico (I.S.V.E.T.) di Roma, segnatamente a responsabie dea ricerca : i Professar Guido Bagioni e ai suoi principai coaboratori, i dottori Gian Primo Cea e Bruno Manghi, che hanno effettuato a ricerca su posto, eaborando poi a presente reazione di cui essi assumono a responsabiità su piano scientifico. i,.. Lioneo LEVI~SANDRI Vicepresidente dea Commissione dee Comunità Europee.. { '. ~. ì, 1..

8 . '... - I - I N. D I C E.,. RAPPORTO DI SINTESI RAPPORTO FINALE Presentazione III 3 Cap. I Cap. II Cap. III Cap. IV Cap. V Cap. VI Cap. VII Cap. VIII Cap. IX Cap. X Cap. XI I IV Centro Itaaider di Taranto cenni introduttivi. L'oggetto e o svogimento dea ricerca. Aspettative e prime esperienze dea nuova occupazione. Atteggiamenti verso i saario ed i sistema di retribuzione. Condizioni e probemi d ea prestazione avorativa. Rapporti gerarchici e reazioni umane. : I Capi de IV Centro. : Coscienza coettiva ed azione sindacae. Fuori de IV Centro : famigie, consumi, tempo ibero. Caratteristiche de disadattamento operaio. : Concusioni APPENDICE A) Questionario ricerca operai. B) Questionario ricerca capi-turno. C) Questionario ricerca famigie operaie. D) Traccia interviste dirigenti aziendai. E) Traccia interviste eaders sindacai * * * 6322/67 i

9

10 -, ~~~,~.~ -~~ ~~~~~~b~w.!><. -'';"> - III... \ 't R A P P O R T O D I S I N T E S I i \ \'_'!, 6322/67 i \

11

12 1. Le principai caratteristiche de Centro siderurgico di ~aranto. i i".,.. La rioe~a, che qui presentiamo negi aspetti e nei ri~tati e! senziai, riguarda i probemi de avoro oper&io a de~tro siderurg! o o di Taranto. E' questa una città ~i otre 2oo.OO() a.bi t~ti ita.ta èu.1 mare Jg nio: essa appartiene ad una regione ohe, fino a quache annota,.av~ va i caratteri: :tipici dee aree rura~ de.t''itaia ~eridionae; Ta-. : ranto, tuttavia, ha una o erta. tradizione "industriae dovuta. a '.in-.. stafaz':one dea.base navae ed aa costruzione de'usenae mii... t~, t"atti che risagono agi u ti.di decenni deo sòorso secoo. - Queste attività hann~ a~to momenti di notevoe espansione oon a I~... e con a.;ii... guerra mondi~~. odi aono segui ti periodi di crisi. e di parziae.smobii te.zion$.. '.:.. In questa città, a~'inizio,degi anni '60, è oqminciata a costruzione di una gr~r.de azienda siderurgica che è. speciaizzata ne.,~.. a. produzi~ne di aud.r..&.ti piani a cado (amiere e rotoi). e di tubi. aadàti :di grande e.m~dio diametro. Ne 1961 si ina.ugtra i tubifi :: cio e n egi.'a.nni.- succeesivi, t~no ~ 1965, vengono rapidamente in - ataa.ti e meaai in Qper~ gi.atr~ ~mpi.,nti, 11 cui. insieme.c~sti. tui-bce a struttura. a~.tua.e, ~h~.se non 'definitiva~ : de'azienda..,. '. : 1 ~4 ~. /..., ~~ co i J)rincipai ~P~~ti ~~. ~tt~~ tà ì ' ' - W$. cokeria;_ ;-., : J.~~. Ciu.é :: ~ttitcsmi,..,.. ' - una aeciai:eria LD;. un() àabbing;..,... :,,.. : :..'....:... ùn 'treno continuo 'per' 'a~~. kstri ~a. oatè; i ~ '. : ~.. ~-. un t reno;.ami.~re. ;_... ~ ' ~.. ~ : ~ ~ fabbrica ;dj:,tu)>i.. a sadatùra ()ngi tucfinae ; :,. _ una f_a.bbrica. di tubi aadatva eiéio'ica.e".. :: '. J..., I' centro df Tar&J.t~ ~.co~ 'a struttura sopra descr-itta, ha una O,! ' Paci t&. produt.t±va di 2,4.. miioni di tonneate di ghisa e di 3 miio, :: ni di :.tonneate di acci~i9;'.~e 1966 ~ prodùm.ione effettiva è stata ~ '.. ~ 570?/67/i ~....J :

13 ' ' _.._,,... VI ~... ~' \... -:. _ ~ seguente: g~isa ~.~.1.e~o.ooo,,acciaio ~ , amina. ti a ca..!. do t , tubi s$.dati t. 13Q.QOO.~ -., '- L'azienda, che nea. fase dea costruzione degi impianti ha u- tiizzato UD:.massimo.. di, addet-ti. presenti contemporaneamente (ae dip,ndenze di numerose ìmprese), ~cupa. -:_in data persone, dee quai' operai, 1.071' impiegati e 1()3. ap~r t,enen~i ae, ca.tegòrie speciai. Le assun_~ioni ~ iniziate ne 1960 : ha.ruo av\to ia. più eevata esp&nai.one ne pèriodo per gi o... perai, e.ne biennio '62-'63 per gi impie~ti.,.. ~. ' '. I recutamento dea manodoper~ è stato favorito dae ar~e d! sponibiità dì offerta de.mercato de avoro ocae e ~~ionae: a azienda, infatti, ha ricevuto più di richieste di assunzione. La-seezione- per gi operai- è avvenuta. sua base di tre criteri. fondamentai: età compresa fra 18 e.. 35 ànni, istruzione m:inima (ic enza di 5"" eementa~e), requisì ti fisici ed a t t, i tudi.~i. Le a.rgn~ carenze di preparazione professionae e di esperienza siderurgica ~ g~ operai assunti ha.nno indotto '_azienda. a :programmare e.~eai~z~ ~e un'ingente.attività di formazione tecnica ed_addeatramento profe! sionae.in ooo e in atri centri s~derurgici.. ' ~. ' Tutto ciò è stato agevoato da fatto che o ~t ~biimen:t.o di T&! ranto- insieme a queo di Bagnoi {Napoi), Piombino e Cornigianò (Genova) - rappresenta i IV Centro a oioo integra~. de'industria siderurgica ITALSIDER, una azienda inquadrata nea.. s~_ietà... finanzi.! ria FINSIDER, che fa. capo a'iri, ossia a.'ent'e ohe racoog~ie e partecipazioni statai in campo industriae 'e nei servizi. ' ~. ~ La reaizzazioné de IV Centro siderurgico- che ha comportato in ~. p - vestimenti per otre 250 miiardi di ire e che già ossi ha a produzione maggiore tra g;i.. stabi.imenti sòpra rico~ti ~ tu d~i.sà da Governo Itaiano ne.1959 ~ costi t~isce a più imp.atva. irziati.va ne seoon~o piano IRI-FINSIDER, piano redatt~ sia per risp~ndere a crescente consumo d'acciaio de me~.ato itaiano sia.per ~ceer.!.re o $Viuppo.econ~ioq-sociae.de Mezzogiorno ~ ' \!...,..., 5702/67fi

14 2. L'oggetto e o svogimento dea rioerca. \, '/' La ri.c~~a, come si è det.to,. ;riguarda.i prob~ dé avoro OP!,. 'aio. a 'ITALSIDER di ''a~to; più prec.isamente es.sa e.~ p~pone' di sondtire: i gr64o.di adattamento dei ayorat6 ~i rispetto ai 'organiz azione ed aa tecnoogia: aziendae;. i' grado di. soddisfasiòne éa; ria.e, protessio~e e sociae ~degi tessi; i rapporti umani e ein 'dacàii ~ Queste rèa tà ai poaéono B.d.egua.tame~te va.utarè soo 'se.. e mettiamo in reazione con e -.oti v~zioni ohe' hanno iitdott.o i avoratori a. ohiedere" ''a.s~~ione e.~'.:t.at,sider, 'cori 1 'immagine- che essi hanno dea. struttura 'e deé rea'z.ioni: 'àooie.ii ooìettive, con e! sigenze che manifestano nee attività e nee ap~rtenenze. extraa-....._ io... ' vorative. ; -,. : j:.....,.i.oampo ai in~n~ dea ~to:e~ei.. :.~. sta.td affrdhtato attraverso tre. momen{i.prihcfpa.ìi e. tra eu or~ ~oorréiati: ' ~... ' ~ ~' 't.! '. "...\ : :. 'I ~.. '1}'- r~pet~~i:-aow~mi de~équp,e:.~i ~~o~rcii_ a '.f:'~"to_, nei ~~i.si sono ràooo te mo t e informazioni ma à~p rattu~to _.i sono condotti "cooqui" oon "testimoni priviegiàti'' (diri~nti e run-:.. ttionari de'azienda,_, eaders si ndaoai, dirigenti dei,parti t~ ppi ~.~o i e ~.ee ~ss~iazioni d.e.: '.ambient.e). Ì ri(i~roa.tori, i no.~~e, sono stati a'interno def'azienda appicando i meto- 1 do. ~; '"o.as~~zione oggettiva". In ~eg\ut'o a a-icro compiuto inj q~ei!jto pririo momento i ricerqatori sonò st~ti in O~Ondizione di formuare.e ipote.si 'éspicative e, cw.ndi, pre_pa.rare gi stru JQenti necessari aa oro verifica.....,... ~ ' ' : '. f "o" ~ ~... ' ' ' ' ' ' ; i... ',.. ' -. '. ''"',; 2). ~ i~ pr~dispos,:ìzi.~ne de,'a '~féere~ oent.rae su un oampi'dne atrat!, ticato di 300 operai. La costruzione de campione è avvenuta t~, nendo 'presenti due variabii ~ondaaentaic ~) a divisione de. 1,1 ' universo degi.op~rai, secondo.e OE\r&~tert atiohe teoni.co-m8!!_ ~onai :d:.-1, avoro.~iderurgio o, ne:.e ~tre grandi -eategorie de- 1 'a~~pusi one ; (ooker:t.ra,. aggomemzione; ati.forni e a.ceiai eria), :, dea Lamina~~one~(pro~~~ione.n~str~ e amiere e tubificio),dei, serv:l~i '(s;rvi.zi à\\siiari; \mariutenzitine e tnsporti interni) ;....'b). ~ 'div~sion~ :d~'wi~yi r~ ~~ii operai sec~ndo a -' 1oro poe!,, ' ~ : r 1 '. ' :. '. ~ ' ' ~ '. 5,702/67/i ' '

15 ,t' VIII.. t... ; r,. zione di "casse" ne sistema ret~ibutivo de~'tasider, basa- tq eua. anaisi e và.uta.zione dee ~ansio~i ; Si sono dif!tinte. e 24 "c~ssi" esistenti' in 3 gruppi: i primo fino a.a, "ca.ss_e 7""" f''oassi" basse), i secondo daa 8"". aa 11"" (ttçassi" medie), i terzo daa aa ("cassi"_ ate)~ Avendo.su~ diviso nei tre gruppi di~! toe.ea:t.. e' tre gran!h aree produttive, si sono ottenuti 9 &O!tO-universi; da questi sono stati est~at- ' ti 9 sotto-campioni L òo metodo de campionamento casuae_/ a cui composizione è proporzionaie a contributo che ciascun s~! to-universo dà aa totaità de'universo. Per questa ricerca si è approntato un vasto ed articoato questionario di circa 200 domande cosi strutturato: 1 c~a.tteristic~e socioou turai dei s.oggetti; 2; "imrruigine" 'cfe '_ITALSI~ ed aspettati ve nei suoi confronti;- ). condizioni e probemi dea remunerazione;4. situazioni e probemi de'impiego de avoro; 5. rapporti degi op! rai con i capi, i dirigenti, i compagni di avoro; 6. condizione op~ raia e. s t;ruttura sooiae; 7. o o scienza ed esperienza si~dacae ; 8. a spt,razioni: e stie di vita 3).- Per competare i campi ' di indagine dea ricerca sugi Qpera.i e per megio vautar.ne i risutati si è ritenuto 'opportuno svoge.re una~serie di ricerche coaterai!'esse.sono e seguenti : a) ricerca sui ca.pi-turno,.. figura particoarmente import.ante ne'organizzazione de azienda. EsB.a ha. interessato 50 so,& getti (sceti casuamente), che sono stati intervistati mediante un questionario i cui impianto, savo acnme variazioni, corrisponde a queo utiizzato per.a ricerca prec_! dente; ' ' ~ ' - b) ricerca su qu~i operai che, in base a certe informazioni e dati oggettivi (tipo ~ frequenza di provvedimenti disoipin~ ri), potev~ò ritenersi 1 disada.ttat~". Sono stati avvicinati so soggett'i~ qo~ a t~nic.a. d.ea interv:i~~a non-direttiva.; o.) ricerca sui dirigenti de 'a.zien~,. (.tutti ad edòezìone di assenti ne periodo ) sui rfiembri 'di Comm1s.sione Interna t~~ e su tre eaders sindacai aziendai. Per questi sogge~ti si è utiizzato o strumento de questionario "a traccia", che riguardava principamente 'adattamento a avoro degi ope- 5702/67/i

16 ~~~.if\t;:r'1'i~yrt:-::;~f.v~~~~~~~~; "" r ', IX,\! ; J / rai, i cima dei rapporti intra-aziendai, i probemi e8! ti aa figura de capo, e reazioni industriai; ' ' d) ricerca su 50 famigie di opèrai ITALSIDER (eoete casuamente tra quee tu Ta.rànto e di ~ue ~~t%'1 vicini:) per accertare,. fra e atre cose, -i grado di,, rispondenz" tra e a.spetta.i;. ve e e gmtt'io.a.zioni ottenute nonché o atandard di Vi ~a. desiderato Per quest'utima..ricerca. si ~ a.ppront~to uno, atruraento mi $to oamposto da una parte con domande Airett~ ed una parte. '.. ~. con questionar.io "a. traocia".... ;f In questa ~ede, ' -. tr~~t~dq~~ di un rapporto éi~tetioo, esamine~amo. distintamente &<?O quee.,parti dae rtcerohé coaterai òhe han-. no UQ oro autonomo e spiccato significato;... ': La tonnazione d!e ipgtesi,.~ i '. Per a formazione dee ipotesi ai è ritenuto opportuno considerare tre ordini di eementi i. primo di carattere generae, gi atri due più direttamente attinenti ae oonoscen e acqui si te su'italsider. Gi eementi.di o~n~ geh~ra~ riguardavano i~ possibii ra.p~rti.tra e condizioni e gi atteggi.amen~i operai e e t~ sf9mà.zioni economiche e sooi~u tura.i in atto ne paese, con izn..... pioaaiòni particoari.~e SUd, da otre un dec~nniq. Gi atri ee :menti:~~:eratio rapp,_.;eàenta.ti da.i dati e da~ tintormasioni.racoo ti n;i 1ò:mamento dea rioe~a nonché da contri~t~. ~uno studio -preiminare su 'a~ento,rrettua.to :ne 1966 (1) ' -In questo studio- riooo di. dati e di oàservazioni ~si profia' va un'ipotesi interpretativa che può essere cosi presentata.: i dipe!!_ ~~.. -,)'' ' (1) I.S.V.E.T., Studio sue nuove aziende siderurgiohe.(:l''>'rea zione deo stabiimento di Taranto), Roma Qu_esto etud:~~,,. e! tettua.to per oonto de'ata Autori t dea C.:E.C.A, à stato oon ~ dotto da F. Zaccone De Rossi e G. Tagiasacchi, sotto a direzione di E. fa.asaoesi. 5702/67/i.. j }. ' -~

17 x '.den~i de'italsider si trovano in uno stato non privo di frustrazio ni soprattutto a. causa. dei modesti ivei retribùtivi. Le ragioni dea insoddisfazione ~sono in parte di.ordine soggettivo (e spera.n-. ze. e.e aspettative sviuppate, -1 autne:nto dèi bisogni~ eco.) ed in parte di ordine oggettivo ('aumento de costo dea vita, a spesa per. a casa ohe assorbe buona parte de saario, ecc.) La retri buzionf) ~uindi non. pu~ soddisfare e numerose aspirazioni de a.vorat,2_ re e dea. sua f8digia. L'uno e 'atra richiedono a'azienda. iniziative tangibii per migiorare e condizioni di vita. Infatti "qu! sto. atteggiamento è piut tosto comune nea. società meridionae, in c~ e forze de'individuo si sono dimos~rate insutfioienti a gar~ ti~ a. conquista de benessere.. L'individuo sente.ohe i proprio, d.! stino dipende più daa fortuna e daa.protezione de poten~e che dao sforzo individuae". Nea. sua percezione "'azienda diviene~ np dei gruppi di potere che si aggiungono a e i. esi,te~ti:. nea comunità: è una grande mamma da oui si devono soecitare favori e che, soprattutto, ha i dovere di occuparsi dei suoi sottoposti, intervenendo ad aeviare anche i oro probemi personai e famiiari" (2). Detta ipotesi, certamente non priva di :aspetti convincenti, ci è.sembrata sostanziamente sempicistica poiohé fondata su'idea tr~dizionae dea cutura e dea struttura. sociae de'itaia de Sud; essa - a nostro Siudizio - trascura e trasformazioni verificatesi in motepici direzioni, ad esemp~o in quea de'azione dei ~ppi organizzati con tini competitivi (partiti poitici, sindacati, eoo,.). Certamente a tradizione ha a.noora un forte peso e può oontt'! stare e condizionare e dinamiche innovative; tuttavia queste non possono essere sottovautate, se non si vogiono ignorare gi effett.i de processo di industriaizzazione. E' proprio quest'utimo punto che ci è servito come quadro.. di riferimen,to per imp~etare a noet.re ipotesi. (2).Ibidem, pp. XXI-XXII. 5702/67/i

18 ; '',' Siamo partiti daa considerazione' in atra sede ampiamente. fo:nnuatà. e verificata ( 3),_ che f~ gi anni '50 e gi anii 60 a.popoazione itaiana. - in seguito a.o sviuppo. dee zone indu - striaizzate, a'intenaificarai dée comunicazioni, a'espander si di tipi di consumi sempre pi~ eyouti- ha abbandonato i modei di vita tradizionai é particoariatici, ha moditicato gi obiet ti vi propri di Una. sooi:et agricoa. e pauperist~~a.,. ba cominciato ; vautare i modi dea vita urbana come no~ai. e desideraoii, ha interiorizzato a oonvi~ione ohe un certo benessere è possibie ' - per ~u~ti e.si è messa nea prospettivà- individuae e/o coettiva- di co.naeguiré questa meta~ I processo qui accennato~ ap. parso più visibie ne Mezzogiorno, ambiente in condizioni tradizionamente ini4onee a soddisfare tae meta..j ' L'espressione pif diretta ed imponente de processo è dovuta a tenaneno dee migrazioni dae tsone rurai e, specie da Sud, _verso. ~a capitàe e e cittè. industriai de Nord. Abbiamo già dimostrato (4) come tae fenomeno abbia ~sunto 1U carattere peoui! -. re perché - 8. differenza di qua.n'to normamente avveniva. nè passa. to - i' sogetti ohe emigrano non asciano a. terra di origine soa mente per ~norementare i proprio reddito o per trovare un quasi!....si pos~o di avoro; e sei, si& pure con divèrsi gradi : di consapevoéaza., 'asciano, senza. idea di tomarvi ne ruturo; 'a; iocietà nea qua.j.e sono vissuti, ~onvinti ohé atrove troveranno una società migiore, idonea a soddisfare e.'aspettativee e esigenze ohe 08i tutti gi uomini manifestano e condividono. ' ' '. ' :. ''. ::. ' '. ' ;..' : ' '. Èaai~ ~indi, 'tro~à:fto u forte incentivò a trasferirsi negi 8!!~ bi enti investi ti da. 'espansione economica. è, nei riguardi. di questa-, sviuppano una. vera e propria "aooia.isza.zic)ne a.ntioipa.toria", <perché., éhmao.sono ancora nei uoghi' d'oricine, -hanno gi a.ssimi! to certe mete e certi comportamenti dea società ohe 11 accogierà. ''',t ''... '} '..,.. i' 1 ~:.. (3-)~'èfr'~F. A~NI-0. BÀGLIONI, L'i,nt er,razione de 'j.mmi«r!to..:nea socìèta' ind.ustriae; Bo~ogna, I.. Mu:i~o, 1965 {4) Ibid~. 5702/67/i

19 XII Questo orien~amento ooettivo,.diftuso in mote zone.d'itaia, non poteva. nqn m~ifest~rsi anche.a Taranto, ambientè de sud più di atri esposto aa percej1one dei modi di vita tipicamente urbanoindustriai. In tae s~tuazione 'arrivo de'italsider ha ~ppresentato u na.. grande occasione per rea~zza.re in ooo queo che prima. e in &!. tre zone avveni va. o~n 'esperienza migra tori a. In a.i tre paroe gi abitanti dea città e dei centri vicini hanno pensato che i be- t nes$ere e uno stie di vita più moderno potessero essere conseguiti nèo stesso uogo di origine a causa dea imponente iniziativa i~ dustriae progettata. Conseguentemente essi raggiungevano un obiettivo ambito senza pagare i costi inevitabii deo spostamento territoriae. Si poteva pensare che 'ITALSIDER fosse vissuta come a grande oo.o.asione e come un.. evento eccezionae per e seguenti ragioni: a prop?~anda sua importanza e sugi effetti attribuiti a'iniziati và; i fatt~ che si trattava di una grande a.z ienda di un settore di b~se; i fatto che e~ un'azienda a partecipazione statae e che quindi offriva un SO$tegno siouro; a constataeione fenomenica dea grandiosità de'iniziativa che risutava da'eevato numero dì addetti e di imprese tmpiega.ti nea costruzione de~o stabiimento. Tutto ciò è sembrato pausibie se'pensiamo ae mote decine di migiaia di soggetti che hanno poeto a propria candidatura come operai ed impiegati de'italsider;.essi- se seguiamo i fio dea nostra ipot esi - tendevano ad ottènere fondamentamente due ri.- t j suta.ti: a sicurezza., eemento costante nea coscienza. operaia ed aspirazione prof~nda de sottoproetariato di ogni paese; ati sa~ ri per a reaizzazione di un tipo di vita più moderno e più soddisfacente. Rispett~ a ~e~te ~s~irazioni quae sarebbe stata a concreta risposta de'azienda? E' ipotizzabie ohe.. essa a.bb~_a_ p~t.i~ip_a.~o i suoi operai su piano dea sicurezza ma non atrettanto su piano dei saari. Questi sono apparsi modesti nei confronti,... dee pre _ -- visioni, ma soprattutto non hanno consentito un radicae migiora-. mento de tenore di vita. a causa. dea. ievitazione dei prezzi. d.ei 5702/67/i

20 ',,. XIII f'.., beni di consumo e d-ri affitti (fatto connesso a'arrivo de'itasider) e per atre ragioni, come a spesa sostenuta per coprire i tragitto casa-azienda.... Da qui sarebbe derivato un senso di frustrazione e di deusio, ne- seppur parziae e torse non-~efinitivo- argamente diffuso fra gi operai. Sua base di questa ipotesi generae ai possono sviuppare ~ tre ipotesi ~più.apeoit~che, come e seguenti : \.. a.- gi operai ITALSIDER non condividono i cima. di primato, di - grande. e~fi?ienza, di successivi tragua.rdi' produttivi da con- seguire, cima che è proposto daa direzione e che si addice a.d. un'imp~esa çande, moderna e in evouzioìe. Ciò avviene per :. ohé_',g~ 9perai - per a. ragione appena- acdottà.. - ai sentòno i.. so~usi o margitta.~i rispetto. a.i. vantaggi connessi. a. ìnigi6.ri!. ve~i di ~roduttività; ~- essi manifesta90 un certo grado di insofferenza n~i confronti de organizzazione e de'ordinamento gerarchico, s.ia. perché 'una e 'atra reatà sono espressione diretta de c~a! ~iendae, aia perché non ~o una.s~fioiente predisposizione aa ogica. industriae; -. c- essi, a contrario, sono maggiormente propensi ad adattarsi a e condiziori1 de. avoro siderurgico (fatica, caore, turni, i! voro festivo, eoè.) in quanto, pur non avendone una diretta e sperienza, sono da sempre a.bi tua ti ad offrire a oro prestazione in ambienti, nei, qua..i i probemi dee condizioni a.vo ~tive non sono moto vautati. Ciò vae per oooro ohe prove!!. gono d.a;t. 'agrioo tura cane per cooro che hb.nno :1a.éoia.to ' edi 1zia, 'i. servizi, e piccoe e medie imprese ' de'' indust'ri~; -.. ~ t ~ i!- in questa situazione i capo-turno ed, in genere, i capi inter ~edi vengono. a rappr$senta.re i ucapro-eepiatorio" de.'iinsod: d.isfazione ope;raia. I capi, infat td., sono i diretti. porta. tori deo 1Jp~ri to produtt~via~~co: f). sono.cooro che costantemente ripropo~no ag~ operai e.. esigen.z.e. e 'a. pr.aeài.di 'uiui serra.-. ~:~- ~ : ~,_.... :, t.5- ~. ~.. i ' :.'Ì i ' f... ~ 5702/67/i

21 XIV t~ organizzazione industriae; ~- in questa situazione gi ope~~~ ~~ifestano sentimenti ambiv~ enti verso i dirigenti. Costoro sono vautati positivamentein quanto creatori de'azienda e prot~nisti di que processo produttivo che ass~cura stabiità di impiego ai dipendenti;vengono vautati negativament.e in quanto sono considerati come i gruppo che si avvantaggia effettivamente dei progressi produtt! vi ed organizzativi;! - gi operai de'italsider- sia per a mancanza o a scarsità.di esperien!a. associativa, sia per a brevissima vita de' a zienda - non dimostrano una profonda coscienza soidaristica e vivono 'azione de sindacato come i punto.di passaggio de 1.2, ro "macontento". Conseguentemente essi pongono mote attese nei confronti dei oro rappresentanti senza per atro essere consape~oi deo stretto rapporto fra azione de sindacato e sostegno a tae azione~ 4. I principai risutati dea ricerca-operai. a) Significati de'ingresso a'itasider. Gi operai de'italsider di Taranto hanno una spiooata oaratt! ristica. biograf'ica: nea grande maggioranza si t~a.tta di giovani e quindi di soggetti disponibii a. nuove esperienze professionai e ou turai e con prospettive personai presumibimente dinamiche. La oro età me~ia si aggira sui 30 a.nni. Otre i 70% di essi è stato assunto ne biennio '64~'66;gi a! tri da '59. a '6). I primi appartengono ae "cassi'' basse (1-7) e medie {8-11); i seoo~di si ritrovano per i 60% nee cassi ate(12-24) con un buon gruppo in quee medie. Questo fatto va tenuto presente nea ettura. dei risu ta.ti perché abbiamo una. arga coi.ncide!! za fra 'anzianità a.zie~dae e a. posizione eevata. di "casse", cui 5702/67/i

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE ECONOMIA CULTURA SOLIDARIETÀ TERRITORIO SPORT PLEIADI N 62 - Semestrae - Aprie 2013 CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL Un mondo di vantaggi TECNOLOGIA PER IL CLIENTE Un offerta personaizzata CASTELLI ROMANI

Dettagli

ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20ll SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20ll SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20 SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE VALUTAZIONE ANNO DIPENDENTE: CATEGORIA: B (amministrativo)

Dettagli

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico Energia e Ambiente La soarità nee varie zone itaiane per i fotovotaico Modena 5 marzo 2008 Gianni Leanza Energia e Ambiente QUANTA ENERGIA ARRIVA DAL SOLE? Da Soe, si iberano enormi quantità di energia

Dettagli

Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori

Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori Contenuto 1. Prefazione di Amanda Mackenzie OBE,Direttore Marketing e Comunicazione, Aviva pc. (p3) 2. Principai evidenze (p4) 3. CAS 2004 - uno sguardo

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 5 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 5 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... VOLUME 2 CAPITOLO 5 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE LA POPOLAZIONE 1. Paroe per capire Aa fine de capitoo scrivi i significato di queste paroe nuove: popoazione... uogo di provenienza... immigrato...

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE Focus TU Articoo SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE di Fausto Di Tosto, primo tecnoogo, Sezione Impianti e apparecchiature eettriche - ISPESL

Dettagli

Giovani e NEET in Europa: primi risultati

Giovani e NEET in Europa: primi risultati Fondazione europea per i migioramento dee condizioni di vita e di avoro Giovani e NEET in Europa: primi risutati > Sintesi < Se i giovani non hanno sempre ragione, a società che i ignora e i emargina ha

Dettagli

Contenuti. Espresso 1 8. Espresso 2 23. Prefazione 4. Indice delle attività 6. Materiale fotocopiabile 37. Soluzioni 91

Contenuti. Espresso 1 8. Espresso 2 23. Prefazione 4. Indice delle attività 6. Materiale fotocopiabile 37. Soluzioni 91 Contenuti Prefazione 4 Indice dee attività 6 Espresso 1 8 Espresso 2 23 Materiae fotocopiabie 37 Souzioni 91 3 Prefazione Le attività presentate in questo voume offrono agi insegnanti nuovi spunti per

Dettagli

IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII Un modo migiore di avorare, attraverso un coinvogimento che iberi energie, capacità e potenziaità per a crescita dea motivazione, dea partecipazione e dea

Dettagli

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012 ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE DI SAN DANIELE DEL FRIULI Istituto Statae d Istruzione Superiore Vincenzo Manzini di San Daniee de Friui Piazza IV Novembre 33038 SAN DANIELE DEL FRIULI (prov. di Udine)

Dettagli

Personal Mastery Report

Personal Mastery Report Persona Mastery Report Profio base Esempio nome società Esempio dipartimento Esempio posizione avoro Mario Esempio 28 aprie 1 Report di Mario Esempio - 28 aprie 1 Indice 1 Persona Mastery Report 3 11 omprendere

Dettagli

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiiare Convenzione fra 'Amministrazione provinciae di Pistoia e a PROD. 84 di Pistoia (PT) ai sensi de'art. 5 Legge 381191 e S. di puizia dei

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

Il Preposto. Stress da lavoro correlato, gestanti, sicurezza negli uffici. Materiale didattico per la formazione dei Preposti

Il Preposto. Stress da lavoro correlato, gestanti, sicurezza negli uffici. Materiale didattico per la formazione dei Preposti Materiae didattico per a formazione dei Preposti I Preposto Stress da avoro correato, gestanti, sicurezza negi uffici Cutura dea sicurezza patrimonio comune de mondo de avoro: impresa, avoratori e parti

Dettagli

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato Esente da imposte di boo e registro ex artt. 6-8 Legge 266/1991. Atto costitutivo de'associazione di voontariato ART. 1 - È costituita fra i suddetti comparenti 'associazione di voontariato costituita

Dettagli

PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scolastico 2014-15

PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scolastico 2014-15 PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scoastico 2014-15 CORSO: DOCENTE COORDINATORE: DOCENTE SOSTEGNO: ASSISTENTE FISICA: 8 9 10 11 12 14 15 16 17 1. ORARIO DEFINITIVO DELLA CLASSE(in giao:orario

Dettagli

La bonifica dei siti contaminati è un tema sul quale, da diversi anni, si confrontano soggetti

La bonifica dei siti contaminati è un tema sul quale, da diversi anni, si confrontano soggetti Tra i tanti, acque di fada e terre e rocce, MISE e Conferenza dei Servizi Bonifiche in siti produttivi: quai gi aspetti più critici? La bonifica dei siti contaminati è un tema su quae, da diversi anni,

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI La sicurezza ne azienda agricoa e nei cantieri forestai Le opportunità per i dottori agronomi e forestai SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI Prof. Danio MONARCA Art. 26 Obbighi connessi ai contratti

Dettagli

E ANTROPOLOGIA ESISTENZIALE Anno accademico 2015-16

E ANTROPOLOGIA ESISTENZIALE Anno accademico 2015-16 COME RAGGIUNGERE L ATENEO n In treno Da stazione Termini, prendere i treno direzione Civitavecchia e scendere a stazione Aureia. Proseguire a piedi per un breve tratto fino ad arrivare in via de Bazo e

Dettagli

Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001. (edizione 2015)

Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001. (edizione 2015) Sistemi di gestione per a quaità UNI EN ISO 9001 (edizione 2015) 1 4) CONTESTO DELL'ORGANIZZAZIONE 4.1 Comprendere 'organizzazione e i suo contesto L'organizzazione deve determinare i fattori esterni ed

Dettagli

Insiemi e funzioni CAPITOLO 1 1. GLI INSIEMI CON DERIVE. Come creare un insieme

Insiemi e funzioni CAPITOLO 1 1. GLI INSIEMI CON DERIVE. Come creare un insieme CAPITOLO 1 Insiemi e funzioni 1. GLI INSIEMI CON DERIVE Come creare un insieme I modo piuá sempice per creare un insieme con Derive eá queo di eencare i suoi eementi racchiudendoi a'interno di una coppia

Dettagli

RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO

RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO RSU eezioni de 3-4-5 marzo 2015 3 Caendario e tempistica dee procedure eettorai e termine per e adesioni 13 gennaio 2015 annuncio

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO Newsetter n.7 - (1/2014) CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO presente numero dea newsetter dea Cassa iustra una rapida situazione de andamento de

Dettagli

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE di Fausto Di Tosto dipartimento Certificazione e Conformità dei Prodotti e Impianti INAIL, ex ISPESL Osservatorio a cura de Ufficio Reazioni

Dettagli

COMUNE DI SPINO D ADDA LISTA PROGETTO PER SPINO PAOLO RICCABONI SINDACO PAOLO RICCABONI SINDACO. ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011

COMUNE DI SPINO D ADDA LISTA PROGETTO PER SPINO PAOLO RICCABONI SINDACO PAOLO RICCABONI SINDACO. ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011 COMUNE DI SPINO D ADDA ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011 LISTA PROGETTO PER SPINO Disponibiità a servizio Metteremo i singoi cittadini e a coettività a primo posto quai destinatari de nostro avoro. Tutti

Dettagli

LA LEADERSHIP ARCHETIPALE. Pagina 5. Pagina 7. Pagina 3. Consulenza Formazione Coaching. Numero 2 - Marzo/Aprile 2013

LA LEADERSHIP ARCHETIPALE. Pagina 5. Pagina 7. Pagina 3. Consulenza Formazione Coaching. Numero 2 - Marzo/Aprile 2013 Pioe Numero 2 - Marzo/Aprie 2013 Consuenza Formazione Coaching LA LEADERSHIP ARCHETIPALE Quae è a distinzione tra un eader e un manager? Leader si nasce o si diventa? I tema dea eadership da sempre affascina

Dettagli

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

Guida alle applicazioni ESF Lexmark

Guida alle applicazioni ESF Lexmark Guida ae appicazioni ESF Lexmark Aiutate i vostri cienti a sfruttare a massimo e stampanti e e mutifunzione Lexmark abiitate per e souzioni Le appicazioni Lexmark sono state progettate per consentire ae

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 OGGETTO APPROVAZIONE REGOLAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE 20/62 L anno duemiasei i giorno trenta de

Dettagli

Determinazione nr. 3 -i del 21 APR. 20!4

Determinazione nr. 3 -i del 21 APR. 20!4 CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA AMBITO 27 egge 328/00 Determinazione nr. 3 -i de 21 APR. 20!4 N 3't L; de Registro Generae de 2 3 APR. 2014 Oggetto: Tirocinante Di Maio Serena : autorizzazione ad effettuare

Dettagli

Guida alla gestione d'impresa. Governare un'impresa

Guida alla gestione d'impresa. Governare un'impresa Guida aa gestione d'impresa Governare un'impresa Edizione 2010 Copyright 2010 Berardino & Partners S.r.. Via Morosini 19 10128 Torino Diritti di riproduzione, con quasiasi mezzo, concessi aa Camera di

Dettagli

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II Risouzione di travature reticoari iperstatiche co metodo dee forze ompemento aa ezione 3/50: I metodo dee forze II sercizio. er a travatura reticoare sotto riportata, determinare gi sforzo nee aste che

Dettagli

Lexmark Print Management

Lexmark Print Management Lexmark Print Management Ottimizzate a stampa in rete e create un vantaggio informativo con una souzione di gestione dee stampe che potrete impementare in sede o attraverso coud. Riascio stampe sicuro

Dettagli

74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali

74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali 74 Per i beni mobii registrati, con costo ammortizzabie ai fini fiscai in un periodo non inferiore a dieci anni, a cui utiizzazione richieda un equipaggio di ameno sei persone, quaora siano concessi in

Dettagli

Le grandi imprese. nascono da piccole opportunita...

Le grandi imprese. nascono da piccole opportunita... Le grandi imprese nascono da piccoe opportunita... CHI SIAMO Direzione Lavoro è una Società speciaizzata in Ricerca & Seezione, Formazione e Gestione Risorse Umane. Nasce da unione di un gruppo di professionisti

Dettagli

n.68/1999, attraverso la copertura dei seguenti posti disponibili per

n.68/1999, attraverso la copertura dei seguenti posti disponibili per Università degi St di di Cagiari DREZONE PER L PER$ NALE Dirigente: Dott.ssa FaJ izia Biggio A DRETTOR GENERAL DELLE UNVERSTA' Prot. n. 16520 A TUTTE LE PP.AA. Cagiari, 11 maggio 2015 Pubbicato ne sito

Dettagli

UOC: Sviluppo Competenze e Formazione DIRETTORE: Dott. M. Bizzoca Te!' 0746 278769 - FAX 0746 278742 - e-mail: formazione@as!.rieti.

UOC: Sviluppo Competenze e Formazione DIRETTORE: Dott. M. Bizzoca Te!' 0746 278769 - FAX 0746 278742 - e-mail: formazione@as!.rieti. +ASL RET AZENDA UNTÀ SANTARA LOCALE RET Via de Terminio, 42-02100 RET - Te. 0746.2781 - PEe: as.rieti@pec.it C.F. e P.1. 00821180577 REGONE T LAZO.. UOC: Sviuppo Competenze e Formazione DRETTORE: Dott.

Dettagli

SCHEMA DI D.LGS SULLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI L APPRENDISTATO

SCHEMA DI D.LGS SULLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI L APPRENDISTATO SCHEMA DI D.LGS SULLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI L APPRENDISTATO A cura deo studio egae Aberto Guariso Livio Neri Aggiornamento a 04.03.2015 Art 39: Definizione I contra*o di apprendistato è definito secondo

Dettagli

U.N.I.T.A.L.S.I. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO ELETTORALE

U.N.I.T.A.L.S.I. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO ELETTORALE U.N.I.T.A.L.S.I. Unione Nazionae Itaiana Trasporto Ammaati a Lourdes e Santuari Internazionai REGOLAMENTO GENERALE * * * * REGOLAMENTO ELETTORALE * * * * SECONDA EDIZIONE INDICE GENERALE PREFAZIONE ALLA

Dettagli

Domande e risposte inerenti il cambio di piano della Cassa pensione Novartis

Domande e risposte inerenti il cambio di piano della Cassa pensione Novartis CASSA PENSIONE NOvArtIS basiea, giugno 2010 Domande e risposte inerenti i cambio di piano dea Cassa pensione Novartis 1 Domande generai... 3 1.01 Quai sono e differenze principai tra i primato di prestazioni

Dettagli

Personal Mastery Report

Personal Mastery Report Persona Mastery Report Profio base Descrizione profii comportamentai Esempio nome società Esempio dipartimento Esempio posizione avoro Mario Esempio 18 ugio 14 Report di Mario Esempio - 18 ugio 14 Indice

Dettagli

FAX Canon B230C FAX Canon B210C. Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuale per l utente

FAX Canon B230C FAX Canon B210C. Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuale per l utente FAX Canon B230C FAX Canon B210C Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuae per utente Copyright 1999 Canon, Inc. Tutti i diritti riservati. Non è consentito riprodurre i presente manuae in acuna forma, competa

Dettagli

MESA entra all Università: al Politecnico di Milano

MESA entra all Università: al Politecnico di Milano www.mesa-sic.com www.mesa-nord. com Anno 0 - numero 3 SETTEMBRE 2014 Dir. Resp. Orietta Mavisi Moretti MESA entra a Università: a Poitecnico di Miano a Mesa Group ampia a propria attività formativa rivota

Dettagli

Ordine del Giorno. 2. Esame ed approvazione della bozza di bilancio di esercizio chiuso al 3 1.12.2014;

Ordine del Giorno. 2. Esame ed approvazione della bozza di bilancio di esercizio chiuso al 3 1.12.2014; UNGAS DSTRBUZONE S.R.L. - VA LOMBARDA N. 27-24027 NEMBRO (BG) - C.F. P..V.A. 03083850168 LBRO DELLE DECSON DEGL AMMNSTRATOR VERBALE DEL CONSGLO D AMMNSTRAZONE DEL 26 FEBBRAO 2015 Oggi, 26 febbraio 2015,

Dettagli

Pilkington Optilam Pilkington Optiphon Linee guida per l utilizzo

Pilkington Optilam Pilkington Optiphon Linee guida per l utilizzo Pikington Optiam Pikington Optiphon Linee guida per utiizzo Pikington Optiam Pikington Optiphon Introduzione I vetro stratificato è prodotto assembando due o più astre di vetro foat con uno o più intercaari.

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA art.. 146 Decreto Legisativo 22/01/200 n. 42 AL COMUNE DI FARRA DI SOLIGO SPORTELLO UNICO EDILIZIA RESIDENZIALE SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO PROTOCOLLO ATTIVITÀ

Dettagli

Fondazione Musei Civici di Venezia

Fondazione Musei Civici di Venezia Fondazione Musei Civici di Venezia di Paazzo Ducae ITA Itinerari segreti di Paazzo Ducae I percorso dea visita Gi di Paazzo Ducae si snodano ungo acune dee stanze in cui, nei secoi dea Serenissima, si

Dettagli

La Carta della statistica pubblica svizzera

La Carta della statistica pubblica svizzera La Carta dea statistica pubbica svizzera Fritz Faser, Ufficio di statistica de Canton Argovia La Carta I frontaieri I 24 maggio 2002 a Conferenza svizzera degi uffici regionai di statistica (CORSTAT) ha

Dettagli

Il rimborso dei prestiti

Il rimborso dei prestiti I rimborso dei prestiti Obiettivi individuare e caratteristiche dei diversi tipi di rimborso saper stendere un piano di ammortamento saper cacoare a rata di un ammortamento comprendere e caratteristiche

Dettagli

Children in Crisis Italy

Children in Crisis Italy Chidren in Crisis Itay Istruzione per i bambini piu indifesi a mondo Chidren in Crisis Itay è un associazione non profit (Onus), fondata in Itaia ne 1999 ed originariamente ne Regno Unito ne 1993, per

Dettagli

I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI

I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI CIGO, CIGS, CdS, Fondi biaterai Roberto Benagia - Giugno 2015 Lavoratori beneficiari Operai, impiegati, quadri + apprendisti in professionaizzante per Cigo e Cigs crisi aziendae

Dettagli

Lexmark Solutions Platform: soluzioni software

Lexmark Solutions Platform: soluzioni software Lexmark Soutions Patform Lexmark Soutions Patform: souzioni software Lexmark Soutions Patform è i framework d appicazione creato e sviuppato da Lexmark per fornire efficienti e accessibii souzioni software

Dettagli

QUADRI ELETTRICI BT: GARANTIRE LA SICUREZZA CON LA CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA TECNICA

QUADRI ELETTRICI BT: GARANTIRE LA SICUREZZA CON LA CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA TECNICA Osservatorio CEI Articoo QUADRI ELETTRICI BT: GARANTIRE LA SICUREZZA CON LA CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA TECNICA di Cristina Timò diret tecnico - CEI Angeo Baggini membro comitato - CEI Con i 2012 i periodo

Dettagli

Interazione tra forze verticali e longitudinali: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013

Interazione tra forze verticali e longitudinali: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013 Interazione tra forze verticai e ongitudinai: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013 Ne piano frontae si studia interazione tra forze verticai Fz e forze aterai Fy sviuppate a iveo de impronta a terra.

Dettagli

Le imprese agrituristiche e gli alberghi diffusi per la competitività della Destinazione Italia

Le imprese agrituristiche e gli alberghi diffusi per la competitività della Destinazione Italia Le imprese agrituristiche e gi aberghi diffusi per a competitività dea Destinazione Itaia MARCO VALERI Sintesi de avoro Obiettivi Obiettivo de avoro è evidenziare i ruoo di formue di business ricettivo

Dettagli

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE -~ ' UNIVERSITÀ AREA AFFARI GENERAU mtuzionali E LEGAU Ufficio Ediizia Universitaria e Contratti prot SòeaA dei cd?;\ o:t..wx::. G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ART, -OGGETTO, 1. L'Università

Dettagli

FASCICOLO 1. fondazione CENTRO DI ORIENTAMENTO Alessandria

FASCICOLO 1. fondazione CENTRO DI ORIENTAMENTO Alessandria FASCICOLO 1 fondazione CENTRO DI ORIENTAMENTO Aessandria INDICE Introduzione Capitoo I. I bambino nea scuoa eementare 1. Che cosa avviene su piano fisico-motorio? 2. Come si sviuppano inteigenza e i pensiero?

Dettagli

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e.

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e. In m o l ti pa e s i po c o svil u p p a t i, co m p r e s o il M al i, un a dell a pri n c i p a l i ca u s e di da n n o alla sal u t e e, in ulti m a ista n z a, di m o r t e, risi e d e nell a qu al

Dettagli

Pitture per facciate Caparol

Pitture per facciate Caparol Pitture per facciate Caparo Proteggere, decorare e conservare Quaità da vivere. 2 Sostenibii, resistenti e innovative Le pitture hanno da sempre aiutato uomo a vaorizzare gi ambienti abitativi e a proteggere

Dettagli

Provincia di Terni DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Repertorio Generale delle Determinazioni dirigenziali n. 114 del 27/02/2015

Provincia di Terni DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Repertorio Generale delle Determinazioni dirigenziali n. 114 del 27/02/2015 Tit. SETTRE: DIRIGENTE: SERVIZI: Ambiente e Difesa de Suoo Arch. Donatea Venti Gestione amm.va contabie Repertorio U.. dee determinazioni dirigenziai n. 2 de 26/01/2015 GGETT: Piano di Azione Ambientae

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO 1tEGIONiì CAABR ~~~."fscoastico Regionae ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLE DELL'INFANZIA, PRIMARIE, SECONDARIE DI 1 GRADO DI AMENDOLARA, ORIOLO E ROSETO CAPO SPULICO Via Roma, 1-87071- AMENDOLARA (CS) I PROT.

Dettagli

Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionali a colori

Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionali a colori Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionai a coori La nuova generazione dea stampa aziendae. La serie OfficeEdge è una nuova categoria di dispositivi progettata con componenti professionai

Dettagli

PIANO OPERA TI VO DI SICUREZZA MODELLO SEMPLIFICATO

PIANO OPERA TI VO DI SICUREZZA MODELLO SEMPLIFICATO Aegato I Modeo sempificato per a redazione de (Le dimensioni dei campi indicati nee tabee a seguire sono meramente indicative in quanto dipendenti da contenuto} PIANO OPERA TI VO DI SICUREZZA MODELLO SEMPLIFICATO

Dettagli

Controllo della temperatura. Per tutte le vostre esigenze.

Controllo della temperatura. Per tutte le vostre esigenze. Controo dea temperatura. Per tutte e vostre esigenze. Termoregoatori REGLOPLAS. Controo dea temperatura. Intuitivo. Affidabie. I nostri nuovi prodotti 5 Nuove tecnoogie in uso 7 Souzioni individuai per

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI INFORMAZIONI GENERALI SEDE Ergife Paace Hote Roma Via Aureia, 619-00165 ROMA Come raggiungere a sede IN AEREO: Da Aeroporto Internazionae Leonardo da Vinci di Fiumicino a km.25 taxi treno Fiumicino/Roma

Dettagli

Emissione imposte di circolazione e di navigazione 2012

Emissione imposte di circolazione e di navigazione 2012 Sezione dea circoazione, Camorino 1 Emissione imposte di circoazione e di navigazione 2012 L importo totae fatturato per anno 2012 è di: Frs. 120'788'224.-- Così suddiviso: imposte di circoazione Frs.

Dettagli

Costi del ciclo di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per le acque reflue

Costi del ciclo di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per le acque reflue WHITE PAPER Costi de cico di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per e acque refue Giugno 215. Costi de cico di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per e acque refue Questo white paper si prefigge o scopo

Dettagli

Smalti. Protezione ottimale, fascino assoluto. Qualità da vivere.

Smalti. Protezione ottimale, fascino assoluto. Qualità da vivere. Smati Protezione ottimae, fascino assouto Quaità da vivere. 2 Sostenibii, resistenti e innovative Le pitture hanno da sempre aiutato uomo a vaorizzare gi ambienti abitativi e a proteggere i propri beni

Dettagli

ESTENSIMETRO O STRAIN GAUGE

ESTENSIMETRO O STRAIN GAUGE ez I trasduttori di forza e di pressione La misura di una forza o di una pressione si ric onduc e aa misura di una deformazione. E queo c he succ ede nee bianc e c he permettono di misurare a forza peso

Dettagli

la newsletter per l insegnante di storia marzo 2012 Numero 50 PERLASTORIA Progetto Storia 2012

la newsletter per l insegnante di storia marzo 2012 Numero 50 PERLASTORIA Progetto Storia 2012 a newsetter per insegnante di storia marzo 2012 Numero 50 PERLA mai Strumenti e proposte per i avoro in casse e aggiornamento In base ae nuove Indicazioni nazionai e Linee guida Progetto Storia 2012 Edizioni

Dettagli

Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento vuol dire contemplare una

Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento vuol dire contemplare una Articoo In arrivo una nuova norma per a quaificazione dee imprese Le procedure di avoro per garantire a sicurezza negi ambienti confinati Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento

Dettagli

Protective Packaging. Il tuo partner per l imballaggio

Protective Packaging. Il tuo partner per l imballaggio Protective Packaging I tuo partner per imbaaggio PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI IMBALLAGGI PER OGNI NECESSITÀ PRODUCT CARE La divisione Product Care di Seaed Air risponde ae esigenti sfide poste agi imbaaggi

Dettagli

Come fare un orto o un giardino condiviso

Come fare un orto o un giardino condiviso Come fare un orto o un giardino condiviso Guida pratica per cominciare Zappata Romana studiouap COLOPHON Testi e grafica studiouap Sivia Cioi Luca D Eusebio Andrea Mangoni con aiuto di Annaisa Abbondanza

Dettagli

Speciale Reggio Emilia

Speciale Reggio Emilia A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna Speciae Reggio Emiia donne & diritti articoo 18 biancio sociae fratei cervi amore In primo piano I Diritti dea Cgi e i rovesci di Monti h Maurizio Fabbri Segretario

Dettagli

tni. 1994-2002 Costituzione istituto A. Cleopatra - -' Istituto di formazione professionale aut. Reg. Campania LR. 19/87 1

tni. 1994-2002 Costituzione istituto A. Cleopatra - -' Istituto di formazione professionale aut. Reg. Campania LR. 19/87 1 Curricuum Vitae : Europass i! Informazioni personai ; Nome(i) Cognome(i) ; Antonio Ceopatra ndirizzo(i)! -Pomigiano darco Na!-..:=-- Teefono(i) i~ Ceuare i_.swii-.._. E-mai i "p L 1: &Hbffi Qiìijit Codice

Dettagli

TRIBUNALE DI TORINO Sezione Esec. lmm. PERIZIA PER ESECUZIONE IMMOBILIARE

TRIBUNALE DI TORINO Sezione Esec. lmm. PERIZIA PER ESECUZIONE IMMOBILIARE Arch. Favio Contardo Via Baretti 36 ~0125 Torino TRIBUNALE DI TORINO Sezione Esec. mm. Giudice dott. Moroni R.G. Bg/2015 Attore: Xxx Convenuto: Yyy PERIZIA PER ESECUZIONE IMMOBILIARE Con atti des/n/zo4,

Dettagli

Guida all uso 3283. Cenni su questo manuale. Indice. Guida generale. Indicazione dell ora. Cronometro MO1106-IA

Guida all uso 3283. Cenni su questo manuale. Indice. Guida generale. Indicazione dell ora. Cronometro MO1106-IA MO1106-IA Guida a uso 3283 Cenni su questo manuae (Luce) A seconda de modeo di oroogio, a visuaizzazione de testo appare sotto forma di caratteri scuri su sfondo chiaro o sotto forma di caratteri chiari

Dettagli

Pitture per interni. Innovative, efficienti e sostenibili. Qualità da vivere.

Pitture per interni. Innovative, efficienti e sostenibili. Qualità da vivere. Pitture per interni Innovative, efficienti e sostenibii Quaità da vivere. 2 Sostenibii, resistenti e innovative Le pitture hanno da sempre aiutato uomo a vaorizzare gi ambienti abitativi e a proteggere

Dettagli

Iscrizione N: T000629 Il Presidente della Sezione regionale del Piemonte dell'albo Nazionale Gestori Ambientali

Iscrizione N: T000629 Il Presidente della Sezione regionale del Piemonte dell'albo Nazionale Gestori Ambientali J Abo Nazionae Gestori Ambientai SE ZIONE REGIONALE DEL PIEMONTE a presso a Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricotura di TORINO Iscrizione N: T000629 I Presidente dea Sezione regionae de Piemonte

Dettagli

il DM 27012004 "Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia

il DM 27012004 Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia carica presso a sede de'università; e La Federazione CONFAL-UNSA Coordinamento Nazionae Beni Cuturai (di seguito denominata Federazione) con sede c/o Ministero per i Beni e e AttivitA Cuturai. Via de Coegio

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... VOLUME 2 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE I TRASPORTI 1. Paroe per capire Aa fine de capitoo scrivi i significato di queste paroe nuove: vie di comunicazione... mezzi di trasporto... autostrada...

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 1 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 1 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... IL SOLE VOLUME 3 CAPITOLO 1 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Paroe per capire Aa fine de capitoo scrivi i significato di queste paroe nuove: Soe... fotosintesi corofiiana. stagioni... pianeti... orbita...

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale delle Risorse Materiali, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale delle Risorse Materiali, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I MOD. 40/255 DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generae dee Risorse Materiai, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I LETTERA CIRCOLARE Ai Proweditori Regionai LORO SEDI AUfficio

Dettagli

AVEIRO: A Veneza Portuguesa

AVEIRO: A Veneza Portuguesa AVEIRO: A Veneza Portuguesa Posizione La città di Aveiro si trova nea parte settentrionae de Portogao (tra Porto e Coimbra) e si affaccia su Oceano Atantico Come raggiungere Aveiro Tramite RYANAIR con

Dettagli

-------------------------

------------------------- Daa formazione a distanza ae comunità di pratica attraverso 'apprendimento in rete Lo spettro dei possibii usi dee reti nea formazione continua e a distanza INTRODUZIONE Gi iter formativi di tipo tradizionae

Dettagli

SEITORE POLITICHE GIOVANILI E PUBBLICA ISTRUZIONE

SEITORE POLITICHE GIOVANILI E PUBBLICA ISTRUZIONE Gim 41 Cutrtt ""mare d s.a ; ~rmrr ~,.,,tj,,mi~:u Finauiario 'rofocoo N. 'i. 8 DI C 2011 CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA Provincia di Napoi SEITORE POLITICHE GIOVANILI E PUBBLICA ISTRUZIONE Determinazione

Dettagli

U.N.I.T.A.L.S.I. Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali STATUTO

U.N.I.T.A.L.S.I. Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali STATUTO U.N.I.T.A.L.S.I. Unione Nazionae Itaiana Trasporto Ammaati a Lourdes e Santuari Internazionai STATUTO INDICE PRESENTAZIONE...pag. 5 APPROVAZIONE CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA...pag. 7 CAPO PRIMO: PRINCIPI...pag.

Dettagli

Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Ballesio Dott. I. Bertini. Dott. E.Paolini. Tirrenia, 09/12/2011

Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Ballesio Dott. I. Bertini. Dott. E.Paolini. Tirrenia, 09/12/2011 Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Baesio Dott. I. Bertini Dott sa E.Ebner Dott.sa E Ebner Dott. E.Paoini Tirrenia, 09/12/2011 Med Sci Sports Exerc. 2009 Mar; 41(3):709Ǧ31 JADA. 2009 Mar; 109 (3): 509Ǧ527.

Dettagli

SEZIONE 1 INTRODUZIONE

SEZIONE 1 INTRODUZIONE SEZIONE 1 INTRODUZIONE Sezione 1 INTRODUZIONE Gi argomenti trattati in questa sezione sono Veicoi commerciai Cassi, autorizzazioni e imitazioni dea patente di guida per uso commerciae Requisiti per a patente

Dettagli

Roma, 18 settembre 2014. Claai

Roma, 18 settembre 2014. Claai .:.ontratto Coettivo Nazionae di Lavoro per i dipendenti dae imprese artigiane esercenti Servizi di puizia, Disinfezione, Disinfestazione, Derattizzazione e Sanificazione Roma, 18 settembre 2014 Caai Si

Dettagli

BANCA POPOLARE FRIULADRIA ALLEGATO DELL'ACCORDO 17 MARZO 201 0 COSTITUZIONE DELLA RAPPRESENTANZA DEI LAVORATORI PER SICUREZZA IN FRIULADRIA

BANCA POPOLARE FRIULADRIA ALLEGATO DELL'ACCORDO 17 MARZO 201 0 COSTITUZIONE DELLA RAPPRESENTANZA DEI LAVORATORI PER SICUREZZA IN FRIULADRIA REGOLAMENTO PER L'ELEZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO ("RRLLSS") BANCA POPOLARE FRIULADRIA SPA (aegato a'accordo 17 marzo 2010) Art 1 - INDRIONE

Dettagli

Consiglio Regionale Atti C onsiliari VII LEGISLATURA ATTO N. 539. iw OZIONE. dei Consiglieri CRESCIMBENI, LA FFRANCO, LIGNANI MARCHESANI e ZAFFIM

Consiglio Regionale Atti C onsiliari VII LEGISLATURA ATTO N. 539. iw OZIONE. dei Consiglieri CRESCIMBENI, LA FFRANCO, LIGNANI MARCHESANI e ZAFFIM ]REGIONE DELLWMBRIA Consigio Regionae Atti C onsiiari VII LEGISLATURA ATTO N. 539 iw OZIONE dei Consigieri CRESCIMBENI, LA FFRANCO, LIGNANI MARCHESANI e ZAFFIM Riconoscimento dei dirith de popoo tibetano

Dettagli

Carta dei Servizi. nostro IMPEGNO con VOI. Centri diurni

Carta dei Servizi. nostro IMPEGNO con VOI. Centri diurni MPEGNO con VO Centri diurni Reaizzazione Azienda Servizi aa Persona RETE - Reggio Emiia Terza Età Coordinamento e redazione Settore Reazioni stituzionai e Quaità Progetto grafico Studio dana - comunicazione

Dettagli

D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999

D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999 D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999 di Laura Tomassini Dipartimento Tecnoogie di Sicurezza ISPESL Osservatorio a cura de Ufficio Reazioni con i Pubbico

Dettagli

1 Centro di Responsabilità Risorse Umane e Affari Legali

1 Centro di Responsabilità Risorse Umane e Affari Legali ,. Biancio di Previsione 201 1 Biancio Puriennae 201 1-2013 PANO DEGL OBETTV 201 de RSORSE UMANE E AFFAR LEGAL 1 CENTROD RESPONSABLTA' Risorse Umane e Affari Legai Riferimenti PEG 1 Risorse Umane e Affari

Dettagli

l Occupazione l Avvocato libero professionista con studio in Trieste, via Filzi 8. desiderata/settore, professionale 1

l Occupazione l Avvocato libero professionista con studio in Trieste, via Filzi 8. desiderata/settore, professionale 1 :)ass ; Curricuum Vita1e Europass Informazioni personai 1 Nome/Cognome 1 Data di nascita 1955 Gianni Zgagiardich i Occupazione Avvocato ibero professionista con studio in Trieste, via Fizi 8. desiderata/settore,

Dettagli

Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma

Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma e ss.mm.ii. Il sottoscritto Codice Fiscale Nato a il Residente in Via/P.zza

Dettagli

Lavorare in Brasile. Reazioni alla crisi

Lavorare in Brasile. Reazioni alla crisi Lavorare in Brasie. Reazioni aa crisi Professore associato, Universidade Estadua de Londrina, Paraná, Brasie Senior Economist, Department of Economic Poicy and Debt, Word Bank, Washington, DC di Soange

Dettagli