RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE"

Transcript

1 COMMISSIONE DELLE. COMUNITÀ EUROPEE COMUNITÀ EUROPEA DEL CARBONE E DELL'ACCIAIO RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE Le maestranze deo stabiimento tasider di Taranto Atteggiamenti operai e avoro siderurgico PARTE a.. = RICERCA SOCIOLOGICA CONDOTTA DA Guido BAGLIONI, Gian Primo CELLA e Bruno MANGHI per 'Istituto per gi Studi suo Sviuppo Economico e i Progresso Tecnico (.S.V.E.T.) di Roma Febbraio 1968 '/ 7! /

2 COI-MISSION DES communautes ÉUROPEENNES. '. Direction générae des Affaires sociaes V/D/3 COMMUNICATION ~a présente étude - qui comporta deux tomes - contient ea 'résutats d 'une re.cherçha socioogique. ef~ectuée dans 'usine de Tarente d~ a ~.A. ttaeider. On y trouvera tout d'abord un rapport de synthèse dana eque es auteurs se sont efforcés de résumer es résutats essenties de eur recherche. Ce rapport de synthèse est suivi d'un rapport d'enquete pus détaié qui~ après avoir étabi es caractéristiques de ia popuation étudiée, anayse de manière approfondie es attitudes des travaieurs, eurs perspectives d'avenir et es reations professionneiies. Le rapport de synthè~e sera prochain~ment pubié dans es quatre angues de a Communauté, en m~me temps que es rap. iorts de. synthès_e qe.deux enquetes s.imiìaires condui tes en Begique et en France ~ ~~~~~ ~ ~ - - ~ ~~--~.. ~ COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE Direzione generae degi Affari sociai V/D/3 - CGMYNICAZIONE...,. :.....,... _:q; pr~sept_~ ;~~tu4io' ~.- ::r~: due voumi - esppne i risutati aj.:'una 'indagine' 6oci'oogica' a~fettuata neo à ~ ab.~imento di Taranto dea S.p.A. Ita'aid.er.,. -.t ~ '...Vi. ~i: ~rov:~.~z~ tutto una re~'zione di sintesi ~n cui gi autori hanno cercato di riaàsu:nìe~e' nee inee essenziai i ri.. s~ t'at.i.~-~:ii~ ~9r~: :in~ae;i.p.e:~t.. -~~i:~.. reazj.on.e di a.int~si è segui t a,.. da u~~. ~.a ~~~i9p.~.:..~~c.hi~.~t~-~.:?.i'u.. ~et~agia;t~~ che d~po aver de- : -r.~rrrii'n~to ~~-- _ca~~t.teria~ ~~).,, ~e).~~ _p_qpo..~;ùd.:_one ejbj!.~~ata, ana.jiz.~~.j~ ~iòsio. ~pp_~-p~o.~~i't ~ - ~ p~~:(. ~:t vi~-t~ d~i_.,a~~r~tori, e o ro prospe.. tt~ye_ : ~~Z:; ~-.~ a:vve~~~~ :.. e._:_i,_f~pp9~~.~.p.iot~~~sd~onai ,? t.. j""# ~..... '. '..,)...., ~....,.~a ~e;tazi~.pe ~~.. ~i,p;t.~.~~ v;~.rr~.~ IH'oss.imanente pubbicata ~e~ e cii.i.at tro' i~~~: ~.e~a 1.c9m~~~~.'.,. ~èon~~tjqran~amente ae re :iàz;.o~i:~ -a~.,.~~n te_~3.-.. ~ci~. 'd:~~e. _i~n.~~i~~i. ~a'~ s~: _svo ~~ in Begio e. F'...!i.-"'~ ;... ;,.,.,.,... ~ ':' r...;r...,...,'...,..... i n rano... a.. r ~,,...,. :... ' '... ~... ;.., '. "'.. ~ ' \. ~ ~t ' ' ' "" '... fj),\ ~ '.. ;'.:'A '., :i '' ~

3 KOMMISSION -~:DER. EUROP!ISCHEN GEMEINSCHAFTEN Gene~adirektion Soziae Angeegenheiten V/D/3 MITTEILUNG Die voriegende studie (in zwei Teien) enthat die Ergeb- ~ nisse einer sozioogischen Untersuchung io Stahwerk der Aktienge- seschaft Itasider in Tarent. Im ersten Tei haben sich die Verfasser bemuht, die Hauptergebnisse ihrer Untersuchung zusammenfassen. Diesem. zusammenfassenden Bericht fogt ein ausfuhricherer Erhebungsbericht, in dem zuerst die Merkmae der untersuchten Bevokerung ermittet und anschiessend die Verhatensweisen der. Arbeitnehmer, ihre Zukunftsaussichten und ihre Beziehungen zu den Arbeitgebern eingehend anaysiert werden. Der zusammenfassende Bericht wird, zur geichen Zeit wie die zusammenfassenden Berichte uber zwei ahniche Erhebungen in Begien und in Frankreich, in Kurze iri den vier Sprachen der Gemeinschaften veroffenticht. COMMISSIE VAN DE EUROPESE GEMEENSCHAPPEN Directoraat-generaa Sociae Zaken V/D/3 MEDEDELING De onderhavige studie- die uit.twee deen is samengestedbevat de resutaten van een in het bedrijf Itasider N.V. te Tarente gehouden socioogisch onderzoe~. De studie vangt aan met een samenvattend versag waarin de auteurs hebben getracht een beknopt overzicht te geven van d.e beangrijkste uitkomsten die uit hun onderzoek naar voren zijn gekomen. Het tweede.~ee van de stu~ie is gewij4 àan 4e enqu~te as zodanig en.is meer gedetaieerd. Het bevat een beschrijving van de ken-,... t;)erken van de onderzochte bevoiking aism.ede. een diepgaande anayse van de. houding. v an de werknemer.s, h un toekomstperspectieven e n de betrekkingen tussen werkgevers én werknemers. Het s~envattend ve~sag za, tegeijk. met de samenvattende versagen van twee soortgeijk~ enqu$tes.di~ in Begie en in Frankri jk werden ui tgevoerd, b.nnenkort. worden gepubiceerd' in de vier taen van de Gemeenscha}:>....

4 COMMISSIONE DELLE. COMUNITÀ EUROPEE COMUNITÀ EUROPEA DEL CARBONE E DELL'ACCIAIO RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE Le maestranze deo stabiimento Itasider di Taranto Atteggiamenti operai e avoro siderurgico PARTE a RICERCA SOCIOLOGICA CONDOTTA DA Guido BAGLIONI, Gian Primo CELLA e Bruno MANGHI per 'Istituto per gi Studi suo Sviuppo Economico e i Progresso Tecnico (I.S.V.E.T.) di Roma Febbraio 1968

5 PREFAZIONE Ne 1966 'Ata Autorità dea C.E.C.A. decideva di in traprendere una serie di ricerche socioogiche sue nuove impres~ siderurgiche; impuso a tae iniziativa fu a dimensione assunta dae ripercussioni sociai de'evouzione tecnoogica ne 1 induetria siderurgica comunitaria. Le incidenze sociai di questa evouzione avevano già de ;- stato i suo interesse a punto tae da dedicare ad esse- in coaborazione oon e associazioni dei datori di avoro e oon e organizzazioni dei avoratori che questo interesse condividevano - ~auni studi spe.cie ~ei settori: saari, oondizioni di avoro,.. ' struttura de 1 O<?C~p~zione, _ formazi,o~e.professio~e,, de avoro, ergonom~a... siou.;-ezza:.. Peratro, ease~do reaiz~ati 'in imprese aventi già Un; "-passato", questi.- studi.non. ebbero per.oggett.o i progresso t eonico "ao stato puro", gi effetti de quae non poteronb: pertanto essere va~u:tia t.~. e_.. ~pp;-.ezza ti a f?n~o. I reparti,.. PtU" p~e.sce ti t:~;.~. i: J?.i~:' ~od~~~i,. s.i. ~.i t~~ vano i~. -~f~e,ttt "in-.. un. ~on.te~t~ meno.,.,.,,,... t-,.,.. '. '. a.ysj?.z~t_o~ ~Attese ;Le. ~iff.e;r~~ze d~.i J.i V$i t~cnioi,.~ souzio:p.i.. ~,.. ~ ~- ~.... ~. ~ ~... ' ' ' app.~j;t~.~e:~~~.~ro?~~i. a~~:,.:~~~~ t~_ ~a;t~,~~~od~.rnamep.j;o ~eon~.og~.oo dovevano jen~r.. oo~to de).~. s.t tua~iont ~-~i stenti neg.i... a t~i se t. ~... ' ~ < : ~... ~ ~ :: ~ ' tori de'impresa: a nuova. unità si trovava imbrioata, in un. oom ~ ' :......! \..... pesso oaratteriz~ato da. strutture, regoe e tradizioni proprie, dai~ quaii per m6tepiio:i.ragioni non e~a dato presòi~<1ere-. In!Ueste ~~nqizion~ è ~pparso oppo~tuno ~traprendere una ricerca socioogioa in.imprese de tutto nuove ohe presentas-.. ~ ' o : o ' ' o o ' ".,.. A, ' o ~ > r o o' \_ sero.i iveo e i grado più eevati di appicazioni teonoogiohe... ~., ,

6 .,.. \ - ii - L'obiettivo dea ricerca puo' compendiarsi come segue: studio da un ato in compessi integramente nuovi dee 'ripercussioni sociai esercitate da. 1 evouzione tecnoogica e dee souzioni concrete apportate ae difficotà riscontrate; esame da'atro ato dei probemi specifici emersi nee imprese insediate in regioni non tradizionamente siderurgiche. La ricerca in paroa, intrapresa a iveo dea.comunità, è stata. condotta in Itaia neo stabiimento di Taranto dea Società Itasider {1). La presente reazione sui risutati conseguiti, pubbicata in due voumi, consta. di un "rapporto di sintesi", ne quae sono riaséunte e concusioni formuate dagi autori dea ricerca, nonché di un'anaisi dee caratteristiche dea popoazione studiata, degi atteggiamenti dégi operai, dee prospettive su ~ia.no professiona~ ed economico ed infine dei.rapporti professionai. ' Promuovendo a pubb~ioazione di questa g.ocumenta.z~one,,~a pommissione dee Comunità Europee ambisce met~ere a ~i~~osizione dee.imprese e dee organizzazioni_professionai de'industria sid~rurgioa un nuovo contributo a'individua~ione dee sou-.. z1qni migior~ e più efficaci per far fronte agi affetti de progresso tecnoogico su piano sociae. La Commissione dee Comunità Europee tiene a ringraziare vivamente a di~ezione gen~rae dea Itasider e a.direzione generae de centro sideru+gioo di Taranto di questa società de-. aocogienza e dee agevoazioni riservate agi autori dea ricerca per a migiore riuscita dei avori. Un vivo ringraziamento () In Francia a rioeroa è stata condotta neo stabiimento di Dunkerque daa Società Usinor; in Begio essa è tuttora in corso neo stabiimento di Zezate dea Società Sidmar. 5702/1/67 i

7 t'' ' - iii - essa intende esprimere anche ae organizzazioni professionai dei datori di avoro e dei avoratori ae quai va reso merito dea coaborazione e de'assistenza prodigate ai ricercatori, nonchè a'istituto per gi studi suo sviuppo economico e i progresso tecnico (I.S.V.E.T.) di Roma, segnatamente a responsabie dea ricerca : i Professar Guido Bagioni e ai suoi principai coaboratori, i dottori Gian Primo Cea e Bruno Manghi, che hanno effettuato a ricerca su posto, eaborando poi a presente reazione di cui essi assumono a responsabiità su piano scientifico. i,.. Lioneo LEVI~SANDRI Vicepresidente dea Commissione dee Comunità Europee.. { '. ~. ì, 1..

8 . '... - I - I N. D I C E.,. RAPPORTO DI SINTESI RAPPORTO FINALE Presentazione III 3 Cap. I Cap. II Cap. III Cap. IV Cap. V Cap. VI Cap. VII Cap. VIII Cap. IX Cap. X Cap. XI I IV Centro Itaaider di Taranto cenni introduttivi. L'oggetto e o svogimento dea ricerca. Aspettative e prime esperienze dea nuova occupazione. Atteggiamenti verso i saario ed i sistema di retribuzione. Condizioni e probemi d ea prestazione avorativa. Rapporti gerarchici e reazioni umane. : I Capi de IV Centro. : Coscienza coettiva ed azione sindacae. Fuori de IV Centro : famigie, consumi, tempo ibero. Caratteristiche de disadattamento operaio. : Concusioni APPENDICE A) Questionario ricerca operai. B) Questionario ricerca capi-turno. C) Questionario ricerca famigie operaie. D) Traccia interviste dirigenti aziendai. E) Traccia interviste eaders sindacai * * * 6322/67 i

9

10 -, ~~~,~.~ -~~ ~~~~~~b~w.!><. -'';"> - III... \ 't R A P P O R T O D I S I N T E S I i \ \'_'!, 6322/67 i \

11

12 1. Le principai caratteristiche de Centro siderurgico di ~aranto. i i".,.. La rioe~a, che qui presentiamo negi aspetti e nei ri~tati e! senziai, riguarda i probemi de avoro oper&io a de~tro siderurg! o o di Taranto. E' questa una città ~i otre 2oo.OO() a.bi t~ti ita.ta èu.1 mare Jg nio: essa appartiene ad una regione ohe, fino a quache annota,.av~ va i caratteri: :tipici dee aree rura~ de.t''itaia ~eridionae; Ta-. : ranto, tuttavia, ha una o erta. tradizione "industriae dovuta. a '.in-.. stafaz':one dea.base navae ed aa costruzione de'usenae mii... t~, t"atti che risagono agi u ti.di decenni deo sòorso secoo. - Queste attività hann~ a~to momenti di notevoe espansione oon a I~... e con a.;ii... guerra mondi~~. odi aono segui ti periodi di crisi. e di parziae.smobii te.zion$.. '.:.. In questa città, a~'inizio,degi anni '60, è oqminciata a costruzione di una gr~r.de azienda siderurgica che è. speciaizzata ne.,~.. a. produzi~ne di aud.r..&.ti piani a cado (amiere e rotoi). e di tubi. aadàti :di grande e.m~dio diametro. Ne 1961 si ina.ugtra i tubifi :: cio e n egi.'a.nni.- succeesivi, t~no ~ 1965, vengono rapidamente in - ataa.ti e meaai in Qper~ gi.atr~ ~mpi.,nti, 11 cui. insieme.c~sti. tui-bce a struttura. a~.tua.e, ~h~.se non 'definitiva~ : de'azienda..,. '. : 1 ~4 ~. /..., ~~ co i J)rincipai ~P~~ti ~~. ~tt~~ tà ì ' ' - W$. cokeria;_ ;-., : J.~~. Ciu.é :: ~ttitcsmi,..,.. ' - una aeciai:eria LD;. un() àabbing;..,... :,,.. : :..'....:... ùn 'treno continuo 'per' 'a~~. kstri ~a. oatè; i ~ '. : ~.. ~-. un t reno;.ami.~re. ;_... ~ ' ~.. ~ : ~ ~ fabbrica ;dj:,tu)>i.. a sadatùra ()ngi tucfinae ; :,. _ una f_a.bbrica. di tubi aadatva eiéio'ica.e".. :: '. J..., I' centro df Tar&J.t~ ~.co~ 'a struttura sopra descr-itta, ha una O,! ' Paci t&. produt.t±va di 2,4.. miioni di tonneate di ghisa e di 3 miio, :: ni di :.tonneate di acci~i9;'.~e 1966 ~ prodùm.ione effettiva è stata ~ '.. ~ 570?/67/i ~....J :

13 ' ' _.._,,... VI ~... ~' \... -:. _ ~ seguente: g~isa ~.~.1.e~o.ooo,,acciaio ~ , amina. ti a ca..!. do t , tubi s$.dati t. 13Q.QOO.~ -., '- L'azienda, che nea. fase dea costruzione degi impianti ha u- tiizzato UD:.massimo.. di, addet-ti. presenti contemporaneamente (ae dip,ndenze di numerose ìmprese), ~cupa. -:_in data persone, dee quai' operai, 1.071' impiegati e 1()3. ap~r t,enen~i ae, ca.tegòrie speciai. Le assun_~ioni ~ iniziate ne 1960 : ha.ruo av\to ia. più eevata esp&nai.one ne pèriodo per gi o... perai, e.ne biennio '62-'63 per gi impie~ti.,.. ~. ' '. I recutamento dea manodoper~ è stato favorito dae ar~e d! sponibiità dì offerta de.mercato de avoro ocae e ~~ionae: a azienda, infatti, ha ricevuto più di richieste di assunzione. La-seezione- per gi operai- è avvenuta. sua base di tre criteri. fondamentai: età compresa fra 18 e.. 35 ànni, istruzione m:inima (ic enza di 5"" eementa~e), requisì ti fisici ed a t t, i tudi.~i. Le a.rgn~ carenze di preparazione professionae e di esperienza siderurgica ~ g~ operai assunti ha.nno indotto '_azienda. a :programmare e.~eai~z~ ~e un'ingente.attività di formazione tecnica ed_addeatramento profe! sionae.in ooo e in atri centri s~derurgici.. ' ~. ' Tutto ciò è stato agevoato da fatto che o ~t ~biimen:t.o di T&! ranto- insieme a queo di Bagnoi {Napoi), Piombino e Cornigianò (Genova) - rappresenta i IV Centro a oioo integra~. de'industria siderurgica ITALSIDER, una azienda inquadrata nea.. s~_ietà... finanzi.! ria FINSIDER, che fa. capo a'iri, ossia a.'ent'e ohe racoog~ie e partecipazioni statai in campo industriae 'e nei servizi. ' ~. ~ La reaizzazioné de IV Centro siderurgico- che ha comportato in ~. p - vestimenti per otre 250 miiardi di ire e che già ossi ha a produzione maggiore tra g;i.. stabi.imenti sòpra rico~ti ~ tu d~i.sà da Governo Itaiano ne.1959 ~ costi t~isce a più imp.atva. irziati.va ne seoon~o piano IRI-FINSIDER, piano redatt~ sia per risp~ndere a crescente consumo d'acciaio de me~.ato itaiano sia.per ~ceer.!.re o $Viuppo.econ~ioq-sociae.de Mezzogiorno ~ ' \!...,..., 5702/67fi

14 2. L'oggetto e o svogimento dea rioerca. \, '/' La ri.c~~a, come si è det.to,. ;riguarda.i prob~ dé avoro OP!,. 'aio. a 'ITALSIDER di ''a~to; più prec.isamente es.sa e.~ p~pone' di sondtire: i gr64o.di adattamento dei ayorat6 ~i rispetto ai 'organiz azione ed aa tecnoogia: aziendae;. i' grado di. soddisfasiòne éa; ria.e, protessio~e e sociae ~degi tessi; i rapporti umani e ein 'dacàii ~ Queste rèa tà ai poaéono B.d.egua.tame~te va.utarè soo 'se.. e mettiamo in reazione con e -.oti v~zioni ohe' hanno iitdott.o i avoratori a. ohiedere" ''a.s~~ione e.~'.:t.at,sider, 'cori 1 'immagine- che essi hanno dea. struttura 'e deé rea'z.ioni: 'àooie.ii ooìettive, con e! sigenze che manifestano nee attività e nee ap~rtenenze. extraa-....._ io... ' vorative. ; -,. : j:.....,.i.oampo ai in~n~ dea ~to:e~ei.. :.~. sta.td affrdhtato attraverso tre. momen{i.prihcfpa.ìi e. tra eu or~ ~oorréiati: ' ~... ' ~ ~' 't.! '. "...\ : :. 'I ~.. '1}'- r~pet~~i:-aow~mi de~équp,e:.~i ~~o~rcii_ a '.f:'~"to_, nei ~~i.si sono ràooo te mo t e informazioni ma à~p rattu~to _.i sono condotti "cooqui" oon "testimoni priviegiàti'' (diri~nti e run-:.. ttionari de'azienda,_, eaders si ndaoai, dirigenti dei,parti t~ ppi ~.~o i e ~.ee ~ss~iazioni d.e.: '.ambient.e). Ì ri(i~roa.tori, i no.~~e, sono stati a'interno def'azienda appicando i meto- 1 do. ~; '"o.as~~zione oggettiva". In ~eg\ut'o a a-icro compiuto inj q~ei!jto pririo momento i ricerqatori sonò st~ti in O~Ondizione di formuare.e ipote.si 'éspicative e, cw.ndi, pre_pa.rare gi stru JQenti necessari aa oro verifica.....,... ~ ' ' : '. f "o" ~ ~... ' ' ' ' ' ' ; i... ',.. ' -. '. ''"',; 2). ~ i~ pr~dispos,:ìzi.~ne de,'a '~féere~ oent.rae su un oampi'dne atrat!, ticato di 300 operai. La costruzione de campione è avvenuta t~, nendo 'presenti due variabii ~ondaaentaic ~) a divisione de. 1,1 ' universo degi.op~rai, secondo.e OE\r&~tert atiohe teoni.co-m8!!_ ~onai :d:.-1, avoro.~iderurgio o, ne:.e ~tre grandi -eategorie de- 1 'a~~pusi one ; (ooker:t.ra,. aggomemzione; ati.forni e a.ceiai eria), :, dea Lamina~~one~(pro~~~ione.n~str~ e amiere e tubificio),dei, serv:l~i '(s;rvi.zi à\\siiari; \mariutenzitine e tnsporti interni) ;....'b). ~ 'div~sion~ :d~'wi~yi r~ ~~ii operai sec~ndo a -' 1oro poe!,, ' ~ : r 1 '. ' :. '. ~ ' ' ~ '. 5,702/67/i ' '

15 ,t' VIII.. t... ; r,. zione di "casse" ne sistema ret~ibutivo de~'tasider, basa- tq eua. anaisi e và.uta.zione dee ~ansio~i ; Si sono dif!tinte. e 24 "c~ssi" esistenti' in 3 gruppi: i primo fino a.a, "ca.ss_e 7""" f''oassi" basse), i secondo daa 8"". aa 11"" (ttçassi" medie), i terzo daa aa ("cassi"_ ate)~ Avendo.su~ diviso nei tre gruppi di~! toe.ea:t.. e' tre gran!h aree produttive, si sono ottenuti 9 &O!tO-universi; da questi sono stati est~at- ' ti 9 sotto-campioni L òo metodo de campionamento casuae_/ a cui composizione è proporzionaie a contributo che ciascun s~! to-universo dà aa totaità de'universo. Per questa ricerca si è approntato un vasto ed articoato questionario di circa 200 domande cosi strutturato: 1 c~a.tteristic~e socioou turai dei s.oggetti; 2; "imrruigine" 'cfe '_ITALSI~ ed aspettati ve nei suoi confronti;- ). condizioni e probemi dea remunerazione;4. situazioni e probemi de'impiego de avoro; 5. rapporti degi op! rai con i capi, i dirigenti, i compagni di avoro; 6. condizione op~ raia e. s t;ruttura sooiae; 7. o o scienza ed esperienza si~dacae ; 8. a spt,razioni: e stie di vita 3).- Per competare i campi ' di indagine dea ricerca sugi Qpera.i e per megio vautar.ne i risutati si è ritenuto 'opportuno svoge.re una~serie di ricerche coaterai!'esse.sono e seguenti : a) ricerca sui ca.pi-turno,.. figura particoarmente import.ante ne'organizzazione de azienda. EsB.a ha. interessato 50 so,& getti (sceti casuamente), che sono stati intervistati mediante un questionario i cui impianto, savo acnme variazioni, corrisponde a queo utiizzato per.a ricerca prec_! dente; ' ' ~ ' - b) ricerca su qu~i operai che, in base a certe informazioni e dati oggettivi (tipo ~ frequenza di provvedimenti disoipin~ ri), potev~ò ritenersi 1 disada.ttat~". Sono stati avvicinati so soggett'i~ qo~ a t~nic.a. d.ea interv:i~~a non-direttiva.; o.) ricerca sui dirigenti de 'a.zien~,. (.tutti ad edòezìone di assenti ne periodo ) sui rfiembri 'di Comm1s.sione Interna t~~ e su tre eaders sindacai aziendai. Per questi sogge~ti si è utiizzato o strumento de questionario "a traccia", che riguardava principamente 'adattamento a avoro degi ope- 5702/67/i

16 ~~~.if\t;:r'1'i~yrt:-::;~f.v~~~~~~~~; "" r ', IX,\! ; J / rai, i cima dei rapporti intra-aziendai, i probemi e8! ti aa figura de capo, e reazioni industriai; ' ' d) ricerca su 50 famigie di opèrai ITALSIDER (eoete casuamente tra quee tu Ta.rànto e di ~ue ~~t%'1 vicini:) per accertare,. fra e atre cose, -i grado di,, rispondenz" tra e a.spetta.i;. ve e e gmtt'io.a.zioni ottenute nonché o atandard di Vi ~a. desiderato Per quest'utima..ricerca. si ~ a.ppront~to uno, atruraento mi $to oamposto da una parte con domande Airett~ ed una parte. '.. ~. con questionar.io "a. traocia".... ;f In questa ~ede, ' -. tr~~t~dq~~ di un rapporto éi~tetioo, esamine~amo. distintamente &<?O quee.,parti dae rtcerohé coaterai òhe han-. no UQ oro autonomo e spiccato significato;... ': La tonnazione d!e ipgtesi,.~ i '. Per a formazione dee ipotesi ai è ritenuto opportuno considerare tre ordini di eementi i. primo di carattere generae, gi atri due più direttamente attinenti ae oonoscen e acqui si te su'italsider. Gi eementi.di o~n~ geh~ra~ riguardavano i~ possibii ra.p~rti.tra e condizioni e gi atteggi.amen~i operai e e t~ sf9mà.zioni economiche e sooi~u tura.i in atto ne paese, con izn..... pioaaiòni particoari.~e SUd, da otre un dec~nniq. Gi atri ee :menti:~~:eratio rapp,_.;eàenta.ti da.i dati e da~ tintormasioni.racoo ti n;i 1ò:mamento dea rioe~a nonché da contri~t~. ~uno studio -preiminare su 'a~ento,rrettua.to :ne 1966 (1) ' -In questo studio- riooo di. dati e di oàservazioni ~si profia' va un'ipotesi interpretativa che può essere cosi presentata.: i dipe!!_ ~~.. -,)'' ' (1) I.S.V.E.T., Studio sue nuove aziende siderurgiohe.(:l''>'rea zione deo stabiimento di Taranto), Roma Qu_esto etud:~~,,. e! tettua.to per oonto de'ata Autori t dea C.:E.C.A, à stato oon ~ dotto da F. Zaccone De Rossi e G. Tagiasacchi, sotto a direzione di E. fa.asaoesi. 5702/67/i.. j }. ' -~

17 x '.den~i de'italsider si trovano in uno stato non privo di frustrazio ni soprattutto a. causa. dei modesti ivei retribùtivi. Le ragioni dea insoddisfazione ~sono in parte di.ordine soggettivo (e spera.n-. ze. e.e aspettative sviuppate, -1 autne:nto dèi bisogni~ eco.) ed in parte di ordine oggettivo ('aumento de costo dea vita, a spesa per. a casa ohe assorbe buona parte de saario, ecc.) La retri buzionf) ~uindi non. pu~ soddisfare e numerose aspirazioni de a.vorat,2_ re e dea. sua f8digia. L'uno e 'atra richiedono a'azienda. iniziative tangibii per migiorare e condizioni di vita. Infatti "qu! sto. atteggiamento è piut tosto comune nea. società meridionae, in c~ e forze de'individuo si sono dimos~rate insutfioienti a gar~ ti~ a. conquista de benessere.. L'individuo sente.ohe i proprio, d.! stino dipende più daa fortuna e daa.protezione de poten~e che dao sforzo individuae". Nea. sua percezione "'azienda diviene~ np dei gruppi di potere che si aggiungono a e i. esi,te~ti:. nea comunità: è una grande mamma da oui si devono soecitare favori e che, soprattutto, ha i dovere di occuparsi dei suoi sottoposti, intervenendo ad aeviare anche i oro probemi personai e famiiari" (2). Detta ipotesi, certamente non priva di :aspetti convincenti, ci è.sembrata sostanziamente sempicistica poiohé fondata su'idea tr~dizionae dea cutura e dea struttura. sociae de'itaia de Sud; essa - a nostro Siudizio - trascura e trasformazioni verificatesi in motepici direzioni, ad esemp~o in quea de'azione dei ~ppi organizzati con tini competitivi (partiti poitici, sindacati, eoo,.). Certamente a tradizione ha a.noora un forte peso e può oontt'! stare e condizionare e dinamiche innovative; tuttavia queste non possono essere sottovautate, se non si vogiono ignorare gi effett.i de processo di industriaizzazione. E' proprio quest'utimo punto che ci è servito come quadro.. di riferimen,to per imp~etare a noet.re ipotesi. (2).Ibidem, pp. XXI-XXII. 5702/67/i

18 ; '',' Siamo partiti daa considerazione' in atra sede ampiamente. fo:nnuatà. e verificata ( 3),_ che f~ gi anni '50 e gi anii 60 a.popoazione itaiana. - in seguito a.o sviuppo. dee zone indu - striaizzate, a'intenaificarai dée comunicazioni, a'espander si di tipi di consumi sempre pi~ eyouti- ha abbandonato i modei di vita tradizionai é particoariatici, ha moditicato gi obiet ti vi propri di Una. sooi:et agricoa. e pauperist~~a.,. ba cominciato ; vautare i modi dea vita urbana come no~ai. e desideraoii, ha interiorizzato a oonvi~ione ohe un certo benessere è possibie ' - per ~u~ti e.si è messa nea prospettivà- individuae e/o coettiva- di co.naeguiré questa meta~ I processo qui accennato~ ap. parso più visibie ne Mezzogiorno, ambiente in condizioni tradizionamente ini4onee a soddisfare tae meta..j ' L'espressione pif diretta ed imponente de processo è dovuta a tenaneno dee migrazioni dae tsone rurai e, specie da Sud, _verso. ~a capitàe e e cittè. industriai de Nord. Abbiamo già dimostrato (4) come tae fenomeno abbia ~sunto 1U carattere peoui! -. re perché - 8. differenza di qua.n'to normamente avveniva. nè passa. to - i' sogetti ohe emigrano non asciano a. terra di origine soa mente per ~norementare i proprio reddito o per trovare un quasi!....si pos~o di avoro; e sei, si& pure con divèrsi gradi : di consapevoéaza., 'asciano, senza. idea di tomarvi ne ruturo; 'a; iocietà nea qua.j.e sono vissuti, ~onvinti ohé atrove troveranno una società migiore, idonea a soddisfare e.'aspettativee e esigenze ohe 08i tutti gi uomini manifestano e condividono. ' ' '. ' :. ''. ::. ' '. ' ;..' : ' '. Èaai~ ~indi, 'tro~à:fto u forte incentivò a trasferirsi negi 8!!~ bi enti investi ti da. 'espansione economica. è, nei riguardi. di questa-, sviuppano una. vera e propria "aooia.isza.zic)ne a.ntioipa.toria", <perché., éhmao.sono ancora nei uoghi' d'oricine, -hanno gi a.ssimi! to certe mete e certi comportamenti dea società ohe 11 accogierà. ''',t ''... '} '..,.. i' 1 ~:.. (3-)~'èfr'~F. A~NI-0. BÀGLIONI, L'i,nt er,razione de 'j.mmi«r!to..:nea socìèta' ind.ustriae; Bo~ogna, I.. Mu:i~o, 1965 {4) Ibid~. 5702/67/i

19 XII Questo orien~amento ooettivo,.diftuso in mote zone.d'itaia, non poteva. nqn m~ifest~rsi anche.a Taranto, ambientè de sud più di atri esposto aa percej1one dei modi di vita tipicamente urbanoindustriai. In tae s~tuazione 'arrivo de'italsider ha ~ppresentato u na.. grande occasione per rea~zza.re in ooo queo che prima. e in &!. tre zone avveni va. o~n 'esperienza migra tori a. In a.i tre paroe gi abitanti dea città e dei centri vicini hanno pensato che i be- t nes$ere e uno stie di vita più moderno potessero essere conseguiti nèo stesso uogo di origine a causa dea imponente iniziativa i~ dustriae progettata. Conseguentemente essi raggiungevano un obiettivo ambito senza pagare i costi inevitabii deo spostamento territoriae. Si poteva pensare che 'ITALSIDER fosse vissuta come a grande oo.o.asione e come un.. evento eccezionae per e seguenti ragioni: a prop?~anda sua importanza e sugi effetti attribuiti a'iniziati và; i fatt~ che si trattava di una grande a.z ienda di un settore di b~se; i fatto che e~ un'azienda a partecipazione statae e che quindi offriva un SO$tegno siouro; a constataeione fenomenica dea grandiosità de'iniziativa che risutava da'eevato numero dì addetti e di imprese tmpiega.ti nea costruzione de~o stabiimento. Tutto ciò è sembrato pausibie se'pensiamo ae mote decine di migiaia di soggetti che hanno poeto a propria candidatura come operai ed impiegati de'italsider;.essi- se seguiamo i fio dea nostra ipot esi - tendevano ad ottènere fondamentamente due ri.- t j suta.ti: a sicurezza., eemento costante nea coscienza. operaia ed aspirazione prof~nda de sottoproetariato di ogni paese; ati sa~ ri per a reaizzazione di un tipo di vita più moderno e più soddisfacente. Rispett~ a ~e~te ~s~irazioni quae sarebbe stata a concreta risposta de'azienda? E' ipotizzabie ohe.. essa a.bb~_a_ p~t.i~ip_a.~o i suoi operai su piano dea sicurezza ma non atrettanto su piano dei saari. Questi sono apparsi modesti nei confronti,... dee pre _ -- visioni, ma soprattutto non hanno consentito un radicae migiora-. mento de tenore di vita. a causa. dea. ievitazione dei prezzi. d.ei 5702/67/i

20 ',,. XIII f'.., beni di consumo e d-ri affitti (fatto connesso a'arrivo de'itasider) e per atre ragioni, come a spesa sostenuta per coprire i tragitto casa-azienda.... Da qui sarebbe derivato un senso di frustrazione e di deusio, ne- seppur parziae e torse non-~efinitivo- argamente diffuso fra gi operai. Sua base di questa ipotesi generae ai possono sviuppare ~ tre ipotesi ~più.apeoit~che, come e seguenti : \.. a.- gi operai ITALSIDER non condividono i cima. di primato, di - grande. e~fi?ienza, di successivi tragua.rdi' produttivi da con- seguire, cima che è proposto daa direzione e che si addice a.d. un'imp~esa çande, moderna e in evouzioìe. Ciò avviene per :. ohé_',g~ 9perai - per a. ragione appena- acdottà.. - ai sentòno i.. so~usi o margitta.~i rispetto. a.i. vantaggi connessi. a. ìnigi6.ri!. ve~i di ~roduttività; ~- essi manifesta90 un certo grado di insofferenza n~i confronti de organizzazione e de'ordinamento gerarchico, s.ia. perché 'una e 'atra reatà sono espressione diretta de c~a! ~iendae, aia perché non ~o una.s~fioiente predisposizione aa ogica. industriae; -. c- essi, a contrario, sono maggiormente propensi ad adattarsi a e condiziori1 de. avoro siderurgico (fatica, caore, turni, i! voro festivo, eoè.) in quanto, pur non avendone una diretta e sperienza, sono da sempre a.bi tua ti ad offrire a oro prestazione in ambienti, nei, qua..i i probemi dee condizioni a.vo ~tive non sono moto vautati. Ciò vae per oooro ohe prove!!. gono d.a;t. 'agrioo tura cane per cooro che hb.nno :1a.éoia.to ' edi 1zia, 'i. servizi, e piccoe e medie imprese ' de'' indust'ri~; -.. ~ t ~ i!- in questa situazione i capo-turno ed, in genere, i capi inter ~edi vengono. a rappr$senta.re i ucapro-eepiatorio" de.'iinsod: d.isfazione ope;raia. I capi, infat td., sono i diretti. porta. tori deo 1Jp~ri to produtt~via~~co: f). sono.cooro che costantemente ripropo~no ag~ operai e.. esigen.z.e. e 'a. pr.aeài.di 'uiui serra.-. ~:~- ~ : ~,_.... :, t.5- ~. ~.. i ' :.'Ì i ' f... ~ 5702/67/i

21 XIV t~ organizzazione industriae; ~- in questa situazione gi ope~~~ ~~ifestano sentimenti ambiv~ enti verso i dirigenti. Costoro sono vautati positivamentein quanto creatori de'azienda e prot~nisti di que processo produttivo che ass~cura stabiità di impiego ai dipendenti;vengono vautati negativament.e in quanto sono considerati come i gruppo che si avvantaggia effettivamente dei progressi produtt! vi ed organizzativi;! - gi operai de'italsider- sia per a mancanza o a scarsità.di esperien!a. associativa, sia per a brevissima vita de' a zienda - non dimostrano una profonda coscienza soidaristica e vivono 'azione de sindacato come i punto.di passaggio de 1.2, ro "macontento". Conseguentemente essi pongono mote attese nei confronti dei oro rappresentanti senza per atro essere consape~oi deo stretto rapporto fra azione de sindacato e sostegno a tae azione~ 4. I principai risutati dea ricerca-operai. a) Significati de'ingresso a'itasider. Gi operai de'italsider di Taranto hanno una spiooata oaratt! ristica. biograf'ica: nea grande maggioranza si t~a.tta di giovani e quindi di soggetti disponibii a. nuove esperienze professionai e ou turai e con prospettive personai presumibimente dinamiche. La oro età me~ia si aggira sui 30 a.nni. Otre i 70% di essi è stato assunto ne biennio '64~'66;gi a! tri da '59. a '6). I primi appartengono ae "cassi'' basse (1-7) e medie {8-11); i seoo~di si ritrovano per i 60% nee cassi ate(12-24) con un buon gruppo in quee medie. Questo fatto va tenuto presente nea ettura. dei risu ta.ti perché abbiamo una. arga coi.ncide!! za fra 'anzianità a.zie~dae e a. posizione eevata. di "casse", cui 5702/67/i

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

Roma, 18 settembre 2014. Claai

Roma, 18 settembre 2014. Claai .:.ontratto Coettivo Nazionae di Lavoro per i dipendenti dae imprese artigiane esercenti Servizi di puizia, Disinfezione, Disinfestazione, Derattizzazione e Sanificazione Roma, 18 settembre 2014 Caai Si

Dettagli

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento , ROMA CAPTALE '21M~ BANDO D GARA D' APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. N PUBBLCAZONE DAL~...1:Jj~jM.~ A L _.2 /~L-MZ: = 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA C0MMISSIOHE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIRE!ZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/A._3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA - Costruzione

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle Nota metooogica sua strategia i campionamento e sistema nazionae i vautazione ee competenze per e cassi secona e quinta e primo cico ea scuoa primaria Stefano Faorsi. Obiettivi I Sistema Nazionae i Vautazione

Dettagli

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO Standard Internazionai di Vautazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) cacoo dei prezzi marginai Docente: geom. Antonio Eero CORSO PRATICANTI 205 I PREZZI MARGINALI I prezzo

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento Po) AA/AZ ft.'f ROMA CAPTALE BANDO D GARA D'APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento Sviuppo nfrastrutture e Manutenzione

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIREZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/ A-3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA - Industria aimentare in compesso - Industria

Dettagli

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI nfo g e ne rai. - T T, T T U L T 9 0 n 4 " L" T T T T T T T T T T 4 T T 4 Q u a d ro c o m a n d i p ia c o n tro o fia a o rtin a d i p u iz ia T a n d a ta ris c a d a m e n to T ito rn o ris c a d a

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

5. Limiti di funzione.

5. Limiti di funzione. Istituzioni di Matematiche - Appunti per e ezioni - Anno Accademico / 6 5. Limiti di funzione. 5.. Funzioni imitate. Una funzione y = f(x) definita in un intervao [ a b] imitata superiormente in tae intervao

Dettagli

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it Made in Germany Hartner 2007 Punte a cannone SEF MECCANOTECNICA SEE Via degi Orefici - Bocco 26 40050 FUNO (BO) ITALIA Te. 051 66.48811 Fax 051 86.30.59 FILIALE I MILANO Piazzae Martesana, 6 20128 Miano

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l.

LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l. LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l. t " : SULUPPO PER VIA GRAFICA n mpionamento del segnale analogico x(t) produce una sequenza xsgts) il cui spettro nel dominio della frequ enza è periodico, sicché

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 La sicurezza nelle stazioni. L impegno di RFI nel consolidamento della rete territoriale. Roma 27 giugno 2006 Disagio sociale 1. L altro ed il diverso 2. Aree di disagio sociale

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

(1) Livello Inquadramento

(1) Livello Inquadramento di Mutualità ed Assistenza MACERATA Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 E mail: info@cassaedilemacerata.it www. cassaedilemacerata.it DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE ( per i nuovi assunti

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren.

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren. Cari lettori Oggi della pulizia del nostro paese vi voglio parlare, che per come funziona, troppo cara ce la fanno pagare. Pe quanda solt co senec ne fasce pagà de rummat, Putignan er a iess nu paes, splendente

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Le ragazze e le carriere scientifiche

Le ragazze e le carriere scientifiche Le ragazze e le carriere scientifiche La cittadinanza subalterna delle donne nelle carriere scientifiche Perché le donne sono tanto poco rappresentate ai vertici delle carriere scientifiche, sia nel settore

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI \ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOL AMENTO EDI L I ZI O E RI CHI AMO AL L E DI SPOSI ZI ONI DI L EGGE E REGOL AMENTI - TITOLO SECONDO - DISCIPLINA DEGLI

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Istruzioni per le operazioni dell ufficio centrale

Istruzioni per le operazioni dell ufficio centrale DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI Elezioni comunali, provinciali e regionali Pubblicazione n. 20 Elezione diretta del sindaco e del consiglio

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli