Verso Basilea III: analisi e linee di intervento. Beniamino Andrea Piccone 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verso Basilea III: analisi e linee di intervento. Beniamino Andrea Piccone 1"

Transcript

1 Verso Basilea III: analisi e linee di intervento Beniamino Andrea Piccone 1 Nella ricerca delle cause della crisi finanziaria, vi è di fatto una concordanza sulle responsabilità. La Banca d Italia sintetizza così: La crisi ha mostrato che l architettura della nuova finanza aveva alcune debolezze strutturali dirompenti. In primo luogo, nella ridistribuzione dell attività di intermediazione tra banche e mercati, gli incentivi alla massimizzazione del profitto si sono scissi da quelli necessari a una prudente gestione dei rischi. In secondo luogo, le complesse tecniche quantitative di misurazione dei rischi sviluppate dall industria finanziaria si sono rivelate estremamente fragili e inadeguate alla complessità della realtà economica. Ma è soprattutto nell ambito della regolamentazione e della supervisione che in diversi paesi sono emerse gravi debolezze nel controllo dei rischi, sia microeconomici sia sistemici: non sono stati sottoposti a regolamentazione intermediari potenzialmente sistemici, prodotti e tecniche operative molto rischiose, così come il sistema finanziario ombra che si era venuto sviluppando e la crescita eccessiva del grado di leverage; è stato consentito alle banche di operare con deboli strutture di governance e politiche di remunerazione distorte, con disponibilità di capitale insufficiente a coprire tutti i rischi assunti. Negli Stati Uniti il dibattito sulle responsabilità è stato intenso. L autorevole membro del Congresso americano Waxman in un suo intervento ha con saggezza affermato: Troppo a lungo l attitudine dominante a Washington è stata che il mercato ha sempre ragione...ancora una volta l ideologia ha ingannato il governo delle cose. I nostri regolatori sono diventati dei facilitatori enablers invece che degli enforcers. La loro fede nella saggezza del mercato era infinita. Il loro mantra era che il governo ha sempre torto e il mercato sempre ragione. E corretto premettere con Resti che Northern Rock, Bear Stearns e Lehman Brothers, per citare solo tre vittime del serial killer delle banche, non applicavano Basilea 2. Ma Onado 1 Beniamino Andrea Piccone: private banker presso Nextam Partners SGR, Professore a contratto di Economia e Tecnica degli Scambi Internazionali presso l Università degli Studi di Bergamo

2 mirabilmente sostiene che I cani non abbaiarono, dove i cani sono le autorità di vigilanza che non sono intervenute ex-ante indicando l enorme leva finanziaria presente sul mercato. Fa eccezione la Banca dei Regolamenti Internazionali vedasi i numerosi interventi di Borio che è stata una delle poche istituzioni a fornire senza essere ascoltata - early warnings. Al primo vertice del G20 - tenutosi a Washington nel novembre 2008, poco dopo il fallimento di Lehman Brothers - i paesi europei si mostrarono favorevoli a soluzioni globali a problemi globali. L'obiettivo implicito era una armonizzazione globale delle regole finanziarie per ripristinare la stabilità dei mercati, eliminare gli arbitraggi regolamentari e assicurare un comune level playing field. La diagnosi delle cause della crisi ha portato ad un intenso lavoro di revisione della normativa esistente a livello sia di singoli Paesi nel luglio 2010 negli Stati Uniti è stato approvato il Dodd-Frank Act che rafforza i poteri della Federal Reserve; in Europa per ora sono state prese solo misure su retribuzioni ed agenzie di rating che sovranazionale, svolto principalmente dal Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria su mandato dei Capi di Stato e di Governo del G-20 e in base alla roadmap stabilita dal Financial Stability Board. L obiettivo generale di questo nuovo quadro regolamentare chiamato Basilea III è molto ambizioso: stabilizzare il settore bancario e il sistema economico globale accrescendo la capacità del sistema bancario di assorbire shocks interni o esterni - si parla di resilienza - riducendo nel contempo il rischio di contagio dal settore finanziario all economia reale. In relazione agli interventi proposti, il Comitato di Basilea asserisce che These measures will help ensure that the banking sector serves as a shock absorber, instead of a trasmitter of risk to the financial system and broader economy. I nuovi standard dovrebbero entrare in vigore alla fine del 2012 ma saranno introdotti con la necessaria gradualità e comunque non prima che la ripresa economica sia consolidata, anche attraverso la previsione di disposizioni transitorie per un periodo sufficientemente lungo (grandfathering). Gli interventi come sottolineato al G20 di Toronto - si muovono in quattro direzioni: 1. il rafforzamento delle dotazioni patrimoniali e l innalzamento della qualità del patrimonio di vigilanza;

3 2. migliorare il funzionamento dei mercati Over The Counter; 3. la riduzione del moral hazard; contenimento del grado di leva finanziaria del sistema attraverso l introduzione di un Leverage Ratio che limiti il Too big too fail ; 4. maggiore trasparenza da parte delle agenzie di rating e miglioramento degli schemi di compensazione dei manager. 1. Più capitale in quantità e qualità - e meno debito. Patrimoni più robusti e leva finanziaria più contenuta, controllo dei rischi di liquidità. Basilea 2 ha modificato le regole sulla quantità di capitale necessario per fronteggiare il rischio di credito, di mercato e operativo, ma non ha aggiornato le norme riguardanti gli strumenti finanziari che contano come capitale. Abbiamo quindi assistito al proliferare, in tutto il mondo, di nuovi strumenti patrimoniali ibridi assistiti da clausole complesse e sempre diverse che rendono difficile la valutazione della qualità del capitale degli intermediari. Nel frattempo, le banche non vengono incentivate ad accantonare riserve per far fronte a possibili minusvalenze future. E auspicabile che le nuove regole richiedano un capitale composto da risorse capaci di assorbire effettivamente le perdite e di resistere ed essere più solide di fronte alle crisi resilient. Banche con più capitale e meno rischi avranno meno probabilità di default, potranno finanziarsi sul mercato a tassi più bassi, potranno ridurre il costo del credito per la clientela. Le banche dovranno essere preparate ad affrontare periodi anche prolungati e ricorrenti di anomalia sui mercati. Fare banca sarà meno redditizio ma anche meno rischioso. Draghi rimarca che la qualità del capitale delle banche italiane in posizione migliore rispetto ai competitor esteri deve salire ancora ed ha già esortato le banche a non emettere strumenti che non saranno più riconosciuti con i nuovi standard. In relazione alle nuove regole sul trading book, il Financial Stability Board è fiducioso che al prossimo Summit del G20 si riesca a trovare un accordo da rendere operativo per la fine del Attualmente esiste scarsa omogeneità dei criteri contabili tra banche di diversi paesi nel trattamento delle attività finanziarie

4 detenute per finalità di negoziazione. Con le regole attuali, gli istituti di credito hanno convenienza ad includere anche titoli illiquidi nel trading book, poichè le posizioni nel banking book sono di norma oggetto di requisiti patrimoniali più elevati. Ma quando il mercato si inabissa, il valore corrente del trading book si deprezza accentuando la volatilità dell attivo e dell assorbimento patrimoniale. La convergenza internazionale deve essere migliorata, altrimento l arbitraggio regolamentare ne vanificherà l applicazione. 2. Nel 2009 LCH.Clearnet in posizione dominante nel clearing dei derivati sui tassi di interesse ha regolato $ billion di interest rate swaps (40% del mercato). Questi numeri danno un idea dell enorme massa di transazioni in derivati nel mondo, la maggior parte delle quali avvengono senza l ausilio di una Clearing House, la cui presenza ridurrebbe sistematicamente il rischio di credito. Fin dal Summit di Pittsburgh, il G20 si pose l obiettivo di aumentare entro il 2012 la trasparenza delle contrattazioni sui mercati regolamentati e ricondurre i mercati Over-the-counter (OTC) entro un quadro di regole che comprendesse regolamento delle transazioni presso controparti centrali assoggettate a vigilanza e contratti standard. Nel corso del 2010, alcuni progressi sono stati conseguiti al fine di rafforzare i requisiti patrimoniali dei derivati OTC. 3. Il moral hazard ha portato diverse istituzioni finanziarie a sostenere dei rischi enormi. Draghi rimarca che La dura esperienza di questi anni non va dimenticata: rischi eccessivi impongono alla collettività prezzi altissimi. Solo quando governi e autorità di vigilanza potranno lasciar fallire le istituzioni che lo meritano, senza provocare catastrofi come quella seguita al fallimento di Lehman Brothers, essi avranno riacquistato vera indipendenza rispetto all industria dei servizi finanziari. E opportuno introdurre disposizioni specifiche per gli intermediari sistemici, dirette a ridurre la probabilità di un loro eventuale fallimento e a permetterne se del caso una gestione ordinata e arginarne il contagio. Tra le raccomandazioni a cui si sta lavorando per il prossimo G20 di Seoul sono compresi:

5 - requisiti di patrimonializzazione supplementare che prendano in considerazione il rischio sistemico, in particolare per le imprese crossborder; countercyclical capital buffer per mitigare la prociclicità dei requisiti patrimoniali; - maggiore robustezza dei mercati per far fronte al rischio di contagio; - invito affinché i Paesi rendano operative politiche che riducano il rischio di moral hazard; - maggiore vigilanza per le istituzioni Too Big to Fail (TBTF). Il mercato e la concorrenza sono usciti dalla crisi con le ossa rotte. La disciplina di mercato è scomparsa. Il TBTF viola la prima regola del capitalismo, ovvero che le aziende devono poter fallire. Il principio TBTF è inconciliabile con le premesse del capitalismo di mercato. Come scrive Kay: Né una società democratica, né l economia di mercato possono accettare il concetto che un azienda privata sia troppo grande per fallire. Il successo commerciale e l elezione democratica sono le uniche fonti di legittimazione dell autorità. Un organizzazione che sia esentata da questi vincoli rappresenta una concentrazione di potere senza responsabilità. Il TBTF è incompatibile con la democrazie ed inoltre distrugge quel dinamismo che rappresenta la principale conquista dell economia di mercato. Purtroppo nel Comitato di Basilea di fine luglio 2010 i migliori propositi sono stati annacquati dalle lobby e quindi le due importanti proposte di net stable funding ratio e di leverage ratio sono state, rispettivamente, rimandate al 2018 o ridotte al 3%, ben sotto le attese. 4. Louis Brandeis, eminente giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti dal 1916 al 1939 sosteneva con vigore: La luce del sole è il miglior disinfettante, la luce elettrica il miglior poliziotto. Bene hanno fatto di recente i governi europei a rendere pubblici il 23 luglio i risultati degli stress test delle 91 banche sotto analisi. E grazie a questa percezione di maggior chiarezza e trasparenza che si è intrapresa la strada complex and protracted, sostiene El-Arian verso la financial normality.

6 E assodato che tra le cause della crisi va considerata la mancata trasparenza dei metodi di giudizio delle agenzie di rating nell emissione dei loro giudizi; è opportuno ridurre la rilevanza dei rating nella supervisione, accrescendo la concorrenza tra agenzie di rating e controllando l integrità dei loro processi decisionali e la trasparenza dei loro giudizi; alcuni propongono la trasformazione delle società di rating in organismi pubblici facenti capo a enti internazionali; Il cosiddetto sistema bancario parallelo (fondi hedge, fondi di private equity...) va reso più trasparente e regolamentato. Va rivista la struttura di compensazione dei banchieri, attualmente non allineate al rischio che la banca sostiene. La remunerazione deve essere legata a risultati di lungo periodo. Va detto che la Banca d Italia è stata la prima autorità di vigilanza a imporre regole sulle retribuzioni. Vitale ci illumina: Una delle cause principali e strutturali della malattia è la posizione di potere abnorme acquisita dai Ceo del big business, la nuova aristocrazia. Essa preleva un surplus che non ha più alcuna relazione con i servizi resi, ma che deriva solo da una posizione di potere. I compensi e le forme partecipative prelevati dai banker sono diventati di natura e proporzione tali da non poter più essere ricondotti a un corrispettivo per un qualsiasi lavoro professionale. Essi sono un prelievo e non più un corrispettivo. Gli aiuti totali alle banche euro-americane hanno superato i 500 miliardi di euro. Il grosso delle fonti di finanziamento è il debito pubblico. Sempre Vitale: E questi sarebbero i manager che non è bene porre in discussione, perchè sarebbero creatori di ricchezza. Duflo a fronte dell informazione del New York Times che tra il 1993 e il 2007 il Ceo di Lehman Brothers Richard Fuld ha portato a casa mezzo miliardo di dollari esclama: Ecco perchè i migliori laureati sono attratti da una carriera nel mondo della finanza. Esiste il rischio di bloccare le innovazioni finanziarie portate dai giovani più qualificati? La risposta dura - l ha data l ex Presidente dalla Federal Reserve Paul Volcker: L unica recente innovazione finanziaria è il Bancomat. A tre anni dall inizio della crisi ci pare di poter dire che tutta questa intelligenza non è stata sfruttata in maniera produttiva. Fino a che i guadagni esorbitanti del mondo della finanza non incoraggeranno i giovani a dedicarsi ad altri settori dove i talenti potrebbero essere più utili alla società non ne usciremo.

7 Il fatto che nel 2008 il presidente del fondo chiuso Blackstone Schwarzman abbia ricevuto 702 milioni di dollari di total compensation mentre il titolo azionario quotato al NYSE è passato da 31$ del collocamento nel 2007 a circa 10$ di oggi - non ci rende ottimisti. Mc Donough, ex Presidente della Federal Reserve di New York, non certo un giacobino, sostenne che Non vi è nulla che giustifichi stipendi 400 volte più alti del salario medio. Siamo purtroppo ben lontani dal proposito dell Economist: Se il mercato arrivasse ad ammirare l onestà, la trasparenza e l efficace esercizio dell autorità, i dirigenti farebbero a gara per acquistare tali qualità. Il tempo si è fatto breve, se si tarda a intervenire, la finestra di opportunità svanisce. Non siamo d accordo con coloro che fanno presagire forti cali del PIL a fronte di più severi requisiti patrimoniali di vigilanza, come Daveri che dice: Se vogliamo un ritorno più rapido alla crescita, dobbiamo accettare la finanza non regolata e quindi convivere con il rischio di nuove crisi. Se non ci piacciono le crisi, dobbiamo regolare o tassare la finanza e accettare la minore crescita media che l aumentato costo del credito comporterà. Si può avere la botte piena o la moglie ubriaca, non tutte e due. Facciamo invece nostre le parole di Caruana, General Manager della Banca dei Regolamenti Internazionali: Rebuilding confidence is an enormous challenge. We cannot wait for stronger global growth to facilitate policy adjustment. The net impact on global output during the phasing-in of the new regulatory regime is likely to be small and transitory. We need to finalize international agreements on the reform of financial regulation. Alla luce delle recenti discussioni è possibile che entro il prossimo G20 - Seoul novembre emerga un pacchetto regolamentare condiviso. Facciamo nostro l auspicio di Draghi: 2010 will be a critical year for advancing these reforms, which are essential to creating a sounder financial system and reducing systemic risk globally. Bibliografia Brandeis Louis D., Other people s money: and how the bankers use it, 1914 Caruana Jaime, BIS, General Manager s Statement, 28 June 2010 Daveri Francesco, G20: o la botte piena o la moglie ubriaca, lavoce.info, 29 giugno 2010 Draghi Mario, Progress and issue on the global regulatory agenda, 24 June 2010

8 Draghi M., Intervento del Governatore della Banca d Italia all ABI, 15 luglio 2010 Draghi M., Considerazioni del Governatore, 31 maggio 2010 Duflo Ester, Il richiamo della finanza, lavoce.info, 4 novembre 2008 El-Arian Mohamed, Europe s stress test is not a short cut to stability, Financial Times, 16 July 2010 The Economist, 17 agosto 2002 Hamaui Rony, L America in vantaggio nella partita della vigilanza finanziaria, lavoce.info, 1 settembre 2009 Kay John, Why too big to fail is too much for us to take, Financial Times, 27 May 2009 Onado Marco, I nodi al pettine, Laterza, 2009 Resti Andrea, Ma Basilea II non c era, voce.info, 2 gennaio 2009 Resti A., Maino R., Il libro delle buone intenzioni bancarie, voce.info, 24 marzo 2009 Sapelli Giulio, Giochi proibiti, Bruno Mondadori, 2004 Sironi Andrea, Addio Basilea 2, lavoce.info, 17 ottobre 2008 Tarantola Anna Maria, Banca e mercato, quali prospettive?, 25-6 settembre 2009 Van Duyn A., Mackenzie M., Weitzman H., Derivatives dealers brace for clearing shake-up, Financial Times, 14 July 2010 Véron Nicolas, Per il G20 è l ora delle scelte, lavoce.info, 25 giugno 2010 Vitale Marco, Passaggio al futuro, EGEA, 2010 Vitale M., Il ruolo dei regolatori: quali prospettive, Courmayeur, 26 settembre 2009 Vitale M, America. Punto e a capo, Scheiwiller, 2002 Waxman Henry, seduta del Committee Hearing of the House of Representatives on: The financial crisis and the role of Federal regulators, 23 October 2008

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale

Nota tecnica. Basilea 3. L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Nota tecnica Basilea 3 L accordo multilaterale per la riforma della vigilanza prudenziale Basilea 3 OBIETTIVO DELLA RIFORMA La riforma intende ovviare alle lacune e alle debolezze strutturali dell Accordo

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi?

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Andrea Enria Banca d Italia Milano, 26 novembre 2009 Schema della presentazione Lezioni della crisi e riforma della regolamentazione Perimetro ampio

Dettagli

Uno sguardo al mondo esterno

Uno sguardo al mondo esterno Uno sguardo al mondo esterno Gerardo Rescigno 2009 2 In quale contesto ci stiamo muovendo Riduzione della redditività delle Banche e forte orientamento alla selettività Debolezza dell economia domestica

Dettagli

Le nuove regole di vigilanza: un analisi critica

Le nuove regole di vigilanza: un analisi critica Le nuove regole di vigilanza: un analisi critica Andrea Resti carefin@unibocconi.it The Regulatory Tsunami* Luglio 2009 Dicembre 2009 Rischi di mercato: stressed VaR e IR charge Nuove regole su (ri)cartolarizzazioni

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

BASILEA 3. L Imprenditore, la Media Impresa e la Finanza oggi. Costantino Di Carlo Alberto Camporesi

BASILEA 3. L Imprenditore, la Media Impresa e la Finanza oggi. Costantino Di Carlo Alberto Camporesi Costantino Di Carlo Alberto Camporesi PREMESSA Fino alla metà degli Anni 90 prevaleva nel dialogo Banca Impresa l attenzione su fatti patrimoniali (prevalentemente immobiliari) e relazioni interpersonali

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

Basilea 3: verso un sistema finanziario più sicuro

Basilea 3: verso un sistema finanziario più sicuro Basilea 3: verso un sistema finanziario più sicuro Discorso di Jaime Caruana Direttore generale della Banca dei Regolamenti Internazionali alla 3 a Conferenza bancaria internazionale Santander Madrid,

Dettagli

Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione

Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione Market e Funding Liquidity Risk nella prospettiva delle autorità di supervisione Basilea 2 e Crisi Finanziaria Roma, 4 giugno 2009 Giovanni Pepe Servizio Supervisione Gruppi Bancari Outline Cosa è capitato

Dettagli

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena

Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Le imprese europee risulteranno più colpite delle imprese statunitensi? Materiali a cura degli studenti Cattelan Rachele, Marchesini Alessandra, Stupiggia Serena Da Basilea II a Basilea III Basilea II

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

DA BASILEA 2 A BASILEA 3:

DA BASILEA 2 A BASILEA 3: DA BASILEA 2 A BASILEA 3: GLI EFFETTI SULLE BANCHE E SUL CREDITO MARCO GIORGINO ORDINARIO DI FINANZA, POLITECNICO DI MILANO MARCO.GIORGINO@POLIMI.IT Milano, 8 ottobre 2010 AGENDA Da Basilea 2 a Basilea

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro)

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea 20 gennaio 2015 Audizione dell Amministratore Delegato

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 1.12.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 291/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) PARERI BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 12 novembre 2009 su una proposta

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre

La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre La gestione finanziaria delle piccole e medie imprese: le prospettive per il 2011 e oltre Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti Contabili Bergamo, 11 febbraio 2011 PROF. MARIO COMANA Ordinario

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

Basilea III. Aprile 2013

Basilea III. Aprile 2013 Basilea III Aprile 2013 Basiela I, II, III,. 2 Basilea I 1988 Basilea II 2006 Basilea III 2013 Risposta del Comitato di Basilea alla crisi finanziaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 3 Il

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Eterogeneità delle condizioni finanziarie delle imprese e mercato del credito Paolo Finaldi Russo

Eterogeneità delle condizioni finanziarie delle imprese e mercato del credito Paolo Finaldi Russo Eterogeneità delle condizioni finanziarie delle imprese e mercato del credito Paolo Finaldi Russo Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Conferenza Fedart Roma,1 dicembre 2014 Outline La spirale

Dettagli

ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA

ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA Rimini, 18 maggio 2012 Il Quadro Normativo: La Revisione della MiFID La Struttura del Mercato L Esperienza degli Stati

Dettagli

normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI

normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI L esperienza ABI nell analisi di impatto economico della normativa Gianfranco Torriero Direttore Centrale Area Centro Studi e Ricerche ABI Convegno Il ruolo del Consiglio di Amministrazione nel governo

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione di Basilea 3

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione di Basilea 3 Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione di Basilea 3 Ottobre 2011 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese. In caso di dubbio, si

Dettagli

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei.

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei. Rome Investment Forum 2015: Financing Long-Term Europe Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio 43 Antonio Tajani Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo ***** (Saluti) Investire

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2 GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE 1 L EVOLUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO Lezione 2 Gli strumenti finanziari a disposizione di un impresa 2 Apertura di credito Sconto di effetti Contratti bancari Anticipo

Dettagli

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Roma, 13 luglio 2011 La crisi e l euro Le prospettive di crescita e i mercati finanziari

Dettagli

Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE

Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE Fase a distanza DA BASILEA 2 A BASILEA 3: COSA CAMBIA Fase in aula a Milano dal 29 al 31 ottobre

Dettagli

Unione bancaria: a che punto siamo?

Unione bancaria: a che punto siamo? Unione bancaria: a che punto siamo? Angelo Baglioni Intervento alla tavola rotonda: Crisi in Europa: la risposta dell Unione Europea e degli Stati membri SSEF - Milano, 9 dicembre 2013 UBE: building blocks

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 14 I processi di cartolarizzazione (cap 3) Lo shadow banking system (cap 3) Le agenzie di rating (cap 3) 2 I processi di cartolarizzazione - 1

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2601 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SCHULLIAN Introduzione del principio della separazione tra le banche commerciali e le banche

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XXIV n. 10 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) d iniziativa del senatore CONTI approvata il 29 giugno 2010 ai sensi dell articolo

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO

LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO Corso di Economia Monetaria e Regolamentazione Internazionale Prof. Andrea Filippo Presbitero Federica Catalani Anastasia Zenobi a.a 2009/2010 1 Introduzione: Questo

Dettagli

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1 Sistema bancario Angelo Baglioni Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 1 Schema della presentazione Credit crunch Rischio di credito - sovrano Patrimonio Funding, liquidità Prospettive: vie d uscita?

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 13 La diffusione del contagio (cap 3) Le cause della crisi (cap.3) La diffusione del contagio - 1 Un fallimento di 250 miliardi di dollari (i mutui

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012

Università degli Studi di Parma. Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012 Università degli Studi di Parma Corso di Risk management e creazione di valore Basilea 3 Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico 2011-2012 La crisi finanziaria del 2007- Prima della crisi Tassi di interesse

Dettagli

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5

30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 30.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 346/5 REGOLAMENTO (UE) N. 1233/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 che modifica il regolamento (CE) n. 663/2009 che istituisce

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 16 La riforma della regolamentazione finanziaria (cap.5) La riforma finanziaria in Europa La riforma finanziaria negli Stati Uniti 2 La riforma

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. La risposta del Comitato di Basilea alla crisi finanziaria: rapporto al G20

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. La risposta del Comitato di Basilea alla crisi finanziaria: rapporto al G20 Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria La risposta del Comitato di Basilea alla crisi finanziaria: rapporto al G20 Ottobre 2010 Copie delle pubblicazioni sono disponibili presso: Banca dei Regolamenti

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3. Antonio Marzano

Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3. Antonio Marzano Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3 XLII GIORNATA DEL CREDITO Antonio Marzano Presidente CNEL Roma, 22 giugno 2010 1. Nel corso del 2009, ci informa la Banca d Italia, il credito bancario alle imprese

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future

Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future Gianluca Trevisan Banca d Italia Supervisione Gruppi Bancari I Roma, 28 febbraio 2014 1 Perché una regolamentazione

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Roma, 27 giugno 2012 Tullio Lucca Head of Risk Integration & Capital Adequacy Agenda Pillar II

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

Comunicato stampa. Una seconda misura, non condizionata all approvazione della prima misura, descritta sopra, da

Comunicato stampa. Una seconda misura, non condizionata all approvazione della prima misura, descritta sopra, da CREDIT SUISSE GROUP AG Paradeplatz 8 Telefono +41 844 33 88 44 Casella postale Fax +41 44 333 88 77 CH-8070 Zurigo media.relations@credit-suisse.com Svizzera Il presente materiale non deve essere emesso,

Dettagli

Introduzione ai temi della sessione

Introduzione ai temi della sessione Rischio di liquidità Introduzione ai temi della sessione Andrea Resti, università Bocconi andrearesti andrea.resti@unibocconi.it 2 Traccia di questa presentazione Le nuove regole nella CRR, tra progressi

Dettagli

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 Risultati annuali APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 - Confermati i risultati preliminari consolidati già approvati lo scorso 11 febbraio

Dettagli

Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza)

Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza) Il patrimonio netto contabile e i Fondi propri (patrimonio di vigilanza) 1 Agenda Il patrimonio netto contabile Elementi che compongono il patrimonio netto contabile Principali novità introdotte dagli

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA *

5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA * 71 5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA * Il processo di integrazione finanziaria in Europa è attualmente in pieno svolgimento. La realizzazione del mercato unico degli strumenti e dei servizi

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

Workshop sulla revisione della MiFID: Novità e impatti. Norton Rose Fulbright. Gianluigi Gugliotta

Workshop sulla revisione della MiFID: Novità e impatti. Norton Rose Fulbright. Gianluigi Gugliotta Workshop sulla revisione della MiFID: Novità e impatti Norton Rose Fulbright Gianluigi Gugliotta Milano, 11 giugno 2014 MiFID (2004/39/CE) PRINCIPALI OBIETTIVI Favorire ulteriormente l integrazione, la

Dettagli

i dossier LEZIONI AMERICANE PER MONTI www.freefoundation.com 2 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta

i dossier LEZIONI AMERICANE PER MONTI www.freefoundation.com 2 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta 52 i dossier www.freefoundation.com LEZIONI AMERICANE PER MONTI 2 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Il presidente della Federal Reserve, la banca centrale americana, Ben Bernanke

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring

L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring L impatto di Basilea 3 sull industria del factoring Rony Hamaui AD&DG Mediofactoring Torino, 25 gennaio, 2011 Agenda Basilea 3: obiettivi e strumenti Implicazioni delle nuove regole prudenziali sulle banche

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Intervento di Mario Nava 1 alla Conferenza Le banche nell economia reale: ripensare ruoli, responsabilità, regole

Intervento di Mario Nava 1 alla Conferenza Le banche nell economia reale: ripensare ruoli, responsabilità, regole Intervento di Mario Nava 1 alla Conferenza Le banche nell economia reale: ripensare ruoli, responsabilità, regole Milano 7 ottobre 2013 Nel mio breve intervento per lanciare il dibattito vorrei dare essenzialmente

Dettagli

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 1 operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 Interventi sul tema: Le origini della crisi La bolla dei sub-prime e il fallimento di Lehman Brothers La globalizzazione dei

Dettagli

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Seminario di confronto tra il settore bancario e l attività immobiliare Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Intervento di Andrea Ragaini Direttore Centrale GRUPPO BANCA CARIGE

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Capitolo 4 Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima Che cos è la

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

«Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi

«Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi «Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi #1] Premessa, scenario #2] Missione: «Confidi 2.0» #3] Sintesi delle nuove attività Milano, Lunedi 5 ottobre 2015 Leonardo Marseglia - Fidicomet Milano 1 Premessa

Dettagli

Basilea 3: le nuove regole globali sulla vigilanza delle Banche. Lo scenario attuale e le prospettive future.

Basilea 3: le nuove regole globali sulla vigilanza delle Banche. Lo scenario attuale e le prospettive future. Basilea 3: le nuove regole globali sulla vigilanza delle Banche. Lo scenario attuale e le prospettive future. Perché Basilea 3: dai mutui Subprime alla crisi dei debiti sovrani. Origini ed evoluzione dell

Dettagli

Il terzo pilastro: l informativa al pubblico

Il terzo pilastro: l informativa al pubblico : l informativa al pubblico Ø Il c.d. terzo pilastro dell accordo di Basilea (Basilea II) ha introdotto obblighi di informativa al pubblico riguardanti l adeguatezza patrimoniale, l esposizione ai rischi

Dettagli

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS

REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS REGOLE DI LIQUIDITA E MODELLI DI BUSINESS Mariakatia Di Staso Banca d Italia Regolamentazione e Analisi Macroprudenziale Unione Bancaria e Basilea 3 Risk and Supervision 2015 Roma, 23 giugno 2015 1 Agenda

Dettagli

La crisi finanziaria Lezioni da trarre per la gestione dei rischi aziendali

La crisi finanziaria Lezioni da trarre per la gestione dei rischi aziendali 16 Convention APB 2009 La crisi finanziaria Lezioni da trarre per la gestione dei rischi aziendali Intervento del dr. Stefano Mieli Direttore Centrale per la Vigilanza Creditizia e Finanziaria Banca d

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il sistema finanziario I mercati finanziari La comunicazione finanziaria L efficienza dei mercati finanziari Anomalie

Dettagli

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI BASILEA 2 La struttura generale dell accordo Monica Malta LE TAPPE PRINCIPALI 1974 nasce il Comitato di Basilea dei Paesi del G10 1988 stipula dell accordo "Basilea 1 1996 modifica dell accordo 2001 1

Dettagli

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio I soggetti che operano nel mercato finanziario Francesca Mattassoglio Le tipologie dei fondi comuni di investimento (DM 228/1999): APERTI (armonizzati e non); CHIUSI (mobiliari e immobiliari); GARANTITI;

Dettagli

Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana. Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino

Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana. Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino Gli eccessi di regolamentazione: la lezione americana Banca Ifigest - Milano, ottobre 2010 Enrico Colombatto, Università di Torino La crisi (origini) Le cause americane: Anni di politica monetaria espansiva

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014 Francesca Mattassoglio La crisi economico finanziaria La crisi bancaria del 2007 - il contesto socio economico in cui matura; - la scintilla mutui americani

Dettagli

IL RUOLO DEL CENTRO FIDI TERZIARIO QUALI GARANZIE?

IL RUOLO DEL CENTRO FIDI TERZIARIO QUALI GARANZIE? IL RUOLO DEL CENTRO FIDI TERZIARIO QUALI GARANZIE? II Forum annuale sulla Finanza d impresa Gli strumenti per affrontare la crisi e sostenere la crescita delle PMI Prato, 23 aprile 2009 Email: a.doti@centrofiditerziario.it

Dettagli

Riflessioni su Northern Rock: la corsa agli sportelli che annunciò la crisi finanziaria globale

Riflessioni su Northern Rock: la corsa agli sportelli che annunciò la crisi finanziaria globale Riflessioni su Northern Rock: la corsa agli sportelli che annunciò la crisi finanziaria globale HYUN SONG SHIN Chiara De Napoli Cinzia Ilardi Giovanni Soardo Introduzione 1866 => Overend Gurney - l assicurazione

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

Oggi, 7 novembre 2013, la BCE ha deciso di tagliare i tassi di riferimento di 25 bp, ossia li ha portati allo 0,25%.

Oggi, 7 novembre 2013, la BCE ha deciso di tagliare i tassi di riferimento di 25 bp, ossia li ha portati allo 0,25%. Oggi, 7 novembre 2013, la BCE ha deciso di tagliare i tassi di riferimento di 25 bp, ossia li ha portati allo 0,25%. Questa decisione ha colto abbastanza di sorpresa il mercato, non era nelle stime/previsioni:

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager Chief Risk Officer La nuova agenda degli impegni per il risk manager Corrado Meglio Vice Presidente AIFIRM Responsabile Risk Management Banca di Credito Popolare Steering Committee PRMIA Italy 1 Le banche

Dettagli

L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane

L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane Finanza per la crescita IPO Day, Borsa Italiana, Milano - 26 Settembre 2014 Silvia Magri, Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Outline

Dettagli

Banche e imprese italiane nel credit crunch

Banche e imprese italiane nel credit crunch Convegno Una finanza per la crescita in collaborazione con CO.MO.I Group 12 giugno 2013, Milano Banche e imprese italiane nel credit crunch Angelo Baglioni Università Cattolica e REF Ricerche www.refricerche.it

Dettagli

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015 FLASH REPORT Il nuovo Intermediario Finanziario Unico Giugno 2015 Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 141 del 13 agosto 2010, attuativo della Direttiva comunitaria n.

Dettagli