Previdenza ed assistenza sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Previdenza ed assistenza sociale"

Transcript

1 Previdenza ed assistenza sociale - Società cooperativa artigiana a responsabilità limitata - Compensi erogati ai soci che hanno prestato attività lavorativa - Contribuzione Assoggettamento. Previdenza ed assistenza sociale - Contributi - Evasione - Sanzione "una tantum" - Irrorazione Presupposti. Corte d'appello di Ancona , n Pres. Taglienti - Est. Miconi - INPS (Avv. Pierdominici) - Società cooperativa Futura a r.l. (Avv. Pettinari) II socio di una società cooperativa artigiana, che svolga in prevalenza lavoro personale anche manuale, è considerato, ai fini contributivi e delle prestazioni, come dipendente della società, la quale è tenuta a versare i contributi sugli utili corrisposti allo stesso per i lavori assunti dalla società medesima. Ricorre l'ipotesi di evasione contributiva prevista dall'art. 1, comma 217, della L. n. 662/1996, al cui verificarsi è connessa l'irrogazione della sanzione "una tantum", qualora l'istituto previdenziale non sia in grado, dalle denunce o registrazioni obbligatorie, di determinare l'ammontare dei contributi dovuti. FATTO - La Società cooperativa a responsabilità limitata Futura adiva il Pretore del Lavoro di Macerata con ricorso in data 9/02/1996 agendo in accertamento negativo per un credito, vantato dall'inps nei suoi confronti nel verbale di accertamento del 19/05/1995, per contributi non versati. Esponeva che la coop. Futura a.r.l. era una società cooperativa iscritta del registro prefettizio delle cooperative, sezione produzione e lavoro, senza scopo di lucro, ma che lo scopo della società era quello di ottenere continuità nell'attività lavorativa e il miglioramento delle condizioni sociali e professionali dei soci. Deduceva che la pretesa dell'inps di ottenere il pagamento dei contributi per i soci lavoratori di cui al citato verbale era infondata perché la Futura era una cooperativa e non una s.r.l., e come cooperativa, giusta la previsione di cui all'art.3 co. 2 L. 443/85, poteva rivestire la qualifica di impresa artigiana, era effettivamente iscritta all'albo delle imprese artigiane e tale iscrizione aveva valore costitutivo, e non si configurava, tra società e soci, che erano artigiani, un rapporto di lavoro subordinato, con i conseguenti obblighi di contribuzione previdenziale ed assistenziale, ma la prestazione di attività lavorativa da parte dei soci nell'ambito dell'oggetto sociale secondo le previsioni dello statuto realizzava lo scopo dell'ente, si inquadrava nel rapporto societario così era inapplicabile la disciplina propria del lavoro subordinato. Intanto era configurabile tale rapporto tra il socio e la società in quanto il primo prestasse attività lavorativa diversa o estranea a quella che era tenuto a conferire per patto sociale. Richiamava a sostegno copiosa giurisprudenza. Deduceva ancora la ricorrente che nella fattispecie, tutti i soci partecipavano materialmente e personalmente all'attività produttiva, ricevendo una remunerazione strettamente legata all'utile percepito, il lavoro era preminente sul capitale mancava il parere direttivo in capo alla cooperativa, vi era assunzione, in capo ai soci, del rischio economico dell'attività e mancava la retribuzione, essendovi solo percezione dell'eventuale utile. Per questi motivi, l'opponente chiedeva che venisse accertato che non era obbligata al pagamento dei contributi di cui al verbale INPS del 19/09/1995 n Si costituiva l'inps, e, premesso che il punto relativo all'ascrivibilità delle cooperative a responsabilità limitata all'albo delle imprese artigiane era stato devoluto all'esame delle sezioni unite delle Cassazione, deduceva l'istituto che l'art. 1 L. 63/93 prevedeva degli automatismi, ma ogni provvedimento amministrativo, soprattutto se certativo, quale quello di iscrizione all'a.i.a. da parte della C.P.A., se illegittimo era disapplicabile, come chiedeva l'istituto, sia per violazione di legge che per eccesso di potere. La legge 133/97 aveva consentito l'esercizio dell'impresa artigiana da parte di s.a.s. e di s.r.l. unipersonali a condizioni tipizzate e quindi doveva ritenersi inammissibile l'esercizio di impresa artigiana da parte della società cooperativa a responsabilità limitata. 1

2 Deduceva l'istituto che in materia di artigianale l'art. 1 L. 63/93 aveva potenziato la funzione delle commissioni provinciali artigianato, sancendo il carattere esclusivo delle loro funzioni e l'efficacia vincolante del loro provvedimento, ma aveva limitato i poteri della c.p.a. alla mera verifica della sussistenza dei requisiti dell'impresa artigiana seguito di atto di iniziativa dell'imprenditore o delle pubbliche amministrazioni interessate o d'ufficio, sempre per il tramite degli sportelli polifunzionali. L'INPS richiamava le differenti tesi circa l'ascrivibilità o meno all'albo delle imprese artigiane delle società cooperative a responsabilità limitata, quali emerse in giurisprudenza e dottrina, sostenendo quella della non ascrivibilità di dette società all'albo artigiane per il rilievo che, nelle cooperative a responsabilità limitata, mancava i! requisito della piena responsabilità di impresa, con l'assunzione di tutti gli oneri e i rischi inerenti alla direzione della medesima, e la dimostrazione di ciò era data dal fatto che i singoli soci erano iscritti solo negli elenchi nominativi, e non all'albo delle imprese artigiane. Ancora, l'inps rimarcava che in virtù dell'art.2 r.d. 1422/24 e 2 co. 2 R.D. 2270/24, ed 1 co.2 D.P.R. 797/95, esisteva una presunzione juris et de jure ai fini dell'applicazione della disciplina previdenziale alle società cooperative, nel senso che queste devono intendersi datori di lavoro anche nei riguardi dei soci che impiegano in lavori da esse assunti, e i soci di cooperative sono compresi tra i prestatori di lavoro. Ciò allo scopo di equiparare nella tutela i lavoratori subordinati, ai soci, con la conseguenza di ritenere superflua qualsiasi indagine sulla natura subordinata del rapporto di lavoro tra la società cooperativa e il socio lavoratore. L'INPS chiedeva pertanto il rigetto della domanda e proponeva domanda riconvenzionale per ottenere la condanna della ricorrente a pagare la somma di per contributi e sanzioni o la diversa ritenuta di giustizia. Successivamente, destinatario di ordinanza-ingiunzione emessa dall'inps per gli illeciti amministrativi sottesi all'omissione contributiva, e notificata il 31/05/99, la liquidatrice Chiucchi Anna Rosa proponeva opposizione depositando ricorso in opposizione in data 29/06/99. Poneva a sostegno delle opposizioni gli stessi argomenti difensivi già esposti nella domanda di accertamento negativo. L'INPS si costituiva e ribadiva la stessa impostazione difensiva. Previa riunione dei procedimenti, il Tribunale di Macerata, con sentenza , accoglieva il ricorso e di conseguenza revocava l'ordinanza ingiunzione, dichiarava la insussistenza del debito contributivo e compensava spese di lite. Riteneva che: - secondo l'insegnamento delle Sezioni Unite della Cassazione (sentenza n. 401/2000), le società cooperative a responsabilità limitata potevano essere iscritte, in presenza dei requisiti di legge, all'albo delle imprese artigiane, con conseguente applicabilità del trattamento riservato all'impresa artigiana; - in base a quanto ritenuto in diritto dalla Cassazione con la sentenza n. 7380/2001 ed essendo accertato che i contributi per i singoli soci artigiani erano stati pagati nella misura dovuta, non sussisteva alcun obbligo contributivo a carico della società cooperativa opponente. Avverso la sentenza proponeva appello l'inps, con ricorso depositato il , nei confronti della sola Futura Soc. Coop. A.r.l.; chiedeva che, in riforma della sentenza, fosse respinta la domanda di accertamento negativo, o comunque che l'opponente (o meglio, la attrice ) fosse condannata a pagare il relativo importo di contributi e somme aggiuntive, deducendo che le argomentazioni giuridiche svolte dalla sentenza della Cassazione7380/2001 non erano condivisibili. Si costituiva la società appellata e chiedeva il rigetto del gravame; in ordine alla sussistenza dell'obbligo contributivo, richiamava le argomentazioni accolte dalla sentenza della Cassazione 7380/2001 e ribadiva che i soci artigiani avevano interamente versato i contributi a loro carico, relativi alla attività esercitata nell'ambito della cooperativa, e che ogni ulteriore pretesa verso la società avrebbe costituito illegittima duplicazione contributiva. All'odierna udienza le parti spiegavano le epigrafate conclusioni; la Corte pronunziava sentenza. 2

3 DIRITTO - Preliminarmente, va segnalato che l'appellante non ha censurato la sentenza nel capo relativo all'accoglimento della opposizione proposta dalla Chiucchi Anna Rosa avverso la ordinanza ingiunzione emessa nei suoi confronti: l'ente, infatti, non ha notificato l'impugnazione alla Chiucchi - la cui posizione va ritenuta scindibile rispetto a quella della Cooperativa; nè ricorrono le condizioni per disporre l'integrazione del contraddittorio a norma dell'art. 332 c.p.c., essendo ormai scaduto per tutte le parti il termine di impugnazione - e non ha preso conclusioni in argomento. Il capo della sentenza relativo alla opposizione alla ordinanza ingiunzione resta pertanto fermo, perché passato in giudicato. Nel merito, l'appello è parzialmente fondato. 1 - La sentenza di primo grado aveva aderito, come si è detto, alle argomentazioni svolte dalla giurisprudenza di legittimità con la sentenza n. 7380/2001 ( seguita da Cass. n. 9600/2001; v. anche, in senso sostanzialmente conforme, Cass., n. 4161/1988 (1)), secondo cui " La Legge 29 dicembre 1956, n. 1533, che ha introdotto l'assicurazione obbligatoria contro le malattie comuni per gli artigiani, e la Legge 4 luglio 1959, n. 463, che ha esteso agli artigiani ed ai loro familiari la tutela contro la invalidità, la vecchiaia e per i superstiti, hanno parzialmente derogato, in quanto leggi speciali posteriori, all'art. 2, comma 3, R.D. 28 agosto 1924, n. 1422, nel senso che, ferma la responsabilità della cooperativa artigiana nei confronti dell'inps per il pagamento dei contributi previdenziali, ai sensi dell'art.2, comma 3, in.esame, la loro misura e regime giuridico devono essere. conformati a quelli previsti per gli artigiani. Infatti la L , nell'individuare i soggetti tutelati mediante rinvio anche all'art. 3 della L , che riguarda le cooperative artigiane, comprende nella propria tutela i soci artigiani, la cui attività manuale costituisce nello stesso tempo la ragione della tutela previdenziale e dell'attribuzione della qualifica artigiana alla cooperativa". Tale decisione si era posta in dissenso con il diverso orientamento, della giurisprudenza di legittimità secondo il quale, invece, anche le cooperative artigiane sono assoggettate, riguardo ai soci lavoratori, agli oneri contributivi previsti dalla normativa dettata per i! lavoro dipendente, senza che le leggi n del 1956 e n. 463 del 1959 avessero inciso sulla persistente applicabilità di tale normativa (v. Cass., n. 2242/1988 (2); n. 9815/1998). Con la sentenza n. 7380/2001 la Corte - osservato che l'art. 2, comma 3, n. 1422/24 dispone che, ai fini assicurativi, le società cooperative sono datori di lavoro anche nei riguardi dei loro soci, impiegati in lavori da esse assunti - aveva ricordato il valore fondamentale, nel sistema dell'assicurazione obbligatoria, del principio di assimilazione della tutela: in base a questo, è estesa eccezionalmente a favore dei soci-lavoratori di società cooperative, (che non sono lavoratori dipendenti) il sistema assicurativo generale, - che suppone invece un rapporto di lavoro subordinato - al fine di fornire loro una tutela assicurativa di cui sarebbero altrimenti privi; il principio trova applicazione nei confronti di tutti i tipi di cooperative, anche non di lavoro, a prescindere dal fatto che i soci vengano impegnati per lavori assunti direttamente dalla società oppure per assegnati da terzi. Secondo la Corte detta norma, inoltre, ha garantito per circa un quarantennio che le tipologie lavorative proprie del lavoro artigiano, prive fino agli anni '50 di specifica tutela previdenziale, godessero, se associate in cooperativa, della protezione propria dei lavoratori dipendenti; successive leggi hanno poi esteso la tutela previdenziale, sorta per il lavoro dipendente, anche al lavoro autonomo, tra cui quello artigiano. La legge del 1924 costituisce dunque una lex generalis idonea a garantire ai soci di tutte le cooperative, di qualsiasi tipo, una tutela assicurativa, della quale altrimenti sarebbero stati privi, e tale obiettivo ha realizzato attraverso il meccanismo di assimilazione ;ad altra tutela, quella del lavoro subordinato. Allo stesso tempo, la disciplina diretta e specifica dell'assicurazione obbligatoria per gli artigiani, introdotta dalle leggi 1533 del 1956 e 463 del 1959, si configura come lex generalis del lavoro artigiano, e contestualmente come /ex specialis posteriore, limitatamente alle cooperative artigiane, derogativa, nella particolare materia, della norma dell'art. 2, comma 3, R.D. 28 agosto 1924, n. 1422: nel senso che, ferma la responsabilità della cooperativa artigiana nei confronti dell'inps per il pagamento dei contributi previdenziali, ai 3

4 sensi dell'art. 2, comma 3, in esame, la loro misura e regime giuridico non possono che essere conformati a quelli previsti dalle leggi citate per gli artigiani, che non hanno più bisogno della tutela assimilata, avendone una specifica propria; sicché, ove i singoli soci artigiani non abbiano pagato i contributi artigiani, rimane obbligata nei confronti dell'inps la cooperativa, ma senza superare tale misura e senza cadere in duplicazioni contributive. A sostegno di tale interpretazione la Corte, ha osservato che, diversamente opinando, sarebbero ravvisabili diverse incongruenze e dubbi di legittimità costituzionale, sotto il profilo della lesione degli artt. 3 e 45 Costituzione perché: - si porrebbe a carico degli artigiani associati in cooperativa un regime contributivo più oneroso rispetto sia agli artigiani titolari di impresa individuale sia a quelli associati in forma non cooperativa, rendendo così più difficile la vita economica e lo sviluppo della impresa cooperativa; - si porrebbe tali cooperative sullo stesso piano contributivo delle società capitalistiche, contro il dettato dell'art. 45 Costituzione, dell'art. 3 Legge 25 luglio 1956, n. 860, nonché dell'art. 3 Legge 8 agosto 1985, n. 443, volte a promuovere l'attività artigiana, anche associata in cooperativa; - per altro verso, l'obbligo di assicurare i soci artigiani con la fictio juris come se fossero dipendenti non terrebbe conto della peculiarità della assicurazione artigiani, che include nell'obbligo assicurativo, con regole proprie, anche i familiari coadiuvanti (art. 2 legge ); - la permanenza di tale fictio juris porrebbe perplessità sul piano prestazionale tra artigiani titolari di ditta individuale e loro familiari coadiuvanti, tutelati come tali, e artigiani associati in cooperativa, tutelati come lavoratori dipendenti. A ciò si deve aggiungere, sempre ad avviso della Corte, "l'inaccettabile effetto di duplicazione di prelievo contributivo" che l'opposta tesi comporterebbe, in particolare perché, in base alla fictio juris dell'art. 2, comma 3, rd. n. 1422/24, le somme remuneratorie che i soci artigiani ricevono dalla cooperativa per la prestazione lavorativa artigiana, rientrante nell'oggetto sociale (e che concettualmente rimangono utili o anticipazioni di utili: Cass. 12 dicembre 1995 n ), andrebbero considerate come retribuzione e soggette a prelievo contributivo secondo le aliquote previste dalla disciplina contributiva propria del rapporto di lavoro subordinato; nel mentre lo stesso reddito, una volta percepito dal socio artigiano, è soggetto al prelievo previsto dalle leggi che disciplinano la contribuzione artigiana. La questione è stata peraltro oggetto di nuova disamina da parte della giurisprudenza di legittimità, anche alla luce delle argomentazioni poste a fondamento della ricordata sentenza n. 7380/2001. Con sentenza n. 238/2003 (3) la Corte ha ritenuto che: - l'assicurazione obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia ed i superstiti è stata estesa ai titolari di imprese artigiane, e ai loro familiari collaboratori, con la legge n. 463/59, che faceva riferimento, per la individuazione dei soggetti assicurati, ai titolari di imprese che avessero i requisiti di cui agli artt. 1, 2 e 3 della legge n. 860/56, sulla disciplina giuridica dell'artigianato; - tali articoli prevedevano, tra l'altro, che il titolare della impresa artigiana operasse anche manualmente nella stessa, che avesse la piena responsabilità dell'azienda ed assumesse tutti gli oneri e i rischi inerenti alla sua direzione ed alla sua gestione; non dissimile è comunque la definizione di imprenditore artigiano contenuta nell'art. 2 della legge n. 443/85 (legge-quadro per l'artigianato); cosicché, per la legge è "artigiano solamente I'imprenditore artigiano, il "titolare dell'impresa artigiana''; - l'art. 3, secondo comma, della legge n. 443/85 e successive modifiche ha esteso la qualifica di artigiana anche all'impresa che, nei limiti dimensionali e con gli scopi fissati nella legge stessa, è costituita ed esercitata in forma di società, anche cooperativa, escluse le società a responsabilità limitata e per azioni ed in accomandita per azioni, a condizione che; la maggioranza dei soci, ovvero uno nel caso di due soci, svolga in prevalenza lavoro personale, anche manuale nel processo produttivo e che nell'impresa il lavoro abbia funzione preminente sul capitale; - in base alla disposizione di cui all'ultima parte del quinto ed ultimo comma dell'art. 3 della legge, inoltre, "In ogni caso, l'imprenditore artigiano può essere titolare di una sola impresa 4

5 artigiana ; - sul piano previdenziale, pertanto, sono assicurati come artigiani gli imprenditori artigiani (anche se l'assicurazione è estesa ai familiari collaboratori) e, "potendo l'imprenditore artigiano essere titolare di una sola impresa, l'eventuale ulteriore attività che il titolare di impresa artigiana individuale dovesse svolgere come socio di una società cooperativa, potrebbe essere svolta non come socio amministratore della società (stante la ricordata incompatibilità), ma, appunto, nella qualità di semplice socio, cui la ricordata fictio [art. 2, comma 3, rd. n. 1422/24] conferisce, ai fini previdenziali, la posizione di dipendente ; - l'iscrizione dei soci nell'albo delle imprese artigiane come imprenditori artigiani titolari di imprese individuali, con il conseguente versamento di contributi legati a tale diversa attività (comprensivi della protezione assicurativa dei familiari collaboratori dell'imprenditore artigiano, esclusi da ogni partecipazione lavorativa, in tale veste, nella società cooperativa), non esonera la cooperativa da! pagamento dei contributi sugli utili corrisposti ai soci lavoratori in corrispettivo dell'opera prestata nella cooperativa; - qualora l'iscrizione di tutti i soci della cooperativa nell'albo delle imprese artigiane e, quindi, negli elenchi di cui alla legge n. 463 del 1959, quali titolari di impresa artigiana, sia stata ricollegata alla sola attività esercitata nella cooperativa (con la quale non sarebbe sorta, quindi, una impresa artigiana, ma ne sarebbero sorte sette, otto o più imprese artigiane, quanti erano i soci, più uno), si tratta di una iscrizione non legittima, non potendo tutti i soci della società cooperativa artigiana a responsabilità limitata essere qualificati come titolari o contitolari dell'impresa, cosicché i relativi contributi eventualmente versati potrebbero essere ripetuti. Da ciò, secondo la Corte, l'applicabilità del principio secondo cui "il socio di una società' cooperativa artigiana, che svolga in prevalenza lavoro personale, anche manuale, nell'impresa, è considerato, ai fini contributivi e delle prestazioni, come un dipendente della società, la quale è tenuta a versare i contributi sugli utili ("retribuzioni") corrisposti allo stesso per i lavori assunti dalla società, ovviamente nella misura prevista per i dipendenti del settore artigiano, senza che a ciò sia di ostacolo il carattere delle diverse prestazioni lavorative eventualmente assunte dal socio (e non dalla società) nella qualità dì titolare di una impresa artigiana individuale, con il versamento dei contributi relativi. Il Collegio condivide le argomentazioni esposte nella ricordata pronuncia n. 283/03, in quanto coerenti con le disposizioni di legge disciplinanti la materia e tali da fugare i dubbi di incostituzionalità prospettati dal diverso orientamento interpretativo più sopra illustrato. Deve quindi riconoscersi la sussistenza dell'obbligazione contributiva della Cooperativa appellata. 2 - Come risulta dal verbale di accertamento da cui ha origine la presente controversia, gli ispettori hanno quantificato i contributi dovuti all'inps "sui compensi erogati ai soci che hanno prestato attività lavorativa, e non sulla base dei minimi di retribuzione imponibile ai sensi dell'art. 1 dl. n. 338/89 convertito in legge n. 389/89. Non essendo state svolte dalla Cooperativa specifiche contestazioni in ordine alle modalità di determinazione e quantificazione di detti contributi (essendo stata la contestazione rivolta piuttosto contro la sussistenza del proprio obbligo contributivo - v. i ricorsi di primo grado), i contributi dovuti devono ritenersi definitivamente accertati nella misura indicata dal predetto verbale di accertamento, e cioè per è invece estranea alla pretesa la ulteriore somma di , indicata nel verbale di accertamento come differenza contributiva relativa alla dipendente Pelucchini Dina, lavoratrice a domicilio, alla quale correttamente l'azienda ha applicato la contribuzione relativa ai dipendenti delle imprese artigiane. 3 - Per quanto riguarda invece il pagamento degli ulteriori importi indicati nel verbale di accertamento (a titolo di somme aggiuntive ex legge 48/88, art. 4, comma 1 lettera A e comma 2 ), deve invece farsi applicazione dello ius superveniens Infatti l'art. 116, comma 18, legge n. 388/2000, ha disposto che " Per i crediti in essere e accertati al 30 settembre 2000 le sanzioni sono dovute nella misura e secondo le modalità fissate 5

6 dai commi 217, , 220, 221, 222, 223 e 224 dell'articolo 1 della legge 23 dicembre 1996, n Il maggiore importo versato, pari alla differenza fra quanto dovuto ai sensi dei predetti commi del citato articolo 1 della legge 23 dicembre 1996, n. 662, e quanto calcolato in base all'applicazione dei commi da 8 a 17 del presente articolo, costituisce un credito contributivo nei confronti dell'ente previdenziale che potrà essere posto a conguaglio ratealmente nell arco di un anno, tenendo conto delle scadenze temporali previste per il pagamento dei contributi e premi assicurativi correnti, secondo modalità operative fissate da ciascun ente previdenziale. Nella specie deve quindi farsi applicazione del disposto del comma 217, secondo cui: "I soggetti che non provvedono entro il termine stabilito al pagamento dei contributi o premi dovuti alle gestioni previdenziali ed assistenziali, ovvero vi provvedono in misura inferiore a quella dovuta, sono tenuti: a) nel caso di mancato o ritardato pagamento di contributi o premi, il cui ammontare è rilevabile dalle denunce e/o registrazioni obbligatorie, al pagamento di una somma aggiuntiva, in ragione d'anno, pari al tasso dell'interesse di differimento e di dilazione di cui all'articolo 13 del decreto-legge 29 luglio 1981, n. 402, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 settembre 1981, n. 537, e successive modificazioni ed integrazioni, maggiorato di tre punti; la somma aggiuntiva non può essere superiore al 100 per cento dell'importo dei contributi o premi non corrisposti entro la scadenza di legge; b) in caso di evasione connessa a registrazioni o denunce obbligatorie omesse o non conformi al vero, oltre alla somma aggiuntiva di cui alla lettera a), al pagamento dì una sanzione, una tantum, da graduare secondo criteri fissati con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con il Ministro del tesoro, in relazione alla entità dell'evasione e al comportamento complessivo del contribuente, da un minimo del 50 per cento ad un massimo del 100 per cento di quanto dovuto a titolo di contributi o premi; qualora la denuncia della situazione debitoria sia effettuata spontaneamente prima dì contestazioni o richieste da parte degli enti impositori, e comunque entro sei mesi dal termine stabilito per il pagamento dei contributi o premi, la sanzione di cui alla presente lettera è dovuta nella misura del 30 per cento, sempreché il versamento dei contributi o premi sia effettuato entro trenta giorni dalla denuncia stessa. Sono pertanto dovute le somme aggiuntive calcolate secondo quanto disposto dal suddetto comma 217, lettera a). Non ritiene invece la Corte che sia dovuta l'ulteriore somma una tantum di cui alla lettera b) per le considerazioni che seguono. La locuzione "in caso di evasione connessa a registrazioni o denunce obbligatorie omesse o non conformi al vero, di cui al comma 217 anzidetto, è identica a quella di cui all'art. 116, comma 8, lettera b), legge n. 388/2000. Pertanto, seppure quest'ultima norma non sia direttamente applicabile alla fattispecie all'esame, la specificazione ivi contenuta, secondo cui tale ipotesi ricorre quando "// datore di lavoro, con l'intenzione specifica di non versare i contributi o premi, occulta rapporti di lavoro in essere ovvero le retribuzioni erogate, costituisce utile indicazione ermeneutica al fine di individuare la portata dell'ambito di applicabilità dello stesso art. 1, comma 217, lettera b), legge n. 662/96, che, conseguentemente, coincide con i casi in cui l'istituto assicuratore non è in grado di accertare, dalle denunce o registrazioni obbligatorie, l'ammontare dei contributi dovuti. Al riguardo la giurisprudenza della Cassazione, ha avuto modo di precisare che la legge n. 388/2000, pur non autodefinendosi interpretativa e non essendo retroattiva, tuttavia, "ne consegue lo stesso effetto, con la tecnica originale di attribuire, nel medesimo comma 18, un credito contributivo alle aziende colpite dalle più consistenti sanzioni previgenti..., e con il vantaggio, rispetto alla norma retroattiva, di beneficiare anche le situazioni coperte dal giudicato, cosicché risulta evidente "...l'intenzione del legislatore del 2000 di chiarire la formula legislativa prima oscura; se l'introduzione dell'elemento della intenzionalità: ha valore innovativo, l'espressione "occulta il rapporto in essere ovvero le retribuzioni erogate" ha la funzione di far emergere un 6

7 significativo normativo estraibile, dalla precedente formula, e che parte della giurisprudenza aveva già estratto (cfr. Cass., n /2003, in motivazione). Nel caso in discussione la Cooperativa non ha in effetti occultato i rapporti di lavoro in essere con i propri soci, nè i compensi erogati ai medesimi, ritenendo invece, seppure erroneamente, che i soci stessi non dovevano essere considerati, ai fini contributivi e delle prestazioni, come suoi dipendenti e di non essere quindi soggetta alla relativa obbligazione contributiva. L'ammontare dell'obbligo contributivo ha potuto essere determinato proprio sulla base dei compensi che la Cooperativa ha corrisposto ai propri soci e, dunque, delle registrazioni contabili dalla stessa effettuate: da cui l'insussistenza dell'ipotesi dell'evasione contributiva prevista all'art. 1, comma 217 lettera b), legge n. 662/ Per tutte le ragioni esposte, l'appello va parzialmente accolto e, in parziale riforma della sentenza impugnata, la Cooperativa appellata va condannata al pagamento in favore dell'appellante, a titolo di contributi, della somma complessiva di euro ,41 oltre alle somme aggiuntive determinate su tale importo in base a quanto disposto dall'art. 1, comma 217, lettera a), legge n. 662/96. Esula dal presente giudizio l'accertamento dell'eventuale credito contributivo che, a versamento avvenuto, potrà residuare a favore della Cooperativa appellata ai sensi dell'art. 116, comma 18, legge n. 388/ Tenuto conto del rilevato contrasto interpretativo nella giurisprudenza di legittimità, sussistono giusti motivi per la integrale compensazione delle spese di entrambi i gradi. (Omissis) (1) V. in q. Riv:, 1988, p (2) Idem, idem, p (3) Idem, 2003, p

Già con sentenza n. 2242 (1) del 3 marzo 1988 questa Corte ha affermato che "la norma dell'art. 2, terzo comma, del R.D. 28 agosto 1924, n.

Già con sentenza n. 2242 (1) del 3 marzo 1988 questa Corte ha affermato che la norma dell'art. 2, terzo comma, del R.D. 28 agosto 1924, n. Contributi - Soggetti obbligati - In genere - Società cooperative artigiane - Obbligo contributivo a carico della società per i soci lavoratori all'interno dell'impresa - Sussistenza - Attività individuale

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 Svolgimento del processo La Corte d appello di Trieste, con la sentenza indicata in epigrafe, ha confermato, riunendo i giudizi, le tre sentenze

Dettagli

La decisione risulta così motivata: a) la ratio dell'istituzione del Fondo speciale volo di cui alla L. 13/7/1965 n. 859, come modificata dalla L.

La decisione risulta così motivata: a) la ratio dell'istituzione del Fondo speciale volo di cui alla L. 13/7/1965 n. 859, come modificata dalla L. Contributi - Fondo volo - Carattere sostitutivo dell'assicurazione generale obbligatoria INPS - Diritto alla iscrizione per i piloti dipendenti di enti locali - Insussistenza. Corte di Appello di Trento

Dettagli

dall'inps; - di aver conseguentemente cessato di corrispondere all'inps il contributo previdenziale finalizzato all'erogazione dell'indennità

dall'inps; - di aver conseguentemente cessato di corrispondere all'inps il contributo previdenziale finalizzato all'erogazione dell'indennità Prestazioni - Indennità di malattia - Datore di lavoro obbligato, per contratto, all'erogazione dell'indennità - Permanenza della obbligazione contributiva. Tribunale di Genova - 11.5/7.8.2000, n. 2838/00

Dettagli

- 10.12.2008 28997 - - - P. M. - INPS.

- 10.12.2008 28997 - - - P. M. - INPS. Previdenza (Assicurazioni Sociali) - Contributi Assicurativi Soggetti Obbligati - In Genere - Società cooperative - Obbligo contributivo a carico della società - Soci lavoratori - Equiparazione ai lavoratori

Dettagli

23.2.2004. 3569 - - - P.M. - - INPS

23.2.2004. 3569 - - - P.M. - - INPS Pensioni - Cumulabilità - Diritto alla pensione supplementare previsto dall'art. 5 legge 1338 del 1962 - Conseguibilità solo in capo ai pensionati da lavoro dipendente - Lavoratori autonomi - Utilizzabilità

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso).

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso). Lavoro (rapporto di) Contratto a progetto - Mancanza del requisito della specificità del progetto - Effetto legale automatico di conversione in rapporto di lavoro subordinato. Corte di Appello di Genova

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. Giuliano Berardi, ha pronunciato la presente SENTENZA nella

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 03/10/2013 Circolare n. 140 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO TRENTATREESIMA SEZIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO TRENTATREESIMA SEZIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO TRENTATREESIMA SEZIONE riunita con l'intervento dei Signori: Luglio Giuseppe - Presidente Cordola Michele - Relatore

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010 Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi IL QUESITO Il giudice, a conclusione di una causa tra me ed

Dettagli

Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014

Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014 Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014 Organo: CASSAZIONE CIVILE - SEZIONE VI LAVORO Numero atto: SENTENZA N. 18914 DEL 9 SETTEMBRE 2014 Sintesi : Il diritto

Dettagli

Tribunale di Milano - 8.11.2011 n. 5333 - D.ssa CUOMO - E.F. (Avv. Stucchi) INPS-SCCI S.p.a. (Avv. Guerra)

Tribunale di Milano - 8.11.2011 n. 5333 - D.ssa CUOMO - E.F. (Avv. Stucchi) INPS-SCCI S.p.a. (Avv. Guerra) Contributi - Socio s.r.l. - Obbligo doppia contribuzione - Procura generale institoria - Non eludibilità obblighi contributivi - Non esclusione della iscrizione nella gestione speciale commercianti. Tribunale

Dettagli

Previdenza complementare, fallimento del datore di lavoro e diritto del lavoratore di insinuarsi al passivo per le quote di TFR non versate al fondo

Previdenza complementare, fallimento del datore di lavoro e diritto del lavoratore di insinuarsi al passivo per le quote di TFR non versate al fondo Previdenza complementare, fallimento del datore di lavoro e diritto del lavoratore di insinuarsi al passivo per le quote di TFR non versate al fondo Tribunale di Napoli Nord, 15 luglio 2015. Presidente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO Sent.622/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL LAZIO in composizione monocratica, in persona del Cons. Dr.ssa Chiara Bersani ha

Dettagli

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO A001031, 1 A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO Importante sentenza della Corte di cassazione, con cui la

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Sanzioni civili Il regime sanzionatorio per i casi di omesso o ritardato versamento dei contributi è contenuto nell art. 116, c. 8 e segg., L. n. 388/2000,

Dettagli

Corte di Appello di Roma 04.11.2009, n. 830 Pres. Blasutto Rel. Selmi A.T. S.p.A. (Avv.ti Maresca, Grassi) INPS (Avv. Ingala).

Corte di Appello di Roma 04.11.2009, n. 830 Pres. Blasutto Rel. Selmi A.T. S.p.A. (Avv.ti Maresca, Grassi) INPS (Avv. Ingala). Contributi Aliquote contributi di maternità Settore trasporti Personale che ha mantenuto l iscrizione all Inpdap - Riduzione ex art. 78, comma 1, D.Lgs. n. 151/2000 Non spetta. Corte di Appello di Roma

Dettagli

Controversie relative al licenziamento: applicabilità del rito Fornero

Controversie relative al licenziamento: applicabilità del rito Fornero Controversie relative al licenziamento: applicabilità del rito Fornero A cura di CDL Roberto Cristofaro Lo speciale rito Fornero è istituito dalla riforma del lavoro per l utilizzo nelle controversie relative

Dettagli

Sezione per le Controversie di Lavoro e Previdenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Sezione per le Controversie di Lavoro e Previdenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Corte D Appello di L Aquila Sezione per le Controversie di Lavoro e Previdenza Allegato al verbale di udienza in data 26 Febbraio 2015. Sentenza N. Reg.Gen. N.365/2014 Cronolog. N. Rig.AI - OV(Inps-Inail)minimale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 102/E

RISOLUZIONE N. 102/E RISOLUZIONE N. 102/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000 n. 212 FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA BANCA Regime fiscale

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO DISPOSITIVO CON MOTIVAZIONE CONTESTUALE SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO DISPOSITIVO CON MOTIVAZIONE CONTESTUALE SENTENZA R. G. n. 2206/2011 REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI POTENZA SEZIONE LAVORO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO DISPOSITIVO CON MOTIVAZIONE CONTESTUALE il Giudice del lavoro dr. Leonardo Pucci, pronunciando nella

Dettagli

- avverso AVVISO DI ACCERTAMENTO n. (omissis)/2012 IRPEF - ALTRO 2007

- avverso AVVISO DI ACCERTAMENTO n. (omissis)/2012 IRPEF - ALTRO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI MILANO SEZIONE 3 riunita con l'intervento dei Signori: NATOLA LIVIO MICHELE Presidente FUSARO SERGIO Relatore GESUALDI

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani La forma a progetto della collaborazione coordinata e continuativa è compatibile con la figura di socio lavoratore? È possibile per un socio eletto alla carica

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

Tribunale di Foggia - 8.11/29.12.2000, n. 2559/00 - Dott. Rossi - Valentino ed altri (Avv.ti Capacchione, Carpagnano) - INPS (Avv. Di Lecce).

Tribunale di Foggia - 8.11/29.12.2000, n. 2559/00 - Dott. Rossi - Valentino ed altri (Avv.ti Capacchione, Carpagnano) - INPS (Avv. Di Lecce). Prestazioni - Assicurazioni contro la disoccupazione - Indennità di mobilità - Computo delle giornate indennizzabili - Rinvio alla disciplina sulla assicurazione generale obbligatoria contro la disoccupazione

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria OSSERVA N. R.G. 2014/4163 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Il giudice, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 27 marzo 2015, letti atti e documenti, OSSERVA

Dettagli

Notizie Lavoro Flash. 1) Gestione Separata Committenti Emissione comunicazione debitoria per anno di competenza 2013

Notizie Lavoro Flash. 1) Gestione Separata Committenti Emissione comunicazione debitoria per anno di competenza 2013 Notizie Lavoro Flash 1) Gestione Separata Committenti Emissione comunicazione debitoria per anno di competenza 2013 Con messaggio n.6859 del 5 settembre 2014 l INPS ha comunicato l avvenuta elaborazione

Dettagli

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 *

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * SOCIO AMMINISTRATORE DI S.R.L. COMMERCIALE: GESTIONE COMMERCIANTI O GESTIONE SEPARATA? NO DELLA CORTE DI CASSAZIONE ALLA DUPLICE CONTRIBUZIONE INPS Con la sentenza

Dettagli

Dies a quo della conversione di pensione di invalidità in quella di vecchiaia (Cass. n. 21737/2012) commento e testo

Dies a quo della conversione di pensione di invalidità in quella di vecchiaia (Cass. n. 21737/2012) commento e testo Dies a quo della conversione di pensione di invalidità in quella di vecchiaia (Cass. n. 21737/2012) commento e testo Staiano Rocchina Diritto.it Massima La conversione della pensione di invalidità in pensione

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19150 Anno 2015 Presidente: COLETTI DE CESARE GABRIELLA Relatore: BALESTRIERI FEDERICO Data pubblicazione: 28/09/2015 SENTENZA sul ricorso 23633-2009 proposto da: - I.N.P.S. -

Dettagli

Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari

Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari Art.8 Finanziamento 1. Il finanziamento delle forme pensionistiche complementari può essere attuato mediante il versamento

Dettagli

Omesso versamento di ritenute: la prova dai modd. DM10 Renzo La Costa

Omesso versamento di ritenute: la prova dai modd. DM10 Renzo La Costa Omesso versamento di ritenute: la prova dai modd. DM10 Renzo La Costa Se è pacifico che non può configurarsi il reato di omissione di versamento delle ritenute se la retribuzione non è stata materialmente

Dettagli

Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D'Aquino,Francesca Fiecconi, Claudio Galoppi,

Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D'Aquino,Francesca Fiecconi, Claudio Galoppi, Oggetto: [Darc] Sentenza OMINA sul 156!! CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Bruna Albertini,

Dettagli

emessa dalla Commissione Tributaria Provinciale di MANTOVA contro:

emessa dalla Commissione Tributaria Provinciale di MANTOVA contro: REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO SEZIONE STACCATA DI BRESCIA SESSANTATREESIMA SEZIONE riunita con l'intervento dei Signori: Fondrieschi Fausto

Dettagli

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE A) PREMESSA Il Consiglio Comunale di Lecce con la deliberazione n. 56 del 01 agosto 2012 ha approvato il regolamento per la definizione agevolata della

Dettagli

Mobilità lunga: sui requisiti per la concessione del beneficio

Mobilità lunga: sui requisiti per la concessione del beneficio Mobilità lunga: sui requisiti per la concessione del beneficio Ai fini della concessione del diritto alla c.d. mobilità lunga di cui alla L. n. 223 del 1991, art. 7, comma 7, il requisito dei 28 anni di

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 21 Anno 2016 Presidente: VENUTI PIETRO Relatore: CAVALLARO LUIGI Data pubblicazione: 04/01/2016 SENTENZA sul ricorso 10020-2014 proposto da: FRATELLI CASALEGNO S.R.L. P.I. 06762430012,

Dettagli

TRIBUNALE DI MASSA IN COMPOSIZIONE MONOCRATICA IN FUNZIONE DI GIUDICE DEL LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

TRIBUNALE DI MASSA IN COMPOSIZIONE MONOCRATICA IN FUNZIONE DI GIUDICE DEL LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA TRIBUNALE DI MASSA IN COMPOSIZIONE MONOCRATICA IN FUNZIONE DI GIUDICE DEL LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice dott.ssa Erminia Agostini all esito di discussione orale svoltasi

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 12332 Anno 2015 Presidente: ROSELLI FEDERICO Relatore: MANNA ANTONIO Data pubblicazione: 15/06/2015 SENTENZA sul ricorso 21120-2013 proposto da: - I.N.P.S. - ISTITUTO NAZIONALE

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto

Anna Teresa Paciotti. Presidente Canevari Relatore Coletti De Cesare. Ritenuto in fatto Redditi percepiti per lo svolgimento di attività connesse all esercizio della libera professione.sono soggetti alla imposizione contributiva delle Casse di previdenza Corte di Cassazione Sentenza n. 14684/2012

Dettagli

Invalidità civile Azione di mero accertamento Inammissibilità Accertamento gravità della minorazione Ammissibilità.

Invalidità civile Azione di mero accertamento Inammissibilità Accertamento gravità della minorazione Ammissibilità. Invalidità civile Azione di mero accertamento Inammissibilità Accertamento gravità della minorazione Ammissibilità. Tribunale di Roma 27.09.2010 n. 14015 Dott.ssa Marrocco Z.E. (Avv. Maciejak) - INPS In

Dettagli

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo (Leonardo Serra) Altalex.it Con l'ordinanza 18 dicembre 2012, n. 23383 la

Dettagli

RISOLUZIONE N. 88 /E

RISOLUZIONE N. 88 /E RISOLUZIONE N. 88 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 ottobre 2015 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Fatturazione e regime fiscale dei compensi da versare ai medici, dipendenti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 3708/2007 proposto da: FALLIMENTO DELLA ALFA S.N.C.

Dettagli

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno,

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno, L'indebita utilizzazione a fini di profitto della carta di credito da parte di chi non ne sia titolare integra il reato di cui alla Legge n. 143 del 1991, articolo 12, indipendentemente dal conseguimento

Dettagli

A seguito di appello dell'inps, la Corte d'appello di Brescia, in riforma della sentenza impugnata, rigettava la domanda.

A seguito di appello dell'inps, la Corte d'appello di Brescia, in riforma della sentenza impugnata, rigettava la domanda. Pensioni - Pensioni in regime internazionale - Convenzione fra l'italia e la Svizzera del 1962 sulla sicurezza sociale - Accordo aggiuntivo del 1969 - Trasferimento all'istituto assicuratore italiano dei

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 5 maggio 2014, n. 9582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dettagli

Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico

Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico GIURISPRUDENZA Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico Corte d Appello Milano, Sez. Lav., sentenza 6 maggio 2014, n. 1410* Il presupposto

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA

Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA Consiglio di Stato Sentenza del 11 settembre 2015, n. 4253 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO. sentenza Data 22/05/2013 Ente giudicante CASSAZIONE CIVILE, SEZIONE LAVORO Numero 12583 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO ha pronunciato la seguente:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

L'ASSICURAZIONE INPS PER GLI ARTIGIANI

L'ASSICURAZIONE INPS PER GLI ARTIGIANI L'ASSICURAZIONE INPS PER GLI ARTIGIANI L'assicurazione, nata nel 1956 contro la malattia, dal 1959 è obbligatoria anche per la pensione. Dalla stessa data è stata quindi istituita, presso l'inps, la gestione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 1 SENTENZA 26566/2013

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 1 SENTENZA 26566/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA CIVILE SOTTOSEZIONE 1 SENTENZA 26566/2013 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. DI PALMA Salvatore

Dettagli

eccepiva la improcedibilità del ricorso e, comunque, la sua infondatezza, poiché il ricorrente non era titolare di un'azienda da definirsi "montana"

eccepiva la improcedibilità del ricorso e, comunque, la sua infondatezza, poiché il ricorrente non era titolare di un'azienda da definirsi montana Contributi - Contributi unificati in agricoltura - In genere - Esenzione contributiva di cui all'art. 8 della legge 25 luglio 1952, n. 991 - Terreni situati ad una altitudine non inferiore ai 700 metri

Dettagli

Richiesta trasformazione TFS in TFR per fondo pensione

Richiesta trasformazione TFS in TFR per fondo pensione Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00186 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 335 7262435-335 7262863 Fax: +39 06 62276535 coisp@coisp.it www.coisp.it T.A.R. PER LA REGIONE LAZIO SEZIONE TERZA Sentenza

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA. sentenza. contro. Svolgimento del processo

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA. sentenza. contro. Svolgimento del processo 1 Cass.Civ., sezione quinta, sentenza n.12514 del 22.05.2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TRIBUTARIA ha pronunciato la seguente: sul ricorso n.

Dettagli

Notificazioni e comunicazioni a mezzo posta elettronica certificata

Notificazioni e comunicazioni a mezzo posta elettronica certificata Notificazioni e comunicazioni a mezzo posta elettronica certificata Cassazione civile, sezione lavoro, 2 luglio 2014, n. 15070. Presidente Lamorgese. Relatore Tria. Notificazioni e comunicazioni - Comunicazione

Dettagli

Avv. GIUSEPPE TAMPOIA Corso Matteotti n.14-20121 MILANO Tel. 02/79.99.71 02/76.00.54.79 Fax 02/76.02.09.82 e-mail: g.tampoia@gmail.

Avv. GIUSEPPE TAMPOIA Corso Matteotti n.14-20121 MILANO Tel. 02/79.99.71 02/76.00.54.79 Fax 02/76.02.09.82 e-mail: g.tampoia@gmail. Avv. GIUSEPPE TAMPOIA Corso Matteotti n.14-20121 MILANO Tel. 02/79.99.71 02/76.00.54.79 Fax 02/76.02.09.82 e-mail: g.tampoia@gmail.com TRIBUNALE DI MILANO Magistratura del Lavoro - Ricorso ex artt. 414-442

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

Esposizione del quesito

Esposizione del quesito RISOLUZIONE N. 30/E Roma, 31 gennaio 2002 Oggetto: Istanza di interpello n../2001, ai sensi dell articolo 11, della legge n. 212 del 2000, presentato dalla Banca XY società cooperativa per azioni a responsabilità

Dettagli

I contributi IVS 2013 di artigiani e commercianti

I contributi IVS 2013 di artigiani e commercianti Numero 35/2013 Pagina 1 di 9 I contributi IVS 2013 di artigiani e commercianti Numero : 35/2013 Gruppo : PREVIDENZA Oggetto : CONTRIBUTI 2013 ARTIGIANI E COMMERCIANTI Norme e prassi : CIRCOLARE INPS N.

Dettagli

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi?

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? a cura di Carolina Teruggi Il factoring è un contratto atipico, che in quanto tale non esaurisce i suoi effetti in una semplice

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione Centrale Entrate. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 24/11/2010 Circolare n. 148 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI. Maggio 2016. Approfondimento su: Somministrazione di alimenti e bevande. Dom.15 (termine differito a lunedì 16)

SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI. Maggio 2016. Approfondimento su: Somministrazione di alimenti e bevande. Dom.15 (termine differito a lunedì 16) SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI Maggio 2016 Approfondimento su: Somministrazione di alimenti e bevande Dom.15 (termine differito a lunedì 16) Iva Registrazione Termine ultimo per l annotazione delle

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.1 Le imposte dirette

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.1 Le imposte dirette 92 4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.1 Le imposte dirette La disciplina fiscale delle Società di mutuo Soccorso deve essere esaminata alla luce della approvazione del D. Lgs. 4

Dettagli

INDICE. 1 Premessa... 2 2 Definizione di spese di rappresentanza... 2. 3 Criteri di deducibilità per le imprese... 3

INDICE. 1 Premessa... 2 2 Definizione di spese di rappresentanza... 2. 3 Criteri di deducibilità per le imprese... 3 MARCO DI STEFANO DOTTORE COMMERCIALISTA - REVISORE CONTABILE Email: mdistefano.studio@gmail.com In collaborazione con L A.GI.FOR. Spese di rappresentanza Nota n. 1 del 01 aprile 2009 Nozione e nuovi criteri

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

DIRITTO. 1. Con l'unico motivo di impugnazione l'istituto previdenziale deduce la violazione e falsa

DIRITTO. 1. Con l'unico motivo di impugnazione l'istituto previdenziale deduce la violazione e falsa Pensioni - Fondo integrativo ex INAM - Retribuzione pensionabile - Indennità di posizione - Qualifica di dirigente generale - Acquisizione in virtù di benefici per ex combattenti - Spettanza - Esclusione.

Dettagli

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.)

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.) La banca, al fine di ottenere la condanna al pagamento di un saldo di rapporto di conto corrente, è onerata della produzione non solo di tutti gli estratti conto dall'inizio del rapporto ma anche della

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SENTENZA SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza

Dettagli

REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO ***

REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO *** Sent 353/2014 REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Visto il ricorso iscritto al numero 73136/PM del registro di Segreteria; Udìti

Dettagli

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione

Con una pronuncia resa dalla sezione lavoro il 25 ottobre 2011, la Corte di Cassazione LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA, CODICE DISCIPLINARE AZIENDALE E GRADUAZIONE DELLA SANZIONE, nota a Cass. sez. lavoro n. 22129 del 25 ottobre 2011 di MATTEO BARIZZA Con una pronuncia resa dalla sezione

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA DEL 22 GIUGNO 2011, N. 13642

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA DEL 22 GIUGNO 2011, N. 13642 CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA DEL 22 GIUGNO 2011, N. 13642 Svolgimento del Processo La controversia concerne l impugnazione da parte del contribuente del silenzio rifiuto opposto dall amministrazione ad

Dettagli

Contributi - Indennità di trasferta - Rimborso a piè di lista" - Distinzione Criteri. Corte di Appello di Ancona, Sez. Lavoro - 23.02/15.05.2007, n.

Contributi - Indennità di trasferta - Rimborso a piè di lista - Distinzione Criteri. Corte di Appello di Ancona, Sez. Lavoro - 23.02/15.05.2007, n. Contributi - Indennità di trasferta - Rimborso a piè di lista" - Distinzione Criteri. Corte di Appello di Ancona, Sez. Lavoro - 23.02/15.05.2007, n. 122 - Pres. Taglienti - Rel. Miconi - P. Informatica

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

Il giudice adito accolse le domande dei ricorrenti che avevano maturato il requisito prima dell'8 agosto 1995.

Il giudice adito accolse le domande dei ricorrenti che avevano maturato il requisito prima dell'8 agosto 1995. Pensioni - Pensione di anzianità - Decorrenza della pensione di anzianità in base alla regola delle "finestre" - Momento di perfezionamento del diritto a pensione - Coincidenza con la maturazione della

Dettagli

OGGETTO: Gestione lavoratori autonomi. Decreto-legge 24 settembre 1996, n. 499.

OGGETTO: Gestione lavoratori autonomi. Decreto-legge 24 settembre 1996, n. 499. Gestione lavoratori autonomi. Decreto-legge 24 settembre 1996, n. 499. DIREZIONE CENTRALE CONTRIBUTI Roma, 17 ottobre 1996 Circolare n. 201 AI DIRIGENTI CENTRALI E PERIFERICI AI COORDINATORI GENERALI,

Dettagli

CORTE DI APPELLO Sezioni Civili

CORTE DI APPELLO Sezioni Civili CORTE DI APPELLO Sezioni Civili Contributi - Cooperativa sociale - Decreto ministeriale determinazione salario medio convenzionale - Individuazione ambito territoriale di efficacia. Corte di Appello di

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

quale non sussistevano le eccepite limitazioni all'impugnazione della sentenza impugnata, in quanto

quale non sussistevano le eccepite limitazioni all'impugnazione della sentenza impugnata, in quanto Condominio: il condizionatore troppo rumoroso deve essere rimosso Cassazione civile, sez. II, sentenza 10.11.2009 n. 23807 (Giuseppe Mommo) Il condizionatore che è causa di immissioni intollerabili (superiori

Dettagli

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option.

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option. Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 11/12/2009 Circolare n. 123 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Fatto. Dopo 90 giorni dalla richiesta, proponeva ricorso avverso il silenzio rifiuto, chiedendo il rimborso di quanto trattenutogli.

Fatto. Dopo 90 giorni dalla richiesta, proponeva ricorso avverso il silenzio rifiuto, chiedendo il rimborso di quanto trattenutogli. Commissione Tributaria Regionale di Bari Sezione staccata di Lecce e Brindisi sez.24 n.162/24/03 del 26 giugno 2003 dep. 11 luglio 2003 (relatore dr. Michele Gurrado Presidente dr. Francesco Giardino).

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo In caso di pagamento di tributi consortili, il contribuente riceve -da parte dell Ente Creditore (nella fattispecie dal Consorzio di bonifica)- delle comunicazioni consistenti

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli