CONTRATTO INTERMITTENTE E LAVORO EXTRA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRATTO INTERMITTENTE E LAVORO EXTRA"

Transcript

1 Ordine Consulenti del Lavoro Consiglio Provinciale di Perugia ENTE DI DIRITTO PUBBLICO A.N.C.L. UNIONE PROVINCIALE DI PERUGIA A.N.C.L. REGIONE UMBRIA CONTRATTO INTERMITTENTE E LAVORO EXTRA Dr. Roberto VINCIARELLI Perugia, 22 Ottobre 2010 DALLE ORE 15,00 ALLE ORE 19,00 GOLF HOTEL QUATTROTORRI CENTRO CONGRESSI QUATTROTORRI VIA CORCIANESE, PERUGIA Convegno gratuito valido ai fini della Formazione Continua Obbligatoria del Consulente del Lavoro Programma Ore 15,00 Ore 15,15 Ore 17,00-17,15 Ore 19,00 Saluti di benvenuto Stefano Ansideri Presidente CPO di Perugia Claudio Bellaveglia Direttore D.R.L. Umbria Gaetano Armino Direttore D.P.L. Perugia Francesco Guida Coordinatore Comitato ILA Sede di Perugia Inizio lavori Roberto Vinciarelli CdL e Pubblicista per la rivista Ipsoa Guida alle Paghe Pausa Fine lavori

2 Ordine Consulenti del Lavoro Consiglio Provinciale di Perugia ENTE DI DIRITTO PUBBLICO A.N.C.L. UNIONE PROVINCIALE DI PERUGIA A.N.C.L. REGIONE UMBRIA CONTRATTO INTERMITTENTE - Evoluzione dell istituto del contratto intermittente (Artt D. Lgs. 276/2003, L. 247/2007 art 1 c 45, D.L.112 DEL art 39 c.10 lett. m)); - La disciplina civilistica del contratto intermittente (Art 33 c.1 D. Lgs. 276/2003); - Le 4 tipologie di contratto intermittente: 1) Contratto intermittente a termine con obbligo di rispondere alla chiamata; 2) Contratto intermittente a termine senza obbligo di rispondere alla chiamata; 3) Contratto intermittente a tempo indeterminato con obbligo di rispondere alla chiamata; 4) Contratto intermittente a tempo indeterminato senza obbligo di rispondere alla chiamata; - Le causali che legittimano il ricorso al contratto intermittente( soggettive/ oggettive/ temporali); - Divieti di ricorso al lavoro intermittente(art. 34 c.3 D. Lgs. 276/03); - Forma ed elementi prescritti nel contratto intermittente ai fini della prova (art. 35 c.1 D. Lgs. 276 del 2003); - Computo del lavoro intermittente ai fini dell applicazione di norme di legge; - L'indennità di disponibilità- misura / imponibilità contributiva/ imponibilità fiscale; - Il trattamento economico, normativo, previdenziale e assicurativo dei periodi lavorati e dei periodi non lavorati nel contratto intermittente; - L UNI-EMENS nel contratto intermittente; - Le prestazioni a carico dell Inps nel contratto intermittente (circolare 41 del 2006 INPS): ANF; MALATTIA; MATERNITÀ; INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ORDINARIA/ CON REQUISITI RIDOTTI. - Il LUL nel contratto intermittente; Esempi operativi; PERSONALE EXTRA E DI SURROGA - Gli speciali servizi di durata non superiore a tre giorni nel settore del turismo e dei pubblici esercizi (art. 10, c. 3 del D. Lgs. 368/2001 ) e le peculiarità rispetto al contratto a termine; - La disciplina del collocamento alla luce dell interpello del m. lavoro , n. 18;

3 Il contratto intermittente Artt D. Lgs. 276/2003; LEGGE 247/2007 art.1 c. 45; D.L. 112 DEL art 39 c.10 lett. m).

4 Evoluzione dell istituto Fino al 1 gennaio del si possono stipulare contratti intermittenti; Dal 1 gennaio del 2008 al 24 giugno del 2008-abrogato il contratto intermittente ad opera della L.247/07 art.1 c.45 che abroga gli art. da 33 a 40 del D. Lgs. 276/03. L art. 1 C della L. 247/07 sancisce che la contrattazione collettiva prevede nel settore del turismo e dello spettacolo,le ipotesi di lavoro a chiamata, in relazione alle prestazioni discontinue da rendersi durante il fine settimana, le festività, periodi di vacanza scolastica + altri periodi previsti dalla contrattazione collettiva; Dal 25 giugno del ripristinata la disciplina del contratto intermittente dal D.L.112/2008 articolo 39 c.10 lett. m).

5 Contratto intermittente Nel contratto di lavoro intermittente un lavoratore si pone a disposizione di un datore di lavoro, che ne può utilizzare la prestazione lavorativa chiamando, appunto, il lavoratore ad effettuare le lavorazioni nei limiti indicati dalla legge( ART 33 c.1 D. Lgs. 276/2003). Finalità : Il datore di lavoro utilizza il lavoratore solo quando è necessario(in relazione alle sue esigenze IMPROVVISE/ a incrementi di domanda non programmabili ), in riferimento a mansioni discontinue e intermittente di natura subordinata. Contrasto al lavoro nero e grigio( collaborazioni fittizie).

6 Contratto intermittente genuino È stipulabile solo se sussistono le causali soggettive o oggettive o temporali(art 34 c.1,c.2 D.lgs 276/03); Al di fuori dei divieti( art 34 c.3 D. Lgs 276/03) ; Il datore chiama il lavoratore in relazione ad una esigenza imprevedibile/ad un incremento di domanda non programmabile, per mansioni discontinue e intermittenti ; Il lavoratore deve /può rispondere alla chiamata; Nel contratto intermittente: 1)e eventuale l esecuzione della prestazione; 2) Non è predeterminata la durata della prestazione e la collocazione della stessa.

7 IL CONTRATTO INTERMITTENTE Può essere stipulato a tempo indeterminato o a tempo determinato, ai sensi dell art. 33, comma 2, del D.Lgs n. 276/2003; In caso di contratto di lavoro intermittente a tempo determinato, le ragioni che legittimano la stipula del contratto sono indicate dal D.Lgs. n. 276/2003 e/o dalla contrattazione collettiva, e non trova applicazione la disciplina di cui al D.Lgs. n. 368/2001(Circ. 5 del 2005 M.lavoro); In quanto speciale tipologia di rapporto di lavoro non trova ad esso applicazione, neanche per analogia, la disciplina del contratto di lavoro a tempo parziale(in cui è certa e predeterminata la prestazione, la durata, la collocazione della stessa);

8 Interpello n. 72/09: Dopo un contratto intermittente a termine di durata inferiore ai 6 mesi, si può stipulare un contratto intermittente a tempo determinato prima che siano spirati i 10 giorni dalla precedente cessazione. Dopo un contratto intermittente a termine di durata superiore ai 6 mesi, si può stipulare un contratto intermittente a tempo determinato prima che siano spirati i 20 giorni dalla precedente cessazione. Non si deve rispettare al cospetto di tale casistica la disciplina della riassunzione di cui all art. 5, comma 3, del D. Lgs. n. 368/2001.

9 Interpello n. 72/09: Dopo un contratto intermittente a termine di durata inferiore ai 6 mesi, si può stipulare un contratto a tempo determinato DLGS 368/2001, prima che siano spirati i 10 giorni dalla precedente cessazione. Dopo un contratto intermittente a termine di durata superiore ai 6 mesi, si può stipulare un contratto a tempo determinato DLGS 368/2001, prima che siano spirati i 20 giorni dalla precedente cessazione. Non si deve rispettare al cospetto di tale casistica la disciplina della riassunzione di cui all art. 5, comma 3, del D. Lgs. n. 368/2001.

10 Contratto intermittente L oggetto del contratto è la disponibilità del lavoratore(a tempo determinato o indeterminato); L elemento eventuale del contratto è la esecuzione dell attività lavorativa; Nel contratto intermittente si ha incertezza in merito: 1) alla esecuzione della prestazione (an); 2)alla durata della prestazione(quantum); 3)alla collocazione temporale della prestazione. E la esigenza oggettiva futura e incerta, che induce il datore a chiamare il lavoratore,questo ultimo risponde facoltativamente(nel contratto intermittente senza obbligo) o obbligatoriamente nelle fasce di disponibilità(nel contratto intermittente con obbligo).

11 Contratto intermittente Il datore stipula il contratto intermittente nella previsione di una esigenza oggettiva, tuttavia al momento della stipula non sa: Se la stessa si verificherà: Quando si verificherà; La durata della stessa;

12 Contratto intermittente Esistono due tipologie di contratto di lavoro intermittente: 1) lavoro intermittente con obbligo di rispondere alla chiamata. In cambio del vincolo di disponibilità per un determinato periodo e nel caso in cui il lavoratore non venga chiamato ad esplicare attività lavorativa, lo stesso riceve una indennità di disponibilità ; E un contratto a causa complessa a efficacia condizionata.

13 Contratto intermittente 1) Scambio disponibilità/ indennità di disponibilità(nelle fasce orarie di disponibilità); 2) Scambio attività lavorativa/retribuzione(quando ha luogo la esecuzione della attività lavorativa); Il passaggio dall uno all altro contratto, si ha laddove il datore di lavoro al cospetto di una esigenza oggettiva, chiama il lavoratore nelle fasce orarie di disponibilità. Il lavoratore ha un obbligo contrattuale di rispondere alla chiamata.

14 Esempio Il lavoratore intermittente di età inferiore ai 25 anni si obbliga a rispondere alla chiamata dalle 8 alle 12 di sabato 10 luglio del Nel caso in cui lo stesso non venga chiamato ad esplicare attività lavorativa matura la indennità di disponibilità. (INDENNITA H DI DISPONIBILITA ) x 4 h;

15 Contratto intermittente 2) Lavoro intermittente senza obbligo di rispondere alla chiamata. In questa fattispecie il prestatore non si impegna contrattualmente ad accettare la chiamata del datore di lavoro, e dunque non matura il diritto all'indennità correlata all'impegno di disponibilità, bensì solo la retribuzione per il lavoro eventualmente prestato (INPS circ. n. 17/2006 ).

16 Contratto intermittente Contratto normativo(contratto che regolamenta i contenuti/condizioni dei futuri contratti individuali); Laddove si verifica la esigenza oggettiva imprevedibile e il datore chiama il lavoratore per prestazioni discontinue e intermittenti(di natura subordinata),il lavoratore può rispondere alla chiamata. Il vero contratto richiede una proposta datoriale e una accettazione del lavoratore(scambio di consensi)

17 Lavoro intermittente 4 tipi: Lavoro intermittente a termine con obbligo di risposta alla chiamata; Lavoro intermittente a termine senza obbligo di risposta alla chiamata; Lavoro intermittente a tempo indeterminato con obbligo di risposta alla chiamata; Lavoro intermittente a tempo indeterminato senza obbligo di risposta alla chiamata;

18 AMBITO DI APPLICAZIONE Il contratto di lavoro intermittente può essere stipulato da qualsiasi datore di lavoro; Sono escluse unicamente le imprese che non abbiano effettuato la valutazione dei rischi;

19 CASI DI UTILIZZO DEL LAVORO INTERMITTENTE-ART 34 C.1,C.2 D. LGS. 276/2003. Utilizzo secondo le esigenze individuate dai Contratti collettivi (Ipotesi oggettiva)in riferimento a prestazioni discontinue o intermittenti(ipotesi oggettiva); Utilizzo in periodi predeterminati nell arco della settimana, del mese o dell anno( ipotesi temporale); Prestazioni rese da soggetti con meno di 25 anni di età, prestazioni rese da soggetti con più di 45 anni di età, anche pensionati (ipotesisoggettiva)indipendentemente dal tipo di attività svolta;

20 Esigenze individuate dai Contratti collettivi(hp oggettiva) Il contratto di lavoro intermittente può essere concluso per lo svolgimento di prestazioni di carattere discontinuo o intermittente secondo le esigenze individuate dai contratti collettivi(nazionali/territoriali/aziendali) stipulati da associazioni dei datori e prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale o territoriale(art 34 c.1 D.Lgs 276/2003); Ai sensi dell art. 40 del D. Lgs. 276/2003, in assenza di una regolamentazione da parte della contrattazione collettiva, il Ministero del Lavoro ha individuato in via provvisoria e con apposito decreto i casi in cui è ammissibile il ricorso al lavoro intermittente con riferimento alle tipologie di attività indicate nella tabella allegata al R.D , n ( D.M. Lavoro ).

21 Esigenze individuate dai CCNL Le attività discontinue di cui al RD 2657 del 1923 è da intendersi come parametro di riferimento oggettivo per sopperire alla mancata individuazione da parte della contrattazione collettiva delle esigenze di carattere discontinuo ed intermittente specifiche di ogni settore( circolare 4 del 2005 del M. L.); Non operano, quindi, le limitazioni specifiche e i requisiti dimensionali posti dal citato Rd quali l'autorizzazione dell'ispettorato del lavoro, il numero di abitanti ecc. figure più comuni del RD 2657 del commesso/cameriere/barbiere/magazziniere/ interprete/pompista.

22 CCNL-ALIMENTARI PMI Il contratto di lavoro intermittente può essere concluso per lo svolgimento di prestazioni di carattere discontinuo o intermittente, per esigenze tecniche, produttive, organizzative o sostitutive, per le quali non sia possibile stipulare contratti a tempo parziale, per l'impossibilità o comunque la difficoltà di predeterminare i periodi di prestazione lavorativa.

23 Chiarimenti del ministero Il Ministero del Lavoro ha chiarito che il contratto di lavoro intermittente, non è stipulabile in relazione alla causale oggettiva, in difetto di regolamentazione del contratto collettivo, ai lavoratori da occupare nell ambito delle strutture residenziali - assistenziali per anziani (int. Min. Lav /2006) (attività non compresa nella Tabella del RD 2657/23-punti 13 e 21). è applicabile, alle attività di pulizia di stabilimenti industriali punto 20 Tab. RD 2657/23 (Int. Min. Lav. 3252/2006); è ammissibile con altre e differenti tipologie contrattuali a patto che siano tra di loro compatibili e che non risultino di ostacolo con gli impegni negoziali assunti dalle parti (Circolare. M. Lav.4/2005);

24 Periodi predeterminati( ART 34 C1, ART 37C1 E C2). Il contratto di lavoro intermittente può essere concluso: per periodi predeterminati nell'arco della settimana, del mese o dell'anno ( ART 34 C1 D. LGS 276 del 2003); Ovvero: -Per prestazioni da rendersi il fine settimana, nonché nei periodi delle ferie estive o delle vacanze natalizie e pasquali(art 37 C1 D. LGS 276 del 2003); -Ulteriori periodi predeterminati possono esser previsti dai contratti collettivi stipulati da associazioni dei datori e prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale o territoriale (ART 37 C2 D. LGS 276 del 2003);.

25 Periodi predeterminati(circ. 4/ 2005 ML) o Week-end: periodo che va dal venerdì pomeriggio, dopo le ore 13:00, fino alle ore 6:00 del lunedì mattina; o Vacanze natalizie: periodo che va dal 1.12 al 10.01; o Vacanze pasquali: periodo che va dalla domenica delle Palme al martedì successivo il Lunedì dell Angelo; o Ferie estive: giorni compresi dal 1.06 al

26 Periodi predeterminati Ulteriori periodi predeterminati potranno essere individuati dalla contrattazione collettiva secondo esigenze specifiche proprie per ciascun settore. I periodi così individuati potranno essere a loro volta modificati da eventuali interventi dell autonomia collettiva per adeguarli alle effettive necessità di ogni comparto produttivo( possibilità di ampliare o restringere tali periodi- vedi circolare M. L. n. 4 del 2005 ). Il contratto collettivo non può precludere, l utilizzo del contratto intermittente in relazione alla causale dei periodi predeterminati(ha un potere integrativo, ampliativo, ma non preclusivo)

27 chiarificazione Se il CCNL non regolamenta la figura del lavoro intermittente e se la prestazione non rientra tra quelle previste dal RD 2657/1923,si può in ogni caso stipulare il contratto intermittente in relazione alle causale soggettiva o temporale(che sono causali previste dal legislatore);

28 Ipotesi soggettiva Prestazioni rese da soggetti con meno di 25 anni di età(24 anni e 364 giorni), prestazioni rese da soggetti con più di 45 anni di età, anche pensionati( ipotesi soggettiva),(art. 34, c. 2, D.Lgs. n. 276/2003); Il contratto collettivo non può precludere, l utilizzo del contratto intermittente in relazione alla causale soggettiva

29 FORMA DEL CONTRATTO Il contratto di lavoro intermittente deve essere stipulato in forma scritta ai fini della prova dei seguenti elementi ( art. 35 c.1 D. Lgs. 276 del 2003): a) indicazione della durata( a termine o a tempo indeterminato) e delle ipotesi, oggettive o soggettive o temporali, che consentono la stipulazione del contratto; b) Luogo di effettuazione della prestazione e modalità della disponibilità(esempio: obbligo o meno a rispondere alla chiamata/fasce orarie in cui si articola la disponibilità), eventualmente garantita dal lavoratore, e del relativo preavviso di chiamata del lavoratore, che in ogni caso non può essere inferiore a 1 giorno lavorativo; c) trattamento economico e normativo spettante al lavoratore per la prestazione e laddove il lavoratore si obblighi a rispondere alla chiamata la relativa indennità di disponibilità.

30 FORMA DEL CONTRATTO d)indicazione delle forme e modalità, con cui il datore di lavoro è legittimato a richiedere l esecuzione della prestazione di lavoro(esempio:in forma scritta/ via e- mail ),nonché delle modalità di rilevazione della prestazione adottate in azienda( esempio : la prestazione rilevata con il badge); e) tempi e modalità di pagamento della retribuzione(per la prestazione resa) e della indennità di disponibilità; f) eventuali misure di sicurezza specifiche necessarie in relazione al tipo di attività dedotta in contratto. Nell indicare tali elementi, le parti devono recepire le indicazioni contenute nei contratti collettivi ove previste( art. 35 c. 2 D. Lgs. 276 del 2003).

31 AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE Poiché il D. Lgs. 276/2003, relativamente al contratto di lavoro intermittente, non ha operato alcun riferimento all applicabilità di specifiche agevolazioni contributive, ne consegue che per detta tipologia contrattuale non è possibile accedere ad alcuna misura agevolata all atto dell assunzione del lavoratore(circ 17 del 2006 INPS). IL DATORE che assume un lavoratore disoccupato da almeno 24 mesi, con contratto intermittente a tempo indeterminato, non ha diritto alla agevolazione contributiva di cui all art. 8 c.9 L.407 del 1990 (interp M.L. del 2005);

32 COMPUTO Il prestatore di lavoro intermittente è computato nell organico dell impresa, ai fini della applicazione di normative di legge(vedi normativa sui licenziamenti/ diritti sindacali / collocamento obbligatorio), in proporzione all orario di lavoro effettivamente svolto nell arco di ciascun semestre (art. 39 c.1 D.Lgs. 276 del 2003).

33 ESEMPIO PERIODO: 1GENNAIO DEL 2009 / 30 GIUGNO DEL ORE DI LAVORO EFFETTIVE ( CHIAMATE): 80 H. ORE TEORICAMENTE LAVORABILI DAL TEMPO PIENO NEL SEMESTRE: 1032 H. 80/ 1032= 0,07 UNITA (SENZA ARROTONDAMENTI).

34 DIVIETI DI RICORSO AL LAVORO INTERMITTENTE(art. 34 c.3 D. Lgs. 276/03) Per la sostituzione di lavoratori che esercitano il diritto di sciopero. Presso unità produttive nelle quali si sia proceduto, nei 6 mesi precedenti, a licenziamenti collettivi, che abbiano riguardato lavoratori adibiti alle stesse mansioni cui si riferisce il contratto di lavoro intermittente, salvo diversa disposizione degli accordi sindacali. Presso unità produttive nelle quali sia operante una sospensione di rapporti di lavoro o una riduzione dell orario, con diritto al trattamento di cassa integrazione salariale, che interessino lavoratori adibiti alle mansioni cui si riferisce il contratto intermittente.

35 DIVIETI DI RICORSO AL LAVORO INTERMITTENTE da parte delle imprese che non abbiano effettuato la valutazione dei rischi ai sensi dell'articolo 4 del D.Lgs. n. 626/1994;

36 Sanzioni. Nel caso in cui il contratto intermittente venga stipulato al di fuori delle tre ipotesi alternative previste(soggettiva/ oggettiva/temporale) o contravvenendo ad uno dei divieti legali, la legge non prevede che il contratto di lavoro intermittente si converta in un altra tipologia di contratto di lavoro subordinato. 2 tesi: Nullità totale (nullità totale) se si accerta la volontà di non conservare il contratto in assenza di clausola di intermittenza Trasformazione nel tipo negoziale di fatto realizzato tra le parti;

37 Contratto intermittente con obbligo di rispondere alla chiamata Il lavoratore può garantire la disponibilità al datore di lavoro in attesa di utilizzazione. Per i periodi per i quali garantisce la disponibilità( in cui si obbliga a rispondere alla chiamata), è prevista per il lavoratore la corresponsione di un indennità mensile di disponibilità. L'obbligo di rispondere alla chiamata deve essere espressamente pattuito nel contratto di lavoro intermittente

38 Contratto int. con obbligo di rispondere alla chiamata:indennità di disponibilità-(art 37 C.1 D.LGS 276 DEL 2003) Il lavoratore che svolga le prestazioni solo in periodi predeterminati nell arco della settimana, del mese o dell anno, nell ipotesi in cui si obblighi a rispondere alla chiamata del datore di lavoro, ha diritto a percepire l indennità di disponibilità solo in caso di effettiva chiamata. Salvo diversa previsione dei contratti collettivi, in tali casi il datore di lavoro è tenuto a corrispondere l'indennità di disponibilità per tutto il periodo di inattività precedente e posteriore alla chiamata stessa, indennità calcolata secondo le modalità previste dal D.M. 10 marzo 2004 (ML circ. n. 4/2005) Nell eventualità in cui il datore di lavoro non effettui alcuna chiamata per tutta la durata del contratto non è tenuto a corrispondere lavoratore alcuna indennità.

39 Esempio Contratto a termine intermittente, con obbligo di rispondere alla chiamata, dal 1 agosto al 31 agosto del Causale di stipula: (Week-end). Definizione di Week-end( Circ 4/05ML) - periodo che va dal venerdì pomeriggio, dopo le ore 13:00, fino alle ore 6:00 del lunedì mattina. Il lavoratore si obbliga a rispondere alla chiamata in tali giorni: 1 sabato- dalle ore 8 alle ore sabato-dalle ore 8 alle ore sabato- dalle ore 8 alle ore sabato-dalle ore 8 alle ore sabato-dalle ore 8 alle ore 12. o Il lavoratore non viene mai chiamato, di conseguenza non va lui corrisposta la indennità di disponibilità.

40 Misura della Indennità di disponibilità La misura dell indennità mensile di disponibilità, divisibile in quote orarie, è stabilita dai contratti collettivi e comunque non può essere inferiore a quanto previsto con decreto del Ministero del Lavoro, sentite le associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale(articolo 36 c1 D.lgs 276 del 2003).

41 Misura Il D.M ha determinato la misura minima dell indennità mensile di disponibilità nel 20% della retribuzione prevista dal Ccnl applicato al rapporto di lavoro. Gli elementi della retribuzione mensile da prendere come base di riferimento per la determinazione dell indennità di disponibilità sono: minimo tabellare; indennità di contingenza; E.D.R.; ratei di mensilità aggiuntive. Per la determinazione delle quote orarie si assume come coefficiente divisore orario quello del contratto collettivo applicato(ad esempio nel terziario confcommercio-168).

42 CCNL ALIMENTARI PMI Nel caso in cui il lavoratore si obblighi a rispondere alla chiamata dell'azienda, nel contratto è stabilita la misura dell'indennità mensile di disponibilità, divisibile in quote orarie (utilizzando il divisore 173), che deve essere corrisposta per i periodi nei quali il lavoratore garantisce la disponibilità. L'indennità, il cui importo è determinato nel 25% della retribuzione (costituita da minimo tabellare, indennità di contingenza, E.d.r., ratei di tredicesima e quattordicesima mensilità), è esclusa dal computo di ogni istituto legale o contrattuale.

43 esempio CCNL alimentari PMI - operaio 4 livello a paga oraria, di età inferiore ai 25 anni che si obbliga a rispondere alla chiamata il sabato 22 agosto del 2009, dalle ore 8 alle 12 (4 ore). Lo stesso non viene chiamato. Misura indennità mensile di disponibilità: 1055,10 + ( PAGA BASE) 525,02 + ( CONTINGENZA) 10,33 ( EDR CONFEDERALE) = 1590,45 ( TOTALE) -- (1590,45 X2 / 12 = 265,07) ( RATEI MENSILI DI MENS. AGG.); Totale = 1590,45+265,07 = 1855, ,52 al 25% = 463,88 ( quota mensile I. D. ). 463,88/ 173= 2,68 ( quota oraria I. D. ). 2,68 x 4 h = 10,72 (misura indennità di disponibilità- imponibile previdenziale e fiscale)

44 Momento di corresponsione della indennità di disponibilità. Corresponsione L indennità di disponibilità non è anticipata alla stipulazione del contratto, ma è corrisposta a consuntivo alla fine del mese(circ. 4 / 05 M.L).

45 Imponibilità CONTRIBUTIVA Sull indennità di disponibilità i contributi previdenziali sono versati per il loro effettivo ammontare; In deroga alla vigente normativa in materia di minimale contributivo; le somme corrisposte a titolo di indennità di disponibilità sono soggette a contribuzione obbligatoria sia ai fini IVS che ai fini delle prestazioni di malattia e maternità;

46 Imponibilità fiscale L indennità di disponibilità, in quanto somma percepita in relazione al rapporto di lavoro, è considerata reddito di lavoro dipendente ai sensi dell art. 51, c. 1 del Tuir. Conseguentemente l'indennità, come anche la retribuzione corrisposta al lavoratore intermittente, costituisce reddito imponibile ai fini dell'assolvimento del disposto previsto dall'art. 23 del D.P.R. n. 600/1973 (obbligo del datore di lavoro di operare la ritenuta alla fonte come sostituto d'imposta).

47 Computo(art 36 c.3 D. Lgs 276 del 2003). L indennità di disponibilità è esclusa dal computo di ogni istituto di legge o di contratto collettivo. Nel periodo a cui si riferisce la indennità di disponibilità non maturano : 1)il trattamento di fine rapporto; 2) la tredicesima mensilità; 3)la quattordicesima mensilità; 4) le ferie/ Rol / ex festività; 5)eventuali scatti di anzianità;

48 IMPOSSIBILITÀ O RIFIUTO DI RISPONDERE ALLA CHIAMATA In caso di malattia o di altro evento che renda temporaneamente impossibile rispondere alla chiamata, il lavoratore è tenuto a informare tempestivamente il datore di lavoro, specificando la durata dell impedimento(art.36 c 4 D. Lgs. 276/2003). Durante il periodo di temporanea indisponibilità, non matura il diritto all indennità di disponibilità.

49 IMPOSSIBILITÀ O RIFIUTO DI RISPONDERE ALLA CHIAMATA Ove il lavoratore non provveda a tale adempimento, perde il diritto all indennità di disponibilità per un periodo di 15 giorni, salva diversa previsione del contratto individuale (art. 36 c.5 D. Lgs. 276/2003).

50 Rifiuto- (art. 36 c.6 D.Lgs. 276/03). Il rifiuto ingiustificato di rispondere alla chiamata del datore di lavoro da parte del prestatore che si è obbligato contrattualmente, ricevendo l indennità di disponibilità, può comportare la risoluzione del contratto,la restituzione della quota di indennità di disponibilità riferita al periodo successivo all ingiustificato rifiuto, nonché un risarcimento del danno nella misura fissata dai contratti collettivi o, in mancanza, dal contratto di lavoro.

51 Trattamento economico Ai fini del trattamento economico occorre distinguere i periodi in cui il lavoratore effettivamente svolge la prestazione lavorativa rispetto a quelli di inattività. Periodi lavorati (ART. 38 C.1 D. Lgs 276/2003); Si applica il principio di non discriminazione, in base al quale il lavoratore intermittente non deve ricevere un trattamento economico e normativo complessivamente meno favorevole rispetto al lavoratore di pari livello, a parità di mansioni svolte;

52 Riproporzionamento del trattamento economico Il trattamento.economico,normativo,previdenziale del lavoratore intermittente è riproporzionato in ragione della prestazione lavorativa effettivamente eseguita, in particolare per quanto riguarda (art 38 c.2 D. Lgs 276/2003): o Retribuzione globale e singole componenti di essa, o Ferie; o Maternità,congedi parentali; o Malattia, infortunio sul lavoro e malattia professionale;

53 Trattamento economico Maturazione in relazione al criterio del pro-rata temporis( in proporzione all orario svolto rispetto al tempo pieno) degli istituti delle : Ferie; Rol; Ex festività; Mensilità aggiuntive;

54 Esempio C.C.N.L. Terziario Confcommercio ; Divisore contrattuale orario: 168; Mensilità contrattuali: 14; Ferie: 173,33 ore/anno; Permessi ed Ex festività( 56 h + 32h) -88 ore/anno; Il lavoratore ha prestato attività lavorativa per 24 ore nel mese.

55 Esempio Ferie (maturate nel mese) [(173,33 : 12) ] = 14,44 ore [(14,67 : 168) x 24 ore] = 2,06 ore Permessi ed Ex festività (maturate nel mese) [(88 : 12) ] = 7,33 ore [(7,33 : 168) x 24 ore] = 1,05 ore. Tredicesima e Quattordicesima(maturate nel mese) ; [(168 x 2 ) / 12] = 28,00 ore [(28 : 168) x 24 ore] = 4,00 ore

56 Trattamento economico Periodi non lavorati(art 38 c.3 D.Lgs 276/03). Per tutto il periodo durante il quale il lavoratore resta disponibile a rispondere alla chiamata del datore di lavoro, ma non lavora, non è titolare di alcun diritto riconosciuto ai lavoratori subordinati, né matura alcun trattamento economico e normativo, salvo l eventuale indennità di disponibilità

57 Infortunio/ malattia professionale In caso di infortunio o malattia professionale trova applicazione la disciplina prevista per il lavoro subordinato, se questi eventi si verificano in ragione del rapporto di lavoro(circ. 4/2005 M.L.). Se, al contrario, gli stessi si verificano durante i periodi di disponibilità, la predetta normativa non trova applicazione(circ. 4/2005 M.L.).

58 Trattamento previdenziale Ai fini degli adempimenti previdenziali occorre distinguere i periodi in cui il lavoratore effettivamente svolge la prestazione lavorativa rispetto a quelli di inattività. Periodi lavorati. Trovano applicazione le ordinarie previsioni dettate per la generalità dei lavoratori dipendenti del settore di attività nel quale il lavoratore intermittente èimpiegato. Il datore di lavoro deve versare i contributi previdenziali sull importo della retribuzione corrisposta osservando il minimale contrattuale e giornaliero.

59 Minimale contributivo- nel periodo della prestazione Minimale giornaliero (43,79 PER IL 2010 ) x 26 g = minimale mensile ( 1138,54) ; minimale mensile (1138,54)/ coefficiente divisore del CCNL (168 se CCNL terziario Confcommercio)= minimale legale rapportato ad ora (6,78) ; Minimale legale rapportato ad ora x numero ore retribuite di prestazione = minimale legale; ESEMPIO. CCNL TERZIARIO CONFCOMMERCIO Lavoratore che ha prestato attività lavorativa per 24 ore nel mese di GIUGNO del Retribuzione ordinaria - (7,67654 x 24 ore) = 184,24 ; minimale legale rapportato ad ora per il ,78 X 24 h = 162,65 ; I CONTRIBUTI SI DEVONO- sull imponibile previdenziale di 184 in quanto maggiore di 162,65 ;

Lavoro intermittente

Lavoro intermittente Via Cristoforo Colombo, 456 00145 Roma Tel. 06 5964901 Fax 06 5405012 Email fondazionestudi@consulentidellavoro.it PEC fondazionestudi@consulentidellavoropec.it Iscritta al n. 77/2001 del Registro delle

Dettagli

Circolare N.161 del 1 dicembre 2011. Dal primo dicembre via libera ai contratti di lavoro intermittente

Circolare N.161 del 1 dicembre 2011. Dal primo dicembre via libera ai contratti di lavoro intermittente Circolare N.161 del 1 dicembre 2011 Dal primo dicembre via libera ai contratti di lavoro intermittente Dal primo dicembre via libera ai contratti di lavoro intermittente Gentile cliente con la presente

Dettagli

GUIDA AL CONTRATTO INTERMITTENTE : IL PUNTO ALLA LUCE DELLE RECENTI MODIFICHE DEL D.L. 76-2013 CONVERTITO NELLA LEGGE N. 99 DEL 09 AGOSTO 2013

GUIDA AL CONTRATTO INTERMITTENTE : IL PUNTO ALLA LUCE DELLE RECENTI MODIFICHE DEL D.L. 76-2013 CONVERTITO NELLA LEGGE N. 99 DEL 09 AGOSTO 2013 GUIDA AL CONTRATTO INTERMITTENTE : IL PUNTO ALLA LUCE DELLE RECENTI MODIFICHE DEL D.L. 76-2013 CONVERTITO NELLA LEGGE N. 99 DEL 09 AGOSTO 2013 Premessa generale NORMATIVA DI RIFERIMENTO ANTE RIFORMA FORNERO

Dettagli

Contratto di lavoro intermittente

Contratto di lavoro intermittente Contratto di lavoro intermittente Chistoni Paola Il contratto di lavoro intermittente è stato introdotto dal decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276 (e successive modificazioni). L articolo 33 lo

Dettagli

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il titolo XIII (artt. 55-56) del Ccnl degli studi professionali è dedicato alla disciplina del lavoro somministrato e del lavoro intermittente

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati. @PaoloStern

La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati. @PaoloStern La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati Paolo Stern Il D. Lgs. n. 81/2015 racchiude: Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni mirando

Dettagli

I CONTRATTI FLESSIBILI NEL TURISMO

I CONTRATTI FLESSIBILI NEL TURISMO Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro Direttore responsabile: Edi Sommariva Numero 10-2010 I CONTRATTI FLESSIBILI NEL TURISMO Area Lavoro a cura di : Area Lavoro Silvio Moretti con la collaborazione

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

Vademecum. Guida alla lettura della busta paga PRATICA LAVORO 2/2011 - INSERTO. Riferimenti normativi e nozione. Soggetti interessati.

Vademecum. Guida alla lettura della busta paga PRATICA LAVORO 2/2011 - INSERTO. Riferimenti normativi e nozione. Soggetti interessati. Guida alla lettura della busta paga Riferimenti normativi e nozione R.D.L. 10 settembre 1923, n. 1955 R.D.L. 28 agosto 1924, n. 1422 (*) L. 5 gennaio 1953, n. 4, art. 1 D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797, artt.

Dettagli

SLIDE DICEMBRE 2014 IL CEDOLINO PAGA. Luisella Fontanella Dottore Commercialista Esperta in Diritto del Lavoro

SLIDE DICEMBRE 2014 IL CEDOLINO PAGA. Luisella Fontanella Dottore Commercialista Esperta in Diritto del Lavoro 1 IL CEDOLINO PAGA Luisella Fontanella Dottore Commercialista Esperta in Diritto del Lavoro 2 IL CEDOLINO PAGA È un prospetto che indica tutti gli elementi che compongono la retribuzione e le singole trattenute

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Procedure del personale

Procedure del personale Liquidazione delle ferie non godute Giovanni Donzella Analista funzionale software paghe WKI In quanti mesi è fissato il limite temporale massimo per usufruire delle ferie annuali? In quali casi è possibile

Dettagli

Addetto alle Paghe e contributi

Addetto alle Paghe e contributi Addetto alle Paghe e contributi (livello base) Presentazione e obiettivi In un contesto economico sempre più dinamico e competitivo le aziende hanno sempre più bisogno di flessibilità e di una gestione

Dettagli

3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti

3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti 3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti La normativa sul contratto di lavoro a tempo determinato è contenuta nel Decreto Legislativo n. 368 del 2001, decreto attuativo della Direttiva Comunitaria

Dettagli

Centro Studi Castelli. VideoLavoro. 25 marzo 2010

Centro Studi Castelli. VideoLavoro. 25 marzo 2010 Centro Studi Castelli VideoLavoro 25 marzo 2010 1 NOVITÀ DEL PERIODO 20.02.2010-19.03.2010 A cura di Laurenzia Binda NOVITÀ DEL PERIODO INTEGRAZIONE CONTRIBUTIVA AI LAVORATORI EMERSI D.M. Economia 12.11.2009

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga. A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro CHE COS È E' un documento obbligatorio che indica la retribuzione,

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Il contratto di solidarietà è stato introdotto con la legge n. 863/84 (Vedasi anche D.M. n. 31445/2002).

Il contratto di solidarietà è stato introdotto con la legge n. 863/84 (Vedasi anche D.M. n. 31445/2002). GUIDA AL CONTRATTO DI SOLIDARIETA DIFENSIVO, che si applica alle imprese che hanno diritto alla CIGS (di seguito CDS.) a cura della FILCAMS-CGIL Nazionale aggiornata al 27 aprile 2009. Il contratto di

Dettagli

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro PROGRAMMA CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro 1. Collocamento ordinario 2. Collocamento obbligatorio 3. Adempimenti collegati

Dettagli

Il Trattamento di Fine Rapporto

Il Trattamento di Fine Rapporto Il Trattamento di Fine Rapporto Principi generali La Tassazione 1 Nozione di T.f.r. Riferimenti normativi Soggetti beneficiari Base imponibile Retribuzione Utile Periodi Utili Accantonamento Rivalutazione

Dettagli

CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE

CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE COS È? Il contratto individuale di lavoro è un accordo tra un datore di lavoro (impresa individuale, società, associazione, studio professionale, etc.) ed un

Dettagli

SCHEDA N. 1 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

SCHEDA N. 1 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO SCHEDA N. 1 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO D. Lgs. 368/2001 aggiornato alla L. 92/2012 (riforma Fornero), alla L. 99/2013 di conversione del D.L. 76/2013, alla L. 147/2013 (Legge di Stabilità 2014) e

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro * aggiornato al 19.05.2011 CHE COS È è un documento obbligatorio che

Dettagli

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella Corso: 2^ Operatore dei servizi all impresa Materia: Tecnica ed Economia Aziendale LA BUSTA PAGA ANNO FORMATIVO 2012/2013 La busta

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 3 febbraio 2015 Circolare n 6/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto a tempo indeterminato nel 2015. Gentili Clienti, la

Dettagli

(Corte Costituzionale, sentenza n. 176 del 14.05.2010 Ministero del Lavoro, interpello n. 25)

(Corte Costituzionale, sentenza n. 176 del 14.05.2010 Ministero del Lavoro, interpello n. 25) CIRCOLARE MENSILE Luglio 2010 APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE (Corte Costituzionale, sentenza n. 176 del 14.05.2010 Ministero del Lavoro, interpello n. 25) La Corte Costituzionale è recentemente intervenuta

Dettagli

L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA Aprile 2012 1 L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA viene riconosciuta agli operai che lavorano in agricoltura iscritti negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli

Dettagli

LA FINANZIARIA 2010 IN SINTESI

LA FINANZIARIA 2010 IN SINTESI LA FINANZIARIA 2010 IN SINTESI Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.302 del 30 dicembre 2009, entra in vigore, dal 1 gennaio, la Legge Finanziaria per il 2010 (Legge 23 dicembre 2009, n.191).

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Ivrea, 15 aprile 2014

Ivrea, 15 aprile 2014 Ivrea, 15 aprile 2014 Il Decreto Legge 34/2014 ha apportato alcune importanti modifiche alla legge 368/2001: Eliminazione della causalità. Introduzione del tetto massimo all utilizzo del contratto a termine.

Dettagli

Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82)

Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82) R.S.U. Siae Microelettronica Il trattamento di fine rapporto o indennità di liquidazione (Articolo 2120, Codice Civile; art. 1, legge 297/82) La materia in questione é regolata da leggi e dal contratto

Dettagli

Gli emolumenti del personale della scuola

Gli emolumenti del personale della scuola Gli emolumenti del personale della scuola Di salvatore buonandi La retribuzione complessiva dei dipendenti della scuola è costituita da indennità di varia natura, di cui alcune concorrono con lo stipendio

Dettagli

LE TREDICESIME DEL 2012

LE TREDICESIME DEL 2012 LE TREDICESIME DEL 2012 * * * Le famiglie confidano ormai nella tredicesima mensilità per pagare il mutuo, saldare spese straordinarie, o anche semplicemente per pagare l assicurazione dell auto e le bollette.

Dettagli

La tutela contro la disoccupazione

La tutela contro la disoccupazione La tutela contro la disoccupazione La nuova Assicurazione Sociale per l Impiego Enrico Barraco Premessa Art. 2, comma 1, riforma A decorrere dal 1 gennaio 2013 e in relazione ai nuovi eventi di disoccupazione

Dettagli

Tuccio Rag. Emanuele

Tuccio Rag. Emanuele Commercialista Consulente del Lavoro Revisore Contabile Via Verga, 16 GELA (CL) Tel. 0933-911496 e-mail: emtucci@gmail.com CORSO DI FORMAZIONE ENNA BASSA 31-05-2011 Con il patrocinio di FEMCA CISL SICILIA

Dettagli

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale MCN001 Secondo il CCNL Logistica, Spedizione e Trasporto Merci, l'impresa che intende chiedere il risarcimento dei danni al

Dettagli

CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE ED ASSICURATIVA

CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE ED ASSICURATIVA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE ED ASSICURATIVA Suggerimento n. 202/29 del 19 aprile 2013 AZ/GA INPS - MINIMALI DI RETRIBUZIONE E ALTRI ELEMENTI UTILI PER CALCOLO DEI CONTRIBUTI PER L ANNO 2013 - NUOVA CONTRIBUZIONE

Dettagli

Fatti i conti in... BUSTA PAGA

Fatti i conti in... BUSTA PAGA DIRITTO LAVORO Fatti i conti in... BUSTA PAGA I risultati dell indagine condotta da Jobadvisor qualche mese fa e pubblicati nell edizione di ottobre indicano che per la grande maggioranza dei neolaureati

Dettagli

ASPI assicurazione sociale per impiego

ASPI assicurazione sociale per impiego ASPI assicurazione sociale per impiego Riforma del mercato del lavoro Legge 92/2012 Enzo Mologni 01-10-2013 ASPI Assicurazione sociale per impiego dal 01-01-2013 In vigore dal 1/1/2013 è un indennità mensile

Dettagli

FORMAZIONE PER DIPENDENTI

FORMAZIONE PER DIPENDENTI APRILE - GIUGNO 2014 FORMAZIONE PER DIPENDENTI Soluzioni formative specifiche per collaboratori e dipendenti di studio finanziabili da FondoProfessioni 2 Formazione blended-learning 4 giornate intere +

Dettagli

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 Per gli anni 2014 2017 confermato il percorso di allineamento graduale dell aliquota contributiva ordinaria ASpI e Mini ASpI dovuta

Dettagli

ORDINAMENTO PROFESSIONALE E CODICE DEONTOLOGICO: LA TARIFFA PROFESSIONALE

ORDINAMENTO PROFESSIONALE E CODICE DEONTOLOGICO: LA TARIFFA PROFESSIONALE INCONTRO DEL MARTEDI 1 FEBBRAIO 2011 ORDINAMENTO PROFESSIONALE E CODICE DEONTOLOGICO: LA TARIFFA PROFESSIONALE Relatrici Luciana Manno Daria Bottaro TARIFFA PROFESSIONALE DECRETO MINISTERIALE 15 LUGLIO

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Le guide operative di Il lavoro subordinato a cura di Giancarlo Esposti Supplemento a 3-4/2008 Le guide operative di Il lavoro subordinato a cura di Giancarlo Esposti Supplemento a ex Lege 3-4/2008 Fonti

Dettagli

Trattenute contributive

Trattenute contributive 14 RETRIBUZIONE DAL LORDO AL NETTO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre SEZIONE 2 Trattenute contributive a. Determinazione della retribuzione imponibile art. 2115 c.c.; art. 47 RDL 1827/35; art. 12 L. 153/69

Dettagli

Somministrazione di lavoro: nuova disciplina

Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Il 25 giugno 2015 è entrato in vigore un decreto attuativo del c.d. Jobs Act (D.Lgs. 81/2015) che ha abrogato la

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2015 CIRCOLARE NU MERO 18 Le Circolari della Fondazione Studi n. 18 del 30/07/2015 IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI: NOVITA IN TEMA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E CONTRATTO DI LAVORO INTERMITTENTE

Dettagli

GESTIONE INFORTUNIO 1. CALCOLO DALLA DENUNCIA INFORTUNIO

GESTIONE INFORTUNIO 1. CALCOLO DALLA DENUNCIA INFORTUNIO M:\Manuali\VARIE\MANUALI_RICHIESTI\Manuale_Gestione Infortunio.doc GESTIONE INFORTUNIO Per eseguire in automatico il calcolo dell anticipo dell indennità di inabilità temporanea assoluta a carico dell

Dettagli

Il Corso. Tfr: retribuzione utile, rivalutazione e anticipazione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro. Lezione 4 - Trattamento di fine rapporto

Il Corso. Tfr: retribuzione utile, rivalutazione e anticipazione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro. Lezione 4 - Trattamento di fine rapporto Lezione 4 - Trattamento di fine rapporto Il Corso Tfr: retribuzione utile, rivalutazione e anticipazione Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro Disciplina Duplice natura Beneficiari La legge n. 297/1982

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLE MANSIONI, IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N. 183. IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

FORMAZIONE - week end CORSO BASE PAGHE E CONTRIBUTI

FORMAZIONE - week end CORSO BASE PAGHE E CONTRIBUTI FORMAZIONE - week end ROMA 2011 Calendario didattico: sabato 05/marzo - domenica 06/marzo sabato 12/marzo - domenica 13/marzo sabato 19/marzo - domenica 20/marzo sabato 26/marzo - domenica 27/marzo Docenti:

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

C.C.N.L. PER LE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE ESERCENTI L ATTIVITL ATTIVITÀ NEL SETTORE TURISMO

C.C.N.L. PER LE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE ESERCENTI L ATTIVITL ATTIVITÀ NEL SETTORE TURISMO C.C.N.L. PER LE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE ESERCENTI L ATTIVITL ATTIVITÀ NEL SETTORE TURISMO Orario lavoro: limite giornaliero 13 ore Regolarità nell applicazione dei limiti delle norme previste dal

Dettagli

LE NOVITA' DELLA RIFORMA BIAGI

LE NOVITA' DELLA RIFORMA BIAGI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO, APPALTO DI SERVIZI E DISTACCO LE NOVITA' DELLA RIFORMA BIAGI di Nicola Sernia Risorse umane >> Gestione e organizzazione del personale PREMESSA La riforma del mercato del lavoro

Dettagli

Turismo Industria. Turismo Industria. Decorrenza. Stipula

Turismo Industria. Turismo Industria. Decorrenza. Stipula Parti contraenti Turismo Industria Stipula Decorrenza Scadenza economica normativa Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, 9.7.200..200 30.4.203 30.4.203 - Fisascat-Cisl,Uiltucs-Uil Area/ Livello

Dettagli

TOMIOLO STUDIO ASSOCIATO di consulenza commerciale e del lavoro

TOMIOLO STUDIO ASSOCIATO di consulenza commerciale e del lavoro TOMIOLO STUDIO ASSOCIATO di consulenza commerciale e del lavoro Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarle il n. 04 di SPAZIO AZIENDE APRILE 2015 Rinnovato il CCNL Terziario Ipotesi

Dettagli

di Redazione Indicitalia Risorse Umane >> Gestione organizzazione del personale

di Redazione Indicitalia Risorse Umane >> Gestione organizzazione del personale CALCOLO DELL INFORTUNIO di Redazione Indicitalia Risorse Umane >> Gestione organizzazione del personale RIFERIMENTI NORMATIVI DPR 30 giugno 1965, n.1124 (c.d. Testo Unico / T.U.) L infortunio è l evento

Dettagli

Corso di Ricerca e Selezione del Personale IFOSTUD

Corso di Ricerca e Selezione del Personale IFOSTUD Corso di Ricerca e Selezione del Personale IFOSTUD POLITICHE RETRIBUTIVE Prof. Stefano Rotondo Ente Promotore: IFOSTUD Programma del corso: Politiche Retributive La struttura Retributiva Livelli e mansioni

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Paghe. Somministrazione con contratto di apprendistato Barbara Maiani - Consulente del lavoro

Paghe. Somministrazione con contratto di apprendistato Barbara Maiani - Consulente del lavoro Somministrazione con contratto di apprendistato Barbara Maiani - Consulente del lavoro Con un espressione alquanto sintetica, l art. 2, c. 3 del D.Lgs. n. 167/2011 (Testo Unico dell apprendistato) ammette

Dettagli

NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS

NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS NUOVA PRESTAZIONE DI ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) CIRCOLARE INPS Come è noto, il decreto legislativo 4 marzo 2015 n. 22, pubblicato nella G.U. n. 54 del 6/3/2015, ha dettato nuove norme

Dettagli

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA INTEGRAZIONE MALATTIA, INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE CONTROLLI CASSA EDILE, ALIQUOTE PER CALCOLO INTEGRAZIONE E GESTIONE EVENTI NEL MUT IN VIGORE DALLE DENUNCE MUT DEL MESE DI GIUGNO 2012 (INTEGRATIVO

Dettagli

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato OBIETTIVO: Al fine di promuovere forme di occupazione stabile Incentivo all occupazione DESTINATARI: Datori di lavoro privati e, sub condicione, agricoli. imprenditori, non imprenditori (Associazioni,

Dettagli

LEGGERE LA BUSTA PAGA

LEGGERE LA BUSTA PAGA LEGGERE LA BUSTA PAGA Maria Elisa Caldera Consulente del Lavoro Iscritta al n 839 dell'ordine Provinciale di Brescia info@calderaconsulenzalavoro.it Programma di Lavoro Busta paga: Cos'è A cosa serve Le

Dettagli

COME LEGGERE LA BUSTA PAGA

COME LEGGERE LA BUSTA PAGA COME LEGGERE LA BUSTA PAGA Vediamo come si legge in pratica una busta paga, come individuare gli elementi della retribuzione, i vari tipi di trattenute, il loro calcolo e la loro interpretazione fino a

Dettagli

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA 1 COS È LA BUSTA PAGA è un documento obbligatorio (Legge 5 gennaio 1953, n. 4) che indica la retribuzione, le ritenute fiscali e previdenziali che il lavoratore

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 122 DEL 09/03/2015 DETERMINA DIRIGENZIALE N. 90 DEL 19 FEBBRAIO 2015 AD OGGETTO: "RISOLUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO, AI SENSI DELL'ART.

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine, 24 novembre 2014 CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto Il 18 settembre 2014 è stato sottoscritto

Dettagli

Il personale dipendente

Il personale dipendente Il personale dipendente Tra i fattori della produzione di una azienda vanno ricompresi i costi sostenuti per le prestazioni lavorative di soggetti dipendenti e di lavoratori autonomi. Il costo del lavoro

Dettagli

AREA MECCANICA, INSTALLAZIONE DI IMPIANTI, ORAFI, ARGENTIERI E AFFINI, ODONTOTECNICI

AREA MECCANICA, INSTALLAZIONE DI IMPIANTI, ORAFI, ARGENTIERI E AFFINI, ODONTOTECNICI AREA MECCANICA, INSTALLAZIONE DI IMPIANTI, ORAFI, ARGENTIERI E AFFINI, ODONTOTECNICI Parti contraenti Stipula Decorrenza SETTORE METALMECCANICA E INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SETTORE ORAFI, ARGENTIERI ED

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

Il Calcolo dei contributi:

Il Calcolo dei contributi: Il Calcolo dei contributi: Tabella di calcolo dei contributi La La utile al calcolo del TFR La quota di TFR da versare al Fondo Cometa La tredicesima e la quattordicesima mensilità Il caso di cassa integrazione

Dettagli

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi ASPI e MINI ASPI LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2 Cessazioni dal 1/1/2013 Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi sostituiscono disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti normali disoccupazione

Dettagli

Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare E' una prestazione

Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare E' una prestazione Lezione 18 Gli assegni per il nucleo familiare Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare Tra gli elementi aggiuntivi della retribuzione vi può essere l'assegno familiare. Va precisato, anzi tutto,

Dettagli

Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo

Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo SERVIZIO SINDACALE Piacenza, 10 giugno 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 80 Oggetto: Istruzioni Inps su nuova Aspi La circolare Inps sulla nuova Aspi è uscita: è la n. 94 del 12-5-2015. Si tratta

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni, a norma dell'articolo 1, comma 7, della legge 10 dicembre 2014, n.

Dettagli

QUANTO MI COSTA LA COLF

QUANTO MI COSTA LA COLF Quanto mi costa la colf? NEWS QUANTO MI COSTA LA COLF Chi decide di assumere una colf (o una badante) deve sostenere una serie di costi, che vanno dal corrispettivo della prestazione (con eventuali indennità

Dettagli

Somministrazione di lavoro o staff leasing (lavoro in affitto)

Somministrazione di lavoro o staff leasing (lavoro in affitto) Somministrazione di lavoro o staff leasing (lavoro in affitto) Art 20 (Condizioni di liceità) 1. Il contratto di somministrazione di lavoro può essere concluso da ogni soggetto, di seguito denominato utilizzatore,

Dettagli

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Da ASPI a NASPI: come cambiano contributi e incentivi per il datore di lavoro? Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che l INPS, con il messaggio n.

Dettagli

FONDO TESORERIA DI GESTIONE DEI TFR: LE ISTRUZIONI INPS

FONDO TESORERIA DI GESTIONE DEI TFR: LE ISTRUZIONI INPS FONDO TESORERIA DI GESTIONE DEI TFR: LE ISTRUZIONI INPS L INPS ha diramato, con la circolare n. 70 del 3 aprile 2007, le istruzioni operative, ai datori di lavoro con almeno 50 addetti, per il versamento

Dettagli

e, per conoscenza, 1. Disciplina della indennità di disoccupazione ASpI ai lavoratori sospesi

e, per conoscenza, 1. Disciplina della indennità di disoccupazione ASpI ai lavoratori sospesi Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 14/03/2013 Circolare n. 36 Ai Dirigenti centrali

Dettagli

SOMMARIO BUSTA PAGA IN PRATICA

SOMMARIO BUSTA PAGA IN PRATICA SOMMARIO 1. Rapporto di lavoro subordinato pag. 1 Definizione» 1 Elementi del lavoro subordinato» 2 Periodo di prova» 2 Cessazione del rapporto di lavoro» 3 Dimissioni» 3 Licenziamento» 4 Risoluzione consensuale»

Dettagli

Sabina Felici* Lavoratori subordinati e lavoratori autonomi nel mondo Enpals**

Sabina Felici* Lavoratori subordinati e lavoratori autonomi nel mondo Enpals** Sabina Felici* Lavoratori subordinati e lavoratori autonomi nel mondo Enpals** SOMMARIO 1. Premessa 2. Concetto di retribuzione imponibile giornaliera 3. Lavoratori subordinati e autonomi nello spettacolo

Dettagli

ALLEGATO 1 ACCORDO PER LA REGOLAMENTAZIONE DEI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

ALLEGATO 1 ACCORDO PER LA REGOLAMENTAZIONE DEI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA ALLEGATO 1 ACCORDO PER LA REGOLAMENTAZIONE DEI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA Art. 1 Ambito di applicazione e professionalità coinvolte La presente intesa regola i contratti di collaborazione

Dettagli

Scheda su monetizzazione ferie non godute

Scheda su monetizzazione ferie non godute Scheda su monetizzazione ferie non godute Per il personale docente le ferie devono essere fruite durante i periodi di sospensione delle attività didattiche (ovvero dal 30 giugno al 31 agosto). Così prevedeva

Dettagli

Studio di Consulenza del Lavoro Potito di Nunzio

Studio di Consulenza del Lavoro Potito di Nunzio Studio di Consulenza del Lavoro Potito di Nunzio ANCL 1.12.2009 IL RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI INDUSTRIA Decorrenza: Il CCNL decorre dal 25.11.2009, salve le particolari decorrenze specificate nei singoli

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 6 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 14 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli

DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE VISTO l articolo 3 della legge 28 giugno 2012, n. 92, volto ad assicurare, ai lavoratori dei settori non coperti dalla normativa in materia d integrazione salariale, una tutela in costanza di rapporto

Dettagli

A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali. OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature

A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali. OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature Milano, 10 dicembre 2013 A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature Si informa che in data 29 novembre

Dettagli

Paghe. Casi pratici. Adempimenti dei datori di lavoro. Trattenuta della contribuzione a carico del lavoratore

Paghe. Casi pratici. Adempimenti dei datori di lavoro. Trattenuta della contribuzione a carico del lavoratore Paghe Mancato pagamento della retribuzione per indisponibilità finanziaria Dimitri Cerioli - Consulente del lavoro Negli ultimi anni le imprese si sono trovate in alcuni casi nell impossibilità di procedere

Dettagli

Sintesi ccnl quadri del Terziario

Sintesi ccnl quadri del Terziario Sintesi ccnl quadri del Terziario Parti contraenti Confcommercio,, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil Data di stipula 26.02.2011 Decorrenza 01.01.2011 Scadenza parte normativa/economica 31.12.2013 DECLARATORIA

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 20/03/2014

Direzione Centrale Entrate. Roma, 20/03/2014 Direzione Centrale Entrate Roma, 20/03/2014 Circolare n. 33 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Guida all'utilizzo del CONTRATTO DI SOLIDARIETA' (CdS)

Guida all'utilizzo del CONTRATTO DI SOLIDARIETA' (CdS) Guida all'utilizzo del CONTRATTO DI SOLIDARIETA' (CdS) a cura di Giorgio Santoni Aggiornato al giugno 2009 Indice Parte prima (pag. 3-17) Il contratto di solidarietà, applicazioni, modalità e caratteristiche

Dettagli

Filctem Michelin: Formazione Sindacale. La Busta Paga. di Guarino Antonino nino.guarino@alice.it

Filctem Michelin: Formazione Sindacale. La Busta Paga. di Guarino Antonino nino.guarino@alice.it 1 La Busta Paga di Guarino Antonino nino.guarino@alice.it Indice: Che Legge La Regola? Quali Informazioni Contiene? 2 Cos è La Busta Paga? Le Voci Economiche Elementi Fissi e Variabili A Cosa Serve? Contributi

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli