Tanti auguri a : Baseggio Maria 5 gennaio. Brambilla Annamaria 3 gennaio. Crotta Aurora 26 gennaio. Fumagalli Luigi 16 gennaio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tanti auguri a : Baseggio Maria 5 gennaio. Brambilla Annamaria 3 gennaio. Crotta Aurora 26 gennaio. Fumagalli Luigi 16 gennaio"

Transcript

1 1

2 Tanti auguri a : Baseggio Maria 5 gennaio Brambilla Annamaria 3 gennaio Crotta Aurora 26 gennaio Fumagalli Luigi 16 gennaio Grasselli Umberta 15 gennaio Mapelli Ambrogia 4 gennaio Mapelli Giuseppe 24 gennaio Sala Antonio 1 gennaio Sala Irma 3 gennaio Tommasi Lionello 18 gennaio Trapanelli Giuseppina 1 gennaio Vigano Piera 27 gennaio 2

3 Ricordando I festeggiamenti per il Natale sono durati quasi tutto il mese di Dicembre ed hanno visto l avvicendarsi di un gran numero di eventi, organizzati anche da volontari appartenenti a diversi sodalizi del territorio. La tombolata dell associazione Domenica 18 Dicembre l Associazione Amici, familiari e volontari della Casa di Riposo ha organizzato una grande tombolata di Natale. Hanno partecipato molti ospiti e parenti, contribuendo a creare un atmosfera di festa. La presidente dell Associazione, Agnese, con il super aiuto di Ivana, Angela, Silvana,Francesca e Carla e altri membri dell associazione,hanno pensato ad animare l estrazione dei numeri, interrotta dalla merenda a base di panettone (di ben 5 kg) spumante e bibite. Inoltre a rallegrare il pomeriggio è intervenuto il coro della parrocchia formato da bambine della scuola elementare, che hanno voluto portare i loro auguri ai nonni dedicandogli i tradizionali canti di Natale. 3

4 4

5 L Auser di paterno Giovedì 22 Dicembre i gentilissimi membri dell associazione Auser di Paderno, sono venuti a trovarci per rallegrare il nostro pomeriggio. Hanno organizzato una bellissima tombolata con dei bellissimi premi, inoltre i loro musicisti hanno coinvolto i nostri ospiti facendoli cantare. Hanno poi offerto panettone e bibite, oltre che omaggiare ogni ospite con un piccolo presente di Natale. 5

6 I Pastori di Missaglia nei reparti E ormai una tradizione che dura da parecchi anni : i pastori di Missaglia, hanno fatto visita agli ospiti esibendosi in ogni reparto della struttura con canti del loro repertorio, appartenenti non solo alla tradizione popolare, ma anche natalizia. Erano accompagnati da Babbo Natale che ha regalato caramelle e sorrisi a tutti. 6

7 7

8 I bambini dell asilo di Monticello Mercoledì 21 Dicembre i bambini della scuola materna di Monticello sono venuti a trovare i nostri ospiti.i nonni,con l aiuto degli educatori, hanno voluto raccontare e animare una piccola storia, insegnando ai bambini il valore di stare insieme e di essere amici.dopo la lettura della storia fatta dalla nonna Federica, il nonno Franco ha fatto gli auguri a nome di tutti e ha invitato ad addobbare il nostro albero di Natale, collocato in salone, con dei cuoricini rossi che portavano ciascuno il nome di ogni bambino! 8

9 Nella pagina seguente il racconto che gli educatori hanno preparato per i bambini 9

10 La Notte di Natale C era una volta in una piccola fattoria un simpatico topolino di nome Serafino a cui piaceva tanto stare con i suoi più cari amici, la mucca Martina, l oca Betty, il cavallo Charlie, la gallina Diana, il gallo Ferdinando e il maiale Alberatone. Un giorno tutti gli animali della fattoria decisero di partire per una avventura molto importante: un viaggio alla ricerca della felicità. Nessuno dei simpatici animali sapeva bene cosa fosse la felicità, ma tutti la desideravano e per trovarla decisero di seguire ognuno la propria strada. Durante il cammino ognuno trovò un personaggio a cui chiedere cosa fosse la felicità. Serafino il topolino, incontrò un gruppo di api che ronzavano e svolazzavano nell aria, gli si avvicinò e chiese a loro se conoscevano la felicità, loro risposero che la felicità è un cespuglio di rose profumate. La mucca Martina e Betty l oca parlarono con dei buffi fiori e gli spiegarono che la felicità è la rugiada del mattino. Il cavallo Charlie e il maiale Albertone incontrarono una volpe che decisa disse a loro che la felicità è una tenera gallinella. Infine il gallo Ferdinando e la gallina Diana udirono un favoloso uccellino che cinguettando disse che la felicità è un campo dorato di chicchi di grano. Era giunta ormai la notte di Natale e nessuno degli animali aveva capito cosa fosse questa felicità e così un po tristi e amareggiati decisero di tornare alla loro fattoria. Il viaggio era finito e tutti erano delusi per la mancata scoperta. Serafino il topo, la mucca Martina, l oca Betty, il cavallo Charlie, la gallina Diana, il gallo Ferdinando e il maiale Alberatone si ritrovarono nel giardino dei cuori, di nuovo tutti insieme e sorpresa! Scoprirono proprio in quel momento di essere davvero felici: felici di essersi ritrovati, di volersi bene e di volersi prendere cura uno dell altro. Tutti pensarono che era la notte di natale più bella che avessero trascorso insieme: erano felici di essere amici Anche noi nonni siamo felici oggi perché voi bambini siete venuti a trovarci e a donarci il vostro sorriso. Noi vi regaliamo un piccolo cuoricino, da appendere al vostro albero di Natale, per farvi sapere che vi vogliamo bene! Grazie Auguri di Buon Natale dai nonni della Casa di Riposo 10

11 L angolo degli ospiti Massimo Giussani Ul Munistè de Massaioula E una vecchia struttura simile nell insieme al rifugio dei viandanti che c è al ponte di Missaglia: la Cà del Punt; perché Missaglia era uno svincolo per la frontiera. Esiste ancora appena sulla collina l Albergo Posta, luogo per il cambio dei cavalli, l - officina per la riparazione delle diligenze e gli alloggi per i passeggeri; inoltre ospitava anche l Ufficio Postale che è tuttora funzionante, naturalmente riadattato. A quanto mi hanno raccontato quando ero piccolo, a poco più di quattro anni, e precisamente da Nerino del Punt, ferrareza e ferracavai, adattatosi a ciclista, mi disse: Una volta nel Munistè gheren i Frà besascinni bastrozz me mai vist. I gent s eren stufì e l hann sarà denter e ciapà a legnatt e poi l hann fa scapà e gheven dì: se turnì indrè ve cupum.. Il monastero è ubicato a sud di Missagliola, frazione di Missaglia, verso Casatenovo; è costruito con pietra a vista con una tecnica antica; tali strutture in Brianza si contano sulle dita. Il prevosto di allora Don Pasquale ne rivendicava la proprietà, dato che Missaglia è una Prepositura, mentre la Cà del Punt era propenso a lasciarla al Comune. 11

12 Le poesie di Federica Nella vita tutto si ripete. Stare Eternamente giovani è solo fantasia Solo quello che non è avvenuto mai e in nessun luogo, non Invecchia mai. Federica 12

13 L angolo delle curiosità COSTRUZIONI VECCHIE E NUOVE La statua della Libertà sovrasta il porto di New York: è la statua gigantesca di una donna, alta 93 metri, che rappresenta la figura della Libertà e tiene sollevata nella mano destra una torcia che di notte viene accesa. La Statua della Libertà fu donata dal popolo francese agli Stati uniti nel Fu trasportata per nave in grossi pezzi e ricostruita a New York sull isola dove attualmente si trova. All interno della statua c è una lunga scala a chiocciola che porta fino alla corona sulla testa della statua. La Torre Eiffel è stata costruita nel 1889 come ornamento per la città di Parigi. Prende il nome dall ingegnere che la progettò per una grande esposizione internazionale. La grande torre d acciaio destò enorme meraviglia all epoca della costruzione e molti si recarono a Parigi per vederla. La torre è alta 300 metri, pesa oltre 7000 tonnellate e oggi, in cima, ospita antenne radio, oltre che un ristorante. Si può salire in cima alla Torre Eiffel con una scala composta da ben 1652 scalini oppure salire con uno dei comodi ascensori. 13

14 La torre di Pisa viene chiamata anche torre Pendente perché è tanto inclinata che sembra cadere da un momento all altro. Questa torre è il campanile della cattedrale di Pisa; la sua costruzione ebbe inizio nel 1173 e quando cominciò a pendere era alta solo dieci metri. I costruttori la completarono dopo parecchio tempo. La sua inclinazione continua ad aumentare nonostante i tentativi di frenare lo spostamento. La torre di Pisa attira moltissimi turisti. La Sfinge di Giza si trova in Egitto ed è una scultura che rappresenta un leone con la testa di una donna; venne realizzata oltre 4000 anni fa dagli antichi Egizi. Secondo una famosa leggenda, la sfinge distruggeva chiunque non avesse saputo risolvere il suo indovinello e cioè: Quale è quell animale che al mattino va a quattro zampe, al mezzogiorno a due e la sera a tre zampe?. Edipo, un e- roe greco, risolse l indovinello rispondendo: Quell animale è l uomo, che nell infanzia va a gattoni, quando è adulto sta sulle due gambe, e quando è vecchio usa il bastone, quindi tre gambe. 14

15 L angolo della natura I NIDI DEGLI UCCELLI Gli uccelli usano materiali diversi per costruirsi il nido: fango, erba secca e rametti sono i più comuni, ma molti uccelli usano anche piume, foglie e muschio. Certi usano le ragnatele per tenere il tutto saldamente legato. Di solito usano tutto ciò che trovano alla loro portata, ma ci sono uccelli che volano per chilometri alla ricerca dei materiali adatti. Esistono tante forme di nido: la forma più comune è quella rotonda o ovale, ma certi uccelli costruiscono dei nidi quasi piatti. Il tipo di nido che un uccello costruisce dipende dal luogo in cui esso vive e dal tipo di uova che depone. Alcuni uccelli, come il pinguino imperatore, non costruiscono nidi, ma tengono a turno le uova tra le zampe e il corpo per proteggerle e tenerle calde. La maggior parte degli uccelli però costruisce un nido tra gli alberi, sugli arbusti o sul terreno, in modo da proteggere le proprie uova. I pivieri costruiscono il nido sul terreno: il maschio gira attorno a sé stesso nella sabbia fino a quando, con questo movimento, non ha scavato un buco. La femmina riveste poi il buco con conchiglie e sassolini. Alcuni uccelli di mare costruiscono il nido sugli scogli; spesso è poco profondo e costruito solo con rametti: le uova, dalla forma a pera, non hanno così bisogno di qualcosa che impedisca loro di rotolare. La cannaiola costruisce il suo nido sulle canne tra le quali vive: è un nido robusto, difficile da vedere. Ma quante volte un uccello costruisce un nuovo nido? Le rondini però tornano spesso allo stesso nido anno dopo anno. Invece la maggior parte degli uccelli costruisce un nido nuovo ogni anno, nel momento in cui sono pronti a deporre le uova. Il nido offre alle uova e ai piccoli protezione dai pericoli fino a quando non saranno in grado di volare e di badare a se stessi. 15

16 L angolo de El casciaball Parch de Moscia Quanta nev quel dì al parch de Moscia. Legor che corren sora al praa innevata e duu amis che per on quart d ora tornen bagai. Te vegn in ment quand la nev voleva dì ndà no a scola. La gent in coa sora al vial Cavriga e numm che vardom incantaa la nev che quatta el parch. Savor de campagna e de temp passaa per fortuna che gh è anmò la voeuja de giugà al parch. L usell che l sgora tra i alber sbiancaa el fiolett che scia tra i praa innevaa. Parco di Monza Quanta neve quel giorno al parco di Monza. Lepri che corrono sul prato innevato e due amici che per un quarto d ora tornano bambini. Ti viene in mente quando la neve voleva dire non andare a scuola. La gente in coda sul viale Cavriga e noi che guardiamo incantati la neve che copre il parco. Sapore di campagna e di tempi passati per fortuna che c è ancora la voglia di giocare al parco. L uccello che vola tra gli alberi imbiancati il bambino che scia tra i prati innevati. 16

17 L angolo delle risate Un tale parte per i Carabi. Arrivato a destinazione scrive un messaggio alla moglie che lo deve raggiungere il giorno dopo, ma sbaglia il numero e lo invia ad una signora alla quale è appena morto il marito. La vedova lo legge e cade svenuta. Sul messaggio c è scritto: Cara moglie, sono arrivato e ti aspetto per domani! Non vedo l ora di essere ancora con te! P.S. Qui fa un caldo terribile!. - Quante donne hai avuto? - Mah... una trentina... - Così tante?!? - No... era di Trento Un tale parla con un amico trapezista: - Sai, non mi posso proprio lamentare... La salute va bene, il lavoro mi piace e poi non ho problemi economici! E il trapezista: - Invece io per arrivare alla fine del mese devo fare i salti mortali... 17

18 L angolo dei personaggi Charles Darwin Charles Darwin nasce nel Fin da piccolo la sua vera passione erano le scienze naturali. Fu proprio un viaggio intorno al mondo, al quale lui partecipò come naturalista, che pose le basi per la sua teoria evoluzionistica. Grazie ai lavori di precedenti scienziati egli arrivò a pensare che sulla supeficie terrestre agiscono perennemente delle forze naturali che la modificano continuamente. A confermare questa teoria fu il ritrovamento (sempre durante il suo viaggio) sulle Ande di fossili marini. Così al ritorno in Inghilterra, dopo aver raccolto le informazioni necessarie, Darwin pubblicò il suo libro "L'origine delle Specie" nel quale esponeva la sua teoria evoluzionistica. Tale teoria afferma che tutti i gli essere viventi sono correlati tra loro attraverso un comune progenitore, di una specie sconosciuta e vissuto in un epoca remota. Egli ipotizzò che i discendenti dei primi organismi viventi si fossero diffusi nel corso di milioni di anni in diversi habitat e che per SELE- ZIONE NATURALE avessero sviluppato degli adattamenti o modifiche indispensabili per vivere nei diversi luoghi. La storia della vita assomiglierebbe così a un cespuglio con molte diramazioni che, partendo da un tronco comune, raggiungono la sommità con i ramoscelli più sottili. A ogni biforcazione dell'albero si trova un antenato che è comune a tutti i ramoscelli che partono da quel punto. (es. il cane e il lupo derivano dallo stesso antenato). Questa teoria è un caposaldo delle scienze naturali. 18

19 L angolo di Padre Pio Il 10 Agosto 1910 fra Pio fu ordinato sacerdote nella cappella dei canonici del Duomo, alla presenza di don Salvatore, don Peppino, mamma Peppa, le sorelle ed un numero impressionante di parenti e paesani. Domenica 14 agosto padre Pio celebrò la sua prima messa nella Chiesa Madre di Pietralcina. Mamma Peppa con le figlie ed i parenti organizzò una calorosa festa in Vico Storto di Valle e rimpinzò di leccornie tutti i paesani che volevano congratularsi con lei. A Pietralcina padre Pio cercò ancora una volta di recuperare le forze che gli venivano sottratte dalla malattia. Intanto aiutava il parroco svolgendo numerose attività religiose: visitava i compaesani gravemente malati e organizzò un coro di quindici ragazzi ai quali insegnava gli inni per la messa domenicale. E naturalmente pregava molto, una vita quieta insomma, almeno in apparenza. Un giorno alcuni paesani andarono dal parroco a lamentarsi: Padre, di notte si sentono degli strani rumori provenienti dalla casa di padre Pio: voci, grida, lamenti, colpi e botte sui muri.. C è qualcosa di strano e noi non riusciamo a dormire!. Allora il parroco, Don Tore, andò a chiedere cosa gli stava succedendo a padre Pio, che rispose: Don Tore, in certi momenti poco manca che non mi si spacchi la testa per la violenza che debbo farmi per non cedere al demonio che fa di tutto per strapparmi dalle braccia di Gesù. Non riesco a dormire la notte perché il male mi tormenta. Inoltre debbo confessarvi che mi è successo qualcosa di inspiegabile.. e padre Pio mostrò le mani al parroco. Su entrambe le palme erano comparse delle piaghe: Don Tore non sapeva più cosa pensare. Il giorno dopo portò padre Pio da un medico che però non riuscì a capire di che genere fossero tali segni e disse che gli ci volevano dei giorni per studiare per bene il caso.don Tore era visibilmente allarmato e padre Pio profondamente sconvolto. Nel giro di qualche giorno le piaghe scomparvero, per ricomparire un anno dopo. 19

20 L angolo dei giochi Cerchia le parole 20

21 L angolo delle ricette LONZA RIPIENA Ingredienti: 1kg di lonza di maiale, 1/2 kg di frutta secca tra fichi, albicocche, prugne e pistacchi, aglio, un cucchiaio di miele, un bicchiere di marsala secco. Prendere la lonza e praticare un profondo taglio, una specie di tasca, senza bucare l altra estremità. Mettere a marinare nel marsala la frutta secca una mezz - ora e poi inserirla, sgocciolata, nella tasca della lonza, riempirla bene e chiudere cucendo l apertura con filo bianco. A questo punto tagliare uno spicchio d aglio a fettine sottili, fare delle piccole incisioni con un coltello sulla superficie della lonza e infilare dentro l aglio. Mettere la carne in una teglia, sciogliere un cucchiaio di miele nel marsala usato per la frutta e versarlo sulla lonza, aggiungere sale, pepe e qualche fiocchetto di burro. Infornare a 180 per 50 minuti. Bagnare ogni tanto la carne con il suo sughetto, e controllate che sia davvero cotta infilate un coltello nella carne prima di sfornarla. Al momento di servire eliminate la cucitura e presentate l arrosto a fette bagnato con il suo fondo di cottura e accompagnato da patate arrosto. 21

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Lo sai mamma che... Il giornalino della Scuola dell Infanzia di Ponte nelle Alpi gestito dai genitori con la collaborazione delle insegnanti.

Lo sai mamma che... Il giornalino della Scuola dell Infanzia di Ponte nelle Alpi gestito dai genitori con la collaborazione delle insegnanti. Pronti per colorare? Lo sai mamma che... Il giornalino della Scuola dell Infanzia di Ponte nelle Alpi gestito dai genitori con la collaborazione delle insegnanti. Ringraziamo tutte le maestre e le mamme

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

C era una volta. la Coniglietta Carotina

C era una volta. la Coniglietta Carotina C era una volta la Coniglietta Carotina Storia elaborata dalle Classi Seconde delle scuole: B. Gigli Le Grazie e San Vito La Coniglietta Carotina è bella, simpatica; sorride sempre. E tutta celestina sul

Dettagli

LA VOCE DEGLI ANTA. Autunno

LA VOCE DEGLI ANTA. Autunno È lieta di presentarvi LA VOCE DEGLI ANTA Numero 10, Ottobre 2015 Autunno La terra si veste del giallo delle foglie in autunno. Il vento raccoglie i sussurri dei trepidi uccelli e gioca coi rami avvizziti

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

SPETTACOLO DI NATALE 2014

SPETTACOLO DI NATALE 2014 Sabato 20 Dicembre 2014 SPETTACOLO DI NATALE 2014 TUTTO IL MONDO FESTEGGIA IL NATALE Carissime famiglie, mamme, papà, fratelli, sorelle, nonni, zii Benvenuti a tutti! Eccoci anche quest anno alle porte

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Scopro gli animali che vivono in fattoria Ma cos è la fattoria?

Scopro gli animali che vivono in fattoria Ma cos è la fattoria? Scopro gli animali che vivono in fattoria Ma cos è la fattoria? I bambini rispondono... La fattoria è il macellaio, c è la mucca. Ci sono gli animali nella fattoria. La fattoria ha le porte e si apre e

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola Favola africana Raccontata da hristopher Gregorowski 15 Un giorno un contadino andò alla ricerca di un vitello che si era perso. La sera prima i pastori erano ritornati senza di esso. E durante la notte

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

NON PERDIAMOCI DI VISTA

NON PERDIAMOCI DI VISTA NON PERDIAMOCI DI VISTA Nicolas e la maestra un giorno hanno deciso di costruire dei dadi delle storie che potessero servire a inventare storie nuove mai esistite in nessun libro. Il primo passo è stato

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica.

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Comune di Brentonico Provincia autonoma di Trento Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Collaborazione Istituto comprensivo Scuola primaria Brentonico

Dettagli

Tutto è bene quel che finisce bene

Tutto è bene quel che finisce bene Tutto è bene quel che finisce bene Ciao a tutti, mi chiamo Riccio Pasticcio, un nome un programma. Spesso e volentieri combino guai, per questo mi chiamano così, ma a volte faccio anche qualcosa di buono.

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Lettere in classe. Percorsi didattici del TFA di area letteraria della Sapienza, a cura di Paola

Dettagli

Immagini dell autore.

Immagini dell autore. Sfida con la morte Immagini dell autore. Oscar Davila Toro SFIDA CON LA MORTE romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Oscar Davila Toro Tutti i diritti riservati Dedicato ai miei genitori, che

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Aula Magie. Mi sento così. Progetto sulla consapevolezza emotiva. Anno scolastico 2005/2006

Aula Magie. Mi sento così. Progetto sulla consapevolezza emotiva. Anno scolastico 2005/2006 Aula Magie Mi sento così Progetto sulla consapevolezza emotiva Anno scolastico 2005/2006 Scuola provinciale dell infanzia Rione Sud ROVERETO (TRENTO) Quest'anno abbiamo deciso di aderire, come scuola,

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Il Mito VIII e il Bestiario Laboratori di pomeriggio al mammut Osservazioni scientifiche attorno a tane

Il Mito VIII e il Bestiario Laboratori di pomeriggio al mammut Osservazioni scientifiche attorno a tane Il Mito VIII e il Bestiario Laboratori di pomeriggio al mammut Osservazioni scientifiche attorno a tane Laboratori attorno al mito delle dea Eoste, e le uova di lepre. Trasformazione animali festa di

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Tu scendi come la neve per stare con noi e portarci in Cielo!

Tu scendi come la neve per stare con noi e portarci in Cielo! Oh che meraviglia... Tu scendi come la neve per stare con noi e portarci in Cielo! Inserto N. 4 2009 Carissimi bambini, ogni anno vi divertite un mondo a fare il vostro presepe e non vedete l ora di aggiungere

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Il Regalo di Natale più bello

Il Regalo di Natale più bello Il Regalo di Natale più bello This ebook is distributed under Creative Common License 3.0 http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/ You are free to copy, distribute and transmit this work under

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 L Isola che non c è Asilo Nido Via Dublino, 34 97100 Ragusa Partita Iva: 01169510888 Tel. / Fax 0932-25.80.53 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 Prima unità di apprendimento: Settembre

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni PIANO DI L ETTURA LA PIANTA MAGICA ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Orecchia Serie Azzurra n 81 Pagine: 87 Codice: 978-88-384-3564-2 Anno di pubblicazione: 2006 Dai 7 anni L AUTRICE Erminia Dell

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

Scuola Primaria Statale 2 Circolo Didattico plesso Balilla. Progetto di ceramica CREO IN ALLEGRIA. Classe 2ª I

Scuola Primaria Statale 2 Circolo Didattico plesso Balilla. Progetto di ceramica CREO IN ALLEGRIA. Classe 2ª I Scuola Primaria Statale 2 Circolo Didattico plesso Balilla Progetto di ceramica CREO IN ALLEGRIA Classe 2ª I LA CERAMICA: 1ª FASE Un esperienza stupenda! Stamattina, 7 Marzo, la maestra Mina ha detto che

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Il tempo e le stagioni

Il tempo e le stagioni Unità IV Il tempo e le stagioni Contenuti - Tempo atmosferico - Stagioni - Mesi - Giorni Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto osserva L Orsoroberto guarda fuori dalla finestra e commenta il tempo atmosferico.

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CURSI Scuola Primaria Bagnolo del Salento A.s. 2009-2010

ISTITUTO COMPRENSIVO CURSI Scuola Primaria Bagnolo del Salento A.s. 2009-2010 ISTITUTO COMPRENSIVO CURSI Scuola Primaria Bagnolo del Salento A.s. 2009-2010 2010 RELAZIONE FINALE Il progetto Scuola fiorita, realizzato nella Scuola Primaria di Bagnolo del Salento nel secondo quadrimestre

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor!

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015 Canto d'inizio: 1 TERRA TUTTA DÀ LODE A DIO R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! 1. Servite Dio nell allegrezza, 2. Sì, il Signore

Dettagli

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17 Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17 Stampato in proprio dicembre 2008 Una lettera catechesi del cardinale Tettamanzi per gustare la gioia del Natale e raccontare la straordinaria

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

numero del giornalino scolastico.. Cari genitori, questo è il nostro primo PERCHÉ IL GIORNALINO? curiose e interessanti... TUTTE DA RACCONTARE!!!

numero del giornalino scolastico.. Cari genitori, questo è il nostro primo PERCHÉ IL GIORNALINO? curiose e interessanti... TUTTE DA RACCONTARE!!! Anno 2014 - N.1 ottobre/novembre 2014 Cari genitori, questo è il nostro primo numero del giornalino scolastico.. PERCHÉ IL GIORNALINO? Perché a scuola ne succedono di tutti i colori : cose belle, divertenti,

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Progetto A SCUOLA NEI PARCHI GUARDIANI DELLA NATURA

Progetto A SCUOLA NEI PARCHI GUARDIANI DELLA NATURA Progetto 6 Istituto Comprensivo Bruno Ciari di Padova A SCUOLA NEI PARCHI GUARDIANI DELLA NATURA Classi 2 A-2 B 2 B Scuola primaria Rodari ESPLORATORI PER UN GIORNO 15 aprile 2014 Casa Marina Parco Regionale

Dettagli

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Anno scolastico 2015/2016 anno II DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Siamo finalmente ritornati, non ci credevate più eh!!!, Invece ci siamo. Siamo pronti per ricominciare, per raccontarvi i primi giorni

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

Folletto. Gigetto. L' a q u i l a. r e a l e

Folletto. Gigetto. L' a q u i l a. r e a l e Il Folletto Gigetto e L' a q u i l a r e a l e Abbiamo scritto questo libro per tutti i bambini delle Scuole dell Infanzia, così potranno conoscere il nostro amico Gigetto e, chissà che un giorno non vada

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli