Guida agli impianti ATEX. Normative, installazioni e soluzioni I edizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida agli impianti ATEX. Normative, installazioni e soluzioni 20 13. I edizione"

Transcript

1 Guida agli impianti ATEX Normative, installazioni e soluzioni I edizione

2 Gewiss Group FRANCE Gewiss France - Les Ulis germany Gewiss Deutschland - Merenberg united kingdom Gewiss U.k. - Cambourne Spain Gewiss Ibérica - Madrid portugal Gewiss Portugal - Penafiel CHINA Gewiss Trading (Shanghai) - Shanghai Russia Gewiss Russia - Moscow turkey Gewiss Istanbul - Istanbul ROMANIA Gewiss Romania - Bucarest UAE Gewiss Gulf - Dubai Chile Gewiss Chile - Santiago de Chile SEDE CENTRALE GEWISS - ITALIA GEWISS HEADQUARTERS - ITALY

3 Indice SCOPO DELLA GUIDA 6 1 INTRODUZIONE ALLA NORMATIVA 1.1 LA DIRETTIVA 94/9/CE Le Direttive Europee applicabili Procedure di certificazione PANORAMA NORMATIVO ZONE CON PRESENZA DI GAS Classificazione Alcune definizioni utili Criteri di classificazione ZONE CON PRESENZA DI POLVERE Classificazione Alcune definizioni utili Criteri di classificazione CLASSIFICAZIONE DEI PRODOTTI Prodotti di Gruppo I Prodotti di Gruppo II Sistema di protezione Targhetta identificativa 18 2 GUIDA APPLICATIVA AGLI IMPIANTI 2.1 Centrali termiche a gas Grandi cucine a gas Autorimesse sotterranee Autofficine Distributori di benzina Locali adibiti a verniciatura Industrie chimiche Industrie del mobile e falegnamerie Depositi di cereali Fornai, panetterie e pasticcerie 44 3 CRITERI DI SCELTA DELL APPARECCHIO 3.1 Come scegliere un apparecchio Scelta dell apparecchio in base al tipo di zona Scelta dell apparecchio in base alla temperatura ambiente Scelta dell apparecchio in base alla temperatura superficiale 49 4 SOLUZIONI ATEX GEWISS 4.1 L offerta ATEX GEWISS Sinottico applicazioni GAS Sinottico applicazioni POLVERI 56 Guida agli impianti Atex < Indice 3

4 Scopo della guida Scopo della guida La Direttiva 94/9/CE, conosciuta come direttiva ATEX (da ATmosphere EXplosive), si applica ai prodotti destinati ad essere installati in aree dove esiste pericolo di esplosione e si colloca tra le Direttive Europee che consentono la libera circolazione dei beni all interno del mercato comune europeo e definiscono i requisiti essenziali in materia di sicurezza dei prodotti che vi ricadono. La Direttiva non si applica solo ai prodotti elettrici ma copre qualsiasi tipologia d impianto che ricade in aree con pericolo di esplosione. Essa descrive inoltre le procedure da seguire per ottenere la certificazione. In Italia il Decreto legge 233/2003 recepisce la Direttiva Europea 1999/92/CE relativa alle prescrizioni minime per il miglioramento della tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori esposti al rischio di atmosfere esplosive. Tale decreto, ai fini della prevenzione e della protezione contro le esplosioni, sulla base della valutazione dei rischi, obbliga il datore di lavoro ad adottare le misure tecniche e organizzative adeguate alla natura dell attività svolta. In particolare, il datore di lavoro deve prevenire la formazione di atmosfere esplosive. Se la natura dell attività non consente di prevenire la formazione di atmosfere esplosive, il datore di lavoro deve: a) evitare l accensione di atmosfere esplosive; b) attenuare gli effetti pregiudizievoli di un esplosione in modo da garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori. Lo stesso dovrà dunque adottare tutti i provvedimenti del caso per garantire la sicurezza dei lavoratori dotando i luoghi di opportuni controlli mediante l utilizzo di mezzi tecnici adeguati allo scopo. Nell individuazione delle attrezzature e dei sistemi di protezione, i criteri di scelta dovranno essere conformi alla direttiva ATEX. Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Il Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008, così come modificato dal D.Lgs n. 106 del 3 agosto 2009, è oggi, la legge fondamentale per la prevenzione degli infortuni sul lavoro. Il Testo Unico in materia d igiene e sicurezza del lavoro, ha introdotto alcune importanti novità in merito a informazione, formazione e addestramento. Ad esempio, l obbligo anche per i dirigenti e preposti. In materia di protezione il decreto prevede che Il datore di lavoro provvede affinché gli edifici, gli impianti, le strutture, le attrezzature, siano protetti dai pericoli determinati dall innesco elettrico di atmosfere potenzialmente esplosive per la presenza o sviluppo di gas, vapori, nebbie o polveri infiammabili [...]. La direttiva 94/9/CE fornisce i requisiti essenziali che i prodotti devono soddisfare per essere installati nei luoghi dove esiste un pericolo di esplosione per la presenza di gas, vapori o nebbie infiammabili, o polveri combustibili. All interno di tale panorama legislativo, Gewiss, grazie alla propria capacità di innovare ed il proprio know-how nell ambito del materiale elettrico, ha sviluppato e consolidato una specifica 4 Guida agli impianti Atex < Scopo della guida

5 Scopo della guida gamma di prodotti e soluzioni per gli operatori elettrici che si trovano a dover realizzare impianti elettrici in ambienti ATEX. Lo scopo della guida ATEX di Gewiss è quello di affiancare, e non sostituire, la Direttiva ATEX cercando di fornire allo specialista un valido supporto di conoscenze normative, tecniche e pratiche che lo possano guidare nella conoscenza delle principali tipologie d impianto, sui quali va ad impattare la Direttiva ATEX, ed allo stesso tempo fornire all installatore indicazioni circa i criteri per riconoscere, scegliere ed installare correttamente i prodotti appartenenti alle soluzioni ATEX Gewiss le cui caratteristiche meglio si adeguano all ambiente oggetto di studio. I criteri espositivi tengono conto della logica adottata nella Direttiva evidenziando in ogni sezione prima le tematiche del GAS e poi nell ordine quella delle POLVERI. Guida agli impianti Atex < Scopo della guida 5

6 Introduzione alla normativa 1.1 La Direttiva 94/9/CE Le Direttive Europee applicabili La procedura di valutazione della conformità dei prodotti alla direttiva ATEX non è univoca, ma dipende dalla classificazione dei prodotti da certificare. In particolare, la Direttiva 94/9/CE fornisce le caratteristiche che i prodotti devono soddisfare per essere installati nei luoghi ove esista un pericolo d esplosione. La Direttiva non si applica solo ai prodotti elettrici ma copre qualsiasi tipologia d impianto destinato ad aree con pericolo d esplosione. Il campo d applicazione della Direttiva si estende anche a dispositivi di sicurezza, di controllo e di regolazione che sono installati al di fuori dell aria potenzialmente esplosiva ma dal cui funzionamento regolare dipende la sicurezza dei prodotti installati in aree con possibile rischio. Essa descrive anche le procedure da seguire per ottenere la certificazione Procedure di certificazione La direttiva 94/9/CE è entrata in vigore l 1 Luglio Da quella data è possibile commercializzare solo prodotti conformi a detta direttiva e provvisti di marcatura CE e dichiarazione di conformità CE. La procedura per ottemperare la direttiva non è univoca ma dipende dalla classificazione dei prodotti da certificare. In particolare la certificazione può essere effettuata: Presso un organismo notificato ovvero, presso un ente al quale l autorità nazionale ha affidato il compito di effettuare l analisi della conformità alla direttiva 94/9/CE (in Italia ad esempio IMQ, CESI e ICEPI). Una volta che l organismo ha fornito il proprio parere positivo in merito alla conformità del prodotto, il costruttore deve redigere la dichiarazione di conformità (che deve seguire il prodotto) ed appone la marcatura CE che dovrà contenere anche il numero d identificazione fornito dall autorità. In regime d autocertificazione, anche in questo caso il costruttore deve redigere la dichiarazione di conformità (che deve seguire il prodotto) ed appone la marcatura CE. In tabella è indicato il tipo di certificazione ammesso in funzione della categoria dei prodotti. CATEGORIA PRODOTTI CERTIFICAZIONE PRESSO ORGANISMO NOTIFICATO AUTOCERTIFICAZIONE M1 Obbligatorio / M2 Obbligatorio / 1G Obbligatorio / 2G Obbligatorio / 3G Facoltativo Obbligatorio 1D Obbligatorio / 2D Obbligatorio / 3D Facoltativo Obbligatorio 6 Guida agli impianti Atex < Introduzione alla normativa < 1. La direttiva 94/9/CE

7 Introduzione alla normativa 1.2 Panorama normativo Il panorama normativo che garantisce la presunzione di conformità di apparecchiature e impianti alla direttiva ATEX è in costante evoluzione. Le modifiche ai contenuti normativi hanno portato oggi ad elaborare e approvare un unica famiglia di norme, EN 60079, riferite alla costruzione, prova e marcatura degli apparecchi elettrici e componenti destinati ad essere utilizzati in ambienti con atmosfere esplosive, siano queste determinate dalla presenza di gas o polvere. Di seguito viene riportato l elenco delle principali norme applicabili suddivise tra quelle destinate alla costruzione dei prodotti e quelle relative alla realizzazione e manutenzione degli impianti. Tutte le norme sono armonizzate e pertanto sono valide in tutti i paesi che fanno parte del CENELEC. CAMPO D APPLICAZIONE NORMA EN DESCRIZIONE Custodie a prova di esplosione d Custodie a sovrapressione p Custodie a riempimento q NORME DI PRODOTTO NORME IMPIANTI GAS Costruzioni immerse in olio "o" Modo di protezione a sicurezza aumentata e Sicurezza intrinseca i Modo di protezione n Incapsulamento m GAS & POLVERE Metodi di prova e requisiti costruttivi di marcatura Modo di protezione mediante incapsulamento m Protezione mediante custodie t POLVERE Tipo di protezione pd Protezione a sicurezza intrinseca id GAS Classificazione dei luoghi Criteri di realizzazione degli impianti GAS & POLVERE Criteri di manutenzione degli impianti POLVERE Classificazione dei luoghi Criteri di realizzazione degli impianti Guida agli impianti Atex < Introduzione alla normativa < 1.2 Panorama normativo 7

8 Introduzione alla normativa 1.3 Zone con presenza di gas Nei luoghi dove possono essere presenti quantità e concentrazioni pericolose di gas o vapori infiammabili, devono essere adottate misure di prevenzione per ridurre il rischio di esplosioni. La classificazione mira a definire e classificare i luoghi ove è possibile il formarsi di atmosfere pericolose in modo da poter correttamente scegliere ed installare i prodotti le cui caratteristiche meglio si adeguano all ambiente e alla sua pericolosità. L individuazione delle diverse aree all interno di un luogo con pericolo d esplosione rappresenta un problema progettuale di non immediata soluzione stante i complessi meccanismi in gioco. La soluzione di tale problema presuppone pertanto ampie conoscenze che spaziano dal campo elettrico a quello termomeccanico. Il primo importante distinguo è affrontato a livello normativo considerando in separata sede gli impianti ove il pericolo d esplosione è indotto dalla presenza di gas o dalla presenza di polvere. Questo perché i meccanismi d innesto sono, per ragioni fisiche, profondamente diversi Classificazione La classificazione dei luoghi con pericolo d esplosione per la presenza di gas è effettuata in funzione della probabilità di formazione di un atmosfera esplosiva. La norma CEI EN (CEI 31-87) individua a tal scopo tre diverse zone: Zona 0: luogo in cui un atmosfera esplosiva per la presenza di gas è presente continuamente o per lunghi periodi o frequentemente Zona 1: luogo in cui un atmosfera esplosiva per la presenza di gas è probabile sia presente occasionalmente durante il funzionamento normale Zona 2: luogo in cui un atmosfera esplosiva per la presenza di gas non è probabile sia presente durante il funzionamento normale ma, se ciò avviene, è possibile persista solo per brevi periodi ZONA GRADO DI EMISSIONE ESEMPIO DI POSSIBILI ZONE 0 CONTINUO 1 PRIMO 2 SECONDO a) La superficie di un liquido infiammabile in un serbatoio a tetto fisso con uno sfiato permanente all atmosfera. b) La superficie di un liquido infiammabile esposta all atmosfera continuamente o per lunghi periodi. a) Le tenute di pompe, di compressori o di valvole, quando si prevede che possano emettere sostanze infiammabili durante il funzionamento normale. b) Le valvole di sicurezza, gli sfiati e le altre aperture quando si prevede che possano emettere sostanze infiammabili nell atmosfera durante il funzionamento normale. a) Le tenute di pompe, compressori o valvole quando si prevede che non emettano sostanze infiammabili durante il funzionamento normale dell apparecchiatura. b) Le valvole di sicurezza, gli sfiati e le altre aperture quando si prevede che non emettano sostanze infiammabili nell atmosfera durante il funzionamento normale. 8 Guida agli impianti Atex < Introduzione alla normativa < 1. 3 Zone con presenza di gas

9 Introduzione alla normativa Nella seguente tabella vengono definite le idoneità dei prodotti in funzione delle categorie e delle zone. GAS ZONA 0 ZONA 1 ZONA 2 Categoria 1G Idonea Idonea Idonea Categoria 2G / Idonea Idonea Categoria 3G / / Idonea Alcune definizioni utili Limite inferiore di esplodibilità (LEL) Concentrazione in aria di gas, vapore o nebbia infiammabile, al disotto della quale non si formerà un atmosfera esplosiva per la presenza di gas. Limite superiore di esplodibilità (UEL) Concentrazione in aria di gas, vapore o nebbia infiammabile, al disopra della quale non si formerà un atmosfera esplosiva per la presenza di gas. Sorgente d emissione Un punto o parte da cui può essere emesso nell atmosfera un gas, un vapore, una nebbia o un liquido con modalità tale da originare un atmosfera esplosiva per la presenza di gas. Gradi di emissione Sono stabiliti tre gradi di emissione, qui di seguito elencati in ordine decrescente di frequenza e di probabilità di presenza di atmosfera esplosiva per la presenza di gas a) grado continuo: emissione continua oppure che può avvenire frequentemente o per lunghi periodi b) grado primo: emissione che può essere prevista avvenire periodicamente oppure occasionalmente durante il funzionamento normale c) grado secondo: emissione che non è prevista avvenire nel funzionamento normale e, se essa avviene, è possibile solo poco frequentemente e per brevi periodi Una sorgente di emissione può dar luogo ad uno di questi tre gradi di emissione o ad una loro combinazione. Ventilazione Movimento dell aria o un suo ricambio con aria fresca prodotto dal vento, da un gradiente termico o mediante mezzi artificiali (ventilatori o estrattori). I gas o i vapori in grado di generare un atmosfera esplosiva possono, infatti, essere diluiti nell aria scendendo sotto i livelli minimi di pericolosità. La presenza di una ventilazione efficace permette pertanto di ottenere una riduzione della zona pericolosa. La classificazione può essere distinta in funzione delle sua efficacia o in funzione della sua disponibilità. Guida agli impianti Atex < Introduzione alla normativa < 1. 3 Zone con presenza di gas 9

10 Introduzione alla normativa Nel primo caso distinguiamo tra: Grado di ventilazione alto (VH): Quando la ventilazione è in grado di ridurre la concentrazione in prossimità della sorgente di emissione in modo praticamente istantaneo, limitando la concentrazione al di sotto del limite inferiore di esplodibilità (LEL). Grado di ventilazione medio (VM): Quando la ventilazione è in grado controllare la concentrazione, determinando una zona limitata stabile, sebbene l emissione sia in corso, e dove l atmosfera esplosiva per la presenza di gas non persista eccessivamente dopo l arresto dell emissione. Grado di ventilazione basso (VL): Quando la ventilazione non è in grado di controllare la concentrazione mentre avviene l emissione e/o non può prevenire la persistenza eccessiva di un atmosfera esplosiva dopo l arresto dell emissione. L efficacia di un sistema di ventilazione dipende oltre che dal grado anche dalla disponibilità. La presenza di una ventilazione VH potrebbe, infatti, essere vanificata dalla su scarsa disponibilità (es. un ventilatore guasto). Anche in questo caso la norma CEI EN fornisce alcune definizioni: Ventilazione buona: quando la ventilazione è presente con continuità. Ventilazione adeguata: quando la ventilazione è presente durante il normale funzionamento ma dove sono ammesse interruzioni poco frequenti e comunque di breve durata. Ventilazione scarsa: quando la ventilazione non è in grado di soddisfare i requisiti per essere considerata buona o adeguata ma dove comunque non sono previsti interruzioni di lunga durata. Non è possibile tenere in considerazione il contributo di ventilazione laddove questa non garantisca neanche i criteri minimi necessari a considerarla come scarsa. 10 Guida agli impianti Atex < Introduzione alla normativa < 1. 3 Zone con presenza di gas

11 Introduzione alla normativa Criteri di classificazione La classificazione dei luoghi con pericolo d esplosione è un procedimento alquanto complesso, ma che si basa essenzialmente sull individuazione dei seguenti macro parametri: Numero delle sorgenti d emissione Tipo delle sorgenti d emissione (continue, primo grado, secondo grado) Grado della ventilazione (alta (VH), media (VM), bassa (VL)) Disponibilità della ventilazione (buona, adeguata o scarsa) La determinazione di tali parametri è effettuata basandosi su calcoli complessi che, come già detto, necessitano di possedere conoscenze molto ampie. L effetto della ventilazione sui tipi di zone è sintetizzato nella seguente tabella: GRADO DI EMISSIONE CONTINUO PRIMO SECONDO ** BUONA (Zona 0 NE) Zona non pericolosa * (Zona 1 NE) Zona non pericolosa * (Zona 2 NE) Zona non pericolosa * ALTO ADEGUATA (Zona 0 NE) Zona 2 * (Zone 1 NE) Zona 2 * (Zona 2 NE) Zona non pericolosa * SCARSA (Zona 0 NE) Zona 1 * (Zone 1 NE) Zona 2 * Zona 2 GRADO DI VENTILAZIONE DISPONIBILITÀ DI VENTILAZIONE BUONA Zona 0 Zona 1 Zona 2 MEDIO ADEGUATA Zona 0 circondata da Zona 2 Zona 1 circondata da Zona 2 Zona 2 SCARSA Zona 0 circondata da Zona 1 Zona 1 circondata da Zona 2 Zona 2 *** BASSO BUONA, ADEGUATA O SCARSA Zona 0 Zona 1 o Zona 0 Zona 1 e anche Zona 0 *** * Zona 0 NE, 1 NE o 2 NE indicano una zona teorica dove, in condizioni normali, l estensione è trascurabile. ** La zona 2 creata da un emissione di secondo grado può superare quella imputabile ad un emissione di primo grado o di grado continuo; in tal caso, dovrebbe essere considerata la distanza maggiore. *** È zona 0 se la ventilazione è così debole e l emissione è tale che un atmosfera esplosiva per la presenza d gas esiste praticamente con continuità (cioè si è vicini ad una situazione di assenza di ventilazione ). Guida agli impianti Atex < Introduzione alla normativa < 1. 3 Zone con presenza di gas 11

12 Introduzione alla normativa 1.4 Zone con presenza di polvere Le polveri sono pericolose in quanto possono disperdersi in aria, con qualunque mezzo, formando atmosfere potenzialmente esplosive. Inoltre, strati di polvere possono accendersi e comportarsi come sorgenti di accensione per un atmosfera esplosiva. Oltre alle miscele di polvere e aria, l elemento principale che contraddistingue un ambiente pericoloso per la presenza di polveri è la possibilità che queste si depositino in strati. Se gas e vapori tendono naturalmente a diffondersi laddove la ventilazione è adeguata, le polveri si accumulano su tutte le superfici. Tale fenomeno richiede opportune valutazioni e precauzioni specifiche. Quando lo strato di polvere si trova su una superficie soggetta a riscaldamento durante il normale funzionamento delle apparecchiature, ne aumenta la resistenza termica. Questo fenomeno, se non tenuto in considerazione, potrebbe causare l innalzamento delle temperature raggiunte dalle superfici e dalla polvere stessa che potrebbe quindi iniziare il processo di combustione. Una pulizia periodica degli ambienti soggetti all accumulo di polveri può limitare lo spessore di polvere massimo. La classificazione dei luoghi con pericolo d esplosione per la presenza di polvere è effettuata in modo analogo a quanto previsto per il gas in funzione della probabilità di trovarvi un atmosfera pericolosa Classificazione La norma CEI EN definisce tre zone: Zona 20: Luogo nel quale un atmosfera esplosiva da polvere, sotto forma di una nube di polvere in aria, è presente continuamente, o per lunghi periodi o frequentemente. Zona 21: Luogo nel quale un atmosfera esplosiva di polvere, sotto forma di una nube di polvere in aria, è probabile si presenti occasionalmente nel funzionamento normale. Zona 22: Luogo nel quale un atmosfera esplosiva da polvere, sotto forma di una nube di polvere in aria, non è probabile si presenti nel funzionamento normale ma, se essa si presenta, persisterà solamente per un breve periodo. ZONA PRESENZA DI POLVERI COMBUSTIBILI ESEMPIO DI POSSIBILI ZONE Permanente Per lunghi periodi Frequentemente Occasionale Poco probabili Per brevi periodi Sistemi di contenimento di polveri (filtri, cicloni) Sistemi di trasporto di polveri Interno di miscelatori, macine, essiccatori, essiccatoi Aree esterne ai contenimento di polvere Vicinanza dei punti di riempimento e svuotamento Uscite degli sfiati degli involucri dei filtri Aree vicine ad apparecchiature che si aprono poco frequentemente Magazzini di scacchi Nella seguente tabella vengono definite le idoneità dei prodotti in funzione delle categorie e delle zone POLVERE ZONA 20 ZONA 21 ZONA 22 Categoria 1D Idonea Idonea Idonea Categoria 2D / Idonea Idonea Categoria 3D / / Idonea 12 Guida agli impianti Atex < Introduzione alla normativa < 1. 4 Zone con presenza di polvere

13 Introduzione alla normativa Alcune definizioni utili Polvere Termine generico che include sia la polvere combustibile che le particelle solide combustibili. Polvere combustibile Particelle solide finemente suddivise, di dimensioni nominali uguali o inferiori a 500 µm, che possono essere sospese nell aria, possono depositarsi nell atmosfera a causa del peso proprio, possono bruciare o divenire incandescenti, e possono formare miscele esplosive con l aria a pressione atmosferica e temperature normali. Questa definizione può anche includere polvere e graniglia come definite nella ISO Contenimento della polvere Involucro di un apparecchio di processo previsto per trattare, processare, trasportare o contenere materiali, al suo interno, che impedisce l emissione di polvere combustibile nell atmosfera circostante. Sorgente di emissione della polvere Punto o parte dal quale la polvere combustibile può essere rilasciata nell atmosfera Criteri di classificazione Analogamente a quanto previsto per la classificazione dei luoghi pericolosi dovuti alla presenza di gas, anche la classificazione per la polvere è un procedimento complesso che si basa sull individuazione del tipo e numero delle sorgenti di emissione. Talvolta può accadere che, a seconda delle condizioni dell impianto, l introduzione di adeguati apparecchi per la ventilazione permetta di classificare come zona 22 aree che altrimenti sarebbero da considerare come zona 21. Ogni sorgente di emissione deve essere identificata e il suo o i suoi gradi di emissione devono essere determinati. I gradi di emissione sono i seguenti: grado di emissione continuo: dove una nube di polvere esiste continuamente, o può essere prevista continuare per lunghi periodi, o per periodi brevi che avvengono frequentemente; grado di emissione primo: emissione che può essere prevista avvenire periodicamente oppure occasionalmente durante il funzionamento normale. Per esempio, immediatamente attorno al punto di riempimento o svuotamento di un sacco aperto; grado di emissione secondo: emissione che non è prevista avvenire nel funzionamento normale e, se essa avviene, è possibile solo poco frequentemente e per brevi periodi. Per esempio, un impianto dove si manipolano polveri nel quale sono presenti depositi di polvere. Sulla base della probabilità di formazione di atmosfere esplosive da polvere, i luoghi possono essere designati secondo la seguente tabella: PRESENZA DI POLVERE ZONA RISULTANTE DA CLASSIFICAZIONE DEL LUOGO CON NUBI DI POLVERE Grado di emissione continuo 20 Grado di emissione primo 21 Grado di emissione secondo 22 Guida agli impianti Atex < Introduzione alla normativa < 1. 4 Zone con presenza di polvere 13

14 Introduzione alla normativa 1.5 Classificazione dei prodotti La Direttiva 94/9/CE classifica i prodotti in relazione alle zone dove ne è possibile l installazione e, in ultima analisi, in funzione del grado di pericolosità dell ambiente dove questi saranno inseriti e dove saranno destinati a funzionare. La prima distinzione è effettuata dividendo i prodotti in due gruppi: Gruppo I: Prodotti destinati ad essere installati in miniere ove è presente o è possibile la presenza di grisou Gruppo II: Prodotti destinati ad essere installati in luoghi diversi dalle miniere ove è presente o è possibile la presenza di grisou Prodotti di Gruppo I I prodotti di gruppo I si caratterizzano dalla installazione in ambienti ove, data la presenza del grisou, il pericolo d esplosione è elevato o molto elevato. La Direttiva 94/9/CE distingue tra i prodotti destinati a continuare a funzionare anche in presenza di tensione e quelli invece che, in tali frangenti, devono poter essere messi fuori tensione. In particolare sono definite le categorie: Categoria M1: Prodotti di gruppo I che, per il rischio molto elevato di presenza di grisou, debbono poter continuare a funzionare anche in presenza del gas senza innescare esplosioni anche qualora vi siano due possibili malfunzionamenti contemporanei. Questi prodotti sono caratterizzati inoltre dalla necessità di prevedere un doppio sistema di protezione. Categoria M2: Prodotti di gruppo I che devono poter essere messi fuori tensione in presenza del gas Prodotti di Gruppo II I prodotti di gruppo II possono essere installati solo negli ambienti diversi dalle miniere ove è possibile la presenza di grisou. Anche in questo caso la direttiva suddivide i prodotti in diverse categorie in funzione della pericolosità degli ambienti a cui sono destinati. In particolare sono identificati tre diversi livelli equivalenti ad un grado di pericolosità molto elevato, elevato o normale: Categorie 1G (pericolo d esplosione indotto dalla presenza di gas) o 1D (pericolo d esplosione indotto dalla presenza di polvere): Prodotti destinati ad essere installati in ambienti ove il rischio d esplosione è molto elevato. Analogamente a quanto previsto per la categoria M1 questi devono poter continuare a funzionare anche in presenza del gas o delle polveri senza innescare esplosioni anche qualora vi siano due possibili malfunzionamenti contemporanei. Questi prodotti sono caratterizzati inoltre dalla necessità di prevedere un doppio sistema di protezione. Categorie 2G (pericolo d esplosione indotto dalla presenza di gas) o 2D (pericolo d esplosione indotto dalla presenza di polvere): Prodotti destinati ad essere installati in ambienti ove il rischio d esplosione è elevato. Questi devono continuare a funzionare anche in presenza d anomalie che, per la natura dell ambiente, sono probabili. Categorie 3G (pericolo d esplosione indotto dalla presenza di gas) o 3D (pericolo d esplosione indotto dalla presenza di polvere): Prodotti destinati ad essere installati in ambienti ove il rischio d esplosione è normale. Questi devono continuare solo in situazioni normali e in assenza di guato. 14 Guida agli impianti Atex < Introduzione alla normativa < 1.5 Classificazione dei prodotti

15 Introduzione alla normativa Sistema di protezione CATEGORIA SISTEMA DI PROTEZIONE CONDIZIONI DI FUNZIONAMENTO LIVELLO DI SICUREZZA Gruppo I Gruppo II Doppia protezione Sicurezza anche per doppia anomalia Condizioni di funzionamento Livello di sicurezza M1 Sì Sì (in alternativa) I prodotti debbono restare in funzionamento anche in presenza di gas Molto alto M2 Protezione garantita in situazioni normali e gravose Alimentazione interrotta in presenza di gas Elevato 1G Sì Sì (in alternativa) A seconda della zona d installazione (0,1,2) Molto alto 2G Protezione garantita in situazioni normali e nel caso di frequenti disturbi e di possibili guasti A seconda della zona d installazione (0,1,2) Elevato 3G Protezione adatta al funzionamento normale A seconda della zona d installazione (0,1,2) Normale 1D Si Sì (in alternativa) A seconda della zona d installazione (20,21,22) Molto alto 2D Protezione garantita in situazioni normali e nel caso di frequenti disturbi e di possibili guasti A seconda della zona d installazione (20,21,22) Elevato 3D Protezione adatta al funzionamento normale A seconda della zona d installazione (20,21,22) Normale Guida agli impianti Atex < Introduzione alla normativa < 1.5 Classificazione dei prodotti 15

16 Introduzione alla normativa Targhetta identificativa I prodotti dovranno essere dotati di apposita targhetta identificativa che dovrà riportare, oltre ai dati richiesti dalla norma di prodotto applicabile, anche una serie di indicazioni utili ai fini di una corretta identificazione ed utilizzo del prodotto. Tale identificazione si distingue a seconda del tipo di ambiente al quale tale apparecchiatura è destinata: in particolare si distingue il caso in cui essa è disponibile all uso in ambiente con pericolo derivante dalla presenza di gas oppure di polvere. Di seguito vengono riportate le principali indicazioni presenti sulle targhette identificative dei prodotti con le relative note esplicative del loro significato. N. dettaglio* Esempio di indicazione Significato Eventuali varianti 1 GEWISS Indica il costruttore del prodotto 2 Via A. Volta, 1 CENATE SOTTO - ITALY Indica l indirizzo del fabbricante 3 GW XX XXX Indica la designazione del prodotto INFORMAZIONI GENERALI 4 04/04/ Indica la data di costruzione del prodotto e permette di identificarne il lotto di produzione. Indica il rispetto delle Direttiva Europee applicabili. 6 Indica il rispetto della Direttiva 94/9/CE 7 II Indica il gruppo della costruzione elettrica in accordo a quanto definito dalla Direttiva 94/9/CE. 8 3 Indica la categoria di appartenenza Per i prodotti di categoria 1 e 2 deve essere seguito dal numero di identificazione dell organismo di certificazione. I: costruzione destinata a miniere grisou tose II: costruzione destinata ad ambienti che potrebbero essere messi in pericolo da atmosfere esplosive diverse da quelle del gruppo I. 1: categoria 1 2: categoria 2 3: categoria 3 9 GD 10 Ex Indica il tipo di ambiente a cui la costruzione è destinata Indica la conformità alle norme europee armonizzate. G: prodotto adatto al solo gas D: prodotto adatto alla sola polvere GD: prodotto adatto al gas e alla polvere. GAS 11 na * Vedere rappresentazione etichetta ATEX a pag. 20 Indica il tipo di protezione attuato. La seconda lettera specifica il livello di protezione. d : custodie a prova di esplosione p : modo di protezione a sovrapressione interna q : costruzioni a riempimento polverulento o : costruzioni immerse in olio e : modo di protezione a sicurezza aumentata i : sicurezza intrinseca n : modo di protezione n m : protezione mediante incapsulamento 16 Guida agli impianti Atex < Introduzione alla normativa < 1.5 Classificazione dei prodotti

17 Introduzione alla normativa N. dettaglio* Esempio di indicazione Significato Eventuali varianti 12 IIC Indica il gruppo della costruzione elettrica adatta all installazione in ambienti con presenza di gas in accordo a quanto definito dalla norma. La lettera (A, B o C) indica la tipologia di gas presente nell ambiente in cui il prodotto può essere installato. IIA: prodotto adatto ad atmosfere con presenza di propano. IIB: prodotto adatto ad atmosfere con presenza di etilene. (IIB è adatto anche per ambienti dove è richiesto IIA) IIC: prodotto adatto ad atmosfere con presenza di idrogeno. (IIC è adatto anche per ambienti dove è richiesto IIA o IIB) GAS 13 Tx Indica la massima temperatura superficiale che può raggiungere la costruzione elettrica attraverso la classe di temperatura. In alternativa viene indicata la temperatura ambiente ove è possibile installare la costruzione direttamente in C. Tx: indica la classe di temperatura: T1 = 450 C T2 = 300 C T3 = 200 C T4 = 135 C T5 = 100 C T6 = 85 C Ta: indica il range ammissibile per la temperature ambiente 14 Gc Indica il livello di protezione del prodotto in presenza di gas. Ga: livello di protezione molto alto Gb: livello di protezione elevato Gc: livello di protezione normale 15 Ex Indica la conformità alle norme europee armonizzate. 16 tc Indica il tipo di protezione attuato. La seconda lettera specifica il livello di protezione. m : protezione mediante incapsulamento t : protezione mediante custodia pd : protezione mediante pressurizzazione POLVERI 17 IIIC Indica il gruppo della costruzione elettrica adatta all installazione in ambienti con presenza di polveri in accordo a quanto definito dalla norma. La lettera (A, B o C) indica la tipologia di polvere presente nell ambiente in cui il prodotto può essere installato. IIIA: IIIB: IIIC: prodotto adatto ad atmosfere con presenza di particelle combustibili. prodotto adatto ad atmosfere con presenza di polvere non conduttrice. (IIB è adatto anche per ambienti dove è richiesto IIA) prodotto adatto ad atmosfere con presenza di polvere conduttrice. (IIC è adatto anche per ambienti dove è richiesto IIA o IIB) 18 Txx Indica la massima temperatura superficiale che può raggiungere la costruzione elettrica. In alternativa viene indicata la temperatura ambiente ove è possibile installare la costruzione direttamente in C Txx C: Massima temperatura delle superfici a contatto della polvere. Ta: indica il range ammissibile per la temperature ambiente 19 Dc Indica il livello di protezione del prodotto in presenza di polvere Da: Db: Dc: livello di protezione molto alto livello di protezione elevato livello di protezione normale INFORMAZIONI AGGIUNTIVE 20 U 21 X Indica che il prodotto è un componente ATEX Indica la presenza di indicazioni particolari aggiuntive * Vedere rappresentazione etichetta ATEX a pag. 20 Guida agli impianti Atex < Introduzione alla normativa < 1.5 Classificazione dei prodotti 17

18 Introduzione alla normativa Di seguito sono riportati alcuni esempi delle tipologie di prodotto offerte da Gewiss. A fianco di ogni prodotto si trova un ingrandimento delle informazioni stampate sul prodotto stesso. Una marcatura così dettagliata permette di verificare velocemente la corretta installazione di tutti i dispositivi confrontando le caratteristiche tecniche del prodotto e quelle richieste dall ambiente in cui è posizionato. Cassetta di derivazione GW Via A. Volta, Cenate Sotto (BG) - ITALY 12/10/12 IP66 II 3GD Ex na IIC Gc Ex tc IIIC Dc -20 C Ta 85 C U 8 e 9 11 e e Guida agli impianti Atex < Introduzione alla normativa < 1.5 Classificazione dei prodotti

19 Presa fissa verticale interbloccata senza fondo II 3 D 12/10/12 U Ex tc IIIC T85 C D c Via A. Volta, Cenate Sotto (BG) - ITALY GW P+N+ IP h 200/ /415~ Guida agli impianti Atex < Introduzione alla normativa < 1.5 Classificazione dei prodotti 19

20 Guida applicativa agli impianti 2.1 Centrali termiche a gas Tipologia di impianto In questa sezione si focalizza l attenzione sui locali o insieme di locali (purché direttamente comunicanti tra loro) in cui vi sia installato un impianto termico per la produzione di calore di potenza superiore a 35 kw (30000 kcal/h). Il pericolo di esplosione è legato alla presenza del gas utilizzato per la combustione che potrebbe fuoriuscire dall impianto Riferimenti legislativi e normativi PRINCIPALE LEGISLAZIONE APPLICABILE La principale disposizione legislativa riguardante la classificazione dei luoghi con pericolo di esplosione è il D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 (GU n del suppl. Ordinario n. 108) relativo all attuazione delle direttive europee in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, integrato e corretto dal D.Lgs. n. 106 del 3 agosto Altri riferimenti legislativi applicabili sono: D.Lgs. 12 Giugno 2003, n. 233 Attuazione della direttiva 1999/92/CE relativa alle prescrizioni minime per il miglioramento della tutela della sicurezza e lo salute dei lavoratori esposti al rischio di atmosfere esplosive. DPR 15 Novembre 1996, n. 661 Regolamento per l attuazione della direttiva 90/396/CE, concernente gli apparecchi a gas. DM 12 Aprile 1996 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi. CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI Le principali norme di riferimento per definire la suddivisione dei locali in base alla presenza di atmosfere esplosive sono: CEI EN (CEI 31-87): Atmosfere esplosive. Parte 10-1: Classificazione dei luoghi. Atmosfere esplosive per la presenza di gas. CEI 31-35: Atmosfere esplosive. Guida alla classificazione dei luoghi con pericolo di esplosione per la presenza di gas in applicazione della Norma CEI EN (CEI 31-87). REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DELL IMPIANTO Le norme di riferimento relative alla realizzazione e manutenzione degli impianti elettrici sono: CEI EN (CEI 31-33): Atmosfere esplosive. Parte 14: Progettazione, scelta e installazione degli impianti elettrici. CEI EN (CEI 31-34): Atmosfere esplosive. Parte 17: Verifica e manutenzione degli impianti elettrici Definizioni Impianto interno: complesso delle condotte compreso tra il punto di consegna del gas e gli apparecchi utilizzatori (questi esclusi); impianto termico: complesso dell impianto interno, degli apparecchi e degli eventuali accessori, destinato alla produzione di calore; 20 Guida agli impianti Atex < Guida applicativa agli impianti < 2.1 Centrali termiche a gas

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22 pag. E- Descrizione Recuperatore di calore compatto con configurazione attacchi fissa (disponibili 8 varianti. Cassa autoportante a limitato sviluppo verticale con accesso laterale per operazioni d ispezione/manutenzione.

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

Sensore Intrinsecamente Sicuro Flo-Dar

Sensore Intrinsecamente Sicuro Flo-Dar DOC026.57.00817 Sensore Intrinsecamente Sicuro Flo-Dar Sensore radar senza contatto a canale aperto con sensore della velocità di sovraccarico opzionale MANUALE UTENTE Marzo 2011, Edizione 2 Sommario

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Livelli Soglie Pressione 2 VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Indice Indice 1 Descrizione dell'apparecchio...4 1.1 Struttura...

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO INDICE 1. Premessa 2. Infortuni da elettrocuzione 3. Pericolosità della corrente elettrica 4. Pericolosità della differenza di potenziale 5. Indicazione

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE

ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE ELENCO DIRETTIVE DEL NUOVO APPROCCIO CHE PREVEDONO L APPOSIZIONE DELLA MARCATURA CE PREMESSA La parte IV Titolo I artt. da 102 a 113 del Codice del Consumo costituisce il recepimento nazionale della Direttiva

Dettagli

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw Serie BRIO Approfittate dei vantaggi BALMA Fin dal 1950, BALMA offre il giusto mix di flessibilità ed esperienza per il mercato industriale, professionale e hobbistico

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici Infortuni Ogni giorno si verificano quasi quattro (4) infortuni mortali sul lavoro. Di questi uno (1) avviene per cause elettriche.

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli