S E D E. AREA CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Unità Pianificazione ICT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "S E D E. AREA CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Unità Pianificazione ICT"

Transcript

1 Roma, 23 dicembre 2008 Protocollo: Rif.: n R.U. Alle Direzioni Regionali delle Dogane Agli Uffici delle Dogane Allegati: 2 LORO SEDI Alle Aree Centrali Agli Uffici di diretta Collaborazione del Signor Direttore Ai Sigg.ri Dirigenti di Vertice di diretta Collaborazione del Signor Direttore Al Servizio Autonomo Interventi nel Settore Agricolo S E D E OGGETTO: Sistema AIDA Operatività nelle giornate 1, 2, 3, 4 gennaio All'Unione Italiana delle Camere di Commercio, Industria, Agricoltura e Artigianato Alla Camera di Commercio Internazionale Alla Confederazione Generale dell'industria Italiana Alla Confederazione Generale Italiana del Commercio e del Turismo Alla Confederazione Generale dell'agricoltura AREA CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Unità Pianificazione ICT Roma, Via Mario Carucci, 71 Telefono Fax

2 Alla Confederazione Generale Italiana dell'artigianato Al Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali All Associazione Nazionale Spedizionieri Doganali All'Associazione Nazionale Centri di Assistenza doganale Alla Federazione Nazionale delle Imprese di Spedizioni Internazionali Alla Confetra - Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica Alla Agritermo S.p.A. Alla Alpha Trading S.p.A. Alla ANAEE Alla Anonima Petroli Italiana Alla Arcola Petroli All ASSICC All Assobirra 2

3 All Assodistil Alla Assocostieri Alla Assogasliquidi Alla Assopetroli Alla Blanco Petroli s.r.l. Alla Butangas S.p.A. Alla DECAL Alla Energas S.p.A. All E.N.I. Alla Federchimica Alla Federvini Alla Fox Peetroli S.p.A. Alla Iinformatica Valdinievole s.r.l Alla Italcost 3

4 Alla IPEM Alla IPLOM Alla IROP Alla P.I.R. S.p.A. Alla OICCE Alla Petra S.p.A. Alla Petrolchimica Partenopea Alla Polimeri Europa Alla San Marco Petroli Alla SIC s.r.l. sic-online.it Alla SIGEMI Alla Synthesis S.p.A. Alla Unione Petrolifera 4

5 Alla Ultragas Alla Viscolube S.p.A. All Assocarboni Ass. Gen. Operatori Carboni Alla Federutility All APER Assoc. Produtt. Energia da Fonti Rinnovabili Piazza L. di Savoia 24 - Milano Fax All Associazione Italiana delle Imprese Cosmetiche All Istituto del Liquore Fax All Istituto Nazionale Grappa Allo scopo di effettuare operazioni di manutenzione straordinaria al sistema informatico, volte ad assicurare una più efficiente erogazione dei servizi, il sistema non sarà disponibile nell orario di apertura degli uffici, nelle giornate lavorative di venerdì 2 e sabato 3 gennaio Inoltre, in ragione della complessità degli interventi di manutenzione previsti, il servizio telematico per la presentazione dei manifesti e delle operazioni di transito T2, normalmente operante 23 ore su 24, 7 giorni su 7, non sarà disponibile dal 1 gennaio al 4 gennaio. Gli uffici territoriali nelle giornate del 2 e del 3 gennaio effettueranno le operazioni in conformità a quanto disposto dal titolo III Procedure in caso di interruzione del collegamento delle IFMUD (D.M. 21 luglio1982) - cfr. allegato 1. 5

6 Il sistema tornerà disponibile in ogni sua componente dalle ore 7,30 del 5 gennaio Vengono di seguito descritte istruzioni di dettaglio volte a minimizzare eventuali ricadute sugli operatori economici e sugli uffici operativi. I Signori Direttori Regionali, sulla base di una più dettagliata conoscenza delle singole realtà operative e delle esigenze degli operatori economici a livello territoriale vorranno provvedere, ove lo ritengano necessario, ad una loro integrazione, non mancando di informare la scrivente. Registrazione dei manifesti Allo scopo di consentire la generazione anticipata delle partite di A3, da citare nelle successive dichiarazioni di esito, si richiede di anticipare, ove possibile, entro le 14,00 del 31 dicembre 2008 la trasmissione telematica dei dati dei manifesti o la loro presentazione su supporto magnetico/ottico, relativi a merci il cui arrivo è previsto nelle giornate del 1, 2, 3, 4 gennaio Nel caso in cui non fosse possibile tale anticipo l invio telematico dei dati in questione potrà essere effettuata a partire dalle ore 7,30 del 5 gennaio 2009 prima della registrazione delle relative dichiarazioni di esito. Trattamento delle dichiarazioni nelle giornate del 2 e 3 gennaio 2009 Importazione in procedura di domiciliazione: tali operazioni andranno effettuate nel rispetto della procedura che prevede l invio del preavviso e la presentazione nei tempi stabiliti dai relativi disciplinari della successiva dichiarazione complementare. La registrazione delle dichiarazioni complementari nel sistema AIDA sarà effettuata a partire dal giorno 5 gennaio. Le dichiarazioni saranno inviate per via telematica o 6

7 presentate su supporto magnetico/ottico dopo essere state completate nel campo relativo alla casella 40 con gli estremi della relativa partita di A3. Tali dichiarazioni saranno quindi inviate dopo la trasmissione e la convalida del relativo manifesto merci in arrivo o dopo la generazione delle relative partite di temporanea custodia ( Msg. AP), in modo da garantire il corretto scarico delle partite di A3. Esportazione in procedura di domiciliazione: tali operazioni andranno effettuate con la procedura che prevede l invio del preavviso e la presentazione nei tempi stabiliti dai relativi disciplinari della successiva dichiarazione complementare, che potrà essere registrata, a partire dal 5 gennaio 2009 e pertanto non saranno trattate in ambito ECS. Inoltre, per quanto riguarda le operazioni di esportazione abbinate a transito dovranno essere scortate sino all ufficio di destinazione con le copie 3, 4 e 5 del DAU. Transito in procedura semplificata: tali operazioni non saranno gestite in NCTS e dovranno essere effettuate osservando quanto indicato nel disciplinare di autorizzazione delle procedura in questione. Le relative spedizioni dovranno essere scortate sino all ufficio di destinazione con le copie 4 e 5 del DAU. Importazione in procedura ordinaria: le dichiarazioni, redatte sul formulario DAU, saranno presentate all ufficio doganale, che provvederà alla loro accettazione e registrazione sui registri manuali. Si rammenta agli uffici territoriali che le dichiarazioni saranno acquisite sul sistema AIDA a partire dal 5 gennaio 2009, dopo aver richiesto al dichiarante od al suo rappresentante il completamento della dichiarazione con gli estremi della eventuale partita di A3 da scaricare, secondo le modalità indicate nella circolare n. 5/D del 13 gennaio 1998 (cfr.allegato 2), utilizzando la funzione disponibile in AIDA nel menu Dogane operazioni doganali gestione dichiarazioni importazione PMS. Esportazioni in procedura ordinaria: tali operazioni verranno effettuate al di fuori del sistema ECS; le dichiarazioni redatte sul formulario DAU vengono presentate all ufficio doganale, che provvede alla loro accettazione e registrazione sui registri manuali. Le merci viaggiano scortate dall esemplare 3 del DAU, che andrà presentato all ufficio di uscita ai fini dell espletamento delle relative formalità. Si rammenta agli uffici territoriali che le 7

8 dichiarazioni saranno acquisite sul sistema AIDA a partire dal 5 gennaio 2009, secondo le modalità indicate nella circolare n. 5/D del 13 gennaio 1998 (cfr.allegato 2), utilizzando la funzione disponibile in AIDA nel menu Dogane operazioni doganali gestione dichiarazioni esportazione PMS. Ope razioni di transito in procedura ordinaria: tali operazioni non saranno gestite in NCTS. Le dichiarazioni relative ad operazioni effettuate in procedura ordinaria, redatte sul formulario DAU saranno presentate all ufficio doganale, che provvederà alla loro accettazione e registrazione sui registri manuali. Le merci viaggeranno scortate dagli esemplari 4 e 5 del DAU da presentare all ufficio di destinazione ai fini dell espletamento delle relative formalità. Si rammenta agli uffici di eseguire la stampa delle garanzie globali (per il transito) il 31 dicembre p.v. attivando la funzionalità Consultazione presente nel menù Dogane Operazioni Contabili Contabilità Ordinaria Garanzie,ai fini di un più agevole controllo sulla loro disponibilità. Procedure accise Relativamente agli obblighi relativi ali operatori del settore accise, si rammenta che, in caso di indisponibilità del sistema informatico dell Agenzia, indipendentemente dalla sua durata, i soggetti tenuti all invio telematico, non appena ripristinato il sistema, provvedono all invio telematico dei dati che non sono stati in grado di trasmettere a causa di detta indisponibilità, e di conseguenza tale invio dovrà essere effettuato a partire dal 5 gennaio Il Direttore dell Area Centrale f.to Teresa Alvaro Firma autografa sostituita a mezzo stampa ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.lgs.39/93 8

9 Allegato 1 DECRETO MINISTERIALE 21 luglio 1982 ISTRUZIONI PER IL FUNZIONAMENTO MECCANOGRAFICO DEGLI UFFICI DOGANALI TITOLO III PROCEDURE IN CASO DI INTERRUZIONE DEL COLLEGAMENTO Capo I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 43 (Applicabilità) Le disposizioni del presente titolo si applicano quando il collegamento tra l'elaboratore elettronico e i terminali periferici viene, per qualsiasi causa, ad essere interrotto e l'interruzione e' prevista o si e' effettivamente protratta per una durata superiore ai trenta minuti. Le disposizioni dei capi II e III del presente titolo si applicano, altresì, nei casi di operazioni da compiersi, su autorizzazione del capo della dogana, oltre l'orario di chiusura del tempo reale. Art. 44 (Temporanea custodia delle merci) Nell'impossibilità di eseguire la generazione delle schede partita A3, le merci introdotte nei magazzini o recinti di temporanea custodia vengono iscritte nel registro A 3 previsto dalle istruzioni sui registri e sugli altri stampati per le scritture doganali. Ai fini dell'applicazione dell'articolo 7, l'iscrizione nel registro A 3 tiene luogo della generazione della scheda partita A3. Dopo la ripresa del collegamento, le partite eventualmente ancora inappurate sul registro A 3 manuale sono riportate nei registri meccanografici mediante l'esecuzione del messaggio di cui all'articolo 5. Le schede partita A3 generate danno scarico al registro A 3 manuale e costituiscono, a loro volta, il precedente allibramento delle successive dichiarazioni o bollette di esito. 6

10 Art. 45 (Riscossione dei diritti annotati a debito) La riscossione dei diritti annotati nei conti di debito meccanografici è rinviata alla ripresa del collegamento. Tuttavia, qualora la parte ne faccia richiesta ovvero l'interruzione del collegamento sia prevista o si sia effettivamente protratta per più' di 24 ore, il cassiere procede alla riscossione immediata dei diritti suddetti dietro rilascio di quietanza redatta su apposita serie "PMS" del bollettario mod. A 98 ed annota l'operazione sul registro A 12, serie "PMS", di cui all'articolo 51, iscrivendovi i seguenti dati: a) numero d'ordine progressivo bimestrale e data della riscossione; b) estremi identificativi della quietanza A 98 rilasciata alla parte; a) importo totale dei diritti riscossi. Nell'ipotesi di cui al precedente comma, il contabile deve comunque procedere, alla ripresa del collegamento, alla registrazione meccanografica delle somme riscosse, con l'osservanza della procedura di cui all'art. 21 e facendone menzione sul registro A 12, serie "PMS". L'esemplare figlia della quietanza A 98 bis dev'essere allegata a matrice della corrispondente quietanza A 98. Art. 46 (Rinvio di alcuni adempimenti meccanografici) L'esecuzione dei messaggi previsti nei capi III, IV e V del titolo II delle presenti istruzioni e' rinviata alla ripresa del collegamento. Tuttavia, se l'interruzione del collegamento si protrae oltre l'orario di chiusura del tempo reale, il messaggio di chiusura delle operazioni di accertamento e' effettuato, per conto della sezione, dal centro elaborazione dati. Capo II TRATTAMENTO DELLE DICHIARAZIONI PRESENTATE DURANTE L'INTERRUZIONE DEL COLLEGAMENTO Art. 47 (Registrazione delle dichiarazioni) La registrazione delle dichiarazioni per l'introduzione in deposito e' rinviata alla ripresa del collegamento. L'introduzione delle merci nei magazzini viene nel frattempo consentita con la procedura del buono unico o, se ricorre il caso, dei buoni a riprese, prevista dalle vigenti disposizioni. 7

11 La registrazione delle dichiarazioni diverse da quelle per l'introduzione in deposito e' effettuata, durante l'interruzione del collegamento fra l'elaboratore e i terminali periferici, sui registri manuali corrispondenti alla destinazione doganale richiesta, con l'osservanza delle modalità stabilite dalle istruzioni sui registri e sugli altri stampati per le scritture doganali. Per le operazioni d'importazione definitiva da ammettere al pagamento periodico e/o differito dei diritti sarà tenuta una serie separata del registro mod. A 7. Le dichiarazioni registrate ai sensi del precedente comma sono prese in carico dal contabile sul registro di cassa mod. A 12 bis. Alla ripresa del collegamento, gli introiti accertati sui registri di cui al terzo comma sono iscritti nel registro meccanografico degli accertamenti a norma dell'articolo 35. Art. 48 (Riscossione dei diritti) La riscossione dei diritti dovuti a fronte di dichiarazioni registrate ai sensi dell'art. 47, terzo comma, e' effettuata con l'osservanza delle modalità stabilite dalle istruzioni sui registri e sugli altri stampati per le scritture doganali. Alla ripresa del collegamento, le somme riscosse sono iscritte nei registri meccanografici a norma dell'articolo 36. Art. 49 (Annotazione a debito) Nel caso di interruzione riguardante soltanto la sezione, il contabile ammette al pagamento periodico e/o differito i diritti dovuti a fronte di dichiarazioni d'importazione definitiva registrate durante l'interruzione del collegamento ai sensi dell'art. 47, terzo comma, procrastinando il controllo della congruità della cauzione prestata o del fido concesso alla ripresa del collegamento. Qualora, tuttavia, vi sia motivo di presumere che la disponibilità esistente sul conto di debito meccanografico sia insufficiente a garantire i diritti dovuti in relazione alle operazioni in corso, il contabile provvede a richiedere al centro elaborazione dati l'ammontare della suddetta disponibilità per gli opportuni controlli. Se l'interruzione riguarda il centro elaborazione dati e, conseguentemente, tutte le sezioni meccanizzate, queste ultime debbono controllare che l'ammontare dei diritti annotati o da annotare a debito non superi, per ciascun conto, la quota parte della cauzione o del fido attribuita a ciascuna di esse ai sensi dell'articolo 39. Le sezioni presso le quali detta quota risulti insufficiente, debbono immediatamente richiedere, a mezzo fonogramma, il trasferimento da altre sezioni delle quote disponibili presso di esse. La conferma scritta dell'avvenuto trasferimento è inviata, per conoscenza, al ricevitore che ha disposto l'apertura del conto di debito. Le quote trasferite restano assegnate alla sezione beneficiaria. 8

12 Compiute le operazioni di cui ai precedenti commi, il contabile autorizza l'ulteriore esito dell'operazione d'importazione definitiva apponendo sulla dichiarazione, nello spazio riservato all'annotazione a debito, la propria firma e il timbro a calendario dell'ufficio. In ogni caso, risultando la cauzione o il fido scaduti o insufficienti, il contabile non ammette i diritti al pagamento periodico e/o differito fino a quando le garanzie non vengono debitamente prestate o integrate. Alla ripresa del collegamento, il contabile procede all'iscrizione dei diritti nei conti di debito meccanografici ai sensi dell'articolo 35, ultimo comma. Art. 50 (Rettifiche) Se dal controllo delle dichiarazioni registrate ai sensi dell'art. 47, terzo comma, sono emerse difformità, la dogana procede al recupero dei maggiori diritti dovuti dall'operatore con emissione di bolletta di riscossione suppletiva, ovvero, promuove d'ufficio la procedura per il rimborso o lo sgravio di quelli riscossi o addebitati in più. Capo III TRATTAMENTO DELLE DICHIARAZIONI REGISTRATE PRIMA DELL'INTERRUZIONE DEL COLLEGAMENTO Art. 51 (Riscossione dei diritti) Nell'impossibilità di eseguire il messaggio di cui all'articolo 11 a fronte di dichiarazioni registrate prima dell'interruzione del collegamento, il cassiere, ricevuto il versamento dei diritti dovuti in base al dichiarato, appone manualmente sulla dichiarazione la debita quietanza ed annota l'operazione su apposita serie "PMS" del registro mod. A 12 iscrivendovi i seguenti dati: a) numero d'ordine progressivo bimestrale e data della riscossione; b) estremi di registrazione della dichiarazione; c) importo totale dei diritti riscossi. Alla ripresa del collegamento, il cassiere provvede alla registrazione meccanografica delle somme riscosse mediante l'invio all'elaboratore del messaggio di cui all'articolo 11, facendone menzione sul registro A 12, serie "PMS". Art. 52 (Annotazione a debito) Nell'impossibilità di eseguire il messaggio di cui all'articolo 12 a fronte di dichiarazioni registrate prima dell'interruzione del collegamento, il contabile, tenuto conto 9

13 dell'avvenuto controllo circa la validità del conto di debito e la congruità della cauzione prestata o del fido concesso, autorizza l'ulteriore esito dell'operazione doganale apponendo sulla dichiarazione, nello spazio riservato all'annotazione a debito, la propria firma e il timbro a calendario dell'ufficio. Alla ripresa del collegamento, il contabile esegue il messaggio di cui all'articolo 12 e completa la dichiarazione con la data di scadenza del pagamento e con il numero progressivo annuale di iscrizione della stessa nel conto di debito meccanografico. Art. 53 (Rettifiche) La registrazione di eventuali rettifiche su dichiarazioni registrate prima dell'interruzione del collegamento, la relativa riscossione o il relativo rimborso dei diritti, ovvero, la relativa modifica dell'importo annotato a debito sono rinviati alla ripresa del collegamento. Ai fini del rilascio delle merci, la dogana consegna all'operatore interessato gli esemplari della dichiarazione di pertinenza del medesimo, dopo averla munita di apposita autorizzazione e dopo aver assunto idonea cauzione a garanzia degli eventuali maggiori diritti dovuti. L'autorizzazione al rilascio delle merci giustifica, ai fini del servizio di riscontro, la mancanza delle annotazioni relative agli atti di cui al primo comma. Art. 54 (Riscossione o rimborso diritti per rettifiche registrate prima dell'interruzione del collegamento) Nell'impossibilità di eseguire il messaggio di cui all'articolo 15 a fronte di rettifiche registrate prima dell'interruzione del collegamento, il cassiere, ricevuto il versamento dei maggiori diritti dovuti, ovvero, eseguito il rimborso delle somme pagate in più, appone o ritira dal percipiente la debita quietanza sulla bolletta ed annota l'operazione sul registro A 12, serie "PMS", iscrivendovi i seguenti dati: a) numero d'ordine progressivo bimestrale e data della riscossione; b) estremi di registrazione delle rettifiche; c) importo totale dei diritti riscossi o rimborsati, in separate colonne. Alla ripresa del collegamento, il cassiere provvede alla registrazione meccanografica delle somme riscosse o rimborsate mediante l'invio all'elaboratore del messaggio di cui all'articolo 15, facendone menzione sul registro A 12, serie "PMS". Art. 55 (Modifica importo annotato a debito per rettifiche registrate prima dell'interruzione del collegamento) 10

14 Nell'impossibilità di eseguire il messaggio di cui all'articolo 16 a fronte di rettifiche registrate prima dell'interruzione del collegamento, il contabile, tenuto conto dell'avvenuto controllo circa la validità del conto di debito e la congruità della cauzione prestata o del fido concesso, autorizza l'ulteriore esito dell'operazione doganale apponendo sulla bolletta, nello spazio riservato all'annotazione a debito, la propria firma e il timbro a calendario dell'ufficio. Alla ripresa del collegamento, il contabile esegue il messaggio di cui all'articolo 16 e completa la bolletta con la data di scadenza del pagamento e con il numero progressivo annuale di iscrizione della stessa nel conto di debito meccanografico, seguito dal numero d'ordine della rettifica. Art. 56 (Rinvio degli altri adempimenti meccanografici) L'esecuzione, a fronte di dichiarazioni registrate prima dell'interruzione del collegamento, dei messaggi previsti dagli articoli 17, 18, 19 e 20 e' rinviata alla ripresa del collegamento. 11

15 Ministero delle Finanze DIPARTIMENTO DELLE DOGANE DIR.CENTRALE: AA.GG.PERSONALE SERVIZI INFORM.E TECN. Circolare del 13/01/1998 n. 5 Oggetto: Acquisizione dei dati delle dichiarazioni doganali registrate manualmente dalle sezioni meccanizzate durante le interruzioni del collegamento. Servizio di documentazione tributaria Sintesi: Sono state apportate al sistema di elaborazione dati le modifiche atte a recepire i dati delle dichiarazioni iscritte nei registri manuali durante le interruzioni di collegamento tra l'elaboratore centrale ed i terminali, ovvero dopo la chiusura del tempo reale. Nella circolare vengono fornite le istruzioni per l'utilizzo delle nuove funzionalita'. Testo: Con circolare n. 277/D del 29 novembre 1996, sono state dettate le istruzioni per l'acquisizione, tramite i messaggi "X1" ed "X2", dei dati relativi alle bollette emesse dalle sezioni non meccanizzate. Questi messaggi sono stati ora modificati ed integrati per permettere anche l'acquisizione dei dati relativi alle dichiarazioni doganali iscritte nei registri manuali dalle sezioni meccanizzate durante le interruzioni del collegamento tra l'elaboratore elettronico e i terminali periferici o dopo l'orario di chiusura del tempo reale, come previsto dall'art. 47, terzo comma, delle Istruzioni per il funzionamento meccanografico degli uffici doganali (IFMUD), approvate con D.M. 21 luglio Tale acquisizione sara' effettuata a decorrere dal 1É gennaio 1998, relativamente alle dichiarazioni (bollette) iscritte nei registri manuali a partire dalla medesima data, con l'osservanza delle istruzioni seguenti, fermi restando gli attuali adempimenti di natura contabile stabiliti dal Titolo III, Capo II, delle predette IFMUD. L'acquisizione dei dati delle bollette in questione dev'essere effettuata al piu' presto possibile e, comunque, entro il giorno 15 del mese successivo a quello di iscrizione nei registri manuali, mediante l'invio all'elaboratore del messaggio X1, nel caso di bollette di importazione (definitiva, temporanea o reimportazione), comprese quelle di sola immissione in libera pratica, ovvero del messaggio X2, nel caso di bollette di esportazione (definitiva, temporanea o riesportazione). In presenza di bollette annullate, si procede alla registrazione dei soli estremi identificativi delle stesse, specificando nell'apposito campo dei messaggi predetti che trattasi di bolletta annullata. Nel caso di dichiarazioni rese da un soggetto per conto di piu' destinatari/importatori o speditori/esportatori (spedizioni "groupages"), l'acquisizione dei dati contenuti nelle distinte allegate alle dichiarazioni e' eseguita con l'usuale messaggio NE. Nel caso di dichiarazioni rese a scarico di piu' partite, l'acquisizione dei dati contenuti nelle distinte mod. M2 allegate alle dichiarazioni e' eseguita con l'usuale messaggio NB. Se ricorre il caso, il sistema di elaborazione dati esegue automaticamente lo scarico delle schede partita A3, A4 e A6, costituenti il precedente allibramento o il precedente regime doganale delle bollette. Pertanto, l'esecuzione dei messaggi X1, X2 ed NB assolve anche l'adempimento di cui all'articolo 30 delle IFMUD. Lo scarico delle schede partita A6 viene eseguito sempre che l'ufficio che ha emesso tali bollette e l'ufficio che ha emesso le bollette di temporanea importazione od esportazione risultino collegati con lo stesso centro elaborazione dati. Successivamente all'acquisizione dei dati, eventuali rettifiche degli stessi o annullamenti delle bollette sono effettuati mediante l'invio all'elaboratore degli stessi messaggi X1 o X2, indicando nell'apposito campo, rispettivamente, i codici "RET" o "ANN". Pagina 1

16 Circolare del 13/01/1998 n. 5 Servizio di documentazione tributaria L'esecuzione dei messaggi contabilita' della sezione doganale. X1 ed X2 non produce alcun effetto sulla L'ufficio scritture deve assicurarsi che tutte le bollette manuali siano state regolarmente acquisite nei registri meccanografici. A tal fine, l'elaboratore fornisce, in risposta ad apposito messaggio, l'elenco delle bollette acquisite relative ad un determinato periodo e ad un determinato registro manuale. Detto elenco, debitamente sottoscritto dall'impiegato che ha eseguito il messaggio e vistato dal capo dell'ufficio scritture, va allegato al registro manuale corrispondente, ai fini del suo appuramento. Le disposizioni della presente circolare non si applicano, per il momento, alle dichiarazioni di solo transito o spedizione da una dogana all'altra. Con l'occasione si precisa, ad integrazione delle disposizioni contenute nella circolare n. 277/D del 29/11/96, che il messaggio NE di completamento dati dev'essere eseguito, all'occorrenza, anche a fronte delle bollette emesse dalle sezioni non meccanizzate. Pagina 2

CIRCOLARE N. 10 /D. Roma, 25 marzo 2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 10 /D. Roma, 25 marzo 2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Protocollo: Rif.: Allegati: 42030/RU CIRCOLARE N. 10 /D Roma, 25 marzo 2009 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e, p. c.: Agli Uffici di diretta

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PER IL COMMERCIO CON L ESTERO Certificati di origine Visti su fatture - Numero meccanografico Carnet ATA Carnet TIR

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PER IL COMMERCIO CON L ESTERO Certificati di origine Visti su fatture - Numero meccanografico Carnet ATA Carnet TIR GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PER IL COMMERCIO CON L ESTERO Certificati di origine Visti su fatture - Numero meccanografico Carnet ATA Carnet TIR A Cura di Claudio Venturi Sommario: - 1- Il certificato d origine.

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 relativo alla protezione dei dati personali

Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 relativo alla protezione dei dati personali DATAMATIC S.p.A DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI Allegato 5 - Informativa Clienti e Fornitori Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24;

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24; D.Lgs. 6-9-1989 n. 322 1 Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della L. 23 agosto 1988, n. 400. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA RIFORMA ISTITUZIONALE ELEZIONE DEGLI ORGANI DEL COMUN GENERAL DE FASCIA COMUNI DI CAMPITELLO DI FASSA/CIAMPEDEL-CANAZEI/CIANACEI- MAZZIN/MAZIN-MOENA/MOENA-

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA

LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA LA PROCEDURA DOMICILIATA: LA SOLUZIONE PIÙ SNELLA GESTIONE DELLA PROCEDURA DOMICILIATA DI ACCERTAMENTO DOGANALE (IMPORTAZIONE-ESPORTAZIONE) PRESSO IL SITO DELL OPERATORE ECONOMICO. VANTAGGI OPERATIVI EXPORT

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 -

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Versione 10/04/15 SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Rifiuti dei Beni a base di Polietilene, Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA) e (facoltativamente) anticipata mezzo fax Il richiedente... In persona del

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari.

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNE DI OLMEDO Provincia di Sassari REGOLAMENTO APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE ALLE VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI COMUNALI ED ALLE ORDINANZE SINDACALI (Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015)

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) Avv. Andrea Ricuperati (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) 1 Tramite il servizio postale A mani Mediante posta elettronica certificata 2 24 maggio 2013 (= quindicesimo giorno successivo alla pubblicazione

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme.

Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. LEGGE 4 gennaio 1968, n. 15 (1). Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme. ART. 1. (Produzione e formazione, rilascio, conservazione di atti e documenti).

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012 LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012 A cura di Celeste Vivenzi Entro il 31 Dicembre 2013 i contribuenti che tengono la contabilità con sistemi meccanografici devono procedere

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE VIA GRAMSCI

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE VIA GRAMSCI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE VIA GRAMSCI INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING (VIA SCROCCAROCCO,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE PRATICHE DELLE IMPRESE START-UP INNOVATIVE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE PRATICHE DELLE IMPRESE START-UP INNOVATIVE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE PRATICHE DELLE IMPRESE START-UP INNOVATIVE Ufficio Registro Imprese Versione aggiornata a Giugno 2014 INDICE ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE PER UNA NUOVA SOCIETA CON

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento è adottato in attuazione

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 20 novembre 1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari Preambolo (G.U.

Dettagli