MANUALE PER LA FORMAZIONE ALLA REALIZZAZIONE DEL VIDEO- CURRICULUM.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE PER LA FORMAZIONE ALLA REALIZZAZIONE DEL VIDEO- CURRICULUM."

Transcript

1 V.I.D.E.O. Video-CV to Increase and Develop Employment Opportunities MANUALE PER LA FORMAZIONE ALLA REALIZZAZIONE DEL VIDEO- CURRICULUM. DISPENSE DEL CURRICULUM FORMATIVO PER MANAGER, OPERATORI E TECNICI.

2 Leonardo Da Vinci Programme Lifelong Learning Programme V.I.D.E.O. PROJECT Responsible Author: COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO ATTIVITA ECONOMICO PRODUTTIVE, FORMAZIONE-LAVORO DIREZIONE LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE - U.O. PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI DI PROMOZIONE, SOSTEGNO E ORIENTAMENTO AL LAVORO Co-authors: INSTITUTE OF TRAINING AND VOCATIONAL GUIDANCE IEKEP, OAKE EUROPE Printed on: 30/04/2010 The V.I.D.E.O. PARTNERSHIP: 1. City of Rome Direction Training - Employment, Rome, Italy 2. EURO INNOVANET SRL, Rome, Italy 3. TRUST Technologies and Human Resources for Development and Transfer Ltd, Rome, Italy 4. Arbeitsgemeinschaft SGB II im Kreis Plön arge. Plön, Plön, Germany 5. The Christian Youth Village Foundation of Germany CJD Eutin, Eutin, Germany 6. INSTITUTE OF TRAINING AND VOCATIONAL GUIDANCE IEKEP, N. Ionia Athens, Greece 7. Polydynamo Centre of Social Intervention of Cyclades, Ermoupolis, Syros, Greece 8. OAKE Europe, Manchester, United Kingdom Project ID: LLP-LDV/TOI/08/IT/456 WP: 5 Title: MANUALE PER LA FORMAZIONE ALLA REALIZZAZIONE DEL VIDEO-CURRICULUM. DISPENSE DEL CURRICULUM FORMATIVO PER MANAGER, OPERATORI E RECNICI. Status [ ] Draft [ ] Public for public use [ X ] Deliverable [ ] IST for IST programme participants only [ ] Report [ ] Restricted MU.S.EU.M consortium & PO only 2

3 INDICE INTRODUZIONE AL CORSO 4 MODULO A ASPETTI TEORICIRELATIVI AL VIDEO-CV 6 MODULO B METODOLOGIA 16 MODULO C IL MONTAGGIO DEL VIDEO-CV CON WINDOWS MOVIE MAKER 59 NOTA SUGLI AUTORI 79 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI 80 V.I.D.E.O. è un Progetto realizzato con il sostegno dell Unione Europea. Il presente lavoro riflette esclusivamente la visione degli autori, e la UE non può essere ritenuta responsabile per l uso che potrebbe essere fatto delle informazioni in esso contenute. 3

4 INTRODUZIONE AL CORSO INQUADRAMENTO GENERALE Il presente corso è realizzato nell ambito del Progetto V.I.D.E.O. Video-CV To Develop Employment Opportunities. V.I.D.E.O., Progetto incentrato sullo sviluppo di uno strumento innovativo il Video Curriculum -, pensato per favorire l incontro tra domanda ed offerta di lavoro, con particolare attenzione ad un target di adulti con più di 45 anni. Obiettivi Il Corso intende offrire a manager, operatori e tecnici le competenze necessarie per creare ed utilizzare lo strumento Video-CV. Contenuti In Corso si articola in 3 moduli. Il primo Modulo (modulo A) è incentrato sullo studio del Video-CV, della sua storia e della sua diffusione, il target di riferimento ed il suo valore aggiunto rispetto ad altri strumenti per la ricerca di un lavoro. Il secondo Modulo (modulo B) analizza nel dettaglio la metodologia ed il processo implicati nella creazione del Video-CV, descrivendo approfonditamente i protocolli di utilizzo a seconda dei diversi target di utenze (tutor, utenti, operatori tecnici), la strumentazione tecnica necessaria per girare i Video-CV, come strutturare un set di registrazione per i Video-CV. Questo Modulo è dedicato in particolare agli operatori tecnici, ed è volto all acquisizione di specifiche abilità necessarie per la creazione dei Video-CV (allestimento di un set di registrazione schemi ed elementi di tecnica dell illuminazione). Il terzo Modulo (modulo C) è dedicato al montaggio del Video-CV, una volta registrato. In particolare, viene introdotto l utilizzo del Programma Windows Movie Maker. 4

5 Inoltre, il corso includerà una sezione pratica di circa 6 ore; tale parte verterà sui seguenti argomenti: 1. Creazione del set di registrazione per il Video-CV: allestimento del set luci; 2. Registrazione di un breve Video-CV: come utilizzare la videocamera; 3. Montaggio di un breve filmato utilizzando Windows Movie Maker. 5

6 MODULO A ASPETTI TEORICI RELATIVI AL VIDEO CURRICULUM 6

7 1. NOTE RELATIVE ALLA STRATEGIA EU La Commissione Europea ritiene che la strategia EU 2020 debba incentrarsi sui seguenti punti, e sta adottando soluzioni per meglio raggiungere i seguenti risultati: Creare valore basando la crescita sulla conoscenza. L istruzione in Europa deve essere migliorata a partire dalla prima infanzia sino all Istruzione superiore, al fine di aumentare la produttività, sostenere i gruppi socialmente vulnerabili, ed aiutare a sconfiggere la diseguaglianza e la povertà. Le condizioni indispensabili per l innovazione e la creatività possono ancora essere migliorate in Europa, ad esempio modernizzando il sistema del diritto di proprietà intellettuale europea. L accesso al credito, inoltre, dovrebbe essere aumentato, integrando fonti congiunte di capitale di crescita sia pubblico, sia privato. Creare società che includano le persone. E necessario creare una economia più integrate e giovane. Le politiche, sia europee che nazionali, destinate a promuovere la co-innovazione, prodotti e sistemi efficienti dovrebbero includere l emission trading, la riforma delle tasse, un regime di sussidi e prestiti, investimenti ed approvvigionamenti pubblici, reperire denaro per la ricerca e l innovazione. 2. IL VIDEO-CV ED IL MERCATO DEL LAVORO L attuale sviluppo di meta-competenze, quali le tecniche e le capacità connesse alla ricerca di un lavoro, all auto promozione ed all auto coscienza relativa alle proprie capacità, è da tempo divenuto obiettivo primario dei più efficaci interventi di orientamento al lavoro. Il Video-CV può essere, in questo contesto, visto come strumento particolarmente efficace per rispondere alla complessità dei processi di integrazione e ricollocazione occupazione, processi particolarmente critici per quelle persone in cerca di 7

8 occupazione che, sebbene abbiano precise competenze ed abilità, molto spesso acquisite, però, in via informale, a volte non sono in grado di competere adeguatamente sul mercato del lavoro anche perché scarsamente capaci di comunicare e valorizzare le proprie capacità. In questo contesto, il Video CV rappresenta una delle nuove, possibili frontiere nel campo della ricerca di un lavoro, un modo per far sapere a chi offre lavoro chi sono io e cosa so fare. 3. VIDEO-CV: STORIA E STATO DELL ARTE La nascita del Video-CV si colloca nel 2000, quando questo strumento inizia ad essere sviluppato come nuovo mezzo per valorizzare competenze ed abilità di chi cerca un lavoro. Il fenomeno Video-CV è dovuto, fra i vari fattori che ne sono alla base, alche al grande successo di You Tube ed al sempre maggiore utilizzo di Internet da parte dei giovani. Oggi, il Video-CV rappresenta una delle nuove possibili frontiere nel mondo della ricerca del lavoro, uno dei tanti modi possibili per far sapere chi siamo e cosa sappiamo fare. E opinione molto diffusa che non sia lontano il momento in cui il Curriculum tradizionale, scritto, verrà sostituito dall inarrestabile ascesa delle presentazioni digitali dei candidati. 3.1 VIDEO-CV: DIFFUSIONE Negli ultimi anni, a partire dal 2007 il Video-CV ha attratto l attenzione dei media, sia in USA che in Europa. Vault.com una Società specializzata in servizi per le Risorse Umane, coinvolta nella creazione di Video-CV ha condotto una ricerca incentrata sullo strumento Video-CV, i cui risultati sono esposti in un report dal titolo 2007 Video Resume Survey. 8

9 I risultati della ricerca mettono in luce scenari relativi al futuro del Video-CV, ponendo l accento sulla sua importanza e sulla sua efficacia nel mercato del lavoro. Secondo la ricerca, l 89% dei datori di lavoro afferma che guarderebbe un Video-CV se fosse loro sottoposto, ma solamente il 17% delle persone intervistate avevano visionato un Video-CV al momento in cui la ricerca è stata condotta; La ragione primaria per la quale i datori di lavoro prenderebbero in considerazione un Video-CV è la possibilità, offerta da questo strumento, di valutare il modo in cui un candidato si presenta professionalmente ed il suo comportamento (52%). Più dei tre quarti dei datori di lavoro intervistati (76%) ritiene proficuo tenere la durata di un Video-CV al di sotto dei due minuti, mentre il 47% raccomanda di creare prodotti della durata inferiore al minuto; In fine, il 56% dei datori di lavoro intervistati ritiene che il Video-CV diverrà a breve una pratica comune, che accompagnerà le domande di lavoro. Fig. 1 Percentuale di datori di lavoro che ha mai visionato un Video-CV 9

10 Fig. 2 Percentuale di datori di lavoro che visionerebbero volentieri un Video-CV Fig. 3 Lunghezza ideale di un Video-CV secondo i datori di lavoro 10

11 Fig. 4 Percentuale di datori di lavoro che visionerebbero l intero Video-CV, se fosse loro inviato 3.2. PERCHE IL VIDEO-CV? Il Video-CV può essere considerato come uno strumento efficace per due ragioni principali: Questo strumento permette di valutare le capacità pratiche di una persona, anche se tali abilità non sono certificate, ma acquisite all interno di un contesto di apprendimento non-formale o informale; Il Video-CV può avere un impatto economico positivo. 11

12 4. ACCRESCERE LE POSSIBILITA DI AUTO-SVILUPPO Il Video-CV può essere considerate come uno strumento di grande utilità se prendiamo in esame le caratteristiche dell apprendimento permanente. Se comprendiamo a fondo i concetti di life-long e life-wide learning, possiamo renderci conto dell'importanza che avranno, nei prossimi anni, quelle competenze acquisite al di fuori dei contesti di istruzione formale, per tutti coloro che cercano per un lavoro. Infatti, nell era del web 2.0, sarà possibile, se non addirittura necessario, mettere in luce anche le competenze informali, che non sono certificate. 5. APPRENDIMENTO FORMALE, APPRENDIMENTO NON FORMALE, APPRENDIMENTO INFORMALE Tipologia di apprendimento Apprendimento formale Contesto/situazione Certificazioni Intenzionale Strutturato Scuola, corsi di Si Si Si formazione, ecc. Apprendimento non formale Apprendimento informale Attività non esplicitamente rivolte all apprendimento, che hanno luogo al di fuori dei contesti educativi istituzionali Attività quotidiane, lavoro, tempo libero, ecc No, oppure documenti non ufficiali Si Si No A volte No Tavola 1 - Differenze tra Apprendimento formale Apprendimento non formale e Apprendimento informale. 6. IL VIDEO-CV: OBIETTIVI Per sintetizzare, il Video-CV è uno strumento che mira a: Integrare e rafforzare l offerta dei servizi di orientamento professionale, arricchendola di strumenti e tecnologie di comunicazione innovativi; 12

13 Facilitare l incontro tra domanda ed offerta di lavoro; Rafforzare l efficacia dei candidati sul mercato del lavoro; Disseminare la modalità di orientamento professionale autobiografica, contribuendo all aumento dell auto-stima da parte dei candidati e la capacità di auto-valutazione e riconoscimento punti di forza e di debolezza del proprio profilo professionale; Acquisire competenze nell uso di strumenti di comunicazione multimediale, da parte sia degli operatori, sia di chi cerca lavoro; Accrescere la consapevolezza delle capacità comunicative dei Video; Offrire agli operatori dell orientamento professionale l opportunità di acquisire competenze nel campo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione che li supportino nel loro lavoro quotidiano. 7. UTILITA DEL VIDEO-CV Come il portfolio digitale, il Video-CV può favorire il riconoscimento sociale delle competenze informali e non formali in quanto permette di evidenziare quelle competenze che non sono certificate, di valorizzarle, mentre nel CV tradizionale, scritto, non è possibile inserire le prove delle abilità acquisite dagli utenti, in quanto in caso di CV scritto, tali abilità possono solo essere dichiarate. La differenza tra portfolio digitale/ elettronico e Video-CV risiede nel fatto che il primo riesce a rendere visibili le competenze non-formali ed informali degli utenti, in quanto è possibile inserire al suo interno numerose prove di ciò che si sa fare; il secondo rende visibili solamente determinate competenze informali e non-formali, in quanto esso deve necessariamente essere di breve durata. Ma proprio per via della sua necessaria brevità, il Video-CV può essere lo strumento più efficace per chi cerca un lavoro- se comparato con il portfolio digitale ed il CV scritto-, in quanto i datori di lavoro potenziali o i selezionatori generalmente non dedicano più di 2 o 3 minuti all'analisi dei documenti inviati da cercatori di lavoro, siano essi portfoli digitali, Video-CV o CV scritti. 13

14 8. IMPATTO ECONOMICO DEL VIDEO-CV Occorre tenere presente che la rivoluzione del Video-CV può far risparmiare denaro e tempo rispetto al tradizionale e processo di selezione. E stato stimato che un efficace sfruttamento di questo innovativo strumento all'interno del processo di selezione del personale potrebbe condurre ad una contrazione dell intero processo di selezione a 30 giorni, invece che 90. D'altra parte, anche i candidati avrebbero l opportunità di risparmiare (per esempio, tempo e denaro per viaggi finalizzati a colloqui di selezione). 14

15 MODULO B METODOLOGIA 15

16 INTRODUZIONE Il Video-CV può riuscire a valorizzare le conoscenze acquisite quotidianamente dalle persone in contesti di apprendimento specifici, non formalmente riconosciuti. Dunque, il processo di creazione di un Video-CV è strettamente connesso al rendere tale conoscenza visibile. I passaggi da seguire per creare un Video-CV sono: Il colloquio preliminare tra tutor ed utente; La creazione di uno storyboard (sceneggiatura) per il Video-CV; La messa a punto di un processo che prevede 4 fasi. 16

17 MODULO B SEZIONE 1 IL PRODOTTO. STRUTTURA, CONTENUTI E SCRIPT FORMAT (SCENEGGIATURA) 17

18 1. COME CREARE UN VIDEO-CV EFFICACE? STRUTTURA DEL VIDEO-CV Il Video-CV deve potersi considerare come: UN PRODOTTO EVOCATIVO che mostri aspetti personali dell utente quali: biografia, chi sono, da dove provengo, qual è stata la mia vita fino ad oggi; UN PRODOTTO DIMOSTRATIVO che mostri o descriva cosa l utente sa realmente fare 2. STRUCTURE OF THE VIDEO-CV Ecco come deve essere strutturato il Video-CV, che deve includere le seguenti tre sezioni: CHI SONO Circa 30 secondi. Questa parte deve fornire indicazioni sulla storia, la personalità, l educazione e la formazione dell utente, precedenti esperienze lavorative, ecc. Ove appropriato, qui si possono dare indicazioni circa le esperienze professionali che hanno condotto l utente ad acquisire le proprie abilità. COSA SO FARE Questa parte deve dare concreta dimostrazione di capacità e competenze pratiche E/O descrizione di esse. Durata suggerita: circa 1 minuto. IO NEL FUTURO Questa parte deve descrivere le aspettative ed ambizioni per il futuro, l occupazione che l utente cerca, come lui/lei si vede nel prossimo futuro professionale. Durata suggerita: 30 secondi. 18

19 SCENEGGIATURA DEL VIDEO-CV 1. Chi sono Bungiorno. Mi chiamo Provenienza: Sono di/ vengo da (se l utente è un migrante, o se la provenienza può risultare rilevante). Fornire informazioni circa la personalità e la storia personale dell utente. La mia vita fino ad oggi è stata Ho fatto gli studi Fino ad ora, ho lavorato come/ oppure: al momento lavoro come 2. Cosa so fare Qui, occorre dare concreta dimostrazione E/O argomentare e descrivere cosa si sappia fare. E importante parlare e spiegare mentre si mostrano le proprie abilità; in tal modo, in fatti, l utente dà modo al potenziale datore di lavoro, che vedrà il Video-CV, di ottenere informazioni sul grado di consapevolezza di quanto l utente sa fare e- dunque- delle sue reali competenze e capacità. E importante anche spiegare perché si è scelto di mostrare proprio quella specifica abilità: perché è ciò che si sa fare meglio? Perché si riferisce all attività che l utente vorrebbe svolgere/ in cui sta cercando impiego? L utente può spiegare perché ha scelto di mostrare proprio una specifica abilità, alla fine della sua dimostrazione, creando in tal modo un legame con la sezione immediatamente successiva (Io nel Futuro). 3. Io nel Futuro Mi piacerebbe trovare un lavoro (descrivere brevemente ma in maniera chiara, che tipo di lavoro o ruolo si vorrebbe svolgere/ ricoprire, per quale tipo di società, ecc.) Lasciate spazio a diverse possibilità. Mi vedo, nel futuro, come (l utente descriva come si immagina nei prossimi anni, con riferimento alla propria posizione professionale in modo da fornire indicazioni sulle proprie aspettative ed aspirazioni professionali, ecc.) 19

20 3. DURATA E DIMENSIONI DEL VIDEO-CV DURATA: Circa 2 minuti (5 minuti al massimo) DIMENSIONE SUGGERITA: max 50MB 20

21 MODULO B SEZIONE 2 PROTOCOLLO DI UTILIZZO PER I TUTORS 21

22 1. COMPITI DEL TUTOR Il tutor che nel caso del progetto V.I.D.E.O. è il counselor ma che in altri contesti può essere anche una figura diversa - è il secondo elemento della coppia implicato nella creazione del Video-CV (il primo è l utente). Il primo passo è il colloquio/intervista all utente. Mediante il colloquio con l utente, il tutor acquisisce informazioni circa le competenze dell utente stesso ed i suoi bisogni professionali, sia per decidere quale sia il percorso di orientamento più appropriato per l utente, sia per tracciarne il profilo personale e professionale. Il Tutor dovrà chiedere all utente di parlare di sé, della sua storia personale al fine di analizzarne i bisogni professionali e le aspettative future. Attraverso l ascolto della storia dell utente, il tutor deve essere in grado di riconoscere immediatamente le competenze dell utente; inoltre deve essere capace di portare alla luce anche le competenze non certificate e non documentate. Per tale motivo è molto importante che egli/ella sia consapevole delle caratteristiche del cosiddetto apprendimento non-formale e informale, che danno luogo a competenze non certificate. Spetta al tutor decidere quale sia lo strumento di orientamento più appropriato tra CV cartaceo, Video-CV e strumenti diversi che richiedono tempi di creazione più lunghi, come nel caso del portfolio digitale. 22

23 Tipo di strumento Opportunità e limiti Competenze dell utente CV scritto Video-CV Portfolio digitale/elettronico Maggiormente adatto a persone con competenze certificate. Offre la possibilità di descrivere al meglio certificazioni e grado di istruzione acquisito entro contesti di apprendimento formali. Questo strumento permette di mostrare particolari abilità pratiche che sono nascoste o che non possono essere adeguatamente valorizzate in un CV scritto. Permette l autoresponsabilizzazione del candidato. Ma la sua realizzazione può richiedere più tempo rispetto ad un CV scritto, allungando i tempi della ricerca di un lavoro. Questo strumento offre un profilo del candidato attraverso fotografie della persona, foto dei suoi lavori, documenti quali certificati, brevi filmati che mostrano la persona a casa, al lavoro, ecc. Ma la sua realizzazione può richiedere più tempo rispetto ad un CV scritto, allungando i tempi della ricerca di un lavoro. Tavola 2 Differenza tra CV scritto, Video-CV e portfolio digitale Maggiormente adatto per: - descrivere competenze certificate. - descrivere il grado di istruzione e le esperienze professionali del candidato. Maggiormente adatto per: - rendere visibili le competenze informali, non certificate. - mostrare abilità pratiche (esempio: capacità artigianali, abilità di persone creative come grafici, fotografi, registi, designers, persone con competenze legate al mondo della moda, ecc.). - valorizzare le competenze di particolari categorie: persone che per via della loro età genere, nazionalità, disabilità fisica, hanno difficoltà nel trovare un lavoro. Attraverso il Video-CV queste persone, infatti, potrebbero avere l opportunità di dimostrare, al di fuori del pregiudizio, le proprie reali competenze, la loro autenticità, la loro personalità. Maggiormente adatto per: - rendere visibili le competenze informali, non certificate (principalmente si può trattare di artisti, persone creative come gli architetti, i designers, ecc.). - supportare il candidato in un percorso che lo condurrà ad acquisire consapevolezza delle proprie competenze informali, che lui/lei stesso/a non riconosce o non prende nella giusta considerazione. 23

24 MODULO B SEZIONE 3 PROTOCOLLO DI UTILIZZO PER OPERATORI TECNICI ED UTENTI 24

25 1. INDICAZIONI PER OPERATORI TECNICI Come preparare il set di registrazione: 1. Scegliere una stanza silenziosa; 2. Collocare lo sfondo (di colore scuro) e far sedere l utente su una sedia al centro della scena; 3. Far sedere l utente di fronte alla telecamera; 4. Evitare di posizionare il set nei pressi delle finestre; 5. Attenersi al procedimento descritto qui di seguito. 2. INDICAZIONI PER GLI UTENTI: COME VESTIRE, COMPORTARSI, MUOVERSI E PARLARE Agli utenti si richiede di: Mostrare le proprie competenze mentre si registra il Video E/O descrivere le proprie abilità e competenze specifiche; Guardare dritti nella telecamera; Parlare lentamente ed in maniera chiara; Non sorridere troppo; Apparire naturali ed evitare di leggere; Vestire in maniera appropriate e consona al messaggio che si intende comunicare ed al contesto al quale l utente si rivolge, tenendo conto della propria personalità. Gli utenti devono vestire con colori preferibilmente chiari e con abiti sobri. E meglio evitare di indossare una giacca se l utente abitualmente non la porta. Il paradigma "è impossibile non comunicare" è sempre valido, soprattutto quando si usano delle immagini. Pertanto, è importante controllare il linguaggio del corpo e non atteggiarsi in strane posture. Le mani possono essere importanti nel sottolineare punti chiave di un discorso, ma esse non devono comunicare nervosismo attraverso movimenti inappropriati. 25

26 MODULO B SEZIONE 4 IL PROCESSO DI CREAZIONE DEL VIDEO-CV 26

27 FASE 1 OBIETTIVI: Il percorso di orientamento è il punto di partenza per il processo di creazione del Video-CV; il colloquio personale è il cuore di questa prima fase, sia per poter scegliere quale percorso di orientamento sia più appropriato per l utente, sia per tracciarne il profilo personale e professionale. PERCORSO DI ORIENTAMENTO COLLOQUIO PERSONALE CV Tradizionale (scritto) Figura 5 Percorso di orientamento e CV Video-CV Percorso di orientamento permanente come il portfolio digitale Punto di partenza per fare ciò è il colloquio preliminare. Attraverso l ascolto della storia dell utente, il tutor deve immediatamente essere in grado di identificare le competenze dell utente stesso, per decidere quale percorso di accompagnamento al lavoro scegliere e come tracciare il profilo dell utente ai fini dello strumento scelto. Questo passaggio è di cruciale importanza per decidere il modo migliore per un utente di presentarsi, il che significa scegliere uno strumento appropriato, tra CV tradizionale scritto, Video-CV e percorsi di orientamento al lavoro specifici, che magari richiedono un periodo di elaborazione piuttosto lungo, come nel caso del portfolio digitale. 27

28 Attraverso l ascolto della storia dell utente, il tutor deve essere in grado di identificare immediatamente le competenze dell utente stesso; inoltre dove essere in grado di mettere in evidenza le competenze certificate e quelle non documentate, poiché risulta preferibile mostrare queste ultime in un Video-CV o in un portfolio digitale mediante la registrazione di una o più performance dell utente. Per tale ragione è molto importante che il tutor sia perfettamente consapevole delle caratteristiche del cosiddetto apprendimento non-formale ed informale, in modo da poter decidere il percorso più appropriato per un utente, sia esso il CV scritto, che il portfolio digitale, che il Video-CV. Una volta stabilito che il Video-CV è lo strumento più appropriato, potete proseguire con la fase di concreta creazione del Video-CV. COME PROCEDERE: Attraverso l analisi delle attitudini, delle motivazioni e delle abilità dell utente, valutare insieme all utente stesso l opportunità/interesse di realizzare un Video-CV, che tipo di materiale può essere prodotto ed incluso nel Video (ad esempio, certificati, fotografie, altro), ecc.; Può anche risultare efficace far vedere all utente alcuni esempi di Video-CV (tratti da Internet). E altresì necessario spiegare ed illustrate all utente l intero processo di realizzazione del Video-CV, dalla fase di progettazione alla fase delle riprese, all editing del video, ed all utilizzo finale del prodotto. Ciò è finalizzato, in particolare, a motivare il candidato, determinando una reciproca cooperazione con il tutor e gli operatori. STRUMENTI: - PC con connessione Internet - Lettore DVD/ CD FASE 2 OBIETTIVI: - Tracciare lo storyboard/ sceneggiatura, creare la struttura del Video-CV; 28

29 - Pianificare e decidere quali oggetti, documenti scritti, fotografie, o altri strumenti portare sul set ed includere nelle sequenze del Video-CV; - Delineare il set ideale per il Video-CV. COME PROCEDERE: Insieme all utente, pianificate i passaggi successivi e definite i dettagli. In questa fase, dovrete assistere l utente decidendo insieme a lui/lei quale dovrà essere la struttura del Video, spiegando all utente come dovrà vestirsi, come dovrà muoversi davanti alla telecamera, ecc. In questa fase, potrebbe risultare utile mostrare all utente alcuni esempi di Video-CV reperibili in Internet. STRUMENTI: - PC con connessione Internet - Carta e penna per tutor ed utente FASE 3 OBIETTIVI: Creazione del Video-CV COME PROCEDERE: - E necessario che l utente venga adeguatamente preparato alla realizzazione del Video-CV - D accordo con quanto deciso nella fase precedente, si crea il Video-CV - Una volta registrato il Video, si procede con la fase dell editing dello stesso STEPS: In questa fase, dovete necessariamente seguire questi passaggi: 29

30 Preparare una sceneggiatura: ciò aiuterà gli utenti a concentrarsi sui punti chiave in modo da poter comunicare il messaggio che effettivamente si desidera dare, nel poco tempo che si ha a disposizione. Gli utenti dovranno evitare di leggere la sceneggiatura, dovranno al contrario comprenderne ed impararne la struttura nel corso delle sessioni preparatorie (vedere sotto). Fare pratica per preparare l utente alla registrazione Vestire per il successo Fare attenzione al linguaggio del corpo : l 80% di tutta la comunicazione è non-verbale. Dunque, vi suggeriamo di aiutare l utente ad apparire a proprio agio, sicuro di sé e convincente. In questo percorso, un posto di rilievo spetta alla preparazione dell utente per la registrazione del Video-CV (punto 2, Fare pratica). Si raccomanda la messa a punto di una sessione preparatoria (1 giornata di sessione preparatoria), nel corso della quale l utente simulerà, sotto la vostra guida, le varie sequenze del Video-CV finché non si sentirà completamente sicuro ed a suo agio di fronte alla telecamera, e rispetto alle competenze più importanti che lui/lei dovrà mostrare. Sarà necessario, qui, supportare l utente aiutandolo a superare i momenti in cui lui/lei dovesse trovare difficoltà ad esprimere verbalmente se stesso/a. E importante che l utente non sia preparato a livello eccessivamente professionale, come fosse un attore, così da preservarne l autenticità e la spontaneità. Seguire lo script. STRUMENTI: - Video camera digitale con connessione USB - Treppiedi (per riprese di alta qualità) - Set luci composto da: o 3 luci potenza minima 800 W ciascuno; 30

31 o 3 paraluce ad alette o 3 manfrotti stativi o 1 lastolite pannello riflettente bianco/argento 75cm o 1 fondale di colore bianco 2,70mt x 11mt o 1 kit portafondali per fondale in carta di dimensioni standard 2,72 x 11 metri o 1 microfono professionale direzionale per videocamere - Software per cattura ed editing Video (Windows Movie Maker, ad esempio) - Software per registrazione Video - Scanner (opzionale, necessario solo se utente e tutor decidono di mostrare rapidamente, nel video, certificati, fotografie, o altri documenti cartacei) FASE 4 OBIETTIVI: Pubblicazione on-line del Video-CV, su piattaforma web dedicata COME PROCEDERE: - Pubblicate on-line, nella sezione apposita del sito web il Video-CV - Controllate l esattezza di tutti i documenti caricati - Trasferite su un DVD/CD il Video-CV creato - Pianificate con l utente i passi successivi (promuovere e diffondere il Video- CV) STRUMENTI: - PC 31

32 - DVD/ CD RACCOMANDAZIONI SPECIALI: Gli utenti devono firmare un autorizzazione/consenso scritto per la pubblicazione on-line del Video-CV e per il trattamento dei dati ed il loro trasferimento (sia per il Video-CV che per quello cartaceo) alle Imprese coinvolte/interessate al profilo dell utente. 32

33 NOTA INFORMATIVA RELATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Con riferimento ai dati personali da Lei comunicati a, Partner del Progetto V.I.D.E.O. Project, ed in rispetto dei termini dell articolo 13 del decreto legislativo 196/2003, La informiamo di quanto segue. TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Con il termine di Trattamento si intende qualsiasi transazione o serie di transazioni, anche senza uso di strumenti elettronici, relative alla raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, consultazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, comparazione, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione e distruzione dei dati, anche se non registrati in una banca dati. Per i fini della presente nota informativa, il termine Dati personali significa qualsiasi informazione relativa a una persona individuale o legale, ente o associazione, identificata o identificabile, anche indirettamente, per mezzo di un riferimento ad ogni altra informazione, incluso il numero di identificazione personale. FINALITA DEL TRATATMENTO DEI DATI Nel rispetto dei limiti stabiliti dalla Legge vigente, i Suoi dati possono essere trattati dal Partenariato del progetto V.I.D.E.O. con i seguenti scopi: a) Caricare il Suo CV (Video-CV e CV scritto) nel Database del Portale b) Conferire ad Imprese e Società interessate, private e pubbliche, il Suo Video-CV ed il CV e le informazioni personali in essi contenuti (Nome, Cognome, Indirizzo, Contatti). COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE L immagine ed i Dati personali conferiti e contenuti nel Suo Video-CV verranno resi disponibili nel Portale del Progetto V.I.D.E.O. Il Suo nome ed i Suoi dati personali saranno accessibili esclusivamente alle Imprese e Società, sia pubbliche che private, che effettueranno al registrazione sulla piattaforma del portale, e che siano interessate ad accedere al Suo profilo. Il Suo Video-CV rimarrà presente nel sito web del Progetto sino alla sua conclusione (30/09/2010) o fino a che Lei non voglia notificarci la Sua intenzione di rimuovere il Video-CV. I Suoi Dati personali non verranno diffusi ad altri Soggetti ed in nessun caso potranno essere soggetti ad operazioni con finalità di lucro. Parti dei filmati del Video-CV potrebbero essere estrapolate in forma di immagini stampate ed inserite all interno dei Rapporti di ricerca prodotti dal partenariato o collocati all interno di Newsletter informative trasmesse al un elenco di contatti selezionati dal partenariato, con finalità informative e divulgative delle attività condotte nell ambito del progetto. SICUREZZA DEI DATI La Sua immagine (Video-CV) ed i Suoi Dati personali (CV scritto) verranno trattati in modo da ridurre al minimo il rischio di accesso da parte di persone non autorizzate o per fini diversi dai quali essi sono stati raccolti. I Dati verranno custoditi in un server protetto da password, al quale è consentito accesso limitato, ed i cui server sono custoditi in luogo sicuro. DICHIARAZIONE DI CONSENSO AL TRATTAMENTO ED ALLA COMUNICAZIONE DEI DATI PERSONALI Io sottoscritto autorizzo il Partenariato del Progetto V.I.D.E.O. al trattamento dei miei dati personali al fine di permettere il caricamento on-line del mio Video-CV e del CV scritto, all interno del portale Sono consapevole del fatto che alla mia immagine (Video-CV) ed ai miei dati personali ( CV scritto) potranno avere accesso esclusivamente i potenziali datori di lavoro e selezionatori che avranno effettuato la registrazione, completa di indicazioni della Società di appartenenza, sul sito web Sono altresì consapevole del fatto che la pubblicazione on-line sul sito web del mio Video-CV e del mio CV scritto non costituiscono garanzia del fatto che verrò assunto da alcuna Impresa, o che mi verrà fissato un colloquio di lavoro. Dichiaro di essere a conoscenza del fatto che parti del mio Video-CV potranno essere estrapolate dal Video e pubblicate all interno dei Rapporti di ricerca prodotti dal partenariato o su newsletter inviate ad una lista di contatti selezionati, interessate al tema del Video-CV, ed acconsento a ciò. Dichiaro di aver letto e compreso ogni parte della nota informative sopra descritta in dettaglio ed autorizzo espressamente e deliberatamente il Partenariato del Progetto V.I.D.E.O. al trattamento della mia immagine e dei miei dati personali senza alcun fine di lucro, nonché alla loro pubblicazione on-line nel database del sito web ed alla loro eventuale comunicazione e diffusione a Società interessate al mio profilo professionale. Data, Firma 33

34 MODULO B SEZIONE 5 ATTREZZATURA 34

35 1. SET PER LA REGISTRAZIONE Per l intera realizzazione di un Video-CV, vi occorre: Una videocamera digitale con connessione USB (DVD, VHS, ecc). La videocamera deve essere fissata su un cavalletto/ treppiedi Software di acquisizione video Software per il video-editing Un kit di luci per l illuminazione del soggetto. Si raccomanda un set standard composto dalla seguente attrezzatura: - n. 3 luci (Potenza minima: 800 W per ciascuna lampada) - n. 3 paraluce a quattro alette - n. 3 cavalletti professionali per luci - n. 1 fondale (suggerito colore scuro) 2,70mt x 11mt - n. 1 supporto per fondale di dimensioni standard 2,70mt x 11mt - n. 1 pannello riflettente (bianco/ argento) PC con connessione Internet, lettore e registratore Cd/DVD, word-processor Microfono direzionale per videocamera Uno scanner (opzionale) Una stanza silenziosa CARATTERISTICHE TECNICHE RACCOMANDATE PER IL PC: Per Windows: Processore 2 GHz o superiore per DV; 3.4 GHz per HDV; dual 2.8 GHz per HD* Microsoft Windows XP con Service Pack 2 (raccomandato Service Pack 3) o Windows Vista Home Premium, Business, Ultimate, o Enterprise con Service Pack 1 (certificato per 32-bit Windows XP e 32-bit e64-bit Windows Vista) 2 GB di RAM 10 GB di spazio su hard-disk disponibile Schermo 1,280 x 900 con scheda grafica OpenGL 2.0-compatibile Hard drive dedicato 7200 RPM per editing DV e HDV Scheda per catturare ed esportare il video 35

36 Porta OHCI-compatibile IEEE 1394 per catturare DV e HDV, esportare la registrazione e trasmetterla al DV device Periferica DVD ROM (richiesto masterizzatore DVD+-R per creazione DVD) Masterizzatore Blu-ray richiesto per creazione disco Blu-ray Microsoft Windows Drive Model- o scheda audio ASIO-compatibile QuickTime Connessione Internet a banda larga per i servizi on-line Processore *SSE2-enabled per sistema AMD Per Macintosh Processor Multicore Intel Mac OS X v GB di RAM 10 GB di spazio su hard-disk disponibile Schermo 1,280 x 900 con scheda grafica OpenGL 2.0-compatibile 2008 Adobe Systems Incorporated Course overview e setup 9 Hard drive dedicato 7200 RPM per editing DV e HDV Periferica DVD-ROM (SuperDrive per creazione DVD) Blu-ray burner required for Blu-ray disc creation Scheda audio Core Audio-compatibile QuickTime Connessione Internet a banda larga per I servizi on-line 36

37 MODULO B SEZIONE 5.1 TECNICHE BASILARI DI ILLUMINAZIONE 37

38 BREVE PREMESSA Prima di procedere alla registrazione di un Video-CV, al fine di creare prodotti di livello professionale occorre che i tecnici delle riprese apprendano alcuni principi di schemi di illuminazione 1. Obiettivo di questa sezione del Modulo B è quello di fornire agli operatori tali competenze. Prima di descrivere i principi dell illuminazione professionale, è utile dare uno sguardo all attrezzatura di base necessaria: Luce e paraluce ad alette Ombrelli Pannelli riflettenti Diffusore bank 1 Le illustrazioni relative all attrezzatura ed agli schemi di illuminazione di questa sezione sono tratti dal Tutorial on-line disponibile all indirizzo 38

39 Cavalletto per luci TECNICHE BASE DI ILLUMINAZIONE PROFESSIONALE Il primo passo nell allestimento di un set di illuminazione è decidere dove collocare le luci. La luce più importante è la Luce chiave, la luce principale da collocare sul soggetto. La seconda luce importante è la Luce di riempimento, che complete la Luce chiave colmando le ombre da essa generate sul soggetto. La collocazione di queste due luci rappresenta la parte più importante di un set base di illuminazione. L angolo dal quale illuminare il soggetto è una scelta creativa, che dipende dalla resa che si vuole ottenere. Al fine di cominciare a comprendere quanto il posizionamento delle luci influisce sulla resa video di un soggetto, si possono fare varie prove. 39

40 1. SET DI ILLUMINAZIONE: STRUTTURA IDEALE Un set ideale di illuminazione si ottiene con l uso di 4 luci. Le tre luci principali (luce chiave, luce di riempimento, luce di sfondo), devono essere utilizzate per illuminare il soggetto. Se disponiamo di una quarta luce, essa può essere usata per illuminare lo sfondo. 2.1 ALCUNE DEFINIZIONI Luce chiave E la luce principale. E la luce più forte, quella che maggiormente influenza la scena. Si colloca ad un lato della video camera o del soggetto, in modo che il lato ove è collocata sia ben illuminato mentre l altro è in ombra. Luce di riempimento E la luce secondaria e si colloca sul lato opposto della luce chiave. Si usa per contrastare le ombre generate dalla luce chiave. Questa luce generalmente è più tenue e meno luminosa della luce chiave. Per ottenere tale maggiore sofficità della luce di riempimento, si può utilizzare un filtro o collocarla più lontano rispetto al soggetto. Luce di sfondo La luce di sfondo si colloca dietro al soggetto, illuminandolo da tergo. Il suo scopo è quello di definire ed evidenziare i contorni della figura. Ciò è finalizzato a meglio separare il soggetto dallo sfondo e dare un impressione di tridimensionalità. 2. VARIE POSIZIONI DELLA LUCE CHIAVE: DIFFERENTI POSIZIONI ED EFFETTI CONSEGUENTI La posizione iniziale della nostra luce chiave è ad ore 6:00. L illuminazione da questa angolazione sarà piatta e diritta, e non vi saranno che pochissime ombre in quanto la 40

41 luce proviene approssimativamente dalla stessa angolazione dalla quale la video camera guarda al soggetto. Posizione della luce chiave ad ore 2.00 Posizione della luce chiave ad ore

42 Notare ora, nelle prossime immagini, come cambia l effetto che la luce chiave genera man mano che essa viene spostata muovendosi attorno al soggetto. Notare che normalmente la posizione della luce chiave, nei ritratti o riprese convenzionali, è all incirca ad ore 5:00 o 7:00. Il lato dal quale deciderete di illuminare il soggetto dipende dal lato migliore del volto del soggetto ed in base a quanto richiesto dalle riprese. Posizione della luce chiave ad ore

43 Posizione della luce chiave ad ore 9.00 Posizione della luce chiave ad ore

44 Posizione della luce chiave ad ore 7.00 Posizione della luce chiave ad ore

45 Posizione della luce chiave ad ore 5.00 Posizione della luce chiave ad ore

46 Posizione della luce chiave ad ore 3.00 Posizione della luce chiave ad ore

47 Posizione della luce chiave ad ore POSIZIONI DELLA LUCE DI RIEMPIMENTO: DIFFERENTI POSIZIONI ED EFFETTI CONSEGUENTI Convenzionalmente, la luce di riempimento proviene dal lato opposto rispetto al quale si colloca la luce chiave, in quanto il suo scopo è proprio quello di colmare le ombre generate dalla luce chiave. 47

48 Posizione della luce di riempimento ad ore Posizione della luce di riempimento ad ore

49 Posizione della luce di riempimento ad ore Posizione della luce di riempimento ad ore

50 Posizione della luce di riempimento ad ore 8.00 Posizione della luce di riempimento ad ore

51 Posizione della luce di riempimento ad ore 6.00 Posizione della luce chiave 51

52 Posizione della luce di riempimento ad ore 4.00 Posizione della luce di riempimento ad ore

53 Posizione della luce di riempimento ad ore 2.00 Posizione della luce di riempimento ad ore

54 SET DI ILLUMINAZIONE 2 Luce chiave Questa è la luce principale. Solitamente, è la luce più potente ed influenza maggiormente la scena. Si posiziona ad un lato della camera o del soggetto in modo che un lato sia ben illuminato, mentre l altro presenterà delle ombre. Luce di riempimento Questa è la luce secondaria e si colloca nel lato opposto rispetto alla luce chiave. Si usa per riempire le ombre generate dalla luce chiave. La luce di riempimento generalmente è più soffice e meno luminosa della prima. Luce posteriore Si colloca dietro al soggetto. Questa luce non fornisce una illuminazione diretta, come le altre due luci, piuttosto serve a definire meglio il soggetto ed a distinguerlo dallo sfondo, dando un impressione di tridimensionalità. 2 L Immagine è tratta dal Tutorial on-line di Media College.com, 54

55 4. ALTEZZA DEL CAVALLETTO PER LE LUCI Sin qui abbiamo esaminato gli effetti della luce sul soggetto, in base alle varie posizioni che essa assume. Un altra variabile da tenere in considerazione negli schemi di illuminazione è l altezza dalla quale la luce proviene. Convenzionalmente, la luce dovrebbe essere posta al di sopra della linea degli occhi del soggetto, questo perché generalmente siamo abituati ad osservare le cose da tale angolo, in una stanza normalmente illuminata. Ma effetti interessanti si possono ottenere variando tale altezza. Notate il differente effetto della luce in base alla sua provenienza da altezze diverse, nelle immagini che seguono. 55

56 Luce che proviene da sopra la testa Luce che proviene da sopra gli occhi 56

57 Luce collocata all altezza degli occhi Luce che proviene da sotto l altezza degli occhi 57

58 Luce che proviene da sotto al mento In conclusione, quando si ha poco tempo a disposizione o il materiale è carente, può accadere che una sola luce debba assolvere al ruolo di luce chiave e luce di riempimento. Una seconda luce posta dietro al soggetto può servire a dare luminosità ai capelli e dare un tocco finale di sicuro effetto. Per ottenere la giusta illuminazione, ricordate sempre di fare delle veloci prove aggiustando e regolando opportunamente le distanze delle luci dal soggetto, regolandovi anche in base alla luce naturale del vostro ambiente di ripresa. 58

59 MODULO C IL MONTAGGIO DEL VIDEO-CV CON WINDOWS MOVIE MAKER 59

60 .COME INIZIARE Questo Modulo vi spiegherà come montare un Video-CV utilizzando un programma molto comune e di facile utilizzo, Windows Movie Maker, con il quale è possibile creare filmati di buon livello in poche mosse. In particolare, con questo Modulo imparerete a: 1. Scaricare il Video dalla video camera; 2. Creare una sequenza video; 3. Aggiungere al vostro Video-CV effetti di transizione tra le varie scene; 4. Salvare il Video-CV, una volta montato. STEP 1: SCARICARE IL VIDEO DALLA VIDEO CAMERA SUL COMPUTER OPZIONE A: Come scaricare il video utilizzando una connessione i. Link/FireWire/IEEE Connettete la vostra video camera digitale al computer servendovi del cavo i.link. 2. Accendete la video camera, posizionatela in modalità play. Cliccare poi su Cattura Video utilizzando Windows Movie Maker. In seguito, cliccate su OK. 3. Il programma Windows Movie Maker inizierà ora a catturare il Video mediante Wizard. Dalla pagina del file cattura video, digitare il nome del vostro video/file, in seguito cliccate su Avanti. 4. Apparirà ora una pagina di settaggio, accettate le impostazioni di default cliccando su Avanti. 60

61 5. Nella pagina dedicata al metodo di cattura Video, cliccate su Avanti. E consigliabile catturare l intero video in un unica volta; se vi sono parti che non vi servono, sarà bene eliminarle in seguito. 61

62 Quando il Video viene importato, è possibile vederlo nella finestra della preview, sentendone l audio. Una volta che il Video sarà stato catturato, il programma Wizard automaticamente si bloccherà. 62

63 Il programma Movie Maker dividerà in automatico il vostro filmato in varie scene, aggiungendole alla collezione di video che avrà il nome che avrete dato al vostro video. A questo punto, potete iniziare a montare il vostro video. OPZIONE B: Uso di un cavo USB o analoga connessione Per scaricare il Video sul vostro PC: 1. Connettete la telecamera al computer utilizzando un cavo USB o connessione analoga. Per maggiori informazioni, leggete Come connettere la telecamera al vostro computer. 63

64 2. Lanciate Movie Maker cliccando su Start, scegliendo poi Tutti i programmi, e successivamente cliccando su Windows Movie Maker. 3. Una volta aperto Movie Maker, cliccate su Importa video o Cattura video. 64

65 4. Movie Maker lancia Wizard. Cliccate su Videocamera per importare il video. Cliccate poi su Avanti (vedere esempio sotto). 65

66 5. Nella pagina di importazione Video, digitate ora il nome che volete dare al vostro Video. Cliccate poi su Avanti. 66

67 6. Nella pagina di settaggio Video, accettate le impostazioni di default cliccando Avanti (vi apparirà una richiesta si salvataggio con la migliore qualità possibile). 67

68 7. Ora, nella pagina di importazione o cattura del Video, mandate indietro del tutto il filmato premendo sul tasto rewind per alcuni secondi, poi premete il bottone play della vostra videocamera e immediatamente cliccate anche su inizia importazione. 68

69 8. Alla fine del video, fermate l importazione. 69

70 STEP 2: CREARE SCENE VIDEO Le scene sono create in automatico dal programma se cliccate su Crea Clips nel corso dell importazione del Video. Se non fate questa selezione, il video viene importato come un filmato continuo, senza clips. In questo caso, però, vi sarà comunque possibile, in seguito, dividere il filmato intero in clips o scene più piccole. Per importare un file Video già salvato nel vostro computer e creare in automatico brevi clips, procedete come segue: 1. Dal menu Importa Video o Importazione, cliccate su Importa Video o Video (a seconda del programma del vostro PC). 70

71 2. Dalla finestra di dialogo dedicate all importazione del file, selezionate Creare clips (opzione che appare di default). Selezionate, cliccando, il vostro file video, e poi cliccate su Importa. 71

72 3. Movie Maker creerà clips dal vostro video in automatico, aggiungendole ad una nuova collezione. Se avete scaricato il vostro video dalla videocamera, decidendo di non dividere il filmato in clips, potete farlo ora. Basta selezionare il video dalla sezione dedicata alla Collezione di video di Movie Maker, cliccando su Creare clips. 72

73 STEP 3: AGGIUNGERE EFFETTI DI TRASIZIONE TRA LE SCENE ED EFFETTI SPECIALI Windows Movie Maker vi dà la possibilità di inserire nei vostri filmati circa 60 effetti di transizione e 28 effetti speciali. Ecco come fare: 1. In the Movie Tasks pane (riquadro attività), dal menu Edit Movie, cliccate su View video transitions (visualizza effetti di transizione). 73

74 2. E possibile vedere l anteprima degli effetti di transizione facendo doppio click su ciascun effetto mostrato. Una volta scelto l effetto desiderato, trascinatelo nel campo delle vostre video clips, ponendolo tra le due scene dove volete che l effetto sia visibile. 74

75 3. Una volta inserito l effetto, cliccate su Play per visualizzare l effetto in azione. Se l effetto non vi piace, è possibile eliminarlo o sostituirlo con un effetto differente. 75

76 Se invece decidete di non inserire alcun effetto di transizione, basta che clicchiate su storyboard, cliccando poi su Cancella. 4. COME SALVARE IL VIDEO Una volta creato e montato, il video può essere salvato sul vostro PC, su CD o DVD, oppure caricato su un sito web. Per salvare il video sul vostro PC, seguite questi passaggi: 76

77 1. Cliccate su Save to my computer (Salva su PC) 2. Date un nome al file da salvare 77

GUIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE INTRODUZIONE BENVENUTO Benvenuto in SPARK XL l applicazione TC WORKS dedicata al processamento, all editing e alla masterizzazione di segnali audio digitali. Il design di nuova

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

ADOBE PREMIERE ELEMENTS. Guida ed esercitazioni

ADOBE PREMIERE ELEMENTS. Guida ed esercitazioni ADOBE PREMIERE ELEMENTS Guida ed esercitazioni Novità Novità di Adobe Premiere Elements 13 Adobe Premiere Elements 13 offre nuove funzioni e miglioramenti che facilitano la creazione di filmati d impatto.

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com Guida alla configurazione della posta elettronica bassanonet.com 02 Guida alla configurazione della posta elettronica I programmi di posta elettronica consentono di gestire una o più caselle e-mail in

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu

Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu 1 Benvenuti dagli ideatori e sviluppatori del Chart Risk Manager Tool per MetaTrader 4. Raccomandiamo

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere.

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere. Istruzioni esemplificate per Iscrizione e fruizione Corsi ECM FAD La nuovissima piattaforma proprietaria FAD Ippocrates3 adottata a partire da gennaio 2013 da SANITANOVA S.r.l., è in grado di dimensionare

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Microsoft Windows 30/10/2014 Questo manuale fornisce le istruzioni per l'utilizzo della Carta Provinciale dei Servizi e del lettore di smart card Smarty sui sistemi operativi

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

SKY on DEMAND. Guida all attivazione e navigazione

SKY on DEMAND. Guida all attivazione e navigazione SKY on DEMAND Guida all attivazione e navigazione . Il Nuovo Sky On Demand: dettagli 1/2 Che cosa è il nuovo Sky On Demand Il nuovo Sky On Demand è il Servizio che consente di accedere ad un intera videoteca

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer,

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Guida Introduttiva Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Heike Schilling. Data di rilascio:

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE 1. L istanza di riconoscimento dei CFP, deve essere presentata esclusivamente al CNI mediante una compilazione online di apposito modulo disponibile sulla piattaforma della formazione

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Disabilitare lo User Account Control

Disabilitare lo User Account Control Disabilitare lo User Account Control Come ottenere i privilegi di sistema su Windows 7 1s 2s 1. Cenni Generali Disabilitare il Controllo Account Utente (UAC) Win 7 1.1 Dove può essere applicato questo

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

ipod shuffle Manuale Utente

ipod shuffle Manuale Utente ipod shuffle Manuale Utente 1 Indice Capitolo 1 3 Informazioni su ipod shuffle Capitolo 2 5 Nozioni di base di ipod shuffle 5 Panoramica su ipod shuffle 6 Utilizzare i controlli di ipod shuffle 7 Collegare

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

La tua vita nei filmati

La tua vita nei filmati Pinnacle Studio Versione 15 Include Studio, Studio Ultimate e Studio Ultimate Collection La tua vita nei filmati Documentazione a cura di Nick Sullivan Copyright 1996-2011 Avid Technologyv, Inc. Tutti

Dettagli

Claudio Benetti USARE PREMIERE PRO. Manuale d uso

Claudio Benetti USARE PREMIERE PRO. Manuale d uso Claudio Benetti USARE PREMIERE PRO Manuale d uso Questo manuale è distribuito per uso strettamente personale. Nessuna parte di esso può essere copiata o distribuita in qualsiasi forma, compresa quella

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone A Installazione di Rosetta Stone Windows: Inserire il CD-ROM dell'applicazione Rosetta Stone. Selezionare la lingua dell'interfaccia utente. 4 5 Seguire i suggerimenti per continuare l'installazione. Selezionare

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Manuale di gestione file di posta Ver4.00

Manuale di gestione file di posta Ver4.00 AreaIT - Servizio Servizi agli Utenti Ufficio Office Automation Manuale di gestione file di posta Ver4.00 Introduzione: Per un corretto funzionamento del programma di posta elettronica, presente nella

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia

Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia Informazioni generali Questo manuale fornisce informazioni e istruzioni per l ascolto e la creazione

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD 1.1 Premessa Il presente documento è una guida rapida che può aiutare i clienti nella corretta configurazione del software MOZILLA THUNDERBIRD

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Collabor@ Organizza riunioni on-line da qualunque PC Recupera il tuo tempo Taglia i costi dei tuoi spostamenti Rispetta l ambiente DISCO DI VENDITA

Collabor@ Organizza riunioni on-line da qualunque PC Recupera il tuo tempo Taglia i costi dei tuoi spostamenti Rispetta l ambiente DISCO DI VENDITA GRUPPO TELECOM ITALIA Collabor@ Organizza riunioni on-line da qualunque PC Recupera il tuo tempo Taglia i costi dei tuoi spostamenti Rispetta l ambiente DISCO DI VENDITA Indice Guida Veloce Contatti Quando

Dettagli

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE ESEGUIRE: MENU STRUMENTI ---- OPZIONI INTERNET --- ELIMINA FILE TEMPORANEI --- SPUNTARE

Dettagli

ipod nano Guida alle funzionalità

ipod nano Guida alle funzionalità ipod nano Guida alle funzionalità 1 Indice Capitolo 1 4 Nozioni di base di ipod nano 5 Panoramica su ipod nano 5 Utilizzare i controlli di ipod nano 7 Disabilitare i controlli di ipod nano 8 Utilizzare

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli