Codice aziendale Condotta ed etica. Revisione: agosto 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Codice aziendale Condotta ed etica. Revisione: agosto 2012"

Transcript

1 Codice aziendale Condotta ed etica Revisione: agosto 2012 Il presente documento viene controllato ed è stato pubblicato in forma elettronica. La versione presente sul sito internet del governo societario Regal costituisce il documento aggiornato. Le copie cartacee non sono soggette a controllo e pertanto potrebbero non essere aggiornate. I possessori di copie cartacee devono confrontare la loro versione con quella elettronica. Ago 2012

2 Indice Introduzione Relazione dell'amministratore Delegato... 1 La nostra visione / la nostra missione / i nostri valori Scopo... 3 Spirito del Codice... 3 Chi riguarda questo Codice?... 3 Conformità con i requisiti legali...4 Le tue responsabilità...4 Segnalare un problema di conformità... 5 Come vengono gestiti i problemi di conformità segnalati...6 Violazioni...6 Dichiarazioni d'intenti Il nostro ambiente di lavoro Pratiche di impiego equo...8 Luogo di lavoro privo di sostanze...9 Luogo di lavoro esente da violenza...10 Sicurezza e gestione delle crisi Sicurezza, salute e ambiente I nostri prodotti Sicurezza e qualità dei prodotti I nostri rapporti commerciali Regali, favori, intrattenimento Rapporti con i fornitori Rapporti con i clienti...20 Concorrenza leale Controlli sul commercio internazionale Prevenire il riciclaggio di denaro I nostri rapporti con il governo Lavorare con i governi Attività e contributi politici Le nostre risorse e la nostra reputazione Proteggere le nostre risorse Diritti di proprietà intellettuale Informazioni sull'azienda Libri e registri aziendali...38 Privacy...39 Evitare i conflitti d'interessi Insider Trading e Stock Tipping...42 Comunicazione con i media e segnalazioni pubbliche Gestione dei registri Accettazione...46 #2 Codice di condotta 2012

3 Introduzione Messaggio di Mark Dietro ogni grande azienda c'è una forte cultura caratterizzata da valori chiave: profonda lealtà, grande energia e grandi prestazioni. Benché crescita e innovazione sono e saranno sempre lo stile di vita Regal, questi valori chiave sono rimasti immutati. La lealtà è il fondamento di tutti i nostri rapporti professionali e personali e dobbiamo impegnarci tutti ad agire con etica e lealtà ogni giorno e in ogni situazione. La nostra azienda è in forte crescita da diversi anni e il nostro obiettivo è proseguire su questa strada in modo redditizio e su scala globale. Per riuscirci dobbiamo avere una cultura fondata su lealtà, trasparenza e schiettezza. Da anni costruiamo questa cultura aziendale e miglioriamo giorno dopo giorno, compresi i continui miglioramenti al nostro Programma di Conformità globale. La base del nostro Programma di Conformità e il nostro impegno alla lealtà è il Codice di Condotta ed Etica Aziendale. Questo Codice incarna la lealtà e l'etica aziendale di Regal nel mondo. Fornisce le linee guida di condotta aziendale per aiutarci a prendere decisioni etiche coerenti con i nostri valori, le nostre iniziative e gli obiettivi strategici. Non vi dà istruzioni per qualsiasi situazione che vi si potrebbe presentare. Sta a ognuno di noi usare un buon metro di giudizio e chiedere aiuto quando non è chiaro il giusto percorso di azioni. A tutti capita di avere domande e preoccupazioni di tanto in tanto e chiedere aiuto spesso è la cosa giusta. Possiamo ottenerlo in diversi modi: dirigenti, esperti funzionali, Ufficio Etica e Conformità, oppure il servizio Integrity line. Per qualsiasi preoccupazione o sospetto su pratiche aziendali illegali o non etiche, inviateci una segnalazione attraverso una delle modalità spiegate in questo Codice. Se segnalate un vostro dubbio in buona fede, nessuno sarà autorizzato a fare ritorsioni contro di voi e avrete la garanzia del completo supporto dell'azienda. Anzi, ritorsioni e rappresaglie ai danni di chi effettua una segnalazione in buona fede o partecipa alle indagini sono severamente proibite. La lealtà non è una questione occasionale. In un contesto aziendale globale sempre più complesso e dinamico, il nostro impegno alla lealtà deve essere continuo e immutabile. La lealtà di un'azienda si costruisce giorno dopo giorno negli anni con tutto il gruppo e le attività improprie o illecite di un singolo dipendente possono danneggiare tutti. Vogliamo essere conosciuti a livello mondiale per l'appartenenza a un'organizzazione votata alla lealtà sotto tutti gli aspetti, anche quando fare una scelta etica difficile significa rinunciare a un affare o a risultati nel breve termine. Il lungo termine, la nostra reputazione e gli affari dipendono dall'impegno di ognuno di noi a seguire questo Codice e ad agire sempre con lealtà, per creare un ambiente basato su comunicazione aperta, lavoro di squadra e responsabilità personale. Possiamo essere tutti orgogliosi della reputazione e del successo aziendale che caratterizzano Regal. Il nostro impegno continuo al rispetto delle linee guida di questo Codice e dei nostri valori rimane essenziale per il nostro successo. Grazie per il vostro contributo nel fare di quest'azienda una grande azienda. Presidente e Amministratore Delegato Trasformiamo la potenza in movimento per un mondo più efficiente. - SCOPO DELL'AZIENDA Codice di condotta

4 Introduzione Al cuore dell'eccellenza... I nostri valori chiave Lealtà Siamo un'azienda onesta, affidabile, schietta, trasparente e leale. Grande energia La nostra cultura promuove una forte etica professionale con team di grande energia che favoriscono una cultura di integrazione e rispetto per tutti. Rendimento Tutti devono avere un buon rendimento e i nostri azionisti contano su di noi per operare, soddisfare gli impegni e migliorare continuamente. Le iniziative della nostra azienda Assistenza ai clienti Il nostro futuro dipende dal successo dei nostri clienti. Stabiliremo rapporti più vicini con i nostri clienti, ascoltando attivamente le loro opinioni e rispondendo con la percezione dell'urgenza. Globalizzazione Vogliamo diventare globali per tre ragioni. La prima è che vogliamo partecipare ai mercati in forte crescita di tutto il mondo. La seconda è che molti dei nostri clienti sono globali e noi vogliamo servire i clienti nei paesi in cui fanno affari. Infine vogliamo sfruttare le nostre capacità globali per scovare i migliori talenti e rimanere competitivi a livello globale. Innovazione Costruiremo il futuro dell'azienda basandolo su prodotti nuovi e in forte domanda. Benché accettiamo che un'innovazione comporta un certo grado di rischio, siamo impegnati a investire in nuovi prodotti, tecnologie e processi che offrano valore reale ai nostri clienti. Sostenibilità La sostenibilità a lungo termine della nostra Azienda non richiede solo la crescita continua e il profitto, ma anche assumerci la responsabilità personale dell'impatto che abbiamo sul pianeta e l'equo e giusto trattamento delle persone a cui diamo lavoro. Semplificazione La complessità è un forte svantaggio negli affari. Puntiamo a semplificare ogni aspetto delle nostre operazioni per eliminare le complessità e aumentare la velocità, migliorare la nostra flessibilità e ridurre i costi. 2 Codice di condotta 2012

5 Introduzione Scopo Ogni dipendente e rappresentante Regal è in grado di influenzare la reputazione di Regal attraverso decisioni imprenditoriali e il comportamento. Il presente Codice si propone di garantire che le nostre decisioni e azioni, in tutte le attività, siano coerenti con i nostri valori chiave. Dobbiamo soddisfare i massimi standard di comportamento etico, rispettare appieno le leggi e le normative in vigore ed evitare sul nascere la benché minima scorrettezza o comportamento illegale o non etico. Il presente Codice di Condotta ed Etica Aziendale e le politiche ivi descritte o menzionate non costituiscono un contratto, sono bensì dichiarazioni degli obblighi dei dipendenti, dirigenti e rappresentanti Regal. Spirito del Codice Il presente Codice contiene principi e informazioni di base per aiutarti a riconoscere e ad affrontare problemi di etica e di conformità nel tuo lavoro, coerentemente con il nostro impegno per i massimi standard. Il Codice non può trattare tutte le potenziali problematiche, ragion per cui, oltre ad acquisire familiarità con esso, dovrai: 4 Essere sincero e onesto. 4 Usare il buon senso e un buon metro di giudizio. La tua decisione o azione preserva la reputazione di Regal? 4 Fare la prova di internet. Se non vorresti che la tua azione fosse diffusa su internet o notiziari, allora non metterla in atto. 4 Se sei in dubbio, chiedi! Usa le risorse che hai a disposizione per fare la scelta giusta. Chi riguarda questo Codice? 4 I nostri direttori, funzionari e dipendenti (collettivamente denominati dipendenti). 4 Le nostre società controllate e affiliate: le entità che è nostro diritto controllare per proprietà o diritto di voto, attraverso contratto o altro, devono adottare e rispettare il presente Codice e qualunque altra nostra politica applicabile. 4 Chiunque agisca da nostro rappresentante - i nostri dipendenti che sono coinvolti o lavorano con una terza parte, il cui ruolo può includere rappresentare Regal, devono: q Fornire al rappresentante le informazioni e le istruzioni necessarie sulle nostre politiche di etica e conformità. q Quando è opportuno, ottenere l'accordo del rappresentante a rispettare le nostre politiche di etica e conformità. q Adottare le opportune azioni correttive, inclusa la rescissione del contratto, laddove un rappresentante venga meno nel rispettare gli obblighi della nostra politica di etica e conformità. Codice di condotta

6 Introduzione Conformità con i requisiti legali I dipendenti e i rappresentanti Regal devono rispettare tutti i requisiti legali in vigore. Questo significa che dovrai: 3 Adempiere sempre a tutti gli obblighi legali in vigore. 3 Non favorire la condotta illegale o la frode di terzi, indipendentemente dalle norme locali. 3 Comprendere quali obblighi legali vigono per il tuo lavoro utilizzando risorse appropriate, incluso il nostro Ufficio Legale; non tutti i requisiti legali sono trattati in questo Codice o nelle nostre politiche. 3 Seguire i consigli dell'ufficio Legale. 3 Se sussiste un conflitto tra i requisiti legali (ad esempio, potrebbero applicarsi normative diverse di due legislazioni distinte), consultare e seguire le istruzioni dell'ufficio Legale. Le tue responsabilità Le tue responsabilità includono: 3 Adempiere a tutti i requisiti legali ed etici (vedere le pagine precedenti). 3 Leggere e comprendere questo Codice. 3 Leggere e comprendere gli obblighi della nostra politica applicabili al tuo lavoro, siano essi inclusi nel presente Codice o forniti in altre politiche o istruzioni. 3 Consultare il tuo responsabile e altre risorse aziendali per qualsiasi domanda sulle nostre politiche. 3 Segnalare tempestivamente, attraverso uno dei canali descritti in questo Codice, le tue preoccupazioni circa potenziali violazioni della Legge o della politica aziendale e perseguire una soluzione. 3 Collaborare alle indagini su questioni etiche o di conformità. 3 Accettare periodicamente la comprensione di questo Codice e il tuo impegno a rispettarlo, incluso l'obbligo a segnalare violazioni note o sospette della Legge o del presente Codice. Se sei un supervisore, un team leader o un dirigente: 3 Agisci in modo opportuno per informare e addestrare gli autori della segnalazione circa le nostre politiche applicabili al loro lavoro. 3 Adotta azioni propositive per evitare violazioni della Legge e delle nostre politiche. 3 Adotta azioni propositive per individuare violazioni della Legge e delle nostre politiche. 3 Crea un clima dove coloro che effettuano una segnalazione comprendano che viene tollerato solo il comportamento etico e conforme. 3 Crea un clima affinché chi effettua una segnalazione sia tranquillo nell'informarti dei suoi dubbi di conformità in buona fede. 3 Assicurati che chi effettua una segnalazione, quando riferisce un dubbio in buona fede o collabora a un'indagine, sia protetto da ritorsioni o intimidazioni. 4 Codice di condotta 2012

7 Introduzione 3 Agisci tempestivamente affinché qualsiasi preoccupazione segnalata venga opportunamente indagata e risolta; per istruzioni su come indagare su una questione segnalata, o per assistenza nel decidere se riferirla a terzi per ulteriori indagini, contatta il tuo responsabile, l'ufficio Legale, l'ufficio Etica e Conformità o un esperto funzionale. 3 Segnala tutti i problemi o le preoccupazioni al tuo supervisore, team leader o responsabile o a uno dei canali di segnalazione indicati in basso. Segnalare un problema di conformità Normalmente, quando si teme un problema di conformità, la cosa migliore è segnalarlo al proprio supervisore diretto, team leader o responsabile, poiché con tutta probabilità egli è la persona più adatta a risolverlo. Hai comunque diverse opzioni per segnalare il tuo dubbio e puoi scegliere quella che preferisci. Puoi segnalare la tua preoccupazione: 3 al livello dirigenziale successivo al tuo supervisore, team leader o responsabile immediato; 3 all'esperto o responsabile funzionale appropriato (ad esempio, Risorse Umane, Legale, Finanza, Contabilità); 3 all'ufficio Legale; 3 all'ufficio Etica e Conformità; oppure 3 al Comitato Verifiche del nostro Consiglio di Amministrazione. Integrity Line - segnalazione comportamenti non etici, attiva tutti i giorni 24 ore su 24 Telefono: Numeri dell'integrity Line, verrai indirizzato al nostro fornitore di servizi NavEx Global (precedentemente noto come Global Compliance). La chiamata verrà risposta nella tua lingua, oppure un traduttore ti aiuterà a porre le domande o a segnalare problemi.le informazioni specifiche sulla composizione del numero sono disponibili all'ultima pagina di questo Codice. Portale web: Integrity Line (esterna), dovrai completare un modulo su web e potrai scegliere in quale lingua farlo. Località globali (Stati Uniti e al di fuori dell'unione Europea): Località dell'unione Europea (esclusi Spagna e Portogallo): Località di Spagna e Portogallo: Altri metodi per la segnalazione Telefono All'interno degli Stati Uniti diretto o , chiedere dell'ufficio Etica e Conformità All'esterno degli Stati Uniti , chiedere dell'ufficio Etica e Conformità Indirizzo di posta ordinaria Etica e Conformità/Regal-Beloit Corporation 200 State St, Beloit, WI USA Fax Puoi segnalare il tuo dubbio anche al Comitato Verifiche del Consiglio di Amministrazione: Presidente del Comitato Verifiche/Consiglio di Amministrazione. Regal-Beloit Corporation 200 State Street, Beloit WI USA Codice di condotta

8 Introduzione Come vengono gestiti i problemi di conformità segnalati Anonimato - puoi segnalare un problema di conformità in forma anonima. Tieni presente che se segnali un problema in forma anonima, un rappresentante di un'azienda coinvolta nella soluzione del problema potrebbe non poter discutere con te del problema o dell'indagine e dei rilevamenti aziendali. Riservatezza - Se non invii la segnalazione in forma anonima, la tua identità e le informazioni che hai fornito verranno divulgate solo se necessario per risolvere il problema. Ritorsioni - Le ritorsioni, incluse le intimidazioni, contro chiunque abbia segnalato un problema di conformità in buona fede o per aver contribuito alla sua risoluzione, sono severamente vietate. Le ritorsioni possono essere la base per provvedimenti disciplinari, fino a, e inclusa, la risoluzione del rapporto lavorativo. Indagini - Un responsabile, esperto funzionale o team di verifica appropriato indagherà ogni problema segnalato. L'indagine si concluderà con dei riscontri e raccomandazioni di azioni correttive che gli opportuni responsabili dovranno implementare, ove possibile. La persona che segnala il problema riceverà un riscontro, ove possibile. Violazioni Violazioni del presente Codice e delle nostre politiche potrebbero comportare provvedimenti disciplinari fino a, e inclusa, la risoluzione del rapporto lavorativo. I comportamenti che possono essere puniti con provvedimenti disciplinari comprendono: 3 Violazione di una politica aziendale. 3 Dare istruzioni per o chiedere a terzi di violare la politica aziendale. 3 Venir meno nel segnalare tempestivamente una violazione sospetta o nota su una legge o politica aziendale. 3 La mancata collaborazione a un'indagine aziendale su una potenziale violazione della conformità. Ciò include l'occultamento di informazioni da un rappresentante Regal che svolge un'indagine o fornire informazioni false o fuorvianti o non completamente fedeli alla realtà. 3 Ritorsioni, comprese intimidazioni, contro un dipendente che abbia segnalato un problema o abbia collaborato a un'indagine. 3 Per i leader, la mancata dimostrazione di un'adeguata leadership nel creare e mantenere un clima che promuova il comportamento etico e conforme e incoraggi a segnalare e a risolvere i problemi di etica e conformità. Violazioni della Legge e delle nostre politiche possono esporre te e Regal a reclusione, pene pecuniarie e danni civili. Potremmo non essere in grado, o potremmo decidere, di non rappresentarti o difenderti da tali possibili sanzioni qualora tu abbia violato una politica aziendale. 6 Codice di condotta 2012

9 Il nostro ambiente di lavoro Pratiche di impiego equo - pagina 8 Luogo di lavoro privo di sostanze - pagina 9 Luogo di lavoro esente da violenza - pagina 10 Sicurezza e gestione delle crisi - pagina 11 Sicurezza, salute e ambiente - pagina 12 Codice di condotta

10 Il nostro ambiente di lavoro Pratiche di impiego equo Rispettiamo e apprezziamo la diversità dei nostri dipendenti, funzionari, dirigenti, fornitori, clienti e comunità. Lavoriamo giorno dopo giorno per creare un'atmosfera dove ogni dipendente si senta apprezzato come individuo e sia trattato con dignità e rispetto. La nostra azienda dà pari opportunità d'impiego e assumiamo e promuoviamo persone qualificate senza discriminazione (senza, cioè, trattare un individuo in modo più o meno avvantaggiato) di razza, colore, religione, genere, orientamento sessuale, stato civile, età, nazionalità di origine, disabilità, status militare o di reduce di guerra. Questo vale per tutti gli aspetti dell'impiego, inclusi reclutamento, assunzione, formazione e sviluppo, compenso, trasferimento, promozione, provvedimenti disciplinari o licenziamento. Ci impegniamo a rispettare le leggi in vigore sul lavoro e l'impiego, incluse quelle relative alla libertà di associazione, privacy, contrattazione collettiva, immigrazione, orario di lavoro, salari e ore, lavoro forzato, obbligatorio e infantile, discriminazione e molestie sul lavoro. Lottiamo per garantire che i dipendenti e terzi che agiscono per nostro conto trattino i colleghi con rispetto, ossia in modo corretto, professionale e con onestà. Ci impegniamo a mantenere un ambiente di lavoro esente da molestie fisiche, psicologiche, verbali e non verbali, incluse le molestie sessuali. Tutte le forme di molestia sono severamente proibite, incluse le molestie al nostro personale da parte di qualsiasi cliente, fornitore, visitatore o altra persona o azienda. Provvederemo a indagare tempestivamente e in modo imparziale le lamentele di molestie. La molestia è un comportamento rivolto alla razza, genere, colore, religione, nazionalità di origine, età, orientamento sessuale, stato civile, status di veterano di guerra, disabilità o altre caratteristiche di un individuo non collegate al lavoro, che crea un ambiente di lavoro intimidatorio, ostile o offensivo o che interferisce ingiustificatamente con il rendimento professionale di un dipendente. C Cosa fare: Prendere decisioni d'impiego basate sulle qualifiche per il lavoro e sul merito - ossia, competenze legate al tipo di lavoro, rendimento, valori, leadership e altri criteri simili Prendere tutte le decisioni d'impiego senza tenere conto di razza, genere, colore, religione, nazionalità d'origine, età, orientamento sessuale, stato civile, status di reduce di guerra, disabilità o altre caratteristiche non legate al lavoro Rispettare i diritti sulla privacy dei dipendenti gestendo le informazioni personali in conformità con le leggi in vigore Segnalare immediatamente i casi noti o sospetti di discriminazione o molestia Rispettare tutte le leggi in vigore sul lavoro, incluse le leggi su salari, lavoro infantile, orari di lavoro Partecipare a programmi di formazione per la prevenzione delle molestie organizzati dall'azienda D Cosa non fare: Discriminazioni nel prendere decisioni di impiego Raccontare barzellette o mostrare materiale che ridicolizzano o offendono un membro di un particolare genere, razza, orientamento sessuale, religione, età, disabilità o gruppo etnico Fare avance indesiderate di natura sessuale Divulgare informazioni sull'impiego senza che vi sia l'autorità o l'esigenza, o il consenso del soggetto cui riguardano le informazioni Rivendicarsi contro o intimidire un dipendente per aver segnalato una potenziale violazione della Legge o della politica aziendale in buona fede Rifiutarsi di lavorare con una persona per via del suo genere, razza, orientamento sessuale, religione, età, disabilità o gruppo etnico 8 Codice di condotta 2012

11 Il nostro ambiente di lavoro Luogo di lavoro privo di sostanze Non tolleriamo l'uso di droghe o alcol, sia durante che fuori l'orario di lavoro, tale da danneggiare la buona condotta dei nostri affari. Non consentiamo il possesso o l'uso di alcol o droghe illegali durante l'orario di lavoro, incluse le pause pranzo e gli intervalli, ad eccezione di eventi speciali per i quali il possesso o l'uso di alcol sia stato precedentemente approvato da un funzionario aziendale. Il possesso, l'uso, l'acquisto, il trasferimento o la vendita di droga o di sostanze controllate senza autorizzazione medica valida e documentata comporta un'immediata azione disciplinare. C Cosa fare: Informare il proprio dirigente o il personale Regal appropriato se stai assumendo sostanze che danneggiano la tua capacità di svolgere il lavoro, anche se la sostanza è assunta legalmente D Cosa non fare: Entrare nei locali dell'azienda sotto l'effetto di alcol o droghe illegali Consumare alcol nell'orario lavorativo, ad eccezione di speciali eventi aziendali per i quali il possesso o l'uso di alcol è consentito da un funzionario aziendale, o lavorare sotto l'effetto di alcol Possedere droghe illegali o droghe legali per le quali non si ha il diritto legale di possesso mentre ci si trova nella proprietà aziendale o durante il lavoro Fare uso di droghe illegali Fare uso di droghe legali in modo illegale Vendere o distribuire droghe illegali o droghe legali in modo illegale, all'interno o all'esterno della proprietà aziendale, sia durante che fuori l'orario di lavoro Fare uso di alcol o droghe fuori dall'orario di lavoro in modo da danneggiare la capacità di svolgere il tuo lavoro Codice di condotta

12 Il nostro ambiente di lavoro Luogo di lavoro esente da violenza Non tolleriamo la violenza. Violenza significa fare del male fisico a un'altra persona, spingere, molestare, intimidire, costringere, impugnare armi e minacciare, o parlare, di compiere tali azioni. Nessun individuo associato all'azienda, inclusi dipendenti e appaltatori, fornitori, clienti o terze persone estranee all'azienda che abbiano contatti con l'azienda, dovrebbe sentirsi minacciato dalle parole o dal comportamento di nessuno dei nostri dipendenti o rappresentanti. Violenza significa anche atti o minacce di violenza verso l'azienda o proprietà dell'azienda. Vietiamo il possesso di armi nei locali dell'azienda, incluso all'interno di veicoli personali o durante lo svolgimento di affari aziendali, ove non in conflitto con la legge locale. Le armi comprendono fucili, coltelli, esplosivi e qualsiasi altro oggetto potenzialmente pericoloso. C Cosa fare: Segnalare immediatamente qualsiasi minaccia di violenza o se si ha motivo di credere che possa verificarsi violenza sul luogo di lavoro Come supervisore, team leader o responsabile che riceve una segnalazione di potenziale violenza sul posto di lavoro, prendere provvedimenti immediati per proteggere le persone o la proprietà minacciate e assicurarsi che il problema segnalato venga indagato e risolto D Cosa non fare: Compiere atti di violenza sul luogo di lavoro, incluse le minacce di violenza Portare o tenere armi di qualsiasi tipo nei locali dell'azienda o tenerle in veicoli aziendali presso l'azienda; ciò vale anche se si è in possesso di un'autorizzazione legale per il trasporto d'armi 10 Codice di condotta 2012

13 Il nostro ambiente di lavoro Sicurezza e gestione delle crisi Nell'attuale panorama globale, con le onnipresenti minacce di terrorismo e il rischio di violenza da parte di terroristi e altri criminali, è essenziale avere sempre piani aggiornati per proteggere la sicurezza del nostro personale, gli ambienti di lavoro, i sistemi informatici e la continuità aziendale. I dipendenti devono rispettare tali piani. I nostri dipendenti devono prendere ogni precauzione per evitare contatti con i terroristi o con terze persone che supportano attività terroristiche o violente. C Cosa fare: Implementare piani volti a proteggere la sicurezza del nostro personale, strutture, informazioni, sistemi informatici e continuità aziendale Segnalare le falle di sicurezza al tuo supervisore, team leader o responsabile e restare vigile su comportamenti o persone sospetti D Cosa non fare: Cedere il controllo di laptop e altri sistemi informatici a terzi esterni all'azienda Consentire l'accesso ai nostri locali o ad altra nostra proprietà a terzi senza uno scopo professionale legittimo inerente all'azienda e senza rispettare le nostre procedure per l'accesso di ospiti Partecipare alla nostra pianificazione delle emergenze e alle esercitazioni per le emergenze Fare affari con un cliente, fornitore, consulente o agente senza un'adeguata selezione Rispettare le regole di accesso, ingresso e uscita dalle nostre strutture Rispettare le regole sull'immigrazione globale quando si viaggia e ottenere i visti necessari Rispettare le politiche e le procedure per i viaggi Consultare il medico prima di fare viaggi all'estero per conto dell'azienda, per essere sicuri di aver fatto le vaccinazioni e ricevuto le cure necessarie Verificare sempre i trascorsi personali per le nuove assunzioni e i nuovi appaltatori Mantenere i piani di continuità aziendale Controllare la presenza di clienti, fornitori, consulenti e agenti sulle liste di controllo per il terrorismo e svolgere altre attività di verifica come richiesto dal nostro programma anticorruzione Mantenere il controllo e la sicurezza dei materiali pericolosi Rispettare le regole del Partenariato doganale-commerciale contro il terrorismo (C-TPAT) e gli standard di sicurezza Codice di condotta

14 Il nostro ambiente di lavoro Sicurezza, salute e ambiente Ci sforziamo di offrire un ambiente di lavoro sicuro e salutare per tutti i nostri dipendenti. Ci impegniamo a superare tutti i requisiti legali ambientali in vigore e a condurre le nostre attività riducendo al minimo l'impatto sull'ambiente. Questo vale per tutte le nostre attività, non limitandosi alla sola gestione dei rifiuti e delle emissioni, ma abbracciando tutto quello che facciamo. Ciò comprende l'utilizzo efficiente delle risorse, un adeguato riciclo e l'uso di attrezzature e uffici in conformità con tutte le leggi e le nostre politiche. C Cosa fare: Rispettare appieno tutte le leggi, le norme e le nostre politiche ambientali in vigore, incluse le Politiche sulla responsabilità sociale e la sostenibilità ambientale Mantenere un ambiente di lavoro sicuro ed evitare lesioni sul posto di lavoro Valutare e risolvere eventuali rischi di conformità prima di portare avanti un'iniziativa o opportunità commerciale proposta Eliminare i rischi per la sicurezza, l'ambiente o la salute dalle nostre strutture e dalle attività aziendali Entro i limiti possibili, ridurre l'uso di materiali tossici e pericolosi dai processi e dalle attività, risparmiare energia e acqua, riciclare i materiali Segnalare tempestivamente qualsiasi dubbio sulla salute, la sicurezza o l'ambiente al responsabile competente o agli uffici Ambiente, Salute, Sicurezza e Sostenibilità (EHSS), Risorse Umane o Legale Affrontare e risolvere i problemi di conformità legale identificati Indossare le cinture di sicurezza in tutti i veicoli aziendali Comprendere e seguire la Politica sulla responsabilità sociale dell'azienda e la Politica sulla sostenibilità ambientale D Cosa non fare: Mettere te stesso o un collega, cliente, fornitore, appaltatore o consulente in una situazione rischiosa per la vostra incolumità. Compiere attività non sicure o consentire condizioni non sicure Lavorare senza i dispositivi di protezione personale quando necessari Acquistare, ricevere o utilizzare sostanze chimiche prive di etichetta o non approvate Dopo aver scoperto un rischio per la sicurezza, esimersi dal correggerlo o dal prendere le misure necessarie per farlo correggere Esimersi dallo sbloccare le uscite di emergenza o antincendio bloccate Bloccare l'accesso ai dispositivi di protezione antincendio Guidare in modo imprudente; per istruzioni dettagliate, consultare i manuali di guida locali e le leggi sull'utilizzo dei veicoli e la sicurezza Non osservare le procedure di bloccaggio elettrico con apposizione di avvisi Non osservare le politiche di gestione, spedizione, trasporto, importazione/esportazione e smaltimento di materiali e sostanze chimiche pericolosi 12 Codice di condotta 2012

15 I nostri prodotti Sicurezza e qualità dei prodotti - pagina 14 Codice di condotta

16 I nostri prodotti Sicurezza e qualità dei prodotti Facciamo del nostro meglio per realizzare prodotti che siano sicuri per chi li utilizza e per l'ambiente. I nostri prodotti soddisferanno o supereranno i requisiti legali e regolamentari in vigore che governano la sicurezza e l'etichettatura. C Cosa fare: Assicurarsi che qualsiasi sforzo per lo sviluppo di prodotti includa preventivamente considerazioni di tipo ambientale, sulla salute e la sicurezza e analisi legali appropriate, come descritto nel Processo aziendale per lo sviluppo di nuovi prodotti Segnalare immediatamente i tuoi dubbi sulla sicurezza dei prodotti all'ufficio Legale o al Consiglio per la Sicurezza dei Prodotti affinché possano valutarli e porvi rimedio Segnalare immediatamente all'ufficio Legale qualsiasi dubbio sulla sicurezza dei prodotti proveniente da fonti esterne all'azienda, affinché possa valutarlo e porvi rimedio D Cosa non fare: Esimersi dal rispondere immediatamente a segnalazioni di dubbi ambientali, di salute o sicurezza collegati ai nostri prodotti Presentare e vendere nuovi prodotti sul mercato che comportano rischi ambientali, di salute e sicurezza ingiustificati o maggiore responsabilità legale ingiustificata o danno per la nostra reputazione 14 Codice di condotta 2012

Ambiente di lavoro improntato al rispetto

Ambiente di lavoro improntato al rispetto Principio: Tutti hanno diritto a un trattamento rispettoso nell ambiente di lavoro 3M. Essere rispettati significa essere trattati in maniera onesta e professionale, valorizzando il talento unico, le esperienze

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY

DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE E RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY Johnson Matthey ha assunto alcuni impegni contro la concussione e la corruzione che

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Linee guida di condotta aziendale

Linee guida di condotta aziendale Linee guida di condotta aziendale INTEGRITÀ RISPETTO FIDUCIA RICERCA DELL ECCELLENZA CLIENTI DIPENDENTI PARTNER COMMERCIALI FORNITORI AZIONISTI COMMUNITÀ AMBIENTE SOMMARIO Linee guida di condotta aziendale

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Se avete domande in merito al Codice IDEX di condotta ed etica aziendale o se avete episodi da segnalare, seguite le procedure indicate nel Codice.

Se avete domande in merito al Codice IDEX di condotta ed etica aziendale o se avete episodi da segnalare, seguite le procedure indicate nel Codice. A tutti i dipendenti, dirigenti e direttori IDEX: Al fine di soddisfare e superare le esigenze dei nostri clienti, fornitori, dipendenti e azionisti sono essenziali criteri di comportamento elevati e coerenti,

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

:-) Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta. Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità

:-) Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta. Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità General Business Principles Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta :-) Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità pww.gbp.philips.com June 2014 Abbiamo

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Codice Etico e di Condotta Aziendale. Noi. ci impegnamo

Codice Etico e di Condotta Aziendale. Noi. ci impegnamo Codice Etico e di Condotta Aziendale Noi ci impegnamo La Missione di Bombardier La nostra missione è essere leader mondiali nella produzione di aerei e treni. Ci impegniamo a fornire ai nostri clienti

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

VimpelCom Ltd. Group. Codice di Condotta

VimpelCom Ltd. Group. Codice di Condotta Group Codice di Condotta Il di VimpelCom delinea le regole di condotta aziendali di VimpelCom unitamente a linee-guida per spiegare come esse si applichino nella pratica a ciascun dipendente VimpelCom.

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

Approvato dal CdA del 27.06.12

Approvato dal CdA del 27.06.12 CODICE ETICO Approvato dal CdA del 27.06.12 1 1. INTRODUZIONE...4 1.1 La Missione di BIC Lazio SpA...4 1.2 Principi generali...4 1.3 Struttura e adeguamento del Codice Etico...5 2. DESTINATARI DEL CODICE...5

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

Codice di Condotta Aziendale ed Etica. Luglio 2009

Codice di Condotta Aziendale ed Etica. Luglio 2009 Codice di Condotta Aziendale ed Etica Luglio 2009 Contenuto 3 Messaggio dell'amministratore Delegato di Flextronics 4 La Cultura di Flextronics 5 Introduzione 5 Approvazioni, emendamenti e deroghe 6 Rapida

Dettagli

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità.

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità. CODICE ETICO Premessa Il presente Codice Etico (di seguito, anche il Codice ) definisce un modello comportamentale i cui principi ispirano ogni attività posta in essere da e nei confronti di Starhotels

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Termini di servizio di Comunicherete

Termini di servizio di Comunicherete Termini di servizio di Comunicherete I Servizi sono forniti da 10Q Srls con sede in Roma, Viale Marx n. 198 ed Ancitel Spa, con sede in Roma, Via Arco di Travertino n. 11. L utilizzo o l accesso ai Servizi

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA AGIRE CON INTEGRITÀ

CODICE DI CONDOTTA AGIRE CON INTEGRITÀ CODICE DI CONDOTTA AGIRE CON INTEGRITÀ PREMESSA GTECH S.p.A. è un'azienda che opera a livello mondiale in un ambiente commerciale complesso e altamente regolamentato. I propri dipendenti vivono e lavorano

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

Vivere nel rispetto dei nostri valori. Il nostro Codice di condotta. Il nostro Codice di condotta 1

Vivere nel rispetto dei nostri valori. Il nostro Codice di condotta. Il nostro Codice di condotta 1 Vivere nel rispetto dei nostri valori Il nostro Codice di condotta Il nostro Codice di condotta 1 La promessa di GSK Mettere i nostri valori al centro di ogni decisione che prendiamo Tutti insieme, noi

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 PREMESSA... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 5 Articolo 1... 5 Ambito di applicazione e Destinatari... 5 Articolo 2... 5 Comunicazione... 5 Articolo 3... 6 Responsabilità...

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Codice di condotta professionale Xerox. Codice di condotta professionale La coerenza con i valori fondamentali

Codice di condotta professionale Xerox. Codice di condotta professionale La coerenza con i valori fondamentali Codice di condotta professionale Xerox Codice di condotta professionale La coerenza con i valori fondamentali Il nostro Codice di condotta professionale costituisce il nostro impegno alla rettitudine,

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. CODICE ETICO. Versione n. 1 del 31 maggio 2013

Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. CODICE ETICO. Versione n. 1 del 31 maggio 2013 Modello di organizzazione, gestione e controllo D.Lgs. 231/01 e norme correlate di Nuova Orli S.r.l. Versione n. 1 del 31 maggio 2013 A tutti i dipendenti e collaboratori Oggetto: diffusione del Codice

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (DPR 62/2013)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (DPR 62/2013) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI PUBBLICI (DPR 62/2013) Art.1 - Disposizioni di carattere generale 1. Il presente codice di comportamento, di seguito denominato "Codice", definisce, ai fini dell'articolo

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI GetYourHero S.L., con sede legale in Calle Aragón 264, 5-1, 08007 Barcellona, Spagna, numero di identificazione fiscale ES-B66356767, rappresentata

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Comune di Narni ---------------- PART. IVA 00178930558

Comune di Narni ---------------- PART. IVA 00178930558 All. 6 CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI NARNI Art. 1 Oggetto 1. Il presente codice di comportamento integra e specifica le previsioni di cui al D.P.R. 16.4.2013, n. 62 Regolamento recante

Dettagli

Richiesta di eccezione al trasferimento di licenza

Richiesta di eccezione al trasferimento di licenza Autodesk Inc. United States 111 McInnis Parkway San Rafael CA 94903 www.autodesk.com Richiesta di eccezione al trasferimento di licenza Le licenze del software Autodesk sono in genere non trasferibili,

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme?

Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme? Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme? Introduzione Le macchine per costruzioni immesse sul mercato europeo devono rispettare le norme Ue e tutti

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli