SISTEMI DI PRODUZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMI DI PRODUZIONE"

Transcript

1 SISTEMI DI PRODUZIONE Istituti di prevista afferenza Macchine Agricole e Movimento Terra Materiali per l' Elettronica ed il Magnetismo Metrologia "G. Colonnetti" Scienza e Tecnologia dei Materiali Ceramici Studi sui Sistemi Intelligenti per l' Automazione Tecnologie della Costruzione Tecnologie Industriali e Automazione

2

3 INDICE Dati Generali Missione Risorse umane Elenco del Personale Personale esterno partecipante Risorse finanziarie Prodotti della ricerca Elenco prodotti scientifici indicati per la valutazione del CIVR Principali collaborazioni Elenco dei Contratti Contratti attivi Contratti passivi Elenco delle principali attrezzature scientifiche Istituti con i quali si collabora Istituti CNR esecutori di moduli di attività di commessa coordinata dall Istituto Istituti CNR coordinatori di commesse di cui l Istituto è esecutore di moduli di attività Commesse 2005 Commesse 2006 Proposte di attività di ricerca spontanea a tema libero presentate Scheda di autovalutazione (attività 2005)

4

5 ISTITUTO PER LE MACCHINE AGRICOLE E MOVIMENTO TERRA Missione Punto di riferimento in ambito accademico e industriale per la promozione e la divulgazione delle conoscenze in aree di interesse primario (ma non esclusivo) per la progettazione, produzione e impiego delle macchine agricole e movimento terra. Direttore: Sede principale: Sito web dell'istituto: Ing Gian Luca Zarotti Via Canal Bianco, Cassana FE Emilia Romagna Superficie immobile: XX mq Risorse umane Risorse umane ricercatori anno tecnologi* associati di ricerca tecnici amministrativi totale personale A B C D E=A+B+C+D * Età media dei ricercatori : Elenco del Personale (dati al 31/12/2005): Zarotti Gian Luca Carletti Eleonora Ferrero Aldo Miccoli Giuseppe Paoluzzi Roberto Cavallo Eugenio Deboli Roberto Malaguti Fiorenzo Pedrielli Francesca liv. I II II II II III III III III Ruggeri Massimiliano Boccafogli Carlo Busatti Alessandro Delmastro Renato Ferroglio Franca Govoni Donato Musacci Paolo Bertelli Paola De Luca Paolo liv. III IV IV IV IV IV IV V V Perin Giorgio Pezzuto Paolo Giacinto Sudiro Loredana Zeni Silvia Benvegnu' Guarino Carlone Daniela Castiglione Rosa Paletto Giuseppe liv. V V VI VI VII VII VII VII 1

6 Personale esterno partecipante Risorse umane che collaborano alla realizzazione delle attività anno ricercatori associati operanti al cnr assegnisti di ricerca dottorandi borsisti laureandi totale ASSEGNISTI Camilla Casazza Pietro Marani Christian Preti Danilo Rabino Marco Seppi COLLABORATORI PROFESSIONISTI Elio Bassi Cristina Pellizzola 2

7 Risorse finanziarie Risorse utilizzate (full cost) attività coperte da fonti attività coperte da fonti totale interne esterne anno preventivo consuntivo preventivo consuntivo preventivo consuntivo G = F +risorse da A B C D E F esercizi precedenti valori in migliaia di euro Risorse gestite direttamente trasferimenti dal centro entrate da terzi totale anno preventivo consuntivo nell esercizio da esercizi precedenti preventivo consuntivo A B C D E F=B+D+E valori in migliaia di euro Indicatori finanziari anno Fondi Interni per ricercatore Fondi Totali per ricercatore Risorse esterne per ricercatore Fattore di amplificazione ,0 227,7 72,7 1, valori in migliaia di euro 3

8 Prodotti della ricerca anno Articolo su rivista Capitolo di libro Libro Brevetto Risultato di Progetto, composizione, valutazione disegno e design applicativa Performance, mostra ed esposizione Manufatto ed opera d'arte Elenco prodotti scientifici indicati dall Istituto per la valutazione del CIVR ARTICOLI NON ISI FERRERO A., SUDIRO L., LIPIEC J.2, NOSALEWICZ A:2 Effects of increasing compaction levels on the efficiency of nitrogen topdressing of grasses Advance in Geoecology Brambilla G. 1, Carletti E. 2, Pedrielli F. 3 Perspective of the sound quality approach applied to noise control in earth moving machines International Journal of Acoustics and Vibration Miccoli G. Una panoramica sullo stato dell'arte delle vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio e al corpo intero Rivista Italiana di Acustica (RIA) BREVETTI STANZIAL D., BONSI D., SCHIFFRER G. Apparecchiatura per l'acquisizione e misura dei dati e metadati della quadrifonia acustica e relativo procedimento ARTICOLI IN ATTI DI CONV. Carletti E. 1, Pedrielli F. 2 The ageing effect on the acoustic performance of earmuffs: an investigation involving the forestry compartment "ICSV10", Stoccolma Belforte G 1., Deboli R. 2, Gay P. 3, Giglio A. 4 Design and experimentation of robots for structured greenhouses "30th CIOSTA-CIGR Congress. Management and tecnology applications to empower agriculture and agro-food system", Torino Martelli M. 1, Paoluzzi R. 2, Zarotti G.L. 3 The front suspension of agricultural tractors "14th International Conference of the International Society of Terrain-Vehicle Systems", Vicksburg, MS (USA)

9 M. Borghi 1, C. Bussi 2, M. Milani 3, R. Paoluzzi 4 Reliability of Fluid Cavitation Analysis by Means of an Equivalent Fluid Characteristics Modelling "6th Scandinavian International Conference on Fluid Power", Linkoeping (S) RAPPORTI Delmastro R., Sudiro L., Ricci F. Nuova proposta per progetto di norma: Macchine agricole - Agevolatrici raccolta frutta. Sicurezza Benvegnù G. N., Delmastro R. Osservazioni sulla norma UNI EN 745 e proposte sul metodo di verifica delle lame Delmastro R., Pirola D. Adeguamento Delmastro R. Osservazioni sullanorma UNI EN 704. Documento di lavoro Delmastro R. Testo integrato D.Lgs. 626/94 di attuazione delle Direttive: 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/655/CEE, 89/656/CEE, 90/269/CEE, 90/270/CEE, 90/394/CEE, 90/679/CEE, 93/88/CEE, 97/42/CE, 99/38/CE Delmastro R., Galdi M. ISO/TC 23 SC 7 - ISO/FDIS :2003(E) Delmastro R. Osservazioni sul progetto di norma pr EN Delmastro R., Paoluzzi R. Criterio di analisi delle condizioni di impiego in sicurezza delle macchine per movimentazione di attrezzature di lavoro tipo Delmastro R., Sudiro L., Ricci F. Nuovo progetto di norma. Macchine agricole - Carri semoventi per la raccolta frutta. Sicurezza Delmastro R., Nebbia G., Nasorri V. Osservazioni sulla norma ISO/DIS Documento di lavoro ISO/TC 23 SC 7 WG 2 Lisa Laura, Parena S., Lisa L., Bovio M., Mannini F. Confronto varietale e forme d'allevamento nel Monferrato settentrionale. Risultati ottenuti nel periodo Ferrero A., Parena S., Lisa Laura, Lisa L. Erosione del suolo: confronto tra inerbimento e diverse modalità di lavorazione del terreno. Relazione sull'attività svolta nel 2002 Ferrero A., Parena S., Lisa L. Confronto tra processi manuali e meccanici nelle operazioni colturali del vigneto. Relazione sull'attività svolta nel

10 Delmastro R., Galdi M. ISO/TC 23 SC4 - ISO/FDIS /2:2003(E) Delmastro R. Linea guida ENAMA. Spaccalegna Delmastro R., Rossignolo L., Ricci F. Nuova proposta per progetto di norma: Macchine agricole e forestali - Irroratrici a polverizzazione pneumatica portate a spalla con motore a combustione interna. Sicurezza Lisa L., Lisa Anna Impianto di specie arboree da legno di pregio a Vezzolano. Sviluppo delle piante nel 2002 Delmastro R., Marchese M. Proposta di linea guida per l'adeguamento di macchine usate: Carri desilatori-miscelatori Ferrero A., Lipiec J. Effects of land management on soil physical conditions and spatial distribution of strength Lisa L., Spanna F. Indici meteorologici idonei per la viticoltura. Analisi dei dati rilevati a Vezzolano dal 1964 al 2002 Malaguti F. Report meeting di Parigi dell'iso/tc 127/WG 2 per Commissione CUNA "Macchine Movimento Terra" De Luca P., Busatti A. Verifiche di strutture di protezione ROPS per macchine movimento terra De Luca P., Busatti A., Verifiche di strutture di protezione FOPS per macchine movimento terra R. Paoluzzi Non-linear F.E.M. Analysis of Fiat-Kobelco Crawler Excavator Cab Cavallo E., Paletto G. Verifica strumentale delle prestazioni di trattrici agricole Cavallo E., Paletto G. Verifica strumentale di strutture di protezione del posto di guida di trattrici agricole Cavallo E., Paletto G. Verifica di requisiti costruttivi e funzionali di trattrici agricole Cavallo E., Paletto G. Verifica strumentale di componenti di trattrici agricole Deboli R., Carlone D., Perin G., Pezzuto P., Sudiro L. Verifica delle prestazioni vibrazionali dei sedili per veicoli fuoristrada 6

11 Deboli R., Paletto G. verifica del livello di rumorosità emessa da macchine agricole e nei luoghi di lavoro Delmastro R. I requisiti di sicurezza delle macchine agricole Delmastro R. L'uso in sicurezza delle macchine agricole Delmastro R. La sicurezza delle macchine agricole. Parte generale Delmastro R. Norme di circolazione stradale. Sintesi per operatori agricoli ed agro-meccanici Delmastro R. Sicurezza delle macchine agricole. L'uso ed i requisiti Delmastro R. Sicurezza delle macchine agricole. L'uso ed i requisiti Delmastro R. Sicurezza delle macchine agricole. L'uso ed i requisiti Delmastro R., Sudiro L. Sicuri di essere sicuri. Foraggicoltura Delmastro R., Sudiro L. Sicuri di essere sicuri. Risicoltura Delmastro R. I requisiti di sicurezza delle macchine agricole RISULTATI PROGETTUALI ISTITUTI Malaguti F. Sensore di forza e inerazione ambientale per macchine da cantiere e agricole automatiche e non M.Ruggeri 1, M.Lugli 2 Progetto e realizzazione di scheda elettronica di controllo di trasmissione idrostatica per macchine movimento terra e agricole RISULTATI DI VALUTAZIONE APPLICATIVA CAVALLO E., ALBERTIN IVAN Sistema informativo per la gestione del comparto suinicolo 7

12 Elenco dei Contratti Contratti attivi CREDITORI E DEBITORI DIVERSI CLIENTI DIVERSI-ANALISI E VERIFICHE RISCHI-RAPPORTI DI PROVE E VENDITA DI PRODOTTI CREDITORI DIVERSI VERIFICHE,PROVE E REDAZIONE CERTIFICATI CLIENTI DIVERSI - RAPPORTI TECNICI DI VERIFICHE E PROVE TERRE DEI SANTI Società Cooperativa Agricola Cantina Sociale del Freisa saldo UVA 2002 CONFERIMENTO UVE VENDEMMIA ACC. CNH ITALIA S.P.A. CAVALLO C/TERZI CNH ITALIA S.P.A. VERIFICA E PROVE DI CERTIFICAZIONE SU TRATTRICI (CAVALLO) COBO S.P.A. DIVISIONE MT C.O.B.O. S.P.A Divisione MT "SPERIMENTAZIONE SULLA FUNZIONALITA' DI PROTOTIPI DI SEDILI DESTINATI A VEICOLI INDUSTR. E MACCHINE AGRICOLE" ISPESL ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO UNITA' FUNZIONALE I CONTR. B/39/DIL/00 "STUDIO DELLA EFFICACIA SMORZANTE DEI TAMPONI DI FINE CORSA DEI SEDILI PER VEICOLI INDUSTRIALI" CONTRIBUTO ISPESL UNACOMA SERVICE S.R.L. CONTRATTO UNACOMA FATT. 2 UNACOMA SERVICE SRL/ CONTRATTO UNACOMA SERVICE / I TRANCHE CONTRATTO 2004/2005 UNIVERSITA' POLITECNICA DELLE MARCHE - DIPARTIMENTO DI SCIENZE DEL MARE UNIV. ANCONA - Anticipo Progetto VIB-TOOL SAME DEUTZ -FAHR ITALIA S.P.A. CAVALLO C/TERZI SAME DEUTZ-FAHR ITALIA S.P.A. WALVOIL S.p.A. sviluppo DI METODOLOGIE DI QUALIFICAZIONE E APPARECCHIATURE DI PROVA PER DISTRIBUTORI LOAD-SENSING ANTI-SATURAZIONE, ANCHE CON ELETTRONICA INTEGRATA COMER INDUSTRIES S.p.a. COMER: PROGETTAZ. E INSTALLAZ. DISPOSIT. SICUREZZA SU CARRO DESILATORE/MISCELATORE- PROVE FUNZIONALI E ASSIST. AZIEND. X SVILUPPO NUOVA TECNOLOGIA 8

13 REGIONE PIEMONTE ASS.TO ALLA SANITA' FATT. 30 REGIONE PIEMONTE PEDRO ROQUET S.A. RATA PROHIPP GALTECH S.p.A. CARATTERIZZAZIONE ACUSTICA DI UNA SERIE DI POMPE AD INGRANAGGI HP HYDRAULIC S.p.A. HP HYDRAULIC SPA/ CONTRATTO CONSULENZA COMUNE DI CASTELNUOVO DON BOSCO COMUNE DI CASTELNUOVO DON BOSCO:CONVENZIONE-AGGIORNAMENTO ARCHIVIO VIGNETI ARON S.p.a. VALUTAZIONE PREDITTIVA DEL VALORE DELLE FORZE DI FLUSSO ASSIALI STAZIONARIE IN VALVOLE DIREZIONALI MEDIANTE ANALISI CFD Contratti passivi COPMA SOC. COOP. A R. L. COPMA/SERVIZIO DI PULIZIA COPMA / SERVIZIO PULIZIA ANNO 2004 COPMA/PULIZIA GENN-FEBB-MARZO-APR-MAGG-GIU-LUG-AGO-SETT COOPSER Soc. Coop. a r.l. CARRELLO ELEVATORE ENGINSOFT S.p.A. ENGIN SOFT TRADING/LICENZA FRONTIER PAUTASSO F.LLI SNC LAVORI C/O OFF. TORINO E RINGHIERA PRATOFIORITO OPEN 1 FORNITURA HARDWARE BRUEL & KJAER ITALIA SRL BRUEL & KJAER ITALIA SRL/ANALIZZATORE PULSE 9 CANALI (PARTE B) BRUEL & KJAER ITALIA SRL/ANALIZZATORE PULSE 9 CANALI HARDWARE(PARTE A) EBSCO WORLDWIDE INC. USA Abbonamento riviste 2003 EBSCO INTERNATIONAL, INC. - USA c/o rappresentante IVA in Italia SERAM Srl EBSCO - RIVISTE ANNO PARTE A Abb. riviste Parte A 9

14 GHIGGIA INGEGNERIA D'IMPIANTI SRL Obbligazione per documento amministrativo passivo BASSI ELIO CONTRATTO BASSI PEYRANI TRASLOCO SIGMA Montaggi Elettrici SIGMA I E II TRANCHE LAVORI IMPIANTO ELETTRICO TO (CAPITOLO ) SIGMA/LAVORI TO PARTE /2002/C SIGMA/III TRANCHE LAVORI IMPIANTO ELETTRICO TO SU /2002 SIGMA/CHIUSURA LAVORI TORINO (211003) BOSCO OSCAR Impresa Edile BOSCO/ I TRANCHE LAVORI BOSCO/II TRANCHE LAVORI TO CAP PROV /2002 A.S.Q. - SIXTEMA S.R.L. A.S.Q. - SIXTEMA SRL/PROGETTO ISPESL IEC Industrial Engineering Consultants SRL IEC/ISPESL NOVEL GMBH SOFTWARE NOVEL 10

15 Elenco delle principali attrezzature scientifiche - Analizzatore di rete CAN - Banco prova attacchi cinture di sicurezza - Banco prova motori - Banco prova per divisori di flusso e valvole - Banco prova potenza idraulica - Banco prova sollevatore idraulico - Banco prova strutture di protezione - Catena di misura del vettore intensità - Centrale di potenza oleodinamica da 175 kw - Macchina di carico per prove ROPS - Sistema di acquisizione in tempo reale a nove canali - Veicolo dinamometrico Istituti con i quali si collabora Istituti CNR esecutori di moduli di attività di commessa coordinata dall Istituto Istituti CNR coordinatori di commesse di cui l Istituto è esecutore di moduli di attività 11

16 Commesse 2005: Piano annuale 2005 Sistemi intelligenti in dispositivi di mezzi mobili Temi Tematiche di ricerca: Indagine sulle piattaforme tecnologiche potenzialmente trasferibili o adattabili Studio delle strategie di controllo per i sistemi autonomi mobili e dei relativi vincoli Interazione di sistemi di posizionamento avanzati con le funzioni proprie delle macchine operatrici Avanzamento della costruzione di una cella robotizzata per serre quale dimostratore per un settore di applicazione specifico. Stato dell'arte: Limportanza dei sistemi intelligenti autonomi per il lavoro delle macchine operatrici (agricole e movimento terra) è legata alla possibilità di sostenere levoluzione dei settori in direzione di obiettivi di incremento della sicurezza e della affidabilità del lavoro attraverso lincremento della capacità decisionale del mezzo stesso. In questo ambito rientra il tema di grande interesse della agricoltura di precisione. Azioni Attività in corso: Studio delle catene cinematiche delle macchine operatrici per supportare lo studio di architetture di controllo autonome a livello distribuito Avvio della costruzione del prototipo di una cella robotizzata per serre con controllo del movimento e sistema di visione autonomo. Azioni da svolgere e punti critici: Costi abbastanza consistenti necessari per la realizzazione (in prospettiva) di prototipi in scala Presenza di un contesto internazionale altamente competitivo Relativa incertezza sulla disponibilità attuale del contesto produttivo nazionale ad investire su prodotti di tecnologia avanzata. Collaborazioni e committenti: In vista del raggiungimento dei risultati attesi saranno auspicabili collaborazioni con aziende e partner esterni (non solo per lo scambio di informazioni ma per leventuale candidatura a proposte di progetto congiunte), oltre che con listituto ISSIA del Dipartimento. Proseguiranno inoltre le collaborazioni con luniversità e il Politecnico di Torino per lo sviluppo della cella robotizzata. Finalità Obiettivi: Sviluppo di architetture di controllo hardware e software che integrino sensori di vario tipo allo scopo di soprintendere la guida dei mezzi mobili e lo svolgimento di funzioni di supervisione e controllo ad alto livello per assistere o sostituire lintervento delloperatore Realizzazione di dimostratori parziali per ambiti di applicazione specifici. 12

17 Risultati attesi nell'anno: ISTITUTI Studi di fattibilità su macchine e sistemi di controllo per ambienti convenzionali e non convenzionali Caratteristiche particolare delle architetture software per il controllo della trasmissione di potenza per via fluida Progetti di massima per mobilità e lavorazioni autonome - Cella robotizzata per serra (prototipo/dimostratore): stato di avanzamento intermedio della costruzione in funzione anche della disponibilità dei partner coinvolti. Potenziale impiego: - per processi produttivi - per risposte a bisogni individuali e collettivi Sistemi di misura per l'ergonomia di mezzi mobili Temi Tematiche di ricerca: Condurre una serie di prove comparative dedicate allo scopo di paragonare in senso relativo i risultati rispetto alle sonde tradizionali e definire in senso assoluto le caratteristiche di precisione per gli scopi di interesse Definizione delle specifiche del dosimetro vibrazionale che tengano conto sia delle elaborazioni richieste che dei problemi complementari associati (quali lidentificazione antropometrica delloperatore e la gestione dei dati). Stato dell'arte: La crescente attenzione rivolta ai problemi dellergonomia (diretta e indiretta) in riferimento agli operatori delle macchine agricole e movimento terra ha portato allo sviluppo di una normativa sempre più articolata e specifica. La normativa ha prodotto a sua volta la necessità di verificare le condizioni di accettabilità attraverso la misura di parametri fisici e meccanici tra cui in particolare il rumore e le vibrazioni. Azioni Attività in corso: Rilievo delle emissioni acustiche di sorgenti complesse per mezzo della tecnica intensimetrica ai fini della valutazione della potenza totale o della mappatura vegliata della sorgente Misura di vibrazioni di vario tipo dovute a sollecitazioni di lavoro effettive o simulate. Azioni da svolgere e punti critici: Per quanto riguarda la sonda intensimetrica i punti critici sono due. la possibilità di uso senza la necessità di un acquisto piuttosto oneroso, e la compatibilità dei segnali della sonda con le apparecchiature disponibili. Per quanto riguarda il dosimetro vibrazionale il punto critico di fattibilità è nel raggiungimento di una soddisfacente facilità di impiego. Collaborazioni e committenti: Per quanto riguarda la sonda intensimetrica è da prevedere la collaborazione con la Scuola S. Giorgio di Venezia (presso la quale, nellambito del Progetto Europeo Racine, è stato sviluppato il principio dello strumento). Per quanto riguarda il dosimetro vibrazionale è da prevedere la 13

18 collaborazione con alcune aziende del settore (macchine agricole o movimento terra) oltre che con listituto IMGC del Dipartimento. Finalità Obiettivi: Verificare la possibilità di applicare sonde di intensità acustica a tre direzioni basate sul principio dellanemometria a filo caldo (con ingombro assai inferiore rispetto alle sonde equivalenti di tipo tradizionale) per la misura del rumore globale o locale Sviluppo di un misuratore personalizzato ad accumulo delle vibrazioni (compatibile con la normativa in corso di adozione) a cui è soggetto un operatore di macchine agricole e movimento terra (definibile per estensione dosimetro). Risultati attesi nell'anno: Conferma della possibilità di impiego di sonde intensimetriche compatte per la misura (anche automatizzata) di sorgenti complesse (componenti o macchine intere): la fase esplorativa è prevista per lanno 2005 Disponibilità di un dosimetro vibrazionale portatile per operatori di macchine che serva anche da riferimento per eventuali prodotti commerciali: la definizione delle specifiche e la verifica del rapporto costo/prestazioni dei componenti è prevista per lanno Potenziale impiego: - per processi produttivi - per risposte a bisogni individuali e collettivi Prototipi e tecniche di lavoro meccanizzato Temi Tematiche di ricerca: Prestazioni di trattrici agricole e di loro sottosistemi Impiego di combustibili alternativi per motori diesel - Sviluppo della normativa di sicurezza delle macchine agricole e loro adeguamento Partecipazione al progetto europeo del VI PQ VIBTOOL - Caratteristiche di smorzamento di sedili - Studio del terreno e delle sue proprietà Accordi con gli Enti locali (Regione Piemonte, Comune di Castelnuovo, Provincia di Asti, Comunità Collinare) e con la Cantina Sociale di Castelnuovo. Stato dell'arte: Il tema della sicurezza e delle prestazioni delle macchine agricole sta ottenendo un riconoscimento sempre più ampio a tutti i livelli. Il sistema agricolo nazionale si colloca in un contesto orientato al miglioramento della qualità della produzione. Lincremento di valore aggiunto è conseguibile anche con la razionalizzazione dei sistemi di produzione al fine di fornire, specie in aree collinari e montane, produzioni di qualità, protezione idrogeologica e funzione paesaggistica. Azioni Attività in corso: Rilievo delle prestazioni di trattrici agricole e di loro parti Sviluppo della normativa di sicurezza delle macchine agricole Verifica dei requisiti di sicurezza e di adeguamento di macchine agricole - Partecipazione al progetto europeo del VI PQ VIBTOOL - Misura delle caratteristiche di smorzamento 14

19 di sedili - Effetti dellintroduzione di macchine innovative per accrescere le prestazioni e rendere limpiego compatibile con lecosistema - Conduzione dellazienda agricola di Vezzolano. Azioni da svolgere e punti critici: Possibilità economica di mantenere a un livello competitivo le attrezzature Difficoltà di pianificare i finanziamenti esterni per il loro migliore sfruttamento - Il numero delle aziende direttamente o potenzialmente interessate ai problemi della sicurezza è molto elevato e risulta difficile gestirne le priorità Aumentare la capacità di attrazione di iniziative dellazienda di Vezzolano - Residui dellanno 2004 derivati dai dati del CIR (come da comunicazione scritta). Collaborazioni e committenti: Supporto di diverse aziende (CNH, SAME e altri costruttori di trattrici, costruttori di sedili, Comer, Cobo). Interazione con organismi di certificazione (ENAMA, CETIM, UNI, CUNA, ISO), Associazioni di categoria (UNACOMA, COMAMOTER, ARPROMA), Enti pubblici e locali (ISPESL, ASL, Ministeri, Regione Piemonte, Provincie e Comuni), Istituti di ricerca (ISMA, ENEA, Tenuta Cannona). Collaborazione scientifica con listituto di Agrofisica dellaccademia delle Scienze Polacca. Finalità Obiettivi: Sviluppo delle tecniche e metodologie di rilievo delle prestazioni delle trattrici agricole e dei loro sottosistemi Partecipazione allelaborazione e allaggiornamento di norme specifiche Impiego della ridotta lavorazione e dellinerbimento dei vigneti con elevata pendenza trasversale per contenere lerosione e accrescere laccessibilità Studio della resistenza alla penetrazione del terreno in terreni declivi per applicare lagricoltura di precisione. Risultati attesi nell'anno: Trattrici agricole (rilievo delle prestazioni) - Motori diesel con combustibili alternativi (sperimentazioni) - Interazione vibrazionale dei comandi su mano e braccio - Sedili per macchine operatrici (risposta alle vibrazioni) Verifiche di sicurezza delle macchine agricole (soluzioni individuali e di gamma) Falciatrici e bracci decespugliatori (metodi di prova) - Lavorazioni in vigneto (rilievi sperimentali) Raccolta e gestione di dati di bacino Rinnovo e nuovo impianto di colture. Potenziale impiego: - per processi produttivi - per risposte a bisogni individuali e collettivi Controlli e simulatori di mezzi mobili e loro sottosistemi Temi Tematiche di ricerca: Stadi di avanzamento di controlli digitali per componenti e macchine - Prosecuzione del progetto europeo IP PROHIPP Simulatori per componenti oleodinamici Progetto MECTRON per un Laboratorio di oleodinamica - Simulazione accoppiata acustica e vibratoria di sottosistemi Impiego dellintensità acustica per misurare lemissione sonora di componenti oleodinamici Misura e 15

20 certificazione dellemissione acustica di mmt Progetto LAV per un Laboratorio di Acustica e Vibrazioni. Stato dell'arte: Lo sviluppo e linnovazione delle macchine operatrici è caratterizzato dalla integrazione di componenti meccanici ed elettronici per il controllo del funzionamento delle macchine e lottimizzazione complessiva delle loro prestazioni. Il successo dellintegrazione è legato allo sfruttamento di competenze incrociate e sinergiche che comprendano anche gli aspetti legati al rumore e alle vibrazioni. Questi ultimi risentono del nuovo quadro normativo (nazionale e internazionale) in sviluppo. Azioni Attività in corso: Controlli digitali per componenti oleodinamici e centrali di supervisione di macchine con tecnologia CAN bus - Avvio del progetto europeo IP PROHIPP Messa a punto di simulatori per componenti oleodinamici Controllo decentrato di un braccio articolato Simulazione accoppiata acustica e vibratoria di sottosistemi Emissione sonora di componenti oleodinamici Misura e certificazione dellemissione acustica di mmt Verifica delle strutture di protezione ROPS e FOPS di mmt. Azioni da svolgere e punti critici: Essendo le attività sostenute dalla collaborazione di Tesisti e Assegnisti di Ricerca, un punto critico è nella scarsa disponibilità di spazi adeguati al lavoro individuale e di gruppo Carenza di operatori tecnici per attrezzature specializzate e banchi prova - Residui dellanno 2004 derivati dai dati del CIR (come da comunicazione scritta). Collaborazioni e committenti: Il raggiungimento dei risultati è reso possibile dal supporto finanziario di diverse aziende (Fiori, Casappa, Walvoil, Sauer, Galtec, costruttori di macchine) e del Consorzio REI (Reggio Emilia Innovazione). La ditta HP Hydraulic mette inoltre a disposizione un persona presso listituto. Collaborazioni sono inoltre attive con luniversità e il Politecnico di Torino, e con luniversità di Ferrara in forma di partecipazione congiunta al progetto regionale LAV. Finalità Obiettivi: Realizzazione di dimostratori che accelerino la transizione delle macchine operatrici (e in particolare dei sottosistemi di potenza) verso la fattibilità reale e lo sfruttamento ottimale della meccatronica Integrazione delle competenze di meccanica avanzata e di elettronica digitale - Metodi per il rilievo e la caratterizzazione del rumore e delle vibrazioni di componenti e sottosistemi Metodi di contenimento del rumore e delle vibrazioni (anche per loperatore e lambiente). Risultati attesi nell'anno: Controllo per trasmissioni idrostatiche e pompe (scheda e software dedicato) Gestione di betoniera semovente Braccio robotizzato (dimostratore) Distributori oleodinamici antisaturazione Progetto fluidodinamica di martinetti (modelli di simulazione) - Strutture di protezione di mmt - Attività di formazione - Intensità acustica (potenza sonora di sorgenti complesse) Controllo attivo del rumore (dimostratore software) Cabina sospesa (modellazione con software avanzato). 16

21 Potenziale impiego: - per processi produttivi - per risposte a bisogni individuali e collettivi 17

22 Preconsuntivo 2005 Sistemi intelligenti in dispositivi di mezzi mobili Aggiornamento commento sui punti critici I punti critici previsti in riferimento all automazione delle macchine hanno trovato temporanea conferma sotto due punti di vista tra loro legati: (a) la difficoltà di ottenere sostegni finanziari a progetti potenzialmente costosi; (b) l apparentemente scarsa sensibilità dell ambiente produttivo nazionale a questi temi di sviluppo e innovazione. Per quanto riguarda la cella robotizzata il punto critico parziale è l incertezza sulla possibilità di ottenere finanziamenti esterni (peraltro importanti essendo in una fase realizzativa). Collaborazioni Sono state confermate le collaborazioni con l Università e il Politecnico di Torino per lo sviluppo della cella robotizzata, il cui stato di avanzamento non ha ancora permesso di verificare le possibilità di collaborazione con l Istituto ISSIA. Una serie di collaborazioni temporanee si sono realizzate in connessione con il Simposio ISAR Commento su eventuali scostamenti Il risultato (2) non era atteso ma è emerso come conseguenza del Simposio ISARC. Confronto tra risultati attesi e risultati conseguiti (1) Organizzazione del Simposio internazionale ISARC 2005 a Ferrara sugli sviluppi dell automazione delle macchine (e temi connessi alla loro gestione) in collaborazione con l Università di Ferrara e Quasco atteso; (2) Costituzione di un gruppo di interesse permanente sull automazione delle macchine non atteso; (3) Rapporto sui materiali fondativi dell analisi dinamica di bracci controllati fino a quattro gradi di libertà - atteso; (4) Prototipo/dimostratore di cella robotizzata per lavori in serra (realizzazione del controllo elettronico dei quattro gradi di libertà del movimento) atteso. Controlli e simulatori di mezzi mobili e loro sottosistemi Aggiornamento commento sui punti critici Nel corso del 2005 hanno trovato conferma i seguenti punti critici: (a) la difficoltà di gestire in modo flessibile gli ambienti di lavoro necessari allo svolgimento della collaborazione da parte di giovani che (in numero variabile ma tendenzialmente crescente) partecipano alle attività quali tesisti, assegnisti di ricerca o altro; (b) la mancanza di tecnici giovani che possano maturare l esperienza e la professionalità necessaria per sostenere adeguatamente le attività sperimentali che (specialmente nel corso del 2005) hanno trovato forti stimoli specie da parte di partner aziendali; (c) le attività di ricerca connesse a progetti finanziati da agenzie pubbliche scontano ritardi organizzavi ed economici dovuti alle incertezze sui tempi di valutazione dei progetti, ritardi nel loro avvio e problemi nella previsione degli effettivi flussi finanziari. Collaborazioni Le collaborazioni con aziende ed enti esterni si sono sviluppate di massima come previsto, anche se in alcuni casi con qualche slittamento temporale dovuto a problemi di procedure (in particolare la formazione della ATS con capofila il Consorzio REI di Reggio Emilia per la costituzione del 18

SISTEMI DI PRODUZIONE

SISTEMI DI PRODUZIONE SISTEMI DI PRODUZIONE Istituti di prevista afferenza Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra Istituto dei Materiali per l Elettronica ed il Magnetismo Istituto di Scienza e Tecnologia dei Materiali

Dettagli

Oleodinamica Fluid Power

Oleodinamica Fluid Power Executive Master Oleodinamica Fluid Power 8 a Edizione Modena, Giugno 2015 - Aprile 2016 112 ore, 14 gg. di lezione frontale 16 ore, 2 gg. di laboratorio Moduli 1-4: lezione frontale Modulo 5: laboratorio

Dettagli

OLEODINAMICA FLUID POWER

OLEODINAMICA FLUID POWER 7 EDIZIONE MAGGIO 2014 - FEBBRAIO 2015 EXECUTIVE MASTER OLEODINAMICA FLUID POWER Presentazione Giunta alla settima edizione, con un programma ampliato nelle giornate e rivisto nei contenuti in base ai

Dettagli

Norme tecniche di riferimento. per la presunzione di conformità. di Macchine Agricole alla Direttiva Macchine

Norme tecniche di riferimento. per la presunzione di conformità. di Macchine Agricole alla Direttiva Macchine Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per le Macchine Agricole e Movimento terra Rapporto interno n. 09-03 Renato Delmastro, Davide Gnesini ( ) Norme tecniche di riferimento per la presunzione di

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE DEL 12/03/1998

DECRETO MINISTERIALE DEL 12/03/1998 DECRETO MINISTERIALE DEL 12/03/1998 ELENCO RIEPILOGATIVO DI NORME ARMONIZZATE ADOTTATE AI SENSI DEL COMMA 2 DELL'ART. 3 DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996, N. 459, CONCERNENTE:

Dettagli

DOCUMENTI. Le nuove regole per l immissione sul mercato di macchine nuove e per la verifiche di sicurezza di macchine usate

DOCUMENTI. Le nuove regole per l immissione sul mercato di macchine nuove e per la verifiche di sicurezza di macchine usate DOCUMENTI Le nuove regole per l immissione sul mercato di macchine nuove e per la verifiche di sicurezza di macchine usate Renato Delmastro Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per le Macchine Agricole

Dettagli

Convegno Sicurezza della meccanizzazione in viticoltura. organizzato da ASL Pavia e Regione Lombardia Intervento di Roberto Limongelli - ENAMA:

Convegno Sicurezza della meccanizzazione in viticoltura. organizzato da ASL Pavia e Regione Lombardia Intervento di Roberto Limongelli - ENAMA: Convegno Sicurezza della meccanizzazione in viticoltura Inviati il 3.02.06 Pavia, 14.12.05 organizzato da ASL Pavia e Regione Lombardia Intervento di Roberto Limongelli - ENAMA: Ruolo della certificazione

Dettagli

MECCANICA DELLE MACCHINE

MECCANICA DELLE MACCHINE UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE Incontro U to A 4 Marzo 2011 MDM GRUPPO DI MECCANICA DELLE MACCHINE www.dipmec.univpm.it/meccanica MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE PROGETTAZIONE MECCANICA FUNZIONALE

Dettagli

NORME DI CARATTERE GENERALE Sicurezza macchine - Edizione 2011

NORME DI CARATTERE GENERALE Sicurezza macchine - Edizione 2011 NORME DI CARATTERE GERALE Codice UNI/TR 11232-1:2007 UNI/TR 11232-2:2007 UNI ISO/TR 14121-2:2010 UNI 1005-1:2009 UNI 1005-2:2009 UNI 1005-3:2009 UNI 1005-4:2009 UNI 1032:2009 UNI 1032:2009 UNI 1037:2008

Dettagli

www.galtech.it Gamma di Prodotti : Pompe e Motori a Ingranaggi

www.galtech.it Gamma di Prodotti : Pompe e Motori a Ingranaggi www.galtech.it Gamma di Prodotti : Pompe e Motori a Ingranaggi Pompe e motori ad ingranaggi La Galtech è specializzata nella produzione di pompe a ingranaggi esterni dal gruppo 1 al gruppo 3, suddivise

Dettagli

Acustica - Misura dell'assorbimento acustico in camera riverberante UNI EN ISO 354:2003

Acustica - Misura dell'assorbimento acustico in camera riverberante UNI EN ISO 354:2003 UNI EN ISO 354:2003 UNI EN ISO 1680:2001 Acustica - Misura dell'assorbimento acustico in camera riverberante Acustica - Procedura per prove di misurazione del rumore aereo emesso dalle macchine elettriche

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Braccio Σ Yanmar. Midi-escavatore

Braccio Σ Yanmar. Midi-escavatore Midi-escavatore Braccio Σ Yanmar Il nuovo midi-escavatore B7Σ, con il braccio articolato in tre punti unisce tutti i vantaggi operativi fino ad ora ottenibili solo parzialmente da ogni singola tipologia

Dettagli

CORSI. Aldebran IL MANUALE D ISTRUZIONI. Direttiva Macchine 2006/42/CE. Aldebran. innovative engineering

CORSI. Aldebran IL MANUALE D ISTRUZIONI. Direttiva Macchine 2006/42/CE. Aldebran. innovative engineering DM03 IL MANUALE D ISTRUZIONI Scrivere le Istruzioni per l uso è un attività specialistica che va affidata ad esperti con conoscenze interdisciplinari di tipo legislativo, tecnico e scientifico. È necessaria

Dettagli

L AUTOMAZIONE NELLE MACCHINE AGRICOLE

L AUTOMAZIONE NELLE MACCHINE AGRICOLE Corso di Tecnologie Informatiche per la Meccanizzazione Agricola L AUTOMAZIONE NELLE MACCHINE AGRICOLE Aldo Calcante Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali Milano TECNICHE ED ESIGENZE EMERGENTI Precision

Dettagli

ELENCO DELLE NORME (E DEI PROGETTI DI NORME) DI TIPO A, B ARMONIZZATE AI SENSI DELLA DIRETTIVA MACCHINE

ELENCO DELLE NORME (E DEI PROGETTI DI NORME) DI TIPO A, B ARMONIZZATE AI SENSI DELLA DIRETTIVA MACCHINE ELENCO DELLE NORME (E DEI PROGETTI DI NORME) DI TIPO A, B ARMONIZZATE AI SENSI DELLA DIRETTIVA MACCHINE Norme suddivise per tipo di norma: NORME DI TIPO A - NORME DI INTERESSE GENERALE NORME DI TIPO B

Dettagli

PROGETTAZIONE MECCANICA e COSTRUZIONE di PROTOTIPI, CALCOLI STRUTTURALI, ANALISI FLUIDODINAMICA E TERMICA, PROGETTAZIONE e COSTRUZIONE di BANCHI

PROGETTAZIONE MECCANICA e COSTRUZIONE di PROTOTIPI, CALCOLI STRUTTURALI, ANALISI FLUIDODINAMICA E TERMICA, PROGETTAZIONE e COSTRUZIONE di BANCHI PROGETTAZIONE MECCANICA e COSTRUZIONE di PROTOTIPI, CALCOLI STRUTTURALI, ANALISI FLUIDODINAMICA E TERMICA, PROGETTAZIONE e COSTRUZIONE di BANCHI PROVA, SVILUPPO di SOFTWARE INGEGNERISTICO ITERA è una società

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche Torino Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra

Consiglio Nazionale delle Ricerche Torino Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra Consiglio Nazionale delle Ricerche Torino Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra Rischi nel settore Agricolo Forestale Vezzolano, 24 ottobre 2008 Danilo RABINO CNR-IMAMOTER Macchine agricole

Dettagli

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato.

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, la nuova piattaforma fieristica B2B dedicata ai sistemi

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PRIMI CONFRONTI SERVIZI RESIDENZIALI DSU TOSCANA - ER.GO.

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PRIMI CONFRONTI SERVIZI RESIDENZIALI DSU TOSCANA - ER.GO. Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PRIMI CONFRONTI SERVIZI RESIDENZIALI DSU TOSCANA - ER.GO. EMILIA-ROMAGNA Documento definitivo, 09 ottobre 2014 Indice 1. La valutazione

Dettagli

LARER Laboratorio di Automazione della Regione E.R.

LARER Laboratorio di Automazione della Regione E.R. LARER Laboratorio di Automazione della Regione E.R. Le vie della innovazione a Bologna Bologna, 5 Luglio 2006 Relatore Prof. Cesare Fantuzzi Università di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria di

Dettagli

Dall audit energetico come strumento di supporto alle decisioni alla realizzazione e misura del risparmio realmente ottenuto.

Dall audit energetico come strumento di supporto alle decisioni alla realizzazione e misura del risparmio realmente ottenuto. Energy Efficiency Country Team Italia, Febbraio 2012 L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Dall audit energetico come strumento di supporto alle decisioni alla realizzazione e misura del

Dettagli

BANCHE E IMPRESE PER L INNOVAZIONE. BARI, 21 febbraio 2007

BANCHE E IMPRESE PER L INNOVAZIONE. BARI, 21 febbraio 2007 BANCHE E IMPRESE PER L INNOVAZIONE BARI, 21 febbraio 2007 MASMEC Sistemi Integrati per Automazione Industriale e prove Funzionali L azienda Dal 1979, MASMEC progetta, realizza e produce macchinari e sistemi

Dettagli

Benchmark. cambi automatici

Benchmark. cambi automatici Voith Turbo DIWA.3 Con DIWA.3 della Voith scegliete il Benchmark per i cambi automatici di alta tecnologia Cambio Voith DIWA Economicità e comfort attraverso una tecnica convincente Una buona idea è sempre

Dettagli

CNR INSEAN - Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale

CNR INSEAN - Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale CNR INSEAN - Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale INSEAN 01 - Stabilità idrodinamica di scafi ad alta velocità... 2 INSEAN 02 - Stima delle caratteristiche di resistenza e

Dettagli

Tutta la grandezza del lavoro è dentro l Uomo. Giovanni Paolo II 2/3 TIBB GROUP 4/5 6 divisioni operative, personale specializzato, macchinari ed attrezzature all'avanguardia, piattaforme aeree, muletti

Dettagli

TISS srl. Tecnologie e Ingegneria per lo Sviluppo Sostenibile. Spin-off universitario promosso da: CIRIAF

TISS srl. Tecnologie e Ingegneria per lo Sviluppo Sostenibile. Spin-off universitario promosso da: CIRIAF TISS srl Tecnologie e Ingegneria per lo Sviluppo Sostenibile Spin-off universitario promosso da: CIRIAF 1 TISS Srl La società TISS srl (Tecnologie e Ingegneria per lo Sviluppo Sostenibile) è finalizzata

Dettagli

Corso di Studi in Ingegneria Meccanica www.ccsmecc.polimi.it Laurea triennale Il tirocinio obbligatorio

Corso di Studi in Ingegneria Meccanica www.ccsmecc.polimi.it Laurea triennale Il tirocinio obbligatorio Corso di Studi in Ingegneria Meccanica www.ccsmecc.polimi.it Laurea triennale Il tirocinio obbligatorio Perché offrire uno stage curriculare 2 ll tirocinio è un esperienza di formazione sul campo, direttamente

Dettagli

SICUREZZA IN AGRICOLTURA

SICUREZZA IN AGRICOLTURA REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Settore Sanità Pubblica Servizio Igiene del Lavoro QUADERNI DI PREVENZIONE LAVORO SICUREZZA IN AGRICOLTURA con lame alternative con motori elettrici con rotori

Dettagli

Norme tecniche per macchinari 1

Norme tecniche per macchinari 1 Legge federale sulla sicurezza delle installazioni e degli apparecchi tecnici (LSIT) Norme tecniche per macchinari 1 Visto l articolo 4a della legge federale del 19 marzo 1976 (modificata il 18 giugno

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

@TRACTOR: il trattore digitale. risultati del progetto di ricerca Isotractor

@TRACTOR: il trattore digitale. risultati del progetto di ricerca Isotractor @TRACTOR: il trattore digitale risultati del progetto di ricerca Isotractor Sommario Il progetto ISOBUS Obiettivi Partner Risultati: @tractor, il trattore digitale Architettura del sistema Sensori wireless

Dettagli

Centrali ibride, tecniche di controllo per la gestione di micro reti intelligenti

Centrali ibride, tecniche di controllo per la gestione di micro reti intelligenti 84 Centrali ibride, tecniche di controllo per la gestione di micro reti intelligenti Le centrali ibride, elemento chiave per poter realizzare e controllare le microreti ad alta penetrazione di Fonti Energetiche

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica L indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica propone una formazione polivalente che unisce i principi, le tecnologie e le pratiche

Dettagli

Caldaie a biomassa. Per Spazi industriali Teleriscaldamento. Riscaldamento a Pellet di legna Chips di legna Legna. energie rinnovabili

Caldaie a biomassa. Per Spazi industriali Teleriscaldamento. Riscaldamento a Pellet di legna Chips di legna Legna. energie rinnovabili Caldaie a biomassa Per Spazi industriali Teleriscaldamento Riscaldamento a Pellet di legna Chips di legna energie rinnovabili L AZIENDA Leader nel settore della termotecnica, il marchio Tatano è sinonimo

Dettagli

SONO APERTE LE ISCRIZIONI ALL EDIZIONE 2016 MEC SPE DAL 17 AL 19 MARZO A PARMA

SONO APERTE LE ISCRIZIONI ALL EDIZIONE 2016 MEC SPE DAL 17 AL 19 MARZO A PARMA Prot. n 15 FG/mb Bologna, 3 Luglio 2015 - Ai componenti il Consiglio Regionale CNA Produzione - Alla Presidenza Regionale CNA Produzione - Ai Responsabili Provinciali CNA Produzione - Alle Imprese in indirizzo

Dettagli

ARTICOLAZIONE DELLE FASI

ARTICOLAZIONE DELLE FASI ARTICOLAZIONE DELLE FASI 1.1 DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE DI PRODOTTO IL punto di partenza delle attività previste è la definizione delle missioni di riferimento per il veicolo ibrido bimodale da adibire

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA Settore LL.PP. Viabilità OGGETTO : Fornitura di n. 3 macchine operatrici opportunamente equipaggiate per lavori di manutenzione stradale CAPITOLATO SPECIALE D ONERI

Dettagli

Scheda di sintesi della proposta di piano formativo settoriale per la filiera dell industria automotive a carattere multiregionale

Scheda di sintesi della proposta di piano formativo settoriale per la filiera dell industria automotive a carattere multiregionale Scheda di sintesi della proposta di piano formativo settoriale per la filiera dell industria automotive a carattere multiregionale Titolo piano formativo Gestione integrata qualità, sicurezza e ambiente

Dettagli

NVH (Noise Vibration Harshness) & SOUND QUALITY

NVH (Noise Vibration Harshness) & SOUND QUALITY ING. LUCA PIANCASTELLI Sono un libero professionista con 10 anni di esperienza nella progettazione e nel calcolo meccanico. Ho lavorato come consulente e responsabile tecnico per diverse aziende nell automotive,

Dettagli

PROGETTAZIONE STATISTICA DELL'INNOVAZIONE 'CONTINUA' DI PRODOTTO

PROGETTAZIONE STATISTICA DELL'INNOVAZIONE 'CONTINUA' DI PRODOTTO PROGETTAZIONE STATISTICA DELL'INNOVAZIONE 'CONTINUA' DI PRODOTTO La collaborazione tra il sistema della ricerca pubblica e le imprese per l innovazione: efficacia, modalità e finanziamenti Maria Gabriella

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO ! Caratteristiche del Master Titolo del Master universitario: Livello: CONSTRUCTION MANAGEMENT (Gestione dei Processi Costruttivi e dei Cantieri) I Anno di attivazione: 2003 Facoltà: VI Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Condizione tassativa Condizione tassativa Condizione tassativa Condizione tassativa Condizione tassativa

Condizione tassativa Condizione tassativa Condizione tassativa Condizione tassativa Condizione tassativa OGGETTO: Avviso pubblico finalizzato all individuazione degli operatori economici da invitare alla gara di appalto per la fornitura di n.1 escavatore cingolato di tipo idraulico con peso operativo compreso

Dettagli

ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI

ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI ENPLUS è una realtà aziendale italiana, con sistema di qualità certificato ISO 9001:2008, che opera nell impiantistica meccanica e termoelettrica industriale, realizza costruzioni

Dettagli

Acustica. Misurazione del rumore ad alta frequenza emesso dalle apparecchiature informatiche e per ufficio.

Acustica. Misurazione del rumore ad alta frequenza emesso dalle apparecchiature informatiche e per ufficio. NORMATIVE RUMORE UNI EN 27574-4:1991 Acustica. Metodi statistici per la determinazione ed il controllo dei valori dichiarati di emissione acustica delle macchine e delle apparecchiature. Metodi per valori

Dettagli

Esperto in Impianti e Sistemi per la Domotica e la Building Automation

Esperto in Impianti e Sistemi per la Domotica e la Building Automation Esperto in Impianti e Sistemi per la Domotica e la Building Automation Sede: PALERMO - Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni Coordinatore: prof. ing. Mariano Giuseppe

Dettagli

TVK PROJECT: dalla ricerca, nuove tecnologie per la progettazione avanzata dei go-kart da competizione

TVK PROJECT: dalla ricerca, nuove tecnologie per la progettazione avanzata dei go-kart da competizione TVK PROJECT: dalla ricerca, nuove tecnologie per la progettazione avanzata dei go-kart da competizione Relatore: Ing. Fabio Renzi TVK Project S.r.l. Alumotive 2007 Modena, 18/10/2007 Chi siamo La TVK Project

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI

F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Tiziano Lucca Indirizzo Via Enrico Degli Scrovegni 7 35131 Padova Telefono 049 651674 - cell. 3482234125

Dettagli

CONSORZIO Spinner - Bologna. Selezione di esperti di Tutoraggio per lo sviluppo di progetti di imprenditorialità innovativa

CONSORZIO Spinner - Bologna. Selezione di esperti di Tutoraggio per lo sviluppo di progetti di imprenditorialità innovativa CONSORZIO Spinner - Bologna Selezione di esperti di Tutoraggio per lo sviluppo di progetti di imprenditorialità innovativa PREMESSA La Sovvenzione Globale Interventi per la qualificazione delle risorse

Dettagli

S850 - T870. Pale compatte di nuova generazione

S850 - T870. Pale compatte di nuova generazione - Pale compatte di nuova generazione Inimitabili nelle movimentazioni La pala compatta Bobcat e la pala compatta cingolata offrono massima potenza e grandi prestazioni. Assicurano altezze di sollevamento

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. EMILIA ROMAGNA L.R. n.7 del 14/05/2002

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. EMILIA ROMAGNA L.R. n.7 del 14/05/2002 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE EMILIA ROMAGNA L.R. n.7 del 14/05/2002 Anno legislazione: 2002 Oggetto legislazione: collegamento tra il sistema produttivo regionale e il sistema ricerca, spin off,

Dettagli

SVILUPPO DI UNA NUOVA MODALITÀ DI INNESCO A FRIZIONE CON MOLLA ELICOIDALE PER MOTOCOLTIVATORI.

SVILUPPO DI UNA NUOVA MODALITÀ DI INNESCO A FRIZIONE CON MOLLA ELICOIDALE PER MOTOCOLTIVATORI. Convegno di Medio Termine dell Associazione Italiana di Ingegneria Agraria Belgirate, 22-24 settembre 2011 memoria n. SVILUPPO DI UNA NUOVA MODALITÀ DI INNESCO A FRIZIONE CON MOLLA ELICOIDALE PER MOTOCOLTIVATORI.

Dettagli

CALBATT. Sito web: www.calbatt.com Email: info@calbatt.com Telefono: +39 0984 494273 LinkedIn: CalBatt

CALBATT. Sito web: www.calbatt.com Email: info@calbatt.com Telefono: +39 0984 494273 LinkedIn: CalBatt CALBATT CalBatt è una società spin-off dell'università della Calabria. La Società è stata fondata nel 2011 per valorizzare il know-how e la proprietà intellettuale nel campo dei sistemi elettronici, sviluppati

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE: NUOVE OPPORTUNITA PER LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO

RICERCA E INNOVAZIONE: NUOVE OPPORTUNITA PER LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO RICERCA E INNOVAZIONE: NUOVE OPPORTUNITA PER LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONE MARCHE, P.F. Innovazione, Ricerca e competitività dei settori produttivi POR MARCHE FESR 2014-2020 ASSE 1 AZIONE

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Lavorazioni aeronautiche

Dettagli

PROGETTO SENSEable PISA. Sensing The City

PROGETTO SENSEable PISA. Sensing The City PROGETTO SENSEable PISA Sensing The City il gruppo Il gruppo proponente Noise Factor è costituito da: Luca Nencini, Paolo De Rosa, Elena Ascari e Bruna Vinci. Gruppo che si è costituito con l intento di

Dettagli

CHECK LIST mod CLG rev 00 del 2011-11-16

CHECK LIST mod CLG rev 00 del 2011-11-16 Data della verifica: Certificatore Verificato (specificare nome e cognome) Certificato Verificato (numero certificato, revisione e data rilascio) Responsabile del Gruppo di Verifica (specificare nome e

Dettagli

POST-DIPLOMA. Il corso prevede 440 ore di attività formativa ( le ore di stage sono invece ), così ripartite:

POST-DIPLOMA. Il corso prevede 440 ore di attività formativa ( le ore di stage sono invece ), così ripartite: POST-DIPLOMA Nel settore della Meccatronica è attualmente in svolgimento, in collaborazione con CPV, ( centro produttività del Veneto, che è il centro di formazione della Camera di Commercio di VI), presso

Dettagli

MIDI ESCAVATORE. Peso operativo macchina kg * * incluso pieno di carburante, liquidi idraulici e operatore; 8626 8861 escluso attacco e benna

MIDI ESCAVATORE. Peso operativo macchina kg * * incluso pieno di carburante, liquidi idraulici e operatore; 8626 8861 escluso attacco e benna TB 290 TB 290 Takeuchi presenta al mondo nel 1971 il primo mezzo compatto con brandeggio e torretta girevole a 360 e da inizio ad una nuova era nelle macchine movimento terra. La vasta gamma di minipale

Dettagli

Laboratorio di Ergonomia e Sicurezza del Lavoro. COORDINATORE SCIENTIFICO Prof. Ing. Danilo Monarca RESPONSABILE TECNICO Prof.

Laboratorio di Ergonomia e Sicurezza del Lavoro. COORDINATORE SCIENTIFICO Prof. Ing. Danilo Monarca RESPONSABILE TECNICO Prof. Laboratorio di Ergonomia e Sicurezza del Lavoro COORDINATORE SCIENTIFICO Prof. Ing. Danilo Monarca RESPONSABILE TECNICO Prof. Massimo Cecchini Il Dipartimento DAFNE Il Dipartimento di Scienze e Tecnologie

Dettagli

NORME DI RIFERIMENTO PER LA REDAZIONE DEI PIANI DI MIGLIORAMENTO: UNI/TR 11347:2010, UNI CEN/TR 15172-2:2008 e UNI/TR 11232-2:2007

NORME DI RIFERIMENTO PER LA REDAZIONE DEI PIANI DI MIGLIORAMENTO: UNI/TR 11347:2010, UNI CEN/TR 15172-2:2008 e UNI/TR 11232-2:2007 XI Incontro Convegno IL PIANO DELLE AZIONI DI MIGLIORAMENTO PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO Ricordo del Prof. Ing. Werther Neri NORME DI RIFERIMENTO PER LA REDAZIONE DEI PIANI DI MIGLIORAMENTO: UNI/TR 11347:2010,

Dettagli

Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico

Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico Hermes Giberti Politecnico di Milano u robotica u La progettazione di un sistema automatico richiede una collaborazione sinergica tra le

Dettagli

LABORATORIO di MACCHINE DIPARTIMENTO DI ENERGETICA

LABORATORIO di MACCHINE DIPARTIMENTO DI ENERGETICA LABORATORIO di MACCHINE DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Il Laboratorio di Macchine del Dipartimento di Energetica (DENER) pone al centro della propria attività lo studio e l analisi dei processi di conversione

Dettagli

4. PROGETTO DI MASSIMA Intervento singolo 1.2.c Istituzione ZTL e centralizzazione semaforica

4. PROGETTO DI MASSIMA Intervento singolo 1.2.c Istituzione ZTL e centralizzazione semaforica IL PROGRAMMA INTEGRATO TERRITORIALE PROGRAMMA OPERATIVO 2007 2013 ASSE 3 SVILUPPO URBANO Progetto Integrato: Centro città 4. PROGETTO DI MASSIMA Intervento singolo 1.2.c Istituzione ZTL e centralizzazione

Dettagli

Via Sondrio 2/10-33100 Udine - tel. 0432 558277 - fax 0432 558276 - P.IVA 01071600306 - C.F. 80014550307 - Web: http://dica.uniud.

Via Sondrio 2/10-33100 Udine - tel. 0432 558277 - fax 0432 558276 - P.IVA 01071600306 - C.F. 80014550307 - Web: http://dica.uniud. Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura - Università degli Studi di Udine Laboratorio Ufficiale Prove Materiali e Strutture Via Sondrio 2/10-33100 Udine - tel. 0432 558277 - fax 0432 558276 -

Dettagli

Premio per la Qualità Bruno Agricola

Premio per la Qualità Bruno Agricola La Valutazione Ambientale Strategica nel nuovo ciclo di Programmazione Comunitaria 2014-2020 Roma, 15 luglio 2013 Premio per la Qualità Bruno Agricola Nel settembre 2012 è stato istituito il "Premio per

Dettagli

Itera opera nei seguenti settori:

Itera opera nei seguenti settori: Itera opera nei seguenti settori: ENGINEERING BANCHI PROVA ROBOTICA MACCHINE UTENSILI E MACCHINE INDUSTRIALI SPECIALI MACCHINE DI MISURA E SPERIMENTAZIONE INDUSTRIALE AUTOMOTIVE E MOTO AERONAUTICA E NAVALE

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

elettroidraulica www.scoda.it sistemi e centrali group

elettroidraulica www.scoda.it sistemi e centrali group elettroidraulica sistemi e centrali www.scoda.it group Scoda srl sede principale: Angera, Varese, Italia fatturato: 10 milioni superficie coperta: 5000 m 2 produzione annua oltre 2.000 unità Sistemi &

Dettagli

Inverter per motori AC ad induzione

Inverter per motori AC ad induzione Inverter per motori AC ad induzione DATASHEET (Rev. 1.2: Aprile 2014) SME S.p.A. Via della Tecnica, n 40 36071 Arzignano (VI) - ITALY Phone:+39 (0444) 470511 Fax: +39 (0444) 451803 www.grupposme.com Modello

Dettagli

MACCHINE PER LA PROTEZIONE DELLE COLTURE

MACCHINE PER LA PROTEZIONE DELLE COLTURE Disciplinare di Sicurezza 05d.02 MACCHINE PER LA PROTEZIONE DELLE COLTURE Macchine per la disinfezione e disinfestazione del suolo portate e trainate Revisione: del: 2.0 25/01/2011 Rev.: 2.0 Pagina 2 di

Dettagli

IGIENE DEL LAVORO RISCHIO VIBRAZIONI

IGIENE DEL LAVORO RISCHIO VIBRAZIONI AGGIORNAMENTO R.S.P.P. e A.S.P.P IGIENE DEL LAVORO RISCHIO VIBRAZIONI Giorgio Zecchi e Alessandra Cattini SPSAL Reggio Emilia 2 4 novembre 2011 PRINCIPI GENERALI CHE COSA E UNA VIBRAZIONE?? La VIBRAZIONE

Dettagli

Piegatura robotizzata ad alte prestazioni

Piegatura robotizzata ad alte prestazioni automazione 112 Un azienda friulana impiega costantemente soluzioni tecnologiche avanzate nella propria attività di sviluppo di automazione industriale. Un esempio applicativo dove l impiego di robot ha

Dettagli

MKSE s.r.l. Grugliasco - TORINO -

MKSE s.r.l. Grugliasco - TORINO - MKSE s.r.l. Grugliasco - TORINO - Progettazione di impianti per automazione industriale. Hardware e software PLC. Software per diagnostica e monitorizzazione. Impianti fluidici. Manuali istruzioni per

Dettagli

Prodotti e processi per il miglioramento dell efficienza energetica nell elettromobilità

Prodotti e processi per il miglioramento dell efficienza energetica nell elettromobilità Accordo di Programma MiSE-ENEA Prodotti e processi per il miglioramento dell efficienza energetica nell elettromobilità Un progetto della Ricerca di Sistema Elettrico Vincenzo Porpiglia ENEA Roma, 15 luglio

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DESCRITTIVO COMPETENZE TECNICO/PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO

PROFILO PROFESSIONALE DESCRITTIVO COMPETENZE TECNICO/PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO PROFILO PROFESSIONALE TECNICO DI AUTOMAZIONE TERZA VERSIONE SETTEMBRE 2010 DESCRITTIVO Il Tecnico dell automazione industriale è una figura professionale in grado di approntare il funzionamento, ed intervenire

Dettagli

AREE DI COMPETENZA ESPERIENZE MATURATE. ENGENIO s.r.l. via Messina, 15 20154 Milano amm.cv.società.rev1 P.IVA/CF 06590090962

AREE DI COMPETENZA ESPERIENZE MATURATE. ENGENIO s.r.l. via Messina, 15 20154 Milano amm.cv.società.rev1 P.IVA/CF 06590090962 AREE DI COMPETENZA ESPERIENZE MATURATE ENGENIO s.r.l. Premessa ENGENIO s.r.l. è una società di ingegneria che nasce nel secondo trimestre del 2009 con lo scopo di offrire un supporto ingegneristico alle

Dettagli

MODUTECH. La prima mossa per essere competitivi. Modutech

MODUTECH. La prima mossa per essere competitivi. Modutech MODUTECH La prima mossa per essere competitivi Le nostre attività R&D sulla base del know-how aziendale Simulazione di processi complessi Progettazione completa con sistemi CAD-CAE Analisi fluidodinamiche,

Dettagli

P.I. Maurizio Marchi Ing. Riccardo Ganni

P.I. Maurizio Marchi Ing. Riccardo Ganni Progettazione meccanica Consulenze Perizie Sicurezza e Formazione sul lavoro P.I. Maurizio Marchi Ing. Riccardo Ganni Via Boito N 18, 59100 Prato (Po) tel/fax 0574 32516 www.studiomarchieganni.com info@studiomarchieganni.com

Dettagli

Università degli Studi di Torino Facoltà di Agraria. Pietro Piccarolo. Realizzazione e gestione del verde pubblico

Università degli Studi di Torino Facoltà di Agraria. Pietro Piccarolo. Realizzazione e gestione del verde pubblico Realizzazione e gestione Quando si progetta e realizza un area verde, non si può prescindere da quella che sarà la sua gestione. Una manutenzione inadeguata infatti, porta inevitabilmente al degrado dell

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

Istruzione: Diploma Geometra o equipollente, Laurea in Ingegneria civile o equipollente.

Istruzione: Diploma Geometra o equipollente, Laurea in Ingegneria civile o equipollente. SERVIZI DI SUPERVISIONE ALL ESECUZIONE DELLE OPERE CIVILI Istruzione: Diploma Geometra o equipollente, Laurea in Ingegneria civile o equipollente. Conoscenza di MS Windows, MS Office (Word, Excel) capacità

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Docenze universitarie

CURRICULUM VITAE. Docenze universitarie CURRICULUM VITAE Nome LUCA Cognome MENINI Data di nascita 26/09/1962 Luogo di residenza VICENZA Via Giuseppe Samonà 13 e-mail: luca@menini.eu cell.: 320-4304214 Datore di lavoro: Agenzia Regionale per

Dettagli

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine).

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine). Proposta preliminare di sviluppo di un Progetto Integrato di Frontiera (PIF FORMULARIO Nome del PIF: Area Tematica ( a scelta fra quelle indicate nell appendice 1 dell Avviso Pubblico Abstract (1 pagina

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ZONATO CRISTINA Data di nascita 6 FEBBRAIO 1958 Qualifica Amministrazione Incarico attuale COLLABORATORE

Dettagli

P A N O R A M I C A P R O D O T T I

P A N O R A M I C A P R O D O T T I PANORAMICA PRODOTTI CHI SIAMO Dal 1961 proponiamo al mercato italiano prodotti tecnologicamente innovativi grazie a rapporti di collaborazione con aziende leader a livello mondiale. I nostri partner hanno

Dettagli

CLUSTER TECNOLOGICI NAZIONALI

CLUSTER TECNOLOGICI NAZIONALI CLUSTER TECNOLOGICI NAZIONALI Leda Bologni ASTER Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura CINECA 22 aprile 2015 AGENDA L iniziativa CTN I cluster costituiti Le attività di sistema I progetti di R&S

Dettagli

BUILDING INFORMATION MODELING - BIM

BUILDING INFORMATION MODELING - BIM ICT MANAGEMENT CORSI BREVI IN BUILDING INFORMATION MODELING - BIM INDICE Executive Education 1 Obiettivi 2 Direzione 3 Calendario corsi brevi 4 Il Building Information Modelling per ridisegnare i processi

Dettagli

Regione Calabria Dipartimento Attività Produttive REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE IMPRESE GIOVANILI

Regione Calabria Dipartimento Attività Produttive REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE IMPRESE GIOVANILI UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO ATTIVITA PRODUTTIVE PIAIG PACCHETTI INTEGRATI DI AGEVOLAZIONE IMPRESE GIOVANILI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI

Dettagli

L AZIENDA Energy Zero S.r.l 50% 50% Energy Zero

L AZIENDA Energy Zero S.r.l 50% 50% Energy Zero Energy zero S.r.l. Stabilimento: Zona Industriale Termini Imerese (PA) 90018 - ITALY Ph: +39 091 8140385 - Fax: +39 091 8140176 E-mail: info@enerlift.com Sito Web: http://www.enerlift.com/ N.B. data descriptions

Dettagli

Il recupero di energia dall espansione del metano. MTG 450 Turboespansore su cuscinetti magnetici

Il recupero di energia dall espansione del metano. MTG 450 Turboespansore su cuscinetti magnetici Il recupero di energia dall espansione del metano MTG 450 Turboespansore su cuscinetti magnetici Energia: valore da gestire La turboespansione si pone oggi come tecnologia all avanguardia per la produzione

Dettagli

COMUNE DI SPILAMBERTO

COMUNE DI SPILAMBERTO COMUNE DI SPILAMBERTO PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE STRUTTURA LAVORI PUBBLICI, PATRIMONIO E AMBIENTE C O P I A SERVIZIO STRUTTURA LAVORI PUBBLICI, PATRIMONIO E AMBIENTE MATERIA DI INTERVENTI DA INSERIRE

Dettagli

Comune di Fauglia Provincia di Pisa

Comune di Fauglia Provincia di Pisa Comune di Fauglia Provincia di Pisa ============= Oggetto: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 23.11.2005, n. 62/R (misure preventive e protettive per

Dettagli

Kiwa Cermet Italia. Laboratorio di ricerca industriale della Rete Alta Tecnologia Emilia-Romagna. Via Cadriano 23 Cadriano di Granarolo Emilia (BO)

Kiwa Cermet Italia. Laboratorio di ricerca industriale della Rete Alta Tecnologia Emilia-Romagna. Via Cadriano 23 Cadriano di Granarolo Emilia (BO) Kiwa Cermet Italia Laboratorio di ricerca industriale della Rete Alta Tecnologia Emilia-Romagna Via Cadriano 23 Cadriano di Granarolo Emilia (BO) 1 Chi siamo Kiwa Cermet Italia opera come Organismo indipendente

Dettagli

Nessun tipo di terreno, pendenza o condizioni operative a forte disagio ambientale sono impossibili per lo SPEEDY CUTTER*

Nessun tipo di terreno, pendenza o condizioni operative a forte disagio ambientale sono impossibili per lo SPEEDY CUTTER* RADIOCONTROLLED TECHNOLOGY AND ENGINEERING SOLUTIONS CINGOLATI TUTTO TERRENO MULTIFUNZIONE Innovativo nel suo genere. Dotato di radiocomando a distanza, polivalente per gli accessori proposti e con una

Dettagli

CONTRIBUTI PER LE IMPRESE:

CONTRIBUTI PER LE IMPRESE: CONTRIBUTI PER LE IMPRESE: PRESENTAZIONE BANDI 2013 Confindustria Cuneo 28 febbraio 2013 BANDO 1216 emissioni in atmosfera ed emissioni diffuse TIPOLOGIA DI FINANZIAMENTO Contributo a fondo perduto nella

Dettagli

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Il POR FESR Emilia Romagna ASSE 1 Ricerca industriale e trasferimento tecnologico 115 milioni

Dettagli